Aggiornamenti, Mondo, Notizie

MONDO: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI: Accoltella 2 persone a Amsterdam,fermato Agenti sparano e feriscono un sospetto alla stazione della città Moavero, su Sophia non ancora soluzione’Ma volontà di trovarla, e questa è una novità’ Francia: rimpasto governo entro martedìDopo le dimissione del ministro dell’Ambiente Hulot Londra violenta: uccisa donna nel sudest102 omicidi dall’inizio dell’anno Ortodossi ucraini verso l’indipendenzaPatriarca ecumenico Bartolomeo ha comunicato decisione a Kirill Sondaggio, crolla popolarità TrumpIl 60% disapprova suo operato, per 49% è da impeachment Lavrov, rimuovere sanzioni Onu a EritreaMinistro Esteri russo, cambiamenti positivi nel Corno d’Africa Missili balistici Iran a sciiti IraqSarebbero in grado di colpire l’Arabia Saudita e Israele Brexit: Barnier,partnership su sicurezzaInterna e esterna, anche difesa e Galileo. Raab, progressi reali Ucciso leader separatisti a Donetsk. Mosca accusa Kiev Morto in esplosione in un bar. Ribelli, ‘ci vendicheremo’ Gb: voleva decapitare May, ergastoloSimpatizzante dell’Isis, riconosciuto colpevole di terrorismo Oim, mai così pochi arrivi di migrantiSecondo i dati aggiornati ad agosto nel Mediterraneo centrale Germania: sondaggio, record Afd al 17%Unione al 31%, Spd al 18, Liberali e Linke all’8%, Verdi al 14 Lager Sachsenhausen blocca visita AfDPortavoce, ‘tesi revisioniste,tendenza preoccupante nel partito’ Turchia: raid contro Pkk curdo in IraqEsercito Ankara: ‘neutralizzati almeno 19 terroristi’ Camera ardente McCain, Trump l’assentePresenti Pence, Mattis, Kelly, Bolton, Sessions e Kissinger Tribunale discute candidatura LulaAnnuncio meno di un’ora prima dell’inizio della sessione Trump minaccia l’uscita dal Wto e nuovi dazi a Ue-CinaBocciata offerta europea sulle auto. Juncker: ‘Pronti a reagire’ Wto, da uscita Usa conseguenze caoticheDirettore Azevedo, gli scenari non sarebbero buoni per nessuno Nicaragua, via commissione diritti OnuDue giorni dopo presentazione rapporto critico verso governo

Tempo di lettura: 9 minuti

DALLE 12:58 ALLE 23:27

DI VENERDì 31 AGOSTO 2018

AMSTERDAM

– Un uomo che aveva accoltellato due persone alla stazione di Amsterdam è stato colpito e ferito dalla polizia. Non è chiaro se l’episodio sia legato al terrorismo. Per motivi di sicurezza è stato chiuso un sottopassaggio. Al momento dell’aggressione la stazione della città era molto affollata.
– VIENNA

– “Non c’è la soluzione oggi, ma c’è la determinazione comune, di tutti, di arrivare ad una soluzione, e questa è una novità”. Così il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi sulla missione Sophia, all’uscita della riunione dei capi delle diplomazie Ue. “Nell’Ue ancora pochissimi mesi fa eravamo su un altro pianeta di fronte a svariati stati che tutto sommato lasciavano la questione bollente nelle mani di chi per ragioni geografiche se la ritrovava davanti, oggi c’è una presa di coscienza molto diversa”, ha aggiunto.
Il rimpasto ministeriale per sostituire il ministro della Transizione ecologica dimissionario, Nicolas Hulot, sarà annunciato nei prossimi giorni. Il governo – ha affermato il portavoce del governo Benjamin Griveaux al termine del consiglio dei ministri di oggi – sarà “al completo” per martedì prossimo.
“Il presidente della Repubblica – ha detto Griveaux – ha dichiarato che il governo sarà al completo martedì. Il consiglio dei ministri di mercoledì si svolgerà dunque al completo e sarà seguito da un seminario governativo”. Il seminario, in programma questa settimana, era stato rinviato dopo le dimissioni di Hulot.
Una donna sulla sessantina è stata assassinata la notte scorsa nel borgo di Bromley, nel sudest di Londra: con questo omicidio sale a 102 il bilancio delle persone uccise nella capitale britannica dall’inizio dell’anno. La polizia, riporta il Daily Mail, ha arrestato un uomo di 36 anni sospettato dell’assassinio.
– MOSCA

– Il patriarca ecumenico Bartolomeo ha comunicato a Kirill, patriarca di Mosca e di tutte le Russie, l’intenzione di concedere alla Chiesa ortodossa ucraina “l’autocefalia”, l’indipendenza. Lo scrive Ukrainska Pravda, citando il portavoce della Chiesa ortodossa ucraina del patriarcato di Kiev l’arcivescovo Ievstrati.
Secondo Ievstrati in seguito verrà diffuso “il testo ufficiale”. “Ci sono le basi per un ottimismo moderato sebbene non bisogna dimenticare che il diavolo si nasconde nei dettagli”, ha dichiarato l’arcivescovo.
– WASHINGTON

– A quasi due mesi dalle elezioni di Midterm, Donald Trump crolla al livello di approvazione più basso della sua presidenza, con il 60% che boccia la sua performance come presidente. Il 53%, inoltre, lo disapprova “fortemente”. Solo il 36% del campione approva l’operato del tycoon. E’ quanto emerge da un sondaggio Abc/Washington Post pubblicato oggi e realizzato tra il 26 e il 29 agosto, nella settimana dopo le condanne di Paul Manafort, ex capo della campagna elettorale del tycoon, e di Michael Cohen, suo ex avvocato personale. Il sondaggio mostra anche la maggioranza degli intervistati sostiene l’indagine del procuratore speciale Robert Mueller sul Russiagate (63%) e pensa che Trump non dovrebbe licenziare l’attorney generale Jeff Sessions (64%). Infine, il 49% degli americani pensa che il Congresso dovrebbe iniziare la procedura di impeachment di Trump, mentre il 46% è contrario.
– MOSCA

– Mosca ritiene necessario iniziare a rimuovere le sanzioni imposte all’Eritrea dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a causa dei segnali di miglioramento della situazione nel Corno d’Africa. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in conferenza stampa congiunta con il suo omologo eritreo Osman Saleh. “Visti i profondi cambiamenti positivi nel Corno d’Africa nel corso degli ultimi anni, in particolare tra Eritrea ed Etiopia, riteniamo sia necessario, sul piano pratico, iniziare a rimuovere le sanzioni”, ha notato. “Abbiamo accolto con favore il processo di normalizzazione dei rapporti eritrei-etiopi, iniziato a giugno, e accolto con favore la ripresa dei contatti diretti tra le parti: abbiamo notato che questo è stato possibile grazie alla buona volontà dei leader dei due Paesi”, ha sottolineato Lavrov, citato dalla Tass.
– BEIRUT

– L’Iran ha fornito a milizie irachene sue alleate missili balistici a corto raggio in grado di colpire Israele e l’Arabia Saudita. Lo riferisce la tv panaraba del Qatar al Jazeera che cita un’inchiesta della Reuters con esponenti militari e di intelligence iraniani, iracheni e occidentali.
– BRUXELLES

– “Siamo pronti a una partnership ambiziosa con la Gran Bretagna” sulla sicurezza interna ma anche esterna, su cui c’è “un’ampia convergenza di vedute”, e a una “partnership senza precedenti sulla difesa” e una “stretta cooperazione” su Galileo, il programma spaziale europeo. Lo ha affermato il capo negoziatore Ue Michel Barnier dopo un lungo incontro con il suo omologo britannico Dominic Raab dove è stata discussa anche la relazione futura Ue-Gb, confermando così quanto detto ieri a Berlino e le intenzioni degli scorsi mesi.
La cooperazione tra Ue e Londra in materia di sicurezza si baserà su “quattro pilastri”, ossia lo scambio dell’intelligence, la cooperazione nell’applicazione del diritto, la cooperazione giudiziaria penale, e un partenariato contro il riciclaggio e i finanziamenti al terrorismo, oltre allo scambio delle banche dati di impronte digitali, passeggeri aerei, Dna, e veicoli. Raab ha quindi assicurato che sono stati fatti “progressi reali” sulle future relazioni.
La tensione torna a salire nel Donbass, la regione separatista ucraina appoggiata dalla Russia dove, sin dal 2014, si vive in un vero e proprio conflitto congelato. Alexander Zakharchenko, capo di una delle due autoproclamate repubbliche ribelli, quella di Donetsk, è stato infatti ucciso in quello che è stato definito dai ribelli “un attentato” mentre si trovava nel caffè ‘Separatist’, situato nel centro della città. Mosca, dal canto suo, ha subito incolpato Kiev di essere responsabile dell’omicidio. Zakharchenko, 42 anni, era a capo della repubblica di Donetsk sin dal novembre del 2014 e, nel corso di questi anni, era sopravvissuto a diversi attentati. La sua buona stella alla fine lo ha però abbandonato e oggi è rimasto vittima di una esplosione mentre si trovava nel caffè – di proprietà, stando a Vedomosti, del capo della sua guardia del corpo – in compagnia del ‘ministro’ delle Finanze Alexander ‘Tashkent’ Timofeyev, anche lui rimasto ferito nell’incidente (le sue condizioni di salute non sono al momento note) così come almeno altre tre persone. Le autorità di Donetsk hanno fatto sapere di aver fermato alcuni “sabotatori ucraini” poco dopo l’attentato mentre percorrevano le strade della città in macchina. “Si tratta di un’altra aggressione da parte dell’Ucraina: vendicheremo la morte di Zakharchenko”, ha tuonato Denis Pushilin, presidente del Consiglio del Popolo di Donetsk. A dargli manforte ci ha pensato la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova. “Ci sono tutte le ragioni per credere che dietro questo assassinio vi sia il regime di Kiev: hanno giù utilizzato metodi simili, più volte, per eliminare persone indesiderate”, ha dichiarato. “Invece di rispettare gli accordi di Minsk, e cercare modi di risolvere il conflitto interno, i guerrafondai a Kiev stanno attuando lo scenario terroristico esacerbando la complessa situazione nella regione”, ha incalzato. I servizi di sicurezza ucraini (SBU) hanno negato ogni coinvolgimento e hanno puntato il dito contro i “conflitti interni” alle nuove oligarchie di Donetsk e all’opacità dei loro affari. Se, come sempre, Kiev e Mosca tirano l’acqua ai rispettivi mulini, di fatto la situazione sul campo nel Donbass si è aggravata molto nel corso dell’estate e la conta dei morti e dei feriti, da entrambi i lati del fronte, continua a salire.

– E’ stato condannato all’ergastolo con un termine minimo di 30 anni il ventenne londinese di fede islamica accusato d’aver pianificato di uccidere la premier Theresa May. Lo riferisce la Bbc. L’uomo era stato riconosciuto colpevole di terrorismo di fronte alla corte di Old Bailey lo scorso 18 luglio.
Il giovane Naaimur Zakariyah Rahman, residente nella zona Nord di Londra, simpatizzante dell’Isis radicalizzatosi di recente, aveva progettato un attentato suicida contro la premier britannica con l’idea di far esplodere una bomba artigianale davanti a Downing Street per poi cercare d’accoltellare la May e forse decapitarla. Rahman era stato catturato con un’operazione sotto copertura che aveva visto coinvolte la Metropolitan Police, l’MI5 e l’Fbi.
– IL CAIRO

– E’ “il più basso” mai registrato in questo periodo dell’estate “in almeno cinque anni” il numero di sbarchi di migranti in Italia attraverso la rotta mediterranea centrale, quella che parte dalla Libia. Lo riferisce oggi il sito dell’Oim, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni, fornendo dati aggiornati a mercoledì su arrivi e decessi nel Mediterraneo.
BERLINO

– Consensi record per la destra oltranzista di Alternative fuer Deutschland, in Germania, dove stando a un sondaggio della Zdf, il Politbarometer, il partito di Alexander Gauland e Alice Weidel raggiungerebbe il 17%. Un traguardo già segnato, in realtà, da qualche altro istituto demoscopico in queste settimane. Stando al rilevamento, l’Unione raggiunge il 31%, l’Spd il 18%, i Liberali e la Linke l’8 e i Verdi il 14%.

