Aggiornamenti, Notizie, Tecnologia, Ultim'ora

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 8 minuti
image_pdfSCARICA PDFimage_printApri nel browser

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: INFORMATI, LEGGILE, SEGUILE, CONDIVIDILE!

DALLE 08:47 DI MARTEDì 17 SETTEMBRE 2019

ALLE 08:36 DI MERCOLEDì 18 SETTEMBRE 2019

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

Libra sotto torchio dalla Bri
Primo confronto con 26 banche centrali a Basilea

17 settembre 2019 08:47

– Primo confronto a Basilea fra Libra, la criptovaluta di Facebook, e la Banca dei regolamenti internazionali, che rappresentando le grandi banche centrali globali promette criteri rigorosissimi se il colosso dei social media vorrà andare avanti col suo progetto. “Le stablecoin (criptovalute protette contro eccessive fluttuazioni di mercato, come Libra, ndr) sono in gran parte non verificate, specialmente quando si tratta di condurre un sistema globale dei pagamenti”, dichiara in una nota della Bri Benoit Coeuré, consigliere esecutivo della Bce. Secondo Coeuré – che ha presieduto la riunione a Basilea indetta da un gruppo di lavoro del G7 sulle stablecoin – sono numerosi i “rischi gravi” legati alle criptovalute, e “l’asticella per un via libera regolamentare sarà alta”. Augustin Cartens, general manager Bri, ha dichiarato che “quando simili iniziative travalicano i confini nazionali, è importante per le autorità coordinarsi e arrivare a una comprensione comune”. Previsto un report finale il mese prossimo.
TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE
AI: Eurotech,a breve auto guida autonomaSiagri, grazie a supercalcolatori come i nostri Dyna Hpec

AMARO (UDINE)17 settembre 201912:05

“Il periodo fra 2022-2025 è il più plausibile per l’impiego di serie di automezzi che davvero guidino da soli”. Lo annuncia Roberto Siagri, a.d. di Eurotech, società di ricerca, sviluppo e produzione di computer miniaturizzati e di computer ad elevate prestazioni, con sede ad Amaro (Udine), che opera anche in questo settore.

Siagri fa riferimento ad automezzi “senza monitoraggio o controllo dell’uomo, proprio attraverso l’utilizzo di reti neurali artificiali che vengono addestrate e realizzate grazie a supercalcolatori come i nostri”. Il riferimento è ai supercalcolatori Eurotech della famiglia Dyna Hpec (High performance edge computer), che hanno raggiunto densità di calcolo di 25 Teraflops (la capacità di eseguire mille miliardi di operazioni in virgola mobile in un secondo) e 15 Terabyte (pari a 1.024 gigabyte) di storage per decimetro cubo.
TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE
Innovazione, TboxChain selezionata per il Premio Marzotto Propone un sistema di certificazione delle recensioni online

17 settembre 201908:50

TboxChain, la startup fondata da Fausto Villani e Michele Cignarale “che propone un sistema di certificazione delle recensioni online strutturato su tecnologia blockchain e che recentemente si è aperta al ramo ‘servizi’, con una declinazione trasversale grazie al meccanismo combinato di autenticità basato su due prove chiave: presenza e identità”, è stata “selezionata in tre sezioni nell’ambito della nona edizione del ‘Premio Gaetano Marzotto'”.Il Premio – è scritto in una nota – è “uno dei più prestigiosi italiani nel campo dell’innovazione, ed è alla ricerca di nuovi imprenditori e costruttori di futuro che siano in grado di far convivere innovazione, impresa e società. Si tratta del Premio Speciale EY (Ernst&Young), del Premio Speciale Amazon Web Services e del Premio Accenture”.Per TboxChain vi è la possibilità di arrivare alla finale assoluta del “Premio Marzotto”, a Roma, il 21 novembre. Villani e Cignarale hanno detto di voler “contribuire, in linea con gli obiettivi del premio, a creare una piattaforma dell’innovazione italiana e le condizioni ambientali per un cambio di paradigma, che nel nostro caso è basato sul concetto semplice e potente di fiducia. Un percorso sempre più nell’ottica dell’open innovation, quello che stiamo intraprendendo, all’interno di una rete globale che ci chiede di sviluppare un prodotto/servizio capace di suscitare le attenzioni di molti mondi: dal turismo alla sanità, dai beni culturali alla sicurezza, passando per il food. Del resto, attraverso le prove di identità e presenza, e attraverso la distribuzione dei dati su blockchain – hanno concluso – possiamo davvero assecondare le esigenze di tracciabilità e verificabilità in tutti i settori”.

