Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 6 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE E DETTAGLIATE

DALLE 14:23 DI SABATO 15 GIUGNO 2019

ALLE 09:42 DI DOMENICA 16 GIUGNO 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Pattugliatore varato al Muggiano
Presenti il ministro Trenta e l’ad di Fincantieri Bono

GENOVA15 giugno 2019 14:23

– E’ stato varato stamani nello stabilimento Fincantieri di Muggiano (La Spezia) il primo pattugliatore polivalente d’altura Paolo Thab di Revel, il primo di sette unità. Sarà consegnato nel 2021. Il Ppa rientra nel piano di rinnovamento delle unità navali della Marina Militare deciso dal Governo e dal Parlamento e avviato con la legge navale nel 2015. Il pattugliatore è adatto a diverse tipologie di azioni, dal pattugliamento alle operazioni di protezione civile sino a nave combattente è stato spiegato. Presenti alla cerimonia il capo di stato maggiore della Marina Militare ammiraglio Valter Girardelli, la ministro della Difesa Elisabetta Trenta, l’ad di Fincantieri Giuseppe Bono. Il pattugliatore è dal punto di vista dell’ armamento ed equipaggiamento un ‘light’, con tecnologia Leonardo.
Lungo 132.5 metri, può accogliere 171 uomini di equipaggio e fornire acqua ed energia elettrica a terra. Madrina della cerimonia la nipote dell’ammiraglio Thaon Di Revel, Irene Imperiali.
Suv contro camion, morto bimbo di 7 anniNel Bolognese, era in macchina con il padre che è rimasto ferito

SABOLOGNA15 giugno 201914:40

– Un bambino di sette anni è morto in un incidente stradale a Pontecchio di Sasso Marconi, nel Bolognese. L’auto guidata dal padre, 37 anni, si è schiantata contro un camion che stava tagliando l’erba su un lato della strada. Il mezzo, a quanto pare, era segnalato, ma l’uomo, alla guida di un suv, non è riuscito a evitarlo e la vettura è finita contro il guard rail.
Per il piccolo non c’è stato nulla da fare. Il padre è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale Maggiore di Bologna, in condizioni di media gravità, e sarà sottoposto ad accertamenti. La Polizia municipale di Sasso Marconi è al lavoro per ricostruire esattamente la dinamica. Il tratto di strada è stato temporaneamente chiuso.
Card.Sepe, accogliere chi chiede aiutoNapoli è una città aperta, sono nostri fratelli e sorelle

NAPOLI15 giugno 201914:53

– La “spinta” di Papa Francesco è di “costruire ponti” e “Napoli è una città aperta che sa accogliere”, a differenza di chi “invece di aprire le porte, le ‘inserra’ (chiude a chiave, in dialetto napoletano, ndr.) causando morte”. A parlare è il cardinale Crescenzio Sepe, arcivescovo metropolita di Napoli, in occasione dell’incontro per illustrare il programma della visita in città, il prossimo 21 giugno, di Papa Francesco, per il convegno “La teologia dopo Veritatis Gaudium nel contesto del Mediterraneo”.
Proprio quel Mediterraneo, ha ricordato il presule, che “nelle parole del Santo Padre non deve essere più un cimitero”. E’ un messaggio, come ha spiegato Sepe, “rivolto a chi istituzionalmente è deputato a rendere questo mare ‘nostrum’, cioè che accoglie chi chiede di essere salvato, soprattutto se sono donne, bambini, malati”. “A nessuno è permesso rifiutare o scartare chi viene da fuori – dice – Sono nostri fratelli e sorelle, noi abbiamo il dovere umano e cristiano di accoglierli”.
Diciassettenne annega nel fiume OglioSi era tuffato per recuperare un pallone, non è più riemerso

