Accessibilità, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 08:30 ALLE 10:12

DI LUNEDì 21 GENNAIO 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Sciopero di 4 ore per bus e metro
Dalle 10 alle 14, lo stop dei conducenti di pullman a noleggio

21 gennaio 201908:30

Sciopero di 4 ore oggi nel trasporto pubblico locale e nel settore del noleggio di pullman con conducente. Lo ricordano Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl Fna, che hanno proclamato unitariamente la protesta “a seguito delle proposte europee di modifica peggiorativa dei regolamenti sui tempi di guida e di riposo e sulla liberalizzazione il mercato dei servizi di trasporto passeggeri, svolto con autobus e pullman nell’Unione europea”.

Tra le principali città stop a Milano dalle 8.45 alle 12.45, a Venezia dalle 10 alle 13, a Bologna dalle 10.30 alle 14.30, a Firenze dalle 17 alle 21, a Napoli dalle 9 alle 13, a Bari dalle 8.30 alle 12.30, a Palermo dalle 9 alle 13. Sono esclusi dallo sciopero i trasporti pubblici di Torino e Roma, in ottemperanza del principio di rarefazione oggettiva che garantisce un intervallo di tempo tra uno sciopero e l’altro nello stesso bacino di utenza e di Genova, vista la situazione straordinaria della viabilità, a seguito del crollo del Ponte Morandi. Infine si terrà, dalle 10 alle 14, lo stop dei conducenti di pullman a noleggio.

Google, dal 22 gennaio modifiche alla privacyLa responsabilità dei dati passa alla sede irlandese

21 gennaio 201909:29

– Martedì 22 gennaio Google introdurrà alcune modifiche alla privacy, in linea con il nuovo regolamento Ue sulla protezione dei dati personali (Gdpr) entrato in vigore nel maggio scorso. Sarà Google Irlanda (dove l’azienda ha il suo quartier generale europeo) e non più la californiana Google Llc, ad essere titolare del trattamento dei dati, responsabile delle informazioni degli utenti e del rispetto delle leggi vigenti sulla privacy..
La sede irlandese di Big G sarà quindi responsabile dell’osservanza del Gdpr, e dovrà rispondere alle richieste sui dati degli utenti, comprese quelle avanzate dalle forze dell’ordine dell’Unione europea. La modifica interesserà lo Spazio economico europeo (Ue più Islanda, Liechtenstein, Norvegia) e la Svizzera.
A cambiare saranno poi i termini di servizio. In base alle modifiche, che erano state preannunciate a metà dicembre, i servizi della compagnia di Mountain View saranno erogati da Google Irlanda, dove l’azienda ha il suo quartier generale europeo, e non più dalla Californiana Google Llc. Anche questa modifica riguarderà lo Spazio economico europeo più la Svizzera, e si estenderà a YouTube sia gratis che a pagamento, Drive e Play.
I cambiamenti non altereranno l’esperienza dei fruitori dei servizi di Google, precisa la compagnia. Resterà tutto invariato – si legge in una nota inviata nelle scorse settimane agli utenti – anche per quanto riguarda le impostazioni sulla privacy, la modalità di trattamento dei dati e le finalità del trattamento.

Migranti: Viminale, in Libia i 393 soccorsi ieri Salvini, sani e salvi. Collaborazione funziona

21 gennaio 201909:40

Tutti sani e salvi, e riportati indietro, i 393 immigrati recuperati dalla Guardia Costiera libica nella giornata di ieri. Lo fa sapere il Viminale. In particolare, 143 sono stati riportati a Tripoli, 144 a Misurata, 106 ad al-Khoms. “La collaborazione funziona, gli scafisti, i trafficanti e i mafiosi devono capire che i loro affari sono finiti. Meno partenze, meno morti, la nostra linea non cambia”, commenta il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Di Maio, salvataggi in mare spettano a Libia  – “Abbiamo richiamato la guardia costiera libica perché ci aspettiamo da loro i salvataggi in mare”. Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio parlando a Rtl 102,5 della nuova emergenza migranti di ieri. Nel corso della trasmissione, il vicepremier ha poi ribadito le critiche alla Francia ed è tornato sul ‘franco delle colonie’ con cui Parigi “impoverisce” l’Africa. “Per far restare gli africani in Africa – ha sottolineato – basta che i francesi stiano a casa loro. La Francia cominci ad aprire i porti. I migranti li portiamo a Marsiglia finché non la smettono di stampare a Lione la moneta per l’Africa”

Colpi mannaia a datore lavoro, arrestatoE’ successo nel Fiorentino, vittima non sarebbe in pericolo vita

FIRENZE21 gennaio 201909:09

– Nel corso di una lite per motivi economici avrebbe aggredito il suo datore di lavoro, un 39enne cinese, colpendolo ripetutamente con una mannaia al petto e alle braccia. Per questo un uomo, 41 anni, anche lui originario della Cina, senza permesso di soggiorno, è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto dai carabinieri. Tentato omicidio il reato contestato. L’aggressione è avvenuta ieri sera lungo la via Chiantigiana a Lastra a Signa (Firenze).
L’imprenditore, soccorso dai sanitari del 118, al momento si trova ricoverato all’ospedale San Giovanni di Dio per le ferite riportate. Non sarebbe in pericolo di vita. Il 41enne è stato rintracciato nella nottata dai carabinieri mentre camminava lungo una via secondaria a Ginestra Fiorentina, in direzione Montelupo. Aveva con sé il passaporto e non è escluso che stesse pensando di lasciare l’Italia. La mannaia usata per l’aggressione, lunga 30 centimetri, è stata recuperata in un corso d’acqua della zona.
Taxista travolto e ucciso, un arrestoSi tratta di un 26enne accusato di omissione di soccorso

MILANO21 gennaio 201909:29

– La Polizia Stradale ha arrestato un giovane sospettato di aver causato l’incidente a seguito del quale, nell’aiutare i feriti, ha trovato la morte Eugenio Fumagalli, un taxista di 47 anni, travolto da altre auto che sopraggiungevano. Lo ha comunicato la Questura di Milano.
Si tratta di un 26enne, accusato di “fuga ed omissione di soccorso”. L’incidente era avvenuto verso le ore 03:30 del 13 gennaio scorso lungo la SP35 Milano-Meda.
Striscione Fn contro moschea a MargheraRichiesta referendum, “è in un’area commerciale”

VENEZIA21 gennaio 201909:29

– Uno striscione riportante la scritta “No Moschea” è stato affisso la scorsa notte da militanti di Forza Nuova davanti a un edificio di Marghera, che ospita il luogo di preghiera della comunità islamica locale. Lo rende noto stamani il responsabile provinciale di Fn, Rudi Favaro, diffondendo una foto dello striscione.
“Forza Nuova – afferma Favaro – con questa affissione vuole esprimere la sua contrarietà a questa presenza, e chiede a enti ed autorità competenti se la struttura abbia o no tutti i requisiti di legge e le autorizzazioni necessarie. A tal proposito verrà presentata una formale richiesta. Il nostro movimento politico chiede inoltre perché non sia stato indetto un referendum tra i cittadini, visto che comunque il luogo di culto, è ubicato in un’area commerciale”.

