Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 12 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 14:18 ALLE 22:14 DI MERCOLEDì 09 OTTOBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Manuel Bortuzzo, 16 anni agli aggressori. Il nuotatore: “Questa sentenza non mi ridà le gambe”
La Procura aveva chiesto 20 anni per Marinelli e Bazzano. Il giovane campione: “Il mio sogno è tornare a camminare”

ROMA09 ottobre 2019 14:18

Gli autori dell’aggressione al nuotatore Manuel Bortuzzo e alla fidanzata sono stati condannati a 16 anni. Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano erano accusati di duplice tentato omicidio. Il gup ha riconosciuto la premeditazione.”La sentenza non cambia le cose: non mi restituirà certamente le gambe – commenta Manuel -. In questo momento penso esclusivamente a riprendermi, consapevole che la giustizia debba fare il suo corso. Non mi importa sapere se chi mi ha fatto del male sia punito con 16 o 20 anni di prigione. Nessuna sentenza mi può fare ritornare come prima. Il mio sogno è tornare a camminare; mi sto impegnando ogni giorno per realizzarlo”.Il fatto avvenne la notte tra il 2 e 3 febbraio scorso nel quartiere Axa a Roma. Bortuzzo, una promessa del nuoto, è stato raggiunto da un proiettile ed è rimasto paralizzato alle gambe. La Procura aveva chiesto una condanna a 20 anni ciascuno per i due imputati.

Il giudice Daniela Caramico D’Auria ha disposto una provvisionale di 300 mila euro in favore di Manuel. I due imputati erano accusati anche di ricettazione e detenzione di arma da fuoco e rissa. Il gup ha fatto cadere l’aggravante dei futili e abbietti motivi e sul risarcimento ha stabilito che debba essere discusso davanti al giudice civile. “L’impianto accusatorio ha retto, soprattutto per quanto riguarda la premeditazione. Ho comunicato al padre di Manuel la sentenza e mi ha chiesto se era una sentenza giusta gli ho detto di sì”, afferma l’avvocato Massimo Ciardullo, legale di Manuel.”E’ una pena alta che non ci soddisfa. Faremo appello dopo aver letto le motivazione. I due imputati sono rimasti senza parole e ci hanno chiesto di andare da loro in carcere quanto prima per parlare”, afferma l’avvocato Alessandro De Federicis, difensore insieme a Giulia Cassaro, di Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano.

Rapina in sala slot, arrestati 4 giovaniLa baby gang accusata di aver picchiato il titolare

MODENA09 ottobre 201914:23

– I carabinieri di Carpi hanno individuato e arrestato i quattro giovani responsabili di una rapina avvenuta il 2 ottobre scorso in una sala slot di Mirandola, in provincia di Modena. Si tratta di tre minorenni e un maggiorenne (di 18 anni). Durante la rapina il titolare della sala slot fu picchiato dalla baby gang.
Secondo le indagini dei carabinieri, mentre uno faceva da palo, in due, la sera del 2 ottobre avrebbero simulato un guasto a uno dei videogiochi, richiamando così l’attenzione del titolare. A quel punto il quarto dei giovani, con passamontagna e cacciavite, avrebbe aggredito il titolare stesso, poi picchiato dal gruppo. I quattro si sarebbero poi impossessati dei trentamila euro presenti in cassa. Il giorno dopo la rapina, la baby gang sarebbe andata a Bologna per acquistare smartphone di ultima generazione, abbigliamento alla moda, orologi d’oro, oltre a un pranzo al ristorante.

