Cronaca tutte le notizie. Tutta la Cronaca in tempo reale. Sempre aggiornata ed approfondita. LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 5 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 07:30 ALLE 11:21 DI GIOVEDì 13 FEBBRAIO 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Dimessi 20 turisti cinesi da Spallanzani
Facevano parte della comitiva della coppia risultata positiva
ROMA
13 febbraio 2020
07:30
– Sono stati dimessi stamani dall’ospedale Spallanzani di Roma i venti turisti cinesi che facevano parte della comitiva della coppia risultata positiva al Coronavirus. Sono stati in quarantena 14 giorni e sono sempre risultati negativi al test. Tra loro anche cinque minori. A salutarli l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato e il direttore sanitario dell’ospedale Francesco Vaia.
Prenderanno un volo per la Cina.
Ambasciata Cina, basta aggressioni
In comunità in Italia c’è panico, non per virus ma per sicurezza
13 febbraio 2020
08:58
– “Nella comunità cinese si sta diffondendo il panico. Non per l’epidemia di coronavirus, ma per la sicurezza. Ci sono state aggressioni verso cinesi in Italia, non turisti, ma comunità cinese. Vorrei invitare gli amici italiani a fare attenzione alla sicurezza dei nostri connazionali che vivono e lavorano in Italia, di evitare pregiudizi, distinzioni, aggressioni. Insulti e minacce non sono tollerabili. E’ l’appello che voglio lanciare”. Lo ha detto il dottor Zhang dell’ambasciata cinese che ha accompagnato i 20 turisti dimessi dallo Spallanzani.
Scacco alla Scu, 37 arresti a Brindisi
Accusati di associazione mafiosa, traffico di droga e estorsioni
BRINDISI
13 febbraio 2020
09:47
– I carabinieri hanno notificato a Brindisi e in provincia due ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale di Lecce su richiesta della Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di 37 persone ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, estorsioni, porto e detenzione illegale di arma da fuoco e spaccio di sostanze stupefacenti. Si tratta di presunti affiliati all’organizzazione mafiosa Sacra corona unita.
Investito da tir su A2, morto
Incidente nel cosentino. Dinamica in corso di ricostruzione
ROGLIANO (COSENZA)
13 febbraio 2020
09:49
– Un autotrasportatore è morto investito da un tir sull’autostrada A2 del Mediterraneo nei pressi di Rogliano. La vittima, di cui non sono ancora state rese note le generalità, è un dipendente di una ditta di traslochi che stava rientrando nel Lazio dalla Sicilia. Secondo le prime indicazioni, l’uomo si sarebbe trovato nella parte posteriore di un furgone e, per cause in corso di accertamento, sarebbe caduto sull’asfalto venendo investito da un camion di passaggio. L’autista del tir ha riferito agli agenti della polizia stradale che il corpo dell’uomo era già sulla strada al suo arrivo. Gli agenti della polstrada stanno ancora effettuando i rilievi e stanno sentendo alcuni testimoni. Il traffico veicolare sulla A2 è stato deviato per ore.
Rogo distrugge auto sindacalista Foggia
A gennaio era stato vittima di una intimidazione
FOGGIA
13 febbraio 2020
09:52
– Sarebbe doloso l’incendio che la scorsa notte ha completamente distrutto l’auto di Donato Ambrosio, di 65 anni, sindacalista Cisl presso lo stabilimento Sofim di Foggia. L’auto, una Renault Scenic, era parcheggiata in via Macchiavelli, alla periferia della città.
I poliziotti stanno acquisendo le immagini delle telecamere di sicurezza della zona. “Gli inquirenti mi hanno detto che l’incendio è doloso, ma io non so dare una spiegazione all’accaduto”, ha detto il sindacalista. L’uomo nella notte tra il 31 dicembre e il primo gennaio scorsi subì una prima intimidazione: sconosciuti piazzarono e fecero esplodere un grosso petardo davanti alla saracinesca del suo box auto.
Posti all’Asl e esami “facili”,2 arresti
Ai domiciliari ex dipendente Federico II e ex poliziotto
NAPOLI
13 febbraio 2020
09:53
– Un ex dipendente dell’Università Federico II, Ciro Palumbo, e un ex poliziotto, Domenico Del Giaccio, sono stati arrestati dai carabinieri del Nas nell’ambito di indagini su presunte compravendite di posti di lavoro nella Pubblica Amministrazione e di titoli di studio universitari. A Del Giaccio viene contestato l’accesso abusivo alle banche dati in uso alle forze dell’ordine mentre Palumbo, secondo la Procura di Napoli, si sarebbe offerto di mediare, in cambio di migliaia di euro, con alcuni impiegati della Federico II e delle Asl di Napoli e Caserta promettendo ai suoi “clienti” assunzioni e il superamento di esami universitari e dei test di accesso alla Facoltà di Medicina e Chirurgia. Tutto è emerso nel luglio 2017, in un’indagine che ha portato a delle perquisizioni del Nas il giorno precedente i testi di medicina. Intercettate conversazioni in cui Palumbo millantava sviluppi positivi delle pratiche, colloqui propedeutici alle assunzioni e conversazioni con funzionari compiacenti. STAI LEGGENDO:

