Cronaca tutte le notizie in tempo reale. Gli avvenimenti di Cronaca sempre approfonditi ed aggiornati. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 12 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 10:12 ALLE 14:29 DI LUNEDì 20 GENNAIO 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Nel mondo 1 donna su 3 mai a scuola
Italia, meno 20% risorse per istruzione a bimbi famiglie povere

20 gennaio 2020 10:12

– Ancora oggi nel mondo quasi 1 ragazza adolescente su 3 nelle famiglie più povere al mondo non è mai andata a scuola. Secondo il nuovo studio dell’Unicef ‘Addressing the learning crisis: an urgent need to better finance education for the poorest children’ – realizzato su 42 paesi, fra cui l’Italia – il 44% delle ragazze e il 34% dei ragazzi appartenenti al 20% delle famiglie più povere non ha mai frequentato o ha abbandonato la scuola primaria. “In Italia meno del 20% delle risorse pubbliche per l’istruzione sono destinate ai bambini delle famiglie più povere e più del 20% ai bambini delle famiglie più ricche. La povertà educativa condiziona l’intera vita di bambini e ragazzi; investire nella qualità dell’ istruzione significa affrontare le cause della povertà alla radice con enormi benefici per tutto il sistema Paese”, ha detto Francesco Samengo, Presidente Unicef Italia.

A Brescia trovati 250 lavoratori in neroAlcuni percepivano il reddito di cittadinanza (2)

BRESCIA20 gennaio 202010:35

– La Guardia di Finanza di Brescia ha smantellato una rete di 250 lavoratori in nero impiegati nel settore della ristorazione e dell’organizzazione di eventi.
Alcuni dei coinvolti percepivano anche l’indennità di disoccupazione. ‘Master Black’ è il nome dell’operazione delle fiamme gialle.

Atti falsi permessi soggiorno, arrestatoLegale di foro Bologna accusato di giro illecito con complice

BOLOGNA20 gennaio 202010:44

– Un avvocato 39enne del foro di Bologna è stato arrestato dalla Polizia insieme a un complice tunisino con l’accusa di avere messo in piedi un ‘giro’ di permessi di soggiorno ottenuti in modo illecito. Entrambi gli indagati sono finiti ai domiciliari, in esecuzione di un’ordinanza del Gip Roberta Dioguardi su richiesta del Pm Rossella Poggioli, per i reati di falso ideologico in atto pubblico per induzione in errore, contraffazione e utilizzo di documenti al fine di determinare il rilascio del permesso di soggiorno e favoreggiamento della permanenza in clandestinità nel territorio dello Stato.
L’indagine della squadra Mobile, che vede indagate in tutto 41 persone, ha preso avvio nel giugno 2018 da segnalazioni provenienti dall’Ufficio Immigrazione della Questura di Bologna, che aveva registrato un deciso aumento delle domande di protezione internazionale, avanzate anche da cittadini stranieri che dimoravano in Italia da diverso tempo ma privi di un regolare permesso di soggiorno.

Insediato nuovo prefetto di CosenzaArriva da Isernia, ha svolto la sua attività nella Polizia

COSENZA20 gennaio 202011:02

– Si è insediato ufficialmente il nuovo prefetto della provincia di Cosenza Cinzia Guercio. Dal 28 novembre 2018 è stata a capo della prefettura di Isernia.
Laureata con lode in Giurisprudenza alla “Sapienza” di Roma, ha al suo attivo scuole di specializzazione e pubblicazioni ed una carriera nella Polizia di Stato. Nominata per la prima volta Prefetto ad agosto 2011 ha presieduto diverse commissioni straordinarie di comuni ed enti. Dal 2013 al 2015 è stata anche responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza al ministero dell’Interno. Dal febbraio 2017 fino ad agosto 2018, è stata direttore centrale dei Servizi tecnico-logistici e della gestione patrimoniale del dipartimento della Pubblica sicurezza. Il nuovo prefetto arriva dopo l’arresto, avvenuto il 2 gennaio scorso, della ex “titolare” dell’Ufficio territoriale del Governo Paola Galeone, accusata di induzione indebita a dare o promettere utilità dopo la denuncia dell’imprenditrice Cinzia Falcone.