– BERLINO

– Hanno relativizzato l’Olocausto ed espresso dubbi sulle possibilità tecniche dello sterminio di massa, di cui si resero responsabili i nazisti: per questo motivo, la visita all’ex lager di Sachsenhausen di un gruppo della destra oltranzista di Alternative fuer Deutschland, in Germania, è stata interrotta dai responsabili dell’ex campo di concentramento. Il fatto è accaduto a luglio, scrive oggi Tagesspiegel.
In visita c’erano circa 20 persone, e stando al portavoce del memoriale, alcune di loro hanno iniziato a fare affermazioni di stampo chiaramente revisionista. “Queste persone hanno dato spazio a tutto il repertorio del revisionismo e del relativismo.
Sono stati fatti confronti fra i lager e presunti crimini degli alleati, e si sono messe in dubbio le stesse procedure tecniche con cui venne commesso il genocidio”, ha riferito Horst Seferens, portavoce della fondazione Sachsenhausen.
“Osserviamo con preoccupazione che almeno una parte di Afd propaga queste tendenze revisioniste”, ha concluso.
– ISTANBUL

– L’aviazione turca ha compiuto nuovi raid contro obiettivi del Pkk curdo in nord Iraq. Lo fanno sapere le forze armate di Ankara, secondo cui i bombardamenti hanno “neutralizzato” (cioè ucciso o ferito) almeno 19 “terroristi”. I raid sono avvenuti nelle regioni di Zap, Gara e Hakurk, aggiungono i militari. Dalla rottura della tregua con il Pkk nell’estate 2015, Ankara compie regolarmente incursioni aeree in Iraq, dove si trovano molte roccaforti dei ribelli.
– WASHINGTON

– Camera ardente oggi alla Rotunda di Capitol Hill per la salma del senatore repubblicano John McCain, un onore riservato solo ai grandi personaggi americani come John F. Kennedy o Rosa Parks. Grande assente il suo nemico Donald Trump, che non è stato invitato ad alcuna cerimonia funebre nel rispetto della volontà dello stesso McCain.
Il presidente era rappresentato dal suo vice Mike Pence, dal capo del Pentagono Jim Mattis, dal chief of staff John Kelly e dal suo consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton.
Presenti anche l’attorney general Jeff Sessions e il suo vice Rod Rosenstein, l’ex segretario di stato Henry Kissinger e l’attore Warren Beatty. Non sono mancati i momenti di commozione, come quando l’anziana madre del senatore, che ha 106 anni, ha confortato la nipote Meghan tenendole la mano.
Ora la camera ardente è aperta al pubblico, mentre domani si terranno i funerali nella cattedrale di Washington.
– SAN PAOLO

– Il Tribunale supremo elettorale (Tse) brasiliano ha annunciato che esaminerà oggi la candidatura Luiz Inacio Lula da Silva per le presidenziali dell’ottobre prossimo. Lo ha reso noto il quotidiano Folha de Sao Paulo, meno di un’ora prima dell’inizio della sessione straordinaria dell’organismo.
Donald Trump ancora contro tutti. Il tycoon riapre i vari fronti di guerra commerciale, con effetti negativi sulle Borse del pianeta, già colpite dalle tensioni su Argentina e Turchia. In un solo colpo, con un’intervista a Bloomberg, ha rilanciato la minaccia di uscire dal Wto, ha ventilato nuovi dazi alla Cina per 200 miliardi di dollari e ha bocciato l’offerta europea di azzerare reciprocamente le tariffe sulle auto. “Se non cambia, mi ritirerò dal Wto”, ha promesso, lamentandosi del fatto che l’organizzazione mondiale per il commercio tratta gli Usa iniquamente. Una mossa che manderebbe in tilt il sistema commerciale globale a cui l’America contribuì a dare forma e che evidenzia il conflitto tra le sue politiche protezioniste e il libero commercio regolato dal Wto. Washington ha intanto bloccato la nomina di nuovi giudici nell’organismo del Wto preposto a dirimere le dispute, col rischio di paralizzarne l’attività. L’Ue si era già detta disponibile a riformare il Wto e a settembre il presidente della commissione commercio dell’europarlamento, Bernd Lange, presenterà una proposta per vedere se gli Usa sono realmente interessati a farlo.Forse le minacce di Trump solo un modo per tenere tutti sotto scacco e ottenere risultati migliori negoziando da una posizione di forza, con un’economia che ha messo il turbo, ma le preoccupazioni crescono. Soprattutto in Europa, dove Bruxelles è pronta a rispondere ad una eventuale rottura della tregua raggiunta con gli Usa sul fronte dei dazi lo scorso luglio, come ha ammonito il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker in un’intervista alla tv tedesca ZDF, pur sottolineando che alla volte succede che le tregue rischino di saltare ma poi si continua a rispettarle.Giovedì la commissaria al Commercio Ue, Cecilia Malmstroem, aveva spiegato al parlamento europeo che Bruxelles è pronta a rimuovere tutte le tariffe sulle auto e su altri beni industriali se gli Usa facessero lo stesso. L’offerta “non è abbastanza buona”, ha replicato Trump, ventilando nuovamente dazi del 25% sulle auto e accusando l’Ue di essere cattiva quanto la Cina sul fronte commerciale, con la differenza che è più piccola. Il tycoon ha osservato che gli europei preferiscono “comprare le loro auto, non le nostre”. A questo punto alla Ue non resterebbe che dichiarare il bluff del presidente Usa o fare ulteriori concessioni, magari per riequilibrare il deficit commerciale americano con l’Europa.Mentre torna a salire la tensione con l’Europa, Trump non molla neppure con Pechino, contro cui avrebbe deciso di aumentare il livello dello scontro, annunciando già la settimana prossima una terza ondata di dazi su 200 miliardi di dollari di prodotti made in China. Indiscrezioni che hanno scatenato la reazione negativa di Wall Street e delle altre Borse, mentre la Ford ha annunciato di aver cancellato i piani per importare negli Usa un modello di Focus crossover prodotto in Cina.I rumors arrivano mentre gli Stati Uniti sono impegnati a trattare con il Canada per la sua entrata nell’accordo già siglato fra Usa e Messico, dando vita a un Nafta 2.0. La scadenza è oggi ma i negoziati potrebbero essere stati complicati da alcune indiscrezioni del Toronto Star, secondo cui Trump nella sua intervista a Bloomberg ha rilasciato commenti ‘off the record’ poco diplomatici, ad esempio che qualsiasi accordo con il Canada sarà “totalmente sulla base delle nostre condizioni”.
– NEW YORK

– Un’uscita degli Stati Uniti dalla Wto avrebbe conseguenze caotiche per l’economia globale e gli Usa, indebolendo le aziende americane. E’ l’avvertimento del direttore dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, Roberto Azevedo, dopo la minaccia di Donald Trump. Parlando con Bloomberg, Azevedo spiega come ”gli scenari non sarebbero buoni per nessuno”: ”gli Stati Uniti rappresentano circa l’11% degli scambi commerciali globali. Un’uscita sarebbe un colpo per l’organizzazione, ma sarebbe anche un colpo gli Stati Uniti”.
– MANAGUA

– Il governo del Nicaragua ha espulso oggi la missione dell’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Diritti umani due giorni dopo la pubblicazione di un suo Rapporto duramente critico delle violazioni dei diritti umani governative nella crisi sviluppatasi il 18 aprile scorso ed in cui hanno perso la vita fra 200 e 300 persone. Lo riferisce il quotidiano El Nuevo Diario di Managua.
La presidentessa del Centro nicaraguense per i diritti umani (Cenidh), Vilma Núñez, ha confermato al giornale che il governo del presidente Daniel Ortega ha concesso alla missione dell’Onu “due ore” per lasciare il Paese, per cui i suoi membri dovranno abbandonare il Nicaragua oggi stesso.
La stessa Núñez ha definito la decisione del governo “assurda, insolita e disperata” e tale da “inviare un messaggio gravissimo alla comunità internazionale”.
[print-me title=”STAMPA”]

Annunci
Aggiornamenti, Notizie, Piemonte

PIEMONTE: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI: Indice prezzi, a Torino ad agosto +0.6% Aumenti per trasporti e spettacoli, in calo ristorazione Cibo scongelato in furgone, denunciataAlimenti a 1,7 gradi anziché i 18 previsti dalla legge Presidi Slow Food, 22 le new entryDieci sono della Campania, altre 7 regioni rappresentate ‘Una marcia in più’ verso il PollinoSette fuoristrada con un equipaggio di 22 persone ‘MiTo per la Città’, 30 concerti gratisAssessora Leon, “rassegna porta la musica a tutti” Impiegato Entrate si spaccia per GdfSi presenta come colonnello, scoperto dalle Fiamme Gialle Seconda vittima in aziende agricoleVentinovenne schiacciato da un muletto a La Morra Torino: Ljajic-Niang a Besiktas e RennesLa società granata ha sfoltito il reparto avanzato

Tempo di lettura: 4 minuti

DALLE 13:05 ALLE 21:41

DI VENERDì 31 AGOSTO 2018

TORINO

– L’indice generale dei prezzi al consumo nel mese di agosto a Torino ha fatto registrare una variazione di +0,6% rispetto al mese precedente. E’ quanto risulta dalla rilevazione effettuata dal Servizio Statistica della Città. Il tasso tendenziale di crescita in un anno è stato pari all’1,9%.
Ad agosto in aumento i prezzi di: trasporti (+2.7%), ricreazione, spettacoli e cultura (+1,8%); comunicazioni (+0,7%), mobili, articoli e servizi per la casa (+0,4%), servizi sanitari e spese per la salute (+0,1%), prodotti alimentari e bevande analcoliche (+0,1%), abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+0,1%), servizi sanitari e per la salute (+0,1%).
In calo i prezzi di: servizi ricettivi e di ristorazione (-0,2%), abbigliamento e calzature (-0,1%).
Stabili i prezzi di: bevande alcoliche e tabacchi, istruzione, altri beni e servizi.
– TORINO

– Trentatré chili di alimenti quasi scongelati e ammassati in un furgoncino. Questa la scoperta della polizia stradale di Torino durante un controllo nell’ambito dell’operazione ‘Freddosicuro’. Gli agenti hanno fermato un Qubo in via Pianezza, a Torino, a pochi passi dai mercati all’ingrosso. Alla guida del mezzo c’era una ristoratrice italiana, che è stata denunciata per aver violato le norme sanitarie sulla conservazione degli alimenti. Gli agenti, in collaborazione con il Dipartimento prevenzione dell’Asl, hanno sequestrato carne macinata, carne fresca e pesce ormai quasi del tutto scongelati: la temperatura era a -1,7 e non a -18, come previsto dalla legge. La polizia ha anche fermato, sempre nel parcheggio del mercato all’ingrosso, un barista che trasportava, senza borse termiche, prodotti da tenere in frigo. Per l’uomo è scattata una multa da mille euro.
– TORINO

– Sono 22 i nuovi Presìdi italiani riconosciuti dalla Fondazione Slow Food per la Biodiversità.
Debutteranno a ‘Terra Madre-Salone del Gusto’, a Torino dal 20 al 24 settembre. La parte del leone la fa la Campania, con 10 new entry, 7 le altre regioni rappresentate.
Sull’arca di Slow Food salgono Riso gigante di Vercelli (Piemonte), Brocoletto di Custoza (Veneto), Fagiolo di San Quirino, Antiche mele dell’alto Friuli, pesto Varhackara (Friuli Venezia Giulia), Pomodoro canestrino di Lucca, l’Olivo quercetano (Toscana), Fava di Fratte Rosa (Marche).
In Campania diventano Presidi Slow Food Pecora laticauda, Fusillo di Felitto, Fico monnato di Prignano Cilento, Pomodorino verneteca sannita, Antico aglio dell’Ufita, Noce della penisola sorrentina, le Vecchie varietà di albicocche del Vesuvio, Fagiolo quarantino di Volturara Irpina, Cece di Teano, Pisello centogiorni; in Puglia il Pomodoro giallorosso di Crispiano e il Pomodorino di Manduria; in Sicilia la Lenticchia nera delle colline ennesi.
– POTENZA

– Sette fuoristrada con un equipaggio di 22 persone – tra le quali anche cinque disabili – attraverseranno la Basilicata per arrivare fino al Pollino per otto giorni, dal 2 al 9 settembre, per l’edizione 2018 di “Una marcia in più”, la manifestazione organizzata dall’associazione “Asd 4×4”, supportata dall’Inail e dall’Apt Basilicata, presentata stamani a Potenza nel corso di una conferenza stampa.
La carovana attraverserà anche alcune zone impervie del Pollino, normalmente non accessibili agli automezzi per preservare l’ambiente, fino ad ammirare il Pino Loricato, simbolo del Parco nazionale del Pollino: i fuoristrada sono stati concessi in comodato gratuito da Jeep Italia.
– TORINO

– Un festival diffuso che porta la musica anche dove spesso non arriva. Dal 3 al 19 settembre MiTo per la Città, il programma di momenti musicali che si affiancano al cartellone principale di MiTo Settembre Musica, si pone l’obiettivo di coinvolgere il maggior numero di torinesi in tutti i quartieri con eventi anche in luoghi insoliti per un concerto. Non solo, dunque, Conservatorio, teatri e auditorium, ma chiese, ospedali, residenze per anziani, scuole, case accoglienza e luoghi di detenzione per un festival, dice il direttore artistico Nicola Campogrande, “in movimento, proprio come la città” e che “porta la musica a tutti” aggiunge l’assessora alla Cultura Francesca Leon.
I numeri di MiTo per la Città: 30 concerti gratuiti, di cui 11 per il Giorno dei Cori, e 5 a 3 euro ai quali si aggiungono 90 momenti musicali gratuiti nei luoghi più insoliti a cura di 5 formazioni di allievi del Conservatorio.
– PESARO

– La Guardia di finanza di Pesaro ha ha denunciato un uomo che, dopo essersi qualificato come colonnello del Corpo, stava cercando di ottenere una migliore valutazione della propria autovettura presso un rivenditore a Fano. E’ stato scoperto da due veri militari della Gdf fanese, sul posto per un controllo di routine. L’uomo si è presentato come colonnello della polizia tributaria della Guardia di finanza di Cuneo, ma le Fiamme gialle, insospettite dall’ abbigliamento ‘fuori ordinanza’ (una polo grigia con stemma e la dicitura ‘Guardia di Finanza’), hanno accertato la vera identità dell’uomo: un dipendente dell’Agenzia delle entrate di Torino.
Il finto militare era in possesso di portafoglio con placca metallica riportante la dicitura ‘Polizia tributaria’ che aveva esibito pochi minuti prima al rivenditore. E’ stato denunciato a piede libero.
– ALBA (CUNEO)

– Incidente mortale sul lavoro a La Morra, nella Langa Cuneese. Un giovane di 29 anni, D.R., di Novello (Cuneo), è rimasto schiacciato da un muletto in un’azienda agricola ed è morto. E’ intervento l’elisoccorso del 118 ma la vittima è deceduta per le gravi lesioni riportate. E’ il secondo caso di incidente mortale in tre giorni nel Cuneese in aziende agricole dopo la morte di un diciottenne schiacciato dalla macchina trinciatrice che stava attaccando al trattore nell’azienda di famiglia a Marene.
– TORINO

– Il Torino ha sfoltito l’attacco, cedendo sia Ljajic che Niang. Il fantasista serbo è passato ai turchi del Besiktas, in prestito con obbligo di riscatto condizionato. In granata ha giocato 61 partite di campionato (l’ultima domenica scorsa contro l’Inter), segnando 16 gol.
Niang, invece, è stato ceduto ai francesi del Rennes, con la formula del prestito con diritto di riscatto. In questo caso la società transalpina dovrebbe pagare al Torino 15 milioni, la stessa cifra costata a Cairo per avere l’attaccante franco-senegalese, un anno fa, dal Milan.
[print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Notizie, Politica

