Aggiornamenti, Notizie, Tecnologia, Ultim'ora

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 6 minuti

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: LEGGI!

DALLE 09:50 DI GIOVEDì 18 LUGLIO 2019

ALLE 06:18 DI VENERDì 19 LUGLIO 2019

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

Google Earth, animazioni e storie per anniversario Apollo 11
Su sito retroscena missione e storie degli astronauti

18 luglio 2019 09:50

Anche Google Earth, il software che genera immagini virtuali della Terra, celebra i 50 anni dell’allunaggio e della storica missione Apollo 11. Sul sito è possibile scoprire i retroscena della missione

grazie ad una presentazione animata: collega gli avvenimenti ai luoghi in cui sono accaduti e ripercorre le tappe che hanno portato l’uomo sulla Luna, dal discorso di John F. Kennedy al conto alla rovescia finale.
E’ possibile inoltre scoprire come la Nasa sta aggiornando i siti di lancio esistenti in vista delle prossime missioni ed esplorare la Luna in modo nuovo, grazie ad uno strumento di animazione per immagini satellitari e 3D integrato in Google Earth Studio. Permetterà anche di creare animazioni della Luna e di Marte.

Infine, c’è la possibilità di approfondire la storia di dieci iconici esploratori dello spazio: dal cosmonauta russo Yuri Gagarin a Neil Armstrong passando anche per Sally Ride, prima astronauta Lgbtq.

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

Sex toys ammessi al Ces di Las Vegas
E giro di vite su abbigliamento delle hostess

18 luglio 201917:31

Il Ces di Las Vegas, la più grande fiera dell’elettronica al mondo, ammetterà i sex toys dalla prossima edizione a gennaio 2020, mentre ci sarà un giro di vite sull’abbigliamento delle hostess presenti negli stand, che non dovrà essere troppo sexy. Lo ha annunciato, riporta il sito The Verge, la Consumer Tecnology Association (Cta), che organizza lo show.

La novità viene dopo che nella scorsa edizione ad un sex toy era stato revocato un premio per l’innovazione assegnato dalla stessa Cta, ed era stata ritirato all’azienda produttrice anche il permesso di esporlo. Per poter essere ammessi alla sezione ‘salute e wellness’ i dispositivi dovranno essere “innovativi e contenere tecnologie nuove o emergenti – ha affermato Karen Chupka, uno degli organizzatori -. Non vogliamo vedere solo file e file di vibratori comuni”.

La Cta ha anche aggiornato la politica sul dress code dello staff del Ces, per evitare che le compagnie utilizzino modelle poco vestite per promuovere i propri stand. Le nuove regole affermano che sono banditi gli outfit “sessualmente rivelatori o che lasciano un eccesso di pelle nuda o sono troppo attillati sui genitali”. La pena in questo caso per le aziende è la retrocessione in una speciale classifica che permette di avere una buona posizione del proprio stand.

Delude la crescita abbonati, Netflix crolla in Borsa Pesano aumento prezzi e concorrenza. A Wall Street -12%

18 luglio 201917:36

La crescita degli abbonati delude e Netflix affonda a Wall Street, dove arriva a perdere fino al 12%. Il colosso della tv in streaming chiude il secondo trimestre con 2,7 milioni di abbonati in più, decisamente al di sotto dei cinque milioni attesi. A preoccupare è soprattutto la perdita di 130.000 abbonati negli Stati Uniti a causa del rincaro dei prezzi e della programmazione debole. Alla fine di giugno Netflix conta 151,6 milioni di abbonati nel mondo, meno dei 153,9 milioni che aveva previsto e meno dei 156,5 milioni attesi dal mercato. La società stima per il terzo trimestre 7 milioni di abbonati in più, di cui 800.000 negli States, grazie al ritorno sul piccolo schermo di alcune delle serie di maggiore successo, quali Stranger Things e Orange is the New Black.Nonostante la crescita deludente degli abbonati, Netflix chiude il secondo trimestre con ricavi in crescita del 26% a 4,92 miliardi di dollari. L’utile invece è sceso a 270 milioni di dollari dai 384,3 milioni dello stesso periodo dell’anno precedente. Risultati positivi che passano però in secondo piano per gli investitori rispetto alla crescita degli abbonati. Il timore è che fra l’aumento dei prezzi e della concorrenza Netflix inizi a perdere colpi e questo preoccupa alla luce delle forti spese della società per la produzione di contenuti e la bassa redditività. Gli analisti continuano però a prevede una positiva seconda metà dell’anno, anche se la concorrenza incalza.Nei prossimi mesi è infatti atteso il lancio dei servizi in streaming di Walt Disney, Apple e AT&T e questo si è già tradotto nel ritiro da Netflix di alcuni programmi popolari, quali The Office e Friends che tornano rispettivamente su NBCUniversal di Comcast e su HBO Max. Nella lettera agli azionisti allegata ai risultati Netflix ammette di aver sottovalutato gli effetti di una programmazione debole sulla crescita degli abbonati. Ma chiarisce di non voler intraprendere la strada della pubblicità per sostenere il suo servizio. “Riteniamo di avere un modello di business di maggior valore nel lungo termine stando fuori dalla concorrenza per i ricavi pubblicitari e concentrandoci sul soddisfare solo i nostri abbonati”.

