Juventus tutti i video in tempo reale, sempre esclusivi ed aggiornati! GUARDA E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

JUVENTUS TUTTI I VIDEO

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

JUVENTUS TUTTI I VIDEO IN TEMPO REALE

JUVENTUS TUTTI I VIDEO IN TEMPO REALE SEMPRE APPROFONDITI ED AGGIORNATI

DALLE 15:02 DI DOMENICA 22 MARZO 2020

ALLE 04:54 DI GIOVEDì 02 APRILE 2020

JUVENTUS TUTTI I VIDEO

PER TUTTE LE ULTIMISSIME NOTIZIE BIANCONERE: CLICCA QUI

Juventus tutte le notizie in tempo reale. Tutto sulla Juventus, sempre approfondito ed aggiornato! SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, Ultim'ora

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 27 minuti

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 14:32 DI DOMENICA 22 MARZO 2020

ALLE 04:28 DI GIOVEDì 02 APRILE 2020

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Black&White Stories: la top five del 2012
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Cosa rende un gol storico? La classifica di un anno speciale
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Siamo tutti d’accordo che il 2012 sia l’anno dal quale il nostro meraviglioso ciclo è partito. Non solo perché ha ospitato il primo degli 8 scudetti di fila, ma anche per il modo del tutto eccezionale con il quale lo abbiamo vissuto. Giorno dopo giorno, è stata un’emozione crescente che significava qualcosa di più profondo della pur importantissima ricongiunzione con la Juventus vincente del passato. L’anno solare lasciava infatti già intendere che il percorso fosse solo all’inizio, che altre tappe sarebbero arrivate, anche se nessuno – neanche il più inguaribile degli ottimisti – avrebbe potuto immaginare la sequenza di vittorie che stiamo ancora vivendo e vogliamo proseguire.
Alla fine del 2012, Hurrà Juventus propose un gioco, più che un bilancio, sulla top ten dei gol realizzati. Chiedendosi quali siano le caratteristiche che rendono speciale una rete. La bellezza dell’esecuzione, certamente (se il dibattito sul bel gioco divide, quello sulla qualità di un gol è solitamente più morbido). L’originalità della giocata, forse (che è altra cosa dal fascino, è il mai visto prima, è il piacere dell’inedito, materia rara e perciò degna di essere preservata). Oppure, più concretamente, la sacrosanta importanza ai fini del risultato (perché c’è poco da fare: se vale una vittoria decisiva, anche un tocco a porta vuota assume toni leggendari).
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Già allora, qualsiasi fosse l’idea prevalente, si avanzava un “sospetto”. Che determinati gol sappiano andare oltre le ragioni della stretta attualità e si proiettino immediatamente nel futuro, diventando nel tempo momenti da collezione. Ve ne riproponiamo la metà di quelli scelti allora. Divertitevi ad accostare le sensazioni di allora e quelle di oggi in un juventinissimo Ritorno al futuro…
FIORENTINA-JUVENTUS 0-5 ANDREA PIRLO
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
La Signora travolge la Viola sul proprio campo con un sonante 0-5, punteggio storico, mai visto prima. L’eccezionalità della serata è ben rappresentata da Andrea Pirlo che si scambia la parte con Mirko Vucinic: stavolta è lui a presentarsi a tu per tu con il portiere per trasformare in rete la geniale invenzione del montenegrino con un morbidissimo tocco. E d’incanto si capisce che un gol di Andrea Pirlo non alla Andrea Pirlo è sempre per definizione il gol di un Maestro.
JUVENTUS-LAZIO 2-1 ALESSANDRO DEL PIERO
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Di punizioni perfette il 10 bianconero ne ha regalate talmente tante che ogni dibattito su quale sia la più bella o la più importante rischia di diventare un esercizio accademico che non mette d’accordo nessuno. Questa è la più sorprendente, però, nessun dubbio. Perché Alex la tira precedendo Pirlo che lo affianca al momento della battuta e in quella frazione di secondo inganna Marchetti, lasciandolo inchiodato alla linea di porta. E’ esagerato dire – col senno di poi – che in quell’istante abbiamo capito che avremmo vinto lo scudetto?
JUVENTUS-ROMA 4-0 ARTURO VIDAL
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Un gol, anzi due. Impossibile separarli, anche a costo di allargare un po’ la Top Five con un numero supplementare. Quarto minuto, Vidal si getta su un pallone che attraversa l’area di rigore e Juve-Roma prende già una direzione ben precisa. Altri 4 minuti e il cileno inventa un tiro folgorante e non è una definizione esagerata. Probabile che di Arturo siano restate tante altre cose nella nostra memoria tifosa. Fate spazio, questa doppietta velocissima lo merita.
CAGLIARI-JUVENTUS 0-2 MIRKO VUCINIC
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Probabile che siano talmente tante le immagini della felicità di Trieste – la notte dello scudetto numero 30 – che si finisca per dimenticarsi del gol sblocca-partita. Lo realizza Vucinic su un lancio calibrato di Bonucci. Tutto appare splendidamente giusto, anche perché arriva dopo appena 6 minuti, risparmiando una discreta dose d’ansia per gli altri 84.
JUVENTUS-TORINO 3-0 CLAUDIO MARCHISIO
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Il primo derby dello Stadium non si scorda mai, tanto meno il primo gol se lo realizza un ragazzo che li gioca già da bambino. Particolare non secondario: il cross per il tuffo di testa di Marchisio lo disegna Sebastian Giovinco, pure lui prodotto del vivaio bianconero. E conferma una tradizione che dal Delle Alpi all’Allianz, passando per l’Olimpico, a oggi conta in 24 gli anni trascorsi dall’ultima volta che la Juve ha perso in casa contro i cugini
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE.
COVID-19, le misure adottate da Juventus
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
I provvedimenti adottati da Juventus in ottemperanza ai DPCM ed ai decreti del Ministero della Salute
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
A seguito del DPCM del 9 marzo 2020, la Federazione Italiana Giuoco Calcio ha deciso di sospendere sino al 3 aprile 2020 tutte le competizioni sportive calcistiche organizzate sotto sua egida.
Juventus continua a monitorare la situazione relativa al Coronavirus (Covid-19) conformandosi alle disposizioni impartite delle Autorità competenti. Pertanto, preso atto del DPCM del 4 marzo 2020 e degli altri provvedimenti straordinari ancora in vigore per il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Coronavirus, la Società ha adottato una serie di misure di prevenzione che abbracciano tutte le attività del Club.
ATTIVITÀ APERTE AL PUBBLICO
In ottemperanza alle disposizioni del Dpcm dell’8 marzo 2020, lo Juventus Museum sarà chiuso al pubblico fino al 3 aprile, salvo diversa disposizione ministeriale.
Gli interventi di sanificazione delle superfici dei luoghi di lavoro vengono effettuati con regolarità attraverso l’utilizzo di prodotti disinfettanti a base alcolica od ipoclorito di sodio.
È stata infine operata la sanificazione di ogni sede Juventus, dei pullman delle diverse squadre e di ogni indumento utilizzato dagli atleti tramite tintorie industriali.
JUVENTUS STORE
Gli Juventus Store di Torino, Milano e Roma sono al momento chiusi, in ottemperanza al DPCM dell’11 marzo 2020.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
ATTIVITÀ AGONISITCA
A seguito del DPCM del 9 marzo 2020, la Federazione Italiana Giuoco Calcio ha deciso di sospendere sino al 3 aprile 2020 tutte le competizioni sportive calcistiche organizzate sotto sua egida.
Prima Squadra Maschile e Femminile – agg. 12.03.2020
Tre i giocatori risultati positivi al COVID-19: Daniele Rugani, Blaise Matuidi e Paulo Dybala. Per tutti e tre è scattato l’isolamento domiciliare volontario.
La partita di Champions League fra Juventus e Olympique Lione, inizialmente prevista per il prossimo 17 marzo, è rinviata a data da destinarsi

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Il Responsabile del Settore Medico, Dott. Stefanini, in ottemperanza a quanto disposto dal Gruppo Scientifico dei medici sportivi di Serie A, ha comunicato, esplicato e disposto per le Prime Squadre Maschile e Femminile le seguenti 21 regole che valgono anche per dirigenti, personale tecnico e addetti ai lavori.
NON BERE DALLA STESSA BOTTIGLIA
Non bere dalla stessa bottiglietta, borraccia, bicchiere né in gara né in allenamento, utilizzando sempre bicchieri monouso o una bottiglietta nominale o comunque personalizzata, e non scambiare con i compagni altri oggetti come asciugamani, accappatoi, ecc.
NON MANGIARE NELLO SPOGLIATOIO
Evitare di consumare cibo negli spogliatoi.
GLI INDUMENTI
Riporre oggetti e indumenti personali nelle proprie borse, evitando di lasciarli esposti negli spogliatoi o in ceste comuni.
I FAZZOLETTI DI CARTA
Buttare subito negli appositi contenitori i fazzolettini di carta o altri materiali usati come cerotti, bende, ecc.
LAVARSI LE MANI
Lavarsi accuratamente le mani il più spesso possibile: il lavaggio e la disinfezione delle mani sono decisivi per prevenire l’infezione. Le mani vanno lavate con acqua e sapone per almeno 20 secondi e poi, dopo averle sciacquate accuratamente, vanno asciugate con una salvietta monouso; se non sono disponibili acqua e sapone, è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani a base di alcol al 60%.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
SERVIZI IGIENICI
Evitare, nell’utilizzo di servizi igienici comuni, di toccare il rubinetto prima e dopo essersi lavati le mani, ma utilizzare salviette monouso per l’apertura e la chiusura dello stesso.
DISPENSER E DISINFETTANTE
Favorire l’uso di dispenser automatici con adeguate soluzioni detergenti disinfettanti, sia negli spogliatoi, sia nei servizi igienici.
NON TOCCARSI OCCHI, NASO, BOCCA
Non toccarsi gli occhi, il naso o la bocca con le mani non lavate.
TOSSIRE NEL BRACCIO
Coprirsi la bocca e il naso con un fazzoletto – preferibilmente monouso – o con il braccio, ma non con la mano, qualora si tossisca o starnutisca.
CAMBIO D’ARIA
Arieggiare tutti i locali il più spesso possibile.
PULIRE TAVOLI, SEDIE, RUBINETTI
Disinfettare periodicamente tavoli, panche, sedie, attaccapanni, pavimenti, rubinetti, maniglie, docce e servizi igienici con soluzioni disinfettanti a base di candeggina o cloro, solventi, etanolo al 75%, acido paracetico e cloroformio.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
COSA FARE IN PISCINA
In caso di attività sportiva o allenamento in vasca, richiedere un costante monitoraggio dei parametri chimici (cloro o altre soluzioni disinfettanti) e dei parametri fisici (fra cui il pH o la temperatura, che influisce sul livello di clorazione) .
COSA FARE AI PRIMI SINTOMI
Gli atleti che manifestino sintomi evidenti di infezione respiratoria e/o febbre devono immediatamente abbandonare il resto della squadra, possibilmente, isolarsi, e avvisare il medico sociale nelle squadre professionistiche o il responsabile medico della federazione nei raduni federali, che provvederà a rivolgersi, se ne sussistesse l’indicazione, al Numero 112 o al Numero 1500 del Ministero della Salute operativo 24 ore su 24, senza recarsi al Pronto Soccorso.
VACCINARSI CONTRO L’INFLUENZA
Per chi non fosse ancora vaccinato contro l’influenza, ricorrere il più rapidamente possibile il vaccino antiinfluenzale, in modo da rendere più semplice la diagnosi e la gestione dei casi sospetti.
I CONTATTI A RISCHIO
Informarsi dagli atleti e dal personale societario se ci sono stati eventuali contatti in prima persona o all’interno del proprio ambito familiare con persone rientrate da zone a rischio o in quarantena.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
LO SCREENING MEDICO SPORTIVO
Utilizzare la visita medico-sportiva quale fondamentale strumento di screening, attraverso un’attenta anamnesi ed esame obiettivo per l’individuazione di soggetti potenzialmente a rischio immunitario o con sintomatologia.
I RADUNI DELLE NAZIONALI
In caso di raduni nazionali o di atleti o di manifestazioni di circuito internazionale autorizzate anche all’estero, prevedere sempre la presenza di un Medico di Federazione che possa valutare clinicamente, a livello preventivo, tutti i partecipanti, identificando eventuali soggetti a rischio e adottando le più idonee misure di isolamento, seguendo adeguate procedure gestionali secondo gli indirizzi del Ministero della Salute.
I MEDICI SOCIALI
Lo staff medico deve monitorare con attenzione i Paesi verso cui si è diretti o da cui si rientra, secondo le indicazioni del Ministero della Salute. La FMSI ha istituito un collegamento diretto e indirizzi di posta elettronica specifica per tutti i Medici Federali, che sono il punto di riferimento delle Società e degli Atleti, per un più efficace coordinamento delle informazioni grazie alla linea diretta fra Ministero della Salute, Ministero dello Sport, Coni e FMSI.
NIENTE PREMIAZIONI
Evitare premiazioni o altre forme di contatto con il pubblico (es. club o manifestazioni varie)
IL RISCHIO DELLE INTERVISTE
Utilizzare un unico microfono nelle interviste da disinfettare ogni volta (quindi non vari microfoni tenuti in mano dal giornalista)
EVITARE IL CONTATTO CON I TIFOSI
Uscire dal centro di allenamento e/o dallo stadio nel bus della squadra o sull’auto privata evitando il contatto fisico con tifosi (es. evitare selfie, autografi e abbracci).
Prima Squadra Femminile – AGGIORNAMENTO 10.03.20
La FIGC dispone la sospensione e il rinvio a data da destinarsi di tutte le gare della Divisione Calcio Femminile (Campionato Serie A femminile TIMVISION, Campionato Nazionale femminile Serie B, Campionato Nazionale femminile Primavera, Coppa Italia femminile TIMVISION) in programma durante tutto il periodo di vigenza delle prescrizioni imposte dal D.P.C.M. del 9 marzo 2020 e, comunque, sino a quando le disposizioni statali non modificheranno le stesse.
Anche gli allenamenti della Prima Squadra Femminile sono sospesi, a data da destinarsi.
Under 23 – AGGIORNAMENTO 9.03.2020
Sospeso fino al 3 aprile il campionato di Serie C, sono fermi anche gli allenamenti della squadra.
Settore giovanile

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Oltre a quanto disposto per la Prime Squadra Maschile e Femminile, per il Settore Giovanile è stato indicato come sarà regolata l’attività delle varie formazioni:
Settore giovanile maschile – AGGIORNAMENTO 12.03.20
UNDER 19 – Tutte le gare del Campionato Primavera 1 TIM, SONO sospese fino al 3 aprile prossimo. Sospesi anche gli allenamenti, rinviata a data da destinarsi la partita di Youth League contro il Real Madrid, prevista inizialmente per l’11 marzo.
UNDER17-UNDER15 – attività ufficiale sospesa fino al 03.04
UNDER14-UNDER13 –  attività ufficiale sospesa fino al 03.04
UNDER12-UNDER7 –  attività ufficiale sospesa fino al 03.04
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Settore giovanile femminile – AGGIORNAMENTO 09.03.20
TUTTE le attività (Under 19 compresa) sono sospese fino al 3 aprile. La ripresa degli allenamenti – al momento – è pertanto fissata per il 6 aprile prossimo.
ESPORTS
Le gare della sesta giornata del torneo eFootball.Pro, cui la Juventus partecipa con il suo team, inizialmente in programma per sabato 7 marzo, sono rinviate a data da destinarsi
DIPENDENTI
Ad oggi, alla luce delle ulteriori restrizioni imposte dal DCPM del 11.3.2020 e fatta eccezione per la Sede Principale (HQ), per i centri allenamento (JTC Continassa e Vinovo) e per lo stadio, tutte le altre sedi di lavoro sono state chiuse.
L’attività aziendale presso la Sede Principale (HQ), i centri allenamento (JTC Continassa e Vinovo), nonché lo stadio è stata comunque ridotta al minimo essenziale, ovvero alle sole attività ritenute necessarie e indifferibili (incluse le attività di sanificazione degli ambienti di lavoro).
La presenza di personale dipendente è stata conseguentemente ridotta al minimo necessario.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Juventus ha infine impartito precise indicazioni ai propri dipendenti, invitandoli ad attenersi scrupolosamente alle indicazioni igienico sanitarie di seguito riportate:

lavarsi spesso le mani e utilizzare le soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;

evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;

evitare abbracci e strette di mano;

mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;

igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);

evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva;

non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;

coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;

non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;

pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;

usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Juventus ha inoltre invitato tutti i dipendenti delle varie sedi a limitarsi agli spostamenti strettamente necessari per motivi di servizio. La Società sta mettendo in atto iniziative e misure concrete a supporto dei propri dipendenti volte a sostenere tutti, anche con particolare riguardo alle famiglie.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Un anno fa, la Première
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Oggi si celebra l’anniversario della prima gara delle Juventus Women all’Allianz Stadium:

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

24 marzo 2019: un anno fa, all’Allianz Stadium, come capita spesso tra quelle mura, scrivevamo una pagina di storia. Un anno fa vivevamo, tutti insieme, le emozioni della Premiére: la prima volta delle Juventus Women allo Stadium.
Una giornata indimenticabile, preceduta da giorni densi di emozioni, scanditi da pensieri e notizie che hanno spinto le ragazze sempre più vicine a vivere un evento senza precedenti e la realtà è stata in grado di andare anche oltre le aspettative, con i tifosi che hanno riempito l’impianto bianconero: 39.000 persone per Juventus-Fiorentina, record di presenze per il calcio femminile italiano.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Oltre alle emozioni di una splendida giornata di calcio e di sport c’era la tensione di una partita fondamentale, una gara Scudetto. La Fiorentina, infatti, arrivava al cospetto delle bianconere con un punto di svantaggio a quattro giornate dal termine. Il colpo di testa di Pedersen ha indirizzato al meglio pallone e risultato: 1-0 per la Juve e al triplice fischio i punti di vantaggio sono diventati quattro, a tre giornate dal traguardo. Il dolce risvolto calcistico di una giornata storica, preludio del secondo titolo consecutivo per le nostre ragazze, che hanno poi chiuso la stagione mettendo in bacheca anche la Coppa Italia.
«Sembrava di essere dentro un film», il commento, a fine gara di coach Guarino. «Una giornata spartiacque», l’inciso di capitan Gama, specchio della portata dell’evento non solo per i colori bianconeri, ma anche per tutto il calcio femminile italiano, per cui quella data ha rappresentato un momento storico e un nuovo punto di partenza.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Juventus-Inter, rimborso dei biglietti
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Tutte le informazioni relative alle modalità per il rimborso dei tagliandi emessi per la gara giocata l’8 marzo a porte chiuse
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Vista l’assoluta peculiarità del contesto nazionale, Juventus F.C. ha deciso – in eccezionale deroga alla recente normativa applicabile, nonché alle condizioni contrattuali attualmente in vigore – di rimborsare il prezzo del biglietto singolo acquistato e pagato dai tifosi attraverso i canali di vendita ufficiali per la partita Juventus F.C. vs F.C. Internazionale Milano, disputatasi in data 8 marzo a porte chiuse su ordine della Pubblica Autorità (precedentemente programmata per il 1 marzo 2020, gara valevole per il campionato di SERIE A 19/20).
Queste le modalità con cui i tifosi potranno ricevere, a partire da giovedì 26 marzo 2020 ore 10.00, il rimborso del prezzo versato per il/i biglietto/i per il match Juventus vs Inter:
1. I tifosi che hanno acquistato il biglietto sul sito web Sport.ticketone.it o tramite il call center Ticketone, otterranno automaticamente e senza necessità di richieste, un rimborso pari all’importo indicato sul titolo di accesso, tramite riaccredito sulla medesima carta di credito utilizzata per acquistare i biglietti;
2. I tifosi che hanno acquistato il biglietto in ricevitoria dovranno inviare una comunicazione all’indirizzo PEC di TicketOne restituzione.biglietti.puntivendita@pec-legal.it (è possibile inviare dal proprio indirizzo di posta elettronica ordinaria anche se non certificato PEC). La mail deve contenere:
·       la scansione fronte/retro del biglietto acquistato – o della propria Juventus card (nel caso di caricamento del titolo sulla tessera) – per il quale viene richiesto il rimborso. Il rimborso viene garantito solo se la scansione/immagine del biglietto o della tessera saranno adeguatamente leggibili. SCARICA IL MODULO DI RIMBORSO

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Il rimborso viene garantito solo se tutti gli elementi riportati sul modulo scansionato saranno ben leggibili.
Si consiglia di verificare pertanto l’ottima qualità dell’immagine prima dell’invio. Il modulo di rimborso con gli allegati dovranno pervenire a TicketOne entro il 30 aprile 2020;
3. I soci iscritti ad un Official Fan Club che hanno acquistato il singolo biglietto, si dovranno rivolgere al proprio Club – che ha fatto richiesta dei biglietti per loro conto tramite il portale dedicato – al fine di ottenere il rimborso del prezzo specificato sul tagliando. Maggiori informazioni saranno comunicate tramite il portale dedicato JOFC;
4. I tifosi che hanno acquistato tramite Fan Service Juventus riceveranno indicazioni su come procedere tramite e-mail dedicata;
5.  Per il rimborso dei tagliandi della tribuna Legends Club, gli acquirenti verranno contattati tramite mail dall’account di riferimento.
Il rimborso prevede il riaccredito del prezzo del biglietto pertanto sono escluse eventuali commissioni di servizio e/o oneri aggiuntivi applicati dal fornitore del servizio di biglietteria.
Tale iniziativa di rimborso riguarda esclusivamente l’acquisto da parte dei tifosi di singoli biglietti per la partita Juventus vs Inter acquistati tramite i canali ufficiali Juventus. Sono esclusi gli abbonamenti, i pacchetti riguardanti più match o servizi e gli acquisti di singoli biglietti di altre partite ad oggi rinviate (a titolo esemplificativo e non esaustivo Juventus vs Olympique Lyonnais di Champions League e Juventus vs Milan di Coppa Italia): in relazione a tali situazioni, restano ferme le previsioni contrattuali vigenti anche in attesa delle determinazioni ufficiali in merito alle competizioni attualmente sospese. Ulteriori informazioni e comunicazioni saranno pubblicate sul sito Juventus.com.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Black&White Stories: Brio e Rossi a 18 anni
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Un’intervista del 1975 a due giovani promesse
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Non capita molte volte di essere compagni nelle formazioni giovanili e poi incontrarsi in prima squadra. Tanto meno succede a 7 anni di distanza, dopo una serie di eventi piuttosto nutrita di colpi di scena. Chissà se ci hanno pensato Sergio Brio e Paolo Rossi, classe 1956 entrambi, quando il 5 maggio 1982 si sono trovati a condividere la titolarità nella Juventus che scende in campo a Udine. Chissà se, venticinquenni ormai affermati (due mesi e mezzo dopo e Pablito diventa il capocannoniere del Mundial spagnolo) hanno rievocato quella volta che – insieme a Nicola Zanone – sono stati intervistati da Hurrà Juventuscome promesse del vivaio bianconero. A 18 anni si possono già avere un po’ di idee sul proprio futuro, soprattutto se professionalmente parlando qualche tappa significativa c’è già stata. Ed avere la personalità di esprimerle ad alta voce, con tutto l’entusiasmo della propria età.
SERGIO E PAOLO
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
La maglia della prima squadra Brio l’ha indossata tre mesi prima in un’amichevole a Lecco. Viene definito “uno stangone simpaticissimo” e, soprattutto, uno di personalità: “è inoltre assai schietto, e lo dimostra un paio di volte, allorché si dichiara “non d’accordo” con l’intervistatore: ragazzo cioè di forte carattere, che ci ricorda un po’ il Causio prima maniera, quando, sentendosi in un determinato caso intimidito, reagisce quasi con furore, ribaltando così la situazione”. Inevitabile l’accostamento istintivo al Barone, data la stessa provenienza leccese. Anche se vedendo lo sviluppo delle carriere dei due e la personalità, i due sono agli antipodi e non solo per ragioni di ruolo.
Quanto a Paolo Rossi, toscano, un anno prima dell’intervista è stato schierato titolare in una gara di Coppa Italia a Cesena. Le relazioni sul suo conto sono più che positive, peccato che sia già passato sotto i ferri troppe volte, subendo l’asportazione di ben tre menischi. Il ritratto proposto, perciò, è quello di un ragazzo “con un sorriso buono ma con due occhi un po’ tristi”. Si vede che è il suo destino – lo si capirà meglio per l’appunto al Mondiale ’82 – partire da situazioni problematiche e volgerle a proprio vantaggio (alzi la mano chi non ne avrebbe voluto l’esclusione dai titolari azzurri dopo le prime 3 gare, a eccezione naturalmente di Enzo Bearzot)
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
IL MODELLO D’ISPIRAZIONE
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Ogni ragazzo che dà calci a un pallone ha un punto di riferimento, un idolo che traccia la strada maestra, almeno idealmente. Può sorprendere quello di Rossi, se non si sapesse che anche l’evoluzione della sua carriera ha avuto una sterzata, sorprendente come quelle che gli permettevano di essere un grande “rapinatore” dell’area di rigore. Lui non nasce come centravanti, bensì come ala, ed ha come modello un campione che ha segnato un’epoca nel Brasile che ha vinto i Mondiali del 1958 e 1962 (e il cui eco, evidentemente, è andato ben oltre l’infanzia di Paolo):   “Un calciatore esiste, per il quale da giovanissimo ho fatto pazzie, e del quale, sia pure in sedicesimo, mi sembra di avere qualche caratteristica, e cioè il grande Garrincha”. Brio è invece più granitico, come richiede la professione dello stopper (oggi si direbbe del centrale difensivo), non ha un solo punto cardinale nel suo processo di apprendimento: “Seguo tutti, negli exploits come negli errori, e cerco di imparare, prendendo, come si dice, un po’ di buon polline da ogni fiore”.
#IORESTOACASA
In tempi di sosta forzata, può essere utile, anche a così tanti anni di distanza, fare un piccolo viaggio nei gusti “culturali” di due ragazzi del 1975. Se qualche giovane d’oggi volesse trarne materia d’ispirazione, sappia in anticipo che sono scelte ovviamente datate, ma estremamente affascinanti.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
“Mi piacciono molto i film drammatici, e fra gli attori che preferisco citerei Dustin Hoffman e Katrine Rose, quella de Il Laureato.· Vedo poco la televisione perché le ore serali le passo davanti ad un libro di scuola. Come letture diciamo il mio conterraneo Pratolini” (Paolo Rossi).
“Fra i miei preferiti vi sono i film polizieschi; come attore uno dei migliori è Alain Delon; l’attrice di cui non perdo un film è Laura Antonelli; leggo parecchio, specie giornali e libri che abbiano come argomento la storia” (Sergio Brio).
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Goal Anatomy | Come segna l’Under 19
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Viaggio all’interno delle reti della squadra di Mister Zauli:

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

I momenti di pausa sono da sempre l’occasione per i bilanci. Abbiamo già analizzato la stagione dell’Under 19 fino a questo momento, ora scopriamo i gol realizzati dai ragazzi di Mister Zauli. Tra tutte le competizioni sono 57 le reti messe a segno, così suddivise: 31 in Primavera 1, 9 in Coppa Italia e 17 in Youth League, dove solo il Bayern Monaco ha segnato di più (18) nella fase a gironi.
COME SEGNA LA JUVE
I gol sono arrivati in tanti modi diversi: grazie alla classe, alla grinta e ovviamente al lavoro quotidiano, evidentissimo nella crescita esibita dai bianconeri in stagione.
Sei le reti messe a segno di testa, fondamentale in cui si sono messi in luce gli specialisti Dragusin e Petrelli, oltre a Daniel Leo. Quest’ultimo, che di mestiere fa l’esterno di difesa, è l’unico giocatore, insieme a Marco Da Graca, a essere andato in gol in tutte le competizioni giocate dai bianconeri, ed è anche quello ad aver trovato la rete in tanti modi diversi: di testa, di destro e di sinistro.
Hanno fatto la differenza, spesso, anche gli inserimenti dei centrocampisti, come per esempio quelli di Filippo Ranocchia, autore di cinque gol in stagione e in buona compagnia tra i centrocampisti col vizio del gol: da Ahamada a Tongya, senza dimenticare Fagioli, perfetto, tra l’altro, dal dischetto quando ce n’è stato bisogno.
A referto vanno anche diverse bellissime conclusioni da fuori, come quella di Sekulov in casa del Cagliari, o di Ahamada a Madrid, nella prima bellissima gara di Youth League, oltre ai gol nati da splendidi spunti personali.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Black&White Stories: il sogno di Marco Storari
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Hurrà Juventus nel 2015 conosceva meglio il portiere bianconero
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Uno dei meriti storici di Hurrà Juventus è stato l’allargamento dello sguardo intorno alla professione del calciatore, raccogliendo e valorizzando la curiosità del tifoso, che   intorno all’idolo della domenica (come si diceva una volta quando quello era il giorno canonico della gara) ha sviluppato una marea di curiosità. Perciò, sin dagli anni ’60, uno dei piaceri del lettore era l’ingresso nella casa dei giocatori, la scoperta della loro vita privata, la conoscenza degli affetti familiari. Un’indagine che permetteva di capire il nesso tra il campo e il fuori, oltre che godere di una sana chiacchierata più rilassata, lontana dagli eventi agonistici con tutti i loro condizionamenti.
Nonostante oggi il calcio sia narrato in tutti gli aspetti e la sensazione prevalente sia quello di sapere tutto o quasi – già solo perché gli stessi atleti si mettono in scena attraverso i social -, nel numero di aprile del 2015 un’intervista a Marco Storari pone in una luce nuova il portiere della Juve.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Si scopre che c’è la stabilità familiare alla base di una carriera piena di deviazioni di percorso, con ben 12 squadre diverse e, quindi, i relativi traslochi. Una serenità e un’allegria regalate da una moglie e due figli piccoli, uno dei quali “sente” le partite e dice alla mamma che non vuole andare ai giardinetti a dare due calci al pallone: “Sai, questa sera papà gioca e mi devo rilassare prima della partita”.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
I 5 ANNI IN BIANCONERO
Storari arriva alla Juventus nell’estate del 2010. La sua carriera è a un bivio importante. Con la Sampdoria ha appena conquistato i preliminari di Champions League, sfoderando una serie di prestazioni davvero eccezionali, come eccezionale è il risultato conseguito dal club blucerchiato. La Juve punta su di lui, c’è un’emergenza alla quale rispondere: l’infortunio patito da Gigi Buffon al Mondiale sudafricano. Marco arriva a Torino sapendo che partirà come titolare almeno per metà stagione, ma è ben lontano dal prevedere ciò che avverrà. Sarà la Juve la sua esperienza di maggiore continuità, 5 anni sintetizzati così: “Non pensai alla panchina futura, ma solo a quei sei mesi, in quanto ipotizzavo di andare poi a giocare da un’altra parte. Tornato Gigi, invece, ho accettato di rimanere in panchina per vari motivi, soprattutto perché mi sentivo parte di un gruppo competitivo e attratto da un progetto vincente. Avrei fatto il vice al più forte al mondo e ci poteva stare. È stata la decisione migliore”.
LA VOCAZIONE DI UN PORTIERE
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Era abbastanza normale nel passato sentirsi fare un racconto standard dai portieri: avevano scelto nell’infanzia quel ruolo semplicemente perché negli altri non funzionavano. Nel calcio di strada era questa la logica che metteva tutti d’accordo, se non sei bravo con i piedi affidati alle mani se vuoi fare parte del gruppo. Non è il caso di Marco, la vocazione ha altre origini:  “Ha influito il fatto che da bambino cercavo di emulare mio padre che era portiere a livello dilettantistico. Così quando giocavo con lui e con mia sorella gemella, che è una brava calciatrice, mi mettevo sempre in porta. Quando mi iscrissi alla scuola calcio dissi che volevo fare il portiere e non ho più cambiato”.
I CALCI DI RIGORE
Cinque anni in bianconero, 4 scudetti, 1 Coppa Italia vissuta da protagonista (titolare dalla prima gara alla finale), 2 Supercoppe italiane. Un portiere dalle doti precise, su tutte il coraggio, la reattività e la personalità. C’è materia a sufficienza per essere più che soddisfatti, ma anche Marco Storari non sfugge alla regola che governa tutti, il desiderio quasi mai confessato di ogni guardiano della porta:  “L’unica cosa che cambierei è nell’allenarmi a tirare i rigori da subito, perché il mio sogno è fare gol. Ne ho presi tanti, segnati mai”.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Nota della società
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Intesa con calciatori e allenatore della prima squadra
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Juventus Football Club S.p.A. comunica, in ragione dell’emergenza sanitaria globale attualmente in corso che sta impedendo lo svolgimento dell’attività sportiva, di aver raggiunto un’intesa con i calciatori e l’allenatore della Prima Squadra in merito ai loro compensi per la restante parte della corrente stagione sportiva.
L’intesa prevede la riduzione dei compensi per un importo pari alle mensilità di marzo, aprile, maggio e giugno 2020. Nelle prossime settimane saranno perfezionati gli accordi individuali con i tesserati, come richiesto dalle normative vigenti.
Gli effetti economici e finanziari derivanti dall’intesa raggiunta sono positivi per circa euro 90 milioni sull’esercizio 2019/2020.
Qualora le competizioni sportive della stagione in corso riprendessero, la Società e i tesserati negozieranno in buona fede eventuali integrazioni dei compensi sulla base della ripresa e dell’effettiva conclusione delle stesse.
Juventus desidera ringraziare i calciatori e l’allenatore per il senso di responsabilità dimostrato in un frangente difficile per tutti. SCARICA IL COMUNICATO

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Juve in the world: Copenhagen
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
La storia della Signora attraverso un viaggio nelle città che la hanno vista protagonista
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
La prima visita in un posto mai visto è sempre la migliore. Il piacere della scoperta, il fascino dell’inedito, la curiosità per la novità: chi non ha mai provato questa particolarissima sensazione (e vi invitiamo subito a un test, in questi giorni di doverosa permanenza a casa: la vostra mente vola verso luoghi già visitati o prefigura viaggi futuri?). Nel caso della Juventus di Copenaghen, a rafforzare l’idea che il meglio lo si vive subito ci sono i risultati. Che per la Coppa dei Campioni, il 15 settembre 1982, dicono che la prova d’esordio nella capitale danese è andata più che bene: vittoria per 4-1 sull’Hvidovre, cancellate le ombre del debutto in campionato con la clamorosa sconfitta in casa della Sampdoria per 1-0, ripristinata la fiducia nei confronti della squadra probabilmente più attesa che ci sia mai stata ai nastri di partenza della stagione. Il motivo? Semplice: l’estate del Mundial spagnolo con 6 bianconeri campioni nell’Italia di Enzo Bearzot, con in più i nuovi arrivi di Michel Platini e Zbigniew Boniek, stelle di Francia e Polonia. Michel, per l’appunto, Paolo Rossi, Sergio Brio e Antonio Cabrini firmano il poker della storica prima ufficiale a Copenaghen e la partecipazione corale alla goleada è un’ulteriore indizio di quanto il complesso bianconero sia fortissimo in ogni reparto.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Non altrettanto positive sono le altre prove in Champions League, risalenti all’ultimo decennio, entrambe sotto la gestione di Antonio Conte. Due pareggi per 1-1 con due avversari diversi – il Nordsjaelland e il Copenaghen -, due inciampi dal peso diverso: il primo ininfluente per la qualificazione nel girone (2012-13); decisivo il secondo, a conti fatti nella classifica finale (2013-14). Similitudini nei due incontri: Juve in svantaggio; Mirko Vucinic e Fabio Quagliarella a rimediare; una quantità di occasioni fallite da produzione industriale. Meglio, decisamente meglio, ciò che è successo la stagione successiva a Malmoe, la città svedese collegata a Copenaghen dal ponte Oresund (come ben sa chiunque non c’è mai stato ma ha seguito la fortunata serie tv The Bridge): 0-2, gol di Llorente e Tevez, nessun problema.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
UN VIAGGIO NEL PASSATO
La prima volta, per la verità, è anche un viaggio nel passato. Perché per il Presidente Giampiero Boniperti la Danimarca è un déjà-vu, un ritorno ai giorni di giugno del lontanissimo 1953, quando la Signora gioca una serie di amichevoli nel Paese, due delle quali a Copenaghen, sconfiggendo il B93 2-1 e l’Alliance 4-2 (e quindi sono 5, tra impegni ufficiali e non, i club della città affrontati nel corso del tempo, non male per un luogo che istintivamente non assoceremmo al calcio…). Quella Juve, del resto, è piena di campioni danesi e la sfida di Coppa dei Campioni è l’occasione per una bella rimpatriata con i compagni di un tempo: Karl Aage Praest, Karl Aage Hansen e John Hansen (ononimi, non fratelli). E proprio John, titolare di un’agenzia pubblicitaria appese le scarpette al chiodo, presenta l’Hvidovre come una “formazione di dilettanti che hanno poca tecnica e grande cuore”. Che corrono il rischio di emozionarsi troppo, perché 45.000 spettatori nel proprio stadio non li hanno mai avuti. Al contempo, è indicativo di cosa significasse affrontare la Juve il particolare premio partita strappato dai giocatori alla società, con una tabella a scalare  dalla vittoria “impossibile” alla sconfitta con uno scarto di gol limitato.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
STORIA DI FINN
In mezzo a quel pubblico entusiasta di vedere la Juve dal vivo, idealmente c’è un tifoso speciale di nome Finn. La sua esistenza è su pellicola perché è uno dei personaggi di Italiano per principianti, film diretto da Lone Scherfig nel 2000. Un’opera di buon successo, distribuita anche nel nostro Paese, che racconta la passione per la lingua italiana di un gruppo di danesi. Finn è un appassionato di calcio, innamorato della Juventus, va alle lezioni sfoggiando con orgoglio la maglia bianconera. Non è quella ufficiale, presenta un colletto a V non ortodosso, ma l’omaggio ai nostri colori è decisamente simpatico.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Black&White Stories: i tanti Vialli della nostra vita
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Puntata dedicata interamente a Gianluca!
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Per rimanere nell’immaginario collettivo di una tifoseria non c’è solo la fedeltà alla causa, la lunga militanza, l’accumulo di presenze a serie di centinaia. Ci sono giocatori che occupano un grande posto nel cuore della Signora perché di quel cuore sono stati il battito pulsante. Non è la logica dei numeri, per quanto importanti, a definirli. Per provare ad esprimerlo con una formula, loro e la Juve sono una cosa sola proprio perché non sono mai stati una cosa sola.
Pensate a Vialli. Sta da noi 5 anni, vi arriva che ne ha 28 e chiude in bellezza regalandoci una delle immagini più care della nostra storia, alzando al cielo di Roma la coppa dalle grandi orecchie. Ma la ragione del profondo amore che il popolo bianconero ha nei suoi confronti e che ce lo fa sentire nostro (senza spirito di annessione: riconosciamo tutti la grandezza della sua esperienza blucerchiata) risiede probabilmente in un’evidenza che vale solo per alcuni, per i più grandi: i tanti Gianluca che abbiamo vissuto. Per regalarci quest’impressione lui ci ha messo del suo: cambiando look, trasformandosi nell’aspetto e anche nei ruoli, portando i doveri dell’attaccante dall’essere goleador a diventare la coscienza della squadra: il primo difensore per il pressing esercitato e il faticatore a tutto campo, il trascinatore e il suggeritore, il capitano e l’anima.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
PENSIERO STUPENDO
Gianluca è stato un pensiero stupendo e dolce-amaro prima ancora che arrivasse a Torino nell’estate del 1992. A ogni sessione di mercato veniva accostato alla Juve – e per la verità anche ad altri – per un’incontrovertibile verità, l’essere un giocatore dalla qualità enorme e “nuova”. Perché i tanti gol si associavano a una personalità fuori dal comune – e pure fuori dal campo -, sembrava l’elemento perfetto da consegnare ad un allenatore per indurlo a sviluppare idee vincenti. Non solo: c’è stato persino un momento nel quale il suo mancato acquisto era considerato il fattore che definiva le prospettive di una stagione. “Soltanto se fosse venuto Vialli mi sentirei di dire che corriamo per lo Scudetto”, disse Dino Zoff al raduno del 1989-90 e non aveva torto. E attenzione, il meglio con la Sampdoria doveva ancora arrivare per il numero 9: la Coppa delle Coppe e lo scudetto, con titoli di capocannoniere annessi in entrambi le manifestazioni
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
COME SI GIUDICA UN GIOCATORE.
“Il gol è l’emozione che non voglio perdere perché sono nato attaccante e continuo a sentirmi tale ma non può essere la misura per valutare il mio gioco. O almeno non può essere l’unica”. Negli ultimi mesi del 1994 Vialli matura nuove consapevolezze. I capelli non ci sono più e la scelta non è solo estetica. Al terzo anno in bianconero, l’idea è di voler dare un taglio netto al recente passato. Fatto di due stagioni complicate, riassumibili in una formula secca: pochi gol + troppi infortuni = giocatore in crisi.
Irreversibile per tanti, che si mettono a far di conto e pesano l’investimento della Juve e la resa del bomber che non lo è più. Non capendo che in una sua dichiarazione c’è già il migliore dei futuri possibili: “Questa è l’unica cosa che conta: contribuire all’azione, aiutare gli altri, saper fare in campo quello che si prova in allenamento”. Si capisce che è arrivato Marcello Lippi alla guida della Juventus?
CREMONA
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Hurrà Juventus, numero di novembre 1994, in copertina Gianluca in azione e in un riquadro il gol in rovesciata nella sua città. Molto più di un gesto tecnico straordinariamente eseguito. In quella memorabile stagione che riporta lo scudetto in casa Juve, quel momento è il rovesciamento di una prospettiva, più personale che di squadra. Una lettrice gli scrive: “Caro Vialli, che significato dai allo splendido gol segnato alla Cremonese?” E lui risponde mischiando saggezza ed ironia, è già anche uno splendido opinionista tv, l’ennesimo “altro” Vialli che ci sarà: “Non intendo attribuire alcun significato particolare a quel gol. È stato bello, lo hanno detto tutti, ma ogni gol fa storia a sé. Tanto per dire, qualche anno fa ne feci uno simile con la maglia della Sampdoria a Empoli: pochi lo ricordano, perché quel giorno era in programma uno sciopero degli operatori televisivi e la mia prodezza rimase … oscurata”.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Reparto per reparto: in porta
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
I facts bianconeri finora in stagione
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
La Juve è arrivata alla sosta del campionato con un clean sheet, che significa moltissimo.
Intanto, perchè è parte decisiva di una scintillante vittoria per 2-0 nel Derby d’Italia contro l’Inter, e poi perchè è arrivata al termine di una prova difensiva pressochè perfetta (verranno analizzati i dati della difesa bianconera nella puntata dedicata a questo reparto, la prossima settimana).
Contro l’Inter, un dato che non è una novità: la Signora infatti ha mantenuto la porta inviolata in cinque Derby d’Italia casalinghi consecutivi, per la seconda volta nella storia della Serie A, la prima nel dicembre 1999 (sette in quel caso). E prima di questa gara, la Juventus aveva tenuto la porta inviolata nel 49% delle partite interne contro l’Inter in Serie A (42/86), percentuale che sale al 63% nell’era dei tre punti a vittoria (15/24).
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Otto i tiri subiti, una sola la parata di Szczesny, titolare in questa partita. Un dato che la dice lunga sulla prova difensiva dei bianconeri. I dati dettagliati, sono visibili qui: una volta entrati, è sufficiente selezionare il nome dell’estremo difensore o, se lo desiderate, qualunque altro giocatore per visualizzarne i dati particolareggiati.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