Lancia mozzicone sigaretta, multatoSanzione elevata dalla Polizia locale di Bari

BARI09 ottobre 201914:47

– Multa da 100 euro ad un automobilista che ha lanciato dal finestrino della sua vettura un mozzicone di sigaretta: la sanzione è stata elevata dalla Polizia locale sul lungomare Nazario Sauro, a Bari, per la violazione del collegato ambientale del 2015.
“Sebbene trattasi di violazioni non semplici da contestare – spiega in una dichiarazione il comandante della Polizia Locale di Bari, Michele Palumbo – grazie allo spirito di abnegazione del Corpo, continueremo a tutelare il decoro della nostra città e a reprimere le condotte contro il vivere civile”. Nel 2016 i vigili multarono (con 100 euro) un 35enne sorpreso a lanciare per terra, in piazza Umberto, un mozzicone di sigaretta. Una sanzione all’epoca legata alle nuove norme antifumo volute dall’allora ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e ai dettami del collegato ambientale approvato con la Legge di Stabilità del 2016.

Farmaci reumatologici sono introvabiliTonolo (Anmar), pazienti costretti a migrare in altre regioni

CAGLIARI09 ottobre 201915:45

– Farmaci reumatologici introvabili in Sardegna, soprattutto quelli per il trattamento di gravi malattie come l’artrite reumatoide. E’ quanto denuncia l’Associazione nazionale malati reumatici (Anmar), che lancia un appello alla Regione per trovare una soluzione condivisa per l’acquisto di alcuni farmaci che oggi “mancano nelle farmacie ospedaliere del Binaghi di Cagliari e del Giovanni Paolo II di Olbia”. “Si tratta di farmaci brand – spiega Silvia Tonolo, presidente nazionale dell’Anmar – cioè quelli che non presentano un farmaco sostitutivo similare. Davanti a questa emergenza, dettata da un acquisto insufficiente di farmaci in base alle richieste, l’alternativa per i pazienti è quella di migrare in altre regioni, come la Lombardia, per poter ricevere la terapia. Per la Sardegna non si tratta di un risparmio perché poi il servizio sanitario lombardo chiede il rimborso alla Regione sarda”.

Vescovo, no alternativa a preti sposatiMonsignor Krautler, “Chiesa fa politica come faceva anche Gesù”

CITTA’ DEL VATICANO09 ottobre 201915:45

– “Non c’è alternativa” all’ordinazione sacerdotale di uomini sposati in Amazzonia. Ma non solo per la carenza di preti nella vasta regione che tocca nove Paesi dell’America latina ma anche perché “i popoli indigeni non capiscono il celibato”. Parola di monsignor Erwin Krautler, vescovo nato in Austria ma da 54 anni in Brasile al fianco dei popoli amazzonici. Senza giri di parole dice che la Chiesa ha messo “il celibato sopra l’Eucaristia” che invece per i cattolici dovrebbe essere il centro. Per la mancanza di sacerdoti, le comunità amazzoniche cattoliche possono partecipare alla messa due-tre volte l’anno.
Erwin parlò di questi problemi con Papa Francesco per la prima volta in un incontro, il 4 aprile del 2014. E continua la sua battaglia per l’Amazzonia (ambiente, diritti umani e Eucaristia) che definisce senza timore “politica”. “La Chiesa è sempre stata politica, Gesù è stato politico. Ma bisogna sapere che cosa è la politica: lottare per il bene comune”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Sparatoria Questura:omicida,leggo Bibbia
Lo ha detto al suo avvocato incontrato stamani in carcere

TRIESTE09 ottobre 201915:46

– “Leggo la Bibbia, amo mia madre tantissimo”. Sono le poche parole che Alejandro ‘Tito’ Stephan Meran ha riferito al suo avvocato difensore, Francesco Zacheo, che questa mattina lo ha incontrato nel carcere di Trieste. “Non mi ricordo nulla”, ha aggiunto al legale che ha riferito di averlo trovato in uno stato di “grande confusione”. Per Zacheo, Alejandro “non sta bene, andava e va curato”.
Il difensore è rimasto in compagnia del suo assistito circa 40 minuti ed ha parlato di un giovane “confuso, in agitazione”.
Secondo l’avvocato “non si fa quello che ha fatto se non si hanno problemi” psicologici, qualcosa che Alejandro “manifesta da tempo”. Il legale ha reso noto che sta già cercando documenti, testimonianze in Germania che consentano di conoscere il passato del giovane quando viveva in Baviera. “Se li troviamo, andrò lì a prenderli”, ha specificato.

