Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 10 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 10:34 ALLE 16:33 DI MERCOLEDì 16 OTTOBRE 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Cyber-attacco degli Usa contro l’Iran
Reuters, a settembre dopo l’offensiva al petrolio saudita

16 ottobre 2019 10:34

– Gli Stati Uniti hanno effettuato un cyber-attacco segreto contro l’Iran dopo gli attacchi del 14 settembre alle strutture petrolifere dell’Arabia Saudita, per i quali Washington e Riyadh accusano Teheran. E’ quanto riporta in esclusiva sul proprio sito l’agenzia Reuters, che cita come fonte due funzionari statunitensi. L’operazione si è svolta a fine settembre e ha preso di mira la capacità di Teheran di diffondere “propaganda”.

Scontri curdi-Assad contro filo-turchiOng: ‘Nei pressi dell’autostrada strategica M4′ nel nord Siria

ISTANBUL16 ottobre 201910:42

– “Violenti scontri” sono in corso in queste ore tra i combattenti curdi appoggiati da forze dell’esercito regolare siriano e i miliziani arabi filo-Ankara nei pressi dell’autostrada strategica M4, che attraversa il nord della Siria da Aleppo alla frontiera irachena, a una trentina di chilometri dalla frontiera turca. Lo riferisce l’Osservatorio siriano per i diritti umani.

Siria, 9 donne francesi prese dall’ IsisDa campo profughi, riunite a milizie in circostanze non chiare

16 ottobre 201914:17

Sono nove le donne francesi scappate nei giorni scorsi da un campo profughi nel nord della Siria e con molta probabilità prelevate dai miliziani dell’Isis.
Lo riferiscono media panarabi, citando il ministro degli esteri francese Jean-Yves Le Drian. Quest’ultimo, come riferisce la tv panaraba al Arabiya, è atteso a breve a Baghdad per discutere della questione dei processi in Iraq ai jihadisti francesi catturati in Siria e poi trasferiti nel vicino Paese arabo. Non sono chiare le circostanze in cui le nove donne si sarebbero ricongiunte alle milizie jihadiste.

Brexit: Varadkar, ancora molti i nodiPremier Irlanda ipotizza summit straordinario Ue prima del 31/10

LONDRA16 ottobre 201912:07

– “Lo spiraglio per un possibile accordo c’è, ma vi sono ancora molte questioni da risolvere”.
Così il premier irlandese Leo Varadkar, a proposito dei negoziati sulla Brexit, dopo aver parlato al telefono stamane con Boris Johnson e con i vertici di Bruxelles da Dublino.
Varadkar evoca “progressi”, ma resta cauto sui tempi e ipotizza apertamente un Consiglio Europeo straordinario ulteriore, prima del 31 ottobre, se non si farà in tempo a chiudere un accordo entro il summit previsto domani e dopodomani.

Siria: Erdogan,mai negoziati con i curdi’La Turchia non può sedersi allo stesso tavolo dei terroristi’

ISTANBUL16 ottobre 201912:16

– “Ci sono alcuni leader che cercano di mediare” tra la Turchia e le forze curde nel nord della Siria. Ma “non è mai accaduto nelle storia della Repubblica turca che lo Stato si segga allo stesso tavolo di un’organizzazione terroristica”. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando al gruppo parlamentare del suo Akp ad Ankara.

Brexit: Ue, ancora temi da risolvereAvramopoulos, discussioni livello tecnico ancora in corso

BRUXELLES16 ottobre 201912:36

– “Oggi il capo negoziatore Ue per la Brexit, Michel Barnier ha informato il Collegio dei commissari in merito allo stato dell’arte nei colloqui con il Regno Unito”. Lo ha detto il commissario per la Migrazione, Dimitris Avramopoulos, precisando che le “discussioni di livello tecnico si sono protratte fino a notte tarda e sono ancora in corso”.
“Questi contatti sono stati costruttivi ma rimangono ancora una serie di temi importanti da risolvere”, ha aggiunto precisando che Barnier informerà il Coreper ed il gruppo di lavoro del Parlamento Ue.

