Calcio tutte le notizie in tempo reale- tutte le notizie di calcio sempre aggiornate e complete! SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 41 minuti
image_pdfScarica l\\\\\\\'articolo in Pdfimage_printSTAMPA QUESTO ARTICOLO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 20:30 DI DOMENICA 23 FEBBRAIO 2020

ALLE 10:52 DI MERCOLEDì 26 FEBBRAIO 2020

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: Serie C, rinviata anche Pro Vercelli-Novara
Domani decisioni su possibili nuovi rinvii
23 febbraio 2020 20:30
– Con un comunicato diffuso in serata la Lega Pro ha reso noto il rinvio a data da destinarsi per l’emergenza Coronavirus anche di Pro Vercelli-Novara, match valevole per il campionato di serie C (girone A), inizialmente in programma domani sera, ” preso atto delle comunicazioni delle autorità competenti”.
In merito ai prossimi turni di campionato, domani mattina, dopo aver valutato le ordinanze delle autorità competenti, verranno assunti i conseguenti provvedimenti in ordine al rinvio delle gare delle società che dovranno disputare il turno nelle regioni oggetto di dette ordinanze.
In mattinata erano state sospese altre cinque partite a seguito del provvedimento del governo che blocca l’attività sportiva in Lombardia e Veneto, e cioè Piacenza-Sanbenedettese, Giana-Como, Lecco-Pro Patria, Arzignano Valchiampo-Padova e Feralpi Slò-Carpi.
Tegola Hazard, Real Madrid potrebbe cambiare modulo
Il fuoriclasse belga si è infortunato di nuovo: stagione finita
24 febbraio 2020
19:16
La grave perdita di Eden Harzard, a causa di un altro infortunio (era rientrato da poco, dopo 83 giorni di stop), è una brutta tegola per il Real Madrid, atteso da una settimana di fuoco – fra sfida Champions contro il Manchester City e ‘Clasico’ – dopo avere perso il primato nella Liga. L’allenatore Zinedine Zidane ha una serie di opzioni per sostituire il fuoriclasse belga, la cui stagione può considerarsi conclusa. Il tecnico francese scommetterà sul 4-4-2, con Benzema terminale offensivo e Isco al suo fianco, o intorno a lui. L’altra opzione riguarda l’inserimento di Rodrygo al fianco del bomber francese. Nel caso in cui Zidane prendesse in considerazione l’ipotesi di puntare su un 4-3-3, allora spazio a Bale e Vinicius.
Nelle sfide più importanti, almeno finora, Zidane ha sempre cercato di rinforzare il centrocampo, schierando quattro giocatori, ma potrebbe tornare al 4-3-3. Il Real Madrid, con quest’ultimo modulo, guadagnerebbe in potenziale offensivo, ma perderebbe in contenimento della manovra avversaria. Tutto, ovviamente, dipenderebbe dall’atteggiamento tattico di Bale e Vinicius; Lucas Vázquez viene considerato il sostituto di Bale sulla destra, Jovic l’alternativa a Benzema, o anche il partner ideale.
Il Premio Prisco assegnato a Mihajlovic
Altri 2 riconoscimenti a Barella (Inter) e Vigorito (Benevento)
CHIETI
24 febbraio 2020
10:47
– Oreste Vigorito (Benevento), Sinisa Mihajlovic (Bologna) e Nicolò Barella (Inter) sono i vincitori, nelle rispettive categorie (Dirigenti di Società, Allenatori e Calciatori), della 18/a edizione del Premio Nazionale “Giuseppe Prisco” alla lealtà, alla correttezza e alla simpatia sportiva.
Il Premio Speciale di Giornalismo “Nando Martellini”, quest’anno giunto alla sua 16/a edizione, è stato invece attribuito alla giornalista di Rai Sport Donatella Scarnati. Lo ha stabilito l’apposita giuria, unica per entrambi i premi, presieduta da Sergio Zavoli e composta da Italo Cucci, Gianni Mura, Gian Paolo Ormezzano, Marco Civoli, Franco Zappacosta, Ilaria D’Amico e coordinata dall’imprenditore Marcello Zaccagnini, presidente del Comitato organizzatore.
La stessa commissione, sempre d’intesa con il presidente del Comitato organizzatore Marcello Zaccagnini, ha deciso di attribuire il “Premio Speciale della Giuria” al Commissario Tecnico della Nazionale Italiana, Roberto Mancini. La giuria, infine, accogliendo la proposta dell’USSI – Gruppo Abruzzese Giornalisti Sportivi, ha conferito uno specifico e altrettanto importante riconoscimento al giornalista Enrico Rocchi, che sarà premiato, per la circostanza, con l’opera Games 13 ideata e realizzata dall’artista Ester Crocetta. La cerimonia di premiazione si svolgerà alle 11 di lunedì 27 aprile 2020, al Teatro Marrucino di Chieti e sarà presentata dal giornalista Stanislao Liberatore.
Ghirelli: “Lega Pro mette al primo posto la sicurezza”
Presidente: “Sia quella dei giocatori che dei tifosi”
24 febbraio 2020
11:00
– “Governare l’emergenza in un momento estremamente delicato, mettendo al primo posto la sicurezza e la salute di calciatori e tifosi. È quanto sta facendo la Lega Pro, che ha attivato dal primo momento anche una task-force interna, per tutto il giorno, formata dal segretario generale, Emanuele Paolucci, dal responsabile agonistica Tommaso Donati, da Gaia Simonetti dell’area comunicazione, dalla responsabile segreteria di presidenza, Anna Vezzani, e da Marco Michelin, che segue l’area social di Lega Pro. Lo scopo primario è il costante rapporto con i club”. Così Francesco Ghirelli, presidente della Lega Pro, a RadioRai.
“Non sottovalutiamo, né amplifichiamo – continua Ghirelli -: la situazione è monitorata, stando in stretto collegamento con le autorità preposte, a iniziare da Figc. Un ringraziamento lo vorrei rivolgere a tutti i club di Lega Pro, per il supporto e la collaborazione che stanno prestando. Dimostrano grande consapevolezza e grande spirito di servizio, un patrimonio utile per il Paese e non solo per il calcio”.
Coronavirus: al via riunione dei medici in Federcalcio
Gli esiti dell’incontro all’attenzione del Consiglio federale
24 febbraio 2020
11:05
– E’ cominciata da pochi minuti, nella sede della Figc a Roma, la riunione di una task-force di medici della Federcalcio per analizzare la situazione dell’emergenza Coronavirus. Un’iniziativa assunta ieri dal presidente della Figc, Gabriele Gravina, alla quale partecipano anche rappresentanti delle varie leghe e dell’Aia.
Gli esiti della riunione saranno portati all’attenzione del Consiglio federale convocato per le 12. Partecipano alla riunione i professori Paolo Zeppilli e Andrea Ferretti, il dott.
Carmine Costabile e il prof. Roberto Cauda, direttore dell’area clinica e dell’unità operativa complessa di microbiologia e malattie infettive del Policlinico Gemelli a Roma.
Roma: Perez esulta, una grande vittoria di squadra
Ex Barca su Instagram: “Tre punti importantissimi. Avanti così”
24 febbraio 2020
11:12
– “Grande vittoria di squadra. Forza.
Tre punti importantissimi!!! Continuiamo così!!!”. Carles Perez celebra così, sul proprio account ufficiale di Instagram, la larga vittoria della Roma conquistata ieri sul Lecce all’Olimpico (4-0). Il giovane talento arrivato a gennaio dal Barcellona, che l’allenatore dei giallorossi Paulo Fonseca ha schierato nel secondo tempo al posto di Under, ha confermato di essere già in sintonia con la squadra, al punto da sfiorare perfino il gol del possibile 5-0. Perez ha già segnato con la maglia della Roma nella sfida casalinga contro il Gent, valida per l’Europa League e disputata giovedì scorso.
Champions: lo spagnolo Gil Manzano arbitrerà Lione-Juventus
Real Madrid-Manchester City è stata invece affidata a Orsato
24 febbraio 2020
11:22
– Sarà Jesus Gil Manzano a dirigere la partita d’andata degli ottavi di finale della Champions League, in programma mercoledì alle 21, fra Lione e Juventus. L’arbitro spagnolo sarà assistito dai connazionali Diego Barbero e Angel Nevado, mentre Guillermo Cuadra Fernandez sarà il IV Uomo. Alla Var ci sarà Juan Martinez Munuera, assistito da Ricardo de Burgos.
Arbitri italiani, invece, per la supersfida del Santiago Bernabeu fra Real Madrid e Manchester City, in programma sempre mercoledì alle 21: fischierà Daniele Orsato, assistito da Lorenzo Manganelli e Alessandro Giallatini; come IV uomo è stato scelto Daniele Doveri, mentre alla Var ci sarà Massimiliano Irrati, con l’assistente Ciro Carbone.
Coronavirus: Ulivieri “Autorità decidono, dobbiamo attenerci”
Presidente Aiac: “Mi occupo di tattiche, i medici della salute”
24 febbraio 2020
11:36
– “Prima viene quello che decidono i governi, i governatori delle regioni e i sindaci, a noi non resta altro che adeguarci”. Lo ha detto il presidente dell’Assoallenatori, Renzo Ulivieri, entrando nella sede della Figc prima del Consiglio federale che dovrà occuparsi dell’emergenza Coronavirus. “Quello che posso pensare o decidere io non conta nulla. Io mi intendo di tattiche, per quanto riguarda la salute bisogna affidarsi ai medici, agli esperti e alle autorità”, ha aggiunto Ulivieri.
Coronavirus: Samp, annullata oggi attività settore giovanile
La notizia sul sito ufficiale del club blucerchiato
GENOVA
24 febbraio 2020
11:41
– Per la giornata di oggi si ferma l’attività dell’Academy della Sampdoria, dunque stop all’attività del settore giovanile come ha spiegato il club ligure sul proprio sito ufficiale. “In considerazione dell’ordinanza ufficiale diramata dall’organo regionale competente relativa alle misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid 2019, l’U.C. Sampdoria comunica che sono annullate tutte le attività sportive dell’Academy in programma nella giornata di oggi, lunedì 24 febbraio”.
