Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 8 minuti
image_pdfSCARICA PDFimage_printApri nel browser

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 15:51 ALLE 23:41 DI VENERDì 11 OTTOBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Università Torino, premio per eccellenza
Finanziamento di 9,8 milioni per i prossimi 6 anni

TORINO11 ottobre 201915:51

– Silvia Bordiga, docente del Dipartimento di Chimica dell’Università di Torino, ha vinto un Synegry Grants per l’anno 2019 e ha ottenuto un finanziamento di 9.885.988 di euro per i prossimi 6 anni. Il riconoscimento è stato assegnato dallo European Research Council (Erc), organismo dell’Unione Europea che attraverso finanziamenti competitivi sostiene l’eccellenza scientifica.
Bordiga, esperta nell’applicazione delle spettroscopie ottiche allo studio di catalizzatori microporosi, lavorerà con Unni Olsbye (Università di Oslo), Vincent Eijsink (Università Norvegese di Scienze della Vita) e Serena Debeer (Istituto Max Planck per la Conversione di Energia Chimica). “Il modello di crescita attuale – spiega Bordiga – richiede importanti cambiamenti comportamentali e strategie produttive innovative che garantiscano più prodotti con meno risorse (sia materie prime che fonti energetiche). In questo scenario si colloca Cube (CU BasEd catalysts for selective C-H activation)”.

Feto morto,denuncia, indagata ginecologaDomani autopsia disposta da Procura Repubblica Vibo Valentia

VIBO VALENTIA11 ottobre 201916:26

– C’é un’indagata nell’inchiesta avviata dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia sulla vicenda del mancato parto cesareo su una gestante di 32 anni a causa del quale il feto di 39 settimane che la donna portava in grembo sarebbe morto. L’indagata, cui é stata notificata un’informazione di garanzia emessa dal Pm titolare del fascicolo d’inchiesta, Concettina Iannazzo, é la ginecologa dell’ospedale di Vibo Valentia che aveva seguito la 32enne durante la gravidanza.
Si é appreso, intanto, che l’inchiesta della Procura di Vibo per accertare eventuali responsabilità nella vicenda, che ha delegato le indagini alla Squadra mobile, é stata avviata sulla base di una denuncia presentata dai genitori del bambino deceduto. Per domani é stata fissata l’autopsia sul feto, affidata all’anatomo patologa Katiuscia Bisogni. I genitori del bambino deceduto hanno nominato come legale di fiducia l’avvocato Antonella Natale ed un perito di parte, Alfonso Luciano.

Visita ritarda, infermiera aggreditaCagliari, uomo con problemi psichici bloccato al SS.Trinità

CAGLIARI11 ottobre 201916:37

– In coda al Pronto soccorso, voleva essere visitato subito ma gli è stato detto che avrebbe dovuto aspettare il suo turno. Un rifiuto che lo ha fatto imbestialire, e la peggio l’ha avuta un’infermiera, colpita con un calcio allo stinco.
E’ successo all’ospedale Santissima Trinità di Cagliari, protagonista un uomo affetto da problemi psichici. Dopo l’aggressione, la paramedica si è rifugiata nella stanza della caposala per paura di subire altre violenze. Poco dopo sono arrivati una guardia giurata e i carabinieri. L’uomo è stato bloccato e identificato. L’infermiera, nel frattempo, si è presentata in caserma per denunciare l’aggressione.

Ghiacciaio, lieve rallentamentoCrollo da 1.000 metri cubi dal settore più avanzato

AOSTA11 ottobre 201916:40

– Ha registrato un lieve rallentamento rispetto alle scorse giornate lo scivolamento verso valle del ghiacciaio di Planpincieux, sul versante italiano del massiccio del Monte Bianco. E’ quanto emerge dal bollettino giornaliero emesso dalla Regione autonoma Valle d’Aosta e dalla Fondazione Montagna sicura. In dettaglio sono diminuite le velocità del settore più a valle, da 50-60 mila metri cubi (passando da 30 a 25 centimetri al giorno in base ai rilievi del sistema fotografico) e di quello più grande, da un milione di metri cubi (il cui spostamento non preoccupa i tecnici), passato da 15 a 10 cm nelle 24 ore. Resta costante, a 25 cm al giorno, la velocità del settore da 250 mila metri cubi. Dal settore più a valle è stato registrato un crollo di 1.000 metri cubi nelle ultime 24 ore.

