Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 19 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 07:06 ALLE 15:33 DI MERCOLEDì 13 NOVEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Corruzione, 17 misure cautelari
Eseguite dai Carabinieri. Anche illecita gestione Comune Venosa

POTENZA13 novembre 2019 07:06

– Diciassette misure cautelari, emesse nei confronti di ex amministratori e funzionari pubblici, sono in corso di esecuzione da parte dei Carabinieri nell’ambito di un’operazione coordinata dalla Procura della Repubblica di Potenza “su un consolidato sistema di corruzione” per “la gestione e la successiva autorizzazione di pratiche edilizie da parte dell’Ufficio difesa del suolo della Regione Basilicata” e per “l’illecita gestione politico-amministrativa del Comune di Venosa (Potenza)”. Coinvolto – secondo quanto si è appreso – anche l’ex sindaco del Comune oraziano.
I particolari dell’operazione saranno illustrati stamani, alle ore 11, in una conferenza stampa che si terrà negli uffici della Procura della Repubblica di Potenza.

Caos e disagi per neve sulle DolomitiStrade bloccate per alberi caduti, interrotta ferrovia Pusteria

BOLZANO13 novembre 201908:15

– Sulle Dolomiti si registrano forti problemi alla viabilità. In alcune zone dell’Alto Adige nel corso della notte sono caduti fino a 40 centimetri di neve.
Numerose strade sono bloccate per alberi caduti, così anche la linea ferroviaria della val Pusteria. Oltre 200 gli interventi dei vigili del fuoco per liberare le strade, mentre a Bolzano si registrano cantine allagate. I maggiori problemi si registrano in val d’Ega, val Gardena e val Pusteria. Nel pomeriggio è previsto un miglioramento della situazione.

Maltrattamenti a bimbi,arrestate maestreDocumentate da Cc violenze fisiche e psicologiche verso piccoli

CARIATI (COSENZA)13 novembre 201909:24

– Due insegnanti di scuola materna di un asilo privato di Cariati, in provincia di Cosenza, sono state arrestate e poste ai domiciliari dai carabinieri del Comando provinciale di Cosenza supportati da militari del Nas e del Nil con l’accusa di maltrattamenti.
Le indagini hanno documentato una serie di maltrattamenti di natura fisica e psicologica compiuti dalle due donne nei confronti dei bambini, tutti di età compresa tra i due e i cinque anni.

Venezia: acqua alta da record 2 vittimeDanni ingenti, Sindaco verso stato crisi e marea sale ancora

VENEZIA13 novembre 201909:28

– Acqua alta da record a Venezia, nella notte, con 187 cm sul medio mare che ha invaso città ed isole, la seconda per violenza dopo quella del 1966. Due persone sono morte a Pellestrina, una fulminata mentre azionava una pompa idraulica la seconda per un probabile malore. Il Sindaco Luigi Brugnaro è pronto per chiedere lo stato di crisi mentre i danni – chiede ai cittadini di quantificarli – sono ingenti. La furia del vento che ha superato i 100 km orari e la contemporanea marea hanno spinto addirittura vaporetti e imbarcazioni più leggeri sopra le rive invase dall’acqua. Gli approdi per il trasporto pubblico in gran parte sono inagibili.
Scuole chiuse mentre la marea torna a salire anche oggi: prevista in mattinata una massima di 160 cm. Ben 170 gli interventi dei vigili del fuoco nel capoluogo lagunare.

Operazione antidroga Gdf, 19 arrestiOtto percepivano il Reddito di cittadinanza

LAMEZIA TERME (CATANZARO)13 novembre 201909:52

– Operazione antidroga del Comando provinciale di Catanzaro della Guardia di finanza, in collaborazione con altri reparti calabresi delle fiamme gialle, a Lamezia Terme. Sono 19 le ordinanze di custodia cautelare, emesse, per le rispettive competenze, dai gip di Lamezia Terme e dei minorenni di Catanzaro, a carico di altrettante persone di etnia rom, tre delle quali minorenni.
Otto delle persone coinvolte nell’operazione, secondo quanto é emerso dalle indagini, percepivano il Reddito di cittadinanza.
I minorenni destinatari di provvedimenti restrittivi sono tre.
L’attività di spaccio di droga aveva luogo nel quartiere “Ciampa di cavallo” di Lamezia Terme. I reati contestati agli arrestati sono traffico e spaccio di sostanze stupefacenti.