Champions: il Barcellona sulle note del genere neomelodico
Brano di Raffaello in video della squadra in partenza per Italia
24 febbraio 2020
13:16
– Il Barcellona è in viaggio verso Napoli, dove domani sera giocherà la partita d’andata degli ottavi di Champions: per entrare nell’atmosfera, i catalani hanno rispolverato un brano in dialetto napoletano cantato da Raffaello e dal titolo ‘Turnamme a fa pace’. Le note del pezzo – vera e propria hit del genere neomelodico – fanno da colonna sonora al video della squadra che prende posto sull’aereo che la porterà alle falde del Vesuvio. La scena è stata pubblicata nell’account Twitter ufficiale del club catalano. La musica stride con i volti di Marc-Andrè Ter Steger e Leo Messi, Busquets e Piqué, che domani sera saranno di scena sul terreno del San Paolo. Altro che blues partenopeo, meglio il genere neomelodico.
Champions: Insigne, Messi il più grande al mondo in attività
‘Niente paragoni con Maradona, per noi napoletani Diego è sacro’
NAPOLI
24 febbraio 2020
13:51
– ”Attualmente Messi per me e il calciatore più forte al mondo ma non voglio paragonarlo a Maradona perché per noi napoletani Diego è sacro”. Lorenzo Insigne parla della gara di domani con il Barcellona e indica in Messi il pericolo numero uno.”Conosciamo la forza dell’avversario – dice il capitano del Napoli – ma non dobbiamo averne paura. Se li affrontiamo con la paura addosso non facciamo le cose giuste”. ”Ci dobbiamo provare giocando da squadra – conclude Insigne – sapendo di avere di fronte grandi campioni. Ma lo sono anche i giocatori del Liverpool e con loro abbiamo vinto e poi pareggiato. Se li affrontiamo nel miglior modo possibile possiamo fare una grande partita e ottenere un grande risultato”.
Champions: Gattuso, Setien un grande, lo mandavo a spiare
‘Ha grande visione del calcio, ti aggredisce appena perde palla’
NAPOLI
24 febbraio 2020
13:52
– ”Setien mi piace tantissimo come allenatore. Mandavo a spiarlo già quando allenava il Las Palmas per capire i suoi metodi”. Rino Gattuso in conferenza stampa tesse le lodi dell’allenatore del Barcellona che il Napoli affronterà domani sera al San Paolo nel turno d’andata degli ottavi di finale di Champions League. ”Setien – spiega – ha una grande visione del calcio. Vuole sempre palleggiare ma se perde palla aggredisce subito gli avversari. Da quando è arrivato lui il Barca riconquista la palla in una media di sei secondi, a fronte dei 14-15 di quando c’era Valverde in panchina”. ”Devo ringraziare – conclude il tecnico – la squadra e Ancelotti perché io non ho fatto nulla. Un po’ di emozione c’è ma ti passa subito. Domani dovremo fare una grande partita in tutte e due le fasi perché loro ti vengono ad aggredire e se non facciamo cose fatte bene rischiamo grosso”.
Figc: Dal Pino eletto vicepresidente
Dal Consiglio federale che è in corso a Roma
24 febbraio 2020
13:54
– Il presidente della Lega Serie A di calcio, Paolo Dal Pino, è stato eletto vicepresidente della Federazione italiana gioco calcio. Lo ha nominato all’unanimità il Consiglio della Federcalcio riunito oggi a Roma.
Era questo uno degli argomenti all’ordine del giorno della seduta del consiglio, ancora in corso, dedicata in gran parte alle problematiche relative all’emergenza Coronavirus.
Lettera Lega serie A a Governo,’gare a porte chiuse’
Coronavirus: passo formale dei club per affrontare l’emergenza
24 febbraio 2020
14:06
– Il presidente della Lega calcio di serie A, Paolo Dal Pino, ha appena inviato una lettera al Governo, attraverso il ministro dello sport, Spadafora, quello dell’Interno, Lamorgese, e quello della Salute, Speranza, per chiedere che nei territori considerati a rischio coronavirus le gare di calcio non vengano sospese, ma siano disputate a porte chiuse.
Si tratta di un atto formale, che la Lega delle società motiva nella lettera con il “calendario già saturo di impegni” e la necessità che le competizioni si concludano “entro il 24 maggio stante l’avvio dei prossimi Europei di calcio”.
Champions: il Barcellona a Napoli, cori per Messi e Maradona
Folla accoglie catalani in città in vista Champions
NAPOLI
24 febbraio 2020
14:28
– Una folla di tifosi, del Napoli e del Barcellona, ha accolto, all’arrivo nell’albergo del centro della città, la squadra blaugrana che domani sera è attesa al San Paolo per la sfida di Champions. ‘Messi Messi’, ma anche invocazioni a Maradona, indimenticato campione azzurro, all’arrivo dei calciatori giunti a bordo di un bus dopo essere sbarcati all’aeroporto di Capodichino.
Coronavirus, Serie A verso le gare a porte chiuse
Interessata anche Inter-Ludogorets di Europa League
24 febbraio 2020
19:13
Il presidente della Lega calcio di serie A, Paolo Dal Pino, ha inviato una lettera al Governo, attraverso il ministro dello sport, Spadafora, quello dell’Interno, Lamorgese, e quello della Salute, Speranza, per chiedere che nei territori considerati a rischio coronavirus le gare di calcio non vengano sospese, ma siano disputate a porte chiuse. Si tratta di un atto formale, che la Lega delle società motiva nella lettera con il “calendario già saturo di impegni” e la necessità che le competizioni si concludano “entro il 24 maggio stante l’avvio dei prossimi Europei di calcio”.

Interessata anche Inter-Ludogorets di Europa League, in programma giovedì. Quanto a Juve-Inter, big match della prossima giornata, e’ stato escluso il rinvio a lunedi’.

Si’ alle gare sportive a porte chiuse, nei territori interessati dalla diffusione del coronavirus: il ministro dello sport, Vincenzo Spadafora, ha annunciato che e’ in via di ultimazione il decreto del governo che lo consente.

“Ho inoltrato in mattinata al Ministro Speranza una richiesta ufficiale per la gara ufficiale di giovedì dell’Inter e siamo in attesa di un riscontro del Governo per la disposizione della gara a porte chiuse e ci aspettiamo un segnale positivo. Si va verso le porte chiuse”: lo ha detto il presidente della Federcalcio Gabriele Gravina nella conferenza stampa al termine del Consiglio federale n sel quale si è discusso dell’emergenza Coronavirus.

Parlare di Juventus-Inter a porte chiuse non è un tabù. Nemmeno per il presidente bianconero, Andrea Agnelli, ospite di Radio24: “In questo momento la priorità è la tutela della salute pubblica, partendo da questo presupposto c’è un dialogo in corso con le autorità, ma qualunque determinazione sarà presa, è importante che sia a tutele della salute pubblica”.”Il calendario è estremamente intasato – ha proseguito Agnelli -, frutto di scelte pregresse a cominciare dall’inizio del campionato tardi e della sosta natalizia. Ovvio che adesso si è in difficoltà ma, ripeto, noi ci adegueremo a quello che decideranno gli enti preposti”.

Disputare gli eventi sportivi “a porte chiuse e’ la strada giusta”: lo dice Walter Ricciardi, membro dell’esecutivo Oms nominato consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza. “La prima strategia – ha detto Ricciardi a Radio Punto Nuovo – è non far incontrare persone in luoghi dove sono a stretto contatto tra di loro, seppure all’aperto, come allo stadio. Ho consigliato nella veste di tecnico sanitario e di persona appassionata di sport che giocare a porte chiuse è la strada giusta”, ha detto commentando la richiesta ufficializzata oggi da Gravina.
Lo stop alle manifestazioni sportive, ha aggiunto, “e’ un provvedimento prese per almeno le prossime due settimane”.

Una domenica dall’atmosfera quasi surreale. Lo sport, calcio in primis, va in quarantena per l’emergenza Coronavirus. Dopo le decisioni di ieri sera del Consiglio dei ministri, Lombardia e Veneto e poi Piemonte ed Emilia Romagna hanno sospeso tutte le manifestazioni sportive: e si è fermata anche la serie A. Rinviate a data da destinarsi quattro partite – Atalanta-Sassuolo, Inter-Sampdoria, Verona-Cagliari e anche Torino-Parma più altre partite in serie C, dei campionati minori, di quelli giovanili, del basket, della pallavolo. Uno stop doveroso e necessario, in linea con le disposizioni del Governo, anche se ora, soprattutto per la serie A apre interrogativi non di poco conto su come regolarsi nel futuro immediato, se optare per la disputa delle gare a ‘porte chiuse’ o in ‘campo neutro’. Un problema non di poco conto visto il calendario senza margini di intervento con campionato, coppa nazionale e competizioni europee a non lasciare di fatto spazio a nuove date. I rinvii dei match di serie A pongono adesso un problema anche sulla regolarità del campionato e trovare date utili per il recupero potrebbe cominciare a diventare complicato, considerando che questo è l’anno dell’Europeo e che quindi non si può travalicare il paletto temporale del 24 maggio, data dell’ultima giornata di Serie A.
Il ministro dello sport Vincenzo Spadafora è in continuo contatto con il numero uno del Coni, Giovanni Malagò ed il presidente della Figc, Gabriele Gravina. Il presidente della Federcalcio ha convocato per oggi in via Allegri una task force dei medici della federazione per analizzare la situazione dell’emergenza Coronavirus e dare indicazioni precise sull’attività delle squadre nazionali (al momento sono stati rinviati gli stage delle nazionali Under 19 maschile e femminile), poi ci sarà l’attesa riunione del Consiglio federale (al quale è prevista la presenza di un rappresentante del ministero dello sport) che dovrà prendere in considerazione tutte le possibili soluzioni ed adottare provvedimenti. Martedì, sono in programma il consiglio nazionale e la giunta del Coni dove è prevista la presenza proprio di Spadafora.
“Credo che in questo momento il mondo dello sport non debba andare per conto proprio. Deve essere allineato con le disposizioni delle autorità preposte, in primis il Governo”, ha commentato il presidente del Coni, Giovanni Malagò sottolineando comunque che l’interesse primario “è la salute”. “Ci siamo adeguati al decreto del Consiglio dei Ministri – dice a margine di Roma-Lecce – Qualcuno può condividerlo, o no. Sarebbe stato profondamente sbagliato e inelegante se si fossero anticipate le mosse del Governo. Qui parliamo di tante manifestazioni sportive, non solo di calcio. Il dialogo è aperto con tutte le società coinvolte”. Quanto all’ipotesi di giocare le partite a porte chiuse Malagò spiega che “è stata preso in considerazione dal Governo. Però ci sono due problemi: da un lato i biglietti già venduti con società che si dovrebbero far carico dell’aspetto economico, dall’altro se si decide nel giro di poche ore di giocare a porte chiuse potrebbe esserci un problema di ordine pubblico. Si naviga a vista. L’obiettivo naturalmente è di ripartire al più presto”.
