Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 12:08 DI MARTEDì 14 MAGGIO 2019

ALLE 14:58 DI MERCOLEDì 15 MAGGIO 2019

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Europa sale con fiducia su dazi
Corrono Prysmian, Stm e Unipol, spread stabile a 277 punti base

14 maggio 2019 12:08

– Si mantengono in rialzo le Borse europee sul finire della mattinata, con gli investitori che dimostrano di credere alle parole del presidente americano, Donald Trump, che nel corso della notte si è detto fiducioso nel fatto che i negoziati tra Cina e Usa sui dazi “avranno successo”. Parigi sale dello 0,9%, Londra dello 0,8% e Francoforte dello 0,4% mentre sono positivi i future su Wall Street. Bene anche Milano (+0,8%), spinta da Prysmian (+6%), Stm (+5%) e Unipol (+3,1%), con lo spread btp-bund stabile a 277 punti base. Non disturbano i mercati i dati sulla produzione industriale nella Ue a marzo, scesa dello 0,3% in linea con le attese. A livello settoriale corrono le auto (+1%), le materie prime (+1,2%), i semiconduttori (+1,7%) e le tlc (+1%). Recupera dai minimi dell’avvio Bayer (-2,1%), dopo la maxi-condanna da 2 miliardi di dollari per il glifosato negli Usa.
Borsa Milano vivace, bene Prysmian e StmGiù Campari, Zucchi, arranca Tim, corre Ifis. Spread a 275 punti

14 maggio 201913:21

– Piazza Affari resta ben intonata a metà seduta con il Ftse Mib che sale dello 0,8%, spinto da Prysmian (+6,4%) in scia ai conti del trimestre, Stm (+4,8%), Unipol (+3,3%) e Ferrari (+2,2%). Bene anche Amplifon (+2,2%), Azimut (+2,1%) e Pirelli (+2%), che oggi darà i conti del semestre, al pari di Mediaset (+0,14%). Male Campari (-1,9%) dopo la pioggia di vendita di azioni da parte del management, debole anche Tim (-0,6%). Poco mossa Italgas (+0,07%) nonostante un trimestre in forte crescita. Fuori dal Ftse Mib scivola Zucchi dopo i conti (-3,9%) mentre corre Ifis (+6,6%). Lo spread btp-bund è in calo a 275 punti base. In rialzo anche le altre Borse europee, che confidano in un accordo tra Usa e Cina sui dazi.
Cdp:ad Palermo,nuovi uffici tutta ItaliaDopo Verona aperture a Genova, Napoli, Firenze, Palermo

VERONA14 maggio 201913:44

– “C’è un rapporto storico che unisce Cdp ai territori. Un rapporto che da oggi rafforziamo avviando da Verona il piano di apertura della nuova sede territoriale”.
Così l’amministratore delegato di Cassa Depositi e Prestiti, Fabrizio Palermo, all’inaugurazione della sede di Verona. “I nuovi uffici – ha spiegato – saranno operativi in tutta Italia, con un’offerta integrata di strumenti dedicati alle piccole e medie imprese e agli enti locali”. “Grazie al nuovo modello integrato portiamo sul territorio le professionalità e le competenze del gruppo fatto di tecnici al servizio del Paese” ha concluso Palermo. Cdp dopo Verona inaugurerà sedi a Genova, Napoli, Firenze, Palermo, Bari e Torino.
Cdp: Tononi,per noi territorio al centroCassa Depositi e Prestiti ha aperto sede a Verona

VERONA14 maggio 201913:44

– “Il programma di apertura delle nuove sedi di Gruppo Cdp è espressione della volontà di mettere il territorio al centro del nostro operato”. Lo ha detto il presidente di Cassa Depositi e Prestiti, Massimo Tononi, all’inaugurazione della sede di Verona. “Il senso di responsabilità nei confronti degli oltre 26 milioni di risparmiatori postali e dei nostri azionisti – ha aggiunto – ci impone di privilegiare gli interventi che generano maggiori ricadute sull’economia del Paese e sul benessere dei cittadini”.
Crociere: dragare Genova o via naviAllarme dell’Ad di Stazioni marittime: ‘Traffico non è infinito’

GENOVA14 maggio 201913:59

– Scatta l’allarme dragaggi per il porto crociere di Genova che quest’anno segnerà il record di 1.350.000 passeggeri. “Qui si pensa che il traffico crocieristico sia infinito, invece rischia di arenarsi per mancanza di attrezzature” avverte l’amministratore delegato di Stazioni Marittime spa, la società che gestisce i terminal traghetti e crociere del porto di Genova, parlando al Blue Economy Summit a Genova. “E’ come se avessimo un aeroporto con una pista soltanto di mille metri, nella quale possono atterrare solo i piccoli aerei – dice -. Nel porto di Genova i fondali pescano 8,50 metri quando nei porti crocieristici si deve arrivare almeno a 10 metri. I dragaggi vanno fatti in maniera continuativa, se non si fanno e soprattutto se non si fa un dragaggio completo del porto, le navi non arriveranno più”.
Confindustria,da imprese 10 mld in 4.0Non solo grandi aziende ma anche Pmi

