Economia tutte le notizie. Tutti i fatti e gli avvenimenti economici sempre in tempo reale, approfonditi ed aggiornati. INFORMATI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 18 minuti

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 05:14 DI MARTEDì 11 FEBBRAIO 2020

ALLE 11:54 DI MERCOLEDì 12 FEBBRAIO 2020

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Petrolio in rialzo a 50,1 dollari
Greggio Wti sale dello 0,5%
11 febbraio 2020 05:14
– Petrolio in rialzo all’avvio dei mercati. Il greggio Wti del Texas sale dello 0,5% a 50,11 dollari al barile.
Oro: in calo a 1567 dollari
Metallo scende dello 0,37%
11 febbraio 2020
08:30
– Oro in calo sui mercati. Il metallo consegna immediata scende dello 0,37% a 1567 dollari l’oncia.
Cambi: euro stabile a 1,09 dollari
In Asia yen in leggero calo a 109,87
11 febbraio 2020
08:34
– Euro stabile alla partenza dei mercati. La moneta unica scambia a 1,09 dollari, praticamente invariata. A Tokyo, dove i mercati sono chiusi per festività nazionale, lo yen scende leggermente a 109,87.
Borsa:Asia, chiusa Tokyo,Shanghai +0,39%
Futures Europa e Usa in rialzo, occhi su Bce,
11 febbraio 2020
08:52
– Seduta interlocutoria per le principali borse di Asia e Pacifico, oggi a ranghi ridotti per la chiusura festiva di Tokyo. Shanghai ha guadagnato lo 0,39%, Taiwan lo 0,78%, Seul l’1% e Sidney lo 0,61%, mentre Hong Kong e Mumbai, ancora aperte, salgono rispettivamente dell’1,34 e dello 0,75%. Positivi i futures sull’Europa e su Wall Street in assenza di dati macroeconomici dal Vecchio Continente, dove è atteso in serata l’intervento a Berlino di Philip Lane, membro del consiglio della Bce. In arrivo dagli Usa la fiducia delle piccole imprese (Nfib), i posti di lavoro vacanti di dicembre e i dati su mutui e insolvenze nel quarto trimestre. Sulla piazza di Hong Kong sprint di Geely (+6,13%), che intende semplificare la struttura del Gruppo fondendo tra di loro Geely Automobile Holdings e Volvo Cars. In luce anche i farmaceutici Sino Biopharm (+3,2%) e Cspc (+0,73%) insieme a China Construction Bank (+2,87%).
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,43)
Indice Ftse Mib a quota 24.614 punti
MILANO
11 febbraio 2020
09:02
– Avvio di seduta positivo per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib guadagna lo 0,43% a 24.614 punti.
Spread Btp/Bund apre in calo a 135 punti
Rendimento decennale allo 0,96%
11 febbraio 2020
09:05
– Apertura in lieve calo per lo spread fra Btp/Bund. Il differenziale segna 135 punti contro i 136 della chiusura di lunedì. Il rendimento del decennale italiano è dello 0,96%.
Borsa:Europa apre positiva,Parigi +0,54%
In rialzo anche Londra (+0,74%) e Francoforte (+0,82%)
11 febbraio 2020
09:13
– Apertura in rialzo per le principali borse europee. Parigi guadagna lo 0,54% a 6.047 punti, Londra lo 0,74% a 7.501 punti e Francoforte lo 0,82% a 13.604 punti.
Daimler: +3% in Borsa dopo conti e stime
Vendite 2019 stabili, nel 2020 previste in ‘leggero calo’
11 febbraio 2020
09:31
– Daimler corre in Borsa dopo i conti del 2019, con vendite in linea con le stime a 172,7 miliardi e ricavi stabili a 3,34 miliardi di euro. Per il 2020 il Gruppo di Stoccarda prevede un “leggero calo” delle vendite mentre il risultato operativo, sceso da 11,1 a 4,3 miliardi nel 2019, potrà salire “significativamente”, così come la liquidità. Il titolo del Gruppo di Stoccarda, titolare del marchio Mercedes, sale del 3,82% a 44,69 euro sul listino di Francoforte.
Daimler: leggero ribasso vendite 2020
Significativo passo indietro previsto per risultato operativo
11 febbraio 2020
09:55
– Il Gruppo Daimper, titolare del marchio Mercedes, ha chiuso il 2019 con vendite in linea con le stime per 172,7 miliardi di euro, il risultato operativo è sceso da 11,1 a 4,3 miliardi e l’utile netto da 7,6 a 2,7 miliardi.