Il ministro dello Sport Spadafora, che ieri sera ha disposto la sospensione delle manifestazione sportive, ha ribadito che “ora più che mai abbiamo il dovere di essere prudenti e responsabili. È necessario agire in maniera seria e determinata senza alcun allarmismo ma evitando ogni situazione di rischio”.
E intanto, giovedì a San Siro è in calendario il match di Europa League Inter-Ludogorets: i bulgari hanno chiesto lumi all’Uefa e, comunque evolva la situazione dell’emergenza coronavirus, la partita si giocherà.
Se i provvedimenti restrittivi presi dal governo per le gare a Milano dovessero persistere (e non venisse adottata la formula delle porte chiuse) l’evento verrebbe spostato in campo neutro.
Quanto alle gare a porte chiuse, l’ipotesi non raccoglie troppo consenso dai campi: si allo stop delle partite no all’assenza dei tifosi per l’allenatore della Lazio, Simone Inzaghi. “Quello che sta accadendo in Italia è un problema serio e importante, sono d’accordo se si dovranno fermare le partite di campionato”, mentre si dice contrario all’ipotesi di giocare a “porte chiuse”: “Assolutamente no. Il succo del calcio sono i tifosi. Non bisogna sottovalutare quello che sta capitando. Ci stiamo muovendo nella direzione giusta – sottolinea -. Il calcio resta dei tifosi, per questo bisognerà cercare di porre rimedio a questa grandissima problematica”. CALCIO: RISULTATI E CLASSIFICHE IN TEMPO REALE: DALLA SERIE A, B, C A TUTTI I CAMPIONATI DEL MONDO E MOLTO ALTRO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Agnelli, scudetto? Della Lazio temo la spensieratezza ++
Presidente Juve: “l’Inter con Conte ha l’obbligo di vincere”
24 febbraio 2020
14:33
– “Della Lazio temo la spensieratezza.
Se riesce a traghettare marzo-aprile sarà per loro un grande vantaggio”: così il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, intervenuto a “Tutti convocati” su da Radio 24. “Ovviamente, questa spensieratezza può diventare anche un boomerang nel caso di qualche risultato negativo, considerando che ormai la qualificazione Champions per la Lazio è quasi fatta”, ha aggiunto Agnelli. “Lazio e Inter hanno due filosofie diverse e due rose diverse: l’Inter non ha questa spensieratezza,con Conte si è caricata dell’obbligo di vincere”.
Coronavirus: Spadafora, sì a partite a porte chiuse
Ministro sport: Provvedimento per aree individuate nel decreto
25 febbraio 2020
10:10
Nelle aree interessate dall’emergenza Coronavirus le partite si disputeranno a porte chiuse. Lo ha detto il ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora ai microfoni del Tg2 al termine del consiglio dei ministri. “Sono già in vigore provvedimenti che vietano gli eventi fino a domenica prossima, inizialmente per la Lombardia, il Veneto e il Piemonte, ora con questo dpcm abbiamo allargato anche a Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Liguria. In queste regioni, resta il divieto di manifestazioni sportive, per alcuni eventi abbiamo dato la disponibilità a svolgerli a porte chiuse”.
Spadafora ha sottolineato che il provvedimento “non è stato esteso al resto d’Italia perché non esistono le condizioni per prendere misure gravi”.
Coronavirus: sospese prime tappe ‘Panini tour up!’
Erano previste Bari, Verona, Cernusco, Bologna e Reggio Calabria
25 febbraio 2020
10:52
– L’allarme per il Coronavirus ferma le prime tappe del “Panini Tour Up! 2020”, l’iniziativa promozionale per il lancio della collezione di figurine “Calciatori 2019-2020”. Lo hanno deciso la Panini con il gruppo Intesa Sanpaolo, partner della nuova raccolta, in seguito alla situazione Coronavirus. Nel prossimo weekend la manifestazione avrebbe dovuto iniziare da Bari con la presenza di un “villaggio” dove giocare, vincere premi e scambiare figurine per completare l’album. Negli stessi giorni, altre attività del tour erano previste anche in un centro commerciale di Verona e in quattro filiali di Intesa Sanpaolo a Genova, Cernusco sul Naviglio (Mi), Bologna e Reggio Calabria. “Siamo molto dispiaciuti per aver dovuto assumere questa decisione -, spiega Antonio Allegra, direttore Mercato Italia di Panini – “che però rappresenta una forma di prudenziale cautela per le decine di migliaia di collezionisti piccoli e grandi che, da molti anni, affollano il nostro tour in tutta Italia. Ci auguriamo di poter recuperare in qualche modo l’appuntamento con i tanti fan delle figurine ‘Calciatori’. A breve, daremo altre informazioni in caso l’attività possa essere ripresa nelle prossime settimane”.
Il programma “Panini Tour Up! 2020” prevedeva tre percorsi (piazze, centri commerciali, filiali di Intesa Sanpaolo) in 30 città in tutta la penisola dal 29 febbraio al 5 aprile, per un totale di 36 tappe e 48 giornate evento.
Coronavirus: Uva, stop calcio solo se situazione precipitare
Vicepresidente Uefa: Monitoriamo tutti i Paesi
25 febbraio 2020
11:28
– “Cerchiamo di non fermarci, il percorso sportivo verrà bloccato solo se la situazione dovesse precipitare”: così Michele Uva, vicepresidente UEFA, ai microfoni di Rai Radio1 Sport a proposito di Coronavirus e dei riflessi dell’epidemia sul prossimo Europeo itinerante: “Siamo in una fase d’attesa -ha detto Uva- monitoriamo Paese per Paese, il calcio deve seguire le indicazioni governative dei singoli Stati” e ha aggiunto: “Cerchiamo di non fermarci, il percorso sportivo verrà bloccato solo se la situazione dovesse precipitare”.
Coronavirus: Fedriga, calcio a porte chiuse? Meglio rinviare
Ci sono riflessi economici. Si mettono in difficoltà le squadre
TRIESTE
25 febbraio 2020
12:19
– La decisione di disputare le competizioni sportive a porte chiuse per arginare la diffusione del coronavirus “è una decisione nazionale. Per me sarebbe stato utile sospendere. Anche per le squadre di calcio sarebbe stato utile rinviarle”. Lo ha detto il presidente del Fvg, Massimiliano Fedriga, ai microfoni di Radio1. Sabato è in calendario a Udine il match con la Fiorentina.
“Ci sono dei riflessi economici – ha spiegato Fedriga – quindi far giocare delle partite a porte chiuse, senza pubblico e altro, vuol dire mettere in difficoltà le squadre di calcio.
Quindi si sarebbero potute rinviare”.
Coronavirus:Juve-Inter in chiaro? Da Sky disponibilità
Riunione a Rogoredo ‘per consentire a tutti di vederla’
25 febbraio 2020
14:16
“Vista l’eccezionalità del momento, se si creassero i presupposti di intesa con la Lega Calcio, Sky potrebbe valutare di aprire una “finestra in chiaro” trasmettendo su TV8 (nostro canale gratuito) almeno la partita di domenica sera, Juventus-Inter, per consentire a tutti di vederla”. Da una riunione di lavoro di Sky filtra
la disponibilità dell’emittente sull’eventualità di affrontare l’emergenza data dal Coronavirus, e il conseguente dibattito sulle gare a porte chiuse, con una decisione che favorisca gli appassionati. Ad ‘aprire’ all’ipotesi nel meeting al quartier generale di Rogoredo, secondo quanto trapela, è stato Marzio Perrelli, capo di Sky Sport.
In una situazione così unica in cui a tutti i cittadini e a tutte le imprese è richiesto di fare sacrifici, anche Sky sarebbe disponibile a fare il proprio. La nostra funzione di indubbia utilità da sempre ci guida in questa direzione” hanno aggiunto altri dirigenti presenti.
Roma: edema muscolare, Pellegrini si ferma
Centrocampista salta Gent in E.League e trasferta di Cagliari
25 febbraio 2020
13:08
– Niente Gent in Europa League e niente Cagliari in campionato. Lorenzo Pellegrini salterà i prossimi due impegni in trasferta della Roma a causa dell’infortunio riportato in occasione del successo sul Lecce.
Il centrocampista, che era stato sostituito nell’intervallo dal tecnico Paulo Fonseca, questa mattina si è sottoposto ad esami strumentali che hanno evidenziato un edema muscolare al bicipite femorale della coscia sinistra. Il recupero sarà adesso valutato giorno per giorno a Trigoria dallo staff medico giallorosso.
Pellegrini dovrebbe tornare a disposizione dell’allenatore portoghese per l’impegno con la Sampdoria in programma all’Olimpico il prossimo 8 marzo.
Coronavirus: Francia blindata, ma per Lione-Juve tutto ok
3.000 tifosi attesi dall’Italia nonostante le rigide restrizioni
PARIGI
25 febbraio 2020
14:01
– Mentre il governo francese, per prevenire il contagio da Coronavirus, emette ordinanze per rispedire da scuola a casa, in quarantena, tutti i bambini o i ragazzi che negli ultimi 14 giorni sono soltanto passati da città della Lombardia o del Veneto, nulla è in programma domani per il previsto arrivo a Lione di 3.000 tifosi della Juventus per gli ottavi di Champions League.
Secondo quanto riferito dalla radio RTL, il presidente lionese, Jean-Michel Aulas, e i dirigenti della società, hanno sondato l’Uefa e il ministero degli Esteri francesi in merito ad eventuali rischi ma non ci sono al momento contrordini al normale svolgimento della partita.
Coronavirus: Giappone, stop campionato calcio fino a 15 marzo
E squadre coreane in Champions asiatica giocano a porte chiuse
25 febbraio 2020
20:47
Il campionato di calcio giapponese si ferma fino al 15 marzo. Lo ha deciso la federazione nipponica in relazione all’estendersi del contagio da coronavirus. Il Giappone si è così allineato alle analoghe decisioni in tal senso già adottate da Cina e Corea del sud. L’annuncio del blocco di tutte le partite, a partire da domani, è stato dato in una conferenza stampa dal numero uno della federcalcio locale, Mitsuru Murai. La Corea del Sud ha posticipato l’inizio della stagione della K-league, mentre anche la Super League cinese è sospesa. La Corea del Sud ha anche annullato i campionati mondiali di ping-pong, in programma a marzo. E le squadre di calcio sudcoreane Seoul e Ulsan Hyundai giocheranno a porte chiuse le partite della prossima settimana in Champions League asiatica.
