Cronaca tutte le notizie Tutta la cronaca dettagliata è qui! Aggiornata! LEGGILA!

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 12:15 ALLE 22:36 DI LUNEDì 18 MAGGIO 2020

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Muser, spalancate le porte a Cristo
Prima messa in duomo con fedeli dopo 10 settimane
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLZANO
18 maggio 2020
12:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“In queste settimane di pandemia, abbiamo fatto un’esperienza preziosa: il Risorto è sempre con noi e ci accompagna nel nostro cammino. Da oggi le chiese sono riaperte e ci invitano a questo unico traguardo: apriamoci a Cristo e alla comunità”. Lo ha detto il vescovo di Bolzano Bressanone, Ivo Muser, dando il benvenuto ai fedeli “alla prima santa messa dopo dieci settimane” nel Duomo del capoluogo altoatesino. Il vescovo ha ricordato che un secolo fa, il 18 maggio del 1920, nasceva papa Giovanni Paolo II e ha citato il passaggio della sua celebre omelia con l’invito: “Aprite, anzi spalancate le porte a Cristo”. Muser ha poi invitato i fedeli, nel tornare a frequentare gradualmente le celebrazioni in chiesa, ad osservare sempre le regole di sicurezza imposte dall’emergenza sanitaria: “Come comunità cristiana noi sappiamo offrire una testimonianza di unità, che si manifesta anche nel rispettare le disposizioni previste. Un senso di responsabilità che i fedeli in duomo oggi hanno dimostrato”, ha concluso.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
In spiaggia Rimini distanze e poca gente
Piano piano si ripopola, nonostante le nuvole
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
RIMINI
18 maggio 2020
12:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Mettere i piedi nella sabbia è stato come tornare bambina”. Così una riminese questa mattina, tra le prime ed essere scesa in spiaggia nel primo giorno in cui ciò in Emilia-Romagna è consentito. L’arenile di Rimini piano piano si ripopola, anche se per ora c’è poca gente, complice una giornata molto nuvolosa. Secchielli e palette sono ricomparsi sulla sabbia della spiaggia libera di piazzale Boschovich, la più frequentata in estate. Alcune persone, nonostante l’assenza di sole, hanno steso l’asciugamano, ben distanziati gli uni dagli altri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Indagini Milano,calano i morti nelle rsa
Numero dei decessi giornalieri ‘vicini allo zero’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 maggio 2020
12:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Stanno diminuendo in modo significativo, soprattutto negli ultimi giorni, le morti nelle Rsa finite al centro delle indagini della maxi inchiesta con più filoni, tra cui quello sul Pio Albergo Trivulzio, della Procura milanese che indaga per epidemia e omicidio colposi. Da quanto si è saputo, nell’ultima settimana, in particolare, il numero dei decessi giornalieri nelle varie case di riposo, oltre venti in totale, si avvicina sempre di più allo zero. Gli inquirenti indagano su centinaia di morti avvenute nelle fasi più drammatiche dell’emergenza Covid. E’ stata fra l’altro dimessa dal Pio Albergo Trivulzio nel fine settimana, dopo tre tamponi negativi, la madre 89enne di Salvatore Nigretti, che aveva presentato un esposto in Procura a Milano sulla situazione dell’anziana, ricoverata alla ‘Baggina’ da gennaio ora agli atti degli inchiesta sui contagi e i decessi tra gli ospiti della Rsa, con cui i legali dell’uomo Solange Marchignoli e Luca D’Auria, avevano chiesto l’intervento della magistratura.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Al via il processo per l’omicidio di Luca Sacchi, in aula anche Anastasiya
Il procedimento è a carico di cinque persone
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
18 maggio 2020
12:15
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ iniziato il processo, davanti alla corte d’assise di Roma, a carico di cinque persone coinvolte nell’omicidio di Luca Sacchi , ucciso nella notte tra il 23 e il 24 ottobre scorso con un colpo di pistola alla testa davanti a un pub nella zona di Colli Albani.
Il procedimento si svolge a porte chiuse in rispetto delle norme anticovid. In aula è presente anche Anastasiya Kylemnyk, fidanzata della vittima, che compare sia come imputata (violazione della legge sulle sostanze stupefacenti) che di parte offesa.
A processo sono finiti anche Valerio Del Grosso e Paolo Pirino, i due ventenni di San Basilio autori materiali dell’aggressione, Marcello De Propris, che consegnò l’arma del delitto, il padre di quest’ultimo, Armando, accusato della detenzione della pistola. Un sesto imputato, Giovanni Princi, accusato anch’egli della violazione della legge sulle droghe per avere tentato di acquistare una partita di 15 chilogrammi marijuana, ha chiesto ed ottenuto il rito abbreviato.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Addio a Michel Piccoli, il provocatore in guanti bianchi
Ha lavorato con i piu’ grandi registi internazionali, da Luis Bunuel fino a Claude Sautet, Marco Ferreri e Nanni Moretti
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
18 maggio 2020
18:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E’ morto all’età di 94 anni il grande attore francese, Michel Piccoli.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nella sua vita Piccoli ha lavorato con i piu’ grandi registi internazionali, da Luis Bunuel fino a Claude Sautet, Marco Ferreri e Nanni Moretti.