Novara, morto su panchina non è clochardVittima abitava nella zona, s’indaga su cause decesso

NOVARA20 gennaio 202011:15

– La Questura di Novara ha identificato l’uomo che questa mattina è stato trovato morto su una panchina di Novara. Si tratta di un 45enne che – contrariamente a quanto comunicato dal 118 – vive in un palazzo di via Asiago, dove un passante lo ha notato e ha dato l’allarme. “Il corpo non presenta segni di violenza”, si apprende dagli investigatori della polizia. Per capire le cause del decesso, forse un malore, e le circostanze in cui è avvenuto saranno necessari ulteriori accertamenti.

Novara, morto su panchina non è clochardVittima abitava nella zona, s’indaga su cause decesso

NOVARA20 gennaio 202011:15

– La Questura di Novara ha identificato l’uomo che questa mattina è stato trovato morto su una panchina di Novara. Si tratta di un 45enne che – contrariamente a quanto comunicato dal 118 – vive in un palazzo di via Asiago, dove un passante lo ha notato e ha dato l’allarme. “Il corpo non presenta segni di violenza”, si apprende dagli investigatori della polizia. Per capire le cause del decesso, forse un malore, e le circostanze in cui è avvenuto saranno necessari ulteriori accertamenti.

Va in ospedale, scopre incinta a 12 anniAccertamenti in corso dalla procura dei minori

PERUGIA20 gennaio 202011:17

– Arrivata al pronto soccorso dell’ospedale di Perugia per dei dolori addominali, una dodicenne di origini straniere è risultata incinta di diversi mesi. Per chiarire i contorni della vicenda sono in corso accertamenti da parte della polizia coordinata dalla procura della Repubblica presso il tribunale dei minorenni. La notizia è riportata dai giornali e da alcuni media locali.
La ragazza (ospitata a Perugia da alcuni parenti) è arrivata in ospedale accompagnata da un fratello. Dagli esami è emersa la gravidanza e a quel punto il personale sanitario ha allertato gli investigatori e i servizi sociali.
Gli accertamenti vengono condotti nel massimo riserbo.
Riguarderebbero anche un certificato medico stilato nei mesi scorsi nel Paese d’origine dell’adolescente dopo una visita dalla quale non era emersa la gravidanza.

Melfi-Rionero: intensificati controlliA Potenza la riunione del Comitato per l’ordine pubblico

POTENZA20 gennaio 202011:41

– Sono stati “intensificati al massimo i servizi di vigilanza e di controllo del territorio, soprattutto a Melfi e Rionero in Vulture (Potenza)”. Lo ha confermato il prefetto di Potenza, Annunziato Vardè, al termine della riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica sugli incidenti tra i tifosi di Vultur Rionero e Melfi (Eccellenza lucana) che ieri, a Vaglio di Basilicata (Potenza), hanno portato alla morte di un tifoso vulturino di 39 anni.
Nella notte sono stati eseguiti 25 arresti. Il questore di Potenza, Isabella Fusiello, ha evidenziato che “anche grazie al lavoro della Procura della Repubblica di Potenza, è stata data una risposta molto dura, adeguata alla circostanza, un fatto gravissimo”.

Bonifica Bagnoli, ‘scusate il ritardo’Al via interventi anche per la depurazione dell’acqua

NAPOLI20 gennaio 202011:53

– “Oggi dopo 25 anni sento di dire ai cittadini di Napoli, di Bagnoli e di tutto il Sud: scusate il ritardo, ma oggi partono le bonifiche”. Così il ministro per il Mezzogiorno Giuseppe Provenzano iniziando la visita, insieme al sindaco di Napoli Luigi De Magistris, all’ex area Italsider di Bagnoli dove partono le operazioni di bonifica. La rigenerazione dei suoli dell’area prevede la bonifica dai materiali inquinanti, i metalli pesanti, l’amianto ma anche la depurazione dell’acqua che passa attraverso il terreno inquinato portando poi con sé i materiali tossici.

