Mondo tutte le notizie. Tutte, sempre complete ed aggiornate. INFORMATI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 10 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 07:01 ALLE 15:51 DI MERCOLEDì 15 GENNAIO 2020

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Sparatoria in un liceo in Texas, ucciso uno studente
L’omicida è un compagno di scuola, arrestato dalla polizia

15 gennaio 2020 07:01

Sparatoria in un liceo a Bellaire, in Texas. Uno studente ha aperto il fuoco e ha colpito al petto un compagno di 18 anni uccidendolo.Il killer si è dato alla fuga ed è stato trovato e arrestato alcune ore dopo. Era nascosto dietro un cassonetto.

Iran: Rohani, serve unità nazionale’Il popolo vuole che le autorità lo trattino con onestà’

ISTANBUL15 gennaio 202010:01

– Di fronte alla tragedia del Boeing ucraino abbattuto e alle tensioni con gli Usa, l’Iran ha bisogno di “unità nazionale”. Lo ha detto il suo presidente Hassan Rohani. “Il popolo vuole essere sicuro che le autorità lo trattino con onestà, integrità e fiducia”, ha aggiunto il capo del governo di Teheran, dopo le proteste degli ultimi giorni.

Libano: scontri nella notte a BeirutProteste contro il sistema bancario e politico libanese

15 gennaio 202010:03

– BEIRUT

– Manifestanti e poliziotti sono rimasti feriti nella notte a Beirut durante violenti scontri registratesi nella centrale via Hamra, vicino alla sede della Banca centrale. Lo riferiscono fonti locali al termine di una notte di violente proteste da parte di centinaia di giovani manifestanti e attivisti contro il sistema bancario e politico libanese.

Libia: Ue, ingerenze di Russia e TurchiaBorrell sottolinea rischio che Paese diventi come in Siria

STRASBURGO15 gennaio 202010:05

– Il responsabile della diplomazia europea Josep Borrell ha denunciato ieri sera alla Plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo “l’impegno militare” della Russia e della Turchia nella crisi libica, tracciando un parallelismo con la situazione in Siria. “Le cose ci sfuggono in Libia”, ha deplorato l’Alto rappresentante Ue nel corso del dibattito all’Eurocamera. “Noi ripetiamo che non c’è soluzione militare al conflitto, ma questo slogan – ha martellato – l’abbiamo già usato per la guerra siriana e alla fine in Siria quello che vediamo è una soluzione militare, la stessa situazione rischia di riprodursi in Libia”, ha avvertito Borrell. “La Turchia e la la Russia hanno cambiato l’equilibrio nell’area orientale del Mediterraneo”, ha insistito aggiungendo che l’Ue “non può accettare che la stessa situazione si riproduca in Libia”, accusando Mosca e Ankara di essersi “impegnate militarmente” in Libia “con flussi di armi e mercenari”.

Presidente Guatemala, lotta a corruzioneDiscorso del nuovo capo dello Stato Giammattei

CITTA’ DEL GUATEMALA15 gennaio 202013:18

Alejandro Giammattei, insediatosi ieri quale 51/o presidente del Guatemala, ha promesso nel suo primo discorso ufficiale una lotta inflessibile contro la corruzione e le temibili bande giovanili, conosciute in CentroAmerica e Messico come ‘maras’. In una cerimonia in Parlamento, Giammattei ha pronunciato un discorso di 30 minuti in cui ha assicurato che le sue priorità saranno il contrasto della corruzione e dell’attività delinquenziale delle ‘maras’, da una parte e il rilancio dell’economia e dell’occupazione dall’altra. “La lotta alla corruzione – ha assicurato – sarà totale. Ci sarà una Commissione presidenziale di sorveglianza, e si metterà fine a sprechi, prezzi gonfiati, opere inesistenti, al contrabbando, al degrado delle Dogane, e alle pratiche sporche e rivoltanti esistenti”. Passando al problema delle bande giovanili, Giammattei ha annunciato la immediata presentazione in Parlamento di una iniziativa legislativa per dichiarare le ‘maras’ come gruppi terroristici.