Pirozzi a giudizio per crollo AmatriceIn 6 a processo per la palazzina in cui morirono 7 persone

RIETI11 ottobre 201917:46

– Il gup del Tribunale di Rieti, Giovanni Porro, ha rinviato a giudizio sei persone per il crollo, avvenuto in seguito al sisma del 24 agosto 2016, causando la morte di 7 inquilini, di una palazzina ex Ina Casa in piazza Augusto Sagnotti ad Amatrice. Il processo, al via dal 6 febbraio 2020, vedrà imputati, con l’accusa di disastro colposo plurimo, omicidio colposo plurimo e lesioni personali colpose, l’ex sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, oggi consigliere regionale di FdI, il progettista e direttore dei lavori, Ivo Carloni, tre tecnici del Genio civile, Valerio Lucarelli, Giovanni Conti e Maurizio Scacchi, e il comandante dei Vigili urbani di Amatrice, Gianfranco Salvatore.
Secondo le conclusioni dell’inchiesta, condotta dai pm Lorenzo Francia e Rocco Gustavo Maruotti, la palazzina, in seguito al sisma dell’Aquila del 2009, fu ristruttura ma senza rispettare le norme antisismiche, non fu collaudata e quindi, con la successiva scossa dell’agosto 2016, crollò senza lasciare scampo agli inquilini.

Falsi report: inchiesta, ad Aspi sapevaA conoscenza che Marrone non aveva dato documenti a Mit e Gdf

GENOVA11 ottobre 201918:10

– Il nuovo ad di Autostrade, Roberto Tomasi, sapeva che il direttore dell’VIII tronco di Bari, Gianni Marrone, non aveva fornito documenti all’ispettore del Mit Placido Migliorino e che aveva omesso di dare documentazione alla guardia di finanza nel corso di una perquisizione. E’ quanto emerge dalle intercettazioni telefoniche depositate al Riesame nell’ambito dell’inchiesta bis sui report edulcorati che a settembre ha portato a tre arresti domiciliari e sei interdittive, tra tecnici e dirigenti di Aspi e Spea.

Terremoto Amatrice, anche ex sindaco Pirozzi tra i 6 rinviati a giudizio Per il cedimento di una palazzina ex Ina Casa, 7 i morti

RIETI11 ottobre 201918:24

Il gup del Tribunale di Rieti, Giovanni Porro, ha rinviato a giudizio sei persone per il crollo, avvenuto in seguito al sisma del 24 agosto 2016, causando la morte di 7 inquilini, di una palazzina ex Ina Casa in piazza Augusto Sagnotti ad Amatrice. Il processo, al via dal 6 febbraio 2020, vedrà tra gli imputati, con l’accusa di disastro colposo plurimo, omicidio colposo plurimo e lesioni personali colpose, anche l’ex sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, oggi consigliere regionale di FdI.

Macerata, bloccati beni pusher ‘povero’A Macerata blitz Ps, Cc e Gdf su conti e immobili detenuto