POLITICA: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI: Giorgetti: ‘Sforare 3%? Sì se serve per Paese in sicurezza’ ‘Non siamo pienamente soddisfatti di come va l’economia’ Blog M5s, per Ue priorità è ora legaleModifica tra l’altro chiesta da Pesi Nord, cittadini serie A Governo: Giorgetti, non stacchiamo spinaSe avessimo voluto lo avremmo fatto giorno indagini a Salvini Giorgetti, sequestro fondi? Lega finitaMa non sarebbe decisione su sentenza definitiva Sisma, Regioni ‘preoccupate’ per scuoleLettera a ministro, ‘poca considerazione per sicurezza edifici’ Grillo, con Lega accordi precisiFondatore M5S a Mujica, realizzata utopia senza soldi Lega: Calderoli, rischiato di morire per puntura di zanzaraEra ricoverato in terapia intensiva al S. Raffaele

Tempo di lettura: 4 minuti

DALLE 13:22 ALLE 20:05

DI VENERDì 31 AGOSTO 2018

“Sforare il 3%? Se è necessario per mettere in sicurezza il Paese, anche sì. Credo che sia interesse anche dell’Europa”. Lo ha detto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti alla Versiliana di Marina di Pietrasanta alla festa del ‘Fatto’. ‘Quello che è certo – ha detto in un altro passaggio – è che non siamo assolutamente soddisfatti di come sta andando l’economia, abbiamo ambizione, qualcuno dirà la temerarietà, di portare l’Italia a un tasso di sviluppo sopra il 2-3%. Soltanto con lo sviluppo dell’economia si può affrontare il rilancio dello Stato”.
“L’Italia – ha detto il sottosegretario alla preisdenza del Consiglio – deve dimostrare di essere uno Stato serio, deve dimostrare fermezza, uno Stato deve avere dei confini. Se dimostri fermezza chiudi il tema degli arrivi, se chiudi gli arrivi poi puoi discutere dei migranti che ci sono qui, rimpatriare quelli che non hanno diritto di essere qui e regolarizzare quelli che invece hanno diritto di essere qui”. “Se tutti i futuri proventi che arrivano alla Lega vengono sequestrati, è evidente a quel punto che il partito non può più esistere, perché non ha più soldi. Questo se dovesse esserci questa interpretazione da parte della magistratura, che non contestiamo in quanto tale, ma perché frutto di una decisione su una sentenza non definitiva. Se fosse dopo la Cassazione non avrei nulla da dire”. “Se la Lega avesse voluto staccare la spina, il giorno dell’avviso in cui Salvini avremmo avuto un buon motivo. Non lo abbiamo fatto, abbiamo cinque anni davanti per salvare il Paese dal disastro”, bha detto in un altro passaggio.
E’ attesa in serata la valutazione del rating sovrano dell’Italia da parte di Fitch. Ecco, al momento, i rating sull’Italia delle quattro principali agenzie: S&Poor’s BBB  Moody’s Baa2 Fitch BBB Dagong BBB.
Una delle ‘tre sorelle’ del rating, la piu’ piccola. Fitch e’ controllata dal colosso dei media americano Hearst, che ha nel suo portafoglio anche i magazine Elle e Cosmopolitan ma anche il quotidiano San Francisco Chronicle. Le altre due big sono Moody’s e Standard & Poor’s. Hearst ha rilevato nell’aprile 2018 il controllo dell’agenzia di rating, acquistando dalla francese FIMALAC, che inizialmente controllava l’agenzia e poi ha progressivamente ridotto la sua quota, il 20% non ancora in suo possesso per 2,8 miliardi di dollari. Hearst ha acquistato la sua prima quota in Fitch nel 2006, e l’ha aumentata fino all’80% nel 2015. Fitch ha due quartier generali a New York e a Londra.

– “Una questione di priorità. Juncker ha annunciato che la Commissione proporrà l’abolizione dell’ora legale, rispondendo con una straordinaria reattività ai risultati di una consultazione pubblica. “Lo chiedono i cittadini e lo faremo”, ha detto il presidente della Commissione. Le dichiarazioni del presidente hanno lasciato basiti anche milioni di cittadini europei, che per anni hanno chiesto alla Commissione di abbandonare le vergognose politiche di austerità ricevendo in cambio derisioni e sfottò. E cosa dire delle risposte europee sui migranti? I Paesi del Sud Europa sono abbandonati nella gestione del fenomeno migratorio, chiedono solidarietà e ricevono silenzi. Altro che “ce lo chiedono i cittadini e lo faremo”. E’ quanto si legge in un post sul blog delle Stelle a firma dell’eurogruppo M5S.
– “Se la Lega avesse voluto staccare la spina, il giorno dell’avviso in cui Salvini avremmo avuto un buon motivo. Non lo abbiamo fatto, abbiamo cinque anni davanti per salvare il Paese dal disastro”. Lo ha detto il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti alla Versiliana di Marina di Pietrasanta.
– “Se tutti i futuri proventi che arrivano alla Lega vengono sequestrati, è evidente a quel punto che il partito non può più esistere, perché non ha più soldi.
Questo se dovesse esserci questa interpretazione da parte della magistratura, che non contestiamo in quanto tale, ma perché frutto di una decisione su una sentenza non definitiva. Se fosse dopo la Cassazione non avrei nulla da dire”. Lo ha detto il sottosegretario Giancarlo Giorgetti sull’ipotesi che il 5 settembre il tribunale del riesame possa decidere di sequestrare tutti i soldi della Lega.
– PERUGIA

– “Rappresentiamo la nostra viva preoccupazione per quella che appare come una non adeguata considerazione del problema della sicurezza sismica degli edifici scolastici”. È quanto affermano i presidenti delle Regioni Umbria, Catiuscia Marini, Marche, Luca Ceriscioli, Lazio, Nicola Zingaretti, e il presidente vicario della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli in una lettera congiunta al ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, in merito alla bozza di accordo quadro in materia di edilizia scolastica, elaborata in sede di tavolo tecnico ristretto presso il Miur.
“Il peso attribuito al criterio legato a livello di rischio sismico nella bozza di accordo, appena il 10% – sottolineano – sembrerebbe evidenziare un preoccupante calo dell’attenzione rispetto alle problematiche emerse a seguito del sisma, che ha colpito soltanto due anni fa le nostre regioni”.
– “Il Movimento è nato dagli spettacoli che facevo, parlavo di economia, politica, tecnologia. Un comico e un manager dell’Olivetti (Gianroberto Casaleggio, ndr) hanno creato questa cosa inaspettata, una bomba, nata senza soldi. E l’utopia si è realizzata, nessuno lo pensava. E siamo arrivati al governo mettendoci il rapporto con questa Lega che…teniamo in equilibrio, con un accordo con dei programmi precisi”. Lo afferma Beppe Grillo incontrando a Milano l’ex presidente dell’Uruguay José Pepe Mujica.
“Mi sto riprendendo da un problema di salute che ha messo in pericolo la mia vita, anche se per fortuna ora il peggio è scongiurato”: così Roberto Calderoli spiega perché domani non sarà presente alla Berghem fest.Il senatore leghista, dimesso questa mattina dall’ospedale San Raffaele di Milano, racconta di essere “finito in terapia intensiva per una encefalite virale trasmessa da una banale puntura di zanzara, una banale puntura che mi ha portato in pericolo di vita, facendomi passare giorni che non augurerei al peggior criminale al mondo”.Ora “devo giustamente seguire un periodo di convalescenza, ma appena sarò in grado tornerò a combattere le mie battaglie di sempre, con ancora maggiore forza e determinazione”. Quindi niente Berghem fest: “Sono dispiaciuto, anzi addolorato, di non poter partecipare per la prima volta dopo circa 27 anni alla Berghem Fest, la festa della Lega che sento più mia perché è la festa di noi bergamaschi, la nostra festa storica, la festa che amo di più”.
[print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Notizie, Sport

SPORT: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI: Giudice lo consola e Kyrgios riparte Fa discutere a Us Open vittoria australiano sul francese Herbert F1: Ericsson illeso in incidente chocLa Sauber dello svedese si ribalta più volte a fine rettilineo F1:2019, conferma Gp Germania e GiapponeCostruttori Mercedes e Honda title sponsor a Hockenheim e Suzuka Imola celebra 50/o da mondiale di AdorniTre giorni con consegna Grifo della città al campione di Parma F1: Ericsson ok, le prove libere ripreseDopo primi controlli medici pilota svedese ai box sorridente Monza: Ferrari davanti in seconde libereMiglior tempo per Vettel, poi Raikkonen, Hamilton e Bottas F1: Vettel, abbiamo potenza per far meglio’Macchina funziona bene. Pioggia? Facciamo compiti, poi vediamo’ Vuelta: settima tappa a GallopinFrancese precede Sagan e Valverde, Molard resta leader Coppa America: finale ad Auckland nel’21Ufficializzate date e punteggio: sfida al meglio delle 7 regate Pallavolo: domenica il test Italia-CinaImpegno azzurri a Padova, subito dopo i 14 convocati per torneo F1, Raikkonen: ‘proveremo a vincere’Nelle prove abbiamo girato poco sull’asciutto ma è andata bene F1: Camilleri, Vettel è il nostro CR7Futuro Raikkonen? Decisione difficile, non è ancora stata presa Camilleri: Marchionne? Stesse ambizioni Ferrari non sarà molto diversa,il 18/9 sveliamo piani strategici Camilleri,farò brillare gioiello FerrariAbbiamo un grande gruppo di manager e un grande team principal

Tempo di lettura: 7 minuti

DALLE 13:18 ALLE 19:54

DI VENERDì 31 AGOSTO 2018

Ha staccato il biglietto per il terzo turno degli US Open Nick Kyrgios e se c’è riuscito deve dire grazie… anche all’arbitro di sedia più che al suo coach. Proprio così, l’australiano, numero 30 della classifica mondiale e 31esima testa di serie, ha superato in rimonta, in quattro set (46 76 63 60), il francese Pierre-Hugues Herbert, numero 75 Atp, ma sul campo 17 di Flushing Meadows si è vista una scena piuttosto inedita, dal momento che sul 64 3-0 in favore di Herbert, con il 23enne di Canberra apatico e con evidenti segni di frustrazione per i tanti errori che stava commettendo, proprio l’arbitro di sedia Mohamed Lahyani è sceso dalla sua postazione per incoraggiare Kyrgios, che con le braccia dietro la testa stava mordendo l’asciugamano: “Voglio aiutarti. Io vedo le tue partite e tu sei qualcosa di formidabile per questo sport. Ora quello in campo non sei tu, lo so”, le parole che si sono potute udire di Lahyani.
– MONZA

– Spaventoso incidente a Monza per Marcus Ericsson, per fortuna uscito senza apparenti conseguenze dalla sua Alfa Romeo Sauber dopo un testa coda in cui la monoposto ha carambolato contro le barriere ribaltandosi più volte. L’incidente, al termine del rettilineo prima della variante, è avvenuto meno di tre minuti dopo l’inizio della seconda sessione di prove libere del Gp d’Italia, immediatamente sospesa. Il pilota svedese è uscito camminando sulle proprie gambe dall’abitacolo della vettura, completamente distrutta.

“Non so cosa sia successo, sto bene”. Via radio Marcus Ericsson ha immediatamente tranquillizzato la propria scuderia Alfa Romeo Sauber, dopo lo spaventoso incidente che lo ha visto protagonista all’inizio della seconda sessione di prove libere del Gp d’Italia. Il pilota svedese è stato subito sottoposto ad alcuni controlli al centro medico del circuito di Monza, poi è rientrato ai box camminando, sorridendo con i tecnici della scuderia al suo fianco e salutando il pubblico. L’incidente è stato probabilmente causato dalla mancata chiusura del Drs. Nel frattempo gli addetti hanno rimosso dalla pista i detriti della monoposto distrutta e riparato la barriera danneggiata, così la sessione di prove è ripresa dopo circa venti minuti.Ferrari davanti a Mercedes in seconde prove libere  – Ferrari davanti a tutti nella seconda sessione di prove libere del Gp d’Italia. Sebastian Vettel nel pomeriggio è stato il più veloce (1’21.105), con Kimi Raikkonen 270 millesimi più lento, seguito dalle Mercedes di Lewis Hamilton (+0.287) e Valtteri Bottas a quasi 7 decimi. Vettel è stato protagonista anche di un fuori pista alla Parabolica, da cui è rientrato ai box con l’alettone posteriore danneggiato. A oltre un secondo da Vettel, quarto e quinto tempo per le Red Bull di Max Verstappen e Daniel Ricciardo, che domenica in gara partirà dall’ultima fila come Nico Hulkenberg (Renault), per le penalità legate al cambio del motore. Pomeriggio travagliato per la Alfa Romeo Sauber: dopo lo spaventoso incidente di Marcus Ericsson, ha avuto problemi con il Drs anche Charles Leclerc, costretto a lungo ai box e nono a fine sessione (+1.860).Perez più veloce in prime libere, 2/o Raikkonen  – E’ Sergio Perez su Force India il più veloce nella prima sessione di prove libere del Gp d’Italia di Formula 1, con un tempo di 1’34.000 registrato nel finale, quando ha smesso di piovere e le condizioni della pista sono migliorate. Secondo Kimi Raikkonen, con la sua Ferrari a 55 centesimi, mentre sono arretrate le Mercedes di Valtteri Bottas e Lewis Hamilton, 10mo e 11mo, che si sono limitati a 8 e 6 giri sotto la pioggia. Solo 4 ne ha percorsi Sebastian Vettel (17mo), fermato da un problema al cambio della sua Ferrari: non subirà penalità ma nelle altre prove dovrà montare quello da utilizzare in gara. Terzo tempo per Esteban Ocon su Force India (+0.593), davanti alla Toro Rosso di Brendon Hartley, e alla Red Bull di Daniel Ricciardo, tutti oltre il secondo di ritardo. L’asfalto bagnato ha creato insidie a più di un pilota, incluso Verstappen (7mo tempo) che in Parabolica ha controllato la sua Red Bull dopo un testacoda.

