Sport tutte le notizie- tutto lo Sport in tempo reale sempre approfondito ed aggiornato! DA NON PERDERE! SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 16 minuti

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 05:52 DI LUNEDì 24 FEBBRAIO 2020

ALLE 11:55 DI MERCOLEDì 26 FEBBRAIO 2020

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Basket: Nba, Gallinari stravince il derby contro Belinelli
Thunder s’impongono 131-103 sugli Spurs. Ok i Pelicans di Melli
24 febbraio 2020 05:52
– La notte dell’Nba regala il derby italiano fra gli Oklahoma City Thunder di Danilo Gallinari, che realizza 12 punti, e i San Antonio Spurs di Marco Belinelli, che di punti ne garantisce 13. Finisce 131-103 per i Thunder che così conquistano la 12/a vittoria nelle ultime 15 partite di campionato. Nicolò Melli pareggia il massimo in carriera da 20 punti, con 6 triple, nel successo dei New Orleans Pelicans in trasferta per 115-101 contro i Golden State Warriors. Bene anche i Toronto Raptors che strapazzano gli Indiana Pacers, imponendosi per 127-81; sconfitta in trasferta per i Washington Wizards (126-117) contro i Chicago Bulls, malgrado i 53 punti di Bradley Beal.
Altri risultati: Denver Nuggets-Minnesota Timberwolves 128-116, Portland Trail Blazers-Detroit Pistons 107-104 e Los Angeles Lakers-Boston Celtics 114-112.
Golf: McIlroy come Faldo, il re del ranking è sempre lui
Rahm è 2/o, Woods 10/o. Molinari invece occupa la 26/a posizione
24 febbraio 2020
09:32
– Rory McIlroy come Nick Faldo. Il 5/o posto nel WGC-Mexico ha permesso al nordirlandese di rimanere sul trono del golf mondiale con 9.4794 punti e di raggiungere nel mito Faldo, leggenda britannica che, come il collega, ha passato 97 settimane in cima al world ranking, terzo di sempre dietro solo a Greg Norman (331) e Tiger Woods (683).
Ancora un riconoscimento per McIlroy, che ha respinto l’assalto di Jon Rahm. Lo spagnolo, con la medaglia di bronzo a Città del Messico, è volato al 2/o posto della classifica mondiale (8.6833), superando Brooks Koepka (ora 3/o con 8.6150), ma fallendo il sorpasso nei confronti di McIlroy.
Nella Top 10 tanti i cambiamenti: Adam Scott (6.0639) supera Patrick Cantlay (6.0376) e si prende la 6/a piazza; con il trionfo nel WGC, Patrick Reed passa dalla 14/a all’8/a posizione (5.9311), declassando Webb Simpson (9/o con 5.8782) e Tiger Woods, 10/o con 5.8050.
Perde ancora terreno Francesco Molinari, da 25/o a 26/o (3.6354). Che traguardo per Viktor Hovland: il norvegese, grazie al primo successo nel PGA Tour al Puerto Rico Open, passa dalla 102/a alla 60/a posizione (2.1057), superando perfino una leggenda come Phil Mickelson, 62/o con 2.0998 punti.
Coronavirus: Cio ‘Tokyo 2020 sicura,si va avanti’
Comitato olimpico ribadisce linea: ‘si continua come previsto’
24 febbraio 2020
10:50
– “I preparativi per le Olimpiadi di Tokyo 2020 continuano come previsto”. La posizione del Comitato olimpico internazionale sui Giochi in Giappone, nonostante l’emergenza coronavirus, rimane questa e viene ribadita da una dichiarazione appena diffusa. “Le contromisure contro le malattie infettive costituiscono una parte importante dei piani di Tokyo 2020 per ospitare dei Giochi Olimpici sicuri e protetti – è detto nella nota del Cio – Tokyo 2020 continuerà a collaborare con tutte le organizzazioni pertinenti che monitorano attentamente l’incidenza di malattie infettive e rivedrà le contromisure che potrebbero essere necessarie con tutte le organizzazioni pertinenti”
Coronavirus: la Federugby sospende l’attività
Rinviate partite in programma nel week-end 28 febbraio-1 marzo
24 febbraio 2020
12:20
– Anche il rugby si ferma a causa dell’emergenza Coronavirus. Lo rende noto, con un comunicato apparso sul sito ufficiale, la Federazione. “La Federazione italiana rugby – si legge – facendo seguito alle ordinanze disposte dalle autorità competenti e del Coni, in tema di contenimento dell’emergenza epidemiologica in atto, per il fine settimana del 28 febbraio-1 marzo sospende i campionati nazionali, inclusa tutta l’attività giovanile, ma anche l’attività di raduno delle Nazionali nelle regioni raggiunte dai dispositivi”.
Coronavirus: pallavolo si ferma fino al primo marzo
Lo ha comunicato la Federazione dopo una riunione a Bologna
24 febbraio 2020
12:29
– La Federazione italiana pallavolo, congiuntamente alle due Leghe di Serie A maschile e femminile, rende noto di “avere deciso di sospendere l’intera attività pallavolistica nazionale a tutti livelli fino al primo marzo compreso”. “La decisione – si legge, in un comunicato – è stata assunta al termine di una riunione d’urgenza che si è tenuta ieri a Bologna in conseguenza dei diversi provvedimenti che si stanno assumendo in ambito governativo-istituzionale”.
Lo sport e il Coronavirus, pallavolo e rugby si fermano
Riunione nella sede della Figc a Roma di una task-force di medici della Federcalcio per analizzare la situazione
24 febbraio 2020
19:13
La Federazione italiana pallavolo, congiuntamente alle due Leghe di Serie A maschile e femminile, rende noto di “avere deciso di sospendere l’intera attività pallavolistica nazionale a tutti livelli fino al primo marzo compreso”. “La decisione – si legge, in un comunicato – è stata assunta al termine di una riunione d’urgenza che si è tenuta ieri a Bologna in conseguenza dei diversi provvedimenti che si stanno assumendo in ambito governativo-istituzionale”.

Anche il rugby si ferma a causa dell’emergenza Coronavirus. Lo rende noto, con un comunicato apparso sul sito ufficiale, la Federazione. “La Federazione italiana rugby – si legge – facendo seguito alle ordinanze disposte dalle autorità competenti e del Coni, in tema di contenimento dell’emergenza epidemiologica in atto, per il fine settimana del 28 febbraio-1 marzo sospende i campionati nazionali, inclusa tutta l’attività giovanile, ma anche l’attività di raduno delle Nazionali nelle regioni raggiunte dai dispositivi”.

E’ cominciata, nella sede della Figc a Roma, la riunione di una task-force di medici della Federcalcio per analizzare la situazione dell’emergenza Coronavirus. Un’iniziativa assunta ieri dal presidente della Figc, Gabriele Gravina, alla quale partecipano anche rappresentanti delle varie leghe e dell’Aia. Gli esiti della riunione saranno portati all’attenzione del Consiglio federale convocato per le 12. Partecipano alla riunione i professori Paolo Zeppilli e Andrea Ferretti, il dott. Carmine Costabile e il prof. Roberto Cauda, direttore dell’area clinica e dell’unità operativa complessa di microbiologia e malattie infettive del Policlinico Gemelli a Roma.
Milano-Cortina: al via il Cda in teleconferenza
Nomina di ad Novari e del Comitato gestione in ordine del giorno
MILANO
24 febbraio 2020
13:21
– Ha preso il via la prima riunione ufficiale del Cda della Fondazione di Milano-Cortina 2026, organizzata in teleconferenza per l’emergenza Coronavirus. Uno dei rappresentanti di Regione Lombardia, Sergio Schena, è collegato dal Pirellone, mentre gli altri componenti in rappresentanza dei vari enti coinvolti sono in collegamento dai propri uffici, dalla sede della Regione Veneto e da Roma.
Presieduta da Giovanni Malago, n.1 del Coni, la riunione della fondazione con il ruolo di organizzare i Giochi invernali ha all’ordine del giorno la nomina formale del comitato di gestione e quella dell’amministratore delegato, carica per cui da tempo è stato designato il manager Vincenzo Novari.
Ciclismo: Vegni, Sanremo a rischio? Non c’è un piano B
Il prossimo mese anche la Strade Bianche e la Tirreno-Adriatico
24 febbraio 2020
14:58
– “Per la Sanremo non esiste un piano B. Anche perché, se la situazione non dovesse migliorare, il ministero dello Sport e il Coni sospenderebbero le manifestazioni nella zona della Lombardia e tra queste ci sarebbe anche la Milano-Sanremo. Più di così a questo punto non possiamo dire”. Così Mauro Vegni, direttore delle gare di Rcs Sport, prima della partenza della 2/a tappa dell’UAE Tour di ciclismo, ha parlato della prossima Milano-Sanremo, sulla quale incombe l’emergenza Coronavirus. L’Italia, prima della classicissima di primavera, ospiterà anche la Strade Bianche e la Tirreno Adriatico.
“Speriamo si possa tornare alla normalità – dice Vegni – per il bene e la salute di tutti, non solo per lo sport”. La Milano-Sanremo si disputerà sabato 21 marzo e sarà preceduta dalla Strade Bianche (7 marzo), ma anche dalla Tirreno Adriatico 11-17 marzo.
Ciclismo: UAE Tour, Ewan vince la tappa e guadagna primato
L’australiano ha preceduto nell’ordine Bennett e Dèmare
24 febbraio 2020
19:17
Caleb Ewan, con il tempo di 4h18’16”, ha vinto la 2/a tappa della seconda edizione dell’UAE Tour di ciclismo, denominata Dubai Municipality Stage e lunga 168 chilometri. Il corridore australiano ha preceduto sul traguardo nell’ordine l’irlandese Sam Bennett di 2″ e il francese Arnaud Démare di 4″. Ewan, dopo questa vittoria, è il nuovo leader della corsa che è nata dalla collaborazione fra Dubai Sports Council ed Rcs Sport. Nella classifica generale della corsa a tappe degli Emirati Arabi, l’australiano guida adesso con 12″ di vantaggio su Bennett e 16″ sullo stesso Démare.
F1: si torna in pista per test, Ferrari ci riprova
Da domani altri 3 giorni a Barcellona, ultimi prima del mondiale
25 febbraio 2020
19:39
e giorni a Barcellona per affilare le lame e presentarsi un po’ più pronti, tra venti giorni, alla gara d’esordio in Australia. La seconda tornata di test invernali della Formula 1 in vista del Mondiale chiama in causa soprattutto la Ferrari, il più in ombra tra i top team nella sessione che la settimana scorsa ha visto il battesimo delle monoposto 2020. La SF1000 sarà affidata da domani alle cure di entrambi i piloti del Cavallino, Sebastian Vettel e Charles Leclerc, i quali si alterneranno in pista tra mattina e pomeriggio per aumentare il feeling con la Rossa e testare le novità proposte dagli ingegneri del Cavallino in vista della gara di Melbourne. Si tratta, a quanto pare, soprattutto di novità aerodinamiche visto che il problema alla power unit che ha ‘azzoppato’ il pilota tedesco la settimana scorsa non crea preoccupazione. I tifosi della Rossa sperano in un cambio di passo o almeno in un segnale di reazione, specie dopo le parole del team principal, Mattia Binotto, al termine primi tre giorni di lavoro in pista, del tipo “gli altri sono più veloci di noi”. Mercedes e Red Bull, appunto gli ‘altri’, presuppongono di confermare quanto di buono hanno fatto vedere finora. I tedeschi, oltretutto, con la dirompente novità del Das, il sistema che cambia l’angolo di convergenza delle ruote anteriori, una soluzione inattesa che rischia di spostare ancora di più gli equilibri. Non basta, perchè il direttore tecnico James Allison prevede per l’esordio a Melbourne altre novità aerodinamiche e di motore. Mercedes e Red Bull metteranno alla frusta le loro monoposto con entrambi i piloti impegnati per tutti e tre i giorni, mentre la Ferrari, al momento, prevede che giovedì giri il solo Vettel e venerdì il monegasco, il quale suggellerà le 24 ore complessive di lavoro SF1000
Bryant: moglie fa causa a societa’ elicottero caduto
‘Pilota negligente a volare con quella nebbia’
WASHINGTON
24 febbraio 2020
20:47
La vedova di Kobe Bryant ha fatto causa a Los Angeles alla societa’ proprietaria dell’elicottero che un mese fa e’ caduto nella nebbia in California uccidendo suo marito e la figlia di 13 anni. Secondo la donna, il pilota (anche lui morto nell’incidente) fu negligente nel volare con quelle condizioni meteo. La causa arriva mentre e’ in corso una cerimonia allo Staples center per rendere omaggio al campione e alla figlia. VAI AL CALCIO

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Kobe Bryant un mese dopo, commosso omaggio nella casa dei Lakers
Star e 20 mila fan a Staples center. Causa vedova per incidente
24 February 2020
21:15
L’America si e’ fermata per rendere omaggio alla star Nba Kobe Bryant e a sua figlia Gianna,morti quasi un mese fa a 41 e 13 anni in un tragico incidente d’elicottero in California insieme ad altre sette persone. Una sciagura per la quale proprio oggi Vanessa, la moglie di Kobe, ha fatto causa alla societa’ proprietaria dell’elicottero accusando il pilota (anche lui deceduto) di essere stato negligente nel volare con quella nebbia fitta. Dopo una serie di vari eventi commemorativi e il funerale privato, l’intero Paese ha seguito oggi in diretta tv la commovente cerimonia allo Staples center di Los Angeles, la ‘casa’ dei Lakers illuminata di viola con cui Black Mamba ha giocato 20 anni e vinto cinque titoli, diventando una icona dello sport, e non solo della pallacanestro.
La struttura in passato aveva ospitato altri ‘memorial’, come quello di Michael Jackson nel 2009. C’erano anche altre location per folle piu’ oceaniche. Ma Vanessa, accolta con una standing ovation e crollata in lacrime mentre scorrevano le immagini con gli ‘highlights’ della carriera del marito, ha preferito come palcoscenico quello piu’ intimo e famigliare: l’impianto diventato meta di pellegrinaggio dopo la sciagura di oltre 300 mila persone, che hanno lasciato una marea di fiori e centinaia di palloni da basket, bigliettini, sneaker ora immagazzinati provvisoriamente in 37 container.
Cosi’ per la ‘Celebration of life’, come e’ stata battezzata, si sono radunate per due ore e mezzo ‘solo’ 20 mila persone che avevano acquistato il biglietto per l’ultimo saluto al loro campione, vestite di nero o con i colori sociali giallo e viola. Molti indossavano anche t-shirt con le foto di Kobe e della figlia. Ma altre migliaia di persone hanno lasciato il loro ricordo sui social, in particolare su Twitter, dove e’ diventato virale l’hashtag #KobeFarewell.
L’appuntamento ‘in memoria di Kobe e Gianna’ si è tiene nell’arena in cui Bryant ha entusiasmato i fan per quasi due decenni mentre giocava per i Los Angeles Lakers. La data 2/24 per l celebrazione assume un significato speciale in quanto coincide con il numero di maglia di Bryant – il ’24’ – e quello della figlia Gianna – il ‘2’.
Intorno al parquet Vanessa e le tre figlie, famigliari e amici, fan, celebrities e atleti. C’erano i campioni di un tempo, come Kareem Abdul-Jabbar,Shaquille O’Neal, Magic Johnson, Bill Russell. E quelli di oggi, come Lebron James, James Harden, Stephen Curry, Luka Doncic, Anthony Davis. Nel parterre anche l’allenatore Luke Walton, ex compagno di Bryant ai Lakers. In prima fila i tifosi vip, come Spike Lee, Jack Nicholson. Non mancavano i giocatori delle squadre locali di hockey su ghiaccio e di Nba femminile. Ma gran parte del pubblico erano i suoi fun piu’ affezionati che hanno invocato con i loro cori “Kobe”, “Kobe”. Come Bob Melendez, 72 anni, abbonato ai Laker per 40 anni: “dopo aver visto Kobe giocare per molti anni, non potevo perdere questa cerimonia”. Durante il memorial, dove Beyonce ha cantato alcuni suoi successi come ‘Xo’ e ‘Halo’, sono intervenute varie personalita’ per riflettere sull’impatto che Bryant, come atleta ma anche come uomo, ha avuto sul basket, sullo sport in generale e sul mondo, mentre sugli schermi comparivano retrospettive di immagini che hanno reso immortale il campione, gia’ nominato dall’Nba ‘Basketball Hall of Fame finalist’
Nba, i Bucks soffrono ma continuano corsa solitaria
Bene anche Clippers e Rockets. Tonfo inatteso per Miami
25 febbraio 2020
20:48
I Bucks soffrono ma continuano la loro marcia trionfale in vetta alla Eastern Conference. Nel turno di questa notte in Nba infatti la formazione di Milwaukee l’ha spuntata ai supplementari contro i non irresistibili Wizards con il punteggio di 137-134, confermandosi team candidato numero uno alla vittoria finale del torneo. Mattatori della serata Khris Middleton, che ha firmato 40 punti, e Giannis Antetokounmpo che ha messo il suo sigillo su 22 punti e 14 rimbalzi.
Serata positiva anche per i Clippers che hanno travolto per 124-97 i Grizzlies e tenuto ferma la terza posizione in classifica a ovest, insidiata sempre più da vicino dai Rockets di James Harden, facili vincitori nella notte contro i New York Knicks per 123-112 con la solita prestazione super proprio dal ‘barba’, che ha segnato 37 punti.
Vittoria a sorpresa dei Cavs, ultimi in classifica, contro Miami Heat quarta della classe. La formazione di Cleveland è stata protagonista di una bella rimonta e ha piegato i ben più quotati avversari al primo tempo supplementare con il punteggio di 125-119. Inaspettato anche il successo dei Suns contro Utah Jazz per 131-111 Nelle altre sfide, da segnalare il diluvio di punti fra Dallas e Minnesota, finita 139-123; mentre Philadelphia ha avuto la meglio su Atlanta per 129-112
Coronavirus: Rcs Sport “al lavoro per gare ciclismo”
Sono a rischio Tirreno-Adriatico e Milano-Sanremo
25 febbraio 2020
10:27
– “Riguardo le corse di ciclismo di primavera, Strade-Bianche, Tirreno-Adriatico, Milano-Sanremo, RCS Sport ribadisce che sta lavorando per il regolare svolgimento degli eventi”. Così, in una nota, la società che organizza le corse ciclistiche italiane in primavera.
“A tal fine RCS Sport è in costante contatto con gli organi competenti e, di concerto con loro, potrà prendere tutte le misure più idonee per lo svolgimento delle manifestazioni sportive stesse”, aggiunge la nota.
Ieri il direttore delle corse organizzate da RCS, Mauro Vegni, ha detto che per la ‘Sanremo’ non esiste un piano b e, dalle sue parole, è emerso il rischio che gli eventi possano essere cancellati a causa dell’emergenza Coronavirus.
Coni: al via Giunta, oggi Spadafora al Consiglio.
Emergenza coronavirus al centro del dibattito
25 febbraio 2020
11:46
– E’ cominciata da poco presso la sede del CONI a Roma la giunta Nazionale che era convocata per oggi alle 11. La riunione precede un importante consiglio nazionale nel pomeriggio al quale prenderà parte il ministro per le politiche giovanili e per lo sport Vincenzo Spadafora.
Nel corso della giunta, oltre agli argomenti previsti all’ordine del giorno verrà affrontato anche il problema dell’emergenza coronavirus, che sta impattando in maniera pesante su tutto il mondo dello dello sport. Dopo la decisione di ieri del governo di far giocare a porte chiuse le partite di calcio della serie A nelle aree a rischio, restano comunque molti problemi sul tappeto per quanto riguarda tutte le altre discipline e Federazioni. E di questo si parlerà approfonditamente anche nel consiglio pomeridiano.
Coronavirus: Malagò, rinviato trofeo Coni a dicembre
Si sarebbe dovuto tenere in Piemonte tra poco meno di un mese
25 febbraio 2020
13:29
– Si è conclusa da poco la giunta Coni al Foro Italico che precede la seduta del Consiglio Nazionale alla quale è atteso il ministro dello sport Vincenzo Spadafora.
Durante la giunta è stato affrontato il problema dell’emergenza coronavirus, ma non sono stati presi provvedimenti, in attesa delle disposizioni del Governo è anche delle parole che potrà dire più tardi il ministro. L’unica decisione adottata ha annunciato al termine il presidente del CONI Giovanni Malagò e il rinvio da marzo a dicembre del Trofeo invernale Coni, riservato agli under 14, che si sarebbe dovuto tenere in Piemonte tra poco meno di un mese, e che invece è stato spostato al 11 12 e 13 dicembre.
Coronavirus:timori Pellegrini ‘vorrei stare da mamma a casa”
Olimpionica nuoto si allena in America: “Torno con scorte gel”
25 febbraio 2020
15:59
– “In questi giorni mi divido tra la voglia di tornare a casa e stare con la mia famiglia e la necessità di continuare la mia preparazione”. Federica Pellegrini sta vivendo a distanza i timori per il diffondersi in Italia del contagio da coronavirus: l’olimpionica del nuoto, negli Stati Uniti per preparare la stagione che porterà ai Giochi di Tokyo, affida aun post su Instagram qualche ansia per la sua famiglia che sta in Veneto (una delle regioni dei focolai). “Da un lato mi sento fortunata perché starò ancora in America una settimana – scrive la Pellegrini – mentre in Italia tanti miei colleghi cercano piscine aperte dove poter nuotare, dall’altro lato invece con una mamma immunodepressa vorrei essere lì di fianco a lei e ricoprirla di Amuchina”. E a chi le fa notare che in Italia i disinfettanti sono diventati merce rara, la nuotatrice risponde: “Mi sono riempita di salviettine e gel, torno con la scorta”.
Coppa Davis: anche Mager e Travaglia per Italia-Corea
Prime chiamate in nazionale, si gioca a Cagliari il 6 e 7 marzo
25 febbraio 2020
20:36
Fabio Fognini, Lorenzo Sonego, Gianluca Mager, Stefano Travaglia e Simone Bolelli sono i giocatori convocati da Corrado Barazzutti in vista del turno di qualificazione alle finali di Coppa Davis 2020 che il 6 e 7 marzo a Cagliari vedrà di fronte Italia e Corea del Sud. Per Mager e Travaglia si tratta della prima convocazione per la Coppa Davis, non c’è invece l’altoatesino Jannik Sinner Il capitano coreano Hee Sung Chung ha convocato invece Duckhee Lee, Ji Sung Nam, Yunseong Chung, Min-Kyu Song, Hong Chung. Venerdì 6 marzo sono in programma i primi due singolari, quindi sabato il doppio e a seguire gli altri due singolari con inizio alle ore 11. Le finali di Coppa Davis, sono in calendario dal 23 al 29 novembre alla Caja Magica di Madrid con 18 squadre al via suddivise in sei gironi. Già qualificate le semifinaliste della passata edizione (Spagna, Canada, Russia e Gran Bretagna) oltre a Serbia e Francia cui sono state assegnate due wild card.
Coronavirus: Barelli, problemi per preolimpico pallanuoto
Torneo a Trieste: presidente Fin,non diamo immagine ‘lazzaretto’
25 febbraio 2020
17:20
– “Dall’8 al 15 marzo a Trieste ci sarà il torneo preolimpico di pallanuoto femminile e abbiamo dei problemi: devo capire se chiamare la Federazione internazionale (Fina) e dire ‘organizzate il torneo da un’altra parte'”. Lo ha detto il presidente della Federazione italiana nuoto, Paolo Barelli nel corso del Consiglio Nazionale del Coni dove è presente anche il ministro dello sport, Vincenzo Spadafora. “Il ministro dell’interno israeliano – ha proseguito il numero uno della Fin – ha avvisato la federazione israeliana, squadra che giocherà il torneo preolimpico, dicendo che tutti quanti i passeggeri nel loro viaggio di ritorno si fanno 14 giorni di quarantena. Siamo impegnati in questo problema per non dare un’immagine di ‘lazzaretto'”.
Coronavirus: raduno rugby azzurri spostato da Parma a Roma
In vista gara 6 nazioni con l’Irlanda: 30 chiamati da Smith
25 febbraio 2020
17:37
– Si sposta da Parma a Roma – a seguito delle disposizioni governative in tema di contenimento dell’emergenza coronavirus – la sede del raduno della nazionale di rugby in preparazione del quarto match del Sei Nazioni 2020 contro l’Irlanda, in programma sabato 7 marzo a Dublino. Il ct, Franco Smith, ha convocato per venerdì prossimo 30 atleti. Nella lista si rivedono Tommaso Benvenuti e Giovanni Pettinelli, presenti nella rosa dell’Italrugby nei primi raduni del 2020. La comitiva azzurra partirà mercoledì 4 marzo per Dublino e il giorno successivo Smith annuncerà la formazione.
Questo l’elenco dei convocati: piloni: Ceccarelli, Fischetti, Lovotti, Riccioni, Zilocchi; tallonatori: Bigi, Fabiani, Zani; seconde linee: Budd, Cannone, Ruzza, Zanni; flanker: Licata, Negri, Pettinelli, Polledri, Steyn; mediani di mischia: Braley, Palazzani, Violi; mediani di apertura: Allan, Canna, Rizzi; Centri/Ali/Estremi; Bellini, Benvenuti; Bisegni; Hayward; Minozzi; Morisi; Sgarbi.
Spadafora, no a pretestuose difficoltà verso atleti italiani
Ministro “Parlerò con Di Maio e attiverò canali diplomatici”
25 febbraio 2020
19:57
– “Ho voluto infine rassicurare tutti sul fatto che parlerò col ministro degli Esteri per evitare, ove necessario attraverso i nostri canali diplomatici, ogni pretestuosa difficoltà dovesse emergere nei confronti dei nostri sportivi all’estero o di delegazioni sportive straniere in Italia”. E’ uno dei punti toccati dal ministro dello sport Vincenzo Spadafora al termine del Consiglio Nazionale del Coni.
“Il nostro Paese – aggiunge il ministro – sta affrontando al meglio la situazione sotto ogni punto di vista”.
“Ringrazio – prosegue il ministro dello sport – il presidente del Coni, Giovanni Malagò, e tutti i membri del Consiglio nazionale cui ho avuto oggi il piacere di partecipare. Sono state ore di confronto intenso e di reciproco ascolto, abbiamo affrontato le molte questioni oggetto dei Decreti delegati, che dalla prossima settimana saranno discussi con tutti gli stakeholder, sia del mondo politico che sportivo. Il lungo dibattito ha chiarito che, in una fase di profondo rinnovamento di un sistema complesso come quello sportivo, ci saranno ascolto e apertura da parte mia e degli uffici per dare risposta alle esigenze del mondo sportivo, tenuto conto che la responsabilità ultima delle scelte resta al Governo. Al termine della riunione emerge ancor più forte la convinzione che il mondo sportivo italiano, da quello di eccellenza a quello dei milioni di amatori, è pieno di idee ed entusiasmo”, così il Ministro delle politiche giovanili e dello Sport, Vincenzo Spadafora, al termine della riunione del Consiglio nazionale del Coni”.
Sopron non vuole Schio, Petrucci ‘non siamo appestati’
Ungheresi non vogliono giocare in Italia, n.1 Fip solleva caso
25 febbraio 2020
20:48
“Non possono trattarci come appestati”. Gianni Petrucci, presidente della Federbasket, al consiglio nazionale del Coni, denuncia il caso ungherese del rifiuto del Sopron, rivale di Schio nell’Eurolega femminile, di giocare con la Famila la prossima partita per la paura di un contagio del coronavirus. Nel corso del Consiglio Nazionale del CONI, Petrucci ha informato il ministro delle Politiche Giovanili e dello Sport Vincenzo Spadafora del fatto che il ministero degli Affari Esteri ungherese sia intervenuto sulla Federbasket ungherese per impedire che la squadra di Sopron giocasse in Eurolega contro il Famila Schio. La motivazione addotta è stata quella del timore che le giocatrici del Famila Schio fossero infette.
La gara è stata già spostata a Lubiana per il prossimo 26 febbraio.
Basket: Nba, colpo Milwaukee a Toronto, bene anche i Lakers
Gallinari 24 punti nella vittoria dei Thunder contro i Bulls
26 febbraio 2020
09:30
– Sette partite nel turno di questa notte in Nba. In evidenza la vittoria in trasferta di Milwaukee Bucks sui campioni in carica, i Toronto Raptors, piegati con il punteggio di 108-97. Una vittoria che la dice lunga sul predominio dei Bucks, che fin dall’inizio della stagione occupano saldamente la prima posizione in classifica nella Eastern Conference. Successo anche per la capolista della Western, i Los Angeles Lakers che, grazie anche a uno straripante Lebron James (40 punti a segno), hanno battuto i New Orleans Pelicans di Nicolò Melli, che ha firmato 11 punti.
Punteggio finale a favore dei californiani 118-109.
Bene anche la seconda della classe a ovest, Denver, vittoriosa senza problemi su Detroit per 115-98.
E’ andata bene all’altro azzurro, Danilo Gallinari, che con i suoi Oklahoma City Thunder ha piegato di misura i Chicago Bulls per 124-122, con ben 24 punti messi a segno dal campione italiano.
Nelle altre sfide, successo fuori casa per Boston a spese di Portland per 118-106, ennesimo ko per i Warriors, sconfitti dai Kings per 112-94.
Tennis: Acapulco, Errani al secondo turno
Battuta in due set la spagnola Sorribers Tormo.
26 febbraio 2020
10:15
– Prosegue la corsa della tennista azzurra Sara Errani nell'”Abierto Mexicano Telcel”, torneo che si sta disputando sui campi in cemento di Acapulco, in Messico.
Nella notte italiana la 32enne romagnola, numero 185 del ranking mondiale, ha sconfitto per 7-5 6-4, dopo due ore e 19 minuti di lotta, la spagnola Sara Sorribes Tormo, 23enne di Castellon, numero 80 Wta,. Al secondo turno la Errani troverà la cinese Xiyu Wang, numero 127 del mondo, che ha eliminato a sorpresa la connazionale Yafan Wang (n. 56) seconda favorita del seeding, nonché campionessa in carica. Tra Sara e la 18enne di Taizhou non ci sono precedenti. Eliminata a sorpresa la prima testa di serie, la statunitense Sloane Stephens, numero 35 del ranking mondiale e in gara con una wild card (ha vinto l’edizione 2016 di questo torneo), sconfitta per 64 62 dalla messicana Renata Zarazua, numero 270 Wta, in tabellone grazie ad una wild card.
La sconfitta più dolorosa però è stata quella di Venus Williams, 39 anni, numero 64 del mondo,
superata per 4-6 7-6(4) 6-2 dalla 19enne slovena Kaja Juvan (n. 125): la campionessa americana ha fallito ben 7 match-point.
Ha dato forfait, invece, Jasmine Paolini (n. 94) costretta al ritiro a causa di un’intossicazione alimentare. La tennista toscana era stata sorteggiata al primo turno contro la britannica Katie Boulter (394).
Sei Nazioni: l’Irlanda chiede di cancellare la sfida con l’Italia
Proposta da capo Dipartimento Salute per la crisi del coronavirus, gara in programma il 7 marzo
25 febbraio 2020
23:13
È sotto osservazione la gara del 6 Nazioni di rugby Irlanda-Italia, in programma il 7 marzo, che rischia di essere cancellata per motivi di salute pubblica. Lo riferisce l’agenzia Bloomberg citando Tony Holohan, capo del Dipartimento della Salute. Il quale raccomanda di annullare la partita a causa della ‘rapida evoluzione dell’epidemia’ nel nord Italia e conseguente rischio di importare casi di coronavirus in Irlanda. Secondo l’agenzia il ministro della Salute, Simon Harris, ha accolto con favore la raccomandazione di annullare la partita, fatta nell’interesse della sicurezza pubblica.
Il board del Sei Nazioni ha fatto sapere di essere a conoscenza della raccomandazione del Ministero della Salute irlandese relativa all’incontro tra Irlanda e Italia di sabato 7 marzo. In questo senso, la Federazione irlandese ha organizzato un incontro urgente con il Governo irlandese per discutere ulteriormente il tema e Sei Nazioni rimarrà in stretto contatto con le parti in merito all’esito della riunione.