In Giappone 156 persone sono finora risultate positive al virus, insieme ai quasi 700 passeggeri della nave da crociera Diamond Princess (4 dei quali sono morti).
Lo stop alle partite di calcio suscita molta preoccupazione per le Olimpiadi di Tokyo, in programma a partire dal 24 luglio.
Sono peraltro stati sospesi i corsi di formazione per i volontari che saranno impegnati a supporto dei Giochi. Domenica invece si correrà regolarmente la maratona di Tokyo, ma la gara sarà riservata solo agli atleti d’elite.
Champions: Bonucci “Juve favorita,ma Garcia ci conosce bene”
“Lione ha tifo e giovani brillanti, dovremo stare atteniti
TORINO
25 febbraio 2020
14:37
– La Juventus “è favorita, ma il Lione è allenato da Garcia e lui conosce bene il calcio italiano”. Leonardo Bonucci inquadra l’ottavo di finale di cui domani sera in Francia si gioca il primo atto: A favore del Lione “un gran tifo e tanti giocatori giovani che vorranno farsi notare e dimostrare il loro valore – dice il difensore bianconero in un’intervista al quotidiano L’Equipe – in Champions conta la mentalità, dovremo fare molta attenzione anche a Lione”. Bonucci torna sulle due finali di Champion perse in tempi recenti dai bianconeri, nel 2015 a Berlino e nel 2017 a Cardiff. “Resta il dispiacere, con il Barcellona pensavamo di averla vinta dopo il pareggio segnato da Morata, due anni dopo, invece, abbiamo sottovalutato il Real Madrid nel secondo tempo (dopo l’1-1 al 45′, ndr). Ma quest’anno la concorrenza di Inter e Lazio nel campionato ci aiuterà a non mollare mai in Champions”. JUVENTUS

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Champions: Zidane omaggia Guardiola “per me è il numero 1”
Domani sfida Real-City: “Come un Clasico? Per noi grande sfida”
25 febbraio 2020
14:38
– “Per me è il miglior allenatore al mondo”. Non vuole personalizzare la sfida degli ottavi di Champions tra Real e City, però Zinedine Zidane alla vigilia del big match esordisce facendo proprio i complimenti a Pep Guardiola che domani sarà suo rivale sulla panchina del Manchester. “Perché lo ritengo il migliore? Perché lo ha sempre dimostrato – dice l’allenatore del Madrid -. Prima a Barcellona, ;;poi a Bayern, ora al City. È la mia opinione, magari altri pensano che siamo altri ad essere i migliori. Ci sono tanti tecnici bravi, ma per me il numero 1 è lui”. Niente Zidane contro Guardiola, ci tiene a dire il tecnico del Real, ma una sfida fondamentale per la stagione di entrambe le squadre. “Vogliamo che i nostri tifosi siano orgogliosi, quindi daremo il massimo. Il City è un’ottima squadra e verrà qui a fare una grande partita: noi dobbiamo rispondere come stiamo facendo negli ultimi tempi, giocando bene. E domani proveremo a fare questo. Se è come un Clasico? Non so, può essere chiamata così, o derby o in qualunque altro modo: sappiamo che è una bella partita. Questo è certo”.
Sarri, Champions resta sogno, peso lo sento in Italia ++
“Solo nel nostro Paese siamo obbligati a vincere”
TORINO
25 febbraio 2020
20:00
– “Il peso della Champions? Sento questa responsabilità molto di più in Italia, dove siamo obbligati a vincere. In Europa invece è un sogno-obiettivo: se lo coroni è un’estasi, altrimenti è stato stato un bel viaggio”.
Così Maurizio Sarri, alla vigilia di Lione-Juventus, ottavo di Champions League. “In Champions ci sono 10-12 squadre con l’obiettivo di vincerla, alcune più forti di noi, ma per il panorama attuale del calcio italiano è difficilissimo vincerla.
Non è più come 20 anni fa quando eravamo leader, in questo periodo altre nazioni ci hanno superato”.
Juventus: Bonucci, abbiamo fatto il nostro dovere
Difensore bianconero: “Non so cosa ci si aspettasse di più”
TORINO
25 febbraio 2020
20:02
– Siamo primi in campionato, abbiamo conquistato gli ottavi di Champions con 2 turni di anticipo, abbiamo pareggiato la semifinale di Coppa Italia, quindi abbiamo fatto il nostro dovere, non so cosa ci si aspettasse all’esterno, ma fare meglio era difficile”. Così Leonardo Bonucci, alla vigilia di Lione-Juve, andata degli ottavi di Champions. “Adesso comincia un altro momento della stagione, siamo tutti pronti a viverlo con entusiasmo, con la voglia di arrivare fino in fondo in tutti gli obiettivi”.
Coronavirus: Sarri, Francia come Italia se fa 3.500 tamponi
Tecnico Juve: “E’ un problema europeo, non italiano”
TORINO
25 febbraio 2020
20:06
– “Il coronavirus è un problema europeo, non italiano: da noi sono stati fatti 3.500 tamponi e abbiamo un certo numero di positivi. In Francia ne avete fatti 300 e ne avete molti meno”. Così Maurizio Sarri al cronista che gli riportava, a Lione, le proteste dei sindaci di Décines e Charpieu, comuni su cui sorge lo stadio del Lione, che chiedono di non accettare i tifosi italiani per l’emergenza coronavirus: “Se ne aveste fatti 3.000 di tamponi, magari avreste gli stessi positivi nostri – ha aggiunto Sarri – E’ un problema europeo, i nostri tifosi hanno diritto di essere qui. Abbiamo di fronte un problema e tutti abbiamo il dovere di contenerlo in prima battuta e poi di risolverlo”. CONFERENZA BONUCCI – SARRI VIGILIA OL-JUVENTUS | VIDEO INTEGRALE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Champions: Lione Juventus
Tremila tifosi attesi dall’Italia nonostante le rigide restrizioni
25 febbraio 2020
20:08
Mentre il governo francese, per prevenire il contagio da Coronavirus, emette ordinanze per rispedire da scuola a casa, in quarantena, tutti i bambini o i ragazzi che negli ultimi 14 giorni sono soltanto passati da città della Lombardia o del Veneto, nulla è in programma domani per il previsto arrivo a Lione di 3.000 tifosi della Juventus per gli ottavi di Champions League. Secondo quanto riferito dalla radio RTL, il presidente lionese, Jean-Michel Aulas, e i dirigenti della società, hanno sondato l’Uefa e il ministero degli Esteri francesi in merito ad eventuali rischi ma non ci sono al momento contrordini al normale svolgimento della partita.
Coronavirus, sport a porte chiuse in cinque Regioni
Testo dpcm, sospesa ogni competizione, stop totale in zona rossa
25 febbraio 2020
10:16
Sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive “di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati”. Lo prevede il testo del nuovo decreto attuativo sul Coronavirus che riguarda tutti i comuni delle regioni Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte. Resta consentito lo svolgimento di eventi e partite, nonché allenamenti, a porte chiuse nei comuni diversi da quelli della zona rossa del contagio, dove invece lo stop è totale.
Gattuso ‘Barcellona marziano, serve partita della vita’
Il tecnico azzurro: ‘Messi è il più grande. Inutile pensare a gabbie o marcature a uomo. Non si ferma così’
NAPOLI
24 febbraio 2020
14:12
‘Il Barcellona è una squadra di marziani e noi dobbiamo fare la partita della vita se vogliamo portare a casa un risultato importante”. Gennaro Gattuso esamina la forza dell’avversario di domani negli ottavi di Champions e non risparmia lodi alla squadra avversaria.
”I giocatori del Barca – dice – hanno vinto tutto quello che c’era da vincere. Anche le problematiche a livello societario ai giocatori fanno solo il solletico. Sono tutti grandi campioni sul campo ma anche nella testa. Sarebbe un grave errore se la mia squadra – conclude il tecnico del Napoli – pensasse a qualche partita che hanno sbagliato in Champions negli ultimi anni. Dobbiamo affrontarla tutti insieme facendoci forza, senza paura ma con la consapevolezza che sono di un livello superiore”.

“Gabbie? Marcature a uomo? Messi è il più grande giocatore in attività e non credo che possa essere fermato inventandosi qualcosa di speciale”.  Gattuso parla del capitano dei catalani e ne sottolinea le incredibili doti. ”E comunque – aggiunge – il problema non è solo Messi. E’ tutta la squadra che ha grandi capacità. Certo lui non è grande solo per quello che sa fare a livello tecnico e a livello agonistico. E’ il più grande di tutti anche per come ha vissuto tutta la carriera: mai una parola fuori posto, sempre perfetto. E’ un esempio per i bambini”. ”Gli vedo fare cose – conclude il tecnico del Napoli – che si vedono solo nella Play Station. Ha una qualità incredibile e sono già diversi anni che è il più grande giocatore in attività”.
Scarpa d’Oro: duello al vertice Immobile-Lewandowski
Leo Messi firma un poker contro l’Eibar e risale posizioni
24 febbraio 2020
13:26
Continua il testa a testa fra Ciro Immobile e Robert Lewandowski nella classifica per la Scarpa d’Oro. Il centravanti polacco del Bayern Monaco, grazie alla doppietta realizzata venerdì sera nell’anticipo della Bundesliga contro il Paderborn, si è avvicinato al rivale della Lazio.
Grande balzo in avanti di Leo Messi, autore addirittura di un poker nella Liga contro l’Eibar sabato pomeriggio.
L’argentino, che era a secco da un mese, risale posizioni.
Immobile guida sempre con 54 punti; Lewandowski è a quota 50; Cristiano Ronaldo a 42, assieme a Timo Werner del Lipsia ed Erling Haaland del Borussia Dortmund). Messi ha scavalcato Romelu Lukaku ed è a 36 punti.
Coronavirus: Gattuso, siamo vicini a chi sta avendo problemi
‘Speriamo che le situazioni si riusciranno a risolvere presto’
NAPOLI
24 febbraio 2020
13:03
– “Siamo vicini alle persone che stanno avendo problemi a causa del Coronavirus”. Rino Gattuso all’inizio della conferenza stampa di presentazione della partita di Champions League, Napoli-Barcellona, ha testimoniato la sua vicinanza e quella della squadra a tutti coloro i quali stanno vivendo i momenti di difficoltà a causa dell’epidemia.
“Siamo vicini a tutti – ha aggiunto Gattuso, al Governo per quello che sta facendo e speriamo che tutti i problemi si riusciranno a risolvere al più presto”.
