Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Tecnologia, Ultim'ora

SEDE FACEBOOK EVACUATA: MINACCIA BOMBA

SEDE FACEBOOK EVACUATA: MINACCIA BOMBA

AGGIORNAMENTO DELLE 04:05

DI MERCOLEDì 12 DICEMBRE 2018

SEDE FACEBOOK EVACUATA: MINACCIA BOMBA

 

NEW YORK

– La sede di Facebook a Menlo Park è stata evacuata per una minaccia bomba. Lo riportano i media americani citando la polizia locale. Secondo indiscrezioni, l’allarme è scattato su segnalazione della polizia di New York.     

STAMPA

Annunci
Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO. ATTENTATO STRASBURGO

MONDO. ATTENTATO STRASBURGO

TUTTE LE ULTIMISSIME DAL MONDO, CON, IN DETTAGLIO,

TUTTO SULL’EVOLUZIONE DI QUANTO STA AVVENENDO IN QUESTE ORE NELLA LOCALITà FRANCESE

MONDO. ATTENTATO STRASBURGO

AGGIORNAMENTO DALLE 23:30 DI MARTEDì 11 DICEMBRE 2018

ALLE 03:55 DI MERCOLEDì 12 DICEMBRE 2018

SOMMARIO

MONDO. ATTENTATO STRASBURGO

Strasburgo,sindaco chiude mercato Natale
Decretata una giornata di lutto

Strasburgo, non si può uscire da PE’Il centro non è ancora messo in sicurezza e accessibile’

Strasburgo,sindaco:4 morti e 10 feritiLe dichiarazioni di Roland Ries riportare da media locali

Trump, impeachment non mi preoccupaIntervista a Reuters: ‘Non ho fatto nulla di sbagliato’

Khashoggi: Trump con Arabia SauditaIntervista a Reuters, nonostante pressing senatori

Strasburgo: UE, attentatore forse ferito’Caccia all’uomo continua. Centro storico non è ancora sicuro’

Trump, ‘errore se Fed alza i tassi’Intervista a Reuters, serve flessibilità con battaglia commercio

Strasburgo: da Macron consiglio difesaSi terrà al termine del consiglio dei ministri

Strasburgo, Castaner: 350 cercano killerConferma 4 morti, 12 feriti. Rafforzati controlli a frontiere

Strasburgo, Francia alza livello allertaMobilitati mezzi eccezionali su tutto il territorio nazionale

MONDO. ATTENTATO STRASBURGO

MONDO/ULTIM’ORA TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

MONDO: ATTENTATO STRASBURGO

STRASBURGO

Il sindaco di Strasburgo Roland Ries ha deciso che nella giornata di mercoledì il mercato di Natale resterà chiuso. Il primo cittadino del capoluogo alsaziano ha decretato una giornata di lutto. Tutti gli spettacoli saranno annullati, mentre non è stata presa una decisione su una eventuale chiusura delle scuole della città. Lo riferiscono i media locali.

– STRASBURGO

– “Cari deputati, cari colleghi la prefettura ci ha informati che non possiamo ancora uscire dall’edificio” del Parlamento europeo. “Prima sarà evacuato un altro sito e poi sarà la volta del Parlamento europeo. Lo rende noto la sicurezza dell’Eurocamera.
“Il centro” di Strasburgo “non è ancora messo in sicurezza e accessibile”, precisa la nota.

– STRASBURGO

– Il sindaco di Strasburgo Roland Ries conferma che il bilancio della sparatoria è di quattro morti e di una decina di feriti. Lo scrivono i media locali.
– NEW YORK

– Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un’intervista alla Reuters, non si dice preoccupato per un suo impeachment: “È difficile” procedere con “l’impeachment di qualcuno che non ha fatto nulla di sbagliato”.

– NEW YORK

– Donald Trump, in un’intervista alla Reuters, ribadisce il proprio sostegno al principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, nonostante le valutazioni della Cia sulla morte del giornalista Jamal Kashoggi e le pressioni dei senatori americani affinché condanni il principe. “Mohammed bin Salman – afferma Trump nel corso dell’intervista – è il leader dell’Arabia Saudita: un buon alleato”.
Kashoggi e i giornalisti sono stati incoronati nelle ultime ore da Time come ‘persona dell’anno’.

– STRASBURGO

– “La polizia francese è ancora alla ricerca del terrorista” della sparatoria a Strasburgo, “probabilmente è ferito ma non è ancora stato ubicato, la caccia all’uomo continua”. Lo ha detto in Plenaria il presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani. “Il centro storico non è ancora sicuro”, ha aggiunto.

– NEW YORK

– “La Fed sarebbe pazza ad aumentare i tassi di interesse: farlo la settimana prossima sarebbe un errore”. Lo afferma il presidente americano, Donald Trump, in un’intervista alla Reuters, sottolineando di aver bisogno di una flessibilità dei tassi nell’ambito della battaglia commerciale.

– STRASBURGO

– Il presidente francese Emmanuel Macron “riunirà un consiglio ristretto della difesa nella giornata di oggi (mercoledì), al termine del consiglio dei ministri tenuto conto dell’attacco a Strasburgo”. Lo ha annunciato l’Eliseo, scrive Le Figaro.

– Quattro morti e dodici feriti, alcuni dei quali in condizioni molto gravi: è il bilancio sull’attentato al mercatino di Natale di Strasburgo tracciato dal ministro degli interni francese, Christophe Castaner, nel corso di una conferenza che si è appena conclusa.
Castaner ha confermato che circa 350 uomini stanno cercando il killer: già noto alle forze dell’ordine, ferito, e che si sarebbe dileguato in taxi. Oggi le scuole rimarranno chiuse, la cittadinanza è invitata a limitare gli spostamenti. Rafforzati i controlli alle frontiere.

– STRASBURGO

– Il governo francese ha alzato il livello di allerta al grado di “emergenza attentato”, con il controllo rafforzato dei suoi confini. Lo ha detto il ministro degli Interni francese, Christophe Castaner.
Il “piano Vigipirate” viene aumentato e passa così al livello di “emergenza attentato”, che consente di mobilitare mezzi eccezionali su tutto il territorio nazionale. Tutti i mercati di Natale saranno rafforzati.     

STAMPA

Accessibilità, Aggiornamenti, Nvda, Procedure, Tecnologia

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

INDICE

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

•PREMESSA•USO DEL PROGRAMMA IN PARTICOLARE CON IL LETTORE DI SCHERMO NVDA•CONCLUSIONI

INTRODUZIONE

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

In questa guida andrò a spiegare come funziona il programma 4K Video Downloader ottimo programma alternativo a Songr per scaricare da Youtube. Premetto che scaricare da Youtube, se non si ha l’account Premium, così come da altri siti, in maniera impropria, è illegale ed io non mi assumo di certo la responsabilità di ciò che farete, mi permetto di sottolineare che tale programma non l’ho creato io e siccome esiste e funziona, io appunto non farò altro che riportare cose messe a disposizione dall’informatica. Detto ciò, siccome sembra che il vecchio caro Songr vada verso la sua fine, a meno di non provare ad usarne versioni più vecchie, cosa che sconsiglio per altre ragioni, vi dico che in effetti non mancano le possibilità alternative per raggiungere lo scopo, dai siti online ai programmi appunto, uno dei quali, è proprio quello che sto per presentarvi.

USO DEL PROGRAMMA IN PARTICOLARE CON IL LETTORE DI SCHERMO NVDA

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

Per tutti, anche i vedenti, in linea generale l’uso del programma è semplicissimo, dopo l’installazione e l’apertura, nella finestra principale basterà premere control+v sulla tastiera ed incollare quanto prima avrete già selezionato e poi copiato. Partirà l’analisi ed intanto potrete scegliere i parametri che si possono anche lasciare tali, ma anche modificarli a proprio piacimento, dalla qualità normale a quella alta, o bassa ed anche i formati dei files ed altri parametri. Si può anche estrarre l’audio solo, senza video, dal file multimediale. Ora io ne spiegherò le funzionalità da tastiera avvalendomi dello screen reader Nvda come ampiamente sottolineato.

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

SCARICATE DUNQUE IL PROGRAMMA: 4kvideodownloader_4.4.11_x64   Salvate il file che è in formato compresso .zip e decomprimetelo ed eseguite il file .msi. Portate a termine l’installazione ed avviate il programma dall’icona sul desktop, a meno che non decidiate di avviarlo immediatamente, ciò sarà già possibile di default poichè come quasi tutti i programmi, ha la casella spuntata per avviarsi dopo la fine dell’installazione.

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

Per scaricare da Youtube fare come segue: aprire Youtube e trovare il video desiderato, selezionarlo con control+l o con f6 e quindi copiare la selezione con control+c. Quindi iconizzare e tornare sulla finestra del programma 4K Video Downloader ed incollare con control+v quanto prima selezionato e copiato. Nvda reciterà “dialogo, analisi, Annulla”, attendete qualche secondo e di tab troverete proseguendo il pulsante Download Enter sul quale, dando Spazio o Invio, potrete scaricare il video. Ora alcune doverose precisazioni: andando di Tab è comunque tutto abbastanza intuitivo, intanto durante l’analisi troverete il pulsante per interromperla, poco dopo lascerà il posto al pulsante Download Enter Pulsante. Nella finestra potrete decidere la Qualità del video, se di Alta qualità, che di default non è attivata, è un pulsante radio, così come la Qualità normale, altro pulsante radio, si attivano singolarmente o uno o l’altro, con lo spazio, se attiverete uno, automaticamente si disattiverà l’altro e si trovano andando di tab, dopo il pulsante Annulla. Anzi, vi sono 2 pulsanti radio per la Qualità Normale, cambiano altri parametri come 360P ed anche ovviamente il peso del file, potrete leggere tutto il completamento della finestra con la navigazione ad oggetti di Nvda, muovendovi con il tasto Nvda (solitamente Insert della tastiera estesa, comunque lo saprete voi 🙂 )+ i tasti 4 e 6 del tastierino numerico, mi raccomando con il tastierino spento, così avrete una panoramica completa di ciò che solo di tab non si legge.

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

Vi è anche, sempre di tab, il pulsante radio per la Bassa risoluzione. Al prossimo Tab la sintesi vocalizza “Down casella combinata nessuno” e, controllando come vi ho suggerito, con la navigazione ad oggetti di Nvda, scoprirete che quel “nessuno” è riferito alla voce “Scaricamento sottotitoli”, se infatti espandete il menù a tendina, avrete anche la voce “Italiano trascritto”. Lasciate la freccia sull’elemento dei 2, desiderato e quello resterà selezionato. In realtà sono numerose queste caselle, più avrete memorizzato video, più ve ne saranno, comunque, una volta terminata la serie di queste caselle combinate, tutte relative allo “Scaricamento sottotitoli” con le stesse 2 opzioni: “Nessuno” ed “Italiano trascritto”,  sempre andando di Tab, troverete un Riquadro, quindi ancora Tab ed avremo un’altra casella combinata: “DOWN casella combinata scarica video” ed è l’impostazione dunque di default. Se espandete la casella con la freccia verticale, sarete su “Estrai audio” che Nvda subito non vocalizza, però fidatevi, basterà premere tab e poi shift+tab e sentirete questa volta “Down casella combinata Estrai audio”. Ora, se lasciate su “Scarica video”, i formati che troverete andando di Tab sono relativi ovviamente ai video, avremo sempre una casella combinata con il file in .mp4, l’estensione migliore per i video secondo me, fruibile per tutti i dispositivi. Se espandete la casella dei video, oltre a .mp4, avrete almeno anche MKV e 3gp, io parlo della versione Standard del programma, vi è anche la versione Pro, se lo desiderate, acquistabile ed attivabile dal programma stesso.

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

Ancora ci muoviamo di Tab e dopo un nuovo Riquadro, avremo il percorso della cartella in cui viene salvato il file ed anche il nome del file medesimo. Al prossimo tab come di solito, abbiamo il pulsante Sfoglia che ci permette di Modificare il percorso di destinazione. A voi la scelta.  Ancora Tab ed abbiamo un altro Riquadro, che corrisponde al Pulsante Annulla (tutti i confronti fateli in parallelo tra la navigazione ad oggetti ed i movimenti di Tab descritti). Dopo il Riquadro, ecco “Download Enter Pulsante”, premete Spazio o Invio ed il vostro file sarà nel vostro PC. Se iconizzate comunque con alt+tab tornando poi sul programma, nella finestra di dialogo, sentirete tutti i dettagli dello scaricamento recitati dalla sintesi. Questo anche prima di scaricare, proprio ad esempio qui sino a questo punto che vi ho descritto. Ora, i files scaricati, non sono immediatamente accessibili, si potranno scorrere con la freccia e si udiranno soltanto elementi come “riga 1, riga 2, riga 3 etc..” e per ciascuno “selezionato” o “non selezionato”, però vi suggerisco questo escamotage: posizionatevi su una delle righe, ovviamente se avrete un solo file, la prima sarà inequivocabilmente quello, le altre righe sono in cronologia e dunque scendendo di freccia saranno sempre più vecchi i video; premendo su uno qualunque di essi, il tasto applicazioni, potrete accedere ad un menù che contempla molte voci, tra cui Riproduci e subito dopo “Visualizza nella cartella”, poi ve ne sono molte altre utili, come poter copiare il link, aprire il link nel browser etc… Così potrete, dando Invio su “Visualiza nella cartella”, entrarvi direttamente e leggere e fare ciò che volete dei vostri files.

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

Prima vi dicevo che quando scegliete la qualità audio, dove vi ho spiegato, mentre di default per i video c’è l’mp4, per gli audio di default vi è il file .mp3 ed espandendo, altri formati. Alle altre voci del programma, si può accedere premendo alt e poi di tab avrete 4 voci principali: File, Download, Strumenti ed aiuto. Ma, dopo aver premuto alt, potrete anche usare le frecce orizzontali e verticali e troverete ancora altri menù.

CONCLUSIONI

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

Nonostante qualche escamotage, ritengo che il programma sia di fatto gestibile e che faccia il suo dovere, oltretutto permette di scaricare anche da altre piattaforme, gode di supporto e la possibilità di inviare dei feedbacks, cosa che ho già personalmente fatto con gli sviluppatori in modo da migliorare le pecche e le mancanze ancora presenti in ambito Accessibilità.

SCARICARE VIDEO DA YOUTUBE CON 4K VIDEO DOWNLOADER ED NVDA

E voi che ne pensate? Vi siete trovati bene dopo aver letto questa piccola guida? Non mancate di farmelo sapere usando tutti i modi messi a disposizione qui sul sito. Likes e Condivisioni sono sempre bene accetti! 🙂 Buona navigazione!     

STAMPA

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 15:21 DI MARTEDì 11 DICEMBRE 2018

ALLE 01:17 DI MERCOLEDì 12 DICEMBRE 2018

SOMMARIO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Iniesta in visita al Barça, Messi n.1
“5/o posto Pallone d’Oro non è però insulto,Giappone che pace..”