Getta a terra e uccide neonata,arrestataEpisodio nel vicentino, donna ha tentato suicidio con coltello

VICENZA21 gennaio 201909:32

– Una neonata di tre giorni è morta la scorsa notte all’ospedale San Bortolo di Vicenza dopo essere stata gettata a terra in casa dalla madre, forse per una crisi “post partum”. L’episodio è avvenuto la scorsa notte a Lisiera di Bolzano Vicentino (Vicenza). La donna, di 41 anni, subito dopo ha tentato il suicidio ferendosi alla gola con un coltello.
Ad accorgersi del fatto e a chiamare il 118 è stato il marito della donna. Gli operatori del Suem hanno portato la piccola in Terapia intensiva pediatrica, dove però è deceduta all’alba. La madre è piantonata nel reparto di Psichiatria. Indagano i Carabinieri di Thiene (Vicenza).-

Nasconde cellulare in pancia per un mese
Detenuto a Poggioreale,nella radiografia l’immagine del telefono

NAPOLI21 gennaio 201910:07

– Per sfuggire ai controlli, un detenuto del carcere di Poggioreale, a Napoli, ha ingoiato un telefono che ha tenuto nello stomaco per circa un mese. Lo riferisce Il Mattino. E’ quanto emerso dai controlli effettuati nell’Ospedale del Mare dove l’uomo era stato portato in seguito ad un malore. La ‘anomalia’ è emersa dalla radiografia all’addome del detenuto. Nello stomaco c’era un telefonino cellulare di 8 per 2 centimetri. Un’operazione in laparascopia è stata effettuata per estrarre il telefonino. L’uomo ha circa 40 anni ed è detenuto per reati comuni. Ora è fuori pericolo.

STAMPA
Annunci
Accessibilità, Aggiornamenti, Manuali, Notizie, Nvda, Procedure, Tecnologia

SKYPE: RIMUOVERE I CONTATTI CON NVDA

SKYPE: RIMUOVERE I CONTATTI CON NVDA

LA GUIDA è PER I FRUITORI DI LETTORI DISCHERMO,

MAGARI è DI AIUTO ANCHE A TUTTI GLI ALTRI 🙂

SKYPE: RIMUOVERE I CONTATTI CON NVDA

Mi ritrovo a scrivere questa piccola guida, visto che, leggendo su liste tecniche specifiche, emerge il problema di come i fruitori di schermo non siano in grado di rimuovere o bloccare un contatto su Skype, versione 8 e successive, al momento in cui scrivo l’ultima versione è la 8.36.

INDICE:

•INTRODUZIONE•PROCEDURA•CONCLUSIONI

INTRODUZIONE

SKYPE: RIMUOVERE I CONTATTI CON NVDA

La Microsoft, proprietaria di Skype, dalla versione 8 ha apportato modifiche e cambiamenti alla sua interfaccia e, di primo acchito, sembra unn po’ più ostico, gestire questo servizio, mediante i lettori di schermo, come Nvda, il mio preferito e Jaws. Molti continuano a voler usare versioni precedenti, magari anche portable, per non perdere tale interfaccia, ma come si sa, Microsoft dismette, anzi, ha ufficialmente già dismesso, il supporto all’uso di Skype versioni precedenti alla 8, per problemi principalmente di sicurezza. Dunque, siccome soprattutto in ambito tecnologico, si cambia, esorterei tutti ad orientarsi verso l’apprendimento delle nuove interfacce e funzioni dei programmi, compreso Skype, anche se a volte sembra trattarsi di un’impresa titanica, in specie per gli abitudinari. Purtroppo il tempo è assai tiranno, mi riprometto magari di scrivere una guida su Skype ed il suo uso, però, come ho ampiamente precisato sul sito, in più occasioni, in mancanza di essa, se avete domande in tali ambiti, esiste un modulo di inserimento nella sezione Contatti e vi sono ampi margini per scrivere nei commenti ad ogni articolo o utilizzando proprio il box dei Contatti che ho messo a disposizione, mi sembra che gli strumenti vi siano. Ciò detto veniamo al sodo.

PROCEDURA

SKYPE: RIMUOVERE I CONTATTI CON NVDA

aApriamo Skype, accediamo alnostro account, ometterò in questa fase come, dando per scontato che chi desidera rimuovere/eliminare un contatto, l’accesso lo abbia già effettuato. Una volta nella finestra di Skype, premere la combinazione di tasti alt+2 per aprire il Tab “Contatti”, la terza di quattro schede. Andando di Tab, il primo pulsante che troviamo ci permette di filtrare i contatti, è impostato su “I miei contatti” di default naturalmente. Il secondo Tab ci permette di Aggiungere un contatto,al terzo Tab ci ritroviamo i preferiti, se ne abbiamo aggiunti; consiglio però di muoversi di freccia già anche dal pulsante di menù sottomenù Filtro. Scendendo verticalmente troveremo tutto l’elenco deinostri contatti, ognuno accompagnato dalla dicitura “Pulsante”. Ci posizioniamo sul pulsante del contatto che desideriamo eliminare o bloccare, quindi ai vedenti direi “di tasto destro”, ai non vedenti come me, dico “shift+f10” (peraltro comando di Windows che vale per tutti, vedenti e non 🙂 ), oppure Tasto destro o Tasto applicazioni. Lo premiamo e nel Menù Sottomenù che si apre, con la freccia verticale, troviamo la voce “Visualizza profilo” e ci entriamo, dando Invio o clicando. Nella finestra che si apre, premiamo subito control+Home così con la lettera b possiamo muoverci agevolmente tra tutti i pulsanti disponibili, che così comincerete a conoscere, il primo peraltro è il pulsante che permette di Chiudere la visualizzazione del profilo. Premendo la lettera b della tastiera estesa, ad un certo punto troveremo “RIMUOVI DA ELENCO CONTATTI PULSANTE”. In reraltà dal basso questo è il terz’ultimo pulsante, quindi volendo possiamo anche premere, una volta entrati nel profilo, control+End o Fine e saremo peraltro subito sul pulsante per Bloccare il contatto “PULSANTE BLOCCA CONTATTO”, se da qui premiamo shift+b 2 volte, troveremo a ritroso due pulsanti: “APRI RACCOLTA FOTO DELLA CHAT PULSANTE” ed appunto “RIMUOVI DA ELENCO CONTATTI PULSANTE”. Sta a voi come raggiungere entrambi i pulsanti, quello per rimuovere e quello per Bloccare. Nel caso della Rimozione, cliccare o dare Invio appunto su “RIMUOVI DA ELENCO CONTATTI PULSANTE Si aprirà la finestra di dialogo: “DIALOGO VUOI RIMUOVERE DAVVERO QUESTO CONTATTO?” Con i 2 pulsanti ANNULLA e RIMUOVI. Dando Invio su RIMUOVI, la finestra di dialogo si chiuderà e la sintesi ci dirà che il contatto è stato eliminato. In realtà è ancora aperta la finestra del Profilo e noterete che è rimasto al fondo soltanto il pulsante per Bloccare il contatto e, più sopra, tra i vari pulsanti presenti, vi è “AGGIUNGI CONTATTO”, se vi entriamo, dando Invio o clicando, eco che la sintesi cinotificherà “CONTATTO AGGIUNTO”. Se invece desideriamo Bloccare il contatto, analogamente diamo Invio o clicchiamo su “Blocca contatto”, ugualmente avremo i due pulsanti “ANNULLA” e “BLOCCA”. Fatto ciò, ritorneremo alla schermata principale nell’elenco delle schede, in questo caso su quella Contatti. Se volessimo risbloccare un contatto, è necessario andare nelle Impostazioni di Skype, quindi entrare nel pulsante Contatti ed apparirà il pulsante “CONTATTI BLOCCATI”, nel quale, entrando, ci ritroveremo nel Profilo della persona che ho già descritto. Ma non è questo il momento di fornire dettagli, per non mettere troppa carne al fuoco. Un consiglio che posso darvi, è anche quello di andare all’interno del pulsante “Guida e Feedback” ed entrare nel pulsante “Ricevi assistenza”, qui nella casella di ricerca si potranno usare le parole chiave più adatte e ricercare ciò che si desidera ed i temi Accessibilità e Tasti rapidi, ad esempio, non mancano.

CONCLUSIONI

SKYPE: RIMUOVERE I CONTATTI CON NVDA

In questa breve guida, ho spiegato come rimuovere/bloccare contatti in skype versione 8 e successive, in Windows 10 aggiornato, Skype aggiornato ed ovviamente il lettore di schermo Nvda aggiornato e, nel caso delle spiegazioni, con la sua ultimissima versione Stabile.