14 maggio 201915:10

– Le stime del Centro Studi Confindustria e del Dipartimento Finanze del Ministero delle Finanze sull’ammontare degli investimenti agevolati dalla misura in vigore nel 2017 mostrano un “forte interesse da parte delle imprese italiane: 10 miliardi di euro per i macchinari e le attrezzature 4.0″. E’ quanto emerge dal rapporto ‘Dove va l’industria italiana” elaborato dal centro studi di Confindustria e presentato a Milano. L’incentivo fiscale non è stato utilizzato solo da grandi industrie ma anche dalle Pmi.
Banche:Abi, rallentano prestiti aprileAprile +0,5% contro 0,7% marzo.Patuelli, più offerta che domanda

14 maggio 201917:31

Rallentano, ad aprile, i prestiti bancari a famiglie e imprese non finanziarie, cresciuti dello 0,5% contro lo 0,7% di marzo. E’ quanto emerge dal rapporto mensile Abi secondo cui a marzo il credito alle imprese era in calo dello 0,7% mentre i mutui avevano trainato quello alle famiglie (+2,5%). “La dinamica del credito continua ad essere influenzata dall’andamento degli investimenti e del ciclo economico la cui dinamica rimane modesta” recita il rapporto.
Secondo il presidente Antonio Patuelli “c’è più offerta di prestiti che domanda”. E tornano a scendere, a marzo, Le sofferenze nette bancarie. sono risultate pari a 31,7 miliardi di euro contro i 33,6 del mese precedente e “in forte calo rispetto ai 52,8 miliardi di marzo 2018”.
Borsa: Milano lima rialzo (+0,6%)Aumento spread Btp-Bund pesa sulle banche

14 maggio 201915:26

– Piazza Affari lima i guadagni (+0,6%) con il rialzo dello spread Btp-Bund, che a metà seduta è volato sopra i 283 punti.
Ne risentono le banche: Unicredit (-1,1%), Banco Bpm (-0,6%), Ubi (-0,4%) e Intesa (-0,3%). Peggior titolo sul listino italiano dei gruppi a elevata capitalizzazione, Campari (-2,1%), dopo le vendite di azioni da parte del management, seguito da Telecom (-1,4%). Bene invece Prysmian (+6,7%), dopo i conti trimestrali, e Unipol (+3,5%).
La fiducia in un buon esito del negoziato Usa-Cina sui dazi, dopo le parole di Trump nella notte, mantiene in positivo anche i principali mercati europei: Parigi (+1%), Londra (+0,9%) e Francoforte (+0,4%). Un segnale che mostra di avere rassicurato il settore auto, con Ferrari (+2,3%), Daimler (+1,6%), Fca e Volkswagen (+1%), così come i tecnologici: Stm (+5,4%), Infineon (+1,4%).
Unicredit sceglie advisor su CommerzbankReuters indica Lazard e Jp Morgan, Borsa reagisce

14 maggio 201917:18

Unicredit ha incaricato Lazard e il suo banchiere Joerg Asmussen (ex vicemistro delle Finanze tedesco) e Jp Morgan per una potenziale offerta d’acquisto per Commerzbank. Lo scrive Reuters citando fonti a conoscenza della situazione, con la banca italiana che non commenta.
Immediata la reazione della Borsa: Unicredit, che viaggiava poco sotto la parità, è peggiorata a un calo del 2,5% a un prezzo di 10,6 euro, mentre Commerzbank è schizzata a Francoforte su un aumento superiore ai cinque punti percentuali a 7,7 euro.
Poste: 20 murales per gli uffici postali dei piccoli comuniIl ‘postino’ dello street artist Alaniz sulle mura dell’ufficio di Calitri

14 maggio 201916:40

L’immagine di un postino, della sua corsa in bicicletta che “vuole rappresentare il lato ‘romantico del servizio postale” e la “presenza capillare” sul territorio e vicino alle comunità locali – come sottolinea Poste Italiane – è l’opera dello street artist Alaniz che da oggi domina le pareti esterne dell’ufficio postale di Calitri, poco meno di cinquemila abitanti in alta Irpinia.”E’ parte – spiega l’azienda – della seconda fase del progetto ‘Paint – Poste e Artisti Insieme Nel Territorio”, per “promuovere la creatività dei giovani artisti rendendo al contempo gli uffici postali ancora più accoglienti e vicini alle comunità che li ospitano”. Ed è nel segno di uno dei dieci impegni che l’Ad di Poste, Matteo Del Fante, ha preso con i sindaci dei piccoli Comuni italiani riunendoli a Roma lo scorso 26 novembre per una nuova e maggiore attenzione dell’azienda “alle comunità locali e alle aree meno densamente popolate”. L’opera di Alaniz è stata presentata oggi a Calitri.    L’iniziativa ‘Paint’, spiega ancora l’azienda, “coinvolgerà 20 uffici postali in altrettanti piccoli Comuni, valorizzando il radicamento di Poste Italiane nel tessuto sociale ed offrendo un nuovo tratto estetico alle strade e alle piazze dei piccoli borghi italiani”

Borsa: Milano chiude positiva (+1,45%)L’indice Ftse Mib a 20.892 punti

MILANO14 maggio 201917:39

– La Borsa di Milano ha chiuso in rialzo (+1,45%). L’indice Ftse Mib è a 20.892 punti.
Borsa: Europa chiude in rialzoParigi (+1,5%), Londra (+1,09%) e Francoforte (+0,97%)

14 maggio 201917:59

– Le principali Borse europee hanno chiuso in rialzo, fiduciose in un esito positivo del negoziato Usa-Cina sui dazi. La migliore è stata Parigi (+1,5%), seguita da Londra (+1,09%) e Francoforte (+0,97%).
Mediaset: boom utile con meno ricaviForte taglio dei costi, sia per diritti calcio sia ‘interni’