Addio a Michel Piccoli, il provocatore in guanti bianchi (di Giorgio Gosetti) C’è una tenerezza amicale nel fatto che la notizia della morte di un gigante come Michel Piccoli sia stata resa nota, con sei giorni di ritardo, da un altro monumento del cinema francese come l’ex presidente del Festival di Cannes, Gilles Jacob in accordo con la volontà della famiglia. Michel e Gilles erano amici veri da una vita; al critico e organizzatore culturale Piccoli aveva affidato nel 2015 il suo bilancio umano e artistico nel volume a quattro mani “J’ai veçu dans mes rèves”, un racconto così sommesso e pudico che restituisce in pieno lo stile di un maestro che ha sempre privilegiato i ruoli “laterali”, le sfumature in penombra, le interpretazioni corali anziché il riflettore del primo attore. Con gli anni gli era piaciuto smorzare la sua fisicità virile, in favore di una ambiguità sfuggente che in vecchiaia aveva infine ceduto il passo a un calore umano mai mostrato prima.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’appellativo di maestro non gli sarebbe piaciuto, ma fotografa bene una carriera tesa fino allo spasimo nella ricerca della perfezione, della giusta misura, dell’introspezione fatta movimento, grazie all’uso del corpo e della mimica ancor prima dell’uso della voce e del gesto solenne. Figlio di un violinista ticinese con ascendenti italiani e di una pianista francese, Michel Piccoli nasce a Parigi il 27 dicembre 1925, nel 13 arrondissment, vecchio quartiere operaio sulla riva sinistra della Senna. Il suo talento per le arti è precocissimo e i genitori lo incoraggiano alla musica e alla recitazione al “Cours Simon” una delle più prestigiose scuole parigine, fondata nell’anno della sua nascita. Debutta a 20 anni a teatro e nello stesso momento ottiene la prima parte al cinema in “Sortilegi” di Christian Jacques. Entrerà presto in compagnia con due mostri sacri del teatro come Madeleine Reynaud e Jean-Louis Barrault, ma farà la vera gavetta accettando mille ruoli anche nel cinema dell’epoca con bravi artigiani come Luis Daquin (“Le point du jour”) e grandi autori come Jean Renoir (“French cancan”).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tra i suoi maestri in scena ci sono Jacques Vilar, Peter Brook, Patrice Chereau. Sarà una lunga trafila che però gli frutterà una duttilità di stile e una popolarità crescente, consolidata da sceneggiati televisivi di successo. Comunista fin dall’adolescenza, legherà con i grandi intellettuali della Rive Gauch: la sua seconda moglie Juliette Gréco, Sartre e Signoret in testa.
Ateo convinto, irrequieto e appassionato, troverà in Luis Bunuel il mentore ideale che, con perfida ironia, gli affiderà il ruolo del prete ne “La selva dei dannati” (1956). Da quel momento la sua ascesa sarà sistematica e costante, senza mai abbandonare la passione per il teatro, con speciale predilezione per gli autori contemporanei e i giovani di talento. Al cinema ben presto si ritaglia un ruolo nel pantheon del “polar” (il poliziesco alla francese) passando con disinvoltura da poliziotto a criminale nei film di Pierre Chenal, Jean-Pierre Melville (“Lo spione”, 1962), Costa-Gavras, René Clement. Di pari passo lega con gli autori della Nouvelle Vague (Alain Resnais e Agnès Varda in prima fila), anche se la notorietà internazionale gli viene da far coppia con Brigitte Bardot ne “Il disprezzo” di Jean-Luc Godard (1963) e poi con Jane Fonda ne “La calda preda” di Roger Vadim (1966).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Viaggia spesso tra Francia e Italia (che diverrà la sua seconda patria) grazie al sistema delle coproduzioni e presto diventa una presenza insostituibile nel cinema francese che ritrae con ferocia e tenerezza la borghesia imprigionata dalle convenzioni e dal perbenismo (i film con Chabrol e Sautet). Nel 1967 ritrova per la terza volta Bunuel in un film che farà scalpore (“Belle de jour” con Catherine Deneuve e Fernando Rey) e diventerà il suo alter ego cinematografico per tutta l’ultima parte della storia artistica del genio spagnolo. All’italiano Marco Ferreri (e non è un caso) sarà anche più fedele in ben 9 film da “Dillinger è morto” a “La grande abbuffata” a “Come sono buoni i bianchi”; in vecchiaia troverà nel portoghese Manoel De Oliveira il suo ultimo mentore. Ma in mezzo non c’è regista di vaglia che non lo scelga, chiami, corteggi. La lista è talmente lunga e imponente che riassume la storia del cinema contemporaneo: da Tavernier a Rivette, da Doillon a Carax (per citare i francesi) fino a Alfred Hitchcock (“Topaz”); da Marco Bellocchio (premio come miglior attore a Cannes per “Salto nel vuoto” insieme alla sua partner Anouk Aimée) a Elio Petri (“Todo Modo”), da Angelopoulos (“La polvere del tempo”) a Nanni Moretti (il profetico e folgorante “Habemus Papam” con cui vince sia il David che il Nastro d’argento).
Gli piaceva però mettersi in gioco con autori nuovi e storie apparentemente lontane dalle sue corde come dimostra l’elegante “Il generale dell’armata morta” di Luciano Tovoli (da lui anche sceneggiato nel 1983), il malinconico “Giardini d’autunno” di Otar Iosseliani (2006), il suggestivo “I tetti di Parigi” di Hiner Salem (per cui vinse il Pardo alla carriera a Locarno nel 2007) o il delirante “Holy Motors” di Leo Carax del 2012. Con “Le gout des myrtilles” di Thomas De Thier del 2014 saluta il mondo del cinema. In seguito si era ritirato in un severo maniero in Normandia con la sua ultima moglie Ludivine Clerc e i due ragazzi adottati, Inord e Missia. Ormai si mostrava di rado se non per le battaglie in favore di Amnesty International, del sempre sostenuto Partito Socialista, del suo grande amore, la Croisette di Cannes. In Italia l’abbiamo visto nel 2012 quando venne a Bari per ritirare il premio come miglior attore al Bi&Fest dopo “Habemus Papam”. Molto spesso ha vestito i panni di personaggi che non gli assomigliavano nella realtà: viscidi borghesi nascosti dietro le buone maniere, intellettuali segretamente nevrotici, felpati servitori dello Stato capaci di nascondere verità e onore sotto il tappeto del bon ton.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Solo in vecchiaia ha potuto liberare la sua anima anticonformista, quella genuinità da bambino e provocatore che tanto invece amava coltivare in sé. Come i più grandi è sempre stato capace di nutrirsi alla fonte del fanciullo che difendeva dalle tentazioni della celebrità e del successo di facciata. Per quei lampi di nostalgia e felicità che a tratti gli attraversavano lo sguardo e l’ampia fronte da vecchio leone indomito rimane il grande uomo che chiunque lo abbia incontrato – nella vita, sul palcoscenico o sullo schermo – oggi ricorda con rimpianto.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Si fermano i grandi concerti live, rinviati al 2021
Assomusica, da Baglioni a Zucchero, da Deep Purple a Pearl Jam
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2020
19:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Dagli Afterhours a Baglioni, da Benji e Fede ad Andrea Bocelli, da Enrico Brignano a Brunori Sas, da Nick Cave a Eric Clapton a Francesco De Gregori, dai Deep Purple a Celin Dion a Billie Eilish, da Emma a Tiziano Ferro, da Ligabue al Volo, da Pearl Jam ai Simple Minds, da Ultimo a Zucchero. “I grandi eventi live si fermano, alla luce delle disposizioni governative in tema di salute pubblica che vietano assembramenti di persone”. Lo annuncia una nota di Assomusica.