Violenta tromba d’aria a P.Cesareo,danniBarche sollevate per centinaia metri. Sindaco,siamo in ginocchio

PORTO CESAREO (LECCE)13 novembre 201909:52

– Una violenta tromba d’aria si è abbattuta su Porto Cesareo, in Salento, provocando danni gravi al porto turistico di Ponente e crolli della parte alta di un pontile in muratura e di muretti di recinzione. Un pontile della darsena, lungo 60 metri, è stato sollevato e trascinato via dal vento e dal mare in burrasca e ha portato con sé tutte le barche ormeggiate. Attualmente vi sono centinaia di barche ammassate: alcune sul molo, otto sono finite nell’area giochi, a circa 300 metri di distanza. I danni più gravi li hanno subiti le barche dei pescatori, molte delle quali erano ormeggiate al pontile sradicato. La frazione di Torre Lapillo è isolata perché allagata. Qui vi sono stati numerosi cedimenti di strutture murarie ed è crollata la parte alta del pontile in muratura che collega Porto Cesareo all’hotel Lo Scoglio che si trova su un isolotto collegato da un pontile alla terraferma.
Per il sindaco, Salvatore Albano, la città “in ginocchio” e “la situazione è tragica”. I danni sono ingenti.

Sindaco S. Lorenzo, restate a casaAmpie zone della valle senza corrente elettrica

BOLZANO13 novembre 201909:55

– “Le strade di montagna non sono percorribili. Restate a casa, anche se manca la corrente elettrica. La sicurezza va prima di tutto”. Lo scrive su Facebook Martin Ausserdorfer, sindaco di San Lorenzo di Sebato in val Pusteria.
Secondo Ausserdorfer, ampie zone della valle attualmente sono senza corrente elettrica. “I tecnici dell’Edyna stanno lavorando già tutta la notte per ripristinare la connessione. Sono stati richiesti rinforzi, la situazione è molto pericolosa. Serve pazienza e sangue freddo”, scrive il sindaco.

Venezia: sott’acqua anche opera BanksyOpera rivendicata su Istagram da artista fantasma

VENEZIA13 novembre 201909:55

– L’acqua alta non risparmia neppure l’opera stencil da muro a spray che a maggio scorso Banksy aveva realizzato a Venezia, nei pressi di Campo Santa Margherita.
Stamane il disegno di street art, che raffigura un bambino nel vento impetuoso di uno sbarco con il giubbotto di salvataggio e con in mano un razzo fluorescente, è finito per buona parte sott’acqua. Il writer aveva rivendicato su Instagram la paternità dell’opera, facendo schizzare alle stelle in valore del’edificio, in parte fatiscente, su cui era stata apposta.

Petizione, monumento per vvf QuargnentoAppello vedova vigile fuoco, ricordatelo facendo del bene

ALESSANDRIA13 novembre 201910:05

– Un monumento per rendere omaggio ai tre vigili del fuoco morti nell’esplosione di una cascina a Quargnento, nell’Alessandrino. Lo chiede una petizione online, su change.org, che ha già raccolto qualche centinaia di firme. La richiesta è rivolta alla sindaca di Quargnento, Paola Porzio, che nei giorni scorsi ha annunciato l’intenzione dell’amministrazione di costituirsi parte civile nel processo per la tragedia.
“Non vogliamo, come Comune, che vengano a visitarci per la cascina maledetta, ma perché paese natale del pittore Carlo Carrà, per il quale organizzeremo una grande mostra nel 2021, e per molte altre iniziative – spiega la prima cittadina -. La tragedia purtroppo c’è stata, ma i proprietari della cascina e gli eventuali responsabili non c’entrano nulla col paese”.
Intanto su Fb la vedova di Antonino Candido, Elena Barreca, chiede di ricordare il marito aiutato le persone che hanno bisogno. “Ogni gesto buono – dice – farà felice mio marito i suoi fratelli”.

Scontri tra ultras in A14, 22 denunceDieci del Padova e 12 del Vicenza, il 22/9 nel Riminese

RIMINI13 novembre 201910:14

– Ventidue ultras, 10 del Padova e 12 del Vicenza denunciati e colpiti da Daspo del Questore di Rimini, per i disordini scoppiati il 22 settembre in un’area di servizio dell’A14, all’altezza di Riccione. I reati contestati sono rissa, possesso e utilizzo di oggetti atti ad offendere, travisamento, danneggiamento, lesioni personali, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate e finalizzate alla resistenza. Dei 22 Daspo, dieci prevedono la prescrizione della firma in occasione delle partite. L’indagine della Digos di Rimini, in collaborazione con quelle di Pesaro, Padova, Vicenza e Perugia, coordinata dal pm Paolo Gengarelli, ha ricostruito i fatti: intorno alle 13 nell’area di servizio Montefeltro Ovest si scontrarono le tifoserie del Vicenza e del Padova in transito per andare ad assistere gli incontri di calcio di serie C Vis Pesaro-Padova e Gubbio-L.R.Vicenza.

