Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 09:36 ALLE 15:30

DI VENERDì 11 GENNAIO 2019

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

E’ bufera su Baglioni, Salini “piena collaborazione”
De Santis, ‘è stato un comizio’. Pd, caso Festival in Vigilanza

11 gennaio 201909:36

Aria di bufera su Sanremo. Il giorno dopo le affermazioni sui migranti e sui politici (passati e presenti) del direttore artistico del festival Claudio Baglioni, il dibattito, tutto politico, continua a tenere banco anche sui social. E c’è da scommettere che l’onda lunga arriverà fino ai giorni della manifestazione (5-9 febbraio), la prima sotto la bandiera gialloverde del governo targato Lega e Movimento 5 Stelle.
Dopo le dichiarazioni di Baglioni (“sui migranti siamo alla farsa”) e l’attacco frontale del ministro dell’Interno Matteo Salvini (“pensi a cantare”; oggi invece nel mirino è finito Fabio Fazio: “probabilmente guadagna in un mese quello che il ministro guadagna in un anno. Non farei mai cambio, ma pretendo rispetto”), la Rai getta acqua sul fuoco della polemica e per bocca dell’ad Fabrizio Salini conferma il “clima di piena collaborazione” con il cantautore e blinda l’evento. “Il Festival è patrimonio degli italiani. Il mio compito, e quello della Rai, è garantirne la qualità e il successo – scrive su Twitter l’ad -. Stiamo lavorando per far sì che il direttore artistico, in un clima di piena collaborazione, possa realizzare, insieme a Rai1, un festival in linea con le aspettative del grande appuntamento”. Archiviata, dunque, qualunque ipotesi di ‘epurazione’ del direttore artistico rimbalzata in indiscrezioni di stampa.
Meno accomodante, solo qualche ora prima, era stata, in una lettera inviata a Dagospia, la direttrice di Rai1 Teresa De Santis, colta alla sprovvista, alla sua prima uscita pubblica alla guida di Rai1, dalle esternazioni di Baglioni. “Sono solo canzonette, o almeno dovrebbero esserlo. Invece, e non solo per responsabilità di Claudio Baglioni, sono state trasformate nel solito comizio”, scrive De Santis, aggiungendo: “mi preme ricordare che Rai1 si chiama rete ammiraglia perché è la rete più importante e produttiva dell’azienda, guai ad attaccarla senza sapere che ci rimette l’intera Rai”. Lettera che non è piaciuta all’Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai. “Non solo non smentisce ma addirittura accusa Baglioni di aver condiviso la ‘responsabilità’ del ‘solito comizio'”. “Se qualcuno pensa di aprire in Rai una stagione di epurazione sulla base delle opinioni troverà la nostra più ferma resistenza”, afferma il segretario Vittorio di Trapani.
Una querelle che infiamma anche l’opposizione di governo, con il Pd che, a difesa di Baglioni, invoca l’intervento della Commissione di Vigilanza Rai accusata di “silenzio tombale”. Ma il presidente Alberto Barachini non ci sta: “Sto lavorando, non commento i retroscena né le provocazioni nei miei confronti”.
E si spaccano anche i consiglieri di amministrazione: da una parte Rita Borioni difende Baglioni (“Non ci si può offendere: è la democrazia, l’articolo 21 della nostra Costituzione tutela la libertà di opinione. Non può essere una colpa avere un’opinione diversa dalla maggioranza di governo. La Rai deve essere il palco per tutte le voci, altrimenti è tv di regime”), dall’altra Giampaolo Rossi che ha trovato “del tutto fuori luogo le parole” del cantautore (“In una conferenza stampa è legittimo che i giornalisti facciano domande. Credo però che sia anche altrettanto giusto non rispondere. Il festival non è una tribuna politica”).
Intanto, sul fronte dello spettacolo, sfuma il sogno di avere Checco Zalone. “Io superospite? Sono balle. Non ho il coraggio di andare all’Ariston, è un palco difficilissimo. E poi sarò in Kenya a girare il mio prossimo film, come faccio a tornare?”, ha detto alla trasmissione di Radio2 ‘I Lunatici’. Smentisce ogni trattativa anche il produttore dei suoi film Pietro Valsecchi: “È una fake news, come se io annunciassi che Claudio Baglioni interpreterà una nuova serie della Taodue…”.