Calcio tutte le notizie in tempo reale- tutte le notizie di calcio sempre aggiornate e complete! SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 41 minuti

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 20:30 DI DOMENICA 23 FEBBRAIO 2020

ALLE 10:52 DI MERCOLEDì 26 FEBBRAIO 2020

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: Serie C, rinviata anche Pro Vercelli-Novara
Domani decisioni su possibili nuovi rinvii
23 febbraio 2020 20:30
– Con un comunicato diffuso in serata la Lega Pro ha reso noto il rinvio a data da destinarsi per l’emergenza Coronavirus anche di Pro Vercelli-Novara, match valevole per il campionato di serie C (girone A), inizialmente in programma domani sera, ” preso atto delle comunicazioni delle autorità competenti”.
In merito ai prossimi turni di campionato, domani mattina, dopo aver valutato le ordinanze delle autorità competenti, verranno assunti i conseguenti provvedimenti in ordine al rinvio delle gare delle società che dovranno disputare il turno nelle regioni oggetto di dette ordinanze.
In mattinata erano state sospese altre cinque partite a seguito del provvedimento del governo che blocca l’attività sportiva in Lombardia e Veneto, e cioè Piacenza-Sanbenedettese, Giana-Como, Lecco-Pro Patria, Arzignano Valchiampo-Padova e Feralpi Slò-Carpi.
Tegola Hazard, Real Madrid potrebbe cambiare modulo
Il fuoriclasse belga si è infortunato di nuovo: stagione finita
24 febbraio 2020
19:16
La grave perdita di Eden Harzard, a causa di un altro infortunio (era rientrato da poco, dopo 83 giorni di stop), è una brutta tegola per il Real Madrid, atteso da una settimana di fuoco – fra sfida Champions contro il Manchester City e ‘Clasico’ – dopo avere perso il primato nella Liga. L’allenatore Zinedine Zidane ha una serie di opzioni per sostituire il fuoriclasse belga, la cui stagione può considerarsi conclusa. Il tecnico francese scommetterà sul 4-4-2, con Benzema terminale offensivo e Isco al suo fianco, o intorno a lui. L’altra opzione riguarda l’inserimento di Rodrygo al fianco del bomber francese. Nel caso in cui Zidane prendesse in considerazione l’ipotesi di puntare su un 4-3-3, allora spazio a Bale e Vinicius.
Nelle sfide più importanti, almeno finora, Zidane ha sempre cercato di rinforzare il centrocampo, schierando quattro giocatori, ma potrebbe tornare al 4-3-3. Il Real Madrid, con quest’ultimo modulo, guadagnerebbe in potenziale offensivo, ma perderebbe in contenimento della manovra avversaria. Tutto, ovviamente, dipenderebbe dall’atteggiamento tattico di Bale e Vinicius; Lucas Vázquez viene considerato il sostituto di Bale sulla destra, Jovic l’alternativa a Benzema, o anche il partner ideale.
Il Premio Prisco assegnato a Mihajlovic
Altri 2 riconoscimenti a Barella (Inter) e Vigorito (Benevento)
CHIETI
24 febbraio 2020
10:47
– Oreste Vigorito (Benevento), Sinisa Mihajlovic (Bologna) e Nicolò Barella (Inter) sono i vincitori, nelle rispettive categorie (Dirigenti di Società, Allenatori e Calciatori), della 18/a edizione del Premio Nazionale “Giuseppe Prisco” alla lealtà, alla correttezza e alla simpatia sportiva.
Il Premio Speciale di Giornalismo “Nando Martellini”, quest’anno giunto alla sua 16/a edizione, è stato invece attribuito alla giornalista di Rai Sport Donatella Scarnati. Lo ha stabilito l’apposita giuria, unica per entrambi i premi, presieduta da Sergio Zavoli e composta da Italo Cucci, Gianni Mura, Gian Paolo Ormezzano, Marco Civoli, Franco Zappacosta, Ilaria D’Amico e coordinata dall’imprenditore Marcello Zaccagnini, presidente del Comitato organizzatore.
La stessa commissione, sempre d’intesa con il presidente del Comitato organizzatore Marcello Zaccagnini, ha deciso di attribuire il “Premio Speciale della Giuria” al Commissario Tecnico della Nazionale Italiana, Roberto Mancini. La giuria, infine, accogliendo la proposta dell’USSI – Gruppo Abruzzese Giornalisti Sportivi, ha conferito uno specifico e altrettanto importante riconoscimento al giornalista Enrico Rocchi, che sarà premiato, per la circostanza, con l’opera Games 13 ideata e realizzata dall’artista Ester Crocetta. La cerimonia di premiazione si svolgerà alle 11 di lunedì 27 aprile 2020, al Teatro Marrucino di Chieti e sarà presentata dal giornalista Stanislao Liberatore.
Ghirelli: “Lega Pro mette al primo posto la sicurezza”
Presidente: “Sia quella dei giocatori che dei tifosi”
24 febbraio 2020
11:00
– “Governare l’emergenza in un momento estremamente delicato, mettendo al primo posto la sicurezza e la salute di calciatori e tifosi. È quanto sta facendo la Lega Pro, che ha attivato dal primo momento anche una task-force interna, per tutto il giorno, formata dal segretario generale, Emanuele Paolucci, dal responsabile agonistica Tommaso Donati, da Gaia Simonetti dell’area comunicazione, dalla responsabile segreteria di presidenza, Anna Vezzani, e da Marco Michelin, che segue l’area social di Lega Pro. Lo scopo primario è il costante rapporto con i club”. Così Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro, a RadioRai.
“Non sottovalutiamo, né amplifichiamo – continua Ghirelli -: la situazione è monitorata, stando in stretto collegamento con le autorità preposte, a iniziare da Figc. Un ringraziamento lo vorrei rivolgere a tutti i club di Lega Pro, per il supporto e la collaborazione che stanno prestando. Dimostrano grande consapevolezza e grande spirito di servizio, un patrimonio utile per il Paese e non solo per il calcio”.
Coronavirus: al via riunione dei medici in Federcalcio
Gli esiti dell’incontro all’attenzione del Consiglio federale
24 febbraio 2020
11:05
– E’ cominciata da pochi minuti, nella sede della Figc a Roma, la riunione di una task-force di medici della Federcalcio per analizzare la situazione dell’emergenza Coronavirus. Un’iniziativa assunta ieri dal presidente della Figc, Gabriele Gravina, alla quale partecipano anche rappresentanti delle varie leghe e dell’Aia.
Gli esiti della riunione saranno portati all’attenzione del Consiglio federale convocato per le 12. Partecipano alla riunione i professori Paolo Zeppilli e Andrea Ferretti, il dott.
Carmine Costabile e il prof. Roberto Cauda, direttore dell’area clinica e dell’unità operativa complessa di microbiologia e malattie infettive del Policlinico Gemelli a Roma.
Roma: Perez esulta, una grande vittoria di squadra
Ex Barca su Instagram: “Tre punti importantissimi. Avanti così”
24 febbraio 2020
11:12
– “Grande vittoria di squadra. Forza.
Tre punti importantissimi!!! Continuiamo così!!!”. Carles Perez celebra così, sul proprio account ufficiale di Instagram, la larga vittoria della Roma conquistata ieri sul Lecce all’Olimpico (4-0). Il giovane talento arrivato a gennaio dal Barcellona, che l’allenatore dei giallorossi Paulo Fonseca ha schierato nel secondo tempo al posto di Under, ha confermato di essere già in sintonia con la squadra, al punto da sfiorare perfino il gol del possibile 5-0. Perez ha già segnato con la maglia della Roma nella sfida casalinga contro il Gent, valida per l’Europa League e disputata giovedì scorso.
Champions: lo spagnolo Gil Manzano arbitrerà Lione-Juventus
Real Madrid-Manchester City è stata invece affidata a Orsato
24 febbraio 2020
11:22
– Sarà Jesus Gil Manzano a dirigere la partita d’andata degli ottavi di finale della Champions League, in programma mercoledì alle 21, fra Lione e Juventus. L’arbitro spagnolo sarà assistito dai connazionali Diego Barbero e Angel Nevado, mentre Guillermo Cuadra Fernandez sarà il IV Uomo. Alla Var ci sarà Juan Martinez Munuera, assistito da Ricardo de Burgos.
Arbitri italiani, invece, per la supersfida del Santiago Bernabeu fra Real Madrid e Manchester City, in programma sempre mercoledì alle 21: fischierà Daniele Orsato, assistito da Lorenzo Manganelli e Alessandro Giallatini; come IV uomo è stato scelto Daniele Doveri, mentre alla Var ci sarà Massimiliano Irrati, con l’assistente Ciro Carbone.
Coronavirus: Ulivieri “Autorità decidono, dobbiamo attenerci”
Presidente Aiac: “Mi occupo di tattiche, i medici della salute”
24 febbraio 2020
11:36
– “Prima viene quello che decidono i governi, i governatori delle regioni e i sindaci, a noi non resta altro che adeguarci”. Lo ha detto il presidente dell’Assoallenatori, Renzo Ulivieri, entrando nella sede della Figc prima del Consiglio federale che dovrà occuparsi dell’emergenza Coronavirus. “Quello che posso pensare o decidere io non conta nulla. Io mi intendo di tattiche, per quanto riguarda la salute bisogna affidarsi ai medici, agli esperti e alle autorità”, ha aggiunto Ulivieri.
Coronavirus: Samp, annullata oggi attività settore giovanile
La notizia sul sito ufficiale del club blucerchiato
GENOVA
24 febbraio 2020
11:41
– Per la giornata di oggi si ferma l’attività dell’Academy della Sampdoria, dunque stop all’attività del settore giovanile come ha spiegato il club ligure sul proprio sito ufficiale. “In considerazione dell’ordinanza ufficiale diramata dall’organo regionale competente relativa alle misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid 2019, l’U.C. Sampdoria comunica che sono annullate tutte le attività sportive dell’Academy in programma nella giornata di oggi, lunedì 24 febbraio”.
Champions: il Barcellona sulle note del genere neomelodico
Brano di Raffaello in video della squadra in partenza per Italia
24 febbraio 2020
13:16
– Il Barcellona è in viaggio verso Napoli, dove domani sera giocherà la partita d’andata degli ottavi di Champions: per entrare nell’atmosfera, i catalani hanno rispolverato un brano in dialetto napoletano cantato da Raffaello e dal titolo ‘Turnamme a fa pace’. Le note del pezzo – vera e propria hit del genere neomelodico – fanno da colonna sonora al video della squadra che prende posto sull’aereo che la porterà alle falde del Vesuvio. La scena è stata pubblicata nell’account Twitter ufficiale del club catalano. La musica stride con i volti di Marc-Andrè Ter Steger e Leo Messi, Busquets e Piqué, che domani sera saranno di scena sul terreno del San Paolo. Altro che blues partenopeo, meglio il genere neomelodico.
Champions: Insigne, Messi il più grande al mondo in attività
‘Niente paragoni con Maradona, per noi napoletani Diego è sacro’
NAPOLI
24 febbraio 2020
13:51
– ”Attualmente Messi per me e il calciatore più forte al mondo ma non voglio paragonarlo a Maradona perché per noi napoletani Diego è sacro”. Lorenzo Insigne parla della gara di domani con il Barcellona e indica in Messi il pericolo numero uno.”Conosciamo la forza dell’avversario – dice il capitano del Napoli – ma non dobbiamo averne paura. Se li affrontiamo con la paura addosso non facciamo le cose giuste”. ”Ci dobbiamo provare giocando da squadra – conclude Insigne – sapendo di avere di fronte grandi campioni. Ma lo sono anche i giocatori del Liverpool e con loro abbiamo vinto e poi pareggiato. Se li affrontiamo nel miglior modo possibile possiamo fare una grande partita e ottenere un grande risultato”.
Champions: Gattuso, Setien un grande, lo mandavo a spiare
‘Ha grande visione del calcio, ti aggredisce appena perde palla’
NAPOLI
24 febbraio 2020
13:52
– ”Setien mi piace tantissimo come allenatore. Mandavo a spiarlo già quando allenava il Las Palmas per capire i suoi metodi”. Rino Gattuso in conferenza stampa tesse le lodi dell’allenatore del Barcellona che il Napoli affronterà domani sera al San Paolo nel turno d’andata degli ottavi di finale di Champions League. ”Setien – spiega – ha una grande visione del calcio. Vuole sempre palleggiare ma se perde palla aggredisce subito gli avversari. Da quando è arrivato lui il Barca riconquista la palla in una media di sei secondi, a fronte dei 14-15 di quando c’era Valverde in panchina”. ”Devo ringraziare – conclude il tecnico – la squadra e Ancelotti perché io non ho fatto nulla. Un po’ di emozione c’è ma ti passa subito. Domani dovremo fare una grande partita in tutte e due le fasi perché loro ti vengono ad aggredire e se non facciamo cose fatte bene rischiamo grosso”.
Figc: Dal Pino eletto vicepresidente
Dal Consiglio federale che è in corso a Roma
24 febbraio 2020
13:54
– Il presidente della Lega Serie A di calcio, Paolo Dal Pino, è stato eletto vicepresidente della Federazione italiana gioco calcio. Lo ha nominato all’unanimità il Consiglio della Federcalcio riunito oggi a Roma.
Era questo uno degli argomenti all’ordine del giorno della seduta del consiglio, ancora in corso, dedicata in gran parte alle problematiche relative all’emergenza Coronavirus.
Lettera Lega serie A a Governo,’gare a porte chiuse’
Coronavirus: passo formale dei club per affrontare l’emergenza
24 febbraio 2020
14:06
– Il presidente della Lega calcio di serie A, Paolo Dal Pino, ha appena inviato una lettera al Governo, attraverso il ministro dello sport, Spadafora, quello dell’Interno, Lamorgese, e quello della Salute, Speranza, per chiedere che nei territori considerati a rischio coronavirus le gare di calcio non vengano sospese, ma siano disputate a porte chiuse.
Si tratta di un atto formale, che la Lega delle società motiva nella lettera con il “calendario già saturo di impegni” e la necessità che le competizioni si concludano “entro il 24 maggio stante l’avvio dei prossimi Europei di calcio”.
Champions: il Barcellona a Napoli, cori per Messi e Maradona
Folla accoglie catalani in città in vista Champions
NAPOLI
24 febbraio 2020
14:28
– Una folla di tifosi, del Napoli e del Barcellona, ha accolto, all’arrivo nell’albergo del centro della città, la squadra blaugrana che domani sera è attesa al San Paolo per la sfida di Champions. ‘Messi Messi’, ma anche invocazioni a Maradona, indimenticato campione azzurro, all’arrivo dei calciatori giunti a bordo di un bus dopo essere sbarcati all’aeroporto di Capodichino.
Coronavirus, Serie A verso le gare a porte chiuse
Interessata anche Inter-Ludogorets di Europa League
24 febbraio 2020
19:13
Il presidente della Lega calcio di serie A, Paolo Dal Pino, ha inviato una lettera al Governo, attraverso il ministro dello sport, Spadafora, quello dell’Interno, Lamorgese, e quello della Salute, Speranza, per chiedere che nei territori considerati a rischio coronavirus le gare di calcio non vengano sospese, ma siano disputate a porte chiuse. Si tratta di un atto formale, che la Lega delle società motiva nella lettera con il “calendario già saturo di impegni” e la necessità che le competizioni si concludano “entro il 24 maggio stante l’avvio dei prossimi Europei di calcio”.

Interessata anche Inter-Ludogorets di Europa League, in programma giovedì. Quanto a Juve-Inter, big match della prossima giornata, e’ stato escluso il rinvio a lunedi’.

Si’ alle gare sportive a porte chiuse, nei territori interessati dalla diffusione del coronavirus: il ministro dello sport, Vincenzo Spadafora, ha annunciato che e’ in via di ultimazione il decreto del governo che lo consente.

“Ho inoltrato in mattinata al Ministro Speranza una richiesta ufficiale per la gara ufficiale di giovedì dell’Inter e siamo in attesa di un riscontro del Governo per la disposizione della gara a porte chiuse e ci aspettiamo un segnale positivo. Si va verso le porte chiuse”: lo ha detto il presidente della Federcalcio Gabriele Gravina nella conferenza stampa al termine del Consiglio federale n sel quale si è discusso dell’emergenza Coronavirus.

Parlare di Juventus-Inter a porte chiuse non è un tabù. Nemmeno per il presidente bianconero, Andrea Agnelli, ospite di Radio24: “In questo momento la priorità è la tutela della salute pubblica, partendo da questo presupposto c’è un dialogo in corso con le autorità, ma qualunque determinazione sarà presa, è importante che sia a tutele della salute pubblica”.”Il calendario è estremamente intasato – ha proseguito Agnelli -, frutto di scelte pregresse a cominciare dall’inizio del campionato tardi e della sosta natalizia. Ovvio che adesso si è in difficoltà ma, ripeto, noi ci adegueremo a quello che decideranno gli enti preposti”.

Disputare gli eventi sportivi “a porte chiuse e’ la strada giusta”: lo dice Walter Ricciardi, membro dell’esecutivo Oms nominato consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza. “La prima strategia – ha detto Ricciardi a Radio Punto Nuovo – è non far incontrare persone in luoghi dove sono a stretto contatto tra di loro, seppure all’aperto, come allo stadio. Ho consigliato nella veste di tecnico sanitario e di persona appassionata di sport che giocare a porte chiuse è la strada giusta”, ha detto commentando la richiesta ufficializzata oggi da Gravina.
Lo stop alle manifestazioni sportive, ha aggiunto, “e’ un provvedimento prese per almeno le prossime due settimane”.

Una domenica dall’atmosfera quasi surreale. Lo sport, calcio in primis, va in quarantena per l’emergenza Coronavirus. Dopo le decisioni di ieri sera del Consiglio dei ministri, Lombardia e Veneto e poi Piemonte ed Emilia Romagna hanno sospeso tutte le manifestazioni sportive: e si è fermata anche la serie A. Rinviate a data da destinarsi quattro partite – Atalanta-Sassuolo, Inter-Sampdoria, Verona-Cagliari e anche Torino-Parma più altre partite in serie C, dei campionati minori, di quelli giovanili, del basket, della pallavolo. Uno stop doveroso e necessario, in linea con le disposizioni del Governo, anche se ora, soprattutto per la serie A apre interrogativi non di poco conto su come regolarsi nel futuro immediato, se optare per la disputa delle gare a ‘porte chiuse’ o in ‘campo neutro’. Un problema non di poco conto visto il calendario senza margini di intervento con campionato, coppa nazionale e competizioni europee a non lasciare di fatto spazio a nuove date. I rinvii dei match di serie A pongono adesso un problema anche sulla regolarità del campionato e trovare date utili per il recupero potrebbe cominciare a diventare complicato, considerando che questo è l’anno dell’Europeo e che quindi non si può travalicare il paletto temporale del 24 maggio, data dell’ultima giornata di Serie A.
Il ministro dello sport Vincenzo Spadafora è in continuo contatto con il numero uno del Coni, Giovanni Malagò ed il presidente della Figc, Gabriele Gravina. Il presidente della Federcalcio ha convocato per oggi in via Allegri una task force dei medici della federazione per analizzare la situazione dell’emergenza Coronavirus e dare indicazioni precise sull’attività delle squadre nazionali (al momento sono stati rinviati gli stage delle nazionali Under 19 maschile e femminile), poi ci sarà l’attesa riunione del Consiglio federale (al quale è prevista la presenza di un rappresentante del ministero dello sport) che dovrà prendere in considerazione tutte le possibili soluzioni ed adottare provvedimenti. Martedì, sono in programma il consiglio nazionale e la giunta del Coni dove è prevista la presenza proprio di Spadafora.
“Credo che in questo momento il mondo dello sport non debba andare per conto proprio. Deve essere allineato con le disposizioni delle autorità preposte, in primis il Governo”, ha commentato il presidente del Coni, Giovanni Malagò sottolineando comunque che l’interesse primario “è la salute”. “Ci siamo adeguati al decreto del Consiglio dei Ministri – dice a margine di Roma-Lecce – Qualcuno può condividerlo, o no. Sarebbe stato profondamente sbagliato e inelegante se si fossero anticipate le mosse del Governo. Qui parliamo di tante manifestazioni sportive, non solo di calcio. Il dialogo è aperto con tutte le società coinvolte”. Quanto all’ipotesi di giocare le partite a porte chiuse Malagò spiega che “è stata preso in considerazione dal Governo. Però ci sono due problemi: da un lato i biglietti già venduti con società che si dovrebbero far carico dell’aspetto economico, dall’altro se si decide nel giro di poche ore di giocare a porte chiuse potrebbe esserci un problema di ordine pubblico. Si naviga a vista. L’obiettivo naturalmente è di ripartire al più presto”.
Il ministro dello Sport Spadafora, che ieri sera ha disposto la sospensione delle manifestazione sportive, ha ribadito che “ora più che mai abbiamo il dovere di essere prudenti e responsabili. È necessario agire in maniera seria e determinata senza alcun allarmismo ma evitando ogni situazione di rischio”.
E intanto, giovedì a San Siro è in calendario il match di Europa League Inter-Ludogorets: i bulgari hanno chiesto lumi all’Uefa e, comunque evolva la situazione dell’emergenza coronavirus, la partita si giocherà.
Se i provvedimenti restrittivi presi dal governo per le gare a Milano dovessero persistere (e non venisse adottata la formula delle porte chiuse) l’evento verrebbe spostato in campo neutro.
Quanto alle gare a porte chiuse, l’ipotesi non raccoglie troppo consenso dai campi: si allo stop delle partite no all’assenza dei tifosi per l’allenatore della Lazio, Simone Inzaghi. “Quello che sta accadendo in Italia è un problema serio e importante, sono d’accordo se si dovranno fermare le partite di campionato”, mentre si dice contrario all’ipotesi di giocare a “porte chiuse”: “Assolutamente no. Il succo del calcio sono i tifosi. Non bisogna sottovalutare quello che sta capitando. Ci stiamo muovendo nella direzione giusta – sottolinea -. Il calcio resta dei tifosi, per questo bisognerà cercare di porre rimedio a questa grandissima problematica”. CALCIO: RISULTATI E CLASSIFICHE IN TEMPO REALE: DALLA SERIE A, B, C A TUTTI I CAMPIONATI DEL MONDO E MOLTO ALTRO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Agnelli, scudetto? Della Lazio temo la spensieratezza ++
Presidente Juve: “l’Inter con Conte ha l’obbligo di vincere”
24 febbraio 2020
14:33
– “Della Lazio temo la spensieratezza.
Se riesce a traghettare marzo-aprile sarà per loro un grande vantaggio”: così il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, intervenuto a “Tutti convocati” su da Radio 24. “Ovviamente, questa spensieratezza può diventare anche un boomerang nel caso di qualche risultato negativo, considerando che ormai la qualificazione Champions per la Lazio è quasi fatta”, ha aggiunto Agnelli. “Lazio e Inter hanno due filosofie diverse e due rose diverse: l’Inter non ha questa spensieratezza,con Conte si è caricata dell’obbligo di vincere”.
Coronavirus: Spadafora, sì a partite a porte chiuse
Ministro sport: Provvedimento per aree individuate nel decreto
25 febbraio 2020
10:10
Nelle aree interessate dall’emergenza Coronavirus le partite si disputeranno a porte chiuse. Lo ha detto il ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora ai microfoni del Tg2 al termine del consiglio dei ministri. “Sono già in vigore provvedimenti che vietano gli eventi fino a domenica prossima, inizialmente per la Lombardia, il Veneto e il Piemonte, ora con questo dpcm abbiamo allargato anche a Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Liguria. In queste regioni, resta il divieto di manifestazioni sportive, per alcuni eventi abbiamo dato la disponibilità a svolgerli a porte chiuse”.
Spadafora ha sottolineato che il provvedimento “non è stato esteso al resto d’Italia perché non esistono le condizioni per prendere misure gravi”.
Coronavirus: sospese prime tappe ‘Panini tour up!’
Erano previste Bari, Verona, Cernusco, Bologna e Reggio Calabria
25 febbraio 2020
10:52
– L’allarme per il Coronavirus ferma le prime tappe del “Panini Tour Up! 2020”, l’iniziativa promozionale per il lancio della collezione di figurine “Calciatori 2019-2020”. Lo hanno deciso la Panini con il gruppo Intesa Sanpaolo, partner della nuova raccolta, in seguito alla situazione Coronavirus. Nel prossimo weekend la manifestazione avrebbe dovuto iniziare da Bari con la presenza di un “villaggio” dove giocare, vincere premi e scambiare figurine per completare l’album. Negli stessi giorni, altre attività del tour erano previste anche in un centro commerciale di Verona e in quattro filiali di Intesa Sanpaolo a Genova, Cernusco sul Naviglio (Mi), Bologna e Reggio Calabria. “Siamo molto dispiaciuti per aver dovuto assumere questa decisione -, spiega Antonio Allegra, direttore Mercato Italia di Panini – “che però rappresenta una forma di prudenziale cautela per le decine di migliaia di collezionisti piccoli e grandi che, da molti anni, affollano il nostro tour in tutta Italia. Ci auguriamo di poter recuperare in qualche modo l’appuntamento con i tanti fan delle figurine ‘Calciatori’. A breve, daremo altre informazioni in caso l’attività possa essere ripresa nelle prossime settimane”.
Il programma “Panini Tour Up! 2020” prevedeva tre percorsi (piazze, centri commerciali, filiali di Intesa Sanpaolo) in 30 città in tutta la penisola dal 29 febbraio al 5 aprile, per un totale di 36 tappe e 48 giornate evento.
Coronavirus: Uva, stop calcio solo se situazione precipitare
Vicepresidente Uefa: Monitoriamo tutti i Paesi
25 febbraio 2020
11:28
– “Cerchiamo di non fermarci, il percorso sportivo verrà bloccato solo se la situazione dovesse precipitare”: così Michele Uva, vicepresidente UEFA, ai microfoni di Rai Radio1 Sport a proposito di Coronavirus e dei riflessi dell’epidemia sul prossimo Europeo itinerante: “Siamo in una fase d’attesa -ha detto Uva- monitoriamo Paese per Paese, il calcio deve seguire le indicazioni governative dei singoli Stati” e ha aggiunto: “Cerchiamo di non fermarci, il percorso sportivo verrà bloccato solo se la situazione dovesse precipitare”.
Coronavirus: Fedriga, calcio a porte chiuse? Meglio rinviare
Ci sono riflessi economici. Si mettono in difficoltà le squadre
TRIESTE
25 febbraio 2020
12:19
– La decisione di disputare le competizioni sportive a porte chiuse per arginare la diffusione del coronavirus “è una decisione nazionale. Per me sarebbe stato utile sospendere. Anche per le squadre di calcio sarebbe stato utile rinviarle”. Lo ha detto il presidente del Fvg, Massimiliano Fedriga, ai microfoni di Radio1. Sabato è in calendario a Udine il match con la Fiorentina.
“Ci sono dei riflessi economici – ha spiegato Fedriga – quindi far giocare delle partite a porte chiuse, senza pubblico e altro, vuol dire mettere in difficoltà le squadre di calcio.
Quindi si sarebbero potute rinviare”.
Coronavirus:Juve-Inter in chiaro? Da Sky disponibilità
Riunione a Rogoredo ‘per consentire a tutti di vederla’
25 febbraio 2020
14:16
“Vista l’eccezionalità del momento, se si creassero i presupposti di intesa con la Lega Calcio, Sky potrebbe valutare di aprire una “finestra in chiaro” trasmettendo su TV8 (nostro canale gratuito) almeno la partita di domenica sera, Juventus-Inter, per consentire a tutti di vederla”. Da una riunione di lavoro di Sky filtra
la disponibilità dell’emittente sull’eventualità di affrontare l’emergenza data dal Coronavirus, e il conseguente dibattito sulle gare a porte chiuse, con una decisione che favorisca gli appassionati. Ad ‘aprire’ all’ipotesi nel meeting al quartier generale di Rogoredo, secondo quanto trapela, è stato Marzio Perrelli, capo di Sky Sport.
In una situazione così unica in cui a tutti i cittadini e a tutte le imprese è richiesto di fare sacrifici, anche Sky sarebbe disponibile a fare il proprio. La nostra funzione di indubbia utilità da sempre ci guida in questa direzione” hanno aggiunto altri dirigenti presenti.
Roma: edema muscolare, Pellegrini si ferma
Centrocampista salta Gent in E.League e trasferta di Cagliari
25 febbraio 2020
13:08
– Niente Gent in Europa League e niente Cagliari in campionato. Lorenzo Pellegrini salterà i prossimi due impegni in trasferta della Roma a causa dell’infortunio riportato in occasione del successo sul Lecce.
Il centrocampista, che era stato sostituito nell’intervallo dal tecnico Paulo Fonseca, questa mattina si è sottoposto ad esami strumentali che hanno evidenziato un edema muscolare al bicipite femorale della coscia sinistra. Il recupero sarà adesso valutato giorno per giorno a Trigoria dallo staff medico giallorosso.
Pellegrini dovrebbe tornare a disposizione dell’allenatore portoghese per l’impegno con la Sampdoria in programma all’Olimpico il prossimo 8 marzo.
Coronavirus: Francia blindata, ma per Lione-Juve tutto ok
3.000 tifosi attesi dall’Italia nonostante le rigide restrizioni
PARIGI
25 febbraio 2020
14:01
– Mentre il governo francese, per prevenire il contagio da Coronavirus, emette ordinanze per rispedire da scuola a casa, in quarantena, tutti i bambini o i ragazzi che negli ultimi 14 giorni sono soltanto passati da città della Lombardia o del Veneto, nulla è in programma domani per il previsto arrivo a Lione di 3.000 tifosi della Juventus per gli ottavi di Champions League.
Secondo quanto riferito dalla radio RTL, il presidente lionese, Jean-Michel Aulas, e i dirigenti della società, hanno sondato l’Uefa e il ministero degli Esteri francesi in merito ad eventuali rischi ma non ci sono al momento contrordini al normale svolgimento della partita.
Coronavirus: Giappone, stop campionato calcio fino a 15 marzo
E squadre coreane in Champions asiatica giocano a porte chiuse
25 febbraio 2020
20:47
Il campionato di calcio giapponese si ferma fino al 15 marzo. Lo ha deciso la federazione nipponica in relazione all’estendersi del contagio da coronavirus. Il Giappone si è così allineato alle analoghe decisioni in tal senso già adottate da Cina e Corea del sud. L’annuncio del blocco di tutte le partite, a partire da domani, è stato dato in una conferenza stampa dal numero uno della federcalcio locale, Mitsuru Murai. La Corea del Sud ha posticipato l’inizio della stagione della K-league, mentre anche la Super League cinese è sospesa. La Corea del Sud ha anche annullato i campionati mondiali di ping-pong, in programma a marzo. E le squadre di calcio sudcoreane Seoul e Ulsan Hyundai giocheranno a porte chiuse le partite della prossima settimana in Champions League asiatica.
In Giappone 156 persone sono finora risultate positive al virus, insieme ai quasi 700 passeggeri della nave da crociera Diamond Princess (4 dei quali sono morti).
Lo stop alle partite di calcio suscita molta preoccupazione per le Olimpiadi di Tokyo, in programma a partire dal 24 luglio.
Sono peraltro stati sospesi i corsi di formazione per i volontari che saranno impegnati a supporto dei Giochi. Domenica invece si correrà regolarmente la maratona di Tokyo, ma la gara sarà riservata solo agli atleti d’elite.
Champions: Bonucci “Juve favorita,ma Garcia ci conosce bene”
“Lione ha tifo e giovani brillanti, dovremo stare atteniti
TORINO
25 febbraio 2020
14:37
– La Juventus “è favorita, ma il Lione è allenato da Garcia e lui conosce bene il calcio italiano”. Leonardo Bonucci inquadra l’ottavo di finale di cui domani sera in Francia si gioca il primo atto: A favore del Lione “un gran tifo e tanti giocatori giovani che vorranno farsi notare e dimostrare il loro valore – dice il difensore bianconero in un’intervista al quotidiano L’Equipe – in Champions conta la mentalità, dovremo fare molta attenzione anche a Lione”. Bonucci torna sulle due finali di Champion perse in tempi recenti dai bianconeri, nel 2015 a Berlino e nel 2017 a Cardiff. “Resta il dispiacere, con il Barcellona pensavamo di averla vinta dopo il pareggio segnato da Morata, due anni dopo, invece, abbiamo sottovalutato il Real Madrid nel secondo tempo (dopo l’1-1 al 45′, ndr). Ma quest’anno la concorrenza di Inter e Lazio nel campionato ci aiuterà a non mollare mai in Champions”. JUVENTUS