Barcellona multa Dembelè di 100mila euroRecidivo, giocatore si è presentato in ritardo ad allenamento

Derby Torino, manifesti ‘granata fogne’Sabato la stracittadina, si accende rivalità tifosi

Giudice B: sette fermati per un turnoAmmonizione con diffida per tecnico Brescia Corini

Sala, alternativa stadio area San SiroSindaco “Aspetto che Inter e Milan vengano da me ufficialmente”

Yaya Tourè rescinde, lascia Olympiacos”Separazione consensuale” tra club e 35enne ivoriano

Champions: Allegri, Ronaldo giocaTecnico Juve: “E’ una partita decisiva”

Allegri, la Champions più competitivaDai quarti sarà torneo difficilissimo, spero en plein italiane

Szczesny, su sintetico palla più velocePortiere Juventus, “ma io giocherei anche sulla sabbia”

Governo-Figc ‘5% diritti tv per i vivai’Giorgetti incontra Gravina e Miccichè, linea comune sui giovani

Di Francesco,la Roma deve cambiare rottaTecnico: “Se sono qui vuol dire che c’è la voglia di continuare”

Percassi, primo obiettivo salvezzaPresidente Atalanta: ‘Priorità settore giovanile e stadio’

Champions: Young Boys per l’onore, siamo migliorati moltoAll’andata Juve vinse 3-0, gara importante e prendiamo un punto

Champions League: Liverpool Napoli 1-0, Inter Psv 1-1. Italiane scivolano in Europa LeagueSalah interrompe il sogno degli azzurri. Milik nel finale spreca occasione per pareggiare. A San Siro non basta Icardi, solo pari con PSV. Nerazzurri e partenopei scivolano in Europa League

Derby Mole: Belotti, possiamo fare beneE sfida CR7, ‘è il più forte del mondo ma decide il campo’

Champions: Barcellona, Messi in panchinaFuori dai titolari anche Piquè, Jordi Alba, Rakitic e Busquets

Champions: Napoli eliminatoLiverpool vince 1-0, decide una rete di Salah

Champions:Inter eliminata, 1-1 con PsvPari del Camp Nou condanna i nerazzurri che non battono olandesi

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Visita a sorpresa di Andres Iniesta alla ‘Ciutat Esportiva Joan Gamper’ di Barcellona che è stata la sua casa per 22 anni. Il fuoriclasse spagnolo, che gioca oggi con i giapponesi del Vissel Kobe, ha salutato i suoi ex compagni, accompagnando il suo ritorno via twitter con un nostalgico e romantico: “Tornare è sempre speciale”.
Intervenuto poi a un evento pubblicitario ‘Don Andres’ ha parlato un pò di tutto, dal caso Dembelè (“E’ un giocatore molto valido per il Barça, deve correggere alcuni errori ma non uccidetelo”), al Pallone d’Oro appena assegnato: “Messi al 5/o posto non è un insulto, ma resta il miglior giocatore della storia, è un giocatore che ha tutto: testa, dribbling, destro, sinistro, non ho visto mai nessuno fare quello che fa lui e ogni anno migliora. Arrivare una volta 5/o non è un insulto e comunque sarebbe brutto dire che è ingiusto che abbia vinto Modric, perchè ha avuto una grande stagione”.
Costa caro a Ousmane Dembelé l’insubordinazione di domenica scorsa, quando il talentuoso attaccante francese si è presentato con due ore di ritardo all’allenamento, in programma alle 11. Secondo quanto riporta oggi ‘AS’, l’ala blaugrana dovrà pagare una multa che supererà i 100.000 euro “ma potrebbe anche raddoppiare o triplicare”, in caso di recidiva.
Dembelé, arrivato nell’estate 2017 dal Borussia Dortmund per la cifra record di 105 milioni più 40 di bonus, non è nuovo a questi episodi e già in passato si era presentato in ritardo ad alcuni allenamento, mandando su tutte le furie il tecnico Ernesto Valverde definito “arrabbiato, molto, molto arrabbiato”.
Ma, naturalmente, nell’entità si considera che “il livello che ha questo momento è eccellente” e insistono nel dire che “rimuoverlo dal gruppo o punirlo senza giocare con le prestazioni che ha dimostrato da quando alcune partite avrebbero danneggiato la squadra”. Secondo ‘AS’ il club ha già contattato il giocatore che ha accettato la maxi-multa.
– TORINO

– Si avvicina il derby della Mole, sabato sera allo stadio Grande Torino, e come da tradizione incominciano i pesanti sfottò tra le tifoserie avversarie. La prima ‘mossa’ è dei sostenitori bianconeri: “Questa settimana i topi escono a cercare rogne. Granata tornate nelle fogne”, si legge su alcuni manifesti comparsi in città. Inequivocabile il disegno che accompagna l’insulto, un topo in maglia granata che viene ricacciato in un tombino da un braccio bianconero.
– Sono sette i giocatori squalificati dal giudice sportivo dopo gli incontri della 15/a giornata della Serie B di calcio. Si tratta di Balkovec (Verona), Costa e Volta (Benevento), Rosseti (Ascoli), Bentivoglio e Domizzi (Venezia), Cappelletti (Padova).
L’ammonizione con diffida ha raggiunto l’allenatore del Brescia, Eugenio Corini, “per essere entrato sul terreno di gioco di circa tre metri per contestare una decisione arbitrale.
Il medico della stessa squadra, Maurizio De Gasperi, è stato squalificato fino all’11 febbraio 2019 per aver messo una mano sul braccio del quarto ufficiale, spingendolo, mentre quest’ultimo lo richiamava per impedirgli di entrare in campo senza autorizzazione per soccorrere un giocatore.
– Per il Comune di Milano “sarebbe una buona alternativa” se le due squadre della città, Inter e Milan, decidessero di realizzare un nuovo stadio “nell’area di San Siro”. Lo ha chiarito il sindaco, Giuseppe Sala, a margine di una conferenza stampa, rispondendo ai cronisti che gli hanno chiesto un commento sul nuovo ad del Milan, Ivan Gazidis, che penserebbe a uno stadio di proprietà, insieme all’Inter. “Io aspetto che le squadre vengano da me ufficialmente e ho chiesto che lo facciano entro fine anno. Se l’idea è quella di costruire un nuovo stadio vorrei capire se sarebbe sempre nell’ area di San Siro – ha detto -, che sarebbe una buona alternativa per noi. Un’area limitrofa a noi non andrebbe male”.
– E’ durata solo tre mesi l’avventura di Yaya Tourè all’Olympiacos. L’ex stella di Barcellona e City ha infatti rescisso il contratto col club greco dove era arrivato lo scorso settembre. Da allora però, il 35enne Tourè ha giocato solo cinque volte. La notizia è stata ufficializzata sul sito del club ellenico che parla di “separazione consensuale”.
“Yaya è e rimane un membro importante della famiglia Olympiacos – ricorda l’Olympiacos in una nota – che ha segnato una parte centrale della storia del club (ci aveva giocato anche nella stagione 2005-2006, ndr). Yaya va via come un amico e le porte dell’Olympiacos saranno sempre aperte per lui”. L’ex Pallone d’Oro africano ha avuto una brillantissima carriera, vincendo la Champions con il Barcellona e tre di Premier League con il Manchester City. Ha anche vinto la Coppa d’Africa con la Costa d’Avorio, è stato nominato quattro volte miglior calciatore africano dell’anno, partecipando a tre Coppe del Mondo con la sua nazionale.
– TORINO

“Ronaldo gioca, se non fosse stata decisiva avrebbe riposato. Al posto di Rugani giocherà Chiellini”. Queste alcune anticipazioni di Allegri alla vigilia della sfida con lo Young Boys, decisiva per il primo posto che consentirebbe alla Juventus di evitare agli ottavi le grandi d’Europa: “Ci giochiamo il primo posto contro una squadra che in casa gioca bene – osserva Allegri -. Ci sarà Rugani al fianco di Bonucci, a centrocampo Bentancur giocherà dato che è squalificato per sabato, mentre Alex Sandro è a disposizione ma difficilmente giocherà. In avanti Ronaldo, gli altri li devo decidere”.
– TORINO

– “Quest’anno ci sono tante squadre che possono arrivare in fondo: la Juve, ma anche Barcellona, PSG, Manchester Cuty, Bayern Monaco, lo stesso Liverpool”.
Massimiliano Allegri fa la radiografia alla Champions, che considera “senz’altro più competitiva”. “Quest’anno l’unico turno che può essere più morbido è l’ottavo, se arriviamo primi, altrimenti diventa un ottavo contro una di queste grandi. Ma dai quarti in poi sarà una Champions difficilissima e sarà impossibile trovare un quarto o una semifinale morbida”.
“Evitare le prime è importante”, dunque, per Allegri, che spera nell’en plein delle italiane: “Speriamo passino tutte il turno stasera; questo non vuol dire che affronteremo un ottavo facile, ma sicuramente più morbido…”.
– TORINO

– “Terreno sintetico? Cambia, ma io la Champions la giocherei anche sulla sabbia”. Szczesny scherza sul terreno dello Stade de Suisse di Berna, teatro della sfida di domani tra Juventus e Young Boys. “La palla va più veloce – ha aggiunto -, ma domani dobbiamo conquistare il primo posto, fondamentale. L’abbiamo meritato e dobbiamo confermarlo domani, così aspetteremo sorteggio con più tranquillità”.
– Governo e Federcalcio uniti per adottare misure a favore di vivai e settori giovanili. Incontro a Palazzo Chigi tra i sottosegretari Giorgetti e Valente ed i presidenti di Figc e Lega di A, Gravina e Miccichè. La Figc porterà in discussione al prossimo CF una norma che prevede di destinare il 5% sui trasferimenti a titolo definitivo dei calciatori in favore delle Società che li hanno valorizzati; inoltre il Governo ha deciso una modifica alle quote di ripartizione delle risorse da commercializzazione dei diritti audiovisivi sportivi oggetto della ‘legge Melandri’, prevedendo che una percentuale del 5% sia attribuita in base ai minuti giocati nel massimo campionato da giovani calciatori cresciuti nei settori giovanili italiani, secondo parametri che verranno decisi con successivo Decreto del Presidente del Consiglio e con l’entrata in vigore a partire dalla stagione 2021-2022.
– “Come sto vivendo questo momento? Fa parte del nostro lavoro, è il calcio. Il fatto che io sia qui è perché c’è dall’altra parte la consapevolezza che c’è un allenatore che ha le sue idee anche se magari in questo momento vengono meno, però c’è la voglia di continuare. E io credo nel mio lavoro e in quello che stiamo facendo. Ma è ovvio che bisogna cambiare rotta”. Così il tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco, alla vigilia della sfida di Champions League sul campo del Viktoria Plzen. I giallorossi dopo il pari di Cagliari sono andati in ritiro a Trigoria per la seconda volta in stagione. “È stato fatto per capire il motivo” di questo momento difficile attraversato dalla squadra, aggiunge Di Francesco: “Il mio primo pensiero da uomo di calcio è quello di continuare a combattere e trovare le soluzioni”.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

BERGAMO

– ” Per noi è fondamentale la permanenza nella categoria”. Antonio Percassi, intervenuto al tradizionale pranzo prenatalizio con la stampa, fissa l’obiettivo minimo dell’Atalanta: “Secondariamente, a gennaio inaugureremo a Zingonia la nuova struttura del settore giovanile. Terzo, lo stadio – prosegue il presidente nerazzurro – A fine campionato dovremmo essere in grado di iniziare i lavori: valuteremo se finire la stagione a Bergamo oppure giocare altrove le ultime due-tre partite casalinghe”. Percassi ha sottolineato la continuità del progetto affidato alle mani dell’allenatore Gian Piero Gasperini: “È la terza volta che ci troviamo qui prima delle feste e l’Atalanta sta facendo ancora un gran bel campionato – chiude -. Con l’Inter abbiamo toccato il massimo dal punto di vista della qualità e dell’entusiasmo.
La società ha ragazzi, dirigenti e collaboratori in gambissima.
Abbiamo i conti in ordine, il club è gestito da mio figlio Luca a cui noi in famiglia abbiamo addossato la responsabilità della gestione”.
– TORINO

– Stade de Suisse esaurito per l’arrivo della Juventus, che chiede allo Young Boys il lasciapassare per il primo posto del girone. Serve una vittoria, a meno che lo United non riesca ad avere ragione del Valencia, ma la squadra di Gerardo Soane non ci sta a fare da vittima sacrificale. “Rispetto all’andata siamo migliorati molto e, contro Manchester e Valencia abbiamo dimostrato di essere in crescita”, osserva il tecnico alla vigilia della partita.
All’Allianz Stadium finì 3-0 per i bianconeri con una tripletta di Dybala, che fece passare in secondo piano l’assenza per squalifica di Ronaldo. “Limitare grandi campioni come lui è molto difficile – osserva Soane – a volte impossibile. Se marchiamo Ronaldo, gli altri restano liberi…”. Un bel grattacapo per la formazione elvetica, che deve fare a meno di Suleumani: “mancherà alla squadra – ammette l’allenatore – ma abbiamo bravi giocatori che lo possono rimpiazzare”.
L’obiettivo dello Young Boys è quello di onorare la Champions sino in fondo, ma “con una partita importante, e magari con l’avversario non in giornata, si può portare a casa un punto…”. E chissà che la Juve, sette giocatori a vedere la Libertadores, in Spagna, non arrivi distratta alla partita: “Credo che la Juve affronterà questa partita al massimo del suo potenziale e non mi aspetto regali”, taglia corto Soane.