– MONZA

– I Gp di Germania e Giappone sono stati confermati per la stagione 2019 di Formula 1 e per la prima volta i title sponsor delle corse saranno due costruttori, Mercedes Benz a Hockenheim e Honda Motor a Suzuka. Lo ha annunciato Chase Carey, presidente e Ceo di Formula 1, che a Monza ha reso nota la bozza del calendario del prossimo Mondiale, al via in Australia il 17 marzo, per chiudersi il primo dicembre ad Abu Dhabi, con il Gp d’Italia l’8 settembre e quello n.1000 della storia, in Cina il 14 aprile.
– IMOLA

(BOLOGNA)

– Primo settembre 1968-1 settembre 2018. Sono passati 50 anni dal giorno in cui Vittorio Adorni trionfava con una lunga fuga ai Campionati mondiali di ciclismo su strada disputati a Imola, sul circuito dei ‘Tre Monti’, con arrivo all’autodromo. Imola vuole ricordarlo con tre giorni di appuntamenti, dal 21 al 23 settembre, che fra concerto della banda Città di Imola, mostre, proiezione di filmati d’epoca culminerà con la consegna, da parte dell’Amministrazione comunale del Grifo Città di Imola al ciclista.
Il campione di Parma vinse con 9’50” di distacco sul belga Van Springel. Al 3/o posto si classificò Michele Dancelli. Il giorno prima sullo stesso percorso si disputarono anche i campionati mondiali di ciclismo femminili su strada, che videro Morena Tartagni, terza, sul podio. Altre volte il circuito dei ‘Tre Monti’ ha ospitato il Giro d’Italia e molte gare tra cui la podistica dei ‘Tre Monti’, che poche settimane dopo il trionfo di Adorni ebbe la sua prima edizione.
“Il bilancio della macchina non è perfetto, ma per domani possiamo lavorare, abbiamo un po’ di potenza nella macchina per fare meglio, questo è importante”. E’ il bilancio di Sebastian Vettel, dopo la seconda prova libera del Gp d’Italia, chiusa dalle due Ferrari davanti alle Mercedes.
“Per domani vediamo se ci sarà pioggia o no, noi facciamo i nostri compiti a casa e poi vediamo – ha aggiunto il pilota tedesco della Ferrari, alla vigilia della giornata di qualifica -. Stamattina c’è stato un piccolo problema con la macchina, volevo girare ma ho dovuto mollare, dovevamo prima fare delle verifiche. Poi ho perso un po’ di tempo, perché mi sono girato, ho esagerato un po’. La macchina ha funzionato bene oggi, speriamo di confermarci domani”.
Il francese Tony Gallopin (AG2R-La Mondiale) ha vinto la settima tappa della Vuelta, la Puerto Lumbreras-Poco Alzon, di 185.7 km. Il transalpino ha preceduto di cinque secondi un gruppetto regolato allo sprint dal campione del mondo Peter Sagan davanti allo spagnolo Alejandro Valverde.
Nessuna modifica sostanziale alla classifica, che vede sempre leader il francese Rudy Molard (Groupama), con 47” di vantaggio su Valverde. Gallopin è quinto a 59”.
– La 36/a edizione dell’America’s cup di vela, messa in palio dal Royal New Zealand yacht squadron, si disputerà ad Auckland. Lo ha confermato oggi lo stesso ‘defender’ nel corso di una riunione che si è svolta a Cowes, una città portuale della costa nord dell’Isola di Wight, in Inghilterra, dove si sono riuniti tutti i team iscritti alla competizione velica più importante. Grant Dalton, ceo di Emirates team New Zealand, che organizza l’evento, ha inoltre ufficializzato le date della finale del trofeo, che verrà messo in palio fra 6 e il 21 marzo 2021. A contenderla ai ‘kiwi’ sarà l’equipaggio vincitore della Prada cup, ovvero il torneo fra gli sfidanti. Ufficializzato anche il sistema di punteggio: l’America’s cup verrà assegnata al meglio delle sette regate, con un massimo di 13 sfide. Lo sfidante ufficiale del trofeo, come noto, è Luna Rossa, il team che sfoggia il guidone del Circolo della vela Sicilia di Palermo.
– Sarà la Cina a mettere alla prova domenica prossima, a Padova, la condizione della Nazionale italiana di pallavolo, dopo il periodo di preparazione in Val di Fiemme in vista del Mondiale. Un primo test-match che si ripeterà giovedì 6, a Siena. Tra le due partite saranno resi nomi i nomi dei 14 atleti che prenderanno poi parte al torneo iridato, al via domenica 9 settembre a Roma. “E’ arrivato finalmente il momento di scendere in campo; onestamente sentiamo la mancanza dell’adrenalina della partita e adesso abbiamo la possibilità di disputare due partite di livello che sicuramente ci aiuteranno nella marcia di avvicinamento alla rassegna iridata – ha detto dal ritiro di Pinzolo lo schiacciatore Filippo Lanza -. La preparazione è stata lunga e intensa, ma è normale. La Cina di Lozano è avversaria non semplice, quindi avremo indicazioni importanti. Saranno due buone occasioni per capire a che punto siamo con la preparazione e per regalare al pubblico di Padova una bella serata di volley”, ha aggiunto il veneto.
“Ovviamente abbiamo potuto girare poco sull’asciutto, perché al mattino pioveva e poi c’è stata la bandiera rossa all’inizio della seconda sessione ma è andata bene”. E’ tranquillo il ferrarista Kimi Raikkonen, dopo la giornata di prove libere del Gp d’Italia, che lui non è mai riuscito a vincere.
Sarà la volta buona? “Ci proveremo di sicuro”, ha risposto il finlandese.
– “Abbiamo il nostro Cristiano Ronaldo, il suo nome è Seb”. Al suo debutto a un Gp in veste di ad di Ferrari, Louis Carey Camilleri, ha sottolineato così lo status di fuoriclasse di Vettel, mentre non ha sciolto il nodo sul futuro di Kimi Raikkonen: “Non abbiamo preso una decisione ancora – ha tagliato corto parlando nel paddock a Monza -.
Perché serve tanto tempo? Perché non è una decisione facile. La prenderemo quando saremo pronti”. La Ferrari valuta Leclerc? “Non ho più niente da dire, la decisione non è presa”, ha concluso.

– MONZA

– “I nostri stili sono un po’ diversi, ma io e Sergio abbiamo le stesse ambizioni, quindi non sarà una Ferrari molto diversa”. Così il nuovo ad della Ferrari, Louis Carey Camilleri, nominato dopo la scomparsa di Sergio Marchionne. “Lo conoscevo da 12 anni, era un grande amico, tante volte abbiamo discusso della Ferrari – ha detto Camilleri, a Monza -. Mi manca, era una persona incredibile. Il 18 settembre sveleremo i nostri piani strategici per il futuro”. MONZA

– “La Ferrari è un gioiello, il mio lavoro è farla continuare a brillare sotto tutti gli aspetti”: così il nuovo ad Louis Camilleri, ha chiarito il suo impegno nel nuovo ruolo, senza indicare una priorità fra i risultati sportivi della scuderia, la produzione di auto di eccellenza e la valorizzazione del titolo in Borsa. “Come Ceo, non puoi dare percentuali a quanto tempo spendi su che cosa – ha replicato Camilleri, parlando a Monza, dove la scuderia è impegnata nel Gp d’Italia di Formula 1 -, si spende il tempo necessario su tutto e questo intendo fare. Abbiamo un grande gruppo di manager e abbiamo un grande team principal. La Ferrari è un gioiello, il mio lavoro è farla continuare a brillare sotto tutti gli aspetti”.  [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, Tecnologia, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS

JUVENTUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI CON IL LINK AL VIDEO INTEGRALE DELLA CONFERENZA STAMPA DI MR. ALLEGRI EDOLTRE A TUTTO IL RESTO, ANCHE I CONVOCATI PER IL MATCH DI DOMANI SERA AL TARDINI. IL VIDEO è DA JUVENTUS TV, RESO FRUIBILE DA ME PER VOI

Tempo di lettura: 11 minuti

DALLE 14:00 DI GIOVEDì 30 AGOSTO 2018

ALLE 18:00 DI VENERDì 31 AGOSTO 2018

Parma-Juve, meno due
30.08.2018 14:00 – in: Serie A
Parma-Juve, meno due

Allenamento mattutino al Training Center. Domani conferenza stampa di Mister Allegri e partenza per Parma
La Juventus continua a lavorare in vista della terza giornata di campionato, che la vedrà impegnata sabato sera (ore 20.30) allo stadio “Tardini” contro il Parma.
Oggi al Training Center i bianconeri hanno lavorato al mattino, e domani è prevista la rifinitura al pomeriggio e poi la partenza.
Prima dell’allenamento, alle 12, nella Sala Conferenze dell’Allianz Stadium si terrà la consueta conferenza stampa pre match di Massimiliano Allegri, che potrete seguire in diretta su Juventus Tvoppure attraverso il nostro Live Tweet.
Champions League, le possibili avversarie della Juventus
30.08.2018 15:30 – in: Champions League
Champions League, le possibili avversarie della Juventus

Ecco, fascia per fascia, l’elenco completo delle partecipanti al sorteggio di questa sera
Sono quindici le nazioni rappresentate nei sorteggi per la prima fase di Champions League, in programma questa sera al Grimaldi Forum di Montecarlo (ore 18, speciale a partire dalle 17.30 su Juventus Tv  e Live Tweet sul nostro canale ufficiale).
Per la precisione, oltre all’Italia, all’edizione 2018/19 della massima competizione continentale parteciperanno squadre provenienti da Spagna, Germania, Inghilterra, Francia, Russia, Portogallo, Ucraina, Belgio, Turchia, Repubblica Ceca, Svizzera, Olanda, Grecia, Serbia.
Le trentadue partecipanti saranno suddivise in quattro fasce,create con questo criterio. Nella prima sono presenti i campioni in carica, i vincitori della UEFA Europa League e i club vincitori delle sei federazioni ai primi posti nel ranking UEFA. Le restanti squadre verranno suddivise dalla seconda alla quarta fascia in base al ranking, per coefficienti.
La Juventus, in prima fascia, affronterà ovviamente compagini provenienti dalle altre tre, fatta eccezione ovviamente per Napoli, Inter e Roma, dato che nella prima fase non è possibile uno scontro fra squadre della stessa federazione.
Ecco l’elenco delle squadre.
PRIMA FASCIA
Juventus
Real Madrid (campione in carica)
Atletico Madrid (detentore UEFA Europa League)
Barcellona
Bayern Monaco
Manchester City
Paris Saint-Germain
Lokomotiv Mosca
SECONDA FASCIA
Borussia Dortmund
Porto
Manchester United
Shakhtar Donetsk
Benfica
Napoli
Tottenham Hotspur
Roma
TERZA FASCIA
Liverpool
Schalke
Lione
Monaco
Ajax
CSKA Mosca
PSV Eindhoven
Valencia
QUARTA FASCIA
Viktoria Plzeň
Club Brugge
Galatasaray
Young Boys
Inter
Hoffenheim
Stella Rossa
AEK Atene.
Champions League, il sorteggio è da vivere su Juventus Tv!
30.08.2018 16:30 – in: Champions League
Champions League, il sorteggio è da vivere su Juventus Tv!

Dalle 17.30 speciale da non perdere, con commenti, ospiti e interviste
Juventus TV segue in diretta le emozioni dei sorteggi di UEFA Champions League. A partire dalle 17,30, l’attesa e quindi le estrazioni dei prossimi avversari europei della Juventus.
A seguire, i commenti in studio, con Claudio Zuliani, Paolo Rossi ed Enrico Vincenti e in collegamento telefonico con quattro grandi bianconeri: Ravanelli, De Agostini, Porrini e Causio.
Da non perdere, naturalmente, le interviste dal Grimaldi Forum di Montecarlo, con l’inviato Enico Zambruno.
LIVE: #UCLDRAW!
30.08.2018 16:44 – in: Champions League
LIVE: #UCLDRAW!

In diretta da Montecarlo, il sorteggio per la fase a gironi di Champions League
Segui il sorteggio di Champions League dal Grimaldi Forum di Montecarlo
Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter

www.juventus.com/it/news/news/2018/live—ucldraw-.php
Champions League, i nostri avversari: Manchester United, Valencia e Young Boys
30.08.2018 18:55 – in: Champions League
Champions League, i nostri avversari: Manchester United, Valencia e Young Boys

Ecco le squadre che l’urna di Montecarlo ha deciso per la Juventus nella prossima edizione del massimo torneo continentale
Manchester United, Valencia e Young Boys.
Gli inglesi, gli spagnoli e gli svizzeri sono gli avversari designati dall’urna del Grimaldi Forum di Montecarlo per la Juventus. Il gruppo dei bianconeri è l’H.
Di seguito l’elenco completo dei gironi della prossima edizione di Champions League:

https://twitter.com/ChampionsLeague/status/1035212610134843393/photo/1?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1035212610134843393&ref_url=http%3A%2F%2Fwww.juventus.com%2Fit%2Fnews%2Fnews%2F2018%2Fl-esito-dei-sorteggi-di-champions-league.php

Informazioni e privacy per gli annunci di TwitterRONALDO, MIGLIORE ATTACCANTE DELLA SCORSA STAGIONEImportante riconoscimento per Cristiano Ronaldo, questo pomeriggio al Grimaldi Forum di Montecarlo.Nell’ambito dei sorteggi della fase a gironi di Champions League, UEFA, che già pochi giorni fa lo aveva insignito come autore del più bel gol della stagione, ha premiato il nostro numero 7 come miglior attaccante 2017/18.