Quanto al 2020 Stoccarda prevede un “leggero calo” nelle vendite di veicoli. In “significativo ribasso” invece l’utile operativo, mentre i ricavi sono previsti stabili sui livelli del 2019 a 3,34 miliardi di euro. Previsti tagli al personale per 1,4 miliardi entro la fine del 2022, mentre il dividendo proposto di 0,9 euro per il 2019 è inferiore ai 3,25 euro del 2018 e rientra nella fascia bassa delle stime degli analisti.
Borsa: Milano +0,6%, bene Fca e Fineco
Spread sale a 135 punti, giù Moncler dopo conti, debole Astaldi
11 febbraio 2020
09:57
– Piazza Affari si conferma in rialzo (Ftse Mib +0,6%), al di sotto delle altre piazze europee, spinta da Fca (+2,34%), che guadagna terreno sull’onda dei conti di Daimler, che prevede un rimbalzo dell’utile operativo per il 2020. Seguono Cnh (+1,4%) e Ferrari (+1,21%). In rialzo lo spread a 135,2 punti, con i bancari contrastati. Unicredit e Banco Bpm cedono lo 0,05% e Bper lo 0,1%, mentre salgono Intesa (+0,53%) e Ubi (+2,31%), all’indomani dei conti, In luce Fineco (+2,35%) mentre i conti diffusi ieri a mercati chiusi affossano Moncler (-2,49%), che non è riuscita a fare prezzo in apertura e che, per gli effetti del coronavirus, ha rinviato progetti e investimenti per l’anno in corso. Contrastate Salini Impregilo (+0,6%) e Astaldi (-2,36%), positiva Atlantia (+0,8%) in attesa di aggiornamenti sulla concessione ad Autostrade e sul riassetto azionario del Gruppo.
Borsa: Europa positiva, Milano +0,3%
Avvio negoziati Brexit spinge Londra, atteso intervento Lagarde
11 febbraio 2020
10:31
– Borse europee positive pur tra scambi ridotti rispetto alla norma per la chiusura festiva di Tokyo. Londra (+1%) è la migliore dopo l’annuncio della presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen sulla “task-force” pronta per avviare i negoziati tra “vecchi amici” sulla Brexit, che iniziano “con molta ambizione”, puntando a “dazi zero e quote zero”. Segue Francoforte (+0,85%), spinta dai conti e dalle stime di Daimler (+3%). Bene anche Adidas (+1,42%), nonostante il taglio degli analisti di Citi. Più caute Parigi (+0,46%), Milano (+0,3%) e Madrid (+0,1%). Positivi i futures su Wall Street in attesa della fiducia delle piccole imprese Usa (Nfib), dei posti vacanti in dicembre e di mutui e insolvenze nel 4/o trimestre. Nel pomeriggio interviene a Strasburgo la presidente della Bce Christine lagarde e in serata lo farà il consigliere Philip Lane.
Bankitalia:ancora giù prestiti a imprese
Prosegue ribasso. Accelerano invece quelli a famiglie +2,6%
11 febbraio 2020
11:06
Prosegue il calo dei prestiti bancari alle imprese che, secondo i dati diffusi dalla Banca d’Italia sono scesi a dicembre dell’1,9% contro il -2% del mese precedente. I prestiti alle famiglie hanno invece accelerato al 2,6 per cento sui dodici mesi (dal 2,3 in novembre). E in deciso calo le sofferenze bancarie a dicembre a seguito delle operazioni di cartolarizzazioni avvenute a fine 2019. Secondo quanto si ricava dalle tabelle della Banca d’Italia sono scese del 17,3% sui dodici mesi (in novembre la riduzione era stata del 23,5%). Le lorde sono così diminuite a 50,1 miliardi contro i 55,2 di novembre e i 55,9 di ottobre, mentre le nette sono calate a 27 miliardi contro i 29 di novembre.
Banche:avvocato Ue,sì a riforma popolari
Parere non vincolante per decisione Corte Giustizia
BRUXELLES
11 febbraio 2020
11:03
Le norme italiane del 2015 sulla riforma delle banche popolari, il cosiddetto ‘Investment compact’ non viola il diritto dell’Ue, secondo le conclusioni – non vincolanti – dell’avvocato generale della Corte dell’Ue. Il parere viene espresso in merito ad un procedimento pregiudiziale promosso dal Consiglio di Stato, che chiedeva di chiarire se la normativa fosse compatibile con le regole dell’Ue, alla luce di ricorsi promossi da soci di banche popolari, Adusbef e Federconsumatori.
In base alla legge, l’attivo delle banche popolari non può superare gli 8 miliardi di euro. In caso di superamento di tale soglia, la banca dovrà ridurre il proprio attivo oppure procedere, alternativamente, alla trasformazione in società per azioni o alla liquidazione. Tutte le banche popolari sopra tale soglia si sono adeguate tranne la Popolare di Sondrio e la Bari.