MILANO14 maggio 201918:12

14 maggio 201918:12

– Nel primo trimestre dell’anno Mediaset ha registrato un utile netto di 39,6 milioni, in fortissimo incremento rispetto ai 3,5 milioni dello stesso periodo del 2018. I ricavi netti sono di 718 milioni rispetto agli 839 milioni del 2018 mentre l’indebitamento finanziario netto al 31 marzo 2019 è diminuito a 791 milioni. La raccolta pubblicitaria italiana del secondo trimestre, al netto della cessazione del calcio pay e dell’effetto Mondiali, dovrebbe essere in linea con quella del primo trimestre.
In particolare, i ricavi del Biscione in Italia sono stati pari a 492 milioni rispetto ai 609 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente, mentre in Spagna ammontano a 226 milioni rispetto ai 229 milioni del 2018. I costi operativi complessivi consolidati (costi del personale, costi per acquisti, servizi e altri oneri, ammortamenti e svalutazioni di diritti e di altre immobilizzazioni) ammontano a 639 milioni rispetto agli 810 milioni del primo trimestre 2018.
Spread Btp-Bund chiude a 280 punti baseRendimento al 2,72%

14 maggio 201918:17

– Lo spread tra Btp e Bund chiude a 280 punti base, dopo aver toccato un massimo di seduta di 283 punti base, contro 277 della chiusura di ieri. Il rendimento del decennale italiano è pari al 2,72%.
Borsa: sprint Milano, Stm +6%Fiducia dazi Usa Cina, scivola Unicredit su ipotesi Commerzbank

14 maggio 201918:33

– Uno sprint finale ha portato Piazza Affari a chiudere ancora meglio (+1,45%) una giornata già iniziata in un clima di fiducia, dopo che nella notte il presidente Usa, Donald Trump, aveva avuto parole incoraggianti per un buon esito dei negoziati sui dazi con la Cina. Un clima che ha influenzato anche i principali listini europei, in una seduta in cui il rialzo dello spread Btp-Bund oltre i 283 punti ha in parte pesato, per rientrare poi sotto 280.
Vola Prysmian (+7,18%) dopo i dati del trimestre. Bene anche Stm (+6,68%), Unipol (+4,48%), Ferrari (+3,31%), Poste (+3,08%) e Pirelli (+1,43%) che ha diffuso i dati trimestrali a Borsa chiusa. Sugli scudi Saipem (+3,08%), Juventus (+2,34%) e Fca (+1,54%). Fanno eccezione Unicredit (-1,69%) sulle indiscrezioni di incarico a Lazard e JpMorgan per una possibile offerta su Commerzbank (+5,01 a Francoforte); giù anche Tim (-0,94%), Banco Bpm (-0,76%) e Campari (-0,76%) dopo la vendita di azioni da parte del management.
Borsa: Tokyo poco mossa (+0.10%)Nikkei tenta recupero dopo cambio direzione Wall Street

TOKYO15 maggio 201902:16

– La Borsa di Tokyo apre gli scambi poco variata, con gli investitori che tornano sul mercato dopo le recenti perdite degli indici azionari globali, in scia alle dispute sul commercio internazionale, ancora in via di risoluzione tra Cina e Usa. Il Nikkei segna una variazione appena positiva (+0,10%)%, a quota 21.087,86. Sul mercato valutario lo yen si stabilizza sul dollaro, a un valore di 109,60, e un livello di 122,80 sull’euro.
Usa, ‘autisti Uber non sono dipendenti”Contractor indipendenti’. Possibili effetti su causa in corso

WASHINGTON15 maggio 201902:21

– Gli autisti di Uber non sono dipendenti ma contractor indipendenti, che definiscono il loro orario di lavoro, sono proprietari della loro auto e sono liberi di lavorare per i concorrenti. Lo afferma in un memo l’avvocato generale dell’agenzia del lavoro Usa, Peter Robb. Il parere è destinato probabilmente ad avere un peso significativo in una causa pendente contro la compagnia e potrebbe impedire agli autisti di aderire ai sindacati.
Petrolio: in calo a 61,33 dollariBrent a 70,96 dollari

15 maggio 201908:28

– Quotazioni del petrolio in calo dopo i dati sulle scorte Usa in aumento che allentano il rialzo dei prezzi per le tensioni geopolitiche in atto: i contratti sul greggio Wti con scadenza a giungo cedono 45 centesimi sa 61,33 dollari al barile; il Brent cede 28 centesimi a 70,96 dollari.
Oro: in lieve calo a 1.295 dollariCede lo 0,1%

15 maggio 201908:30

– Quotazioni dell’oro in lieve calo sui mercati asiatici. Il lingotto con consegna immediata cede lo 0,1% a 1.295 dollari l’oncia.
Cambi: euro poco mosso a 1,1206 dollariYen a 122,92

15 maggio 201908:35

– L’euro è poco mosso in avvio di scambi europei a 1,1206 dollari da 1,1209 dopo la chiusura di Wall Street. Contro lo yen la moneta unica passa di mano a 122,92.
Borsa: Asia positiva, Tokyo +0,58%Futures in rialzo dopo Pil Germania, occhi su vendite Usa