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

Da stampa 3D dispositivi con elettronica
Il segreto è in un inchiostro speciale

17 settembre 201911:55

– Ottenuta una nuova tecnica di stampa 3D, che produce dispositivi con l’elettronica incorporata nei materiali di cui sono fatti. Il segreto è nell’inchiostro, che contiene un mix di filamenti elettronici da un rivestimento plastico, capaci di illuminare, percepire l’ambiente circostante o immagazzinare energia. La tecnica è pubblicata sulla rivista Nature Communication dal gruppo del Massachusetts Institute of Technology (Mit) coordinato da Gabriel Loke. Il sistema utilizza le tradizionali stampanti 3D, modificate con un ugello speciale che funziona a una temperatura inferiore rispetto a quella utilizzata nella tradin modo da fondere solo parzialmente lo strato esterno dell’inchiostro. L’interno, contenente le fibre metalliche che fungono da conduttori e semiconduttori, rimane solido, con temperatura e funzioni elettroniche inalterate. In pratica la superficie dell’inchiostro viene fusa quanto basta per consentire il processo di stampa, in modo da produrre una solida struttura tridimensionale.
Il banco di prova della nuova tecnica è stato la stampato dell’ala di un modellino di aereo con un inchiostro elettronico in grado di emettere luce. “L’inchiostro usato per stampare l’ala conteneva otto materiali diversi, ma in linea di principio se ne potrebbero usare anche di più”, rileva Loke. La tecnica, rileva, “è fino a tre volte più veloce di qualsiasi altra attualmente utilizzata nella stampa 3D e consente una maggiore flessibilità”. Per questo motivo le applicazioni più interessante potrebbero essere quelle in cui è essenziale la capacità di personalizzare con precisione ciascun dispositivo. Una di queste aree, osserva Yoel Fink, riguarda i dispositivi biomedici, come le protesi, in cui è importante abbinare con precisione il dispositivo al paziente.

Lime,100 mln corse monopattino elettricoPercorsi 40 milioni di km, 9mila tonnellate di CO2 evitate

17 settembre 201912:05

La compagnia californiana Lime ha celebrato il traguardo dei cento milioni di corse in monopattino elettrico registrate nelle 120 città in cui opera in 30 Paesi.

L’azienda, che consente di noleggiare i monopattini via app, ha annunciato che i suoi utenti finora hanno percorso 40 milioni di chilometri, pari a cento volte la distanza tra la Terra e la Luna. Se fossero stati percorsi in auto – calcola Lime – avrebbero causato emissioni per 9.000 tonnellate di CO2.

Stando alla società, circa la metà degli utenti prende Lime per arrivare ai mezzi pubblici. L’età media è di 35 anni. Uno su quattro ha più di 40 anni e il 29% è donna. Oltre il 50% degli utenti afferma di utilizzare i monopattini elettrici per andare o tornare dal lavoro o dai luoghi di studio. Il 40% dei mezzi Lime circola durante la settimana negli orari di punta. In città come Parigi – sottolinea l’azienda – i monopattini hanno ridotto il tempo di pendolarismo di più di 10 minuti.

Google, il Pixel 4 arriva il 15 ottobreAttesi anche gli smart speaker e un computer portatile

17 settembre 201912:08

Google svelerà i suoi prossimi smartphone il 15 ottobre, in una presentazione in programma a New York. Lo ha annunciato l’azienda, che ha diramato un invito per l’evento in cui si legge: “Vieni a vedere un po’ di cose nuove fatte da Google”.