lah interrompe il sogno del Napoli. Milik nel finale spreca occasione per pareggiare. A San Siro non basta Icardi, solo pari con PSV. Nerazzurri e partenopei scivolano in Europa LeagueSvanisce il sogno Champions per l’Inter che si risveglia in Europa League. Non basta il gol di Icardi in rimonta e non basta nemmeno il favore del Barcellona, che ferma il Tottenham: i nerazzurri fanno tutto da soli, fallendo l’unico obiettivo possibile cioè la vittoria contro il PSV Eindhoven. L’Inter va sotto di un gol, perde lucidità ma non il cuore. Ci pensa Icardi a rimettere momentaneamente le cose a posto e gli uomini di Spalletti sono qualificati per un quarto d’ora soltanto. Il gol del Tottenham gela San Siro e l’Inter non trova il raddoppio. L’allenatore tenta la carta di Keita e Lautaro Martinez ma il risultato resta inchiodato sull’1-1. Ed è questa la grande colpa dei nerazzurri, incapaci nel finale di assestare il colpo del ko. Per Spalletti era la partita più importante da quando è a Milano. Aspettative infrante in una serata decisamente amara.Salah interrompe sogno Napoli, azzurri fuori  – Il Napoli esce dalla Champions e lo fa nel modo peggiore, penalizzato dalla differenza reti che qualifica il Liverpool a condanna gli azzurri. E’ un finale incredibile per i partenopei, costretti a uscire con una sola sconfitta nel girone e assistere alla qualificazione dei Reds, battuti per ben tre volte nell’arco della prima fase della competizione. Il Napoli paga incredibilmente l’inutile gol del 3-1 messo a segno al San Paolo da Ben Nabhouane, nella gara vinta con la Stella Rossa. E’ proprio quel gol che nel gioco della differenza reti dà la possibilità agli inglesi di qualificarsi grazie a una vittoria con il minimo scarto. Agli azzurri sarebbe bastato un solo gol per ottenere la qualificazione che sarebbe arrivata anche in caso di sconfitta con un solo gol di scarto, ma non con l’1-0 a favore del Liverpool. E all’ultimo istante di una gara intensissima e combattuta la palla del pareggio capita sui piedi di Milik la cui conclusione viene miracolosamente deviata da Alisson. E’ l’ultimo atto, con gli azzurri costretti a ‘retrocedere’ in Europa League e con il Liverpool che si qualifica assieme al Psg vittorioso a Belgrado.Il quadro della sesta giornata

Monaco-Borussia Dortmund 0-2 (Guerreiro al 15′, 88′)
Club Brugge-Atlético Madrid 0-0
Red Star-PSG 1-4 (Cavani 9′, Neymar 40′, Gobeljic 56′, Marquinos 74′, Mbappe 92′ )
Liverpool-Napoli 1-0 (Salah al 34′)
Inter-PSV 1-1 (Lozano 12′, Icardi)
Barcellona-Tottenham 1-1 (Dembele 7′, Lucas 85′)
Schalke-Lokomotiv 1-0 (Schopf al 91′)
Galatasaray-Porto 2-3 (Felipe 17′, rigore di Marega 42′, rigore Feghouli 46′, Oliveira 57′, Derdiyok 65′)

– Inter eliminata dalla Champions league. I nerazzurri nella sesta e ultima partita del gruppo B di Champions league hanno pareggiato 1-1 con il Psv, ma non è bastato visto il pareggio del Tottenham in casa del Barcellona.
Queste le reti del match di S.Siro: nel pt 13′ Lozano; nel st 28′ Icardi.
– Il Napoli è fuori dalla Champions League. Ha infatti perso 1-0 sul campo del Liverpool, piazzandosi al terzo posto nel girone C a causa del minor numero di gol complessivi segnati rispetto ai Reds. Ora la squadra di Ancelotti farà l’Europa League.
– TORINO

– E’ il gruppo l’arma su cui il Torino vuole puntare per fermare la Juventus dei fuoriclasse.
“Ci si aiuta tutti e undici, se giochiamo da gruppo vero possiamo fare bene”, sostiene capitan Belotti, intervistato da Torino Channel a margine della Cena di Natale al Castello di Montaldo. Un momento “magico, per scambiarsi gli auguri – spiega l’attaccante – ma anche per ricaricare le energie per finire il 2018”.
“La settimana del derby? Lo spirito è carico – le parole di Belotti – Ogni giocatore è concentrato, pronto per questa partita. Sappiamo tutti quanto è importante, sia noi che i tifosi. Anche io sono carico, concentrato”. Torino-Juventus quest’anno è anche la sfida tra Belotti e CR7. “E’ un campione, il giocatore più forte al mondo, sarà un onore giocare contro di lui, ma si decide sul campo…”, dice Belotti.
– Già qualificato per gli ottavi della Champions, nella sfida contro il Tottenham il Barcellona si presenta con sette novità rispetto al trionfo nel derby di sabato scorso contro l’Espanyol. E’ quindi in grande stile il turn over deciso dal tecnico blaugrana Ernesto Valverde che rinuncia a Messi, destinato alla panchina assieme a Ter Stegen, Piquè, Rakitic, Busquets e Jordi Alba. Barcellona, che in casa in Europa non perde da cinque anni, e Tottenham, che al Camp Nou cerca la qualificazione, fanno parte dello stesso girone dell’Inter.
Questa la formazione di questa sera del Barcellona: Cillessen, Semedo, Lenglet, Vermaelen, Miranda; Rakitic, Aleñá, Arthur; Dembele, Munir, Coutinho.     

STAMPA

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

INCENDIO A PRATO: DUE MORTI

INCENDIO A PRATO: DUE MORTI

AGGIORNAMENTO DELLE 00:41

DI MERCOLEDì 12 DICEMBRE 2018

INCENDIO A PRATO: DUE MORTI

PRATO

– Due persone, un uomo di 84 anni, disabile, e la figlia di 57, sono state trovate morte all’interno della loro abitazione a Prato dai vigili del fuoco, intervenuti per un incendio nell’appartamento. L’abitazione è al primo piano di un condominio in via del Castagno: lo stabile è stato fatto evacuare. Dai primi accertamenti padre e figlia sarebbero deceduti intossicati dal fumo. In corso d’accertamento le cause che hanno provocato le fiamme.     

STAMPA

Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 15:36 DI MARTEDì 11 DICEMBRE 2018

ALLE 00:10 DI MERCOLEDì 12 DICEMBRE 2018

SOMMARIO

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Marcucci, renziani convergano su Martina
Per rafforzare il riformismo ed impedire abiure

Pd: Boschi, non sarò presidentePrego essere tenuta fuori chiacchiericcio che non mi interessa

Tajani, Francia sfora 3%? InfrazionePresidente PE, la legge deve essere uguale per tutti

Manovra: Brunetta, cambiare qualitàAppello al premier Conte, lo faccia

Fondi Carroccio, M5s: ‘Lega chiarisca su Centemero, Salvini non minimizzi’. ‘Sono sereno”Da sempre contro finanziamenti illeciti a partiti’

Cdm convocato per domani mattinaC’è il decreto semplificazione da approvare

E-R, bilancio da 1 mld, ‘ora autonomia’Bonaccini, ‘Manovra di fiducia, fatto passo fuori dalla crisi’

Casellati,Italia senza futuro senza bebèPiano di interventi per la natalità sarà una mia priorità

Renziani, mandato a Guerini per MartinaForte minoranza chiede candidato d’area. Candidature fino domani

Toti, ok referendum opere? Via ToninelliSe i cittadini bocceranno i lavori, mi dimetto io

Pd:ticket Giachetti-Ascani per congressoSarà candidatura in parità.Primo step,firme entro domani alle 18

Di Maio, abbraccio soldati, tenete duroE gli dico di tenere duro ed andare avanti

Salvini in Israele: ‘Hezbollah terroristi’. La Difesa italiana: ‘Dichiarazioni preoccupanti’Fonti della Difesa italiana: “Dichiarazioni che mettono in difficoltà i nostri uomini impegnati proprio a Sud nella missione Unifil’

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

SEMPRE AGGIIORNATE

L’ARTICOLO

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

I renziani al congresso del Pd dovrebbero “convergere su Martina per rafforzare il riformismo ed impedire abiure”. Lo ha detto Andrea Marcucci alla riunione dei parlamentari renziani dedicata al congresso.
Anche Emanuele Fiano ha sostenuto la stessa linea, con l’idea di una lista in appoggio a Martina.
– “Leggo di ipotesi strampalate e assurde che mi riguardano. Non sono minimamente interessata a svolgere il ruolo di presidente del Pd”. Lo scrive su Facebook Maria Elena Boschi, deputata del Pd. “Prego di essere tenuta fuori da un chiacchiericcio che non mi interessa, non mi riguarda, non mi appassiona”, aggiunge.
– “Se con i 100 euro di aumento dello stipendio minimo Macron sforerà il tetto del 3%? Per questo credo che anche la Francia rischi la procedura d’infrazione, anche se non ha il debito pubblico che ha l’Italia”. L’ha detto Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo ai microfoni di ‘Un giorno da pecora’ su Rai Radio1. “La legge deve essere uguale per tutti: non è che con l’Italia bisogna esser severi e con la Francia morbidi”, ha aggiunto. E alla domanda se è messo peggio il governo italiano, quello francese o il regno Unito, Tajani ha risposto: “E’ una bella gara, sono messi male tutti e tre.
– L’invito che Le faccio, che è stato anche elaborato nei nostri emendamenti alla Legge di Bilancio, è il seguente: perché non cambia la qualità della manovra, tenendo fermi i saldi e destinando tutte quelle risorse oggi previste per il reddito di cittadinanza e quota 100 per le pensioni (circa 15-16 miliardi di euro) veramente allo sviluppo, a più investimenti e alla riduzione della pressione fiscale?. E’ l’invito che Renato Brunetta fa al premier Giuseppe Cone.
“Su questo, signor Presidente del Consiglio, sfidi l’Europa, sulla qualità della manovra, e non tanto sui decimali. E su questa proposta, se ce lo avesse chiesto oggi in Parlamento, molto probabilmente avrebbe trovato una sponda favorevole e positiva”.
“Siamo certi che la Lega fornirà ulteriori chiarimenti sul caso Centemero. E ci auguriamo che Salvini non minimizzi la vicenda. Una cosa è doverosa dirla: da sempre ci battiamo contro i finanziamenti illeciti ai partiti, perché in un Paese civile non devono esserci interessi esterni a influenzare l’attività delle forze politiche presenti in Parlamento”. Lo scrivono Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli, capigruppo M5S di Camera e Senato, parlando dell’inchiesta sul tesoriere della Lega, Giulio Centemero, per finanziamento illecito.

“Deve tornare da dove sta, incontrerò Salvini e gli chiederò chiarimenti nei prossimi giorni”. Così il vicepremier Luigi Di Maio ha risposto ai cronisti che a margine del tavolo auto gli chiedevano un commento sull’inchiesta sul tesoriere della Lega Centemero. “Mi fa piacere che Salvini non minimizzi la vicenda, perché noi non la minimizziamo”, ha aggiunto.

Salvini, non minimizzo caso Centemero, sono sereno  – “Non minimizzo, chiedo solo che facciano in fretta, stanno cercando milioni di euro” che “non ci sono”, mi auguro “che facciano bene e facciano in fretta, sono assolutamente sereno”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini in conferenza stampa da Gerusalemme rispondendo ai Cinquestelle che sull’inchiesta sul tesoriere della Lega Giulio Centemero per finanziamento illecito hanno invitato Salvini a chiarire e non minimizzare.
– CONVOCAZIONE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Il Consiglio dei ministri è convocato per mercoledì 12 dicembre 2018 alle ore 9,30 a Palazzo Chigi per l’esame del seguente ordine del giorno: – DECRETO-LEGGE in materia di semplificazione e sostegno per cittadini, imprese e pubblica amministrazione (PRESIDENZA); – DISEGNO DI LEGGE: Deleghe al Governo per le semplificazioni, i riassetti normativi e le codificazioni di settore (PRESIDENZA – PUBBLICA AMMINISTRAZIONE); – DECRETO LEGISLATIVO: Attuazione della direttiva (UE) 2016/2341 del Parlamento europeo e del Consiglio del 14 dicembre 2016 relativa alle attività e alla vigilanza degli enti pensionistici aziendali o professionali – ESAME DEFINITIVO (AFFARI EUROPEI – ECONOMIA E FINANZE); – LEGGI REGIONALI; – VARIE ED EVENTUALI.
– BOLOGNA

– Un miliardo di investimenti tra fondi propri ed europei, nessun ritocco alle tasse, l’abolizione ai superticket dal 2019, 1.000 nuove assunzioni e stabilizzazioni nella sanità, 100 milioni per il Reddito di Solidarietà e fondi per l’Appennino, la costa e il turismo. Sono i tratti essenziali del bilancio 2019 della Regione Emilia-Romagna. “È una manovra di grande fiducia, siamo stati capaci di far ripartire veramente questa Regione e, certamente non solo per merito nostro, abbiamo fatto un passo rilevante nell’uscita dalla crisi”, esulta il governatore Stefano Bonaccini, che ribadisce la richiesta al Governo di maggiore autonomia: “Mi auguro ci venga concessa il prima possibile, perché abbiamo dimostrato che se ci lasciano fare, in Emilia-Romagna sappiamo fare bene, anzi forse persino meglio”.
– “Il crollo delle nascite in Italia è un vero dramma epocale, con gravissime ripercussioni sul piano economico e sociale. Senza nuovi nati, il rischio è che l’Italia rimanga incollata ad un eterno presente. Le istituzioni hanno il dovere di offrire tutto il supporto possibile affinché gli italiani possano ritrovare il coraggio di coltivare il futuro di questo Paese”. Lo ha dichiarato il presidente del Senato, Elisabetta Casellati, nell’incontro con il presidente nazionale del Forum delle associazioni familiari, Gigi De Palo a Palazzo Madama. “Sollecitare un piano strutturale di interventi – ha aggiunto – a sostegno della natalità e della famiglia sarà una delle priorità del mio mandato. Con il presidente del Forum abbiamo pensato di promuovere delle iniziative congiunte attraverso le quali portare alle famiglie italiane la mia vicinanza, la mia sensibilità e il mio personale impegno su questo fronte”.
– Renziani divisi nella riunione convocata per decidere la posizione da tenere al congresso del Pd. La maggioranza si è schierata per l’appoggio alla candidatura di Maurizio Martina alla guida del partito, dando mandato a Lorenzo Guerini per trattare con lui il sostegno al segretario uscente. Ma una forte minoranza ha insistito sulla presentazione di un candidato d’area. Il termine per la presentazione di candidature e firme a sostegno, scade domani alle 18.
– GENOVA

– “Facciamo un referendum su Gronda, Terzo valico e altri cantieri che tieni bloccati nella tua penna con supponenza. Ma mettiamoci la faccia: se i cittadini diranno di sì alle grandi opere, tu metti una parte dei soldi dedicati al reddito di cittadinanza nei cantieri per accelerare i lavori e ti dimetti. Al contrario, se i cittadini voteranno per fermare i lavori, mi dimetto io seduta stante. Se ci stai, organizziamo subito il voto”. Così il governatore Giovanni Toti ha risposto alle parole del ministro per le Infrastrutture Toninelli a ‘L’aria che tira’. E in lungo post su Facebook, ha aggiunto: “Sono il primo che vuole individuare e punire i colpevoli della strage del ponte Morandi, ma questo compito spetta alla magistratura e non alle istituzioni!”.
– I deputati del Pd Roberto Giachetti e Anna Ascani hanno deciso di candidarsi al congresso del partito.
L’hanno annunciato in una diretta Facebook. “Una candidatura nata insieme, che andrà avanti insieme in perfetta sintonia e in parità” e che rappresenta “un’altra opzione”, “non una corrente”. Così Giachetti l’ha definita aggiungendo: “Ci siamo confrontati con Anna e insieme abbiamo pensato che fosse giusto che chi di noi non se le sente di farlo in quel modo (con un accordo politico con il segretario uscente Martina, ndr), possa farlo direttamente, mettendo a disposizione una candidatura”. Primo step, la raccolta firme. Ne servono 1498 entro domani alle 18.
– “L’Unifil è una delle missioni di pace più importanti nel mondo e per noi del M5s un modello super partes. Quello che si doveva dire lo ha detto il ministero della Difesa, io mando un grande abbraccio ai nostri militari e gli dico di tenere duro e andare avanti”. Così il vicepremier Luigi Di Maio, a margine del tavolo auto, ha commentato le dichiarazioni di Matteo Salvini da Israele sugli Hezbollah.
“Chi vuole la pace, sostiene il diritto all’esistenza ed alla sicurezza di Israele. Sono appena stato ai confini nord col Libano, dove i terroristi islamici di Hezbollah scavano tunnel e armano missili per attaccare il baluardo della democrazia in questa regione”. Lo scrive su Twitter il ministro dell’Interno Matteo Salvini da Israele.