Sistema sicurezza fa fuggire rapinatoriScatta allarme caveau, sventato colpo nel Napoletano

POZZUOLI (NAPOLI)20 gennaio 202012:06

– L’allarme del caveau della filiale della Bper, già Banca Popolare dell’Emilia Romagna, di via Fasano a Pozzuoli (Napoli) ha messo in fuga, questa mattina, un banda di rapinatori. La gang, composta da tre o quattro componenti, dopo aver forzato l’uscita di sicurezza, ha provato ad entrare nel caveau della filiale. E’ scattato l’allarme ed i banditi si sono allontanati precipitosamente, lasciando sul posto anche materiale da scasso. In precedenza si erano occupati di manomettere l’impianto di videosorveglianza esterno della filiale per evitare di essere ripresi. Sul posto sono intervenuti gli uomini del commissariato di Polizia di Stato di Pozzuoli che hanno avvito le indagini. La Polizia sta acquisendo le registrazioni di telecamere presenti in zona per risalire agli autori della tentata rapina. Non si esclude che la stessa banda abbia messo a segno altri colpi nell’area flegrea, l’ultimo dei quali al negozio di abbigliamento del centro storico, entrando attraverso una chiesa sconsacrata.

Standing ovation per Segre a ArcimboldiSenatrice, mi piace la vita anche se mi augurano la morte

MILANO20 gennaio 202012:17

– Standing ovation e tanto affetto per Liliana Segre al teatro degli Arcimboldi di Milano, dove incontrerà gli studenti in occasione del 20esimo anniversario della Giornata della Memoria. La senatrice porta la sua testimonianza e il suo ricordo a oltre 2000 ragazzi in platea, alla presenza anche della ministra per l’Istruzione Lucia Azzolina. “Mi dispiace da matti avere 90 anni e avere così pochi anni davanti. La vita mi piace moltissimo – ha detto Segre, sopravvissuta ad Auschwitz -, anche se gli odiatori mi augurano la morte ogni giorno”. “Agli studenti e ai giovani – ha aggiunto Azzolina – dico: non sottovalutate mai la potenza dell’odio, imprimete nella mente le parole che ascolterete oggi e fatene un faro e una guida”.

Maltempo, saltati alcuni traghetti ElbaFermo anche l’aliscafo, regolari corse per Portoferraio

PIOMBINO (LIVORNO)20 gennaio 202012:18

– A causa del forte vento di grecale e del conseguente mare mosso stamani sono saltate le prime corse di collegamento della nave Bellini tra Piombino (Livorno), Cavo e Rio Marina all’Isola d’Elba. Fermo per lo stesso motivo anche l’aliscafo. Regolari invece tutti gli altri collegamenti tra Piombino e Portoferraio. Per la guardia costiera dalle previsioni si evidenzia già un graduale miglioramento delle condizioni meteomarine.

Smog, da domani stop divieti a MilanoVia anche a Cremona, Pavia e Mantova. In vigore solo in Brianza

MILANO20 gennaio 202012:26

– Da domani, martedì 21 gennaio, sono revocati i divieti e le limitazioni anti-smog di primo e di secondo livello nei comuni con più di 30.000 abitanti e in quelli aderenti su base volontaria nelle province di Milano, Cremona, Pavia, Lodi e Mantova dove, per due giorni consecutivi, i valori medi di Pm10 sono stati al di sotto del limite previsto. E’ quanto comunica la Regione Lombardia in una nota precisando che restano in vigore le misure di primo livello nei comuni coinvolti nella provincia di Monza e Brianza.