Venezia, contributo accesso dal 1 luglioGiunta approva ultime variazioni a regolamento applicazione

VENEZIA09 ottobre 201916:07

– Scatterà dal primo luglio 2020 il contributo di accesso al centro storico e alle isole della Laguna di Venezia. Lo ha stabilito oggi la Giunta comunale, che ha dato il via libera alla delibera di modifica del Regolamento sulla cosiddetta ‘tassa di sbarco’.
La decisione, spiega in una nota l’assessore comunale al Bilancio, Michele Zuin, è “dettata da situazioni oggettive indipendenti dalla volontà di questa Amministrazione”, ma “ci permetterà di procedere ancor più speditamente su tutta una serie di altri interventi che potranno così essere nel pieno della loro funzionalità già dal primo giorno di applicazione”.

Mancata differenziata negozi, indaga pm”Operatori passano di notte e strisciano codice a barre”

ROMA09 ottobre 201916:16

– La Procura di Roma da qualche settimana ha avviato una indagine in relazione alla mancata raccolta dei rifiuti derivanti dalle attività commerciali da parte della società appaltatrice. Nel procedimento, coordinato dal procuratore aggiunto Paolo Ielo, si ipotizza una fattispecie fraudolenta. Della vicenda si è occupata anche la trasmissione Le Iene. Secondo quanto denunciato da alcuni operatori, la raccolta avviene nelle ore notturne, quando gli esercizi commerciali sono chiusi e ciò rende impossibile raccogliere la differenziata. Nonostante ciò alcuni dipendenti strisciano con il palmare dell’azienda un codice a barre presente all’esterno dell’utenza e in questo modo risulta che la spazzatura è stata raccolta regolarmente. Gli inquirenti di piazzale Clodio dovranno, quindi, accertare se questo comportamento è sistematico al punto da potere ipotizzare una truffa ai danni delle casse comunali.

Intesa Sanpaolo entra in Matipay, 7 milioni per rafforzarsi in fintech e pagamenti digitali

09 ottobre 201916:20

Intesa Sanpaolo entra con un investimento di 7 milioni di euro nel capitale di MatiPay, startup Fintech fondata da Matteo Pertosa e nata nella divisione IOT di Sitael, facente parte del Gruppo Angel. L’annuncio è arrivato oggi durante l’evento “La finanza con l’innovazione – Cosa si può fare per far crescere il paese. Il caso concreto di MatiPay”, ospitato presso la sede Sitael di Mola di Bari”.
MatiPay ha sviluppato un nuovo sistema di pagamento che consente di acquistare con cash servizi e prodotti online, utilizzando la rete fisica dei lettori di banconote e gettoniere delle vending machine.
Grazie a questa operazione, in linea con la strategia di continua trasformazione digitale del gruppo, la banca si attende sinergie nel canale mobile e nell’integrazione dei servizi di digital payment utilizzabili attraverso smartphone e sarà in grado di allargare la propria offerta di servizi per la gestione del risparmio, attraverso l’integrazione con prodotti esistenti o lo sviluppo di nuovi.
L’operazione è stata realizzata attraverso Neva Finventures, il Corporate Venture Capital che fa capo a Intesa Sanpaolo Innovation Center – società del gruppo bancario presieduta da Maurizio Montagnese e diretta da Guido de Vecchi – e che investe in società fintech e in startup che intendono entrare in nuovi mercati e settori chiave quali la circular economy e data-driven economy.I nuovi capitali raccolti da MatiPay consentiranno alla startup di accelerare la propria crescita nei mercati internazionali di riferimento, vale a dire Europa, Giappone e Usa, dove la presenza di vending machine è molto diffusa: si stima una rete composta da circa 16 milioni di dispositivi.