SKYPE: RIMUOVERE I CONTATTI CON NVDA

Ti è piaciuto l’articolo? Metti MI PIACE E CONDIVIDLO SUI SOCIAL e NON ESITARE A CONTTATTARMI PER DOMANDE, CONSULENZE O APPROFONDIMENTI. BUONA NAVIGAZIONE!       

STAMPA

Accessibilità, Aggiornamenti, Notizie, Piemonte, Ultim'ora

PIEMONTE TUTTE LE NOTIZIE

PIEMONTE TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 11:40 DI GIOVEDì 17 GENNAIO 2019

ALLE 03:36 DI VENERDì 18 GENNAIO 2019

PIEMONTE TUTTE LE NOTIZIE

Banda falsi Cc rapina, preso ricercato
Colpi tra maggio agosto 2018 nell’Astigiano e Alessandrino

ALESSANDRIA 17 gennaio 2019 11:40

– Agenti della Squadra Mobile e carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile del Comando Provinciale di Alessandria hanno arrestato Giastin Stentardo, 33 anni, astigiano di origine sinti, su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Alessandria. E’ accusato di svariate rapine, consumate o tentate, con altre persone, nelle province di Alessandria e Asti. Le indagini sono partite da una serie di colpi, tra maggio e agosto dello scorso anno, compiuti da un gruppo di almeno 4 persone che, dopo essersi introdotte in casa delle vittime presentandosi come carabinieri, si impossessavano di preziosi e gioielli. La Procura di Alessandria, a ottobre, ha emesso un decreto di fermo a carico di due componenti del sodalizio criminale, Stentardo e Daniel Lanza, savonese di 37 anni ma residente ad Asti. Sequestrati ricetrasmittenti portatili, porta-badge.

Teatro Regio, pronto piano industrialeSubito dopo verrà illustrato alle fondazioni bancarie e alle rsu

TORINO17 gennaio 201912:51

– Il piano industriale del Teatro Regio di Torino, messo a punto dopo un “complesso e articolato percorso di studio, analisi e redazione” è pronto: il 25 gennaio sarà presentato al consiglio di indirizzo, subito dopo alle fondazioni bancarie e alle rsu.
Dopo una prima condivisione sui principi generali di stesura e sui risultati delle analisi della situazione interna al Teatro effettuata con le Fondazioni bancarie, il Comune di Torino, la Regione e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali – spiega l’ente in un comunicato – si è arrivati ora alla fase operativa. Il 25 gennaio il Piano verrà presentato al Consiglio di Indirizzo, “un importante momento di verifica e condivisione precedente la presentazione dello stesso alle fondazioni bancarie e alle rsu del Teatro. Parallelamente al lavoro interno, il Piano verrà esposto a tutti i soggetti istituzionali coinvolti.
Anziani derubati, presi madre e figlioNel Cuneese. Comandante Cc,”grazie a prevenzione casi dimezzati”

CUNEO17 gennaio 201917:05

– Madre e figlio di etnia sinti – Anna Alafleur di 54 anni e Giuseppe Massa di 38 anni, abitanti a Nichelino (Torino) – sono stati arrestati dai Carabinieri di Mondovì (Cuneo) con l’accusa di aver messo a segno colpi ai danni di anziani, in Piemonte, Liguria e Lombardia.
La coppia si muoveva a bordo di un’auto: la donna individuava e seguiva le vittime sino a casa, dove le avvicinava con una scusa, lui restava ad attenderla in auto per poter poi allontanarsi velocemente. La donna spesso si presentava con un’amica collega di lavoro del figlio o figlia, di cui si mostrava di conoscere il nome; altre volte diceva di essere una dottoressa che le aveva avute in cura quando erano state male. “Dal 2016 al 2018 – spiegato il tenente colonnello Marco Pettinato comandante del reparto operativo provinciale cuneese – i reati di furti-truffe ad anziani nell’ambito delle 11 Compagnie, si sono dimezzati da 300 a 150. Grazie anche ai controlli di prevenzione messi in atto in tutta la provincia”.
Resta allarme incendi,no a deroghe leggeDall’inizio dell’anno già 77 roghi, impegnati 643 volontari

TORINO17 gennaio 201915:53

– Resta alto l’allarme per gli incendi boschivi in Piemonte, dove perdura la siccità.
Dall’inizio dell’anno i roghi sono già stati 77 e hanno impegnato 643 volontari, 219 mezzi, 2 aerei canadair e 2 elicotteri regionali. La Regione spiega quindi che è impossibile concedere deroghe dallo stato di massima pericolosità per incendi boschivi, dichiarato il 30 dicembre, o dalla legge che impedisce azioni che, entro 100 metri dai terreni boscati, arbustivi e pascolivi, possano innescare incendi. “Vista la situazione di perdurante siccità – dice Alberto Valmaggia, assessore regionale alla Protezione Civile – con precipitazioni che non si prevedono nel breve periodo, tutto il Sistema operativo regionale antincendi boschivi continua a essere allertato sull’intero territorio regionale. E’ evidente che, a fronte di un quadro come questo, non è possibile concedere alcuna deroga all’accensione di fuochi a quanti in questi giorni la stanno chiedendo. Anzi, si ricorda che tutte le violazioni sono perseguibili penalmente”.
Anche Mayweather fa festa con C.RonaldoCampione pugilato è un tifoso di CR7, nello spogliatoio a Gedda

17 gennaio 201916:30

– Amico e ammiratore di Cristiano Ronaldo, Floyd Mayweather, il pugile – peso welter – imbattuto dopo 50 incontri e considerato uno degli sportivi più ricchi del mondo ha visto la finale della Supercoppa a Gedda e poi è sceso negli spogliatoi per festeggiare con i bianconeri. E’ quanto mostra il profilo twitter della Juventus con una foto del boxer statunitense abbracciato a CR7.
Raid in pizzeria, furti e devastazioneNel quartiere Santa Rita. Rubati pc, cassa e bottiglie alcolici

TORINO17 gennaio 201917:30

– Raid vandalico, nella notte tra sabato 12 e domenica 13 gennaio, alla pizzeria ‘Don Pepe’ di Torino, in via Buenos Aires 112, nel quartiere Santa Rita. Un gruppo di persone ha scassinato la serranda, spaccato un vetro con una pietra, rubato bottiglie di alcolici, il fondo cassa, due computer e ha strappato il telone del dehors.
“Due mesi fa qualcuno aveva già incendiato il dehors – spiega la titolare del locale, Patrizia Boccetti – Mi sembra una questione personale, ma non ho nemici. Non so chi possa avercela con me. I problemi sono iniziati ad ottobre”.
La donna spiega di aver sporto denuncia alla polizia.
Salone Libro, chiuse indagini ProcuraCi sono 29 indagati, pm procedono per turbativa d’asta

TORINO17 gennaio 201917:42

– Bandi e appalti pilotati, irregolarità contabili e spese ‘pazze’. Parla di questo l’inchiesta della magistratura sulla vecchia gestione del Salone del libro di Torino che si è conclusa. Gli indagati sono 29.
All’ex presidente della Fondazione, Rolando Picchioni, è contestato fra l’altro l’uso indebito della carta di credito alimentata con le sovvenzioni della Regione: spese personali per circa 800mila euro. L’ex sindaco Piero Fassino e l’assessore regionale Antonella Parigi, insieme ad altre figure, sono chiamati in causa per l’affidamento diretto alla società Gl Events dell’organizzazione dell’edizione 2015 del Salone. L’ex assessore regionale alla Cultura (nelle giunte di centrodestra) Michele Coppola è indagato, con Fassino e altri, non per la sua attività politica ma in qualità di direttore per l’arte e la cultura di Banca Intesa Sanpaolo: la vicenda è relativa all’ingresso dell’istituto bancario come socio della fondazione nel 2016. I pm della procura di Torino procedono per turbativa d’asta.
Smog, a Torino solo blocchi livello 0In vigore fino a lunedì dopo abbassamento valori Pm10

