Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 11 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE!

DALLE 13:52 ALLE 22:32 DIMARTEDì 10 SETTEMBRE 2019

MONDO TUTE LE NOTIZIE

Israele: sondaggio, Gantz primo
Blu-Bianco a 32, Likud a 31. Destra senza maggioranza

10 settembre 2019 13:52

Ad una settimana dal voto del 17 settembre, ‘Blu-Bianco’, il partito centrista di Benny Gantz e Yair Lapid, è in vantaggio, seppur minimo, sul Likud di Benyamin Netanyahu. Ma, dato ancora più importante, l’attuale premier non raggiungerebbe una maggioranza di destra senza i voti del nazionalista laico Avigdor Lierberman che lo scorso aprile gli ha detto di no. Lo rivela un sondaggio della tv pubblica Kan secondo cui ‘Blu-Bianco’ è a 32 seggi contro i 31 del Likud e i 9 di Lieberman, preceduto dalla Lista Araba Unita di Ayman Odeh a 10.
La sorpresa è ‘Otzmà Yeudit’ – partito radicale di destra, di cui due candidati sono stati banditi dal voto da parte della Corte Suprema – che supera la soglia elettorale e guadagna 4 seggi. Tuttavia, anche con questa affermazione, la coalizione di destra (Likud, Yamina, ortodossi e Otzmà) si fermerebbe a 58 seggi, due in meno della metà dei 120 della Knesset.

Hong Kong: Cina irritata con la GermaniaAttivista pro-democrazia a Berlino da ministro Esteri tedesco

PECHINO10 settembre 201914:31

L’incontro tenuto ieri a Berlino tra l’attivista pro-democrazia di Hong Kong Joshua Wong e il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas è “irriguardoso” nei confronti della Cina: la portavoce del ministero degli Esteri di Pechino, Hua Chunying, ha affermato che nessun paese straniero ha il diritto di “interferire negli affari interni cinesi”.
Pechino è “estremamente delusa e si oppone con forza” al visto concesso a Wong e al suo incontro col ministro e “ha già presentato una severa protesta formale alla parte tedesca”.

Brexit: Ue, sì a proroga se Gb la chiede’Ma in quel caso dovrà nominare un commissario’

BRUXELLES10 settembre 201914:38

– “Il commissario britannico? Vedremo cosa succederà fino al 1 novembre, attenderemo quella data. Se il Regno Unito dovesse chiedere una proroga gliela concederemo, ma in quel caso dovrà nominare un commissario”.
Così la presidente eletta della commissione europea Ursula von der Leyuen .
“La Brexit non è la fine di qualcosa ma l’inizio delle nostre future relazioni con il Regno Unito, che voglio siano buone anche in futuro”, ha detto ancora Ursula von der Leyen. “So che Phil Hogan (irlandese, ndr) è un negoziatore molto bravo ed equo. Ha gestito il portafoglio dell’agricoltura in maniera straordinaria, ed è quello che mi aspetto da lui anche come commissario al Commercio”, ha aggiunto, “è molto importante avere un accordo sul libero scambio molto valido con il Regno Unito”, ha aggiunto.

Brexit: una donna per il dopo-BercowHarriet Harman, veterana laburista accreditata alla successione

LONDRA10 settembre 201914:52

– E’ Harriet Harman, veterana laburista accreditata del titolo di Mother of the House in quanto deputata donna con la maggiore anzianità parlamentare, la favorita per la successione sulla poltrona delicata di speaker della Camera dei Comuni britannica – nel pieno della bufera sulla Brexit – al posto del dimissionario John Bercow.
Bercow ha annunciato ieri l’addio per il 31 ottobre. Oggi Harman ha fatto sapere che intende competere con i 4 colleghi finora in lizza. Si tratta di una figura di prestigio: 69 anni, ex ministro, poi viceleader del Labour e leader ad interim nei mesi della transizione al vertice del maggior partito d’opposizione fra Ed Miliband e Jeremy Corbyn, ha fama di persona equilibrata e gode di stima trasversale nell’aula. Il suo rivale di maggior spessore potrebbe essere il conservatore sir Edward Leigh, altro deputato di lungo corso, un brexiteer moderato già stretto collaboratore a Downing Street di Margaret Thatcher agli inizi della carriera parlamentare.