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Meridi: perquisizioni Gdf per bancarotta
Indagini tra società e capogruppo Finaria di Antonino Pulvirenti
CATANIA
13 febbraio 2020
10:10
– Militari del nucleo di Polizia economico finanziario (Pef) della guardia di finanza di Catania stanno eseguendo delle perquisizioni nell’ambito dell’inchiesta per una presunta bancarotta della Meridi. La società, che fa parte del gruppo Finaria, la cui capogruppo Finaria Spa ha come maggiore azionista l’ex patron del Calcio Catania Antonino Pulvirenti, controlla 90 punti vendita dei supermercati Forte in Sicilia con oltre 500 dipendenti. E’ stata recentemente ammessa dal Tribunale di Catania all’amministrazione straordinaria per i grandi gruppi industriali in crisi. Secondo quanto accertato dalla Procura ha un’esposizione debitoria di oltre 90 milioni di euro di debiti erariali e previdenziali che l’ha portata all’insolvenza e alla nomina di commissari giudiziali. Militari delle Fiamme gialle del nucleo Pef, su delega della Procura, stanno acquisendo ogni documento che favorisca la ricostruzione dei rapporti commerciali intercorsi tra la società insolvente e le altre imprese del gruppo Finaria.
Approdata a Messina nave Aita Mari con 158 migranti
Soccorsi nei giorni scorsi in due operazioni di salvataggio
MESSINA
13 febbraio 2020
10:14
E’ approdata al porto di Messina la nave spagnola ‘Aita Mari’ con 158 migranti a bordo soccorsi nei giorni scorsi in due operazioni di salvataggio. Domenica erano state recuperate 93 persone, tra cui 16 donne di cui 3 incinte, e 24 minori tra cui 12 bambini. Successivamente è stato soccorso un secondo barcone alla deriva, con altre 65 persone a bordo. Ad attendere i migranti al molo Norimberga personale dell’Asp, del Comune della Prefettura e delle Forze dell’Ordine. I migranti dopo i controlli dovrebbero essere portati al centro di prima accoglienza Gasparro di Bisconte.
Ponte, ripreso varo maxitrave dopo stop
Impalcato da 100 metri ha ricominciato a salire prima dell’alba
GENOVA
13 febbraio 2020
10:34
– Ancora qualche ora di attesa per vedere in quota la prima delle tre campate da 100 metri del nuovo ponte sul Polcevera. Nella notte i tecnici del cantiere hanno deciso di sospendere i lavori sulla trave tra le pile 8 9, forse perché troppo delicati per essere effettuati in sicurezza al buio e anche per il vento, ma la struttura commissariale non ha ancora fornito spiegazioni sulle effettive motivazioni dello stop. Le operazioni sono riprese poco prima dell’alba. Ieri sera, alle 18.40, dopo un rinvio di due giorni rispetto a quanto programmato dall’agenda di cantiere il varo, davanti agli occhi di amministratori pubblici e manager di PerGenova, sembrava essere partito definitivamente. Era stato rinviato perché dopo i rilievi topografici è risultato che la campata era troppo lunga di qualche centimetro ed è stato necessario un intervento di profilatura. La trave pesa circa 2000 tonnellate, sarà collocata dagli strand jack a 40 metri d’altezza, già completa dei carter laterali e di parte della soletta.
Protesta con fantocci Benetton e Toscani
Con mani insanguinate e cartelli,apparsi davanti sede Secolo XIX
GENOVA
13 febbraio 2020
10:55
– Due grandi fantocci di plastica, con i guanti insanguinati, e i volti di Luciano Benetton e del fotografo Oliviero Toscani sono comparsi la scorsa notte sotto la sede de Il Secolo XIX a Genova. I due pupazzi avevano appesi due cartelli. Su quello dell’imprenditore si legge “Amo i soldi, odio la gente. Tanto nessuno revoca niente”, mentre insulti figurano sul cartello sul fantoccio con la foto di Toscani.
Sulla vicenda indaga la digos di Genova. Nei giorni scorsi Toscani era stato al centro di una polemica dopo avere pronunciato in radio la frase “Ma a chi interessa se casca un ponte?”. Il fotografo si era scusato e i Benetton avevano interrotto la collaborazione.

No votes yet.
Please wait...
Summary
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Article Name
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Description
TUTTA LA CRONACA IN TEMPO REALE. TUTTI I FATTI E GLI AVVENIMENTI DI CRONACA SEMPRE APPROFONDITI ED AGGIORNATI
Author

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.