“Preoccupazione” e “imbarazzo” in ambienti del ministero della Difesa e del comando italiano ad Unifil dopo il tweet del ministro dell’Interno Matteo Salvini, che ha definito Hezbollah come dei “terroristi islamici”. “Non vogliamo alzare nessuna polemica – si afferma – ma tali dichiarazioni mettono in evidente difficoltà i nostri uomini impegnati proprio a Sud nella missione Unifil, lungo la blue line. Questo perché il nostro ruolo super partes, vicini a Israele e al popolo libanese, è sempre stato riconosciuto nell’area”.
“Tra l’altro – si apprende sempre in ambienti della Difesa – l’Onu la sua parte la sta già facendo, c’è una missione, si chiama Unifil, da oltre 12 anni, e il comando è oggi sotto la guida italiana per la quarta volta”.
Ribatte il ministro dell’Interno:  “Non capisco lo stupore che ho letto su un’agenzia per la definizione di Hezbollah come terroristi islamici – rileva-. Se si scavano tunnel sotterranei a decine di metri che sconfinano nel territorio israeliano, non penso si faccia per andare a fare la spesa”.
Come missione dell’Onu, l’Unifil “è super partes e non commenta le posizioni politiche espresse dai governi dei Paesi”. Lo dice Andrea Tenenti, il portavoce della forza di interposizione delle Nazioni Unite nel sud del Libano, al confine con Israele, in merito alle parole del ministro dell’Interno Matteo Salvini che ha accusato i miliziani di Hezbollah di essere “terroristi islamici” dopo aver visitato i tunnel scoperti da Israele. L’Unifil è attualmente sotto comando italiano.

“L’Unifil è una delle missioni di pace più importanti nel mondo e per noi del M5s un modello super partes. Quello che si doveva dire lo ha detto il ministero della Difesa, io mando un grande abbraccio ai nostri militari e gli dico di tenere duro e andare avanti”. Così il vicepremier Luigi Di Maio, a margine del tavolo auto, ha commentato le dichiarazioni di Matteo Salvini da Israele sugli Hezbollah.

       

STAMPA

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

DISCOTECA: PROCURATORE: “ELEMENTI UTILI”

DISCOTECA: PROCURATORE: “ELEMENTI UTILI”

AGGIORNAMENTO DELLE23:43

DI MARTEDì 11 DICEMBRE 2018

DISCOTECA: PROCURATORE: “ELEMENTI UTILI”

ANCONA

– Il 17enne interrogato sui tragici fatti della Lanterna azzurra di Corinaldo “ha risposto” alle domande del Procuratore dei minorenni di Ancona Giovanna Lebboroni. Lo ha detto lo stesso procuratore al termine di un “interrogatorio di tre ore”. Quelli forniti dal giovane – indagato per omicidio preterintenzionale e lesioni perché sospettato di avere spruzzato spray urticante che ha causato il panico e poi sei morti nella calca – sono, secondo Lebboroni, “sicuramente elementi utili, nel senso che tutto è utile.
Indaghiamo a 360 gradi”. “Dispiaciuto? E’ evidente, come tutti nella comunità senigalliese e nei dintorni perché sono comunità piccole. Sono tutti addolorati i ragazzi”. Hanno risposto così i difensori del 17enne, Andrea Mone e Martina Zambelli, che hanno definito l’interrogatorio “un primo confronto con la Procura”.     

STAMPA

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 14:10 ALLE 23:30

DI MARTEDì 11 DICEMBRE 2018

SOMMARIO

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Israele: scoperto altro tunnel Hezbollah
Esercito: violazione della risoluzione Onu 1701

Cina-Usa: prove di dialogo sui dazi, le borse brindanoPechino ha accettato di ridurre tassi sulle auto americane

Madrid minaccia polizia in CatalognaGoverno Sanchez, Mossos devono garantire l’ordine pubblico

Russia: ultimo addio ad AlexeievaAlla cerimonia anche Putin e l’oppositore Navalny

Ue, a primavera stime bilancio FranciaPortavoce Schinas, abbiamo meccanismo ben stabilito

‘Israele baluardo democrazia regione’Salvini, chi vuole la pace ne sostiene il diritto alla sicurezza

Merkel a May, no a nuove trattativeDpa, la cancelliera lo ha riferito alla riunione Cdu-Csu

Iraq: Unicef, a rischio 151mila bambini’Non hanno riscaldamento e abiti adeguati per l’inverno’

Gilet gialli: impatto sul deficit 2019Lo annuncia il premier in Parlamento dopo le promesse di Macron

Brexit: Tusk, i 27 vogliono aiutare MayPremier Gb giudica positivi i colloqui con Merkel e Rutte

Libano: Difesa preoccupata tweet SalviniMinistro Interno ha definito Hezbollah ‘terroristi islamici’

Salvini, Ue sbilanciata contro Israele’Condanna e sanziona lo Stato ebraico ogni quarto d’ora’

Strasburgo, spari al mercatino di NataleEurodeputato M5s, ci sono morti e feriti

Strasburgo: media, almeno 3 mortiIl municipio: ‘E’ un attentato’

Strasburgo, spari al mercatino di Natale, almeno 2 morti e 11 feriti. Killer asserragliato, in corso blitz della poliziaIl Comune invita la cittadinanza a restare chiusi dentro casa

Strasburgo: la lunga scia di attacchi in EuropaDa Parigi a Nizza a Berlino, gli attentati più sanguinosi

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

TEL AVIV

– Israele ha scoperto oggi un altro tunnel scavato dagli Hezbollah sotto al proprio confine con il Libano. Lo ha reso noto il portavoce militare. Quel tunnel e’ adesso sotto controllo israeliano, ha aggiunto, e non rappresenta più una minaccia imminente. Secondo il portavoce, l’esercito israeliano ha dislocato esplosivi al suo interno e adesso l’ingresso dal versante libanese e’ divenuto pericoloso. Si tratta del terzo tunnel neutralizzato questa settimana nella stessa zona.
Nel suo comunicato il portavoce militare israeliano sostiene che ”il governo libanese è responsabile dei tunnel offensivi scavati dal proprio territorio. Si tratta – aggiunge – di una flagrante violazione della risoluzione Onu 1701 e della sovranità israeliana”.
Pechino ha accettato di ridurre i dazi sulle auto Usa dal 40% al 15%, durante una telefonata tra il vicepremier cinese Liu, il segretario Usa al tesoro e il rappresentante del commercio americano Robert Lighthizer. Lo scrive il Wall Street Journal citando una fonte a conoscenza del dossier.

Nella nottata si sarebbero sono tenuti colloqui telefonici tra il vicepremier cinese Liu He e il segretario al Tesoro e il rappresentante per il Commercio americani, Steven Mnuchin e Robert Lighthizer. Un’iniziativa, ha spiegato una nota del ministero del Commercio cinese, finalizzata a promuovere un primo “scambio di vedute” sull’attuazione di quanto concordato tra i presidenti Xi Jinping e Donald Trump nel summit tenuto il primo dicembre a Buenos Aires, a margine del G20, così come il programma e la roadmap per ulteriori negoziati sul commercio. Lo scorso luglio la Cina aveva aumentato i dazi sulle auto americane al 40% nel’ambito delle ritorsioni commerciali contro le misure protezionistiche introdotte da Trump. Proprio il presidente americano, dopo il G20 in Argentina, con un tweet aveva preannunciato la disponibilità della Cina a “ridurre e rimuovere” i dazi sulle auto Usa.

Le Borse europee brindano al dialogo fra Stati Uniti e Cina in tema di dazi e chiudono in convinta crescita. Francoforte ha guadagnato l’1,49% a 10.780 punti, seguita da Parigi(+1,35% a 4.806 punti) e Londra (+1,27% a 6.806 punti). Solide anche Milano, che ha guadagnato lo 0,98% a 18.591 punti, e Madrid (+0,87% a 8.735 punti).

– MADRID

– Il governo di Pedro Sanchez invierà le forze di sicurezza in Catalogna se i Mossos d’Esquadra non garantiranno l’ordine pubblico, dopo le proteste dei Comitati di difesa della repubblica (Cdr) lo scorso fine settimana. E’ il monito contenuto in tre lettere inviate dalla vicepremier Carme Calvo e dai ministro degli Interni e delle Infrastrutture ai responsabili del governo della Generalitat, in cui si critica “l’apparente abbandono di funzioni” dei Mossos in occasione dei blocchi stradali realizzati dai Cdr sulla statale AP-7 e la successiva apertura delle barriere di pedaggio in alcuni tratti autostradali. I manifestanti chiedevano il rilascio dei prigionieri politici catalani.
Madrid ricorda nelle missive che la Costituzione all’articolo 104 stabilisce “senza eccezioni” che la missione della polizia e della Guardia Civil è quella di garantire la sicurezza cittadina.
La Russia dà l’estremo saluto a Liudmila Alexeieva, veterana e simbolo della lotta per i diritti umani sia in Unione Sovietica che nella Russia di Putin. A renderle omaggio nella camera ardente, allestita nella Casa dei giornalisti di Mosca, c’erano molte figure note della politica russa, compresi l’oppositore Alexiei Navalny e Vladimir Putin, molto criticato dall’attivista. Il presidente russo ha deposto un mazzo di rose rosse ai piedi della bara.
Un altro attivista di lungo corso per la difesa dei diritti umani, il 77enne Lev Ponomariov, non ha però potuto partecipare alla cerimonia perché condannato a 16 giorni di reclusione per aver incitato a partecipare a una manifestazione non autorizzata.
Alexeieva è deceduta sabato all’età di 91 anni.
Il governo di Pedro Sanchez invierà le forze di sicurezza in Catalogna se i Mossos d’Esquadra non garantiranno l’ordine pubblico, dopo le proteste dei Comitati di difesa della repubblica (Cdr) lo scorso fine settimana. E’ il monito contenuto in tre lettere inviate dalla vicepremier Carme Calvo e dai ministro degli Interni e delle Infrastrutture ai responsabili del governo della Generalitat, in cui si critica “l’apparente abbandono di funzioni” dei Mossos in occasione dei blocchi stradali realizzati dai Cdr sulla statale AP-7 e la successiva apertura delle barriere di pedaggio in alcuni tratti autostradali. I manifestanti chiedevano il rilascio dei prigionieri politici catalani.
Madrid ricorda nelle missive che la Costituzione all’articolo 104 stabilisce “senza eccezioni” che la missione della polizia e della Guardia Civil è quella di garantire la sicurezza cittadina.
– STRASBURGO

– “Abbiamo un meccanismo ben stabilito per valutare le politiche di bilancio” dei Paesi della zona euro e “la nostra posizione sulla Francia è nota: il parere sul piano di bilancio francese è stato pubblicato poco tempo fa.
L’impatto di cosa verrà fuori dal processo parlamentare emergerà in primavera quando pubblicheremo le nostre previsioni economiche”: lo ha detto il portavoce della Commissione europea Margaritis Schinas, su un eventuale sforamento del deficit da parte della Francia e sull’eventuale impatto sulle trattative in corso tra Roma e Bruxelles sulla manovra.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

“Chi vuole la pace, sostiene il diritto all’esistenza ed alla sicurezza di Israele. Sono appena stato ai confini nord col Libano, dove i terroristi islamici di Hezbollah scavano tunnel e armano missili per attaccare il baluardo della democrazia in questa regione”. Lo scrive su Twitter il ministro dell’Interno Matteo Salvini da Israele.
– BERLINO

– “Abbiamo detto che non c’è un’ulteriore apertura sull’accordo di uscita” della Gran Bretagna dall’Ue. Così la cancelliera Angela Merkel ha commentato l’incontro con la premier britannica Theresa May, durante la riunione a porte chiuse del gruppo parlamentare della Cdu-Csu, secondo quanto riporta Dpa.
– L’Unicef è impegnata in una corsa contro il tempo per assistere in Iraq oltre 151 mila bambini, vittime delle guerre in Medio Oriente che rischiano ora la vita per il freddo. Questi bambini ‘rifugiati interni’ che hanno dovuto abbandonare con le loro famiglie le loro case a causa dei combattimenti, sono ora minacciati, con l’arrivo dell’inverno, dal freddo e dalle inondazioni che si sono abbattute su varie regioni del Paese. In Iraq, infatti, l’inverno è rigido e caratterizzato da forti piogge e neve. Al nord, dove vive la maggior parte dei bambini jazidi e rifugiati interni, le temperature scendono di molto sotto lo zero. Inoltre le inondazioni devastatrice hanno reso questo inverno ancora più duro soprattutto per i bambini soggetti a ipotermia e malattie respiratorie. La maggior parte delle famiglie sfollate vivono, infatti, sotto la soglia della povertà, in alloggi non riscaldati o nei campi profughi senza riparo al freddo. Queste famiglie non sono in grado dunque di tenere al caldo i propri figli.
Il premier francese Edouard Philippe ha riconosciuto che le misure annunciate dal presidente Emmanuel Macron per disinnescare la rabbia dei gilet gialli avranno “un impatto in termini di deficit nel 2019”.
Intervenendo in Parlamento, ha poi aggiunto che bisogna “fare in modo che la spesa pubblica sia tenuta sotto controllo. Dovremmo prendere delle misure che non aumenteranno la spesa”. Dopo gli annunci di Macron, il deficit francese potrebbe schizzare al 3,5% nel 2019 contro il 2,8% previsto, secondo alcune stime.
– LONDRA

– E’ stata “una discussione lunga e franca con la premier Theresa May, prima del summit sulla Brexit. E’ chiaro che i 27 Paesi Ue vogliono aiutare, la domanda è come”. Così il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, su Twitter, al termine del suo incontro con la premier britannica. May da parte sua intravede progressi dopo i colloqui di oggi con Mark Rutte e Angela Merkel. “Ciò che questi incontri mi hanno mostrato – afferma la premier britannica – è la determinazione condivisa di affrontare la questione” del bacstop e di “risolverla”.
– “Preoccupazione” e “imbarazzo” in ambienti del ministero della Difesa e del comando italiano ad Unifil a seguito del tweet del ministro dell’Interno Matteo Salvini, che ha definito Hezbollah come dei “terroristi islamici”. “Non vogliamo alzare nessuna polemica – si afferma – ma tali dichiarazioni mettono in evidente difficoltà i nostri uomini impegnati proprio a Sud nella missione Unifil, lungo la blue line. Questo perché il nostro ruolo super partes, vicini a Israele e al popolo libanese, è sempre stato riconosciuto nell’area”.
– “L’Ue in questi anni è stata assolutamente sbilanciata e poco equilibrata nella gestione del conflitto in Medio Oriente, condannando e sanzionando Israele ogni quarto d’ora”. Lo ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini in conferenza stampa da Gerusalemme.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

BREAKING NEWS

STRASBURGO: SPARI AL MERCATINO DI NATALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Spari in un mercato di Natale a Strasburgo, in Francia. Secondo il giornale britannico Daily Mirror, c’è stato un fuggi fuggi tra i turisti e ci sarebbero “diversi feriti”. La polizia non ha ancora confermato l’accaduto. Secondo un tweet dell’eurodeputato 5 Stelle Dario Tamburrano (oggi a Strasburgo c’è stata la plenaria dell’Europarlamento), ci sarebbero “morti e feriti”.
Un uomo solo avrebbe aperto il fuoco verso le 20 al centro di Strasburgo, riferisce il sito Dna (Derniers notices d’Alsace. I colpi sarebbero stati esplosi in rue des Grandes-Arcades. Il centro città è stato bloccato per un raggio di 200 metri attorno alla piazza Gutenberg.
– PARIGI

– Sarebbe di almeno tre morti e undici feriti il bilancio provvisorio della sparatoria a Strasburgo: è quanto riferisce il sito Dernières Nouvelles D’Alsace. Secondo il municipio, si tratterebbe di un attentato.