Ue: Sylvie Goulard all’IndustriaSchinas nominato alla Sicurezza con delega a Migrazione

BRUXELLES10 settembre 201915:01

– La presidente eletta Ursula von der Leyen ha indicato la francese Sylvie Goulard commissario all’Industria, Difesa e spazio; la finlandese Jutta Urpilainen ai partenariati internazionali; Margaritis Schinas, vicepresidente andrà alla Sicurezza con delega alla migrazione; lo sloveno Janez Lenarcic si occuperà della gestione delle crisi. L’irlandese Phil Hogan si occuperà di Commercio, mentre l’austriaco Johannes Hahn avrà la delega al bilancio.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

SONDAGGIO:

Cosa pensate di questo sito? Soddisfa le Vostre aspettative in linea generale?

View Results

Loading ... Loading ...

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Paura recessione, popolarità Trump cala
Al 38% dal 44% di luglio, 6 americani su 10 teme per economia

10 settembre 201915:56

– Più cresce negli Usa la paura per una nuova recessione e più cala la popolarità di Donald Trump.
Almeno stando all’ultimo sondaggio di Abc/Washington Post, secondo il quale è scesa al 38% dal 44% del mese di luglio, con il 56% degli intervistati che disapprova l’operato del tycoon.
Questo in coincidenza col fatto che 6 americani su 10 pensa che la recessione arriverà il prossimo anno: e per la maggior parte la colpa principale è la guerra dei dazi, con il 56% che disapprova il modo di gestire i negoziati con la Cina.

Netanyahu, annetterò Valle Giordano’E la sponda nord del Mar Morto, se sarò eletto nuovo premier’

10 settembre 201917:45

– TEL AVIV

– “Se sarò eletto nuovo premier di Israele la mia intenzione e quella del nuovo governo è quella di estendere la sovranità israeliana alla Valle del Giordano e alla sponda nord del Mar Morto”. Lo ha detto oggi il premier Benyamin Netanyahu chiedendo su questo “un mandato” agli elettori ad una settimana dal voto. “Quello – ha aggiunto – diventerà il confine orientale di Israele”.

Gb a Iran, in Siria carico cargo Grace-1Sequestrato a Gibilterra e liberato. Londra convoca ambasciatore

LONDRA10 settembre 201917:52

– Il governo britannico accusa l’Iran di aver disatteso l’impegno di non indirizzare verso la Siria il carico della petroliera Grace-1, sequestrata a Gibilterra mesi fa con l’accusa di violazione delle sanzioni europee anti-Assad e liberata sulla base di precise rassicurazioni. Rassicurazioni “completamente inosservate”, denuncia oggi il Foreign Office, dopo aver convocato l’ambasciatore di Teheran. Secondo Londra, il petrolio del cargo, ribattezzato Adrian Darya, è stato infine “venduto al brutale regime d’Assad” in violazione degli accordi.

Trump silura Bolton, ‘noi in disaccordo’L’annuncio su Twitter, ‘il successore la prossima settimana’

WASHINGTON10 settembre 201918:08

– Donald Trump ha annunciato su Twitter le dimissioni di John Bolton, il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca. Il presidente americano spiega di aver chiesto lui a Bolton di farsi da parte e che nominerà il suo successore la prossima settimana. “Ero fortemente in disaccordo con molti dei suoi consigli come altri nell’amministrazione”, scrive Trump.

“Non mi ha licenziato, ho offerto io le dimissioni al presidente ieri sera”: così su Twitter John Bolton replica a Donald Trump che, sempre sullo stesso social, aveva affermato di aver chiesto lui al consigliere per la sicurezza nazionale di farsi da parte.
Bolton aveva sostituito nel ruolo di consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn, coinvolto nel Russiagate. Negli ultimi tempi erano montate le voci sui dissidi soprattutto tra Bolton e il segretario di stato Mike Pompeo. Dissidi sulla linea da tenere sui principali dossier di politica estera e di sicurezza nazionale, come l’Afghanistan, l’Iran, il Venezuela e la Corea del Nord. Secondo alcune ricostruzioni, anche il presidente Trump ormai era diventato insofferente nei confronti del falco Bolton, considerato eccessivamente interventista e accusato di non seguire la linea del presidente.

Olp, Netanyahu seppellisce speranze paceErekat: ‘Israeliani e comunità internazionale fermino follia’

10 settembre 201918:43

– TEL AVIV

– “Se al premier Benyamin Netanyahu sarà consentito di attuare i suoi piani di annessione, seppellirà ogni speranza di pace tra israeliani e palestinesi”.
Lo ha detto su Twitter il segretario dell’Olp, Saeb Erekat, secondo cui gli israeliani e la comunità internazionale “devono fermare questa follia”.