Siria: Erdogan apre a stop offensivaSe terroristi via da zona sicurezza. Mai colpito i civili

ISTANBUL16 ottobre 201912:48

– “Se i terroristi se ne vanno dalla zona di sicurezza” che la Turchia vuole creare ai suoi confini nel nord della Siria “l’operazione Fonte di pace finirà”. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando al gruppo parlamentare del suo Akp ad Ankara.
“Nella sua storia la Turchia non ha mai compiuto massacri di civili e non lo fa neppure ora” nella sua offensiva militare contro le milizie curde nel nord della Siria, ha sottolineato Erdogan.
Il presidente turco ha poi reso noto che nella prima settimana della sua operazione militare contro le milizie curde nel nord della Siria, la Turchia ha preso il controllo di 1.220 km quadrati di territorio.
Erdogan ha ribadito l’intenzione di proseguire l’offensiva penetrando “fino a 30-35 km” oltre il confine e lungo una fascia che va “da Manbij al confine con l’Iraq”.

Siria: Mosca, Isis si diffonde nel mondoAnche Usa ed Europa sono responsabili della situazione

MOSCA16 ottobre 201912:55

– I sostenitori dell’Isis dalla Siria nord-orientale “si stanno diffondendo in tutto il mondo” a seguito del nuovo conflitto, causato dalle politiche degli Usa e dei suoi alleati. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov sottolineando che “anche i Paesi europei sono responsabili per questa situazione”. Lo riporta Interfax.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Catalogna: 51 arresti, 125 feriti
Nel secondo giorno di proteste dopo condanne a indipendentisti

16 ottobre 201913:10

– Sono 51 le persone arrestate per le proteste e gli scontri seguiti alla condanna dei leader indipendentisti catalani, estesi da Barcellona ad altre città, mentre sono stati 125 i manifestanti che hanno dovuto far ricorso a cure mediche. Lo riferisce El Pais. Diciotto persone – precisa l’agenzia Efe – sono state trasportate in ospedale.
Nessuna di loro risulta versare in condizioni critiche.
Secondo fonti dei Mossos d’Esquadra, la polizia catalana, e del governo, negli incidenti sono rimasti feriti 75 poliziotti: 57 agenti della forza autonoma, e altri 18 della polizia nazionale. Le proteste hanno interessato, oltre a Barcellona, le città di Girona, Tarragona, Lleida e Sabadell. Il governo ha denunciato l’azione di “gruppi violenti organizzati”. L’azione, secondo la polizia, sarebbe stata pianificata in un incontro con Quim Torra, presidente della Generalitat, a Ginevra. Alle proteste di Barcellona, secondo la vigilanza urbana, avrebbero partecipato circa 40 mila persone.

Kim Jong-un a cavallo sulle nevi del Paektu La montagna considerata “sacra” legata alle gesta della famiglia Kim

16 ottobre 201913:29

Il leader nordcoreano Kim Jong-un in sella a un cavallo bianco si è avventurato sulle prime nevi del monte Paektu, la montagna “sacra” legata alle gesta della famiglia Kim nel nord del Paese, al confine con la Cina.

Siria:Erdogan,potrei non andare da Trump’Usa irrispettosi, dipende dall’incontro con Pence’

ISTANBUL16 ottobre 201913:37

– “La mia prossima visita negli Stati Uniti” per incontrare il 13 novembre il presidente Donald Trump “sarà valutata dopo gli incontri con la delegazione americana in Turchia”, di cui fa parte il vicepresidente americano Mike Pence, “perché i discorsi” fatti in questi giorni sono stati “irrispettosi verso la Turchia”. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Brexit:tardi per ok formale a vertice UeFonti diplomatiche Ue, al massimo sì politico a eventuale intesa