IL CALENDARIO DEI BIANCONERI19 settembre, ore 21 – Valencia-Juventus
2 ottobre, ore 18.55 – Juventus-Young Boys
23 ottobre, ore 21 – Manchester United-Juventus
7 novembre ore 21 – Juventus-Manchester United
27 novembre ore 21 – Juventus-Valencia
12 dicembre ore 21 – Young Boys-Juventus.
Marotta: «Il destino è nelle nostre mani»
30.08.2018 20:00 – in: Champions League
Marotta: «Il destino è nelle nostre mani»

Così al termine dei sorteggi di Montecarlo: «Noi vogliamo primeggiare e recitare un ruolo da protagonisti»
«Il girone è abbordabile, ma tutto dipende da noi, il destino è nelle nostre mani, nella nostra testa e nei nostri piedi. Abbiamo le capacità, le convinzioni e i mezzi per qualificarci».
Queste le parole dell’amministratore delegato e direttore generale area Sport Giuseppe Marotta, che aggiunge al termine dei sorteggi di Montecarlo: «Al di là del blasone degli avversari, ci deve essere una forte determinazione da parte di tutti in tornei impegnativi come questo, che vanno affrontati con la giusta motivazione in ogni partita. Non ci nascondiamo, siamo fra i favoriti, l’operazione Ronaldo è stata voluta e condotta dal Presidente Agnelli ed è stata straordinaria, noi ci candidiamo per recitare un ruolo da protagonisti. La scelta di Cristiano Ronaldo di non essere presente questa sera? Va assolutamente rispettata, è una decisione personale e privata».
E infine: «Noi vogliamo primeggiare in tutte le competizioni, la Champions League ovviamente ha un fascino speciale e non la vinciamo da anni, quindi non ci nascondiamo dietro a un dito: abbiamo questo sogno, e spesso i sogni si realizzano».
Le nostre avversarie in Europa
30.08.2018 20:15 – in: Champions League
Le nostre avversarie in Europa

Uno sguardo a United, Valencia e Young Boys, che la Juve affronterà nella fase a Gironi di Champions League
Ecco le principali curiosità sulle nostre avversarie nell’edizione 2018/19 di Champions League
MANCHESTER UNITED
Stadio: Old Trafford (Manchester)
Capienza: circa 75.00 posti

I PRECEDENTI UFFICIALI
Perfetta parità. Guardare le tabelle dei precedenti ufficiali tra Juventus e Manchester United e come fissare uno specchio: 12 partite in tutto, cinque vittorie a testa, due pareggi, 15 gol fatti e 15 gol subiti da entrambe le squadre. Anche considerando solo la fase a gironi il confronto è equanime, mentre, con tre vittorie a testa, mentre considerando le fai a eliminazione diretta i bianconeri sono in vantaggio per due qualificazioni a una, ottenute però nei sedicesimi di Coppa Uefa nel ’76 e nelle semifinali di Coppa delle Coppe dell’ 84. Gli inglesi hanno invece passato il turno nelle semifinali di Champions League del 2003.
I RED DEVILS IN EUROPA
Il Manchester è una delle squadre più nobili d’Europa, con tre vittorie in Champions League, una Coppa Intercontinentale e un Mondiale per Club, oltre a una Supercoppa Europea, una Coppa delle Coppe e la penultima edizione dell’Europa League.
Quello di due stagioni or sono è stato l’unico successointernazionale degli ultimi dieci anni per i Red Devils, che in questo lasso di tempo hanno raggiunto due volte la finale di Champions, nel 2009 e nel 2011, sconfitti in entrambe le occasioni dal Barcellona, uscendo le altre volte, due volte nella fase a Gironi, due volte agli ottavi e due ai quarti di finale. Non hanno partecipato alla massima competizione europea nelle stagione 2014/15 e 2016/17, vincendo appunto, in quest’ultima occasione, l’Europa League.
NEL CAMPIONATO NAZIONALE
Lo United si è qualificato per quest’edizione della Champions League classificandosi secondo nello scorso campionato inglese, staccato di 19 punti dei cugini e rivali del Manchester City. Al momento, dopo tre giornate, la squadra di José Mourinho è ferma a tre lunghezze, staccata di sei punti dalla vetta, avendo perso le ultime due partite contro Brighton & Hove Albion e Tottenham, mentre aveva superato, nella prima giornata, il Leicester City.
RIECCO POGBA
Dici Manchester United e pensi Paul Pogba, è inevitabile. Il centrocampista francese è uno dei grandi ex della sfida e anche uno dei principali punti di forza del centrocampo a disposizione di José Mourinho. Insieme a lui, sono diversi però gli assi dei Red Devils: da Matic, altro colosso in mediana, agli esterni Valencia, Shaw e Darmian, alle punte Lukaku, Martial, Mata e Rushford…
Chiaro che per i tifosi bianconeri l’idea di ritrovarsi di fronte Pogba però è quella più stuzzicante. Anche perché anche nella squadra di allegri c’è un ex di non poco conto: un certo Cristiano Ronaldo, con i Red Devils per sei stagioni, dal 2003 al 2009.
VALENCIA
Stadio: Mestalla (Valencia)
Capienza: circa 55.00 posti
LOS MURCIÉLAGOS IN EUROPA
Tra Valencia e Juventus non ci sono precedenti ufficiali, dunque le sfide della prossima fase a gironi saranno un inedito assoluto. “Los Murciélagos”, vale a dire i pipistrelli, soprannome che deriva dallo stemma della città e dello stesso club, sono però una realtà consolidata del panorama calcistico europeo e vantano una storia di tutto rispetto, avendo vinto una Coppa delle Coppe, una Coppa Uefa, due Supercoppe Europee e due Coppe delle Fiere, oltre ad essere stati per due volte finalisti di Champions League, nel 2000 e nel 2001, sconfitti prima dal Real Madrid e poi dal Bayern Monaco. In Champions il Valencia manca dalla stagione 2015/16, quando venne eliminato nella fase a Gironi.
IL VALENCIA IN CAMPIONATO
Quarto nell’ultima Liga, staccato di 20 punti dai campioni del Barcellona, il Valencia è al momento fermo ad un solo punto in campionato, avendo pareggiato 1-1 la prima partita con l’Atletico Madrid ed essendo  poi stato sconfitto dall’Espanol per 2-0.
CANCELO E NETO, CHE INCROCI
Quella contro gli spagnoli sarà una gara speciale soprattuto per Joao Cancelo: l’esterno bianconero ha infatti giocato Valencia per tre stagioni ed è lì che si è affermato come uno dei talenti migliori del calcio portoghese. Dall’altra parte però sarà una partita di emozioni forti anche per Norberto Neto: il portiere brasiliano ora in forza nella formazione di Marcelino Garica Toral, ha vissuto due stagioni sotto la Mole, collezionando altrettanti scudetti e Coppe Italia e una Supecoppa italiana.
YOUNG BOYS
Stadio: Stade de Suisse (Berna)
Capienza: circa 32.000 posti
YOUNG BOYS VS OLD LADY
Per la prima volta sarà Young Boys vs Old Lady: non ci sono infatti precedenti tra la Juventus e la formazione di Berna, dodici volte campione di Svizzera nella sua storia, l’ultima nella scorsa stagione. I titoli Nazionali, cui si sommano sei Coppe di Svizzera, una Supercoppa di Svizzera e una Coppa di Lega Svizzera, sono i trofei che compongono la bacheca dei prossimi avversari dei bianconeri in Champions, che, a livello europeo, vantano il migliori risultato nelle semifinali di Coppa dei Campioni, raggiunte nel 1959.
PRIMA VOLTA IN CHAMPIONS
Per lo Young Boys questa sarà la prima partecipazione all’attuale Champions League, grazie alla qualificazione ottenuta dopo aver superato negli spareggi la Dinamo Zagabria, mentre nelle ultime dieci stagioni, gli svizzeri non sono andati oltre i sedicesimi di finale di Europa League, raggiunti nelle stagioni 2010/11 e 2014/15. In campionato, i ragazzi di mister Gerry Seoane al momento sono primi a punteggio pieno, avendo centrato cinque vittorie in altrettante partite sinora disputate, con sedici reti realizzate e quattro subite.
#STARTINGXI: PARMA-JUVE
31.08.2018 10:44 – in: Serie A
#STARTINGXI: PARMA-JUVE

La sfida di sabato sera, in 11 nomi.
Ecco 11 nomi che hanno contribuito in qualche modo alla storia dei match della Juventus giocati a Parma. Giochiamo con un “fantasioso” 3-4-1-2.
GIANLUIGI BUFFON
Da portiere del Parma, è contro la Juventus che subisce il primo gol della sua fantastica carriera, autore Ciro Ferrara. In bianconero dal 2001, ha ampiamente dimostrato che quel soprannome di Superman datogli in Emilia era ampiamente giustificato.
NICCOLÒ NAPOLI
1990-91: il grande debutto del Parma in Serie A avviene proprio contro la Juventus, che al Tardini vince 2-1. A siglare il primo gol è un difensore: Niccolò Napoli.
LILIAN THURAM
5 anni al Parma, altrettanti nella Juventus. E in entrambe le esperienze, 1 gol. In bianconero lo fa al Milan, finalizzando una ripartenza a velocità folle.
FABIO CANNAVARO
Con il Parma indossa la fascia da capitano e si vince Coppa Uefa, Supercoppa Italiana e 2 Coppe Italia. Alla Juve arricchisce il personale palmarès aggiungendo 2 scudetti.
MAURO GERMAN CAMORANESI
Curioso esempio di azione fotocopia che a un anno di distanza viene perfezionata. Nel 2004-05 sferra un tiro da fuori area che centra il palo a Sébastien Frey battuto. Nel campionato successivo Mauro ci riprova e corregge la mira di pochissimi centimetri: per Cristiano Lupatelli non c’è niente da fare.
ALESSIO TACCHINARDI
Segna 2 gol a Parma in due millenni diversi… La prima rete avviene nel 1998, raccogliendo il pallone da un’uscita dell’allora ducale Gigi Buffon. Alessio si ripete poi nel 2003, deviando di testa una punizione perfettamente calibrata da Pavel Nedved.
PAUL POGBA
L’ultima vittoria della Juventus a Parma la firma lui raccogliendo la respinta della traversa da una conclusione di Fabio Quagliarella. Una rete stilisticamente impeccabile, alla Paul.
HASAN SALIHAMIDZIC
Un gol in maglia dorata, quello di Brazzo a Parma. Il primo dell’anno 2010 a mantenere una tradizione che vuole che si giochi la gara del Tardini all’inizio di gennaio, evento verificatosi ben 6 volte.
MARCO DI VAIO
Ex della sfida, vanta un piccolo primato: è l’unico juventino ad essere andato in gol per due anni consecutivi davanti al pubblico parmigiano. Succede nel 2003 e nel 2004.
SEBASTIAN GIOVINCO
Con la maglia Parma ha segnato alla Juventus il primo storico gol da avversario allo Stadium. Ed è proprio in virtù delle 15 reti segnate nel 2011-12 con gli emiliani che Sebastian è tornato a Torino sotto la direzione di Antonio Conte.
FABRIZIO RAVANELLI
Il suo gol in tuffo di testa è probabilmente il più bello realizzato da uno juventino in quel di Parma. Certamente è il più importante, determinando il sorpasso dei bianconeri in testa alla classifica proprio sugli avversari. Lo scudetto del 1994-95, il primo del ciclo Lippiano, si spiega anche così.
Parma-Juve, la conferenza stampa della vigilia
31.08.2018 11:30 – in: Serie A
Parma-Juve, la conferenza stampa della vigilia

In esclusiva su Juventus TV la diretta della conferenza stampa di presentazione della trasferta allo stadio Tardini
Domani la Juventus giocherà allo Stadio Tardini contro il Parma.
Alle 12, dalla Sala Stampa dell’Allianz Stadium, parola e microfono a Mister Massimiliano Allegri.
Una conferenza stampa da non perdere, che potrete vedere in esclusiva, su web, tablet e smarphone, in diretta dalle 12:30 su Juventus TV:  GUARDA IL VIDEO INTEGRALE DELLA CONFERENZA STAMPA DI MASSIMILIANO ALLEGRI DELLE 12:00 DI VENERDì 31 AGOSTO 2018 PRE PARMA-JUVENTUS  Primavera, il campionato inizia il 15 settembre
31.08.2018 11:56 – in: Primavera
Primavera, il campionato inizia il 15 settembre

I bianconeri sono attesi da un impegno in casa, contro la Sampdoria
Inizierà con una gara in casa il campionato per la nostra Primavera. Il 15 settembre la Juventus è infatti attesa a Vinovodalla sfida contro la Sampdoria, valida per la prima giornata.
Esattamente come lo scorso anno, il campionato Primavera sarà denso di grandi sfide per i ragazzi di Mister Baldini che saranno chiamati per esempio ad affrontare il Milan alla terza giornata, il Torino alla quarta, l’Inter alla sesta, la Fiorentina all’undicesima, la Roma alla quattordicesima per chiudere contro il Napoli all’ultima giornata. IL CALENDARIO COMPLETO

Allegri: «Si chiude un primo mini ciclo»
31.08.2018 12:57 – in: Serie A
Allegri: «Si chiude un primo mini ciclo»