Iran: Zarif,da Europa errore su nucleareDopo contestazioni E3 a Teheran per violazioni dell’intesa

TEHERAN15 gennaio 202010:18

– “La decisione europea di avviare il meccanismo di risoluzione delle dispute dell’accordo nucleare del 2015 con l’Iran è un errore strategico in termini politici”.
Lo ha detto il ministro degli Esteri di Teheran Mohammad Javad Zarif, incontrando a Nuova Delhi il ministro di Stato tedesco Niels Annen a margine della Conferenza di dialogo di Raisina.
Zarif ha definito “infondata” l’iniziativa dei partner europei dell’intesa – Francia, Germania e Gran Bretagna – e criticato a sua volta un mancato rispetto dei loro impegni del patto. Dal canto suo, Annen ha ribadito che “la Germania attribuisce importanza alle relazioni con l’Iran e la sua posizione è di sostegno all’accordo sul nucleare”.

Iran:Rohani,esercito si scusi con popoloDopo le proteste per le ‘bugie’ sul Boeing abbattuto

TEHERAN15 gennaio 202010:22

– “Le forze armate dovrebbero scusarsi con il popolo e rivelare tutto quello che è accaduto con l’aereo ucraino” abbattuto. Lo ha detto il presidente iraniano Hassan Rohani in una riunione di gabinetto, dopo le proteste per le “bugie” delle autorità sulla vicenda.

Trump,Apple sblocchi iPhone di criminaliIl presidente Usa, l’azienda aiuti il nostro grande Paese

15 gennaio 202010:26

– Donald Trump si scaglia contro Apple, rea di non consentire l’accesso agli iPhone coinvolti in indagini criminali. “Aiutiamo Apple costantemente sul commercio e su molte altre questioni, eppure loro si rifiutano di sbloccare i telefoni utilizzati da assassini, spacciatori e altri violenti criminali”, scrive il presidente Usa in un tweet pubblicato stanotte. “Dovranno fare un passo avanti e aiutare il nostro grande Paese, ORA!”.
L’ultimo caso che riporta Apple nel mirino del governo statunitense è l’attacco terroristico del 6 dicembre scorso alla base militare di Pensacola, in Florida. Apple, come già fatto nei casi precedenti, ha spiegato nei giorni scorsi che sta aiutando l’Fbi fornendo l’accesso all’account Apple del killer, ma ha ribadito che non esiste una porta secondaria per accedere agli iPhone. Una scelta, questa, che l’azienda guidata da Tim Cook ha più volte difeso nel corso degli anni, motivandola con la necessità di proteggere la privacy degli utenti da potenziali attacchi di hacker.

Iraq: Di Stefano, missione Nato? Cautela’L’Afghanistan è stato un fallimento’

15 gennaio 202010:29

– “Il futuro dell’Iraq lo sceglierà il suo parlamento e oggi non credo possa essere una missione Nato.
Non è certo il momento di avventurismi che solo richiamando la parola Afghanistan ci parlano di un noto fallimento. Ci vuole cautela”. Lo scrive il sottosegretario agli Affari Esteri Manlio Di Stefano su Twitter commentando le parole del ministro della Difesa Lorenzo Guerini che oggi ha detto di ritenere che la Nato “possa rappresentare la futura dimensione dell’intervento internazionale in Iraq, replicando il modello attuato in Afghanistan”.

Israele:via a esportazione gas in EgittoDal giacimento di Leviathan

15 gennaio 202010:58

– TEL AVIV

– Israele ha cominciato a pompare gas naturale dai suoi giacimenti in mare verso l’Egitto dando così applicazione allo storico accordo di cooperazione tra i due paesi firmato nei mesi scorsi. Lo annuncia un raro comunicato congiunto dei ministeri dell’energia egiziano e israeliano che hanno definito l’evento “un importante sviluppo utile agli interessi di entrambi i paesi”.
Il gas – ed è la prima volta che Israele diventa fornitore di energia – arriva dal grande giacimento Leviathan che si trova a largo delle coste israeliane accanto all’altro deposito di Tamar. Lo scorso mese il ministro dell’energia Yuval Steinitz ha firmato i permessi definendo l’intera operazione “una storica pietra miliare per lo Stato di Israele”.