Khashoggi ai killer, non soffocatemiMedia pro-Erdogan pubblica trascrizioni inedite sul delitto

ISTANBUL10 settembre 201918:48

– Con le sue ultime energie prima di essere ucciso nel consolato saudita a Istanbul, Jamal Khashoggi chiese ai suoi aguzzini di non tappargli la bocca perché temeva di soffocare visto che soffriva d’asma. Lo si apprende da alcune inedite trascrizioni delle registrazioni audio dei momenti del delitto, avvenuto il 2 ottobre scorso, che sono state pubblicate dal quotidiano turco Daily Sabah, molto vicino al presidente Recep Tayyip Erdogan. Nella conversazione emergono tra l’altro i tentativi dello ‘squadrone della morte’ inviato da Riad di indurre il reporter a tornare in Arabia Saudita e di obbligarlo a inviare un messaggio al figlio per dirgli di non preoccuparsi di una sua eventuale assenza.

Netanyahu promette sovranità su coloniePer tutti gli insediamenti in Cisgiordania, se sarà rieletto

10 settembre 201918:59

– TEL AVIV

– “Chiedo il mandato ad estendere la sovranità israeliana a tutti gli insediamenti ebraici in Cisgiordania”. Lo ha detto il premier Benyamin Netanyahu spiegando che se sarà eletto di nuovo primo ministro l’estensione avverrà “in coordinamento con gli Usa” e dopo che il presidente Trump “avrà presentato il suo piano di pace”. Il primo passo del suo nuovo governo sarà tuttavia l’estensione della sovranità alla Valle del Giordano e al nord del Mar Morto.
“Per questo passo – ha detto – le condizioni sono già mature”.
Il piano dell’amministrazione Trump, ha spiegato, “sarà presentato alcuni giorni dopo le elezioni israeliane”. “E’ dietro l’angolo. Si tratta di una grande sfida, ma anche di una grande opportunità, un’occasione storica ed unica per estendere la sovranità israeliana agli insediamenti ebraici in Giudea-Samaria”, ossia in Cisgiordania. “La questione è chi condurrà le trattative con Trump. Gli elettori diranno se vogliano me, oppure la coppia Gantz-Lapid”, del partito centrista Blu-Bianco.

Trump su rifugiati Bahamas, brutta gente’Tra loro membri di gang, bande e spacciatori’

NEW YORK10 settembre 201919:20

– Donald Trump prende di mira i rifugiati delle Bahamas, vittime dell’uragano Dorian. Secondo il presidente degli Stati Uniti si deve stare attenti a farli entrare negli Usa, perche’ tra di loro potrebbero esserci “cattive persone”. “Le Bahamas – ha detto il presidente americano – hanno avuto enormi problemi con le persone che sono andate sulle loro isole e che invece non dovevano essere lì. Non voglio che quelle persone vengano negli Stati Uniti, compresi membri di gang, bande e spacciatori”.
Lo scorso fine settimana a centinaia di sopravvissuti a bordo di una nave è stato negato l’ingresso in Florida perchè senza un visto. Parlando poi ai giornalisti alla Casa Bianca Trump ha sottolineato che tutti devono avere i documenti in regola.

Israele: 2 razzi lanciati da GazaFermati da Iron Dome. Comizio di Netanyahu interrotto ad Ashdod

10 settembre 201920:58

– TEL AVIV

– Due razzi sono stati lanciati questa sera da Gaza verso le zone israeliane a ridosso della Striscia dove poco prima sono risuonate le sirene di allarme. Lo ha detto il portavoce militare spiegando che entrambi sono stati intercettati dal sistema di difesa antimissili Iron Dome. Un appuntamento elettorale del premier Benyamin Netanyahu in corso in quel momento ad Ashdod, non lontano da Gaza, è stato subito interrotto al risuonare delle sirene ed il primo ministro allontanato.