15 maggio 201909:03

– L’inversione di rotta di ieri del presidente Usa Donald Trump, che ha rilanciato l’accordo con la Cina sui dazi, da lui ritenuto “assolutamente possibile” ha ridato fiato anche alle borse di Asia e Pacifico, sulla scia della buona chiusura dell’Europa e di Wall Street. Tokyo ha guadagnato lo 0,58%, ma il vero balzo lo sta facendo Shanghai (+2,08%), ancora aperta, nonostante il rallentamento registrato in aprile sulle vendite al dettaglio. Bene Taiwan (+0,39%), Seul (+0,53%) e Sidney (+0,71%), favorita dall’andamento dei metalli, mentre il greggio Wti segna un calo dello 0,65%. Ancora aperte Hong Kong (+0,58%) e Mumbai (+0,5%). Positivi i futures sull’Europa, dopo il ritorno della crescita del Pil trimestrale tedesco. Bene anche i futures Usa, in vista dell’indice manifatturiero di New York e delle vendite al dettaglio in aprile. Sughli scudi a Tokyo i grandi esportatori, da Yokohama (+4,88%) a Sony (+3,99%), da Subaru (+2,73%) a Panasonic (+1,5%), con il dollaro stabile sullo yen.
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,04%)Indice Ftse Mib a quota 20.903 punti

15 maggio 201909:03

– Apertura in lieve rialzo per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib guadagna lo 0,04% a 20.903 punti.
Borsa: Europa apre bene, Parigi +0,13%Positive anche Francoforte (+0,22%) e Londra (+0,25%)

15 maggio 201909:08

– Avvio di seduta positivo per le principali borse europee. Parigi guadagna lo 0,13% a 5.348 punti, Francoforte lo 0,22% a 12.018 punti e Londra lo 0,25% a 7.260 punti.
Da bonus botteghe ad calendario fiscale, arrivano le semplificazioniNiente tasse per gli affitti non riscossi. Più a tempo per l’invio della e-fattura

15 maggio 201909:26

Un nuovo calendario per le dichiarazioni fiscali, destinato ad entrare in vigore molto probabilmente nel prossimo anno, ma anche novità che potrebbero incidere già quest’anno nella burocrazia fiscale come la norma che consente di non pagare le imposte sugli affitti non riscossi o il bonus per chi riapre una bottega. Arriva il primo via libera, da parte della Camera, ad un ddl sulle semplificazioni fiscali che ha ottenuto 265 voti a favore e nessuno contrario. Prima di diventare legge dovrà ora passare all’esame del Senato.Ecco in sintesi le principali novità.NIENTE TASSE SUGLI AFFITTI NON RISCOSSI. Basta imposte sulle rette mai incassate: i proprietari di casa, incappati in inquilini morosi, non dovranno più aspettare la convalida di sfratto: basterà l’intimazione. La novità vale per i contratti stipulati dal 2020. Eliminata anche la Tasi, dal 2022, per le imprese di costruzione che non sono riuscite ad affittare o vendere. Viene meno l’obbligo di rinnovo della cedolare secca.ARRIVANO BONUS, DA BENI RICICLATI A RIAPERTURA BOTTEGHE. Sconti del 25% del costo per chi acquista prodotti per i tre quarti fatti con riutilizzo di rifiuti. Per le imprese ci sarà un credito d’imposta. Rimborso totale dei tributi comunali, per massimo 4 anni, a chi rialza le saracinesche di negozi chiusi, da almeno sei mesi, in cittadine sotto i 20 mila abitanti.IL DIRITTO ALLA DIFESA DAVANTI ALL’AGENZIA DELLE ENTRATE. Dal luglio del 2020 prima di far partire un accertamento il Fisco dovrà invitare il contribuente a difendersi in contraddittorio.
Se comunque si decide di andare avanti bisognerà spiegare perche’ ci si discosta dalle argomentazioni del contribuente. Sono esclusi però i casi di accertamento parziale e quelli in cui si deve procedere con un urgenza. Nell’intenzione del legislatore la norma serve a evitare accertamenti a pioggia.IL FISCO NON PUO’ BUSSARE DUE VOLTE. In caso di controllo formale sulle dichiarazioni dei redditi, l’amministrazione finanziaria non può chiedere ai contribuenti certificazioni e documenti che siano già disponibili nell’anagrafe tributaria (girati già da banche, farmacie o assicurazioni). Previsto anche che la modulistica e l’altra documentazione utile per assolvere ai vari adempimenti debba essere messa a disposizione almeno 60 giorni prima. Lato imprese viene eliminato l’obbligo di stampa per tutti i registri contabili. I dati già indicati non andranno più inseriti nemmeno ai fini Isa, gli indici di affidabilità.PIU’ TEMPO PER LA FATTURA ELETTRONICA. Non più 10 ma 15 giorni per l’emissione della e-fattura. Quanto all’imposta di bollo virtuale, le Entrate, già in fase di ricezione, potranno verificare con procedure automatizzate il corretto assolvimento.
Viene inoltre meno una delle quattro comunicazioni periodiche sulle liquidazioni Iva: quella del quarto trimestre potrà essere assorbita in quella complessiva di fine anno. Sempre in materia di Imposta sul valore aggiunto, viene data la possibilità di cedere i crediti anche trimestralmente.UN NUOVO CALENDARIO PER REDDITI, IMU E TASI. Per l’invio telematico delle dichiarazioni dei redditi ci saranno due mesi in più: il termine viene spostato dal 30 settembre al 30 novembre. Anche per le dichiarazioni su Imu e Tasi, che si fanno quando c’e’ un cambiamento sostanziale a livello di patrimonio, le scadenza passa dal 30 giugno al 31 dicembre.OK A LICENZE PER NEGOZI E IMPRESE, SE IN REGOLA CON LE TASSE. Una nuova leva nella mani dei Comuni per combattere l’evasione: gli enti locali potranno subordinare autorizzazioni e concessioni, per esercizi commerciali o attività produttive, alla verifica della regolarità nei pagamenti.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Spread sfiora 290, bund a minimi 2016
Differenziale arrivato a 289

