Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 4 minuti

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 05:28 ALLE 11:43 DI VENERDì 08 NOVEMBRE 2019

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Spread Btp Bund apre a 140 punti base
Rendimento del decennale italiano all’1,14%

08 novembre 2019 05:28

– Lo spread tra Btp e Bund resta sopra i 140 punti nei primi scambi della mattinata. Il differenziale segnato dal decennale italiano è a 140,2 mentre quello dei titoli di Stato greci è a 147,5. Il rendimento del Btp è a 1,14% poco inferiore a quello greco a 1,21%.

Petrolio scende a 56,5 dollariBrent in calo di 53 centesimi a 61,7 dollari

08 novembre 201908:33

– Il prezzo del petrolio è in calo nel mercato after hours. Il greggio Wti risente dell’accordo tra Cina e Usa sui dazi e arretra di 60 centesimi a 56,55 dollari al barile. Scende anche il Brent a 61,76 dollari (-53 centesimi).

Cambi: euro stabile a 1,1049 dlrSullo yen la moneta unica è a 120,75

08 novembre 201908:34

– Apertura stabile per l’euro nei primi scambi della mattinata. La moneta unica passa di mano a 1,1049 dollari e 120,75 yen.

Oro: stabile a 1.469 dollari l’onciaDopo il calo dell’1,5% segnato ieri

08 novembre 201908:37

– Il prezzo dell’oro sui mercati asiatici è stabile questa mattina dopo il -1,5% messo a segno ieri. Il metallo prezioso con consegna immediata è quotato a 1.469 dollari l’oncia, nell’ultimo giorno di quella che, con un calo complessivo del 3%, sta diventando la peggiore settimana degli ultimi due anni.

Borsa: Asia contrastata, bene TokyoHong Kong la peggiore

08 novembre 201908:43

– Seduta contrastata per le Borse asiatiche dove segna un rialzo convinto solo Tokyo (+0,26%) che fa un altro passo avanti in un clima di generale ottimismo su un accordo sui dazi fra Usa e Cina. Dati i rischi di una generale inversione di tendenza a seguito dei forti progressi registrati sui listini mondiali, arretrano invece le Borse cinesi con Shanghai che lascia sul terreno lo 0,49% e Shenzhen un più modesto 0,15%. Male anche Hong Kong (-0,75%) alla vigilia di un altro weekend dove si prevedono scontri in piazza. Seul infine cede lo 0,33%.

Borsa: Milano apre in calo (-0,11%)Indice Ftse Mib a 23.477 punti

MILANO08 novembre 201909:06

– Piazza Affari apre in leggero ribasso. Il Ftse Mib cede lo 0,11% a 23.477 punti.

Borsa Europa apre debole, Parigi -0,4%Cede anche Londra

08 novembre 201909:17

– Apertura debole per le principali Borse europee. Parigi cede lo 0,4%, Francoforte lo 0,31% mentre Londra ai primi scambi segna un ribasso dello 0,30%.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Borsa: Milano cede 0,21%, vola Leonardo
Effetto trimestrali. Arretra ancora Salini dopo aumento capitale

08 novembre 201909:35

– Avvio cauto a Piazza Affari (-0,21%) in una giornata che vede una nuova tornata di trimestrali. Sono quelle, soprattutto in ambito bancario, che muovono i titoli più dell’incremento dello spread.
I conti diffusi alla vigilia mettono le ali a Leonardo (+3,21%) e spingono Bper (+1,13%) così come Generali (+0,42%).
In attesa dei risultati arretra Ubi (-1,7%) mentre i ‘petroliferi’ Tenaris (-1,58%) e Saipem (-1,5%) colgono il calo del greggio. Vendite anche su Stm (-1,2%) per prese di beneficio dopo i recenti rialzi per l’ottimismo per un accordo sui dati fra Usa e Cina. Fuori dal paniere principale si conferma debole Salini Impregilo (-1,5% a 1,71 euro) con quotazioni che si sono portate già ieri verso il prezzo di 1,5 euro al quale è stato realizzato l’aumento di capitale da 600 milioni.

A.Mittal: sciopero lavoratori a TarantoDecine operai appalto e diretti davanti a portinerie imprese

TARANTO08 novembre 201909:44

– E’ cominciato alle 7 del mattino lo sciopero di 24 ore indetto da Fim, Fiom, Uilm al siderurgico di Taranto e negli altri siti di ArcelorMittal in Italia, con lavoratori dell’appalto in presidio alla portineria imprese, dipendenti e rappresentanti sindacali. Si chiede “l’immediato ritiro della procedura di retrocessione dei rami d’azienda e al governo di non concedere” alibi alla multinazionale “per disimpegnarsi, ripristinando tutte le condizioni” dell’accordo del 6 settembre 2018 per “portare a termine il piano Ambientale nelle scadenze previste”. Per i sindacati, l’azienda ha posto condizioni “inaccettabili” e le più gravi sono “la modifica del Piano ambientale, il ridimensionamento produttivo a 4 milioni di tonnellate e la richiesta di licenziamento di 5mila lavoratori”, mettendo in discussione anche il ritorno al lavoro dei 2mila in Amministrazione straordinaria. In sciopero anche lo Slai Cobas, che chiede una “lotta prolungata a Taranto e a Roma” e lo sciopero nazionale di tutti i metalmeccanici.

Borsa: Europa tira il fiatoPerdite sopra lo 0,2% a Londra e Francoforte, Parigi -0,34%

08 novembre 201909:59

– Le Borse europee tirano il fiato dopo i recenti rialzi mentre sui mercati resta l’attesa per un accordo temporaneo fra Usa e Cina sui dazi. Visto l’andamento cauto dei listini asiatici e guardando ai futures Usa in marginale calo Londra lascia così sul terreno lo 0,25%, Parigi lo 0,34% e Francoforte lo 0,27%. Le vendite colpiscono più di altri settori i minerari e le banche.

Assemblea lavoratori A.Mittal a GenovaDa definire tempi e modalità eventuale sciopero

GENOVA08 novembre 201910:04

– Tutti in fabbrica senza momenti di tensione per l’assemblea dei lavoratori all’interno dello stabilimento Arcelor Mittal di Genova Cornigliano a cui partecipano anche i lavoratori in cassa integrazione non dipendenti di Mittal. “Oggi spiegheremo ai lavoratori la procedura di cessione ex art. 47 avviata da Mittal – spiega Armando Palombo, coordinatore dell’rsu – e ribadiremo che su queste aree vige l’accordo di programma che garantisce reddito e lavoro per tutti. Non accetteremo neppure un lavoratore in più in cassa”.
Da definire invece i tempi dello sciopero: “Abbiamo deciso che scenderemo in piazza ma non quando anche perche oltre il cuore ci vuole la testa – aggiunge il segretario genovese della Fiom Bruno Manganaro -. Fra l’altro questo governo pasticcione potrebbe a breve non esserci più e per lottare serve anche una controparte. Quello che è certo è che a Genova quando si esce e si lotta, si va fino alla fine”.

No votes yet.
Please wait...
Annunci

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.