MACERATA11 ottobre 201918:31

– Un 47enne marocchino detenuto ad Ancona da sei mesi per spaccio di droga, in precedenza disoccupato dal 2017 e con redditi esigui, disponeva di due immobili a Porto Recanati (Macerata), un posto macchina, quote di una società e 14mila euro su tre conti correnti. A suo carico, su proposta del questore di Macerata Antonio Pignataro e in base alle indagini di carabinieri, polizia e guardia di finanza, sono stati eseguite misure di prevenzione personale e patrimoniale autorizzate dal Tribunale di Ancona: sorveglianza speciale per tre anni esecutiva da quando il 47enne uscirà dal carcere; sequestro del patrimonio del valore di 100mila euro, di cui è titolare con la moglie, e non giustificabile da redditi quasi inesistenti. Il destinatario delle misure, Abdel Monumain Safhi, era stato arrestato a Porto Recanati ad aprile durante le indagini sulla cessione di droga a una 28enne maceratese morta per overdose. Nella sua abitazione vennero trovati droga (in bagno) e 9mila euro di cui non seppe rendere conto.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Accusato di molestie a una disabile
Incidente probatorio a Piacenza, è incaricato del trasporto

PIACENZA11 ottobre 201919:05

– Un autista di autobus 60enne è indagato per violenza sessuale su una disabile. Stando alle accuse, l’avrebbe molestata durante il trasporto sul mezzo per disabili di una ditta privata per la quale lavora. Si è svolto nei giorni scorsi in Tribunale a Piacenza l’incidente probatorio per analizzare il cronotachigrafo del bus, per stabilire se dai dati emerga la conferma della sosta durante la quale l’uomo, secondo il racconto della vittima (sentita in audizione protetta), l’avrebbe fatta oggetto delle molestie. Gli atti, adesso, torneranno al pm che dovrà chiudere l’indagine.

Cade cemento cavalcavia, disagi a treniE sulla strada regionale 429 della Valdelsa

CASTELFIORENTINO (FIRENZE)11 ottobre 201920:29

– Alcune parti di cemento di un cavalcavia sono cadute finendo sul vecchio tratto della strada regionale 429 della Valdelsa e sulla linea ferroviaria Empoli-Siena nelle vicinanze della stazione di Granaiolo, nel comune di Castelfiorentino (Firenze), creando disagi alla circolazione. Il cedimento, intorno alle 14, ha infatti comportato per alcune ore chiusure intervallate della strada e della ferrovia. Alcuni treni regionali hanno subito ritardi. Sul posto i vigili del fuoco che hanno rimosso le parti più pericolose per permettere il completo ripristino della circolazione.

Grave giovane climber in val GardenaAustriaca 25enne percipita per una cinquantina di metri

BOLZANO11 ottobre 201920:31

– E’ ricoverata all’ospedale di Bolzano in gravissime condizioni una giovane climber austrica precipitata nel tardo pomeriggio durante un escursione in val Gardena. La 25enne di St. Johann in Tirolo aveva compiuto con un compagno di cordata una via sul Pilastro dei Sogni a Plan de Gralba. Durante la calata la donna non ha valutato bene la lunghezza della corda ed è precipitata per una cinquantina di metri. La climber è stata recuperata in gravissime condizioni dall’elicottero dell’Aiut Alpin Dolomites e trasportata all’ospedale di Bolzano.

Scontro auto tir, un mortoA Capalbio, chiusa statale Aurelia

CAPALBIO (GROSSETO)11 ottobre 201920:35

– Una persona è morta e due sono rimaste ferite in un incidente stradale avvenuto in serata sull’Aurelia, all’altezza del bivio del Chiarone a Capalbio (Grosseto). Nell’incidente, la cui dinamica è in corso di accertamento, sono rimaste coinvolte tre auto e un tir. La statale Aurelia è stata provvisoriamente chiusa in entrambe le direzioni in corrispondenza del km 125.

Due fratelli trovati morti a PadovaEntrambi malati, vivevano in appartamento Riviera Paleocapa

PADOVA11 ottobre 201920:44

– I corpi di due anziani fratelli sono stati trovati questa sera a Padova all’interno della casa dove i due vivevano. Sarebbero morti entrambi per cause naturali. I primi accertamenti medici, secondo quanto si apprende, escluderebbero altre ipotesi per il decesso.
Avevano 77 e 71 anni, entrambi malati da tempo; uno colpito da una patologia degenerativa, l’altro con una malattia oncologica. A dare l’allarme sono stati alcuni parenti, residenti a Bolzano, che da giorni non riuscivano a contattarli.
E’ possibile che i due fratelli siano morti a distanza di qualche giorno l’uno dall’altro. Conducevano una vita non facile, ma dignitosa, in una vecchia abitazione all’ultimo piano di un palazzo di Riviera Paleocapa.

