Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 8 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: LEGGILE!

DALLE 15:51 DI GIOVEDì 15 AGOSTO 2019

ALLE 00:57 DI VENERDì 16 AGOSTO 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Lo stallo Open Arms, cosa succede ora? Ok a sbarco nove migranti per cure mediche
Senza firma Trenta-Toninelli nuovo stop inefficace

15 agosto 2019 15:51

In acque italiane ma senza il permesso di sbarcare. E’ stallo sulla Open Arms e i 147 migranti a bordo di cui circa 30 minori. “Al riparo non abbiamo il permesso di entrare in porto”, fanno sapere dalla ong spagnola. L’ingresso in acque italiane è stato possibile dopo la mancata firma da parte dei ministri della Difesa, Elisabetta Trenta, e delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, del secondo divieto di ingresso voluto dal ministro Matteo Salvini dopo che il Tar del Lazio aveva deciso la sospensiva del primo provvedimento di stop.Intanto, in serata,  è  stato autorizzato lo sbarco per 5 dei migranti che da 14 giorni si trovano sulla Open Arms. Lasciano la nave della ong spagnola per motivi psicologici e perché bisognosi di soccorsi sanitari. Ad accompagnarli 4 familiari, quindi complessivamente sono nove persone. La Open Arms resta, intanto, a circa 150 metri dalla costa di Lampedusa (Ag). Sul molo Favarolo, ci sono tutte le forze dell’ordine e le ambulanze per trasferire i migranti.Il decreto sicurezza bis infatti prevede che il divieto di ingresso sia deciso dal Viminale “di concerto con il Ministro della difesa e con quello delle infrastrutture e dei trasporti, secondo le rispettive competenze” e poi comunicata “al Presidente del Consiglio dei ministri”. Permane invece il mancato permesso di sbarco. Quest’ultimo infatti deve essere autorizzato dalla Prefettura, in questo caso quella di Agrigento, dunque in sostanza dal Viminale. La Prefettura poi predisporrà la macchina organizzativa.In alcuni casi precedenti, l’ultimo quello della Sea Watch e prima ancora della Alex, lo sbarco dei migranti è avvenuto dopo che l’autorità giudiziaria aveva posto sotto sequestro l’imbarcazione ed aperto un fascicolo d’indagine: lo sbarco in questa fattispecie è stato conseguenza del sequestro della nave, atto istruttorio necessario per accertare gli ipotizzati reati. Sulla Open Arms pende anche il ricorso al Consiglio di Stato del Viminale contro la decisione del Tar del Lazio che in sede monocratica ha sospeso il primo divieto d’ingresso deciso dal Ministero dell’Interno ravvisando “una situazione di eccezionale gravità e urgenza” nonché “un vizio di eccesso di potere per travisamento dei fatti e di violazione delle norme di diritto internazionale del mare in materia di soccorso”.Inoltre il Tar “ritenuto, quanto al periculum in mora, che sicuramente sussiste, alla luce della documentazione prodotta (medical report, relazione psicologica, dichiarazione capo missione)” ha sospeso il divieto di ingresso “al fine di consentire l’ingresso della nave Open Arms in acque territoriali italiane (e quindi di prestare l’immediata assistenza alle persone soccorse maggiormente bisognevoli, come del resto sembra sia già avvenuto per i casi più critici)”. Report medici, fatti da operatori di Emergency, danno conto di una situazione di “enorme stress psicologico, disagio” e in alcuni casi di “ideazioni suicidiarie”. Ma anche in caso di un’emergenza sanitaria a bordo lo sbarco dei migranti deve essere autorizzato dalla Prefettura.

Febbre del Dengue nel BrescianoPer Ats caso isolato, avviato protocollo

BRESCIA15 agosto 201916:52

– Un caso di febbre da Dengue è stato riscontrato a Chieti in provincia di Brescia. Si tratta della malattia provocata dalle punture di zanzara della febbre gialla. L’Ats di Brescia ha avviato il protocollo previsto sostenendo che si tratta di un caso isolato. La persona che ha contratto la febbre del Dengue ha accusato febbre alta, dolore agli occhi e vomito.

Reggia Venaria, folla turisti FerragostoBoom di visitatori per la residenza sabauda patrimonio Unesco

TORINO15 agosto 201917:17

– La Reggia di Venaria, residenza sabauda dal 1997 Patrimonio dell’umanità Unesco, si conferma tra le mete preferite dai turisti anche a Ferragosto. I visitatori paganti, provenienti anche da fuori Piemonte e dall’estero, sono stati oggi quasi 6 mila. Si aggiungono agli oltre 7.600 staccati ieri, con l’ormai tradizionale e sempre più seguita Festa di Ferragosto che ha visto la Reggia, i Giardini e le varie mostre aperte fino alle 23.30.
Insieme al Castello della Mandria, la Reggia di Venaria può essere visitata anche nei prossimi giorni, con eventi ed aperture anche serali.