15 maggio 201909:32

– Lo spread Btp-bund sfiora i 290 punti base a 289, in deciso, ulteriore rialzo da 280 punti base di ieri. Il rendimento del titolo decennale italiano sale al 2,77% mentre quello sui titolo decennale tedesco è sceso stamani a -0,094%, ai minimi dal 2016. Ieri il vicepremier Matteo Salvini ha detto a Porta a porta che sforare il limite europeo del 3% di deficit/Pil “non si può, si deve”.
Borsa: Milano giù (-0,7%) pesa spreadDeboli Ubi Banca, Intesa e Unicredit, sprint Ferragamo

15 maggio 201909:52

– Il rialzo dello spread oltre quota 287 punti penalizza Piazza Affari, che gira in calo dopo un avvio in lieve rialzo. L’indice Ftse Mib lascia sul campo lo 0,74%, frenato dai bancari Ubi Banca (-1,51%), Intesa (-1,35%), Unicredit (-1,55%) e Banco Bpm (-1,41%), Segno meno anche per Poste (-0,72%) ed Mps (-0,76%), mentre, tra i pochi titoli in rialzo, si segnala Ferragamo (+8,3%), promossa dagli analisti che ne hanno alzato il prezzo obiettivo fino a 20 euro dopo una trimestrale definita “incoraggiante” dalla maggior parte di loro. Bene Juventus (+1,09%)ed Stm (+0,6%), mentre il calo del greggio (-0,9% il Wti) penalizza Saipem (-1,91%) ed Eni (-1%).
Debole Snam (-0,86%) dopo la trimestrale, bene Astaldi (+4,4%) e Mediaset (+2,39%), giù Maire Technimont (-3,87%), fiacca Salini Impregilo (-0,23%).
Borsa:Europa frena,Milano ultima (-0,8%)Futures Usa azzerano rialzo, pesano le trimestrali

15 maggio 201910:24

– Girano in calo le principali borse europee dopo il lieve rialzo dell’apertura sostenuto dalla crescita del Pil trimestrale della Germania. Milano (-0,87%) è ultima grazie anche allo spread in rialzo a quota 287 punti, ma il rialzo del dollaro sull’euro e il calo del greggio Wti (-1%) penalizzano anche gli altri listini Da Parigi (-0,6%) a Madrid (-0,5%), da Francoforte (-0,4%) a Londra (-0,11%). Frenano Volkswagen (-3,18%), alle prese, secondo gli analisti, con gli investimenti per la transizione energetica, e Renault (-2,94%), che sconta la prima trimestrale di Nissan dopo l’era Ghosn, con il crollo dell’utile del 57%. Effetto conti trimestrali anche sul tecnologico inglese Cybg (+6,61%), promosso dagli analisti, mentre frena E.On (-5,95%), in controtendenza con il balzo di Rwe (+2,38%) dopo i conti. Effetto trimestrale anche su Raiffeisen Bank (-4,55%), Eutelsat -4,37%), Jcdecaux (-3%), Aurubis (-3,91%) e Credit Agricole -3,39%).
Unicredit e Mps, lo spread sale dopo le parole di SalviniReport banche, ‘pesano commenti su superamento limiti deficit’

15 maggio 201910:12

– Sono le parole di Matteo Salvini ad aver provocato il balzo dello spread degli ultimi due giorni fino a sfiorare, oggi, quota 290. Lo dicono due report, uno di Unicredit e uno di Mps: ‘I Btp sono stati sotto pressione dopo i commenti di Matteo Salvini sul deficit’, dice la banca milanese.
‘Rimangono sotto pressione i Btp dopo alcune dichiarazioni del Vice Premier, Salvini, sul fatto che il governo potrebbe sforare il deficit del 3% con la prossima legge di bilancio”, concorda Mps. Unicredit nota che i prezzi sono sotto pressione (e i rendimenti salgono di pari passo) per una combinazione di fattori, fra cui ‘un peggioramento dell’appetito per il rischio a livello globale, così come la prudenza degli investitori in vista delle elezioni per il Parlamento europeo’. Le parole del vicepremier e ministro dell’Interno hanno fatto impennare il differenziale di rendimento, che oggi è continuato a salire.
Sanpellegrino, fatturato sale a 928 mlnL’acqua minerale con la stella rossa celebra i 120 anni

15 maggio 201911:16

– Sanpellegrino, storico marchio delle acque minerali, ha chiuso il 2018 con un fatturato in crescita del 4% a 928 milioni di euro, di cui il 56,9% all’estero. Proprio le esportazioni sono cresciute dell’8%, con punte del 25% nel Regno Unito, del 19% in Francia e del 18% in Germania e in Cina. Gli Usa si confermano invece il primo Paese per importanza, con una crescita del fatturato del 12%. Secondo il presidente e amministratore delegato Federico Sarzi Braga i risultati “confermano l’apprezzamento della qualità, dei valori e dello stile di vita italiano portati dai nostri prodotti sulle tavole di tutto il mondo”. “La nostra famosa acqua con la stella rossa, che quest’anno celebra 120 anni di storia” rappresenta a suo dire “un successo tutto italiano, simbolo del nostro modo di fare impresa”. Nel 2019 il Gruppo punta a “sviluppare ulteriormente anche Acqua Panna, che ha superato i 300 milioni di bottiglie vendute nel mondo”.
Borsa:Milano frena (-1%), banche giùSpread sale oltre 289 punti, sprint Ferragamo e Astaldi