Si tratta, spiega l’associazione, di “una decisione condivisa dalla gran parte dei produttori e organizzatori di spettacoli di musica dal vivo, che fanno sentire unita la loro voce. Un segnale necessario che non significa che la musica dal vivo si arrenderà. L’appuntamento con i grandi eventi live dell’estate 2020 è infatti rimandato al 2021”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Respinta la scarcerazione di Cesare Battisti
Aveva chiesto domiciliari, trovata altra soluzione in carcere
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2020
17:22
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Tribunale di sorveglianza di Cagliari ha respinto la richiesta per la detenzione domiciliare avanzata dall’ex terrorista dei Pac Cesare Battisti, attraverso il suo legale, Davide Steccanella.
Nei confronti di Battisti, che quindi non beneficerà di alcuna misura alternativa, sarebbe stata disposta una diversa soluzione nel carcere di Oristano, dove è detenuto dal gennaio 2019. Battisti -che a quanto riferisce l’avvocato ha alcune patologie e rientra nella categoria degli over 65- aveva avanzato la richiesta per scongiurare il rischio di contagio dal Covid 19.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Basilicata di nuovo a zero contagi
Il numero dei malati è sceso sotto quota cento: sono 93
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
POTENZA
18 maggio 2020
13:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Basilicata torna a zero contagi: ieri sono stati analizzati 414 tamponi, tutti negativi.
Secondo quanto reso noto dalla task force regionale, il numero dei malati è sceso sotto quota cento: con nuovi undici guariti sono diventati 93. Il bilancio delle vittime lucane è di 27. Le persone ricoverate con il coronavirus sono 30, delle quali solo una in terapia intensiva.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mamma e figlia le bagnanti-zero a Jesolo
Si fermeranno due notti, hanno già fatto primi bagni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
JESOLO (VENEZIA)
18 maggio 2020
13:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Le bagnanti “zero” dell’estate 2020 di Jesolo sono due turiste di Zoldo (Belluno): sono mamma e figlia, arrivate stamattina, assieme all’inseparabile cagnolino di famiglia, e resteranno fino a mercoledì mattina, trascorrendo due notti nella località rivierasca. Sono felici, e hanno già fatto i primi bagni. “E’ il segno della ripartenza reale – commenta Matteo Rizzante, titolare dell’hotel Villa Sorriso, che ospita la coppia bellunese – Noi siamo sempre rimasti aperti, ma dall’8 marzo al 4 maggio abbiamo avuto un solo ospite per due notti: un uomo che aveva la moglie ricoverata in ospedale con il Coronavirus.
Nessun altro”. Dal 4 maggio la situazione è lentamente migliorata: “Con la ripartenza dei cantieri e il riavvio delle attività, abbiamo avuto operai e agenti di commercio, iniziamo a tirare il fiato”, precisa l’albergatore. Migliori le prospettive dal 3 giugno: “Appena il Governo ha comunicato la data di via libera tra regioni, sono fioccate le prenotazioni da tutta Italia”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ancona,gel su banchi bancarelle riaperte
Più gente in centro. Pochi negozi attivi, altri ‘affollati’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
ANCONA
18 maggio 2020
13:57
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Più gente in centro, con mascherine protettive e molti anche con guanti, ad Ancona: nel primo giorno di riapertura più ampia delle attività al dettaglio dopo il lockdown per coronavirus, di nuovo operative anche le bancarelle del mercato all’aperto. Pochi i negozi che hanno ripreso regolarmente l’attività; molti bar e ristoranti si stanno riorganizzando con tavoli all’aperto e prodotti igienizzanti.
Anche su qualche banco di vendita ambulante sono apparsi flaconi di gel igienizzante per le mani ad uso dei clienti. Discreto il flusso di persone nelle attività riaperte tra cui alcune della grande affluenza: nel locale negozio Ikea, notevole flusso di persone anche in cassa e alle prese con pacchi piuttosto voluminosi. Molti hanno approfittato della riapertura dei barbieri: tra loro il presidente del Consiglio regionale Marche Antonio Mastrovincenzo che su Fb ha postato i propri auguri di buona ripartenza alle attività che riaprono “in sicurezza, tra timori e speranze”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: Zaia, ho autorizzato tutto
A fine mese via libera centri estivi bimbi e parchi giochi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
18 maggio 2020
14:33
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Di fatto ho autorizzato tutto”.
