Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 08:16 ALLE 10:52

DI VENERDì 11 GENNAIO 2019

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Asia chiude in rialzo
In rialzo Tokyo (+0,9%), lo yen poco variato sul dollaro

11 gennaio 201908:16

– Borse asiatiche in rialzo in scia con la progressione degli indici azionari Usa e con i segnali di ripresa dei consumi nella prima economia mondiale. Gli investitori hanno anche reagito positivamente alle affermazioni del presidente della Fed, Jerome Powell, secondo il quale la banca centrale potrebbe sospendere gli aumenti dei tassi d’interesse se l’economia statunitense si indebolisse.
Tokyo archivia la seduta in rialzo con l’indice Nikkei che guadagna lo 0,97%. Sul mercato dei cambi lo yen è poco variato sul dollaro, trattando a 108,30 e sulla moneta unica 124,80. In positivo anche Shanghai (+0,66%), Shenzhen (+0,67%), Hong Kong (+0,41%), Seul (+0,6%). In controtendenza Mumbai che cede lo 0,44%.
Sul fronte macroeconomico in arrivo i dati sulla produzione industriale di Spagna e Italia e Uk, il Pil del Regno Unito e l’inflazione negli Stati Uniti.
Petrolio: stabile a 52,64 dollariBrent a 61,65 dollari

11 gennaio 201908:49

– Il petrolio è stabile a 52,64 dollari per il barile Wti e a 61,65 dollari per il Brent.
Oro: in rialzo a 1.293,54 dollariGuadagna lo 0,54%

11 gennaio 201908:52

– L’oro è in rialzo a 1.293,54 dollari l’oncia, segnando un progresso dello 0,54%.
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,37%)Indice Ftse Mib a 19.372 punti

MILANO11 gennaio 201909:06

– La Borsa di Milano apre in rialzo.
Il primo indice Ftse Mib guadagna lo 0,37% a 19.372 punti.
Cambi: euro in rialzo a 1,1525 dollariYen a 124,90

11 gennaio 201909:09

– L’euro è in rialzo riportandosi sopra quota 1,15 contro il dollaro. La moneta unica vale ora 1,1525 dollari e 124,90 yen.
Spread Btp apre stabile a 264,8 puntiRendimento al 2,89%

11 gennaio 201909:15

– Lo spread tra Btp e Bund apre stabile a 264,8 punti dai 263 della chiusura di ieri. Il rendimento è al 2,89%.
Borsa: Europa apre in rialzoLondra (+0,35%), Francoforte (+0,25%) e Parigi (+0,19%)

11 gennaio 201909:20

– Le Borse europee aprono in rialzo con gli investitori che attendono le mosse delle banche centrali. I mercati guardano in modo positivo ai contenuti dei verbali della Bce ed alla posizione del presidente della Fed Jerome Powell il quale si è detto pronto a sospendere gli aumenti dei tassi d’intesse se l’economia statunitense si indebolisce.
L’indice d’area Stoxx 600 avanza dello 0,22%; in positivo Londra (+0,35%), Francoforte (+0,25%) e Parigi (+0,19%) mentre è piatta Madrid (-0,01%).
Borsa: Milano prosegue in rialzoAvanzano le assicurazioni e Tim,stabile lo spread tra Btp e Bund

MILANO11 gennaio 201910:00

– La Borsa di Milano (+0,1%) prosegue in rialzo rispetto all’avvio di seduta. A Piazza Affari avanzano le assicurazioni mentre le banche si mostrano deboli con la vicenda di Carige che tiene ancora banco. Sul fronte dei titoli di stato lo spread tra Btp e Bund apre stabile a 264 punti con il rendimento del decennale italiano al 2,89%.
In fondo al listino Ferragamo (-2,9%), con la raccomandazione ‘Undeperform’ da parte degli analisti di Credit Suisse, e Brembo (-2,6%). In rosso le banche con Ubi (-0,7%), Banca Generali (-0,5%), Intesa e Banco Bpm (-0,1%).
Corrono Saipem (+2,3%) e Pirelli (+1,4%). In positivo il comparto assicurativo dove si mettono in mostra Unipol (+2,7%), Unipolsai (+1,5%) e Generali (+1,2%). In rialzo Tim (+1,2%), dopo il pressing di Vivendi sul cda. Bene Astaldi (+2%), con la conferma del forte interesse da parte di Ihi Corporation.
Borsa:Europa in positivo,avanza energiaIn ordine sparso comparto auto, in rialzo euro su dollaro