Industria: Conte,attendevo dato negativoPer questo è stato importante intervenire con manovra sviluppo

11 gennaio 201914:24

– “Mi attendevo e temevo un dato negativo della produzione industriale: già i dati per alcuni partner europei erano stati anticipati, ed era difficile che anche per l’Italia non fosse di segno negativo”. Così il premier Giuseppe Conte. “Ma ancor di più è importante aver anticipato prima e compreso che sarebbe stata questa la ragionevole evoluzione del trend economico e ancora per questo è stato ancor più importante intervenire con quella manovra economica nel segno della crescita e dello sviluppo sociale”.
Salvini, non ci sarà voto anticipatoVicepremier, rispettiamo uno per uno tutti gli impegni presi

11 gennaio 201914:34

– “Noi rispettiamo uno per uno tutti gli impegni presi, per questo non ci saranno elezioni anticipate in base ai sondaggi”. Lo ha detto il ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini arrivando all’inaugurazione della nuova sede del sindacato Ugl a Milano.
Conte, nessun problema su rinvio redditoQuello che interessa è la pubblicazione in Gazzetta ufficiale

11 gennaio 201914:35

– “Il differimento del reddito di cittadinanza alla settimana prossimo è dovuto al fatto che è un provvedimento molto complesso, ci stiamo lavorando da mesi e vogliamo farlo bene. Stiamo prevedendo un sistema integrato e stiamo acquisendo il parere della ragioneria, ma ciò non significa che ci sia alcun problema. Quello che interessa è la pubblicazione in gazzetta ufficiale”. Lo ha detto il premier, Giuseppe Conte, a margine degli Stati Generali dei consulenti del lavoro.
Di Maio, spero in nuovo boom economicoNegli anni ’60 le autostrade, ora creiamo quelle digitali

11 gennaio 201914:39

– “Un nuovo boom economico potrebbe rinascere: negli anni ’60 avemmo le autostrade, ora dobbiamo lavorare alla creazione delle autostrade digitali”. Lo afferma il ministro dello Sviluppo e vicepremier, Luigi Di Maio, intervenendo agli Stati generali di consulenti del lavoro.
Tav: Conte, piazza Lega non è problemaDateci tempo per esaminare rapporto poi governo si esprimerà

11 gennaio 201914:47

– “Non è non problema che scenda in piazza la Lega o il Movimento o i cittadini. Noi, per quando riguarda il governo, abbiamo coinvolto direttamente le comunità locali, abbiamo definito un percorso: dateci il tempo di esaminare il rapporto e dopo comunicheremo le decisioni”. Lo ha detto il premier, Giuseppe Conte, a margine degli Stati Generali dei consulenti del lavoro, parlando della Tav. “Tutto il governo si esprimerà adesso che il lavoro istruttorio è stato completato: io confessò non l’ho ancora letto,lo studieremo tutti e definiremo come abbiamo detto, un percorso di valutazione, trasparente comunicato ai cittadini e – ripete – espliciteremo la decisione del governo”.
Trivelle: Conte, governo è per rivederleRiflessione comune ma non mi chiedete permesso per permesso

11 gennaio 201914:55

– “Sicuramente il governo esprime in questa materia una sensibilità diversa rispetto al passato. La questione adesso è specifica per il ministro Di Maio e Costa: evidentemente faremo anche una riflessione comune nel governo e valuteremo, ma non chiedetemi permesso per permesso. C’è una sensibilità comune del governo a rivedere le autorizzazioni delle trivelle”. Lo afferma il premier Giuseppe Conte. “Non è questa – ribadisce – la soluzione per noi da offrire al paese per rafforzare la capacità energetica del paese”.
Salvini ricorda De André citando ‘Il Pescatore’. Sui social: ‘Sicuro di averla capita?’In molti ironizzano invitando il ministro a rileggere l’intero testo

11 gennaio 201915:10

Anche Matteo Salvini ricorda Fabrio De André a 20 anni dalla morte. E lo fa citando l’incipit del ‘Pescatore’.