Maltempo: abbattuti ulivi secolariDanni gravi a produzione di ortaggi invernali, a canali e serre

BARI13 novembre 201910:30

– Trombe d’aria e bombe d’acqua hanno colpito duramente la Puglia, con un piogge incessanti e raffiche di vento che hanno provocato gravi danni alla produzione di ortaggi invernali, spazzato via le olive e abbattuto alberi, serre e tendoni. “Sono decine gli alberi, anche ulivi secolari strappati dal vento, sradicati o spaccati in due, strutture e muretti ridotti in pezzi, canali esondati e distrutti dalla violenza dell’acqua e del vento, serre e impianti fotovoltaici abbattuti, tendoni demoliti, ortaggi in asfissia”, spiega il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia. In provincia di Lecce danni alle piantine di ulivo resistenti alle xylella, appena piantumate.
“Il vento fortissimo – lamenta Gianni Cantele, presidente di Coldiretti Lecce – ha sferzato le piantine di FS17 appena impiantate ad Ugento. Ingenti i danni perché molti ulivi sono stati piegati dalla forza del vento, mentre altri risultano addirittura sradicati”.

Arrestati 13 ultras della Lazio per gli scontri durante la finale di Coppa ItaliaI fatti risalgono al 15 maggio scorso, in manette anche i responsabili del rogo dell’auto dei vigili

13 novembre 201911:02

La Digos di Roma sta eseguendo 13 ordinanze di misure cautelari nei confronti di appartenenti al gruppo degli ultras laziali “Irriducibili” per gli scontri avvenuti il 15 maggio scorso durante la finale di Coppa Italia.Tra questi ci sono anche i responsabili dell’incendio dell’auto della polizia di Roma Capitale.

Vigili Torino, Bezzon ritira dimissioniSoddisfatta Appendino, contenta abbia deciso di rimanere

TORINO13 novembre 201911:02

– Emiliano Bezzon resta al comando della polizia municipale di Torino. Il comandante ha chiesto alla sindaca Chiara Appendino di respingere le dimissioni, presentate la scorsa settimana in polemica per le multe ai monopattini. “Non me la sento di lasciare il comando”, ha annunciato Bezzon durante la cerimonia per il 228esimo anniversario di fondazione della polizia municipale subalpina.
“La Città ha bisogno di lei, il suo Corpo ha bisogno di lei – è stata la pronta replica della prima cittadina -. Sono contenta che abbia deciso di rimanere. Sarebbe stato ingiusto. Questa vicenda ci deve insegnare qualcosa: quando si sperimenta qualcosa di nuovo può capitare che ci siamo incomprensioni, bisogna creare coordinamento”.
Proprio oggi a Torino prende il via la sperimentazione di monopattini e segway.

Impiccò un cane, condannato a sei mesiPena patteggiata da un 70enne di Bojano

CAMPOBASSO13 novembre 201911:11

– Nel maggio 2017 uccise un cane impiccandolo. Il Tribunale penale di Campobasso, in composizione monocratica, ha condannato un 70enne di Bojano, con il rito del patteggiamento, a sei mesi e sei giorni di reclusione, pena sospesa, e al pagamento delle spese legali per il reato di uccisione di animali. La vicenda era stata denunciata da alcune associazioni, tra cui l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), le quali, mediante segnalazione di alcuni video, hanno permesso agli inquirenti di raccogliere elementi di prova e formulare l’imputazione a carico dell’uomo. Accertamenti condotti dal Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale dei Carabinieri di Campobasso, su delega della locale Procura, così puntuali e incontrovertibili da indurre l’imputato a presentare istanza di patteggiamento. Nel processo il Giudice ha ammesso la costituzione di parte civile delle associazioni, tra cui l’Oipa, rappresentata e difesa dagli avvocati del foro di Campobasso Massimo Romano e Luca Di Carlo.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Messina Denaro forse in stazione Trapani
Intercettazione nell’inchiesta su tre arresti per droga

PALERMO13 novembre 201911:19

– Il boss latitante Matteo Messina Denaro potrebbe essersi fatto accompagnare nella stazione di Trapani a bordo di una Mercedes da uno dei suoi favoreggiatori.
Il particolare emerge dall’inchiesta della Dda di Palermo che ha portato all’arresto di tre presunti narcotrafficanti. Gli investigatori hanno intercettato l’avvocato Antonio Messina, anziano massone radiato dall’albo per i suoi precedenti, mentre parlava con Giuseppe Fidanzati. Si tratta di uno dei figli del boss dell’Acquasanta, Gaetano Fidanzati, oggi deceduto. I due facevano riferimento ad un “ragazzo” di Castelvetrano, identificato in Francesco Guttadauro, nipote del cuore di Matteo Messina Denaro, che era stato arrestato. In particolare Fidanzati ricordava di un incontro avvenuto alla stazione di Trapani con “Iddu” (lui ndr) che si era fatto accompagnare a bordo di una Mercedes da un certo “Mimmu”. Non è chiaro se “Iddu” sia riferito a Guttadauro o, come invece sospettano gli investigatori, al superlatitante Messina Denaro.