Così commenta il presidente del Veneto, Luca Zaia, la sua ordinanza entrata in vigore oggi dopo l’ultimo Dpcm alla quale seguirà, ha annunciato, una circolare relativa al servizio dei buffet negli alberghi e sui mercati all’aperto. “Stiamo anche lavorando ad una serie di attività, che prevediamo siano pronte in settimana – ha aggiunto -, per dare il via libera il 25 maggio o al massimo l’1 di giugno” per i centri estivi dei bimbi e il mondo dei parchi di divertimento”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Figlio con 15enne, chiesti 7 anni
Per il marito che si è assunto la paternità chiesti 2 anni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PRATO
18 maggio 2020
15:01
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La procura di Prato ha avanzato una richiesta di condanna a sette anni di reclusione per la donna di 32 anni accusata – tra gli altri capi di imputazione – di violenza sessuale dopo che nell’estate del 2018, ha avuto un figlio da un 15enne a cui dava ripetizioni di inglese. L’accusa ha chiesto per il marito della donna, accusato di aver assunto la paternità del bambino sapendo di non essere il padre naturale, due anni di reclusione. Entrambi i coniugi erano presenti oggi in aula. La presidente del collegio giudicante Daniela Migliorati ha deciso di rinviare la sentenza del processo ai prossimi giorni, con data da doversi decidere. VAI ALLA POLITICA VAI ALLE NOTIZIE ECONOMICHE VAI ALLE NOTIZIE INTERNAZIONALI VAI ALLO SPORT VAI AL CALCIO VAI ALLE NOTIZIE DI TECNOLOGIA VAI ALLE NOTIZIE DEL PIEMONTE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Chef La Matina, emozione primo cliente
Ora rimbocchiamoci le mani, il nostro lavoro fa bene alla gente
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 maggio 2020
15:08
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il primo cliente seduto per un caffè al tavolino del suo ristorante stellato di Milano oggi ha “emozionato” Filippo La Mantia che, dopo settimane di delivery e asporto, ha deciso di riaprire a tutti gli effetti. “Negli occhi di quella signora anziana ho visto la gioia del ricordo che tornava realtà, bellissimo”, racconta lo chef siciliano, “divenuto factotum” nell’emergenza coronavirus, anche portando le cene a domicilio o cucinando per l’ospedale di Niguarda. “Dobbiamo rimboccarci le maniche, il nostro lavoro fa bene alla gente. Ho dovuto eliminare il mio mitologico buffet e dimezzare i coperti, per fortuna ho due piani. Proviamo la febbre ai clienti, se accettano – dice mentre si apparecchiano gli 11 coperti prenotati per pranzo -. Devo capire se riuscirò a mantenere questo posto: è come avere una Ferrari senza sapere se ci saranno soldi per la benzina. Ora preferirei una Smart. Ma dal chiringuito allo stellato, siamo tutti sulla stessa linea”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Fase 2: in Montenapoleone pochi clienti
Qualche coda nelle catene, abiti ‘sanificati’ alla Rinascente
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
18 maggio 2020
15:12
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono quasi tutti aperti i negozi di lusso di via Montenapoleone, il cuore del quadrilatero della moda milanese, dove cartelli all’ingresso informano i clienti sulle regole da seguire per prevenire il contagio. Non sembrano molti, però, ad aver approfittato della prima giornata di apertura per fare shopping. Qualche cliente da Vuitton, meno negli altri negozi. Anche gli store più accessibili di corso Vittorio Emanuele II non sono stati presi d’assalto, anche se la limitazione degli ingressi ha portato a qualche coda, da Zara a H&M dove i camerini sono ancora chiusi e le cassiere spiegano ai clienti che possono provare a casa ed eventualmente fare il reso. Alla Rinascente, invece, si possono provare i vestiti, che però se non acquistati “vanno in quarantena ” per essere sanificati prima di essere di nuovo esposti.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Gubbio, isolamento per assembramenti
Disposto dal sindaco per chi ha violato norme anti-covid
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GUBBIO (PERUGIA)
18 maggio 2020
15:32
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sorveglianza sanitaria e l’isolamento domiciliare “a scopo precauzionale” nei confronti delle persone che a Gubbio il 15 maggio sono state protagoniste di assembramenti nelle strade della città in occasione della ricorrenza del patrono Sant’Ubaldo solitamente celebrato con la corsa dei Ceri, quest’anno annullata per l’emergenza Covid: l’ha disposta il sindaco Filippo Maria Stirati con un’ordinanza.
Quanto accaduto – ha ricordato il sindaco – è stato accertato dalla polizia municipale e dalle altre forze dell’ordine che stanno identificando i trasgressori, comunicando all’Amministrazione comunale i loro nominativi “per l’assunzione di tutte le misure di competenza ritenute necessarie ed opportune”. Il sindaco ha anche invitato “tutti i cittadini che, indipendentemente dalla loro volontà e pur in assenza di una conclamata violazione delle disposizioni normative, si fossero trovati in anomale situazioni comunque rischiose per un potenziale contagio, a contattare la Ausl Umbria 1 per i controlli”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Azzolina, vergognose frasi sessiste
Segnaleremo ad editori. Deputato Fusacchia ha segnalato caso
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2020
15:48
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Quelle frasi sono semplicemente vergognose”.