«Guai a sottovalutare la partita di domani, è da queste gare che passano i campionati»: le parole di Allegri in conferenza stampa
Terza di campionato in arrivo per la Juventus, e calendario che propone un campo tradizionalmente ostico per i bianconeri: il Tardini di Parma. Lo sa bene Mister Massimiliano Allegri, che indica la via ai suoi: «Guai a sottovalutare la partita o pensare che sarà facile perchè il Parma è una neopromossa», ammonisce in conferenza stampa.
ATTENZIONE E RISPETTO
«A Parma la Juve ha perso spesso, è un campo storicamente difficile: ci aspetta una partita tosta. È da questi campi che passano i campionati. Inoltre, per fare una sosta serena bisogna prendere i tre punti e quindi servirà avere rispetto del Parma, anche se è una neopromossa. Per ogni squadra ci sono campi in cui si soffre di più: per la Juve il Tardini è uno di questi».
Aggiunge, Allegri: «Adesso si chiude un primo mini ciclo, dopo la sosta dovranno tutti essere in condizione, perché l’unica cosa che conta è vincere le partite: la mia responsabilità è mettere i giocatori nelle condizioni di portare risultati alla società. Finora ci siamo riusciti».
Allargando lo sguardo: «Per vincere lo Scudetto quest’anno bisognerà faticare di più: le squadre si stanno livellando verso l’alto, per esempio l’Inter è forte, il Napoli ha un allenatore vincente, la Roma ha rinnovato… e non scordiamo squadre come Atalanta, Samp, Genoa, Fiorentina, che saranno molto difficili da battere».
Un commento veloce ai sorteggi DI Champions League di ieri: «Abbiamo due squadre ottime nel girone, con ambienti molto caldi, gli outsider sono gli svizzeri, ma ci pensiamo dopo la partita contro il Sassuolo, adesso conta solo il Parma».
IL GRUPPO IN VISTA DEL PARMA
Tornando quindi a domani, qualche anticipazione tattica: «In difesa ho un dubbio a destra, fra Cencelo e Cuadrado per il resto saranno gli stessi già visti nelle altre partite. A centrocampo gioca uno fra Emre Can e Khedira, devo decidere se scendere in campo a due o a tre. Emre sta bene, si sta adattando al nuovo campionato e non dimentichiamo che arriva da un lungo infortunio. Sta trovando il ritmo, e quando è entrato ha sempre fatto bene.  In attacco ci saranno Ronaldo e Mandzukic, poi vediamo chi gioca con loro». La condizione del gruppo, in generale,cresce: « Stanno tutti bene, anche De Sciglio è rientrato, sono tutti a disposizione, Pjanic ha lavorato bene, ha fatto test e gli esiti sono buoni. Chiaramente essendo a inizio stagione devono ancora conoscersi tutti al meglio».
DYBALA E RONALDO
Su Paulo: «E’ sereno, deve solo trovare la migliore condizione, come altri: ha giocato poche partite. Per tutti l’arrivo di Cristiano Ronaldo è uno stimolo, tutti vogliono giocare». E a proposito di Cristiano: «Si è allenato bene, è normale che ieri fosse arrabbiato, lo scorso anno è stato capocannoniere in Champions. Questa è la prova del fatto che vuole sempre essere il migliore, e per noi è un vantaggio. Comunque, la sua assenza ieri è una scelta personale e come tale deve essere rispettata».
BEL GIOCO E RISULTATI
«Quando smetterò di allenare mi dovranno spiegare cosa significa giocare bene. Ci vuole equilibrio, lo scorso anno per esempio abbiamo segnato moltissimo. Si tratta di un filo sottile, difficile da spiegare… e anche da capire. Quando non allenavo, mi piacevano molto gli allenatori vincenti, da Capello a Lippi: nell’albo d’oro non si scrive chi ha giocato bene e arriva secondo, ma chi vince. E a me piace vincere. E alla fine, il ragionamento è molto semplice: per primeggiare servono i giocatori più bravi». IL VIDEO

I convocati per la trasferta di Parma
31.08.2018 18:00 – in: Serie A
I convocati per la trasferta di Parma

Gli uomini a disposizione di Allegri per la sfida di domani sera al Tardini
E’ terminata la rifinitura dei bianconeri al Training Center della Continassa: la Juventus è in partenza per Parma dove sarà impegnata domani sera (fischio d’inizio ore 20.30).
Ecco i convocati di Mister Allegri per la sfida.
1 Szczesny
2 De Sciglio
3 Chiellini
4 Benatia
5 Pjanic
6 Khedira
7 Ronaldo
10 Dybala
11 Douglas Costa
12 Alex Sandro
14 Matuidi
15 Barzagli
16 Cuadrado
17 Mandzukic
18 Kean
19 Bonucci
20 Cancelo
21 Pinsoglio
22 Perin
23 Emre Can
24 Rugani
30 Bentancur
33 Bernardeschi  [print-me title=”STAMPA”

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie

CRONACA: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI: Crollo in chiesa: sos pioggia, al lavoro Interventi di rimozione parti pericolanti. Restauro nel 2014 Crollo in chiesa: al vaglio lavoriDa sovrintendenza.Avviato studio carte interventi ultimi decenni Cei, in 40 lasciano Centro Rocca di PapaVerso diocesi Milano, Terni, Capua, Arezzo, Frosinone, Firenze Papa, acqua tema Giornata del creatoMons. Duffè, 600 mln persone in mondo non accesso acqua potabile Bastonate a turista, annunciata querelaDovrà procedere dall’estero tramite un console Scossa 3.7 nelle Marche, costa pesareseVarie chiamate ai vigili del fuoco Abusi su due 17enni,stuprate in spiaggiaSul lago di Como. 3 fermati saranno interrogati,caccia al quarto Gdf blocca barca con sette migrantiSecondo tentativo di sbarco in poche ore nel Sud Sardegna Caporalato: sequestrati furgoni e autoUn mezzo modificato con panche in legno per trasporto persone Migranti: ex prefetto, ‘fatte schifezze’Intercettato dialogo con suo vice. Salvini, colpa del Pd Violenza Rimini, emessa espulsioneIl provvedimento avrà effetto al termine dell’iter processuale Mini frana a pendici CampidoglioAlcuni massi caduti dal Monte Tarpeo, vicino gabbiotto vigili

Tempo di lettura: 5 minuti

DALLE 13:12 ALLE 17:41

DI VENERDì 31 AGOSTO 2018

Vigili del fuoco ancora al lavoro nella chiesa San Giuseppe dei Falegnami, nel centro storico di Roma, dove ieri si è verificato un crollo. I pompieri stanno recuperando le ultime opere e rimuovendo le parti pericolanti. A causa del rischio pioggia a breve inizieranno le operazioni di copertura del tetto e delle pareti per evitare che possano bagnarsi. A quanto riferito, i pompieri utilizzeranno dei teloni per effettuare la copertura. La copertura di tegole e il soffitto ligneo della struttura – secondo quanto riportato oggi da alcuni quotidiani – erano già stati restaurati nel 2014.
– La soprintendenza archeologica di Roma a quanto si apprende, ha avviato lo studio dei resoconti dei lavori che negli ultimi decenni hanno interessato la chiesa di San Giuseppe dei Falegnami dove ieri è crollato il tetto.
Contemporaneamente i funzionari tecnici della soprintendenza stanno lavorando al recupero delle opere mobili all’interno dell’edificio con i vigili del fuoco. Alcuni lavori sul tetto della Chiesa sarebbero stati svolti nel 2014.
– Sono una quarantina i migranti della nave Diciotti che nelle prossime ore verranno accolti nelle prime diocesi italiane: Milano, Terni-Narni-Amelia, Capua, Arezzo-Cortona-Sansepolcro, Frosinone-Veroli-Ferentino e Firenze. Complessivamente le diocesi che hanno offerto disponibilità all’accoglienza sono oltre 40, insieme alla Comunità Papa Giovanni XXIII, alla Comunità Nuovi Orizzonti e alla Cooperativa Auxilium che gestisce il Centro “Mondo Migliore” di Rocca di Papa e altre strutture simili.
A fare il punto della situazione con il Sir questa mattina è don Ivan Maffeis, sottosegretario della Cei e direttore dell’Ufficio nazionale delle comunicazioni sociali. “Ciò che maggiormente ha colpito in questi giorni – sottolinea Maffeis – è la disponibilità generosa, gratuita e spontanea delle nostre Chiese locali. Noi non abbiamo fatto alcun appello. La Chiesa italiana ha una tradizione d’accoglienza reale: nelle diocesi ci sono già tra le 26mila e le 28mila persone accolte”.
– CITTA’ DEL VATICANO

– Sarà l’acqua la parola-chiave, il tema al centro del Messaggio di papa Francesco che verrà pubblicato domani in occasione della IV Giornata mondiale di preghiera per la cura del creato, da lui istituita nel 2015. E’ quanto è stato annunciato oggi ai giornalisti in un ‘meeting point’ nella Sala stampa della Santa Sede.
“Il primo diritto umano è l’accesso all’acqua – ha sottolineato mons. Bruno Marie Duffé, segretario del Dicastero per lo Sviluppo Umano Integrale -. L’acqua è il tema di questa giornata che celebreremo domani, in un momento in cui nel mondo più di 600 milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile”. Per mons. Duffè, il tema dell’acqua “chiama tutti a pensare alla fraternità, alla solidarietà”.
– AOSTA

– Dopo aver rinunciato a farlo in Valle d’Aosta, Audrey Goodridge, viaggiatrice sudafricana, ha annunciato che intende denunciare dall’estero l’albergatore che lei ha accusato di aver preso a bastonate suo marito. Lo ha comunicato in una email inviata ai carabinieri di Aosta. Quando intenderà procedere, dovrà quindi rivolgersi a un console.
L’episodio risalirebbe alle 22 del 18 agosto scorso, quando la donna, con la sua famiglia, era giunta all’Hotel Mignon di Aosta a bordo di un carro attrezzi dopo un soccorso stradale avvenuto al passo del Gran San Bernardo. L’albergatore “si è presentato con un bastone e ha picchiato mio marito sulla schiena causandogli un grave infortunio” aveva segnalato la donna su Tripadvisor. Poco prima l’uomo, dopo il “rifiuto” dell’albergatore a lasciare usare alla figlia di sette anni i servizi (“ha detto che non eravamo ospiti”), aveva accompagnato la bambina “nel posto che” aveva “trovato più lontano dall’albergo per fare il suo urgente bisogno”.
– ANCONA

– Una scossa di terremoto è stata avvertita distintamente pochi minuti dopo le 15 in varie località delle Marche: in zone periferiche di Ancona, ma soprattutto a Fano e a Pesaro. La scossa di terremoto è di magnitudo 3.7 ed è avvenuta nella costa marchigiana pesarese (Pesaro Urbino) a una profondità di 34 chilometri. Lo rende noto il sito dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv).(ANSA). Varie le chiamate ai vigili del fuoco per avere informazioni. Al momento non ci sono segnalazioni di danni.
– MILANO

– Sarebbero state violentate nella zona della spiaggia di Menaggio, sul lago di Como, le due turiste italiane di 17 anni che hanno denunciato di aver subito, ai primi di agosto, abusi da quattro ventenni, tre dei quali sono stati fermati dalla Procura di Como, mentre il quarto, di nazionalità moldava, sarebbe già fuori dall’Italia. Anche su di lui pende un decreto di fermo. Gli interrogatori per la convalida dei fermi si terranno il 3 settembre nel carcere di Como e il pm Massimo Astori della Procura guidata da Nicola Piacente ha chiesto la custodia cautelare in carcere. Il gip dovrà decidere anche su questa istanza. I fermati sono un 22enne italiano, un etiope e un albanese, entrambi regolari. Tutti, da quanto si è appreso, lavoravano in una struttura della spiaggia di Menaggio e alcuni si occupavano di ombrelloni e lettini. Le ragazze li avrebbero conosciuti in un locale, il gruppo avrebbe dato loro un passaggio in macchina, deviando poi verso il lago dove, secondo l’accusa, sono avvenute le violenze.
– CAGLIARI

– Sono stati raggiunti e bloccati da una motovedetta del Reparto operativo aeronavale della Guardia di finanza i sette migranti algerini avvistati a bordo di una barca in legno nella tarda mattinata di oggi a largo delle coste sud-occidentali della Sardegna.
Il barchino è stato prima segnalato da un elicottero delle Fiamme gialle a tre miglia da capo Teulada e poi raggiunto da una motovedetta che ha trasportato i sette occupanti in porto a Sant’Antioco. Sono stati identificati, visitati e trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir.
Si tratta del secondo tentativo di sbarco in poche ore: altri cinque migranti algerini, tra i quali una donna erano arrivati durante la notte.
– BARI

– Due furgoni e un’auto utilizzati per il trasporto di braccianti agricoli stranieri sono stati sequestrati dai carabinieri nella provincia di Foggia. A Manfredonia, nella campagna di Bordo Mezzanone, i militari hanno sequestrato un furgone con targa bulgara e senza documenti su cui viaggiavano numerosi braccianti. Alla vista dei militari, conducente e passeggeri sono fuggiti nelle campagne abbandonando il mezzo movimento e costringendo i carabinieri a fermarlo con non poche difficoltà. A San Marco in Lamis, invece, nel corso di controlli sui luoghi di lavoro, sono stati sequestrati due mezzi verosimilmente utilizzati da braccianti agricoli che, secondo gli accertamenti degli investigatori, erano assunti in modo irregolare. Si tratta di un furgone Fiat Ducato cassonato, modificato con l’aggiunta di quattro panche di legno per trasportare un numero elevato di braccianti, e di una vecchia Opel Astra.
– PADOVA

– “E’ vero che ne abbiamo fatte di porcherie, però quando le potevamo fare”: a parlare il 14 aprile dello scorso anno sarebbe stato l’ex prefetto di Padova, Patrizia Impresa, in un dialogo con l’allora vice prefetto vicario di Padova, Pasquale Aversa, delegato ad occuparsi dell’accoglienza dei migranti. L’ex prefetto non è indagata. La conversazione, diffusa oggi da un quotidiano, sarebbe stata intercettata dai carabinieri e sarebbe uno dei dialoghi finiti del rapporto conclusivo dei militari, parte integrante dell’inchiesta sulla gestione dell’accoglienza in Veneto.
Duro il commento sulla vicenda del ministro degli interni, Matteo Salvini. “Il governo di centrosinistra negava l’emergenza sbarchi – ha detto – ma poi scaricava il problema sui prefetti e li costringeva a spostare i clandestini da un Comune all’altro, come nel gioco delle tre carte, per non irritare sindaci del Pd, ministri in visita o presidenti Anci del Pd. È il quadro vergognoso che emerge dall’inchiesta di Padova”.
– RIMINI