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Champions: Zidane omaggia Guardiola “per me è il numero 1”
Domani sfida Real-City: “Come un Clasico? Per noi grande sfida”
25 febbraio 2020
14:38
– “Per me è il miglior allenatore al mondo”. Non vuole personalizzare la sfida degli ottavi di Champions tra Real e City, però Zinedine Zidane alla vigilia del big match esordisce facendo proprio i complimenti a Pep Guardiola che domani sarà suo rivale sulla panchina del Manchester. “Perché lo ritengo il migliore? Perché lo ha sempre dimostrato – dice l’allenatore del Madrid -. Prima a Barcellona, ;;poi a Bayern, ora al City. È la mia opinione, magari altri pensano che siamo altri ad essere i migliori. Ci sono tanti tecnici bravi, ma per me il numero 1 è lui”. Niente Zidane contro Guardiola, ci tiene a dire il tecnico del Real, ma una sfida fondamentale per la stagione di entrambe le squadre. “Vogliamo che i nostri tifosi siano orgogliosi, quindi daremo il massimo. Il City è un’ottima squadra e verrà qui a fare una grande partita: noi dobbiamo rispondere come stiamo facendo negli ultimi tempi, giocando bene. E domani proveremo a fare questo. Se è come un Clasico? Non so, può essere chiamata così, o derby o in qualunque altro modo: sappiamo che è una bella partita. Questo è certo”.
Sarri, Champions resta sogno, peso lo sento in Italia ++
“Solo nel nostro Paese siamo obbligati a vincere”
TORINO
25 febbraio 2020
20:00
– “Il peso della Champions? Sento questa responsabilità molto di più in Italia, dove siamo obbligati a vincere. In Europa invece è un sogno-obiettivo: se lo coroni è un’estasi, altrimenti è stato stato un bel viaggio”.
Così Maurizio Sarri, alla vigilia di Lione-Juventus, ottavo di Champions League. “In Champions ci sono 10-12 squadre con l’obiettivo di vincerla, alcune più forti di noi, ma per il panorama attuale del calcio italiano è difficilissimo vincerla.
Non è più come 20 anni fa quando eravamo leader, in questo periodo altre nazioni ci hanno superato”.
Juventus: Bonucci, abbiamo fatto il nostro dovere
Difensore bianconero: “Non so cosa ci si aspettasse di più”
TORINO
25 febbraio 2020
20:02
– Siamo primi in campionato, abbiamo conquistato gli ottavi di Champions con 2 turni di anticipo, abbiamo pareggiato la semifinale di Coppa Italia, quindi abbiamo fatto il nostro dovere, non so cosa ci si aspettasse all’esterno, ma fare meglio era difficile”. Così Leonardo Bonucci, alla vigilia di Lione-Juve, andata degli ottavi di Champions. “Adesso comincia un altro momento della stagione, siamo tutti pronti a viverlo con entusiasmo, con la voglia di arrivare fino in fondo in tutti gli obiettivi”.
Coronavirus: Sarri, Francia come Italia se fa 3.500 tamponi
Tecnico Juve: “E’ un problema europeo, non italiano”
TORINO
25 febbraio 2020
20:06
– “Il coronavirus è un problema europeo, non italiano: da noi sono stati fatti 3.500 tamponi e abbiamo un certo numero di positivi. In Francia ne avete fatti 300 e ne avete molti meno”. Così Maurizio Sarri al cronista che gli riportava, a Lione, le proteste dei sindaci di Décines e Charpieu, comuni su cui sorge lo stadio del Lione, che chiedono di non accettare i tifosi italiani per l’emergenza coronavirus: “Se ne aveste fatti 3.000 di tamponi, magari avreste gli stessi positivi nostri – ha aggiunto Sarri – E’ un problema europeo, i nostri tifosi hanno diritto di essere qui. Abbiamo di fronte un problema e tutti abbiamo il dovere di contenerlo in prima battuta e poi di risolverlo”. CONFERENZA BONUCCI – SARRI VIGILIA OL-JUVENTUS | VIDEO INTEGRALE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Champions: Lione Juventus
Tremila tifosi attesi dall’Italia nonostante le rigide restrizioni
25 febbraio 2020
20:08
Mentre il governo francese, per prevenire il contagio da Coronavirus, emette ordinanze per rispedire da scuola a casa, in quarantena, tutti i bambini o i ragazzi che negli ultimi 14 giorni sono soltanto passati da città della Lombardia o del Veneto, nulla è in programma domani per il previsto arrivo a Lione di 3.000 tifosi della Juventus per gli ottavi di Champions League. Secondo quanto riferito dalla radio RTL, il presidente lionese, Jean-Michel Aulas, e i dirigenti della società, hanno sondato l’Uefa e il ministero degli Esteri francesi in merito ad eventuali rischi ma non ci sono al momento contrordini al normale svolgimento della partita.
Coronavirus, sport a porte chiuse in cinque Regioni
Testo dpcm, sospesa ogni competizione, stop totale in zona rossa
25 febbraio 2020
10:16
Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive “di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati”. Lo prevede il testo del nuovo decreto attuativo sul Coronavirus che riguarda tutti i comuni delle regioni Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte. Resta consentito lo svolgimento di eventi e partite, nonché allenamenti, a porte chiuse nei comuni diversi da quelli della zona rossa del contagio, dove invece lo stop è totale.
Gattuso ‘Barcellona marziano, serve partita della vita’
Il tecnico azzurro: ‘Messi è il più grande. Inutile pensare a gabbie o marcature a uomo. Non si ferma così’
NAPOLI
24 febbraio 2020
14:12
‘Il Barcellona è una squadra di marziani e noi dobbiamo fare la partita della vita se vogliamo portare a casa un risultato importante”. Gennaro Gattuso esamina la forza dell’avversario di domani negli ottavi di Champions e non risparmia lodi alla squadra avversaria.
”I giocatori del Barca – dice – hanno vinto tutto quello che c’era da vincere. Anche le problematiche a livello societario ai giocatori fanno solo il solletico. Sono tutti grandi campioni sul campo ma anche nella testa. Sarebbe un grave errore se la mia squadra – conclude il tecnico del Napoli – pensasse a qualche partita che hanno sbagliato in Champions negli ultimi anni. Dobbiamo affrontarla tutti insieme facendoci forza, senza paura ma con la consapevolezza che sono di un livello superiore”.

“Gabbie? Marcature a uomo? Messi è il più grande giocatore in attività e non credo che possa essere fermato inventandosi qualcosa di speciale”.  Gattuso parla del capitano dei catalani e ne sottolinea le incredibili doti. ”E comunque – aggiunge – il problema non è solo Messi. E’ tutta la squadra che ha grandi capacità. Certo lui non è grande solo per quello che sa fare a livello tecnico e a livello agonistico. E’ il più grande di tutti anche per come ha vissuto tutta la carriera: mai una parola fuori posto, sempre perfetto. E’ un esempio per i bambini”. ”Gli vedo fare cose – conclude il tecnico del Napoli – che si vedono solo nella Play Station. Ha una qualità incredibile e sono già diversi anni che è il più grande giocatore in attività”.
Scarpa d’Oro: duello al vertice Immobile-Lewandowski
Leo Messi firma un poker contro l’Eibar e risale posizioni
24 febbraio 2020
13:26
Continua il testa a testa fra Ciro Immobile e Robert Lewandowski nella classifica per la Scarpa d’Oro. Il centravanti polacco del Bayern Monaco, grazie alla doppietta realizzata venerdì sera nell’anticipo della Bundesliga contro il Paderborn, si è avvicinato al rivale della Lazio.
Grande balzo in avanti di Leo Messi, autore addirittura di un poker nella Liga contro l’Eibar sabato pomeriggio.
L’argentino, che era a secco da un mese, risale posizioni.
Immobile guida sempre con 54 punti; Lewandowski è a quota 50; Cristiano Ronaldo a 42, assieme a Timo Werner del Lipsia ed Erling Haaland del Borussia Dortmund). Messi ha scavalcato Romelu Lukaku ed è a 36 punti.
Coronavirus: Gattuso, siamo vicini a chi sta avendo problemi
‘Speriamo che le situazioni si riusciranno a risolvere presto’
NAPOLI
24 febbraio 2020
13:03
– “Siamo vicini alle persone che stanno avendo problemi a causa del Coronavirus”. Rino Gattuso all’inizio della conferenza stampa di presentazione della partita di Champions League, Napoli-Barcellona, ha testimoniato la sua vicinanza e quella della squadra a tutti coloro i quali stanno vivendo i momenti di difficoltà a causa dell’epidemia.
“Siamo vicini a tutti – ha aggiunto Gattuso, al Governo per quello che sta facendo e speriamo che tutti i problemi si riusciranno a risolvere al più presto”.
PSG: Neymar espulso, polemiche sul Carnevale
Fan lo contestano, si fa espellere forse per volare in Brasile
24 febbraio 2020
19:14
Al Paris Saint-Germain non tira una bella aria. E lo conferma lo striscione esposto ieri sera dai tifosi al Parco dei Principi, dove la squadra di Thomas Tuchel ha battuto 4-3 il Bordeaux guidato da Paulo Sousa. Dopo le polemiche per la megafesta post-sconfitta di Dortmund in Champions (dove si sono festeggiati i compleanni di Cavani, Di Maria e Icardi), adesso lo striscione dei tifosi che rappresenta un attacco diretto ad alcuni big della squadra. “Antoine Kombouaré, David Ginola e Rai avevano una mentalità vincente.
Silva, Mbappé, Neymar, avete paura di vincere? Tirate fuori le p…”, il messaggio apparso sulle tribune dello stadio parigino.
Inoltre, su Neymar, che ieri sera è stato espulso al 90′ dall’arbitro Willy Delajod dopo una protesta fuoribonda conseguente un proprio fallo di reazione, pende il sospetto che – nelle prossime ore – possa trasferirsi in Brasile per partecipare ai festeggiamenti del Carnevale di Rio, il più famoso del mondo. Da sei anni, il fuoriclasse brasiliano vi partecipa – fra una defezione e l’altra – e quest’anno? Proprio nel cuore della stagione, con il ritorno degli ottavi di finale di Champions che si avvicinano (il PSG deve ribaltare l’1-2 di Dortmund), Neymar riuscirà a parteciparvi? Le sfilate si concluderanno mercoledì nel sambodromo di Rio e il fuoriclasse ‘canarinho’ non vuol mancare all’appuntamento, in barba al malumore dei tifosi.
Champions: Gattuso, Maradona è il migliore di tutti i tempi
‘Mi dispiace non averlo visto dal vivo. Messi fa cose come lui’
NAPOLI
24 febbraio 2020
15:04
– “Purtroppo Maradona non l’ho incrociato nella mia carriera di calciatore e l’ho visto all’opera solo nelle videocassette o nei dvd. Ma so bene che è stato il miglior calciatore di tutti i tempi. A Messi, che domani avremo come avversario, vedo fare oggi un po’ di cose alla Maradona. Sicuramente è lui il più forte tra i giocatori in attività”. Nel giorno in cui le attese dei tifosi del Napoli sono concentrate sulla sfida al campione argentino del Barca, Rino Gattuso, in conferenza stampa, affronta un aspetto che riguarda l’ideale staffetta al San Paolo tra il campione di ieri e quello di oggi.
“Mi dispiace – conclude Gattuso – di non aver mai visto Maradona giocare dal vivo. Sono cosciente di essermi perso qualcosa di meraviglioso”.
Coronavirus: a Napoli controlli anche a giocatori Barcellona
Come da prassi nell’aeroporto termometro laser e scanner
NAPOLI
24 febbraio 2020
15:07
– Controlli per il coronavirus anche per Messi e compagni all’arrivo nell’aeroporto di Napoli. La squadra e lo staff del Barcellona sono atterrati all’ora di pranzo allo scalo di Capodichino per la data degli ottavi di finale di Champions League contro il Napoli e tutti sono stati sottoposti al termometro laser e allo scanner, come previsto dalla norma coronavirus per tutti i voli internazionali.
Dopo lo sbarco il Barcellona si è diretto in autobus verso il centro di Napoli, per sistemarsi nell’hotel in via Medina a che ospita la squadra catalana. Al loro arrivo all’albergo, i giocatori blaugrana sono stati accolti da un centinaio di tifosi assiepati davanti all’albergo, che li hanno accolti con entusiasmo, cantando anche cori per Leo Messi.
Coronavirus: Balata, serve regia unica, aspettiamo
N.1 serie B, campionati da salvaguardare.
Bene apertura Spadafora
24 febbraio 2020
15:31
– “Serve una regia unica in una situazione in divenire e dobbiamo attenerci comunque alle disposizioni che vengono dal governo. La FIGC si é resa disponibile all’ipotesi di giocare le partite a porte chiuse, ma dobbiamo aspettare e valutare. C’è una apertura del ministro? Bene ma occorre aspettare”. Cosi il presidente della Lega serie B, Mauro Balata, uscendo dalla sede della Federcalcio dove si è svolto un consiglio incentrato sull’emergenza coronavirus.
“Dobbiamo cercare di gestire la situazione sotto ogni profilo – ha proseguito – Anche perché ci sono tanti campionati da cercare di salvaguardare”.
Agnelli: ‘Bene Sarri, eresia non pensare a Guardiola’
N.1 Juve: ‘Forza di un’idea è nella prosecuzione nel tempo’
24 febbraio 2020
19:12
“Dire che nessuno pensi a Guardiola sarebbe un’eresia. Però in questo momento della sua vita è estremamente felice dov’è, al di là delle contingenze. Se io sono felice dove sono difficilmente lascio per dove sono”. Così il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, intervenuto a ‘Tutti convocati’ su Radio24. Se fosse libero la prossima estate? gli viene chiesto: “Noi siamo molto contenti di Sarri, al di là delle cene che facciamo – la risposta del n.1 bianconero – Abbiano un contratto di tre anni, la forza di un’idea è nella prosecuzione del tempo, la priorità è proprio questa. Noi volevamo Sarri e abbiamo preso Sarri”.
Agnelli: “Paratici grande dirigente, non è sotto esame”
‘Mancati arrivi Lukaku e Haaland? Non possiamo comprarli tutti’
24 febbraio 2020
15:32
– “Paratici è un grandissimo dirigente e non è assolutamente sotto esame”. La rassicurazione arriva direttamente dal presidente della Juventus, Andrea Agnelli, ospite di Radio24. “Fabio ha dimostrato di essere un grande dirigente e lo sta dimostrando. Dal mio punto di vista non è sotto esame – puntualizza Agnelli, a proposito delle voci che vorrebbero il ds con qualche ‘veduta’ diversa -. L’unica differenza rispetto al passato è che adesso Fabio è più sotto i riflettori rispetto a prima. Con lui abbiamo cominciato un ciclo nel 2018 e il primo step è nel 2021, ma solo perché va a scadenza, così come il Cda scade, non altro”, ha detto il presidente bianconero che poi ha puntualizzato su alcuni mancati acquisti di mercato, Lukaku e Haaland su tutti: “Per fortuna alla Juventus vengono accostati i migliori giocatori del mondo, ma se guardo alle speculazioni durante l’anno noi dovremmo acquistare 50-60 giocatori ogni stagione e non possiamo comprarli tutti”. “Una squadra – conclude – si costruisce con la logica, e non va dimenticato che molti giocatori possono anche essere contenti di dove sono”.
Coronavirus: Castellacci, alla lunga rischio stop campionato
Prof.: “In questo momento la priorità non è certo il calcio”
24 febbraio 2020
16:51
– “Il problema è abbastanza complesso.
Bisogna innanzitutto considerare quali sono le nostre priorità in questo momento: di certo, non il calcio, ma tenere sotto controllo il Coronavirus. Se questa epidemia dovesse aumentare a macchia di leopardo, come chiudono gli stadi del nord chiudono gli stadi del sud. E’ un’ipotesi plausibile, non certo un mio suggerimento, la sospensione di un campionato”. Così il professor Enrico Castellacci, ex medico della Nazionale azzurra di calcio campione del mondo a Berlino nel 2006.
“Anche giocare a porte chiuse, per due o tre partite, va bene, ma ricordiamoci che, quando si spostano le squadre, si spostano comitive di 30-40 persone – aggiunge -. Può avere un senso giocare a porte chiuse se questa forma influenzale resta limitata a dov’è adesso, ma credo ci sarà uno sviluppo e altre regioni verranno interessate. Fermare il campionato non è un’eresia”.
“Siccome tutti parlano dei recuperi, degli ingorghi delle partite, in questo momento la priorità in Italia non è il calcio. La priorità è un’altra. Le cose che possono sembrare fantascientifiche diventano realtà”, conclude.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Ghirelli, quarto uomo in serie C dai playoff
Presidente Lega Pro, sul coronavirus adottato azioni necessarie
24 febbraio 2020
17:24
– “Noi i provvedimenti li abbiamo già presi per quanto riguarda il campionato di serie C, rinviando la prossima giornata nelle regioni interessate dalle ordinanze di divieto di manifestazioni sportive. Per quanto riguarda il consiglio federale è stato deciso che nelle partite di Serie C sarà introdotto il quarto uomo dai play-off di questo campionato per poi diventare definitivo dal prossimo”. Lo ha detto il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, al termine del Consiglio Figc.
Calcio:Fonseca “Vorrei che Smalling e Mkhitaryan restassero”
Tecnico Roma “Grandi giocatori e grandi uomini”
24 febbraio 2020
17:33
e Henrikh Mkhitaryan restassero alla Roma anche la prossima stagione. Il difensore inglese e il centrocampista armeno sono arrivati in prestito secco e per rimanere in giallorosso sarà necessario che il club capitolino tratti, cosa non semplicissima, con Manchester United e Arsenal, titolari dei due cartellini.
“Vorrei che Smalling restasse a Roma, ne stiamo parlando – ha fatto sapere il tecnico portoghese in un’intervista a Sky Sport UK – Non so se sia possibile a causa della situazione con il Manchester United, ma vorrei tanto che Chris restasse qui con noi perché è molto importante. È un grande giocatore e un grande uomo. Ha sempre un atteggiamento positivo e per questo e altri motivi sarei felice se restare qui con noi. Mkhi durante questa stagione ha avuto alcuni infortuni ma ora sta tornando e sta dimostrando la sua qualità. Vediamo. È un giocatore con grande qualità e fantasia, vorrei che anche lui restasse alla Roma”
Calcio: Genoa; Radovanovic operato a Lione, tutto ok
Al centrocampista ricostruito legamento anteriore ginocchio
GENOVA
24 febbraio 2020
18:13
– Operazione perfettamente riuscita per Ivan Radovanovic che oggi a Lione ha subito la ricostruzione del legamento crociato anteriore del ginocchio destro. Il giocatore del Genoa, che si era infortunato a Bologna, è stato operato da Bertrand Sonnery-Cottet, all’Ospedale Privato “Jean Mermoz” di Lione, alla presenza del medico sociale del Genoa, Marco Stellatelli, in rappresentanza dello staff sanitario diretto da Piero Gatto.
Il rientro di Radovanovic in Italia, in presenza di un decorso regolare, è previsto già per domani, quindi il giocatore inizierà l’iter riabilitativo. Non sono stati comunicati i tempi di recupero ma per il centrocampista serbo la stagione è comunque finita.
Calcio: Milan pronto a rimborsare biglietti a tifosi
Predisposta procedura qualora San Siro a porte chiuse con Genoa
MILANO
24 febbraio 2020
20:11
– Il Milan informa “di aver predisposto una procedura di rimborso dei biglietti” per la gara di domenica con il Genoa, qualora “le autorità decidano per la disputa a porte chiuse”. “Il Milan – si legge sul sito rossonero – sta monitorando la situazione sulla base delle disposizioni sugli eventi sportivi che Governo, Regione Lombardia e le istituzioni sportive stanno attuando per far fronte all’emergenza del Coronavirus. Più specificatamente, per quanto riguarda il match tra Milan e Genoa in programma domenica 1 marzo a San Siro alle ore 12.30, il club, pur auspicando di poterlo condividere con i propri tifosi, conferma già da ora di aver predisposto una procedura di rimborso dei biglietti nel caso le autorità decidano per la disputa a porte chiuse.
Ulteriori informazioni verranno divulgate attraverso il sito, gli account social e l’App ufficiale del club”.
Coronavirus:Casasco,coordinamento ministero Salute-Coni-Fmsi
Presidente federmedici sportivi chiede un incontro a Speranza
24 febbraio 2020
20:59
– Il presidente delle Federazione Europea e di quella Italiana di Medicina dello Sport (Federazione medica e scientifica del CONI e riconosciuta tale dal Ministero della Salute), Maurizio Casasco ”ha richiesto al Ministro Roberto Speranza un incontro urgente ai fini di un miglior coordinamento delle attività inerenti alla gestione dell’emergenza sanitaria del Coronavirus all’interno del mondo dello sport”.
”Così – spiega – si potrà rappresentare indirizzi opportunamente condivisi per la tutela della salute degli atleti di ogni categoria ed età sia ai Medici Federali di tutte le Federazioni Sportive Nazionali, delle Discipline Sportive Associate e degli Enti di promozione Sportiva riconosciuti dal CONI, convocati per domani sia al CONI stesso il cui Consiglio Nazionale è previsto nel pomeriggio del medesimo giorno”.
”Solo – conclude Casasco – attraverso una linea di coordinamento diretto tra Ministero della Salute, CONI e FMSI, sarà possibile attuare un’azione incisiva con indirizzi di prevenzione chiari ed efficaci sia in gara sia durante l’allenamento, sia all’interno degli spogliatoi”.
Rinvii e rimborsi, Inter-Ludogorets a tempo del contagio
Handanovic migliora ma c’è Padelli, Conte sceglie turnover
MILANO
25 febbraio 2020
20:05
L’Inter torna a giocare. Lo farà tra le mura amiche di San Siro, ma in un clima surreale, nel silenzio di uno stadio vuoto dove le urla di Antonio Conte da bordo campo arriveranno chiare e precise ai giocatori, nell’eco di un impianto capace di ospitare 75 mila tifosi, ma stranamente deserto. Quella di giovedì contro il Ludogorets, per i sedicesimi di ritorno di Europa League, sarà la prima partita a porte chiuse in Italia in seguito all’emergenza del coronavirus che ha colpito parte dell’Italia. Uno stadio che in questa stagione può vantare una presenza media di 65.800 spettatori tra campionato e coppe, sarà off limits per i tifosi e probabilmente anche i giornalisti. La visione della partita sarà disponibile su TV8 come da programma e i nerazzurri cercheranno di strappare il pass per gli ottavi senza la carica del popolo interista che verrà comunque rimborsato dal club con il riaccredito dei biglietti acquistati. L’Europa League è una pratica da archiviare senza troppi patemi, perché la testa dei nerazzurri corre già alla sfida di domenica, decisiva per lo scudetto, contro la Juve allo Stadium. In campo giovedì ci sarà ancora Padelli. Handanovic sta recuperando dall’infortunio alla mano e dovrebbe tornare a disposizione proprio per il derby d’Italia. Nei prossimi giorni il capitano farà nuovi controlli e in caso di risposte positive potrebbe tornare ad allenarsi con la squadra già venerdì. Lavora per rientrare anche Esposito che oggi ha svolto parte dell’allenamento in gruppo. Come all’andata, Conte darà spazio alle riserve forte anche del 2-0 in favore dell’Inter della scorsa settimana. In attacco, probabilmente, spazio a Sanchez con uno tra Lautaro Martinez e Lukaku. L’Inter si allena in un clima sereno alla Pinetina, tra sorrisi ed esercizi, come testimoniano anche le fotografie pubblicate da Godin. “Settimana importante – ha scritto il difensore – continuiamo a preparare la partita di Europa League”.
Le restrizioni e gli stravolgimenti organizzativi per l’emergenza coronavirus non sembrano aver cambiato il morale della squadra che affronterà anche la Juventus con lo Stadium a porte chiuse. E’ il calcio che si adegua alle disposizioni del Governo. Due settimane stravolte, dalla sospensione del match con la Sampdoria, alla chiusura dello stadio per l’Europa League. Secondo le disposizioni e i limiti disposti dall’emergenza, non dovrebbe essere consentito neanche ai giornalisti e agli operatori dell’informazione di accedere allo stadio. Anche le conferenze stampa della vigilia dovrebbero essere annullate. I tifosi, a malincuore, si allineano alle disposizioni del governo. L’Inter rimborserà tutti i biglietti e ha già reso note le modalità di riaccredito con una nota sul proprio sito. Mentre dalla Bulgaria c’è apprensione da parte dei sostenitori del Ludogorets, preoccupati per la salute dei giocatori. Sulla pagina Facebook del club c’è chi chiede alla società di andare in quarantena una volta tornati, chi critica la Uefa per non aver scelto di far disputare la partita in un campo neutro, chi afferma sia meglio non andare a Milano. “Non è rischioso mandare i giocatori lì? Non è un normale virus”, scrive Kiril Penev e un altro tifoso aggiunge: “Al diavolo la partita, per me è importante che i ragazzi si proteggano dal virus”. E’ la paura del contagio che non risparmia neppure il calcio a Milano.
Coronavirus: Spadafora, sì a partite a porte chiuse ++
Ministro sport: Provvedimento per aree individuate nel decreto
24 febbraio 2020
21:23
– Nelle aree interessate dall’emergenza Coronavirus le partite si disputeranno a porte chiuse. Lo ha detto il ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora ai microfoni del Tg2 al termine del consiglio dei ministri. “Sono già in vigore provvedimenti che vietano gli eventi fino a domenica prossima, inizialmente per la Lombardia, il Veneto e il Piemonte, ora con questo dpcm abbiamo allargato anche a Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Liguria. In queste regioni, resta il divieto di manifestazioni sportive, per alcuni eventi abbiamo dato la disponibilità a svolgerli a porte chiuse”.
Spadafora ha sottolineato che il provvedimento “non è stato esteso al resto d’Italia perché non esistono le condizioni per prendere misure gravi”.
Serie B: Perugia-Empoli 0-1
Nel posticipo della 25/a giornata decide gol Frattesi
24 febbraio 2020
22:58
– Empoli batte Perugia 1-0 (0-0) nel posticipo del lunedì della 25/a giornata del campionato di Serie B. Decisivo il gol nel finale di Davide Farattesi (44′ st).
Calcio: Premier; Liverpool batte West Ham 3-2 in rimonta
Reds volano a +22 sul Manchester City in classifica
24 febbraio 2020
23:15
– Rocambolesca partita, ma a lieto fine, ad Anfield per il Liverpool capolista della Premier League: i Reds vanno a un passo dall’interrompere la striscia di successi in campionato contro un bel West Ham, che parte in svantaggio ma a inizio ripresa si porta sul 2-1. Salah (con la complicità di Fabianski) e Mané regalano un altro successo in rimonta a Klopp dopo la sconfitta in Champions League contro l’Atletico Madrid: +22 sul Manchester City.
Calcio: Uva, trofei City ? aspettiamo giudizio Tas
Dopo la squalifica per violazione del fair play finanziario
25 febbraio 2020
11:43
– “Le regole europee quasi mai sono identiche a quelle nazionali, la UEFA sta lavorando per fare in modo che alcune regole diventino tecnicamente obbligatorie nei singoli campionati”: lo ha detto Michele Uva, vicepresidente UEFA, intervenuto ai microfoni di Rai Radio1 Sport, rispondendo a una domanda sul possibile ritiro dei trofei nazionali vinti dal Manchester City nel periodo di violazione delle regole del fair play finanziario, costato una squalifica al club britannico. Il dirigente tuttavia ha detto di voler aspettare “il giudizio del TAS che è la Cassazione sportiva”.
Uva ha concluso parlando delle possibili nuove regole sul fuorigioco: ” è importante che le norme facilitino l’arbitro e creino meno discussione possibile. Se la direzione è questa, noi siamo assolutamente d’accordo al ritorno della regola della ‘luce’ fra attaccante e difensore”.
Coni: al via Giunta, oggi Spadafora al Consiglio.
Emergenza coronavirus al centro del dibattito
25 febbraio 2020
11:46
– E’ cominciata da poco presso la sede del CONI a Roma la giunta Nazionale che era convocata per oggi alle 11. La riunione precede un importante consiglio nazionale nel pomeriggio al quale prenderà parte il ministro per le politiche giovanili e per lo sport Vincenzo Spadafora.
Nel corso della giunta, oltre agli argomenti previsti all’ordine del giorno verrà affrontato anche il problema dell’emergenza coronavirus, che sta impattando in maniera pesante su tutto il mondo dello dello sport. Dopo la decisione di ieri del governo di far giocare a porte chiuse le partite di calcio della serie A nelle aree a rischio, restano comunque molti problemi sul tappeto per quanto riguarda tutte le altre discipline e Federazioni. E di questo si parlerà approfonditamente anche nel consiglio pomeridiano.
Calcio: rissa dopo Udinese-Napoli, emessi 11 Daspo
Questore bandisce tifosi locali da impianti da 18 mesi a 8 anni
UDINE
25 febbraio 2020
15:15
– Undici Daspo sono stati emessi dal Questore di Udine nei confronti di altrettanti tifosi considerati responsabili di fatti illeciti avvenuti al termine di Udinese-Napoli del 7 dicembre scorso, quando un gruppo di Ultrà di casa era riuscito ad avvicinarsi al settore ospiti e al parcheggio Sud, occupato da alcuni mezzi di tifosi napoletani, aggredendo gli avversari. I Daspo vanno da 18 mesi a otto anni e vietano l’accesso agli impianti sportivi per le partite di serie A, B e C, anche di squadre estere, e per le partite di basket.
Dieci tifosi dell’Udinese erano stati fermati dalle forze dell’ordine e condotti in Questura. Altri quattro sono stati individuati a seguito delle indagini tecniche e delle attività della Digos. Si tratta di 14 uomini, tra i 18 e i 52 anni, deferiti all’autorità giudiziaria per la partecipazione alla rissa, alcuni di questi anche per altri fatti di reato in particolare il travisamento e il possesso di strumenti atti a offendere.
Champions: Juve recupera Khedira, quasi pronto Costa
Allenamento di rifinitura in vista della sfida di Lione
25 febbraio 2020
15:16
– Allenamento di rifinitura al completo per la Juventus in vista della sfida di domani a Lione, andata degli ottavi di finale di Champions League. Sarri ha potuto contare su tutti, ad esclusione naturalmente di Demiral, fuori fino alla fine della stagione per la rottura del legamento crociato. Presente anche Douglas Costa, che ha svolto il riscaldamento con i compagni ma che non ha ancora effettuato un allenamento completo in gruppo, e Khedira, a disposizione per la trasferta di domani. Nel tardo pomeriggio la Juventus atterrerà a Lione, in serata Sarri e Bonucci parleranno in conferenza stampa. Conferenza che è presente anche in questo articolo in forma integrale (v.s. e nella sezione della JUVENTUS) già linkata.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: Spadafora, niente stop sport in altre regioni
Ministro: “Al momento non ci sono le condizioni e i motivi”
25 febbraio 2020
15:27
– “Abbiamo da poco concluso l’incontro alla Protezione civile con il premier Conte e in collegamento con i presidenti delle Regioni. Monitoriamo passo dopo passo e in questo momento non ci sono le condizioni e i motivi per estendere i provvedimenti restrittivi ad altre regioni, nel modo più assoluto”. Lo ha detto il ministro dello sport, Vincenzo Spadafora, prima di entrare al Coni per partecipare al Consiglio Nazionale a proposito delle misure restrittive per il coronavirus già prese in sei regioni.
Coronavirus: gare ‘in chiaro’, Rai “disponibili anche noi”
L’azienda lo ha appena comunicato alla Lega calcio di serie A
25 febbraio 2020
15:36
– La Rai ha appena manifestato alla Lega Calcio la propria disponibilità a trasmettere in chiaro sul canale a più larga diffusione le partite che saranno disputate nel prossimo turno a porte chiuse.
“Lo facciamo – spiega la fonte – a tutela dell’ interesse pubblico alla massima diffusione delle stesse gare considerando che i canali RAI sono fruibili dal 99, 87 % della popolazione italiana”.
Champions: Ramos “per noi è speciale,basta inno a motivarci”
Capitano Real “Rinnovo, stiamo parlando troveremo un accordo”
25 febbraio 2020
15:45
– “La verità è che per noi la Champions è sempre speciale, l’inno è già una motivazione in più per tutti. Per me è un privilegio essere qui a giocarmela ancora”.
Così il capitano del Real Madrid alla vigilia del big match contro il Manchester City di Pep Guardiola domani sera al ‘Bernabeu’: “Ho molto rispetto per lui ed è un grande allenatore, i suoi numeri parlano da soli. Ciò che ci motiva è la Champions League, non un allenatore o un giocatore. Quando ascoltiamo quell’inno dimentichiamo tutto”, spiega il n.4 blancos che accenna anche al rinnovo contrattuale: “Ne parliamo da alcune settimane, io e il club stiamo passando un bel momento e non abbiamo fretta. Arriveremo a una compromesso, sicuramente raggiungeremo un accordo. Ora dobbiamo concentrarci sulla Champions e sulla Liga, il resto è secondario. Ma adesso c’è la Champions, sarà un duello molto duro contro un avversario complicato, ma per quelli di noi che amano queste partite è un giorno speciale”, conclude Ramos che guarda avanti e dimentica il brutto 2019: “La grandezza di questo club è di resettarsi ogni anno, non si accontenta mai di ciò che ha già raggiunto ma guarda sempre avanti”.
Serie A; cinque squalificati per un turno
Sono Dalbert, Mancini, Mateju, Mbaye e Strefezza
25 febbraio 2020
15:55
– Sono cinque i giocatori squalificati, tutti per una giornata, dal giudice sportivo di Serie A dopo la 25/a giornata di campionato. Si tratta di Dalbert (Fiorentina), Mancini (Roma), Mateju (Brescia), Mbaye (Bologna) e Strefezza (Spal).
Calcio: giudice, 5 squalificati in Serie B
Sono Bozhinov, Pirrello, Balkovec, Iemmello e Rocca
25 febbraio 2020
16:08
– Sono 5 i calciatori squalificati, tutti per un turno, dal giudice sportivo di Serie B a margine della 6a giornata di ritorno del campionato. Si tratta di Bozhinov (Pescara), Pirrello (Trapani), Balkovec (Empoli), Iemmello (Perugia) e Rocca (Livorno).
Donnarumma in dubbio per Genoa, pronto Begovic
Portiere Milan fa terapie a caviglia infortunata
MILANO
25 febbraio 2020
16:27
– Gianluigi Donnarumma resta in dubbio per il Genoa. Il portiere del Milan, uscito per un problema alla caviglia durante la gara contro la Fiorentina, oggi ha fatto terapie specifiche, all’interno del programma di recupero predisposto dallo staff medico. Nei prossimi giorni si capirà se domenica sarà a disposizione o meno di Pioli per difendere la porta del Milan, altrimenti giocherà Begovic che si è ben comportato nella partita di Firenze.
Donnarumma, per il quale presto dovranno iniziare le trattative per il rinnovo di contratto in scadenza nel giugno del 2021, oggi ha compiuto 21 anni e ha pubblicato un video su Instagram con cui ha ringraziato “famiglia, amici e fan per aver condiviso momenti meravigliosi e avermi supportato per tutti questi anni”.
Donnarumma con il Milan ha totalizzato 190 presenze.
Coronavirus: tifosi Ludogorets, era più sicuro campo neutro
Apprensione sui social, è rischioso; il club, seguiremo autorità
MILANO
25 febbraio 2020
16:41
– C’è apprensione tra i tifosi bulgari del Ludogorets, preoccupati per la salute della squadra impegnata giovedì contro l’Inter nel match di Europa League a San Siro a porte chiuse. I commenti ai post del club che aggiorna quotidianamente sulle decisioni riguardo la partita esprimono dubbi e ansia. C’è chi chiede alla società di andare in quarantena una volta tornati, chi critica la Uefa per non aver scelto di far disputare la partita in un campo neutro, chi afferma sia meglio non andare a Milano. “Non è rischioso mandare i giocatori lì? Non è un normale virus”, scrive Kiril Penev e un altro tifoso aggiunge: ”Al diavolo la partita per me è importante che i ragazzi si proteggano dal virus”.
Intanto il club assicura di tutelare al meglio la squadra: “Il Ludogorets ha preso tutte le misure preventive per il viaggio a Milano e la partita con l’Inter. Seguirà rigorosamente le istruzioni e i consigli delle autorità mediche al fine di proteggere il più possibile tutti i membri della delegazione. La squadra arriverà a Milano con un volo charter e tornerà in Bulgaria subito dopo la partita atterrando a Sofia alle 4 di mattina di venerdì. Alla luce della complicata situazione di Milano, l’orario della conferenza stampa sarà confermato dalla Uefa, secondo un programma preliminare l’orario era fissato alle 18.30”.
Europa League: Gent-Roma affidata a spagnolo Sánchez
25 febbraio 2020
16:51
– Saranno un tedesco e un spagnolo i due arbitri scelti dall’Uefa per dirigere i due match di Inter e Roma, validi per il ritorno dei 16mi di Europa League. Il tedesco Daniel Siebert arbitrerà Inter-Ludogorets, in programma giovedì sera a San Siro, mentre a dirigere Gent-Roma, sempre giovedì alle 18.55, sarà lo spagnolo José Maria Sánchez.
Inter; Godin “Settimana importante”
Sorrisi ad Appiano, giovedì il Ludogorets, domenica la Juve
MILANO
25 febbraio 2020
17:31
– Sorrisi e fatiche per l’Inter che si allena ad Appiano Gentile in vista della sfida a porte chiuse contro il Ludogorets per i sedicesimi di Europa League di giovedì. ”Continuando a preparare la partita. Settimana importante!”, scrive su Instagram Diego Godin che sarà probabilmente in campo come all’andata. Il difensore ha postato tre immagini della squadra che si allena alla Pinetina in un clima sereno e a pochi giorni anche dalla partita, decisiva per la corsa scudetto, contro la Juventus allo Stadium.
In quarantena tre tifosi del Valencia rientrati da Milano
Italrugby sposta raduno a Roma. I timori di Federica Pellegrini per la madre in Veneto
25 febbraio 2020
20:55
Tre tifosi del Valencia che avevano partecipato alla trasferta di S.Siro per la partita di Champions Atalanta-Valencia hanno contattato i servizi sanitari spagnoli affermando di ritenere di avere i sintomi del Coronavirus. Lo riportano i media spagnoli. Il 10 marzo è in programma la gara di ritorno alla quale è prevista la trasferta di oltre tremila tifosi bergamaschi. Dal Generalitat Valenciana hanno precisato che i sintomi dei tre tifosi “sono ancora in fase di valutazione, adesso faremo un sondaggio epidemiologico”.
Spadafora, no a pretestuose difficoltà verso atleti italiani
Ministro “Parlerò con Di Maio e attiverò canali diplomatici”
25 febbraio 2020
19:57
– “Ho voluto infine rassicurare tutti sul fatto che parlerò col ministro degli Esteri per evitare, ove necessario attraverso i nostri canali diplomatici, ogni pretestuosa difficoltà dovesse emergere nei confronti dei nostri sportivi all’estero o di delegazioni sportive straniere in Italia”. E’ uno dei punti toccati dal ministro dello sport Vincenzo Spadafora al termine del Consiglio Nazionale del Coni.
“Il nostro Paese – aggiunge il ministro – sta affrontando al meglio la situazione sotto ogni punto di vista”.
“Ringrazio – prosegue il ministro dello sport – il presidente del Coni, Giovanni Malagò, e tutti i membri del Consiglio nazionale cui ho avuto oggi il piacere di partecipare. Sono state ore di confronto intenso e di reciproco ascolto, abbiamo affrontato le molte questioni oggetto dei Decreti delegati, che dalla prossima settimana saranno discussi con tutti gli stakeholder, sia del mondo politico che sportivo. Il lungo dibattito ha chiarito che, in una fase di profondo rinnovamento di un sistema complesso come quello sportivo, ci saranno ascolto e apertura da parte mia e degli uffici per dare risposta alle esigenze del mondo sportivo, tenuto conto che la responsabilità ultima delle scelte resta al Governo. Al termine della riunione emerge ancor più forte la convinzione che il mondo sportivo italiano, da quello di eccellenza a quello dei milioni di amatori, è pieno di idee ed entusiasmo”, così il Ministro delle politiche giovanili e dello Sport, Vincenzo Spadafora, al termine della riunione del Consiglio nazionale del Coni”.