Così la Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, risponde sulle frasi presenti in un libro di testo per le scuole dei più piccoli segnalate in un post dal deputato Alessandro Fusacchia. “Faremo i dovuti approfondimenti e segnaleremo la cosa all’Associazione italiana editori, che siamo certi offrirà la sua collaborazione per evitare che cose del genere accadano ancora. Dobbiamo essere ancora più vigili sul tema del sessismo”, dice la ministra.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Traffico su Gra ma centro vuoto
Riaprono le griffe ma molti negozi restano chiusi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2020
16:34
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Traffico più intenso stamattina, giorno delle nuove riaperture della Fase 2 dell’emergenza coronavirus, su alcuni tratti del Grande raccordo anulare di Roma, del tratto urbano dell’A24 in direzione centro e sulla diramazione Sud verso il centro della Capitale. In città si rilevano al momento rallentamenti su via del Foro Italico in zona Tor di Quinto, in entrambi i sensi di marcia, a causa di lavori. Qualche rallentamento anche su via Trionfale e via Prenestina. Diversa la situazione del centro dove, nonostante la riapertura dei negozi di lusso, molti non hanno riaperto. File davanti alle fermate metro per gli ingressi contingentati.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Termoscanner e casse automatiche al bar
Misure cautelative al Caffè degli Specchi di Piazza Unità
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TRIESTE
18 maggio 2020
16:40
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Non sembra vero”. Trieste oggi si risveglia davanti a una tazzina di caffè consumata al banco, dopo più di due mesi di lockdown. Un’abitudine attesa dagli avventori, che già di prima mattina hanno fatto tappa nei bar della città di nuovo aperti al pubblico. Via libera anche a ristoranti, negozi, servizi alla persona, strutture ricettive, attività turistiche, piscine e palestre, nel rispetto delle misure anti covid19. Serrande alzate oggi anche al Caffè degli Specchi di piazza dell’Unità, “primo in Italia – spiega il responsabile Riccardo Faggiotto – per affluenza di avventori”. Aperto dalle 8 ha già accolto “i fedelissimi”. All’ingresso è prevista la misurazione della temperatura con termo scanner, mentre per il pagamento le casse sono automatiche. “Per ora – aggiunge – registriamo un flusso minore rispetto a prima della chiusura. Incide il fatto che ancora molti uffici stiano adottando lo smart working, ma i fedelissimi ci hanno detto che non sembra vero di poter tornare alle proprie abitudini”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: in Liguria altre 12 vittime
Aumentano ancora i contagi, prosegue calo ricoverati
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
18 maggio 2020
16:52
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nel primo giorno della ‘fase 2′ la Liguria registra 12 altre vittime per l’epidemia di covid-19 e i decessi dall’inizio della crisi diventano 1.365 in totale. I positivi sono ora 4.363, meno 110 rispetto a ieri, con 31 nuovi contagi e 130 persone guarite con 2 test consecutivi risultati negativi. Il totale dei tamponi raggiunge le 81.485 unità, con un aumento di 1.331 test da ieri. Prosegue il calo dei ricoverati in terapia intensiva, diventati 23, mentre in media intensità si trovano 383 pazienti con una riduzione complessiva degli ospedalizzati di una unità. Genova resta la provincia con i maggiori contagi, 2.871 positivi, rispetto ai 731 di Savona, 574 di Imperia e 183 della Spezia (4 positivi sono in fase di verifica quanto all’attribuzione per provincia).
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Papa: con Wojtyla Dio ha visitato popolo
In San Pietro messa per centenario nascita di Giovanni Paolo II
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CITTA’ DEL VATICANO
18 maggio 2020
16:54
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Noi qui oggi possiamo dire: 100 anni fa il Signore ha visitato il suo popolo. Ha inviato un uomo, lo ha preparato per fare il vescovo e guidare la Chiesa”. Esprime un concetto di alta valenza spirituale papa Francesco nel ricordare Giovanni Paolo II a 100 anni dalla nascita, con una messa sulla tomba del Papa santo nella Basilica di San Pietro, che segna anche in Vaticano, col ritorno di una trentina di fedeli, scelti tra i poveri assistiti dall’Elemosineria, ben distanziati tra i banchi (pochissimi in mascherina), l’inizio della ‘fase 2’ della pandemia da Covid-19.
“Facendo la memoria di San Giovanni Paolo II, riprendiamo questo – aggiunge Bergoglio nell’omelia rifacendosi alle letture -: il Signore ama il suo popolo, il Signore ha visitato il suo popolo, ha inviato un pastore”. Nella liturgia concelebrata con i cardinali Angelo Comastri, Francesco ha ricordato “le tracce di buon pastore che possiamo trovare in San Giovanni Paolo II”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Venezia, ancora chiusi Caffè storici
Caffè chiusi nella Venezia senza turisti, spiagge riaprono
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
VENEZIA
18 maggio 2020
16:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il Veneto ha riaperto pressochè tutto da oggi, ma le città non paiono ancora ‘libere’ dal timore di nuovi contagi. La mascherina, ribadito nell’ultima ordinanza, resta obbligatoria fuori casa, non più i guanti, sostituiti dal gel a portata di mano. Riaprono tutti i negozi, i parrucchieri, i bar e i ristoranti: il Veneto ha guidato il gruppo di Regioni che hanno ottenuto con le linee guide di abbassare ad un metro il distanziamento tra i tavoli. Oggi però erano pochissimi i clienti seduti ai bar per il primo caffè all’aperto dopo 90 giorni. Rari avventori in piazza delle Erbe a Verona, meno ancora in Piazza Bra. Venezia soffre dell’assenza dei turisti: riaprono le prime gioiellerie di Piazza San Marco, ma restano chiusi i Caffè storici come Florian e Quadri. Sull’acqua si torna a rivedere le gondole dei traghetti, non ancora quelle dei giri romantici nei canali. Intanto riaprono le spiagge: ad inaugurare la stagione di Jesolo sono state mamma e figlia, di Zoldo, affezionate clienti del centro rivierasco, come ho già riportato più sopra.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Carceri:avvocata dà cellulari a detenuto
Il Sappe, un fatto gravissimo a Bologna
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
18 maggio 2020
17:06
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Questa mattina, all’interno del carcere Bolognese della Dozza, un’avvocata, durante un colloquio, ha tentato di passare a un detenuto un involucro. Gli agenti della polizia penitenziaria sono intervenuti e, dopo averlo aperto, hanno accertato che all’interno c’erano due smartphone con caricabatterie e schede sim. I telefoni sono stati sequestrati e saranno inviati all’autorità giudiziaria. Ne dà notizia il sindacato Sappe. “Si tratta di un fatto gravissimo – affermano Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto e Francesco Campobasso, segretario nazionale – che necessita evidentemente di approfondimenti, visto che all’interno del carcere bolognese anche in passato sono stati trovati dei telefoni cellulari, utilizzati anche durante la recente rivolta”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Cedu,Italia risponda su carcere Vallette
Attenzione Corte su tutti reclusi e su personale istituto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
18 maggio 2020
17:09
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Italia deve dare spiegazioni alla Cedu-Corte europea per i diritti dell’uomo in merito alla condizione dei detenuti nel carcere torinese delle Vallette nel corso dell’emergenza Coronavirus. La pronuncia arriva nell’ambito di una azione legale relativa a un detenuto in età avanzata e affetto da varie patologie considerate dall’Oms a più alto rischio di mortalità se fossero associate a una infezione da Covid-19.