TORINO17 gennaio 201917:28

– Fino a lunedì 21 gennaio a Torino in vigore solo le limitazioni al traffico previste dal livello Zero (bianco) dei provvedimenti antismog. I dati sulla qualità dell’aria a Torino, esaminati oggi, mostrano, infatti, un ritorno delle micropolveri Pm10 ai valori indicati dalla Commissione europea come limite massimo per la salvaguardia della salute delle persone.
Pertanto – ricorda una nota della Città – “rimangono in vigore le sole misure a carattere permanente, con il blocco totale degli Euro 0 di qualsiasi tipo (0-24, sette giorni su sette) e parziale dei diesel euro1, dal lunedì al venerdì.
Rocchi arbitrerà Napoli-LazioOrsato per Genoa-Milan, Roma-Torino a Giacomelli

17 gennaio 201918:17

– Sarà Gianluca Rocchi di Firenze ad arbitrare domenica sera Napoli-Lazio, big match e posticipo della 1/a giornata del girone di ritorno di Serie A. Roma-Torino è stata affidata a Giacomelli di Trieste, Fiorentina-Sampdoria a Di Bello di Brindisi. Inter-Sassuolo è stata affidata a Pairetto, Juventus-Chievo a Piccinini. Genoa-Milan, posticipo del lunedì, sarà diretta da Orsato.
Pininfarina, partnership con KarmaPrimo risultato previsto per il secondo trimestre 2019

TORINO17 gennaio 201918:56

– Pininfarina punta a crescere in Nord America e si allea con Karma Automotive, che ha sede nel Sud della California. L’annuncio è stato dato dall’ad di Karma, Lance Zhou, all’Automotive News World Congress.
Karma vuole crescere in una nicchia di veicoli elettrici di lusso negli Usa e poi in altri mercati internazionali. “Il nostro piano aziendale e di prodotto è guidato in parte dalla collaborazione con partner affini come Pininfarina, la cui esperienza progettuale ci aiuterà ad accelerare lo sviluppo e la personalizzazione del prodotto che consente a ogni veicolo Karma di essere speciale”, afferma Zhou. “E’ un altro passo importante – spiega l’ad di Pininfarina, Silvio Pietro Angori – nella nostra strategia di crescita nel mercato nordamericano, dopo l’apertura del nostro centro di design a Los Angeles. Siamo felici di supportare Karma nel design, nella creazione di veicoli di lusso personalizzati e nel lifestyle di marchi premium”. I primi risultati sono attesi per il secondo trimestre 2019.
Urban Lab, 6.000 torinesi coinvoltiObiettivo più ricerca in Europa. Nascerà comitato scientifico

TORINO17 gennaio 201919:01

– Urban Center Metropolitano diventa Urban Lab e rafforza il suo ruolo a Torino. Nel 2018 i cittadini coinvolti sono stati oltre 6.000, mentre attraverso la comunicazione ne sono stati raggiunti 120.000. Sono cresciute dell’85% rispetto al 2017 le persone che hanno visitato la sede in piazza Palazzo di Città. Attività e progetti sono stati illustrati in commissione urbanistica. “Ci doteremo di un comitato scientifico con figure di alto livello”, ha spiegato la presidente Elena Dellapiana. Il direttore Valentina Campana ha sottolineato “l’importanza delle sinergie con altre realtà del territorio”, come la Fondazione per la Cultura. Cresciuti fan e follower sui social, con picchi del 40% su Instagram e in aumento le visite effettuate da delegazioni istituzionali e professionali italiane ed estere.
Urban Lab, che ha vinto da 2016 attraverso bandi europei 600.000 euro, punta nel 2019 a consolidarsi come centro di documentazione sulla città e ad aumentare la ricerca a livello europeo.
Schiaffi se figlio sbagliava tabelline, condannaOgni mattina padre chiedeva a bimbo 8 anni di ripetere lezione

TORINO17 gennaio 201920:56

Scappellotti, ceffoni e qualche spintone hanno messo nei guai un imprenditore del torinese, finito a processo per i suoi metodi educativi nei confronti dei figlio. L’uomo, difeso dagli avvocati Giuseppe Fiore e Alberto Mittone, era accusato di maltrattamenti ma il reato è stato derubricato ad abuso di mezzi di correzione: l’imputato ha patteggiato una pena a tre mesi.Come anticipato dal quotidiano Repubblica, l’uomo, ogni mattina, chiedeva al figlio di 8 anni di recitare a memoria le tabelline, dall’1 fino al 12, e di ripetergli la lezione. Se il bambino commetteva degli errori, il papà gli tirava un ceffone. Nell’estate 2017, dopo l’ennesimo scappellotto, la madre ha chiamato i carabinieri e il caso è finito in Tribunale.”Lo faccio per il futuro di mio figlio – ha spiegato davanti al pm Giulia Marchetti – Gli chiedo le tabelline al mattino presto, perché poi sono fuori casa tutto il giorno. Vorrei che seguisse le mie orme”. I legali dell’imprenditore sostengono che l’uomo non avesse intenzione di mortificare il figlio. “Si tratta di un padre dall’educazione arcaica – spiegano Fiore e Mittone – Non ha mai voluto fare del male al suo bambino”. Il fratello del ragazzino, meno bravo a scuola, non era mai stato oggetto dei rigidi rimproveri del padre.       

STAMPA

Accessibilità, Aggiornamenti, Notizie, Tecnologia, Ultim'ora

CICLO REGISTRO. APP SOLIDALI

CICLO REGISTRO. APP SOLIDALI

TUTTE LE NOTIZIE DI TECNOLOGIA

AGGIORNAMENTO DELLE 19:42 DI DOMENICA 13 GENNAIO 2019

CICLO REGISTRO. APP SOLIDALI

Confindustria Ancma, Ciclo Registro web
Portale web aiuta 320mila biker possessori derubati ogni anno

– Vita dura per i ladri di biciclette.
Confindustria Ancma (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo Accessori) lancia il ‘Ciclo Registro’. Dalla due giorni di BiciAcademy, l’evento formativo dedicato ai negozianti delle settore ciclo organizzato dall’associazione al Palacongressi di Rimini, arriva una proposta per contrastare un fenomeno che in Italia interessa oltre 320mila malcapitati possessori ogni anno.
Il ‘Ciclo Registro’ è un portale web, dove sarà possibile registrare il numero di telaio delle biciclette vendute e produrre un certificato digitale di proprietà gratuitamente.
L’iniziativa di Confindustria ANCMA, promossa anche in sede parlamentare nell’ambito della riforma del Codice della Strada, nasce soprattutto per aggregare, valorizzare e far confluire in un’unica piattaforma – istituzionale e gratuita – tutte le migliori esperienze online già esistenti in modo da incrociare le informazioni e migliorare il servizio. La costruzione di un data base del parco circolante è un primo passo verso la soluzione del problema che permetterebbe, ad esempio, alle Forze dell’Ordine di individuare immediatamente se una bicicletta risulta rubata e chi è il suo legittimo proprietario. Inoltre, questo progetto apre la strada all’offerta da parte delle compagnie assicurative di prodotti e coperture specifiche per i ciclisti, al momento inesistenti. “Quella dei furti di biciclette – ha spiegato il presidente dell’associazione Andrea Dell’Orto – è una piaga che ha assunto in Italia ed e soprattutto nei grandi centri urbani, una dimensione importante, specialmente se si considerano anche le vittime che non sporgono denuncia”. Da qui l’esigenza di tutelare i proprietari e i consumatori, ma anche il comparto, i negozianti e l’industria italiana di riferimento (prima in Europa), che subiscono un danno economico rilevante dalla diffusione di questo reato. Una volta a regime il ‘Ciclo Registro’ contribuirà infine a riequilibrare anche il mercato dell’usato, che a causa dei furti risulta anch’esso inquinato da fenomeni di ricettazione e dal potenziale rischio di incauti acquisti o vendite.