In auto con migrante 13enne, presiAl traforo del Monte Bianco, ragazzino caricato a Milano

AOSTA09 ottobre 201916:40

– Stavano trasportando verso la Francia un migrante pachistano di 13 anni sbarcato nei giorni scorsi sulle coste della Calabria, ma sono stati arrestati dalla polizia di frontiera al traforo del Monte Bianco per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. H.S.A. e K.A., cittadini francesi di 25 anni, non hanno alcuna parentela con il minore e non sono stati in grado di giustificare il suo trasporto. Sono stati fermati la notte scorsa su una Citroen C3 con targa francese, che è stata sequestrata insieme a 400 euro e due telefonini. Il minore aveva con sé solo un foglio di identificazione redatto alcuni giorni fa dalle autorità italiane. E’ emerso che i due, entrati la notte precedente in Italia attraverso lo stesso traforo, hanno raggiunto Milano, preso contatti con il minore e sono ripartiti alla volta della Francia. Inoltre hanno ricevuto messaggi sul telefonino con l’indicazione del tragitto da effettuare e su come “evitare i controlli di polizia”.

M5S, “status Capitale e sindaco in Cdm”Presto Stati Generali con imprese, parti sociali e associazioni

09 ottobre 201916:56

– Far sedere il sindaco di Roma “in modo permanente al tavolo del Consiglio dei Ministri”. Questa una delle richieste del M5S di Roma nell’ambito della partita sullo status di Roma Capitale. A farsene portavoce l’assessore al Personale Antonio De Santis che spiega: “Abbiamo elaborato alcune iniziative mirate da avviare subito come far partecipare il sindaco al Cdm”. “Come già annunciato dalla Sindaca Virginia Raggi, intendiamo convocare gli Stati Generali di Roma, invitando le imprese, le parti sociali, le associazioni e tutti gli attori della città, raccogliendo anche contributi che nascano dal basso – spiega De Santis in un post su Fb -. E’ inoltre necessario istituire un tavolo di altissime personalità, per disegnare uno statuto giuridico e normativo di Roma Capitale che risponda ai suoi effettivi bisogni. Siamo poi convinti che sia necessario attuare una vera semplificazione, così da sciogliere i grovigli burocratici e normativi che impediscono di far atterrare le risorse presenti sui servizi per i cittadini”.

Gip archivia accuse ostetrica a BurioniPer commento Fb su mancata vaccino. Gip, rientra diritto critica

MACERATA09 ottobre 201917:29

– Il gip di Macerata Claudio Bonifazi ha archiviato il procedimento contro il prof. Roberto Burioni dopo la denuncia per diffamazione a mezzo stampa presentata da un’ostetrica licenziata nel 2018 dall’ospedale di Macerata perché si era rifiutata di vaccinarsi con il trivalente: il medico non avrebbe travalicato i requisiti di pertinenza e continenza del diritto di critica. “Un sanitario che rifiuta le vaccinazioni – aveva commentato Burioni su Fb, avallando il provvedimento Asur di Macerata – secondo me non solo è un ignorante non scusabile ma è qualcosa di vicinissimo a un criminale”. Era stato querelato dall’ostetrica, che ha impugnato il licenziamento: lei aveva spiegato di non essere una no vax e di aver acconsentito a vaccinarsi per la pertosse, per la quale a un controllo le erano stati trovati valori di anticorpi inferiori a quello stabilito. Non accettava però di vaccinarsi con il trivalente (unico disponibile) che l’avrebbe esposta a effetti collaterali per altre due malattie da cui è immune.