Terrore e morte in un mercatino di Natale a Strasburgo: l’ultimo bilancio parla di due morti e 11 feriti. Secondo una prima ricostruzione, un uomo – identificato poi con il nome di Cherif C., di 29 anni, radicalizzato  – ha aperto il fuoco sulla folla nel centro della città, verso le 20.  I colpi sarebbero stati esplosi in rue des Grandes-Arcades. Il centro città è stato bloccato per un raggio di 200 metri attorno alla piazza Gutenberg.
Oltre ai due morti, secondo la prefettura di Bas-Rhin ci sono sette gravi tra gli undici feriti. Invece il bilancio è di almeno 4 morti, secondo “fonti concordanti” citate da Bfm-tv. Anche fonti ospedaliere citate dal sito Dna (Dernieres nouvelles d’Alsace) parlano di quattro morti e cinque feriti gravi.

Il killer sarebbe asserragliato in un quartiere della città e sarebbe in corso un blitz della polizia.

La polizia ha sfondato la porta di un edificio al numero 5 di rue de l’Epinal, nel quartiere Neudorf. Lo riferisce il sito Dna. “Non ti serve a nulla barricarti”, ha gridato un agente, scrive Dna.

Una seconda operazione di polizia è in corso a Place Broglie, nel centro storico di Strasburgo. Lo rende noto il sindaco della città affermando che “c’è un secondo sospettato” che sarebbe implicato nella sparatoria.
L’area intorno al centro storico è stata blindata. Il Comune di Strasburgo invita la cittadinanza a restare chiusi dentro casa.

Il killer era noto come “criminale comune”, anche se poi era stato segnalato come ‘radicalizzato’, ha detto il ministro dell’Interno Christophe Castaner, citato da France Info. La stessa emittente ha detto che l’attentatore avrebbe agito con un’arma automatica ed un coltello. Stando a Le Parisien, l’autore della sparatoria sarebbe nato nella città alsaziana il 4 febbraio 1989.

L’uomo sospettato di avere aperto il fuoco sui passanti era sfuggito all’arresto stamane durante una perquisizione nella sua abitazione, secondo quanto riferisce Bfm-Tv. L’operazione era stata organizzata nell’ambito di un’inchiesta per rapina. Secondo la stessa fonte, l’uomo, nato a Strasburgo, risiede nel quartiere di Neudorf, dove è ora circondato dalle forze di sicurezza.

Iniziano a circolare sul web i video girati da testimoni oculari dei momenti successivi alla sparatoria. Nelle immagini postate su Youtube con il titolo ‘Attentat a Strasbourg, coups de feu’, riprese con un cellulare da un balcone o da una finestra di un piano alto, si vede una persona stesa in terra, immobile, e altri che corrono e fuggono urlando. In altri video, che iniziano a essere ripresi anche dai media internazionali, si sentono distintamente gli spari.
L’unità di crisi della Farnesina raccomanda agli italiani di evitare la zona del centro storico. In un tweet, si consiglia inoltre ai connazionali di seguire le indicazioni delle autorità locali.

Il presidente francese, Emmanuel Macron, ha lasciato in anticipo un ricevimento in corso all’Eliseo per seguire personalmente i fatti di Strasburgo: è quanto annunciano diversi parlamentari presenti sul posto.

Il Parlamento europeo è stato blindato dopo la sparatoria che si è verificata nel centro storico di Strasburgo. L’ordine è stato impartito dal presidente Antonio Tajani che, al telefono

, parla di “diversi morti”. “Il fatto è avvenuto a 3 km di distanza da qui”, ha riferito Tajani. ”Questo Parlamento non si fa intimidire da attentati terroristici o criminali, andiamo avanti! Continuiamo a lavorare e reagiamo con la forza della libertà e della democrazia contro la violenza terroristica”, ha detto il presidente del Parlamento europeo.

LA DIRETTA

“Seguo la situazione dal centro operativo del ministero dell’Interno” a Parigi. “I nostri servizi di sicurezza e di soccorso sono mobilitati”: è quanto scrive il ministro francese dell’Interno, Christophe Castaner, riferendosi ai fatti di Strasburgo.

Controlli al confine franco tedesco all’uscita della città di Strasburgo dopo la sparatoria nel centro storico. Lo riferiscono testimoni precisando che “una volta che abbiamo attraversato il ponte sul fiume Reno nella parte tedesca abbiamo notato che le forze dell’ordine stavano controllando le vetture in entrambi i sensi di marcia e tutte le auto procedevano una a una”.

“Attentato terroristico in corso a Strasburgo nel centro. Spari sulla folla ai mercatini. Ci sono morti e feriti. Noi della delegazione 5 stelle siamo al sicuro. State tranquilli”. E’ il tweet dell’eurodeputato 5 Stelle Dario Tamburrano. Oggi a Strasburgo c’è stata la plenaria dell’Europarlamento.

Centro bloccato, testimone ‘ho sentito gli spari’  – Il centro di Strasburgo è ancora chiuso si può solo uscire ma non entrare nelle strade che portano verso i mercatini di Natale, teatro della sparatoria. Gli ingressi sono stati transennati e le forse dell’ordine della sicurezza bloccano macchine e pedoni. Tra le persone che si allontanano in tutta fretta dal centro è palpabile l’agitazione, tra loro anche qualcuno che ha assistito in diretta agli spari. Cedric racconta

di aver sentito nettamente i colpi vicino a piazza Kleber e di aver trovato rifugio in un bar. “Ho sentito colpi di pistola e poi di armi automatiche, probabilmente quelli delle forze dell’ordine, poi c’è stato un movimento di folla e io mi sono messo a correre e sono entrato in un bar”. Florent invece dice di non aver sentito gli spari ma di aver comunque vissuto una situazione “inquietante: eravamo in un locale, all’improvviso ci hanno fatto tutti scendere al piano di sotto, dove saremmo stati più al sicuro”. Fuori dall’area transennata si accalcano i curiosi, tutti chiedono informazioni guardano le notizie sui cellulari o telefonano ad amici e parenti per rassicurarli.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

– Con la sparatoria oggi nel centro di Strasburgo il terrore irrompe in un mercatino di Natale e si allunga la scia di sangue che continua a percorrere l’Europa. Di seguito gli episodi di violenza che più hanno segnato gli ultimi anni:
* 7 gennaio 2015 – PARIGI, 12 morti nell’attacco compiuto da due terroristi islamici nella sede del giornale satirico Charlie Hebdo. Il 9 gennaio il terrorista Coulibaly prende in ostaggio una decina di persone e ne uccide quattro in un supermercato kosher a Vincennes.
* 14 febbraio 2015 – COPENAGHEN, sparatoria in un caffè con un morto e tre feriti ad un convegno sulla libertà d’espressione organizzato dall’artista Lars Vilks, autore di numerose caricature del profeta Maometto nel 2007. Poche ore dopo una seconda sparatoria vicino a una sinagoga: 3 feriti.
* 13 novembre 2015 – PARIGI, 130 le vittime di tre attacchi coordinati. Tre kamikaze si fanno esplodere vicino allo Stade de France, morto un passante; 39 vittime nell’11/o arrondissement, uccise a colpi di kalashnikov sparati contro diversi bar e ristoranti; 90 uccisi da un commando kamikaze nella sala concerti Bataclan. E’ l’attentato più sanguinoso.
* 22 marzo 2016 – BRUXELLES, 31 morti e circa 300 feriti in una raffica di attentati rivendicati dall’Isis: due all’aeroporto Zaventem e uno alla stazione della metro di Maalbeek.
* 14 luglio 2016 – NIZZA, un tir si lancia a tutta velocità sulla Promenade des Anglais, gremita di gente per le celebrazioni della festa nazionale francese. Il conducente, il tunisino Mohamed Lahouaiej-Bouhlel, travolge e uccide 86 persone, tra cui molti bambini, prima di essere ucciso a sua volta. I feriti sono oltre 450. Sei le vittime italiane.
* 19 dicembre 2016 – BERLINO, il tunisino Anis Amri piomba con un camion, sul mercatino di Natale, uccidendo 12 persone, tra cui l’italiana Fabrizia Di Lorenzo, e ne ferisce altre 50.
* 22 marzo 2017, LONDRA – Sul ponte di Westminster Khalid Masood, cittadino britannico di fede islamica, fa scorrere il sangue all’ombra del Parlamento più antico del mondo, falciando pedoni come birilli a bordo di un suv e poi accoltellando un agente a morte prima di essere abbattuto. Le vittime sono cinque.
* 7 aprile 2017, STOCCOLMA – Un camion piomba a tutta velocità tra i passanti nella zona dello shopping pedonale del centro città uccidendo almeno 4 persone. Dopo ore di caccia viene arrestato un uomo. Un “atto terroristico”, dichiara il premier Stefan Lofven.     

STAMPA

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 12:16 ALLE 22:39

DI MARTEDì 11 DICEMBRE 2018

SOMMARIO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Danni per lavori, sequestro tratto fiume
Intervento Cc forestale, indagini coordinate da Procura Cosenza

Un film su don Gino RigoldiInedito ritratto del cappellano dell’istituto Cesare Beccaria

Liceo Milano commemora vittime CorinaldoInstallazione e un minuto di silenzio per 1.200 studenti

Discoteca, sciolta una prognosiDei sei in rianimazione solo uno con ventilazione assistita

Papa: bimbi strillano, sembro un dottoreFrancesco racconta l’aneddoto nell’omelia a Santa Marta

Card. Parolin, arginare il razzismo”Integrazione migranti non è assimilazione ma rispetto dignità”

Incendio in casa, muore 26enne disabileÈ accaduto nel centro storico di San Giovanni Rotondo

Film sul sì speciale di Luca e SilvanaI due bolzanini con la sindrome di down si sposano a gennaio

Open Arms, conclusione indagine per dueCapitano e capo missione per violenza privata e favoreggiamento

Verifiche su bidelli con falsi diplomiAssessore scriverà a collega Campania, ‘fare controlli accurati’

Cassazione, no gravi indizi su PittellaLe motivazioni della sentenza sul governatore lucano

Spray al peperoncino, lo possiede 1 ragazzo su 10Indagine skuola.net, molti lo usano “per scherzo”

Rogo Roma: Pm, aperte tutte le ipotesiDall’autocombustione ad un atto doloso o di sabotaggio

Eroina a minorenni, in 18 a giudizioA Bologna, inchiesta partì da denuncia madre di 2 ragazzine

Statua per Gigi Riva, appello a SalviniServe deroga per monumento a personaggio ancora in vita

Cortese, lotta crimine anche con culturaRenato Cortese a Morano Calabro per i 70 anni della Costituzione

Turista stacca frammento laterizio al ColosseoE’ un cittadino indiano, è stato denunciato

Sieropositivo contagiò donne, 22 anniIn appello sconto di pena di due anni

Bussetti, meno compiti a Natale, leggereMinistro, passare le vacanze per ricaricare le batterie

Treno deragliato, consulenti pm:anomalieRelazione in indagini Milano, ‘usura e scollamenti per tre km’

Dl Sicurezza:chiede elemosina,denunciataNei guai donna romena. Episodio a Ventimiglia

Erostrato: Procura chiede giudizio per 2Padre e figlio accusati minacce anonime e spilli tra caramelle

Ponte: resti confermano ammaloramentoScontro tra periti sulle tecniche di demolizione

Maestro picchiato da zio alunno a MilanoDue pugni durante colloqui in scuola elementare

Progetto sicurezza, alt a locali abusiviPm, disco mascherate da circoli culturali. Faro su grandi eventi

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

RENDE (COSENZA)

– È stato sequestrato un tratto di poco più di un chilometro e mezzo del fiume Surdo, che attraversa il comune di Rende, nelle località “Saporito” e “Linze”. Il sequestro é stato eseguito dai carabinieri forestale di Cosenza, con il coordinamento della Procura della Repubblica.
Secondo quanto é emerso dalle indagini dei militari, nel corso dei lavori di sistemazione dell’alveo, eseguiti dall’impresa affidataria dell’appalto del Comune di Rende, è stata estirpata tutta la “vegetazione ripariale” posta ai bordi del fiume, elemento importante, secondo quanto riferiscono gli investigatori, dell’ecosistema fluviale.
Gli scavi effettuati avrebbero modificato il naturale corso di deflusso delle acque, con le conseguente modifica permanente dello stato originario dei luoghi. I lavori, inoltre, sarebbero stati effettuati in assenza di nulla osta paesaggistico ambientale. L’area di cantiere, sottoposta a vincolo paesaggistico ambientale, è stata sequestrata.
– Fino al 31 dicembre Fondazione Cineteca Italiana propone in prima visione assoluta presso Cinema Spazio Oberdan di Milano L’Estate di Gino, docufilm in cui il regista Fabio Martina compone un ritratto di Don Gino Rigoldi, sacerdote milanese che dal ’72 è cappellano dell’Istituto Penale Minorile Beccaria ed è noto per la sua coraggiosa opera di aiuto e sostegno a giovani disagiati e in difficoltà per problemi di abbandono, tossicodipendenza, povertà. Martedì 18 dicembre alle 10 è stata inoltre organizzata una proiezione speciale per i detenuti dell’Istituto Beccaria in presenza del regista Fabio Martina e lo stesso don Gino. “Per la prima volta – spiegano gli organizzatori – lo storico cappellano del Beccaria si mostra lontano dagli usuali ambienti e si lascia riprendere durante una vacanza a Sant’Antioco, in Sardegna, con i suoi ‘figli’, i ragazzi di comunità e del carcere”. Il film è un alternarsi di scene commoventi, profonde e silenziose, buffe, nella quotidianità che la macchina da presa insegue.
– ANCONA