Ecco la carica di app solidaliAiutano vicini, evitano spreco di cibo e supportano i disabili

– Migliorare il proprio quartiere con l’aiuto dei vicini, mettere in rete gli avanzi di cibo per ridurre lo spreco alimentare, la mobilità condivisa in aiuto dei disabili, offrire assistenza visiva in tempo reale a non vedenti, raccogliere fondi per una causa sui social. La tecnologia non è solo violazione della privacy e linguaggio di odio, ma anche solidarietà e supporto a colpi di app.
Come Nextdoor, una vera e propria “piazza digitale” che consente di organizzare diverse attività, dal trovare una babysitter a discutere iniziative per migliorare la vita di quartiere. Un’altra app mette in rete energie benefiche è Avanzi Popolo 2.0, premiata anche dal Presidente Mattarella. La piattaforma serve a condividere con chi ne ha bisogno il cibo che rischia di finire sprecato o buttato perché scaduto. C’è anche Moby, il primo progetto di mobilità condivisa per chi si muove in sedia a rotelle e l’app Be My App grazie alla quale una rete di volontari può fornire assistenza visiva agli ipovedenti.
Infine, la rete di solidarietà corre anche sui social, sempre più demonizzati. Su Facebook, ad esempio, la funzione donazioni in tre anni ha superato 1 miliardo di dollari in raccolte fondi, venti milioni le persone coinvolte nel mondo. E’ stata introdotto nel 2015 per Ong, comunità e persone che hanno bisogno di sostegno economico. In Italia hanno beneficiato delle donazioni l’Associazione italiana contro le leucemie, Save the children Italia, Emergency, l’Associazione italiana sclerosi multipla e l’Ente nazionale protezione animali.         

STAMPA

Accessibilità, Aggiornamenti, Nvda, Procedure, Tecnologia

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

INDICE

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

•PREMESSA•USO DEL PROGRAMMA IN PARTICOLARE CON IL LETTORE DI SCHERMO NVDA•CONCLUSIONI

INTRODUZIONE

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

In questa guida andrò a spiegare come funziona il programma 4K Video Downloader ottimo programma alternativo a Songr per scaricare da Youtube. Premetto che scaricare da Youtube, se non si ha l’account Premium, così come da altri siti, in maniera impropria, è illegale ed io non mi assumo di certo la responsabilità di ciò che farete, mi permetto di sottolineare che tale programma non l’ho creato io e siccome esiste e funziona, io appunto non farò altro che riportare cose messe a disposizione dall’informatica. Detto ciò, siccome sembra che il vecchio caro Songr vada verso la sua fine, a meno di non provare ad usarne versioni più vecchie, cosa che sconsiglio per altre ragioni, vi dico che in effetti non mancano le possibilità alternative per raggiungere lo scopo, dai siti online ai programmi appunto, uno dei quali, è proprio quello che sto per presentarvi.

USO DEL PROGRAMMA IN PARTICOLARE CON IL LETTORE DI SCHERMO NVDA

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

Per tutti, anche i vedenti, in linea generale l’uso del programma è semplicissimo, dopo l’installazione e l’apertura, nella finestra principale basterà premere control+v sulla tastiera ed incollare quanto prima avrete già selezionato e poi copiato. Partirà l’analisi ed intanto potrete scegliere i parametri che si possono anche lasciare tali, ma anche modificarli a proprio piacimento, dalla qualità normale a quella alta, o bassa ed anche i formati dei files ed altri parametri. Si può anche estrarre l’audio solo, senza video, dal file multimediale. Ora io ne spiegherò le funzionalità da tastiera avvalendomi dello screen reader Nvda come ampiamente sottolineato.

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

SCARICATE DUNQUE IL PROGRAMMA: 4kvideodownloader_4.4.11_x64   Salvate il file che è in formato compresso .zip e decomprimetelo ed eseguite il file .msi. Portate a termine l’installazione ed avviate il programma dall’icona sul desktop, a meno che non decidiate di avviarlo immediatamente, ciò sarà già possibile di default poichè come quasi tutti i programmi, ha la casella spuntata per avviarsi dopo la fine dell’installazione.

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

Per scaricare da Youtube fare come segue: aprire Youtube e trovare il video desiderato, selezionarlo con control+l o con f6 e quindi copiare la selezione con control+c. Quindi iconizzare e tornare sulla finestra del programma 4K Video Downloader ed incollare con control+v quanto prima selezionato e copiato. Nvda reciterà “dialogo, analisi, Annulla”, attendete qualche secondo e di tab troverete proseguendo il pulsante Download Enter sul quale, dando Spazio o Invio, potrete scaricare il video. Ora alcune doverose precisazioni: andando di Tab è comunque tutto abbastanza intuitivo, intanto durante l’analisi troverete il pulsante per interromperla, poco dopo lascerà il posto al pulsante Download Enter Pulsante. Nella finestra potrete decidere la Qualità del video, se di Alta qualità, che di default non è attivata, è un pulsante radio, così come la Qualità normale, altro pulsante radio, si attivano singolarmente o uno o l’altro, con lo spazio, se attiverete uno, automaticamente si disattiverà l’altro e si trovano andando di tab, dopo il pulsante Annulla. Anzi, vi sono 2 pulsanti radio per la Qualità Normale, cambiano altri parametri come 360P ed anche ovviamente il peso del file, potrete leggere tutto il completamento della finestra con la navigazione ad oggetti di Nvda, muovendovi con il tasto Nvda (solitamente Insert della tastiera estesa, comunque lo saprete voi 🙂 )+ i tasti 4 e 6 del tastierino numerico, mi raccomando con il tastierino spento, così avrete una panoramica completa di ciò che solo di tab non si legge.

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

Vi è anche, sempre di tab, il pulsante radio per la Bassa risoluzione. Al prossimo Tab la sintesi vocalizza “Down casella combinata nessuno” e, controllando come vi ho suggerito, con la navigazione ad oggetti di Nvda, scoprirete che quel “nessuno” è riferito alla voce “Scaricamento sottotitoli”, se infatti espandete il menù a tendina, avrete anche la voce “Italiano trascritto”. Lasciate la freccia sull’elemento dei 2, desiderato e quello resterà selezionato. In realtà sono numerose queste caselle, più avrete memorizzato video, più ve ne saranno, comunque, una volta terminata la serie di queste caselle combinate, tutte relative allo “Scaricamento sottotitoli” con le stesse 2 opzioni: “Nessuno” ed “Italiano trascritto”,  sempre andando di Tab, troverete un Riquadro, quindi ancora Tab ed avremo un’altra casella combinata: “DOWN casella combinata scarica video” ed è l’impostazione dunque di default. Se espandete la casella con la freccia verticale, sarete su “Estrai audio” che Nvda subito non vocalizza, però fidatevi, basterà premere tab e poi shift+tab e sentirete questa volta “Down casella combinata Estrai audio”. Ora, se lasciate su “Scarica video”, i formati che troverete andando di Tab sono relativi ovviamente ai video, avremo sempre una casella combinata con il file in .mp4, l’estensione migliore per i video secondo me, fruibile per tutti i dispositivi. Se espandete la casella dei video, oltre a .mp4, avrete almeno anche MKV e 3gp, io parlo della versione Standard del programma, vi è anche la versione Pro, se lo desiderate, acquistabile ed attivabile dal programma stesso.