PSG: Neymar espulso, polemiche sul Carnevale
Fan lo contestano, si fa espellere forse per volare in Brasile
24 febbraio 2020
19:14
Al Paris Saint-Germain non tira una bella aria. E lo conferma lo striscione esposto ieri sera dai tifosi al Parco dei Principi, dove la squadra di Thomas Tuchel ha battuto 4-3 il Bordeaux guidato da Paulo Sousa. Dopo le polemiche per la megafesta post-sconfitta di Dortmund in Champions (dove si sono festeggiati i compleanni di Cavani, Di Maria e Icardi), adesso lo striscione dei tifosi che rappresenta un attacco diretto ad alcuni big della squadra. “Antoine Kombouaré, David Ginola e Rai avevano una mentalità vincente.
Silva, Mbappé, Neymar, avete paura di vincere? Tirate fuori le p…”, il messaggio apparso sulle tribune dello stadio parigino.
Inoltre, su Neymar, che ieri sera è stato espulso al 90′ dall’arbitro Willy Delajod dopo una protesta fuoribonda conseguente un proprio fallo di reazione, pende il sospetto che – nelle prossime ore – possa trasferirsi in Brasile per partecipare ai festeggiamenti del Carnevale di Rio, il più famoso del mondo. Da sei anni, il fuoriclasse brasiliano vi partecipa – fra una defezione e l’altra – e quest’anno? Proprio nel cuore della stagione, con il ritorno degli ottavi di finale di Champions che si avvicinano (il PSG deve ribaltare l’1-2 di Dortmund), Neymar riuscirà a parteciparvi? Le sfilate si concluderanno mercoledì nel sambodromo di Rio e il fuoriclasse ‘canarinho’ non vuol mancare all’appuntamento, in barba al malumore dei tifosi.
Champions: Gattuso, Maradona è il migliore di tutti i tempi
‘Mi dispiace non averlo visto dal vivo. Messi fa cose come lui’
NAPOLI
24 febbraio 2020
15:04
– “Purtroppo Maradona non l’ho incrociato nella mia carriera di calciatore e l’ho visto all’opera solo nelle videocassette o nei dvd. Ma so bene che è stato il miglior calciatore di tutti i tempi. A Messi, che domani avremo come avversario, vedo fare oggi un po’ di cose alla Maradona. Sicuramente è lui il più forte tra i giocatori in attività”. Nel giorno in cui le attese dei tifosi del Napoli sono concentrate sulla sfida al campione argentino del Barca, Rino Gattuso, in conferenza stampa, affronta un aspetto che riguarda l’ideale staffetta al San Paolo tra il campione di ieri e quello di oggi.
“Mi dispiace – conclude Gattuso – di non aver mai visto Maradona giocare dal vivo. Sono cosciente di essermi perso qualcosa di meraviglioso”.
Coronavirus: a Napoli controlli anche a giocatori Barcellona
Come da prassi nell’aeroporto termometro laser e scanner
NAPOLI
24 febbraio 2020
15:07
– Controlli per il coronavirus anche per Messi e compagni all’arrivo nell’aeroporto di Napoli. La squadra e lo staff del Barcellona sono atterrati all’ora di pranzo allo scalo di Capodichino per la data degli ottavi di finale di Champions League contro il Napoli e tutti sono stati sottoposti al termometro laser e allo scanner, come previsto dalla norma coronavirus per tutti i voli internazionali.
Dopo lo sbarco il Barcellona si è diretto in autobus verso il centro di Napoli, per sistemarsi nell’hotel in via Medina a che ospita la squadra catalana. Al loro arrivo all’albergo, i giocatori blaugrana sono stati accolti da un centinaio di tifosi assiepati davanti all’albergo, che li hanno accolti con entusiasmo, cantando anche cori per Leo Messi.
Coronavirus: Balata, serve regia unica, aspettiamo
N.1 serie B, campionati da salvaguardare.
Bene apertura Spadafora
24 febbraio 2020
15:31
– “Serve una regia unica in una situazione in divenire e dobbiamo attenerci comunque alle disposizioni che vengono dal governo. La FIGC si é resa disponibile all’ipotesi di giocare le partite a porte chiuse, ma dobbiamo aspettare e valutare. C’è una apertura del ministro? Bene ma occorre aspettare”. Cosi il presidente della Lega serie B, Mauro Balata, uscendo dalla sede della Federcalcio dove si è svolto un consiglio incentrato sull’emergenza coronavirus.
“Dobbiamo cercare di gestire la situazione sotto ogni profilo – ha proseguito – Anche perché ci sono tanti campionati da cercare di salvaguardare”.
Agnelli: ‘Bene Sarri, eresia non pensare a Guardiola’
N.1 Juve: ‘Forza di un’idea è nella prosecuzione nel tempo’
24 febbraio 2020
19:12
“Dire che nessuno pensi a Guardiola sarebbe un’eresia. Però in questo momento della sua vita è estremamente felice dov’è, al di là delle contingenze. Se io sono felice dove sono difficilmente lascio per dove sono”. Così il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, intervenuto a ‘Tutti convocati’ su Radio24. Se fosse libero la prossima estate? gli viene chiesto: “Noi siamo molto contenti di Sarri, al di là delle cene che facciamo – la risposta del n.1 bianconero – Abbiano un contratto di tre anni, la forza di un’idea è nella prosecuzione del tempo, la priorità è proprio questa. Noi volevamo Sarri e abbiamo preso Sarri”.
Agnelli: “Paratici grande dirigente, non è sotto esame”
‘Mancati arrivi Lukaku e Haaland? Non possiamo comprarli tutti’
24 febbraio 2020
15:32
– “Paratici è un grandissimo dirigente e non è assolutamente sotto esame”. La rassicurazione arriva direttamente dal presidente della Juventus, Andrea Agnelli, ospite di Radio24. “Fabio ha dimostrato di essere un grande dirigente e lo sta dimostrando. Dal mio punto di vista non è sotto esame – puntualizza Agnelli, a proposito delle voci che vorrebbero il ds con qualche ‘veduta’ diversa -. L’unica differenza rispetto al passato è che adesso Fabio è più sotto i riflettori rispetto a prima. Con lui abbiamo cominciato un ciclo nel 2018 e il primo step è nel 2021, ma solo perché va a scadenza, così come il Cda scade, non altro”, ha detto il presidente bianconero che poi ha puntualizzato su alcuni mancati acquisti di mercato, Lukaku e Haaland su tutti: “Per fortuna alla Juventus vengono accostati i migliori giocatori del mondo, ma se guardo alle speculazioni durante l’anno noi dovremmo acquistare 50-60 giocatori ogni stagione e non possiamo comprarli tutti”. “Una squadra – conclude – si costruisce con la logica, e non va dimenticato che molti giocatori possono anche essere contenti di dove sono”.
Coronavirus: Castellacci, alla lunga rischio stop campionato
Prof.: “In questo momento la priorità non è certo il calcio”
24 febbraio 2020
16:51
– “Il problema è abbastanza complesso.
Bisogna innanzitutto considerare quali sono le nostre priorità in questo momento: di certo, non il calcio, ma tenere sotto controllo il Coronavirus. Se questa epidemia dovesse aumentare a macchia di leopardo, come chiudono gli stadi del nord chiudono gli stadi del sud. E’ un’ipotesi plausibile, non certo un mio suggerimento, la sospensione di un campionato”. Così il professor Enrico Castellacci, ex medico della Nazionale azzurra di calcio campione del mondo a Berlino nel 2006.
“Anche giocare a porte chiuse, per due o tre partite, va bene, ma ricordiamoci che, quando si spostano le squadre, si spostano comitive di 30-40 persone – aggiunge -. Può avere un senso giocare a porte chiuse se questa forma influenzale resta limitata a dov’è adesso, ma credo ci sarà uno sviluppo e altre regioni verranno interessate. Fermare il campionato non è un’eresia”.
“Siccome tutti parlano dei recuperi, degli ingorghi delle partite, in questo momento la priorità in Italia non è il calcio. La priorità è un’altra. Le cose che possono sembrare fantascientifiche diventano realtà”, conclude.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Ghirelli, quarto uomo in serie C dai playoff
Presidente Lega Pro, sul coronavirus adottato azioni necessarie
24 febbraio 2020
17:24
– “Noi i provvedimenti li abbiamo già presi per quanto riguarda il campionato di serie C, rinviando la prossima giornata nelle regioni interessate dalle ordinanze di divieto di manifestazioni sportive. Per quanto riguarda il consiglio federale è stato deciso che nelle partite di Serie C sarà introdotto il quarto uomo dai play-off di questo campionato per poi diventare definitivo dal prossimo”. Lo ha detto il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, al termine del Consiglio Figc.
Calcio:Fonseca “Vorrei che Smalling e Mkhitaryan restassero”
Tecnico Roma “Grandi giocatori e grandi uomini”
24 febbraio 2020
17:33
e Henrikh Mkhitaryan restassero alla Roma anche la prossima stagione. Il difensore inglese e il centrocampista armeno sono arrivati in prestito secco e per rimanere in giallorosso sarà necessario che il club capitolino tratti, cosa non semplicissima, con Manchester United e Arsenal, titolari dei due cartellini.
“Vorrei che Smalling restasse a Roma, ne stiamo parlando – ha fatto sapere il tecnico portoghese in un’intervista a Sky Sport UK – Non so se sia possibile a causa della situazione con il Manchester United, ma vorrei tanto che Chris restasse qui con noi perché è molto importante. È un grande giocatore e un grande uomo. Ha sempre un atteggiamento positivo e per questo e altri motivi sarei felice se restare qui con noi. Mkhi durante questa stagione ha avuto alcuni infortuni ma ora sta tornando e sta dimostrando la sua qualità. Vediamo. È un giocatore con grande qualità e fantasia, vorrei che anche lui restasse alla Roma”
Calcio: Genoa; Radovanovic operato a Lione, tutto ok
Al centrocampista ricostruito legamento anteriore ginocchio
GENOVA
24 febbraio 2020
18:13
– Operazione perfettamente riuscita per Ivan Radovanovic che oggi a Lione ha subito la ricostruzione del legamento crociato anteriore del ginocchio destro. Il giocatore del Genoa, che si era infortunato a Bologna, è stato operato da Bertrand Sonnery-Cottet, all’Ospedale Privato “Jean Mermoz” di Lione, alla presenza del medico sociale del Genoa, Marco Stellatelli, in rappresentanza dello staff sanitario diretto da Piero Gatto.