– La questura di Roma ha emesso il decreto di espulsione nei confronti del 37enne del Bangladesh accusato di violenza sessuale nei confronti di una turista danese, episodio avvenuto a Rimini nella notte tra domenica e lunedì. Il provvedimento avrà effetto al termine dell’iter processuale a suo carico. Lo straniero, venditore di rose, era stato individuato e fermato dai carabinieri.
– Piccola frana dal Monte Tarpeo alle pendici del Campidoglio. Questo pomeriggio sono caduti alcuni massi alle spalle di un gabbiotto dei vigili urbani situato di fronte al comando generale. Al momento del crollo, nel gabbiotto erano presenti due agenti che non hanno riportato ferite, ma che sono usciti subito. L’area è stata transennata e c’è già stato un sopralluogo dei vigili del fuoco e della sovrintendenza. Ora si cercano di capite le cause del distacco.
Ad essere caduti dalla rupe Tarpea ai piedi del Campidoglio sono “frammenti edilizi moderni, ovvero dei ‘tamponi’ realizzati in epoca moderna sulla rupe, con dei pezzettini di tufo. Il luogo è stato già messo in sicurezza e non ci sono ulteriori rischi di crollo”. Lo fa sapere la Sovrintendenza capitolina ai Beni Culturali dopo un sopralluogo sul posto.   [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie

CALCIO: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI: Ljajic a Istanbul, andrà al Besiktas Trattativa tra Torino e squadra turca in dirittura d’arrivo Champions: Lopetegui ‘dribbla’C.RonaldoTecnico Real: meritato il premio a Modric come miglior giocatore In Spagna Luis Enrique Albiol e SusoPrime convocazioni del nuovo ct, fuori Jordi Alba e Koke Incontro ravvicinato Ramos-Salah, è geloAsso Liverpool ignora difensore Real autore ‘fallaccio’ a Kiev Allegri”United-Valencia caldi,ora Parma”Tecnico: “Alla Champions penseremo dopo gara con il Sassuolo” Roma svela 3/a maglia,in campo con MilanLa storia della città eterna è il tema nuova divisa giallorossa Ceferin nuova deadline Var,Supercoppa’19Da Uefa no a Champions subito, possibilita’ nel 2020 Allegri’Ronaldo arrabbiato un vantaggio'”Suo atteggiamento dimostra che lavora per essere il migliore” Borsa: Juventus al massimo storicoTitolo sfonda quota 1,2 euro, corre anche Lazio, positiva Roma ‘Dybala sereno, nessun contraccolpo CR7’Allegri: ‘Cristiano Ronaldo è uno stimolo per tutti’ Europa League:Olympiacos in gruppo MilanPer la Lazio il Marsiglia di Garcia e Strootman e l’Eintracht Calcio:Bolt fa esordio da professionistaEx velocista entra con Coast Marines dal 72′, applausi da Fifa Milan:Maldini,girone alla nostra portata”Vogliamo andare avanti. Possiamo fare un’ottima competizione” Nations League: niente Italia per CR7Fernando Santos: ho parlato con lui, prima si adatterà a Torino Peruzzi, ci è toccato il girone peggioreDirigente Lazio su sorteggio con Marsiglia, Eintracht e Apollon Inter: Spalletti, girone difficilissimoTecnico su sorteggio Champions: dovremo essere all’altezza Spalletti: Inter saprà dopo le criticheTecnico: “Squadra deve essere brava a gestire emozioni e timori” Spalletti:Non possiamo dipendere da Raja’Con Torino ho visto leggerezze, andavano messe a posto subito’

Tempo di lettura: 7 minuti

DALLE 11:00 ALLE 17:22

DI VENERDì 31 AGOSTO 2018

TORINO

– Una ‘storia’ condivisa su Instagram da Meris Dolovac, uomo di fiducia di Adem Ljajic, conferma la destinazione del fantasista serbo, ormai accasatosi al Besiktas.
La trattativa tra il Torino e la squadra turca dai colori bianconeri, è ormai in dirittura d’arrivo: Ljajic, come ha documentato su Instagram, è atterrato in mattinata a Istanbul e dopo aver sostenuto le visite mediche firmerà il contratto che lo legherà ai turchi. Prestito con obbligo di riscatto la formula scelta.
– “Non ho voglia ne’ pazienza per parlare del Gala’ Uefa di ieri: dico solo che ai premi non do molta importanza, ma quello di Luka Modric come miglior giocatore europeo della passata stagione e’ di sicuro meritato”.
Cosi’ Julen Lopetegui, nuovo tecnico del Real, dribbla la polemica dell’ex merengue Cristiano Ronaldo sulla mancata assegnazione a lui del riconoscimento.
Ieri l’attaccante juventino aveva disertato il Gala’ di Montecarlo, e sia il suo procuratore Mendes sia l’ad Juve Marotta avevano chiaramente parlato di delusione personale. “Il premio a Modric e’ ridicolo”, le parole di Mendes. Oggi la replica-non replica di Lopetegui.
– La Spagna ricomincia da Luis Enrique, e le prime convocazioni del nuovo ct riservano sorprese. Il tecnico ex Barca ha escluso dalla lista dei 24 convocati Jordi Alba, terzino col quale ai tempi blaugrana non era in piena sintonia, e il centrocampista dell’Atletico Koke. Tra le novita’, il ritorno del napoletano Albiol e la chiamata del milanista Suso. Esclusi anche Aspas e Lucas Vazquez, due giocatori chiave nella Spagna di Lopetegui.
– Incontro ravvicinato tra Sergio Ramos e Mohammed Salah nel corso dei sorteggi della Champions League a Montecarlo. Il capitano del Real, autore del fallo che aveva messo fuori causa l’asso egiziano all’inizio della finalissima di Kiev nel maggio scorso tra merengues e Liverpool, ha tentato un contatto con l’ex Roma e Fiorentina. L’attaccante dei Reds non l’ha, invece, degnato di uno sguardo rifiutando – come mostrano le immagini televisive – ogni contato o stretta di mano. Il gelo tra i due è sembrato palpabile da quanto visto nella serata di Montecarlo: Salah ha fatto di tutto per evitare di stringere la mano al giocatore spagnolo che non l’ha presa bene e si è vendicato nel corso della cerimonia dei sorteggi.
Dopo essere sceso dal palco con il premio in mano di miglior difensore della scorsa Champions, Ramos ha salutato l’egiziano seduto in prima fila dandogli un buffetto sulla spalla interpretato da molti come una sorta di provocazione.
– TORINO

– “Manchester e Valencia sono ottime squadre, con ambienti caldi, mentre lo Young Boys è l’outsider.
Ma alla Champions ci pensiamo dopo Sassuolo, ora dobbiamo concentrarci sul Parma”. Massimiliano Allegri è concentrato sulla sfida di domani al Tardini: “Abbiamo sempre fatto fatica a Parma, negli ultimi 24 incontri abbiamo vinto 7 partite a testa e ci sono stati 10 pareggi. Quindi domani bisogna fare una partita tosta, da questi campi bisogna uscire con i tre punti”.
Un concetto che – secondo l’allenatore della Juventus “va rinfrescato, perché magari si pensa che la partita di domani possa essere una passeggiata contro la neopromossa. Siamo alla vigilia degli impegni delle Nazionali e per noi è sempre un pericolo”.
– TORINO

– Ronaldo “ieri era molto arrabbiato, come è normale: aveva fatto 15 gol nella scorsa Champions League e aveva vinto la coppa con i suoi compagni del Real. La sua è stata una scelta personale e, come tale, va rispettata”. Così Allegri sull’assenza di CR7 a Montecarlo dove la giuria gli ha preferito Modric come miglior giocatore della scorsa stagione.
“L’atteggiamento di Ronaldo – ha proseguito il tecnico bianconero – dimostra quanto lui continui a lavorare per essere ancora il migliore, questo per noi è un vantaggio”.
– TORINO

– “Dybala è sereno, è alla ricerca della migliore condizione. Contraccolpo per Ronaldo? No, Cristiano è uno stimolo per tutti”. Allegri getta acqua sul fuoco dopo la panchina dell’argentino nel match con la Lazio, allontanando l’ipotesi ricadute psicologiche dopo l’arrivo di CR7: “Paulo ha iniziato dopo e ha giocato poche partite – ha spiegato il tecnico -. L’arrivo di Ronaldo è uno stimolo, c’è grande competitività, tutti vogliono giocare. Domani è l’ultima delle prime tre di questo mini ciclo e poi inizieremo la stagione dopo la sosta e dopo la sosta bisogna essere tutti in condizione”.
Nonostante le parole di supporto, domani la presenza di Dybala dall’inizio non è assicurata: “Giocheranno Ronaldo e Mandzukic, devo scegliere chi sarà il terzo. O il quarto”, ha sorriso l’allenatore. GUARDA IL VIDEO INTEGRALE DELLA CONFERENZA STAMPA DI MASSIMILIANO ALLEGRI PRE PARMA-JUVENTUS DA “TUTTI I VIDEO DELA JUVENTUS”

La Roma e la Nike lanciano la nuova terza divisa per la stagione 2018-19. Il kit, il cui colore principale è il giallo, sarà indossato dalla squadra per la prima volta in Milan-Roma, in programma questa sera alle 20:30 a San Siro. ”L’ineguagliabile ricchezza della storia della Città Eterna – spiega il club giallorosso sul suo sito internet – è il tema centrale della nuova terza maglia”. L’idea si sviluppa attorno a una serie di mappe aeree che rappresentano i momenti cruciali della storia di Roma, dall’antichità fino ai giorni nostri, andando a formare un motivo del tutto singolare per questa maglia.
Inserito in modo discreto all’interno di questo design, c’è anche il Lupetto di Gratton, storico marchio del club giallorosso.
La nuova terza maglia away sarà in vendita su asromastore.com, su nike.com e presso tutti gli AS Roma Store a partire dal 12 settembre.
– MONTERCARLO

– L’Uefa prevede di iniziare a utilizzare la Var per la prima volta in occasione della Supercoppa del prossimo anno. Il match si giocherà a Istanbul il 14 agosto 2019 tra la vincente della Champions League e la vincente dell’Europa League. “Per la Champions e’ troppo presto, e non possiamo dire quando la adottera’”, le parole all’Ap del presidente Uefa, Aleksander Ceferin. L’Uefa potrebbe quindi utilizzare il sistema video d’ausilio alla terna arbitrale nella prossima stagione di Champions League e Europa League dal 2020.
– Ancora acquisti sulla Juventus in Piazza Affari: dopo il sorteggio dei giorni della Champions League, il titolo bianconero cresce del 3%, al massimo storico e per la prima volta sopra quota 1,2 euro. Molte bene anche la Lazio (+5%), positiva la Roma che sale di mezzo punto.
Dall’arrivo di Cristiano Ronaldo la Juventus è schizzata in Borsa con un rialzo complessivo dell’82% e una forte accelerazione nelle ultime sette sedute. Ma è tutto il calcio che corre: pur tenendo conto dell’enorme volatilità del settore, la Lazio non è lontana dal massimo storico toccato in gennaio e in meno di un anno è salita del 90%. Più cauta la Roma dopo il boom del 2013, ma il Manchester United, forse la società di riferimento del settore sui mercati finanziari, si muove a New York dove è quotata al suo massimo storico di 25 dollari.
Oltre all”effetto Champions’ (la Juventus solo per iniziarla incassa dall’Uefa oltre 30 milioni), incidono le quotazioni alle quali potrebbero passare di mano società come il Chelsea.
– L’Olympiacos è il primo avversario del Milan in Europa League, come da sorteggio Uefa. I rossoneri sono inclusi nel gruppo F insieme agli spagnoli del Betis ed ai lussemburghesi del Dudelange. Per la Lazio, nel gruppo H l’Olympique Marsiglia degli ex romanisti Garcia e Strootman, oltre ai tedeschi dell’Eintracht Francoforte ed ai ciprioti dell’Apollon Limassol.
– “Guardate un po’ chi ha fatto il suo esordio da calciatore professionista? Congratulazioni, Usain Bolt”. Il primatista mondiale dei 100 e 200 ha giocato la sua prima partita vera, entrando in campo con la maglia degli australiani del Central Coast Mariners al 72′ dell’amichevole precampionato vinta 6-1 con i dilettanti del Central Coast. I 10000 tifosi presenti allo stadio di Gosford lo hanno accolto con cori e fumogeni. “La folla mi ha dato entusiasmo, e’ stato fantastico come pensavo”.
– “E’ un girone alla nostra portata, c’è il Betis che è una buona squadra, l’Olympiacos, e poi il Dudelange che non conosciamo. Siamo qui per andare avanti”: così ai microfoni di Sky Sport Paolo Maldini commenta l’esito del sorteggio del girone del Milan in Europa league.
“Rapporto con Uefa da ricostruire? Ma no – dice l’ex capitano rossonero oggi nella veste di dirigente – il Milan deve accettare ciò che deciderà l’Uefa (l’ipotizzata multa per il mancato pareggio di bilancio). Il trend in Europa League è cambiato per le italiane, la si prende molto più seriamente.
Questa competizione dà accesso alla Champions se la si vince e questo ha fatto si che anche il livello sia aumentato”.
Maldini parla poi della squadra: “E’ molto giovane, è importante avere dei giocatori di esperienza come Higuain – sottolinea – la mia presenza è quella di un dirigente nuovo con poca esperienza ma con tanta esperienza in campo”.
– Non ci sara’ Cristiano Ronaldo nel Portogallo che il 10 settembre affrontera’ l’Italia a Lisbona, nella prima partita dei lusitani nella Nations League. Il ct Fernando Santos ha annunciato una lista di 24 convocati per l’amichevole con la Croazia e la sfida con gli Azzurri nella quale non figura l’attaccante della Juve. “Ho parlato con lui – ha spiegato – e abbiamo concluso che in considerazione del processo di adattamento a Torino e alla nuova squadra non sia con noi in questa ‘finestra’ di nazionale”.
– “Guardando gli altri ci è toccato il peggior girone possibile”. Il club manager della Lazio, Angelo Peruzzi, commenta così i sorteggi di Europa League che vedono i biancocelesti nello stesso girone di Marsiglia, Eintracht e Apollon Limassol. “Il Marsiglia di Rudi Garcia e Strootman? Non sentiamo aria di derby, è una buona formazione con ottimi elementi, anche l’Eintracht è forte. I francesi hanno una giornata di squalifica del campo, vediamo quando ci toccherà sul loro campo”, ha aggiunto Peruzzi.
– “Il girone di Champions? Il conto di essere in quarta fascia lo abbiamo pagato fino all’ultimo centesimo. Ma se si va indietro, l’anno scorso saremmo stati felici di far parte di questo gruppo”. Lo ha detto il tecnico dell’Inter Luciano Spalletti, nella conferenza stampa alla vigilia della sfida contro il Bologna, commentando il sorteggio dei gironi di Champions League. “Quello che diventa fondamentale come prima cosa è che sia tornato il nome Inter in quelle palline – ha proseguito Spalletti ad Appiano Gentile -. È un girone tosto, di quelli difficilissimi. Ci può essere il piccolo vantaggio che non c’è nessuna squadra di livello inferiore, ci sarà equilibrio. Noi dobbiamo assolutamente essere all’altezza degli altri”.
– “Bisogna imparare a pedalare le prime volte senza perdersi dietro le critiche”. Lo ha detto l’allenatore dell’Inter, Luciano Spalletti, nella conferenza stampa alla vigilia della sfida contro il Bologna. “Preoccupato per l’incapacità di reagire della squadra? Non mi preoccupa, perché non è così, noi sappiamo reagire e lo abbiamo mostrato anche l’anno scorso – ha proseguito -. Adesso stiamo lavorando per non fare scendere più il nostro livello. La squadra deve essere brava a gestire emozioni e timori, anche negli episodi contro o a favore deve essere padrona di questi momenti”.
– “Nainggolan? Quando si vuole diventare una squadra forte, non si può dipendere da un solo giocatore”. Lo ha detto l’allenatore dell’Inter, Luciano Spalletti, nella conferenza stampa alla vigilia della sfida contro il Bologna. “Con la rosa a disposizione, i giocatori li vorrei far girare per avere sempre forze fresche – ha proseguito -. Radja ha qualità che non avevamo, ha vampate di aggressività e velocità di idee, ci può dare qualcosa. Ma questa squadra deve essere ed è forte anche se ci manca un giocatore”. “Contro il Torino ho visto un paio di leggerezze pesanti e sono dovuto andare a richiamarle e metterle a posto subito”, ha continuato Spalletti, in riferimento all’allenamento di domenica scorsa dopo il pareggio con i granata. “Un po’ ci si poteva aspettare difficoltà, tra i nuovi arrivi e i Mondiali, sapevamo che poteva pesare. Dovremo dare gli input giusti per sfruttare il nostro potenziale”.
[print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Android, Notizie, Tecnologia