Aereo Ethiopia,tornano i resti dei mortiIl Boeing 737 Max cadde dopo decollo da Addis Abeba il 10 marzo

11 ottobre 201920:57

– Dopo 7 mesi tornano a casa i resti delle vittime italiane dell’incidente aereo dell’Ethiopian Airlines, che il 10 marzo 2019 ha provocato la morte di 157 persone, 8 delle quali nostri connazionali. L’aereo chiamato “dei volontari”, era decollato da Addis Abeba per raggiungere Nairobi, in Kenya, dove era in programma una conferenza dell’United Nations Environment. Era un Boeing 737 Max, che da allora è stato fermato in tutto il mondo. La prossima settimana iniziano a tornare i primi resti, quelli di Carlo e Gabriella Spini, i coniugi residenti a Sansepolcro (Arezzo). La notizia è stata comunicata ufficialmente ai figli della coppia, Andrea, Francesco, Marco ed Elisabetta. I funerali si svolgeranno giovedì nella cattedrale di Sansepolcro. Carlo Spini e la moglie si recavano in Africa per lavorare come volontari. Il 16 ottobre saranno portati in Italia anche i resti di altre vittime dell’incidente, come quelli di Paolo Dieci, per anni attivo nel volontariato internazionale e presidente della rete di ong LinK 2007.

Morte Morosini, assolti i tre mediciCassazione aveva disposto nuovo giudizio annullando condanna

PESCARA11 ottobre 201921:04

– Tutti assolti, dalla Corte d’Appello di Perugia, i tre medici Vito Molfese, Manlio Porcellini ed Ernesto Serafini, che erano stati condannati per omicidio colposo in relazione alla morte del calciatore del Livorno Piermario Morosini, deceduto a 26 anni il 14 aprile 2012, dopo essersi accasciato sul prato dello stadio Adriatico durante l’incontro di calcio Pescara-Livorno. La Cassazione aveva annullato la sentenza di condanna, emessa in primo grado dal tribunale di Pescara e confermata dalla Corte d’Appello dell’Aquila, disponendo il rinvio presso la Corte d’Appello di Perugia per un nuovo giudizio. Il medico del 118 di Pescara Vito Molfese era stato condannato a un anno di reclusione, mentre ai medici sociali delle rispettive squadre, Manlio Porcellini del Livorno ed Ernesto Sabatini del Pescara, erano stati inflitti otto mesi di reclusione ciascuno.

Aggredì donne in stazione,non imputabileIncapacità intendere e volere,2 anni in ex ospedale psichiatrico

LECCO11 ottobre 201922:18

– Totale incapacità di intendere e volere ma anche pericolosità sociale. Per questi motivi, basati sull’esito della perizia psichiatrica alla quale è stato sottoposto, è stato dichiarato non imputabile per totale vizio di mente, Aboudel Manaf Cocobissi, il 24 enne originario del Togo, arrestato per l’immotivata aggressione a due donne, lo scorso 9 settembre alla stazione ferroviaria di Lecco.
L’uomo, che aveva spinto a terra una giovane e colpito con un pugno al volto una cinquantenne, è stato dunque penalmente prosciolto ma dovrà trascorrere un periodo di due anni nell’ex ospedale psichiatrico giudiziario di Castiglione delle Stiviere (Mantova). Nel corso dell’udienza del processo con rito direttissimo, il 24enne si è scusato con le vittime. Poi è stato riportato sotto scorta nel carcere di Monza in attesa del trasferimento nella struttura ospedaliera.

No votes yet.
Please wait...
Annunci

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.