Il rientro di Radovanovic in Italia, in presenza di un decorso regolare, è previsto già per domani, quindi il giocatore inizierà l’iter riabilitativo. Non sono stati comunicati i tempi di recupero ma per il centrocampista serbo la stagione è comunque finita.
Calcio: Milan pronto a rimborsare biglietti a tifosi
Predisposta procedura qualora San Siro a porte chiuse con Genoa
MILANO
24 febbraio 2020
20:11
– Il Milan informa “di aver predisposto una procedura di rimborso dei biglietti” per la gara di domenica con il Genoa, qualora “le autorità decidano per la disputa a porte chiuse”. “Il Milan – si legge sul sito rossonero – sta monitorando la situazione sulla base delle disposizioni sugli eventi sportivi che Governo, Regione Lombardia e le istituzioni sportive stanno attuando per far fronte all’emergenza del Coronavirus. Più specificatamente, per quanto riguarda il match tra Milan e Genoa in programma domenica 1 marzo a San Siro alle ore 12.30, il club, pur auspicando di poterlo condividere con i propri tifosi, conferma già da ora di aver predisposto una procedura di rimborso dei biglietti nel caso le autorità decidano per la disputa a porte chiuse.
Ulteriori informazioni verranno divulgate attraverso il sito, gli account social e l’App ufficiale del club”.
Coronavirus:Casasco,coordinamento ministero Salute-Coni-Fmsi
Presidente federmedici sportivi chiede un incontro a Speranza
24 febbraio 2020
20:59
– Il presidente delle Federazione Europea e di quella Italiana di Medicina dello Sport (Federazione medica e scientifica del CONI e riconosciuta tale dal Ministero della Salute), Maurizio Casasco ”ha richiesto al Ministro Roberto Speranza un incontro urgente ai fini di un miglior coordinamento delle attività inerenti alla gestione dell’emergenza sanitaria del Coronavirus all’interno del mondo dello sport”.
”Così – spiega – si potrà rappresentare indirizzi opportunamente condivisi per la tutela della salute degli atleti di ogni categoria ed età sia ai Medici Federali di tutte le Federazioni Sportive Nazionali, delle Discipline Sportive Associate e degli Enti di promozione Sportiva riconosciuti dal CONI, convocati per domani sia al CONI stesso il cui Consiglio Nazionale è previsto nel pomeriggio del medesimo giorno”.
”Solo – conclude Casasco – attraverso una linea di coordinamento diretto tra Ministero della Salute, CONI e FMSI, sarà possibile attuare un’azione incisiva con indirizzi di prevenzione chiari ed efficaci sia in gara sia durante l’allenamento, sia all’interno degli spogliatoi”.
Rinvii e rimborsi, Inter-Ludogorets a tempo del contagio
Handanovic migliora ma c’è Padelli, Conte sceglie turnover
MILANO
25 febbraio 2020
20:05
L’Inter torna a giocare. Lo farà tra le mura amiche di San Siro, ma in un clima surreale, nel silenzio di uno stadio vuoto dove le urla di Antonio Conte da bordo campo arriveranno chiare e precise ai giocatori, nell’eco di un impianto capace di ospitare 75 mila tifosi, ma stranamente deserto. Quella di giovedì contro il Ludogorets, per i sedicesimi di ritorno di Europa League, sarà la prima partita a porte chiuse in Italia in seguito all’emergenza del coronavirus che ha colpito parte dell’Italia. Uno stadio che in questa stagione può vantare una presenza media di 65.800 spettatori tra campionato e coppe, sarà off limits per i tifosi e probabilmente anche i giornalisti. La visione della partita sarà disponibile su TV8 come da programma e i nerazzurri cercheranno di strappare il pass per gli ottavi senza la carica del popolo interista che verrà comunque rimborsato dal club con il riaccredito dei biglietti acquistati. L’Europa League è una pratica da archiviare senza troppi patemi, perché la testa dei nerazzurri corre già alla sfida di domenica, decisiva per lo scudetto, contro la Juve allo Stadium. In campo giovedì ci sarà ancora Padelli. Handanovic sta recuperando dall’infortunio alla mano e dovrebbe tornare a disposizione proprio per il derby d’Italia. Nei prossimi giorni il capitano farà nuovi controlli e in caso di risposte positive potrebbe tornare ad allenarsi con la squadra già venerdì. Lavora per rientrare anche Esposito che oggi ha svolto parte dell’allenamento in gruppo. Come all’andata, Conte darà spazio alle riserve forte anche del 2-0 in favore dell’Inter della scorsa settimana. In attacco, probabilmente, spazio a Sanchez con uno tra Lautaro Martinez e Lukaku. L’Inter si allena in un clima sereno alla Pinetina, tra sorrisi ed esercizi, come testimoniano anche le fotografie pubblicate da Godin. “Settimana importante – ha scritto il difensore – continuiamo a preparare la partita di Europa League”.
Le restrizioni e gli stravolgimenti organizzativi per l’emergenza coronavirus non sembrano aver cambiato il morale della squadra che affronterà anche la Juventus con lo Stadium a porte chiuse. E’ il calcio che si adegua alle disposizioni del Governo. Due settimane stravolte, dalla sospensione del match con la Sampdoria, alla chiusura dello stadio per l’Europa League. Secondo le disposizioni e i limiti disposti dall’emergenza, non dovrebbe essere consentito neanche ai giornalisti e agli operatori dell’informazione di accedere allo stadio. Anche le conferenze stampa della vigilia dovrebbero essere annullate. I tifosi, a malincuore, si allineano alle disposizioni del governo. L’Inter rimborserà tutti i biglietti e ha già reso note le modalità di riaccredito con una nota sul proprio sito. Mentre dalla Bulgaria c’è apprensione da parte dei sostenitori del Ludogorets, preoccupati per la salute dei giocatori. Sulla pagina Facebook del club c’è chi chiede alla società di andare in quarantena una volta tornati, chi critica la Uefa per non aver scelto di far disputare la partita in un campo neutro, chi afferma sia meglio non andare a Milano. “Non è rischioso mandare i giocatori lì? Non è un normale virus”, scrive Kiril Penev e un altro tifoso aggiunge: “Al diavolo la partita, per me è importante che i ragazzi si proteggano dal virus”. E’ la paura del contagio che non risparmia neppure il calcio a Milano.
Coronavirus: Spadafora, sì a partite a porte chiuse ++
Ministro sport: Provvedimento per aree individuate nel decreto
24 febbraio 2020
21:23
– Nelle aree interessate dall’emergenza Coronavirus le partite si disputeranno a porte chiuse. Lo ha detto il ministro per le politiche giovanili e lo sport Vincenzo Spadafora ai microfoni del Tg2 al termine del consiglio dei ministri. “Sono già in vigore provvedimenti che vietano gli eventi fino a domenica prossima, inizialmente per la Lombardia, il Veneto e il Piemonte, ora con questo dpcm abbiamo allargato anche a Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Liguria. In queste regioni, resta il divieto di manifestazioni sportive, per alcuni eventi abbiamo dato la disponibilità a svolgerli a porte chiuse”.
Spadafora ha sottolineato che il provvedimento “non è stato esteso al resto d’Italia perché non esistono le condizioni per prendere misure gravi”.
Serie B: Perugia-Empoli 0-1
Nel posticipo della 25/a giornata decide gol Frattesi
24 febbraio 2020
22:58
– Empoli batte Perugia 1-0 (0-0) nel posticipo del lunedì della 25/a giornata del campionato di Serie B. Decisivo il gol nel finale di Davide Farattesi (44′ st).
Calcio: Premier; Liverpool batte West Ham 3-2 in rimonta
Reds volano a +22 sul Manchester City in classifica
24 febbraio 2020
23:15
– Rocambolesca partita, ma a lieto fine, ad Anfield per il Liverpool capolista della Premier League: i Reds vanno a un passo dall’interrompere la striscia di successi in campionato contro un bel West Ham, che parte in svantaggio ma a inizio ripresa si porta sul 2-1. Salah (con la complicità di Fabianski) e Mané regalano un altro successo in rimonta a Klopp dopo la sconfitta in Champions League contro l’Atletico Madrid: +22 sul Manchester City.
Calcio: Uva, trofei City ? aspettiamo giudizio Tas
Dopo la squalifica per violazione del fair play finanziario
25 febbraio 2020
11:43
– “Le regole europee quasi mai sono identiche a quelle nazionali, la UEFA sta lavorando per fare in modo che alcune regole diventino tecnicamente obbligatorie nei singoli campionati”: lo ha detto Michele Uva, vicepresidente UEFA, intervenuto ai microfoni di Rai Radio1 Sport, rispondendo a una domanda sul possibile ritiro dei trofei nazionali vinti dal Manchester City nel periodo di violazione delle regole del fair play finanziario, costato una squalifica al club britannico. Il dirigente tuttavia ha detto di voler aspettare “il giudizio del TAS che è la Cassazione sportiva”.
Uva ha concluso parlando delle possibili nuove regole sul fuorigioco: ” è importante che le norme facilitino l’arbitro e creino meno discussione possibile. Se la direzione è questa, noi siamo assolutamente d’accordo al ritorno della regola della ‘luce’ fra attaccante e difensore”.
Coni: al via Giunta, oggi Spadafora al Consiglio.
Emergenza coronavirus al centro del dibattito
25 febbraio 2020
11:46
– E’ cominciata da poco presso la sede del CONI a Roma la giunta Nazionale che era convocata per oggi alle 11. La riunione precede un importante consiglio nazionale nel pomeriggio al quale prenderà parte il ministro per le politiche giovanili e per lo sport Vincenzo Spadafora.
Nel corso della giunta, oltre agli argomenti previsti all’ordine del giorno verrà affrontato anche il problema dell’emergenza coronavirus, che sta impattando in maniera pesante su tutto il mondo dello dello sport. Dopo la decisione di ieri del governo di far giocare a porte chiuse le partite di calcio della serie A nelle aree a rischio, restano comunque molti problemi sul tappeto per quanto riguarda tutte le altre discipline e Federazioni. E di questo si parlerà approfonditamente anche nel consiglio pomeridiano.
Calcio: rissa dopo Udinese-Napoli, emessi 11 Daspo
Questore bandisce tifosi locali da impianti da 18 mesi a 8 anni
UDINE
25 febbraio 2020
15:15
– Undici Daspo sono stati emessi dal Questore di Udine nei confronti di altrettanti tifosi considerati responsabili di fatti illeciti avvenuti al termine di Udinese-Napoli del 7 dicembre scorso, quando un gruppo di Ultrà di casa era riuscito ad avvicinarsi al settore ospiti e al parcheggio Sud, occupato da alcuni mezzi di tifosi napoletani, aggredendo gli avversari. I Daspo vanno da 18 mesi a otto anni e vietano l’accesso agli impianti sportivi per le partite di serie A, B e C, anche di squadre estere, e per le partite di basket.
