Aggiornamenti, Cronaca, Notizie

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 09:55 ALLE 11:45

DI GIOVEDì 11 OTTOBRE 2018

SOMMARIO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Camion contro barriere, chiusa To-Aosta
L’incidente in direzione Aosta. Squadre di soccorso sul posto

Maltempo, oltre 350 mm di pioggia cadutiSituazioni più critiche in Ogliastra e Sarrabus

Cacciatori di Briciole per più bisognosiIn Alto Adige raccolti 1,5 mln di brioche, panini e pizzette

Voluntary disclosure ma era riciclaggioGdf Bergamo scopre in regolarizzazione soldi traffici illeciti

Ucciso a Vercelli,arrestato amico 70enneIl delitto all’inizio di settembre, s’indaga ancora sul movente

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

TUTTE LE NOTIZIE DI CRONACA SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

TORINO

– Autostrada A5 Torino-Aosta bloccata, in direzione del capoluogo valdostano dopo lo svincolo di Ivrea, tra Tavagnasco e Quincinetto, per un incidente stradale che si è verificato sul ponte di Quincinetto. Forse a causa delle forti piogge, un camion è andato a sbattere contro le barriere di cemento a lato del viadotto, abbattendole. La motrice del mezzo pesante si è poi ribaltata sulla carreggiata.
Sono in corso le operazioni di soccorso da parte del personale del 118, che sta valutando le condizioni del camionista, e dei vigili del fuoco. L’autostrada in direzione Aosta è stata temporaneamente chiusa dalla polizia stradale. Una parte delle barriere di cemento è caduta sulla provinciale, che passa sotto il viadotto dove, in quel momento, non c’erano veicoli in transito.
Segnalate code da Ivrea in direzione Nord.
– CAGLIARI

– Il picco massimo di precipitazioni è stato registrato nella zona di Santa Lucia di Capoterra: 353 millimetri di pioggia. L’arco temporale è quello compreso tra le 20 del 9 ottobre e la stessa ora del giorno successivo. Ma – secondo il bollettino meteorologico della Protezione civile – la mappa delle situazioni che ieri erano ultracritiche è molto più ampia. E comprende la zona di Tertenia (anche 294 mm) e scende sino a San Priamo con 256,1 millimetri.
– BOLZANO

– Dal 2013 i Cacciatori di Briciole dell’associazione bolzanina Volontarius raccoglie sera dopo sera in bar, pasticcerie, panifici e negozi alimenti invenduti per distribuirli poi ai bisognosi. I numeri sono da record: ormai sono quasi 1 milione e mezzo le ‘briciole’, ovvero le brioche, panini e pizzette, raccolte in questi cinque anni dai 130 volontari, che sono impegnati 450 ore al mese. Sono 100 gli esercizi che aderiscono all’iniziativa.
“Viene raccolto e distribuito a persone in stato di bisogno tutto quello che è ancora buono ma che altrimenti finirebbe nel bidone”, spiega il coordinatore dei Cacciatori di Briciole Christian Bacci. L’associazione vuole comunque anche sensibilizzare contro lo spreco alimentare a casa. “Il pane, per esempio, può essere riutilizzato anche se è vecchio”, ricorda Bacci.
– MILANO

– Aveva aderito all’emersione dei capitali all’estero ma in realtà quei soldi erano del marito defunto e di altri soggetti che erano stati condannati per reati finanziari. Lo hanno scoperto i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bergamo che così hanno sequestrato beni e disponibilità finanziarie in territorio italiano e svizzero per oltre 9 milioni di euro.
Il provvedimento cautelare, firmato dal gip del Tribunale di Bergamo su richiesta del Sostituto Procuratore della locale Procura della Repubblica, rappresenta l’epilogo di un’indagine condotta nei confronti di una sessantenne bergamasca che, nel 2015, ha aderito alla cosiddetta Voluntary Disclosure per regolarizzare un ingente patrimonio, non dichiarato, detenuto all’estero. La donna non avrebbe indicato che le attività finanziarie da rimpatriare “erano in realtà collegate ad altri soggetti e che erano il frutto di reati diversi da quelli per cui la legge consentiva la regolarizzazione”.
– VERCELLI

– Svolta nelle indagini sull’omicidio di Antonello Bessi, l’artigiano 57enne ucciso a coltellate lo scorso 4 settembre nel garage di Vercelli in cui riparava biciclette. Giovanni Perini, pensionato di 70 anni incensurato amico della vittima, è stato fermato dalla polizia al termine di un lungo interrogatorio in cui ha confessato, salvo poi ritrattare tutto. Il fermo è stato convalidato e l’uomo si trova ora in carcere. Le indagini proseguono per stabilire il movente dell’omicidio. L’arma del delitto non è mai stata ritrovata.

STAMPA

Annunci
No votes yet.
Please wait...

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.