BERGAMO15 giugno 201916:46

– Un 17enne è annegato sabato pomeriggio nel fiume Oglio, a Palosco, in provincia di Bergamo.
Il ragazzo, di origini senegalesi e residente a Cenate (Bergamo) era entrato in acqua per recuperare la palla con la quale stava giocando con alcuni amici sulla riva, ma non è più riemerso. A dare l’allarme, gli amici. Il cadavere è stato ritrovato dopo un’ora di ricerche, a quattro metri di profondità e a una quindicina di metri dal punto in cui era stato visto scomparire.
Il ragazzo sarebbe stato tradito da un mulinello, che lo avrebbe trascinato sott’acqua. Gli amici hanno tentato di soccorrerlo, ma la forza della corrente ha prevalso. Sul posto, oltre ai sommozzatori volontari di Treviglio, sono giunti gli uomini del soccorso subacqueo di Milano, una squadra dei vigili del fuoco di Romano di Lombardia, la polizia locale di Palosco, la Croce Rossa di Palazzolo e l’elisoccorso da Milano.
Uccide la moglie e ferisce la figlia, arrestatoL’uomo si era barricato nel negozio dove lavorava la vittima, nel Palermitano

PALERMO15 giugno 201917:32

Un uomo ha ucciso la moglie, commessa in un negozio di calzature in Corso Italia a Carini (Palermo), ed è rimasto barricato nell’esercizio commerciale. L’assassino avrebbe anche ferito la figlia. I vigili del fuoco sono riusciti ad aprire la porta e i carabinieri l’hanno bloccato. Sono intervenuti i sanitari del 118 che hanno trasportato la figlia all’ospedale Cervello. Per la moglie non c’è stato nulla da fare.
Guede si prepara prendere seconda laureaDopo quella storia discuterà tesi su narrazione cinematografica

PERUGIA15 giugno 201918:14

– Si prepara a prendere la sua seconda laurea e intanto continua a lavorare all’esterno del carcere di Viterbo Rudy Guede, l’ivoriano condannato a 16 anni di reclusione per l’omicidio di Meredith Kercher. Che ha sempre negato di avere ucciso la studentessa inglese pur ammettendo di essere stato presente in casa al momento del delitto.
Secondo quanto appreso

Guede, che ha già ottenuto la laurea triennale (con 110 e lode) in Scienze storiche del territorio e della cooperazione internazionale, si prepara a discutere la tesi in narrazione cinematografica presso la facoltà di Storia e società dell’Università di Roma Tre. Ha infatti terminato gli esami con una media intorno ai 28 trentesimi.
L’ivoriano è stato da tempo ammesso al lavoro esterno al carcere presso la biblioteca del Centro per gli studi criminologici di Viterbo che lo segue. Ha inoltre usufruito di diversi permessi premio ed è tornato più volte a Perugia ospite della famiglia della sua maestra delle elementari.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE: SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE E DETTAGLIATE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Prof arrestato per abusi, si è ucciso
L’uomo era agli arresti domiciliari in un comune del Napoletano

NAPOLI15 giugno 201918:44

– Si è ucciso sparandosi un colpo di pistola il docente di matematica di un noto liceo di Napoli arrestato nei giorni scorsi con l’accusa di aver compiuto atti sessuali su due studentesse all’epoca dei fatti quindicenni.
L’uomo, 53 anni, era ai domiciliari nella sua residenza in un comune dell’hinterland partenopeo. Sul posto è giunto il pm di turno. Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, l’uomo si sarebbe tolto la vita poco dopo le 14 con un colpo d’arma da fuoco dritto al petto. La rivoltella risulta legalmente detenuta.
La notizia si è diffusa sui social suscitando sgomento tra gli ex allievi del professore. No comment dal legale che ne aveva preso le difese, l’avvocato Fulvio Prestieri.
Marò Latorre si sposa, presente ministroPensiero su social a collega Girone, che non può essere presente