Dieci tifosi dell’Udinese erano stati fermati dalle forze dell’ordine e condotti in Questura. Altri quattro sono stati individuati a seguito delle indagini tecniche e delle attività della Digos. Si tratta di 14 uomini, tra i 18 e i 52 anni, deferiti all’autorità giudiziaria per la partecipazione alla rissa, alcuni di questi anche per altri fatti di reato in particolare il travisamento e il possesso di strumenti atti a offendere.
Champions: Juve recupera Khedira, quasi pronto Costa
Allenamento di rifinitura in vista della sfida di Lione
25 febbraio 2020
15:16
– Allenamento di rifinitura al completo per la Juventus in vista della sfida di domani a Lione, andata degli ottavi di finale di Champions League. Sarri ha potuto contare su tutti, ad esclusione naturalmente di Demiral, fuori fino alla fine della stagione per la rottura del legamento crociato. Presente anche Douglas Costa, che ha svolto il riscaldamento con i compagni ma che non ha ancora effettuato un allenamento completo in gruppo, e Khedira, a disposizione per la trasferta di domani. Nel tardo pomeriggio la Juventus atterrerà a Lione, in serata Sarri e Bonucci parleranno in conferenza stampa. Conferenza che è presente anche in questo articolo in forma integrale (v.s. e nella sezione della JUVENTUS) già linkata.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: Spadafora, niente stop sport in altre regioni
Ministro: “Al momento non ci sono le condizioni e i motivi”
25 febbraio 2020
15:27
– “Abbiamo da poco concluso l’incontro alla Protezione civile con il premier Conte e in collegamento con i presidenti delle Regioni. Monitoriamo passo dopo passo e in questo momento non ci sono le condizioni e i motivi per estendere i provvedimenti restrittivi ad altre regioni, nel modo più assoluto”. Lo ha detto il ministro dello sport, Vincenzo Spadafora, prima di entrare al Coni per partecipare al Consiglio Nazionale a proposito delle misure restrittive per il coronavirus già prese in sei regioni.
Coronavirus: gare ‘in chiaro’, Rai “disponibili anche noi”
L’azienda lo ha appena comunicato alla Lega calcio di serie A
25 febbraio 2020
15:36
– La Rai ha appena manifestato alla Lega Calcio la propria disponibilità a trasmettere in chiaro sul canale a più larga diffusione le partite che saranno disputate nel prossimo turno a porte chiuse.
“Lo facciamo – spiega la fonte – a tutela dell’ interesse pubblico alla massima diffusione delle stesse gare considerando che i canali RAI sono fruibili dal 99, 87 % della popolazione italiana”.
Champions: Ramos “per noi è speciale,basta inno a motivarci”
Capitano Real “Rinnovo, stiamo parlando troveremo un accordo”
25 febbraio 2020
15:45
– “La verità è che per noi la Champions è sempre speciale, l’inno è già una motivazione in più per tutti. Per me è un privilegio essere qui a giocarmela ancora”.
Così il capitano del Real Madrid alla vigilia del big match contro il Manchester City di Pep Guardiola domani sera al ‘Bernabeu’: “Ho molto rispetto per lui ed è un grande allenatore, i suoi numeri parlano da soli. Ciò che ci motiva è la Champions League, non un allenatore o un giocatore. Quando ascoltiamo quell’inno dimentichiamo tutto”, spiega il n.4 blancos che accenna anche al rinnovo contrattuale: “Ne parliamo da alcune settimane, io e il club stiamo passando un bel momento e non abbiamo fretta. Arriveremo a una compromesso, sicuramente raggiungeremo un accordo. Ora dobbiamo concentrarci sulla Champions e sulla Liga, il resto è secondario. Ma adesso c’è la Champions, sarà un duello molto duro contro un avversario complicato, ma per quelli di noi che amano queste partite è un giorno speciale”, conclude Ramos che guarda avanti e dimentica il brutto 2019: “La grandezza di questo club è di resettarsi ogni anno, non si accontenta mai di ciò che ha già raggiunto ma guarda sempre avanti”.
Serie A; cinque squalificati per un turno
Sono Dalbert, Mancini, Mateju, Mbaye e Strefezza
25 febbraio 2020
15:55
– Sono cinque i giocatori squalificati, tutti per una giornata, dal giudice sportivo di Serie A dopo la 25/a giornata di campionato. Si tratta di Dalbert (Fiorentina), Mancini (Roma), Mateju (Brescia), Mbaye (Bologna) e Strefezza (Spal).
Calcio: giudice, 5 squalificati in Serie B
Sono Bozhinov, Pirrello, Balkovec, Iemmello e Rocca
25 febbraio 2020
16:08
– Sono 5 i calciatori squalificati, tutti per un turno, dal giudice sportivo di Serie B a margine della 6a giornata di ritorno del campionato. Si tratta di Bozhinov (Pescara), Pirrello (Trapani), Balkovec (Empoli), Iemmello (Perugia) e Rocca (Livorno).
Donnarumma in dubbio per Genoa, pronto Begovic
Portiere Milan fa terapie a caviglia infortunata
MILANO
25 febbraio 2020
16:27
– Gianluigi Donnarumma resta in dubbio per il Genoa. Il portiere del Milan, uscito per un problema alla caviglia durante la gara contro la Fiorentina, oggi ha fatto terapie specifiche, all’interno del programma di recupero predisposto dallo staff medico. Nei prossimi giorni si capirà se domenica sarà a disposizione o meno di Pioli per difendere la porta del Milan, altrimenti giocherà Begovic che si è ben comportato nella partita di Firenze.
Donnarumma, per il quale presto dovranno iniziare le trattative per il rinnovo di contratto in scadenza nel giugno del 2021, oggi ha compiuto 21 anni e ha pubblicato un video su Instagram con cui ha ringraziato “famiglia, amici e fan per aver condiviso momenti meravigliosi e avermi supportato per tutti questi anni”.
Donnarumma con il Milan ha totalizzato 190 presenze.
Coronavirus: tifosi Ludogorets, era più sicuro campo neutro
Apprensione sui social, è rischioso; il club, seguiremo autorità
MILANO
25 febbraio 2020
16:41
– C’è apprensione tra i tifosi bulgari del Ludogorets, preoccupati per la salute della squadra impegnata giovedì contro l’Inter nel match di Europa League a San Siro a porte chiuse. I commenti ai post del club che aggiorna quotidianamente sulle decisioni riguardo la partita esprimono dubbi e ansia. C’è chi chiede alla società di andare in quarantena una volta tornati, chi critica la Uefa per non aver scelto di far disputare la partita in un campo neutro, chi afferma sia meglio non andare a Milano. “Non è rischioso mandare i giocatori lì? Non è un normale virus”, scrive Kiril Penev e un altro tifoso aggiunge: ”Al diavolo la partita per me è importante che i ragazzi si proteggano dal virus”.
Intanto il club assicura di tutelare al meglio la squadra: “Il Ludogorets ha preso tutte le misure preventive per il viaggio a Milano e la partita con l’Inter. Seguirà rigorosamente le istruzioni e i consigli delle autorità mediche al fine di proteggere il più possibile tutti i membri della delegazione. La squadra arriverà a Milano con un volo charter e tornerà in Bulgaria subito dopo la partita atterrando a Sofia alle 4 di mattina di venerdì. Alla luce della complicata situazione di Milano, l’orario della conferenza stampa sarà confermato dalla Uefa, secondo un programma preliminare l’orario era fissato alle 18.30”.
Europa League: Gent-Roma affidata a spagnolo Sánchez
25 febbraio 2020
16:51
– Saranno un tedesco e un spagnolo i due arbitri scelti dall’Uefa per dirigere i due match di Inter e Roma, validi per il ritorno dei 16mi di Europa League. Il tedesco Daniel Siebert arbitrerà Inter-Ludogorets, in programma giovedì sera a San Siro, mentre a dirigere Gent-Roma, sempre giovedì alle 18.55, sarà lo spagnolo José Maria Sánchez.
Inter; Godin “Settimana importante”
Sorrisi ad Appiano, giovedì il Ludogorets, domenica la Juve
MILANO
25 febbraio 2020
17:31
– Sorrisi e fatiche per l’Inter che si allena ad Appiano Gentile in vista della sfida a porte chiuse contro il Ludogorets per i sedicesimi di Europa League di giovedì. ”Continuando a preparare la partita. Settimana importante!”, scrive su Instagram Diego Godin che sarà probabilmente in campo come all’andata. Il difensore ha postato tre immagini della squadra che si allena alla Pinetina in un clima sereno e a pochi giorni anche dalla partita, decisiva per la corsa scudetto, contro la Juventus allo Stadium.
In quarantena tre tifosi del Valencia rientrati da Milano
Italrugby sposta raduno a Roma. I timori di Federica Pellegrini per la madre in Veneto
25 febbraio 2020
20:55
Tre tifosi del Valencia che avevano partecipato alla trasferta di S.Siro per la partita di Champions Atalanta-Valencia hanno contattato i servizi sanitari spagnoli affermando di ritenere di avere i sintomi del Coronavirus. Lo riportano i media spagnoli. Il 10 marzo è in programma la gara di ritorno alla quale è prevista la trasferta di oltre tremila tifosi bergamaschi. Dal Generalitat Valenciana hanno precisato che i sintomi dei tre tifosi “sono ancora in fase di valutazione, adesso faremo un sondaggio epidemiologico”.
Spadafora, no a pretestuose difficoltà verso atleti italiani
Ministro “Parlerò con Di Maio e attiverò canali diplomatici”
25 febbraio 2020
19:57
– “Ho voluto infine rassicurare tutti sul fatto che parlerò col ministro degli Esteri per evitare, ove necessario attraverso i nostri canali diplomatici, ogni pretestuosa difficoltà dovesse emergere nei confronti dei nostri sportivi all’estero o di delegazioni sportive straniere in Italia”. E’ uno dei punti toccati dal ministro dello sport Vincenzo Spadafora al termine del Consiglio Nazionale del Coni.
“Il nostro Paese – aggiunge il ministro – sta affrontando al meglio la situazione sotto ogni punto di vista”.