Papa, populismi terreni fertili per odioRicorda Olocausto, ‘ancora barbare recrudescenze antisemitismo’

CITTA’ DEL VATICANO20 gennaio 202012:39

– Dall’indifferenza nascono i populismi, “terreni fertili” per l’odio. Lo ha detto il Papa ricevendo in udienza una delegazione del Simon Wiesenthal Center. “Preoccupa l’aumento, in tante parti del mondo, di un’indifferenza egoista, per cui interessa solo quello che fa comodo a sé stessi: la vita va bene se va bene a me e quando qualcosa non va, si scatenano rabbia e cattiveria. Così si preparano terreni fertili ai particolarismi e ai populismi, che vediamo attorno a noi. Su questi terreni cresce rapido l’odio”, ha detto il Papa. Il pontefice ha poi parlato della necessità di combattere, ancora oggi, l’antisemitismo. “Ancora recentemente abbiamo assistito a barbare recrudescenze di antisemitismo. Non mi stanco di condannare fermamente ogni forma di antisemitismo”. “Per affrontare il problema alla radice, dobbiamo però impegnarci – ha concluso – a dissodare il terreno su cui cresce l’odio, seminandovi pace”. È con “l’integrazione” che “tuteliamo maggiormente noi stessi”.

Insulti a ragazza cinese: accertamentiSindaco Venezia,inviteremo autori gesto a fare educazione civica

VENEZIA20 gennaio 202012:38

– La polizia ferroviaria sta effettuando degli accertamenti sulla vicenda di una ragazza italiana di origine cinese insultata a bordo di un treno da Mestre e Padova. La vicenda, resa nota sui social dalla stessa giovane studentessa universitaria, è al vaglio anche di Trenitalia che attende di valutare il rapporto del capo treno per avviare o meno le procedure del caso. “A quella ragazza dico: sei come mia figlia. Non c’entra nulla la nazionalità, non c’entra niente il colore della pelle, le amicizie che hai. Se sei una persona per bene sei e sarai una cittadina di Venezia per sempre, anche se non abiti qui”. Ha detto stamani il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, durante la cerimonia per la festa della Polizia locale. “Voglio dare un grande saluto – ha affermato Brugnaro – a questa ragazza italiana di origine cinese. So che le competenti autorità stanno indagando, e che troveremo questi quattro ragazzi. A loro non faremo processi pubblici o altro. Diremo solo a loro di venire a lavorare con noi”.

Donna si dà fuoco a Tribunale minoriGesto legato a un procedimento giustizia civile

VENEZIA20 gennaio 202013:00

– Una donna si è cosparsa di liquido infiammabile e si è data fuoco davanti alla sede del Tribunale dei minori di Mestre. Il gesto sarebbe da mettere in relazione ad un procedimento della giustizia civile che la vede coinvolta. Home Mappa del sito ACQUISTA SU AMAZON

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Amica Marco Carta farà lavori sociali
Il giudice ha ammesso la donna a istituto di messa alla prova

MILANO20 gennaio 202013:30

– Fabiana Muscas, la 53enne accusata insieme all’amico e cantante Marco Carta (assolto) del furto di sei magliette alla Rinascente di Milano, svolgerà lavori di pubblica utilità per 12 mesi in una onlus Caritas di Cagliari. Lo ha deciso questa mattina il giudice della sesta sezione penale del Tribunale milanese, che ha ammesso la donna all’istituto della messa alla prova, come chiesto dal suo difensore, l’avvocato Giuseppe Castellano. Al termine di questo periodo, se il programma andrà a buon fine, il giudice potrà dichiarare estinto il reato. La donna si è impegnata a lavorare per quattro ore alla settimana, per un anno: inoltre è stata accolta la sua richiesta di aggiungere due ore settimanali extra “a riprova della sua resipiscenza”.

Non vedente best candidate Imun RomaEmilia Fares studia al Russell, in pagella dieci in greco

20 gennaio 202013:30

– E’ Emilia Fares uno dei best delegate della nona edizione IMUN Roma, la più grande simulazione ONU organizzata in Italia. Emilia, che ora andrà a New York grazie ad una borsa di studio, è non vedente, studia al Liceo Russell di Roma e ha una pagella con la media del nove. Ma soprattutto con un 10 in greco. Per studiare usa un software, una sorta di braille digitale che le consente di consultare testi e vocabolari. Il titolo di best delegate e la borsa di studio a New York sono solo le ultime tappe delle tante soddisfazioni che Emilia si è presa nonostante dalla nascita le sia stata diagnosticata la ‘Amaurosi congenita di Leber’, una rara patologia genetica che colpisce la retina e comporta la totale cecità. Infatti Emilia nel suo giovane curriculum , ha appena 15 anni, sfoggia l’essere rappresentante di classe, praticante dell’atletica e persino attrice amatoriale. Ora volerà a New York.