Droga:arrestato con reddito cittadinanzaE’ uno dei tre in cella nell’inchiesta attorno a Messina Denaro

PALERMO13 novembre 201911:19

– Nicolò Mistretta, 64 anni, di Campobello di Mazara, arrestato nell’operazione Eden 3 e accusato di traffico di droga nell’ambito dell’inchiesta che ruota attorno al boss Matteo Messina Denaro, percepiva dallo scorso aprile il reddito di cittadinanza. Il sussidio era di 500 euro al mese. L’uomo non aveva un’occupazione ufficiale. Le vecchie sentenze di condanna del 1998 e del 2001 non precludono la concessione del reddito. Adesso i finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria stanno indagando anche su quest’aspetto e verificare se alla luce della sua condizione patrimoniale avrebbe potuto fare richiesta del sussidio.

Picchia la fidanzata incintaArrestato a Bologna dalla Polizia, avvisata da una passante

BOLOGNA13 novembre 201911:29

Ha colpito con calci e pugni, anche sulla pancia, la fidanzata al terzo mese di gravidanza. Per l’aggressione, avvenuta ieri sera in via Quadri a Bologna, la Polizia ha arrestato un ventenne nato in Tunisia, irregolare, accusato di maltrattamenti in famiglia. La ragazza, una 22enne di origine marocchina residente a Bologna, è stata portata all’ospedale Sant’Orsola. A dare l’allarme al 118, che ha poi avvisato la Polizia, è stata una passante che ha visto la giovane a terra, in lacrime e ferita.
Dai primi accertamenti, le percosse non avrebbero causato danni al feto, a differenza di quanto era successo un paio di anni fa.
All’inizio della relazione, secondo il racconto della vittima ai poliziotti, la ragazza era stata costretta ad abortire per le botte ricevute dal compagno.

Venezia: Alajmo ‘Caffè Quadri devastato”Siamo senza corrente, con eventi così capisci impotenza uomo”

VENEZIA13 novembre 201911:29

– Il Gran Caffè Quadri, l’anima veneziana della tristellata famiglia Alajmo delle Calandre di Rubano, è stamane un guscio vuoto affacciato sul silenzio surreale di Piazza San Marco. L’ondata di marea ha invaso le cucine del retro, nonostante la vasca che avrebbe dovuto proteggere dall’acqua, con danni ingentissimi, mentre i locali di piano terra del ristorante firmato da Philippe Starck, affacciati sulla Piazza, sono stati sommersi da 102 centimetri d’acqua. Lo racconta Raffaele Alajmo, spiegando che la traccia dei 187 centimetri che hanno affondato Venezia ieri notte è ancora presente sugli arredi in ottone e sugli stucchi recentemente restaurati e ora danneggiati. “Quando arrivano 50-60 centimetri possiamo farcela – spiega Alajmo – ma con una marea così, con un’onda che sbatteva impazzita contro le nostre vetrine, non c’è stato nulla da fare. Le cucine sono fuori uso, siamo al momento senza corrente”.

Cuoco trovato morto, è omicidioAutopsia conferma delitto avvenuto per asfissia

RAGUSA13 novembre 201911:48

– I carabinieri di Modica, dopo l’autopsia eseguita ieri sul cadavere del cuoco Giuseppe Lucifora, di 58 anni, ritrovato morto nella sua abitazione di Modica, hanno confermato che si tratta di un omicidio. “Il decesso è avvenuto per asfissia indotta da azione violenta altrui”, scrivono i militari. A questo punto la pista privilegiata è quella degli ambienti vicini al cuoco, personaggio noto in città, molto eclettico e istrionico. Non è esclusa la pista del delitto a sfondo sessuale.

Truffe assicurative, arrestato un medicoIndagine Gdf su ospedale Reggio Calabria,c’è anche un paramedico

REGGIO CALABRIA13 novembre 201912:07

– Avrebbero orchestrato delle truffe assicurative incassando rimborsi. Quattro persone, tra cui un medico e un paramedico dell’ospedale di Reggio Calabria, sono stati arrestati e posti ai domiciliari dalla Guardia di finanza. Gli arrestati, B.V., di 54 anni, C.F. (49), F.B. (53) e G.N. (60), sono accusati di falsità in atti pubblici, accesso abusivo a sistemi informatici, violenza privata, danneggiamento fraudolento di beni assicurati e mutilazione fraudolenta della propria persona.

Molesta turista a Milano, arrestatoRagazza reagisce e l’uomo con un pugno le rompe il sotto nasale

MILANO13 novembre 201912:10

– Un 37enne, inserviente di un McDonald’s di Milano, è stato arrestato dalla polizia per violenza sessuale nei confronti di una turista russa di 26 anni, secondo l’accusa molestata la notte tra il 3 e il 4 novembre scorsi all’interno del fast food in via Paolo Sarpi dopo essere entrata per chiedere aiuto per la connessione wi-fi. La ragazza era in visita in città, aveva preso alloggio in un appartamento in zona e aveva bisogno di Internet per mettersi in contatto col proprietario. Così, attorno alle 2 è passata davanti al McDonald’s dove ha incrociato l’inserviente, un egiziano, al quale ha chiesto a gesti di poter usare la rete. L’uomo l’ha fatta entrare dal retro e le ha offerto cibo, subito dopo ha tentato un approccio sessuale. La giovane ha reagito e nella colluttazione è stata colpita con un pugno al volto che le ha rotto il setto nasale.