Champions: Real-City, non solo Zidane contro Guardiola
Scambio di complimenti ‘Pep è il n.1’, ‘Zizou tra top di sempre’
25 febbraio 2020
20:37
re che potrebbe essere una finale anticipata è quasi scontato, ma Real Madrid-Manchester City, big match degli ottavi di Champions, sarà anche tanto di più. Non fosse altro per i due mostri sacri sulle panchine – Zinedine Zidane da una parte, Pep Guardiola sull’altra – che hanno ‘firmato’ la storia più recente del più prestigioso torneo continentale. Una vis-a-vis che travalica anche il mero aspetto calcistico per fare capolino anche in altri ambiti, a cominciare da quello extra-calcio e più politico, considerato la visita nell’unionista capitale spagnola del separatista Guardiola.
Sarà insomma insomma uno scontro tra titani quello che andrà in sena domani sera al Bernabeu (arbitrerà l’italiano Orsato), dati il ranking e i fatturati, anche se la storia europea dei due club dice ben altro: i blancos, che si sono qualificati agli ottavi per la 23ma stagione consecutiva, se la vedranno con i citizens, sempre eliminati nelle tre volte in cui hanno affrontato squadre spagnole e sono al massimo arrivati in semifinale (2015-2016). Ma adesso contro Guardiola in panchina magari sarà diverso, come riconosce il collega francese: “”Per me è il miglior allenatore al mondo”, l’omaggio della vigilia.
“Perché lo ritengo il migliore? Perché lo ha sempre dimostrato – ha spiegato Zizou in conferenza stampa – Prima a Barcellona, poi al Bayern, ora al City. È la mia opinione, magari altri pensano che siano altri ad essere i migliori. Ci sono tanti tecnici bravi, ma per me il n.1 è lui”. In ogni caso, ci tiene a precisare il tecnico dei blancos “non sarà Zidane contro Guardiola. Vogliamo che i nostri tifosi siano orgogliosi, quindi daremo il massimo. Il City è un’ottima squadra e verrà qui a fare una grande partita: noi dobbiamo rispondere come stiamo facendo negli ultimi tempi, giocando bene. E domani proveremo a fare questo”.
“Voglio ringraziare Zidane per le sue parole e non voglio contraddirlo, ma non sono il migliore”, ha risposto Guardiola al tecnico francese da lui inocntrato nel pomeriggio: “E’ stato un onore per l’uomo, l’allenatire e il giocatore che è stato, uno dei più grandi di tutti i tempi. Domani – aggiunge – giochiamo contro il re di questa competizione. Conosciamo cosa significa questa partita. Il Real ha vinto tre Champions di fila e questo dà l’idea della forza di questo club. Sarà una sfida affrontarli e imparare”, ha aggiunto Guardiola rassicurando sulle condizioni di Sterling: “E’ pronto, il suo recupero è sorprendente. Piuttosto mi dispiace molto che Hazard non ci sia, gli auguro una pronta guarigione. È un giocatore magnifico”.
Quasi fatte le formazioni con il ballottaggio Walker e Cancelo terzino destro in casa City e Zidane che deve rinunciare anche ad Asensio, mentre restano fuori per scelta tecnica, J.Rodriguez, Rodrygo, Nacho, Mariano e Brahim.
Champions:Guardiola “Giochiamo contro re della competizione”
Tecnico ricambia elogi “Zidane tra i più grandi di sempre”
25 febbraio 2020
20:12
– “Giochiamo contro il re di questa competizione. Conosciamo cosa significa questa partita”: così il tecnico del Manchester City, Pep Guardiola, alla vigilia del match di Champions contro il Real Madrid, domani sera al Bernabeu. “Hanno vinto tre tornei di fila e questo dà l’idea della forza di questo club – ha detto il tecnico catalano in conferenza stampa – Sarà una sfida affrontarli e imparare e noi abbiamo voglia di giocare e cercare di tenere il passo”, ha aggiunto Guardiola rassicurando sulle condizioni di Sterling: “E’ pronto, il suo recupero è sorprendente. Piuttosto mi dispiace molto che Hazard non ci sia, gli auguro una pronta guarigione. È un giocatore magnifico”.
Poi il tecnico catalano ringrazia Zidane dei complimenti ricevuti nel pomeriggio “(“Per me è il n.1”): “E’ stato un onore che Zidane sia venuto a trovarmi, lui è stato uno dei più grandi di tutti i tempi”.
Mertens 121/o gol Napoli, raggiunge Hamsik bomber all time
Belga segna al Barca rete che segna aggancio allo slovacco
25 febbraio 2020
21:47
– Dries Mertens ha raggiunto Marek Hamsik in testa alla classifica all time dei cannonieri del Napoli. L’attaccante belga ha segnato contro il Barcellona il suo gol numero 121, appaiando lo slovacco in testa alla classifica assoluta tra campionato e coppe.
Il belga ha segnato 90 gol in serie A, 26 nelle cope europee e 5 in Coppa Italia. Dietro di loro, al terzo posto, Maradona, che fece 115 gol in maglia azzurra. Mertens dopo il tiro a giro che ha battuto Ter Stegen è corso verso la curva A indicando lo stemma del Napoli sulla maglietta e ha ricevuto l’abbraccio di tutti i compagni che hanno celebrato il suo record. Poi Mertens è tornato verso il centrocampo facendo con le dita il segno del cuore ai 50.000 del San Paolo, dichiarando un amore che è in bilico visto che il belga è in scadenza di contratto con il Napoli.
Champions: Napoli-Barcellona 1-1
Griezmann risponde a Mertens, espulso Vidal
25 febbraio 2020
22:58
– Napoli e Barcellona hanno pareggiato 1-1 nell’andata degli ottavi di Champions League disputata al San Paolo. Gli azzurri sono andati in vantaggio al 30 pt, con uno splendido gol di Mertens, che ha raggiunto Hamsik tra i marcatori azzurri all time (121 gol) ma sono stati raggiunti nella ripresa da Griezann al 12′. Nel finale espulso Vidal per doppia ammonizione. Il ritono è in programma a Barcellona il 18 marzo e i blaugrana dovranno fare a meno anche i Busquets che era diffidato ed è stato amminito.
Champions: Gattuso, il Barcellona ci ha fatto il solletico
“Napoli punito nell’unico episodio in cui ci è andata male”
25 febbraio 2020
23:38
– “Ci hanno fatto il solletico, non hanno mai tirato in porta. Ci è andata male su un solo episodio e ci hanno punito”. Rino Gattuso è rammaricato per l’1-1 con il Barcellona, al termine di una partita nella quale il Napoli non ha quasi mai sofferto i quotatissimi avversari. “Potevamo palleggiare meglio, perché la nostra pressione finiva per riportarci al punto di partenza – ha spiegato l’allenatore – E’ vero che il pressing del Barcellona ci ha creato problemi, loro vanno a mille all’ora e attaccano con sei giocatori alla volta, ma quando abbiamo fatto girare il pallone come dovevamo ci hanno lasciato campo”. Attendere gli avversari al limite della propria area e ripartire per cercare di sorprenderli in contropiede è stata la tattica del Napoli: “Dovevamo togliergli spazio, altrimenti ti fanno del male”.
Coronavirus: Inter conferma, né giornalisti né conferenza
Accesso solo a broadcaster per la sfida contro Ludogorets
MILANO
26 febbraio 2020
10:38
– L’Inter conferma che la partita tra Inter-Ludogorets, che si giocherà domani sera alle 21 a San Siro a porte chiuse, e le conferenze stampa della vigilia sono accessibili sono ai broadcaster ”rightsholders” in possesso di pass UEFA. Adesso è arrivata anche la comunicazione ufficiale da parte del club nerazzurro. Allo stadio quindi non ci saranno neppure i 250 operatori della comunicazione, tra giornalisti e tecnici, che si erano accreditati prima dello scoppio dell’emergenza Coronavirus in Italia. La partita sarà trasmessa comunque in chiaro su tv8, come da programma e l’Inter ha già provveduto a rimborsare i biglietti acquistati dai tifosi prima della decisione di disputare la partita a porte chiuse.
Champions: un bel Napoli non va oltre l’1-1 con il Barcellona al San Paolo FOTO
Vantaggio dei partenopei con Mertens poi il pareggio dei blaugrana con Griezmann
25 febbraio 2020
23:37
Napoli e Barcellona hanno pareggiato 1-1 nell’andata degli ottavi di Champions League disputata al San Paolo. Gli azzurri sono andati in vantaggio al 30 pt, con uno splendido gol di Mertens, che ha raggiunto Hamsik tra i marcatori azzurri all time (121 gol) ma sono stati raggiunti nella ripresa da Griezann al 12′. Nel finale espulso Vidal per doppia ammonizione. Il ritono è in programma a Barcellona il 18 marzo e i blaugrana dovranno fare a meno anche i Busquets che era diffidato ed è stato amminito.
I GOL
Al 57′ pareggia il Barcellona con Griezmann
30′ Napoli in vantaggio con un gol di Mertens
Nell’altro match in programma, Chelsea-Bayern Monaco 0-3
I GOL
Al 76′ la terza rete dei bavaresi con Lewandowski
al 51′ e 54′ le reti Gnabry S.