Ruffini, sfida semplificare norme fisco
Convegno Ordine nazionale categoria oggi a Roma
11 febbraio 2020
10:47
– Con il Consiglio nazionale dei commercialisti in passato “avevamo già cercato insieme di costruire tavoli tecnici per individuare delle soluzioni amministrative procedurali”, in modo da “arrivare ad obiettivi di semplificazione, senza la necessità di interventi normativi.
Una sfida che ci vede presenti” con i professionisti “non su fronti contrapposti, ma per render più semplice l’attuazione delle norme, consapevoli delle problematiche che ci sono nel nostro Paese, a causa della stratificazione” legislativa “che si è prodotta”. Con queste parole il direttore dell’Agenzia delle Enrtate Ernesto Maria Ruffini ha aperto il convegno promosso oggi, a Roma, insieme all’Ordine nazionale dei commercialisti per illustrare i nuovi servizi per i professionisti, insieme al numero uno della categoria Massimo Miani.
Borsa: Milano +0,6%,corrono Ubi e Fineco
Spread sotto quota 135, Moncler sconta stop a nuovi progetti
11 febbraio 2020
12:14
– Piazza Affari conferma il rialzo (Ftse Mib +0,6%), con lo spread tra Btp e Bund di nuovo sotto quota 135 punti e acquisti su Ubi Banca (+3,3%), maglia rosa tra i titoli principali. Il Gruppo ha annunciato ieri conti migliori delle stime. Sotto i riflettori anche Fineco (+3,13%), sulla scia della raccolta del 2019, e Tim (+1,9%). Bene Juventus (+1,44%), Ferrari (+1,2%) e Saipem 8+1,11%), ripartita insieme a Eni (+0,88%) con il rialzo del greggio, mentre le vendite colpiscono Moncler (-2,39%), che ha sospeso progetti e investimenti per il 2020 a seguito degli effetti del coronavirus sulle vendite in Cina. Giù anche Ferragamo (-1,48%) e Pirelli (-1,22%), in controtendenza con Fca (+0,9%). Gira in negativo Atlantia (-0,26%), in attesa di aggiornamenti sulla revisione della concessione autostradale da parte dell’esecutivo, che sta valutando anche un riassetto societario.
Crisi Air Italy, De Micheli in campo
Ministra interviene per bloccare ipotesi di liquidazione
OLBIA
11 febbraio 2020
13:08
– La ministra dei Trasporti Paola De Micheli ha chiesto un incontro urgente con Air Italy invitando la società a sospendere ogni decisione in merito alla possibile liquidazione della compagnia fino alla riunione con i ministeri competenti. “Non è accettabile la decisione di liquidare un’azienda di tali dimensioni senza informare prima il Governo e senza valutare seriamente eventuali alternative, pertanto – dichiara la ministra – mi aspetto che Air Italy sospenda la deliberazione fino all’incontro che possiamo già calendarizzare a partire dalle prossime ore”.
Rimasta sotto traccia per alcune settimane ed esplosa all’improvviso in seguito alle denunce pubbliche delle organizzazioni sindacali di categoria, la crisi di Air Italy rischia l’epilogo nel modo peggiore. Secondo le informazioni in possesso delle sigle regionali e nazionali del trasporto aereo, sarebbe in corso tra Milano e Doha un’assemblea dei soci che potrebbe avere un esito drammatico
Borsa: Europa sale, Milano +0,75%
Attesa per interventi Lagarde e Lane, Daimler delude analisti
11 febbraio 2020
13:35
– Si confermano positive le borse europee a metà seduta, guidate da Londra e Francoforte (+0,8% entrambe) davanti a Milano (+0,75%), Parigi (+0,45%) e Madrid (+0,4%). Positivi i futures su Wall Street in attesa della fiducia delle piccole imprese Usa (Nfib), dei posti vacanti in dicembre e di mutui e insolvenze nel 4/o trimestre. Nel pomeriggio interviene a Strasburgo la presidente della Bce Christine Lagarde e in serata lo farà il consigliere Philip Lane. Si sgonfia Daimler (-0,45%) per la delusione degli analisti sul dividendo in calo a 0,9 euro, 2/3 in meno rispetto al precedente, e con le vendite previste in calo nel 2020. Sale Deutsche Telekom (+3,94%), su ipotesi del via libera dal Tribunale Usa alla fusione tra la controllata T-Mobile e Sprint Corporation. Bene Lufthansa (+1,93%), Bmw, Fca, Peugeot e Volkswagen, in rialzo tutte di circa l’1%, mentre tra le banche si evidenziano Ubi (+2,7%), Hsbc (+2%) e Bnp (+1,7%).