Migranti: da Honduras carovana verso Usa20.000 hanno tentato di lasciare Paese negli ultimi 15 mesi

TEGUCIGALPA15 gennaio 202011:08

– Oltre un migliaio di persone si sono concentrate a San Padro Sula, in Honduras, con il proposito di mettersi in cammino in una carovana di migranti diretta verso gli Usa, attraverso Guatemala e Messico. Lo riferisce il quotidiano El Heraldo di Tegucigalpa che pubblica una serie di foto scattate ieri sera alla stazione degli autobus ‘Gran Central Metropolitana’ della città guatemalteca, che mostrano uomini, donne e bambini che aspettano di mettersi in cammino oggi con pacchi e zaini contenenti generi di prima necessità. Uno degli organizzatori della carovana, l’ex deputato di opposizione e difensore dei diritti umani Bartolo Fuentes, ha dichiarato alla stampa che la partenza verso la frontiera guatemalteca avverrà dopo l’arrivo di altri migranti da Città del Guatemala. Da parte sua La Prensa ricorda che oltre 20.000 hanno tentato di abbandonare il Paese negli ultimi 15 mesi, aggiungendo che la maggioranza di essi sono stati riportati a forza indietro o sono ritornati volontariamente. VAI ALLO SPORT VAI AL CALCIO

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Putin,modifiche ma no nuova costituzione
Tra novità anche limiti due mandati alla presidenza

MOSCA15 gennaio 202011:46

– La Russia “non ha bisogno” di una nuova costituzione, poiché il suo potenziale “è ancora attuale”, ma è possibile procedere ad alcune modifiche per “bilanciare” meglio i poteri dello Stato. Lo ha detto Vladimir Putin alle camere riunite. Tra le modifiche suggerite, il vincolo per il presidente “a non più di due mandati”, il divieto per gli alti funzionari ad avere “altri passaporti” oltre a quello russo, e il potere al Parlamento di nominare il premier e i ministri. Il tutto dovrà essere poi sottoposto a referendum.

Libia:Di Maio,Berlino anche grazie a noiIncessante lavoro dell’Italia, nessuna scorciatoia militare

15 gennaio 202012:10

– “Auspichiamo che la tregua possa reggere sul terreno. Il fatto che Haftar non abbia ancora firmato fa capire quanto la situazione è complessa”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in un’informativa al Senato. “Nessun Paese da solo può pensare di risolvere la crisi, l’intera comunità internazionale. Se siamo riusciti a stabilire la data di domenica per la conferenza politica è anche grazie all’incessante lavoro dell’Italia”, ha aggiunto ricordando i ringraziamenti della Germania per questo. Una missione europea in Libia “sarebbe un passo importante per fermare le interferenze esterne” anche perché “gli europei sono quelli che più hanno da perdere da una Libia instabile”, ha poi aggiunto il ministro ribadendo che “nel Mediterraneo non esistono scorciatoie militari che non producono soluzioni sostenibili”.
“Gli europei sono quelli che più hanno da perdere da una Libia instabile, tocca noi europei evitare che la Libia rimanga ostaggio”, ha poi ribadito.

Iran rinviata verità su aereo abbattutoPasdaran, ‘sapevamo tutto dall’inizio ma abbiamo atteso’

TEHERAN15 gennaio 202012:16

– “Abbiamo saputo dell’abbattimento accidentale dell’aereo ucraino sin dalle prime ore, ma abbiamo ritardato l’annuncio dell’errore umano come causa per non mettere in pericolo la sicurezza nazionale”. Lo ha detto il comandante delle forze aerospaziali dei Pasdaran, Amir Ali Hajizadeh, incontrando la famiglia di una delle 176 vittime.