A proposito di Szczesny: anche in questa stagione il portierone polacco si conferma quello con la migliore percentuale di parate, 79,8%.
IL FATTORE G1G1
Il 18 dicembre contro la Sampdoria, Gianluigi Buffon ha eguagliato Paolo Maldini come primatista di presenze in Serie A (647 partite e per entrambi non vengono considerati gli spareggi).
Il 15 dicembre contro l’Udinese Super Gigi ha raggiunto Alessandro Del Piero come giocatore più presente nella storia della Serie A a girone unico con la maglia della Juventus, per poi superarlo sempre il 18 dicembre nel match contro la Sampdoria – 479 le partite sin qui in bianconero in A per l’estremo difensore.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Dati, questi, che rendono la Juve, con 24 reti subite, pur essendo questo un dato in crescita rispetto alla scorsa stagione, la seconda miglior difesa della Serie A, alla pari dell’Inter e con un gol solo subito in meno della Lazio.
Non solo: la Juventus è la migliore difesa della Serie A per quanto riguarda i primi tempi (otto gol subiti): i bianconeri non hanno ancora subito gol nella prima frazione nel 2020.
Undici le partite da lui disputate finora in stagione, tutte positive: sette in campionato (sei vittorie e un pareggio), una in Champions League, la vittoria di Leverkusen a dicembre, tre in Coppa Italia, due vittorie e il pareggio 1-1 nella semifinale di andata a San Siro.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Buon compleanno, John Elkann!
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Tanti auguri al Presidente di FCA ed Exor, che festeggia i suoi 44 anni.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Giornata speciale oggi per John Elkann, Presidente di FCA ed Exor (di cui è anche amministratore delegato), che compie 44 anni.
Da parte di tutta la Juventus, i più sentiti e calorosi auguri di buon compleanno!
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Black&White Stories: Bettega e il pallone in rete
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
L’esultanza tipica di Bobby-gol
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
C’è un’intera generazione di tifosi bianconeri che lo sono diventati per merito di Roberto Bettega. Indagare sulle motivazioni della passione è sempre un tema affascinante, anche perché quando si ha a che fare con straordinari campioni non c’è mai una sola ragione o una sola vittoria a spiegare un “innamoramento” calcistico, la sua nascita e la sua durata nel tempo.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Nel caso di Bobby-gol si rintracciano innumerevoli fattori a partire dai suoi tanti gol, connessi a un coefficiente elevatissimo di bellezza. Ma ha altrettanto valore quell’esempio di enorme forza espressa in gioventù: quella che lo porta a segnare subito in Serie al suo esordio e a farlo di testa, la sua specialità; e, ancor più, quella che lo porta a rinascere dopo una malattia polmonare che lo blocca nella sua seconda stagione in bianconero quando ha uno score semplicemente fantastico: 15 reti in 23 partite, non male per un ragazzo di 21 anni. E poi, non si può dimenticare l’evoluzione del suo gioco, quel diventare un attaccante che fuori area esprime una raffinatezza e un’eleganza inimitabile, pur continuando a vedere la porta, tanto da conquistare il titolo di capocannoniere nel 1979-80, per di più in un campionato non vincente per la Signora.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
CHurrà Juventus, luglio 1970
Spesso si è parlato nel passato di Bettega anche per uno spiccato senso della misura, una rappresentazione perfetta dello stile Juve nella sua versione più torinese: mai una dichiarazione eccessiva, sia da calciatore che da dirigente nella fase successiva e non meno bianconera della sua vita.  Però, un’eccezione c’era: ed era la felicità espressa quando Roberto diventava Bobby-gol. Spesso, in quei casi, lo si è visto andare a prendere il pallone in fondo alla rete, per poi calciarlo via, lontano. Non era una firma sull’esultanza, com’è tipico dei calciatori di oggi. Piuttosto, era il recupero di un istinto risalente all’infanzia, quando il bambino sognava in grande a bordo campo, mentre osservava i suoi idoli da vicino, Omar Sivori su tutti.
IL RACCATTAPALLE
“Come tutti i ragazzini bianconeri, avevamo la possibilità di essere utilizzati come raccattapalle e facevamo a gara per meritarci quel premio domenicale, allenandoci come indiavolati. Ed un giorno in cui ero di servizio non riuscii a fermare l’impulso: partita Juventus-Santos 5-3 e tre gol di Sivori.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Io ero dietro la porta della formazione brasiliana. E quando Omar segnò io entrai in campo, presi la palla dal fondo della rete e la sparai verso il centrocampo. Avevo toccato il pallone calciato dal mio idolo, mi ero inserito anch’io nella festa”.
Il racconto di Bettega rievoca i tempi in cui far parte dei “Pulcini” della Juventus garantiva un privilegio. Al Comunale capitava di rado vedere i raccattapalle andare fuori dal proprio posto, anche nei momenti di massima felicità.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Ma vedere Sivori in elegante divisa nera sconfiggere nientemeno che Pelé (un solo gol per il fuoriclasse brasiliano) regala un’energia incontenibile: Roberto non fa che interpretare ciò che ogni spettatore presente allo stadio avrebbe voluto fare.
OMAR SIVORI, CAPITOLO 2
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Juventus-Santos si gioca il 26 giugno del 1963. Ma la nostra storia ha un’appendice e stavolta non per un gol. Se la rivalità tra Sivori e Pelé era ideale – visto che i due si possono incontrare solo in gare amichevoli per decretare chi fosse il più grande – ben più concreta è quella tra i due argentini più vulcanici del periodo: Omar, per l’appunto, ed Helenio Herrera, l’allenatore dell’Inter. Stavolta, al piccolo Roberto, tocca la parte involontaria dell’uomo-assist, che peraltro da adulto svolgerà benissimo: “Un altro pallone bruciante mi trovai tra le mani, ancora da raccattapalle, in occasione di un altro indimenticabile Juventus-Inter. La palla uscì dal terreno di gioco e andò verso Helenio Herrera che, anziché fermarla, se la fece passare tra le gambe, divaricate di proposito. Io la presi, la diedi a Emoli che stava a due passi, e che la mandò a Sivori, il quale la sparò verso la panchina di H.H.!…”
Buon compleanno, Miralem!
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Il campione bosniaco compie oggi trent’anni.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Miralem Pjanic oggi spegne trenta candeline, festeggiando il suo quarto compleanno con la maglia bianconera:

In mezzo al campo, Miralem è una sicurezza: sempre pronto a prendersi carico delle responsabilità, in questi anni ha indossato spesso i panni del leader anche fuori dal terreno di gioco con quella voglia di migliorarsi sempre che si sposa alla perfezione con il nostro DNA.
Regista e all’occorrenza combattente, in questa stagione è stato il quarto bianconero per minutaggio, segnando tre reti belle e importanti contro Brescia, SPAL e Bologna, specchio della sua voglia di essere sempre decisivo, unendo eleganze ed efficacia, bellezza e pragmatismo.
In attesa di rivederci in campo, gli auguriamo, tutti insieme, buon compleanno.
Auguri, Miralem!.

Calcio tutte le notizie in tempo reale. Tutto sul Mondo del Calcio, sempre accuratamente approfondito ed aggiornato! SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 37 minuti

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 13:39 DI DOMENICA 29 MARZO 2020

ALLE 16:26 DI MARTEDì 31 MARZO 2020

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Sibilia: “Per superare crisi scelte in interesse tutti”
‘A e B oltre loro limiti. Ripresa Dilettanti? Bastano 40 giorni’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
29 marzo 2020
13:39
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Per aiutare il calcio a uscire da questa situazione servono decisioni nell’interesse collettivo”.
Di fronte alla crisi per l’emergenza coronavirus, è la posizione del presidente della Lnd, Cosimo Sibilia. “I dilettanti sono una metà del calcio e l’altra, quella del professionismo, probabilmente ha vissuto finora al di sopra delle possibilità.
Dobbiamo tutti capire fin dove ci possiamo spingere”, dice Sibilia, che spera si possa tornare in campo: “La priorità è chiudere l’emergenza coronavirus, poi noi avremmo bisogno di 30-40 giorni per portare a termine il campionato”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Navas, 200 mila euro per ‘fuga’ in Costarica
Fuga da Parigi. Portiere affitta jet privato per sé e famiglia
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
29 marzo 2020
14:49
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– In tempi di stipendi dimezzati e di grande crisi economica a causa della pandemia di coronavirus, fa discutere la cifra spesa dal portiere del Paris Saint-Germain, Keylor Navas, per tornarsene in Costarica, suo Paese d’origine.
L’ex Real Madrid, che fu fra i protagonisti del Mondiale brasiliano nel 2014 (la ‘sua’ Nazionale sconfisse l’Italia di Prandelli), ha speso 200 mila dollari per affittare un aereo privato e attraversare l’oceano nella notte del 27 marzo. A bordo, con il portiere della squadra francese, c’erano i suoi tre figli piccoli e la moglie: la famiglia Navas è sbarcato a San José, come riferisce ESPN.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Gabbiadini alla sua Bergamo,virus non ti sconfiggerà
Attaccante Samp pubblica lettera su social: ‘sei troppo forte’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
29 marzo 2020
16:49
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Tu, Bergamo, sei troppo forte per essere sconfitta. Per piegarti, pensa, ci è voluto un nemico della peggior specie, mai visto prima, infido, subdolo, invisibile. Per piegarti, ma non per sconfiggerti”. Sono le parole dell’attaccante della Sampdoria Manolo Gabbiadini che sul suo profilo Instagram ha voluto scrivere una lettera alla sua Bergamo che sta vivendo un momento drammatico con l’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus. Virus che ha contagiato lo stesso calciatore che ora sta bene. “Io, Bergamo, da bergamasco che non dimentica le sue origini, ti mando il mio abbraccio e il mio incoraggiamento, esortandoti a rialzarti. Più forte di prima. Perché non ho dubbi che sarà così. Perché il tuo è un popolo di lavoratori, che lotta e suda in silenzio, che combatte le difficoltà con orgoglio, fierezza e dignità, senza lamentarsi. Con la profonda convinzione che tutto questo li ripagherà. Tu, Bergamo, continua a combattere”, conclude il giocatore.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Il calcio sogna di ripartire, modello Juve sugli stipendi
Atteso un incontro fra Lega Serie A e Assocalciatori, ma Tommasi: ‘Stagione forse finita’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
15:35
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
A tre settimane da quel Juve-Inter che resterà nella memoria non come un big match scudetto ma come lo spartiacque tra un mondo e un altro, padroni e attori del calcio tricolore si affacciano su un futuro pieno di incognite. La speranza di ripartire in tempi accettabili si fa flebile, in attesa che il governo e il ministro Spadafora proroghino lo stop generalizzato dello sport. Niente da fare per il 3 maggio, ha preannunciato lo stesso ministro, che intende bloccare tutta l’attività, allenamenti compresi, fino al 30 aprile. Una questione dirimente anche in vista dell’atteso incontro tra Lega di Serie A e Aic.
“Sul tavolo avremo un elemento in più rispetto alle scorse settimane perchè dopo le parole di Spadafora la preoccupazione che si chiudano qui i campionati c’è – ha detto il presidente dell’Aic, Damiano Tommasi -. Occorre dunque porsi il problema della chiusura della stagione da un punto di vista sportivo, dei contratti, insomma formale”. Nel possibile vuoto totale rischiano di precipitare le società, che da un lato chiedono aiuto all’esecutivo e dall’altro cercano tagliare le spese intervenendo sulla voce più consistente, gli stipendi dei giocatori. Intanto a dare una traccia forte è stata la Juve, che ha agito in contropiede trovando un sostanzioso accordo con i suoi campioni e staff. Un modulo di gioco piaciuto al n.1 della Figc, Gabriele Gravina, che lo ha definito “un esempio per tutto il sistema” e ha ringraziato giocatori e tecnico.
“Unità e solidarietà – ha continuato – sono la prima grande risposta all’emergenza, che rischia di essere ancor più grave se non si tornasse a giocare”. L’accordo a Torino trova positiva anche l’Aic: “Sul taglio degli stipendi cerchiamo se possibile una soluzione comune – ha affermato Tommasi -. La Juve è andata avanti ma non ci ha colto di sorpresa, sapevamo tutto e non ci sentiamo delegittimati (tra l’altro Chiellini è nostro consigliere): se loro hanno trovato un accordo va bene così”. “Il calcio può uscire dalla crisi se si prendono misure nell’interesse di tutti”, dice Cosimo Sibilia, vicepresidente vicario della Figc e presidente dei Dilettanti, la base della piramide calcio. Da Spadafora, per tutto lo sport dilettantistico, è arrivata la promessa di 400 milioni di aiuti, e Sibilia “prende atto con soddisfazione, in attesa dei gesti concreti”. Meno tenera col ministro è la Lega di A, per l’intervista in cui ha osservato che “lo sport non è solo il calcio e il calcio non è solo la Serie A”.
“Non è il momento di fare polemiche e demagogia – replica il n.1 della Lega, Paolo Dal Pino -. La Serie A da sempre svolge un ruolo di locomotiva del comparto, producendo direttamente ogni anno circa tre miliardi di ricavi e generando un indotto di otto, oltre a un miliardo di contribuzione”. Altri attori, come gli arbitri, stanno alla finestra, ma prima di ripartire vogliono avere delle garanzie. “Nella drammaticità del momento continuiamo a lavorare sulla ripartenza, ma il quando non dipende da noi – ha dichiarato il loro presidente, Marcello Nicchi -. Siamo pronti a riaccendere il motore ma certo non possiamo mandare gli arbitri allo sbaraglio a rischiare la vita”. Ha più fretta di riprendere la stagione e la sua corsa verso la serie A Pippo Inzaghi, allenatore del Benevento dominatore della serie B. “Quando tutto finirà vogliamo ricominciare a giocare: sarebbe la cosa più giusta – ha dichiarato -. I campionati vanno terminati. Sarebbe la soluzione migliore per evitare equivoci e danni”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Xavi “ora mi è chiaro, voglio tornare al Barcellona”
“Ma a condizione di cominciare da zero e avere l’ultima parola”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
29 marzo 2020
20:15
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
L’ex leader blaugrana Xavi prenota dal Qatar la panchina dell’amato Barcellona, dichiarando in una intervista a ‘La Vanguardia’ di aver un preciso progetto, che prevede condizioni ben definite. “Adesso è chiaro nella mia testa, voglio tornare al Barca -. Ora che ho iniziato ad allenare, sento che ho delle cose da dare ai giocatori. Ma ho già chiarito che vorrei iniziare un progetto da zero, ricominciare tutto da capo e avere l’ultima parola su tutto”.
Xavi, 40 anni e attuale allenatore del club qatariota dell’Al Sadd, lo scorso gennaio declinò l’offerta di prendere il posto dell’esonerato Ernesto Valverde, forse sapendo che così non avrebbe potuto giocare al meglio le sue carte. Tra le sue, giustificate, richieste è quella di lavorare “con persone di cui mi fido”. Quanto ai giocatori, ha citato come possibili ma non indispensabili acquisizioni Jadon Sancho o Serge Gnabry, anche se il sogno è riavere in blaugrana Neymar.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Di Maria,Real non voleva giocassi finale Mondiali ’14
Argentino svela retroscena, ma a tenerlo fuori fu poi il ct
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
29 marzo 2020
20:15
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Quella volta che il Real Madrid mi scrisse di non giocare strappai la lettera, senza neanche leggerla: era la finale del Mondiale 2014, e avrei accettato perfino il rischio che potesse essere l’ultima partita della mia vita, pur di essere in campo”. Lo racconta, sei anni dopo, Angel Di Maria, esterno argentino ora al Psg. Nel Mondiale brasiliano, l’Argentina perse il titolo con la Germania, ma Di Maria visse una storia nella storia “Siamo solo in tre a conoscerla: io, il medico della nazionale e il ct Sabella”, ha raccontato l’argentino a Telefe.
“Avevo un infortunio muscolare serio, ma volevo giocare a tutti i costi, anche quello di poter chiudere li’ la mia carriera”, dice Di Maria che all’epoca aveva 26 anni e giocava nel Real dei Galacticos. “Sapevo che il Real voleva vendermi, poi arrivò nel ritiro in Brasile quella lettera: la strappai. Andai da Sabella – prosegue il centrocampista – e piangendo dissi che anche se non ero al 100%, per me giocare era tutto. Lui mise Perez”. Di Maria rimase in panchina, tra le polemiche di stampa e tifosi argentini. Nell’estate successiva, passo’ allo United.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Kane “resto agli Spurs? Non posso dire nè sì nè no”
Bomber inglese, “io sono un giocatore ambizioso”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
29 marzo 2020
21:13
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Resto al Tottenham? Non posso dire sì e nemmeno no. Adoro gli Spurs e li amerò sempre ma se sento che non stiamo progredendo come squadra o che non stiamo andando nella giusta direzione, non rimarrei certo solo per divertimento. Sono un giocatore ambizioso”. Sono le frasi usate dal bomber del Tottenham Harry Kane in una diretta su Instagram su Sky Sport Uk.
Parole non molto rassicuranti per la dirigenza della squadra londinese, conscia che il capitano della nazionale inglese non farebbe fatica a trovare, se volesse, una pretendente.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Tommasi “prendiamo atto: la stagione forse è finita
N.1 Aic “Domani vediamo Lega, Juve andata avanti ma va bene”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
29 marzo 2020
22:03
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Domani sul tavolo abbiano un elemento in più rispetto alle scorse settimane perchè dopo le parole del ministro Spadafora la preoccupazione che si chiudano qui i campionati c’è: occorre dunque porsi il problema della chiusura della stagione da un punto di vista sportivo, dei contratti, insomma formale”. Il presidente dell’sindacato dei calciatori, Damiano Tommasi, interviene sulle aspettative alla vigilia dell’incontro tra l’Aic e la Lega di serie A.
“Sul taglio degli stipendi cerchiamo se possibile una soluzione comune – continua Tommasi -. La Juve è andata avanti ma non ci ha colto di sorpresa, sapevamo tutto e non ci sentiamo delegittimati (tra l’altro Chiellini è nostro consigliere): se non ci sono contenziosi tra club e giocatori non siamo tenuti a intervenire, se loro hanno trovato un accordo va bene così”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Grassani, su stipendi Juventus è esempio da seguire
“Il sistema si è rivelato troppo dipendente dai diritti tv”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
09:59
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “La Juventus ha, in senso positivo, preso ‘in contropiede’ gli altri 19 club di Serie A ed io sono assolutamente in sintonia con il presidente federale Gravina, che l’ha definito un esempio da seguire”. L’avvocato Mattia Grassani, ospite di Radio anch’io sport (Rai Radio 1) ha commentato così l’accordo raggiunto tra il club bianconero ed i propri tesserati, che permetterà un risparmio di circa 90 milioni di euro, con la rinuncia a quattro mensilità.
“La Juventus ha tradotto nei fatti lo stato attuale del sistema calcio, che si può salvare solo con un sacrificio da parte di tutti – ha aggiunto Grassani – O trattando con giocatori e tecnici su base individuale o, e sarebbe meglio, su base sindacale generalizzata. Ma non può essere che in questo momento, in cui non giocano e non si allenano, percepiscano il 100% degli stipendi. Una soluzione condivisa sarebbe la posizione migliore perché significherebbe una presa di coscienza di tutte le componenti, Federazione, Lega e club, per dimostrare concretamente che il problema stipendi è importante”.
Quanto accaduto, ha sottolineato Grassani, “ha colto impreparati gli operatori di tutti gli sport. Il calcio oggi è una imbarcazione in alto mare, senza timone e senza timoniere.
Per condurlo in un porto sicuro serve una riscrittura delle regole. Prima di ripartire bisognerà rivedere non solo il tema degli stipendi, ma tutto il calcio del futuro. Quanto accaduto ha posto in evidenza un problema: questo settore sta vivendo troppo alle dipendenze dei diritti televisivi”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Premier League come mondiale club,gare a luglio
Proposta club inglesi: squadre isolate e partite a porte chiuse
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
30 marzo 2020
10:23
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La Premier League potrebbe trasformarsi in un mondiale per club, con le 20 squadre isolate in ritiro per sei settimane, e partite disputate a porte chiuse, ogni tre giorni tra giugno e luglio, in un numero limitato di stadi. E’ questa l’ultima proposta delle società inglesi per portare a termine l’attuale stagione, che non ricomincerà – secondo le ultime disposizioni della Federcalcio inglese – prima del 30 aprile. L’idea – ripresa dal quotidiano Independent – è di confinare le squadre, organizzando lunghi ritiri in resort isolati. Dai quali giocatori, staff tecnico e dirigenti uscirebbero solo in occasione delle partite, così da minimizzare i rischio di contagi.
Non solo la Federcalcio, ma anche club e giocatori vogliono concludere la stagione – giocando se necessario anche in luglio – per minimizzare l’impatto economico negativo. Tutti i 92 incontri, che ancora restano da giocare, verrebbero trasmessi in televisione, probabilmente in chiaro: una decisione che avrebbe registrato il consenso del governo, soprattutto qualora il lockdown dovessero essere prolungate per diversi mesi. Le stesse misure restrittive – nel piano della Premier – verrebbero estese anche ad arbitri, cameraman e operatori televisivi, ovvero a tutte le persone coinvolte nell’organizzazione delle singole partite, dopo essere state testate al coronavirus.
Se la proposta della Premier sembra raccogliere sempre più consensi restano perplessità di ordine morale, dal momento che il calcio non è certo – meno che mai in questi tempi – “un’attività essenziale”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
E come fa notare qualcuno, se un giocatore subisse un grave infortunio, graverebbe sul sistema sanitario, occupando medici e infermieri proprio nel mezzo di un’emergenza sanitaria di livello nazionale.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Zenga, stipendi? Col Cagliari clausola di buon senso
“Su ripresa campionato ottimista, giochiamo anche d’estate”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
10:25
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Walter Zenga giudica “secondario” il tema del taglio degli stipendi a seguito del blocco dell’attività causato dalla pandemia. “Il problema reale è uscire da questa brutta situazione”, ha detto l’allenatore del Cagliari, ospite di ‘Radio anch’io sport’ (Rai Radio 1). Un tema che, peraltro, il tecnico ha raccontato di aver affrontato con largo anticipo sui tempi: “Il 3 marzo, quando ho firmato il contratto con il presidente Giulini, abbiamo inserito una clausola di buon senso che prevedeva proprio la possibilità che accedesse quel che poi è successo”. Zenga si è detto ottimista sulla ripresa del campionato: “In questo momento bisogna esserlo, anche se ora è difficile ipotizzare un quando. Da sportivo dico che si potrebbe tranquillamente sforare oltre le date previste, senza dimenticare che la priorità assoluta è tornare alla vita normale e che andrà fatto con gradualità”.
“Sono isolato in Sardegna dall’8 marzo, una decisione che ho preso per mio conto – ha raccontato Zenga – Anche questo è un modo per dare un contributo positivo. La mia famiglia è a Dubai, però so che stanno bene, al sicuro e quindi guardo al domani con grande ottimismo”.
Da allenatore Zenga ha affrontato anche il tema preparazione, i tempi per poter tornare in campo. “Quando e se si ripartirà vorrà dire che il virus è stato sconfitto. La preparazione sarà completamente diversa, andrà fatta su giocatori che non vengono da tre settimane di vacanza, ma da due mesi senza allenamenti specifici, senza amichevoli. Ci giocheremo 12 partite, il Cagliari 13 perché ha il recupero col Verona, in un spazio di tempo molto ristretto”. “Non ho mai pensato di poter tornare in campo il 3 maggio” ha concluso Zenga, che ha bocciato l’ipotesi di bypassare la prossima stagione per avere il tempo di completare il torneo senza compromettere il lavoro della Nazionale: “Se dovremo giocare d’estate e con poco spazio tra un campionato e l’altro, chi se ne frega delle vacanze”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Benzema “io sono una F1, Giroud è un kart”
Attaccante Real ironizza sull’ex compagno di nazionale
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
12:59
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Un paragone con Giroud? Non confondete una vettura di F1 con un kart. E io sono la F1”.
Così, nel corso di una diretta Instagram, l’attaccante del Real Madrid Karim Benzema, che per motivi comportamentali non gioca nella nazionale francese da cinque anni, sul collega di ruolo che gioca al centro dell’attacco dei Bleus.
Benzema ha risposto alle domande dei tifosi e ha incrociato sul social colui che ha rivelato essere stato il suo idolo da bambino: Ronaldo Fenomeno. “Stavo dicendo ai miei fans – ha detto Benzema rivolgendosi all’ex interista, che in carriera ha giocato anche con il Real – che io rimanevo incantato con il tuo calcio quando ti vedevo in televisione. Per me sei stato il più grande di tutti. Qui mi hanno chiesto di Zidane, che era fortissimo, ma io avrei voluto essere te. Hai raggiunto un livello al quale gli altri non sono mai arrivati. Giochiamo nello stesso ruolo, a volte provo a fare cose che vedevo fare a te, ma è molto difficile”. “Potrai fare ancora tanto, basta che non segni più quando giochi contro il Valladolid”, ha risposto il Fenomeno facendo riferimento al club della Liga di cui è proprietario.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Bernardeschi, lontananza cose care fa soffrire
Attaccante Juve: “Io sto bene, godiamoci le famiglie”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
30 marzo 2020
15:27
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Io sto bene, ovviamente però in questa situazione particolare siamo tutti un po’ sofferenti perché ci ha portati lontano dalle cose più care. Cerchiamo di goderci i momenti con le nostre famiglie”. Così l’attaccante della Juventus Federico Bernardeschi, ospite di “A casa con la Juve”, a Jtv e sui canali social, raccontando come vive i giorni dell’emergenza Coronavirus.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: slitta la riunione sugli stipendi del calciatori
Gravina insiste: ‘Priorità è terminare campionati. Non possiamo permetterci un’estate piena di contenziosi legali’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
20:22
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Slitta l’appuntamento fra la Lega Serie A e l’Assocalciatori per discutere degli stipendi dei calciatori alla luce della crisi generata dall’emergenza sanitaria del coronavirus. La Lega Serie A alla vigilia era intenzionata a presentare un piano collettivo di sospensione dei pagamenti. Secondo quanto filtra dalla Lega, la conference call in programma alle 19 è stata rinviata ai prossimi giorni perché altre riunioni precedenti di entrambe le parti sono durate più del previsto.
Il presidente della Figc Gabriele Gravina insiste: “La priorità è terminare i campionati entro l’estate, senza compromettere la stagione 2020-21”. “La priorità è terminare i campionati entro l’estate, senza compromettere la stagione 2020-21 – ribadisce Gravina ai microfoni di Radio Cusano Campus -. Non possiamo permetterci un’estate piena di contenziosi sul profilo procedurale e legale. Vincenzo Spadafora ha detto che proporrà il blocco delle attività sportive fino alla fine di aprile compresi gli allenamenti, ma aspetterei la decisione del Consiglio dei ministri”. “Certo, è un messaggio che richiede alcune riflessioni – ammette il presidente della federcalcio -: la prima riguarda il momento di grande difficoltà che stiamo vivendo e che sta cambiando i nostri modelli di vita. I nostri campionati sicuramente non riprenderanno prima di maggio, questo era uno scenario che avevamo già ipotizzato”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Bernardeschi, allenarsi aiuta a non pensare
Il lavoro quotidiano aiuta a scaricarsi
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
30 marzo 2020
15:35
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Faccio allenamenti quotidiani, aiuta a scaricare e a non pensare – ha raccontato l’esterno della Juventus – e soprattutto più uno si allena, più si vuole allenare”. Così Federico Bernardeschi, nella diretta social ‘A casa con la Juve’ trasmessa dal canale bianconero Jtv. JUVENTUS VAI ALLE ALTRE DISCIPLINE SPORTIVE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