– I 1.200 studenti del Liceo Elio Vittorini di Milano, i docenti, il personale Ata e la dirigenza hanno commemorato le vittime della discoteca di Corinaldo con un minuto di silenzio. I ragazzi hanno ricordato le vittime (cinque adolescenti tra i i 14 e i 16 anni e una madre di 39 anni) morte nella calca in attesa di un dj set del trapper Sfera Ebbasta anche con un’installazione nel corridoio della scuola, ispirata alle immagini mostrate negli articoli riguardanti la tragedia.
Davanti al locale, durante i soccorsi, sono state radunate le scarpe dei feriti e delle vittime. “Sono calzature che parlano, che raccontano di chi le portava prima della tragedia, perché esse appartengono tutte a quella tipologia di scarpe che indossano i giovani come noi. Perciò, in segno di vicinanza, abbiamo radunato anche nostre scarpe da tennis” scrivono i rappresentanti degli studenti, esprimendo affetto e vicinanza per le vittime, i feriti, le famiglie, per “tutte le persone traumatizzate che hanno assistito alla tragedia”.
– ANCONA

– Uno dei setti pazienti ricoverati nelle due terapie intensive ad Ancona, dopo la tragedia di Corinaldo, è stato “trasferito in un reparto per acuti” e per lui “è stata sciolta la prognosi”. Così il bollettino medico degli Ospedali Riuniti. Degli altri sei degenti ancora in terapia intensiva, però, solo uno “rimane in ventilazione assistita mentre gli altri “sono stati estubati e sono in respiro spontaneo”. Alcuni di loro “sono assistiti nell’area semintensiva delle rispettive rianimazioni”. Per i sei pazienti “la prognosi resta riservata”. Ciascuno “segue un protocollo terapeutico diversificato a seconda delle condizioni cliniche e dei suoi specifici bisogni assistenziali”. “Per quanto riguarda le procedure autoptiche – informano gli Ospedali Riuniti – siamo in attesa delle disposizioni delle autorità competenti”.
– CITTA’ DEL VATICANO

– I bambini avvicinati dai genitori al Papa, alle udienze o in altre occasioni, qualche volta piangono e strillano. “Alcuni bambini mi vedono e strillano, cominciano a piangere, perché, vedendolo vestito di bianco, pensano al dottore e all’infermiere, che gli ha fatto le punture per i vaccini e pensano: ‘No, un’altra no!’. Anche noi siamo un po’ così ma il Signore dice: ‘Consolate, consolate il mio popolo'”. Lo ha raccontato il Papa questa mattina nell’omelia della messa a Santa Marta.
– CITTA’ DEL VATICANO

– L’integrazione dei migranti, nel Paese che accoglie, “non è né assimilazione né incorporazione, ma un processo a doppio senso radicato nel riconoscimento reciproco di uguaglianza fondamentale e dignità di tutti. Un simile approccio contribuirà anche a arginare l’ondata di razzismo e xenofobia”. Lo afferma il Segretario di Stato Vaticano, il card. Pietro Parolin, che rappresenta la Santa Sede alla conferenza sul Global compact a Marrakech, in Marocco.
“Coloro che arrivano hanno, come sottolinea Papa Francesco, ‘il dovere di non chiudersi alla cultura e alle tradizioni del paese di accoglienza, rispettando soprattutto le sue leggi’.
Allo stesso tempo, l’integrazione – prosegue Parolin citando le parole del pontefice – ‘non è la sovrapposizione di una cultura rispetto ad un’altra, né isolamento reciproco, con il rischio insidioso e pericoloso di creare ghetti. È piuttosto un arricchimento reciproco basato sul rispetto reciproco e interpersonale'”.
– SAN GIOVANNI ROTONDO (FOGGIA)

– Un giovane di 26 anni, affetto da autismo, è morto in un incendio divampato, per cause in corso di accertamento, all’interno di un appartamento che si trova nel centro storico di San Giovanni Rotondo, nel Foggiano. Stando ad una prima ricostruzione dell’accaduto, le fiamme hanno interessato l’intera abitazione.
In casa era presente solo il 26enne. Il giovane è stato soccorso e trasportato in ospedale, ma è morto pochi minuti dopo il ricovero. Sono in corso le indagini da parte dei carabinieri per accertare l’esatta dinamica dell’incidente.
– BOLZANO

– Diventa un film la storia d’amore di Luca Di Biasi e Silvana Saudino che convoleranno a nozze il 5 gennaio. Il loro sì sarà davvero speciale, perché per i due bolzanini con la sindrome di down si realizza un sogno iniziato dieci anni fa. “Luca è stato subito esplicito nei confronti di mia figlia. La prima cosa che le ha detto è stata: ‘Sei la ragazza più bella del mondo, ti voglio sposare’. E ormai sono quasi 10 anni che lo ripete quotidianamente”, racconta Claudia Cannavacciuolo, la mamma della sposa.
Per realizzare il film “Luca e Silvana. Il documentario” è stata lanciata una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma eppela.com. Il progetto può anche contare sul sostegno di Idm Film Commission, Lebenshilfe Onlus, Centro Audiovisivi Bolzano, Provincia e Comune di Bolzano. Dietro alla telecamera Stefano Lisci, regista del film “Bar Mario”. Per Massimiliano Gianotti, produttore e presidente di Cooperativa19, le reazioni di Luca e Silvana “sono sempre spontanee, libere da qualsiasi condizionamento”

– POZZALLO (RAGUSA)

– La Procura di Ragusa ha emesso un avviso di conclusione indagini sullo sbarco, il 15 marzo scorso, di 216 migranti a Pozzallo nei confronti del comandante della nave Proactiva Open Arms, Marc Reig Creus, di 42 anni, e della capo missione Ana Isabel Montes Mier, di 31 anni. I reati ipotizzati sono violenza privata e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. La Procura di Ragusa ha individuato come parte lesa il ministero dell’Interno. La nave della Ong spagnola era stata sequestrata dalla Procura distrettuale di Catania che contestava il reato di associazione.
Il provvedimento fu confermato dal Gip che escluse il reato associativo e gli atti furono trasmessi a Ragusa dove il Gip ha rigettato la richiesta di sequestro della locale Procura. Il legale della Ong, l’avvocato Rosa Emanuela Lo Faro, si dice “sorpresa dalla decisione della Procura sia per i reati contestati sia per la parte lesa: perché – si chiede – il Viminale e non il ministero dei Trasporti?”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

VENEZIA

– La Regione Veneto vuole fare chiarezza attraverso i presidi degli istituti scolastici sulle assunzioni dei collaboratori scolastici, cioè i bidelli, e del personale amministrativo che lavorano nelle segreterie e che provengono dalla Campania. Lo conferma l’assessore regionale all’istruzione Elena Donazzan spiegando che gli accertamenti, portati avanti dai Carabinieri d’intesa con l’Ufficio scolastico regionale, sono partiti da una segnalazione fatta dal responsabile di una scuola di Garda (Verona). “Adesso voglio scrivere alla collega della Campania – annuncia Donazzan – facendo presente che il nostro Ufficio scolastico regionale ha già attivato da tempo una commissione di ispezione per le scuole non statali che possono avere qualche dubbio di legittimità.
Suggerirò alla collega di fare accertamenti accurati”.
– Il tribunale del riesame di Potenza “non ha individuato elementi indiziari dai quali desumere che Pittella abbia fatto sorgere” o “rafforzato il proposito criminoso nei coindagati”; non è motivato nell’ordinanza il pericolo di inquinamento delle prove e quanto al pericolo di reiterazione, basato sulla possibilità di ricoprire nuovi incarichi, il giudice non può spingersi fino a “ritenere adeguata una misura cautelare per comprimere l’esercizio del diritto costituzionale di elettorato passivo”. Lo scrive la quinta sezione penale della Cassazione nelle motivazioni della sentenza con la quale, il 26 novembre, ha accolto il ricorso del presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella contro le esigenze cautelari emesse a suo carico nell’ambito dell’inchiesta sulla sanità lucana, accogliendo il ricorso presentato dal professor Franco Coppi e dall’avvocato Donatello Cimadomo.
Ormai è una vera e propria fobia: il discusso spray al peperoncino sta seminando il panico in tutta Italia. In poche ore – dopo quanto avvenuto nella discoteca di Corinaldo dove un minorenne è sospettato di avere spruzzato lo spray urticante -, altri due casi hanno visto protagonisti le bombolette anti-aggressione e gli studenti. Il primo in un istituto superiore di Pavia, dove quasi 50 persone sono rimaste intossicate proprio dai vapori generati da uno spray urticante, probabilmente spruzzato da un alunno; il secondo in una scuola di Soncino (Cremona), dove una studentessa ha utilizzato – dice lei ‘per scherzo’ – la sostanza, mandando però cinque compagni all’ospedale e colpendone in maniera lieve altri quindici. Solo nell’ultimo anno, si conterebbero almeno 15 casi di uso “improprio” dello spray a scuola. Skuola.net ha voluto verificare se lo spray urticante è diffuso nelle scuole, chiedendolo a 6500 di loro. Secondo il sondaggio, circa 1 su 10 – il 9% – dichiara di possedere una bomboletta in grado di emanare sostanze urticanti: il 6% la porta sempre con sé, il 3% spesso. Ragazzi che – rivela la ricerca – non si fanno scrupoli ad utilizzarle, spesso in maniera scriteriata. Perché se il 48% dei possessori l’ha azionata almeno una volta per difesa personale, pochi meno (il 40%) l’hanno messa in funzione solamente per provare l’effetto che fa, quasi per gioco, sicuramente non per sventare un’aggressione. Si tratta, considerando il solo campione analizzato dalla ricerca, di oltre duecento persone che ammettono questa leggerezza. Numeri che, se estesi all’intera platea degli intervistati, aumentano ulteriormente: ancora una volta, quasi 1 su 10 si è trovato nelle vesti di testimone di uno scherzo a base di spray al peperoncino (in 2 casi su 3, l’obiettivo era proprio lui).
– Gli accertamenti tecnici che verranno disposti dalla procura di Roma sul rogo che ha interessato il Tmb Salario puntano a cercare di chiarire le cause che hanno scatenato le fiamme. Al momento non si esclude alcuna pista dal fenomeno dell’autocombustione a quella legata ad un atto doloso o di sabotaggio. In queste ore sono stati ascoltati dai carabinieri i vigilantes che erano in servizio la scorsa notte.
– BOLOGNA

– Spaccio di sostanze stupefacenti, con l’aggravante di aver ceduto la droga a dei minorenni. E’ questa l’accusa con cui il Gup del Tribunale di Bologna, Francesca Zavaglia, ha rinviato a giudizio 18 persone, tutte di nazionalità tunisina, che vennero arrestate tra il dicembre del 2015 e il gennaio 2016 dalla squadra Mobile di Bologna. Il processo comincerà l’11 aprile. Oltre a loro era indagato anche un bolognese di 27 anni, che aveva scelto di essere processato con la formula del rito abbreviato ed è stato assolto dal gup, come chiesto anche dalla Procura.
L’indagine, coordinata dalla pm Gabriella Tavano, era partita dalla denuncia della madre di due ragazzine minorenni, gemelle, di buona famiglia, che si era rivolta alla polizia dopo aver scoperto che le figlie facevano uso di eroina.
– CAGLIARI

– Il futuro della statua dedicata a Gigi Riva è nelle mani del ministro dell’interno Matteo Salvini.
“Solo lui – spiegano i promotori dell’iniziativa che punta a realizzare un monumento in onore di Rombo di tuono – può concedere la deroga al divieto di erigere statue giganti dedicate a personaggi ancora in vita”. La lettera del comitato “Una statua per Gigi Riva” è già stata consegnata all’esponente del governo Conte. “Ci auguriamo di ricevere la deroga quanto prima- riferisce il presidente del comitato Pietro Porcella – in maniera da poter continuare la raccolta fondi con la sottoscrizione popolare già in atto”.
Il comitato chiede che lo strappo alla regola sia considerato come “un atto dovuto verso un uomo, un campione un sardo valoroso che ha portato benefici ineguagliabili all’Italia e alla Sardegna”. La richiesta riguarda la sistemazione del monumento nel Lungomare Sant’Elia di Cagliari, davanti al Lazzaretto.
– MORANO CALABRO (COSENZA)

– “L’illegalità, il crimine, si combattono non solo con gli apparati repressivi, ma rappresenta soprattutto un fatto culturale. Occorre stimolare le nuove generazioni ad acquisire consapevolezza di cosa è bene e cosa non lo è e a non chinarsi dinanzi alla prepotenza e all’arroganza, promuovendo il rispetto e l’onestà. Perché il silenzio e l’indifferenza possono uccidere”. Lo ha detto il questore di Palermo, Renato Cortese, intervenendo a Morano Calabro al convegno organizzato dal Comune guidato dal sindaco Nicolò De Bartolo per i 70 anni della Costituzione.
“Dire no alla mafia – ha aggiunto Cortese – vuol dire studiare, essere culturalmente forti. E vuol dire non chiedere mai la raccomandazione. La sopraffazione, in alcune aree del Paese, condiziona pesantemente la libertà dei cittadini. L’unico modo per ribellarsi é quello di stare sempre e convintamente dalla parte dello Stato”.
A Cortese é stata consegnata una pergamena per le sue “quotidiane battaglie contro la criminalità”.
Un altro turista alla ricerca di un souvenir esclusivo è finito nei guai ieri pomeriggio quando gli addetti alla vigilanza del Parco Archeologico del Colosseo lo hanno sorpreso subito dopo aver staccato un frammento di laterizio che si è infilato in tasca.
L’uomo, un cittadino indiano di 47 anni, lo ha staccato durante una visita guidata all’interno dell’Anfiteatro Flavio. I vigilantes hanno immediatamente fermato il turista, consegnandolo ai carabinieri del Comando di Piazza Venezia, in servizio di vigilanza dinamica insieme ai militari dell’8° Reggimento Lazio. Il frammento di laterizio è stato recuperato e restituito al personale della Sovrintendenza mentre il turista indiano è stato denunciato a piede libero per danneggiamento e impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato
E’ stato condannato a 22 anni di reclusione Valentino Talluto, il 34enne di origini siciliane, sotto processo perché accusato di aver contagiato con l’Hiv 32 persone. La prima Corte d’Assise d’Appello di Roma ha concesso uno sconto di pena – in primo grado era stato condannato a 24 anni – di due anni poiché è stato assolto per 4 episodi con formula dubitativa “per non aver commesso il fatto”.
– BARI