Austria:montagna,quasi 1 morto al giorno7.700 i feriti, cresce numero interventi per illesi

BOLZANO15 gennaio 202012:56

– Sono 304 le vittime di incidenti in montagna nel 2019 in Austria. 85 morti sono stati cittadini tedeschi. Il maggior numero degli incidenti si è registrato durante escursioni.
Secondo i dati del Curatorio per la sicurezza alpina, 26 persone sono morte durante una gita di scialpinismo e 22 sotto valanghe. Ben 27 sono invece le vittime durante lavori forestali. Ammonta a 7.700 il numero dei feriti soccorsi in montagna, che corrisponde ad un lieve aumento rispetto all’anno precedente. Crescono anche gli interventi per recuperare illesi che spesso sopravalutano la loro preparazione fisica e tecnica e non possono più tornare a valle da soli. Si tratta di un terzo di tutte le chiamate d’emergenza.

Turchia: Wikipedia torna accessibilePer Corte costituzionale censura violava libertà d’espressione

ISTANBUL15 gennaio 202012:59

– Dopo quasi tre anni, Wikipedia torna a essere accessibile in Turchia. La rimozione della censura all’enciclopedia online è prevista in queste ore, dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale delle motivazioni della sentenza della Corte costituzionale che a fine dicembre aveva giudicato a maggioranza il bando come una violazione della libertà d’espressione.

Libano: scontri nella notte a BeirutProteste contro il sistema bancario e politico libanese (2)

15 gennaio 202013:15

Manifestanti e poliziotti sono rimasti feriti nella notte a Beirut durante violenti scontri registratesi nella centrale via Hamra, vicino alla sede della Banca centrale. Lo riferiscono fonti locali al termine di una notte di violente proteste da parte di centinaia di giovani manifestanti e attivisti contro il sistema bancario e politico libanese.

Russia: il governo si dimetteIl premier Medvedev e l’intero esecutivo, dicono i media

MOSCA15 gennaio 202015:07

Il premier russo Dmitri Medvedev e il suo governo hanno rassegnato a sorpresa le dimissioni. Lo riportano i media russi, senza per ora fornire spiegazioni.Il presidente Vladimir Putin ha ringraziato il governo di Dmitri Medvedev per il lavoro svolto. “Da parte mia – ha detto Putin nel corso di una riunione del Consiglio dei ministri – voglio anche ringraziarvi per tutto ciò che è stato fatto in questa fase del nostro lavoro congiunto, voglio esprimere soddisfazione per i risultati che sono stati ottenuti”. Il presidente russo ha poi precisato che “non tutto è stato fatto, ma non tutto riesce sempre in modo completo”, riporta la Tass.

Usa: aereo scarica carburante su scuola, 17 bambini feritiE’ accaduto a Los Angeles, investita l’area giochi

WASHINGTON 15 Gennaio 2020 07:01

– Almeno 17 bambini sono rimasti leggermente feriti dopo che un aereo ha scaricato del carburante che e’ finito nell’area giochi di una scuola elementare nei sobborghi di Los Angeles. Ricoverati anche sei adulti per una forte irritazione agli occhi. Il jet era in volo verso lo scalo internazionale della metropoli californiana.

Scintille Sanders-Warren, ma dibattito dem non decollaBiden si tiene fuori da mischia. Martedì al via processo Trump