BRUXELLES16 ottobre 201913:42

– E’ troppo tardi per dare un sì formale all’accordo sulla Brexit – se ce ne sarà uno – a questo Consiglio europeo. Nel miglior scenario possibile si potrà dare un via libera politico all’intesa e tornarci sopra in un secondo tempo per l’ok formale. Così fonti diplomatiche Ue alla vigila del summit dei leader europei. D’altra parte – spiegano le stesse fonti – non sappiamo ancora se ci sarà un accordo, non abbiamo visto il testo, e non sappiamo che possibilità ha di ottenere il via libera a Westminster.

Londra, 2 italiani condannati per stuproVideo li inchioda,dopo l’aggressione nel 2017 si danno il cinque

LONDRA16 ottobre 201913:53

– Sono stati condannati per stupro nel Regno Unito due ragazzi italiani accusati di aver abusato di una 23enne visibilmente ubriaca, e che non si reggeva in piedi, all’interno di uno stanzino di un night club di Soho, a Londra, nel febbraio 2017. Lo riferiscono i media britannici.
Durante il processo, è stato proiettato il video di una telecamera di sorveglianza ripreso dopo l’accaduto che mostra i due ridere, congratularsi a vicenda e darsi il cinque.
L’indicazione della pena detentiva per i due è attesa a giorni.

Siria: leader curdo, mondo fermi ErdoganResponsabile Esteri Hdp, Hisyar Ozsoy

ISTANBUL16 ottobre 201913:56

– “C’è una crescente pressione internazionale sulla Turchia per fermare l’invasione in Siria e trovare una soluzione attraverso il dialogo. Ma i leader mondiali devono mantenere la pressione su Erdogan, perché se ne avrà l’opportunità cercherà di distruggere tutte le forze curde”. Lo ha detto

il deputato turco Hisyar Ozsoy, responsabile Esteri del partito filo-curdo Hdp, unica forza parlamentare in Turchia a opporsi all’offensiva.

Migranti:Ue,Ankara rimane partner chiaveEntrambe le parti sono impegnate ad applicare l’accordo con l’Ue

BRUXELLES16 ottobre 201914:01

– “Recentemente sono stato ad Ankara e devo dire che ho avuto con il ministro degli interni una discussione costruttiva e molto schietta”. Lo ha detto il commissario per la Migrazione Dimitris Avramopoulos.
“La Turchia rimane un partner chiave in materia di gestione dei flussi migratori ed entrambe le parti rimangono impegnate a continuare ad applicare appieno l’accordo Unione-Turchia, è un impegno comune congiunto ribadito nella mia visita”, ha aggiunto.

Cina, contromisure sul Democracy Act’Se approvato, difenderemo con forza la nostra sovranità’

PECHINO16 ottobre 201914:07

– La Cina minaccia indefinite “forti contromisure” qualora il Congresso Usa approvi l’Hong Kong Human Rights and Democracy Act di sostegno al movimento pro-democrazia dell’ex colonia dopo il via libera di ieri della Camera.
“Vorrei sottolineare ancora che in risposta alle errate decisioni e alle scorrette pratiche degli Usa di danneggiare gli interessi della Cina, prenderemo decisamente forti contromisure per difendere la nostra sovranità”, ha detto il portavoce del ministero degli Esteri Geng Shuang. “Lo saprete”, ha replicato alla richiesta di chiarimenti sulle misure.

Siria: Erdogan, non incontrerò Pence’Inviati Usa vedranno loro controparti, parlo solo con Trump’

ISTANBUL16 ottobre 201914:41

– “Non incontrerò” la delegazione americana in Turchia, di cui fa parte il vicepresidente Mike Pence. “Incontreranno le loro controparti. Quando verrà Trump, incontrerò lui”. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, rispondendo a una domanda della tv britannica Sky News nei corridoi del Parlamento di Ankara.

