Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 7 minuti

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 15:22 DI GIOVEDì 13 GIUGNO 2019

ALLE 05:49 DI VENERDì 14 GIUGNO 2019

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Wall Street apre positiva, Dj +0,31%
S&P 500 sale dello 0,37%

NEW YORK13 giugno 2019 15:22

– Apertura in territorio positivo per Wall Street. Il Dow Jones sale dello 0,31% a 26.090,92 punti, il Nasdaq avanza dello 0,45% a 7.826,98 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dello 0,37% a 2.890,05 punti.
Fmi,Paesi con debito alto rischio per Ue’Se non riescono a ricostruire buffer e fare le riforme’

LUSSEMBURGO13 giugno 201916:29

Escalation delle tensioni commerciali, alto rischio di no deal su Brexit, Paesi ad alto debito che non riescono a ricostruire buffer di bilancio e attuare le riforme strutturali: sono i tre rischi che vede il Fondo monetario internazionale, a causa dei quali “le previsioni per la zona euro restano precarie”. Lo scrive il Fmi nel suo rapporto article IV sulla zona euro.
Ue compatta contro l’Italia. Tria fermo, niente manovra bisLagarde: ‘Preoccupa la crescita bassa e la mancanza di riforme strutturali’

13 giugno 201921:49

Pressing dell’Ue sull’Italia sulla procedura d’infrazione. ‘Vogliamo evitarla, ma servono i fatti’, dice Moscovici, mentre il presidente dell’Eurogruppo Centeno, chiede il rispetto degli impegni e il vicepresidente della Commissione Dombrovskis dice che ‘servono aggiustamenti considerevoli, e elementi aggiuntivi’ per correggere la traiettoria di bilancio. Intanto, Di Maio e Tria sono cauti sulla flat tax che vuole la Lega. ‘Serve un tetto non oltre 70mila euro l’anno, perché si devono abbassare le tasse ma per il ceto medio’, dice il vicepremier. Il ministro smentisce liti con Salvini, ribadisce il no alla manovra-bis e aggiunge: ‘La flat tax? Bisogna vedere come si fa, in questo momento gli obiettivo di deficit sono quelli’. E arriva un monito dall’Fmi: ‘Paesi con debito elevato un rischio per l’Eurozona’.”Vogliamo evitare una procedura per debito, credo che i ministri ci sosterranno in questa fase, aspettiamo fatti, cifre, dati per il 2019 e 2020, le intenzioni non bastano, un sentiero chiaro è necessario, una procedura (per l’Italia ndr) è ancora evitabile”: lo ha detto il commissario Pierre Moscovici entrando alla riunione dell’Eurogruppo.

“Sull’Italia dobbiamo essere in grado di rassicurare tutti, i cittadini italiani, le imprese, gli investitori, che gli impegni ci sono e li rispettiamo. Quello sarebbe il miglior risultato per l’Italia e la zona euro”: lo ha detto il presidente dell’Eurogruppo Mario Centeno prima della riunione delle ministri.

“Servono aggiustamenti considerevoli”, e “discuterò con Tria elementi aggiuntivi” per correggere la traiettoria di bilancio: lo ha detto il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis entrando alla riunione dell’Eurogruppo che oggi si tiene in Lussemburgo.

“Io ieri non ho visto il ministro Tria che diceva no, la flat tax non si può fare o non si può contemplare alcun tipo di deficit”. Lo ha chiarito il vicepremier, Luigi Di Maio, parlando del vertice di ieri mattina con Tria, Conte e Salvini. “Quando l’incontro è finito, – ha aggiunto ai microfoni di Radio Anch’io – ci siamo alzati tutti quanti, il ministro dell’Interno non ha partecipato dopo a questioni più tecniche che riguardavano altri ministeri”.

“Ero favorevole alla flat tax anche in passato, bisogna vedere come si fa”, ma “in questo momento gli obiettivo di deficit sono quelli”: lo ha detto il ministro dell’Economia Giovanni Tria.

“Stiamo facendo un negoziato sugli obiettivi di deficit che noi abbiamo, dimostreremo che li raggiungeremo perché ci mettono in posizione di sicurezza”, ha detto Tria. “Non ne abbiamo bisogno” di misure correttive, “altrimenti le faremmo”, ma “già sappiamo che arriviamo naturalmente a quel livello”, ha aggiunto.

Escalation delle tensioni commerciali, alto rischio di no deal su Brexit, Paesi ad alto debito che non riescono a ricostruire buffer di bilancio e attuare le riforme strutturali: sono i tre rischi che vede il Fondo monetario internazionale, a causa dei quali “le previsioni per la zona euro restano precarie”. Lo scrive il Fmi nel suo rapporto article IV sulla zona euro.