CR7: ‘Tutti a casa, aiutiamo chi salva vite’
Messaggio del campione Juve: ‘Siamo grati per ciò che conta’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
30 marzo 2020
18:33
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“In questo momento difficile per tutto il mondo, siamo grati per le cose che contano: la nostra salute, la nostra famiglia, i nostri cari – ha scritto il portoghese – rimanete a casa e aiutiamo tutti gli operatori sanitari là a fuori a combattere per salvare vite”. Cristiano Ronaldo è apparso nuovamente sui social, inviando un messaggio Instagram ai tutti i suoi followers (209 milioni) dalla sua casa di Madeira con una foto sul suo divano di casa insieme ai suoi tre figli più piccoli
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Uefa convoca vertice per fare punto situazione
Videoconferenza con segretari generali 55 federazioni affiliate
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
18:44
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La Uefa ha convocato per domani a mezzogiorno una videoconferenza con i segretari generali delle 55 federazioni affiliate per fare il punto della situazione dopo lo stop generale imposto dall’emergenza coronavirus. L’ordine del giorno prevede un aggiornamento sui progressi compiuti dai due gruppi di lavoro creati due settimane fa e il vaglio delle potenziali opzioni per quanto riguarda la riprogrammazione delle partite. Il vertice esaminerà anche gli sviluppi in tutte le competizioni Uefa per club e per nazionali e valuterà i progressi a livello Fifa ed europeo in ambiti quali i contratti dei giocatori e il sistema di trasferimenti.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Commisso “su stipendi Juve esempio, noi valutiamo”
Patron Fiorentina: forse campionato non finirà
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
30 marzo 2020
16:01
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Quella adottata dalla Juventus è una buona iniziativa e va presa ad esempio, per quanto ci riguarda abbiamo una situazione di grande solidità ma anche noi stiamo studiando un’azione per il bene del club e il futuro, dato che bisogna vedere come il calcio andrà avanti”. Così il presidente della Fiorentina Rocco Commisso commentando il blocco degli stipendi dei giocatori bianconeri.
Intervenuto a ‘La politica nel pallone’ su Gr Parlamento il patron viola ha aggiunto: “Ripresa del campionato? Ancora questa crisi sanitaria non è finita, adesso pensiamo alla salute poi parleremo di calcio, vedremo se e quando le squadre potranno tornare ad allenarsi, al momento c’è una grande possibilità che questo campionato non possa terminare”. Quindi una riflessione sull’emergenza Covid-19 che ha coinvolto direttamente pure la Fiorentina con 12 contagiati fra giocatori, medici, dipendenti: “Il lato positivo di questo dramma se così si può dire nella mia squadra è che il gruppo si è ancor più compattato e da questa situazione uscirà umanamente più forte – ha evidenziato il magnate italo-americano – Grazie a Dio nessuno dei nostri tesserati è più all’ospedale e sono tutti a casa, ma l’emergenza non è finita, non sappiamo ancora quando arriveremo a zero casi.
Il mio augurio è che il virus non arrivi in meridione che è attrezzato come il Nord. Quanto agli Stati Uniti, il rischio è che in un certo senso possa essere peggio dell’11 settembre”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Cairo, ingaggi Torino? Tutti facciano sacrifici
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
16:12
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Ieri ho parlato con alcuni giocatori che mi hanno chiamato responsabilmente. Dobbiamo trovare un punto di incontro perché ognuno deve fare sacrifici. Il Torino in questo momento non incassa nulla, ci deve essere un sacrificio da parte di tutti per uscire da questa situazione e ripartire bene. Io sono fiducioso”. Così il presidente del Torino, Urbano Cairo, ha risposto a Un giorno da pecora su Rai Radio 1 a una domanda sulle possibilità che, come accaduto alla Juve, vengano ridotti gli ingaggi dei giocatori granata.
Per quanto riguarda gli abbonamenti allo stadio o alla pay tv, secondo Cairo “l’abbonato ha diritto a essere rimborsato, dobbiamo studiare le forme”. Una soluzione potrebbe essere che si possa consentire nella prossima stagione l’ingresso allo stadio gratuitamente per un numero di partite corrispondente a quelle non disputate nel campionato in corso. “Potrebbe essere una cosa da fare”, ha detto il presidente del Torino.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: da tifosi Samp fondi a policlinico S.Martino
Avevano chiesto a club di versare rateo gara Verona a Ospedale
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
30 marzo 2020
16:29
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– L’iniziativa si chiama ‘I Sampdoriani per il San Martino” e aveva unito i gruppi della Sud e la Federclubs che rappresenta la tifoseria organizzata per sostenere la lotta al coronavirus. E’ una raccolta fondi via social dove ogni supporter può versare al conto corrente della Clinica delle Malattie Infettive e tropicali della struttura ospedaliera. La Federclubs ha versato oltre mille euro. Inoltre era stato chiesto alla società di versare sempre all’ospedale il rateo dell’abbonamento non goduto per la gara Sampdoria-Verona giocata a porte chiuse per l’emergenza: la quota del match sarebbe stata di 170mila euro. Il club in una nota a metà marzo aveva risposto che “in questa particolare situazione, con gli uffici chiusi e la maggior parte del personale in quarantena, si tratta di un’iniziativa complicata da realizzare sotto tutti i punti di vista (organizzativo, amministrativo, fiscale) e con una tempistica lunga che non potrebbe consentire un aiuto immediato, e quanto mai opportuno, all’Ospedale San Martino”.
Nei giorni scorsi club, tecnici e giocatori avevano donato 100 mila euro all’Ospedale.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, dimesso il turco Terim: ora isolamento a casa
Il tecnico del Galatasaray era ricoverato da una settimana
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
ISTANBUL
30 marzo 2020
16:41
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
L’allenatore del club turco del Galatasaray Fatih Terim, già tecnico in Italia di Milan e Fiorentina, è stato dimesso stamani dall’ospedale dopo una settimana di ricovero per aver contratto il coronavirus. L’allenatore 66enne della squadra di Istanbul proseguirà la convalescenza a casa, dove resterà in isolamento perché non ancora del tutto guarito. Lo riferisce l’agenzia Anadolu.
Il giorno dopo il ricovero, Terim aveva ricevuto una telefonata di auguri da parte del presidente Recep Tayyip Erdogan.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, Messi: ‘Sì al taglio degli stipendi durante l’emergenza’
La star del Barça: ‘Garantirli per intero agli altri dipendenti del club’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
BARCELLONA
30 marzo 2020
16:49
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Vogliamo chiarire che la nostra volontà è sempre stata quella di applicare un ribasso degli stipendi, perché capiamo perfettamente che si tratta di una situazione eccezionale e siamo i primi ad aver sempre aiutato il club quando ce lo ha chiesto. Incluse le molte volte che lo abbiamo fatto di nostra iniziativa”. Con un lungo post su Instagram, Lionel Messi annuncia che lui e i suoi compagni del
Barcellona accettano la decurtazione degli salari proposta dal club.
“E’ arrivato il momento di annunciare che, a margine della decurtazione del 70% dei nostri stipendi durante lo stato d’emergenza – continua Messi – daremo un contributo affinché i dipendenti del club possano riscuotere il 100% del loro stipendio fino a quando durerà questa situazione”.
“Non smette di sorprenderci – scrive ancora Messi – che all’interno del club c’erano alcuni che cercavano di metterci sotto pressione per farci fare qualcosa che noi già sapevamo che avremmo fatto. Se non abbiamo parlato finora, è perché la priorità per noi era quella di trovare soluzioni reali per il club, ma anche per coloro che sarebbero stati maggiormente colpiti da questa situazione”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Ghirelli “merito riforma si deciderà insieme”
N.1 Lega Pro:”Bene sollecito Gravina,ora lavoriamo su emergenza”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
17:38
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Il presidente Gravina fa bene a sollecitare le riforme. I miei tempi sono questi: il 3 aprile ho convocato l’assemblea per discutere le misure (esogene ed endogene) che occorre prendere per governare la fase di emergenza e provare a mettere la nave Lega Pro in linea di galleggiamento, questa è la priorità nostra ed è la stessa che vive il Paese intero”: così il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli.
“Lo facciamo – dice in una nota – in una atmosfera di dolore e di rispetto per chi soffre la precarietà e l’incertezza terribile del momento, ciò chiede attenzione negli argomenti e attenzione affinché gli stessi non facciano esplodere risse insopportabili; tra il 15 e il 20 aprile riconvocherò l’assemblea per discutere il piano di crisi/ piano strategico per essere pronti per la ripartenza (tra cui tagli dei costi, sussidiarietà ecc) e riforme (tra cui il campionato). Se il dolore sarà attenuato – conclude Ghirelli – parleremo di riforme, altrimenti riconvocheremo un’altra assemblea ai primi di maggio. Il merito della riforma, in ogni caso sarà deciso insieme.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Mercato : possibile il ritorno di Pogba alla Juve
Tra le pretendenti anche il Psg e il Real Madrid
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
18:28
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Nella prossima finestra di mercato Paul Pogba potrebbe fare ritorno alla Juventus, che ha urgente bisogno di risollevare la qualità del suo centrocampo. Il barometro dei bookmaker, che in questa fase di stop monitorano attentamente i venti di mercato, punta deciso sulla sponda bianconera.
Il francese, che quest’anno ha giocato solo 7 partite in Premier per un doppio infortunio alla caviglia, sembra del resto intenzionato a chiudere la sua esperienza con il Manchester United. Il problema semmai, come ha fatto intuire Paratici nei giorni scorsi, sarà convincere qualche giocatore della Juve a fare il tragitto inverso, visto che lo United ha ultimamente perso buona parte del proprio appeal.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: taglio stipendi in stand-by, Roma studia situazione
A Trigoria si auspica una soluzione unitaria da parte della Lega
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
18:45
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Studiare a fondo la situazione senza fretta e poi decidere nel dettaglio come agire perché una eventuale riduzione dei costi non può prescindere da un quadro esaustivo del danno. Nella Roma sono giorni di riflessioni per capire come fronteggiare il peso del coronavirus sui conti del club. A Trigoria, da quanto filtra, al momento non è ancora tempo di ridurre gli stipendi dei giocatori, provvedimento invece già adottato dalla Juventus. Sul tema la Roma auspica e lavora a una soluzione di più ampio respiro e unitaria da parte della Lega di Serie A, conscia del fatto che ovviamente le tempistiche e le modalità della ripresa della stagione condizioneranno l’analisi e il taglio. In attesa di novità da Milano, quindi, la società di Pallotta continua a condurre un’analisi per quantificare il danno e di conseguenza capire quanto tagliare quando sarà il momento. Di certo, è la convinzione del club, non c’è un attore del sistema calcio che non debba contribuire alla messa in sicurezza del sistema stesso. E quindi presto o tardi anche a Trigoria si arriverà a dover negoziare coi giocatori.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Handanovic, all’inizio lo abbiamo sottovalutato
C’è un po’ di preoccupazione, difficile restare concentrati
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
30 marzo 2020
19:08
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– ”All’inizio abbiamo tutti pensato che fosse una cosa meno grave di quello che è, l’abbiamo presa sotto gamba. Ora siamo consci di quanto sta succedendo. Seguiamo quello che ci dicono. C’è un poco di preoccupazione come è normale che sia”: il capitano dell’Inter Samir Handanovic, che ormai da una settimana ha lasciato l’Italia, racconta le sue emozioni in questo momento di emergenza per il corona virus. La squadra nerazzurra non si sta allenando, i giocatori sono seguiti dallo staff tecnico via telefono ma come ammette il portiere nerazzurro restare concentrati è difficile: ”Ci si allena a casa facendo quello che si può e si vede qualche vecchio video. Ho visto qualche partita ma tengo per me quale ho visto. La responsabilità devono avercela tutti. Io ho avuto ottimi compagni nella carriera e ottimi esempi dai quali cercavo di vedere come bisogna comportarsi nei momenti difficili”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Totti a Toni, comprare la Roma? Adesso costa meno…
Ex n.10 scherza su Instagram: “Se mi richiamano torno a giocare”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
30 marzo 2020
19:13
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Comprare la Roma? Beh adesso costa di meno…”. Risponde con una delle sue battute Francesco Totti alla provocazione lanciatagli dall’ex compagno Luca Toni nel corso di una videochiamata in diretta su Instagram. La società giallorossa, prima che scoppiasse la pandemia di coronavirus, era vicina a passare di mano da James Pallotta al Gruppo Friedkin per una cifra superiore ai 700 milioni di euro. Lo stop generale imposto dall’emergenza ha però congelato la trattativa.
“Tanto il prossimo presidente che arriva ti butta dentro” aggiunge quindi Toni, dando per scontato un ritorno di Totti a Trigoria. “A giocare? Se mi dovesse chiamare rigioco, certo” risponde ancora ironico l’ex numero 10.
Riguardo alla situazione legate al diffondersi del coronavirus e alle limitazioni in atto, invece, Totti azzarda una previsione. “Per me usciremo il 3 o 4 maggio. Il campionato? Per me non riprende. Sarà un bel casino. Anche perché adesso con la Fifa e la Federazione dovranno uscire allo scoperto” spiega l’ex giallorosso, trovando la sponda di Toni: “Anche secondo me non riparte, a fine luglio o primi di agosto ci sarà la nuova stagione”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Atletico Mineiro -25%,via giocatori che non ci stanno
Soluzione drastica a Belo Horizonte, ma ora tutti messi in ferie
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
RIO DE JANEIRO
30 marzo 2020
19:17
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Anche il calcio brasiliano studia la riduzione degli stipendi dei calciatori per far fronte alle conseguenze economiche causate dalla pandemia. Alcuni club per giustificare il pagamento dei ‘salari’ di questo mese hanno messo d’autorità i calciatori in ferie, non incontrando resistenza, altri annunciano misure drastiche. E’ il caso dell’Atletico Mineiro di Belo Horizonte, da dove il presidente Sergio Sette Camara annuncia un taglio secco del 25% per tutti i dipendenti del club, “a ogni titolo e livello”. Per quanto riguarda la squadra, il presidente ha messo anche lui tutti in ferie, “ma passati questi 20 giorni e pagato integralmente il mese di marzo, il problema non si risolverà: penso che passeremo altri tre o quattro mesi di fermo”. Ecco allora il taglio del 25%, “e chi non ci sta può andarsene. Io devo pensare al futuro del club, e non a questo o a quel giocatore che si lamentano. E’ un sacrificio necessario, e chi non è soddisfatto vada via”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: slitta riunione Lega-A su stipendi giocatori
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La conference call rinviata ai prossimi giorni
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
20:15
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Slitta l’appuntamento fra la Lega Serie A e l’Assocalciatori per discutere degli stipendi dei calciatori alla luce della crisi generata dall’emergenza sanitaria del coronavirus. La Lega Serie A alla vigilia era intenzionata a presentare un piano collettivo di sospensione dei pagamenti. Secondo quanto filtra dalla Lega, la conference call in programma alle 19 è stata rinviata ai prossimi giorni perché altre riunioni precedenti di entrambe le parti sono durate più del previsto.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: agente Lautaro, Real e Barca? Nulla di formale
Pensa al presente, spero sarà ricompensato come merita
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
20:50
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– ”Si dice lo vogliano Barcellona e Real Madrid, ma a lui non fa nessun effetto. Altri non dormirebbero la notte. Non mi chiama mai per chiedere se le voci siano vere o false, è concentrato sul presente e sul suo lavoro”: l’agente di Lautaro Martinez, Beto Yaque, a Radio La Plata, parla del futuro dell’attaccante dell’Inter che sarebbe nel mirino dei club spagnoli. Solo voci di mercato al momento, secondo il procuratore: ”Abbiamo parlato con molte persone però nulla di più. Per ora quelli che mi chiamano non sono dirigenti di club. Non c’è nulla di formale né di serio. E’ un sogno essere uno dei giocatori più ambiti sul mercato. Ma per lui non sta succedendo nulla di particolare. L’unica cosa che vuoleè giocare e fare gol”. L’ottima stagione dell’argentino, decisivo in coppia con Lukaku, ha attirato l’attenzione dei grandi club europei: ”La sua costante crescita ha fatto sì che le migliori squadre al mondo lo guardino con attenzione. Speriamo che il suo lavoro venga ricompensato come merita”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Aic, in momenti difficoltà ognuno deve fare sua parte
Nota del sindacato calciatori su trattativa taglio stipendi
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
21:34
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Nei momenti di difficoltà ognuno deve fare la sua parte”: è questo il senso di una nota dell’Associazione calciatore sulla questione del taglio degli stipendi per il quale oggi era in programma un colloquio con la Lega di serie A poi slittato. “Nella giornata di oggi – si legge nella nota – si è tenuta la settimanale riunione del direttivo dell’AIC e di seguito con i rappresentanti e capitani di serie A. Il momento è delicato e le recenti dichiarazioni del Ministro Spadafora lasciano presumere ancora qualche settimana di chiusura attività. In quest’ottica e alla luce dell’accordo tra i calciatori della Juventus e la società si è discusso della conclusione giocata dei campionati e delle eventuali tempistiche”.
“Dalla serie A ai dilettanti l’auspicio è quello di, avendone le condizioni di sicurezza, poter portare a termine la stagione, fosse anche superando la data del 30 giugno – scrive l’Aic -. Le condizioni di ripresa dell’attività dovranno avvenire in condizioni di approfondito controllo medico e rispettando tutte le indicazioni che verranno fornite dai medici e dalla FMSI.
Nella purtroppo malaugurata ipotesi di chiusura anticipata della stagione lo scenario ci vedrà senz’altro partecipi della situazione e per questo i calciatori sanno di dover svolgere la loro parte. In questo senso è stata evidenziata come nelle diverse categorie siano diverse le esigenze ma si è stati tutti concordi nell’obiettivo di tutelare le posizioni delle categorie più in difficoltà”.
Per l’Assocalciatori “la costituzione di un fondo assistenziale destinato al sostentamento di queste situazioni di precarietà dovrà coinvolgere tutte le parti in causa. I calciatori sono già sintonizzati su questo ma ad oggi non si è avuto ancora contezza di quale sia la parte che vorranno e dovranno fare le altre componenti del movimento. Figc, Leghe, organizzazioni internazionali, quale sarà il loro apporto a questo scopo? Sarà uno degli argomenti sui tavoli di discussione che si stanno portando avanti ormai da qualche settimana e che dovranno avere come primo obbiettivo fare squadra, ognuno per la sua parte”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Terim dimesso “Prego per chi combatte virus”
Tecnico Galatasaray su Instagram “Imparerò molto da tutto ciò”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
23:32
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– L’allenatore del Galatasaray Fatih Terim, che ra stato ricoverato lo scorso 23 marzo perché positivo al Covid-19, è stato dimesso dall’ospedale ed ora proseguirà la quarantena ed il recupero a casa. In un messaggio sul suo profilo Instagram l’ex tecnico di Milan e Fiorentina ha espresso gratitudine e riconoscenza. “Questa è una prova che il mondo intero dovrà superare – le parole di Terim -:possa Allah decidere secondo il suo cuore Io imparerò molto da tutto questo.
Apprezzerò di più le cose e dopo la quarantena passerò più tempo con la mia famiglia e i miei cari. Perdonerò di più, cercherò di sentirmi meno triste. Ora completo le ultime faccende in ospedale e poi procedo con la fase domiciliare”.
Terim ha ringraziato “tutti i medici del Liv Hospital, in particolare il dottor Ferah Ece e i dipendenti; i miei amici che non mi fanno mancare sostegno e preghiera; i miei figli adottivi e i miei compagni di viaggio. Ringrazio la mia famiglia che mi è stata vicino con pazienza e speranza. Restate a casa finché le possibilità lo consentono, proteggetevi, prendete precauzioni.
Come ieri, in ogni preghiera che ho fatto ci saranno tutti i guerrieri che combattono questo virus e tutti gli operatori sanitari che dedicano la propria vita alla nostra. Voglio esprimere tutta la gratitudine che ho nel cuore”.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: ex Barça Rustu in condizioni critiche
Portiere turco ricoverato, sue condizioni peggiorano
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
31 marzo 2020
10:37
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Peggiorano le condizioni di Rustu Recber, ex portiere del Barcellona nominato migliore al mondo nel suo ruolo nel 2003, e ora positivo al coronavirus. Il giocatore è ricoverato nella sua Turchia da giorni, dopo l’annuncio della positivita’ fatto dalla moglie al ritorno da un viaggio negli Stati Uniti.
Secondo i media locali, ripresi dallo spagnolo Marca, Rustu, 46 anni, sarebbe in condizioni critiche. La sua scelta di non mettersi in quarantena al ritorno dagli Usa aveva suscitato le proteste social anche dei suoi ex tifosi dei tempi del Galatasary, ma ora tutti sono col fiato sospeso per l’evoluzione delle sue condizioni cliniche
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: Pallotta, cessione Roma a Friedkin sempre possibile
Presidente smentisce indiscrezioni su interruzione trattativa
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
31 marzo 2020
11:13
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “L’affare al momento è ancora possibile? Sempre”. Il presidente della Roma, James Pallotta, smentisce così al sito “laRoma24.it” le indiscrezioni riguardanti il fallimento della trattativa con il gruppo che fa capo al magnate texano Dan Friedkin per la cessione del club giallorosso. Prima che scoppiasse la pandemia di coronavirus il passaggio della Roma sembrava a un passo per una cifra superiore ai 700 milioni di euro.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Bartomeu a Messi,14 mln da squadra ma Cig resta
Presidente Barcellona: non bastano a pagare i dipendenti
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
31 marzo 2020
11:18
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– I giocatori della prima squadra del Barcellona rinunciano a 14 milioni al mese per il periodo di blocco della Liga (“che sia di 40 o di 60 giorni”), ma questo non basta a bloccare l’ERTA, una sorta di cassa integrazione secondo le leggi spagnole, per i dipendenti del club catalano: lo ha spiegato il presidente blaugrana, Bartomeu, intervenendo a Radio Catalunya in quella che sembra una risposta alla dura presa di posizione di Leo Messi, ieri dopo l’annuncio del si’ al taglio degli stipendi del 70%.
L’argentino, parlando di una versione denigratoria dei calciatori arrivata dall’interno della società, aveva sottolineato come la volontà dei calciatori fosse da sempre quella di tagliarsi gli ingaggi, ma a favore del pagamento degli stipendi dei dipendenti. “Dal calcio arriveranno 14 milioni di risparmio ogni mese, e dalle altre discipline 2, per un totale di 16 – ha detto Bartomeu – E’ il 5,7% dei nostri costi attuali, e non basterà a pagare gli stipendi a tutti i nostri dipendenti.
Sono chiusi il museo, le scuole calcio, la biglietteria, la vendita delle maglie, tutte entrate importanti per noi. Per questo l’Erta andra’ avanti”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, Messi come Che Guevara sulla copertina di L’Equipe
La star del Barça dà l’ok al taglio degli stipendi ma denuncia l’atteggiamento del club. La replica del presidente
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
PARIGI
31 marzo 2020
14:48
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Il quotidiano sportivo francese celebra Leo Messi presentandolo sull’intera prima pagina come il Che Guevara, con il titolo “Il Che del Barça”, dopo la decisione presa con i compagni di squadra di tagliarsi gli stipendi. Messi “sostenuto dai compagni, ha imposto la sua visione”, scrive in prima L’Equipe, aggiungendo che “se da un lato l’argentino approva il taglio degli stipendi nell’attuale contesto, dall’altro denuncia gli atteggiamenti dei dirigenti”.
Nelle pagine interne, un’immagine di Messi che si rivolge ai suoi compagni di squadra riuniti al centro del campo con lo stadio pieno, con il titolo “Gli insorti del Camp Nou”. Nell’articolo si racconta “il nuovo scontro fra la dirigenza del Barcellona e i giocatori, guidati da Messi. Questi affermano di aver accettato immediatamente i tagli e se la prendono con la comunicazione del club”.
I giocatori della prima squadra rinunciano dunque a 14 milioni al mese per il periodo di blocco della Liga (“che sia di 40 o di 60 giorni”), ma questo non basterà a bloccare l’Erta, una sorta di cassaintegrazione secondo le leggi spagnole, per i dipendenti del club catalano: lo ha spiegato il presidente blaugrana, Josep Bartomeu, intervenendo a Radio Catalunya in quella che è sembrata una risposta alla dura presa di posizione di Messi e compagni, ieri dopo l’annuncio del sì al taglio degli stipendi. L’argentino, parlando di una versione denigratoria dei calciatori arrivata dall’interno della società, aveva sottolineato come la volontà dei calciatori fosse stata sempre quella di tagliarsi gli ingaggi, ma a favore del pagamento degli stipendi dei dipendenti.
“Dal settore calcio del club arriveranno 14 milioni di risparmio ogni mese e dalle altre discipline 2, per un totale di 16 – ha precisato Bartomeu – E’ il 5,7% dei nostri costi attuali e non basterà a pagare gli stipendi a tutti i nostri dipendenti. Sono chiusi il museo, le scuole calcio, la biglietteria, la vendita delle maglie, tutte entrate importanti per noi. Per questo l’Erta andrà avanti”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Rummenigge,anche fino a settembre pur di finire
Ceo del Bayern: bisogna chiudere stagione a tutti i costi
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
31 marzo 2020
12:46
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Chiudere la stagione del calcio a tutti i costi, anche quello di ‘sforare’ il calendario fino a settembre e riprendere la prossima stagione il prossimo inverno: e’ la convinzione di Karl Heinz Rummenigge, ex attaccante della Germania e dell’Inter, oggi alla guida del Bayern Monaco. “La Bundesliga va finita, non c’è alcun dubbio – ha detto ‘Kalle’ Rummenigge alla Frankfurter Allgemeine Zeitung – anche se al momento non possiamo dire quanto tempo rimarremo bloccati. Si può giocare anche fino a settembre, per poi cominciare in inverno il prossimo campionato”.
Rummenigge, che non ha risparmiato critiche al presidente Uefa Ceferin, parla di “correttezza sportiva, che impone di chiudere il campionato, ma anche di danno economico da evitare a tutti i costi. Visto il nostro bilancio, il Bayern avrà meno problemi degli altri club tedeschi, ma la situazione e’ pesante”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Tite, Neymar è essenziale ma non indispensabile
‘Per me rende al meglio giocando come faceva nel Barcellona’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
31 marzo 2020
12:51
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Oggi il Brasile avrebbe dovuto giocare conto il Perù un match delle eliminatorie mondiali del Sudamerica, invece anche la Selecao, come praticamente tutto il calcio, si è dovuta fermare. Ma la rivista ‘France Football’ rende comunque omaggio ai cinque volte campioni del mondo pubblicando un’intervista al ct Tite, precisando di averla realizzata durante un viaggio del tecnico a Parigi, poco prima che cominciasse il ‘lockdown’ che ha bloccato prima l’Europa e ora il mondo. “Neymar è essenziale in una squadra, ma non indspensabile – dice Tite, che senza O Ney ha vinto l’ultima Coppa America -. Ad ogni nostra partita mi chiedo come fare per tirare fuori il meglio da lui e come costruirgli intorno la squadra. La posizione in cui, secondo me, rende meglio sia a livello che di club che in nazionale è quella che occupava in modo stabile quando giocava nel Barcellona, ovvero da esterno offensivo che parte da sinistra e stringe verso il centro”. “Da lì dialoga bene con i centrocampisti – spiega Tite – e utilizza al meglio la propria percezione del gioco e la rapidità dei riflessi e di esecuzione”. Secondo Tite “il livello di gioco che ha raggiunto in certi momenti è quello di Messi e Cristiano Ronaldo, e non ho mai visto Hazard, Griezmann e Pogba raggiungere certi livelli”.”Ma il Neymar di cui parlo – ha concluso – è quello in piena salute fisica e mentale. Comunque vincere la Coppa senza di lui e resistere a certe pressioni ha fatto prendere coscienza al gruppo del nostro valore”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: dopo l’uscita dal coma Ajax ‘taglia’ contratto Nouri
Tagli per crisi da coronavirus, a scadenza stop a ingaggio
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
31 marzo 2020
13:18
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– La sua storia ha commosso tutto il mondo, un po’ meno l’Ajax nel quale giocava fin quando un arresto cardiaco lo ha stroncato, costringendolo a due anni di coma. Il club olandese in queste ore, a quanto scrive il Telegraaf, ha deciso di disdire il tacito accordo per un rinnovo automatico del contratto di Abdelhak Nouri, 22enne centrocampista uscito dal coma alcuni giorni fa.
Il contratto di Nouri, talento del vivaio dei ‘lancieri’, scade il 1° luglio 2020; in questi due anni l’Ajax lo ha rispettato, ma ora non intende concedere il prolungamento automatico di un anno concordato con il procuratore del giocatore prima dell’incidente.
La decisione, sottolineano i media olandesi, e’ legata anche alla crisi di liquidita’ di tutte le societa’ calcistiche per l’emergenza coronavirus, ma non è ovviamente piaciuta a famiglia e entourage di Nouri, che hanno affidato a un avvocato una trattativa sull’argomento. In ogni caso, il contratto di Nouri rischia di essere prolungato di qualche mese d’ufficio dalla Fifa, se come hanno gia’ annunciato i dirigenti mondiali la stagione dovrà essere prolungata per l’emergenza coronavirus e sara’ necessario spostare in avanti la fine della passata stagione, ora fissata al 30 giugno
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, Turchia: l’ex Barcellona Rustu in condizioni critiche
Al ritorno da un viaggio negli Usa non si era messo in quarantena
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
ISTANBUL
31 marzo 2020
15:30
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Peggiorano le condizioni di Rustu Recber, ex portiere del Barcellona nominato migliore al mondo nel suo ruolo nel 2003, e ora positivo al coronavirus. Il giocatore è ricoverato nella sua Turchia da giorni, dopo l’annuncio della positività fatto dalla moglie al ritorno da un viaggio negli Stati Uniti.
Secondo i media locali, ripresi dallo spagnolo Marca, Rustu, 46 anni, sarebbe in condizioni critiche. La sua scelta di non mettersi in quarantena al ritorno dagli Usa aveva suscitato le proteste via social anche dei suoi ex tifosi dei tempi del Galatasary, ma ora tutti sono con il fiato sospeso per l’evoluzione delle sue condizioni cliniche.
Rustu ha giocato nella Nazionale turca dal ’94 al 2012, contribuendo al terzo posto ai Mondiali del 2002. Dopo aver indossato la maglia del Barcellona, firmò per il Fenerbahce e poi per il Besiktas, dove nel 2012 ha chiuso la carriera.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Diaconale,tagli Juve?Poteva concordare con altri club
Portavoce Lazio: campionato finito? Cairo forza la mano
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
31 marzo 2020
15:37
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “La Lazio prenderà una decisione insieme a tutte le altre società, sicuramente il taglio degli stipendi dei giocatori è una misura che può aiutare le casse delle squadre, ma va trattata”: lo dice Arturo Diaconale, portavoce della Lazio, intervenuto a Radio Punto Nuovo. “La Juventus – ha aggiunto – ha già un accordo con i propri calciatori per un taglio consistente che la mette a riparo su vari fronti: ha curato i propri interessi, un taglio di quella cifra riesce a riequilibrare o dare solidità al proprio bilancio. Magari se l’avesse concordato con le altre società e con i calciatori sarebbe diventata una misura erga omnes, così riguarda soltanto loro”.
Diaconale ha poi parlato anche del tema della ripresa del campionato: “Ci sono dati oggettivi che portano Lazio e Napoli ad avere interesse nel portare a termine il campionato. In questo caso la comunanza degli interessi porta automaticamente ad avere delle sintonie. Cairo in questo momento sta forzando molto la mano” perché “il suo unico interesse è quello di uscire al più presto da un campionato che ha avuto un esito non esaltante per la sua squadra”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Nicchi “arbitri pronti a ripartire, non a rischiare la vita’
Presidente Aia “serviranno garanzie per tutti, anche per noi”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
29 marzo 2020
17:51
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Nella drammaticità del momento continuiamo a lavorare sulla ripartenza, ma il quando non dipende da noi. Noi siamo pronti a riaccendere il motore ma certo non possiamo mandare gli arbitri allo sbaraglio a rischiare la vita. Servono garanzie per tutti, anche per noi”: lo dice Marcello Nicchi, presidente dall’Associazione italiana arbitri, parlando dello stop dei campionati per l’emergenza coronavirus e delle ipotesi di ripresa.
“Io credo che prima di parlare di sensazioni e prospettive a breve lungo termine bisogna guardare al presente e alla battaglia che stiamo combattendo contro il coronavirus. Gli arbitri sono persone di regole, come sempre rispetteremo le disposizioni governative e della Federazione”, ha aggiunto Nicchi, a RadioSportiva. “I motori al momento sono fermi – ha aggiunto parlando della ‘preparazione’ – , poi ognuno a casa fa quello che si sente. Noi però siamo pronti, nonostante il momento di grande difficoltà. Vogliamo essere protagonisti della ricostruzione”.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Szczesny “iMac in regalo da CR7 per rosso Valencia”
Ma è arrivato dopo 2 mesi perché diceva di non aver fatto nulla
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
29 marzo 2020
17:56
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Ai tempi di Allegri avevamo una regola, in caso di espulsione avremmo dovuto sdebitarci con i compagni”.Wojciech Szczesny ha raccontato un curioso aneddoto su Cristiano Ronaldo ai microfoni del canale YouTube Foot Truck.
“E’ per questo che tutti abbiamo un iMac – aggiunge il portiere della Juventus -: ce lo ha regalato Cristiano dopo il rosso di Valencia, anche se abbiamo dovuto aspettare quasi due mesi, perché continuava a dire che non aveva fatto nulla”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Inzaghi: “Tornei da finire, giochiamo in estate”
Tecnico della capolista di B: ‘giochiamo in estate”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
29 marzo 2020
18:29
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Parlare di calcio è difficile, tutti noi abbiamo fatto un passo indietro rispetto alla salute, che è la priorità più grande. Quando tutto finirà vogliamo ricominciare a giocare: sarebbe la cosa più giusta. Vogliamo finire quello che abbiamo iniziato otto mesi fa, i campionati vanno terminati. Sarebbe la soluzione migliore per evitare equivoci ed evitare che qualcuno subisca danni”.Così Pippo Inzaghi, oggi allenatore del Benevento, la squadra che domina la Serie B, e ieri centravanti del Milan, intervenuto a Sky Sport 24.
Inzaghi, che alla guida dei sanniti ha dominato il campionato cadetto, (è primo a +20 sulla seconda), ha poi aggiunto: “Noi siamo pronti a giocare a giugno, luglio e agosto, vogliamo finire questo campionato, qualsiasi altra decisione penalizzerà qualcuno. Si andrà nei Tribunali, qualche club scomparirà, per cui il calcio rischierebbe di perdere due anni, non due mesi”.
Sul Benevento, Inzaghi fa notare che, “la nostra società merita di giocare in A, siamo in Serie A da febbraio. Non vedo alternative. Per il bene di tutto il sistema si deve giocare. Le vacanze le abbiamo fatte in questo periodo. Abbiamo disputato quasi 30 partite, ci manca poco per finire, magari giocheremo ogni tre giorni, per la regolarità del campionato e per i sacrifici di tutti”.
Infine, sul Milan e sul fratello Simone, che allena la Lazio: “Indossare la 9 in rossonero è dura, ma penso che, se quella maglia oggi la indossasse Ibra, la maledizione sarebbe già finita. Si tratta di una maglia importante, che deve essere indossata dai grandi. Non era giusto che venisse ritirata dopo il mio addio, non è stato fatto per Van Basten. Mio fratello Simone? “E’ più bravo di me, da lui c’è solo da imparare, il suo gioco è moderno e la Lazio uno spettacolo”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Dortmund si allena, Can ‘scudetto possibile’
Ex Juve rivela che per limitare rischi si lavorerà a coppie
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
29 marzo 2020
18:32
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Di nuovo in campo per allenarsi, ma con delle limitazioni imposte dall’emergenza coronavirus. Da domani il Borussia Dortmund tornerà a lavorare anche se la Federcalcio tedesca ha raccomandato ai 36 club professionistici di riprendere il lavoro di squadra non prima del 6 aprile. A rivelare la ripresa degli allenamenti è stato l’ex centrocampista juventino centrocampista Emre Can all’emittente Sport1 spiegando che in questa prima fase i giocatori lavoreranno in coppia per ridurre al minimo il rischio di contagio dovuto alla pandemia di Covid-19. “È importante che torniamo in campo” le parole di Can che domani si allenerà in coppia con l’altro centrocampista Mahmoud Dahoud. Riguardo alla decisione della squadra di rinunciare al 20% dello stipendio, l’ex bianconero ha sottolineato che “noi calciatori abbiamo una responsabilità, guadagniamo molti soldi e vogliamo restituire qualcosa”. Il Dortmund di Lucien Favre è secondo in campionato, a quattro punti dal Bayern Monaco e, sempre che la stagione riprenda, può ancora sperare nel titolo. “Sarà molto, molto difficile. Abbiamo ancora duelli con il Bayern e il Lipsia. Abbiamo una buona squadra, non sarà facile. Ma credo che sia ancora possibile” ha concluso Can.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Lega A replica a Spadafora, non è il momento per la demagogia
“Serie A genera 8 miliardi indotto e uno fra fisco e contributi”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
29 marzo 2020
20:54
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Ritengo non sia il momento di fare polemiche e demagogia”. Così il presidente della Lega Serie A, Paolo Dal Pino, replica al ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, che in un’intervista ha osservato che “lo sport non è solo il calcio e il calcio non è solo la Serie A”. La Lega ricorda che “la Serie A da sempre svolge un riconosciuto ruolo di locomotiva del comparto, producendo direttamente ogni anno circa 3 miliardi di euro di ricavi totali e generando un indotto di 8 miliardi a beneficio dell’intera piramide calcistica, oltre a una contribuzione fiscale e previdenziale di un miliardo di euro”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Lutto alla Sampdoria, morto Filippo Mantovani
Era figlio del presidente Paolo e fu a lungo impegnato nel club
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
29 marzo 2020
22:51
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Lutto in casa Sampdoria con la scomparsa di Filippo Mantovani, figlio di Paolo che fu presidente della squadra che con Vialli e Mancini conquistò lo scudetto nel 1991. È stato stroncato da un infarto nella sua casa di Sestri Levante, all’età di 54 anni.
Filippo Mantovani era fratello di Francesca, Enrico e Ludovica che da da un paio di anni è stata eletta presidente della Divisione di calcio femminile della Figc. Mantovani lavorò alla Sampdoria per molti anni, dimostrandosi un ottimo scopritore di talenti.
Sul sito ufficiale blucerchiato, il presidente, Massimo Ferrero, e tutta la società “abbracciano la mamma Dany, i fratelli e tutta la famiglia Mantovani porgendo loro le più sentite condoglianze”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Cutrone “io contagiato,ognuno faccia sua parte”
Appello attaccante della Fiorentina al fianco della Croce Rossa
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
30 marzo 2020
13:08
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Sono stato contagiato anche io, ognuno faccia la sua parte, mi raccomando state a casa”. E’ l’appello lanciato da Patrick Cutrone attraverso un video-social al fianco della Croce Rossa. “La situazione sanitaria che sta affliggendo il nostro Paese e non solo ha coinvolto come diretto interessato anche me nel contagio – ha continuato il giovane attaccante della Fiorentina – ragione per cui è importante che ognuno faccia la propria parte per uscirne al più presto insieme e più forti di prima. Mi raccomando, restate a casa e seguite indicazioni delle istituzioni sanitarie ogni giorno. Fatelo per voi, per le persone a cui volete bene e per chi ogni giorno combatte in prima linea questa battaglia”. Insieme ai compagni di squadra Vlahovic e Pezzella Cutrone è uno dei giocatori viola risultati positivi giorni fa al test del coronavirus.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: Diaconale, ‘Lazio vuole giocarsi scudetto sul campo’
Portavoce, ‘Lotito mi chiede di non gettare benzina sul fuoco’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
13:52
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Il legittimo interesse della Lazio” è quello di “finire regolarmente il campionato”, la necessità del club biancoceleste di portare a termine il campionato di Serie A “non nasce dalla pretesa di vincere lo scudetto a tavolino, ma solo dalla speranza di poterlo conquistare sul campo”. È questo il pensiero del portavoce della Lazio Arturo Diaconale, estrapolato dal lungo post sul suo consueto ‘Taccuino biancoceleste’ in cui il dirigente difende tutte le sue “battaglie” condotte fin qui per giustificare la linea politica del patron Claudio Lotito in Lega.
Un interesse che avrebbe “la stessa legittimità di quello di chi vorrebbe annullare il campionato in corso o per avere lo scudetto d’ufficio e potersi dedicare solo alla Champions o per evitare una rovinosa retrocessione”.
“A chiedermi di lanciare provocazioni non è il Presidente Claudio Lotito, che, semmai, mi sollecita a non gettare benzina sui fuochi”, precisa poi Diaconale, che ne ha anche per il ministro per lo Sport e le politiche giovanili Vincenzo Spadafora, quando allude a “un inconsapevole ministro che non conosce il ruolo del calcio nell’economia e nell’immaginario collettivo del Paese”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Ultras Genoa, raccolta fondi per Policlinico
‘Grande cuore genoano per dire grazie a chi fa immane lavoro’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
30 marzo 2020
14:11
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Prosegue senza sosta la raccolta fondi dedicata al reparto Malattie Infettive dell’ospedale San Martino di Genova lanciata dagli Ultrà del Genoa, raccolta attiva su due fronti. I tifosi più caldi del Grifone si sono attivati subito per sostenere il nosocomio genovese lanciando infatti sia una raccolta sul sito gofundme.com dal titolo “‘Emergenza coronavirus doniamo al San Martino’, che in pochi giorni ha già praticamente raggiunto quota diecimila euro. La raccolta è attiva anche attraverso i canali bancari classici su un conto aperto appositamente presso la Banca Carige (Ag. N. 49 – Dipendenza 0085 – CIN Q COD ABI 6175 COD. CAB 1594 – NUM.
CONTO 22869.90 – IBAN IT18Q0617501594000002286990 – BIC CRGEITGG085).
“In un momento molto difficile per tutti, vorremmo ancora una volta richiamare il grande cuore del Popolo Genoano, Genovese e Italiano – hanno spiegato i tifosi del gruppo ‘Via Armenia 5r’-.
Nel ringraziare per l’immane lavoro che stanno svolgendo medici, infermieri, oss, volontari e chiunque si stia adoperando per il prossimo in questa situazione di evidente emergenza, abbiamo deciso di dimostrare loro la nostra vicinanza nell’unico modo che in questo momento ci è possibile, promuovendo cioè una raccolta fondi. Questo rappresenta un nostro semplice ‘grazie’ nella speranza che questo piccolo gesto possa essere di aiuto a chi tanto sta facendo. Devolveremo quanto ricevuto a Malattie Infettive dell’Ospedale Policlinico San Martino”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Sacchi “bravo Rama, Italia giochi più di squadra”
E’ “esempio” per premier Albania, “Qui si allenano i singoli…”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
14:33
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Il premier Rama ha fatto un gesto nobile e si è dimostrato riconoscente, non è da tutti. Ha messo in campo grandi valori, ha detto ‘Voi ci avete salvato'”. Arrigo Sacchi, più che inorgoglito personalmente, è colpito dall’ “umanità” del premier albanese che nell’inviare aiuti all’Italia lo ha indicato ad esempio (“L’Europa e il vostro Paese dovrebbero fare come il Milan di Sacchi…”). Il tecnico sottolinea “questa situazione fa capire che è meglio prevenire. Io l’ho sempre detto nel calcio, ma è valido in assoluto: avere strategie è meglio che fare tatticismi.
Insomma, la sanità la ricerca e l’istruzione, calcisticamente diremmo la preparazione, sono elementi imprescindibili per far crescere un popolo. In una civiltà prevalentemente individualista, egoista e invidiosa è facile fare squadra?”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: Lazio; Tare,’Taglio stipendi? Presto anche per noi’
Ds:’Ingiusto interrompere la stagione, per morti e fans’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
30 marzo 2020
17:08
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Se anche in casa Lazio si parla di taglio agli stipendi? No, non ancora. Dobbiamo ancora pensarci.
I nostri giocatori sono in contatto tra loro ma non ne hanno ancora parlato. Ma possiamo ben immaginare che presto lo sarà così anche per noi”. Lo dice il ds della Lazio, Igli Tare, intervistato da Sport1, commentando l’emergenza Coronavirus che sta vivendo l’Italia e la Serie A.
“Sembra di vivere in un film horror – ha aggiunto il ds albanese – Sono rimasto senza parole quando ho visto i camion militari trasportare le bare. All’inizio è stato preso tutto alla leggera, ma ora si parla di una guerra. E’ un disastro per l’Italia”.Riguardo la possibilità di tornare a giocare, Tare è chiaro: “La stagione deve essere finita. Per rispetto dei morti e per i fan. I tempi non sono maturi per decidere se annullare.
Il numero di persone infette sta iniziando ad abbassarsi.
Interrompere la stagione sarebbe ingiusto”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Gabbiadini, guarito e già tornato ad allenarmi
Attaccante Samp: solo un giorno di febbre, ma quanta solidarietà
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
31 marzo 2020
13:59
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Manolo Gabbiadini annuncia di aver superato il coronavirus (“il primo tampone è negativo, aspettiamo il secondo…”) e dice di essere gia’ tornato ad allenarsi, anche se da casa. “Mi sono ripreso – racconta a Sky l’attaccante della Samp, secondo positivo del campionato di serie A dopo lo juventino Rugani – Per fortuna ho avuto febbre solo un giorno, e tosse persistente per 5 o 6. Ma ho ricevuto tanti messaggi di vicinanza, quasi 300, che mi hanno sorpreso e fatto un grande piacere” “Questa tragedia mi ha colpito profondamente, così come ha colpito milioni di italiani e di persone in tutto il mondo – ha aggiunto Gabbiadini, che nei giorni scorsi ha scritto una lettera aperta di incoraggiamento alla sua Bergamo – Ero qua a casa, pensavo soprattutto ai miei genitori che sono chiusi in casa da un mese e ho detto che bisognava fare qualcosa. Noi che abbiamo visibilità possiamo fare tanto per persone meno fortunate di noi”. Gabbiadini ha raccontato la sua convalescenza: “Quando ero a casa il dottore mi chiamava ogni giorno ed ero sempre sotto controllo. Ora le forze mi sono tornate, da due settimane mi alleno con continuità. I preparatori ci seguono costantemente.
Nelle prime due settimane non riuscivo ad allenarmi, ci ho provato nella seconda ma non mi sentivo in gran forma e ho cercato di evitare”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus:primo positivo calcio Giappone,è nazionale Sakai
Dopo rinvio Giochi, sport nipponico scopre di avere casi
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
31 marzo 2020
14:23
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– C’è un primo caso di positività al coronavirus anche nella J-League, ovvero la massima serie calcistica di quel Giappone che ha dovuto rimandare di un anno l’Olimpiade di Tokyo 2020 a causa della pandemia. Si tratta del 28enne laterale sinistro della nazionale Gotoku Sakai, che gioca nel Vissel Kobe, squadra di cui fa parte anche Andres Iniesta.
Stava male da mercoledì scorso,era quindi stato dispensato dagli allenamenti e gli era stato fatto il tampone, che ora ha dato esito positivo. Sakai, nato negli Usa da madre giapponese e padre tedesco, è già stato messo in isolamento e ha chiesto pubblicamente scusa “per il caos creato”. Intanto il Vissel Kobe non ha voluto confermare se ci siano altri casi di positività in seno alla squadra.