Netanyahu annuncia piano annessione Valle Giordano. Olp, vuole la guerraPremier israeliano vedrà Putin il 12 settembre per parlare anche di Iran e Siria

10 settembre 201919:23

“Se sarò eletto nuovo premier di Israele la mia intenzione e quella del nuovo governo è quella di estendere la sovranità israeliana alla Valle del Giordano e alla sponda nord del Mar Morto”. Lo ha detto oggi il premier Benyamin Netanyahu chiedendo su questo “un mandato” agli elettori ad una settimana dal voto. “Quello – ha aggiunto – diventerà il confine orientale di Israele”.”Chiedo il mandato ad estendere la sovranità israeliana a tutti gli insediamenti ebraici in Cisgiordania”, ha aggiunto Netanyahu sottolineando che se sarà eletto di nuovo primo ministro l’estensione avverrà “in coordinamento con gli Usa” e dopo che il presidente Trump “avrà presentato il suo piano di pace”. “Per questo passo – ha detto – le condizioni sono già mature”.Netanyahu incontrerà giovedì prossimo 12 settembre – 5 giorni prima del voto in Israele – il presidente russo Vladimir Putin a Sochi, in Russia. Un incontro in cui, fa sapere l’ufficio del primo ministro, sarà discussa la questione dell’Iran in Siria.E, a proposito di Israele e Iran il ministro degli Esteri dell’Iran Mohammad Javad Zarif scrive un tweet rivolgendosi a Trump: ‘Lo sapevi, Donald Trump, che Netanyahu è stato determinante per spingere gli Stati Uniti nel pantano dell’Afghanistan? Lo stesso da cui ora non riesci a uscire? Il suo motto dal 1986: combattere fino all’ultimo soldato americano”. E il tweet arriva all’indomani delle dichiarazioni del premier israeliano secondo le quali Teheran avrebbe avuto un sito segreto per lo sviluppo di armi nucleari, poi distrutto perché scoperto da Tel Aviv. Nel post, Zarif allega un video di Netanyahu e invita il presidente americano a guardarlo.”La terra di Palestina non fa parte della campagna elettorale di Netanyahu” commenta, invece, il premier palestinese Mohammad Shtayyeh che aveva avvertito il primo ministro israeliano di non dichiarare nel discorso di oggi la volontà di annettere parti della Cisgiordania. “Netanyahu – ha detto Shtayyeh citato dalla Wafa – è il principale distruttore del processo di pace, e qualsiasi sua follia si rifletterà negativamente su di lui a livello locale e internazionale”.Il piano dell’amministrazione Trump noto come l’ ‘Accordo del secolo’ – aveva anticipato Netanyahu – “sarà presentato alcuni giorni dopo le elezioni israeliane” del 17 settembre. “E’ dietro l’angolo. Si tratta di una grande sfida, ma anche di una grande opportunità, di un’occasione storica ed unica per estendere la sovranità israeliana agli insediamenti ebraici in Giudea-Samaria”, ossia in Cisgiordania.”La questione – ha proseguito – è chi debba condurre le trattative con Trump. Starà agli elettori stabilire se vogliano me, oppure la coppia Gantz-Lapid”, che guida il partito centrista Blu-Bianco.”Se al premier Benyamin Netanyahu sarà consentito di attuare i suoi piani di annessione, seppellirà ogni speranza di pace tra israeliani e palestinesi” dichiara il segretario dell’Olp, Saeb Erekat, secondo il quale gli israeliani e la comunità internazionale “devono fermare questa follia”

Netanyahu incontrerà Putin giovedì prossimo a SochiSituazione in Siria tra i temi della riunione

10 settembre 2019

– TEL AVIV 10 Settembre 2019 21:10

– Il primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu incontrerà giovedì prossimo 12 settembre – 5 giorni prima del voto in Israele – il presidente russo Vladimir Putin a Sochi, in Russia. Lo ha fatto sapere l’ufficio del primo ministro secondo cui nell’incontro sarà discussa la questione dell’Iran in Siria.

Iran: Zarif a Trump, Netanyahu vuole trascinarvi in guerra’Come ha fatto in Afghanistan, mette a rischio i soldati Usa’

ISTANBUL10 settembre 201915:15

– “Lo sapevi, Donald Trump, che Netanyahu è stato determinante per spingere gli Stati Uniti nel pantano dell’Afghanistan? Lo stesso da cui ora non riesci a uscire? Il suo motto dal 1986: combattere fino all’ultimo soldato americano”. Lo scrive su Twitter il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif, all’indomani delle dichiarazioni del premier israeliano secondo cui Teheran avrebbe avuto un sito segreto per lo sviluppo di armi nucleari, poi distrutto perché scoperto da Tel Aviv. Nel post, Zarif allega un video di Netanyahu e invita il presidente americano a guardarlo.