Aereo scoperchiò tetto casa, risarcitoNell’agosto 2009, velivolo Ryanair in fase atterraggio

VENEZIA09 ottobre 201918:27

– Un pensionato trevigiano si è visto confermare in secondo grado il risarcimento dei danni causati dal passaggio radente di un aereo di Ryanair in fase di atterraggio all’aeroporto “Canova”, che causò lo scoperchiamento del tetto della sua abitazione. L’episodio avvenne il 27 agosto 2009 quando il velivolo, proveniente da Charleroi e diretto a Treviso, secondo quanto stabilito dai giudici della Corte d’Appello di Venezia, non rispettò il piano di volo sfiorando la casa; il passaggio ravvicinato dell’aeromobile causò il danneggiamento della casa. La Consulenza tecnica d’ufficio svolta in Appello evidenzia che durante il sorvolo del fabbricato l’aereo si trovava a circa 76,5 metri dal piano di campagna e quindi circa 70 dal tetto, mentre Ryanair si sarebbe trovato a circa 115,8 metri. La compagnia low cost dovrà rifondere alla famiglia trevigiana le spese del giudizio di secondo grado per circa 8.500 euro, oltre ai circa 25 mila stabiliti nel primo grado di giudizio.

Estorce denaro,arrestato con app You-polA Siena, questura avvertita in tempo reale

SIENA09 ottobre 201919:02

– Avrebbe minacciato e poi intimidito un commerciante costringendolo a farsi consegnare, a più riprese, 3mila euro ma è stato arrestato grazie all’app You-pol, un’applicazione per telefono cellulare con cui la vittima ha chiamato in tempo reale la sala operativa della questura. E’ successo a Siena dove un 26enne straniero è stato arrestato in esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale su richiesta della procura. Secondo quanto ricostruito nel corso delle indagini, il commerciante era continuamente sottoposto ad estorsioni, con minacce, all’interno del suo negozio. Il giovane, noto alle forze dell’ordine è considerato riferimento della cosiddetta microcriminalità senese, secondo la questura era già stato arrestato e condannato per truffe e furti. L’uomo è stato rintracciato dai poliziotti nel centro della città e portato nel carcere di Santo Spirito.

A Como violentata 13enne, 2 fermatiCon scippo del telefonino attirata in trappola

COMO09 ottobre 201919:27

– Una tredicenne di origine nigeriana è stata violentata a Como da due connazionali ventenni, che sono stati messi in stato di fermo per violenza sessuale su minorenne nella notte tra sabato e domenica. La ragazza ha raccontato di essere stata avvicinata per strada alle 21.30 da uno dei due, che le ha strappato di mano il cellulare. Lei lo ha inseguito e, quando sono arrivati sotto la casa di lui, questi l’ha trascinata nel suo appartamento, dove da lì a poco è arrivato l’altro. Qui la ragazzina ha riferito di avere subito abusi sessuali da parte di entrambi.

Ex Ilva, Consulta invia atti a gipLa legge è cambiata, valutare se questione sussiste ancora

09 ottobre 201920:41

– La Consulta non si è pronunciata sulla costituzionalità della immunità penale concessa all’ Arcelor Mittal per le condotte di attuazione del piano di tutela ambientale e sanitaria dello stabilimento ex Ilva di Taranto. Ma ha rinviato gli atti al giudice di Taranto, che l’aveva investita, perchè valuti se, visto che la legge è cambiata, ci siano ancora i presupposti per porre la questione di costituzionalità.

A Lampedusa funerali vittime naufragioSolo in 200 a cerimonia. Sindaco, inopportuno rito cattolico

LAMPEDUSA (AGRIGENTO)09 ottobre 201919:57

– Solo 200 persone hanno partecipato nel pomeriggio a Lampedusa ai funerali delle 13 donne morte nel naufragio avvenuto nella notte tra domenica e lunedì davanti alle coste dell’isola. Le bare sono state disposte davanti all’improvvisato altare allestito nella Casa della fraternità. Le cerimonia è stata officiata da Padre Carmelo La Magra che ha distribuito ai presenti una copia in francese della bibbia e del corano.