Borsa: Milano bene con Ubi e Prysmian
Scivolone Fineco dopo conti, greggio spinte Saipem ed Eni
11 febbraio 2020
14:25
– Piazza Affari prosegue in rialzo la seduta (Ftse Mib +0,6%), con lo spread che risale sopra quota 135 punti. In evidenza Prysmian (+2,63%) e Ubi Banca (+2,43%), all’indomani dei conti migliori delle stime. Non sono stati graditi invece i conti di Fineco (-3,5%), congelata anche per eccesso di volatilità, che nella mattinata era in testa al paniere. Bene Unipol (+2,1%), Juventus (+1,65%) e Tim (+1,4%).
Acquisti su Ferrari (+1,14%) e Saipem (+1,38%) insieme a Eni (+1,13%) dopo il rialzo del greggio. Sotto pressione Moncler (-2,9%), che ha sospeso progetti e investimenti per il 2020 a seguito degli effetti del coronavirus sulle vendite in Cina. Giù anche Ferragamo (-1,69%) e Pirelli (-1,55%) a differenza di Fca (+0,8%). Debole Atlantia (-0,66%), in attesa del piano del Governo su Autostrade, mentre allunga il passo Astm (+3,4%), controllata dal gruppo Gavio. Giù Ascopiave (-1,5%), entrata di recente di Acsm-Agam. Positive Astaldi (+0,8%) e Salini Impregilo (+0,9%).
Petrolio: in rialzo a New York
Quotazione avanza dell’1,78%
NEW YORK
11 febbraio 2020
15:09
– Quotazioni del petrolio in rialzo a New York con il greggio scambiato a 50,45 dollari al barile (+1,78%).
Banche:First,risultati con taglio costi
Analisi sui bilanci delle grandi.Colombani, scelte breve periodo
11 febbraio 2020
15:21
– Meno rettifiche e taglio dei costi.
Per questo, secondo l’analisi dell’Ufficio studi del sindacato First Cisl, si spiegano i risultati delle prime cinque banche italiane (Intesa Sanpaolo, UniCredit, Banco Bpm, Mps e Ubi) nel 2019. Aumentano i margini di redditività, “mentre prosegue la contrazione dei costi, dovuta al largo ricorso alle uscite di personale: circa 6.500 nell’arco del 2019”. La produttività vede il prodotto bancario pro capite (crediti, raccolta diretta e raccolta indiretta) aumentare del 6,7%. E’ la diretta conseguenza, del calo dell’occupazione e del numero delle filiali (- 865). In questo modo i costi operativi calano di un ulteriore 3,4%. il peso dei deteriorati si riduce sia come stock sia come rapporto dei nuovi flussi in entrata sui crediti in bonis. Per il segretario generale First Cisl Riccardo Colombani “è una crescita che si fonda sul taglio dei costi operativi. Può pagare nel breve periodo, ma da un punto di vista strategico è completamente sbagliato”. VAI A TUTTE LE NOTIZIE ECONOMICHE IN TEMPO REALE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Air Italy messa in liquidazione
De Micheli aveva chiesto di sospendere ogni decisione
11 febbraio 2020
15:23
– Gli azionisti di Air Italy, Alisarda e Qatar Airways attraverso AQA Holding, a causa delle persistenti e strutturali condizioni di difficoltà del mercato hanno deciso all’unanimità di mettere la società Air Italy in liquidazione in bonis. La compagnia aerea lavorerà per ridurre al minimo il disagio per i passeggeri e i voli sino al 25 febbraio saranno operati agli orari e nei giorni previsti da altri vettori mentre i passeggeri che hanno prenotato voli in partenza in date successive al 25 febbraio saranno riprotetti o rimborsati integralmente. La ministra dei Trasporti Paola De Micheli aveva chiesto un incontro urgente con Air Italy invitando la società a sospendere ogni decisione. Qatar Airways era pronta a fare la “propria parte nel sostenere il rilancio e la crescita della compagnia aerea, ma ciò sarebbe stato possibile esclusivamente solo con l’impegno di tutti gli azionisti”.
Manitalidea Spa, non Manital srl, società insolvente
Precisazione del presidente dell’azienda bresciana Manital srl
11 febbraio 2020
15:57
– Lo stato di insolvenza dichiarato il 4 febbraio scorso dal Tribunale di Torino riguarda la Manitalidea spa, azienda di Ivrea (Torino) che opera nel campo del facility management. E’ dunque completamente estranea al provvedimento della magistratura la Manital srl, con sede a Gavardo (Brescia), società che produce serrature e cerniere, iscritta al Repertorio economico e amministrativo della Camera di Commercio di Brescia. Lo precisa, in una nota, il presidente della Manital srl Luigi Bigoloni.
Via libera alla fusione T-Mobile-Sprint
Giudice approva le nozze, operazione da 26 miliardi di dollari
WASHINGTON
11 febbraio 2020
16:39
Le nozze tra T-Mobile e Sprint negli Stati Uniti si possono fare. Lo ha stabilito un giudice distrettuale dopo che alcuni Stati Usa avevano presentato ricorso contro l’operazione da 26 miliardi.