WASHINGTON15 gennaio 2020 07:01

– A tre settimane dall’avvio della stagione delle primarie democratiche in Iowa, l’ultimo dibattito tv tra gli aspiranti sfidanti di Donald Trump delude le aspettative. Ancora una volta non emerge un vero leader, nonostante sul palco i candidati siano rimasti solo in sei, a partire dal frontrunner Joe Biden. Tra i big si assiste alle previste scintille tra i due senatori progressisti Bernie Sanders ed Elizabeth Warren, costretti a farsi la guerra per guadagnarsi la palma di anti-Biden prima ancora che di anti-Trump. Alla fine non si stringono neanche la mano, ma in realta’ non si può parlare di un vero e proprio scontro.
Sanders respinge le accuse dell’alleata di sempre nella sinistra dem, e ribadisce di non aver mai detto che una donna non potrà mai vincere le elezioni presidenziali del 2020: “È la mia storia a parlare per me, su YouTube potrete trovare un video di 30 anni fa in cui dico che la vittoria di una donna è possibile”. Warren liquida la questione con una battuta: “Qui su questo palco io e Amy Klobuchar (l’altra candidata dem, ndr) siamo le uniche che negli ultimi 30 anni hanno battuto un repubblicano. E gli uomini qui sul palco hanno perso tutte le elezioni degli ultimi dieci anni”. Tutto qui, ma quanto basta da lasciare delle ruggini.
Biden cerca di tenersi fuori dalla mischia e più che attaccare cerca di limitare i danni, forte degli ultimi sondaggi che lo danno in crescita proprio in Iowa dove fino a qualche settimana fa sembrava fuori gioco. Così alla fine, minuti alla mano, parla molto meno dei suoi più diretti avversari, costretto a difendersi davvero solo una volta: “Ho già detto 13 anni fa che fu un errore votare per la guerra in Iraq”, replica a Bernie Sanders che definisce quel voto “la peggiore decisione della nostra storia insieme alla guerra del Vietnam”. Per il resto Biden si dice pronto ad affrontare Trump in un faccia a faccia, a diventare il Commander in chief e a guidare il Paese dall’alto della sua esperienza di otto anni alla Casa Bianca al fianco di Barack Obama.
Prestazione in chiaroscuro per Pete Buttigieg, che dalla politica estera alla questione sanità mostra grande competenza ma che forse non riesce a incidere come vorrebbe e a ritagliarsi davvero in maniera efficace il ruolo del moderato alternativo a Biden. Intanto nelle prossime ore la Camera voterà l’invio degli articoli per l’impeachment di Trump al Senato e la speaker Nancy Pelosi nominerà le personalità che dovranno coordinare e gestire il processo nei confronti del presidente. Processo che secondo il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell dovrebbe iniziare martedì prossimo.

Davos: clima al top rischi, allarme daziWef, priorità ambiente scavalcano economia e finanza

15 gennaio 202010:51

– C’è il clima, per la prima volta, in cima ai rischi globali. Con eventi climatici estremi, disastri ambientali causati o meno dall’uomo, perdita di biodiversità e un’inazione di fronte al cambiamento climatico che scavalcano, fra le minacce per il mondo, i rischi fino ad oggi percepiti come più incombenti, quelli legati l’economia globale e il sistema finanziario. L’allarme arriva dal Global Risks Report del World Economic Forum, che avverte anche: da un esacerbarsi della polarizzazione politica e dello scontro economico, incentrato sui dazi, che hanno sostituito l’approccio multilaterale, potrebbe innescarsi uno scenario “catastrofico”.

Germania, brusca frenata del Pil: nel 2019 cresce solo dello 0,6%E’ la più bassa degli ultimi sei anni. Il surplus di bilancio scende all’1,5% del Pil

BERLINO15 gennaio 202011:42

Brusca frenata dell’economia tedesca: nel 2019 il Pil è cresciuto soltanto dello 0,6%. Molto meno del 2018 e del 2017, quando segnò rispettivamente una crescita dell’1,5% e del 2,5%. Lo ha riferito il Destatis, istituto di statistica federale. Si tratta della crescita più bassa degli ultimi sei anni.Nel 2019, lo Stato tedesco ha segnato un surplus di bilancio, comprensivo degli Stati federali, delle municipalità e del sistema di previdenza sociale, di 49,8 miliardi di euro, pari all’1,5% del Pil. Nel 2018 segnò 62,4 miliardi, pari all’1,9%.

Usa, dazi se Cina non rispetta impegniSegretario Tesoro Usa in intervista alla Cnbc

NEW YORK15 gennaio 202014:55

Gli Stati Uniti sono pronti ad aumentare i dazi sui prodotti cinesi se la Cina non rispetterà gli impegni presi nel mini accordo commerciale che le due superpotenze economiche firmeranno nelle prossime ore. Lo afferma il segretario al Tesoro americano, Steven Mnuchin, in un’intervista a Cnbc.

No votes yet.
Please wait...
Annunci

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.