Oppo lancia in Italia il primo telefono 5GIl manager, ‘abbiamo 250 milioni di clienti e vogliamo crescere’

18 luglio 201913:53

Oppo porta in Italia il suo primo primo smartphone 5G. Dopo Huawei, Lg, Samsung e Xiaomi, anche la compagnia cinese – quinta nel mercato mondiale dei telefoni – lancia un dispositivo compatibile con le nuove reti di telecomunicazioni che sono in fase di costruzione su scala globale. Lo smartphone è il Reno 5G, un device top di gamma che arriva nella Penisola annoverando Tim e Qualcomm tra i partner principali.”Siamo il quinto produttore di smartphone al mondo, abbiamo 250 milioni di utenti in oltre 40 Paesi e intendiamo crescere ancora, anche grazie al 5G. Stiamo investendo 1,5 miliardi di dollari in ricerca e sviluppo”, ha detto il deputy general manager di Oppo Italia, Enrico Pappolla, alla conferenza di presentazione, oggi a Roma.Il Reno 5G ha uno schermo da 6,6 pollici, tripla fotocamera posteriore (sensore principale da 48 megapixel coadiuvato da un teleobiettivo da 13 megapixel e da un grandangolare da 8 megapixel), e fotocamera frontale a scomparsa da 16 megapixel.La dotazione interna è di fascia alta (processore Snapdragon 855 di Qualcomm, 8 GB di Ram e 256 GB di memoria interna). Sarà disponibile da fine luglio con Tim.

Google chiude definitivamente il progetto DragonflyEra versione censurata del motore di ricerca per la Cina

18 luglio 201915:43

Google chiude definitivamente Dragonfly, il controverso progetto di un motore di ricerca ‘epurato’ per la Cina. La conferma arriva dalle parole di Karan Bhatia, Vice President of Public Policy per il gruppo di Mountain View, che è intervenuto di fronte al Judiciary Committee del Senato Usa affermando che il progetto è “terminato”.Il caso era esploso quasi un anno fa grazie ad una inchiesta del sito The Intercept, provocando le proteste interne dei dipendenti ma anche delle organizzazioni per i diritti umani.Un portavoce della società è intervenuto attraverso il sito BuzzFeed per sottolineare che non si tratterebbe di una novità, poiché il lancio di un motore di ricerca censurato destinato alla Cina non rientra già da mesi nei piani della società californiana.Non è l’unica iniziativa di Google ad aver provocato reazioni negative negli ultimi mesi. C’è anche Project Maven attraverso il quale l’azienda ha collaborato con il Pentagono per l’uso dell’Intelligenza artificiale nell’analisi delle immagini aeree catturate dai droni in zone di conflitto: in seguito alle proteste dei dipendenti il contratto non è stato rinnovato.

Creatori FaceApp, immagini cancellate dal cloud in 48 oreSviluppatori app che invecchia rispondono a timori privacy

18 luglio 201917:36

Il team di FaceApp, l’app che invecchia i volti e sta spopolando in questi giorni sui social, risponde ai dubbi sulla privacy. Conferma – come riporta il sito TechCrunch – che le foto vengono caricate sui server della propria infrastruttura ‘cloud’ per l’elaborazione e che vengono conservate per un periodo che non va oltre le 48 ore, in modo da evitare che gli utenti debbano trasmetterle nuovamente per eseguire altri editing e per analisi interne a fini statistici.La società russa sottolinea inoltre di non rendere accessibili i file né le informazioni private a terze parti. Da utenti ed esperti sono stati sollevati in questi giorni preoccupazioni sul fatto che FaceApp carica le foto scelte degli utenti sul cloud e quindi l’elaborazione delle immagini non viene eseguita localmente sul proprio dispositivo. Nessun dato degli utenti, specifica poi la società, viene “trasferito in Russia”, anche se il suo team di ricerca e sviluppo ha sede lì e che non “vende o condivide i dati degli utenti con terze parti” e che questi su richiesta possono essere cancellati. Il team di FaceApp, infine, sottolinea che la stragrande maggioranza degli utenti non effettua il login e quindi l’app non è in grado di collegare le foto alle identità degli stessi.Nelle scorse ore il leader dem al Senato Usa, Chuck Schumer, ha chiesto all’Fbi e alla commissione federale per il commercio (Ftc) di indagare su FaceApp definendo “profondamente preoccupante” che i dati personali di cittadini Usa possano finire nelle mani di una “potenza straniera ostile”. L’app è stata creata da Wireless Lab OOO, con sede a San Pietroburgo, e lanciata a gennaio 2017. Da allora circa 80 milioni di persone hanno già scaricato il software.

Annunci
No votes yet.
Please wait...

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.