Politica tutte le notizie in tempo reale- tutta la Politica sempre approfondita, aggiornata oggettivamente ed imparzialmente. RESTA INFORMATO E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 5 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 17:53 DI MARTEDì 25 FEBBRAIO 2020

ALLE 02:48 DI MERCOLEDì 26 FEBBRAIO 2020

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Intercettazioni: ok della Camera alla fiducia
I voti a favore sono stati 304, 226 i contrari, un astenuto
25 febbraio 2020 17:53
La Camera conferma la fiducia al governo sul decreto legge intercettazioni. I voti a favore sono stati 304, 226 i contrari, un astenuto. L’Assemblea passerà giovedì all’esame degli ordini del giorno sul testo, a partire dalle 11. Sempre giovedì, in serata, è prevista la votazione finale e definitiva sul provvedimento.
La riforma entrerà in vigore dal primo marzo 2020 “per dare il tempo agli uffici e agli addetti ai lavori di adeguarsi”, ha detto nei giorni scorsi il Guardasigilli Alfonso Bonafede, che ha parlato di uno “strumento irrinunciabile per le indagini”, un sistema “moderno e digitale”, con “maggiori garanzie per trovare un punto di equilibrio tra l’esigenza delle indagini, la tutela della riservatezza e il diritto di difesa”.
Diverse le novità contenute nel provvedimento, che modifica in vari punti le disposizioni della legge Orlando. A partire dal fatto che la scelta delle intercettazioni rilevanti o meno non sarà più solo della polizia giudiziaria, ma rientrerà nella sfera decisionale del pubblico ministero, con l’apposito archivio informatico che sarà gestito sotto la diretta vigilanza del Procuratore della Repubblica. “Il pubblico ministero – aveva spiegato il sottosegretario Andrea Giorgis – dà indicazioni e vigila affinché nei verbali non siano riportate espressioni lesive della reputazione delle persone o quelle che riguardano dai personali definiti sensibili dalla legge, salvo che si tratti di intercettazioni rilevanti ai fini delle indagini. Inoltre tutte le conversazioni che, al termine delle intercettazioni, saranno ritenute non rilevanti dal Pubblico Ministero, non entreranno nel fascicolo e resteranno segrete. Solo i difensori potranno ascoltarle e avere visione dei verbali, ma senza averne copia, al solo scopo di richiedere che vengano, ai fini difensivi, inserite tra quelle rilevanti.
In caso di dissenso con il Pubblico Ministero la decisione sarà del giudice”. Il decreto disciplina inoltre in modo rigoroso l’uso del captatore elettronico, il cosiddetto Trojan: “la riforma Orlando – aveva spiegato ancora Giorgis – ha equiparato la disciplina dell’uso del trojan in luoghi pubblici a quella delle intercettazioni ambientali”. Nel nuovo testo sulle intercettazioni, poi, il giornalista che pubblica l’intercettazione non rischia più di essere incriminato per violazione di segreto d’ufficio e restano sostanzialmente le regole in vigore oggi.
Il provvedimento detta anche indicazioni chiare rispetto alle indagini tuttora in corso, per cui valgono le regole attualmente in vigore: le nuove si applicheranno a tutte le iscrizioni di notizia di reato successive al 29 febbraio, quando la nuova normativa entrerà in vigore. “Adesso il provvedimento farà il suo iter parlamentare per la conversione – aveva concluso Bonafede – ma c’erano atti che non potevamo ritardare, perché si mettevano a rischio tutte le indagini in corso nelle varie procura italiane”. VAI ALLA CRONACA VAI ALLE NOTIZIE DAL MONDO

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: Camera,domani ok al decreto
Al voto si arriverà intorno alle 18.30
25 febbraio 2020
19:04
– L’Aula della Camera esaminerà e darà il via libera nella giornata di domani al dl Coronavirus. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo di Montecitorio. Alle 11 avrà inizio la discussione generale, le dichiarazioni di voto finali inizieranno alle 17 e al voto si arriverà intorno alle 18.30.
Coronavirus:Molinari, Lega pensa ok a Dl
Presentati sei o sette emendamenti di merito
25 febbraio 2020
19:05
– La Lega “è orientata a votare a favore” del decreto sul Coronavirus. Lo dice il capogruppo Riccardo Molinari, interpellato alla Camera sul provvedimento varato sabato dal governo. “Noi abbiamo presentato pochi emendamenti di merito, sei o sette, e a meno che in commissione la maggioranza non introduca misure irricevibili, siamo orientati a votare sì”, spiega.
Coronavirus: Salvini chiama Conte
Contiamo possano essere utili e valutate senza pregiudizi
25 febbraio 2020
19:08
– “Come promesso, ho telefonato pochi minuti fa al presidente Conte per annunciargli la lettera con le proposte della Lega” per far fronte alle ricadute economiche dell’emergenza Coronavirus: “Contiamo possano essere utili e vengano valutate senza alcun pregiudizio”. Lo annuncia il leader della Lega Matteo Salvini su Facebook.
Consiglio Marche, stop visite e 50/o
Il 3 marzo Ceriscioli riferisce in aula su emergenza
ANCONA
25 febbraio 2020
19:24
– Anche il Consiglio regionale delle Marche adotta alcuni provvedimenti in relazione alla situazione determinata dal diffondersi del Covid-19 e all’emergenza Coronavirus. Il presidente Antonio Mastrovincenzo, d’intesa con l’Ufficio di Presidenza, annuncia la sospensione delle manifestazioni per i 50 anni dalla nascita della Regione, previsti nelle prossime settimane. Inoltre “in conformità con le disposizioni emanate a livello nazionale dalle autorità competenti per uscite e gite scolastiche in Italia e all’estero, l’Ufficio di Presidenza ha deciso di sospendere per motivi precauzionali le visite formative presso l’Aula dell’Assemblea legislativa e la sede di Palazzo delle Marche da oggi e fino a data da destinarsi”. Mastrovincenzo annuncia inoltre che nella seduta consiliare in programma per martedì 3 marzo, il presidente della Giunta Luca Ceriscioli effettuerà le comunicazioni sulla situazione complessiva nelle Marche e su tutte le iniziative poste in essere per fronteggiare l’emergenza.
Coronavirus: Fraccaro, serve unità
Non alimentare divisioni e tensioni sterili
25 febbraio 2020
19:33
– “Nuova riunione sul Coronavirus nella sede della Protezione Civile con tutti i ministri e le Regioni.
L’obiettivo è uniformare le azioni da mettere in campo e i protocolli da adottare, per questo il governo chiede di coordinare le ordinanze dei territori. Evitare la frammentazione e operare in maniera organica è fondamentale per tutelare la salute dei cittadini. Ora serve unità, non alimentare divisioni e tensioni sterili”. Lo scrive su Facebook il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro.
Regionali, 93 sindaci per Mangialardi
Apprezzamento per lavoro come sindaco Senigallia e Anci
ANCONA
25 febbraio 2020
20:47
– Oltre 90 sindaci delle Marche (93 per la precisione) si schierano a favore della candidatura del sindaco Pd di Senigallia e presidente Anci Marche Maurizio Mangialardi come presidente di Regione. “La proposta non può che trovarci favorevoli” dicono i primi cittadini, in larga maggioranza ala guida di Comuni piccolo e piccolissimi, molti dei quali nell’area del cratere, non tutti di centrosinistra.
“Come sindaci che si trovano quotidianamente in prima linea a fronteggiare i problemi e le questioni essenziali che riguardano i cittadini – si legge nel loro manifesto, che sta ricevendo ulteriori adesioni -, abbiamo potuto apprezzare il lavoro svolto da Mangialardi in questi anni, sia come sindaco di Senigallia, dove la sua Amministrazione si è contraddistinta per il buon governo, l’attenzione alla coesione sociale e uno sviluppo turistico che ha fatto da traino anche per l’intera regione, sia come presidente dell’Anci Marche”.
Coronavirus, governo impugna atto Marche
Boccia, Azzolina, Manfredi. Ceriscioli si sfila da accordo
25 febbraio 2020
22:28
– il governo ha deciso di impugnare l’ordinanza della Regione Marche che dispone la chiusura delle scuole fino al 4 marzo in conseguenza dell’emergenza Coronavirus. “Con la sua decisione unilaterale di firmare un’ordinanza per la chiusura di tutte le scuole e Università della Regione Marche, il Governatore Luca Ceriscioli si sfila dall’accordo che era stato raggiunto solo poche ore prima nel corso dell’incontro tra governo e Regioni tenutosi alla Protezione Civile e viene meno all’impegno preso con tutti gli altri Governatori che invece si stanno attenendo alle disposizioni concordate”. Lo affermano il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia, dell’Istruzione Lucia Azzolina e dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, in una nota congiunta.

Cronaca tutte le notizie in tempo reale- tutta la Cronaca in continuo e costante aggiornamento. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 2 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 21:04 DI MARTEDì 25 FEBBRAIO 2020

ALLE 01:33 DI MERCOLEDì 26 FEBBRAIO 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus, primo positivo nelle Marche
In attesa conferma Iss,secondo controllo necessario per conferma
ANCONA
25 febbraio 2020 21:04
– “E’ stato diffuso da pochi minuti il risultato positivo di un campione analizzato nel pomeriggio di oggi, 25 febbraio”. Lo fa sapere la Regione Marche. “Il campione, proveniente dalla provincia di Pesaro, sarà inviato nelle prime ore di domani mattina al Centro diagnostico di riferimento nazionale dell’Istituto superiore di sanità. Solo al seguito di questo secondo controllo si potrà effettivamente confermare il caso di Nuovo Coronavirus”. Ora “paziente è stato isolato presso il proprio domicilio e si trova in buone condizioni di salute”.
Coronavirus: il governo impugna la chiusura delle scuole nelle Marche
Intanto nella Regione, a Pesaro, registrato il primo campione positivo all’epidemia
25 febbraio 2020
22:30
Il governo ha deciso di impugnare l’ordinanza della Regione Marche che dispone la chiusura delle scuole fino al 4 marzo in conseguenza dell’emergenza Coronavirus. La decisione, a quanto si apprende, sarebbe stata assunta in Consiglio dei ministri.
“Con la sua decisione unilaterale di firmare un’ordinanza per la chiusura di tutte le scuole e Università della Regione Marche, il Governatore Luca Ceriscioli si sfila dall’accordo che era stato raggiunto solo poche ore prima nel corso dell’incontro tra governo e Regioni tenutosi alla Protezione Civile e viene meno all’impegno preso con tutti gli altri Governatori che invece si stanno attenendo alle disposizioni concordate”.Lo affermano il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia, dell’Istruzione Lucia Azzolina e dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi, in una nota congiunta.
Marche; primo campione positivo Pesaro – “E’ stato diffuso da pochi minuti il risultato positivo di un campione analizzato nel pomeriggio di oggi, 25 febbraio”. Lo fa sapere la Regione Marche. “Il campione, proveniente dalla provincia di Pesaro, sarà inviato nelle prime ore di domani mattina al Centro diagnostico di riferimento nazionale dell’Istituto superiore di sanità. Solo al seguito di questo secondo controllo si potrà effettivamente confermare il caso di Nuovo Coronavirus”. Ora il “paziente è stato isolato a domicilio e in buone condizioni di salute”.
Boccia, grazie a Regioni per lavoro condiviso  “Ringrazio le Regioni per il lavoro di coordinamento continuo con il governo per affrontare l’emergenza del coronavirus. Da domani via libera alle ordinanze per i territori ‘no cluster’ secondo il modello condiviso tra governo e Conferenza delle Regioni”. Così il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, a margine del Cdm. LEGGI TUTTE LE ULTIMISSIME NOTIZIE INTERNAZIONALI

Conferenza Bonucci-Sarri vigilia OL-Juventus 25 Febbraio 2020
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

CONFERENZA BONUCCI – SARRI VIGILIA OL-JUVENTUS | VIDEO INTEGRALE

Tempo di lettura: < 1 minuto

CONFERENZA BONUCCI – SARRI VIGILIA OL – JUVENTUS | VIDEO INTEGRALE

LA CONFERENZA STAMPA DI LEONARDO BONUCCI E MAURIZIO SARRI ALLA VIGILIA DI OL – JUVENTUS

CONFERENZA BONUCCI – SARRI VIGILIA OL – JUVENTUS

Le parole del difensore e del tecnico Bianconeri DELLE 19:30 DI MARTEDì 25 FEBBRAIO 2020, alla vigilia del match VALIDO PER L’ANDATA DEGLI OTTAVI DI UCL delle 21:00 DI MERCOLEDì 26 FEBBRAIO 2020 TRA OLIMPIQUE-LIONE E JUVENTUS:

Bonucci e Sarri in conferenza stampa alla vigilia di OL-Juventus 25 Febbraio 2020 JUVENTUS

Mondo tutte le notizie in tempo reale- sempre approfondite, dettagliate ed aggiornate. SEGUI, LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 16 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 06:48 DI MARTEDì 25 FEBBRAIO 2020

ALLE 00:12 DI MERCOLEDì 26 FEBBRAIO 2020

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Virus, un quarto morto della Diamond
Era un 80enne ricoverato durante la quarantena della nave
TOKYO
25 febbraio 2020 06:48
– Una quarta persona è morta in Giappone dopo essere stata portata in ospedale dal periodo di quarantena osservato all’interno della Diamond Princess, la nave da crociera rimasta ancorata nel porto di Yokohama. Lo riporta la tv pubblica nipponica Nhk, secondo cui la vittima è un uomo ultraottantenne.
Coronavirus:Hong Kong,stop scuole a 20/4
In precedenza la riapertura era prevista per il 16 marzo
25 febbraio 2020
07:38
– Le autorità di Hong Kong hanno prorogato la chiusura delle scuole almeno fino al 20 aprile prossimo per cercare di contenere la diffusione del coronavirus: lo riporta Al Arabiya.
Il segretario all’Istruzione della città, Kevin Yeung, ha annunciato che la sospensione delle lezioni verrà prolungata fino a dopo le vacanze pasquali: le scuole, quindi, riapriranno al più presto il 20 aprile rispetto al 16 marzo previsto in precedenza.
Ad Hong Kong si registrano finora due vittime e 81 casi confermati di coronavirus. Ieri l’ex colonia ha annunciato che bloccherà l’arrivo di sudcoreani non residenti in risposta alla crescente diffusione del virus nel Paese (8 morti e 893 casi confermati).
Coronavirus, positiva anche la moglie del medico italiano
Giordania, Kuwait e Seychelles bloccano gli ingressi agli italiani. A Tenerife mille persone sono state messe in quarantena in un albergo che ospitava l’italiano proveniente dalle “zone rosse” e risultato positivo al test sul Covid-19.
25 febbraio 2020
17:57
Sono due gli italiani contagiati dal coronavirus a Tenerife: è risultata positiva al test anche la moglie del medico contagiato e già isolato nell’ospedale di Candelaria. Lo riferisce la Efe. Per questo mille persone che alloggiano nello stesso hotel, H10 Costa Adejie Palace, nella località di Adejie, sono state messe in quarantena.  Lo scrive Diario de Avisos. Militari e forze dell’ordine impediscono alle persone presenti nell’hotel di uscire, così come al personale esterno di entrare nel complesso turistico.  Il paziente italiano proviene dalle zone del nord Italia colpite da virus. Il turista si è sentito male ieri e si è recato alla clinica Quiron, nel sud dell’isola delle Canarie, dove è stato ricoverato dopo  la scoperta della positività al test sul Covid-19. Ora è in isolamento nella struttura ospedaliera.
Il medico italiano è in buona salute e isolato nell’ospedale dove è stato ricoverato. Lo rende noto l’Efe che riferisce anche di fonti ufficiali che avrebbero confermato che i due familiari del medico che sono con lui sono stati sottoposti al test e risultati negativi: entrambi sono comunque tenuti in osservazione presso lo stesso ospedale.
Due contagiati dal coronavirus in Tirolo. Lo riferisce il governatore Gunther Platter, citato dall’agenzia austriaca Apa. Una delle due persone, scrive l’agenzia, sembra che arrivi dalla Lombardia, ma non è ancora confermato. “È stata esclusa l’ipotesi di una chiusura temporanea del valico del Brennero. Gli esperti che sono stati consultati hanno infatti affermato che la cosa non sarebbe di alcuna utilità”. È quanto affermato dal governatore della regione austriaca del Tirolo e presidente dell’Euregio, Günther Platter, nel corso di un incontro a Bolzano con i presidenti di Trentino (Maurizio Fugatti) e Alto Adige (Arno Kompatscher).
Intanto, la diffusione del coronavirus in alcune regioni settentrionali italiane spinge la Gran Bretagna a prendere provvedimenti. Da oggi il Regno Unito impone “l’auto-isolamento” per 14 giorni a scopo precauzionale per tutti coloro che provengono dal nord Italia (a nord di Pisa, Firenze e Rimini) e presentino sintomi “anche leggeri” d’un potenziale contagio da coronavirus. E la quarantena obbligata anche senza sintomi di sorta, per lo stesso periodo di tempo, per tutti coloro che arrivino dai paesi della Lombardia e del Veneto isolati su decisione del governo italiano. Lo si legge nelle indicazioni aggiornate dei suggerimenti del Foreign Office.
La compagnia nazionale bulgara, la Bulgarian Air, ha sospeso tutti i suoi voli da e per Milano fino al 27 marzo: lo ha annunciato la stessa società attribuendo la decisione all’aumento dei casi di coronavirus nel nostro Paese. Tutti i passeggeri dei voli cancellati possono chiedere il rimborso completo dei biglietti o cambiare la data del viaggio senza costi aggiuntivi, si legge in una nota della compagnia aerea.
Anche il Kuwait ha sospeso tutti i voli da e per l’Italia, la Corea del Sud e la Thailandia, a causa del diffondersi dell’epidemia di coronavirus in questi tre paesi. Lo rende noto l’agenzia Kuna. E’ il primo paese a far scattare un provvedimento del genere contro l’Italia. Tutti gli stranieri che hanno visitato questi paesi nelle ultime due settimane non potranno entrare in Kuwait. E non verranno emessi nuovi visti. Per i kuwaitiani di rientro sarà necessaria una quarantena.
Dopo la Bulgaria e il Kuwait anche la Giordania e le isole Seychelles prendono provvedimenti. La Giordania ha comunicato di aver deciso il divieto di ingresso nel Paese ai viaggiatori provenienti dall’Italia per l’emergenza coronavirus. Il Regno hascemita ha già proibito l’ingresso di viaggiatori provenienti dalla Cina, Corea del Sud e Iran.
Le Seychelles, paradiso delle vacanze, chiudono le frontiere agli italiani. In particolare, si legge in un aggiornamento sul sito di Viaggiare Sicuri gestito dall’Unità di Crisi della Farnesina, “le autorità locali hanno vietato a tutte le compagnie aeree con voli diretti alle Seychelles di imbarcare passeggeri che siano stati in Italia, Cina, Sud Corea e Iran negli ultimi 14 giorni. Analogamente, i passeggeri che arrivano via mare non potranno sbarcare se sono stati Italia, Cina, Sud Corea e Iran negli ultimi 14 giorni”.
I controllori dei treni francesi sulla linea Parigi-Milano scenderanno dai convogli al confine a partire da oggi, vista la situazione del Coronavirus in Italia. Lo ha deciso la SNCF, secondo quanto riferito dalla radio RTL. Stando all’emittente, i controllori scenderanno alla frontiera, a Modane, e daranno le consegne ai loro colleghi italiani, che proseguiranno sul percorso.
Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, nel corso di una riunione svolta alla Farnesina, ha dato indicazione alla segreteria generale di convocare tutti gli ambasciatori dei Paesi esteri accreditati in Italia al fine di fornire loro un’informazione corretta sull’andamento del contagio sul territorio italiano, sulle misure adottate e sui risultati in termini di contenimento del coronavirus. “In questo momento – ha detto Di Maio – bisogna essere trasparenti con ogni nostro partner e alleato, proprio perché dalla trasparenza si misura l’affidabilità di un Paese all’interno della comunità internazionale”.
Coronavirus: Gb,misure per arrivi Italia
Auto-isolamento per chi viene dal nord con sintomi
LONDRA
25 febbraio 2020
10:54
– La Gran Bretagna impone da oggi “l’auto-isolamento” per 14 giorni a scopo precauzionale a tutti coloro che arrivano dal nord Italia (a nord di Pisa, Firenze e Rimini) e presentino sintomi “anche leggeri” d’un potenziale contagio da coronavirus. E la quarantena obbligata anche senza sintomi di sorta, per lo stesso periodo di tempo, per tutti coloro che arrivino dai paesi della Lombardia e del Veneto isolati su decisione del governo italiano. Lo si legge nelle indicazioni aggiornate dei suggerimenti del Foreign Office.
Egitto, è morto l’ex presidente Hosni Mubarak
Aveva 91 anni, era malato da tempo
25 febbraio 2020
16:11
E’ morto l’ex presidente egiziano Hosni Mubarak, aveva 91 anni. Mubarak è morto oggi all’ospedale militare Galaa al Cairo, ha reso noto il cognato, il generale Mounir Thabet, spiegando che era presente tutta la famiglia. E che la presidenza egiziana si incaricherà di organizzare i funerali. Mubarak è stato uno dei simboli del potere autoritario in Nord Africa che portò all’inizio della Primavera araba. In Egitto la rivolta di massa lo costrinse a farsi da parte nel 2011, dopo 30 anni al potere. In seguito fu arrestato e trascorse alcuni anni in carcere con varie accuse: corruzione, appropriazione indebita, e per aver represso la protesta in modo violento. Nel 2017 fu assolto dalla maggior parte delle accuse e liberato. Era malato da tempo
Coronavirus: Iran, evitare moschee
Ayatollah Yussef Sanei, nel nome della Sharia e del buon senso
TEHERAN
25 febbraio 2020
12:22
– Esponenti religiosi sciiti, tra cui l’ayatollah Yussef Sanei, hanno invitato gli iraniani a non recarsi in luoghi pubblici, compresi quelli di natura religiosa come le moschee, in seguito alla diffusione del coronavirus. Lo riferisce l’agenzia Irna. Un appello lanciato, sottolinea l’ayatollah, nel nome della Sharia, cioè la legge islamica, così come del buon senso.
Le autorità hanno consigliato alla popolazione di uscire di casa il meno possibile e comunque di non usare mezzi di trasporto pubblici. Intanto continuano a scarseggiare le mascherine protettive, nonostante il governo abbia detto che diversi milioni ne sono stati prodotti dopo lo scoppio dell’epidemia. Nei giorni scorsi alcune persone erano state arrestate con l’accusa di avere fatto incetta di 4,5 milioni di mascherine.
Coronavirus:Francia,LePen accusa governo
‘Francesi non sono dei bambini. Bisogna dire la verità’
PARIGI
25 febbraio 2020
12:25
– Marine Le Pen si appella al governo francese affinché introduca “misure serie” dinanzi al coronavirus, denunciando una “incoerenza totale” della Francia nella sua gestione del rischio e tornando a chiedere controlli alle frontiere. “I francesi non sono bambini, bisogna dirgli la verità. Non dirgli la verità equivale in realtà ad aggravare il sentimento di pericolo della popolazione”, ha accusato la presidente del Rassemblement National, durante una visita al Salone dell’Agricoltura di Parigi. Per lei, “l’insieme delle misure di protezione non sono state prese perché al momento in cui parliamo, siamo nell’incoerenza totale: mettiamo in quarantena dei francesi che tornano dalla Cina (un riferimento ai connazionali rimpatriati a bordo dei voli di Stato organizzati dall’attuale governo,ndr.) ma al contrario, per gli aerei (dell’aviazione civile,ndr.), che tornano dalla Cina, numerosi, ogni giorno in Francia, non c’è nessuna misura che li riguardi”.
Coronavirus: Iran, totale casi sale a 95
‘Altri 34 contagi nelle ultime 24 ore, in maggioranza a Qom’
ISTANBUL
25 febbraio 2020
12:27
– È salito a 95 il numero dei contagi da coronavirus (Covid-19) in Iran. Lo riferisce il ministero della Salute di Teheran. I nuovi casi nelle ultime 24 ore sono 34, la maggior parte (16) a Qom, che si conferma il centro più colpito. Altri nove casi si registrano a Teheran. Le vittime confermate restano 15.
Coronavirus: Ue, Kyriakides oggi a Roma
Commissaria Ue Salute, importanti colloqui con autorità Utalia
BRUXELLES
25 febbraio 2020
12:32
– “Oggi andrò a Roma per importanti colloqui con le autorità italiane in merito al Covid-19”. Lo annuncia su Twitter la commissaria Ue per la Salute Stella Kyriakides. “La Commissione Ue è solidale con l’Italia e tutti gli Stati membri”, aggiunge la commissaria. “I nostri sforzi” sono mirati nel contenere la malattia e proteggere la salute dei nostri cittadini”.
Germania: Laschet si candida a guida Cdu
Ministro Salute Spahn rinuncia alla partita
BERLINO
25 febbraio 2020
12:34
– Il ministro presidente del Nordreno-Vestfalia sta presentando la sua candidatura alla presidenza della Cdu alla stampa a Berlino. Il ministro della salute Jens Spahn rinuncia alla partita, e si propone assieme al potente governatore come suo vice per dirigere il partito.
Iran, contagiato vice ministro salute
E’ il 99esimo caso nel paese
TEHERAN
25 febbraio 2020
13:29
– Il vice ministro della Salute iraniano, Iraj Harirchi, è risultato positivo al test del coronavirus. Lo ha reso noto in un tweet Alireza Vahabzadeh, consigliere del ministro, sottolineando che Harirchi è stato in prima linea nel combattere il virus. Harirchi ha confermato di essere il 99/o contagiato in Iran e ha aggiunto che l’epidemia sarà sicuramente sconfitta. Harirchi era apparso ieri in una conferenza stampa a fianco del portavoce del governo, Ali Raibiei.
Ue, misure per chi è stato in Italia
Membri staff che hanno visitato aree contagiate restino a casa
BRUXELLES
25 febbraio 2020
13:32
– Anche la Commissione Ue prende misure per lo staff che ha visitato l’Italia. Chi negli ultimi 15 giorni è stato nella zona rossa, cioè nei focolai della Lombardia, deve lavorare da casa fino a nuovo ordine. Chi ci è solo passato, deve contattare i servizi medici della Commissione o lavorare da casa per due settimane. Chi ha missioni nella zona gialla, deve rinviarle.
Austria, 2 persone contagiate in Tirolo
L’agenzia Apa: ‘Sembra che una arrivi dalla Lombardia’
25 febbraio 2020
13:34
– Due contagiati dal coronavirus in Tirolo. Lo riferisce il governatore Gunther Platter, citato dall’agenzia austriaca Apa. Una delle due persone, scrive l’agenzia, sembra che arrivi dalla Lombardia, ma non è ancora confermato.
Coronavirus: Kuwait vieta voli Italia
E anche Corea Sud e Thailandia
25 febbraio 2020
13:37
– Il Kuwait ha sospeso tutti i voli da e per l’Italia, la Corea del Sud e la Thailandia, a causa del diffondersi dell’epidemia di coronavirus in questi tre paesi. Lo rende noto l’agenzia Kuna. E’ il primo paese a far scattare un provvedimento del genere contro l’Italia.
Tutti gli stranieri che hanno visitato questi paesi nelle ultime due settimane non potranno entrare in Kuwait. E non verranno emessi nuovi visti. Per i kuwaitiani di rientro sarà necessaria una quarantena.
Assange: difesa denuncia maltrattamenti
A udienza su estradizione agli Usa. ‘Ammanettato e denudato’
LONDRA
25 febbraio 2020
13:39
– Julian Assange è stato ammanettato a più riprese e denudato due volte per essere perquisito nella giornata di ieri dallo staff della prigione di massima sicurezza britannica di Belmarsh in cui è detenuto in attesa del verdetto della giustizia del Regno sulla sua consegna agli Usa. Lo ha denunciato oggi l’avvocato Edward Fitzgerald nella seconda delle 5 udienze in programma a febbraio del processo iniziato ieri alla Woolwich Crown Court sull’istanza d’estradizione americana.
Fitzgerald ha invitato la corte a rivolgere un monito alle autorità carcerarie, avvertendo che “un simile trattamento minaccia di impedire” al fondatore di Wikileaks “di partecipare alle prossime udienze”. Tanto più tenuto conto delle sue condizioni fisiche e psichiche. La giudice Vanessa Baraitser, le cui decisioni sono state finora pressoché tutte contrarie alla difesa dell’attivista australiano, ha negato d’aver potere sui responsabili del penitenziario, riservandosi di valutare il caso solo se l’avvocato presenterà denuncia. VAI ALLA CRONACA VAI ALLA POLITICA ACQUISTA SU AMAZON