Calcio tutte le notizie in tempo reale. Tutto il Mondo del Calcio sempre approfondito ed aggiornato, da non perdere! SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 32 minuti

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 19:48 DI VENERDì 27 MARZO 2020

ALLE 13:39 DI DOMENICA 29 MARZO 2020

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: Milan, stop fino a data da destinarsi
Club auspica soluzione unanime con altre squadre di Serie A
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 marzo 2020 19:48
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– La ripresa degli allenamenti del Milan è rinviata “a data da destinarsi”. Il club rossonero, in una nota, auspica che si trovi “una soluzione unanime con le altre società di Serie A”, con la massima priorità e attenzione alla salute di tutti.
Il Milan – che aveva già sospeso ogni attività almeno fino al 3 aprile – chiede che le squadre tornino ad allenarsi e a giocare di nuovo solo quando saranno garantite adeguate condizioni di sicurezza, definite della disposizioni delle Istituzioni medico-sanitarie, e che la ripresa del campionato dovrà avvenire nelle medesime condizioni per tutti i club di Serie A. “Il Milan – conclude il club – è a fianco di tutti gli italiani per superare questa crisi e farà la sua parte per contribuire alla ripresa economica del Paese”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Federcalcio Uruguay sospende i contratti, anche di Tabarez
A causa del blocco dell’attività per il coronavirus
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
17:35
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Tutti i contratti sospesi a tempo indeterminato, da quello del Ct Oscar Tabarez agli amministrativi. La decisione della Federcalcio uruguaiana, che somiglia molto ad un licenziamento, è conseguenza del blocco delle attività sportive dovuto alla pandemia di Covid-19. “Il comitato esecutivo informa che, a causa dell’attuale crisi sanitaria che ha portato alla cessazione di tutte le attività, è obbligato a prendere una serie di decisioni difficili al fine di proteggere il futuro funzionamento dell’istituzione” ha annunciato l’AUF in una nota.
La decisione riguarda “tutti i contratti esterni in tutte le categorie”. Vengono mantenuti solo i servizi “essenziali” per le “esigenze di base dell’istituzione”. Secondo i media uruguaiani, il provvedimento coinvolge quasi 400 persone, compreso Tabarez, 73 anni, allenatore della nazionale uruguaiana dal 2006. “In breve tempo, la palla riprenderà a girare”, è l’ottimistica conclusione del comunicato.
Il calcio uruguaiano, come tutti gli eventi pubblici, è stato sospeso il 13 marzo “fino a nuovo avviso”, il giorno in cui i primi quattro casi di coronavirus sono stati confermati nel paese. Secondo gli ultimi dati annunciati ieri, 274 persone si sono dimostrate positive in Uruguay.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Barcellona taglia stipendi alla Cantera, -30%
Decisione unilaterale, con effetto dal 14 marzo
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
17:30
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Il Barcellona taglia gli stipendi della Cantera (il suo settore giovanile) del 30%, a far data dal 14 marzo e con decisione unilaterale. Il club, scrive ‘As’, ieri ha informato ufficialmente i responsabili. Il provvedimento proseguirà per la durata dello stato di allarme dovuto al coronavirus, che in Spagna sta producendo effetti devastanti.
La decurtazione in busta paga interesserà tutto il personale, sia il Barcellona B sia le due squadre giovanili, A e B. Il Comitato aziendale ha chiarito che lo stipendio di marzo sarà pagato per intero. Il taglio si farà sentire su aprile, pagato a maggio, quando si sommeranno i 17 giorni di marzo.
Sono stati i dirigenti del calcio di base a rendere nota la riduzione degli stipendi: Patrick Kluivert, Jordi Roura e Aureli Altamira. Per loro il taglio sarà anche più consistente, arrivando al 50%.
Per molti allenatori, dipendenti e giocatori è un vero colpo, sottolinea ‘As’: nella maggior parte dei casi si tratta di persone con contratti che non superano i 45mila euro lordi l’anno.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Totti ricorda esordio con la Roma, amore senza fine
Ex capitano giallorosso su Instagram: ‘Sono passati 27 anni’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
28 marzo 2020
17:31
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Sono passati 27 anni d’amore, di passione, di fedeltà e soprattutto la fortuna di aver indossato l’unica maglia che ho amato veramente…un amore che non avrà mai fine”. Firmato Francesco Totti. L’ex capitano e dirigente della Roma su Instagram dedica un post alla ricorrenza dei 27 anni dal suo esordio in Serie A con la maglia giallorossa, il 28 marzo 1993 sul campo del Brescia. Sempre sul suo account ufficiale Totti ha anche pubblicato nella sezione delle storie alcuni video di suoi gol con la Roma con in sottofondo la musica “It’a my life” di Bon Jovi.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Sintomi per 8 giocatori West Ham, in isolamento
Vicepresidente Brady: “Obiettivo è concludere la stagione”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
17:33
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
West Ham mostrano sintomi del coronavirus e sono ora in isolamento. Lo ha fatto sapere la vicepresidente del club, Karren Brady sottolineando che “fortunatamente mostrano sintomi lievi”. Gli Hammers sono l’ultimo club della Premier League ad essere colpito dalla pandemia. Il manager dell’Arsenal Mikel Arteta, l’ala del Chelsea Callum Hudson-Odoi – entrambi ora recuperati – e diversi giocatori di Leicester sono risultati positivi per il virus.
I giocatori di West Ham si allenano in casa e il club spera di riprendere le sessioni regolari al termine del blocco che in Gran Bretagna è fissato fino al 13 aprile, mentre la stagione della Premier League è sospesa almeno fino al 30 aprile. In una intervista al Sun Brady spera che la stagione possa riprendere e giungere a una conclusione, anche se le partite si dovessero giocare a porte chiuse fino a luglio.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus Lega B lancia raccolta fondi per ricerca del CNR
Balata, Inguscio (Cnr) e Laporta (Inspra): “Vinciamo battaglia”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
10:45
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La Lega Serie B e le 20 società associate scendono in campo a sostegno della ricerca scientifica del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) sul Coronavirus, con SMS o chiamata da rete fissa al numero 45587 dal 28 marzo al 16 aprile.
Una campagna di raccolta fondi inizialmente nata per “B come Bambini” il progetto della Lega B a sostegno dell’assistenza ai familiari dei pazienti ricoverati nei tre ospedali pediatrici italiani, Bambino Gesù di Roma, Meyer di Firenze e Gaslini di Genova, ma che, vista l’emergenza sanitaria che sta coinvolgendo il nostro Paese, anche grazie alla sensibilità delle tre strutture pediatriche, si è trasformato in un progetto attuale e necessario.
“Il grande cuore della Serie B dopo l’acquisto di venti respiratori polmonari è al fianco del CNR per sostenere l’attività di ricerca scientifica per la cura al Coronavirus;”, le parole del n.1 della Lega di B Mauro Balata.
“I più piccoli per i più grandi” è il senso della scelta che ha guidato la Fondazione Bambino Gesù di Roma, l’Associazione Gaslini Onlus di Genova e la Fondazione Meyer di Firenze a individuare, quale beneficiario della raccolta, lo studio dei meccanismi che portano il Coronavirus a provocare infezioni e determinare malattie infettive per lo sviluppo di terapie innovative del CNR. Partner dell’iniziativa è Ispra, Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus:Ceferin, potremmo ripartire anche a fine giugno
Presidente Uefa a Repubblica: cosa più importante è la salute
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
10:53
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Aleksander Ceferin a 360° sul dramma Coronavirus: il presidente dell’Uefa, in un’intervista a Repubblica, ha parlato dello stop del calcio europeo, delle scelte già prese e degli scenari per il futuro: “In questo momento drammatico la cosa più importante è la salute, uscire da questa crisi. Certo, il calcio interrotto simboleggia che l’Europa e il mondo si sono fermati. Ci sono almeno tre opzioni: ricominciare a metà maggio, a giugno o alla fine di giugno. Se poi non dovessimo riuscirci, la stagione probabilmente sarebbe persa. C’è anche l’opzione di riprendere all’inizio della prossima, cominciando più tardi quella successiva. Vedremo la soluzione migliore per Leghe e club”.
“Nessuno – aggiunge Ceferin – sa quando la pandemia finirà.
Abbiamo il piano A, B o C: siamo in contatto con le leghe, con i club, c’è un gruppo di lavoro. Dobbiamo aspettare, come ogni altro settore”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Percassi, Bergamo non deve mollare
‘Abbiamo avuto otto casi di persone che lavoravano all’Atalanta’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
11:08
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Noi, come popolo siamo abituati a non mollare. Bergamo non deve mollare, quella bergamasca è gente un po’ chiusa ma tanto generosa ed è abituata a lottare senza mollare mai, anche se è una cosa che non si è mai vista e non si è mai verificata”. Antonio Percassi, presidente dell’Atalanta è intervenuto questa mattina su RTL 102.5 per parlare di Bergamo, tra le città più colpite dal Coronavirus, durante lo speciale di “Non Stop News” dedicato a Bergamo e all’iniziativa ‘Una canzone per Bergamo’ con il brano ‘Rinascerò Rinascerai’ di Roby Facchinetti e Stefano D’Orazio. “A me interessa, anche come società – aggiunge Percassi – è fare un abbraccio a tutti quelli che stanno soffrendo e fare un grande ringraziamento a tutti i medici e gli operatori del settore che stanno facendo un lavoro incredibile. Sono stato in un ospedale e quando sei lì sembra un brutto sogno, ti viene solo da piangere e per fortuna ci sono queste persone che stanno facendo dei miracoli”.
“La sto vivendo molto male – ammette Percassi – è una tragedia incredibile, è un virus che ci sta portando la nostra generazione più bella. Noi abbiamo avuto otto casi di persone che lavoravano per l’Atalanta ed è stata una cosa molto triste e dura, ma sta toccando anche i giovani Siamo di fronte a una bomba sanitaria, un nemico trasparente, sta diventando una guerra mondiale. Le immagini dei camion dell’esercito incolonnati davanti il cimitero di Bergamo resteranno per sempre nel cuore di noi bergamaschi”.
“Il legame tra il calcio e la città, l’Atalanta e i suoi tifosi, è qualcosa di incredibile e – prosegue Percassi – l’Atalanta quest’anno ha regalato grandi soddisfazioni Sì, è un legame speciale, particolare, i nostri tifosi sono incredibili soprattutto nei momenti di estrema difficoltà, c’è un’alchimia speciale. Mi auguro che quanto conquistato dall’Atalanta in questi anni possa strappare un sorriso al popolo che ci segue in questi giorni difficili”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Lega Pro si riunisce il 3 aprile
Riunione in conference call
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
11:36
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Alla luce della situazione emergenziale che stiamo vivendo si ritiene necessaria una riunione assembleare”. E’ quanto annuncia la Lega Pro la cui riunione assembleare si terrà, in call conference, venerdì 3 aprile 2020 alle ore 11.00.
I lavori della riunione assembleare si svolgeranno secondo il seguente: intervento e comunicazioni del Presidente; considerazioni sullo stato dell’emergenza COVID-19; cosa fare del campionato; interventi sugli stipendi dei tesserati; varie ed eventuali.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus:Valdano,ha fatto capire che calcio è simulazione
Applausi trasferiti su balconi. Pallone non vuole scendere palco
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
11:55
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Il calcio si è creduto importante fino a quando il coronavirus gli ha detto la verità: è solo una simulazione della realtà. Lo dirò evidenziando la sua grandezza culturale: una gloriosa simulazione della realtà”. L’ex stella del Real Madrid Valdano, nella sua rubrica settimanale su El Pais, torna a parlare dell’emergenza sanitaria che sta sconvolgendo il mondo e soprattutto la Spagna e sottolinea l’impotenza del mondo del calcio in questa situazione.
L’argentino sottolinea che “il coronavirus ha portato via l’attenzione per il calcio e i suoi eroi. Gli applausi si sono trasferiti dagli stadi ai balconi. Il calcio, abituato male, resiste e non vuole scendere dal palco, discutendo di come e quando la festa ricomincerà”.
Per l’argentino “non è solo il calcio, ma è lo sport in generale che continua a cercare il suo berretto nel bel mezzo del caos sociale. Come scrisse Santiago Segurola, il Cio somiglia all’orchestra del Titanic”.
Valdano ricorda poi la figura dell’ex presidente del Real Lorenzo Sanz, una delle tante vittime spagnole del Covid-19: “Questa strana realtà ha preso Lorenzo Sanz con tutta la durezza del momento – scrive Valdano – Come tanti altri,è rimasto solo, senza nemmeno il conforto della sua meravigliosa famiglia. Con Lorenzo, il calcio dice addio a un’era di uomini che si sono fatti da soli. Lo conoscevo bene. Ha sempre mostrato una grande qualità umana. Scrivo questo articolo per ringraziarlo e salutarlo con il rispetto e l’onore che merita”. VAI ALLO SPORT

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: Milan, stop fino a data da destinarsi
Club auspica soluzione unanime con altre squadre di Serie A
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 marzo 2020 19:48
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– La ripresa degli allenamenti del Milan è rinviata “a data da destinarsi”. Il club rossonero, in una nota, auspica che si trovi “una soluzione unanime con le altre società di Serie A”, con la massima priorità e attenzione alla salute di tutti.
Il Milan – che aveva già sospeso ogni attività almeno fino al 3 aprile – chiede che le squadre tornino ad allenarsi e a giocare di nuovo solo quando saranno garantite adeguate condizioni di sicurezza, definite della disposizioni delle Istituzioni medico-sanitarie, e che la ripresa del campionato dovrà avvenire nelle medesime condizioni per tutti i club di Serie A. “Il Milan – conclude il club – è a fianco di tutti gli italiani per superare questa crisi e farà la sua parte per contribuire alla ripresa economica del Paese”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Federcalcio Uruguay sospende i contratti, anche di Tabarez
A causa del blocco dell’attività per il coronavirus
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
17:35
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Tutti i contratti sospesi a tempo indeterminato, da quello del Ct Oscar Tabarez agli amministrativi. La decisione della Federcalcio uruguaiana, che somiglia molto ad un licenziamento, è conseguenza del blocco delle attività sportive dovuto alla pandemia di Covid-19. “Il comitato esecutivo informa che, a causa dell’attuale crisi sanitaria che ha portato alla cessazione di tutte le attività, è obbligato a prendere una serie di decisioni difficili al fine di proteggere il futuro funzionamento dell’istituzione” ha annunciato l’AUF in una nota.
La decisione riguarda “tutti i contratti esterni in tutte le categorie”. Vengono mantenuti solo i servizi “essenziali” per le “esigenze di base dell’istituzione”. Secondo i media uruguaiani, il provvedimento coinvolge quasi 400 persone, compreso Tabarez, 73 anni, allenatore della nazionale uruguaiana dal 2006. “In breve tempo, la palla riprenderà a girare”, è l’ottimistica conclusione del comunicato.
Il calcio uruguaiano, come tutti gli eventi pubblici, è stato sospeso il 13 marzo “fino a nuovo avviso”, il giorno in cui i primi quattro casi di coronavirus sono stati confermati nel paese. Secondo gli ultimi dati annunciati ieri, 274 persone si sono dimostrate positive in Uruguay.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Barcellona taglia stipendi alla Cantera, -30%
Decisione unilaterale, con effetto dal 14 marzo
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
17:30
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Il Barcellona taglia gli stipendi della Cantera (il suo settore giovanile) del 30%, a far data dal 14 marzo e con decisione unilaterale. Il club, scrive ‘As’, ieri ha informato ufficialmente i responsabili. Il provvedimento proseguirà per la durata dello stato di allarme dovuto al coronavirus, che in Spagna sta producendo effetti devastanti.
La decurtazione in busta paga interesserà tutto il personale, sia il Barcellona B sia le due squadre giovanili, A e B. Il Comitato aziendale ha chiarito che lo stipendio di marzo sarà pagato per intero. Il taglio si farà sentire su aprile, pagato a maggio, quando si sommeranno i 17 giorni di marzo.
Sono stati i dirigenti del calcio di base a rendere nota la riduzione degli stipendi: Patrick Kluivert, Jordi Roura e Aureli Altamira. Per loro il taglio sarà anche più consistente, arrivando al 50%.
Per molti allenatori, dipendenti e giocatori è un vero colpo, sottolinea ‘As’: nella maggior parte dei casi si tratta di persone con contratti che non superano i 45mila euro lordi l’anno.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Totti ricorda esordio con la Roma, amore senza fine
Ex capitano giallorosso su Instagram: ‘Sono passati 27 anni’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
28 marzo 2020
17:31
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Sono passati 27 anni d’amore, di passione, di fedeltà e soprattutto la fortuna di aver indossato l’unica maglia che ho amato veramente…un amore che non avrà mai fine”. Firmato Francesco Totti. L’ex capitano e dirigente della Roma su Instagram dedica un post alla ricorrenza dei 27 anni dal suo esordio in Serie A con la maglia giallorossa, il 28 marzo 1993 sul campo del Brescia. Sempre sul suo account ufficiale Totti ha anche pubblicato nella sezione delle storie alcuni video di suoi gol con la Roma con in sottofondo la musica “It’a my life” di Bon Jovi.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Sintomi per 8 giocatori West Ham, in isolamento
Vicepresidente Brady: “Obiettivo è concludere la stagione”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
17:33
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
West Ham mostrano sintomi del coronavirus e sono ora in isolamento. Lo ha fatto sapere la vicepresidente del club, Karren Brady sottolineando che “fortunatamente mostrano sintomi lievi”. Gli Hammers sono l’ultimo club della Premier League ad essere colpito dalla pandemia. Il manager dell’Arsenal Mikel Arteta, l’ala del Chelsea Callum Hudson-Odoi – entrambi ora recuperati – e diversi giocatori di Leicester sono risultati positivi per il virus.
I giocatori di West Ham si allenano in casa e il club spera di riprendere le sessioni regolari al termine del blocco che in Gran Bretagna è fissato fino al 13 aprile, mentre la stagione della Premier League è sospesa almeno fino al 30 aprile. In una intervista al Sun Brady spera che la stagione possa riprendere e giungere a una conclusione, anche se le partite si dovessero giocare a porte chiuse fino a luglio.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus Lega B lancia raccolta fondi per ricerca del CNR
Balata, Inguscio (Cnr) e Laporta (Inspra): “Vinciamo battaglia”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
10:45
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La Lega Serie B e le 20 società associate scendono in campo a sostegno della ricerca scientifica del CNR (Consiglio Nazionale delle Ricerche) sul Coronavirus, con SMS o chiamata da rete fissa al numero 45587 dal 28 marzo al 16 aprile.
Una campagna di raccolta fondi inizialmente nata per “B come Bambini” il progetto della Lega B a sostegno dell’assistenza ai familiari dei pazienti ricoverati nei tre ospedali pediatrici italiani, Bambino Gesù di Roma, Meyer di Firenze e Gaslini di Genova, ma che, vista l’emergenza sanitaria che sta coinvolgendo il nostro Paese, anche grazie alla sensibilità delle tre strutture pediatriche, si è trasformato in un progetto attuale e necessario.
“Il grande cuore della Serie B dopo l’acquisto di venti respiratori polmonari è al fianco del CNR per sostenere l’attività di ricerca scientifica per la cura al Coronavirus;”, le parole del n.1 della Lega di B Mauro Balata.
“I più piccoli per i più grandi” è il senso della scelta che ha guidato la Fondazione Bambino Gesù di Roma, l’Associazione Gaslini Onlus di Genova e la Fondazione Meyer di Firenze a individuare, quale beneficiario della raccolta, lo studio dei meccanismi che portano il Coronavirus a provocare infezioni e determinare malattie infettive per lo sviluppo di terapie innovative del CNR. Partner dell’iniziativa è Ispra, Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus:Ceferin, potremmo ripartire anche a fine giugno
Presidente Uefa a Repubblica: cosa più importante è la salute
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
10:53
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Aleksander Ceferin a 360° sul dramma Coronavirus: il presidente dell’Uefa, in un’intervista a Repubblica, ha parlato dello stop del calcio europeo, delle scelte già prese e degli scenari per il futuro: “In questo momento drammatico la cosa più importante è la salute, uscire da questa crisi. Certo, il calcio interrotto simboleggia che l’Europa e il mondo si sono fermati. Ci sono almeno tre opzioni: ricominciare a metà maggio, a giugno o alla fine di giugno. Se poi non dovessimo riuscirci, la stagione probabilmente sarebbe persa. C’è anche l’opzione di riprendere all’inizio della prossima, cominciando più tardi quella successiva. Vedremo la soluzione migliore per Leghe e club”.
“Nessuno – aggiunge Ceferin – sa quando la pandemia finirà.
Abbiamo il piano A, B o C: siamo in contatto con le leghe, con i club, c’è un gruppo di lavoro. Dobbiamo aspettare, come ogni altro settore”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Percassi, Bergamo non deve mollare
‘Abbiamo avuto otto casi di persone che lavoravano all’Atalanta’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
11:08
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Noi, come popolo siamo abituati a non mollare. Bergamo non deve mollare, quella bergamasca è gente un po’ chiusa ma tanto generosa ed è abituata a lottare senza mollare mai, anche se è una cosa che non si è mai vista e non si è mai verificata”. Antonio Percassi, presidente dell’Atalanta è intervenuto questa mattina su RTL 102.5 per parlare di Bergamo, tra le città più colpite dal Coronavirus, durante lo speciale di “Non Stop News” dedicato a Bergamo e all’iniziativa ‘Una canzone per Bergamo’ con il brano ‘Rinascerò Rinascerai’ di Roby Facchinetti e Stefano D’Orazio. “A me interessa, anche come società – aggiunge Percassi – è fare un abbraccio a tutti quelli che stanno soffrendo e fare un grande ringraziamento a tutti i medici e gli operatori del settore che stanno facendo un lavoro incredibile. Sono stato in un ospedale e quando sei lì sembra un brutto sogno, ti viene solo da piangere e per fortuna ci sono queste persone che stanno facendo dei miracoli”.
“La sto vivendo molto male – ammette Percassi – è una tragedia incredibile, è un virus che ci sta portando la nostra generazione più bella. Noi abbiamo avuto otto casi di persone che lavoravano per l’Atalanta ed è stata una cosa molto triste e dura, ma sta toccando anche i giovani Siamo di fronte a una bomba sanitaria, un nemico trasparente, sta diventando una guerra mondiale. Le immagini dei camion dell’esercito incolonnati davanti il cimitero di Bergamo resteranno per sempre nel cuore di noi bergamaschi”.
“Il legame tra il calcio e la città, l’Atalanta e i suoi tifosi, è qualcosa di incredibile e – prosegue Percassi – l’Atalanta quest’anno ha regalato grandi soddisfazioni Sì, è un legame speciale, particolare, i nostri tifosi sono incredibili soprattutto nei momenti di estrema difficoltà, c’è un’alchimia speciale. Mi auguro che quanto conquistato dall’Atalanta in questi anni possa strappare un sorriso al popolo che ci segue in questi giorni difficili”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Lega Pro si riunisce il 3 aprile
Riunione in conference call
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
11:36
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Alla luce della situazione emergenziale che stiamo vivendo si ritiene necessaria una riunione assembleare”. E’ quanto annuncia la Lega Pro la cui riunione assembleare si terrà, in call conference, venerdì 3 aprile 2020 alle ore 11.00.
I lavori della riunione assembleare si svolgeranno secondo il seguente: intervento e comunicazioni del Presidente; considerazioni sullo stato dell’emergenza COVID-19; cosa fare del campionato; interventi sugli stipendi dei tesserati; varie ed eventuali.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus:Valdano,ha fatto capire che calcio è simulazione
Applausi trasferiti su balconi. Pallone non vuole scendere palco
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
11:55
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Il calcio si è creduto importante fino a quando il coronavirus gli ha detto la verità: è solo una simulazione della realtà. Lo dirò evidenziando la sua grandezza culturale: una gloriosa simulazione della realtà”. L’ex stella del Real Madrid Valdano, nella sua rubrica settimanale su El Pais, torna a parlare dell’emergenza sanitaria che sta sconvolgendo il mondo e soprattutto la Spagna e sottolinea l’impotenza del mondo del calcio in questa situazione.
L’argentino sottolinea che “il coronavirus ha portato via l’attenzione per il calcio e i suoi eroi. Gli applausi si sono trasferiti dagli stadi ai balconi. Il calcio, abituato male, resiste e non vuole scendere dal palco, discutendo di come e quando la festa ricomincerà”.
Per l’argentino “non è solo il calcio, ma è lo sport in generale che continua a cercare il suo berretto nel bel mezzo del caos sociale. Come scrisse Santiago Segurola, il Cio somiglia all’orchestra del Titanic”.
Valdano ricorda poi la figura dell’ex presidente del Real Lorenzo Sanz, una delle tante vittime spagnole del Covid-19: “Questa strana realtà ha preso Lorenzo Sanz con tutta la durezza del momento – scrive Valdano – Come tanti altri,è rimasto solo, senza nemmeno il conforto della sua meravigliosa famiglia. Con Lorenzo, il calcio dice addio a un’era di uomini che si sono fatti da soli. Lo conoscevo bene. Ha sempre mostrato una grande qualità umana. Scrivo questo articolo per ringraziarlo e salutarlo con il rispetto e l’onore che merita”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: vendita reti 1-7 Minerao frutta 140mila euro
Parte incasso andrà ad ospedale Belo Horizonte per mascherine
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
12:00
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Anche il ricordo di una ‘tragedia’ nazionale, seppur calcistica, può aiutare nella lotta alla pandemia del coronavirus, e trasformarsi in qualcosa di positivo. E’ successo in Brasile, dove nessuno ha dimenticato quanto accadde al ‘Minerao’ di Belo Horizonte nella semifinale dei Mondiali 2014. Quell’1-7 è ancora un incubo ma adesso ha fruttato 800 mila reais (circa 140mila euro) una parte dei quali (240mila reais, circa 45 mila euro) sarà devoluta all’ospedale ‘Da Baleia’ della capitale mineira, per l’acquisto, ha spiegato la responsabile delle relazioni esterne del ‘Minerao’ Ludmila Ximenes, di respiratori e mascherine per il personale che lavora nella struttura e in particolare per coloro che fanno parte del reparto di terapia intensiva. Il resto verrà speso per tre progetti sociali e sanitari, a Belo Horizonte e nello stato di Pernambuco, sempre nell’ambito del contrasto alla pandemia.
Tutto ciò perché i gestori dello stadio, che custodivano ancora i cimeli di quel Mondiale fra i quali le reti utilizzate per le due porte in quella ‘dolorosa’ semifinale, hanno deciso, in collaborazione con la Ong tedesca con sede a San Paolo Dawh Brasil, di fare a pezzi proprio le due reti in cui andarono ad insaccarsi le conclusioni dei vari Klose, Kroos, Muller e Khedira e di metterli in vendita. Un po’, come successe in Germania con i frammenti del Muro di Berlino dopo l’abbattimento. Le vendite online, a 71 euro a pezzo, hanno avuto un grande successo, in particolare fra gli internauti tedeschi, e per questo ora è possibile fare questa donazione al ‘Da Baleia’. Come a dire che questa volta il gol lo hanno fatto sia il Brasile che la Germania.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Shevchenko: ‘Io che ho vissuto Chernobyl’
“Grazie a medici e infermieri, eroi del nostro tempo”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
17:35
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Forza Italia, ce la facciamo tutti insieme. Vi sono sempre vicino”. Si è concluso così il messaggio di incoraggiamento che Andrij Shevchenko ha affidato a Sky Sport. L’ex attaccante del Milan si trova “fuori Londra, già da 10 giorni chiuso in casa”. Il campione ucraino ha ricordato di aver vissuto una situazione simile dopo Chernobyl. “Ora l’unica soluzione è rispettare le regole, restare in casa – ha sottolineato – per rispetto non solo di noi stessi, ma di quanti potremmo contagiare, magari non sapendo di essere positivi”. Poi un ringraziamento speciale a quanti, in tutto il mondo, “stanno facendo un grandissimo lavoro, medici ed infermieri. Siete voi gli eroi del nostro tempo”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La Roma pensa a Diego Costa dell’Atletico Madrid
Potrebbe arrivare in giallorosso grazie a un prestito oneroso
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
18:06
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– La Roma è in cerca di un attaccante di livello per la prossima stagione. Nikola Kalinic non verrà riscattato dall’Atletico Madrid, facendo così ritorno in Spagna, Edin Dzeko resterà dunque l’unica punta di ruolo a disposizione di Fonseca. Secondo quanto scrive il Mundo Deportivo, la Roma sarebbe pronta a pescare nuovamente in casa dei ‘colchoneros’, cercando di mettere le mani sul giocatore di origini brasiliane Diego Costa.
Il rapporto del centravanti, per anni nel giro della Nazionale spagnola, con l’allenatore Diego Simeone non è più quello di una volta ed è molto probabile che venga messo sul mercato. Il quotidiano spagnolo scrive che il ds dei giallorossi, Gianluca Petrachi, ha già sull’agenda il nome di Diego Costa e sarebbe pronto a presentare un’offerta all’Atletico.
Già in passato la Roma aveva cercato di sedurre Diego Costa, ma senza successo, ora i tempi potrebbero essere maturi. Non è escluso che il giocatore possa seguire le orme di Kalinic e trasferirsi alla corte di Paulo Fonseca con la formula del prestito oneroso.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Roma, prima all’Olimpico in onore operatori sanitari
Pallotta: “Renderemo omaggio a morti e a chi rischia la vita”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
28 marzo 2020
19:22
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Alla ripresa della stagione, quando l’emergenza sarà passata e la situazione lo permetterà, la Roma tornerà a giocare all’Olimpico e dedicherà la prima partita a porte aperte agli operatori sanitari che sono stati in prima linea contro il Covid-19. Il club giallorosso, attraverso una nota, ha infatti deciso che metterà a disposizione fino a cinquemila biglietti gratuiti per i sanitari, per permettere a tutti i tifosi di mostrare loro riconoscenza per l’infaticabile lavoro svolto durante questa crisi. Nella stessa partita inoltre verranno ricordati gli operatori sanitari che hanno perso la vita e una parte del ricavato dei biglietti della sfida sarà donata alla campagna fondi lanciata dalla società, per comprare attrezzature mediche da destinare agli ospedali della Capitale. “Non ci sono aggettivi adeguati per mostrare tutto il nostro apprezzamento nei confronti del lavoro che sta svolgendo lo staff medico in Italia e nel mondo”, le parole del presidente della Roma, James Pallotta, che oggi ha donato altri 25 mila euro alla campagna del club, oltre ai 50 mila per lanciare l’iniziativa.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Juventus taglia compensi allenatore e calciatori
Pari mensilità marzo-giugno, beneficio 90 milioni per la società
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
20:15
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La Juventus, a causa dell’emergenza sanitaria che sta impedendo lo svolgimento dell’attività sportiva, ha raggiunto un’intesa con i calciatori e l’allenatore della prima squadra per ridurre i loro compensi nella restante parte della corrente stagione sportiva, per un importo pari alle mensilità di marzo, aprile, maggio e giugno 2020.
Gli effetti economici e finanziari derivanti dall’intesa raggiunta sono positivi per circa 90 milioni sull’esercizio 2019/20. JUVENTUS

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: Carboni “Noi Paese responsabile, Spagna in ritardo”
Ex terzino: “A Valencia stadio chiuso, ma festeggiato Le Fallas”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
23:02
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Senza dubbio Atalanta-Valencia è stato un evento sportivo che ha avuto la propria influenza, dato che ha radunato tante persone e alla luce dei tristi fatti che si stanno registrando a Bergamo; guardare troppo indietro, però, non è il caso. Bisogna pensare al presente, alle persone che soffrono di più e al futuro”. Così Amedeo Carboni, ex difensore ed ex ds del Valencia – che oggi vive in Spagna – intervenendo a Sky Sport.
“Quell’evento ha ingrandito l’epicentro in Europa. La Spagna, rispetto a noi, è indietro di 10-15 giorni – aggiunge -. Ha iniziato a guardare l’Italia come riferimento con questo ritardo. Il nostro Paese si è dimostrato preventivo, molto responsabile, forse anche eccessivo nei confronti di un virus molto contagioso. In Spagna no. Qui, a Valencia, si è festeggiato Le Fallas, la festa della città celebrata da milioni di persone, mentre si è deciso di chiudere il Mestalla”.
“Quando arrivai al Valencia – ricorda l’ex terzino – sul mio contratto c’era il via libera per uscire in moto. Fu una delle clausole che feci mettere. Non ho mai avuto il procuratore, mi sono sempre dovuto arrangiare. Ma mi divertivo nelle trattative, i presidenti molte volte mi hanno cacciato dai loro uffici”.
Da ds del Valencia, Carboni ricorda di avere provato “a prendere Ancelotti per la panchina. Sarebbe stata la sua prima esperienza lontano dall’Italia, aveva appena salutato il Milan”.
“E – conclude – sono stato vicino anche a Cristiano Ronaldo.
Avevamo radunato una serie di contratti che ci avrebbero permesso di fare l’offerta al Manchester United. Con Mendes ci vedevamo spesso, poi alla fine è successo qualcosa che ha fatto saltare l’affare”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Ronaldo con la madre, grato di averla a casa
CR7 segue riabilitazione madre. “Prendetevi cura vostri cari”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
29 marzo 2020
12:51
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Mi sento molto grato di avere mia madre a casa dall’ospedale e che si sta riprendendo”. E’ un Cristiano Ronaldo sorridente, quello che compare su Instagram accanto alla madre, Dolores Aveiro. La donna si sta riprendendo dall’ictus delle scorse settimane, circondata dall’affetto dei figli. “Prenditi cura delle tue famiglie e dei tuoi cari”, aggiunge l’attaccante portoghese, tornato a Madeira proprio per stare vicino alla madre in questi giorni di emergenza coronavirus. “#stayhomesavelives”, è l’hashtag di CR7.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Mercato: Milan spunta Spalletti, Juve su Tonali
Roma punta Marcos Antonio, Zielinski rimane al Napoli
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
19:48
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Il Milan e Rangnick sono più lontani. Lo riferisce Sky Sport, facendo capire che la proprietà del Milan dovrà cercare un nuovo allenatore. Cresce la candidatura di Spalletti, che vuole tornare in panchina dopo un anno di stop. Intanto telefonate e videochiamate s’incrociano nonostante la sensazione che il prossimo mercato sarà all’insegna di un deciso risparmio, e vale per tutto il mondo, vista la crisi innestata dalla pandemia. E questo nonostante la Fifa stia pensando d’istituire una ‘maxifinestra’ fino al 31 dicembre, e a partire da agosto o settembre. Ma si naviga a vista. Da Roma lo stesso tecnico dei giallorossi, Paulo Fonseca, ha confermato che sta studiando al video alcuni giovani interessanti. Il suo preferito rimane Marcos Antonio, che conosce bene avendolo allenato allo Shakhtar. Per l’attacco il ds Petrachi (il cui futuro a Trigoria in realtà è incerto) sta lavorando al ritorno di El Shaarawy.
Dalla Spagna non poteva mancare il ‘tormentone’ di Lautaro Martinez al Barcellona. Il club blaugrana non potrà pagare la clausola rescissoria di 111 mlioni ma conta d’inserire nella trattativa due giocatori che piacciono all’Inter, ovvero Rakitic e Semedo. Per l’attacco i nerazzurri pensano a Giroud, per il quale c’è la concorrenza della Lazio. Per Nainggolan, che il Cagliari non può riscattare, si prospetta un altro anno di prestito in Sardegna. La Juventus lavora sempre sul fronte Tonali, che piace anche al Paris SG, convinto di farne un altro Verratti. Pogba rimarrà un sogno visti gli alti costi dell’operazione. Ai bianconeri continua invece a piacere Ferran Torres, per il quale il Barcellona ha mollato. Ma sul ventenne talento del Valencia c’è anche il Liverpool, su esplicita richiesta di Klopp. I Reds metteranno sul mercato Shaqiri, ma la cifra richiesta, 30 milioni di euro, scoraggerà possibili acquirenti come la Roma.Zielinski è vicino al rinnovo di contratto con il Napoli: arriverà a guadagnare 3,5 milioni a stagione, ma l’accordo prevederà una clausola rescissoria da 100 milioni.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Wembley illuminato 90′ con il tricolore
Il 27 marzoi era in programma l’amichevole. Gravina, ‘bellissimo, grazie’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
27 marzo 2020
21:28
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Wembley illuminato per 90′ con il tricolore dell’Italia. E’ successo questa sera a Londra, dove oggi si sarebbe dovuta giocare l’amichevole fra Inghilterra e Italia, in preparazione ad Euro 2020. Per l’emergenza determinata dal Covid-19, la gara è stata rinviata, così come gli Europei, ma il calcio continua a dare esempi di solidarietà e vicinanza. L’esempio arriva dalla Federazione inglese, la Football Association, che proprio questa sera ha deciso di illuminare con il tricolore italiano l’arco dello Stadio di Wembley per 90′, quelli che avrebbero visto di fronte le squadre di Southgate e Mancini. Nello stesso momento il maxischermo di fronte la Olympic Way accompagna l’iniziativa con un messaggio di solidarietà all’Italia: “Siamo separati, ma siamo insieme. Forza Italia #distantimauniti”.
“Grazie al calcio – commenta il presidente della Figc Gabriele Gravina – Italia e Inghilterra sono più vicine. Ho ringraziato personalmente il presidente della federazione inglese Greg Clarke per la bellissima iniziativa di questa sera, animata da un sincero sentimento di vicinanza e di condivisione in un momento così difficile per l’Europa intera. Una volta tornati in campo, sia in Italia che nelle sedi internazionali, dovremo continuare a valorizzare la solidarietà e l’amicizia rafforzate da questa emergenza”. L’iniziativa è promossa sui profili ufficiali della Fa e della Figc, con un reciproco messaggio per ribadire l’impegno di tutti nel contrasto al virus. “Non potremmo condividere il campo questa sera con gli Azzurri, ma saremo insieme e uniti in questo difficile momento” hanno scritto i profili social della Nazionale inglese. “Ben detto Inghilterra, grazie. Vinceremo questa partita insieme” hanno risposto i profili della Nazionale italiana.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Perù: ct nazionale U.23 viola quarantena, arrestato
Solano era andato a una festa, con tanta gente e musica alta
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
BUENOS AIRES
27 marzo 2020
21:02
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Nolberto Solano, allenatore della nazionale under 23 del Perù e assistente del ct di quella maggiore Roberto Gareca, è stato arrestato dalla polizia di Lima per aver violato la quarantena imposta fino al 12 aprile dalle autorità per il coronavirus. Solano, beniamino dei tifosi del Newcastle quando giocava in Inghilterra, è infatti andato a una festa in una villa dove la polizia, accorsa dopo una chiamata dei vicini per la musica ad alto volume, lo ha trovato in compagnia di molte altre persone. Per entrare gli agenti hanno dovuto scavalcare il muro di cinta, poi oltre a Solano hanno portato via un altro ex calciatore che si trovava con lui, Pablo Zegarra. I due hanno provato a giustificarsi dicendo di essere stati invitati a cena da un’amica, ma i poliziotti non hanno voluto sentire ragioni.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Spagna; anche Atletico ricorre a taglio salari
Gil “unico modo per salvare la società nell’emergenza”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
20:35
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– L’Atletico Madrid è la terza società della Liga, dopo il Barcellona e l’Espanyol, a presentare un piano di riduzione dei salari (Erte) per gestire la crisi dovuta agli effetti della pandemia. Lo ha annunciato il ceo del club madrileno, Miguel Gil Marin, che ha inviato una lettera ai soci spiegando che la riduzione degli emolumenti a giocatori, tecnici, dipendenti è l’unico modo per assicurare la sopravvivenza del club.
“Una situazione così grave ci costringe a prendere decisioni difficili quanto necessarie per il bene della società – scrive Gil -. Siamo obbligati a richiedere ufficialmente l’apertura di un Erte per quei professionisti che, a causa dello stato di allarme dichiarato nel Paese, non possono svolgere in tuitto on in parte il loro lavoro. Ciò riguarda sia i dipendenti che i giocatori e i tecnici dei nostri team. Stiamo lavorando per ridurre al minimo l’impatto della misura e limitarla a ciò che è strettamente essenziale”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Gravina ‘accordo Juve esempio per tutto il sistema’
Presidente Figc: se non si riprende crisi ancora più grave
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
29 marzo 2020
13:07
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
29 marzo 2020
13:07
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “L’accordo raggiunto dalla Juventus è un esempio per tutto il sistema”. Lo dichiara il presidente della Figc, Gabriele Gravina, commentando l’intesa tra club, giocatori e tecnici bianconeri per un taglio agli ingaggi vista l’emergenza coronavirus. “Ringrazio Giorgio Chiellini, i suoi compagni e Maurizio Sarri – aggiunge Gravina – perchè nel solco della collaborazione che la Federazione auspica da giorni, hanno posto l’interesse generale al centro della loro interlocuzione con il club. L’unità e la solidarietà nel mondo del calcio rappresentano la prima grande risposta all’emergenza che stiamo vivendo e che rischia di essere ancor più grave se non dovessimo tornare a giocare. Solo attraverso il contributo di tutti i protagonisti, ognuno per la sua parte, renderemo il calcio più forte”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Atalanta: ricordato Mondonico a due anni dalla morte
“Sarai sempre il nostro ‘Mondo'”. Recordman di panchine
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
BERGAMO
29 marzo 2020
13:10
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Sarai sempre il nostro Mondo”.
Con una nota sul sito ufficiale, l’Atalanta ricorda il suo condottiero più amato, nonché il suo recordman imbattuto di panchine con 299, scomparso due anni fa dopo una lunga malattia.
“Oggi, domenica 29 marzo, ricorre il secondo anniversario della scomparsa di Emiliano Mondonico – si legge -. Sotto la sua guida, è stato allenatore dell’Atalanta dal 1987 al 1990 e dal 1994 al 1998, sono state scritte alcune delle pagine più belle della storia del Club. Il Presidente Antonio Percassi e tutta la famiglia atalantina lo ricordano con immutato affetto”.
Mondonico, nato a Rivolta d’Adda il 9 marzo 1947, raggiunse le semifinali di Coppa delle Coppe contro il Malines nella sua prima stagione con la squadra in serie B qualificandosi poi alla Coppa Uefa per le due annate successive: nel 1989-1990 i nerazzurri uscirono al primo turno con lo Spartak Mosca. Già alla guida di Cremonese e Como, prima del ritorno a Bergamo allenò il Torino dove vinse la Coppa Italia nel 1993. Conclusa la sua seconda esperienza atalantina con la retrocessione, Mondonico si sedette poi sulla panchina di Torino, Napoli, Cosenza, Fiorentina, AlbinoLeffe, Cremonese, AlbinoLeffe e Novara.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Allo studio ipotesi rinnovo per Fabian Ruiz
Sul giovane centrocampista ci sono Barcellona e Real Madrid
e
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
15:20
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Fabian Ruiz, dopo il primo anno di consolidamento nel campionato italiano e nonostante i risultati altalenanti del Napoli in questa stagione, rischia di innescare una vera e propria asta in Spagna l’estate prossima. Barcellona e Real Madrid, che all’epoca in cui De Laurentiis versò al Betis Siviglia la clausola di 35 milioni erano distratti, adesso farebbero carte false per aggiudicarsi il cartellino dello spagnolo, protagonista del titolo europeo Under 21 della ‘Roquita’.
Il Napoli, però, non dovrebbe lasciarlo partire, a meno di clamorose offerte da parte dei club fra i più titolati nel mondo. Il club partenopeo sta studiando l’ipotesi di rinnovo da sottoporre al centrocampista 23enne, che poi dovrà decidere il proprio futuro.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Umtiti in uscita, il Barcellona lo valuta 50 mln
Difficile su queste cifre può trovare una sistemazione in Europa
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
15:33
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Il Barcellona è a caccia di nuove risorse, soprattutto economiche, per questo punta a valorizzare giocatori che fanno parte della lista dei partenti. Uno di questi è il centrale difensivo Samuel Umtiti, campione del mondo con la Francia quasi due anni addietro, classe 1993: secondo il quotidiano spagnolo Sport, il giocatore ha una valutazione di 50 milioni. Una cifra titata in ballo dai dirigenti catalani che, alla luce dell’impiego a singhiozzo di Umtiti – causa ripetuti infortuni – difficilmente troverà riscontri in sede di calciomercato. A meno il francese non si trasferisca in Cina o negli Emirati.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Sibilia, spero si possa concludere la stagione
Presidente Lnd: possiamo dare possibilità rinascere al Paese
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
17:50
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Spesso le persone non sanno fino in fondo il ruolo che svolge la Lega Nazionale Dilettanti. Abbiamo dei numeri impressionanti in tutta Italia, circa 60.000 squadre e 600.000 partite organizzate ogni anno. Vorrei mettere in evidenza questi dati in un momento così difficile perché, ripartendo dal calcio di base, possiamo aiutare il paese a pensare a qualcosa di bello”. Il presidente della Lega Nazionale Dilettanti, Cosimo Sibilia, è intervenuto su TMW Radio per discutere di come ripartirà il calcio dilettantistico.
“Mi piace evidenziare che noi esistiamo perché ci sono dirigenti di società, come i piccoli imprenditori, che ci aiutano a realizzare questi numeri. Portiamo avanti le nostre attività sportive e vorrei far capire l’importanza del calcio nei piccoli comuni. Vivo in provincia di Avellino e ogni comune qui ha una squadra. Per questo è importante rimettere in sesto, alla fine di questa tragedia, il calcio di base. Possiamo dare la possibilità di rinascere al nostro paese”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Le Graet, impossibile chiudere stagione il 30/6
N1. Federcalcio francese: “Seguiremo le indicazioni dello Stato”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
15:55
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Oggi ci rendiamo conto che sembra impossibile chiudere la stagione il 30 giugno. Ci sono delle ipotesi: c’è chi dice che ripartiremo il 15 maggio, chi il primo o il 15 giugno, di certo dovremo fare attenzione alle indicazioni che ci darà lo Stato”. Così il presidente della Federcalcio francese, Noel Le Graet, intervistato dal giornale L’Equipe.
Il n.1 del calcio transalpino ha spiegato che “non tutti i club hanno la stessa opinione, di certo però oggi non può essere presa una decisione precisa o definitiva”. Le Graet ha parlato dopo avere presieduto il Comitato esecutivo della FFF, che si è riunito giovedì per discutere la riorganizzazione del calcio dopo lo stop per il coronavirus. “Non possiamo riprendere le competizioni prima che lo Stato ci dia il via libera”, ha poi aggiunto il dirigente.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Lazio: sono tre i giocatori in scadenza il 30 giugno
Cataldi, Parolo e Lulic senza il rinnovo possono svincolarsi
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
16:19
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Se la stagione dovesse protrarsi ben oltre il 30 giugno, in casa Lazio bisognerà valutare la situazione di almeno tre giocatori, i cui contratti sono in scadenza proprio per quella data: si tratta dei centrocampisti Cataldi e Parolo, dell’esterno di difesa Lulic, che sono in odore di svincolo.
L’idea del club biancoceleste, tuttavia, è quella di prolungare l’accordo con tutti e tre: Lulic e Parolo dovrebbero firmare per un’altra stagione, Cataldi dovrebbe invece sottoscrivere un quinquennale. Tutto dipenderà la rimodulazione contrattuale legata alla sempre più probabile appendice di stagione per l’emergenza coronavirus.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: appello Gattuso a tifosi ‘restate a casa’
Video allenatore Napoli: “Momento difficile, rispettiamo regole”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
16:29
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Con un video postato sui canali social del Napoli, Gennaro Gattuso ha rivolto un appello a tutti i tifosi: “restate a casa”. “Voglio fare un saluto a tutti i tifosi del Napoli e a tutti i tifosi del calcio europeo e mondial – le parole del tecnico partenopeo -. Vi chiedo di restare a casa, so che stiamo attraversando un brutto momento.
So che è difficile restare a casa, ma lo facciamo per tutti quanti. È un sacrificio per tutti noi e per i medici, gli infermieri e tutte le persone impegnate in questi giorni negli ospedali. Dispiace tanto per le persone scomparse – conclude – noi rispettiamo le regole e restiamo a casa”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Belgio: ct Martinez pronto a prolungare di un anno
In modo da guidare la Nazionale nella fase finale di Euro 2021
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
16:54
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Lo slittamento della fase finale dell’Europeo di calcio, dove il Belgio si presenta con il ruolo di favorito, costringerà il ct Roberto Martinez a rivedere i propri piani. Il contratto dell’allenatore dei ‘Diavoli rossi’ sarebbe scaduto a luglio, al termine della rassegna continentale, ma il rinvio per coronavirus costringe a un riesame della situazione contrattuale del ct.
Lo stesso Martinez, secondo quanto riporta il quotidiano spagnolo As, è pronto a prolungare di un altro anno il proprio contratto, in modo da guidare la Nazionale belga nella fase finale del torneo che si disputerà nel 2021. “Mi sono sentito con i dirigenti federali, aspetteremo un po’ per vedere cosa succede e poi daremo l’annuncio della decisione presa”, le parole di Martinez.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Atalanta; Gomez, stacchiamo da brutte notizie
Allenamento a casa in diretta Instagram: ‘Tutti su stessa barca’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
BERGAMO
28 marzo 2020
18:28
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Un allenamento, pardon workout nel gergo degli sportivi, in diretta su Instagram, perché “siamo tutti sulla stessa barca e bisogna metterci l’inventiva per fare qualcosa a casa, senza restare sul divano a guardare il telefonino e le notizie brutte alla tv”. Alejandro Gomez, capitano dell’Atalanta, poco dopo le cinque di pomeriggio del sabato s’è concesso a tifosi e followers in una call conference a due con il preparatore Giacomo Milesi.
Ovviamente ciascuno a domicilio, per combattere lo stress da Coronavirus più che i rischi dello scadimento di forma: “Con Linda (la moglie, ndr) cerchiamo di fare un’ora e mezza di allenamento al giorno – sottolinea il ‘Papu’ -. Correre 6-7 chilometri sul tapis-roulant serve anche per staccare la spina: abbiamo tutti bisogno di fare qualcosa per recuperare la fiducia”. Gomez è convinto che il lavoro da casa serva molto più alla testa che al fisico: “Bisogna staccarla dalle brutte notizie. I miei compagni fanno lo stesso: siamo sportivi e il corpo ti chiama, allora ti metti a fare addominali, lavoro di forza e ciò che ti consente l’attrezzatura che hai a casa”.
Gomez dà anche consigli: “In attesa che questo finisca, è fondamentale anche l’alimentazione. La parte aerobica è facile da trovare, per muscolatura e forza è più dura se durante la quarantena si mette su peso”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Godin, noi giocatori esposti fino all’ultimo
“Hanno tirato al corda finché situazione è stata insostenibile”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
28 marzo 2020
18:53
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Siamo stati esposti fino all’ultimo momento, hanno continuato a tirare la corda per vedere se si poteva continuare a giocare, fino a quando la situazione non è stata insostenibile e il sistema sanitario è crollato”: il difensore dell’Inter Diego Godin, tornato in Uruguay cpn l’ok del club, racconta la situazione in Italia in un’intervista a ESPN, criticando anche alcune decisioni e l’operato delle istituzioni.
“Abbiamo continuato a giocare per settimane – continua Godin – abbiamo continuato l’allenamento e giocato a porte chiuse anche contro la Juve, dove poi è stata rilevata la positività di Rugani. Noi e gli juventini siamo stati messi in quarantena e lì il campionato si è fermato. Sicuramente in quella partita c’erano altri giocatori potenzialmente infettati, quindi hanno messo direttamente in quarantena tutti noi”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Biagianti ringrazia Papu per maglia Manchester
Favore dell’ex compagno al Catania: asta per fondi agli ospedali
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
BERGAMO
28 marzo 2020
20:11
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Grazie amico per aver donato questa maglia speciale”. Il capitano del Catania, Marco Biagianti, impegnato in una raccolta di cimeli sportivi per finanziare gli ospedali di Catania, ringrazia con una story di Instagram l’omologo dell’Atalanta ed ex compagno di squadra in rossoazzurro dal 2010 al 2013. “Una super-maglia”, come la definisce Biagianti: si tratta della casacca nerazzurra n.10 indossata dal ‘Papu’ in Champions League il 22 ottobre 2019 (come specificato da tanto di etichetta) all’Etihad Stadium contro il Manchester City, partita persa 5-1 dalla squadra bergamasca. Biagianti ha messo all’asta su eBay maglie scambiate con giocatori e amici negli anni di serie A: “Non c’è momento migliore per fare piccoli gesti che possono far bene a qualcuno.
Vista l’emergenza Covid19, il ricavato lo donerò ad alcuni ospedali di Catania”. La 10 di Gomez a meno di una settimana dallo stop dei rilanci ha già oltrepassato i 500 euro.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Giroud, sperato fino alla fine di andare all’Inter
“Avevo sentito Conte ed era il progetto più interessante per me”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
28 marzo 2020
20:32
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
e il progetto sportivo dell’Inter era il più interessante per me. Non è stato possibile, anche se ho sperato fino a mezzanotte del 31 gennaio di poter raggiungere l’Inter”: Olivier Giroud, a TF1, torna a parlare del mercato di gennaio e di intense trattative che lo hanno visto ad un passo dal vestire la maglia dell’Inter. Il Chelsea però, racconta l’attaccante, lo avrebbe ceduto solo trovando prima un’alternativa. “Poi mi hanno cercato anche la Lazio e il Tottenham. A un certo punto – ricorda Giroud – era una questione di dove volessi andare a giocare. Ho sentito Antonio Conte al telefono, mi conosceva dai tempi del Chelsea quando mi fece venire a Londra: questo era un vantaggio per me.
In più l’Inter gioca la Champions, è un grande club; la Lazio, dal canto suo, ha tentato il tutto per tutto venendo addirittura a Londra per provare qualcosa ma l’affare è stato bloccato”. E non è detto che il suo arrivo in nerazzurro sia solo posticipato: ‘”Chissà”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Lyanco: “Tornare al Bologna? Mai dire mai”
Il giocatore risponde ai tifosi sul proprio account di Instagram
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 marzo 2020
22:06
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Sono tanti i calciatori che, in questo periodo di quarantena, sui social decidono di mettersi a disposizione di followers e tifosi per domande e curiosità. Come il difensore del Torino e del Brasile Under 23, Lyanco. Al giocatore verdeoro è stato chiesto, su Instagram, se in futuro si vedesse ancora al Bologna. “Mai dire mai”, la risposta del difensore del Torino, che ha già vestito la maglia rossoblu nella seconda parte della scorsa stagione.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: da Antonio Conte pc a ospedale infantile Torino
Bel gesto dell’allenatore, molto legato a capoluogo Piemonte
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
28 marzo 2020
22:24
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Dodici computer per la scuola a un ospedale di Torino. Li ha donati Antonio Conte al Regina Margherita: saranno utilizzati dai bambini ricoverati che, a causa dell’emergenza Coronavirus, sono rimasti senza insegnanti, cellulari e computer. Lo ha reso noto Tiziana Catenazzo, preside della scuola polo Peyron, che coordina le sezioni ospedaliere, al Corriere di Torino.
“Un regalo inatteso. Avevamo parlato con lui e sua moglie Elisabetta il giorno prima, per raccontare le difficoltà in neuropsichiatria – ha raccontato Catenazzo -. E’ un gesto di particolare attenzione e utilità, che apprezziamo tantissimo”.
Conte, oggi allenatore dell’Inter, è stato calciatore e poi allenatore della Juventus ed è molto legato all città di Torino.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Turchia, ricoverato l’ex nazionale Rustu
La moglie: “Le sue condizioni sono peggiorate molto rapidamente”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
29 marzo 2020
10:57
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– L’ex portiere della Nazionale turca, Rustu Recber, è stato ricoverato ieri sera dopo avere contratto il coronavirus. Lo ha rivelato Isil Recber, moglie dell’ex estremo difensore che contribuì al terzo posto della Turchia ai Mondiali di calcio 2002, sui social. “Mio marito Rustu è ricoverato in ospedale, gli è stato diagnosticato il COVID-19 – ha scritto, in un post, la donna -. Tutto procedeva normalmente quando improvvisamente ha sviluppato in maniera rapida i sintomi e il suo stato di salute è peggiorato: siamo ancora sotto shock”.
Isil Ricber ha aggiunto che l’intera famiglia era stata sottoposta al tampone, risultando però negativa al test. Rustu Recber, che oggi ha 46 anni, ha giocato per la Nazionale turca dal 1994 al 2012. Dopo avere indossato la maglia del Barcellona ha firmato per il Fenerbahce, quindi per il Besiktas, dove nel 2012 ha chiuso la carriera.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Guardiola ci riprova, pronto l’assalto a Bonucci
Tecnico Manchester City ha sempre ammirato il centrale juventino
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
29 marzo 2020
13:23
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Il mercato, con le sue voci sempre suggestive, non si ferma neanche ai tempi del coronavirus.
L’ultima indiscrezione arriva dall’Inghilterra, dove il Daily Express parla di un ritorno di fiamma fra Josep Guardiola e Leonardo Bonucci. L’allenatore del Manchester City, secondo quanto riporta il giornale, punterebbe a disfarsi di John Stones per tornare all’assalto dello juventino che, dopo la sfortunata parentesi nel Milan, è tornato sui propri standard abituali.
Non è un mistero che il ‘Pep’ nutra grande stima e ammirazione per il centrale difensivo della Juve e della Nazionale: il giornale è sicuro che, nel prossimo mercato estivo cercherà di aggiudicarsi le sue prestazioni, senza peraltro considerare che il City e’ al momento escluso dalla Champions e questo non può non pesare sulla disponibilità dei giocatori a trasferirsi a Manchester.