Shtayyeh avverte Netanyahu, non annunci annessioniPremier palestinese, Palestina non è parte sua campagna elezioni

10 settembre 201916:23

– TEL AVIV

– “La terra di Palestina non fa parte della campagna elettorale di Netanyahu”. Così il premier palestinese Mohammad Shtayyeh ha messo in guardia il primo ministro israeliana dal dichiarare- in un discorso atteso oggi pomeriggio – la volontà di piani per annettere parti della Cisgiordania (probabilmente le zone omogenee di insediamento come Maalè Adumim, Gush Etzion e Ariel) come riferiscono alcune indiscrezioni dei media. “Netanyahu – ha detto Shtayyeh citato dalla Wafa – è il principale distruttore del processo di pace, e qualsiasi sua follia si rifletterà negativamente su di lui a livello locale e internazionale”. Intanto il discorso di Netanyahu è slittato dalle 17 alle 18 (in Italia le 17).

Von der Leyen, riformare DublinoOcean Viking porta in salvo altre 34 persone

BRUXELLES10 settembre 201916:22

– “Dobbiamo riformare Dublino, ed è una questione che riguarda la solidarietà, che per definizione non può dipendere da una posizione geografica. Non può essere la base sulla quale un” Paese “si deve assumersi maggiori responsabilità per esempio rispetto all’arrivo dei migranti”. Lo ha detto la presidente eletta della commissione europea Ursula von der Leyen. “Dunque Dublino deve essere riformato e ne parleremo con molto impegno. Ciò è uno dei punti fondamentali del nostro programma”, ha aggiunto.
E continuano i salvataggi nel Mediterraneo. La Ocean Viking, l’imbarcazione che due giorni fa ha già salvato 50 migranti, ha tratto in salvo altre 34 persone. Tra questi, ci sono anche una donna incinta e un bimbo di un anno.

Nassiriya:ex gen. deve risarcire cadutiVerdetto Cassazione ha escluso responsabilità ministero Difesa

10 settembre 201916:10

– Confermata dalla Cassazione la condanna al risarcimento in favore dei familiari dei caduti di Nassirya a carico dell’ex generale Bruno Stano, comandante della missione italiana in Iraq nel 2003 – quando il 12 novembre un camion kamikaze distrusse base Maestrale provocando la morte di 28 persone, tra i quali 19 italiani e fra loro 12 carabinieri – in quanto responsabile di aver “sottovalutato” l’allarme su un attentato “puntuale e prossimo” alla nostra base e per la “complessiva insufficienza delle misure di sicurezza”. “Grande vittoria dopo sedici anni di battaglia giudiziaria in tutte le sedi, ora ci rivarremo su Stano che è l’unico condannato in quanto la responsabilità del Ministero della Difesa è stata esclusa perchè la sottovalutazione dei rischi è stata grave”, ha spiegato l’avvocatessa di parte civile Francesca Conte.

Fotografia in lutto, morto Robert FrankCelebre per “The Americans”, aveva 94 anni

NEW YORK10 settembre 201915:49

– Nuovo lutto nel mondo della fotografia: Robert Frank, uno dei più influenti fotografi del ventesimo secolo, è morto a Inverness in Nova Scotia. Frank, il cui stile diretto e espressivo rivoluzionò la fotografia documentaria, aveva 94 anni. La morte è stata confermata da Peter Gill della galleria Pace-McGill di Manhattan.
Nato in Svizzera, Frank era arrivato negli Usa a 23 anni. E’ celebre per il libro “The Americans”, capolavoro in bianco e nero di ritratti pubblicato alla fine degli anni Cinquanta.

Scuola: Ocse, in 10 anni -1mln studentiIl 68% degli insegnanti vorrebbe che salari venissero aumentati

10 settembre 201915:46

– Una duplice sfida attende la scuola italiana nei prossimi dieci anni: oltre un milione di studenti in meno e circa metà degli attuali docenti che andranno in pensione. E’ quanto emerge dal Rapporto Ocse diffuso oggi. Lo studio evidenzia che l’Italia ha la quota maggiore di docenti ultra 50enni (59%) e dovrà sostituirne circa la metà entro i prossimi dieci anni. Inoltre il 68% degli insegnanti ha dichiarato che migliorare i salari dei docenti dovrebbe essere una priorità.

No votes yet.
Please wait...
Annunci

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.