L’attesa, stando alle dichiarazioni e alle indiscrezioni circolate finora, è per i telefoni Pixel 4 e Pixel 4 XL e per alcuni altri dispositivi, tra cui i nuovi smart speaker e il computer portatile Pixelbook 2.

Gli smartphone dovrebbero distinguersi per alcune caratteristiche, e in primis per la possibilità di controllarli senza toccarli, con gesture aeree, grazie alla tecnologia Project Soli sviluppata da Google. Dovrebbero montare una fotocamera frontale con riconoscimento 3D per l’autenticazione dell’utente e un comparto fotografico posteriore composto da più sensori incorniciati in un modulo quadrato, in modo non dissimile dall’iPhone 11 Pro svelato nei giorni scorsi da Apple.

Nex 3, il nuovo top di gamma 5G di VivoSchermo da 6,89 pollici senza cornici e fotocamera da 64 mp

17 settembre 201913:09

Dopo mesi di indiscrezioni, Vivo ha svelato il suo prossimo smartphone top di gamma: si chiama Nex 3 e si caratterizza per dimensioni, potenza e design raffinato. L’azienda cinese, tra i primi 5 costruttori al mondo di telefoni, ha mostrato la novità in un evento in Cina.

La prima caratteristica che salta all’occhio è l’ampio display, da 6,89 pollici e “a cascata”: un termine che descrive il modo in cui i bordi laterali dello schermo “scivolano” verso la scocca posteriore. Il rapporto schermo-scocca è del 99,6%: praticamente senza cornici e interruzioni, grazie anche alla fotocamera anteriore a comparsa (da 16 megapixel) che evita fori e notch nel display. A mancare sono anche i tasti fisici, sostituiti da tasti virtuali “Touch Sense”; il lettore di impronte è integrato nello schermo.

Il comparto fotografico posteriore è inserito in un cerchio centrale come l’atteso Mate 30 di Huawei. Il sensore principale da 64 megapixel è affiancato da un grandangolare e un teleobiettivo entrambi da 13 megapixel. Sul fronte della potenza il Nex 3 monta un processore Snapdragon 855 Plus – il top di casa Qualcomm – coadiuvato da 8 GB di Ram e 128 GB di memoria interna nella versione 4G, e da 8 o 12 GB di Ram e 256 GB di memoria nella versione 5G. Ha un sistema di raffreddamento a camera di vapore e la batteria, da 4.500 mAh, supporta la ricarica veloce a 44W.

Quanto ai prezzi, in Cina saranno compresi tra i 5mila e i 6.200 yuan (640-790 euro).

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

Le prime celle solari da interno per l’internet delle cose
Trasformano la luce ambientale in elettricità

17 settembre 201913:47

Trasformano la luce degli ambienti chiusi in elettricità e, sebbene riescano a produrre una potenza piuttosto debole, sono sufficienti ad alimentare i milioni di dispositivi che l’internet delle cose si prepara a portare nelle case. Descritte sulla rivista Nature Energy, sono state messe a punto dalla ricerca nata dalla collaborazione fra il gruppo di Elettronica organica e biomolecolare dell’Università svedese di Linkoping guidato da Feng Gao, e quello dell’Università di Pechino coordinato da Jianhui Hou. Le celle solari da interni sono organiche, flessibili, economiche da produrre e in grado di essere utilizzare su superfici ampie. La loro caratteristica è il materiale che le riveste, in grado di assorbire la luce di lunghezze d’onda molto diverse. Sono state prodotte in due versioni: una da un centimetro quadrato e l’altra da quattro centimetri quadrati e la prima ha dimostrato di riuscire a convertire in elettricità oltre il 26% della luce ambientale.

“Questo risultato è una grande promessa e indica che le celle solari organiche potranno essere utilizzate nella vita quotidiana per alimentare l’internet delle cose”, ha osservato Feng Gao. Il collega Jianhui Hou è inoltre ottimista nella possibilità di aumentare progressivamente la loro potenza.