A rivolgersi alla Corte è stato l’avvocato Benedetta Perego, che aveva già attivato una iniziativa analoga nelle scorse settimane, con il sostegno dell’associazione Strali. Il ricorso è stato dichiarato ammissibile. “Questa volta – informa un comunicato – l’attenzione della Corte si è estesa su tutte le persone recluse e tutti coloro che lavorano all’interno dell’istituto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Medico Wojtyla, non era paziente facile
I ricordi del prof Proietti, impossibile tenerlo in ospedale
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
PERUGIA
18 maggio 2020
17:23
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
“Giovanni Paolo II non era un paziente facile e trattenerlo solo un’ora in più in ospedale era impossibile”: a ricordare papa Wojtyla a 100 anni dalla sua nascita è il professore Rodolfo Proietti, medico rianimatore del policlinico “Gemelli” di Roma che per più di 20 anni si è preso cura della sua salute. E ora ha scelto Castel Giorgio come sua residenza. I ricordi e gli aneddoti sono molti, a cominciare dall’attentato del 13 maggio 1981: “San Giovanni Paolo II non temeva di morire, le sue preghiere erano rivolte alla Madonna”.
Da allora la vita professionale del medico si lega a quella di papa Wojtyla. “Lo seguivo – ricorda – anche nelle sue vacanze in montagna. Un giorno ebbe una piccola distorsione alla caviglia.
Mi permisi di suggerirgli di restare un po’ a riposo e all’indomani di evitare o limitare la passeggiata. Giovanni Paolo II mi guardò e mi disse: ‘Le ho chiesto di accompagnarmi fin qui per rimettermi in sesto in caso di necessità e quindi domani la passeggiata si farà'”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
CORONAVIRUS: 99 MORTI IN 24H, IL MINIMO DAL LOCKDOWN
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2020
17:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Totale decessi per coronavirus è a 32007.Contagi 451 più di ieri
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sono 99 le vittime del Coronavirus nelle ultime 24 ore in Italia, l’incremento più basso in un giorno dall’inizio del lockdown a marzo. In totale i morti salgono così a 32.007. Ieri l’aumento era stato di 145 vittime.
Il dato è stato reso noto dalla Protezione Civile. I contagi totali sono 225.886, 451 più di ieri. Il dato comprende attualmente positivi, vittime e guariti. Ieri l’incremento era stato di 675. Quattro regioni hanno zero contagi: Umbria, Sardegna, Calabria e Basilicata. Sono saliti a 127.326 i guariti e i dimessi dagli ospedali, con un incremento rispetto a ieri di 2.150. Domenica l’aumento era stato di 2.366. Sono 66.553 i malati colpiti dalla pandemia in Italia, 1.798 meno di ieri.
Sono 749 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, 13 meno di ieri. Di questi, 252 sono in Lombardia, 3 meno di ieri. I malati ricoverati con sintomi sono invece 10.207, con un calo rispetto a ieri di 104 persone mentre quelli in isolamento domiciliare sono 55.597, con un calo di 1.681 rispetto a ieri.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Mascherine, Piemonte vuole produrle da solo
Regione punta farne 10 milioni al mese con aziende territorio
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
18 maggio 2020
18:10
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
La Regione Piemonte, grazie alle sue 700 aziende tessili con oltre 6.500 addetti, punta a diventare autosufficiente nella produzione di mascherine.
“Abbiamo la capacità come sistema produttivo e come istituzioni di superare le crisi se agiamo in modo sinergico, mettendo in relazione le varie e tante eccellenze che popolano il nostro territorio, tutto questo per fornire gli strumenti corretti per aumentare e tutelare la nostra salute”, commenta l’assessore regionale alle Attività Economiche e produttive, Andrea Tronzano. “Stiamo lavorando col Politecnico di Torino, che ha aperto un tavolo con l’Ente Certificatore UNI, per varare una prassi e poi una norma italiana sulle ‘mascherine di comunità’, in modo da realizzare in Piemonte mascherine ‘a chilometro zero’.
Prevediamo di produrre oltre 10 milioni al mese di mascherine tessili lavabili con inserti ricambiabili in tessuto non tessuto (TNT) e di mascherine usa-e-getta auto-componibili ‘origami’ in TNT, tutte prodotte nel nostro territorio”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
E-R, 35 nuovi positivi, altri 13 decessi
In 24 ore 35 nuovi positivi al Covid 19 in E-R, altri 13 decessi
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
BOLOGNA
18 maggio 2020
18:14
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Salgono a quota 27.267 i casi di positività al coronavirus in Emilia-Romagna: si tratta di 35 in più rispetto a ieri, un incremento fra i più bassi mai registrati dall’inizio dell’emergenza. Sono 153 i nuovi guariti – il computo totale si attesta a 17.756 totali – mentre continua il calo dei casi attivi:, cioè il numero di malati effettivi, calati di 131 unità per una cifra totale pari a 5.525. Sono stati effettuati – spiega la Regione – 5.614 tamponi, che raggiungono complessivamente quota 263.888 mentre i casi lievi in isolamento a domicilio sono 4.712, con un calo di 112 unità. In diminuzione di 13 unità i ricoverati nei reparti Covid e di 6 unità. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 13 nuovi decessi: nessun nelle province di Parma, Reggio Emilia, Ravenna e Rimini. Nel dettaglio si tratta di 6 uomini e 7 donne.