– “Per questo Natale sport e meno compiti ma anche tante altre cose: leggere un buon libro, vivere insieme ai propri familiari, passare delle vacanze per ricaricare le batterie e ripartire bene dopo la Befana”. Lo ha ribadito a Bari il ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Marco Bussetti, che nei giorni scorsi ha annunciato una circolare che sarà diffusa nelle scuole di tutta Italia. Il ministro è a Bari da questa mattina per incontrare gli studenti di una scuola e gli atleti del Centro Universitario Sportivo, che ha visitato con il rettore Antonio Uricchio. Domani parteciperà alla cerimonia di Inaugurazione dell’Anno Accademico dell’Ateneo barese.
– Una serie di “anomalie”, come la “presenza di usura”, scollamenti, una “scarsa rincalzatura” e la “mancanza di attacchi elastici”, non solo nel cosiddetto ‘punto zero’, dove si trovava il giunto in cattive condizioni e dove si staccò un pezzo di rotaia e avvenne il deragliamento, ma anche in altri giunti e più in generale sulla “sede ferroviaria nel tratto di binario compreso tra il km 13 e il km 11” sulla linea Milano-Venezia. Emergono dalla complessa e dettagliata consulenza tecnica, firmata dagli ingegneri Roberto Lucani e Fabrizio D’Errico, depositata in Procura a Milano nell’inchiesta sull’incidente ferroviario a Pioltello, nel Milanese, del 25 gennaio scorso che causò tre morti e cinquanta feriti.
“In svariati punti del tratto di linea oggetto del sopralluogo visivo – scrivono i consulenti – è stata rilevata e documentata la mancanza di attacchi elastici tipo Pandrol”, ossia di “elementi di fissaggio diretto” della “rotaia alla traversa”.
– VENTIMIGLIA (IMPERIA)

– La polizia ha applicato il decreto sicurezza, divenuto legge, nei confronti di una donna che chiedeva l’elemosina infastidendo i passanti. E’ accaduto a Ventimiglia nei confronti di una mendicante romena. La donna, conosciuta dagli investigatori e con diversi precedenti penali, era già destinataria di un foglio di via obbligatorio, emesso dal questore di Imperia. Domenica mattina, in via Cavour, l’ennesimo episodio: la donna è stata nuovamente segnalata a chiedere l’elemosina con fare molesto e aggressivo. A quel punto è intervenuta la polizia che l’ha denunciata per accattonaggio molesto, sequestrandole il denaro raccolto fino a quel momento, 20 euro e alcuni cartelli utilizzati per impietosire i passanti.
Ora sono in corso le procedure amministrative per il suo rimpatrio, analogamente a quanto avvenuto in passato per i mendicanti che molestavano i passanti sotto i portici di Oneglia, a Imperia.
– BELLUNO

– I due veneziani residenti nel bellunese, padre e figlio, sospettati di essere gli autori delle gesta attribuite a un anonimo mitomane che si fa chiamare “Erostrato”, sono da oggi formalmente imputati per vari capi d’imputazione collegati ai fatti registrati a partire dal 2017 in varie località nelle vicinanze di Belluno.
La richiesta di rinvio a giudizio è stata formulata dal sostituto procuratore della Repubblica di Belluno Simone Marcon.
Nemesio Aquini, 73 anni, e il figlio Samuele (31), sono accusati di essere gli autori di scritte inneggianti al nazismo comparse su muri di edifici pubblici, dell’invio di lettere anonime con minacce ad amministratori pubblici e missive contenenti polveri poi risultate innocue e incendi a piccoli depositi di legname. “Erostrato” avrebbe anche rivendicato l’inserimento di spilli in una confezione di caramelle fatta ritrovare nel cortile di una scuola materna.

– GENOVA

– Sono arrivati i risultati delle analisi sui 17 reperti del viadotto Morandi effettuate dal laboratorio dell’Empa (Laboratorio federale di prova dei materiali e di ricerca) di Dübendorf, vicino a Zurigo. Secondo quanto si apprende i risultati confermerebbero lo stato di ammaloramento della struttura. L’elaborato, circa 120 pagine, dovrà essere studiato dai periti che lo confronteranno con i rilievi fatti sui monconi e gli altri reperti. La perizia conclusiva verrà consegnata tra circa un mese, visto che i tre esperti hanno chiesto una proroga. C’è stata anche una riunione tra i periti del gip e i consulenti della procura, degli indagati e delle parti civili per discutere il piano di demolizione del ponte Morandi presentato dal sindaco-commissario Marco Bucci. La maggior parte avrebbe espresso parere favorevole alle demolizioni con esplosivo nella parte est del ponte. Gli avvocati di alcuni indagati, invece, hanno sollevato perplessità sostenendo che alcune parti andrebbero conservate integre.
– Un maestro di 46 anni è stato colpito con due pugni al volto dallo zio di un bambino durante un colloquio con le famiglie avvenuto questo pomeriggio alla scuola elementare “Sorelle Agazzi” in piazza Gasparri, a Milano.
Secondo quanto ricostruito dalla polizia, alle 17.40 l’insegnante ha avuto dissapori con una 25enne madre di un alunno. Con lei c’era il fratello di 28 anni che ha colpito il maestro con due pugni. I poliziotti sono arrivati in tempo per bloccare i due. Al momento non sono stati presi provvedimenti.
– Per evitare che accadano tragedie come quella di Corinaldo, la Procura di Milano già da qualche mese ha messo a punto un “Progetto sicurezza” nei luoghi pubblici che comprende non solo discoteche e balere ma anche locali di ritrovo in cui si organizzano eventi, come sfilate o “appuntamenti mondani” oppure “feste pseudo private”.
Il progetto – elaborato dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano, responsabile del dipartimento che si occupa di tutela della salute, dell’ambiente e del lavoro, con la squadra di pg guidata da Maurizio Ghezzi, dirigente della polizia locale – è operativo da maggio e ha portato a una serie di verifiche, dalle quali si è individuata l’apertura, spesso in capannoni dismessi e in spazi “non idonei”, di discoteche mascherate da associazioni o circoli culturali. E’ stato anche acceso un faro sui grandi eventi come la ‘Fashion week’ poiché gli avvenimenti estemporanei e paralleli spesso sono organizzati in locali che risultano non essere adeguati a molti invitati.     

STAMPA

Aggiornamenti, ECONOMIA, Notizie, Ultim'ora

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 08:24 ALLE 20:54

DI MARTEDì 11 DICEMBRE 2018

SOMMARIO

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Spread Btp-Bund apre stabile a 285 punti
Rendimento al 3,1%

Cambi: euro in rialzo a 1,1371 dollariYen a 128,63

Borsa: Milano apre in rialzo (+0,78%)Indice Ftse Mib sale a 18.553 punti

Bene Borse Europa, Londra apre a +0,8%Anche Francoforte e Parigi avanzano dello 0,8%

Petrolio: stabile a 51,03 dollariBrent a 60,01 dollari

Borsa Milano cauta, ok Stm, giù AstaldiFtse Mib +0,2%, spread a 285. Bene Prysmian e Fca, banche deboli

Istat, sale export a Sud, Molise +40,8%Da gennaio a settembre. Nel terzo trimestre Mezzogiorno +4,3%

Borsa: Europa rimbalza, Milano ultimaSpread a 287 punti, Piazza Affari frenata da banche, bene Stm

Borsa: Milano accelera con EuropaCorrono Prysmian e Stm, bene Tim, girano le banche. Spread a 286

Unipol Banca: Bper possibile acquirenteAd a margine convegno Welfare Italia Forum

Tria,questa sera riunione su deficitMinistro, con Conte parlato di manovra non solo investimenti

Fond. Cassamarca, Garofalo presidenteSubentra a Dino Da Poli, l’ha guidata dal 1992

Borsa: Milano corre con Prysmian e StmBene future Wall Street. Ok Fca e Tim, giù Astaldi, crolla Ovs

Tesoro,calo sequestri banconote falseTaglio da 50 euro il più contraffatto,per monete conio da 2 euro

Alimentare: made in Italy cresceAnalisi Comar su bilanci società italiane da 50 milioni in su

Tria, reddito e pensioni restanoQualche mese per farle

Stipendio medio cala a 13,9 euro all’oraIstat, oltre 6 su 100 hanno ‘lavoretti’ a meno di 7,47 euro

Uilm, governo assicura cassa ComitalFiom, basta alibi, lavoratori senza reddito da giugno

Borsa: Wall Street apre positivaS&P 500 sale dell’1,27%

E-R chiede incontro a Conte e ToninelliSu Passante Bologna ‘sgarbo senza precedenti’ da ministro

Di Maio: ‘Con imprese grande momento di confronto’Porterà fatti. In settimana incontro tecnico sulla manovra

Borsa Milano chiude in rialzo, +0,98%Indice principali titoli di Piazza Affari a 18.591 punti

Spread chiude a 289, Francia a 48Marcia indietro Macron non infiamma il differenziale francese

Borse Europa brindano a dialogo Usa-CinaFrancoforte +1,49%, Parigi +1,35%, Londra +1,27% e Milano +0,98

Borsa Milano (+0,9%), festa per Usa-CinaVola Prysmian (+6%), bene Tim (+2,9%) e Banco Bpm (+2,5%)

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Lo spread tra Btp e Bund apre stabile a 285 punti, stabile sulla posizione della chiusura di ieri, con un rendimento al 3,10%.
– L’euro è in rialzo a 1,1371 dollari da quota 1,1355 toccata ieri dopo la chiusura di Wall Street.
Contro lo yen la moneta unica vale 128,63 e 0,90453 sulla sterlina.
– Avvio di seduta in rialzo per Piazza Affari. L’indice Ftse Mib ha iniziato le contrattazioni in progresso dello 0,78% a 18.553 punti.
– Partenza positiva per le Borse europee, reduci dalla difficile seduta di ieri, movimentata dal rinvio del voto parlamentare in Gran Bretagna sulla Brexit. A Londra il Ftse 100 avanza dello 0,79% a 6.774 punti, a Francoforte il Dax sale dello 0,84% a 10.711 mentre a Parigi il Cac 40 segna un progresso dello 0,83% a 4.781 punti.
– Il petrolio è stabile a 51,03 dollari per il barile Wti e a 60,01 dollari per il Brent.
– Piazza Affari si appiattisce poco sopra la parità a mezz’ora dall’avvio delle contrattazioni. Il Ftse Mib avanza dello 0,18%, accodandosi a Francoforte (+0,9%), Parigi (+0,8%) e Londra (+0,7%).
Sul listino avanzano Stm (+2,5%), Prysmian (+2,4%) e Banco Bpm (+2,3%) che ha scelto la cordata Credito Fondiario-Elliott per la cessione degli npl. Bene anche le auto con Fca (+1,5%), Cnh (+1,2%) e Brembo (+1,1%). Atlantia sale dell’1,1% mentre Saipem, oggetto di un attacco hacker, dello 0,8%. Tim avanza dello 0,4% dopo che Vivendi ha rotto gli indugi chiedendo un’assemblea per revocare cinque consiglieri di Elliott.
Faticano i titoli del lusso Moncler (-1,3%) e Ferragamo (-1,3%), fiacche le banche e gli assicurativi con Generali in calo dello 0,6%, Unicredit dello 0,3%, Bper dello 0,4% e Unipol dello 0,2% mentre lo spread è stabile a 285 punti. Ancora volatilità su Astaldi (sospesa con un calo teorico del 7,6%) in attesa delle proposte di Salini (+1,1%) e Ihi.
– Nel terzo trimestre 2018, l’Istat stima una crescita congiunturale delle esportazioni maggiore al Mezzogiorno e nelle Isole che nel resto dell’Italia con un aumento del 4,3% contro il +2,9% per il Nord-ovest, il +0,7% per il Centro e il +0,2% per il Nord-est. Nei primi nove mesi dell’anno le regioni più dinamiche all’export su base annua sono Molise (+40,8%), Calabria (+21,7%), Basilicata (+18,2%) e Valle d’Aosta (+10,7%) che “tuttavia presentano una forte polarizzazione settoriale e hanno un contenuto impatto sulla crescita dell’export nazionale (+0,2 punti percentuali)”, spiega l’Istat. Sicilia (+18,9%), Friuli Venezia-Giulia (+10,8%), Emilia-Romagna (+5,2%) e Lombardia (+5,1%) contribuiscono per quasi 3 punti percentuali alla crescita totale. Nello stesso arco di tempo la crescita tendenziale dell’export si conferma molto sostenuta per le Isole (+14,0%) e rilevante per il Nord-est (+4,7%), il Mezzogiorno (+3,8%) e il Nord-ovest (+3,4%), mentre il Centro è in flessione (-0,2%).
– Le Borse europee provano a rimbalzare dopo la difficile seduta di ieri, chiusa in rosso dopo che l’accordo sulla Brexit è tornato in discussione. Parigi e Francoforte avanzano dello 0,7%, Londra dello 0,4% mentre Milano (+0,1%) indossa la maglia nera. Una telefonata tra Usa e Cina ha provato a svelenire il clima sul commercio dopo l’arresto di ‘Lady’ Huawei anche se gli investitori mantengono un atteggiamento guardingo, alla luce delle molte incertezze dello scenario geopolitico. Lo spread Btp-Bund sale a 287 punti base mentre il governo cerca di aggiustare la manovra per farla digerire alla Ue. Recupera un po’ di terreno la sterlina, dopo lo scivolone di ieri, e tratta a 1,26 sul dollaro e a 1,108 sull’euro. Sui mercati azionari vanno bene i titoli minerari (+1,2% l’indice Stoxx) e i semiconduttori (+1,5%). A Piazza Affari corre Banco Bpm (+3%), Stm (+2,9%) e Prysmian (+2,2%) mentre arrancano i bancari con Bper (-1,3%) e Unicredit (-1%) e il lusso con Moncler (+1,6%) e Ferragamo (-2,5%).
– Piazza Affari riprende vigore sul finire della mattinata, in scia alle altre Borse europee e ai future su Wall Street, girati in positivo dopo una prima parte di seduta negativa. Milano avanza dello 0,8%, Londra dello 0,7%, Parigi e Francoforte dell’1,3%. Gli investitori confidano nel fatto che il caso Huawei non blocchi il dialogo sui dazi tra Usa e Cina e giudicano positivamente la telefonata di stanotte tra il vicepremier cinese Liu He e il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin. Mentre restano in attesa di sviluppi sul fronte della Brexit, dopo lo stop della Gran Bretagna alla bozza di accordo con la Ue.
A Milano le speranze di un disgelo sui dazi spingono Prysmian (+4,4%) e Stm (+3,1%) Banco Bpm corre (+3,9%) dopo l’intesa per cedere fino a 7,8 miliardi di npl. Bene le utility con A2A (+2,5%), Terna (+1,6%) ed Enel (+1,5%). Riparte Tim (+1,4%) per cui si preannuncia una nuova battaglia assembleare. Girano in positivo i bancari, guidati da Ubi (+0,8%) mentre lo spread si mantiene a quota 286 punti.
“Bper è uno dei possibili destinatari” interessati ad acquistare Unipol Banca. Lo ha confermato l’ad di Unipol Carlo Cimbri a margine del convegno Welfare Italia Forum 2018.
Cimbri ha detto di non voler commentare quanto riportato nei giorni scorsi dalla stampa secondo cui Unipol potrebbe sceglie un advisor per la vendita di Unipol Banca a Bper entro la fine dell’anno.
Secondo Cimbri, comunque, perché avvenga l’operazione di vendita della banca “bisogna che si incastri con la strategia di un altro gruppo bancario”.
Avete una scadenza? Gli è stato chiesto. “A me interessa che la banca sia profittevole in quanto tale per dare il contributo ai risultati del nostro gruppo, se poi così diventa anche più appetibile bene”, ha risposto Cimbri.
Ieri sera nel vertice con Giuseppe Conte non si è parlato solo di investimenti ma “abbiamo discusso della manovra in generale”. Lo ha detto il ministro dell’Economia Giovanni Tria rispondendo ai cronisti che chiedevano se ieri si fosse messo a punto un nuovo piano di investimenti e confermando che domani accompagnerà il premier all’incontro con Jean Claude Juncker. Alla domanda se si sia trovata una intesa sul deficit, il ministro si è limitato a dire che “si vedrà questa sera”, lasciando intendere che ci sia una nuova riunione di governo in agenda.È possibile evitare la procedura di infrazione”. Ne è convinto il ministro dell’Economia Giovanni Tria che parlando al Welfare Italia Forum 2018 ha sottolineato però che “si tratta di prendere decisioni politiche rispetto a varie alternative”.  Reddito di cittadinanza e pensioni restano “ma le misure tecnicamente richiederanno qualche mese per essere realizzate”. Lo ha detto il ministro dell’economia Giovanni Tria precisando che “la manovra non verrà rivoluzionata”. “Ormai siamo arrivati, entro la giornata si arriverà a determinare quali sono i possibili saldi e poi ci sarà la decisione politica”.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