La fusione è destinata a dare uno slancio enorme alla competizione nel settore wireless e nella corsa alle reti di nuova generazione 5G, con la sfida lanciata ai giganti At&t e Verizon.
Borsa: Wall Street apre in netto rialzo
Nasdaq e S&P500 ai massimi
NEW YORK
11 febbraio 2020
15:40
– Apertura in netto rialzo per Wall Street col Dow Jones che guadagna lo 0,41%, il Nasdaq lo 0,62% e l’indice S&P500 lo 0,47%. Gli ultimi due indici fanno segnare un livello record.
Mondini, più disagi viadotti di Ponte
Confindustria, servono miracoli per evadere ordini nei tempi
GENOVA
11 febbraio 2020
16:35
– “Per il mondo dell’autotrasporto e tutta la filiera quello che è successo a novembre e dicembre su viadotti e gallerie autostradali in Liguria ha pesato più del crollo del Morandi”. Lo ha detto Giovanni Mondini, presidente di Confindustria Genova, parlando delle ricadute della difficile situazione delle autostrade, con cantieri aperti per ricostruzioni e manutenzioni. “Ci sono disagi – ha aggiunto Mondini -. Non possiamo ancora essere certi che si tramutino in perdite tendenziali che si consolideranno ma sicuramente molti devono fare miracoli per evadere gli ordini e ricevere materiali”. Gli autotrasportatori sono colpiti in prima linea ma le ricadute in termini di costi e tempi coinvolgono tutto il sistema produttivo. “Ci sono già in azione unità di emergenza già attive con istituzioni e associazioni per pianificare al meglio. Ci aspettano mesi e mesi di cantieri su tutte le vie di accesso a Genova – A12, A7, A26 o A10 -. Andremo sempre di più a corsie ridotte e ci vorrà tempo per tornare alla normalità”.
Borsa: Europa su dopo parole Lagarde
Bene le banche, le auto e i petroliferi
11 febbraio 2020
16:39
– Cresce l’ottimismo delle principali Borse europee, dopo le parole della presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, alla plenaria di Strasburgo, che ha espresso la necessità di completare l’Unione economica e monetaria della zona euro. Sono in linea con Wall Street, positiva nonostante i rischi di estensione sull’economia globale dell’impatto dell’emergenza coronavirus ventilati dal presidente della Fed, Jerome Powell, che però ha parlato di una politica monetaria “appropriata”.
La Piazza migliore è Francoforte (+1,1%), seguita da Milano e Londra (+0,9%), Parigi e Madrid (+0,6%). L’indice d’area, Stoxx 600, cresce dell’1%, con praticamente tutti i settori in positivo, in particolare le banche, tranne Caixa (+3,7%) e Fineco (-4,4%) rimbalzata in negativo dopo un rialzo per i conti. Bene le auto, a Parte Renault (-0,8%), meno gli pneumatici, con Cie (-2,5%) e Pirelli (-0,8%) col rialzo del greggio (wti +1,5%), che ha spinto i petroliferi, in particolare Equinor (+3%), non Tullow (-3,2%).
Powell, rischi coronavirus su economia
La Fed sta monitorando da vicino gli sviluppi
WASHINGTON
11 febbraio 2020
17:27
L’impatto dell’emergenza coronavirus sull’economia cinese può estendersi all’economia globale: lo afferma il presidente della Fed, Jerome Powell, nella sua audizione davanti al Congresso americano. “La Fed sta monitorando da vicino gli sviluppi della situazione”, ha assicurato Powell.
La nuova minaccia del coronavirus arriva nel momento in cui si erano allentate le tensioni e ridotte le incertezze sul fronte commerciale, con la tregua nella guerra dei dazi tra Usa e Cina, con l’economia americana che sembra per ora resistere ai venti contrari globali.
Powell ha comunque assicurato che dopo i tagli nei tassi di interesse del 2019 la Fed “è ben posizionata” per affrontare anche i rischi derivanti dalla diffusione del virus, con una politica monetaria che viene definita “appropriata”.
Lagarde, slancio crescita rallentato
Rischi da stimoli monetari, politiche rafforzino produttività
BRUXELLES
11 febbraio 2020
17:28
“Lo slancio della crescita della zona euro è rallentato dall’inizio del 2018, soprattutto a causa di incertezze globali e commercio internazionale più debole”, cosa che ha portato anche a un “indebolimento della pressione sui prezzi, e l’inflazione resta distante dal nostro obiettivo”: lo ha detto la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde parlando alla plenaria di Strasburgo.
“Il nostro stimolo monetario – ha aggiunto – ha sostenuto la crescita ma non può e non deve essere l’unica azione sul campo.