Trump, finiremmo come nel 1929Se verrà eletto un clown dem

WASHINGTON16 ottobre 201915:33

“La nostra economia da record si schianterebbe, proprio come nel 1929, se uno qualsiasi di questi clown diventasse presidente!”: lo twitta Trump dopo il quarto confronto tv per le primarie dem. “Pensereste che non c’è modo che uno qualsiasi dei candidati democratici che abbiamo visto ieri notte possa eventualmente divenire presidente degli Usa. Ora vedete perchè non hanno altra scelta che spingere per un impeachment totalmente assurdo e illegale di uno dei presidenti di maggior successo!”, aggiunge.

Siria: Ankara, Erdogan vedrà PenceIl presidente aveva detto che avrebbe incontrato solo Trump

ISTANBUL16 ottobre 201915:17

– Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan incontrerà il vicepresidente americano Mike Pence in visita ad Ankara. Lo precisa su Twitter il capo della comunicazione della Presidenza turca, dopo che lo stesso Erdogan aveva detto alla tv britannica Sky News che non intendeva vedere Pence, sottolineando che la sua controparte è solo Donald Trump.

Ue: Merkel da Macron a TolosaPer consiglio franco-tedesco

PARIGI16 ottobre 201915:19

– Il presidente francese Emmanuel Macron e la cancelliera tedesca Angela Merkel sono giunti a Tolosa, nel sud della Francia, per dar prova di unità franco-tedesca alla vigilia di un vertice Ue pieno di sfide, a cominciare dalla Brexit, e in un contesto internazionale ad alta tensione dopo l’intervento armato turco nel nord della Siria. I leader delle due grandi potenze europee si sono incontrati all’aeroporto di Tolosa, prima di recarsi alla sede di Airbus per visitare la catena di montaggio dell’A350. E’ inoltre previsto un colloquio con alcuni dipendenti franco-tedeschi del colosso aeronautico, uno dei simboli piu riusciti della cooperazione industriale europea. Seguirà una colazione con alcuni studenti, prima del consiglio dei ministri franco-tedesco previsto nel pomeriggio alla questura di Tolosa. Vietata, per l’occasione, ogni forma di manifestazione anche se un raduno sindacale si dovrebbe tenere al di fuori della zona rossa.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Migranti: Ue, -90% arrivi a settembre
Situazione resta instabile, nuove sfide da sviluppi geopolitici

BRUXELLES16 ottobre 201915:24

– “La situazione migratoria su tutte le rotte è tornata ai livelli pre-crisi con gli arrivi a settembre 2019 inferiori del 90% circa rispetto a settembre 2015”. Così la Commissione Ue in un rapporto sui migranti precisando che “la situazione rimane instabile e gli sviluppi geopolitici hanno creato nuove sfide per l’Ue”. “Non è il momento per autocelebrarsi, ma se ci concentriamo sulla visione di insieme la situazione è migliorata per quanto riguarda gli arrivi dei migranti in Europa, che sono ad un minimo storico”, ha detto il commissario Dimitris Avramopoulos. Nel rapporto sui principali progressi nell’ambito dell’agenda europea sulla migrazione dal 2015 si precisa che servono “urgenti azioni per migliorare le condizioni nel Mediterraneo orientale, dare maggiore solidarietà nella ricerca e nel salvataggio” e “accelerare gli sgomberi dalla Libia”.

Usa 2020: Ilhan Omar appoggia SandersDoppio colpo per il senatore del Vermont

WASHINGTON16 ottobre 201915:28

– La democratica Ilhan Omar, una delle prime donne musulmane entrate a far parte del Congresso americano e leader delle deputate dell’ala sinistra del partito insieme ad Alexandra Ocasio Cortez, ha deciso di dare il suo endorsement al candidato presidenziale Bernie Sanders.
Proprio come si appresta a fare la sua collega. Un doppio colpo dunque per il senatore del Vermont che potrà ora contare sul vastissimo seguito delle due giovani ‘pasionarie’ del partito, a scapito della lanciatissima Elizabeth Warren, anche lei esponente dell’ala progressista.