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

Ancora ci muoviamo di Tab e dopo un nuovo Riquadro, avremo il percorso della cartella in cui viene salvato il file ed anche il nome del file medesimo. Al prossimo tab come di solito, abbiamo il pulsante Sfoglia che ci permette di Modificare il percorso di destinazione. A voi la scelta.  Ancora Tab ed abbiamo un altro Riquadro, che corrisponde al Pulsante Annulla (tutti i confronti fateli in parallelo tra la navigazione ad oggetti ed i movimenti di Tab descritti). Dopo il Riquadro, ecco “Download Enter Pulsante”, premete Spazio o Invio ed il vostro file sarà nel vostro PC. Se iconizzate comunque con alt+tab tornando poi sul programma, nella finestra di dialogo, sentirete tutti i dettagli dello scaricamento recitati dalla sintesi. Questo anche prima di scaricare, proprio ad esempio qui sino a questo punto che vi ho descritto. Ora, i files scaricati, non sono immediatamente accessibili, si potranno scorrere con la freccia e si udiranno soltanto elementi come “riga 1, riga 2, riga 3 etc..” e per ciascuno “selezionato” o “non selezionato”, però vi suggerisco questo escamotage: posizionatevi su una delle righe, ovviamente se avrete un solo file, la prima sarà inequivocabilmente quello, le altre righe sono in cronologia e dunque scendendo di freccia saranno sempre più vecchi i video; premendo su uno qualunque di essi, il tasto applicazioni, potrete accedere ad un menù che contempla molte voci, tra cui Riproduci e subito dopo “Visualizza nella cartella”, poi ve ne sono molte altre utili, come poter copiare il link, aprire il link nel browser etc… Così potrete, dando Invio su “Visualiza nella cartella”, entrarvi direttamente e leggere e fare ciò che volete dei vostri files.

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

Prima vi dicevo che quando scegliete la qualità audio, dove vi ho spiegato, mentre di default per i video c’è l’mp4, per gli audio di default vi è il file .mp3 ed espandendo, altri formati. Alle altre voci del programma, si può accedere premendo alt e poi di tab avrete 4 voci principali: File, Download, Strumenti ed aiuto. Ma, dopo aver premuto alt, potrete anche usare le frecce orizzontali e verticali e troverete ancora altri menù.

CONCLUSIONI

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

Nonostante qualche escamotage, ritengo che il programma sia di fatto gestibile e che faccia il suo dovere, oltretutto permette di scaricare anche da altre piattaforme, gode di supporto e la possibilità di inviare dei feedbacks, cosa che ho già personalmente fatto con gli sviluppatori in modo da migliorare le pecche e le mancanze ancora presenti in ambito Accessibilità.

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

E voi che ne pensate? Vi siete trovati bene dopo aver letto questa piccola guida? Non mancate di farmelo sapere usando tutti i modi messi a disposizione qui sul sito. Likes e Condivisioni sono sempre bene accetti! 🙂 Buona navigazione!     

STAMPA

Accessibilità, Aggiornamenti, Nvda, Procedure, Tecnologia

L’EQUALIZZATORE IN WINDOWS 10

L’EQUALIZZATORE IN WINDOWS 10

COME LAVORARE SUI TONI DI CASSE O ALTOPARLANTI

INDICE

L’EQUALIZZATORE IN WINDOWS 10

•INTRODUZIONE•PROCEDURA•CONCLUSIONI

INTRODUZIONE

L’EQUALIZZATORE IN WINDOWS 10

Alcuni sistemi Windows offrono la possibilità di aggiungere un equalizzatore personalizzabile all’interno della finestra “Audio”, nel quale sono raccolte tutte le impostazioni di configurazione dell’impianto audio del sistema. Usando alcuni computer Windows e qualsiasi modello di Mac occorre installare un software di terze parti per poter regolare il livello dei bassi. A tal proposito ad esempio vi è Equalizer Apo per Windows oppure eqMac appunto per Mac. Io però mi concentrerò in questo articolo, sulla funzione nativa presente inWindows, nelle Impostazioni Audio nella sezione Riproduzione.

L’EQUALIZZATORE IN WINDOWS 10

NOTA:

In questa guida, fornirò indicazioni comprensibili anche per chi usufruisce, come me, di lettori di schermo, nel mio caso, prediligo sempre Nvda, ai vedenti ricordo che dare Invio significa “cliccare”, che il tasto Applicazioni o anche la combinazione nativa di Windows shift+f10, equivalgono al click destro del Mouse. Per dubbi o domande, sono a disposizione i box ed i campi appositi e gli strumenti da memessi a disposizione nel sito per contattarmi o per evidenziare riscontri, problemi o approfondimenti.

PROCEDURA

L’EQUALIZZATORE IN WINDOWS 10

é necessario raggiungere la sezione Audio nelle impostazioni di Windows 10 (comunque vale questa procedura per tutte le versioni di Windows ancora supportate); a tal proposito è sufficiente premere Start, il tasto con il logo di Windows e digitare semplicemente “audio” senza le virgolette. Apparirà tra i suggerimenti il primo, che si vedrà a schermo e sarà recitato dalla vostra sintesi: “Audio Pannello di controllo” seguito peraltro dalnumero di elementi che riconducono al termine da voi ricercato, ad esempio 1 di 12. Dare Invio (cliccare) qui. Nella finestra che si apre, saremo già nella Scheda Riproduzione, dobbiamo scegliere dall’elenco ovviamente il dispositivo di riproduzione predefinito, lo troviamo con la freccia della tastiera scendendo verticalmente e presumibilmente sarà Speakers; Realtek High Definition Audio, altrimenti trovare quello predefinito. Premere il Tasto Applicazioni (tasto destro Mouse) e con la freccia trovare la voce “Proprietà” ed entrarvi (dando Invio o cliccando). La sintesi reciterà “Proprietà Speakers dialogo” Saremo sul campo editazione con il nome degli altoparlanti, premere la combinazione di tasti Shift+Tab e saremo sull’elenco delle Schede della sezione Audio. Sentiremo “Pagina: Generale 1 di 5” il che vuol dire che vi sarano 5 schede. Per muoversi attraverso esse, possiamo usare la freccia orizzontale oppure la combinazione di tasti control+tab per scorrerle in avanti o control+shift+tab per scorrerle all’indietro. Ci dobbiamo posizionare sulla terza scheda: Miglioramenti (tab). A questo punto ci muoviamo di Tab, il terzo sarà quello che ci interessa, ovviamente nel primo assicuratevi che la casella di controllo relativa sia disabilitata: “Disabilita tutti gli effetti sonori” altrimenti che ci stiamo a fare qui? 🙂 Detto ciò, al secondo tab abbiamo la Modalità Immediata, di default attivata, lasciarla così. Eccoci al terzo Tab: “Selezionare gli effetti sonori da applicare alla configurazione d’ascolto corrente: le modifiche potrebbero non avere effetto fino al successivo avvio della riproduzione”. Quindi si udirà (e comunque si vedrà a schermo) un “elenco” costituito da, o meglio, accompagnato da, relative Caselle di controllo, da scorrersi con la freccia verticale. Le 2 voci che accompagnano ogni casella di controllo sono “selezionato” e “non attivato” o “attivato” se usiamo la barra spazio per passare ovviamente in maniera alternativa tra l’attivazione e la disattivazione. Con la freccia troviamo “Equalizzatore casella di controllo selezionato non attivato”. Attiviamo con Spazio. A questo punto un colpo di Tab ed udiremo “Proprietà effetti sonori gruppo descrizione: Impostazione casella combinata nessuno non espanso” (o chiuso con altri lettori di schermo come Jaws), per chi vede vi è un classico menù a tendina. Lo espandiamo con la freccia verticale e troveremo tutto ciò che ci può essere utile, ad esempio: pop, rock, dal vivo, Club, bassi, alti, vocale, potente, dance, leggero, party, Classica, jazz. Restare con la freccia sull’opzione desiderata e di tab portarsi al pulsante OK e premere Invio. Resta la finestra di Riproduzione Audio ancora aperta, andare di tab sino al Pulsante OK e premere anche qui Invio per chiuderla. Il gioco è fatto.

CONCLUSIONI

L’EQUALIZZATORE IN WINDOWS 10

• Anche se possono essere molto costosi, i programmi per la gestione del comparto audio del computer offrono un controllo completo e profondo di tutte le impostazioni di configurazione del sistema. È il caso per esempio di Graphic Equalizer Studio per computer Windows e Boom 2 per Mac. Però con le funzioni native di Windows si raggiungono effetti sufficienti per necessità immediate, senza troppo complicarsi la vita installando ulteriori softwares. Anche programmi come Audacity hanno effetti e configurazioni che, se approfondite, potrebbero tornare utili.