Complessivamente i decessi ammontano a 3.986.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Ascani, riaprire centri infanzia
Almeno in via sperimentale chiedendo regole a Cts
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2020
18:58
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Bisogna riaprire i centro educativi per l’infanzia nella fascia 0-6 anni: a dirlo è la viceministra all’Istruzione, Anna Ascani del Pd. “Almeno in via sperimentale – spiega – dobbiamo farlo, non possiamo pensare di tenere tutto chiuso. Dobbiamo dare la possibilità di fare sperimentazioni già da giugno, bisogna riaprire l’interlocuzione con Cts per avere regole per farlo”.
Intanto dal 15 giugno ripartono le attività strutturate nei cosiddetti centri estivi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Libia, Haftar perde la strategica base aerea di Watiya
Nuovo rovescio per il generale. Sarraj (con la Turchia) esulta: ‘Vittoria più vicina’
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
IL CAIRO
18 maggio 2020
19:59
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Nell’ormai assai indebolito attacco a Tripoli, il generale Khalifa Haftar ha subìto un nuovo rovescio perdendo una base aerea – quella di Watiya – conquistata dalle forze del premier Fayez al-Sarraj, che ha potuto così definire più vicina una “vittoria”.
La struttura, situata 130 km a sud-ovest della capitale libica, era considerata strategica dall’uomo forte della Cirenaica che dall’aprile dell’anno scorso sta cercando di prendere Tripoli. A sottolineare l’importanza dell’episodio bellico, l’annuncio della presa di al-Watiya è stato dato dallo stesso Sarraj in un comunicato in cui ha affermato che “il successo di oggi non rappresenta la fine della battaglia, ma ci avvicina più che mai alla vittoria, quando tutte le città e le regioni saranno liberate e la spinta tirannica che minaccia la democrazia sarà annientata”.
Attraverso proprie fonti rilanciate dai media, il mix di milizie e truppe regolari che compongono l’Esercito nazionale libico di cui Haftar è comandante generale, ha ammesso una “una ritirata strategica” con trasferimento di “tutti gli aerei e le armi prima di abbandonare la base”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Haftar, peraltro, pur continuando a bombardare Tripoli con razzi, è sotto assedio anche nel suo quartier generale avanzato di Tarhuna, a est di Tripoli, e vede attaccate le proprie linee di rifornimento molto allungate perché in partenza dalla Cirenaica, la parte est della Libia.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Sarraj, premier del governo riconosciuto dall’Onu, è riuscito a contrattaccare grazie soprattutto al sostegno della Turchia, ma anche del Qatar, smarcandosi dalla presa di Haftar che aveva cominciato ad attanagliare la capitale 13 mesi fa con l’appoggio di Emirati arabi, Egitto e mercenari russi. Presa Watiya, Tripoli – e indirettamente la Turchia – ha potuto vantare il controllo sullo spazio aereo dell’intero ovest della Libia, dove esistono importanti giacimenti di idrocarburi.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Anec, irricevibili queste misure per i cinema
Presidente Lorini, subito confronto per necessarie revisioni
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2020
20:16
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
L’Anec ha preso visione dell’allegato protocollo al Dpcm sulle riaperture e “in queste condizioni le misure per le sale cinematografiche sono irricevibili.
Prefigurano un’insostenibilità economica e operativa che può minare il riavvio del settore”. Lo dice il presidente dell’Associazione Nazionale Esercenti Cinema Mario Lorini.
Da oggi “chiederemo urgentissimamente un confronto per opportune e necessarie revisioni” aggiunge. Come Anec “abbiamo accettato la data per la ripartenza posta al 15 giugno”, ma rispetto alle soluzioni per altre categorie, quelle che ci riguardano ci risultano inspiegabilmente penalizzanti e costituiscono anche un problema di immagine oltre che economico per il comparto”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Premio Abbiati a Petrenko, direttore dell’anno
Associazione Critici per concerti con S. Cecilia e Rai
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2020
18:44
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Kirill Petrenko ha ottenuto il premio Abbiati come miglior direttore dell’ anno per i concerti con l’Orchestra e il Coro di Santa Cecilia e con l’Orchestra della Rai di Torino. Lo ha deciso l’ Associazione Nazionale dei Critici Musicali italiani. A Roma, il direttore principale dei Berliner Philharmoniker ha diretto la Sinfonia n. 9 di Beethoven il 4, 5 e 6 aprile 2019 con un cast di voci formato da Hanna-Elisabeth Müller (soprano), Okka von Damerau (contralto), Benjamin Bruns (tenore) e Hanno Müller-Brachmann (basso).
Prima dello scorso anno – è detto in una nota dell’Accademia Nazionale – Kirill Petrenko aveva già diretto i complessi ceciliani nel novembre 2010 nella Sinfonia di Salmi di Stravinskij e nella Sinfonia n. 7 “Leningrado” di Šostakovič mentre nel 2013 il direttore russo si era cimentato in un memorabile Oro del Reno in occasione del bicentenario della nascita di Richard Wagner.
Kirill Petrenko, nato a Omsk in Siberia, è direttore Principale dei Berliner Philharmoniker dalla stagione 2019/2020.
Ha collaborato con la Wiener Volksoper, il Meininger Theater e la Komische Oper Berlin; è stato nominato direttore musicale della Bayerische Staatsoper per il periodo 2013-2020 ed è stato direttore ospite dei Teatri dell’ Opera e delle principali Orchestre Sinfoniche di tutto il mondo. La rivista Opernwelt lo ha nominato “direttore dell’anno” per ben quattro volte. Per l’etichetta dei Berliner Philharmoniker ha da poco inciso la Sinfonia n. 6 di Čajkovskij.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Tv: parla Conte, famiglie riunite davanti al piccolo schermo
Studio Frasi, 91% ragazzi davanti alla tv insieme con un adulto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2020
17:45
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Quasi 15 milioni di spettatori con il 57.7% di share: la comunicazione del premier Conte di sabato 16 maggio sulla ‘riapertura’ dell’Italia dopo il lockdown si conferma uno degli appuntamenti più seguiti dal pubblico tv e insieme un evento ‘collettivo’ che riunisce le famiglie davanti allo schermo.