Calcio tutte le notizie in tempo reale. Tutto il Mondo Calcio sempre aggiornato a portata di click! DA NON PERDERE E CONDIVIDERE!
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 44 minuti

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 11:29 DI MERCOLEDì 25 MARZO 2020

ALLE 19:48 DI VENERDì 27 MARZO 2020

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: da Brighton e Bournemouth biglietti a ospedale
Per le partite del campionato inglese, quando riprenderà
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
LONDRA
25 marzo 2020 11:29
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Brighton e Bournemouth sono i primi club di Premier League ad aver regalato al personale medico, in prima linea nella lotta al coronavirus, mille biglietti per le prossime gare di campionato. La Premier League resterà ferma almeno fino al prossimo 30 aprile, ma nel corso dell’ultima riunione tra le società del massimo campionato inglese si è deciso di portare a termine la stagione, se necessario giocando fino a luglio. Pur non essendo ancora stata stabilita una data certa per la ripresa del campionato, Brighton e Bournemouth hanno voluto donare a medici, infermieri e operatori para-sanitari un certo quantitativo di biglietti come gesto di gratitudine.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Commisso a famiglia viola, vi sono vicino
Patron: Rassicuro sulle mie aziende e curate i vostri cari
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
25 marzo 2020
13:40
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– ”Tutti dobbiamo fare sacrifici, ne va della nostra salute e dei nostri cari. Questa è la priorità adesso, tutto il resto, anche il calcio, viene dopo”.
Così Rocco Commisso in una lunga lettera inviata dagli Usa ai dipendenti della Fiorentina, la ‘Famiglia Viola’ come la definisce il magnate italo-americano.
”In questo momento molte aziende stanno purtroppo affrontando diverse problematiche anche a livello economico ma voglio anche rassicurarvi che Mediacom e Fiorentina sono aziende molto solide. E da questo punto di vista sono qui per aiutarvi e fare crescere nel tempo la Fiorentina: ora la nostra Famiglia Viola deve solo preoccuparsi della salute propria e dei propri cari, per il resto come vi ho detto dal primo giorno ‘voi abbiate cura di me e io mi prenderò cura di voi”’. Il patron viola ha poi rivolto un pensiero sul persistente stato d’emergenza e sulle condizioni di coloro (giocatori, medici, dipendenti) risultati positivi nel clan viola al test coronavirus: ”Mi tengo di continuo informato, sento i medici e ricevo ogni giorno la situazione sulla vostra salute, quella delle vostre famiglie e non solo dei calciatori. Purtroppo anche alcuni dei nostri sono stati colpiti dal virus e stanno in ospedale, altri a casa, per fortuna nessuno è in condizioni gravi. I dati negli ultimi giorni sono in leggero calo, proprio per questo vanno seguite al massimo le direttive del Governo. So che non è facile però è il momento della responsabilità”. Commisso ha raccontato di stare nella propria casa in New Jersey da 10 giorni con moglie e la figlia mentre il figlio Joseph è in isolamento a Firenze. ”Ora è il momento di rimanere uniti, solo così supereremo questa difficile crisi -ha concluso- e presto torneremo tutti assieme e ancora più forti a tenere alto il vessillo della nostra amata Famiglia Viola”. Infine un grazie per i risultati della raccolta fondi ‘Forza e Cuore’ a sostegno degli ospedali Careggi e S.Maria Nuova di Firenze che in pochi giorni ha superato 500.000 euro.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Big Premier al Tas, non ammetta City alla Champions
Slitta esame ricorso dei citizens contro esclusione dalle coppe
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
25 marzo 2020
13:51
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Le squadre più titolate della Premier League non vogliono che il Manchester City partecipi alla prossima Champions League. A tal proposito 10 club (escluso lo Sheffield United) inglesi, come pubbica il Daily Mail, hanno scritto al Tribunale Arbitrale dello Sport, per chiedergli di non ammettere i ‘citizens’ alla prossima edizione del torneo dell’Uefa.
Alla base di questa decisione lo slittamento dell’esame del ricorso del Manchester City, da parte dell’organismo di Losanna, a causa dell’emergenza coronavirus. Il Manchester City è stato escluso dalle prossime edizioni delle coppe europee per avere infranto le regole del fair-play finanziario.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Chelsea: E.Palmieri e Fernando Alonso sul mercato
Il club di Abramovich adesso punta su Chilwell e Tagliafico
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
25 marzo 2020
14:19
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Il Chelsea guarda al futuro e al mercato che verrà. I ‘Blues’ pensano a rinfrescare la rosa della prossima stagione e a ingaggiare calciatori graditi all’allenatore Franck Lampard. Prima, però, il club di Roman Abramovich dovrà pensare a vendere. A questo proposito, secondo quanto scrive il Daily Express, il club londinese avrebbe messo sul mercato due volti molto conosciuti al calcio italiano: si tratta di Emerson Palmieri, con un passato nella Roma, e dell’ex fiorentino Marcos Alonso.
I due terzini, secondo il tabloid, verrebbero rimpiazzati con Ben Chilwell del Leicester (ma gioca anche in Nazionale) e il nazionale argentino Nicolas Tagliafico, che invece veste la maglia dell’Ajax.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
25 marzo 2020
15:00
Coronavirus, Infantino: “E’ tempo di lottare insieme, come una squadra”. Così il Presidente della Fifa in un video messaggio.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Istituto credito sportivo congela rate mutui
Sospese le rate da marzo a settembre, senza oneri
e
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
25 marzo 2020
15:02
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
L’istituto per il credito sportivo (Ics) ha deciso il congelamento delle pagamento delle rate in scadenza da marzo a settembre.
La decisione è stata presa dall’istituto presieduto da Andeea Abodi, per venire incontro -come riferisce una nota- alla “necessità di sostenere le attività imprenditoriali danneggiate dall’emergenza coronavirus. Perciò l’Ics su esplicita richiesta dei propri mutuatari (ad eccezione di Enti locali e grandi imprese), alla sospensione del pagamento delle rate in scadenza da marzo a settembre 2020”.
La sospensione “non comporterà costi aggiuntivi e potrà riguardare sia l’intera rata, comprensiva di capitale e interessi, sia la sola quota capitale, con il pagamento degli interessi alla scadenza prevista”. L’ics ha fatto sapere che potrà beneficiare della misura “tutta la clientela le cui esposizioni debitorie non siano classificate come esposizioni creditizie deteriorate (che verranno invece valutate caso per caso) ai sensi della disciplina applicabile agli intermediari creditizi. La richiesta di sospensione dovrà essere inoltrata all’indirizzo di posta elettronica sospensionecovid@creditosportivo.it, attraverso l’apposito modulo scaricabile sul sito Web dell’Istituto. L’Istituto inoltre, per supportare operativamente i Clienti e fornire assistenza per la gestione delle operazioni in essere e per le successive misure agevolate che saranno adottate, ha creato un gruppo di lavoro dedicato che potrà essere contattato al numero verde 800608398 o alla mail: infoemergenzacovid19@creditosportivo.it.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

L’Istituto inoltre, per supportare operativamente i Clienti e fornire assistenza per la gestione delle operazioni in essere e per le successive misure agevolate che saranno adottate, ha creato un gruppo di lavoro dedicato che potrà essere contattato al numero verde 800608398 o alla mail: infoemergenzacovid19@creditosportivo.it.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, altri cinque giocatori dell’Inter lasciano l’Italia
Dopo Brozovic e Handanovic, partono Lukaku, Moses, Young e Godin
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 marzo 2020
16:00
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Gran parte dei giocatori stranieri dell’Inter ha lasciato l’Italia per raggiungere la propria famiglia all’estero. Sono partiti per il Belgio Lukaku e per l’Inghilterra Moses, Young ed Eriksen, che ha passato le ultime due settimane da solo ad Appiano Gentile dopo la chiusura dell’albergo in cui alloggiava. E’ volato verso l’Uruguay anche Godin, mentre Brozovic e Handanovic avevano già lasciato l’Italia lunedì.
I giocatori stranieri hanno avuto il via libera dal club dopo aver trascorso quindici giorni in isolamento domiciliare dopo il contatto con Rugani in Juventus-Inter: nessun calciatore ha mostrato sintomi e quindi il club non ha eseguito tamponi di verifica per il coronavirus.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Al-Khelaifi, si a riduzione stipendi Ligue 1
Presidente PSG ha già avviato discussione con i propri tesserati
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
25 marzo 2020
15:30
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Paris Saint-Germain, Nasser Al-Khelaifi si è detto favorevole alla riduzione degli stipendi dei calciatori della Ligue 1 in questo momento di forte crisi dell’economia mondiale, flagellata dalle conseguenze dell’emergenza coronavirus. Lo riporta L’Equipe, secondo cui l’imprenditore qatarino ha già esternato la propria posizione ai dirigenti della Lega calcio francese.
Al-Khelaifi avrebbe citato il caso dei giocatori del Barcellona che hanno accettato la decurtazione dei salari e ha inoltre reso noto di avere avviato un negoziato con i propri tesserati per arrivare a un punto d’incontro sulla riduzione degli stipendi. A patto, però, di arrivare a un compromesso che accontenti tutte le parti.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, l’Inter raccoglie 658.000 euro in crowdfunding
Donazione all’ospedale Sacco che ha un ruolo importante nella ricerca del vaccino
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 marzo 2020
15:59
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La campagna globale di crowdfunding dell’Inter #TogetherAsATeam ha raccolto 658.000 euro che saranno devoluti all’ospedale Sacco di Milano.
”Importante è stato il contributo dei tifosi tramite il crowdfunding di Facebook, lanciato sabato 14 marzo – spiega il club nerazzurro in una nota – e che ha raccolto circa 3.500 donazioni per un totale di 108.000 euro”, a cui vanno sommati i 500.000 euro raccolti dal club tra giocatori, dirigenti e dipendenti e i 50.000 euro donati dalla Fondazione Pupi del vicepresidente Javier Zanetti.
”L’obiettivo della donazione – scrive ancora l’Inter – organizzata in collaborazione con la Fondazione Francesca Rava – Nph Italia Onlus, è il finanziamento delle attività di ricerca dell’ospedale milanese, che sta svolgendo un ruolo fondamentale a livello internazionale nello sviluppo del vaccino per il Covid-19”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Udinese, finisce isolamento ma non si riparte
Giocatori sono ancora tutti in Friuli
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
UDINE
25 marzo 2020
16:13
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
E’ terminato nei giorni scorsi l’autoisolamento dei giocatori dell’Udinese, che stanno tutti bene dal momento che nessuno di loro ha manifestato sintomi. Al momento, tuttavia, non è prevista nessuna data per la ripresa degli allenamenti. Lo ha comunicato la stessa Udinese calcio in una nota.L’autoisolamento era scattato dopo la positività che era stata riscontrata a Vlahovic, giocatore della Fiorentina contro cui i bianconeri avevano disputato l’ultima gara a porte chiuse prima dello stop del campionato. Nella nota, diffusa in precedenza, si spiegava che, “in osservanza delle norme governative e monitorando costantemente l’evolversi dell’emergenza Coronavirus, ogni attività resta sospesa fino a nuova comunicazione”. Nell’attesa, a differenza di colleghi di altri club di serie A, tutti i giocatori bianconeri, compresi gli stranieri, sono ancora in Friuli.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, nuovo contagiato in Serie A: positivo Sportiello
Cresce il numero degli infetti. Il portiere dell’Atalanta è asintomatico
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
25 marzo 2020
16:25
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
C’è un positivo al coronavirus anche nell’Atalanta: è il portiere Marco Sportiello, titolare a Valencia il 10 marzo scorso nella gara di ritorno degli ottavi di Champions League. Il giocatore è asintomatico e la quarantena preventiva, a cui erano stati sottoposti Sportiello e tutti i tesserati della prima squadra, terminerà il 27 marzo.
La settimana scorsa avevano annunciato di aver contratto il virus gli juventini Dybala e Matuidi, dopo Rugani, il centrocampista del Verona Zaccagni e Daniel Maldini del Milan, contagiato come pure papà Paolo. Con Sportiello sale a quota 16 il numero dei calciatori positivi in A. Il triste primato resta della Sampdoria con sette contagiati (Depaoli, Bereszynski, Gabbiadini, Thorsby, Ekdal, Colley e La Gumina), seguita dalla Fiorentina con tre (Vlahovic, Cutrone e Pezzella).
I giocatori italiani si aggiungono agli ormai tanti casi del Vecchio Continente, dall’Inghilterra alla Spagna: nella Premier inglese tra i contagiati più noti, il tecnico dell’Arsenal Arteta. I Gunners, peraltro, avevano affrontato in Europa League l’Olympiacos, il cui presidente è risultato positivo al Covid-19 nei giorni scorsi. Positivi, poi, tre giocatori del Leicester, oltre a Hudson-Odoi del Chelsea, mentre in Spagna il Valencia che aveva affrontato l’Atalanta in Champions (match sotto la lente d’ingrandimento dell’Iss come possibile focolaio) appare una specie di epicentro del contagio con il 35% dei componenti del club risultati positivi, tra cui Ezequiel Garay; tra i giocatori del Valencia non è stato contagiato, invece, l’ex capitano della Roma Florenzi. In isolamento il Real Madrid ancora prima che la capitale spagnola diventasse un epicentro dell’epidemia nel Paese iberico.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, la Juve rimborserà i biglietti per la partita con l’Inter
Il match si giocò l’8 marzo scorso a porte chiuse. Operazione a partire da domani
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
25 marzo 2020
16:41
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La Juventus rimborserà, dal 26 marzo, l’importo dei biglietti della partita contro l’Inter dello scorso 8 marzo, che si è giocata all’Allianz Stadium a porte chiuse.
“Vista l’assoluta peculiarità del contesto nazionale – si legge in una nota – Juventus Fc ha deciso in eccezionale deroga alla recente normativa applicabile, nonché alle condizioni contrattuali attualmente in vigore, di rimborsare il prezzo del biglietto singolo acquistato e pagato dai tifosi attraverso i canali di vendita ufficiali per la partita”. JUVENTUS

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: Samp, finito isolamento per squadra e tecnici
Stanno bene sette giocatori positivi, seguono test da protocollo
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
25 marzo 2020
17:34
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
È terminato il periodo di isolamento domiciliare per i componenti dello staff e i calciatori della Sampdoria che erano risultati negativi al coronavirus dopo alcuni casi di positività nella squadra.
Nessuno durante la quarantena si è infettato. Lo annuncia in un comunicato la società. “Coloro che invece sono risultati positivi saranno sottoposti ai test previsti dal protocollo.
Tutti i calciatori stanno bene e svolgono l’attività fisico-atletica programmata nei loro domicili”. Sono stati sette i giocatori contagiati: Gabbiadini, La Gumina, Thorsby, Ekdal, Depaoli, Bereszynski e Barreto il cui nome è stato svelato oggi dall’Ambasciatore del Paraguay in Italia.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, Spagna: 500 milioni di aiuti dalla Federazione ai club
Per le società di A e B. Cinque o sei anni per restituire i soldi
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MADRID
25 marzo 2020
20:07
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La Federcalcio spagnola (Rfef) metterà a disposizione dei club una “linea di finanziamento” di 500 milioni di euro. “E’ una somma importante – ha detto il presidente Luis Rubiales al termine di una conference call con i presidenti di tutte le Federazioni regionali – che servirà per far fronte a questo momento di emergenza dovuto alla pandemia. Il calcio conta poco davanti a ciò che sta succedendo, ma dobbiamo darci tutti una mano”.
Ogni club di prima e seconda divisione, quindi, potrà avere fino a 20 milioni a testa, rimborsabili in cinque-sei anni. Per le serie inferiori e per il calcio a cinque, molto popolare in Spagna, sono invece previsti prestiti.
“E’ una mano che tendiamo al calcio professionistico – ha detto ancora Rubiales – Cercheremo di trovare soluzioni assieme alla Liga, è il momento di unire le forze. Se la stagione non venisse portata a termine, i club non riceveranno per intero la parte che spetta a ognuno dei diritti televisivi”.
Un punto focale, secondo il presidente della Rfef, è che “le varie competizioni devono finire. Ciò che uno conquista o perde deve essere frutto del campo. Comunque, torneremo solo quando sarà possibile, non un minuto prima”.
Rubiales, infine, ha annunciato che “l’albergo di proprietà della Federazione è a disposizione delle Autorità per ciò che vorranno farne: ospedale, punto di soggiorno per i medici, qualunque cosa”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: rinviata l’assemblea elettiva dell’Aic
Era fissata per il 27 aprile, al voto per il dopo Tommasi
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
25 marzo 2020
17:46
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
E’ stata sospesa e rinviata anche l’assemblea elettiva dell’Aic a causa della pandemia da coronavirus. Inizialmente fissato per il 27 aprile, l’appuntamento viene sospeso e rimandato a data da destinarsi: per questo motivo – fa sapere l’associazione italiana calciatori – sono da considerarsi sospesi anche i termini di presentazione delle candidature. L’assemblea doveva scegliere il nuovo numero uno chiamato a raccogliere il testimone di Damiano Tommasi.
Sospesi anche i termini di presentazione delle candidature e rinviate a data da destinarsi le assemblee del settore dilettanti per l’elezione dei delegati dei calciatori e delle calciatrici aventi diritto di partecipare alla prossima assemblea elettiva Aic. Stesso discorso per le assemblee elettive dei tre delegati senior .
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus; Pezzella, Firenze presto torneremo a sorridere
Gli auguri del capitano viola per il Capodanno Fiorentino
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
25 marzo 2020
17:52
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Anche la Fiorentina nonostante il periodo di gravissima emergenza ha voluto partecipare al Capodanno Fiorentina che si celebra oggi. E lo ha fatto con una serie di messaggi augurali che coinvolgono anche l’attuale crisi a causa della diffusione del coronavirus.”Nel giorno del Capodanno Fiorentino, in un momento difficile, una splendida veduta della nostra città. Auguri Firenze” il tweet della società viola sul proprio profilo ufficiale, corredato anche da un’immagine suggestiva di Firenze dall’alto. Mentre il club manager Giancarlo Antognoni ha pubblicato un video-messaggio sul suo profilo Instagram: ”Oggi 25 marzo è la festa di Firenze.
Auguro a tutti i fiorentini di passare questa giornata serenamente anche se il periodo non è dei migliori. Mi raccomando state in casa. Viva Firenze!”. Non si è sottratto l’attuale capitano della Fiorentina German Pezzella che sui social ha postato il messaggio ”Auguri bella, grazie per farmi sentire a casa. Presto torneremo a sorridere” e uno scatto mozzafiato di Firenze al tramonto. Messaggi poi dal direttore generale viola Joe Barone e dall’ex portiere Sebastien Frey.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Esposito, sogno di vincere con la maglia dell’Inter
“Il gol al Genoa? Ringrazio Lukaku, abbiamo un ottimo rapporto”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 marzo 2020
18:03
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
”Cosa mi aspetto dal futuro? Cose belle e spero che ne arrivino tante. Da quando mi sveglio fino a quando vado a dormire sogno di vincere qualcosa con la maglia nerazzurra e s è possibile anche con la maglia Azzurra. Vedremo se potrà avverarsi questo sogno”: è l’ambizione di Sebastiano Esposito, giovane attaccante dell’Inter che quest’anno ha fatto il suo esordio in Champions League col Borussia Dortmund, il più giovane della storia dopo Bergomi ma in Coppa Campioni. Una stagione importante che lo ha visto tagliare anche un altro record: segnando al Genoa lo scorso dicembre a 17 anni è diventato il più giovane nerazzurro a segnare al Meazza. Un gol su rigore, concesso da Romelu Lukaku, raccontato nell’appartamento della video intervista che l’Inter organizza quasi ogni giorno sui propri canali social: ”Ho sentito tutti i tifosi che volevano questa cosa e Lukaku ha realizzato il sogno più importante la mia vita. Ringrazio i tifosi, Romelu per la persona che è. Abbiamo un bellissimo rapporto, fin dalle prime amichevoli. Ho un bel rapporto con lui e con tutta la squadra.
Cosa gli ruberei? I gol. Perché in pochi ne hanno fatto tanti e perché lui mi prende in giro dicendo che ho segnato ancora poco”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, rinviata l’assemblea elettiva dell’Assocalciatori
Era fissata per il 27 aprile, con il voto per il dopo-Tommasi (2)
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
25 marzo 2020
18:35
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
A causa della pandemia da coronavirus, è stata sospesa e rinviata a data da destinarsi l’assemblea elettiva dell’Aic, inizialmente fissata per il 27 aprile; per questo motivo, fa sapere l’Associazione italiana calciatori, sono da considerarsi sospesi anche i termini di presentazione delle candidature. L’assemblea doveva scegliere il nuovo numero 1 chiamato a raccogliere il testimone di Damiano Tommasi.
Sospesi anche i termini di presentazione delle candidature e rinviate a data da destinarsi le assemblee del settore dilettanti per l’elezione dei delegati dei calciatori e delle calciatrici aventi diritto di partecipare alla prossima assemblea elettiva dell’Aic. Stesso discorso per le assemblee elettive dei tre delegati senior.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Dybala rassicura tifosi, stiamo bene
Post del campione della Juve risultato positivo
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
25 marzo 2020
21:07
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Appena due parole in spagnolo, ma che dicono tantissimo sulle condizioni di salute di Paulo Dybala e della compagna Oriana. “Estamos bien”, “Stiamo bene”, ha scritto il giocatore della Juventus sul proprio profilo Instagram. La Joya ha voluto rassicurare tutti cosi dopo la positiva al tampone da Coronavirus.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Brasile; morto fratello Pelé, aveva 77 anni
Anche lui, Zoca, giocò nel Santos, ma solo per due anni
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
26 marzo 2020
15:05
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Zoca, fratello minore di Pelé (due anni più giovane) è morto in un ospedale di Santos in cui era ricoverato per un cancro alla prostata. Ne dà notizia il Santos sui suoi profili social. Anche Zoca si cimentò nel calcio, arrivando alla prima squadra del Santos in cui giocò nel 1961 e 1962, mettendo assieme 15 partite e 4 gol. Poi smise preferendo dedicarsi agli affari di famiglia. Pelé, secondo il quotidiano ‘Folha de Sao Paulo, non sa se potrà essere presente alle esequie del fratello, al quale era molto legato, a causa delle sue condizioni di salute.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Gravina: ‘Una A a 22 squadre sarebbe ingestibile’
‘Schizofrenico esigenza fare meno partite e allargare torneo’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
11:41
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Una serie A a 22 squadre? Sarebbe un campionato ingestibile”: lo dice il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina,intervenuto a SkySport. “Di ipotesi ne sono state fatte tantissime, ma la stella polare sono le nostre norme, e non è facile modificare il format dei campionati”, ha aggiunto parlando dello stop ai campionati per l’emergenza coronavirus e degli scenari per la ripresa, tra i quali c’è chi pensa anche a uno stop alle retrocessioni. “L’ipotesi di passare ad una serie A a 22 squadre – ha proseguito Gravina – dovrebbe confrontarsi con un campionato che probabilmente partirà già in ritardo e dovrà comunque finire a maggio 2021 per l’Europe: mi apparirebbe cosa schizofrenica avere l’esigenza di giocare meno partite e fare una A con 22 squadre. Sarebbe un campionato ingestibile”. “Sono preoccupato per tutto il calcio, la A, la B, la C e il mondo dilettantistico – dice ancora Gravina -. Anzi, comincerei da lì perché è un settore che rischia di perdere oltre tremila società: un disastro”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Lega Pro continua formazione con seminari a distanza
Il 7 aprile via a primo webinar di N3XT Sports,
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
26 marzo 2020
15:16
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La Lega Pro prosegue nel percorso e nel servizio di formazione con i webinar, seminari interattivi via internet. Il 7 aprile prossimo si comincerà con un evento per i responsabili marketing delle società di Lega Pro dedicato all’uso del Customer Relationship Management da parte delle società professionistiche, “primo passo operativo – come spiega il responsabile sviluppo strategico, marketing e commerciale Lega Pro, Paolo Carito – della innovation partnership tra la lega e N3XT Sports, società spagnola leader a livello europeo per l’innovazione tecnologica nello sport”.
“Per essere al passo con i tempi ed essere sempre più competitiva nel settore sportivo italiano – sottolinea Carito – la Lega Pro deve svolgere il ruolo di innovatore e anticipare le tendenze”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus:Figc,Coverciano a disposizione Protezione Civile
Presidente Gravina: La salute è il bene primario che va tutelato
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
26 marzo 2020
15:27
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Per fronteggiare l’emergenza coronavirus, la Federcalcio ha deciso di mettere a disposizione della Protezione Civile fiorentina, e delle Autorità, il Centro tecnico federale di Coverciano. La decisione del presidente della Figc, Gabriele Gravina, è stata comunicata al Sindaco di Firenze Dario Nardella, che sta coordinando le attività sul territorio del capoluogo toscano. La Federcalcio, dopo aver già aperto le porte del Centro ad un presidio dei Vigili del Fuoco, ha offerto la disponibilità della “Casa delle Nazionali”, in particolare l’albergo e l’auditorium (ex palestra), per ospitare persone sottoposte a sorveglianza sanitaria e per allestire alcuni posti letto per i pazienti bisognosi di ricovero.
“Il mondo del calcio sta mostrando grande sensibilità e forte senso di responsabilità – le parole del presidente della Figc Gravina a Sky – siamo tutti scesi in campo contro l’emergenza, Federazione, Leghe, Club, calciatori e allenatori, raccogliendo fondi e amplificando i messaggi delle autorità governative. La salute è il bene primario che va tutelato, per questo la Figc apre agli italiani in difficoltà il Centro di Coverciano. Ora non si gioca a calcio, per tornare a farlo vinciamo insieme la partita più importante contro il Coronavirus. Il calcio è migliore di come lo vogliono far apparire”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus:Real Madrid;Bernabeu diventa magazzino sanitario
Pandemia imperversa, club va in aiuto delle Autorità
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
26 marzo 2020
15:37
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Bella iniziativa del Real Madrid a supporto del sistema sanitario spagnolo nella lotta alla pandemia del Coronavirus che imperversa nella regione madrilena.
Secondo quanto riporta il quotidiano sportivo ‘As’ nella sua edizione online, la dirigenza del club pluricampione d’Europa ha deciso di concedere lo stadio Santiago Bernabeu al Consiglio Superiore dello Sport affinchè venga utilizzato come magazzino per gli approvvigionamenti di materiale sanitario utile alla città di Madrid. LEGGI TUTTO SULLO SPORT