Ai domiciliari l’ex sindaco di VenosaStessa misura cautelare anche per due ex assessori

POTENZA13 novembre 201912:11

– L’ex sindaco e due ex assessori del Comune di Venosa (Potenza) – Tommaso Gammone (Pd), Rosa Centrone e Francesco Rosati, che hanno amministrato fino al maggio scorso – sono stati posti agli arresti domiciliari stamani dai Carabinieri, misura che ha interessato altre quattro persone (il gip di Potenza ha deciso il divieto di dimora per altre otto persone), dopo la scoperta di un “consolidato sistema di corruzione”. I particolari dell’operazione sono stati illustrati in una conferenza stampa negli uffici della Procura della Repubblica del capoluogo lucano.

Omicidio-suicidio,grave pure altra donnaAutore delitto 69enne, che si è tolto la vita.Ferita vicina casa

CERIGNOLA (FOGGIA)13 novembre 201912:36

– Omicidio-suicidio poco fa nelle campagne di Cerignola, nel Foggiano, in località Posta Aucello. Un uomo di 69 anni avrebbe ucciso una donna rumena e poi si sarebbe tolto la vita con una pistola. Un’altra donna, pare vicina dei casa dei due, sarebbe rimasta ferita: è stata portata d’urgenza all’ospedale Tatarella di Cerignola. Le sue condizioni sarebbero critiche. Sul posto i carabinieri.

Troupe aggredita da Spada,Pg, modi mafiaConfermare condanna a sei anni

13 novembre 201912:46

– E’ da confermare la condanna a sei anni di reclusione per Roberto Spada, accusato di lesioni aggravate dal metodo mafioso, per aver aggredito, nel 2017, una troupe della trasmissione Nemo ad Ostia (il giornalista Daniele Piervincenzi venne colpito con una testata). Lo ha chiesto il Pg della Cassazione Pasquale Fimiani rilevando che si è trattato di metodo mafioso con gli “indicatori” della intimidazione, tanto che nessuno dei presenti è intervenuto in soccorso delle vittime.

Prof trans licenziata, farò causa scuolaSu Change.org petizione raggiunge 13 mila firme. “Aiutatemi”

13 novembre 201913:02

– “Insegnare è stata la mia più grande passione sin da quando ero piccola: questo sogno è stato spezzato qualche settimana fa, quando sono stata licenziata per discriminazione dalla scuola Kennedy di Roma”, dice Giovanna Vivinetto, insegnante transessuale licenziata lo scorso 14 ottobre dall’Istituto Kennedy di Roma dopo soli 9 giorni di lezioni in un video pubblicato su Facebook da Change.org.
“Ma io – annuncia – non intendo rinunciare al mio sogno: qualche giorno fa ho mandato alla scuola Kennedy una raccomandata in cui contesto le ragioni del mio licenziamento, che ritengo assolutamente improprio ed illegale. E’ il primo passo per fare causa alla scuola” e aggiunge “lotto per tutti coloro che non hanno la forza e il coraggio per esporsi. La transessualità è ancora oggi un tabù, ma insieme possiamo dimostrare che un docente transessuale può, anzi deve essere la normalità. Mi auguro che possiate unirvi a me”. Fino ad ora la sua petizione su Change.org ha superato le 13mila firme.

Allerta per vento su montagna emilianaSui settori appenninici, in arrivo anche altre piogge intense

BOLOGNA13 novembre 201913:03

– Allerta arancione per vento sulle montagne dell’Emilia, attivata da protezione civile e Arpae regionale, dalle 12 del 13 novembre alla mezzanotte del 15.
Nella giornata di domani, 14 novembre, si prevede un intenso flusso di correnti sud occidentali sulla regione, con precipitazioni intense ad iniziare dalla tarda serata sulla fascia appenninica del settore centro-occidentale. Le precipitazioni sono previste persistenti e assumeranno carattere di rovescio o temporale. Dalla tarda sera si intensificherà anche il vento da sud-ovest sui settori appenninici con intensità intorno ai 62-74 km/h e temporaneamente superiore sui crinali centro-occidentali.

Maltempo: Matera tornata alla normalitàGravi problemi all’agricoltura del Metapontino

MATERA13 novembre 201913:14

– Dopo il nubifragio di ieri mattina, con i rioni Sassi trasformati in un fiume in piena, oggi la città di Matera (Capitale europea della Cultura 2019) è tornata alla normalità. I tecnici comunali sono al lavoro per quantificare i danni, che riguardano in particolare la pavimentazione in basolato di via Bruno Buozzi, chiusa solo alle automobili ma non ai pedoni. In Basilicata si contano i danni anche nel Metapontino, dove una tromba d’aria, ieri, ha creato gravi problemi all’agricoltura soprattutto a Policoro (Matera).