Apre ma senza ospiti Cpr in SardegnaOperativa struttura ex carcere Macomer, primi arrivi imminenti

NUORO20 gennaio 202013:49

– Nessuna ufficialità sull’arrivo dei primi ospiti nel Centro regionale permanente per il rimpatrio dei migranti (Cpr) di Macomer, prima struttura in Sardegna operativa ufficialmente da oggi sorta nell’edificio che fu un carcere. Gli arrivi, comunque, sarebbero imminenti. Attualmente sono disponibili 50 posti, a regime saranno cento. Nel frattempo si stanno concludendo le procedure per la scelta del giudice di pace – sarà competente quello del tribunale di Oristano – che dovrà decidere sui provvedimenti di espulsione.
Il Comune saluta positivamente l’apertura del Cpr (“darà linfa nuova all’economia della città”) ma a sforzare gli entusiasmi ci pensa l’opposizione. “Per lo sviluppo di Macomer è una strategia fallimentare perchè si droga il mercato – denuncia Arturo Uleri, consigliere comunale della lista Uniamoci per Macomer, responsabile cittadino di Fdi ed esponente del comitato No al Cpr –

Muccino, ‘fuori da discoteca perché neri’. Locale, ‘falso’Nel mirino locale ravennate che si difende, ‘nessun razzismo’

BOLOGNA20 gennaio 202013:52

– Fuori dalla discoteca “perché loro sono neri”. Gabriele Muccino denuncia così su Facebook un episodio accaduto sabato sera in una discoteca di Ravenna. Suo figlio, scrive il regista sul social, era in compagnia “di due amici di colore” e si è sentito dire “sia dal buttafuori che da un addetto al locale che lui poteva entrare ma gli amici no.
Dopo oltre un’ora di attesa, alla domanda ‘Perché?’, è stato risposto: ‘Perché loro sono neri e fanno casino’. E li hanno lasciati tutti e tre fuori al freddo. Stiamo sconfinando nell’Apartheid”, conclude Muccino.
“Il nostro locale non è razzista”, replica però dalle colonne dell’edizione ravennate del Resto del Carlino, Mattia Montanari, uno dei soci del locale. “Ci lavorano e ospita tanti immigrati – spiega – Quel gruppo è rimasto fuori solo perché in passato alcuni di loro avevano dato problemi”. “Non credo che quella frase sia stata pronunciata – spiega Montanari – dopo di che se invece avrò le prove che è stata detta, il responsabile non lavorerà più qui”.

Papa: ‘Ancora oggi barbare recrudescenze di antisemitismo’Le parole di Francesco in vista dell’anniversario della chiusura del campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau

CITTA’ DEL VATICANO20 gennaio 202013:54

Il 27 gennaio si celebra il 75/o anniversario della liberazione del campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. “L’anniversario dell’indicibile crudeltà che l’umanità scoprì settantacinque anni fa sia un richiamo a fermarci, a stare in silenzio e fare memoria. Ci serve, per non diventare indifferenti”. Lo ha detto Papa Francesco ricevendo in udienza una delegazione del Simon Wiesenthal Center.”Il consumismo odierno – ha aggiunto il Papa – è anche verbale: quante parole inutili, quanto tempo sprecato a contestare e accusare, quante offese urlate, senza curarsi di quel che si dice. Il silenzio, invece, aiuta a custodire la memoria. Se perdiamo la memoria, annientiamo il futuro”.  Il Papa ha quindi ricordato la sua visita ad Auschwitz-Birkenau: “Lì, nel 2016, sostai per interiorizzare, per pregare in silenzio. Oggi, assorbiti nel vortice delle cose, fatichiamo a fermarci, a guardarci dentro, a fare silenzio per ascoltare il grido dell’umanità sofferente”.Dall’indifferenza nascono i populismi, “terreni fertili” per l’odio, ha detto poi il Pontefice. “Preoccupa l’aumento, in tante parti del mondo, di un’indifferenza egoista, per cui interessa solo quello che fa comodo a sé stessi: la vita va bene se va bene a me e quando qualcosa non va, si scatenano rabbia e cattiveria. Così si preparano terreni fertili ai particolarismi e ai populismi, che vediamo attorno a noi. Su questi terreni cresce rapido l’odio”.”Recentemente – ha quindi ricordato Francesco – abbiamo assistito a barbare recrudescenze di antisemitismo. Non mi stanco di condannare fermamente ogni forma di antisemitismo. Per affrontare il problema alla radice, dobbiamo però impegnarci anche a dissodare il terreno su cui cresce l’odio, seminandovi pace. È infatti attraverso l’integrazione, la ricerca e la comprensione dell’altro che tuteliamo maggiormente noi stessi”.”Perciò – ha sottolineato – è urgente reintegrare chi è emarginato, tendere la mano a chi è lontano, sostenere chi è scartato perché non ha mezzi e denaro, aiutare chi è vittima di intolleranza e discriminazione. Siamo chiamati, ha aggiunto il Papa riferendosi ad ebrei e cristiani, “proprio noi, per primi”, “non a prendere le distanze ed escludere, ma a farci vicini e includere; non ad assecondare soluzioni di forza, ma a avviare percorsi di prossimità. Se non lo facciamo noi, che crediamo in Colui che, dall’alto dei cieli, si è ricordato di noi e ha preso a cuore le nostre debolezze, chi lo farà?”. “Anche noi ricordiamoci del passato e prendiamo a cuore le condizioni di chi soffre: così coltiveremo il terreno della fraternità”.Ebrei e cristiani, ha concluso, hanno il desiderio comune “di rendere il mondo un luogo migliore nel rispetto della dignità umana, una dignità che spetta a ciascuno in ugual misura indipendentemente dall’origine, dalla religione e dallo status sociale. È tanto importante educare alla tolleranza e alla comprensione reciproca, alla libertà di religione e alla promozione della pace sociale”.

Roma seconda nel mondo per ore perse nel trafficoRapporto Inrix: capitale dietro solo a Bogotà, Milano settima

20 gennaio 202014:02

Roma e Milano sono nella top 10 delle città del mondo con più ore perse per ogni cittadino nel traffico. La capitale è addirittura al secondo posto con 254 ore, preceduta solamente da Bogotà con 272.Il capoluogo lombardo è invece settimo con 226 ore. Terzo posto per Dublino (246), davanti a Parigi e la russa Rostov-on don (237) e Londra, con 227.Questo quanto emerge dal Global card scorecard di Inrix, analisi dei trend della mobilità e della congestione urbana in 200 città di 38 Paesi.

Segre, ragazzi pensate con vostra testaTestimonianza nel giorno della memoria, scegliete la libertà

MILANO20 gennaio 202014:06

– Battersi per la libertà di pensiero, essere forti e mai indifferenti: è il messaggio che la senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz, ha lanciato agli oltre 2mila studenti incontrati al teatro Arcimboldi di Milano in occasione della Giornata della Memoria. Ripercorrendo quegli anni che, dall’esclusione da scuola nel 1938 per le leggi razziali fino alla detenzione nel campo di concentramento l’hanno resa, prima una “lupa affamata” che “sognava la vendetta” e poi una “donna libera e di pace”, Segre ha invitato i ragazzi a “battersi sempre per la libertà”. “Il mio corpo è stato prigioniero, ma la mia mente no – ha detto -.
Ho sempre pensato con la mia testa e così dovete essere anche voi, non come quelli che seguono quelli che gridano più forte”.
“La vittima deve essere più coraggiosa e denunciare” mentre chi sta intorno “non deve essere indifferente e stare con il bullo che sembra più forte”, ha concluso ricordando che “i nazisti ad Auschwitz erano i bulli di allora”.

No votes yet.
Please wait...

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.