L’EQUALIZZATORE IN WINDOWS 10

Avvertenze
• La regolazione dei bassi di un qualsiasi impianto audio è un processo che va eseguito per tentativi, quindi non avere fretta e non aver paura di provare diverse configurazioni per scegliere quella che ti sembra la migliore.

TI è PIACIUTO L’ARTICOLO?

Hai dei Feedbacks o delle opinioni in proposito? Fallo sapere attraverso gli strumenti del sito e se lo hai trovato utile, metti Mi piace o condividilo sui Socials. BUONA NAVIGAZIONE!     

STAMPA

Accessibilità, Aggiornamenti, Notizie, Nvda, Procedure, Tecnologia

COLLEGAMENTO AL DESKTOP IN WINDOWS 10

COLLEGAMENTO AL DESKTOP IN WINDOWS 10

INTRODUZIONE

COLLEGAMENTO AL DESKTOP IN WINDOWS 10

Se siete giunti qui, è perchè vorreste creare un

Collegamento al desktop in Windows 10

Ed io sono qui per darvi un utile trucchetto

PROCEDURA

COLLEGAMENTO AL DESKTOP IN WINDOWS 10

Aprire “Esegui”, risorsa comodamente raggiungibile da tutti premendo, sulla tastiera, la combinazione di tasti Windows+r A questo punto nella casella vuota (se vi è scritto qualcosa già memorizzato in precedenza eliminarlo con  Canc) ed incollare la seguente stringa:

%windir%\explorer.exe shell:::{4234d49b-0245-4df3-b780-3893943456e1}

COLLEGAMENTO AL DESKTOP IN WINDOWS 10

A questo punto si aprirà la finestra con l’elenco dei programmi; per chi fa uso di sintesi vocale o lettori di schermo, Nvda ad esempio vi reciterà “desktop elenco” e dopo un secondo circa si udirà “applications” e se subito non apparisse l’icona in primo piano, trovarla iconizzando con alt+tab. Una volta in questa finestra, basterà trovare ad esempio l’App Posta,una volta su di essa (lei o, ripeto, qualunque altra app), usare il tasto destro per chi fa uso di Mouse o il Tasto applicazioni per chi si avvale della tastiera e dal menù contestuale che appare cliccando di destro o tasto applicazioni (dopo aver premuto tale tasto, ricordo, usare la freccia per scorrere le voci presenti), posizionarsi su “Crea collegamento” e cliccare o premere Invio sulla tastiera. Nella nuova finestra che si apre, potrebbe esservi notificato: “impossibile creare un collegamento in questa posizione. Creare un collegamento al desktop?”. Cliccare o dare Invio su Sì ed il gioco è fatto.

CONCLUSIONI

COLLEGAMENTO AL DESKTOP IN WINDOWS 10

In questa breve guida abbiamo visto come creare un Collegamento al desktop con qualsiasi app in Windows 10 e vale anche per Windows 8. Voi conoscevate tale procedura? Cosa ne pensate? Se vi è piaciuto, condividetelo e comunque commentatelo negli appositi box del sito. Buona navigazione e buona permanenza.       

STAMPA

Accessibilità, Aggiornamenti, Notizie, Tecnologia, Ultim'ora

INSTAGRAM: FOTO ACCESSIBILI AI NON VEDENTI

INSTAGRAM: FOTO ACCESSIBILI AI NON VEDENTI

AGGIORNAMENTO DELLE 13:58

DI VENERDì 30 NOVEMBRE 2018

SOMMARIO

INSTAGRAM: FOTO ACCESSIBILI AI NON VEDENTI

Instagram, AI legge foto a non vedenti
Tecnologia di riconoscimento oggetti genera descrizione scatti

 

TECNOLOGIA/ULTIM’ORA

TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

INSTAGRAM: FOTO ACCESSIBILI AI NON VEDENTI

Instagram sfrutta l’intelligenza artificiale per descrivere le foto, in modo da andare incontro alle esigenze dei 285 milioni di persone che nel mondo hanno problemi di vista. Il social network delle immagini ha annunciato l’introduzione di un testo automatico abbinato a ogni foto, a disposizione di chi usa i software che leggono i testi su siti e applicazioni.

La funzione usa la tecnologia di riconoscimento degli oggetti per generare una descrizione delle foto attraverso gli oggetti contenuti negli scatti, così da consentire agli ipovedenti di usare la piattaforma.

Sempre sul fronte dell’accessibilità, Instagram offre un’alternativa al riconoscimento automatico degli oggetti: le descrizioni fatte da chi pubblica le foto. Gli utenti possono decidere di scrivere un testo descrittivo da abbinare ai loro scatti, a vantaggio di chi ha difficoltà a vedere le immagini.     

STAMPA

Accessibilità, Aggiornamenti, Android, Manuali, Procedure, Tecnologia

VOCI VOCALIZER E TALKBACK

VOCI VOCALIZER E TALKBACK

SE IL CELLULARE SMETTE DI PARLARE COSA FARE?

SCOPRITELO IN QUESTA PICCOLA GUIDA

VOCI VOCALIZER E TALKBACK

Con questo articolo mi rivolgo ovviamente a chi fa uso dei cellulari con terminale Android e che necessitano delle funzioni di Accessibilità.

VOCI VOCALIZER E TALKBACK

Siccome può accadere che l’utilizzo di Talkback o Assistente vocale vadano in conflitto con motori di sintesi vocali diverse da quelle Samsung o Google, può avvenire che una persona con disabilità visiva possa restare “a piedi” giacchè appunto tale convivenza può portare allo scorretto funzionamento dell’output vocale. Più che concentrarmi sul perchè, la mia premura qui è fornire velocemente la soluzione, peraltro presente essa stessa nelle impostazioni avanzate dello stesso Motore di sintesi vocale Vocalizer. Invece di cercare soluzioni nelle impostazioni di Talkback o Assistente vocale, le stesse impostazioni delle voci Vocalizer offrono la possibilità di non restare privi di supporto vocale.

PROCEDURA

VOCI VOCALIZER E TALKBACK

Per risolvere questo problema, attenersi alla seguente procedura:

Si ricorda che vi sono molti cellulari che u sufruiscono dei terminali Samsung; le mie indicazioni fanno riferimento al Samsung Galaxy S9+ con la versione Android più recente installata, vale comunque per tutti i principali cellulari Android. Ognuno dovrà arrivare comunque alle Impostazioni all’interno della sezione Accessibilità.

VOCI VOCALIZER E TALKBACK

Andare dunque nelle Impostazioni del proprio cellulare, quindi scorrere in tali Impostazioni sino ad “Accessibilità” ed entrarvi. Una volta qui scorrere sino alla dicitura “Da testo a voce” e qui entrarvi.  Nella nuova schermata che si apre, scorrendo, troveremo “Motore preferito” accompagnato (la sintesi vocale o dirà) da quello che è attualmente il vostro Motore diSintesi preferito. Entriamo in questo elemento specifico. Vi verranno elencati quanti elementi fanno parte di questo menù e scorrendo troveremo le diciture “Motorepreferito” seguita, tale dicitura, il che si ottiene scorrendo con i flicks sulo schermo, dai nomi dei vari Motori di sintesi installati, per esempio: Motore sintesi vocale Samsung e scorrendo ancora avremo accanto a ciascun motore, il suo pulsante di Opzione che verrà detto se è Selezionato o Non selezionato; per selezionarlo: doppio tap; idem per deselezionarlo. Se non lo abbiamo ancora fatto, eseguiamo il doppio tap (ricordo ai vedenti che il doppio tap è applicabile all’accessibilità che tuttavia si avvale anche del tocco singolo sperimentale), sul pulsante che segue e che dunque accompagna la dicitura “Vocalizer da testo a voce” e quindi lo selezioniamo.