“Ringrazio – prosegue il ministro dello sport – il presidente del Coni, Giovanni Malagò, e tutti i membri del Consiglio nazionale cui ho avuto oggi il piacere di partecipare. Sono state ore di confronto intenso e di reciproco ascolto, abbiamo affrontato le molte questioni oggetto dei Decreti delegati, che dalla prossima settimana saranno discussi con tutti gli stakeholder, sia del mondo politico che sportivo. Il lungo dibattito ha chiarito che, in una fase di profondo rinnovamento di un sistema complesso come quello sportivo, ci saranno ascolto e apertura da parte mia e degli uffici per dare risposta alle esigenze del mondo sportivo, tenuto conto che la responsabilità ultima delle scelte resta al Governo. Al termine della riunione emerge ancor più forte la convinzione che il mondo sportivo italiano, da quello di eccellenza a quello dei milioni di amatori, è pieno di idee ed entusiasmo”, così il Ministro delle politiche giovanili e dello Sport, Vincenzo Spadafora, al termine della riunione del Consiglio nazionale del Coni”.

Champions: Real-City, non solo Zidane contro Guardiola
Scambio di complimenti ‘Pep è il n.1’, ‘Zizou tra top di sempre’
25 febbraio 2020
20:37
re che potrebbe essere una finale anticipata è quasi scontato, ma Real Madrid-Manchester City, big match degli ottavi di Champions, sarà anche tanto di più. Non fosse altro per i due mostri sacri sulle panchine – Zinedine Zidane da una parte, Pep Guardiola sull’altra – che hanno ‘firmato’ la storia più recente del più prestigioso torneo continentale. Una vis-a-vis che travalica anche il mero aspetto calcistico per fare capolino anche in altri ambiti, a cominciare da quello extra-calcio e più politico, considerato la visita nell’unionista capitale spagnola del separatista Guardiola.
Sarà insomma insomma uno scontro tra titani quello che andrà in sena domani sera al Bernabeu (arbitrerà l’italiano Orsato), dati il ranking e i fatturati, anche se la storia europea dei due club dice ben altro: i blancos, che si sono qualificati agli ottavi per la 23ma stagione consecutiva, se la vedranno con i citizens, sempre eliminati nelle tre volte in cui hanno affrontato squadre spagnole e sono al massimo arrivati in semifinale (2015-2016). Ma adesso contro Guardiola in panchina magari sarà diverso, come riconosce il collega francese: “”Per me è il miglior allenatore al mondo”, l’omaggio della vigilia.
“Perché lo ritengo il migliore? Perché lo ha sempre dimostrato – ha spiegato Zizou in conferenza stampa – Prima a Barcellona, poi al Bayern, ora al City. È la mia opinione, magari altri pensano che siano altri ad essere i migliori. Ci sono tanti tecnici bravi, ma per me il n.1 è lui”. In ogni caso, ci tiene a precisare il tecnico dei blancos “non sarà Zidane contro Guardiola. Vogliamo che i nostri tifosi siano orgogliosi, quindi daremo il massimo. Il City è un’ottima squadra e verrà qui a fare una grande partita: noi dobbiamo rispondere come stiamo facendo negli ultimi tempi, giocando bene. E domani proveremo a fare questo”.
“Voglio ringraziare Zidane per le sue parole e non voglio contraddirlo, ma non sono il migliore”, ha risposto Guardiola al tecnico francese da lui inocntrato nel pomeriggio: “E’ stato un onore per l’uomo, l’allenatire e il giocatore che è stato, uno dei più grandi di tutti i tempi. Domani – aggiunge – giochiamo contro il re di questa competizione. Conosciamo cosa significa questa partita. Il Real ha vinto tre Champions di fila e questo dà l’idea della forza di questo club. Sarà una sfida affrontarli e imparare”, ha aggiunto Guardiola rassicurando sulle condizioni di Sterling: “E’ pronto, il suo recupero è sorprendente. Piuttosto mi dispiace molto che Hazard non ci sia, gli auguro una pronta guarigione. È un giocatore magnifico”.
Quasi fatte le formazioni con il ballottaggio Walker e Cancelo terzino destro in casa City e Zidane che deve rinunciare anche ad Asensio, mentre restano fuori per scelta tecnica, J.Rodriguez, Rodrygo, Nacho, Mariano e Brahim.
Champions:Guardiola “Giochiamo contro re della competizione”
Tecnico ricambia elogi “Zidane tra i più grandi di sempre”
25 febbraio 2020
20:12
– “Giochiamo contro il re di questa competizione. Conosciamo cosa significa questa partita”: così il tecnico del Manchester City, Pep Guardiola, alla vigilia del match di Champions contro il Real Madrid, domani sera al Bernabeu. “Hanno vinto tre tornei di fila e questo dà l’idea della forza di questo club – ha detto il tecnico catalano in conferenza stampa – Sarà una sfida affrontarli e imparare e noi abbiamo voglia di giocare e cercare di tenere il passo”, ha aggiunto Guardiola rassicurando sulle condizioni di Sterling: “E’ pronto, il suo recupero è sorprendente. Piuttosto mi dispiace molto che Hazard non ci sia, gli auguro una pronta guarigione. È un giocatore magnifico”.
Poi il tecnico catalano ringrazia Zidane dei complimenti ricevuti nel pomeriggio “(“Per me è il n.1”): “E’ stato un onore che Zidane sia venuto a trovarmi, lui è stato uno dei più grandi di tutti i tempi”.
Mertens 121/o gol Napoli, raggiunge Hamsik bomber all time
Belga segna al Barca rete che segna aggancio allo slovacco
25 febbraio 2020
21:47
– Dries Mertens ha raggiunto Marek Hamsik in testa alla classifica all time dei cannonieri del Napoli. L’attaccante belga ha segnato contro il Barcellona il suo gol numero 121, appaiando lo slovacco in testa alla classifica assoluta tra campionato e coppe.
Il belga ha segnato 90 gol in serie A, 26 nelle cope europee e 5 in Coppa Italia. Dietro di loro, al terzo posto, Maradona, che fece 115 gol in maglia azzurra. Mertens dopo il tiro a giro che ha battuto Ter Stegen è corso verso la curva A indicando lo stemma del Napoli sulla maglietta e ha ricevuto l’abbraccio di tutti i compagni che hanno celebrato il suo record. Poi Mertens è tornato verso il centrocampo facendo con le dita il segno del cuore ai 50.000 del San Paolo, dichiarando un amore che è in bilico visto che il belga è in scadenza di contratto con il Napoli.
Champions: Napoli-Barcellona 1-1
Griezmann risponde a Mertens, espulso Vidal
25 febbraio 2020
22:58
– Napoli e Barcellona hanno pareggiato 1-1 nell’andata degli ottavi di Champions League disputata al San Paolo. Gli azzurri sono andati in vantaggio al 30 pt, con uno splendido gol di Mertens, che ha raggiunto Hamsik tra i marcatori azzurri all time (121 gol) ma sono stati raggiunti nella ripresa da Griezann al 12′. Nel finale espulso Vidal per doppia ammonizione. Il ritono è in programma a Barcellona il 18 marzo e i blaugrana dovranno fare a meno anche i Busquets che era diffidato ed è stato amminito.
Champions: Gattuso, il Barcellona ci ha fatto il solletico
“Napoli punito nell’unico episodio in cui ci è andata male”
25 febbraio 2020
23:38
– “Ci hanno fatto il solletico, non hanno mai tirato in porta. Ci è andata male su un solo episodio e ci hanno punito”. Rino Gattuso è rammaricato per l’1-1 con il Barcellona, al termine di una partita nella quale il Napoli non ha quasi mai sofferto i quotatissimi avversari. “Potevamo palleggiare meglio, perché la nostra pressione finiva per riportarci al punto di partenza – ha spiegato l’allenatore – E’ vero che il pressing del Barcellona ci ha creato problemi, loro vanno a mille all’ora e attaccano con sei giocatori alla volta, ma quando abbiamo fatto girare il pallone come dovevamo ci hanno lasciato campo”. Attendere gli avversari al limite della propria area e ripartire per cercare di sorprenderli in contropiede è stata la tattica del Napoli: “Dovevamo togliergli spazio, altrimenti ti fanno del male”.
Coronavirus: Inter conferma, né giornalisti né conferenza
Accesso solo a broadcaster per la sfida contro Ludogorets
MILANO
26 febbraio 2020
10:38
– L’Inter conferma che la partita tra Inter-Ludogorets, che si giocherà domani sera alle 21 a San Siro a porte chiuse, e le conferenze stampa della vigilia sono accessibili sono ai broadcaster ”rightsholders” in possesso di pass UEFA. Adesso è arrivata anche la comunicazione ufficiale da parte del club nerazzurro. Allo stadio quindi non ci saranno neppure i 250 operatori della comunicazione, tra giornalisti e tecnici, che si erano accreditati prima dello scoppio dell’emergenza Coronavirus in Italia. La partita sarà trasmessa comunque in chiaro su tv8, come da programma e l’Inter ha già provveduto a rimborsare i biglietti acquistati dai tifosi prima della decisione di disputare la partita a porte chiuse.
Champions: un bel Napoli non va oltre l’1-1 con il Barcellona al San Paolo FOTO
Vantaggio dei partenopei con Mertens poi il pareggio dei blaugrana con Griezmann
25 febbraio 2020
23:37
Napoli e Barcellona hanno pareggiato 1-1 nell’andata degli ottavi di Champions League disputata al San Paolo. Gli azzurri sono andati in vantaggio al 30 pt, con uno splendido gol di Mertens, che ha raggiunto Hamsik tra i marcatori azzurri all time (121 gol) ma sono stati raggiunti nella ripresa da Griezann al 12′. Nel finale espulso Vidal per doppia ammonizione. Il ritono è in programma a Barcellona il 18 marzo e i blaugrana dovranno fare a meno anche i Busquets che era diffidato ed è stato amminito.
I GOL
Al 57′ pareggia il Barcellona con Griezmann
30′ Napoli in vantaggio con un gol di Mertens
Nell’altro match in programma, Chelsea-Bayern Monaco 0-3
I GOL
Al 76′ la terza rete dei bavaresi con Lewandowski
al 51′ e 54′ le reti Gnabry S.

No votes yet.
Please wait...
Annunci
Summary
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Article Name
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Description
TUTTE LE NOTIZIE DI CALCIO IN TEMPO REALE, SEMPRE APPROFONDITE, COMPLETE ED AGGIORNATE
Author
Publisher Name
TECNOLOGIA
Publisher Logo

Che aspettate a commentare o a fornire idee, suggerimenti utili e costruttivi? Sono qui per Voi, aiutatemi ad esserci ancora meglio! Siete i benvenuti! Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.