15 maggio 201912:24

– Frena Piazza Affari (-1%), maglia nera in Europa, con lo spread in rialzo oltre 289 punti base, che penalizza i bancari Ubi Banca (-2,37%), Mediobanca (-2,06%), Banco Bpm (-1,2%) e Unicredit (-1,12%), insieme a Poste (-1,22%) ed Mps (-1,6%). Pochi i rialzi, limitati a Ferragamo (+8,56%), promossa dagli analisti, che ne hanno alzato il prezzo obiettivo fino a 20 euro dopo una trimestrale definita come “incoraggiante”. Bene Juventus (+1,09%) e Italgas (+1,38%), all’indomani dei conti trimestrali, diffusi oggi da Snam (-0,88%). Il calo del greggio Wti oltre l’1% penalizza Saipem (-1,86%) ed Eni (-0,93%). Contrastate Astaldi (+3,9%) e Salini Impregilo (-0,69%), al pari di Mediaset (+3,39%) ed Rcs (-1,68%) e Cairo (-2%). Giù Maire Technimont (-5,85%) e Prysmian (-3,17%), mentre tiene Pirelli (+0,4%), in controtendenza con Brembo (-2%), Fca (-1,69%), e Ferrari (-1,15%), nel giorno dell’assemblea.
Spread supera 290, massimo quasi 6 mesiRendimento al 2,80%

15 maggio 201912:51

– Lo spread tra Btp e Bund vola a 291 punti base, un livello che non si vedeva dallo scorso dicembre prima della conclusione positiva del ‘braccio di ferro’ con l’Unione europea sui conti pubblici. Il rendimento del titolo decennale italiano sale al 2,80% da 2,72% della chiusura di ieri.
I mercati – secondo diversi analisti – sono sulla difensiva dopo che ieri il vicepremier Matteo Salvini ha detto che “Se servirà infrangere alcuni limiti del 3% o del 130-140%, tiriamo dritti”.
Porto Genova è primo contribuente paeseAl Blue Economy Summit la fregata Luigi Rizzo della Marina

GENOVA15 maggio 201912:56

– “Il porto di Genova è il primo contribuente italiano, con circa 8,5 miliardi di imposte generate ogni anno per lo Stato, e impiega 56.000 persone direttamente, a cui si aggiungono altre 120.000 posti di lavoro generati in tutto il Nord Ovest italiani”. Lo ha dichiarato Giancarlo Vinacci, assessore allo sviluppo economico del Comune di Genova, in apertura del convegno ‘I protagonisti della blue economy si raccontano: percorsi di sviluppo e nuove professioni nell’economia del mare’, organizzato nell’ambito del Blue Economy Summit in corso a Genova. Vinacci ha quindi ricordato che l’obbiettivo del Genova Blue Forum, iniziativa a cui da quest’anno aderisce anche la Regione Liguria, per coordinare i programmi di formazione legati al settore, “ha l’obiettivo di ridare a Genova lo smalto perduto, e tentare di farle riconquistare il ruolo di primo piano in ambito Mediterraneo che già in passato ha avuto”.
Borsa: Europa debole, Milano -0,8%Futures Usa in rosso, Spread a cavallo dei 290 punti

15 maggio 201913:44

– Si confermano deboli le borse europee, archiviato il lieve rialzo dell’apertura dopo la crescita del Pil trimestrale della Germania. In rosso i futures Usa. Milano (-0,8%) è la peggiore in concomitanza con le tensioni sullo spread tra Btp e Bund, a cavallo dei 290 punti base. Pesa anche il rialzo del dollaro e il calo del greggio Wti (-0,9%). Giù Francoforte (-0,49%) con ThyssenKrupp (-5,4%), il cui socio svedese Cevia ha chiesto un cambio di vertice, E.on (-5,3%), in controtendenza con Rwe (+3,78%) dopo la trimestrale, mentre Volkswagen cede il 3,6% dopo un report di analisti. In calo anche Parigi (-0,33%), dove Renault perde il 4% dopo i risultati trimestrali di Nissan. Più cauta Madrid (-0,1%), invariata Londra. Hanno diffuso la trimestrale il tecnologico inglese Cybg (+2,14%), Raiffeisen Bank (-4,95%), Eutelsat (-6,7%), Jcdecaux (-4%), Aurubis (-3,3%) e Credit Agricole (-2,5%). Giù anche ArcelorMittal (-3,37%) e Commerzbank (-2,85%), oggetto di indiscrezioni su nozze con Unicredit (-0,86%).
A Milano arriva il festival dell’EnergiaRassegna dal 13 al 15 giugno, focus su sostenibilità e clima