VOCI VOCALIZER E TALKBACK

A questo punto dobbiamo tornare indietro di una schermata, solitamente con il tasto Indietro che sta in basso a destra(o con i gesti specifici) e ci ritroviamo all’interno della schermata “Da testo a voce” e scorrendo o comunque toccando lo schermo, sentiremo questa volta “Motore preferito: Vocalizer da testo a voce”, ancora un flick ed avremo “Impostazioni pulsante”. Qui doppiotappare per entrare.  Sentiremo ripetere “Impostazioni” e la visualizzazione di tutti gli elementi che nel mio caso sono 31. Li scorriamo (ora arrivo al sodo senza tratarli, magari in futuro su richiesta).

VOCI VOCALIZER E TALKBACK

Dobbiamo scorrere sino alle impostazioni Avanzate, esattamente la voce reciterà “avanzato”, ma non è un elemento cliccabile o tappabile, ma introduce comunque a tali impostazioni. La prima concerne la lingua ed è accompagnata da una casella di controllo (sempre si interagisce con il doppio tap) e decidete a vostro comodo. Se la casella è deselezionata, il prossimo flick vi dirà che la lingua di default è disattivata ovviamente. Il prossimo flick è il nostro punto focale:

“Usa un Da testo a voce alternativo, se non è disponibile nessuna voce di Vocalizer per la lingua selezionata verrà utilizzato un da testo a voce alternativo”, questo che ho virgolettato è accompagnato dalla casella di controllo che si può come la precedente selezionare/deselezionare doppiotappando. Selezionarla e non resterete più privi di voce. Prima però, fare ancora un flick e sentiremo qual è, se abbiamo selezionato la casella, il “da testo a voce alternativo” ad esempio “Da testo a voce alternativo Motore Sintesi vocale Samsung”. Vogliamo decidere quale “da testo a voce alternativo” scegliere? Doppio tap su questa voce, non fosse chiaro 🙂 il “da testo a voce alternativo” accompagnato dal motore attuale e sentiremo “Da testo a voce alternativo” e scorrendo avremo fondamentalmente i 2 elementi, ciascuno accompagnato da “selezionato” e “non selezionato” naturalmente: se avremo selezionato il Motore Sintesi vocale Samsung, avremo il Motore di sintesi Google non selezionato. Scegliamo come preferiamo. Nel caso andasse bene già uno dei 2 presenti, doppiotappare su Annulla.

CONCLUSIONI

VOCI VOCALIZER E TALKBACK

Abbiamo visto in questa breve guida come risolvere l’eventuale conflitto tra i vari Motori di sintesi vocale. Qualcuno di voi conosceva questa impostazione? C’è chi si è imbattuto in tale problema? Potete sia commentare negli appositi box l’articolo,sia  segnalare le vostre esperienze e condividere e mettere un bel Like al post se ovviamente è di vostro gradimento.

Alla prossima e buona navigazione. Non prima di avervi ricordato che tutte le questioni di accessibilità sul mio sito le potete trovare cliccando qui   

STAMPA

Accessibilità, Aggiornamenti, Nvda, Procedure, Tecnologia

REGISTRARE SCHERMO PC CON NVDA

REGISTRARE SCHERMO PC CON NVDA

INTRODUZIONE

REGISTRARE SCHERMO PC CON NVDA

Avete necessità di registrare qualsiasi contenuto dallo schermo del vostro PC e conservarne il file, o per condividerlo, o per una miriade di ragioni? Oltre a fare ciò, desiderereste poterlo effettuare in autonomia, anche se siete non vedenti? Allora siete nel posto giusto.

REGISTRARE SCHERMO PC CON NVDA

 

Direi però che non vale ovviamente solo per chi è non vedente, penso che un po’ a tutti possa essere utile, per cui, anche se questa mia guida riflette le necessità in particolare di chi è non vedente, vale certamente per tutti. Anzi, magari, siccome opererò da tastiera, potrà reimparare un po’ quanto è utile, anche senza avvalersi del mouse, che ritengo comunque, come non vedente, indispensabile ed è bene saperlo padroneggiare, ma questa è un’altra storia.

COMPOSIZIONE DELLA GUIDA

Siccome molte delle operazioni che compirò, è bene ascoltarle, produrrò una parte scritta, in particolare per riportare da dove reperire il file del programma, poi passerò alla parte audio per la descrizione del lavoro da fare con uno screenreader. Ho altresì pensato di caricarne anche un file video, proprio facendo uso del programma che sto per andare a presentarvi, ma per ora la priorità è sottolinearne il suo utilizzo, in ambito Accessibilità. Se qualcuno fosse interessato ad una eventuale dimostrazione video, vedrò di realizzarla, anche se tale situazione non viene agevolata affatto poichè mentre uso il programma per registrare, devo altresì farne uso per dimostrare come funziona, dunque dovrei in quel frangente usare almeno 2 pc.

REGISTRARE SCHERMO PC CON NVDA

Bene, direi che è giunto il momento di presentarvi il programma in questione.

REGISTRARE SCHERMO PC CON NVDA

FLASHBACK EXPRESS RECORDER

é questo il nome del fantastico programma che ho scoperto personalmente navigando tra i fitti meandri della rete. Certo, ve ne sono di più famosi ed apparentemente più intriganti, però, ahimè, in ambito Accessibilità, essi latitano abbastanza. Siccome per mie necessità, ho dovuto trovare una soluzione, eccola. Non prima di aver detto che vi sono anche comode estensioni per Chrome, che però, se si ha un po’ fretta, prima di completare Uploading e conversione, non sono di certo l’ideale.

REGISTRARE SCHERMO PC CON NVDA

INSTALLAZIONE DI FLASHBACK EXPRESS RECORDER

Il programma FlashBack Express Recorder esiste in una versione gratuita ed una a pagamento. Per fare ciò che spiegherò in questa guida, è sufficiente la versione gratuita, quella Pro fondamentalmente aggiunge la possibiità di convertire in più formati e non solo .wmv, ma noi lo possiamo fare avvalendoci di tools esterni, se vogliamo convertire il file .wmv, ad esempio Format Factory.

REGISTRARE SCHERMO ED AUDIO DEL PC CON NVDA COME LETTORE DI SCHERMO

Dunque, per scaricare il programma in una delle 2 versioni a scelta, è sufficiente cliccare sulla PAGINA DEL SITO UFFICIALE DI FLASHBACK EXPRESS RECORDER  Nella pagina che si apre, è sufficiente cliccare sul link “Scaricare” oppure “Acquistare”; nel primo caso apparirà il pulsante “PROVA IL FLASHBACK GRATUITAMENTE”, nel secondo il pulsante “PROVA IL FLASHBACK PRO”. Cliccato sul pulsante scelto, di quelli testè nominati, si aprirà la pagina di download e potrete salvare il file e se non dovesse partire, vi è a disposizione il link per forzarlo. Nota: non è il più delle volte necessario, appena aperta la pagina del link sopra citato, cliccare su “Scaricare”, poichè è sufficiente, da tastiera, raggiungere con la lettera b il pulsante per la prova gratuita o per quella pro, dunque è assai agevole. Una volta salvato il file, vi troverete appunto l’eseguibile salvato con un nome come questo: bbflbk5.exe (ora siamo alla versione 5). Portate avanti l’installazione normalmente, lasciate le impostazioni suggerite e terminate l’installazione.

REGISTRARE SCHERMO PC CON NVDA

LA GUIDA AUDIO

A questo punto, vi lascio con la parte scritta, almeno per il momento e passo a quella parlata 🙂

REGISTRARE SCHERMO ED AUDIO DEL PC CON NVDA COME LETTORE DI SCHERMO

TUTORIAL PER L’USO DI FLASHBACK EXPRESS RECORDER CON NVDA

Oggi abbiamo visto che è possibile anche usando le Tecnologie Assistive, effettuare operazioni che in realtà sembrano precluse ai non vedenti, invece si possono effettuare in totale autonomia. E voi cosa ne pensate? Avete trovato utile questa guida? Condividetela e fatemi sapere al riguardo, negli appositi box del sito. Buona navigazione!