In particolare – secondo le elaborazioni Auditel dello Studio Frasi – sono stati 14,8 milioni i telespettatori che l’hanno seguita sulle tre reti generaliste e sui tre canali all news che l’hanno trasmessa in diretta. Il 49% (7,3 milioni) si è sintonizzato su Rai1, il 33% su Canale 5. Quando, alle 20.38, sono iniziate le domande dei giornalisti, Rai1 e Canale 5, e dopo qualche minuto La7, hanno proseguito con la normale programmazione. Due milioni 900mila persone hanno però continuato a seguire la conferenza stampa spostandosi sui canali all news: da Rai1 si sono spostate soprattutto su Rainews24, da Canale 5 su Rete 4 e Tgcom24 ma anche su SkyTg24.
Le comunicazioni del premier riuniscono le famiglie davanti allo schermo: il 91% dei ragazzi tra i 18 ed i 24 anni ha ascoltato Conte con una persona più grande. Il 46% ha seguito l’evento in cucina, il 40% dal living. L’evento, secondo la misurazione dello Studio Frasi, ha raggiunto un indice di coesione sociale del 90%: il rapporto tra la popolazione italiana e i telespettatori prodotti è altissimo (in particolare su Rai1).
“Le comunicazioni del premier sulla situazione di emergenza e sul come affrontarla determinano un incremento della co-visione all’interno delle famiglie: l’ascolto – commenta Francesco Siliato, direttore dell’Osservatorio dello Studio Frasi – non avviene separatamente, ragazze e ragazzi seguono e commentano con gli adulti. Queste comunicazioni assumono quindi il profilo di eventi collettivi. Gli ascolti e il valore dell’indice di coesione sociale mostrano un Paese attento alle decisioni istituzionali e, anche se in misura minore, ai chiarimenti chiesti da giornaliste e giornalisti”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Raffaello alle Scuderie riapre il 2 giugno
La grande rassegna resterà aperta fino al 30 agosto
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2020
17:24
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Il pubblico potrà tornare presto ad ammirare lo splendore delle opere di Raffaello, riunite eccezionalmente alle Scuderie del Quirinale in occasione della mostra “Raffaello 1520 – 1483”. Le porte dello spazio espositivo romano riapriranno dal 2 giugno, una data che avrebbe dovuto sancire la conclusione della rassegna e che invece – in coincidenza con le celebrazioni per la Festa della Repubblica – rappresenterà un nuovo inizio per l’evento con cui l’Italia rende omaggio all’artista a 500 anni dalla morte.
La mostra, sospesa per circa tre mesi a causa dell’emergenza sanitaria da coronavirus, resterà aperta fino al 30 agosto, in virtù di una lunga proroga resa possibile grazie alla disponibilità e alla solidarietà delle istituzioni museali e dei collezionisti che hanno prestato le opere. La riapertura seguirà misure di sicurezza straordinarie, delineate in uno specifico progetto tecnico-sanitario elaborato da un esperto del dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive dell’Università Sapienza e armonizzato con le linee guida del Comitato Tecnico Scientifico.
“Ricominciamo. Riapriamo le porte delle Scuderie del Quirinale pronti ad accogliere i visitatori nelle più scrupolose condizioni di sicurezza, offrendo allo stesso tempo l’opportunità di fruire di tanta bellezza e ritrovare in essa la forza per ripartire. Siamo grati alle Gallerie degli Uffizi, al suo direttore Eike Schmidt e a tutti i prestatori che hanno concesso con generosità l’opportunità di prolungare le date di un’esposizione così importante per il nostro Paese”, dice Mario De Simoni, Presidente e A.D. Ales – Scuderie del Quirinale. “La mostra ‘Raffaello’ ha un valore inestimabile dal punto di vista artistico e offre la possibilità di ammirare una concentrazione di opere del Maestro urbinate nello stesso contesto come mai era stato possibile fino ad oggi – spiega il direttore degli Uffizi Eike Schmidt – Ogni sforzo per garantire al maggior numero di persone possibile di godere di tale meraviglia è doveroso: le Gallerie sono dunque ben liete di prolungare il loro prestito di una cinquantina di capolavori a questa mostra unica ed epocale per tutto il tempo che sarà necessario”.
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Leonardo: no a ricorso Airbus,via libera elicotteri a UsNavy
Può partire produzione Th-119 nello stabilimento di Filadelfia
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
18 maggio 2020
13:39
CRONACA TUTTE LE NOTIZIE
Leonardo vince anche l’ultimo round della gara per i nuovi elicotteri da addestramento per le future generazioni di piloti navali americani in Marina, nel Corpo dei Marines e nella Guardia Costiera. Il Government Accountability Office americano ha infatti respinto la protesta presentata in febbraio da Airbus Helicopter sulla decisione della Us Navy di assegnare il contratto del programma ‘Advanced Helicopter Training System’ a Leonardo, un successo strategico per l’azienda italiana dell’aerospazio, difesa e sicurezza che, in questo caso, per la prima volta si è aggiudicata come prime contractor una competizione in campo elicotteristico per la Difesa americana. E’ stato un passaggio chiave sul mercato governativo Usa anche perché poco prima Leonardo si era già aggiudicata la gara dell’Us Air Force per la fornitura di elicotteri per operazioni speciali, in quel caso con Boeing come prime contractor per fornire l’italianissimo elicottero Aw139.
Leonardo, che come molti contractor della Difesa americana non ha interrotto le produzioni durante l’emergenza Covid-19, può ora quindi iniziare la produzione del TH-119 presso nello stabilimento di Filadelfia, in Pennsylvania.