In molti, nei commenti, ironizzano però invitando il ministro a rileggere l’intero testo che parla di un pescatore che divide pane e vino con un assassino. ‘Sei sicuro di averla capita?’, dicono.
Eccone alcuni:
Matteo Salvini (nome visualizzato: matteosalvinimi)
Matteo Salvini (nome visualizzato: matteosalvinimi)
· 4h
Visualizza su Twitter
“All’ombra dell’ultimo sole si era assopito un pescatore…”
Ciao Fabrizio, grazie poeta! #Faber #FabrizioDeAndré
Visualizza l’immagine su Twitter
Pasquale Videtta (nome visualizzato: pasqualevidetta)
Pasquale Videtta (nome visualizzato: pasqualevidetta)
“Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno
Non si guardò neppure intorno
Ma versò il vino spezzò il pane
Per chi diceva ho sete ho fame”

Mi sa che tu hai capito solo il la la la la la la la la del ritornello. E non ne sono nemmeno così sicuro. #Faber #FabrizioDeAndré
Mi piace
103
12:11 – 11 gen 2019
Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter
Visualizza conversazione su Twitter
17 utenti ne stanno parlando
Visualizza su Twitter
Matteo Salvini (nome visualizzato: matteosalvinimi)
Matteo Salvini (nome visualizzato: matteosalvinimi)
· 4h
Visualizza su Twitter
“All’ombra dell’ultimo sole si era assopito un pescatore…”
Ciao Fabrizio, grazie poeta! #Faber #FabrizioDeAndré
Visualizza l’immagine su Twitter
Lady Pontmercy (nome visualizzato: mildred24601)
Lady Pontmercy (nome visualizzato: mildred24601)
Mi sa che il pezzo
“gli occhi dischiuse il vecchio al giorno
Non si guardò neppure intorno
Ma versò il vino e spezzò il pane
Per chi diceva ho sete, ho fame”
T’è un filo sfuggito
Mi piace
5
14:26 – 11 gen 2019
Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter
Visualizza profilo su Twitter
Visualizza altri Tweet di Lady Pontmercy
Visualizza su Twitter
Matteo Salvini (nome visualizzato: matteosalvinimi)
Matteo Salvini (nome visualizzato: matteosalvinimi)
· 4h
Visualizza su Twitter
“All’ombra dell’ultimo sole si era assopito un pescatore…”
Ciao Fabrizio, grazie poeta! #Faber #FabrizioDeAndré
Visualizza l’immagine su Twitter
Agnese Castelli (nome visualizzato: AgneseCastelli)
Agnese Castelli (nome visualizzato: AgneseCastelli)
“Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno,non si guardò neppure intorno,ma versò il vino spezzò il pane, per chi diceva ho sete ho fame”
Sicuro di averla capita? Emoji: Thinking face
Mi piace
308
10:59 – 11 gen 2019
Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter
Visualizza conversazione su Twitter
48 utenti ne stanno parlando
Visualizza su Twitter
Matteo Salvini (nome visualizzato: matteosalvinimi)
Matteo Salvini (nome visualizzato: matteosalvinimi)
· 4h
Visualizza su Twitter
“All’ombra dell’ultimo sole si era assopito un pescatore…”
Ciao Fabrizio, grazie poeta! #Faber #FabrizioDeAndré
Visualizza l’immagine su Twitter
Pasquale Videtta (nome visualizzato: pasqualevidetta)
Pasquale Videtta (nome visualizzato: pasqualevidetta)
“Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno
Non si guardò neppure intorno
Ma versò il vino spezzò il pane
Per chi diceva ho sete ho fame”

Mi sa che tu hai capito solo il la la la la la la la la del ritornello. E non ne sono nemmeno così sicuro. #Faber #FabrizioDeAndré
Mi piace
103
12:11 – 11 gen 2019
Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter
Visualizza conversazione su Twitter
17 utenti ne stanno parlando
Visualizza su Twitter
Matteo Salvini (nome visualizzato: matteosalvinimi)
Matteo Salvini (nome visualizzato: matteosalvinimi)
· 4h
Visualizza su Twitter
“All’ombra dell’ultimo sole si era assopito un pescatore…”
Ciao Fabrizio, grazie poeta! #Faber #FabrizioDeAndré
Visualizza l’immagine su Twitter
Alessandro Arnodo (nome visualizzato: vesparny)
Alessandro Arnodo (nome visualizzato: vesparny)
Tu che sei un vero capitano e noto sommo poeta l’avresti continuata così:

“Gli occhi dischiuse il vecchio al giorno
Non si guardò neppure intorno
Ma chiuse il porto e mandò bacioni
per farsi bello coi suoi caproni”

la la la la la la la la
la la la la la la la la
Mi piace
11
13:05 – 11 gen 2019
Informazioni e privacy per gli annunci di Twitter
Visualizza profilo su Twitter
Visualizza altri Tweet di Alessandro Arnodo
Visualizza su Twitter

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Brunetta, la maggioranza è morta
Esecutivo ci ha portato solo recessione e caos conti pubblici

VERONA11 gennaio 201915:15

– “La maggioranza è morta e il governo è morto”. Così Renato Brunetta, a Verona in un incontro promosso da Forza Italia sul federalismo fiscale e la riforma dell’autonomia, con la partecipazione della presidente dei deputati, Mariastella Gelmini, e di molti sindaci arrivati dal Veneto e dalla Lombardia.
“Non fanno altro che litigare dalla mattina alla sera – ha sottolineato Brunetta -, contro il Paese e contro l’Italia”.
“Perché a rimetterci dei loro litigi – ha aggiunto il deputato azzurro – sono gli italiani”. “Siamo in recessione, c’è il caos nei conti pubblici: questo è il regalo portato in dote dal governo Lega-5 Stelle” ha concluso Brunetta.
Renzi, Raggi sfratti la madre di TavernaSe non ha diritto a casa popolare non è accanimento è legalità

11 gennaio 201915:16

– “La madre della Taverna deve lasciare la casa popolare a Roma perché non ne ha diritto. Non conosco la graduatoria del Comune, ma se tua figlia é parlamentare e tu hai altre fonti di sostentamento la devi lasciare. Accanimento, come dice Taverna? E’ legalità, solidarietà al Comune che dovrà eseguire lo sfratto…”. Così Matteo Renzi in diretta Fb sulla vicenda della casa popolare della madre della vicepresidente M5S del Senato Paola Taverna.

Migranti: Conte, lunedì incontrerò UeOra Commissione sta prendendo in mano la situazione, bene

11 gennaio 201915:19

– Lunedì 14 “incontrerò il commissario Ue Avramopoulos. Abbiamo visto che la Commissione europea ha gestito lo sbarco maltese direttamente. Ci fa piacere perché la nostra linea è stata sempre quella della gestione condivisa. Ora la commissione sta prendendo in mano la situazione”. Lo dice il premier Conte a margine degli Stati generali dei consulenti del lavoro. “Investiremo il commissario anche di questo la nostra linea di rigore non cambia”. Quello di Malta “è un caso eccezionale ma vogliamo che gli altri rispettino impegni e regole. Non possiamo essere gli unici a farlo”.

Appendino, Lega in piazza fa sorridereSindaca Torino, ‘ha sottoscritto accordo, dovrebbe rispettarlo’

TORINO11 gennaio 201913:12

– “Come sempre non giudico mai chi va in piazza, quindi se qualcuno è favorevole all’opera può tranquillamente andare a manifestare la propria idea. Certo fa sorridere il fatto che lo faccia un alleato che ha sottoscritto un contratto di governo che dice chiaramente che c’è un accordo su rivedere interamente l’opera”. Così la sindaca di Torino, Chiara Appendino, sulla partecipazione della Lega alla manifestazione sì Tav di domani. “Prima di manifestare per il sì dovrebbe rispettare il contratto e aspettare l’analisi”.
“Se si rispetta il contratto di Governo, che dice che si ridiscute integralmente l’opera, si troverà un percorso che sta nel contratto – aggiunge la prima cittadina -. Oggi dire che si va in piazza per il Sì non mi sembra sia rispettare il contratto di Governo”. “Detto ciò – conclude Appendino – si stanno facendo tante dichiarazioni senza avere l’elemento aggiuntivo che sarà l’analisi, sia la parte dell’opera che quella giuridica, poi chi manifesta in piazza lo fa legittimamente”.       

STAMPA

Annunci
No votes yet.
Please wait...

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.