TREVISO

– E’ Luigi Garofalo, 62 anni, avvocato di Treviso, il nuovo presidente di Fondazione Cassamarca, ente governato dalla sua origine, nel 1992, da Dino De Poli, decaduto lo scorso 4 dicembre. Garofalo è stato eletto oggi dal nuovo Consiglio di indirizzo designato la scorsa settimana, organo che ha anche attribuito a Ubaldo Fanton la vicepresidenza.
Nell’incontro con la stampa convocato oggi il nuovo presidente si è soffermato in particolare sulle difficoltà finanziarie di Cassamarca precisando che la posizione debitoria è pari a circa 150 milioni, quasi esclusivamente nei confronti di Unicredit, e che c’è un accordo con il gruppo bancario per una restituzione di metà del debito entro la prima metà del 2020 e della parte rimanente nei successivi cinque anni. Garofalo ha anche parlato di una riduzione dei compensi agli organi amministrativi i quali saranno commisurati all’entità del patrimonio escludendo tuttavia il rischio di esuberi per il personale della Fondazione.
– Milano ingrana la quarta con il Ftse Mib che avanza dell’1,55%, allineandosi alle altre Borse europee e ai future su Wall Street. Francoforte sale dell’1,9%, Parigi dell’1,8% e Londra dell’1,4%, con i listini che sembrano accantonare i timori per il caso Huawei e per le incertezze che circondano la Brexit. La sterlina recupera terreno dopo il tonfo di ieri, con la premier Uk Theresa May impegnata in un fitto programma di incontri presso le cancellerie europee per cercare di ottenere una revisione della bozza di accordo.
A Milano strappano Prysmian (+6,4%), Stm (+4,6%) e Banco Bpm (+4,2%). Bene le auto con Brembo (+4,1%), Cnh Industrial (+3,3%), Fca (+3%) e Ferrari (+2,3%) mentre tra le utility svetta A2A (+2,8%). Corre anche Tim (+2,7%) con Vivendi che annuncia la richiesta di un’assemblea per revocare cinque consiglieri di Elliott. Tra i pochi segni meno del listino ci sono Astaldi (-3,6%), che aspetta le offerte di Salini (+2,7%) e Ihi, Mps (-1,1%) e Moncler (-1,1%). Crolla Ovs (-10%).
“Continua nel 2017 il trend, già registrato negli ultimi anni, di progressivo contenimento del fenomeno della sospetta contraffazione di monete e banconote”. Lo afferma il Ministero dell’Economia e finanze secondo cui sono state sequestrate 163.114 banconote sospette false (-4%). e 92.191 monete metalliche con un aumento del 43% “ma interamente riconducibile ad un unico importante sequestro, avvenuto, prima ancora della messa in circolazione del denaro, nella provincia di Prato e che ha interessato 27.982 pezzi di monete da 2 euro”. Le banconote da 50 euro sono quelle più contraffatte. Al secondo posto viene la banconota da 20 euro. La maggior parte delle monete metalliche ritirate dalla circolazione si riferisce invece al conio da 2 euro, seguito da quelle da 1 euro e da 50 centesimi di euro.
– Le società italiane del settore alimentare-bevande sono, sempre più, un punto di forza dell’economia Italiana: sono 227 le aziende con un fatturato superiore ai 50 milioni di euro, numero che colloca il settore al secondo posto della classifica di tutti i comparti industriali, subito dopo la meccanica, ma prima del tessile-abbigliamento-calzaturiero, della telematica, del chimico-farmaceutico, dell’energia. E, negli ultimi tre anni, il loro fatturato è aumentato del 10,8% e il margine operativo netto del 12,9%, a fronte di debiti finanziari cresciuti del 4,4% e dipendenti del 3,6%. E’ quanto emerge dalla seconda edizione dell’analisi dei bilanci delle società dell’alimentare e bevande in Italia, del Centro Studi CoMar.
In particolare nel 2017 Il fatturato è stato di 78,5 miliardi di euro, + 5,5% rispetto al 2016 e +10,8% sul 2015; mentre il margine operativo netto è stato di 4,3 miliardi , +5,5% sul 2016 e +12,9% rispetto al 2015. Gli addetti sono cresciuti, dai 157.039 del 2015 ai 162.669 di fine 2017

– Reddito di cittadinanza e pensioni restano “ma le misure tecnicamente richiederanno qualche mese per essere realizzate”. Lo ha detto il ministro dell’economia Giovanni Tria precisando che “la manovra non verrà rivoluzionata”.
– Cala la retribuzione media nel settore privato da 14,01 euro l’ora nel 2015 a 13,97 nel 2016, secondo gli ultimi dati Istat. Resta comunque superiore a quella del 2014 (13,80 euro). La metà dei dipendenti percepisce una retribuzione oraria pari o inferiore a 11,21 euro nel 2016.
Mentre il 6,3% dei posti ha uno stipendio basso (inferiore o uguale a 7,47 euro, due terzi della mediana nazionale). Queste posizioni a bassa retribuzione (“low pay jobs”) sono diminuite rispetto al 2014 ?(-6,7%). In particolare i nuovi rapporti di lavoro stipulati nel settore privato nel 2016 hanno una retribuzione di 9,99 euro l’ora, che è più bassa del 18,4% rispetto a quella dei rapporti in essere (12,25 euro). In termini percentuali la differenza di retribuzione oraria mediana dei nuovi rapporti rispetto a quelli in essere è molto più alta per gli uomini (-21,5%) che per le donne (-14,6%).
– TORINO

– Dovrebbe partire a breve la cassa integrazione per i 127 lavoratori Comital e Lamalù di Volpiano.
È quanto emerso dall’incontro al Mise con i sindacati e la curatela fallimentare delle due società che hanno portato i libri in tribunale a giugno. Il governo – spiega la Uilm – ha comunicato che la circolare applicativa del ‘decreto emergenze’ garantirà la copertura della cassa integrazione straordinaria per i lavoratori, da sei mesi sospesi e senza salario né alcuna forma di sostegno al reddito. La richiesta dovrà essere formalizzata domani dalla curatela fallimentare in un incontro convocato presso l’assessorato regionale al Lavoro.
“Speriamo sia la volta buona”, commentano Dario Basso, segretario generale della Uilm di Torino, e Ciro Di Dato della Uilm di zona. “I curatori devono subito predisporre la domanda di cassa per i lavoratori. Sarebbe un premio alla loro determinazione di fronte ai troppi intoppi formali”, aggiungono Federico Bellono e Julia Vermena, della Fiom di Torino.
– NEW YORK

– Apertura in territorio positivo per Wall Street con i primi segnali di disgelo commerciale fra Stati Uniti e Cina. Il Dow Jones sale dell’1,37% a 24.765,30 punti, il Nasdaq avanza dell’1,41% a 7.120,20 punti mentre lo S&P 500 mette a segno un progresso dell’1,27% a 2.671,81 punti.
– BOLOGNA

– L’Emilia-Romagna chiede al premier Giuseppe Conte e al ministro dei Trasporti Danilo Toninelli “un incontro urgente sulle infrastrutture regionali, in primis il Passante di Bologna e la Cispadana”. La richiesta è firmata da Regione, Comune, Città metropolitana e dalle principali categorie economiche e sociali che aderiscono al Patto per il Lavoro: Cgil, Cisl, Uil, Agci, Confcooperative, Legacoop, Confindustria, Confimi, Cna, Confartigianato, Confcommercio, Confeserceenti, Cia, Coldiretti e Confagricoltura.
La decisione arriva dopo la scelta di Toninelli di presentare un progetto alternativo per il Passante nonostante il via libera a quello approvato dalle istituzioni locali e in attesa dell’apertura della Conferenza dei Servizi. “Siamo di fronte a uno strappo istituzionale clamoroso e a uno sgarbo senza precedenti”, ha detto Bonaccini. “Come Regione – ha aggiunto – stiamo valutando, se il Ministero non si fermerà, di aprire un conflitto di attribuzioni dinanzi alla Corte costituzionale”.
Il tavolo con le imprese “è stato un grande momento di confronto e ascolto”. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Luigi Di Maio aggiungendo che non si tratta di “un tavolo estemporaneo, ma dell’inizio di un lavoro che porterà non solo ascolto, ma fatti”. Già “giovedì o venerdì” si replicherà con un tavolo tecnico “sulla manovra”.

Il Mise “metterà in contatto gli imprenditori anche con gli altri ministeri, ogni tema sarà affrontato in maniera orizzontale con gli altri ministeri”, ha affermato Di Maio al termine dell’incontro con le imprese. “Oggi è partito un nuovo patto fra governo e imprese per abbattere la burocrazia, abbassare il costo del lavoro, investire in innovazione e accelerare esportazioni”, ha aggiunto.

Nella legge di bilancio ora in discussione in Senato “confluiranno parte delle richieste ricevute oggi al tavolo, sarò felice entro fine anno di firmare la revisione delle tariffe Inail che abbasserà il costo per le imprese italiane, con un risparmio per loro di 1,7 miliardi”. Di Maio ha sottolineato che “non basta, bisogna fare di più ma è un punto partenza”.

Boccia, bene Governo che ascolta,è solo inizio partita – “Condividiamo il metodo, apprezziamo che il Governo ascolti”, dice il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, dopo l’incontro di oggi delle associazioni imprenditoriali con il vicepremier Luigi Maio e l’incontro di domenica con il vicepremier Matteo Salvini. E intervenendo all’assemblea di Assosistema aggiunge: “Ma siamo solo al fischio di inizio partita. Lo dico al Governo, perchè non vorrei che qualcuno pensi che con due caffè si risolva tutto”.

“Terremo alta la guardia”, afferma Boccia. “Il ministro – spiega Boccia alla platea dell’assemblea di Assosistema – ci ha promesso tavoli tecnici per confrontarsi sulle criticità” ed accompagnare, con un confronto con le parti sociali “la fase della seconda lettura” per la manovra. Bene il metodo”, sul merito “vedremo”, sottolinea.

ECONOMIA TUTTE LE NOTIZIE

Giornata positiva per Piazza Affari, che ha chiuso in rialzo dello 0,98% a 18.591 punti.
– Chiusura in lieve rialzo per lo spread Btp-Bund, a 289 punti base dai 285 della chiusura di ieri. Il rendimento del titolo decennale italiano è al 3,16%.
Il dietro-front del presidente francese Emmanuel Macron su alcuni punti della legge di bilancio non infiamma lo spread della Francia rispetto alla Germania, con il differenziale che chiude oggi a 48 punti base, in lieve rialzo dai 44 di ieri.
Giornata positiva per Piazza Affari, che ha chiuso in rialzo dello 0,98% a 18.591 punti  Le Borse europee brindano al dialogo fra Stati Uniti e Cina in tema di dazi e chiudono in convinta crescita. Francoforte ha guadagnato l’1,49% a 10.780 punti, seguita da Parigi(+1,35% a 4.806 punti) e Londra (+1,27% a 6.806 punti). Solide anche Milano, che ha guadagnato lo 0,98% a 18.591 punti, e Madrid (+0,87% a 8.735 punti).
– Le Borse hanno brindato ai colloqui fra Stati Uniti e Cina in tema di dazi. Milano è salita dello 0,98%, in scia alle altre Piazze europee. Lo spread ha chiuso a 289 punti, contro i 285 dell’apertura. L’euro è a 1,13 dollari.
Sui mercati non pesano quindi le incertezze sulla Brexit e le proteste in Francia. In Piazza Affari ha volato Prysmian (+6,15%), dopo aver perso il 12% in cinque sedute. Bene Stm (+3,2%), che si è ripresa dal calo legato al caso Huawei, e Tim (+2,99%), mentre Vivendi chiede un’assemblea per la revoca di cinque consiglieri di Elliot. Fuori dal listino principale sono crollate Ovs (-9,9%), per le previsioni non ottimistiche sui conti, e Mondo Tv, rimasta congelata in asta di volatilità con cali teorici del 50%. Bene Banco Bpm (+2,5%), che ha scelto il partner per la cessione di 7,8 miliardi di sofferenze. Giù del 10% Astaldi, che è in attesa delle proposte di Salini (piatta).
Bene Carige (+5,8%), male Mps (-4,15). In calo le grandi banche: Intesa (-0,3%) e Unicredit (-1%).     

STAMPA