Più a lungo restano le nostre misure, più sale il rischio che gli effetti collaterali diventino più pronunciati”. Lagarde ha quindi sollecitato “politiche strutturali e di bilancio che possono rafforzare la produttività”, e che in ambiente di bassi tassi “possono essere molto efficaci”.
Borsa: Milano chiude positiva (+0,7%)
Il Ftse Mib a 24.688 punti
MILANO
11 febbraio 2020
17:38
– Chiusura in positivo per la Borsa di Milano. Il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,74% a 24.688 punti.
Borsa: Milano guadagna con le banche
Bene petroliferi con rialzo greggio, non Pirelli, pesante lusso
11 febbraio 2020
17:59
– Seduta positiva per Piazza Affari (+0,7%), in linea con l’ottimismo delle principali Borse europee e con Wall Street, in una giornata in cui la presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, ha espresso la necessità di completare l’Unione economica e monetaria della zona euro e il presidente della Fed, Jerome Powell, ha parlato di “posizione molto buona dell’economia americana” di fronte all’incognita dell’impatto dell’emergenza coronavirus.
In rialzo le banche, con lo spread chiuso a 136 punti, in particolare Ubi (+4,2%) il giorno dopo i conti, Mps (+3,2%), Unicredit (+1,5%) e Intesa (+0,9%), non Fineco (-5,6%) che è rimbalzata al ribasso dopo un primo ottimismo sui conti. Poco convinto il lusso, con perdite per Moncler (-2,7%) il giorno successivo ai conti e Ferragamo (-2,3%). Bene invece i petroliferi, da Saipem (+2,7%) a Eni (+1,1%), col rialzo del greggio (Wti +0,8%), mentre ha pagato Pirelli (-1,2%). Brillanti Amplifon e Prysmian (+2,8%), Stm (+2,5%) e Juve (+2,3%).
Borsa: Europa chiude in rialzo
Prima Francoforte (+1%), poi Londra (+0,7%) e Parigi (+0,6%)
11 febbraio 2020
18:03
– Chiusura in rialzo per le principali Borse europee, guidate da Francoforte (+0,99%) a 13.627 punti. Seguono Londra (+0,71%) a 7.499 punti, Madrid (+0,68%) a 9.882 punti e Parigi (+0,65%) a 6.054 punti.
Borsa Tokyo apre in lieve rialzo, +0,24%
Torna la cautela dopo giorno di festività
TOKYO
12 febbraio 2020
01:21
– La Borsa di Tokyo inizia gli scambi in leggero aumento dopo la giornata di festività di ieri, sostenuta dall’andamento rialzista a Wall Street e in attesa di ulteriori riscontri dalle iniziative dei governi per fronteggiare l’emergenza del coronavirus cinese. Il Nikkei guadagna lo 0,24% a quota 23.743,51, aggiungendo 57 punti. Sul mercato dei cambi lo yen si mantiene stabile sul dollaro a 109,80, e poco sotto un valore di 120 sull’euro.
Borsa: Shanghai negativa, apre a -0,21%
In calo anche Shenzhen, a -0,35%
PECHINO
12 febbraio 2020
02:53
– Le Borse cinesi aprono la seduta in territorio negativo: l’indice Composite di Shanghai segna nelle prime battute una flessione dello 0,21%, a 2.895,56 punti, mentre quello di Shenzhen cede lo 0,35%, a quota 1.751,78.
Borsa Hong Kong positiva, apre a +0,48%
L’indice Hang Seng guadagna 133,34 punti,
PECHINO
12 febbraio 2020
03:01
– La Borsa di Hong Kong apre la seduta in territorio positivo: l’indice Hang Seng guadagna 133,34 punti, a quota 27.717,22 (+0,48%).
Case auto giapponesi prorogano riavvio
Costruttori guardano ad alternative fuori dalla Cina
TOKYO
12 febbraio 2020
03:57
– I principali costruttori auto giapponesi decidono nuovamente di posticipare la riapertura dei loro impianti in Cina, in scia ai timori di un’espansione del coronavirus. Toyota, Honda e Nissan ritarderanno il riavvio della produzione almeno fino al prossimo lunedì, e con ogni probabilità anche a una data successiva. Inizialmente le prime due case auto avevano previsto la ripresa delle attività all’inizio di questa settimana mentre la data di rioccupazione per Nissan era decisa per questo venerdì.
Anche gli altri costruttori auto nipponici fanno fatica a procurarsi le parti necessarie agli impianti produttivi, rivela la stampa giapponese, impedendo di fatto la ripresa delle attività lavorative. Per le stesse ragioni ieri Nissan aveva comunicato la sospensione dei lavori in un impianto nella prefettura di Fukuoka, la prima chiusura di una fabbrica giapponese dall’inizio della diffusione del virus.