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Lavrov respinge invito a tregua a Idlib
Ministro russo, sarebbe arrendersi a terroristi
MOSCA
25 febbraio 2020
13:42
– Il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov ha respinto gli inviti a una tregua nella provincia siriana di Idlib, dove è in corso un’offensiva delle truppe governative appoggiate dai russi, sostenendo che equivarrebbe a “capitolare di fronte ai terroristi”. “Questo è capitolare di fronte ai terroristi e persino ricompensarli per le loro attività in violazione dei trattati internazionali e di numerose risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu”, ha detto Lavrov al Consiglio per i diritti umani Onu a Ginevra.
Coronavirus: Di Maio, basta polemiche
Tutto il governo è riunito da stamane, restare uniti
25 febbraio 2020
13:45
– “Da questa mattina tutto il governo è riunito al Dipartimento Protezione Civile. È il momento di essere compatti e uniti per affrontare con il massimo impegno e con serietà questa emergenza. Non servono le polemiche, serve lavorare”. Lo afferma il ministro degli Esteri Luigi Di Maio su Facebook. “Intanto la nostra rete diplomatica e l’unità di Crisi continuano ad essere impegnate h24. È fondamentale agire diffondendo anche all’estero, in maniera trasparente, tutte le informazioni corrette sul coronavirus”, aggiunge Di Maio.
Brexit: von der Leyen, pronti negoziato
Costruire una partnership stretta e ambiziosa
BRUXELLES
25 febbraio 2020
13:47
– “Mandato approvato. Pronti a partire. I negoziati con il Regno Unito inizieranno la settimana del 2 marzo. Siamo pronti a costruire una partnership stretta e ambiziosa con il Regno Unito. Questo fa bene alle persone, fa bene agli affari”. Così su Twitter la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.
Coronavirus: Iran, evitare di uscire
Appello del portavoce del ministero della Salute di Teheran
ISTANBUL
25 febbraio 2020
13:48
– “È più sicuro per la popolazione restare a casa”. Lo ha detto il portavoce del ministero della Salute iraniano Kianoush Jahanpour, dopo aver aggiornato a 95 casi e 15 morti il bilancio del contagio da coronavirus (Covid-19) nella Repubblica islamica.
Russia: Navalny invita a manifestare
Sabato a Mosca in memoria di Nemtsov e contro ‘riforma Putin’
MOSCA
25 febbraio 2020
13:55
– L’oppositore russo Aleksey Navalny invita i suoi sostenitori a scendere in piazza in gran numero sabato prossimo, giorno in cui è da tempo previsto un corteo in memoria del dissidente Boris Nemtsov, ucciso cinque anni fa a colpi di pistola a due passi dal Cremlino. La manifestazione ha però anche l’obiettivo di esprimere dissenso contro la riforma costituzionale promossa da Putin e che molti analisti vedono come una mossa del leader russo per rimanere di fatto al potere anche dopo il 2024, quando, scaduto il suo secondo mandato presidenziale consecutivo, non potrà ricandidarsi a capo dello Stato.
“Il Cremlino – ha scritto Navalny su Twitter – starà attento a quante persone parteciperanno alla marcia per Nemtsov. Da questo dipende quanto sfrontatamente porteranno avanti l’operazione per mantenere Putin al potere. Da questo dipende il futuro dei prigionieri politici”.
Germania, Laschet e Merz si candidano alla presidenza del Cdu
Il ministro della Salute Jens Spahn rinuncia alla partita
25 febbraio 2020
15:07
Il ministro presidente del Nordreno- Vestfalia Armin Laschet ha presentato la sua candidatura alla presidenza della Cdu alla stampa a Berlino. Il ministro della salute Jens Spahn rinuncia alla partita, e si propone assieme al potente governatore come suo vice per dirigere il partito.
La Germania “deve restare un paese industriale”, in grado di “congiungere ecologia ed economia”, ha detto Armin Laschet. Proprio l’esperienza del Land dell’Ovest può fare da modello per questo progetto. Il nuovo leader del partito sarà votato il 25 aprile in un congresso straordinario di partito, la cui data è stata decisa dal presidio ieri, dopo lo schiaffo subito dalle urne di Amburgo.
Anche l’avvocato finanziario Friedrich Merz ha annunciato alla stampa di volersi candidare alla presidenza della Cdu per dare una partenza al “futuro del partito”, e fare in modo che la Cdu sia un partito in grado di rivolgesi ai giovani. “La Cdu deve essere un ancora di stabilità nel Paese”, ha anche detto. “Per anni il problema della destra radicale in Germania è stato massicciamente trascurato”, ha aggiunto Friedrich Merz.
Coronavirus: superati gli 80mila contagi
In tutto il mondo, 78mila solo nella Cina continentale
25 febbraio 2020
14:21
– L’epidemia di coronavirus ha portato i contagi in tutto il mondo oltre la soglia degli 80mila. E’ quanto emerge dal rilevamento in tempo reale condotto dall’università americana Johns Hopkins, secondo cui i contagi accertati finora sono quasi 80.300. Quasi 78mila solo nella Cina continentale.
Salvati in Alaska cinque italiani
Cercavano il bus di ‘Into the Wild’
25 febbraio 2020
15:08
– Volevano entrare nel famoso autobus divenuto il rifugio del film ‘Into the Wild’ ed hanno rischiato di fare la stessa fine di Christopher McCandless, il protagonista del libro di Jon Krakauer che ha ispirato il film.
Cinque turisti italiani sono stati salvati nel deserto dell’Alaska, stremati, dopo aver visitato l’autobus. Uno di loro, il più grave, aveva un principio di congelamento.
Secondo la polizia locale, l’Alaska State Troop, citata da media americani, il gruppo è stato salvato sabato mattina, quando è arrivata la richiesta di soccorso. Per fortuna avevano infatti un dispositivo di emergenza satellitare collegato con il centro internazionale per le emergenze, che ha diramato l’Sos alla polizia locale.
I cinque italiani sono stati trovati vicino ad un campo che avevano allestito dopo aver visitato l’autobus nel quale morì di stenti McCandless. Il più grave, con un principio di congelamento ai piedi, è stato portato all’ospedale ma non è in pericolo di vita.
Coronavirus:2 italiani malati a Tenerife
Positiva anche la moglie del medico
25 febbraio 2020
17:47
– Sono due gli italiani contagiati dal coronavirus a Tenerife: è risultata positiva al test anche la moglie del medico contagiato e già isolato nell’ospedale di Candelaria. Lo riferisce la Efe.
India: 13 morti,150 feriti scontri Delhi
Fra le vittime anche un cronista. Violenze su legge cittadinanza
DELHI
25 febbraio 2020
18:14
– E’ salito ad almeno 13 morti e almeno 150 feriti nella capitale dell’India, Delhi, il bilancio nel terzo giorno di violenti scontri causati dalla controversa legge sulla cittadinanza (Caa), rendono noto fonti ospedaliere citate da France Presse. Tra i feriti c’è anche un giornalista, colpito da una pallottola.
La guerriglia che si è scatenata nella capitale indiana tra manifestanti conto e pro la legge sulla cittadinanza, e tra loro e la polizia, è uno dei momenti più violenti vissuti in città negli ultimi anni. A Delhi è in corso la visita di Donald Trump.
Coronavirus:italiana 1/o caso Barcellona
Media, risiede in Spagna ma era stata da poco in Lombardia
25 febbraio 2020
18:20
– Le autorità catalane hanno confermato il primo caso di coronavirus a Barcellona, sottolineando che si tratta di una donna italiana di 36 anni residente in Spagna. Lo riportano i media spagnoli spiegando che la donna, appena rientrata da un viaggio in Italia tra Bergamo e Milano, ieri si era recata all’ospedale catalano con alcuni sintomi.
Si tratta del quarto caso di Covid-19 confermato in Spagna dopo i due segnalati alle Canarie e uno a Maiorca, tutti stranieri. Attivato il protocollo sanitario per l’uomo che, residente a Barcellona, aveva viaggiato negli ultimi giorni nel nord Italia. Il National Center for Microbiology eseguirà il secondo test di conferma nelle prossime ore.
Zaky: amico, ‘trasferito, visite negate’
‘Due giorni fa, non abbiamo idea della sua salute’
BOLOGNA
25 febbraio 2020
18:23
– Due giorni fa Patrick George Zaky, lo studente egiziano dell’università di Bologna in arresto al rientro al Cairo dal 7 febbraio, è stato trasferito dal centro detenzione del commissariato di polizia in un carcere di Mansoura e al momento le visite di familiari e legali gli sono state negate fino al 5 marzo. Lo scrive su Twitter Amr, amico egiziano di Patrick e attivista in prima fila per chiederne la liberazione. “Non abbiamo idea delle sue condizioni di salute”, scrive.
“Il governo egiziano approfitta del fatto che il governo italiano è impegnato col coronavirus e punisce intenzionalmente Patrick”. Gli attivisti chiedono che al ricercatore 28enne siano ripristinati i legali diritti di visite.
Cina usa Twitter per trovare chi diffonde notizie sul coronavirus
Stampa, sfruttata anche la app WeChat per silenziare dissenso
25 febbraio 2020
18:52
Il governo cinese, già impegnato a reprimere alcune proteste e manifestazioni di dissenso per la gestione del coronavirus, starebbe usando alcune app come Twitter e WeChat per individuare e mettere a tacere singole persone che diffondono informazioni non gradite sull’epidemia. Lo scrive il sito della rivista Vice, che riferisce di alcuni casi.
Twitter è vietato in Cina, ma può essere usato dai cittadini facendo ricorso a una Vpn, cioè una rete di telecomunicazioni privata. Tra questi c’è Jiang Ming, residente a Dongguan, che è stato contattato dal ministero della Sicurezza e raggiunto a casa da alcuni agenti per aver risposto a un tweet di critica alla gestione dell’epidemia. L’uomo – riporta Vice – è stato accusato di aver attaccato il partito comunista cinese, è stato interrogato e ha dovuto firmare una dichiarazione in cui si impegna a non ripetere un simile atto.
WeChat è invece la app di messaggistica più usata in Cina.
Sempre secondo Vice, la chat sarebbe stata sfruttata da funzionari del governo cinese per individuare un giovane di Wuhan che, in vacanza in California, ha utilizzato la app per informare amici e familiari sul coronavirus. Il ragazzo ha raccontato che quattro suoi amici sarebbero stati forzati a inviargli messaggi chiedendo informazioni sulla città e l’albergo in cui si trovava, ed esortandolo a fare ritorno in Cina. Il ragazzo ha anche ricevuto un allerta su un tentativo, fatto a Shanghai, di intrusione nel suo account.
Speranza: vicini non chiuderanno confini
‘Hanno convenuto che sarebbe una misura sproporzionata’
25 febbraio 2020
19:16
– I ministri della Salute dei paesi confinanti con l’Italia hanno convenuto che chiudere i confini sarebbe “una misura esagerata”. Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza al termine del vertice con il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, la commissaria Ue alla Salute Stella Kyriakides e i ministri della Salute di Austria, Francia, Slovenia, Svizzera, Croazia e Germania. “Bloccare i confini sarebbe una misura sproporzionata e sbagliata”, ha aggiunto.
“Gli italiani possono continuare a viaggiare. Il nostro servizio sanitario nazionale, i nostri medici e scienziati sono considerati di grandissimo livello in Europa. C’è fiducia da parte di tutti”. “Dai Paesi confinanti c’è fiducia nelle nostre misure”, ha aggiunto Speranza, che ha difeso anche il blocco dei voli da e per la Cina: “Non è stato un errore”, ha detto il ministro della Salute.
Media Cina, risposta ‘lenta’ dall’Italia
Global Times critica Roma, Seul, Tokyo e Teheran su coronavirus
PECHINO
25 febbraio 2020
19:24
– Da accusati ad accusatori: in Cina il Global Times critica in un editoriale la risposta “lenta” di Corea del Sud, Giappone, Iran e anche Italia all’emergenza coronavirus. “E’ preoccupante che le misure di prevenzione e controllo adottate dai suddetti Paesi possano essere insufficienti”, scrive il tabloid del Quotidiano del Popolo, voce del Partito comunista cinese. “Fortunatamente – prosegue l’editoriale del Global Times – la Cina ha un enorme sistema medico e può mobilitare rapidamente oltre 40.000 unità del personale medico per supportare Wuhan e l’Hubei”, epicentro dell’epidemia. “Se un secondo epicentro come Wuhan dovesse emergere in un altro Paese, è difficile immaginare che una massiccia assistenza possa essere mobilitata”, ha aggiunto. Una critica, quella di Pechino, che intanto la Corea del Sud, per voce del Chosun Ilbo, ha rispedito al mittente: proviene, commenta il giornale, dalla Cina “diventata un paria globale per aver mentito e mal gestito la malattia che ha avuto origine”.
Oms: mondo non è pronto,misure Italia ok
Ricciardi: ‘Troppa frammentazione, perso efficacia’
GINEVRA
25 febbraio 2020
19:35
– Il mondo “semplicemente non è pronto” per fronteggiare la diffusione dell’epidemia di coronavirus: è l’avvertimento del capo missione dell’Organizzazione mondiuale della Sanità (Oms) in Cina, Bruce Aylward, da Ginevra. Quanto all’Italia, “le misure che sono state prese vanno nella direzione giusta”, ha detto Valter Ricciardi, dell’Oms, da oggi consulente del ministro della Salute Speranza. “E’ molto importante – ha aggiunto – che il Paese si muova unito per fronteggiare questi due focolai epidemici”. “Dopo primi casi a Roma – gestiti in maniera antologica – una certa frammentazione regionale, non ne faccio colpa a nessuno, con tamponi fatti in modo sparso, si è persa l’efficacia iniziale. Ora stiamo cercando di ricondurre all’unitarietà l’azione”, ha aggiunto Ricciardi. Così Walter Ricciardi dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) e neo consulente del ministro della Salute italiano, in conferenza stampa alla Protezione civile a Roma.
Morta “Baby Peggy”, l’ultima star del cinema Muto
Aveva appena compiuto 101 anni. Fu ospite giornate di Pordenone
PORDENONE
25 febbraio 2020
19:36
– L’ultima star della Hollywood ai tempi del cinema muto, Diana Serra Cary, ex bambina prodigio nota come Baby Peggy, nata il 29 ottobre 1918 come Peggy Jean Montgomery, è morta il 24 febbraio a Gustine, in California, all’età di 101 anni. Approdata casualmente al cinema a soli 19 mesi, nel 1924 Baby Peggy era già comparsa in 150 cortometraggi (la maggior parte dei quali sono purtroppo perduti). Diana Serra Cary era stata ripetutamente celebrata alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone che “oggi piangono – nelle parole del direttore Jay Weissberg – tanto la deliziosa piccola star dotata di un prodigioso senso della comicità e dei tempi comici quanto l’amica e mentore che ha superato difficoltà inimmaginabili. Il vuoto che lascia è enorme ma la sua eredità è al sicuro e le Giornate continueranno a celebrare i doni che ci ha lasciato”.
Diana Serra Cary – Baby Peggy fu ospite e musa per tre edizioni consecutive delle Giornate, dal 2004 al 2006.
Virus ferma riprese Tom Cruise a Venezia
‘Mission: Impossible 7’ prevedeva 3 settimane lavoro in Laguna
WASHINGTON
25 febbraio 2020
06:48
– La produzione dell’ultimo film della serie ‘Mission: Impossible’ con Tom Cruise è stata interrotta in Italia in seguito allo scoppio dei casi di coronavirus, secondo quanto riportano oggi i media statunitensi.
Secondo lo specialista dell’intrattenimento The Wrap, la settima puntata della serie della Paramount Pictures aveva infatti in programma di fare riprese a Venezia per tre settimane.
“Per la sicurezza e il benessere del nostro cast e della nostra troupe e per la volontà del governo locale veneziano di fermare le riunioni pubbliche in risposta alla minaccia del coronavirus, stiamo modificando il piano di produzione per le nostre tre settimane da girare a Venezia”, ha detto un portavoce della Paramount in un comunicato a The Wrap. La fonte ha aggiunto che Cruise non ha viaggiato in Italia e che i membri della troupe sono stati autorizzati a tornare a casa fino al riavvio della produzione.
‘Mission: Impossible 7’ è atteso nelle sale cinematografiche per il 23 luglio 2021.

Cronaca tutte le notizie- in tempo reale e sempre approfondite ed aggiornate. SEGUI, LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 23 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 04:23 ALLE 21:04 DI MARTEDì 25 FEBBRAIO 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus, negativi casi sospetti Vda
Risultati esami sui sei tamponi giunti nella notte
AOSTA
25 febbraio 2020 04:23
– “Al momento non esistono casi di coronavirus, nemmeno sospetti, in Valle d’Aosta”. Lo comunica il Governo della Regione autonoma Valle d’Aosta dopo i risultati, giunti stanotte, degli esami sui tamponi dei sei casi sospetti che sono stati eseguiti in laboratori di Milano e Torino. “Tutti i test hanno dato esito negativo”, si legge in una nota.
L’emergenza coronavirus è gestita da un’unità di crisi istituita dalla Protezione civile, con l’Usl della Valle d’Aosta e con la Centrale unica del soccorso.
Mafia, 23 omicidi in 20 anni: 23 arresti
Indagini dei Carabinieri del Ros anche su tre ‘lupare bianche’
CATANIA
25 febbraio 2020
06:47
– Carabinieri del Ros di Catania, coordinati dalla locale Dda, stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per 23 indagati nell’ambito di indagini su 23 omicidi di mafia commessi dalla fine degli anni ’80 al 2007. Tra i casi dell’operazione ‘Thor’ ci sono anche un triplice omicidio, tre casi di ‘lupara bianca’ e il duplice omicidio di Angelo Santapaola e di Nicola Sedici commesso il 26 settembre 2007, per il quale è stato condannato definitivamente Vincenzo Aiello, ex rappresentante provinciale della ‘famiglia’.
Coronavirus: turista positiva a Palermo
Regione siciliana conferma, in quarantena gli amici
PALERMO
25 febbraio 2020
08:26
– E’ risultata positiva al coronavirus la turista di Bergamo in vacanza a Palermo che ieri sera è stata ricoverata nell’ospedale Cervello per i controlli dopo aver mostrato sintomi influenzali. Lo conferma la Regione siciliana che dice: “Abbiamo un sospetto caso positivo risultato tale all’esame del tampone”. E’ stata disposta la quarantena per il gruppo di amici della donna e per le persone che sono state a stretto contatto coi turisti. Questo è il primo caso di coronavirus accertato nel Sud Italia.
Arrestato consigliere regionale FdI
Scambio elettorale politico-mafioso in elezioni 26 gennaio
REGGIO CALABRIA
25 febbraio 2020
09:22
– Il consigliere regionale di Fratelli d’Italia Domenico Creazzo, eletto nella consultazione elettorale del 26 gennaio scorso e sindaco di Sant’Eufemia d’Aspromonte, è tra le 65 persone arrestate dalla Polizia nell’ambito di un’operazione contro la ‘ndrangheta coordinata dalla Dda di Reggio Calabria. Le ordinanze di custodia cautelare riguardano capi storici, elementi di vertice e affiliati di un “locale” di ‘ndrangheta dipendente dalla cosca Alvaro, considerata tra le più attive e potenti dell’organizzazione criminale. Per 53 delle persone coinvolte é stata disposta la custodia cautelare in carcere, mentre le restanti 12 sono ai domiciliari. Sono accusate, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, vari reati in materia di armi e di droga, estorsioni, favoreggiamento reale, violenza privata, violazioni in materia elettorale, reati aggravati dal ricorso al metodo mafioso e dalla finalità di aver agevolato la ‘ndrangheta e di scambio elettorale politico mafioso.
Maltratta il nonno per anni, allontanato
Denunciato un 26enne nel Reggiano, le indagini dei carabinieri
REGGIO EMILIA
25 febbraio 2020
10:07
– Lo costringeva a cenare chiuso in camera oppure a non accendere la luce di sera in casa.
E poi ancora pugni in faccia, calci alle gambe e sputi, l’augurio di morire di fame Per questo un 26enne è stato denunciato dai carabinieri di Reggio Emilia per maltrattamenti continui e lesioni personali ai danni del nonno, ultrasettantenne e disabile. I militari hanno eseguito ieri mattina la misura cautelare dell’allontanamento dall’abitazione col divieto di farvi rientro, applicata dal gip del tribunale di Reggio su richiesta della Procura nei confronti del giovane. L’anziano, invalido civile all’80%, aveva recentemente accolto il nipote in casa dopo la separazione dei genitori.
Coronavirus:Veneto, positivi saliti a 38
Sono 29 nel cluster di Vo’, 5 a Venezia e 4 a Mira
VENEZIA
25 febbraio 2020
10:08
Sono saliti a 38 i casi di persone positive al Coronavirus in Veneto. Lo riferisce il nuovo report della Regione Veneto. Sono 6 i contagiati in più rispetto a ieri. Nel cluster di Vo’ si contano ormai 29 casi di Covid-19 (tra cui una vittima), 4 in quello di Mira (Venezia), 5 in quello di Venezia. In totale 5 pazienti si trovano in terapia intensiva, mentre sono 18 le persone positive in isolamento domiciliare.
Coronavirus: Lombardia, 206 casi
Eseguiti finora circa 1800 tamponi
MILANO
25 febbraio 2020
10:14
– Sono salite a 206 le persone contagiate da Coronavirus in Lombardia. Lo comunica stamani la Regione, aggiungendo che i tamponi eseguiti sono stati finora circa 1800.
Curia Napoli, astenersi da segno pace
‘Distribuire la Comunione eucaristica sulla mano’
NAPOLI
25 febbraio 2020
10:27
– “Sarebbe opportuno nelle celebrazioni astenersi dallo scambiarsi il segno della pace, e distribuire la Comunione eucaristica sulla mano, secondo le norme liturgiche vigenti”. Dalla Curia Arcivescovile di Napoli “alcune indicazioni ispirate alla prudenza, avvertendo, con estrema serenità e senza alcun allarmismo, il dovere di una piena collaborazione con le competenti Autorità dello Stato e della Regione, per contenere il rischio epidemico, nella piena disponibilità a recepire le disposizioni emanate”. Inoltre, sottolinea la Curia di Napoli, “è altresì opportuno assumere comportamenti rispettosi delle norme di igiene negli oratori, nelle mense, nei centri Caritas, nelle aule catechistiche e nelle assemblee parrocchiali, al solo scopo di ridurre un possibile smarrimento, che spingerebbe ad una preoccupazione eccessiva e immotivata”. La presa di posizione della Curia alla luce del fatto che “si susseguono, da più parti, al diffondersi del Coronavirus, richieste relative a linee comuni da adottare”.
Tribunale Bari,udienze chiuse e distanza
Avviso nel Palagiustizia, chi viene da ‘zone rosse’ lo dichiari
BARI
25 febbraio 2020
10:56
– Udienze a porte chiuse e distanza di almeno due metri tra le persone in aula: sono le ‘misure precauzionali’ del Tribunale di Bari per le udienze preliminari e i processi con rito abbreviato, nell’ambito delle “disposizioni urgenti in materia di prevenzione ‘Covid-19’ impartite dal presidente della Regione Puglia”. L’avviso, a firma della presidente della sezione Gip-Gup, Rosa Anna Depalo, è affisso nel Palagiustizia di via Dioguardi: prevede “la chiamata in camera di consiglio e a porte chiuse di ogni singola causa, secondo l’ordine del ruolo affisso all’esterno dell’aula di udienza”, che “gli avvocati, le parti, eventuali testimoni presenti che siano residenti o dimoranti nelle cosiddette ‘zone rosse’ (nei Comuni Codogno, Castiglione d’Adda, Castelgerundo e Sanfiorano in provincia di Lodi e nel Comune di Vo’ in provincia di Padova) o siano stati in contatto con residenti o dimoranti in dette zone dovranno, al momento della chiamata della causa e in forma riservata, dichiararlo all’autorità giudiziaria”.
Dda chiede arresto senatore Forza Italia
Ipotesi Procura Reggio C. è scambio elettorale politico-mafioso
REGGIO CALABRIA
25 febbraio 2020
11:09
– La Dda di Reggio Calabria ha chiesto l’autorizzazione a procedere all’arresto del senatore di Forza Italia Marco Siclari coinvolto nell’operazione della Procura distrettuale diretta da Giovanni Bombardieri contro la cosca “Alvaro” di Sinopoli. L’ipotesi di reato è scambio elettorale politico-mafioso. A mettere in contatto il parlamentare con Domenico Laurendi, esponente della cosca, sarebbe stato Giuseppe Galletta Antonio, medico ed ex consigliere provinciale di FI a Reggio Calabria.
“Con l’intermediazione di Galletta – scrivono gli inquirenti – Marco Siclari accettava la promessa di procurare voti da parte del Laurendi in cambio di soddisfare gli interessi e le esigenze della associazione mafiosa. Siclari è stato eletto al Senato nel collegio uninominale n.4 della Calabria con una percentuale del 39,59%, riuscendo ad ottenere a Sant’Eufemia d’Aspromonte 782 voti, pari al 46,10%, mentre nel limitrofo Comune di Sinopoli 435 voti, pari al 63,41%”.
Check-point zona rossa,arriva l’Esercito
Carabinieri di Lodi, aumentano da 15 a 35 sul perimetro
MILANO
25 febbraio 2020
11:14
– Sono passati da 15 a 35 i check point che presidiano la zona rossa del Lodigiano interessata dall’emergenza coronavirus. Lo riferisce il capitano Michele Capone, comandante del Nucleo Investigativo dei carabinieri di Lodi. L’ufficiale spiega che “i check-point sono sensibilmente aumentati sul perimetro della cinturazione e alcuni sono stati allestiti anche all’interno della zona rossa”. Sul posto, prosegue, “è arrivato anche personale dell’Esercito”.
Coronavirus:Tribunale,lontano da giudici
Uno dei cartelli nelle aule. Procura, con influenza state a casa
MILANO
25 febbraio 2020
11:48
– “Non avvicinarsi al collegio e al cancelliere”. E’ uno dei tanti cartelli appesi fuori dalle aule del Tribunale di Milano che danno disposizioni per regolamentare le udienze con l’emergenza Coronavirus. Nei fogli sulle porte delle varie sezioni tutte le regole da seguire, compresa la distanza minima di 2 metri. Intanto, in Procura gli uffici stanno chiudendo al pubblico sulla base di una direttiva del procuratore Francesco Greco nella quale si legge anche che “il personale con sintomi influenzali è invitato a restare a casa”. VAI A TUTTE LE NOTIZIE POLITICHE Home Mappa del sito

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Molestie, Placido Domingo fa mea culpa
Il tenore: ” sono dispiaciuto per il dolore che ho causato”
25 febbraio 2020
14:09
Il tenore Placido Domingo, che si trova ad affrontare diverse accuse per molestie sessuali, si è scusato per “le ferite” causate, affermando di aver accettato la “piena responsabilità” delle sue azioni. “Sono veramente dispiaciuto per il dolore che ho causato. Accetto la piena responsabilità delle mie azioni”, ha detto in una nota inviata all’agenzia di stampa spagnola Europa Press.
Sospetto Covid Toscana tornato Codogno
E’ 49enne di Pescia.2/o caso in attesa Iss è 63enne fiorentino
FIRENZE
25 febbraio 2020
12:40
– Uno dei due casi toscani, sospetti positivi che devono essere validati dall’Iss, è un informatico di 49 anni rientrato giovedì sera da Codogno (Lombardia) dove ha soggiornato tre giorni per lavoro. Lo rende noto la Regione spiegando che “fin da venerdì si è messo in autoisolamento volontario su indicazione del medico di famiglia e sotto sorveglianza della Asl. Ieri mattina a seguito di un picco febbrile, ha contattato le strutture sanitarie che gli hanno mandato un’ambulanza del 118 a casa per portarlo, in isolamento, in ospedale a Pistoia per tutti gli accertamenti”: è in buone condizioni di salute, in isolamento.
L’altro caso riguarda un imprenditore fiorentino di 63 anni che ieri mattina alle 7.30, è giunto in ambulanza al pronto soccorso di S.M.Nuova con sintomi influenzali e difficoltà respiratorie ed è stato poi trasferito all’ospedale di Ponte a Niccheri in isolamento. E’ stabile e non intubato.
Dopo caldo anomalo, parentesi invernale
Calo temperature anche 10 gradi.Raffiche burrasca a 100 km orari
25 febbraio 2020
13:10
– Dopo una lunga fase di caldo anomalo, in Italia ci sarà una breve parentesi invernale, fino a venerdì, con temperature in calo anche di 10 gradi e venti di burrasca con raffiche che potranno sfiorare i 100 km orari. Poi nuovo rialzo termico per la fine della settimana e quindi un inizio di marzo all’insegna del maltempo. Lo affermano i meteorologi di Meteo Expert.
Domani piogge “intense e diffuse” per una perturbazione che transiterà, veloce, su molte regioni, in particolare al Centro-Sud, con delle nevicate sulle zone montuose anche al di sotto di 1000 metri. Oltre alle pioggia ci saranno “correnti fredde che, tra domani e giovedì, causeranno un brusco calo delle temperature, con valori che in alcune località potranno diminuire anche di una decina di gradi”. Mercoledì le raffiche sfioreranno i 100 km orari sulle regioni centro-meridionali e sulle Alpi occidentali. Giovedì una seconda perturbazione coinvolgerà, nella seconda parte della giornata, l’arco alpino e il settore tirrenico. VAI ALLE PREVISIONI METEO INTERATTIVE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Maltempo: Toscana,codice arancione vento
Su Costa e Arcipelago, dalle 7 alle 20 del 26 febbraio
FIRENZE
25 febbraio 2020
14:03
– Un codice arancione per vento forte e mareggiate su costa e Arcipelago, dalle 7 alle 20 di mercoledì 26 febbraio è stato emesso dalla Sala operativa della Protezione civile regionale.
L’allerta per vento riguarda tutto il tratto di costa e l’immediato entroterra compreso tra la foce dell’Arno e la Maremma; il rischio mareggiate è circoscritto al tratto compreso tra la foce dell’Arno e Piombino. Inoltre è stato emesso un codice giallo, sempre per vento forte, con validità dalle ore 10 fino alle 20 del 26 per le zone interne del Valdarno Inferiore, Valdelsa e Valdera e bacini di Fiora, Albegna e alto e medio Ombrone. Infine un altro codice giallo per mareggiate, valido dalla mezzanotte del 25 febbraio e fino alla stessa ora del 26, riguarda i tratti di costa di Versilia e Serchio e, a sud, da Piombino fino al confine laziale.
Conte: niente chiusura scuole fuori da focolai. ‘Occhio alle fake news’. Gite sospese
“Inaccettabili limitazioni italiani. Dall’emergenza chance di rilancio per l’Italia”
25 febbraio 2020
18:28
Nelle zone che non sono focolaio del virus “non si giustifica la chiusura delle attività scolastiche”. Lo ha detto il premier Conte alla Protezione Civile sottolineando che l’Italia è stata divisa in 3 zone: quelle focolaio, dove valgono le misure restrittive varate, un secondo livello “che si estende alle aree circostanti che presentano episodi da contagio indiretto” e un terzo livello che riguarda il resto d’Italia. E qui “sicuramente non ha ragione di esistere la sospensione si attività scolastiche”.
Gite scolastiche, sia i viaggi di istruzione sia le uscite o i progetti di scambio e gemellaggio, sospesi fino al 15 marzo per le scuole “di ogni ordine e grado”. Lo prevede il dpcm attuativo del decreto sul Coronavirus firmato ieri sera che coordina le varie ordinanze degli ultimi giorni. Previsto il rimborso per chi ha già pagato i viaggi. Le assenze degli studenti oltre i 5 giorni andranno giustificate con certificato medico. Le scuole chiuse per l’emergenza potranno attivare “modalità di didattica a distanza”.
Scuola nel Bolognese sperimenta lezioni web  – Lezioni e compiti a casa via web, grazie all’utilizzo di piattaforme informatiche per garantire la didattica anche a scuole chiuse. E’ quanto intende sperimentare l’Istituto Comprensivo di Pianoro, comune alle porte di Bologna, in questi giorni di stop forzato a causa del coronavirus. A esserne interessata sarà una platea potenziale di circa 800 alunni, tra elementari e medie, anche se per ora l’adesione dei docenti sarà necessariamente su base volontaria.
Polizia,occhio a fake news come chiusura scuole – “La Polizia di Stato ha segnalato la diffusione sui social media di molti messaggi falsi, le cosiddette fake news, che generano allarme ingiustificato, tra cui quella di una presunta disposizione di chiusura di tutte le scuole d’Italia a causa dell’emergenza coronavirus”. Lo rende noto il Viminale. A questo proposito, la Polizia invita i cittadini a “non condividere eventuali messaggi di allarme ricevuti e segnalarli tramite il sito https://www.commissariatodips.it“. “L’Italia, grazie al suo sistema sanitario d’eccellenza e ad una politica sanitaria di massima tutela e rigore, può mandare i suoi cittadini in giro tranquillamente”, ha detto il premier sottolineando che questo è “il messaggio che vogliamo mandare all’Unione Europea e al mondo”.
“Sarebbe ingiusto che arrivassero limitazioni da parte di stati esteri. Non lo possiamo accettare. I nostri concittadini possono partire sicuri, per loro e per gli altri”. Lo ha detto il premier Conte alla Protezione civile.‘emergenza coronavirus “ha un impatto economico immediato e ne avrà un altro differito che ci aspettiamo, ma sono già in fase istruttoria misure di immediato intervento per le comunità colpite”. Così il premier Giuseppe Conte alle tv dopo il vertice alla Protezione civile. “Ne approfitteremo, perché l’Italia nelle emergenze dà il meglio, per lanciare, da un’emergenza sanitaria ed economica, una grande terapia d’urto per rilanciare il Paese”, ha aggiunto.
Le aziende che producono mascherine e materiale sanitario per fronteggiare il coronavirus devono “privilegiare” il mercato italiano. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte annunciando un’ordinanza della protezione civile sul tema. “Ho visionato la bozza dell’ordinanza per dare indicazioni alle aziende che producono materiale di protezione. Dovranno privilegiare i fabbisogni italiani per l’emergenza nazionale. Stiamo adottando misure straordinarie e urgenti perché la produzione di questi equipaggiamenti vadano a soddisfare le nostre esigenze nazionali”.
“L’Italia è un Paese sicuro, in cui si può viaggiare e fare turismo, ci sono solo aree limitatissime con restrizioni; forse è un Paese più sicuro di tanti altri”, dice Conte.
“Non dobbiamo ipotizzare in questo momento scenari drammatici, sono fiducioso perché gli esperti dicono che le misure sono efficaci e daranno risultati”, ha risposto Conte a chi gli chiedeva se fosse ipotizzabile un rinvio del referendum sul taglio dei parlamentari per l’emergenza coronavirus. POLITICA