Condannata per omicidio è semiliberaCatia Caliti, era in carcere dal 2010, accolta istanza difesa

BOLOGNA13 novembre 201913:31

– Il tribunale di Sorveglianza di Bologna ha concesso la semilibertà a Catia Caliti, condannata in via definitiva a 16 anni per l’omicidio del padre. La donna, 57 anni, era in carcere dal 22 febbraio 2010, quando fu arrestata per aver ucciso il genitore 88enne, a Carpi, in provincia di Modena. Dal 2014 era stata trasferita a Bologna. I giudici hanno accolto l’istanza del difensore, l’avvocato Savino Lupo. Caliti era già stata ammessa al lavoro esterno. Nel 2010 fu bloccata una decina di giorni dopo l’omicidio, incastrata dalle macchie di sangue del padre Guido, trovate su una sua giacca. Secondo gli inquirenti, la donna colpì ripetutamente alla testa il pensionato con un oggetto, che però non è mai stato ritrovato. Il movente individuato fu economico, legato al denaro che la donna aveva sottratto dal conto in banca del padre, approfittando della delega che le era stata data dal genitore.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ergastolano Milano, gip, pianificò tutto
Giudice, ‘con freddezza si cimenta nei crimini e li ostenta’

MILANO13 novembre 201913:40

– Ha approfittato con “freddezza” del permesso premio che gli è stato concesso, ha “ordito l’aggressione”, mascherandosi da operatore del San Raffaele e sapendo che al piano ‘meno 1′ non c’erano telecamere e alla fine, se non fosse stato bloccato dalla polizia, non sarebbe tornato in carcere. E’ questo Antonio Cianci, l’ergastolano 60enne che sabato ha tentato di uccidere un anziano, come scrive il gip Ilaria De Magistris: ha “bisogno” di “cimentarsi” nei crimini e di mostrare, “ostentare” la sua “dominanza criminale”.

Pedofilia, Alta Corte australiana ammette appello del cardinale PellSanta Sede: fiducia nei giudici e vicinanza alle vittime degli abusi

13 novembre 201913:55

Si riapre la battaglia legale sui presunti abusi sessuali su minori contestati al cardinale australiano George Pell, condannato nel suo Paese a sei anni di carcere per pedofilia, con un minimo di tre anni e otto mesi da scontare in carcere, dove attualmente si trova. L’Alta Corte di Australia ha infatti ammesso l’appello del porporato, oggi 78enne, che risponde di abusi sessuali ai danni di due coristi-chierichetti nella cattedrale di Melbourne nel 1996, ma che si è sempre dichiarato innocente. Dopo il ricorso presentato dai legali di Pell, in seguito alla conferma della condanna, lo scorso agosto, da parte della Corte d’Appello di tre giudici dello Stato di Victoria con un voto di due a uno, l’Alta Corte, massima giurisdizione in Australia, ha annunciato di aver deciso di ammettere un ultimo appello, in seduta plenaria di sette giudici.La Santa Sede conferma “la propria fiducia nella giustizia australiana”, ricorda che “il cardinale ha sempre affermato la propria innocenza” e ribadisce “la propria vicinanza a quanti hanno sofferto a causa degli abusi da parte dei membri del clero”.

Rogo libreria, la solidarietà di BolognaLunedì 18 iniziative, letture e dibattiti per ‘Pecora elettrica’

BOLOGNA13 novembre 201914:10

– Undici librerie di Bologna e provincia organizzano ‘Bologna elettrica’ una giornata, per lunedì 18 novembre, di solidarietà e riflessione dopo il rogo della libreria ‘Pecora elettrica’ di Roma, con incontri, dibattiti e letture.
“Mettiamoci insieme – dicono i promotori – senza smettere mai di credere che la cultura sia la soluzione, che le librerie sono e devono essere presidio di questa battaglia. Che le piazze, le città, i paesi, le vie abitate dalle librerie sono luoghi dove nessuno è mai solo e dove tutti sono accolti. Contro i nuovi fascisti, i vecchi razzisti, i perenni criminali vogliamo promuovere una giornata di solidarietà agli amici e lavoratori della libreria La Pecora Elettrica”.
Partecipano le librerie Trame, Ubik Irnerio, La Confraternita dell’Uva (Bologna), Carta Bianca e Arcobaleno, (Bazzano), Biblion (Granarolo dell’Emilia), Lèggere Leggére (Castelmaggiore) Il Mosaico (Imola), SQuiLibrai (San Lazzaro di Savena), Kodama (Budrio) e La Casina delle Storie (Castiglione dei Pepoli).