BARI15 giugno 201921:43

Fiori d’arancio a Roma per il marò tarantino Massimiliano Latorre: il fuciliere di Marina si è sposato nella Chiesa dell’ordinariato militare della Capitale, ornata di fiori tricolori, con Paola Moschetti, sempre al suo fianco nella querelle internazionale con l’India. Alle nozze ha partecipato il ministro della Difesa, Elisabetta Trenta.Assente, perché non possono avere contatti per il divieto del Tribunale dell’Aja, l’altro marò, Salvatore Girone, che Latorre chiama ‘fratello mio’ in un post sui social: “Caro Salvo, oggi non potremo festeggiare con te il mio matrimonio e di Paola, ma ti assicuro che, se non fisicamente, sarai e sarete tu, Vania, Michele e Martina, con noi”. I due marò, in missione di protezione della nave mercantile italiana Enrica Lexie furono coinvolti il 15 febbraio 2012 nella morte di due pescatori indiani al largo del Kerala, scambiati per pirati. L’8 luglio cominceranno all’Aja le udienze arbitrali che dovranno stabilire se spetti all’India o all’Italia processarli.
Caporalato: 5 arresti cc MantovaOperazione contro il lavoro nero nei campi a Ostiglia

SAMANTOVA15 giugno 201919:21

– Quattro ‘caporali’ e il committente sono stati arrestati dai carabinieri di Mantova nell’ambito di un’operazione contro il lavoro nero nei campi. In un’azienda agricola di Ostiglia, nel Mantovano, con sede legale a Legnago (Verona) i militari dell’arma hanno controllato 56 braccianti gestiti da una cooperativa modenese.
I lavoratori sono risultati in regola con il permesso di soggiorno ma sottopagati, circa 5 euro all’ora. Nessuno, inoltre indossava dispositivi di protezione e non erano mai stati sottoposti alla visita medica preventiva. I quattro ‘caporali’, tre pakistani e un marocchino, che avevano il compito di gestire i braccianti per conto della cooperativa, sono stati arrestati e rinchiusi nel carcere di Mantova, mentre il proprietario del fondo agricolo, un agricoltore italiano di 72 anni, è finito agli arresti domiciliari.
Scontro auto-bus, 2 morti nel venezianoE’ un frontale, probabile causa salto corsia vettura

VENEZIA15 giugno 201919:26

– Due persone sono morte in un incidente stradale avvenuto in località Montiron a Tessera nella terraferma veneziana. Secondo una prima ricostruzione dei Vigili del fuoco, un’automobile avrebbe fatto un salto di corsia andando ad incastrarsi sotto un autobus delle linee extraurbane.
Le due vittime sarebbero gli occupanti del mezzo mentre l’autista, per la violenza dell’impatto, è rimasto incastrato nel mezzo. Sul posto sono giunti i Vigili del fuoco, i sanitari del Suem 118 con più ambulanze e le forze dell’ordine.
Muore alpinista donna sul San MatteoCordata travolta da probabile ‘scaricamento’ di neve

VALFURVA (SONDRIO)15 giugno 201920:18

– Una alpinista è morta oggi pomeriggio sulla parete Nord del monte San Matteo, a oltre 3.000 metri di quota nel territorio di Valfurva (Sondrio).
Faceva parte di una cordata di tre alpinisti colpita da un probabile scaricamento di neve che li ha trascinati in basso.
Uno di loro è riuscito a staccarsi e, dopo avere percorso un tratto a piedi, è riuscito a chiedere aiuto. Sul posto l’elisoccorso da Sondrio, con una Delegazione di Valtellina Valchiavenna del Soccorso Alpino e la Guardia di finanza. Dopo un primo sorvolo per valutare la situazione, il mezzo ha imbarcato quattro soccorritori e li ha portati sul luogo dell’incidente. Due alpinisti sono rimasti illesi, purtroppo il terzo, una donna, non è sopravvissuto. L’intervento è terminato intorno alle 19.           [print-me title=”STAMPA”]

Annunci
No votes yet.
Please wait...

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.