Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 3 minuti

MONDO

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI ED APPROFONDIMENTI

DALLE 08:09 ALLE 12:34

DI LUNEDì 11 FEBBRAIO 2019

MONDO

Libano, si dà fuoco per caro-scuola
Sgomento e rabbia nel paese, sit-in in di fronte al ministero

11 febbraio 2019 08:09

– BEIRUT

– Sgomento e rabbia dominano il Libano stamani dopo i funerali di un uomo morto per le ustioni riportate dopo essersi dato fuoco per protestare contro le alte tasse scolastiche che doveva pagare per la figlia. In Libano la stragrande maggioranza degli studenti frequenta scuole private, con costi anche molto elevati per le famiglie, che affermano che le scuole pubbliche non offrono un livello di istruzione adeguata. George Zreik scorso è morto dopo essersi cosparso di benzina e dato fuoco in una località nel nord del paese, nel distretto di Kura. Il gesto dell’uomo è venuto dopo che il preside della scuola della figlia si era rifiutato di consegnare a Zreik il permesso per potere iscrivere la bambina a un istituto meno costoso. Un sit-in di protesta è stato organizzato ieri da esponenti della società civile libanese di fronte alla sede del Ministero della pubblica istruzione in solidarietà con Zreik e per chiedere l’intervento delle autorità per regolamentare i costi delle scuole private.
Thailandia scarcera calciatore BahreinStato del Golfo ritira richiesta di estradizione

BANGKOK11 febbraio 201910:34

– Un tribunale thailandese ha ordinato il rilascio di Hakeem al-Araibi, un calciatore del Bahrein rifugiato politico in Australia, che era stato arrestato a novembre al suo arrivo a Bangkok in vacanza su richiesta delle autorità dello stato del Golfo: la ha reso noto il portavoce del tribunale, Suriyan Hongvilai. L’ordine di scarcerazione segue la decisione del Bahrein di ritirare la sua richiesta di estradizione.
Il Bahrain accusava al-Araibi, che in passato è stato molto critico verso il governo di Manama, di aver partecipato al rogo appiccato a una stazione di polizia nel 2014, nonostante al tempo dei fatti il calciatore fosse impegnato in una partita trasmetta in diretta tv. Al-Araibi si era sempre dichiarato innocente.
Iran celebra 40 anni rivoluzioneGrandi manifestazioni. Rohani arringa la folla a Teheran

ISTANBUL11 febbraio 201910:51

– Centinaia di migliaia di iraniani sono scesi in strada stamani a Teheran e in decine di altre città del Paese per celebrare il 40/mo anniversario del giorno della vittoria della rivoluzione islamica, in cui cadde l’ultimo governo dello scià Reza Pahlavi e l’ayatollah Ruhollah Khomeini dichiarò l’Iran una Repubblica islamica. Nella capitale, la folla si è riversata in particolare nella piazza Azadi (Libertà), diventata il simbolo della rivoluzione del 1979, cantando i ricorrenti slogan che invocano ‘Morte all’America’.
Alle manifestazioni, riferisce l’agenzia ufficiale Irna, ha preso parte anche il presidente Hassan Rohani, che si è rivolto ai presenti proprio in piazza Azadi.
Freedom House, Siria paese meno liberoAnche Arabia Saudita e Somalia tra i fanalini di coda

11 febbraio 201911:09

– La Siria è il paese meno libero al mondo, secondo l’annuale report dell’organizzazione internazionale Freedom House. Tra i paesi arabi, l’Arabia Saudita, il Sudan, la Libia e lo Yemen sono tra quelli meno liberi, mentre la Tunisia è quello considerato più libero. Come ogni anno, Freedom House stila un rapporto mondiale considerando numerosi parametri di libertà collettive e individuali, basate sui principi della Dichiarazione universale dell’Onu approvata dall’Onu.
Alitalia:Lufthansa,attenti troppi indugiHohemeister a Handelsblatt, “a dipendenti serve prospettiva”

BERLINO11 febbraio 201912:20

– “Se questo tergiversare durerà ancora a lungo, dell’orgogliosa Alitalia non rimarrà più nulla”.
Lo dice in un’intervista all’Handelsblatt Harry Hohemeister, membro del cda di Lufthansa. “Non abbiamo la sensazione che là si stiano svolgendo le discussioni giuste – afferma a proposito delle reazioni dall’Italia -. Io ripeto ancora un volta: se siamo interessati all’Alitalia, è per un gruppo ristrutturato, che sia di successo a lungo. Credo che i dipendenti abbiano bisogno finalmente di una prospettiva”.         [print-me title=”STAMPA”]

No votes yet.
Please wait...
Annunci

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.