La neve coglie di sorpresa anche i lamaPieno inverno al maso Kaser a Soprabolzano

OLZANO13 novembre 201914:31

– Originari del Sud America, i lama allevati in provincia di Bolzano non sono nuovi alle temperature invernali. Ma la neve delle ultime ore ha sorpreso anche le decine di esemplari allevati a poca distanza dal capoluogo altoatesino. Pieno inverno al maso Kaser a Soprabolzano, dove Walter Mair gestisce un allevamento con circa 200 lama e alpaca.

Conte, a Venezia situazione drammaticaPremier a Camerino, non mi tratterrò sto andando a Venezia

CAMERINO (MACERATA)13 novembre 201914:48

– “Non mi tratterrò, sto viaggiano per Venezia dove c’è una situazione drammatica, una situazione maltempo che ci preoccupa e fa soffrire le comunità”.
Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte intervenendo all’apertura del 684/o anno accademico dell’Università di Camerino.

Unicam dedica inaugurazione a SegreRettore, ammirazione, vicinanza, solidarietà. Conte a cerimonia

ANCONA13 novembre 201914:29

– L’Università di Camerino dedica l’inaugurazione del suo 684/o anno accademico alla senatrice a vita Liliana Segre, “esprimendole la propria ammirazione, vicinanza e solidarietà”. Lo ha detto il rettore Claudio Pettinari, nel suo intervento alla cerimonia a cui partecipa anche il premier Giuseppe Conte. L’annuncio di Pettinari è stato accolto da un lunghissimo applauso. “Rifiutiamo la violenza di ogni genere – ha aggiunto il rettore – e le chiediamo 75.190 volte scusa per quello che ha dovuto subire, e che purtroppo continua a subire”. Nel suo intervento Pettinari ha definito “un’opportunità” quella di avere tra i senatori a vita “una straordinaria immensa donna, sopravvissuta testimone di uno tra i più efferati crimini commessi dall’umanità contro l’umanità”.

Mibact, situazione Venezia “complessa e preoccupante”Segretario generale Nastasi, allerta anche a Matera

13 novembre 201913:18

– “Impossibile al momento quantificare i danni al patrimonio artistico di Venezia e in particolare a San Marco, ma la situazione è estremamente complessa e preoccupante”. Lo conferma il segretario generale Mibact Salvo Nastasi che ricorda di aver attivato l’unità di crisi. “Il Ministro Franceschini segue da ieri la situazione passo passo, i soprintendenti sono al lavoro e hanno messo a disposizione tutti i loro restauratori. In attesa delle valutazione stiamo verificando ogni capitolo di spesa del Mibact per fare il punto sui fondi da destinare al patrimonio artistico veneziano”. Nastasi parla da Matera dove oggi si sta inaugurando la nuova stazione ferroviaria progettata da Stefano Boeri.
“Anche qui – spiega- c’è una situazione di allarme che tocca i beni culturali , in particolare i templi ipogei. E anche qui i nostri soprintendenti e tutti i tecnici sono al lavoro per verificare e poi eventualmente quantificare i danni”. Quanto a Venezia, precisa, la situazione è preoccupante, “non solo per il livello raggiunto dall’acqua alta, che al momento è di soli 7 centimetri inferiore a quello raggiunto nell’alluvione del 1966, ma per la quantità di ore in cui i beni artistici, dai preziosissimi pavimenti in marmo della Basilica di San Marco ai rivestimenti lignei, sono rimasti sommersi”. A differenza dell’ultimo allarme di un anno fa, precisa, “L’acqua ha invaso tutta la Basilica e non solo la prima parte”.
Per di più, sottolinea il segretario generale del Mibact, “il maltempo purtroppo è ancora in corso. A Venezia, perché si possa fare una quantificazione reale dei danni al patrimonio bisogna aspettare che l’acqua scenda”.
L’attenzione, intanto, è alta per tutto il territorio italiano: “Ho chiesto ai nostri soprintendenti di tutto il territorio italiano di farci un quadro delle loro situazioni.- conclude Nastasi – Al momento comunque non sono state segnalati altri siti in allarme”.

Venezia:Costa,su clima scelte coraggioseMinistro dell’Ambiente esprime ‘dolore e solidarietà’

13 novembre 201913:17

– Occorrono “scelte di politica economica coraggiosa che questo Governo sta già mettendo in campo con il decreto clima”. Così il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, in merito all’emergenza acqua alta a Venezia esprimendo “dolore per la morte di due persone a Pellestrina” vicinanza al sindaco Brugnaro e al Comune di Venezia, “solidarietà ai veneziani che stanno subendo danni ingenti e forti disagi, e la mia preoccupazione per lo straordinario patrimonio culturale della città”.
Quando si capirà che l’unica grande sfida che tutti insieme dobbiamo affrontare è quella contro i cambiamenti climatici? Quando si riuscirà a fare fronte comune per combattere l’unica grande emergenza che mette in pericolo le nostre vite e quelle delle generazioni future?”, chiede il ministro Costa. E aggiunge: “Dopo Matera, patrimonio mondiale dell’Unesco sommersa dall’acqua, un altro sito Unesco, Venezia e la sua laguna, ne è devastata. Già nel prossimo Cdm valuteremo gli interventi necessari e urgenti.