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Bundesliga;20 mln da club ricchi a quelli poveri
Da Bayern, Leverkusen, Lipsia e Dortmund gesto di solidarietà
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
BERLINO
26 marzo 2020
15:37
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
I quattro club più ricchi e potenti di Germania, ovvero Bayern Monaco, Borussia Dortmund, RB Lipsia e Bayer Leverkusen hanno messo a disposizione un contributo complessivo di 20 milioni di euro per aiutare gli altri club calcistici con le maggiori difficoltà economiche a causa dello stop imposto dal coronavirus.
Lo ha annunciato il presidente della Bundesliga, Christian Seifert, precisando che “queste quattro società hanno rinunciato a 12,5 milioni dei loro prossimi diritti televisivi, lasciandoli agli altri, e 7,5 che usciranno direttamente dalle loro casse.
Questo gesto significa che in Bundesliga la parola solidarietà ha un significato reale”. I soldi messi a disposizione saranno ripartii fra coloro che, fra massima serie e torneo cadetto, la 2-Bundesliga, hanno i maggiori problemi di natura finanziaria.
“in questo periodo così difficile – ha detto il Ceo del Bayern Karl-Heinz Rummenigge – è giusto che i più forti aiutino i più deboli”. Secondo il dirigente del Lipsia Oliver Mintzlaff “affinché ci sia un campionato interessante bisogna che gli uni dipendano dagli altri. I due principali campionati dalla Germania sono composti da 36 società che devono remare tutte nella stessa direzione”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: El Shaarawy, qui in Cina strade di nuovo piene
Ex Roma ora a Shangai, ‘paese sta uscendo da tragica emergenza’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
26 marzo 2020
17:05
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“La situazione in Cina? Sta migliorando, le strade si stanno riempiendo di nuovo e questa è una vittoria importante per tutto il paese che sta uscendo da questa tragica emergenza”. Collegato dalla Cina, dove gioca nello Shangai Shenhua, Stephan El Shaarawy racconta a Sky Sport come il paese che lo ospita sta tornando alla vita dopo la pandemia. “C’è stato un grande senso di responsabilità – agiunge l’ex attaccante della Roma -, il popolo ha rispettato le regole con grande collaborazione e questo è un messaggio d’insegnamento e di speranza per tutto il mondo. Nel periodo più tragico qui hanno messo in lockdown la regione dell’Hubei tenendo a casa 80 milioni di persone. Lì la situazione era veramente drammatica, non si poteva proprio uscire”.
Poi racconta che a gennaio, quando il virus in Cina imperversava ma in Europa ancora se ne parlava poco, ha pensato di andarsene. “: “Con questa situazione ho cercato, insieme al club, di trovare una soluzione perché, arrivati a gennaio, avevano iniziato a posticipare campionati e coppe – spiega -.
Non sapevamo quando si sarebbe ripreso a giocare, e io non volevo restare fermo qualche mese con l’Europeo alle porte. In quel momento non si parlava ancora del rinvio e allora mi stavo muovendo per trovare un modo per non stare fermo. La Nazionale era la mia priorità, ero stato convocato in precedenza e non volevo perdere quest’occasione, quindi volevo giocare. Ora sono un giocatore dello Shanghai, penso a fare il bene di questa squadra e al mercato penserò in futuro”. Esclude di tornare alla Roma? Nella capitale se ne parla…” “A Roma ho lasciato tantissimo – commenta il Faraone -, ho costruito non solo un percorso calcistico ma molto di più. Mi sono sentito come a casa, mi manca come tutta l’Italia”. Infine una rivelazione: “sono milanista nel cuore, però ci sono state delle circostanze e delle situazioni per le quali era giusto andare via”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Per Smalling si muovono le big della Premier
La Roma punta quantomeno a prolungare prestito oneroso difensore
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
26 marzo 2020
17:40
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
In Inghilterra sono sicuri di una cosa: Chris Smalling non giocherà con la maglia del Manchester United nella prossima stagione. Il difensore inglese, arrivato nell’estate dell’anno scorso in prestito alla Roma dai ‘Red Devils’, è seguito da alcuni club di Premier League, anche se alla fine potrebbe rimanere nella Capitale, scelta gradita dalla moglie.
Secondo il Daily Mail, al giocatore sono interessati Arsenal, Tottenham, Leicester e anche l’Everton di Carlo Ancelotti. La Roma potrebbe chiedere il rinnovo del prestito oneroso di Smalling, o riscattare – ipotesi più improbabile – con 20 milioni di euro il suo cartellino dal Manchester United.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Godin, ora farò quarantena in Uruguay
Avuto autorizzazione per lasciare Italia, non sono positivo
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
26 marzo 2020
17:42
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
”Ho superato la quarantena preventiva in Italia, con l’autorizzazione del club, del medico del club e delle autorità sanitarie. Hanno permesso agli stranieri di raggiungere il loro Paesi e le loro abitazioni. Ho deciso di venire in Uruguay, ovviamente senza risultare positivo al Covid-19”. Lo dice Diego Godin in un video pubblicato su Instagram, una volta arrivato in Uruguay. ”Ora mi tocca fare la quarantena preventiva in casa, qui in Uruguay, essendo responsabile e cosciente della situazione. Raccomando a tutti di restare in casa chi deve fare la quarantena la porti a termine, è l’unica cosa per lottare contro questa pandemia. Restate in casa questa situazione ne usciamo tutti insieme”, aggiunge Godin. Il difensore ha lasciato l’Italia come altri sei giocatori dell’Inter: Brozovic, Handanovic, Eriksen, Lukaku, Moses e Young.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Leeds: Bielsa taglia stipendio,soldi a dipendenti club
‘Così potranno pagare tutti i 272 lavoratori che sono qui’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
26 marzo 2020
17:53
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
‘El Loco’ Bielsa non si smentisce mai, L’uomo che, dalla panchina del Leeds, ordinò ai suoi di farsi segnare un gol perché avevano beneficiato di uno irregolare, e che per questo perse la possibilità della promozione in Premier , ora ha deciso di ridursi lo stipendio per dar modo al club di pagare “tutti e 272 i suoi dipendenti”.
Non solo, perché l’esempio di Bielsa è stato seguito anche dai calciatori della squadra leader della classifica del Championship, che prima dello stop all’attività era ormai vicina al salto di categoria, dopo 16 anni nelle serie inferiori.
“Dovevamo farlo, per un futuro più sereno”, è stato il commento del tecnico al gesto suo e dei giocatori. I quali, a loro volta, hanno emesso un comunicato per dire che “stiamo affrontando un periodo difficile ed è importante che lavoriamo tutti insieme per trovare un modo affinché il club possa attraversare questo periodo e finire la stagione nel modo in cui tutti speriamo”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus:Nardella, Coverciano? Bel gesto calcio italiano
Grazie a questo gesto, Firenze avrà ‘villaggio sanitario’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
26 marzo 2020
18:16
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Ringrazio Gravina e la Figc per aver aver messo a disposizione l’intero complesso di Coverciano.
Grazie a questa collaborazione, Firenze potrà fare leva su un vero e proprio villaggio socio-sanitario da utilizzare, in accordo con Asl, Società della Salute, e con il coordinamento operativo della Protezione Civile,- in tempi rapidissimi per la quarantena e l’isolamento di pazienti che non richiedono cure intensive ma che non possono rimanere al proprio domicilio. E’ bello pensare che la ‘casa azzurra’ si trasformerà nella ‘casa della solidarietà’: un gesto bello del calcio italiano che ci fa sentire più uniti e orgogliosi che mai”.
Così il sindaco di Firenze Dario Nardella ha commentato la decisione della Federcalcio ha deciso di mettere a disposizione della Protezione civile fiorentina il Centro tecnico federale di Coverciano.
Secondo Nardella “Coverciano è ideale per fare fronte alle esigenze del sistema sanitario regionale. Mi piacerebbe che proprio a qui, a Firenze, quando tutto sarà finito, si possa giocare una partita di beneficenza per aiutare il nostro sistema sanitario tra la Nazionale italiana e una selezione dei migliori medici ‘calciatori’ del Paese. Ora però tutti al lavoro per sconfiggere questa terribile epidemia! Grazie azzurri!”.
Soddisfazione anche da parte dell’assessore a welfare e sanità di Palazzo Vecchio Andrea Vannucci: “E’ la dimostrazione – ha detto – della grande disponibilità della Federazione per far fronte all’emergenza, all’insegna della solidarietà”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Flamengo, niente sponsor causa pandemia
Amazon rimanda accordo con club carioca,non è il momento
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
RIO DE JANEIRO
26 marzo 2020
18:17
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
C’è la pandemia del coronavirus, quindi niente sponsor. Succede a Rio de Janeiro, dove il sogno del Flamengo di mettere il nome di Amazon, gigante dell’e-commerce ma non solo, sulle proprie maglie per ora è svanito. Infatti l’impresa americana ha fatto sapere che visto il momento per ora la trattativa fra le parti, che sembrava vicina a un accordo, rimane in sospeso in attesa di tempi migliori e che l’attività calcistica riprenda. A complicare le cose anche il fatto che lo statuto del club carioca prevede l’approvazione, tramite voto, del Consiglio direttivo per ogni nuovo accordo di patrocinio, ma in questo momento al Flamengo non è possibile riunirsi neppure in videoconferenza.
L’accordo con Amazon prevedeva 40 milioni di reais (circa 8 milioni di euro) all’anno per essere il principale sponsor di maglia. Sempre a causa del Covid-19 e del conseguente blocco dell’attività calcistica, il Flamengo aveva già perso un altro patrocinatore, una marca di olio che metteva il proprio nome sui calzettoni della divisa rossonera. Anche qui se ne riparla quando il virus sarà sconfitto.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Addio a Hidalgo, ct di Platini e calcio champagne
L’incrocio con l’Italia nel ’78, l’Europeo vinto nell’84
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
26 marzo 2020
18:27
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La Francia piange uno degli allenatori più apprezzati, il primo ad avere vinto un titolo alla guida della Nazionale, il profeta del calcio champagne.
Michel Hidalgo, che guidò i galletti alla conquista del titolo europeo nel 1984 a Parigi, si è spento oggi a 87 anni a Marsiglia. Lo riferisce L’Equipe. Hidalgo fu alla guida dei ‘Bleus’ per otto anni, fra il 1976 e l’84, incrociando anche l’Italia di Bearzot nella prima partita al mondiale d’Argentina, che tutti i tifosi azzurri ricordano per il gol di Lacombe dopo 30” e la rimonta firmata da Paolo Rossi e Zaccarelli.
Proprio domenica scorsa Hidalgo aveva festeggiato 87 anni.
Secondo un parente, riferisce L’Equipe, la morte dell’ex ct non è legata al coronavirus, ma a una malattia che lo aveva molto indebolito negli ultimi anni.
Hidalgo contribuì a scrivere una delle pagine più esaltanti del calcio francese, culminata con il titolo europeo 1984 e passata attraverso l’epica semifinale al Mondiale di Spagna nell’82, disputata a Siviglia, quando sfiorò l’impresa con la Germania Ovest ai calci di rigore, dopo un tourbillon di emozioni e 120′ di suspence conclusi sul 3-3. Creò un asse di centrocampo di livello mondiale, con Platini, Giresse, Tigana e Genghini (poi sostituito da Luis Fernandez).
Da calciatore crebbe alla corte del grande Raymond Kopa, nel Reims, dove apprese tutti i segreti del gioco offensivo. Bernard Tapie lo chiamò a lavorare anche all’Olympique Masrsiglia ed è proprio a pochi metri dallo stadio Velodrome che si è spento nel primo pomeriggio di oggi.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Fonseca, io via da Roma? Qui mi sento sicuro
Tecnico giallorossi: “Abbiamo tutto anche il miglior ospedale”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
26 marzo 2020
18:31
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Esco solo per recarmi al supermercato: negli ultimi cinque giorni ho messo il naso fuori solo una volta e sempre per fare la spesa. Tornare in Portogallo? Qui a Roma mi sento sicuro, la società ci offre le migliori condizioni di vita, abbiamo tutto a nostro disposizione e poi c’è uno dei migliori ospedali specializzati contro i virus”. Così Paulo Fonseca, in un’audio-intervista rilasciata al sito SicNoticias.pt, parla ai tempi del coronavirus.
L’allenatore romanista confessa di “dedicare molto tempo” a moglie e figlio, ma anche “alla lettura”. Inoltre, spiega Fonseca, “sto visionando dei video di calciatori che potrebbero fare al caso nostro”. Con i giocatori, spiega, “siamo sempre in contatto: il nostro preparatore atletico in questi giorni ha tanto lavoro. La squadra non può fermarsi del tutto”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Spadafora “Ripresa Serie A il 3/5? Previsione ottimistica”
Ministro: “Se la stagione finirà? decide la Federcalcio”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
26 marzo 2020
22:17
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Le ottimistiche previsioni che facevano pensare di poter riprendere le competizioni sportive a fine aprile o ai primi di maggio credo siano un po’ troppo ottimistiche, come del resto ci ha detto l’evoluzione dell’emergenza. Io, rispetto all’ipotesi del 3 maggio, sono molto, molto dubbioso. Di sicuro posso dire che, qualora ci dovessero essere le condizioni per riprendere in alcune circostanze le competizioni, certamente avverrà a porte chiuse”.
Lo ha detto il ministro per le Politiche giovanili e lo Sport, Vincenzo Spadafora, che è intervenuto a Chi l’ha visto, su Rai 3, tornando a parlare dell’ipotesi di una ripresa a inizio maggio, da lui stesso auspicata alcuni giorni fa, dell’attività agonistica. “A oggi non è pensabile dire che a maggio si possa riprendere regolarmente con tutte le competizioni, soprattutto con gli spettatori – ha aggiunto Spadafora -. Sinceramente a oggi ho anche qualche dubbio rispetto alle decisioni di qualche Federazione di poter riprendere il 3 maggio: sono gli stessi scienziati a non avere certezze sull’evoluzione dell’epidemia, non è che stiamo sbandando o non è che non sappiamo cosa fare.
Dobbiamo adattare le nostre decisioni alle situazioni che cambiano”.
Alla domanda se ritenga che a questo punto il campionato è saltato, il ministro ha risposto: “La scelta finale spetterà alla Figc, quando parlavo di previsioni ottimistiche era proprio alle previsioni del calcio di poter riprendere il 3 maggio che mi riferivo”. “Se poi – la conclusione – il calcio deciderà di posticipare tutto all’estate, questo ricade nell’autonomia dello sport: a oggi la situazione è complicata, il calcio ci ha messo un po’ di tempo in più degli altri a capire l’emergenza, immagino che ora si muoverà con tutta la cautela possibile per evitare episodi”, come quello di Atalanta-Valencia.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: taglio stipendi, Barca ricorre a Tribunale lavoro
Giocatori blaugana si sono rifiutati di ridurre i propri salari
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
26 marzo 2020
23:56
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Il Barcellona non si ferma davanti al rifiuto dei propri giocatori di ridursi lo stipendio per venire incontro alle esigenze ecomomiche del club catalano, in crisi dopo la sospensione dell’attività sportiva. In serata il club blaugrana ha diffuso un comunicato in cui spiega che della questione si occuperà il dipartimento del Lavoro della Catalogna. “La dichiarazione dello stato d’allarme del 14 marzo, a seguito dell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo per la pandemia di coronavirus, ha significato la cessazione di tutte le attività, sportive e non, del nostro club – si legge -. In questo scenario, il Cda ha deciso di attuare una serie di misure per mitigare gli effetti e ridurre le conseguenze di questa crisi. Tra le misure adottate quelle relative al luogo di lavoro, motivate dalla necessità di attuare misure per adattare gli obblighi contrattuali del personale del club alle nuove e temporanee circostanze”.
“Riguarda la presentazione dei diversi file relativi nel campo sportivo (calcio e altri sport professionistici), così come nel resto del personale non sportivo – sottolinea il comunicato – che verranno esaminati davanti al dipartimento del Lavoro della Generalitat de Catalogna, una volta che il club avrà condiviso con tutto il personale, sportivo e non, gli aspetti relativi a queste misure e il loro campo di applicazione. Si tratta di una riduzione della giornata lavorativa, imposta dalle circostanze e dalle misure di protezione attuate e, di conseguenza, della riduzione proporzionale della remunerazione prevista nei rispettivi contratti; misure che il club intende attuare scrupolosamente a seguito degli standard formali di lavoro, secondo i criteri di proporzionalità e, soprattutto, correttezza, con l’unico obiettivo di riprendere l’attività il più presto possibile”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Serie C: Infantino scrive a Infantino, sono con voi
Lettera di sostegno del presidente Fifa a giocatore suo omonimo
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
25 marzo 2020
11:29
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Caro Saveriano, il tuo cognome uguale al mio, consente a me di esprimere una vicinanza a tutti i calciatori che in questi giorni tristi sono bloccati in casa a causa della pandemia”. Comincia con queste parole la lettera che il numero 1 del calcio mondiale, Gianni Infantino, ha indirizzato a un suo omonimo Saveriano Infantino, giocatore della Carrarese in serie C, per esprimere a lui come simbolo di tutti i calciatori del mondo il sostegno e la solidarieta’ nell’emergena coronavirus. “Tu e i tuoi colleghi – scrive il numero uno del calcio mondiale – siete un punto di riferimento dei tifosi, dei bambini. Con le tante iniziative che attraverso i social diffondete, siete un esempio di educazione nei comportamenti che occorre tenere, perché la salute, il bene più prezioso che abbiamo, venga salvaguardata. Se poi siete così generosi nell’esprimere solidarietà ai medici e agli infermieri, che sono i nostri moderni eroi, svolgete la grande funzione sociale con cui la Lega Pro si caratterizza in queste settimane”. “Nella tua foto che accompagna la nuova iniziativa messa in atto dalla Lega Pro – scrive ancora il numero 1 del calcio mondiale al giocatore – mostri il cartello con la scritta: “Oggi e sempre uniti contro il razzismo”. Io ti sono vicino, perché la FIFA ha fatto della campagna contro tutte le forme e le manifestazioni de l razzismo una frontiera invalicabile, senza se e senza ma. Continua ad essere un esempio, caro Saveriano. Facendo così, la tua giornata sarà riempita dalla gioia di aver portato un granello di sabbia, perché tutti noi possiamo uscire dalla crisi di oggi migliori di come siamo entrati. Così il calcio coglierà il senso del cambiamento imposto dai tempi che viviamo”. TI PIACE IL SITO? Se Ti va di sostenere il mio lavoro: Fai una donazione GRAZIE DI CUORE!

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: Lega B, nuovo appuntamento commissione medica
Documento ai club per gestire eventuale tensione nervosa atleti
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
25 marzo 2020
19:25
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Nuovo appuntamento della commissione medico scientifica della Lega B a pochi giorni dall’ultimo incontro, con l’obiettivo di assicurare la massima continuità e il miglior coordinamento medico fra i club, cosi come richiesto anche dal presidente Mauro Balata e dal consiglio direttivo.
Presenti in conference call i medici delle società sportive insieme ai membri del gruppo di lavoro coordinato da Franco Perona.
La novità principale -fa sapere la Lega di serie B -riguarda un documento che verrà messo a disposizione per le società per gestire l’eventuale insorgere di tensione nervosa negli atleti.
Redatto dallo psicologo sportivo Aldo Grauso il manuale ha come obiettivo il prevenire di problematiche dovute all’assenza di attività agonistica e all’isolamento in casa.
Insieme a Perona e Grauso, erano presenti anche gli altri membri della commissione, i medici sportivi Cristian Francavilla, Vicenzo Salini e Giovanbattista Sisca oltre al segretario Domenico Vassallo. Il gruppo di lavoro si è aggiornato al primo aprile.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, Sampdoria: finito l’isolamento per squadra e tecnici
Stanno bene i sette giocatori positivi, tra loro c’è anche Barreto
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
25 marzo 2020
20:10
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
È terminato il periodo d’isolamento domiciliare per i componenti dello staff e i calciatori della Sampdoria che erano risultati negativi al coronavirus dopo alcuni casi di positività nella squadra. Nessuno durante la quarantena si è infettato. Lo annuncia in un comunicato la società.
“Coloro che invece sono risultatiù positivi saranno sottoposti ai test previsti dal protocollo. Tutti i calciatori stanno bene e svolgono l’attività fisico-atletica programmata nei loro domicili”.
Sono stati sette i giocatori contagiati: Gabbiadini, La Gumina, Thorsby, Ekdal, Depaoli, Bereszynski e Barreto, il cui nome è stato svelato oggi dall’ambasciatore del Paraguay in Italia.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Da Messi e compagni no a taglio ingaggi, deciderà Barça
Capitani rifiutano decurtazione 70%, Bartomeu convoca un cda
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
26 marzo 2020
15:06
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Messi e i suoi compagni dicono no alla proposta del taglio di stipendi avanzata dal Barcellona, per il periodo di fermo del campionato causa emergenza coronavirus. E ora il Barcellona deve decidere se applicare unilateralmente a tutti i suoi atleti la decurtazione del 70% dello stipendio, che per la prima squadra sarebbe però del 50%.
E’ As, sull’edizione online, a scrivere che la ‘giunta’ dei capitani guidata dall’argentino ha respinto la proposta del club; oggi e’ previsto un cda del Barca, per valutare se andare allo scontro o cercare altre mediazioni.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Serie A in bilico, Juve favorita per titolo 2020/21
I pronostici guardano già alla prossima stagione
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
26 marzo 2020
19:06
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
In attesa che si definisca il destino della stagione calcistica, su cui si sono abbattute le conseguenze dell’emergenza sanitaria, si fanno già i pronostici per il campionato 2020/21, anche se solo per quanto riguarda la corsa al titolo.
Come ormai avviene da anni, in testa a tutte c’è la Juventus, con un vantaggio piuttosto marcato, seguita da due squadre che prima dello stop le stavano contendendo autorevolmente il titolo, Inter e Lazio, e dal Napoli. Secondo gli analisti Snai, infatti, l’ennesimo trionfo bianconero è proposto a 1,60.
L’Inter viaggia a 4,00, la Lazio a 7,50 e il Napoli a 10. Le quote si impennano per le altre squadre: l’Atalanta è a 25, seguita a 50 da Roma e Milan, evidentemente ritenute non in grado di colmare in pochi mesi l’attuale gap dalle squadre di vertice. Più giù si va in tripla cifra: Fiorentina a 100, Bologna, Parma e Cagliari a 350, Verona e Sassuolo 500.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Commisso a Rudy Giuliani, Fai una donazione
Patron viola convince ex sindaco New York per raccolta fondi
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
26 marzo 2020
20:03
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Ospite del programma di Rudy Giuliani il presidente della Fiorentina Rocco Commisso ha invitato anche l’ex sindaco di New York, di origini italiane e più precisamente toscane, a partecipare con una donazione (cosa che poi è stata fatta) alla campagna ‘Forza e cuore’ promossa dal club per sostenere gli ospedali di Careggi e Santa Maria Nuova a Firenze. Un’iniziativa che in poco più di una settimana è vicina a quota 650.000 euro e alla quale ha contribuito nelle ultime ore anche la Columbia Foundation con 10.000 dollari come ha fatto sapere lo stesso magnate italo-americano.
Nel corso del programma Commisso ha sollecitato tutta l’America per attivarsi in aiuto all’Italia così tragicamente colpita dal contagio del coronavirus, e intanto ha ricordato come anche la stessa Fiorentina abbia avuto 12 contagiati fra giocatori, medici, fisioterapisti, dipendenti e familiari, di cui la metà è stata ricoverata in ospedale. ”Ma per fortuna – ha evidenziato -nessuna situazione è stata davvero grave”. Il periodo di quarantena della Fiorentina si concluderà sabato.
Intanto dalla Fondazione Santa Maria Nuova hanno comunicato di aver acquistato, grazie alla raccolta fondi della società viola, 11 ventilatori, 5 ecografi, 10 letti di terapia subintensiva, 2 laringoscopi e dispositivi di protezione, quindi mascherine ffp2, tute protettive e soprascarpe, in gran parte già consegnati agli ospedali dell’azienda sanitaria Toscana Centro.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Nicola “il campo manca a tutti, non solo a noi”
“Non è vero che calciatori non hanno percezione della realtà”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
26 marzo 2020
20:11
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“E’ indubbio che il campo manchi.
Ma manca a tutti gli italiani il poter tornare alla propria normalità. Quello che diamo per scontato non è così, come la tranquillità di poter fare il proprio lavoro ed essere liberi e questo vale per me come per tutti gli italiani”. Così Davide Nicola, allenatore del Genoa, a SkySport.
L’allenatore, arrivato in rossoblù a fine dicembre, ha risposto alle domande dei tifosi e dei giornalisti collegati.
“Il merito va a miei ragazzi che hanno recepito velocemente – ha spiegato parlando del cammino del suo Genoa nel 2020 -. Io ho portato le mie idee e nel gruppo si è formata un’alchimia tra tutte le componenti. Ma un uomo da solo fa poco o niente”.
Il tecnico ha poi voluto spezzare una lancia a favore della categoria dei calciatori. “Spesso ci mandiamo dei video dove ci stimoliamo a vicenda per far vedere la voglia che abbiamo di ritornare a fare quello che facciamo. Il concetto fondamentale è mantenere un assoluto realismo con ciò che ci gira attorno. Mi spiace leggere che la nostra categoria non ha la percezione di quello che accade. Ce l’abbiamo eccome invece…”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Cairo, calcio non può andare oltre il 30 giugno
‘Si rischia di compromettere non una ma due stagioni’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
26 marzo 2020
20:49
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Giusto salvare coppe e campionati, però andare oltre il 30 giugno rischia di essere un problema, perché vai ad intaccare la prossima stagione”. Così il presidente del Torino, Urbano Cairo, ospite di Sky Sport.
“Se si finisce a luglio, ad agosto i giocatori si dovrebbero riposare – dice il patron granata -. E di conseguenza avresti soltanto un mese per prepararti, si andrebbe a riprendere il campionato a ottobre: diventerebbe una cosa particolare complicata, si rischia di compromettere non una ma due stagioni.
Dobbiamo cercare in tutti i modi di finire entro il 30 giugno, ma senza accanimento. Anche perché l’emergenza è nel pieno: a parte gli Stati Uniti, nei Paesi vicini a noi lo sviluppo è importante ma sono arretrati rispetto a noi. Il contagio è internazionale e rischia di essere pericoloso. Non si sa quando arriveremo al picco, la vedo complicata: non possiamo mettere a repentaglio la salute dei giocatori e dello staff”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Cairo “Calcio unito,interessi bottega di pochi”
‘Se non finisse stagione? Servirà decisione senza precedenti’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
26 marzo 2020
21:22
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Quali le proposte nel caso in cui non si finisse la stagione? Non lo so, non so quale sarebbe la soluzione migliore, bisognerà discuterne in Lega. E’ una situazione senza precedenti, servono decisioni senza precedenti”. Così il presidente del Torino, Urbano Cairo, ospite questa sera di Sky Sport.
“Se non altro c’è un’unione più forte rispetto al passato, sono di meno quelli che viaggiano per conto loro – aggiunge il patron granata -. Alcuni prediligono interessi di bottega e non interessi comuni: ma sono pochi, ci sono 16 squadre che hanno un sentire comune”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Platini ricorda Hidalgo, il suo gioco emozionava
Ex capitano francese: “In campo voleva che ci divertissimo”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
26 marzo 2020
22:31
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Hidalgo ha avuto la capacità di creare emozioni. Ha avuto inoltre il merito, assieme a Boulogne e Sastre, di rilanciare il calcio francese, permettendogli di brillare come non accadeva da tempo. Voleva che la nostra squadra giocasse bene, che in campo ci si divertisse e aveva il pregio di valorizzare le nostre caratteristiche. Inventò il ‘quadrato’ magico, poiché non se la sentiva di relegare Tigana in panchina. Decise di schierarci assieme: io, Tigana, Giresse e Fernandez”. Così Michel Platini, sul sito de L’Equipe, ricorda Michel Hidalgo, il ct della Francia campione d’Europa 1984, che si è spento oggi a Marsiglia. Platini fu il capitano e trascinare dei ‘Bleus’ proprio nel periodo in cui alla guida della squadra c’era Hidalgo.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Germania: Neuer si allontana dal Bayern Monaco
Non c’è accordo per il prolungamento del contratto del portiere
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
26 marzo 2020
23:16
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Il futuro del portiere della Nazionale tedesca, Manuel Neuer, è in bilico, almeno secondo quanto scrive la Bild. Il sito del giornale ipotizza il mancato rinnovo del contratto che lega il giocatore al Bayern Monaco e che scadrà il 30 giugno 2021. L’agente del portierone tedesco, Thomas Kroth, avrebbe già incontrato i dirigenti bavaresi Salihamidzic e l’ex portiere Kahn, per discutere il prolungamento dell’accordo. L’attesa fumata bianca, però, non c’è stata, dal momento che le parti sono ancora molto lontane.
A questo punto potrebbero aprirsi altri scenari. Il Bayern Monaco, nello scorso mercato invernale, ha acquisito dallo Schalke 04 – lo stesso club dal quale aveva prelevato Neuer – il giovane portiere Alexander Nuebel, classe 1996, che in molti indicano come il portiere del futuro all’Allianz Arena.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: media spagnoli, Juve interessata a Marcelo
Il campione ha un contratto fino al 2022 con il Real Madrid
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
08:59
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La Juventus sarebbe interessata a ingaggiare Marcelo Vieira, una delle stelle del Real Madrid.
Nell’attesa che riprenda il calcio giocato, l’attenzione dei club e degli appassionati si sposta sulle possibili mosse di mercato per la prossima stagione. Secondo l’edizione online del quotidiano spagnolo Marca, i campioni d’Italia sarebbero sulle tracce di Marcelo, che ha un contratto fino al 2022 con i blancos, ma dove fin dall’inizio della stagione, complice alcuni infortuni, non ha trovato la giusta continuità e presenza in squadra. Secondo Marca, per lui sarebbe pronto un contratto di 4 anni. A spingere per un possibile arrivo di Marcelo in casa bianconera anche l’ottimo rapporto con Cristiano Ronaldo, che ne avrebbe suggerito l’ingaggio, e la stima che da tempo ha per lui il tecnico Sarri. Prima dello stop imposto dalla pandemia, secondo Marca era già previsto un incontro fra rappresentanti della Juve e quelli del Real per discutere della questione, che dovrebbe esser ripresa appena possibile, coronavirus permettendo.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: Nouri si sveglia dal coma dopo 3 anni
Il giovane talento dell’Ajax fu colpito da ictus nel 2017
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
09:54
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Dopo quasi tre anni si è svegliato dal coma Abdelhak ‘Appie’ Nouri, il giocatore dell’Ajax di origini marocchine, colpito da ictus l’8 luglio del 2017. Nouri si sentì male durante una partita amichevole contro il Werder Brema. Il giovane, oggi 22enne, era uno dei più promettenti giocatori dell’Ajax, e quando ebbe l’ictus era stato appena eletto miglior giocatore della stagione nella seconda divisione olandese. Già a un anno dal ricovero Nouri ha dato segnali di miglioramento, anche se ha subito danni cerebrali, ma adesso a 2 anni e 8 mesi da quel tragico giorno -come ha detto il fratello, Abderrahim nel programma tv ‘De Wereld Draait Door’ , “Appie ha lasciato l’ospedale, non è più in coma, è a casa, dorme, mangia, aggrotta le ciglia, rutta, ma è molto dipendente e non si alza dal letto. E’ consapevole di dove si trova ed è importare per lui stare in famiglia E’ possibile comunicare con lui, guardiamo anche le partite di calcio e reagisce”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: da giocatori Monza 25mila euro a Istituto Negri
Galliani, ricerca unico strumento per sconfiggere malattia
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 marzo 2020
11:05
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
I giocatori del Monza in campo per sostenere la ricerca. La squadra brianzola ha infatti deciso di donare la cifra di 25.100 euro all’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, che sta lottando in prima linea per combattere il COVID-19 con quattro linee di ricerca in corso, 40 ricercatori supportati da 600 colleghi all’opera per trovare una cura, in collaborazione con gli Ospedali Sacco e Niguarda di Milano, e Papa Giovanni XXIII di Bergamo.
“Ricerca, Ricerca, Ricerca – ha commentato Adriano Galliani, Amministratore Delegato del Monza – riprendo le parole del Prof.
Remuzzi (Direttore dell’Istituto Mario Negri) che ho sentito spesso in questi giorni in tv. Vorremmo essere tra i primi a dare seguito a questo importantissimo appello, perché sono convinto che la ricerca sia l’unico strumento di cui disponiamo per sconfiggere questa terribile malattia”, ha concluso Galliani.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: inno Champions per ospedale Bergamo
Musica e fantacalcio: ‘In attesa di tornare a tifare Atalanta’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
BERGAMO
27 marzo 2020
13:04
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Sono dodici giovani, si chiamano ‘Fantacherubini’, prendono il nome dal loro gruppo di fantacalcio, hanno la passione della musica e per raccogliere fondi per la battaglia al Coronavirus hanno proposto sui social network una loro versione, a fiato, archi e percussioni, dell’inno della Champions League. Con la dedica alla terra bergamasca così duramente colpita dalla pandemia e un appello finale: “Nell’attesa di poter presto tornare a tifare l’Atalanta in Champions League, #noirestiamoacasa”. Un modo originale per unirsi alla raccolta fondi “Cesvi per l’ospedale di Bergamo e per gli anziani”, per l’acquisto di ventilatori, dispositivi di ventilazione non invasiva e di monitoraggio emodinamico, cuffie, camici e occhiali monouso attiva su gonfundme.com dal 10 marzo scorso a cui ha partecipato anche l’Atalanta il 14 marzo scorso tramite un appello video di Gian Piero Gasperini. Oggi, invece, il video diffuso sul profilo Instagram di uno di loro, Luca Betti (tromba). Gli altri sono Simone Castiglia, Francesco Ferrati (violini), Alfonso Bossone, Davide Mosca (viole), Simone De Sena, Matteo Bodini (violoncelli), Claudio Cavallin (contrabbasso), Nicola Terenzi (trombone), Alessandro Iezzi (tuba), Sebastiano Nidi (corno) e Saverio Rufo (percussioni). La sottoscrizione di Cesvi per l’ospedale cittadino, che si prefiggeva di raccogliere 1 milione e mezzo di euro, finora è a quota 1.246.690.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Lega ad Aic,entro lunedì piano per sospensione stipendi
Dal Pino-De Siervo prospettano a Tommasi misura collettiva
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
16:46
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Entro lunedì vi faremo avere il piano collettivo per gli stipendi”. E’ questo – si apprende da fonti vicine al dossier – quello che il presidente e l’ad della Lega Serie A, Paolo Dal Pino e Luigi De Siervo, hanno detto al presidente dell’Aic, Damiano Tommasi in un colloquio in conference call. Il piano prevederebbe una sospensione degli stipendi per i calciatori di Serie A, una misura transitoria per gestire in maniera coordinata e condivisa la situazione in attesa di capire quando si ricomincerà a giocare.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Calcio:Insigne “Europei?Come ha detto ct vinceremo tra 1anno
“Mi manca il campo ma ora ci stiamo godendo le famiglie”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
17:25
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Quest’anno potevamo fare grandi cose, abbiamo squadra forte. Come ha detto il ct Mancini, se l’Europeo è slittato vuol dire che vinceremo l’anno prossimo”: parola di Lorenzo Insigne a Sky Sport. “Abbiamo creato grande gruppo – dice – vuol dire che questo slittamento ci dà una mano per recuperare gli infortunati. Per vincere gli Europei c’è bisogno di tutti”.
Insigne parla poi di come sta vivendo le restrizioni imposte dall’emergenza coronavirus (“mia moglie per il momento mi sopporta ancora”, dice sorridendo) e del suo rapporto con Gattuso. “E’ cambiata tanto la nostra vita – le parole del capitano del Napoli – prima eravamo sempre in viaggio e poco a casa, ora ci stiamo godendo le famiglie. Fino ad ora mia moglie mi sopporta. Mi manca andare al campo, gli allenamenti, la partita. Ci alleniamo a casa, siamo in continuo contatto con lo staff del mister, tra di noi ci sentiamo via Whathsupp. Ci scriviamo, scherziamo”.
“Gattuso? Mi ha fatto sentire importante, e ho molto apprezzato la sua chiarezza – prosegue -. Ha un carattere che conosciamo tutti. In campo vuole concentrazione massima.
Ascoltare uno come lui che ha vinto tanto fa piacere. Ci ha dato una grossa mano, ci sentiamo quasi tutti giorni con videochiamate. In questo periodo non parliamo solo di calcio, ma delle famiglie, del coronavirus. Il gol che ricordo di più quest’anno. In campionato ne ho segnati cinque, comunque il più importante è stato quello in casa contro la Juventus, sapete la rivalità, segnare al San Paolo contro di loro è stata una bella sensazione”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Germania; giocatori Schalke si riducono salari
Altro club di Bundesliga trova accordo, valido fino al 30 giugno
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
18:24
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– I giocatori dello Schalke 04 hanno deciso di rinunciare ad una parte dei loro salari per aiutare il club a superare la crisi causata dalla pandemia, che ha bloccato lo sport anche in Germania. Lo annuncia lo stesso club, che ha trovato un accordo con i calciatori come hanno già fatto diverse altre società della Bundesliga.
In particolare, l’accordo trovato oggi in una riunione con la dirigenza prevede che i giocatori rinuncino ad una parte, non specificata, dei salari e dei premi per ora fino al 30 giugno prossimo.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: Ranocchia,momenti bui Inter hanno lasciato cicatrici
Conte? Ha fuoco dentro, questa squadra deve ancora crescere
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 marzo 2020
18:27
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– ”Ho vissuto tanti momenti difficili, sia a livello sportivo che a livello personale, come tutti. Parlando di Inter, ci sono stati anni bui, difficili, in cui facevamo fatica ad esprimerci e io a esprimermi. Mi hanno lasciato delle belle cicatrici interne”: il difensore dell’Inter Andrea Ranocchia si racconta rispondendo alle domande dei tifosi in una videochiamata pubblicata sui social nerazzurri. ”Sono stati momenti di grande crescita di presa di coscienza di quello che sarebbe stato il futuro. Questi momenti ti fanno migliorare e ti formano. A oggi – assicura Ranocchia – sono soddisfatto di quello che ho fatto e che ho costruito nella mia carriera. Dietro a tutto ci deve essere una struttura umana pronta, ti aiuta ad andare avanti e a toglierti delle soddisfazioni”. In attesa di tornare in campo, il difensore ammette che questa Inter è ancora solo all’inizio di un percorso: ”Siamo una buona squadra, dobbiamo crescere tanto. Ci sono tanti nuovi arrivi, anche il mister. Ci vuole un pochino di tempo. Vediamo cosa succederà con il campionato, ma credo che abbiamo fatto buone cose, altre un po’ meno. Siamo una squadra giovane e questo può dare poca stabilità, stiamo facendo delle buone cose”. Chi invece non è cambiato, fin dai tempi in cui lo allenava a Bari, è Antonio Conte: ”E’ sempre lui. Ha sempre quello spirito guerriero, quel fuoco dentro. E’ la sua forza”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Klopp “inno Reds cantato in ospedale,ho pianto”
Tecnico Liverpool commosso dal lavoro dei sanitari
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
18:56
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Ho avuto un video di persone in un ospedale, appena fuori dalla terapia intensiva, che cantavano “Wi’ll Never Walk Alone” (l’inno del Liverpool, ndr). Ho cominciato subito a piangere”. Il tecnico dei Reds, Juergen Klopp, in un’intervista al sito del club, parla a lungo della emergenza pandemia e di chi ogni giorni è “in prima linea”, raccontando la sua emozione nel vedere quella testimonianza mandatagli dallo staff sanitario di un ospedale inglese.
“È grandioso tutto ciò che stanno facendo, incredibile – afferma l’allenatore tedesco -. Queste persone non solo lavorano ma hanno un grande spirito. Si mettono in pericolo perché aiutano le persone, quindi non ho potuto ammirarle di più e apprezzarle di più, davvero non potevo”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Antonio Conte, dobbiamo mostrare forza e coraggio
Tecnico Inter: “Stare a casa? Solo così torneremo a normalità”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
27 marzo 2020
00:07
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “La cosa più importante in questo momento è mostrare forza e coraggio, bisogna far capire alle persone che stare a casa è una questione di massima importanza”.
Lo dice l’allenatore dell’Inter, Antonio Conte, a tennisworlditalia. “È questo che fa la differenza – aggiunge – ed è l’unico modo affinché sia possibile tornare alla nostra normalità il più presto possibile”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Serie A: Setti “finiamo il campionato e taglio stipendi”
N.1 Verona: ‘Importante è mettere tutto in sicurezza”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
14:27
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Noi siamo per la ripresa del campionato. Ci piacerebbe giocare. Il taglio degli stipendi ai calciatori? Ci vuole buonsenso da parte di tutti, i giocatori ce l’avranno e si discuterà anche di questo al momento opportuno”.
Ricette ideali per fronteggiare la crisi che incombe anche sul mondo del calcio non ce ne sono: però il presidente dell’Hellas Verona, Maurizio Setti, prova a indicare una strada per la Serie A, bloccata come tutto il Paese per l’emergenza coronavirus, per la possibile ripresa e la necessità che ognuno faccia la sua parte anche sul fronte economico. Giocatori compresi. “Il piano ‘salva calcio? C’è da fare di più ma è chiaro che tutte le cose andranno fatte passo dopo passo. L’importante – precisa il numero uno dell’Hellas – è cercare di mettere in sicurezza tutto e finire il campionato”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Malagò “taglio stipendi? Chi ha possibilità aiuti”
E sul campionato in estate: “Ora sacrifici e compromessi”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
15:17
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Calcio in estate? Non lo so, dipende da Uefa e Fifa. Da adesso tutti devono fare sacrifici e compromessi, bisogna entrare in questo ordine di idee. Se ognuno rimane aggrappato al suo orticello la situazione non la trovi”.”Mi ha Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò a Radio 24.
“Oggi comanda l’Oms- aggiunge il n.1 dello sport italiano – Se la comunità scientifica dice che da oggi si può iniziare a fare qualcosa, che sia la corsa o i contatti tra giocatori, allora ci può essere speranza.-“.
Sulla questione legata ai tagli degli ingaggi Malagò aggiunge “Magari levare il 30% a un giocatore che guadagna 10 mln netti è un conto, levarli a un professionista di serie B o lega Pro è una cosa diversa. Forse è giusto che chi ha maggiori possibilità cerchi di aiutare, sta già accadendo”.
“Paura che il nostro campionato perda ancora di valore? No.
Ci sono tanti discorsi aperti – conclude – Se oggi rischi di perdere ‘Mario Rossi’…ma dove va oggi? Oggi forse abbiamo possibilità di livellarci con club stranieri, non ripetendo vecchi errori però”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Dybala, sintomi virus forti 2 giorni fa,ora sto meglio
Argentino della Juve, sto provando a fare allenamento
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
27 marzo 2020
15:23
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Ora sto molto meglio, ma ho avuto sintomi forti un paio di giorni fa”. Lo ha rivelato Pauio Dybala, l’attaccante argentinou della Juvents in quarantena dopo essere stato trovato positivo al Coronavrus. “Ora – ha detto a JTv – posso muovermi, camminando e provando a fare allenamento.
qualche giorno fa quando provavo a farlo sentivo un po’ di pesantezza, adesso sto decisamente meglio”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Dybala,ho tante maglie,più preziose Buffon Messi CR7
‘Le custodisco gelosamente, che onore giocare con Ronaldo’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
27 marzo 2020
15:29
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– Durante il programma su JTv ‘A casa con la Juve’, Paulo Dybala ha svelato una delle sue grandi passioni, la collezione di magliette. “Ne custodisco gelosamente – ha detto l’attaccante – e qui ne ho tre alle quali sono particolarmente legato quella di Buffon dei 120 anni della Juventus, quella di Messi e quella di Ronaldo. E’ una fortuna giocare con due grandissimi campioni come Gigi e Cristiano”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Spinelli,dopo rugby spero si fermi anche calcio
Presidente Livorno “non penso che campionati possano riprendere”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
LIVORNO
27 marzo 2020
15:31
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Speriamo che Gravina faccia lo stesso: ma lo faranno anche nel calcio, con la grave situazione che c’è in Lombardia, a Brescia e a Bergamo, non penso che i campionati possano riprendere”. Così il presidente del Livorno, Aldo Spinelli,, dopo la decisione della Federazione rugby di dare uno stop definitivo alla stagione.
“Non pensiamo però ai campionati – ha proseguito Spinelli – ma alla salute delle famiglie italiane. A 80 anni come ho io bisogna stare in casa in quarantena, e noi seguiamo le disposizioni dello Stato. Ma lo Stato si deve muovere perché ci sono parecchie aziende, anche di diversi imprenditori amici miei, che sono ferme. Ha fatto bene Conte a dire all’Europa che bisogna muoversi o altrimenti andiamo avanti da soli”. “Mi mancano il lavoro – ha concluso Spinelli – i miei dipendenti del porto, anche se noi in azienda continuiamo a lavorare. Mi manca il campo, mi mancano i tifosi e la squadra. So che i giocatori sono tutti a Livorno, nessuno si è mosso e si stanno allenando a casa. E il prossimo anno se avremo la fortuna di rimanere in serie B speriamo di restarci e di evitare gli errori che abbiamo commesso quest’anno”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
L’Equipe, Fifa valuta maximercato fino 31 dicembre
Decisione legata alla data di conclusione dei campionati
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
15:37
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– La Fifa, una volta ripresa l’attività calcistica ora ferma per via della pandemia coronavirus, sta valutando la possibilità di varare una maxi-finestra di mercato che durerà fino al 31 dicembre. Lo scrive il quotidiano sportivo francese ‘L’Equipe’ spiegando che, vista la voglia delle varie leghe nazionali di concludere comunque la stagione, giocando fino a tutto luglio, il via alle trattative verrebbe dato al momento della conclusione delle competizioni nazionali e di quelle dell’Uefa, quindi presumibilmente ad agosto, sempre che il calcio riprenda.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Dybala, accettare Juve? Non ci ho pensato due volte
Argentino, fortuna giocare con campioni come Buffon e Ronaldo
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
27 marzo 2020
15:36
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Non ci ho pensato due volte ad accettare, la prima cosa che ho fatto è stata abbracciare mia mamma”. Ospite di Jtv, Paulo Dybala racconta i momenti del suo passaggio alla Juventus, nell’estate 2015.
“Me lo ricordo come fosse ieri – dice -: ero a casa mia a Palermo, c’erano tante squadre che mi cercavano ma io aspettavo, non chiudevo la porta a nessuno. Un giorno dopo pranzo mi suona il telefono ed era il mio procuratore, preannunciandomi che ci avrebbe chiamato la Juve. Poco dopo parlai con Paratici”.
Dybala ha svelato anche una delle sue grandi passioni: “Custodisco gelosamente tante magliette. Qui (nella sua casa di Torino, ndr) ne ho tre alle quali sono particolarmente legato: ho quella di Buffon dei 120 anni del club, quella di Messi e quella di Ronaldo. E’ una fortuna giocare con due grandissimi campioni come Gigi e Cristiano”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Zaniolo,”recupero procede bene,ora però tutti a casa”
Trequartista Roma: “Riguardo i miei gol e mi emoziono”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
27 marzo 2020
16:16
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“L’infortunio è stata una bella mazzata, poi superato il primo mese comincia la discesa. Il recupero sta andando bene e giorno dopo giorno mi sento sempre meglio”. Nicolò Zaniolo nel corso di una diretta Instagram sull’account ufficiale della Roma racconta come procede il recupero dopo l’infortunio al ginocchio e come vive l’emergenza coronavirus.
“Mi manca un po’ andare al campo – dice – in questo periodo cerco su YouTube i miei gol, me li riguardo e mi emoziono. La mia vita rispetto a prima non è cambiata più di tanto perché andavo a Trigoria e poi stavo a casa tutto il giorno. Ora però bisogna stare tutti a casa per superare questo brutto periodo.
Non vedo l’ora finisca per poterci abbracciare tutti”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Da Banca sviluppo Europa, 100 mln euro a Credito sportivo
Per l’impiantistica dei comuni italiani
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
17:42
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– La Banca per lo Sviluppo del Consiglio d’Europa (Ceb) ha deliberato un finanziamento di 100 milioni di euro, a condizioni agevolate, in favore dell’Istituto per il Credito Sportivo (Ics), da destinare al cofinanziamento di 200 milioni di euro per i progetti degli Enti Locali italiani finalizzati alla costruzione e alla riqualificazione – anche attraverso la messa a norma, l’efficientamento energetico, l’abbattimento delle barriere architettoniche e l’implementazione tecnologica – degli impianti sportivi pubblici del nostro Paese.
La provvista finanziaria Ceb – informa una nota del Credito sportivo – sarà destinata anche agli investimenti su piste ciclabili, ciclovie, ciclodromi e strutture di supporto.
Dopo il positivo esito dell’Accordo per un primo finanziamento di 150 milioni di euro, siglato nel 2018 presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri dal presidente del Credito sportivo Andrea Abodi e dal vice governatore Ceb Carlo Monticelli, questa nuova misura rafforza ulteriormente la collaborazione tra le due istituzioni e riafferma il ruolo sociale dello sport e della pratica sportiva come veicolo di inclusione e aggregazione e strumento di educazione e benessere psico-fisico, tanto più nell’impiantistica sportiva pubblica del Paese che rappresenta l’asse principale delle attività del Credito Sportivo, nel suo ruolo di banca sociale di scopo.
Il finanziamento Ceb fornisce ulteriore supporto al Piano Operativo 2020 per gli Enti Locali, sviluppato con la preziosa collaborazione dell’ANCI, con il rinnovo dei bandi “Sport Missione Comune” e “Comuni in pista”, ai quali si aggiunge il “Mutuo Verde Comune”, una nuova misura dedicata agli investimenti nell’efficientamento energetico degli impianti sportivi. L’auspicio e l’obiettivo è quello di favorire e promuovere il “dialogo” e la collaborazione, in un’ottica di cofinanziamento, tra le misure finanziarie pubbliche incentivate dedicate alle infrastrutture sportive dal Governo e dalle Regioni.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Gravina “tagli stipendi? Ipotesi senza mortificare nessuno”
N.1 Figc: “Si ricorrerà a soluzioni di sospensione e riduzione”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
17:54
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
– “Il taglio degli stipendi ai calciatori? La difficoltà di far fronte a determinati impegni è evidente, talmente chiara che nessuno può far finta di non guardarla, di non porsi il tema del costo del lavoro. Lo faremo senza mortificare nessuno, lo dobbiamo fare ricorrendo a soluzioni e ipotesi di sospensione e riduzione. È un tema che si sta già affrontando”. Così il presidente della Figc, Gabriele Gravina. “Ci sono stati già incontri con leghe e associazioni di categoria – ha aggiunto a Radio Sportiva – Ci sono proposte in atto. Si sta cercando di trovare una sintesi tra le diverse posizioni. Non possiamo far finta che il calcio non stia subendo gli stessi danni economici degli altri comparti dell’industria italiana: molti presidenti di club sono anche imprenditori, subiscono le problematiche del Paese che vengono trasferite nel mondo del calcio”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Gravina, vogliamo finire campionato ma non oltre 30/7
N.1 Figc, ‘obiettivo è anche salvare stagione 2020-’21ì
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
27 marzo 2020
18:11
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Oggi possiamo abbandonarci a tutta una serie di elaborazioni, ma abbiamo una certezza: cercare in tutti i modi possibili di salvare il campionato 2019/20 ma anche non compromettere quello del 2020/21, che ha una deadline chiara”. Lo ha detto il presidente della Figc, Gabriele Gravina, a Radio Sportiva. “Il prossimo anno avremo gli impegni dell’Europeo di calcio e competizioni internazionali legate ai club – ha aggiunto -. Non possiamo commettere l’errore, già fatto lo scorso anno, di partire oltre metà agosto. È evidente che oltre metà luglio diventa complicato andare avanti con il campionato 19/20”.
Gravina ha anche chiarito che “l’obiettivo primario è riprendere il campionato, ma dobbiamo essere molto realisti e capire che in questo momento la situazione è in continua evoluzione. L’idea di riprendere i campionati è la scelta più giusta ed è evidente che questa è un’ipotesi su cui dobbiamo lavorare e abbiamo il dovere di approfondirla giorno dopo giorno. “Stiamo lavorando anche su ipotesi alternative – ha concluso -, dobbiamo anche fare un percorso maturo per dare risposte concrete a società e tifosi”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Fiorentina, Altri 400.000 euro per ospedali
Commisso: ‘Felice per quanto abbiamo fatto in poco tempo’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
27 marzo 2020
18:17
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Dopo la prima donazione di 250.000 euro immediatamente successiva al lancio della campagna ‘Forza e Cuore’ avvenuto il 17 marzo, la Fiorentina ha effettuato oggi un nuovo bonifico di 400.000 euro a favore degli ospedali Careggi e Santa Maria Nuova di Firenze.
”Sono molto felice per quanto siamo riusciti a fare in così poco tempo – ha commentato Rocco Commisso sui canali del club – Abbiamo superato velocemente la cifra già molto importante che ci eravamo dati come obiettivo minimo e oggi siamo addirittura arrivati a oltre 650.000”. Alla raccolta fondi hanno partecipato finora 1900 persone (fra cui l’ex sindaco di New York Rudy Giuliani con 5000 euro), organizzazioni ed aziende, sia dall’Italia che dagli Usa.
Il nuovo bonifico, ha spiegato il presidente della Fondazione S.Maria Nuova Giancarlo Landini, sarà destinato all’acquisto di ventilatori non invasivi, pompe da infusione, letti di terapia intensiva e subintensiva ed ecografi per gli ospedali della rete della azienda sanitaria S.Maria Nuova, San Giovanni di Dio, Santa Maria Annunziata e ospedale di Borgo San Lorenzo. Mentre il dg di Careggi Rocco Damone ha spiegato che la donazione consentirà, in tempi rapidi, di dotare le strutture impegnate nell’assistenza dei pazienti affetti dal coronavirus di alcuni apparecchi radiologici portatili per effettuare esami direttamente al letto del paziente.
Da oggi inoltre terminerà la quarantena obbligatoria per tutta la Fiorentina. Nessun giocatore, compresi gli stranieri, ha avanzato in queste ore richiesta di lasciare l’Italia: la linea adottata dalla società viola è che fino al 3 aprile saranno rispettate le disposizioni governative in attesa di nuove comunicazioni. L’unico giocatore viola attualmente lontano da Firenze è Franck Ribéry che comunque, fanno sapere dal clan viola, è partito per Monaco di Baviera con la famiglia nei giorni antecedenti i provvedimenti.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, ipotesi calcio d’estate per finire entro agosto
L’Uefa valuta due idee: prima i campionati e poi le Coppe oppure in parallelo
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
25 marzo 2020
20:42
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Il calcio potrebbe giocare anche d’estate per portare a termine campionati nazionali, Champions ed Europa League entro agosto. L’ipotesi è fra gli scenari che l’Uefa sta prendendo in considerazione nei tavoli di lavoro con Federazioni, Eca, European Leagues e FifPro, aperti dopo il rinvio dell’Europeo per l’emergenza coronavirus.
Sono giorni di continue riunioni in teleconferenza nel mondo del pallone. Oggi se ne è svolta una informale della Lega di Serie A e domani è in programma un nuovo appuntamento fra il presidente della Figc, Gabriele Gravina, e i vertici delle Leghe, dopo quello di ieri, per valutare le misure anti-crisi da chiedere al governo.
Ancora nessuno azzarda ipotesi per ripartire. Ma a livello europeo, secondo quanto si apprende, si stanno valutando due soluzioni: una sequenziale, in cui si dà priorità alla conclusione dei campionati nazionali, terminati i quali si giocherebbero gli ultimi turni delle Coppe europee; e una che prevede di portare avanti in parallelo i campionati, la Champions e l’Europa League.
Ovviamente, prolungare la stagione fino ad agosto comporterebbe la proroga di due mesi dei contratti in scadenza e lo slittamento in avanti della finestra estiva di mercato.