Cambi: euro in calo a 1,0106 dollari
Moneta unica stabile nei confronti dello yen a 119,8
12 febbraio 2020
08:33
– Euro in lieve calo nei primi scambi della mattinata rispetto al dollaro. La moneta unica scambia a 1,0106 dollari, in ribasso dello 0,1% rispetto alle quotazioni di ieri. Pochi movimenti invece nei confronti dello yen a 119,85.
Spread Btp-Bund apre in calo a 135 punti
Rendimento decennale allo 0,97%
12 febbraio 2020
08:35
– Apertura in lieve calo per lo spread fra Btp-Bund. Il differenziale segna 134,7 punti contro i 136 della chiusura di ieri. Il rendimento del decennale italiano è dello 0,97%.
Petrolio: Wti risale sopra 50 dollari
Anche Brent in rialzo, sfiora i 55 dollari
12 febbraio 2020
08:22
– Quotazioni del petrolio in rialzo questa mattina sui mercati internazionali. Il Brent, il greggio di riferimento europeo, sale dell’1,8 per cento portandosi a 54,97 dollari al barile, mentre il West Texas Intermediate guadagna l’1,3 per cento, rivedendo quota 50 dollari dopo la chiusura a 49 di ieri, a 50,60 dollari al barile.
Borsa: coronavirus rallenta e Asia sale
Bene Shanghai, Shenzhen e Hong Kong. Su petrolio e future Usa
12 febbraio 2020
09:00
– Borse asiatiche in rialzo, con gli investitori che cercano segnali di fiducia dal rallentamento dell’avanzata del coronavirus in Cina, dove la provincia dello Hubei, epicentro dell’epidemia, ha registrato il numero di nuovi casi più basso di febbraio. Così Shenzhen è salita dell’1,5%, Shanghai dello 0,9% mentre Hong Kong avanza dell’1,1%. Positivi anche gli altri listini con Tokyo in rialzo dello 0,7%, Taiwan dello 0,9%, Seul dello 0,7% e Sydney dello 0,5%.
Avanza il dollaro neozelandese dopo che la banca centrale ha detto che l’impatto del coronavirus sarà di breve termine, escludendo la necessità di un taglio dei tassi nel 2020. In recupero anche il petrolio, con il wti che risale sopra i 50 dollari al barile (+1,5%), mentre i future sulle Borse europee e su Wall Street sono positivi. Tra i dati attesi oggi figurano la produzione industriale nell’eurozona, le scorte di petrolio negli Usa mentre il governatore della Fed, Jerome Powell, andrà oggi al Senato, dopo l’audizione di ieri alla Camera.
Oro: in calo a 1.568 dollari
Metallo con consegna immediata scende dello 0,12%
12 febbraio 2020
08:30
– Oro in lieve calo sui mercati. Il metallo prezioso con consegna immediata scende dello 0,12% a 1.568,20 dollari l’oncia.
Borsa: Milano apre in rialzo (+0,2%)
L’indice Ftse Mib sale a 24.738 punti
MILANO
12 febbraio 2020
09:09
– Avvio in rialzo per Piazza Affari.
L’indice Ftse Mib ha iniziato le contrattazioni in progresso dello 0,2% a 24.738 punti.
Borsa: Europa apre in cauto rialzo
Francoforte +0,3%, Parigi +0,2% e Londra +0,1%
12 febbraio 2020
09:13
– Avvio di seduta in cauto rialzo per le principali Borse europee. A Francoforte l’indice Dax sale dello 0,32% a 13.671 punti, a Parigi il Cac 40 avanza dello 0,16% a 6.064 punti mentre a Londra il Ftse 100 segna un progresso dello 0,14% a 7.510 punti.
Borsa Milano positiva, ok Ubi, Cnh
In luce banche e auto, deboli utility. Bene Ferragamo e Moncler
12 febbraio 2020
09:50
– Piazza Affari positiva con il Ftse Mib che avanza dello 0,54% a 24.822 punti. Sul listino principale continua a mettersi in luce Ubi Banca (+2,3%), premiata dai conti 2019 e in attesa del nuovo piano industriale che verrò presentato lunedì, che tira la volata a Mps (+1,3%), Banco Bpm (+1,6%) e Bper (+1,3%), tutte candidate a un nuovo giro di risiko bancario. Bene anche l’automotive con Cnh (+2,4%), Fca (+1,1%) e Pirelli (+1,6%). Ferragamo e Moncler avanzano rispettivamente dell’1,6% e dell’1,4% in scia ai buoni risultati di Kering, bene anche Azimut nel risparmio gestito (+1,5%) e Leonardo (+1,5%) tra gli industriali. Deboli invece le utilities con Terna (-0,6%), Hera (-0,4%) e Italgas (-0,3%).