Sorella Piscitelli,esequie Divino Amore’Garantirebbe sicurezza col diritto al rito cristiano’

ROMA15 agosto 201918:44

– “Al fine di non negare il funerale a Fabrizio che normalmente si riserva a tutti gli esseri umani, le reitero la proposta di optare per il santuario del Divino Amore la cui conformazione consentirebbe il controllo degli ingressi e dunque di bilanciare e rispettare i principi di uno Stato di diritto, garantiti dalla Costituzione, quali appunto la sicurezza e l’ordine pubblico, con il diritto al rito delle esequie cristiane”. Lo scrive Angela Piscitelli, la sorella dell’ultras della Lazio ucciso nei giorni scorsi a Roma, in una lettera al Questore di Roma.

Morti i due fratellini dispersi in mareSarebbero stati sbalzati su scogli. Padre ha tentato di salvarli

PESCARA15 agosto 201919:02

– Sono stati trovati morti i due fratellini di 11 e 14 anni dispersi in mare ad Ortona, nel Chietino. I corpi sono stati rinvenuti su una scogliera frangiflutti, in due punti distinti, ma a pochi metri di distanza una dall’altro. Secondo le prime informazioni, i due ragazzini – di origine cinese ma nati in Italia e residenti a Montesilvano (Pescara) – stavano facendo il bagno, quando sarebbero stati sbalzati contro gli scogli dalle onde. Il padre ha provato a nuotare e a salvarli, vedendo che erano in difficoltà. Secondo le testimonianze, l’uomo, forse a causa di un malore o del mare agitato, non è riuscito a raggiungere i figli ed è stato tratto in salvo. Sul posto ci sono Capitaneria di Porto, con motovedette ed elicottero, Carabinieri, Vigili del Fuoco, 118 e Polizia di Stato, con l’elicottero.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Scivola per 80 metri, grave donna
(V. ‘Incidenti di montagna: due interventi

TRIESTE15 agosto 201919:34

– Una donna si è infortunata sul Monte Volaia, di 54 anni, ed è stata ricoverata all’ospedale di Udine, le sue condizioni sono gravi. Secondo quanto ricostruito dal Soccorso Alpino e Speleologico, la donna, friulana, era in escursione assieme al marito e stava scendendo dalla cima del Monte Volaia quando, a una quota di circa 2200 metri, è scivolata su una roccia ruzzolando per 80 metri circa su rocce e brecciolino. Anche un’altra donna è rimasta infortunata, ma in modo molto più lieve, ed è stata recuperata dal personale tecnico del Soccorso Alpino e Speleologico. La donna, di 54 anni, infortunatasi a un arto, era nella zona del Monte Avanza ed è di Forni Avoltri. E’ stata recuperata dall’elicottero della Protezione Civile con a bordo i tecnici della stazione di Forni Avoltri del Soccorso Alpino e Speleologico e condotta all’ospedale di Tolmezzo.

Scontro tra due auto, muore donna su A23All’altezza di Tarvisio (Udine)

TRIESTE15 agosto 201919:54

– Una donna è morta in un incidente stradale avvenuto questo pomeriggio al chilometro 115 della autostrada A23. Due auto si sono scontrate all’altezza dello svincolo di Tarvisio, in direzione Nord, per cause che non sono state ancora accertate. Secondo le prime notizie, le auto, sulle quale viaggiavano forse quattro persone, procedevano ad alta velocità. Sul posto sono accorsi vigili del fuoco, Polizia stradale e l’elicottero dei soccorsi.

Palio Siena:Istrice vince prova generaleOnda e Oca si alternano in testa poi Tempesta li passa con Oppio

SIENA15 agosto 201920:09

– La contrada dell’Istrice ha vinto stasera la prova generale del Palio di Siena in vista della Carriera di domani. Buona la partenza di Pantera, Selva e Chiocciola ma è stata la contrada dell’Onda a prendere la testa alla prima curva di San Martino alternandosi poi in prima posizione con l’Oca fino alla terza curva del Casato quando l’Istrice, con il fantino Andrea Coghe detto ‘Tempesta’ sul cavallo Oppio, ha preso la testa fino al termine.
Domani alle ore 9 è in programma la provaccia e nel pomeriggio, al tramonto, il Palio dell’Assunta.

Duplice omicidio per un parcheggioNel Messinese, vittime sono zio e nipote. Caccia all’omicida

UCRIA (MESSINA)15 agosto 201923:26

– Due persone, zio e nipote di 60 e 30 anni, sono stati uccisi a Ucria (Me) questa sera a colpi di fucile dopo una lite nata per parcheggio con un’altra persona. Le indagini sono condotte dai carabinieri che sono già sulle tracce dell’omicida. Subito dopo la sparatoria è scoppiata una violentissima rissa tra persone vicine alle due vittime e all’omicida.

Bagnante annega a Trani, stroncato da un maloreAveva 63 anni, inutili i soccorsi

TRANI15 agosto 201919:46

Un uomo di 63 anni è morto, forse a causa di un malore, mentre faceva il bagno in mare a Trani, nei pressi del Lido Colonna, all’altezza dei frangiflutti. A lanciare l’allarme alcuni bagnanti, ma a nulla sono valsi i tentativi di soccorso dei bagnini e dei soccorritori del 118.  Sul posto sono intervenuti uomini della Polizia locale e della Capitaneria di Porto.