Vajont: messe e fiaccolata per ricordareCelebrazioni a Erto e Casso e alla diga

ERTO E CASSO (PORDENONE)09 ottobre 201918:56

– Si commemora oggi il Disastro del Vajont, che 56 anni fa provocò quasi 2mila vittime a causa di un’onda generata da una gigantesca frana precipitata dal monte Toc nel lago artificiale della diga e riversatasi sul paese di Longarone poco dopo le dieci e trenta della sera. Era il 9 ottobre 1963. Le istituzioni civili e religiose hanno organizzato una serie di eventi della memoria in Friuli Venezia Giulia e in Veneto. Alcune messe in ricordo dei tanti morti sono state celebrate nel corso della giornata nelle chiese di Erto e di Casso (Pordenone) e nella chiesetta eretta vicino alla diga, oggi gestita dal Parco delle Dolomiti friulane. In serata è prevista una funzione religiosa anche nel cimitero di Erto. A seguire ci sarà la fiaccolata commemorativa che raggiungerà, esattamente alle 22.39 – quando l’enorme onda di piena ha iniziato la sua disastrosa discesa sul centro abitato – la zona della diga, e i rintocchi delle campane ricorderanno le vittime.

E’ morto Bigazzi, ex star Prova cuocoAveva 86 anni, l’annuncio sui social dell’amico chef Tizzanini

09 ottobre 201917:48

– Addio a Beppe Bigazzi, giornalista appassionato di gastronomia. Amato dal pubblico tv per la partecipazione al programma televisivo “La prova del cuoco” con Antonella Clerici di cui, nel 2000, divenne pure co-conduttore.
Valdarnese di nascita, 86 anni, Bigazzi lottava da tempo contro una grave malattia. Era amico dello chef Paolo Tizzanini, del ristorante L’Acquolina di Terranuova Bracciolini, che ne ha comunicato la scomparsa “a cerimonia avvenuta” su Facebook.

L’attentatore in video,l’odio antisemita’Ebrei la radice di tutti i mali’. Poi ha aperto il fuoco

09 ottobre 201919:58

– L’attentatore della sinagoga di Halle, in Germania, ha filmato la sua azione per 35 minuti con una telecamera fissata sulla testa. Nel video, postato su un sito di videogame, si sente l’uomo che prima di aprire il fuoco urla: “La radice di tutti i problemi sono gli ebrei”. Lo riferisce Rita Katz, direttrice del sito di monitoraggio dei gruppi terroristici sul web, Site.

Siria,padre Orsetti,temeva abbandono UsaDomani corteo a Firenze per popolo curdo e in ricordo di Lorenzo

FIRENZE09 ottobre 201919:17

– “La priorità è fermare questo attacco ai curdi e poi è necessario trovare una soluzione pacifica per questa zona del Medio Oriente”. Lo chiede Alessandro Orsetti, padre del 33enne fiorentino Lorenzo Orsetti, ucciso negli scontri in Siria con l’Isis, commentando i primi attacchi delle forze armate turche al confine tra Siria e Iraq per impedire alle forze curde di rafforzarsi nella Siria nord-orientale. “Lorenzo a suo tempo – ha detto Orsetti – paventava questo rischio, ovvero che gli americani abbandonassero a se stessi i curdi. Questa cosa si è concretizzata, non ci possiamo aspettare dall’America con l’attuale amministrazione un coinvolgimento per una causa come quella curda”. E’ stata indetta per domani a Firenze, dalla sigla ‘Assemblea fiorentina per il Kurdistan’, una manifestazione contro l’offensiva turca nel Nord della Siria ricordando anche Lorenzo Orsetti. Il corteo partirà alle ore 18 in piazza Santa Maria Novella per poi raggiungere il consolato Usa sul lungarno.

Sassoli, Turchia fermi azione in SiriaPresidente Europarlamento: ‘Popolazione Siria ha già sofferto’

BRUXELLES09 ottobre 201918:30

– “Chiedo con forza alla Turchia di interrompere immediatamente ogni azione militare” nel nord della Siria. Così il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli.
“C’è una popolazione che ha già sofferto duramente. Non dobbiamo metterla in condizioni di avere altre sofferenze – aggiunge Sassoli -. Si fermi questo intervento, non sarà mai una soluzione ai problemi che abbiamo”.

No votes yet.
Please wait...
Annunci

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.