Borsa: Europa ritocca massimi
In rialzo petrolio e future Wall Street, cala lo spread
12 febbraio 2020
11:09
– Borse europee in rialzo con Piazza Affari che aggiorna i massimi dal 2008 e l’indice paneuropeo Stoxx 600 che segna un nuovo record storico, indifferente all’epidemia di coronavirus e ai suoi impatti sull’economia globale, stimati da S&P in un taglio dello 0,3% della crescita nel 2020. Londra e Parigi avanzano dello 0,3% dietro a Milano e Francoforte, entrambe in progresso dello 0,6%. I listini europei si accodano alle Borse asiatiche, tutte in rialzo dopo che i nuovi casi di contagio in Cina hanno toccato ieri il minimo di febbraio. In progresso anche i future su Wall Street e il petrolio, con il wti a 50,7 dollari e il brent a 55,1 dollari.
Lo spread Btp-Bund si restringe a 132 punti base con il rendimento del decennale italiano allo 0,95%. A Piazza Affari brillano Cnh (+3,3%), Ubi (+3%), Juventus (+2,5%), Banco Bpm e Pirelli (+2,3% entrambe).
Air Italy va in liquidazione, da oggi non vola più
Annuncio choc per 1.200 lavoratori. Governo in campo
11 febbraio 2020
21:27
Air Italy, la seconda compagnia italiana dopo Alitalia, è stata messa in liquidazione. Tutti gli aerei a terra: da oggi non vola più. Addio alla storica base di Olbia e a quella di Milano Malpensa, scelta strategica per lo sviluppo, nei piani ambiziosi della società, dei collegamenti internazionali. In tutto circa 1.200 dipendenti, di cui 550 in Sardegna, che ora sono appesi a un filo.
Gli azionisti di Air Italy, Alisarda e Qatar Airways attraverso AQA Holding, a causa delle persistenti e strutturali condizioni di difficoltà del mercato – si legge in una nota – hanno deciso all’unanimità di mettere la società Air Italy in liquidazione in bonis.
“Air Italy lavorerà per ridurre al minimo il disagio per i passeggeri”. I voli sino al 25 febbraio – precisa la nota-  saranno operati agli orari e nei giorni previsti da altri vettori mentre i passeggeri che hanno prenotato voli in partenza in date successive al 25 febbraio saranno riprotetti o rimborsati integralmente.
Qatar Airways era pronta, ancora una volta, a fare la “propria parte nel sostenere il rilancio e la crescita della compagnia aerea, ma ciò sarebbe stato possibile esclusivamente solo con l’impegno di tutti gli azionisti”. Lo si legge in una nota di Qatar Airways sulla vicenda Air Italy.
La ministra dei Trasporti Paola De Micheli aveva chiesto stamani un incontro urgente con la società invitandola a sospendere ogni decisione in merito alla possibile liquidazione della compagnia fino alla riunione con i ministeri competenti. “Non è accettabile la decisione di liquidare un’azienda di tali dimensioni senza informare prima il Governo e senza valutare seriamente eventuali alternative, pertanto – ha dichiarato la ministra – mi aspetto che Air Italy sospenda la deliberazione fino all’incontro che possiamo già calendarizzare a partire dalle prossime ore”.
“Per motivi di sicurezza e a tutela sia degli equipaggi che di tutti i passeggeri, a partire da oggi è in atto il fermo tecnico dei voli. È in corso di attuazione un piano volto alla riprotezione dei passeggeri. È stata senza dubbio una scelta difficile presa congiuntamente dagli azionisti”, scrive il presidente di Air Italy, Roberto Spada, in una lettera indirizzata ai dipendenti della compagnia aerea.
Banche-imprese, stop a norme su appalti
Lettera mondo imprenditoriale a Gualtieri,no a norme su ritenute
11 febbraio 2020
11:07
Con le nuove norme in materia di ritenute sugli appalti c’è un “rischio di blocco delle attività per interi settori. Serve un rinvio o una soluzione alternativa”. Lo scrivono al Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, l’Abi, l’Ance, Assonime, Confindustria e Rete Imprese Italia (Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti). Chiedono “la soppressione delle nuove regole in materia di ritenute negli appalti o, almeno, di procrastinarne l’entrata in vigore al primo luglio 2020, applicandole ai contratti stipulati dal primo gennaio 2020”.

No votes yet.
Please wait...
Summary
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Article Name
ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE
Description
TUTTI I FATTI E GLI AVVENIMENTI ECONOMICI DALL'ITALIA E DAL MONDO: BORSE, CAMBI, VALUTE, MERCATO FINANZIARIO, TUTTO SULL'ECONOMIA SEMPRE APPROFONDITO ED AGGIORNATO IN TEMPO REALE
Author
Publisher Name
tecnologiamauriziobarraaccessibilita.com
Publisher Logo

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.