Venezia:Di Maio, al lavoro per moratoriaVeneti saranno supportati con ogni mezzo

13 novembre 201913:11

– “Venezia è sommersa come mai prima d’ora. Qui è a rischio la vita delle persone – e due purtroppo sono già morte – sono a rischio beni culturali dal valore inestimabile. Gli imprenditori e le associazioni che fanno grande questa regione ci chiedono che si blocchino mutui e contributi. A questa richiesta dobbiamo rispondere subito. Ci metteremo al lavoro immediatamente per una moratoria verso imprese, artigiani, commercianti, famiglie. Venezia e i veneti vanno supportati con ogni mezzo”. Così Luigi Di Maio su facebook.

Mattarella sente sindaci Venezia-MateraCapo Dello Stato chiede informazioni su condizioni delle città

13 novembre 201912:49

– Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha telefonato al sindaco di Venezia Luigi Brugnaro per informarsi delle condizioni della città. Il Capo dello Stato ha chiamato anche il sindaco di Matera Raffaello De Ruggieri per capire la situazione della città.

Pg, condannare a oltre 6 anni ScaroniAnche Eni, confermare il resto delle pene

MILANO13 novembre 201912:11

– Il sostituto Pg di Milano Massimo Gaballo ha chiesto una condanna in appello a 6 anni e 4 mesi per Paolo Scaroni, ex ad di Eni e ora presidente del Milan, che era stato assolto in primo grado nel processo con al centro il caso Saipem-Algeria per presunta corruzione internazionale. Chiesta anche la condanna di Eni (assolta in primo grado) come persona giuridica ad una sanzione pecuniaria di 900mila euro e alla confisca del prezzo del reato, circa 197 milioni di dollari. Per il pg vanno confermate le 7 condanne del primo grado.

Primi indizi ossigeno in atmosfera Marte’Annusato’ dal laboratorio Nasa Curiosity sopra il cratere Gale

13 novembre 201912:01

– La Nasa ha individuato per la prima volta indizi della presenza di ossigeno su Marte nella sua tenue atmosfera. La scoperta è stata fatta al di sopra del cratere Gale dal laboratorio marziano Curiosity, attivo dall’agosto 2012. Gli strumenti di Curiosity hanno misurato negli ultimi tre anni marziani, pari a circa sei anni terrestri, i cambiamenti stagionali dei gas nel cielo sopra il cratere Gale. E hanno, così, ‘annusato’, a sorpresa, variazioni stagionali di molecole di ossigeno, considerato sulla Terra sinonimo di vita.

Conte a Venezia nel primo pomeriggioPremier andrà a vedere situazione emergenza

13 novembre 201912:01

– Il presidente del Consiglio si recherà a Venezia, che è in emergenza per l’acqua alta, nel primo pomeriggio, dopo aver inaugurato l’anno accademico a Camerino. Lo si apprende da fonti di Palazzo Chigi.

Venezia: Salvini, 1 miliardo a emergenzaUsare 1 dei 3 mld che governo vuole regalare a utenti bancomat

13 novembre 201910:49

– “Un patrimonio dell’umanità che il governo non può ignorare: per i danni provocati dal maltempo a Venezia si utilizzi subito uno dei tre miliardi che il governo vorrebbe regalare a chi paga con bancomat o carta di credito” Così il segretario della Lega Matteo Salvini annuncia un altro emendamento alla manovra insieme alla proposta di stanziare 100 milioni per la manutenzione del Mose.

Venezia: emergenza in cdmSottosegretari, la situazione più grave dal ’66

13 novembre 201910:39

– “La situazione di emergenza che si è creata a Venezia in queste ore, la più grave dal 1966, è seguita direttamente dal Governo, che la affronterà nel prossimo Cdm, per valutare gli interventi necessari e urgenti che tutelino la città, la sua laguna e le Comunità che vi vivono”. Così i sottosegretari veneziani, Pier Paolo Baretta e Andrea Martella, che stanno seguendo per il Governo l’evolversi della situazione emergenziale nella laguna veneta.

Uil, senza contratto sciopero della p.a.Barbagallo, su rinnovo siamo già in ritardo

13 novembre 201915:02

– “Senza risposte incroceremo le braccia”. Così il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, parlando di pubblico impiego, nel corso dell’attivo dei quadri e delegati del sindacato. Sul rinnovo del contratto, spiega, “siamo già in ritardo”. Per Barbagallo “non può passare un altro anno inutilmente”. Soprattutto, dice, “servono risorse adeguate”. La Uil, sottolinea il segretario confederale Antonio Foccillo, “è pronta anche allo sciopero generale del settore pubblico se non si ridà dignità al personale”.

No votes yet.
Please wait...
Annunci

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.