Calcio tutte le notizie in tempo reale. tutte le ultimissime dal Mondo Calcio, da non perdere e condividere! RESTA AGGIORNATO!
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 4 minuti

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 21:45 DI MARTEDì 24 MARZO 2020

ALLE 11:29 DI MERCOLEDì 25 MARZO 2020

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Occhi puntati su Nations league
In programma a settembre, Francia la squadra da battere
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
24 marzo 2020 21:45
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La seconda edizione della Nations League, che comincerà a inizio settembre, chiama a raccolta tutte le 55 squadre nazionali dell’Uefa, il che ha determinato l’annullamento di tutte le retrocessioni decretate al termine della prima edizione. Il pronostico degli analisti SNAI premia la nazionale francese, campione del mondo in carica e favorita anche per Euro 2021. La vittoria della squadra guidata da Deschamps, che dopo il trionfo mondiale ha vinto 12 delle 17 partite disputate (con 3 pareggi e 2 sconfitte), è data a 4,50.
Riscuote fiducia anche l’Inghilterra, che segue a 6,50, mentre sul terzo gradino siedono a 7,50 Germania, Spagna e Belgio.
Dietro il terzetto c’è l’Italia, a 10 insieme all’Olanda. Il quadro delle migliori si chiude con il Portogallo, detentore del trofeo e dato a 12. Per il resto, si va nel campo delle sorprese, con i vicecampioni del mondo della Croazia piuttosto in ribasso e giocabili a 33, come la Polonia.
La formula divide le nazionali in quattro leghe. Le sedici che compongono i quattro gironi della Lega A competono per il titolo. Le vincenti dei gironi partecipano alla fase finale, le ultime retrocedono il Lega B. Le quote SNAI danno l’Italia in lotta testa a testa con l’Olanda per la vittoria del gruppo 1: identica la quota, collocata a 2,25. Residue chance sono concesse alla Polonia, a 6,50, molto più duro il cammino per la Bosnia-Erzegovina, a 15. Lotta tra massimi sistemi anche negli altri tre gironi: Inghilterra di un soffio avanti sul Belgio (2,00 contro 2,25) nel gruppo 2; Francia su tutte, a 1,80, nel gruppo 3, seguita dal Portogallo a 3,50; duello tra Spagna (2,00) e Germania (2,25) nel gruppo 4.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus:Messi,1 mln euro ospedali Barcellona e Argentina
Donazione dell’argentino a strutture sanitarie
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
24 marzo 2020
22:31
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Anche Lionel Messi ha voluto dare il suo contributo nell’emergenza coronavirus. Secondo quanto riporta ‘As’ l’argentino ha donato un milione di euro ad un ospedale di Barcellona – la città dove vive da tredici anni – e ad un altro in Argentina. Con questo aiuto economico le due strutture ospedaliera potranno acquisire materiale necessario per affrontare l’epidemia di Covid-19. La Spagna è una delle nazioni più colpite.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Guardiola dona 1mln euro per forniture mediche
Anche da tecnico City sostegno a fondazione catalana
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
24 marzo 2020
23:39
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Pep Guardiola ha donato un milione di euro al Fundació Àngel Soler Daniel, fondazione gestita dal Col.legi de Metges di Barcellona e che si occupa dell’acquisto e della fornitura di attrezzature mediche durante la pandemia di coronavirus in corso. L’offerta del tecnico del Manchester City sarà diretta all’acquisto di elementi protettivi – come maschere, occhiali, guanti in lattice, disinfettanti – e di respiratori, oltre ad altri articoli necessari per affrontare il Covid-19. L’intero materiale sarà distribuito in tutto il territorio catalano. La campagna per la raccolta fondi, promossa dal Col·legi de Metges di Barcellona (COMB), è iniziata il 21 marzo e aveva raccolto finora 33.000 euro. Oltre all’acquisto di materiale, la campagna finanzia anche la produzione alternativa – attraverso la stampa 3D – di respiratori artificiali e altri elementi di protezione per il personale sanitario.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: crowdfunding Inter raccoglie 658.000 euro
Donazione a ospedale Sacco che ha ruolo importante per vaccino
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
25 marzo 2020
10:24
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La campagna globale di crowdfunding dell’Inter #TogetherAsATeam ha raccolto 658.000 euro che saranno devoluti all’ospedale Sacco di Milano.
”Importante è stato il contributo dei tifosi tramite il crowdfunding di Facebook, lanciato sabato 14 marzo – ha spiegato il club nerazzurro in una nota – e che ha raccolto circa 3.500 donazioni per un totale di 108.000 euro” a cui vanno sommati i 500.000 euro raccolti dal club tra giocatori, dirigenti e dipendenti e i 50.000 euro donati dalla Fondazione PUPI del vicepresidente Javier Zanetti. ”L’obiettivo della donazione – scrive l’Inter – organizzata in collaborazione con la Fondazione Francesca Rava – NPH Italia Onlus, è il finanziamento delle attività di ricerca dell’ospedale milanese, che sta svolgendo un ruolo fondamentale a livello internazionale nello sviluppo del vaccino per il Covid-19”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Messi e squadre Barça valutano taglio stipendi
Misura riguarda pure formazioni calcio donne, basket, pallamano
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
25 marzo 2020
10:57
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
I capitani delle sei squadre sportive professionistiche del Barcellona stanno esaminando la proposta del club di una riduzione significativa dello stipendio di tutti i giocatori per il periodo della pandemia. Secondo quanto riferisce la versione online del quotidiano sportivo As, prima di dare al club una risposta, i capitani delle formazioni di calcio (Messi), calcio femminile (Vicky Losada), basket (Tomic), pallamano (Víctor Tomás), futsal (Sergio Lozano) e hockey su pista (Aitor Egurrola) hanno anche sentito il parere dei compagni . Nei giorni scorsi Messi e i suoi compagni della squadra di calcio avevano espresso la loro disponibilità al taglio degli stipendi.
La percentuale di riduzione avanzata dal club secondo As è significativa, ma non è stata resa nota. Ora i giocatori stanno discutendo se accettarla.
Il Barça aveva previsto una spesa di 507 milioni di euro in stipendi nella stagione 2019-2020, il 3% in meno rispetto all’anno precedente. Ma ora il club presieduto da Josep Maria Bartomeu deve in qualche modo contenere l’impatto economico dovuto al calo delle entrate a causa della pandemia. Il club prevedeva entrate per 374 milioni di euro nel campo commerciale, una cifra che non sarà raggiungibile. LEGGI TUTTO SULLO SPORT

Calcio tutte le notizie in tempo reale. Tutte le ultimissime dal Mondo Calcio, sempre approfondite ed aggiornate! LEGGI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 19 minuti

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 14:35 DI LUNEDì 23 MARZO 2020

ALLE 21:45 DI MARTEDì 24 MARZO 2020

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus, Spagna: la Liga si ferma a tempo indeterminato
Decisione presa in accordo con la Federcalcio nazionale
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MADRID
23 marzo 2020 14:35
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Il calcio spagnolo si ferma a tempo indeterminato. A renderlo noto è la Liga, in accordo con la Federcalcio nazionale.
“La Commissione di monitoraggio istituita dall’accordo di coordinamento Rfef-LaLiga – si legge in una nota – ha convenuto la sospensione delle competizioni calcistiche professionistiche fino a quando le Autorità del governo spagnolo e l’Amministrazione generale dello Stato ritengano che possano essere riprese senza creare alcun rischio per la salute”.
“La Rfef e LaLiga – si legge ancora – desiderano esprimere pubblicamente la più grande gratitudine a tutti coloro che stanno dedicando i loro sforzi per fornire servizi essenziali al popolo spagnolo e anche le condoglianze per tutti i defunti e un caloroso abbraccio dal mondo del calcio alle molte famiglie che stanno perdendo i propri cari”.
Il 12 marzo scorso, in seguito alla quarantena stabilita in casa Real Madrid, il campionato era stato sospeso per due turni.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Brozovic lascia Italia, in Croazia da famiglia
Inter dà ok a giocatori stranieri di raggiungere cari all’estero
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 marzo 2020
18:00
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
L’Inter ha concesso ai giocatori stranieri in rosa di raggiungere le proprie famiglie, poiché ormai terminato il periodo di isolamento domiciliare iniziato dopo il contatto con Daniele Rugani, risultato positivo al Covid-19. Il primo giocatore a lasciare l’Italia sarà Marcelo Brozovic. Il centrocampista, in giornata, raggiungerà la Croazia e la sua famiglia che vive vicino alla zona duramente colpita dal terremoto di magnitudo 5.4 di ieri.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: sport top al palo, si punta sul tennistavolo
Calcio resta primo, con campionati d’Australia e Turchia
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
18:46
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La crisi da coronavirus continua a tenere in scacco lo sport: ovunque gli appuntamenti più attesi della stagione saltano e cambia anche il mercato delle scommesse, che si travasa dall’offline all’online ma conferma sempre una passione per il calcio, ovunque si giochi, dall’Australia alla Turchia Spunta però anche un inedito interesse di discipline quasi sempre fuori dai radar degli scommettitori italiani: il tennistavolo.
Nella settimana 16-22 marzo, nei flussi di giocate analizzate dai trader di Planetwin365 su tutto il territorio nazionale al primo posto c’è l’ultima giornata della A-League con il 17,6% di flusso sul totale delle scommesse analizzate. L’evento più giocato in assoluto è stato Goztepe-Rizespor, ultimo atto della SuperLig turca (14,7% e secondo posto come campionato più giocato) prima dello stop.
Come detto, è il tennistavolo l’unico altro sport al di fuori del calcio presente nel trend della scorsa settimana, con il 5,1% che vale alla TT Cup Men il quinto posto tra le League di tutti gli sport su cui si è puntato di più. CALCIO: RISULTATI E CLASSIFICHE IN TEMPO REALE: DALLA SERIE A, B, C A TUTTI I CAMPIONATI DEL MONDO E MOLTO ALTRO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: Gomez, giocare a Valencia esperienza terribile
Capitano Atalanta, aspettiamo di capire se mostriamo sintomi
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 marzo 2020
19:00
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Aver giocato a Valencia è stato terribile. Non c’erano controlli, erano rilassati. Ora è il secondo paese in Europa con il maggior numero di infezioni”.
Alejandro Gomez racconta al quotidiano argentino ‘Olè’ l’angoscia vissuta per il Coronavirus durante le due gare vinte contro gli spagnoli negli ottavi di Champions League: “La drammatica situazione di Bergamo penso sia dovuta anche alla partita d’andata, a San Siro c’erano 45mila bergamaschi su 120mila abitanti. Uno dei loro contagiati (Gayà, ndr) ha giocato titolare contro di noi: stiamo aspettando per vedere se qualcuno di noi mostra sintomi”. Il capitano dell’Atalanta ammette di aver preso la situazione “alla leggera” all’inizio: “Pensavamo fosse solo un’altra influenza, solo con i morti abbiamo capito che non era così. I militari hanno portato via le bare perché non c’è più posto nei cimiteri: è tremendo”. Gomez rivela di essere in contatto con i connazionali Dybala e Pezzella, entrambi positivi al Covid-19, e invita gli argentini a stare a casa: “Sono già informati di ciò che sta accadendo in Europa e hanno fermato il Paese il prima presto possibile per evitare i contagi. Ognuno di noi deve essere responsabile”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, l’Uefa: finali delle Coppe europee a data da definire
Nessuna decisione per Champions ed Europa League, anche femminile
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
19:27
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Posticipate le finali per club di Champions ed Europa League, originariamente previste per maggio. Lo ha formalizzato l’Uefa, senza indicare nuove date per le due partite, a causa della crisi sanitaria legata alla pandemia da coronavirus. Nessuna decisione è
invece stata ancora presa in termini di date per la riorganizzazione delle finali, compresa quella della Champions League femminile.
Il gruppo di lavoro, istituito la scorsa settimana a seguito della conference call tra gli stakeholders del calcio europeo, presieduta dal presidente Uefa Aleksander Ceferin, valuterà le opzioni disponibili. Il gruppo ha già iniziato ad esaminare il calendario. Gli annunci saranno fatti a tempo debito, conclude il comunicato dell’Uefa.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Ligue 1: non esclusa fine stagione il 15 luglio
Primo obiettivo resta finire entro il 30 giugno
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
22:11
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Dopo aver dichiarato di voler chiudere la stagione di Ligue 1 e Ligue 2 il 30 giugno, ora la Lega Calcio francese (Lfp) non esclude uno stop al 15 luglio, a causa della pandemia di coronavirus. Al termine di una riunione del consiglio di amministrazione, la Lfp ha ricordato l’obiettivo prioritario di concludere la stagione entro il 30 giugno 2020 o eventualmente il 15 Luglio. “Ci siamo messi d’accordo per fare di tutto per finire il 30 giugno. L’obiettivo è il 30, ma se dovessimo finire oltre, ci adatteremo, con i club e i giocatori”, ha dichiarato martedì scorso il direttore generale esecutivo della Lega calcio francese, Didier Quillot.
La decisione dell’UEFA, annunciata martedì scorso, di spostare il campionato europeo all’estate del 2021 offre nuove possibilità sul calendario per la fine delle competizioni nazionali e internazionali, una volta terminata la pandemia di coronavirus.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus:Atalanta;Hateboer, torneo Fifa20 per beneficenza
L’olandese dei nerazzurri eliminato al primo turno
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
BERGAMO
24 marzo 2020
10:50
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Hans Hateboer ha rappresentato l’Atalanta, come si apprende nel sito ufficiale del club, nella Ultimate QuaranTeam Cup Fifa Tournament 2020, torneo da videogame a Fifa20 organizzato dalla società inglese Leyton Orient (Football League Two, quarta divisione) per beneficenza che ha raccolto l’adesione di 128 team fra cui Fiorentina e Roma. L’esterno olandese dei nerazzurri è uscito ieri sera al primo turno (2-0, un gol per tempo) con il gamer professionista IamTheVindex in rappresentanza dei connazionali del Vitesse Esports. Il ricavato della raccolta fondi verrà destinato per il 75 per cento alla Football League, federazione del calcio inglese che organizza i campionati dalla seconda alla quarta divisione, per sostenere i club in difficoltà economiche per lo stop forzato da emergenza Coronavirus, mentre il restante 25 per cento sarà diviso tra il sostegno alle disabilità mentali e l’Organizzazione Mondiale della Sanità per combattere proprio il Covid-19.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Futre, nel 1987 Berlusconi mi ‘rubò’ Pallone d’oro
Giocatore spagnolo, ‘fecero di tutto per farlo dare a Gullit’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
24 marzo 2020
11:20
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
L’ex calciatore spagnolo Luis Futre, leggenda dell’Atletico Madrid e del Porto, e con brevi trascorsi anche in Italia al Milan, nel 1987 sarebbe stato scippato del Pallone d’oro dall’allora presidente del Milan Silvio Berlusconi, che si sarebbe adoperato per farlo assegnare a Ruud Gullit. Sull’edizione online del Mundo Deportivo l’ex campione spagnolo racconta che quell’anno lui aveva tutti i titoli per vincere il prestigioso riconoscimento, “ero in lotta per vincere -dice Futre- ma poi il premio è stato assegnato a Gullit, la stella olandese del Milan, e io fui secondo. Gullit certo è un campione che meritava di vincere più Palloni d’oro, ma non quell’anno. Si diceva che Berlusconi avesse fatto di tutto per farlo assegnare al suo giocatore olandese. Prima di andare all’Atletico avevo vinto la Champions con il Porto e giocai nella finale la migliore partita della mia carriera. Gullit era al Milan da pochi mesi e aveva vinto solo un campionato in Olanda”. Futre ricorda il voto molto basso datogli da un giornalista portoghese, “per tutta la vita non ha mai voluto spiegarmi il perchè di quel voto”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Lega Pro, occasione per ripensare calcio
Stima 84 mln di perdite,impatti forti anche su prossima stagione
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
24 marzo 2020
12:24
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Salvare la Lega Pro significa anche salvare le piccole e medie aziende alle spalle dei club, il tessuto industriale italiano. E’ il messaggio lanciato dal campionato di Serie C che, in uno studio di PvC Tls, consegnato alla Figc, stima danni per 20-84 milioni di euro su questa stagione per l’emergenza coronavirus, e impatti pesanti sulla prossima, fra mancati incassi da stadio e da sponsorizzazioni.
“La stagione delle riforme per il mondo del calcio è irrinunciabile”, dice il n.1 della Lega Pro, Francesco Ghirelli.
L’obiettivo è ragionare con il governo su misure che possano attingere dal gettito di 1,2 miliardi prodotto dal calcio.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Infantino “priorità battere coronavirus, calcio sia squadra”
Videomessaggio presidente Fifa: “Pallone viene dopo, ora uniti”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
24 marzo 2020
12:18
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Il coronavirus è oggi la priorità, il calcio viene dopo”: questo uno dei passaggi di un breve videomessaggio diffuso dal presidente della Fifa Gianni Infantino.
“Questi -ha detto Infantino- sono giorni difficili, questo è un tempo difficile, abbiamo un grande nemico, il coronavirus. Il calcio deve mostrare solidarietà e unità, e che siamo una squadra. E’ un problema globale, il virus ci sta mostrando quanto è globale il mondo. E i problemi globali hanno bisogno di misure globali”.
“Dobbiamo stare tutti dalla stessa parte, combattere il coronavirus – ha aggiunto il numero uno del calcio mondiale- questa è la nostra prima priorità, questa situazione è seria, il calcio viene dopo. Dobbiamo vincere la partita, lavorare su questo. Nel futuro ci saranno effetti negativi, ma non è questa la priorità, lo faremo e torneremo più forti con nuove idee e penseremo ai bisogni del calcio, ma ora pensiamo a combattere il coronavirus”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, Tommasi: ‘Giocare ad agosto sarebbe una bella notizia’
Il presidente dell’Aic: ‘Bisogna mettere da parte gli interessi personali’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
17:09
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Se si potesse tornare ad agosto, sarebbe una notizia positiva”: lo ha detto Damiano Tommasi, presidente dell’Assocalciatori intervenendo a Radio anch’io Sport, su Rai Radio1, sull’emergenza coronavirus e lo stop ai campionati di calcio.
“Giocare è quello che tutti vorremo fare – ha aggiunto il n.1 dell’Aic – Anche perché sarebbe un segnale che la situazione si è normalizzata. Tornare in campo avanti con la stagione comporta un intervento sui contratti dei giocatori che scadono a giugno e uno spostamento delle competizioni che rischiano di incidere sulla stagione 2020/’21. Bisognerebbe riprogrammare tutto. Sarebbe un sogno tornare a giocare in estate. Le soluzioni vanno trovate nel contesto, mettendo da parte gli interessi personali”.
Tommasi ha risposto poi sulla questione taglio degli ingaggi: “Parlare degli stipendi dei calciatori è un segnale che testimonia di come non siamo allineati con il resto del Paese. Si sta parlando delle mensilità di marzo, che scadono il 20 aprile, di una ripresa di cui non si sa ancora nulla, di danni che non sono ancora stati calcolati. Parlano fra di loro senza confrontarsi con i propri dipendenti. Questo è l’ultimo dei problemi nell’Assemblea di Lega in programma domani. Non sono così ottimista che ci si riesca ad allineare alla situazione del Paese”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Lopetegui, seguito tardi l’esempio dell’Italia
‘Vivo momento drammatico. Morte persone alle quali volevo bene’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
16:13
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Stiamo vivendo questo momento così drammatico nel miglior modo possibile. Ci è toccata la cosa più semplice: restare a casa. La nostra responsabilità è stare qui e cercare di aiutare gli altri, soprattutto i più anziani. A Madrid sono morte persone che conosco, alle quali volevo molto bene. Sono triste e preoccupato. Mio figlio più grande è da solo a Madrid e la situazione si fa ogni giorno più complicata”. Così Julen Lopetegui, ex ct della Spagna, in un’intervista pubblicata sul sito ufficiale del Siviglia, la squadra che allena e che avrebbe dovuto affrontare la Roma negli ottavi dell’Europa League.
“Le misure adottate non sono state sufficienti, anche se è complicato per chi deve prendere le decisioni. Ma avevamo un esempio molto chiaro in Italia, purtroppo lo abbiamo seguito troppo tardi”, conclude.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Buffon e Messi in team Fifa “per dare calcio al coronavirus”
Al via campagna Oms sostenuta dalla federazione di Infantino
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
18:35
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
L’azzurro Gianluigi Buffon, ma anche Messi, Alisson e Xavi, fanno parte della squadra di 28 campioni del presente e del passato unita sotto i colori della Fifa e dell’Oms in un video che intende sensibilizzare tutti sui comportamenti da tenere per combattere la pandemia. “Passa il messaggio per dare un calcio al coronavirus”, si intitola la campagna, che invita tutti a lavarsi le mani con frequenza, a non toccarsi il volto, a mantenere una distanza adeguata dagli altri, a tossire o starnutire in maniera corretta, a stare a casa se indisposti.
La campagna è stata lanciata in via virtuale nella sede dell’Oms, a Ginevra, e il suo direttore generale, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha dato atto alla Fifa e al suo presidente, Gianni Infantino, di aver fin da subito aderito alle iniziative attuate per contrastare il virus. “Alcuni dei più grandi campioni hanno aderito alla campagna e sono uniti nel desiderio di far passare il messaggio per contrastare l’epidemia”, ha detto Infantino.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: positivo tecnico del Galatasaray Terim
Ex di Milan e Fiorentina è in ospedale: ‘Non preoccupatevi’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
ISTANBUL
23 marzo 2020
20:38
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
L’allenatore del club turco del Galatasaray, Fatih Terim, già tecnico di Milan e Fiorentina, è risultato positivo al coronavirus. Lo ha annunciato lo stesso Terim su Twitter. “Sono in buone mani in ospedale. Non vi preoccupate”, ha scritto l’allenatore, che ha 67 anni. In precedenza era risuolato positivo il vicepresidente del club di Istanbul, Abdurrahim Albayrak.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Chiesa fa donazione, Cutrone ‘qui tutto bene’
Attaccante Fiorentina partecipa alla campagna ‘Forza e cuore’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
23 marzo 2020
21:26
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Anche Federico Chiesa ha voluto partecipare alla campagna ‘Forza e cuore’ promossa dalla Fiorentina e dal suo presidente Rocco Commisso a sostegno degli ospedali di Careggi e Santa Maria Nuova di Firenze pr far fronte all’emergenza coronavirus.
L’attaccante viola ha donato 10.000 euro e ad oggi l’iniziativa, che ha avuto eco anche sui media americani, è arrivata a sfiorare i 570.000 euro. La raccolta è ancora aperta sulla piattaforma i GoFundme.com.
Intanto ha rassicurato sulle proprie considerazioni Patrick Cutrone, uno dei tre giocatori viola (insieme a Vlahovic e Pezzell) ad essere risultato positivo giorni fa al test Covid-19. A testimoniarlo un video pubblicato sui propri social dallo stesso attaccante della Fiorentina mentre sta per cominciare ad allenarsi su un tappetino da palestra, con il suo cagnolino che lo sta distogliendo: ”Qui tutto bene, anche se qualcuno non mi lascia allenare…” il commento divertito postato dal giocatore. Infine ha destato reazione a Firenze l’annuncio di Fatih Terim, ex allenatore fra l’altro della Fiorentina, attualmente ricoverato in ospedale dopo aver contratto il virus.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Maldini: ‘Il coraggio dei medici è orgoglio Italia’
Dt Milan positivo, lo debellerò in una settimana
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 marzo 2020
22:00
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Paolo Maldini rassicura tutti sulle condizioni sue e di suo figlio Daniel, positivi al Covid-19 (“stiamo bene, lo debelleremo in una settimana”), ringrazia “per l’affetto ricevuto” e lancia un messaggio. “Volevo ringraziare – dice il dt del Milan in un video su Instagram – tutti quei dottori, gli infermieri, operatori sanitari, protezione civile, forze dell’ordine che stanno affrontando quest’emergenza con il massimo della professionalità e con un coraggio enorme. Ancora una volta ci fate sentire orgogliosi di essere italiani”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus:Mourinho ‘in campo’ per aiutare anziani a Londra
Lo Special One collabora con associazione per consegnare cibo
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
22:06
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Una visita da un vero ‘Special One’ quella che hanno ricevuto alcuni anziani della zona nord di Londra. José Mourinho è infatti sceso in campo al fianco dell’associazione Age UK per distribuire beni di prima necessità alle persone chiuse in casa per l’emergenza coronavirus. Un piccolo aiuto per coloro che saranno costretti a rimanere nella propria dimora almeno per le prossime tre settimane, seguendo i consigli delle autorità sanitarie britanniche. Un gesto che ha subito fatto il giro del web e riscosso il plauso di tutti i tifosi, del Tottenham e non solo. “Sto dando un piccolo aiuto a Age UK Enfield e LoveYourDoorStep Enfield”, le parole pronunciate da Mourinho in un video su Internet.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: ex presidente Martin in ospedale
Guidò il club spagnolo da febbraio ad aprile 2006
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
22:51
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La sfortuna sembra aver preso di mira il Real Madrid. Dopo la morte dell’ex presidente Lorenzo Sanz a causa del Coronavirus, infatti, stando a quanto scritto dal quotidiano spagnolo Marca, un altro vecchio numero uno delle Merengues, dopo aver accusato alcuni sintomi, sarebbe stato ricoverato. Si tratta di Fernando Martin, alla guida del club per circa due mesi, da febbraio ad aprile 2006, prendendo il posto proprio di Florentino Perez (numero uno attuale del club) e guidando i Blancos fino all’elezione di Ramón Calderón.
Martin, 72 anni, dopo aver accusato alcuni sintomi, secondo quanto riferisce Marca, sarebbe stato trasportato all’ospedale Puerta de Hierro di Madrid.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Marotta a ds, chiamati a senso responsabilità
Avviati contatti con Leghe per sicurezza economica a dirigenti
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 marzo 2020
23:28
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
”In un momento così difficile, costretti (giustamente) all’isolamento che ci comporta la lontananza fisica dal lavoro e in molti casi anche dagli affetti più cari, siamo chiamati tutti a un alto senso di responsabilità per far sì che si possa riprendere quanto prima una vita normale”: lo dice l’ad dell’Inter Beppe Marotta in una nota pubblicata sul sito di Adise di cui è presidente. ”Sia pure da lontano vi rivolgo questo messaggio – scrive Marotta rivolgendosi ai direttori sportivi – per farmi sentire idealmente vicino a ciascuno di voi. Nel contempo vi informo che l’A.Di.Se., visto l’attuale blocco di ogni attività sportiva, ha avviato contatti con le varie Leghe affinché possa essere garantita la sicurezza economica vostra e delle vostre famiglie”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Calcio: ritorno Icardi in Italia, la Juventus è in pole
Per bomber Psg resta l’ipotesi del ritorno all’Inter
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
24 marzo 2020
16:57
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Nonostante un buon inizio con la maglia del Paris Saint Germain, il futuro di Mauro Icardi sarà quasi sicuramente lontano da Parigi. La discordanza di vedute tra Tuchel e Leonardo, oltre ai 70 milioni di euro richiesti dall’Inter per il riscatto (prezzo ritenuto eccessivo dai parigini) spingeranno quasi inevitabilmente Icardi ad un ritorno in Italia. Ma quale sarà il suo futuro? Se lo sono chiesto anche gli analisti di Sisal Matchpoint, che per lui vedono un rientro all’Inter, quotato a 2.00. Oltre a questa, però, ci sono diverse ipotesi allettanti. Prima fra tutte quella rappresentata dalla Juventus. Un approdo di Icardi a Torino entro il 31 agosto 2020, infatti, si gioca a 3.50. Quasi al doppio (7.50) la quota della permanenza al Paris Saint Germain, mentre Napoli, Real Madrid, Manchester United e Atletico Madrid (a 12.00) sono nella lista degli outsider insieme al Barcellona (16.00).
Improbabile uno scavalcamento dall’altra parte del Naviglio, visto che l’acquisto da parte del Milan è dato a 20.00, così come l’approdo al Bayern Monaco.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Ferrero “per me questo campionato finisce qui”
N.1 Samp: “Prossimo anno si potrebbe giocare a 22 squadre”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
24 marzo 2020
19:02
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Che Serie A dovrebbe essere l’anno prossimo? La stessa di quest’anno. Per me il campionato finisce qui. L’anno prossimo si potrebbe giocare a 22 squadre”. Così il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero a Radio Radio parlando dell’emergenza Coronavirus che ha fermato il calcio italiano. “Il Benevento che ha 69 punti che deve dire? Non può restare a guardare. Scudetto? So che Lotito mi odierà ma così è la vita. Per me finisce così, con queste posizioni. Questa è la direzione da prendere”. Ferrero aggiunge: “Facciamo un’ipotesi, ci danno un mese di preparazione dal 4 aprile, arriviamo al 4 maggio: dovremo fare dodici partite. Arriviamo ad agosto. Che succede con il campionato successivo? Cominciamo a parlare del dopo, non del prima”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: fidanzata di Rugani: “Tampone 8 marzo”. Juve no, l’11
Scompiglio sulla data delle analisi al bianconero
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
24 marzo 2020
13:06
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Ha creato un po’ di scompiglio l’intervista al portale TPI (The Post Internazionale) rilasciata da Michela Persico, la fidanzata del calciatore della Juventus Daniele Rugani, nella quale ricostruisce il caso della positività al coronavirus del difensore bianconero. La giornalista, originaria di Alzano Lombardo (Bergamo), sostiene che il tampone a Rugani per la ricerca del virus è stato effettuato domenica 8 marzo, giorno di Juventus-Inter, e che l’esito gli è stato comunicato il 9. La Juventus contesta questa ricostruzione e fa sapere che la data del test è mercoledì 11 marzo: l’analisi sarebbe stata effettuata al mattino, il responso consegnato alla sera. Alle 23 dell’11 marzo il club bianconero ha diffuso il comunicato ufficiale della positività di Rugani, primo caso di calciatore della serie A reso noto. JUVENTUS