Uomo annega nel Palermitano, salvati 2 giovaniÈ accaduto nelle acque antistanti il lungomare di Aspra

PALERMO15 agosto 201920:06

Un uomo di 54 anni residente a Chicago è morto annegato nelle acque antistanti il lungomare di Aspra, dopo essersi buttato a mare durante la notte di Ferragosto. Il suo corpo dopo lunghe ricerche è stato recuperato dai militari della Capitaneria di Porto che con i mezzi hanno scandagliato lo specchio d’acqua davanti al lungomare. Due giovani che rischiavano di annegare sono stati invece salvati a Isola delle Femmine. I bagnanti hanno fatto una catena umana e sono riusciti a portare a riva i due che non riuscivano a tornare in spiaggia.

Disperso dopo tuffo in mare nel TrapaneseSono stati i suoi amici a lanciare l’allarme.

CAMPOBELLO DI MAZARA (TRAPANI)15 agosto 201919:43

Disperso in mareun 24enne di origine tunisina che dopo avere fatto un tuffo in mare con alcuni amici davanti alla costa di Torretta Granitola, per festeggiare il Ferragosto, non è più riemerso dalle acque. Sono stati i suoi amici a lanciare l’allarme. Le ricerche, che vanno ininterrottamente avanti dalle 2 circa, sono coordinate dagli uomini della Capitaneria di porto di Mazara del Vallo che in nottata sono stati coadiuvati dall’equipaggio di un velivolo dell’aeronautica militare di Birgi e dai vigili del fuoco del distaccamento di Castelvetrano.

Giovane soccorso a Viareggio, è graveHa 19 anni è andato in arresto cardiaco ed è stato trasportato con l’elicottero Pegaso all’ospedale

VIAREGGIO (LUCCA)15 agosto 201920:06

Soccorso per una sindrome da annegamento nel mare di Viareggio (Lucca) dove un ragazzo di 19 anni è andato in arresto cardiaco ed è stato trasportato con l’elicottero Pegaso all’ospedale di Massa (Massa Carrara) per sottoporlo alla terapia con l’Ecmo (macchina cuore-polmone). Secondo quanto appreso i primi a intervenire sono stati i bagnini del Bagno Sauro mentre intanto sul posto arrivava il personale del 118 con l’ambulanza, tuttavia per rendere più veloce il trasporto in ospedale è stato deciso di impiegare un elicottero.

Disperso a Jesolo dopo tuffo dal pedalòGiovane trevigiano era con gruppo amici

VENEZIA15 agosto 201920:08

Sono proseguite tutto il pomeriggio, con l’aiuto degli elicotteri, ma non hanno finora dato esito le ricerche in mare a Jesolo di un giovane 23nne scomparso dopo essersi tuffato da un pedalò, sul quale si trovava con il fratello e tre amici.  Il gruppo si trovava a non più di 200 metri dalla spiaggia.  Nonostante il mare fosse del tutto calmo, il giovane dopo essere finito in acque è parso subito in difficoltà, ed è finito sotto.  Gli amici hanno dato l’allarme. Dopo il personale di salvataggio, sul posto sono giunti i sommozzatori dei pompieri, la Guardia Costiera. Le perlustrazioni sono state condotte anche dall’alto, con elicotteri di vigili e della Guardia di Finanza, ma senza esito. Prima dell’imbrunire le ricerche sono state allargate fino a lambire la foce del Sile. Il giovane scomparso, originario del Senegal, è un operaio, e risiede con la famiglia a Ponte di Piave (Treviso).

Associazione Rom diffida Salvini e ZaiaAccusa è che Stato e Regione ricevono per questo fondi dall’Ue

TREVISO15 agosto 201919:56

– L’Associazione nazionale Rom annuncia di aver inviato una “formale diffida” al ministro dell’interno Salvini, al presidente del Veneto, Zaia, e ad alcuni sindaci del trevigiano per il mancato rispetto degli accordi europei e della strategia nazionale di inclusione di Rom, Sinti e Camminanti (Rsc), per i quali le autorità italiane ricevono dalla Ue specifici fondi strutturali. Regione Veneto, Comuni, Ministero dell’Interno, Unar – è detto nella diffida – “hanno omesso di implementare la Strategia Nazionale di Inclusione e la sua governance, ricevendo invece, per questo scopo, denaro dalla Commissione Europea per promuovere inclusione sociale, combattere povertà e discriminazione”. L’iniziativa, spiega l’Anr, prende le mosse dall’ultimo scontro tra nomadi e autorità verificatosi a Caerano San Marco (Treviso), dove il sindaco ha denunciato di essere stato aggredito da una famiglia di etnia rom che voleva far sgomberare con il camper da un’area non autorizzata.

No votes yet.
Please wait...
Annunci

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.