15 maggio 201913:47

– La transizione verso sistemi energetici sostenibili, la resilienza urbana e le città motori di cambiamento saranno alcuni dei temi della dodicesima edizione del Festival dell’Energia in programma presso la Triennale di Milano dal 13 al 15 giugno.
Durante l’iniziativa sarà presentata anche la candidatura italiana per ospitare a Milano la conferenza sul clima del 2020 (Cop26). Il festival sarà promotore del sostegno alla candidatura da parte dei partner e sponsor della manifestazione.
La rassegna è stata presentata nella sede del Comune di Milano dal presidente del Festival dell’energia, Alessandro Beulcke; dall’assessore comunale alla mobilità e all’ambiente, Marco Granelli; dal vice presidente di Elettricità Futura, Agostino Re Redbaudengo e dal docente del Politecnico di Milano, Fabio Inzoli.
Alessandro Beulcke ha ricordato che il “festival si conferma la maggiore manifestazione sul tema. Un appuntamento nato per fare divulgazione è diventato negli anni una sorta di stati generali del settore”.
Despar,7 mln investimenti al Centro-SudAl via supermercato digitale, la spesa a casa

BARI15 maggio 201914:04

– Despar Centro-Sud ha già avviato per il 2019 un piano di investimenti di 7 milioni legato all’espansione della propria rete in Calabria, Puglia, Basilicata, Campania e Abruzzo, che conta oggi un totale di 388 punti di vendita. Sempre per l’anno in corso ha annunciato www.desparacasa.it, il supermercato digitale on line lanciato da Maiora, concessionaria del marchio Despar per il Centro Sud Italia. “E’ questo il primo passo verso la digitalizzazione di alcuni store strategici del Centro e Sud Italia”, sottolinea Pippo Cannillo, presidente e AD di Maiora.
Despar Centro-Sud ha chiuso il 2018 con un fatturato di 805 milioni alle casse (+2% sul 2017). L’obiettivo di giro d’affari per il 2019 “è raggiungere gli 850 milioni di euro circa alle casse con un incremento dell’8-9% – conclude Cannillo – comprendendo aperture e nuove affiliazioni. Il +3,5% del primo trimestre è più che soddisfacente”.
Borsa: Milano frena (-1,3%), banche giùPesano Ubi Banca, Mediobanca e Bper, sprint Ferragamo e Astaldi

15 maggio 201914:32

– Piazza Affari amplia il calo (-1,3%), confermandosi maglia nera in Europa, con lo spread a 289 punti base, che penalizza i bancari Ubi Banca (-3%), Mediobanca (-2,32%) e Bper (-2,24%). Giù anche Intesa Sanpaolo (-1,7%), più caute Unicredit (-0,95%) e Banco Bpm (-0,88%).
Prosegue lo sprint di Ferragamo (+8,56%), promossa dagli analisti, dopo una trimestrale definita come “incoraggiante”.
Bene Italgas (+1,74%), all’indomani dei conti, giù invece Snam ((-1,25%) che li ha diffusi nella mattinata. Acquisti su Juventus (+1,4%), mentre il calo del greggio Wti oltre l’1% penalizza Saipem (-1,8%) ed Eni (-1,36%). Contrastate Astaldi (+5,2%) e Salini Impregilo (-2,36%), così come Mediaset (-2,96%) ed Rcs (-2,38%) e Cairo (-2,66%). Giù Maire Technimont (-4,8%) e Prysmian (-3,15%), insieme a Cnh (-2,58%), Ferrari (-2,29%) ed Fca(-1,69%).
Debito in calo a marzo di 4,4 miliardiFabbisogno compensato da riduzione disponibilità liquide Tesoro

15 maggio 201910:33

– Debito in calo nel mese di marzo. Nel bollettino della Banca d’Italia su Finanza pubblica, fabbisogno e debito emerge che il debito delle Amministrazioni pubbliche è diminuito di 4,4 miliardi rispetto a febbraio, risultando pari a 2.358,8 miliardi. Il fabbisogno del mese (20,2 miliardi) è stato più che compensato dalla diminuzione delle disponibilità liquide del Tesoro (22,4 miliardi). Inoltre scarti e premi all’emissione e al rimborso, rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e variazione dei tassi di cambio hanno nel complesso ridotto il debito di 2,3 miliardi.
Viminale lancia operazione Laghi sicuriSalvini, finanziamenti per contrastare illegalità

15 maggio 201910:50

– Il Viminale ha erogato 500mila euro a 25 comuni tra i 9mila e i 30mila abitanti per l’operazione ‘Laghi sicuri’. Si tratta di una estensione di ‘Spiagge Sicure’, iniziativa giunta alla seconda edizione e che per la stagione 2019 mette a disposizione 4,2 milioni di euro per 100 Comuni che si affacciano sul mare.
Raccogliendo le richieste del territorio, il ministero ha erogato “altri contributi per alcune realtà lacustri, scelte con criteri statistici e oggettivi”. I sindaci – 20mila euro lo stanziamento per ogni Comune – potranno rafforzare i controlli straordinari, assumere vigili o finanziare campagne informative contro la contraffazione e il commercio abusivo.
“Abbiamo ascoltato – commenta il ministro Matteo Salvini – le richieste del territorio e messo a disposizione altre risorse. È un primo passo che conferma l’attenzione per i meravigliosi laghi italiani. L’obiettivo è contrastare il commercio abusivo e l’illegalità in genere”.
Unicredit sceglie advisor su CommerzbankReuters indica Lazard e Jp Morgan, Borsa reagisce