TECNOLOGIA: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI: Assistente Google diventa poliglotta Intelligenza artificiale potenzia schermi e speaker Google-Mastercard, intesa segreta per tracciare clientiMonitorate vendite al dettaglio di 2 miliardi di consumatori Usa, Microsoft premia congedo parentaleBeneficio già previsto per dipendenti, ora anche per fornitori

Tempo di lettura: 3 minuti

DELLE 16:34

DI VENERDì 31 AGOSTO 2018

L’assistente di Google diventa poliglotta. All’Ifa di Berlino l’azienda di Mountain View ha presentato la novità, spalmabile su più dispositivi compresi quelli per la casa ‘smart’: si possono fare e ottenere risposte in più lingue. Attualmente, l’Assistente può comprendere qualsiasi coppia di lingue in inglese, tedesco, francese, spagnolo, italiano e giapponese. “ci espanderemo a più lingue nei prossimi mesi”, spiega Big G.
L’intelligenza artificiale è alla base della strategia della società. Arriva anche Google Home Max: offre audio ad alta fedeltà e bilanciato ed è disponibile in Germania, Regno Unito e Francia. E dopo aver introdotto il primo Smart Display il mese scorso con Lenovo, Google ora espande la proposta con il lancio di Link View di JBL nelle prossime settimane, dedicato alla cucina. Si può usare la voce per scorrere lo schermo e seguire una ricetta, controllare la casa intelligente, guardare la TV in diretta su YouTube TV e fare videochiamate con Google Duo. Gli Smart Display sono inoltre integrati con Google Calendar, Google Maps, Google Foto e YouTube.
L’Assistente Google è così importante che Google dedica un tasto apposito, su più telefoni e cuffie Android. Alcuni dei più recenti dispositivi tra cui LG G7 One, SHARP Simple Smartphone 4 e Vivo NEX S, ora dispongono di pulsanti dedicati per accedere facilmente all’Assistente. Inoltre, il nuovo Xperia XZ3 di Sony e Blackberry Key 2 LE sfruttano anche le scorciatoie per attivare l’Assistente.

Google e Mastercard avrebbero concluso un accordo segreto che avrebbe permesso alla società di Mountain View e ai suoi inserzionisti di tracciare le vendite al dettaglio, quindi “offline”, di oltre due miliardi di carte. Google – secondo Bloomberg – avrebbe pagato milioni di dollari per avere i dati da Mastercard e le due società avrebbero discusso anche la divisione di una parte dei guadagni, secondo persone che hanno lavorato all’intesa. I portavoce di Google e Mastercard non hanno voluto commentare. L’intesa riguarderebbe solo gli Stati Uniti.Se l’accordo fosse vero (le due compagnie non ne hanno mai parlato pubblicamente), più di due miliardi di possessori di Mastercard sono stati inconsapevoli di questo tracciamento, fa notare Bloomberg. Lo scorso anno Google ha annunciato un servizio chiamato “Store Sales Measurement” spiegando di avere accesso ad “approssimativamente il 70%” delle carte di debito e credito Usa attraverso dei partner, senza menzionarli. La vicenda ancora una volta solleva questioni di privacy: “le persone non si aspettano che le cose comprate nei negozi fisici siano collegate a quelle comprate online, non c’e’ abbastanza informazione ai consumatori su cosa stanno facendo e che diritti hanno”, spiega Christine Bannan, dell’Electronic Privacy Information Center (EPIC). Qualche settimana fa Unicredit ha interrotto le interazioni con Facebook giudicando il social network “non etico”.“Prima di lanciare questo prodotto in versione beta lo scorso anno, abbiamo sviluppato una nuova tecnologia di crittografia in doppio cieco che impedisce sia a Google sia ai nostri partner di visualizzare le informazioni personali identificabili degli utenti. Non abbiamo accesso a nessuna informazione personale dalle carte di credito e di debito dei nostri partner, né condividiamo alcuna informazione personale con i nostri partner. Gli utenti Google possono fare opt out in qualsiasi momento utilizzando gli strumenti gestione Attività Web e App”, questo il commento di un portavoce di Google.

– Negli Usa Microsoft ha annunciato che lavorerà solo con compagnie che riconoscono il congedo parentale retribuito ai propri dipendenti, un benefit che la casa di Redmond già garantisce ai propri dipendenti ma non ai ‘contractor’. La rivoluzione, in un paese in cui il congedo esiste solo in cinque Stati, riguarderà oltre mille aziende, dalle ditte di pulizia ai fornitori.
Ai lavoratori, spiega in un post sul proprio blog il vicepresidente di Microsoft Dev Stahlkopf, dovrà essere riconosciuto almeno il 66% dello stipendio o un massimo di mille dollari a settimana per tre mesi. “Questo cambiamento – spiega – dovrà essere applicato a tutti i genitori impiegati dai nostri fornitori che non vanno al lavoro per una nascita o un’adozione.
Vale per tutte le aziende con più di 50 dipendenti”. Non è la prima volta che Microsoft fa da apripista nel settore dei diritti dei lavoratori. Come fa notare l’edizione Usa di Wired, nel 2015 la compagnia ha iniziato a chiedere ai fornitori di dare 15 giorni di ferie pagate l’anno ai dipendenti, oltre a riconoscere la malattia, iniziativa poi copiata da altri big della tecnologia come Facebook.   [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS

TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS: DALLA VIDEOGALLERY BIANCONERA: CONFERENZA STAMPA DI MASSIMILIANO ALLEGRI DELLE 12:00 DI VENERDì 31 AGOSTO 2018 VIGILIA DI PARMA-JUVENTUS DELLE 20:45 DI SABATO 1 SETTEMBRE 2018 IL VIDEO INTEGRALE

Tempo di lettura: 1 minuto

Predica come sempre attenzione Mr. Allegri

ed anche concentrazione, abnegazione e fare le cose semplici

e tanto altro.. Per saperlo, niente di più facile: eccolo in Conferenza stampa pre Parma-Juve di domani sera alle 20:30 con la Juve che si presenta al Tardini capolista con 6 punti, 5 gol fatti e 2 subiti alla prima giornata, come ben si ricorderà, contro il Chievo. Dopo il 3-0 alla Lazio, prima della sosta, il Mister predica come sempre maggiore allerta, così come lo farà dopo. Inoltre è sempre assai pratico e concreto: ad esempio alla ormai quasi usuale domanda sul “bel gioco”, in breve ha risposto che ciò che conta è “Vincere”, cosa per me più che ovvia, ma a quanto pare non è così per la stragrande maggioranza di coloro che si professano “intenditori”… di calcio: nell’albo restano le vittorie, nè il bel gioco, nè quello brutto, tutto è un corollario per la vittoria alla Juve, ormai questa mentalità a chi la segue, giornalisti in specie, dovrebbe essere ben chiara. Bando alle ciance: buona visione!

Aggiornamenti, Android, Notizie, Tecnologia

TECNOLOGIA/ANDROID: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI: Motorola One, sistema operativo Android in versione ‘light’ All’Ifa lo smartphone di fascia media da 5,9 pollici Panasonic, dopo Brexit si sposta ad AmsterdamPesano problematiche fiscali e libero flusso merci e persone Blackberry, il Key 2 si fa economicoAll’Ifa la versione LE, ha la tastiera fisica ed è meno caro

Tempo di lettura: 2 minuti

DALLE 10:00 ALLE 14:32

DI VENERDì 31 AGOSTO 2018

Motorola si unisce all’elenco delle compagnie – da Nokia a Samsung e Lg – che propongono uno smartphone Android One. La versione leggera del sistema operativo di Google equipaggia un dispositivo chiamato semplicemente Motorola One, e che sfrutta i vantaggi del robottino in versione “light”: aggiornamenti di sicurezza garantiti per tre anni, insieme a una fotocamera smart coadiuvata da Google Lens.
Svelato all’Ifa di Berlino, lo smartphone si presenta con un corpo in vetro curvo, schermo da 5,9 pollici con l’ormai classico notch, doppia fotocamera posteriore da 13MP più fotocamera frontale da 8MP.
All’interno monta il processore Snapdragon 625 di Qualcomm, 4 GB di Ram e 64 GB di memoria interna, espandibile fino a 256 GB. La batteria da 3.000 mAh promette d durare per tutta la giornata. Il sistema operativo è Android 8.1 Oreo in versione One e – assicura Motorola – sarà tra i primi ad aggiornarsi ad Android 9 Pie.
Il lancio del Motorola One è previsto in Europa a un prezzo di 300 euro; nei prossimi mesi sbarcherà anche in America Latina e in Asia Pacifico.

Panasonic sposterà il suo quartier generale da Londra ad Amsterdam per evitare potenziali noie fiscali dovute all’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, decisa con il voto sulla Brexit. Lo anticipa il giornale Nikkei, citando l’amministratore delegato in Europa dell’azienda giapponese, Laurent Abadie, il quale ha spiegato che la Panasonic potrebbe comunque considerare la sede inglese come ‘paradiso fiscale’ se dovesse abbassare le imposte sui profitti delle imprese.La Gran Bretagna aveva anticipato un abbassamento delle tasse per le aziende che manterranno la loro sede nel paese dopo la Brexit, spiega il Nikkei, ma per alcune società la designazione di ‘tax heaven’ dove operano, potrebbe comportare un maggior carico fiscale nelle nazioni di provenienza. Considerate le varie implicazioni dovute al processo innescato dalla Brexit – incluso il trasferimento delle merci e il libero flusso delle persone -, Abadie ha aggiunto che la società ha impiegato 15 mesi per progettare un’eventuale trasferimento nel Vecchio continente. Le sedi amministrative di Panasonic in Europa sono divise principalmente tra la Germania e la Spagna, insieme ad altri paesi. Le 20-30 persone impiegate a Londra, il settore che si occupa di auditing e delle operazioni fiscali, verranno trasferite in Olanda. Solo lo staff dell’ufficio delle relazioni con gli investitori rimarrà a Londra.
All’Ifa di Berlino BlackBerry va incontro alle esigenze degli utenti che apprezzano la tastiera fisica ma non vogliono spendere oltre 600 euro per il top di gamma. Il marchio canadese, preso in licenza da Tcl, svela il Key 2 LE, una versione economica del Key 2 arrivato sugli scaffali nelle scorse settimane.La tastiera, peculiarità di BlackBerry, è presente anche sul nuovo smartphone, ma non ha il gesture touch che equipaggia il fratello maggiore. Il corpo in alluminio lascia il posto a una scocca in policarbonato, il processore Snapdragon 660 è sostituito dal 636, la Ram è da 4 invece che da 6 GB.Un po’ più piccola anche la batteria, da 3.000 invece che 3.500 mAh, che dovrebbe comunque garantire una giornata di autonomia. Il sistema Quick Charge di Qualcomm ricarica il 50% in 36 minuti. Il comparto fotografico vede la presenza di una doppia fotocamera posteriore da 13MP + 5MP (il Key 2 ha due sensori da 12MP), cui si aggiunge una fotocamera frontale da 8MP.Con schermo da 4,5 pollici, lo smartphone Android arriva in 3 varianti di colore – Slate, Champagne e Atomic – a 400 euro nella variante da 32GB di memoria interna, che salgono a 430 per i 64 GB.   [print-me title=”STAMPA”]