“I Paesi ad alto debito sono perlopiù nel Sud Europa. Preoccupa la crescita bassa e la mancanza di riforme strutturali, ed è importante avere un percorso di bilancio che mantenga la fiducia degli investitori”: lo ha detto il direttore generale del Fmi Christine Lagarde, parlando dei rischi della zona euro. Riferendosi ai Paesi ad alto debito, Italia inclusa, ha auspicato “che le istituzioni Ue si impegnino in un dialogo per arrivare a un risultato favorevole”, e un “percorso appropriato” dei conti.

Poi in merito ai minibot in Italia. “Ci sono molti modi migliori per affrontare i pagamenti, che non richiedono la creazione di questi strumenti. I bond possono fare lo stesso lavoro”, mentre dei minibot “non si capisce e non è accettato il quadro legale, quindi perché farli?”.

Via osservatorio Governance non quotateBanca Generali, PwC e SDA Bocconi in collaborazione con Cerved

13 giugno 201917:12

– Banca Generali, PwC Tax & Legal Services (TLS) e SDA Bocconi insieme – in collaborazione con Cerved – per promuovere la diffusione delle best practices in tema di assetti societari e processi di governo delle imprese.
Nasce così il primo Osservatorio sulla Governance delle imprese non quotate, il progetto triennale che avrà come focus l’analisi di queste pratiche tra le imprese di medie e grandi dimensioni non quotate – utilizzando le imprese quotate quale “benchmark” – e analizzerà gli impatti e i benefici di una buona governance sul business. I risultati del lavoro saranno pubblicati annualmente.
Diretto da Alessandro Minichilli (SDA Professor e Professore Associato Università Bocconi) e gestito con Daniela Montemerlo (SDA Professor e Professore Ordinario Università dell’Insubria), l’Osservatorio analizzerà gli statuti, le forme di controllo e le prassi di governance delle imprese con fatturato superiore a 50 milioni di euro, per un totale di oltre 5.500 società.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE E DETTAGLIATE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Etruria: 17 avvisi conclusione indagine
Tutto ultimo cda con papà ex ministro. Accusa,bancarotta colposa

AREZZO13 giugno 201916:47

– Bancarotta colposa è il reato ipotizzato dalla procura di Arezzo nei 17 avvisi di conclusione indagine notificati a tutti i componenti dell’ultimo consiglio di amministrazione di Banca Etruria allora presieduto da Giuseppe Fornasari. Tra loro anche a Pierluigi Boschi, padre dell’ex ministro Maria Elena Boschi. Due avvisi sono stati consegnati agli ex direttori generali dell’ex istituto bancario, Luca Bronchi e Daniele Cabiati. In particolare il procuratore di Arezzo Roberto Rossi, che coordina le indagini sui diversi filoni d’inchiesta legati a Etruria, contesterebbe lo spreco di denaro utilizzato per diversi consulenti chiamati a cercare, dal dicembre 2013, un eventuale partner per la banca, all’epoca già in cattive acque, come consigliato da Bankitalia. Ora destinatari degli avvisi di conclusione indagine avranno venti giorni di tempo per chiedere di essere sentiti dai pm o presentare delle memorie scritte.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Leasys spinge su Store per noleggio auto
Entro 2021 in 13 Paesi UE con 450mila vetture, e anche su Amazon

13 giugno 201917:23

– La necessità di possedere l’auto sta lasciando spazio alla possibilità del noleggio per periodi variabili: da molto brevi – anche solo un’ora – a molto lunghi, anni. Forte di questa tendenza, Leasys, l’operatore di mobilità controllato da FCA Bank, punta sui diversi tipi di noleggio per venire incontro tanto alle imprese quanto ai privati. E per aiutare la clientela ad orientarsi, spinge sui mobility store: luoghi fisici dove scoprire la soluzione più adatta alle proprie esigenze. Cento i punti fisici in Italia con una flotta di 5.000 vetture per il noleggio a breve/medio tempo e car sharing, che diventeranno 400 con oltre 12.500 vetture in Italia. Nel 2021 l’espansione toccherà 13 paesi europei (adesso sono 7) con 1.200 Mobility Store e 450mila veicoli. In ciascuno sono presenti in media 3 punti di ricarica per auto elettriche.
Borsa: Milano chiude in rialzo, + 0,8%Ftse Mib si ferma a 20.630 punti
13 giugno 201917:43

– La Borsa di Milano chiude la seduta in rialzo. Il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,82% a 20.630 punti.
Borsa: Europa chiude in rialzoFrancoforte +0,44%, Parigi e Londra piatte

13 giugno 201918:33

– Colpo di coda sul finale di seduta per le Borse europee che si riportano tutte in terreno positivo.
Milano è la migliore con un rialzo dello 0,8%, Francoforte ha chiuso in rialzo dello 0,44%, Londra e Parigi piatte (+0,01%).
Gavio: Astm incorpora SiasLanciata Opa sul 5% della controllata a 17, 5 euro