11 gennaio 201910:12

– Le Borse europee proseguono in territorio positivo. I listini sono spinti dal comparto dell’energia (+1%) con il prezzo del petrolio stabile a 52,64 dollari per il barile Wti. Gli investitori guardano in modo positivo alle posizioni delle banche centrali ed al confronto tra Usa e Cina sul fronte commerciale. In lieve rialzo l’euro sul dollaro a 1,1529 a Londra.
L’indice d’area stoxx 600 guadagna lo 0,2%. In positivo Londra (+0,6%), in attesa che venga definita la vicenda della brexit, Madrid (+0,3%), Parigi (+0,1%) mentre è piatta Francoforte (+0,06%).
In stabile rialzo i titoli legati al petrolio con Polski (+3%), Bp (+1,2%), Shell (+1%) e Total (+0,5%). In ordine sparso il settore dell’auto (-0,2%) dove sono in calo Volkswagen e Renault (-0,5%) e Porsche (-0,2%). In rialzo Peugeot (+0,7%), Fca (+0,4%) e Ferrari (+0,2%).
Crolla produzione, -2,6% a novembreCalo dell’1,6% rispetto ad ottobre 2018

11 gennaio 201910:16

– La produzione industriale italiana a novembre 2018 è diminuita dell’1,6% rispetto ad ottobre e del 2,6% rispetto a novembre 2017. Lo comunica l’Istat.
BlackRock: economia frena, più ‘privato’Sondaggio tra 230 clienti, meno investimenti anche in Borsa

11 gennaio 201910:22

– Gli investitori istituzionali globali spostano i rischi dai mercati pubblici a quelli privati.
Lo afferma uno studio di BlackRock, che evidenzia una “preoccupazione per l’evoluzione del ciclo economico” mondiale.
Secondo il sondaggio del gruppo di investimento statunitense, al quale hanno partecipato 230 clienti istituzionali che rappresentano oltre 7 trilioni di dollari di attività investibili, il 51% intende ridurre la propria allocazione in titoli azionari quotati nel 2019. Con un trend strutturale a lungo termine di riallocazione del rischio e di ricerca di rendimenti non correlati, sono previsti ulteriori afflussi verso i mercati ‘alternativi illiquidi’, con un 54% che intende aumentare l’esposizione al reale attivo, il 47% al private equity e il 40% al settore immobiliare.
Le allocazioni a reddito fisso hanno registrato un picco: dal 29% dell’anno scorso si passa quest’anno al 38% per i clienti BlackRock, con la previsione di una forte crescita per il credito privato.
Borsa: Milano sale dopo dati industriaIn ordine sparso le banche, svettano Unipol e Saipem

11 gennaio 201910:27

– Piazza Affari (+0,3%) resta in stabile rialzo dopo i dati in calo della produzione industriale a novembre. In ordine sparso le banche mentre in fondo al listino proseguono Brembo (-2,6%) e Ferragamo (-1,2%).
Tra gli istituti di credito procedono in rosso Ubi e Banco Bpm (-0,5%), Bper (-0,3%), Banca Generali (-0,2%) ed Mps (-0,1%). In cima al listino svettano Unipol (+3,2%) e Saipem (+2,3%). Bene anche Tim (+0,8%), dopo il pressing di Vivendi sul cda, e Unicredit (+0,5%), con le indiscrezioni sull’ipotesi che la banca potrebbe essere il partner per Carige con una ‘dote’ statale.
Crolla la produzione industriale, -2,6% a novembreCalo dell’1,6% rispetto ad ottobre 2018

11 gennaio 201910:28

La produzione industriale italiana a novembre 2018 è diminuita dell’1,6% rispetto ad ottobre e del 2,6% rispetto a novembre 2017. Nei primi undici mesi del 2018 la produzione industriale italiana è cresciuta dell’1,2% rispetto all’anno precedente. Lo comunica l’Istat in base alle stime sulla produzione di novembre, aggiungendo che, nella media del trimestre settembre-novembre 2018, il livello della produzione registra una flessione dello 0,1% rispetto ai tre mesi precedenti.       

STAMPA
Annunci
No votes yet.
Please wait...

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.