14 maggio 201916:15

– Unicredit ha incaricato Lazard e il suo banchiere Joerg Asmussen (ex vicemistro delle Finanze tedesco) e Jp Morgan per una potenziale offerta d’acquisto per Commerzbank. Lo scrive Reuters citando fonti a conoscenza della situazione, con la banca italiana che non commenta.
Immediata la reazione della Borsa: Unicredit, che viaggiava poco sotto la parità, è peggiorata a un calo del 2,5% a un prezzo di 10,6 euro, mentre Commerzbank è schizzata a Francoforte su un aumento superiore ai cinque punti percentuali a 7,7 euro.
Banche:Abi, rallentano prestiti aprileAprile +0,5% contro 0,7% marzo.Patuelli, più offerta che domanda

14 maggio 201915:23

– Rallentano, ad aprile, i prestiti bancari a famiglie e imprese non finanziarie, cresciuti dello 0,5% contro lo 0,7% di marzo. E’ quanto emerge dal rapporto mensile Abi secondo cui a marzo il credito alle imprese era in calo dello 0,7% mentre i mutui avevano trainato quello alle famiglie (+2,5%). “La dinamica del credito continua ad essere influenzata dall’andamento degli investimenti e del ciclo economico la cui dinamica rimane modesta” recita il rapporto.
Secondo il presidente Antonio Patuelli “c’è più offerta di prestiti che domanda”. E tornano a scendere, a marzo, Le sofferenze nette bancarie. sono risultate pari a 31,7 miliardi di euro contro i 33,6 del mese precedente e “in forte calo rispetto ai 52,8 miliardi di marzo 2018”.
Confindustria,da imprese 10 mld in 4.0Non solo grandi aziende ma anche Pmi

14 maggio 201915:10

– Le stime del Centro Studi Confindustria e del Dipartimento Finanze del Ministero delle Finanze sull’ammontare degli investimenti agevolati dalla misura in vigore nel 2017 mostrano un “forte interesse da parte delle imprese italiane: 10 miliardi di euro per i macchinari e le attrezzature 4.0″. E’ quanto emerge dal rapporto ‘Dove va l’industria italiana” elaborato dal centro studi di Confindustria e presentato a Milano. L’incentivo fiscale non è stato utilizzato solo da grandi industrie ma anche dalle Pmi.
Industria, a marzo salgono ordini e fatturatoGli ordinativi registrano un incremento congiunturale del 2,2%, il fatturato del +0.3%

15 maggio 201911:16

A marzo salgono ordini e fatturato nell’industria. Lo rileva l’Istat che sottolinea in particolare, come gli  ordinativi registrano un incremento congiunturale del 2,2%, mentre nella media del primo trimestre del 2019 sono rimasti invariati rispetto al quarto trimestre dello scorso anno. Peggiora invece il dato tendenziale. Qui l’indice grezzo diminuisce del 3,6%, con riduzioni sia sul mercato interno (-4,4%) sia su quello estero (-2,4%). La maggiore crescita tendenziale si registra nelle industrie tessili (+4,6%), mentre il peggior risultato si rileva nell’industria farmaceutica (-12,9%).Il fatturato dell’industria a marzo aumenta in termini congiunturali (+0,3%), il dato è la sintesi della “contenuta flessione del mercato interno (-0,3%) e di un sostenuto aumento di quello estero (+1,5%)”. Nel primo trimestre l’indice complessivo è cresciuto dello 0,9% rispetto all’ultimo trimestre del 2018. Corretto per gli effetti di calendario il fatturato totale cresce in termini tendenziali dell’1,3%, con incrementi dello 0,2% sul mercato interno e del 3,5% su quello estero. “Secondo l’Istat anche a marzo l’industria italiana continua a crescere. C’è ancora molto lavoro da fare, ma non molliamo. E per me questo ha un valore, al di là di tutte le polemiche e degli inutili estremismi che nulla hanno a che vedere con la vita reale del Paese”. Lo scrive il vicepremier Luigi Di Maio su Facebook. “Con l’avvio del reddito di cittadinanza daremo finalmente impulso anche al mercato interno e la fase 2, rappresentata dal decreto Crescita e dal decreto sblocca cantieri, darà ulteriore sollievo all’economia italiana. Non è più il tempo degli slogan, ma quello del lavoro. Serve responsabilità e, in generale, invito tutti a dare supporto ai nostri imprenditori che sono la spina dorsale del Paese”, spiega.

Unicredit e Mps, impennata spread dopo parole SalviniReport banche, ‘pesano commenti su superamento limiti deficit’

15 maggio 201910:52

Sono le parole di Matteo Salvini ad aver provocato il balzo dello spread degli ultimi due giorni fino a sfiorare, oggi, quota 290. Lo dicono due report, uno di Unicredit e uno di Mps: “I Btp sono stati sotto pressione dopo i commenti di Matteo Salvini sul deficit”, dice la banca milanese.”Rimangono sotto pressione i Btp dopo alcune dichiarazioni del Vice Premier, Salvini, sul fatto che il governo potrebbe sforare il deficit del 3% con la prossima legge di bilancio”, concorda Mps.Unicredit nota che i prezzi sono sotto pressione (e i rendimenti salgono di pari passo) anche per una combinazione di altri fattori, fra cui “un peggioramento dell’appetito per il rischio a livello globale, così come la prudenza degli investitori in vista delle elezioni per il Parlamento europeo’. Le parole del vicepremier e ministro dell’Interno ieri hanno fatto impennare il differenziale di rendimento, che oggi è continuato a salire.         

STAMPA
Annunci
No votes yet.
Please wait...

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.