13 giugno 201919:04

– Riassetto in casa Gavio. I Cda hanno approvato un’operazione di integrazione, da realizzarsi mediante la fusione per incorporazione di Sias in Astm per semplificare la catena di controllo attraverso la creazione di una ‘One Company’ quotata in Borsa come lo sono le due società coinvolte. E’ previsto che Astm lanci un’Opa parziale sul 5% di Sias a un prezzo unitario di 17,5 euro.
La decisione di promuovere l’Opa è riconducibile, da una parte, alla esigenza di mitigare gli effetti diluitivi derivanti dalla fusione e, dall’altra, alla volontà di concedere una facoltà di uscita parziale agli azionisti di Sias che non intendano mantenere il proprio investimento nella società risultante dalla fusione, spiega una nota. Il perfezionamento dell’offerta è subordinato al fatto che Astm venda a detenere direttamente il 66,693% di Sias.
Petrolio: chiude in rialzo a NyQuotazioni salgono del 2,28%

NEW YORK13 giugno 201920:41

Il petrolio chiude in rialzo a New York, dove le quotazioni salgono del 2,28% a 52,28 dollari al barile.
Dl crescita slitta a lunedì. Stallo su nodo ex IlvaAttesa per ulteriore pacchetto di emendamenti del relatore

13 giugno 201921:46

L’ex Ilva di Taranto, ora in mano alla multinazionale ArceloMittal, torna tra i temi dell’agenda politica e potrebbe essere stato uno dei punti da approfondire che hanno portato a far slittare alla prossima settimana i lavori sul decreto Crescita. Ci sarebbe infatti, proprio il nodo della responsabilità per gli amministratori dell’ex Ilva dietro lo stallo sul provvedimento legislativo ed è ora atteso un confronto ai vertici del governo per definire la linea di maggioranza e andare avanti. Nel dl c’è infatti una norma che esclude la responsabilità penale per l’attuazione del piano ambientale fino a settembre.Arcelor Mittal vorrebbe invece, secondo fonti parlamentari, un’esclusione per cinque anni anche sulla sicurezza sul lavoro. Il M5s non vorrebbe cambiare la norma ma un confronto è in atto. Secondo quanto si apprende comunque il problema potrebbe anche essere molto più complessivo, ovvero quello di mantenere condizioni per cui resti fattibile portare avanti sia il piano ambientale sia quello produttivo dell’azienda. La situazione in generale per le acciaierie tarantine sembra ormai tornata a scaldarsi e la maggioranza appare intenzionata a voler valutare più approfonditamente tutti gli aspetti anche alla luce delle circa 1.400 richieste di cassa integrazione avanzate da A.Mittal per 13 settimane a causa dei problemi del settore siderurgico. I lavori delle commissioni Bilancio e Finanze della Camera sul Dl Crescita sono comunque stati rimandati a lunedì mattina, di conseguenza l’arrivo del provvedimento nell’aula di Montecitorio, previsto per lunedì stesso, slitterà a martedì 18 giugno. Non è ancora stato depositato un ulteriore pacchetto di emendamenti del relatore, probabilmente quattro, che dovrebbero arrivare tra stanotte e domani mattina. Fra questi, ce ne sarà uno sulla manutenzione delle casette dei terremotati. Domani mattina scadrà il termine per la presentazione dei subemendamenti.
Borsa: Tokyo, apertura piatta (-0,02%)Prezzo petrolio in rialzo a causa tensioni Golfo Oman

TOKYO14 giugno 201902:33

– La Borsa di Tokyo avvia l’ultima della settimana piatta, mentre aumentano le tensioni in Medio Oriente dopo l’attacco di ieri a due petroliere nel Golfo dell’Oman, facendo salire le quotazioni del greggio. Tra le indicazioni macroeconomiche c’è attesa per il dato di questa mattina sulla produzione industriale in Cina. L’indice Nikkei apre senza variazioni (-0,02%) a quota 21.027,03. Sul mercato valutario lo yen si va apprezzando a 108,30 sul dollaro, e a 122,10 sull’euro.
Borsa: Shanghai positiva, a +0,40%In calo Shenzhen, a -0,47%

PECHINO14 giugno 201904:48

– Le Borse cinesi sono contrastate a mezz’ora circa dall’avvio delle negoziazioni: l’indice Composite di Shanghai sale dello 0,40% e si porta a 2.922,25 punti, mentre quello di Shenzhen cede lo 0,47%, a quota a 1.525,49.           [print-me title=”STAMPA”]

Annunci
No votes yet.
Please wait...

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.