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Truffe a banche, 4 arresti in Salento
Sistema basato su identità false, anche ex fantino toscano morto
LECCE
25 febbraio 2020
15:26
25 FEB – La Guardia di Finanza di Lecce ha arrestato, in carcere e ai domiciliari, 4 salentini, tre uomini e una donna, accusati di aver raggirato banche, società finanziarie e compagnie assicurative, falsificando almeno 160 polizze vita e truffando 130mila euro in provvigioni assicurative e 100mila di un mutuo del Monte Paschi di Siena.
Sei gli indagati dell’operazione ‘Camaleonte’, in provincia di Lecce e con interessi anche nel Brindisino. Secondo le indagini, il sistema si basava sulla contraffazione di documenti di identità, buste paga e certificazioni amministrative (con dati anagrafici falsi o di defunti), finalizzati ai raggiri, orchestrati anche grazie alla compiacenza di dipendenti delle società truffate, che omettevano i necessari controlli sui documenti esibiti. Le indagini sono partite dal mutuo ipotecario erogato dalla filiale di Galatina (Lecce) del Monte dei Paschi di Siena a un uomo presentatosi ‘agente della Polizia di Stato’, con generalità però di un ex fantino toscano morto nel 2014.
Coronavirus,a Chieti spariti dispositivi
Manager Asl presenta denuncia in Procura, ‘vergognoso’
CHIETI
25 febbraio 2020
17:09
– Il direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti Thomas Schael ha presentato una denuncia alla Procura della Repubblica di Chieti dopo che, nel corso dell’ultima settimana, si sono verificati ammanchi dei dispositivi di protezione dal Coronavirus nei reparti dei presidi ospedalieri, con la conseguenza che il personale ospedaliero è rimasto completamente sguarnito dei dispositivi necessari per l’attività di assistenza. In particolare, dai reparti e dal blocco operatorio del policlinico di Chieti sono sparite tute, maschere, mascherine chirurgiche e altri dispositivi di sicurezza necessari per l’assistenza. L’ammanco è stato segnalato alla direzione generale dai direttori responsabili dei reparti aziendali. “E’ vergognoso – ha commentato Schael – che in un momento critico come questo, in cui la sicurezza va garantita prima di ogni cosa, si verifichino episodi di questo tipo nella sanità pubblica. È dovere preciso da parte nostra segnalare l’accaduto all’autorità giudiziaria”.
Prefetto Lodi, medici Codogno eroici
Sopralluogo Cadorna a check point zona rossa, non è stato guerra
SECUGNAGO (LODI)
25 febbraio 2020
17:14
– “Sono stati eroici”: il prefetto di Lodi Marcello Cardona parla così del personale medico-sanitario dell’ospedale di Codogno, al centro delle polemiche per la gestione del cosiddetto paziente 1.
Il prefetto Cardona ha effettuato un sopralluogo in alcuni dei 35 check point allestiti per vigiliare sulla zona rossa del coronavirus. “Non siamo in stato di guerra, ma in una fase preventiva per evitare ulteriori contagi”, precisa.
Coronavirus, a rischio la validità dell’anno scolastico?
In base alle norme, debbono essere garantiti almeno 200 giorni di didattica e nelle regioni interessate dall’emergenza potrebbero non essere raggiunti
25 febbraio 2020
17:46
Scuole chiuse, lezioni ed esami sospesi nelle università, gite annullate, selezioni e concorsi rimandate: per il mondo dell’istruzione l’emergenza coronavirus in Italia sta avendo effetti dirompenti. Le misure d’urgenza emanate dal Governo, infatti, cercano di limitare – per ora nelle regioni interessate dai contagi – le occasioni di contatto fra tante persone contemporaneamente. Ovvio (e sacrosanto) che gli studenti fossero fra i primi a essere “fermati”, al momento solo per la settimana dal 24 febbraio al 1° marzo.
Ma presto potrebbe porsi un problema che riguarda soprattutto la scuola dell’obbligo: è a rischio la validità dell’anno scolastico? Skuola.net ha cercato una risposta. Le leggi sull’ordinamento scolastico parlano chiaro: in base all’art. 74, comma 3, del D. Lgs. 297/94, “allo svolgimento delle lezioni sono assegnati almeno 200 giorni”. Ciò vuol dire che, qualora alcuni istituti scendessero sotto questa soglia, l’anno potrebbe essere considerato non valido. Uno scenario tutt’altro che irrealizzabile, visto che in molti Comuni delle regioni interessate dalle ordinanze di chiusura delle scuole (al momento Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia-Romagna, Liguria e Friuli Venezia Giulia) durante l’anno scolastico 2019/2020 sono state già fronteggiate emergenze di altro genere, come quella del maltempo.
Il ministero dell’Istruzione, nel 2012, ha emanato una nota (la n. 1000) – riferita proprio al maltempo, ma adattabile al coronavirus – in cui precisa: “Può tuttavia accadere […] che si verifichino eventi imprevedibili che inducano i sindaci ad adottare ordinanze di chiusura delle sedi scolastiche. […] Al ricorrere di queste situazioni si deve ritenere che è fatta comunque salva la validità dell’anno scolastico, anche se le cause di forza maggiore, consistenti in eventi non prevedibili e non programmabili, abbiano comportato, in concreto, la discesa dei giorni di lezione al di sotto del limite dei 200”. Quindi, l’anno scolastico sarebbe salvo.
Potrebbe tuttavia accadere che, se l’allerta coronavirus dovesse continuare ancora a lungo, costringendo le scuole a chiusure prolungate, i calendari scolastici vengano rimodulati per far recuperare almeno in parte i giorni persi. Magari posticipando leggermente la fine dell’anno. La stessa nota del ministero sottolinea che “le istituzioni scolastiche, soprattutto se interessate da prolungati periodi di sospensione dell’attività didattica, potranno valutare, a norma dell’art. 5 del Dpr 275/99 (sull’autonomia, ndr) in relazione alle esigenze derivanti dal Piano dell’offerta formativa, la necessità di procedere ad adattamenti del calendario scolastico finalizzati al recupero, anche parziale, dei giorni di lezioni non effettuati”.
Attualmente, quasi dappertutto le chiusure coincidono con la settimana in cui – secondo i singoli calendari scolastici – la didattica era di fatto sospesa per i festeggiamenti del Carnevale. In Piemonte, ad esempio, le scuole sarebbero restate chiuse fino al 26 febbraio; lo stesso in Veneto e in Friuli Venezia Giulia; in Lombardia, la sosta era prevista il 24 e 25 febbraio (il 28-29 febbraio per chi festeggia con il rito ambrosiano); nella provincia di Trento, invece, prolungata fino a sabato 29 la chiusura (la sosta era fino al 25). Gli unici a vedere stravolti i piani sarebbero gli istituti di Emilia-Romagna e Liguria. Tutto sotto controllo, quindi, anche se la prudenza è d’obbligo, poiché la situazione è in continua evoluzione.
Coronavirus,boom chiamate a numero verde
Dal 21/2, quando attivato, sono state 8.501
FIRENZE
25 febbraio 2020
18:11
– Sono state 2.385 le chiamate arrivate oggi, dalle 9 alle 13.30, al numero verde 800.556060 istituito dalla Regione Toscana per fornire indicazioni sui percorsi e le iniziative sul tema del Coronavirus. Da venerdì, giorno in cui è partito il servizio, le telefonate pervenute sono state in tutto 8.501. Lo rende noto la Regione spiegando che “il numero verde, inizialmente attivo dalle 9 alle 15, risponderà da oggi fino alle 18. Da giovedì è previsto un ulteriore apporto di personale per rafforzare il servizio”.
L’Asl Toscana centro annuncia che sono attive nuove sette linee telefoniche dedicate al numero 055 5454777 che è destinato esclusivamente a coloro che sono rientrati da un’area a rischio infezione da coronavirus negli ultimi 14 giorni e devono osservare l’isolamento domiciliare fiduciario e a chi è stato in contatto stretto con un caso confermato. Ancora oggi, dopo quanto già sottolineato nei giorni scorsi, è stato rilevato che in molti, impropriamente, hanno ‘intasato’ la linea.
Coronavirus, in Lombardia 240 casi. Fontana: ‘Chiarito con Conte’
‘Il premier ha riconosciuto il suo errore’ ha detto il governatore lombardo
25 febbraio 2020
20:29
“Siamo a 240 casi positivi in Lombardia, abbiamo fatto più di 1.800 tamponi, per i decessi aspettiamo la conferma dell’istituto superiore della Sanità”. E’ quanto ha detto l’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera. “Sottolineiamo che nessun reparto di nessun ospedale di Regione Lombardia sta chiudendo, tutti operano. Dove ci sono casi positivi, si stanno facendo i tamponi a operatori sanitari”. Gallera ha poi precisato :”Ci sono tanti decessi, alcuni sub iudice in Lombardia che attendono di essere confermati dall’Istituto superiore della Sanità”.
“Con il presidente Conte si è sicuramente raggiunto un chiarimento anche perchè abbiamo concordato un provvedimento richiesto”. E’ quanto ha detto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana. “Ritengo questa affermazione un errore e infatti il presidente Conte ha oggi stesso rettificato: l’ospedale di Codogno non ha commesso nessun errore, ha rispettato i protocolli del ministero e anzi, ha fatto un passo in più. Ed ecco perchè mi sono un attimino innervosito” ha dichiarato Fontana. “La situazione si è ormai stabilizzata, nel senso che i provvedimenti che dovevamo assumere sono entrati in vigore” ha detto Fontana nella conferenza stampa di aggiornamento sui casi di coronavirus. “La popolazione sta reagendo in maniera composta, seria e civile. Stiamo aspettando che, come hanno detto i virologi, passino 4-5 giorni per capire gli effetti dei provvedimenti. Noi siamo molto sereni e fiduciosi nell’esito positivo”, ha aggiunto il governatore.
IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA:

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: tende davanti ospedali Fvg
Fedriga, entro breve completeremo opera. E’ misura prevenzione
TRIESTE
25 febbraio 2020
18:18
– La Protezione civile del Fvg è al lavoro in queste ore per allestire tensostrutture all’esterno dei pronto soccorso regionali, che saranno utilizzate per il pre-triage. Volontari sono al lavoro, ad esempio, davanti all’ingresso dell’ospedale Maggiore di Trieste dove sono state montate alcune tende.
“Entro oggi o domani – ha garantito il presidente del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga – riusciremo a completare l’opera”, ovvero allestire le tende davanti a tutti i pronto soccorso del Friuli Venezia Giulia. “Le tende sono attrezzate per fare un pre-triage. Sono tutte misure preventive e la prevenzione riteniamo possa garantire la sicurezza”.
Coronavirus, il punto della Protezione civile- LA DIRETTA
La conferenza stampa
25 febbraio 2020
18:23
LA CONFERENZA STAMPA DELLA PROTEZIONE CIVILE:

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Crac Fse:chiesto processo ex vertici Bnl
Tra reati contestati, bancarotta fraudolenta impropria
BARI
25 febbraio 2020
18:25
– La Procura di Bari ha chiesto il rinvio a giudizio per 21 persone, l’ex amministratore delegato di Bnl Fabio Gallia, altri 19 tra ex e attuali dirigenti e funzionari dell’istituto di credito e l’ex commissario governativo, legale rappresentante e amministratore unico di Ferrovie del Sud Est Luigi Fiorillo. Gli imputati rischiano un processo per i reati, a vario titolo contestati, di bancarotta fraudolenta impropria per effetto di operazioni dolose ai danni di Fse e bancarotta fraudolenta preferenziale in favore di Bnl, con riferimento al crac della società di trasporti pugliese, commissariata dopo la gestione Fiorillo e poi acquistata da Ferrovie dello Stato. I fatti contestati risalgono agli anni 2009-2016, ma i reati di bancarotta ipotizzati sono datati 16 gennaio 2017, data di ammissione al concordato.
Coronavirus: giudice Bari con mascherina
Procuratore Volpe, ‘invito a lavarsi mani ma non abbiamo sapone’
BARI
25 febbraio 2020
18:33
25 FEB – Ha celebrato udienza con una mascherina bianca sul volto una delle giudici del Tribunale di Bari, come misura precauzionale contro l’eventuale diffusione del Coronavirus. In aula la giudice Angelica Passarella, che aveva in calendario 26 udienze monocratiche nell’aula ‘M’ al secondo piano del Palagiustizia di via Dioguardi, ha tenuto per tutto il tempo la mascherina, chiedendo agli avvocati di entrare uno per volta in aula e di tenere una distanza minima di due metri. Le uniche misure formali sono state adottate dall’ufficio gip-gup, che ha disposto udienze a porte chiuse, mentre la Procura per il momento non adotterà provvedimenti. Sulle misure precauzionali, il procuratore Giuseppe Volpe ha detto che “dovrei invitare a lavarsi spesso le mani per prevenire il contagio da Coronavirus, ma non abbiamo nemmeno i soldi per il sapone nei bagni”.
Ceriscioli,scuole chiuse fino al 4 marzo
Presidente Marche, e stop manifestazioni pubblico spettacolo
ANCONA
25 febbraio 2020
19:11
– Nelle Marche “dalla mezzanotte di oggi scattano provvedimenti che prevedono la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado e la sospensione delle manifestazioni di pubblico spettacolo” fino alle 24 del 4 marzo.
Lo ha annunciato il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli in un videomessaggio: “ho appena firmato l’ordinanza che aumenta le misure nei confronti del contenimento del Coronavirus”. Una “scelta importante maturata dopo 24 ore di attesa nel percorso fatto insieme con il governo nella riunione di stamattina”. L’ordinanza è stata predisposta “nella consapevolezza che la situazione a distanza di 24ore si è ulteriormente aggravata. Un contagio al confine della nostra regione, a Cattolica – ricorda – ci segnala che sono sempre più urgenti misure di contenimento. Bisogna affiancare a quelle che abbiamo seguito fino a oggi, sulle quali bisogna insistere, alle misure individuali, queste misure più importanti che, evitando l’assembramento delle persone, riducono il rischio di contagio”.
Coronavirus: donna morta in Veneto
Anziana di 76 anni era stata ricoverata oggi in rianimazione
VENEZIA
25 febbraio 2020
19:17
– E’ morta all’ospedale di Treviso la donna di 76 anni risultata positiva al Coronavirus e ricoverata oggi in rianimazione nell’ospedale cittadino. Lo ha reso noto la Regione Veneto. L’anziana è deceduta intorno alle 18, nel reparto di terapia intensiva del Ca’ Foncello.
Affetta da importanti patologie pregresse, era stata portata oggi in ospedale, risultando poi positiva al test per il Covid-19. E’ morta a causa di complicanze respiratorie insorte nelle ultime ore.
Coronavirus: caos giudici pace Milano
Sospese le udienze, erano 41 le cause civili nello stesso orario
MILANO
25 febbraio 2020
19:18
– Caos oggi negli uffici dei giudici di pace di Milano dove erano calendarizzate troppe udienze civili, anche “41 cause col medesimo orario”, in violazione delle regole stabilite dalla Presidenza del Tribunale di Milano per non creare sovraffollamento per l’emergenza Coronavirus.
Molti avvocati presenti hanno protestato e il presidente del Tribunale Roberto Bichi è intervenuto disponendo che tutte le “udienze civili” dei giudici di pace da domani al 2 marzo “sono rinviate a data che sarà comunicata a cura dell’Ufficio”.
Coronavirus, a Melzo lezioni via web
Gli studenti potranno seguire i professori da casa
MILANO
25 febbraio 2020
19:39
– “Noi siamo già pronti, perché usiamo la metodologia di insegnamento digitale come risorsa quotidiana”. Lo ha detto la direttrice del comprensorio scolastico Ungaretti di Melzo, nel milanese, Stefania Strignano dopo un webinar con il ministro all’Istruzione Lucia Azzolina, ha spiegato che già nel prossimi giorni, qualora la chiusura delle scuole nelle zone interessate dalla diffusione del coronavirus si prolungasse, il suo istituto è già pronto a delle vere e proprie lezioni via web “che gli studenti potranno affrontare da casa”.
Pr intervista papà virologo, basta fake
Professor Perno, errore è delegare ad altri capacità giudizio
MILANO
25 febbraio 2020
19:48
– “L’errore più grande che l’uomo possa fare è delegare agli altri la propria capacità di giudizio” dice Carlo Federico Perno, Ordinario di Virologia e Microbiologia all’Università di Milano e Direttore di laboratorio dell’Ospedale Niguarda di Milano. A intervistarlo la figlia pr Maria Stella Perno, in un video che in poche ore ha già fatto oltre 100mila visualizzazioni.
Maria Stella ha chiesto al padre se si possa tenere sotto controllo un’epidemia in una settimana: “quando pensiamo a un’epidemia pensiamo alla peste di manzoniana memoria, questo è un virus e tutti i virus hanno una peculiarità, quella di apparire e sparire rapidamente, buona parte dei virus ha queste caratteristiche, niente ci vieta di pensare che dopo 2 settimane la situazione acuta sia passata, questo virus – che ricordiamo è di origine animale – è entrato nell’uomo, non si è trovato bene, saluta ed esce, la sto facendo a ridere ma spesso accade così”.
Fascicolo Pm Padova su morte paziente
Nè indagati o ipotesi reati,chieste cartelle cliniche a ospedale
PADOVA
25 febbraio 2020
20:42
25 FEB – La Procura di Padova ha aperto un fascicolo – senza indagati nè ipotesi di reato – sulla morte di Adriano Trevisan, 78 anni, morto a causa del coronavirus il 22 febbraio scorso nell’ospedale di Schiavonia, nella Bassa Padovana. Sono state chieste all’ospedale le cartelle cliniche del paziente per accertare se le linee guida rispetto alla malattia, dalla sua diagnosi e al contenimento del contagio, siano state rispettate.
Oms: mondo non è pronto,misure Italia ok
Ricciardi: ‘Troppa frammentazione, perso efficacia’
GINEVRA
25 febbraio 2020
19:35
– Il mondo “semplicemente non è pronto” per fronteggiare la diffusione dell’epidemia di coronavirus: è l’avvertimento del capo missione dell’Organizzazione mondiuale della Sanità (Oms) in Cina, Bruce Aylward, da Ginevra. Quanto all’Italia, “le misure che sono state prese vanno nella direzione giusta”, ha detto Valter Ricciardi, dell’Oms, da oggi consulente del ministro della Salute Speranza. “E’ molto importante – ha aggiunto – che il Paese si muova unito per fronteggiare questi due focolai epidemici”. “Dopo primi casi a Roma – gestiti in maniera antologica – una certa frammentazione regionale, non ne faccio colpa a nessuno, con tamponi fatti in modo sparso, si è persa l’efficacia iniziale. Ora stiamo cercando di ricondurre all’unitarietà l’azione”, ha aggiunto Ricciardi. Così Walter Ricciardi dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) e neo consulente del ministro della Salute italiano, in conferenza stampa alla Protezione civile a Roma.
Altoatesino contagiato, era in Lombardia
Provincia di Bolzano, negativo al primo test,positivo al secondo
Salvati in Alaska cinque italiani
Cercavano il bus di ‘Into the Wild’
25 febbraio 2020
15:08
– Volevano entrare nel famoso autobus divenuto il rifugio del film ‘Into the Wild’ ed hanno rischiato di fare la stessa fine di Christopher McCandless, il protagonista del libro di Jon Krakauer che ha ispirato il film.
Cinque turisti italiani sono stati salvati nel deserto dell’Alaska, stremati, dopo aver visitato l’autobus. Uno di loro, il più grave, aveva un principio di congelamento.
Secondo la polizia locale, l’Alaska State Troop, citata da media americani, il gruppo è stato salvato sabato mattina, quando è arrivata la richiesta di soccorso. Per fortuna avevano infatti un dispositivo di emergenza satellitare collegato con il centro internazionale per le emergenze, che ha diramato l’Sos alla polizia locale.
I cinque italiani sono stati trovati vicino ad un campo che avevano allestito dopo aver visitato l’autobus nel quale morì di stenti McCandless. Il più grave, con un principio di congelamento ai piedi, è stato portato all’ospedale ma non è in pericolo di vita.
Coronavirus, a Venezia Messa delle Ceneri in diretta tv e Facebook
E nel Bolognese scuola sperimenta lezioni via web, coinvolti 800 alunni
25 febbraio 2020
15:29
Il Patriarca di Venezia Francesco Moraglia presiederà alle ore 18 in basilica di San Marco – a porte chiuse – la Messa nel Mercoledì delle Ceneri, che verrà trasmessa in diretta dalle emittenti televisive Antenna 3 e Rete Veneta, e dalla pagina Facebook del settimanale diocesano Gente Veneta. La trasmissione via internet dei riti di inizio Quaresima avrà inizio con la comunità del Seminario patriarcale domani mattina sempre tramite la pagina Facebook di Gente Veneta, con la Messa delle Ceneri.
Intanto, nel Bolognese si sperimentano lezioni a scuola online, grazie all’utilizzo di piattaforme informatiche per garantire la didattica anche a scuole chiuse. E’ quanto intende sperimentare l’Istituto Comprensivo di Pianoro, comune alle porte di Bologna, in questi giorni di stop forzato a causa del coronavirus. A esserne interessata sarà una platea potenziale di circa 800 alunni, tra elementari e medie, anche se per ora l’adesione dei docenti sarà necessariamente su base volontaria.
Coronavirus: grave il ‘paziente 1′, 6 compagni di squadra positivi
La moglie del 38enne, incinta, è positiva al virus ma sta bene
25 febbraio 2020
13:22
“Attualmente i ragazzi del Picchio Calcio sono stati sottoposti chi in ospedale chi direttamente a casa a tampone. Ad ora risultano 6 persone contagiate dal Virus”. Lo comunica il Picchio Calcio, la squadra dilettanti dove gioca il paziente 1, il 38enne di Codogno che si era recato al pronto soccorso di Codogno e che è stata la prima persona risultata positiva al Coronavirus. Le persone che sono state a contatto con il paziente 1, che sabato 15 febbraio era sceso in campo con la sua squadra, e che hanno contratto il virus “non hanno sintomi e – rende noto la società – verranno curate da casa”.
Sono gravi ma stabili le condizioni del Paziente1 ovvero del trentottenne che è stata la prima persona risultata positiva al Coronavirus. E’ uno dei cinque ricoverati in rianimazione al Policlinico San Matteo di Pavia. La moglie del paziente 1, ricoverata al Sacco di Milano perché positiva al coronavirus, “sta bene, ha fatto l’ecografia e la gravidanza procede bene, la bambina sta bene e la gravidanza arriverà a termine”: lo dice uno dei dirigenti del gruppo podistico dove corrono la donna, ricoverata al Sacco di Milano, e il marito, ora ricoverato a Pavia. La moglie del paziente 1 “sta bene, è sempre stata bene, è positiva al coronavirus ma asintomatica” dice il dirigente, che l’ha sentita telefonicamente ieri.
Non è stato fatto il tampone, invece, ai giocatori della Amatori Sabbioni, la squadra con cui lo scorso 15 febbraio ha giocato il Picchio Calcio, l’equipe del paziente numero 1, il 38enne andato al pronto soccorso di Codogno poi risultato positivo al coronavirus.
“Siamo tutti in quarantena, ma non abbiamo ancora fatto il tampone” dice il dirigente della società. “All’inizio ci avevano detto che sarebbero venuti a farci il tampone, ma poi la situazione è cambiata e ci hanno detto di restare in quarantena fino al 29 febbraio e di vedere come va, misurandoci la temperatura tre volte al giorno, perché i tamponi sono pochi. Stiamo tutti bene e lo capiamo benissimo però – dice il dirigente – non neghiamo che ci sono tante persone preoccupate perché sono state a contatto con noi”. “La quarantena è pesante, stare chiusi in una stanza per due settimane non è il massimo, io abito con i miei genitori e dobbiamo restare almeno a due metri di distanza, un po’ invidio chi almeno ha un giardino per fare due passi, ma l’importante è che stiamo tutti bene”.
Tra bufale e leggende, il virus corre sul web
Dai falsi esperti ai complottisti, dilaga l’altra epidemia
25 febbraio 2020
16:57
“Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio”, recitava Lino Banfi in un film cult degli anni ’80 cospargendosi il corpo di olio, sale e aceto per allontanare sfortuna e disgrazie. Con il dilagare del coronavirus crescono anche la psicosi e le bufale sul web, con consigli che ricordano da vicino le pratiche seguite dall’attore pugliese.
Aglio, origano e olio di sesamo sono alcune delle sostanze ritenute miracolose da sedicenti esperti sui social. Peccato che, come precisato dall’Organizzazione mondiale della sanità, l’aglio abbia sì proprietà antimicrobiche, ma nulla più. Anche cospargersi il corpo di olio di sesamo o bere acqua salata non offre alcuna protezione. C’è poi chi invita a ingerire antibiotici, che non hanno alcuna efficacia contro i virus. La candeggina o l’etanolo possono distruggere il virus, ma si usano solo per sanificare le superfici, non vanno spalmati sul corpo o sotto il naso.
L’altro filone è quello dei falsi veicoli di contagio: molto in voga la teoria secondo cui cani e gatti sia portatori del virus, affermazione su cui non solo esiste alcuna evidenza scientifica ma è stata smentita dal Ministero della Salute come ricorda la Lega Nazionale per la difesa del cane. Priva di fondamento anche la voce secondo cui pacchi e lettere recapitati dalla Cina possano creare contagio, così come non è pericoloso mangiare cinese, come non pochi ritengono sui social.
Bufale che possono far sorridere, ma il dilagare di informazioni false può favorire la diffusione del virus, provocando comportamenti scorretti nella popolazione. Per questo l’Oms si è subito attivata con opuscoli e vademecum per smentire le fake news che circolano sul web. Ora anche la Croce Rossa è intervenuta per mettere in guardia dai ciarlatani che, questa volta praticando una vera e propria truffa, pretendono di entrare in casa degli anziani per effettuare il controllo del tampone.
Immancabili anche le teorie complottiste. Una delle più diffuse è quella secondo cui il virus sarebbe frutto di ricerche a scopo militare: per qualcuno è venuto fuori da un laboratorio di Wuhan, per altri era allo studio in un campus canadese, dove sarebbe stato rubato, per altri ancora sarebbe stato brevettato in un istituto britannico. La tesi più catastrofista è quella secondo cui il regime cinese avrebbe confezionato il virus per sterminare la popolazione.
C’è poi chi si spinge a sostenere che Nostradamus aveva previsto il coronavirus. Una delle teorie più originali è quella divulgata, sia pur tra qualche dubbio, dalla tv di Stato russa: secondo un servizio rilanciato nel corso programma “Vremya”, ci sarebbe addirittura la prova che il virus sarebbe stato creato in laboratorio dagli americani su ordine del presidente Donald Trump, che, nei concorsi di bellezza da lui organizzati prima di salire alla Casa Bianca, faceva indossare alle vincitrici una corona.
Il portale bufale.net è in questi giorni inondato di notizie false sul virus. Abbondano messaggi virali su whatsapp, come quello secondo il quale chi ha il naso che cola non può avere la polmonite da coronavirus, perché quest’ultima provoca una tosse secca. Dilagano anche i messaggi che annunciano la chiusura delle scuole in questo o quel paese, forse tentativi di studenti di far saltare realmente le lezioni.