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE
Facebook deve risarcire azienda italianaGiudici Milano, 350mila euro per aver copiato un’applicazione

17 settembre 201913:49

Facebook è stata condannata a risarcire con 350mila euro una società dell’hinterland milanese di sviluppo software, la Business Competence, dalla quale il colosso statunitense ha copiato, secondo i giudici, un’applicazione che propone agli utenti bar e ristoranti di loro interesse e vicini. Lo ha deciso la sezione specializzata imprese del Tribunale nel procedimento sulla quantificazione del danno. In primo grado e in appello nel merito la società, con l’avvocato e professore Marco Spolidori, ha già vinto.

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE
Amazon ‘in pigiama’ per i bimbi malatiCampagna ‘Goes Gold’ per sostenere pazienti di tumori e leucemie

BOLOGNA17 settembre 201918:59

Dipendenti, ma anche visitatori, in pigiama per un giorno negli stabilimenti Amazon: è l’iniziativa ‘Amazon Goes Gold’ con cui il colosso dell’e-commerce vuole non solo sensibilizzare sui bimbi colpiti da gravi patologie, come tumori e leucemie, ma anche sostenere le strutture che li curano e le famiglie che li assistono.    Per il lancio della campagna, globale, Amazon sceglie settembre, mese di sensibilizzazione sul cancro infantile. La prima iniziativa è per giovedì 19 settembre: i dipendenti di Amazon nel mondo andranno al lavoro indossando il pigiama, per manifestare la propria vicinanza ai piccoli pazienti. La sede di ciascun Paese che registrerà il maggiore coinvolgimento sarà premiata con 45mila euro da donare al reparto oncologico pediatrico dell’ospedale individuato dai dipendenti del sito vincitore.In Italia saranno coinvolti gli impianti di Castel San Giovanni (Piacenza), Passo Corese (Rieti), Torrazza Piemonte (Torino) e Vercelli. Sempre il 19 settembre, presso i centri di distribuzione di Castel San Giovanni e Passo Corese, si terranno speciali visite guidate aperte a tutti. Per ogni persona che si presenterà al tour vestita in pigiama Amazon donerà una quota di 5 euro all’Associazione Genitori Ematologia Oncologia Pediatrica – AGEOP presso il Reparto di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico S.Orsola-Malpighi di Bologna e all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma.

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE
Tripadvisor, 1 milione le recensioni falseSu 66 milioni nel 2018, 2,7 milioni fermate per valutazione

17 settembre 201918:58

– 66 milioni di recensioni sono state inviate a TripAdvisor nel 2018 dalla community globale di viaggio. Ognuna è stata analizzata utilizzando una tecnologia avanzata di individuazione frodi e 2.7 milioni di recensioni sono state soggette a un’ulteriore valutazione umana da parte dei moderatori dei contenuti. Il 4.7% di tutte le recensioni inviate al sito è stato respinto o rimosso dalla tecnologia avanzata di analisi di TripAdvisor oppure manualmente dal team di moderazione. Il 2.1% è stata giudicata falsa e la maggioranza di queste (73%) è stata bloccata prima di essere pubblicata. Sono i risultati del primo Report sulla Trasparenza delle recensioni pubblicato oggi da TripAdvisor, la piattaforma di viaggi a cui milioni di viaggiatori in tutto il mondo si affidano per le sue recensioni di viaggio. ”Il che significa che abbiamo impedito che più di 1 milione di recensioni false fossero mai pubblicate su TripAdvisor”, sostiene il report che che analizza un insieme di dati di un intero anno sulle recensioni inviate al sito dalla community di viaggio globale.
“Essere certi che TripAdvisor sia una piattaforma fidata per i nostri utenti e business è una massima priorità per noi. Negli anni abbiamo continuato a fare progressi con i nostri sistemi avanzati di individuazione delle frodi ma è una battaglia quotidiana e siamo ancora lontani dall’essere completamente soddisfatti” ha dichiarato Becky Foley, Senior Director of Trust & Safety at TripAdvisor. Il report inoltre spiega l’impegno di TripAdvisor nell’individuare i recensori a pagamento.

No votes yet.
Please wait...
Annunci

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.