Catalogna: Sanchez non esclude scenariAnche presidente Generalitat, Torra, a marcia da Girona

16 ottobre 201915:42

– Il premier incaricato del governo spagnolo, Pedro Sánchez, ha convocato questa mattina alla Moncloa, separatamente, i leader dei principali partiti di opposizione Pablo Casado (Pp), Albert Rivera (Ciudadanos) e Pablo Iglesias (Unidas Podemos) per esaminare la situazione in Catalogna dopo la condanna degli indipendentisti catalani e due giorni di proteste.
Parlando con Casado – riferisce El Pais – il premier ha affermato che “non si scarta nessuno scenario”, nonostante al momento non sia stata presa alcuna decisione.
Intanto migliaia di persone si sono unite a cinque marce partite da altrettante città della Catalogna e dirette a Barcellona, dove si prevede arrivino venerdì. Tra i partecipanti molte famiglie con bambini con striscioni che chiedono “Libertà per i prigionieri politici”.
Ad una di queste, partita da Girona, si è unito a fine mattinata anche il presidente della Generalitat Quim Torra.

Venezuela: Maduro assegna miniere d’oroAi governatori chavisti ma non a oppositori

16 ottobre 201916:05

– Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha annunciato l’assegnazione di una miniera d’oro a ciascuno dei governatori ‘bolivariani’ del Paese, per finanziare le loro spese di gestione del territorio. La misura esclude i governatori dell’opposizione. Lo riporta il sito d’informazione Panorama.
L’annuncio di Maduro è stato fatto ieri durante un incontro con i governatori al Palazzo Miraflores, sede dell’esecutivo venezuelano a Caracas. “Ho deciso di assegnare una miniera d’oro produttiva a ciascuno dei governatori presenti qui. Sarà attuato, attraverso il Piano minerario tricolore, un nuovo modello di alleanza strategica tra le attività primarie e correlate ai minerali strategici con enti pubblici, governi e società di protezione sociale del Paese”, ha dichiarato Maduro.
Maduro ha inoltre assegnato a tutti gli Stati del Paese come “modalità di investimento a uso libero” un milione di Petro (la criptovaluta venezuelana) bimestrali a partire da novembre”.

Conte,su Turchia Ue sia risoluta e fermaLo ha detto il premier al Senato

16 ottobre 201911:31

– “La decisione turca ripropone l’esigenza di una decisione comune, ferma e risoluta da parte” dell’Ue. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, riferendo al Senato sul Consiglio europeo di giovedì e venerdì.

Brexit: Conte, manca svolta decisivaItalia vuole evitare effetti ‘no deal’ a suoi cittadini

16 ottobre 201911:30

– “I negoziati sulla Brexit hanno registrato nelle ultime ore progressi rilevanti ma senza arrivare a una svolta decisiva. L’Italia è impegnata a evitare che i nostri concittadini paghino gli effetti del ‘no deal’. Poi lavoriamo per evitare sterili rimpalli di responsabilità. Serve ribadire unità dei 27, con un approccio negoziale pragmatico senza condizionamento ideologico. Ora ci sono due ostacoli, il veto nordirlandese e il regime doganale al confine”. Lo afferma il premier Giuseppe Conte intervenendo al Senato in vista del consiglio Ue.

Usa: Mattarella ricevuto da TrumpAlla Casa Bianca

WASHINGTON16 ottobre 201916:26

– Il presidente della repubblica Sergio Mattarella è arrivato alla Casa Bianca, accolto con una stretta di mano da Donald Trump al portico sud.
I due leader avranno tra poco un incontro bilaterale nello studio Ovale, poi un incontro allargato con le rispettive delegazioni. Per l’Italia è presente anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

No votes yet.
Please wait...
Annunci

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.