Politica tutte le notizie, sempre in tempo reale- approfondite ed aggiornate oggettivamente. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Tempo di lettura: 15 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 11:07 DI DOMENICA 23 FEBBRAIO 2020

ALLE 17:53 DI MARTEDì 25 FEBBRAIO 2020

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus come calamità, pronti stop tasse e mutui
A breve nuovo Consiglio dei mimistri. Si lavora alle misure 23 Febbraio 2020 11:07
Sospensione dei pagamenti di tasse e cartelle. Ma anche delle bollette elettriche. Accesso più facile al Fondo di garanzia delle Pmi. E un accordo con l’Abi per mettere in stand by anche le rate dei mutui.
Il governo si attrezza a trattare il Coronavirus come le calamità naturali e a mettere in campo, con un nuovo decreto legge, e “in tempi molto rapidi”, le stesse misure di sostegno economico che si applicano in caso di terremoti e alluvioni. E intanto convoca al ministero del Lavoro sindacati e aziende, per coordinare gli interventi a tutela dei lavoratori.
I tecnici del ministero dell’Economia sono rimasti al lavoro anche oggi – e il ministro Roberto Gualtieri in stretto contatto da Riad con il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte – per predisporre il nuovo provvedimento urgente che accompagnerà il primo decreto sul Coronavirus che ha consentito, intanto di isolare le ‘zone rosse’ dei focolai di Lombardia e Veneto.
La sospensione dei pagamenti dovrebbe riguardare sia i tributi erariali che quelli locali, oltre al versamento dei contributi previdenziali. Il Mef punta a inserire nel decreto anche facilitazioni per l’accesso delle imprese coinvolte dall’emergenza Coronavirus al Fondo di garanzia per le Pmi. E si sta valutando la fattibilità anche di altri interventi, come contributi per la ripresa delle attività una volta accertati i danni. In più, come fa sapere anche l’Abi, sono in corso in queste ore contatti con l’associazione delle banche per siglare un accordo che consenta anche la sospensione dei pagamenti delle rate dei mutui bancari.
Sala, chiesto a Fontana chiudere scuole
Nel Milanese, ‘è intervento prudenziale, credo basti settimana’
MILANO
23 febbraio 2020
11:33
– “Anche a livello prudenziale penso che le scuole vadano chiuse a Milano e proporrò al presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, di allargare l’intervento a livello di Città metropolitana”. Lo ha detto il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala, al termine del tavolo in Prefettura per fare il punto sull’emergenza di Coronavirus in Lombardia. “È un intervento prudenziale – ha concluso Sala -. Ad oggi vediamo di farlo per una settimana e ritengo che sarà sufficiente”.
Coronavirus, Conte annulla tour Romagna
Aveva in programma incontri a Forlì, Faenza e Cesena
BOLOGNA
23 febbraio 2020
11:54
– Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte annulla le visite in programma per lunedì 24 febbraio in Romagna alla luce di quanto sta accadendo in queste ore in Italia sul fronte sanitario per il coronavirus. Lo fanno sapere Confcooperative Ravenna-Rimini e Forlì-Cesena.
Il premier era atteso domani allo stabilimento Orogel di Cesena in tarda mattinata per l’inaugurazione del nuovo magazzino automatizzato (inaugurazione rinviata anche se la struttura è entrata in funzione), poi allo stabilimento del gruppo Caviro di Faenza e infine a Forlì nel pomeriggio all’aeroporto Ridolfi.
Intercettazioni: FI ritira emendamenti prescrizione
Costa: ‘In questo momento di fronte al Parlamento ci sono altre priorità’
23 febbraio 2020
19:47
“Noi pensiamo che in questa fase debbano essere messi da parte i temi divisivi. Abbiamo pertanto ritirato i nostri emendamenti in materia di prescrizione. In questo momento di fronte al Parlamento ci sono altre priorità”. Lo spiega in una nota Enrico Costa, deputato Fi, riferendosi agli emendamenti al dl intercettazioni ora in discussione in commissione Giustizia alla Camera.
Sono circa 200 gli emendamenti al dl intercettazioni presentati in commissione Giustizia alla Camera. Il provvedimento, già approvato con la fiducia al Senato, e’ atteso domattina in Aula a Montecitorio.
“Contiamo di farcela”, ha assicurato la presidente della commissione, Francesca Businarolo (M5s). Gli emendamenti sono tutti dell’opposizione. “Un paio sono stati presentati dal forzista Costa e hanno a che fare con la prescrizione”, ha spiegato Businarolo. Con ogni probabilità, anche domani alla Camera verrà posta la fiducia.
Fi chiede comunque che il provvedimento sia accantonato per dare spazio al decreto sul Coronavirus. Una richiesta bollata come pretestuosa da M5s.
“E’ giusto andare avanti con il lavoro della commissione proprio per il senso di responsabilità a cui le opposizioni si stanno appellando, magari anche evitando gli ostruzionismi”. Così il deputato Pd, Walter Verini, in commissione Giustizia alla Camera ha replicato alle opposizioni che hanno chiesto uno stop dei lavori sul dl intercettazioni alla luce dell’emergenza coronavirus.
“Tutte le commissioni saranno al lavoro”, ha ricordato Verini, aggiungendo che “non e’ stata la maggioranza a fare della prescrizione un tema cruciale, ma e’ stata l’ opposizione”.
Coronavirus:Salvini, controllare confini
Giornate difficili ma Italia ce la farà
24 febbraio 2020
10:29
– “Care Amiche e Amici, sono giornate difficili, ma l’Italia ha sempre dimostrato di essere un Paese forte, popolato da gente pronta a reagire e a risollevarsi, a non arrendersi mai. Non è il momento delle mezze misure: servono provvedimenti radicali, serve l’ascolto dei virologi e degli scienziati, servono trasparenza, verità e un’informazione corretta, servono controlli ferrei ai confini su chi entra nel nostro Paese. Già da oggi sarò in Lombardia, poi in Umbria, a Roma, in Veneto, in Trentino e ovunque ci sarà bisogno.
L’Italia ce la farà, insieme ce la faremo”. Lo scrive su facebook il leader della Lega Matteo Salvini.
Coronavirus: troppa gente in aula, Ruby ter rinviato
Come molti procedimenti Tribunale Milano dopo direttive vertici
24 febbraio 2020
10:42
“In quest’aula tra magistrati, imputati e avvocati siamo spesso decine di persone, una situazione ambientale che contrasta con la circolare della Corte d’Appello di Milano” sull’emergenza coronavirus. Così il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano ha chiesto e ottenuto dai giudici della settima penale il rinvio del processo milanese ‘Ruby ter’ a carico di Silvio Berlusconi e altri 28 imputati.
Il pm, infatti, ha ricordato ai giudici che le direttive della presidenza della Corte d’Appello richiedono una distanza minima tra le persone in aula di due metri e che si “entri in aula 3/4 persone alla volta”. La Procura, tra l’altro, aveva già avvisato i difensori ieri, tanto che in aula stamani erano presenti solo tre avvocati e 7/8 persone in tutto. Il presidente del collegio Marco Tremolada inizialmente ha spiegato che “i servizi pubblici devono proseguire, salvo che per i lavoratori provenienti” dalle ‘zone rosse’. Poi, però, ha deciso di rinviare al 9 marzo anche per l’assenza dei testimoni. Tanti procedimenti, nel frattempo, vengono rinviati stamani in Tribunale a Milano.
Conte, con Ue non cambia nulla
Così il premier arrivando nella sede della protezione civile
24 febbraio 2020
11:02
– “Non cambia nulla”. Così il premier Giuseppe Conte ha risposto al suo arrivo alla protezione civile ai cronisti che gli chiedevano se l’emergenza coronavirus in Italia cambiasse i rapporti del nostro paese con il resto dell’Unione Europea.
Conte, in contatto con Governatori
Riunione alla Protezione civile con Speranza e Di Maio
24 febbraio 2020
12:53
– “Ora nella sede della Protezione civile per una nuova riunione con i ministri Luigi Di Maio, Roberto Speranza e in costante contatto con i presidenti di regione”. Lo scrive su Twitter il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, pubblicando una foto che li ritrae con il commissario Angelo Borrelli.
Pertini, 30 anni fa la morte. Mattarella: ‘Attingere dal suo esempio’
Grande protagonista della vita politica italiana. Presidente della Repubblica dall’8 luglio 1978
25 febbraio 2020
13:25
Il 24 febbraio di 30 anni fa, moriva a Roma, all’età di novantatré anni Sandro Pertini. Il presidente della Repubblica più amato dagli italiani, grande protagonista della vita politica. Iscritto al Partito socialista unitario dal 1924, venne incarcerato e confinato durante il fascismo. Partecipò alla Resistenza tra i massimi dirigenti del Comitato di liberazione nazionale Alta Italia. Eletto l’8 luglio 1978 presidente della Repubblica con una maggioranza larghissima e senza precedenti (832 voti su 995), improntò la sua azione a un notevole dinamismo, dando un’interpretazione più attiva della carica e delle funzioni di presidente della Repubblica. Dotato di grande comunicativa e di un linguaggio semplice ed efficace, riscosse in anni difficili e in circostanze spesso drammatiche il larghissimo consenso di chi vedeva in lui il rappresentante di un’Italia diversa, non toccata dagli scandali.
“A trent’anni dalla morte, la testimonianza e la passione civile del Presidente Sandro Pertini sono radicate nel cuore degli italiani e costituiscono per la Repubblica motivo di forte gratitudine, per il suo esempio di dedizione alle istituzioni, generosità e coraggio, sin dalla sua militanza giovanile coerentemente antifascista. Pertini, attraversata da protagonista la storia del ‘900, fu costruttore della democrazia italiana”.
“La militanza politica – scrive il Capo dello Stato – si accompagnò sempre, in lui, alla capacità di riconoscere il bene comune e i percorsi di unità nel perseguirlo. Intransigente difensore dei diritti universali e dei caratteri propri alla Costituzione, fu fermo argine a sostegno dei principi di libertà nella stagione più drammatica e sanguinosa del terrorismo. Credeva nella democrazia come traguardo di umanità, interpretando a fondo i sentimenti dei cittadini. Guardava ai giovani come continuatori dei valori di pace, giustizia e coesione sociale, democrazia e libertà, su cui è basata la Repubblica Italiana. L’esempio del Presidente Pertini è parte di quel patrimonio comune a cui attingere per affrontare i tempi nuovi”.
Coronavirus: Renzi, sostegno al Governo
Uniti su emergenza sanitaria, che poi sarà emergenza economica
FIRENZE
24 febbraio 2020
13:04
– Per la questione del Coronavirus “deve essere chiaro, senza equivoci di sorta, che noi stiamo dalla parte delle istituzioni. Zero polemiche, pieno sostegno all’azione del governo e un grandissimo ringraziamento a medici, infermieri e personale sanitario”. Lo ha detto il leader di Italia Viva Matteo Renzi intervenendo a Firenze a una conferenza stampa del gruppo Iv in Consiglio regionale della Toscana. “Oggi non è il momento delle polemiche – ha aggiunto – e bisogna seguire le indicazioni della scienza e penso che si debba lavorare tutti insieme per affrontare il Coronavirus che è un’emergenza sanitaria, che ha priorità su tutto, poi sarà un’emergenza economica nelle prossime settimane e mesi”.
Coronavirus, Baldini in Aula con mascherina: ‘Proteggere noi e gli altri’
La parlamentare di FdI è una dottoressa: ‘Lavarsi spesso le mani’
24 febbraio 2020
13:19
Maria Teresa Baldini (Fdi) è entrata indossando una mascherina protettiva nell’Aula della Camera, dove è in corso la discussione generale sul dl intercettazioni. La deputata ha attraversato il Transatlantico e, entrata nell’Emiciclo, ha preso posto al suo banco da dove segue i lavori dell’Assemblea.
Poco dopo, il vicepresidente Ettore Rosato ha chiesto a Baldini di raggiungerla al banco della presidenza: i due hanno parlato per qualche minuto, dopodichè la deputata è tornata al suo posto, sempre con la mascherina protettiva addosso.
“E’ arrivato il momento di indossare la mascherina, per proteggere se stessi e gli altri”, ha detto ai cronisti in Transatlantico a Montecitorio la sua scelta di indossare anche alla Camera la mascherina protettiva. “Ora – spiega Baldini, che è un medico – è il momento di metterci tutti un piccolo impegno: dobbiamo lavarci le mani spesso, usare la mascherina e magari anche degli occhiali per proteggere gli occhi da chi sputacchia. Io non chiedo nulla a nessuno. Chi vuol mettersi la mascherina la metta, aggiunge, rispondendo “che ansia posso creare?” a chi le chiede se non tema che la sua scelta possa creare ansia.
Intercettazioni: governo pone la fiducia alla Camera
L’Aula ha bocciato le pregiudiziali dell’opposizione al decreto legge
24 febbraio 2020
16:45
Il governo pone la questione di fiducia nell’Aula della Camera sul dl intercettazioni. Dovrà ora riunirsi la conferenza dei capigruppo per stabilire il prosieguo dei lavori. L’Aula della Camera ha bocciato le pregiudiziali dell’opposizione al decreto legge intercettazioni.
Ministeriale salute Italia-Paesi vicini
Per affrontare l’emergenza coronavirus nella Penisola
24 febbraio 2020
21:11
– Domani il ministro della Salute, Roberto Speranza, si confronterà con gli omologhi dei Paesi frontalieri e limitrofi all’Italia per affrontare l’emergenza coronavirus. E’ quanto si apprende da fonti informate.
Coronavirus: arrivano le regole per gli statali, dal gel alle mascherine
In un decreto la tutela delle assenze legate all’emergenza
24 febbraio 2020
19:22
La direttiva per disciplinare il lavoro nella P.a in conseguenza alla diffusione dei contagi per Coronavirus conterrà norme di comportamento e igieniche, dalla dotazione di salviette monouso ai dispenser di gel disinfettante fino alle mascherine nei casi in cui si riterrà necessario. Rientreranno nel provvedimento anche le regole sulla distanza da tenere tra i lavoratori e misure per agevolare il telelavoro e lo smart workig. E’ quanto è emerso al termine del tavolo tra la ministra della P.a, Fabiana Dadone, e i sindacati.
La tutela delle assenze dei lavoratori pubblici legate all’emergenza Coronavirus dovrebbe essere inserita in un decreto, da emanare a breve, che probabilmente disciplinerà anche le eventuali procedure di rinvio dei concorsi. I sindacati hanno chiesto garanzie sulle coperture delle assenze determinate da una scelta delle pubblica amministrazione, in modo da evitare buchi retribuivi.
Coronavirus, Borrelli: ‘L’Italia è un paese sicuro’
La reazione del governo, del sistema sanitario e di quello della protezione civile “è stata immediata e tempestiva”
24 febbraio 2020
18:16

“Nel nostro Paese c’è sicurezza e si può venire tranquillamente”, ha detto il commissario straordinario Angelo Borrelli rispondendo a chi gli chiedeva se ci fossero dei rischi per gli stranieri che vogliono venire in Italia.
“La situazione – aveva detto in mattinata a SkyTg24 – è assolutamente sotto controllo per quanto riguarda le cure, con queste misure di contenimento ci auguriamo di fermare il contagio”.
“Non c’è nessuno senza assistenza sanitaria e senza il supporto della protezione civile”, ha assicurato il commissario per l’emergenza poco prima di fare il punto sul numero dei contagiati, auspicando che “con le misure prese si possa limitare il contagio”. Quanto allo scenario che si prefigura per le prossime settimane, il capo della Protezione Civile ha parlato di un “criticità che però è gestita in modo ordinato e senza problemi”, in modo da non creare ulteriori disagi ai cittadini.
La sorpresa di cui ha parlato il premier Conte “è – ha detto ancora – nella rapidità con cui c’è stata l’impennata dei casi” ma la reazione del governo, del sistema sanitario e di quello della protezione civile “è stata immediata e tempestiva”. “Noi italiani – ha aggiunto – passiamo come un paese di indisciplinati, ma siamo molto ordinati quando c’è da rispettare delle precauzioni che riguardano la salute di tutti” STAI LEGGENDO:

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus, scontro Fontana-Conte sulla gestione dell’emergenza
Premier: ‘Protocolli non rispettati in un ospedale’. Governatore: ‘Copre le falle della Protezione Civile’
25 febbraio 2020
10:15
Scontro tra il governatore lombardo, Attilio Fontana, e il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, sulla gestione dell’emergenza coronavirus.
“Non prendiamo nulla sotto gamba – ha attaccato lunedì sera il premier – altrimenti non avremmo adottato misure di estremo rigore. Non possiamo prevedere l’andamento del virus: c’è stato un focolaio e di lì si è diffusa anche per una gestione di una struttura ospedaliera non del tutto propria secondo i protocolli prudenti che si raccomandano in questi casi, e questo ha contribuito alla diffusione. Noi proseguiamo con massima cautela e rigore”.
Immediata la replica di Fonrtana: ‘Spero che queste uscite siano una voce scappata, senza rendersi conto, oppure vuol dire che il governo inizia ad essere fuori controllo. Sono dichiarazioni infondate e inaccettabili. Il problema – prosegue Fontana – è che il Presidente del Consiglio non conosce i protocolli e getta la palla in tribuna per coprire delle falle gigantesche di un sistema di protezione Civile nazionale che non sta dando alcun tipo di risposte ai problemi organizzativi e gestionali che avrebbero dovuto prevedere e predisporre”.  E l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, ribadisce : “Noi veniamo in maniera ignobile attaccati da un presidente del Consiglio che non sapendo di cosa parla dice che noi non seguiamo i protocolli, quando Regione Lombardia i protocolli non solo contribuisce a livello nazionale a realizzarli, ma li segue in maniera puntuale”.
“Questo è il momento di confrontarsi con tutti i governatori, per concordare le prossime azioni. Noi proporremo un protocollo condiviso con tutti per evitare di andare in ordine sparso”: ha detto il presidente del Consiglio alla protezione Civile. “Da parte nostra c’è la predisposizone alla collaborazione. E noi ce la faremo lavorando tutti insieme”, ha aggiunto.
Salario minimo: Catalfo: ‘Sia sopra la soglia di povertà’
Incontro bilaterale con il commissario Nicolas Schmit
25 febbraio 2020
14:42
“Sono per stabilire una soglia di sufficienza identica per tutti i settori, che deve essere superiore alla soglia di povertà, in quanto i dati ci confermano che ci sono persone in Italia che hanno il Reddito di cittadinanza essendo di fatto lavoratori a basso salario”. Così la ministra del Lavoro Catalfo al termine del bilaterale con il commissario Nicolas Schmit. “Bisogna che ci sia un rialzo dei salari proprio perché se si lavora si deve avere la possibilità di avere un reddito che consenta una vita dignitosa”, spiega.
Fraccaro,decreto in Cdm appena possibile
Pienamente impegnati in lavoro coordinato di tutti i ministeri
24 febbraio 2020
14:45
– Il nuovo decreto con le misure economiche per far fronte all’emergenza Coronavirus arriverà in Consiglio dei ministri “appena possibile: siamo pienamente impegnati su questo, in un lavoro coordinato con tutti i ministeri”. Lo dice il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro, interpellato alla Camera. “Siamo al lavoro anche sui dpcm”, i decreti attuativi del provvedimento di urgenza adottato sabato. “Nelle prossime ore e nei prossimi giorni saremo pienamente impegnati su questo fronte”, aggiunge
Spadafora, dl per partite a porte chiuse
Schema Dpcm quasi ultimato per aree a rischio contagio
24 febbraio 2020
15:35
– Il ministro per le politiche giovanili e lo sport, Vincenzo Spadafora, ha gia’ proposto al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte lo schema di dpcm che prevede la possibilita’ di svolgere partite a porte chiuse nelle aree a rischio contagio da coronavirus. La decisione, spiegano fonti ministeriali, e’ gia’ stata presa ieri sera e lo schema e’ pressoche’ ultimato.
Intercettazioni: governo pone la fiducia
Riunione capigruppo stabilirà prosieguo dei lavori
24 febbraio 2020
16:40
– Il governo pone la questione di fiducia nell’Aula della Camera sul dl intercettazioni. Dovrà ora riunirsi la conferenza dei capigruppo per stabilire il prosieguo dei lavori.
Coronavirus: Salvini, qualcuno pagherà
Leghisti additati come sciacalli ma chiedevamo quarantena
24 febbraio 2020
20:25
– “Si rischia l’epidemia. Mi hanno definito l’untore. Ci hanno additato come sciacalli, pagliacci, avvoltoi, aguzzini, sovranisti. Hanno attaccato noi e i nostri governatori. Ma qualcuno dovrà rispondere al popolo italiano di quello che si doveva fare e non si è fatto”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini in una diretta su Facebook. “Già dal 30 gennaio scorso i parlamentari della Lega cominciarono a chiedere la quarantena, i controlli forzati e obbligatori”, aggiunge.
Coronavirus:informativa Governo a Senato
Saranno informate le Camere sulla situazione dell’epidemia
24 febbraio 2020
20:31
– Giovedì alle 9 si terrà nell’Aula del Senato una informativa del governo sulla situazione del coronavirus. E’ emerso dalla Conferenza dei capigruppo del Senato.
Coronavirus: Renzi, stop polemiche
Avremo tempo per capire chi e dove ha sbagliato
25 febbraio 2020
09:12
– “Leggo di polemiche tra il Governo centrale e le Regioni sulla gestione del coronavirus. Gli uni si lamentano della gestione di alcuni ospedali, gli altri del mancato controllo statale negli aeroporti con la chiusura dei voli diretti dalla Cina. Avremo tempo per capire chi e dove ha sbagliato. Ora però mi permetto di lanciare un appello: basta polemiche! C’è un’emergenza e va gestita tutti insieme, seguendo la scienza e non le polemiche”. Così Matteo Renzi su fb.
Coronavirus: Gallera, Conte copre falle
‘Protezione civile non sta dando risposte organizzative’
MILANO
25 febbraio 2020
09:48
– “Il problema è che il Presidente del Consiglio non conosce i protocolli e getta la palla in tribuna per coprire delle falle gigantesche di un sistema di protezione Civile nazionale che non sta dando alcun tipo di risposte ai problemi organizzativi e gestionali che avrebbero dovuto prevedere e predisporre”. Così l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, ad Agorà Rai Tre, condotto da Serena Bortone.
Coronavirus: Conte, protocollo unico
Ce la faremo lavorando tutti insieme
25 febbraio 2020
10:12
– “Questo è il momento di confrontarsi con tutti i governatori, per concordare le prossime azioni. Noi proporremo un protocollo condiviso con tutti per evitare di andare in ordine sparso”. Lo ha detto il premier Conte alla protezione Civile. “Da parte nostra c’è predisposizione alla collaborazione. E noi ce la faremo lavorando tutti insieme”, ha aggiunto.
Coronavirus: Conte, reazione su economia
Misure saranno adeguate, non drammatizzare
25 febbraio 2020
10:56
– “Ci predisporremo anche per reagire all’emergenza economica. Facendo sistema offriremo una risposta anche sul piano economico incredibile”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte arrivando alla Protezione Civile. “Non dobbiamo drammatizzare – ha aggiunto – le misure sono adeguate”.
Coronavirus: Salvini, a Conte idee Lega
Per sentirsi basta avere numero giusto
25 febbraio 2020
11:43
– “Mi premurerò di comunicare al premier queste che sono le proposte della Lega” per affrontare l’emergenza coronavirus “previa telefonata”. Così Matteo Salvini che aggiunge: “Per sentirci basta chiamare il numero giusto”.
Coronavirus, il punto della Protezione civile. Borrelli conferma due casi in Toscana
Anche caso siciliano, ma in corso ultime verifiche
25 febbraio 2020
13:32
Il Capo Dipartimento della Protezione Civile Borrelli illustra gli ultimi aggiornamenti sull’emergenza Coronavirus.
I due casi sospetti di coronavirus in Toscana sono stati confermati dal Commissario Angelo Borrelli. Il capo della Protezione Civile ha anche confermato il caso in Sicilia sottolineando però “che sono in corso le ultime verifiche da parte dell’Istituto di Sanità”.
Sono 283 i contagiati in Italia dal coronavirus, ha detto fornendo il bollettino aggiornato con i numeri relativi ai positivi nel nostro Paese.
Nei 283 contagiati sono comprese anche le sette vittime accertate e il ricercatore guarito e dimesso dallo Spallanzani nei giorni scorsi. Attualmente sono 7 le regioni interessate dai casi di coronavirus, più la provincia autonoma di Trento e Bolzano. 212 sono i contagiati in Lombardia (comprese le 6 vittime), 38 quelli in Veneto (compresa una vittima), 23 in Emilia Romagna, 3 in Piemonte, 3 nel Lazio (la coppia di cinesi allo Spallanzani e il ricercatore guarito), 2 in Toscana, uno in Sicilia e uno in provincia di Bolzano. I ricoverati in ospedale con sintomi sono complessivamente 109, quelli in terapia intensiva 29 e quelli in isolamento domiciliare 137.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Conte, norma per unificare comportamenti
Provvedimento per aree che non fanno parte della zona focolaio
25 febbraio 2020
14:14
– “Abbiamo concordato di fare un’ordinanza per uniformare i comportamenti in tutte quelle regioni” che non fanno parte della zona focolaio. Lo ha detto il premier Conte alla Protezione Civile al termine della riunione con i ministri e con i presidenti delle Regioni. “C’è un clima di grande collaborazione. Dobbiamo proseguire con il coordinamento che è il metodo più efficace per evitare contagio”.
Conte, nessuno stop scuole fuori focolai
Premier stoppa idea fermare tutti istituti dopo Coronavirus
25 febbraio 2020
14:45
– Nelle zone che non sono focolaio del virus “non si giustifica la chiusura delle attività scolastiche”. Lo ha detto il premier Conte alla Protezione Civile sottolineando che l’Italia è stata divisa in 3 zone: quelle focolaio, dove valgono le misure restrittive varate, un secondo livello “che si estende alle aree circostanti che presentano episodi da contagio indiretto” e un terzo livello che riguarda il resto d’Italia. E qui “sicuramente non ha ragione di esistere la sospensione si attività scolastiche”, aggiunge il premier, dopo le fake news circolate su una possibile chiusura di tutte le scuole in Italia.
Conte, non limitare spostamenti italiani
Sarebbe misura ingiusta,nostra politica sanitaria massimo rigore
25 febbraio 2020
14:48
– “Sarebbe ingiusto che arrivassero limitazioni da parte di Stati esteri. Non lo possiamo accettare.
I nostro concittadini possono partire sicuri, per loro e per gli altri”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte parlando nella sede della Protezione Civile. “L’Italia, grazie al suo sistema sanitario d’eccellenza e ad una politica sanitaria di massima tutela e rigore, può mandare i suoi cittadini in giro tranquillamente”, ha aggiunto, sottolineando che questo è “il messaggio che vogliamo mandare all’Unione europea e al mondo”.
Coronavirus: controllo della febbre e gel per chi arriva in Senato
In coda per i controlli al termoscanner. i deputati Baldini e Dall’Osso alla Camera con le mascherine
25 febbraio 2020
17:41
Controllo della temperatura e disinfezione delle mani con un gel: sono le procedure previste da questa mattina per entrare in Senato. Da oggi ad attendere senatori, personale e giornalisti che hanno accesso a palazzo Madama c’è un’operatore che, munito di camice e mascherina, effettua i controlli con un scanner termico. I controlli vengono effettuati all’accesso principale su Corso Rinascimento e ai due accessi laterali, gli unici da cui sarà possibile accedere in Senato. Al momento non ci sono file eccessive anche se la misurazione della temperatura richiede qualche minuto per essere completata.
I nuovi “protocolli ” per accedere a palazzo Madama sono stati decisi ieri dai senatori e prevedono, tra l’altro, anche l’interruzione delle visite scolastiche.
Intanto alla Camera dei deputati gli onorevoli Matteo Dall’Osso (ex M5s ora Fi) e Maria Teresa Baldini (Fdi) hanno partecipato in Aula di Montecitorio con la mascherina all’esame del disegno di legge di conversione del decreto sulle modifiche urgenti alla disciplina delle intercettazioni.

CORONAVIRUS SITUAZIONE IN CINA
Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

CORONAVIRUS: SITUAZIONE IN CINA

Tempo di lettura: < 1 minuto

CORONAVIRUS: SITUAZIONE IN CINA

CORONAVIRUS: LA SITUAZIONE IN CINA MOSTRA NUOVI 508 CASI DI IERI, LE NUOVE MORTI 71, DATO PIù BASSO NEGLI ULTIMI 15 GIORNI

AGGIORNAMENTO IN “MONDO” DELLE 06:48 DI MARTEDì 25 FEBBRAIO 2020

CORONAVIRUS: SITUAZIONE IN CINA

La Cina ha accertato ieri altri 508 casi di coronavirus, portando il totale a 77.658. Le nuove morti, ha riferito la Commissione sanitaria nazionale, sono state 71 (il dato più basso da oltre due settimane), per un bilancio complessivo di 2.663.
Al netto dell’Hubei, l’epicentro dell’epidemia, i nuovi casi nel resto della Cina sono stati solo nove. Nella regione focolaio con i 499 nuovi casi di contagio il totale sale a 64.786, mentre i 68 ulteriori decessi portano il totale a 2.563. MONDO

CORONAVIRUS SITUAZIONE IN COREA SUD
Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

CORONAVIRUS: SITUAZIONE IN COREA SUD

Tempo di lettura: < 1 minuto

CORONAVIRUS: SITUAZIONE IN COREA SUD

CORONAVIRUS: LA SITUAZIONE ODIERNA IN COREA DEL SUD è DI 60 NUOVI CASI DI CONTAGIO, 8 I MORTI

AGGIORNAMENTO IN “MONDO” DELLE 06:04 DI MARTEDì 25 FEBBRAIO 2020

CORONAVIRUS: SITUAZIONE IN COREA SUD

La Corea del Sud ha reso noto oggi 60 nuovi casi di contagio da coronavirus, portando il totale a quota 893 in tutto il Paese.
Nei suoi aggiornamenti sulla crisi, il Korea Centers for Disease Control and Prevention (Kcdc) ha spiegato in una nota che si tratta del più piccolo incremento negli ultimi quattro giorni. Quanto alle vittime, c’è un caso in più da registrare che porta il conto complessivo a otto. Home  Mappa del sito