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Calcio femminile, 125 anni fa il primo match
Si giocò a Londra dopo l’annuncio pubblicato da una cassiera
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
20:47
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Esattamente 125 anni fa, il 23 marzo 1895, Londra ospitò la prima partita di calcio fra due squadre formate da sole donne. Divise in due formazioni, che rappresentavano il nord e il sud della City, quelle ragazze scesero in campo senza sapere che sarebbero entrate nella storia.
Come il calcio maschile, dunque, anche quello femminile nacque Oltremanica. Accadde grazie all’annuncio pubblicato su un giornale da Nettie Honeyball, una cassiera che sarebbe diventata l’ideatrice della prima Lega calcistica in rosa.
La Lega Pro italiana aveva organizzato per oggi un caffè letterario nella propria sede per celebrare l’evento, facendolo diventare un motivo di confronto e dibattito sulla realtà del calcio femminile, 125 anni dopo. Un modo per rendere omaggio a Nettie, alla quale è intitolata anche la limonaia nel giardino della sede. Ma il coronavirus ha costretto gli organizzatori a rimandare l’appuntamento.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Messi e i ‘Paperoni’, il calcio prima del coronavirus
All’asso del Barça 358.000 euro al giorno, Simeone il tecnico più pagato
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
20:07
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Lionel Messi è ancora una volta il calciatore più ricco del mondo. Nella tradizionale graduatoria stilata da France Football per fotografare i “Paperoni” del mondo del calcio – oggi tutti fermi per l’emergenza coronavirus e alle prese con la concreta possibilità di un taglio degli stipendi – l’asso del Barcellona, con 358.000 euro al giorno, ha vinto per la nona volta in undici anni la classifica dei giocatori con i redditi più alti del mondo.
Tra gli allenatori domina un altro protagonista della Liga spagnola, Diego Simeone, tecnico dell’Atletico Madrid che continua anch’egli a dominare la classifica, così come Neymar nella Ligue 1, mentre Carli Lloyd guida la classifica tra le donne.
La rivista France Football nel suo dossier ‘Gli stipendi delle star’, che verrà pubblicato domani, ha calcolato che il numero 10 del Barcellona guadagna 131 milioni di euro l’anno lordi, tra stipendi e pubblicità, seguito dal numero 7 della Juventus, Cristiano Ronaldo con 118 milioni, e dal brasiliano del Psg Neymar, con 95 milioni.
Tra gli allenatori, come detto, guida Diego Simeone con 40,5 milioni di euro, inclusi stipendio lordo 2019/’20, entrate pubblicitarie e bonus della stagione precedente. Lo seguono il tecnico dell’Inter Antonio Conte con 30 milioni e Pep Guardiola, del Manchester City, con 27 milioni.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Vlahovic,Pazienza e ne usciremo tutti più forti
L’attaccante viola: ‘Che voglia di sentire l’odore dell’erba’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
24 marzo 2020
20:51
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
”Ho voglia di sentire l’odore dell’erba, correre, sudare, il rumore dei tacchetti. Ancora un po’ di pazienza e ne usciremo tutti più forti”. E’ il messaggio postato da Dusan Vlahovic sul proprio profilo ufficiale Instagram.
L’attaccante della Fiorentina classe 2000 è uno dei tre giocatori viola, insieme a German Pezzella e a Patrick Cutrone, risultato positivo giorni fa al test del coronavirus. Cosa che ha obbligato il resto della squadra compreso lo staff tecnico alla quarantena.
Intanto non si ferma la campagna ‘Forza e cuore’ promossa una settimana fa dalla società viola e dal suo presidente Rocco Commisso sulla piattaforma Gofundme a sostegno degli ospedali fiorentini dii Careggi e Santa Maria Nuova: la raccolta fondi è ormai ad un passo da quota 600.000 euro.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Lazio: Correa “ora stringiamo i denti, ripartiremo”
“Le mie giornate a casa, la ripresa sarà dura per tutti”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
24 marzo 2020
14:16
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Adesso dobbiamo stringere i denti, allenarci bene e ripartire alla grande appena possibile. La ripresa sarà dura per tutti, è strano fermarsi due mesi, come iniziare una nuova stagione”. Joaquin Correa, attaccante della Lazio, ha raccontato a Sky Sport come sta vivendo lo stop del campionato a causa del coronavirus, sia emotivamente che fisicamente.
“Ho la famiglia lontana, i miei genitori e la mia ragazza. Sono preoccupati, è brutto, vedo la loro preoccupazione” ha detto l’argentino. La sua giornata tipo segue una routine precisa, fatta anche di preparazione: “Mi alzo presto, organizzo le cose in casa, prendo il mate tre o quattro volte al giorno (sorride), mi alleno. Al mattino faccio un po’ di tapis roulant, cerco di cucinare ogni volta qualcosa di diverso. Nel pomeriggio faccio palestra, leggo, gioco alla playstation, mi vedo qualche film”.
“Con i miei compagni ci sentiamo sempre, il mister ci tranquillizza. Ci scrive infondendoci tranquillità e serenità, dicendo di resistere. Siamo lontani ma anche vicini” ha aggiunto. Peccato per la sosta forzata, che ha colto la Lazio in un momento in cui “stavamo tutti bene, anche quelli che non giocavano. Io venivo da un infortunio, ma la vera forza era il gruppo che ha fatto la differenza”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus:figlia Terim “mio padre in ospedale,ma sta bene”
L’allenatore turco ex Milan e Fiorentina positivo è ricoverato
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
ISTANBUL
24 marzo 2020
14:23
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Mio padre al momento sta bene ed è sottoposto alle cure in ospedale”. Lo ha detto Buse Terim Bahcekapili, figlia dell’allenatore del club turco del Galatasaray, Fatih Terim, ex tecnico di Milan e Fiorentina, che ieri sera aveva annunciato di essere risultato positivo al coronavirus. “Spero che tutto andrà bene. Grazie a tutti per i vostri auguri e i messaggi. Se possibile, non lasciate le vostre case. Isolatevi a casa”, ha aggiunto la figlia dell’allenatore turco in un messaggio video, in cui ha sottolineato che il padre, 66 anni, non è un fumatore e non soffre di malattie croniche.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Bonucci, quarantena mi ha fatto tornare bambino
“In cortile con mio figlio. Fuori gli eroi che salvano vite”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
24 marzo 2020
14:28
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Ho apprezzato e ringraziato questa quarantena perché ho potuto fare quello che non avevo mai potuto fare prima: tornare bambino e giocare in cortile con mio figlio.
Restare a casa non è poi così male”. Così Leonardo Bonucci, in un lungo post su Instagram. “Quel tempo che abbiamo sempre detto di non avere, – prosegue il difensore della Juventus – oggi ci è stato donato. Non sprechiamolo a lamentarci ma viviamolo facendo quello che abbiamo sempre rimandato perché dicevamo di non avere tempo”.
La sosta forzata ha fatto rivivere vecchi tempi a Bonucci, quelli di Noi da piccoli, – scrive sui social – le partite infinite nel cortile di casa. Quando scendevi per primo e aspettavi che arrivassero tutti gli altri, ti mettevi lì e cominciavi a giocare a battimuro. Volevi essere più preciso e miravi quel buco che c’era sulla parte di muro che avevi deciso fosse tua amica e poi piano piano cominciavano ad arrivare tutti gli altri. Iniziava la Finale di Coppa del Mondo del cortile.
Ieri con Lorenzo ho avuto la fortuna di rivivere il passato, quel passato che nessuno dimenticherà mai. Mentre fuori c’è chi che sta combattendo la propria battaglia. Mentre fuori ci sono tutti coloro che salvano vite e ai quali bisogna soltanto dire grazie ed essere orgogliosi e fieri di questi eroi”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Asamoah, inizio non preso seriamente situazione
In Italia abbiamo continuato attività e si è diffuso virus
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 marzo 2020
17:26
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
”Ora possiamo andare dove vogliamo, tutti i programmi di allenamenti sono stati cancellati. Qui a Milano hanno chiuso tutto. Non è stato facile, non l’abbiamo presa seriamente all’inizio. La gente continuava a fare le proprie attività ogni giorni, ecco perché il virus si è diffuso così velocemente”: Kwadwo Asamoah racconta così la situazione italiana in un’intervista a Peace FM. L’esterno nerazzurro, come il resto dell’Inter, ha terminato il periodo di isolamento di quindici giorni. Ora il club ha concesso ai giocatori stranieri di poter lasciare l’Italia per raggiungere la famiglia e Brozovic e Handanovic sono già partiti. ”Nessun giocatore dell’Inter lo ha contratto: dispiace aver saputo che alcuni giocatori sono risultati positivi – continua Asamoah – specialmente quelli della Juventus, l’ultima squadra contro cui abbiamo giocato. Anche quando hai una tosse normale hai paura e pensi di avere il virus. Consiglio al Ghana di prenderlo molto seriamente. Non è facile, ma i cittadini devono seguire i consigli dei dottori e del governo”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Nicola risponde ai tifosi del Genoa su Instagram
Il tecnico rossoblu “Qui mi sento a casa”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
24 marzo 2020
19:39
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Chiacchierata su Instagram per il tecnico del Genoa Davide Nicola con i tifosi. Nicola ha trattato molti argomenti, dalla lotta salvezza (“Ci credo ciecamente e lo desidero fortemente. Sono certo che attraverso questo percorso di lavoro intrapreso raggiungeremo ciò che vogliamo”), alla quarantena forzata, sino alla sua idea di calcio: “Mi piace un calcio veloce, propositivo, molto aggressivo. Mi piace costruire da dietro per poter arrivare sulla linea degli attaccanti”.
“Una volta arrivato ho detto quale fosse la mia idea di gruppo e di calcio. Si è fatta un’analisi dei giocatori a disposizione e si è deciso di iniziare a lavorare su alcune priorità. Da loro ho imparato molto di più: in qualche modo ci siamo completati” ha spiegato rispondendo a chi chiedeva come avesse trasformato il Genoa in poco tempo.
Poi ha raccontato il suo rapporto con il Genoa e Genova: “Qui a Genova mi sento a casa, è una realtà che mi fa stare bene. Il Genoa da sempre ha rappresentato per me qualcosa di speciale prima da giocatore e oggi da allenatore. E poi io gran parte del percorso scolastico l’ho fatto qui, mia moglie è di Genova e 4 dei miei cinque figli sono nati a Genova”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Atalanta, Sportiello positivo
Squadra in quarantena fino al 27 marzo. Portiere è asintomatico
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
BERGAMO
24 marzo 2020
19:50
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
C’è un positivo al Coronavirus anche nell’Atalanta. Si tratta del portiere Marco Sportiello, titolare a Valencia il 10 marzo scorso nella gara di ritorno degli ottavi di finale di Champions League. Lo rende noto il club nerazzurro sul sito ufficiale.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: altri cinque giocatori Inter lasciano Italia
Dopo Brozovic e Handanovic, partono Lukaku, Moses, Young e Godin
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
24 marzo 2020
20:01
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Gran parte dei giocatori stranieri dell’Inter ha lasciato l’Italia per raggiungere la propria famiglia all’estero. E’ partito per il Belgio Romelu Lukaku, che nei giorni scorsi aveva detto di sentire la mancanza della madre e del figlio, e per l’Inghilterra Moses, Young ed Eriksen che ha passato le ultime due settimane da solo ad Appiano Gentile dopo la chiusura dell’albergo in cui alloggiava. E’ volato verso l’Uruguay anche Diego Godin, mentre Brozovic e Handanovic avevano lasciato l’Italia ieri. I giocatori stranieri hanno avuto il via libera dal club dopo aver trascorso quindici giorni in isolamento domiciliare dopo il contatto con Daniele Rugani in Juventus-Inter. Nessun calciatore ha mostrato sintomi e quindi il club non ha eseguito tamponi di verifica per il coronavirus.

Calcio tutte le notizie in tempo reale. Tutto il Mondo del Calcio sempre aggiornato ed approfondito, da non perdere! SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 14 minuti

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 11:01 DI DOMENICA 22 MARZO 2020

ALLE 14:35 DI LUNEDì 23 MARZO 2020

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus: distrutto striscione tifosi Atalanta-Brescia
Sindaco Sarnico, ‘vergogna per chi ha commesso questo gesto!’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
BERGAMO
22 marzo 2020 11:01
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Lo striscione di solidarietà tra la tifoseria dell’Atalanta e quella del Brescia esposto nei giorni scorsi sul ponte sul lago d’Iseo che collega la sponda bergamasca a Sarnico con quella bresciana a Paratico è stato distrutto da un atto di vandalismo. A denunciarlo, sulla sua pagina Facebook, il sindaco di Sarnico Giorgio Bertazzoli. “Purtroppo devo denunciare questo fatto di assoluta gravità! Stanotte è stato tagliato lo striscione fatto dal Club Amici dell’Atalanta di Sarnico… uno striscione messo nei giorni scorsi sul nostro ponte tra Sarnico e Paratico che divide a metà le province di Bergamo e Brescia…”, si legge. “Lo striscione recitava così: Divisi sugli spalti, uniti nel dolore. Brescia e Bergamo in questo momento difficile stanno soffrendo per i propri cari. Come Sindaco di Sarnico dico solo una parola! “VERGOGNA” per chi ha commesso questo gesto!”, prosegue il primo cittadino. Infine, un ringraziamento che coincide con un appello all’unità d’intenti dei due territori più colpiti dall’emergenza Coronavirus: “Invece ringrazio tutti i bergamaschi e bresciani che in questo momento Resistono e Soffrono insieme! Lo sport deve sempre unire!!! Atalanta e Brescia unite”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Lazio,ripresa allenamenti slitta a data da destinarsi
Club ci ripensa, ritorno precedentemente fissato a domani
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
ROMA
22 marzo 2020
15:29
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Slitta a data da destinarsi la ripresa degli allenamenti della Lazio, precedentemente fissata per domani. Lo ha annunciato il club biancoceleste.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus:Haaland,prendetevi cura anche della vostre menti
Bomber Dortmund consiglia meditazione per superare stress
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
22 marzo 2020
17:32
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Questa pandemia ci sta sottoponendo a molto più stress e incertezze del normale. Se in questi giorni ti senti ansioso, non sei solo. Oltre a prenderci cura dei nostri corpi, dobbiamo prenderci cura anche della nostra mente”.
Questo il pensiero, espresso tramite Instagram, del bomber del Borussia Dortmund Erling Haaland, che posta anche una foto di se stesso, seduto sul campo da gioco in posa meditativa. “La meditazione è una cosa seria – sottolinea Haaland – e può sicuramente aiutarci a regolarizzare le nostre emozione in modo da poter fare più attenzione agli altri e a comportarci in modo più altruista. Abbiamo bisogno di sentirci una comunità”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: l’Anderlecht licenzia il suo vice allenatore
Decisione per la crisi finanziaria dopo lo stop del campionato
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
22 marzo 2020
21:05
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Il club belga Anderlecht ha annunciato il licenziamento del suo vice allenatore, lo svedese Par Zetterberg, per motivi finanziari dopo che la pandemia di coronavirus ha portato alla cessazione del campionato di calcio. In una nota, il club belga ha spiegato che il licenziamento del 49enne Zetterberg è dovuto “alla significativa perdita di entrate dopo la fine del campionato” per l’emergenza Coronavirus. “Il calcio professionistico, come la maggior parte delle altre attività economiche, deve affrontare una grande sfida a causa dell’epidemia del virus Covid 19. Questo ha un grande impatto finanziario sul funzionamento del club”, afferma il club.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: giocatori Barcellona pronti a ridursi stipendi
Accordo di massima.Domani Bartomeu ne parla con Eca,Uefa e Leghe
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
22 marzo 2020
21:07
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
I giocatori del Barcellona sono pronti a tagliarsi gli stipendi per far fronte all’emergenza coronavirus. Secondo quanto riporta “Sport”, la prima squadra e la dirigenza avrebbero infatti trovato l’accordo per la riduzione dei salari dopo il confronto avvenuto nei giorni scorsi tra il presidente del club, Josep María Bartomeu, e i capitani della prima squadra (Leo Messi, Busquets, Sergi Roberto e Piqué). Il tabloid spagnolo parla di una intesa di massima, ancora in fase embrionale ma la disponibilità di club e giocatori è stata totale. Sia i manager che i calciatori hanno capito che questa è una misura essenziale in tempi di crisi globale. Domani il presidente Bartomeu si collegherà in conference call con l’Eca, la Uefa e alcuni membri di altre leghe europee per poter prendere una decisione comune Alcune squadre, soprattutto in Germania, Francia e Svizzera, hanno già annunciato misure specifiche. Tuttavia, il Barça cercherà di garantire che questo tipo di misure possa essere adottato in un quadro comune, comprendente tutte le squadre colpite dalla crisi, in modo che tutti i club in Europa possano applicare lo stesso modello per alleviare i loro conti in questi tempi di crisi.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Sampdoria; Thorsby guarito, ‘sono tornato’
Post giocatore con immegine cyclette nel giardino casa
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
GENOVA
22 marzo 2020
21:07
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Buone notizie per la Sampdoria con il centrocampista norvegese Morten Thorsby che ha fatto un post sul suo profilo Instagram con la scritta ‘I’m back” (“sono tornato”) e l’immagine della cyclette e il tappetino sul proprio giardino di casa. Il giocatore era stato contagiato dal Coronavirus ma adesso sta meglio ed è pronto dunque a riprendere la preparazione dopo qualche giorno di preoccupazione. Tutti i giocatori sono in isolamento nelle proprie abitazioni e stanno seguendo un lavoro personalizzato indicato dallo staff tecnico doriano.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Idea Mancini, amichevole Nazionali con medici e infermieri
Ct: Momento terribile.Campionato?Prima o poi tornare a normalità
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
22 marzo 2020
22:54
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Quando sarà finita questa storia stavo pensando che dovremmo organizzare una partita fra le Nazionali maschile e femminile ed il personale sanitario che sta affrontando l’emergenza Coronavirus. Ne parlero’ col presidente della Figc”: il ct della nazionale di calcio, Roberto Mancini, in collegamento con la trasmissione “Che tempo che fa” lancia la sua idea per ringraziare tutto il personale sanitario in prima linea nella sfida al Covid 19.
“E’ un momento molto difficile – aggiunge – difficile, non stiamo bene per tutto quello che sta accadendo. Dobbiamo rispettare le regole e sperare che finisca in fretta. Quello che sta accadendo a Bergamo, Brescia e Milano è terribile. Bisogna avere rispetto per i medici – sottolinea – abbiamo i medici più bravi, dobbiamo ringraziarli sempre non solo oggi”.
“Se il calcio ha risposto in ritardo? Penso che siamo arrivati un po’ tutti in ritardo, Non solo noi del calcio – sottolinea Mancini – Anche all’estero. È molto difficile, dobbiamo fare attenzione e rispettare le regole. Speriamo finisca in fretta perché è terribile”.
Alla domanda se il campionato può considerarsi finito Mancini dice: “Bisogna vedere. In questo momento non si allena nessuno, ma prima o poi bisognerà tornare alla normalità”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: primo calciatore positivo in Cina, è Fellaini
Belga era tornato da poco da Singapore. Ora è sotto osservazione
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
22 marzo 2020
20:57
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
C’è un caso di positività al Coronavirus anche nel calcio cinese, il primo di cui si venga a conoscenza nella massima serie del paese in cui il Covid-19 ha avuto origine. Si tratta del belga 32enne Marouane Fellaini, secondo quanto ha annunciato il club in cui gioca, lo Shandong Luneng. L’ex del Manchester United, viene precisato, è in buone salute, ma “viene tenuto sotto stretta osservazione e avrà tutta l’assistenza medica di cui c’è bisogno. Il nostro club fa del suo meglio per favorire il pieno recupero di ogni atleta”. Ora staff medico e dirigenza dello Shandong stanno ricostruendo gli ultimi spostamenti di Fellaini, arrivato nei gjorni scorsi a Shangai, proveniente da Singapore.  Successivamente il belga ha preso un treno ad alta velocità per raggiungere Jinan, città in cui ha sede la sua squadra. La sua positività potrebbe portare a un nuovo rinvio della ripresa dell’attività calcistica in Cina, che era prevista per inizio aprile.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus, gli azzurri ai medici: “Tifiamo per voi”
Messaggio dei capitani delle nazionali Chiellini e Sara Gama
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
22 marzo 2020
21:13
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Facciamo il tifo per voi, a nome degli Azzurri e delle Azzurre un ringraziamento speciale ai dottori, agli infermieri ed a tutto il personale ospedaliero. Un abbraccio grande e grazie per tutto quello che state facendo”. Con il messaggio dei capitani delle nazionali di calcio, Giorgio Chiellini e Sara Gama, si conclude la campagna di comunicazione #leregoledelgioco, promossa dalla Figc che attraverso gli Azzurri e le Azzurre vuole contribuire a sensibilizzare i cittadini sulle norme da seguire per contenere la diffusione del coronavirus. Ciascun protagonista della campagna ha realizzato una storia e un breve video invitando il pubblico a condividere il messaggio e ad interagire con l’hashtag ufficiale della campagna. I contenuti pubblicati sui profili social delle due nazionali hanno ottenuto circa 4milioni e 500mila impression con oltre 220mila interazioni. “La campagna ha riscosso un grande successo – dice il presidente della Figc Gabriele Gravina – soprattutto per l’adesione da parte delle Azzurre e degli Azzurri che hanno dimostrato disponibilità e grande senso di responsabilità. L’impegno della Figc non si ferma qui: nei prossimi giorni lanceremo altre iniziative a sostegno di tutti coloro che stanno fronteggiando l’emergenza in prima linea”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Lega Pro, sono 90 le iniziative di tipo sociale
Vi partecipano tutte le squadre di serie C.Anche contro razzismo
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
22 marzo 2020
13:33
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
La serie C fa 90. Infatti sono 90 le iniziative sociali in meno di dieci giorni dalla partenza della campagna di raccolta fondi per gli ospedali, legata all’emergenza, lanciata dal Presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, ai club della C. La campagna vede uniti club, giocatori e tifosi.
Un altro tema, oggetto di un’ iniziativa di queste ore, che ha coinvolto i club, è riferito alla lotta al razzismo. “Oggi e sempre uniti contro il razzismo”. È la frase esposta dai giocatori della C, scritta su fogli, alcuni dei quali coi colori dell’arcobaleno, disegnati dai bambini. È il messaggio di tutta la C contro ogni forma di razzismo che arrivato più forte ieri nella Giornata internazionale per l’eliminazione della discriminazione razziale. Si tratta quindi di una nuova tappa di un percorso contro il razzismo, che ha visto uno dei momenti più rilevanti con il confronto davanti alla riproduzione della cella di Nelson Mandela a Firenze lo scorso 11 febbraio e la campagna social #Cdacasa contro il razzismo.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: alla Juve completati i test, i positivi restano tre
Società ufficializza. Sono Rugani, Matuidi e Dybala. Non ci sono altri casi
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
22 marzo 2020
21:04
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Non ci sono atri casi di positività al Coronavirus tra i giocatori della Juventus oltre a quelli, comunicati nei giorni scorsi, di Rugani, Matuidi e Dybala.  L’esito dei tamponi è già stato consegnato – secondo quanto si apprende – a tutti i giocatori e a parte i 3 per tutti gli altri è stato negativo. Rugani, Matuidi e Dybala stanno comunque tutto bene.
Messaggi d’affetto su Instagram cominciano dei compagni di squadra di Paulo Dybala, il quale ieri ha avuto l’esito del tampone positivo al coronavirus al pari della sua compagna Oriana. “Forza fratellino, mia Joya!”, scrive Miralem Pjanic; “Continua a brillare come la Joya, fratello” è il messaggio di Blaise Matuidi, anche lui colpito dal Covid-19. JUVENTUS

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Coronavirus:Pjanic e Matuidi spronano Dybala,forza fratello’
Messaggi d’affetto dai compagni per la ‘Joya’ argentina
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
TORINO
22 marzo 2020
13:36
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Messaggi d’affetto su Instagram cominciano dei compagni di squadra di Paulo Dybala, il quale ieri ha avuto l’esito del tampone positivo al coronavirus al pari della sua compagna Oriana. “Forza fratellino, mia Joya!”, scrive Miralem Pjanic; “Continua a brillare come la Joya, fratello” è il messaggio di Blaise Matuidi, anche lui colpito dal Covid-19.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Argentina; familiari Dybala messi in isolamento
Trasportati in ospedale poco dopo notizia positività ‘Joya’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
BUENOS AIRES
22 marzo 2020
21:04
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
I familiari di Paulo Dybala che erano tornati in Argentina, provenienti da Torino, lo scorso 12 marzo sono stati prelevati nelle loro abitazioni e messi in isolamento in un ospedale di Cordoba. Lo scrivono i giornali argentini ‘La Voz del Interior’ e ‘Olé’, precisando che si tratta della madre del calciatore, del fratello Gustavo e della fidanzata di quest’ultimo. I tre erano stati a visitare la ‘Joya’ juventina in Italia, e da quando erano tornati in patria, secondo quanto riferito dai vicini di casa del comprensorio ‘Villasol’, erano stati visti uscire molto spesso. Un’ambulanza inviata direttamente dal Ministero della Salute dopo la notizia della positività in Italia del giocatore e della sua compagna ha prelevato i familiari di Dybala e li ha portato nell’Ospedale Rawson, dove i tre sono stati messi in isolamento in atteso dell’esito dei tamponi a cui sono stati sottoposti.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Atalanta; torneremo a cantare, ora state a casa
Appello social con video del coro prenatalizio squadra-tifosi
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
BERGAMO
22 marzo 2020
14:31
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Ritorneremo ad abbracciarci e a cantare tutti insieme, ora è fondamentale restare a casa!”. E’ il messaggio sui profili social ufficiali dell’Atalanta, che conferma l’appello ai bergamaschi a rispettare le misure di contenimento del contagio da Coronavirus sullo sfondo del video della partecipazione (davanti alla Curva Nord) della squadra al coro “Noi cantiamo tutti insieme Bergamo” prima del Christmas Match col Milan (finito 5-0) al Gewiss Stadium del 22 dicembre 2019.
“Oggi più che mai uniti e determinati per vincere una partita in cui siamo tutti protagonisti!”, si legge nel post della società. Seguito dai soliti motti in hashtag: #iorestoacasa e #BergamoMolaMia.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: ressa nei supermercati, Liverpool offre steward
Tweet dell’ad Moore, ‘sono i migliori nel controllare folla’
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
LIVERPOOL
22 marzo 2020
21:05
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Anche a Liverpool, a causa dell’emergenza provocata dal coronavirus, la gente si ammassa fuori dai supermercati, per paura che la merce, e in particolare il cibo, finisca.A volte si fa davvero fatica per contenere il flusso, e soprattutto far rispettare la distanza di sicurezza fra una persona e l’altra, così il club campione d’Europa, che porta il nome della città, ha offerto i propri steward, celebri per la loro efficienza, per cercare di risolvere il problema. “Messaggio ai manager dei supermercati – ha twittato l’amministratore delegato dei Reds, Peter Moore -. Gli steward che lavorano nel nostro stadio mettono a disposizione il loro tempo e la loro esperienza nel controllo delle folle, delle file e anche dei parcheggi. Potranno anche aiutare le persone a portar via la spesa. Nel loro compito sono i migliori, senza dubbio, e saranno felici di aiutarvi e rendere tutto più sicuro. Per favore, mettetevi in contatto #YNWA (You’ll Never Walk Alone)”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus; Dalbert, Brasiliani prendete sul serio Covid-19
Appello del viola ai connazionali: Contagio sarebbe devastante
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
FIRENZE
22 marzo 2020
21:07
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
”Sto registrando questo piccolo messaggio per dare l’allerta, tutti i brasiliani devono essere consapevoli del pericolo che stanno correndo, so che molti nel mio Paese che non stanno ancora prendendo in considerazione i rischi derivati dalla diffusione del Covid-19, ma questo virus è una cosa molto seria”. E’ il messaggio lanciato via video dal giocatore della Fiorentina Dalbert e raccolto da globoesporte.globo.com.  ”La situazione qui in Italia è molto difficile – ha continuato il brasiliano arrivato in estate a Firenze in prestito dall’Inter – Siamo confinati in casa, ci sono il divieto di uscire e di lasciare la propria città per tornare nel Paese d’origine e c’è un decreto che limita gli spostamenti delle persone. Inoltre si è fermato anche il campionato”. Dalbert ha voluto avvisare i propri connazionali dell’emergenza: ”Volevo farvi conoscere tutto questo perché l’Italia ha impiegato molto tempo per capire e prendere le precauzioni necessarie: è un Paese ben organizzato dal punto di vista sanitario – ha sottolineato il 26enne giocatore viola – ma non riesce a supportare così tanti pazienti. Stanno morendo anche molte persone senza oltretutto ricevere neppure una sepoltura decente, le famiglie non sono in grado di seppellire i loro cari e stanno cremando i corpi. C’è davvero tanta disperazione. Di qui il mio appello a tutti i brasiliani: non dovete uscire se non strettamente necessario e dovete evitare ogni contatto fisico.  So che non è facile ma va fatto anche perché il sistema sanitario in Brasile non è buono, per questo c’è il rischio che un eventuale contagio possa rivelarsi devastante per il popolo brasiliano”. Intanto è ormai vicina a 550.000 euro la raccolta fondi promossa dalla Fiorentina e dal suo presidente Rocco Commisso a sostegno delle Fondazioni ospedaliere di Careggi e Santa Maria Nuova.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Tommasi, giocare ad agosto sarebbe bella notizia
Leader Aic: “Bisogna mettere da parte gli interessi personali”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
10:28
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Se si potesse tornare ad agosto sarebbe una notizia positiva”: lo dice Damiano Tommasi, presidente dell’Assocalciatori intervenendo a Radio anch’io Sport, su Radio1, sull’emergenza coronavirus e lo stop ai campionati di calcio. “Giocare è quello che tutti vorremo fare – aggiunge il n.1 dell’Aic – Anche perché sarebbe un segnale che la situazione si è normalizzata. Tornare in campo avanti con la stagione comporta un intervento sui contratti dei giocatori che scadono a giugno e uno spostamento delle competizioni che rischiano di incidere sulla stagione 2020/21. Bisognerebbe riprogrammare tutto. Sarebbe un sogno tornare a giocare in estate. Le soluzioni vanno trovate nel contesto, mettendo da parte gli interessi personali”.
Tommasi ha risposto anche alla richiesta di taglio agli ingaggi: “Parlare degli stipendi dei calciatori è un segnale che testimonia di come non siamo allineati col resto del Paese. Si sta parlando delle mensilità di marzo, che scadono il 20 aprile, di una ripresa di cui non si sa ancora nulla, di danni che non sono ancora stati calcolati. Parlano fra di loro senza confrontarsi con i propri dipendenti. Questo è l’ultimo dei problemi nell’Assemblea di Lega in programma domani. Non sono così ottimista che ci si riesca ad allineare alla situazione del Paese”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Tommasi, pronti a qualsiasi nuovo scenario
Presidente dell’Assocalciatori: “La ripresa sarà progressiva”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
10:30
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“Tornare a muoversi con una squadra in giro per l’Italia sarà una cosa progressiva, in quest’arco di tempo gli atleti ne potrebbero approfittare per ritrovare la forma. Speriamo possano tornare ad allenarsi nelle proprie città. Gli scenari con i quali si ripartirà possono cambiare, perché prima bisogna organizzare la chiusura della stagione agonistica”. Così Damiano Tommasi, presidente dell’Aic, che è intervenuto a Radio Anch’io lo sport, su RadioRai -. “Nella prossima stagione si può partire a bocce ferme, così come possono esserci delle appendici di quella attuale – spiega l’ex centrocampista -. Sono tante le ipotesi. Sento parlare di slittamento delle Olimpiadi, che incidono sull’attività delle Federazioni; non so se si possono disputare partite durante le Olimpiadi. Sono questioni non ancora risolte, ipotesi. Penso che questa discussione ce la porteremo avanti per qualche mese.
Dobbiamo essere pronti a qualsiasi evenienza”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Cannavaro dalla Cina, io controllato ogni giorno
Ex azzurro: “Ripresa campionato? In Cina ci sono voluti mesi”
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
10:36
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
“La situazione in Cina è migliorata, io mi trovo attualmente in quarantena dopo essere rientrato. Al nostro arrivo in aeroporto ci hanno chiesto da dove arrivavamo, ci hanno misurato la febbre, ci hanno fatto tutti i controlli, scannerizzato il volto. Sono a casa da 10 giorni, e ogni giorno devo comunicare la mia situazione. Venerdì finisco, arriverà a casa mia la polizia e mi daranno un documento che dovrò portare in giro assieme al passaporto. Grazie a queste regole stanno controllando il virus”. Lo ha detto Fabio Cannavaro, in collegamento dalla Cina con Radio Anch’io lo sport, il programma di RadioRai.
“La ripresa del campionato in Italia? Qui ci sono voluti quattro mesi: io ero partito dall’Italia il 5 gennaio. La situazione è molto delicata, quindi penso che ci vorranno ancora due mesi, anche se mi auguro prima. In base all’esperienza cinese, i tempi dovrebbero essere simili – ha aggiunto -. Noi non abbiamo avuto casi di positività in squadra, ma bisogna fare molta attenzione, essere cauti. La preoccupazione è tanta, mia moglie e i miei figli sono a Napoli. Ci sono delle restrizioni in Italia, ma nessuno si prende la briga di dire: ‘Va bene stiamo a casa 15-20 giorni’ senza muoverci'”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Castillejo, rimasto per proteggere mia famiglia
Ala spagnola Milan auspica conferma Pioli
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 marzo 2020
14:09
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Samu Castillejo è rimasto a Milano e non è tornato in patria per “non mettere in pericolo” la sua famiglia. Il centrocampista spagnolo del Milan, in un’intervista a Sky, parla dello stato d’animo del gruppo dopo i casi positivi al Coronavirus di Paolo Maldini e del figlio Daniel, attaccante della Primavera ma aggregato alla prima squadra: “C’era preoccupazione per la loro salute. Speriamo che nessun altro compagno risulti positivo. Ieri ho sentito Daniel, mi ha detto che non ha sintomi quindi speriamo vada tutto bene.
La mia famiglia sta bene ma è preoccupata per me che sono qui da solo. Speriamo passi tutto in fretta e rivederli il prima possibile”. Castillejo sul lato sportivo auspica invece che Pioli venga confermato al termine della stagione: “E’ un grande allenatore, speriamo resti anche il prossimo anno. Io ho voglia di rivedere San Siro pieno e sentire l’affetto dei tifosi”.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: Brasile, positivo il presidente del Gremio
E’ il 3/o dirigente positivo nel club calcistico di Porto Alegre
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
12:05
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Il presidente del Gremio, una delle squadra di Porto Alegre (Brasile), è risultato positivo al test del coronavirus. Romildo Bozan Junior, come comunica il sito di Globo Esporte, è “attualmente in buona salute e resterà in isolamento per i prissim otto giorni”, dopo la diagnosi che risale a venerdì scorso. E’ il terzo dirigente del Gremio a risultare positivo al Covid-19 dopo il vicepresidente del CdA, Claudio Oderich, e l’assessore aggiunto alla Presidenza, Eduardo Fernandes.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Coronavirus: ultimo giorno di isolamento domiciliare Inter
Nessun sintomo da giocatori e non necessari tamponi
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
MILANO
23 marzo 2020
12:20
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Per l’Inter oggi è l’ultimo giorno di isolamento domiciliare iniziato quindici giorni fa dopo la positività al Covid-19 di Daniele Rugani e la partita Juventus-Inter giocata a Torino. I giocatori nerazzurri continuano ad allenarsi nelle proprie case, seguendo le indicazioni del club sia per la preparazione fisica che per il regime alimentare. Inizialmente la data per la ripresa degli allenamenti era fissata per il 25 marzo ma la società non prevede di ricominciare le sedute nel breve periodo vista l’emergenza per il coronavirus. Al momento nessun componente della squadra ha mostrato sintomi e non sono stati necessari quindi tamponi.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Tutti su Aubameyang, fra i pretendenti anche l’Inter
Centravanti Arsenal seguito da Conte che lo voleva al Chelsea
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
12:25
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Pierre-Emerick Aubameyang può diventare, quando sarà passata l’emergenza coronavirus, uno dei profili più interessanti del calciomercato estivo. L’attaccante di origini francesi che ha scelto la nazionalità del Gabon, ed è attualmente in forza all’Arsenal di Arteta, almeno secondo quanto riporta il Daily Mail, farebbe gola a diversi club europei, fra i quali il Barcellona, il Paris Saint-Germain, il Manchester United, ma soprattutto l’Inter. L’allenatore Antonio Conte, infatti, è un grande estimatore di Aubameyang, che seguiva già ai tempi in cui allenava il Chelsea, a Londra.
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Lo United punta su Koulibaly, rinunciando a Smalling
Il difensore del Napoli è molto gradito all’allenatore Solskjaer
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
23 marzo 2020
13:07
CALCIO TUTTE LE NOTIZIE
Kalidou Koulibaly, malgrado la stagione tutt’altro che esaltante, condizionata dagli infortunati e da un rendimento nettamente al di sotto dello standard abituale, ‘rischia’ di diventare un uomo-mercato. Il difensore del Napoli, infatti, sembra allontarsi ogni giorno di più da un futuro all’ombra del Vevuvio, avvicinandosi invece alla Premier League. E’ quanto scrive il Daily Mirror, secondo cui Koulibaly farebbe gola al Manchester United, soprattutto se la Roma riscatterà l’altro centrale difensivo Chris Smalling, togliendolo definitivamente dalla disponibilità dei ‘Red devils’.
La quotazione del cartellino del difensore senegalese resta di tutto rispetto, ma il club inglese non sembra badare a spese, nel tentativo di accontentare le richieste dall’allenatore Ole Gunnar Solskjaer, da sempre fra i più grandi estimatori di Koulibaly.

Juventus tutti i video in tempo reale. Tutti i video Bianconeri! Esclusivi, completi e sempre aggiornati!
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

JUVENTUS TUTTI I VIDEO

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

JUVENTUS TUTTI I VIDEO IN TEMPO REALE

JUVENTUS TUTTI I VIDEO IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATI ED ESCLUSIVI

DALLE 13:10 DI MERCOLEDì 18 MARZO 2020

ALLE 15:02 DI DOMENICA 22 MARZO 2020

JUVENTUS TUTTI I VIDEO

INTANTO LEGGI ANCHE: JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Juventus tutte le notizie in tempo reale. Tutto sulla Juventus, sempre aggiornato, completo ed approfondito! SEGUI E CONDIVIDI!
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, Ultim'ora

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 10 minuti

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 12:46 DI MERCOLEDì 18 MARZO 2020

ALLE 14:32 DI DOMENICA 22 MARZO 2020

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Black&White Stories: il cammino verso il 5 maggio
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Le 4 giornate che hanno preceduto la domenica dello scudetto n.26
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Nei tempi recenti si è spesso accostato l’attuale campionato con 3 squadre in lotta per il titolo (Juventus, Lazio e Inter) all’ultimo torneo che ha visto un tale affollamento al vertice, quello del 2001-02. Uno sprint sul filo di lana, una volata a tre che all’ultima giornata ha visto presentarsi al rettilineo finale l’Inter in testa, la Juve a 1 punto di distanza e la Roma immediatamente dietro a 2. Come sia andata a finire, è noto a tutti e nessuna data è probabilmente più evocativa per il popolo bianconero: basta dire 5 maggio e immediatamente suscita emozioni profonde, racchiuse in quella domenica dove l’Inter perde all’Olimpico con la Lazio e viene sorpassata dalla Juve, vittoriosa per 2-0 a Udine. Anche i tricolori del 2013 e del 2014 sono stati conquistati nella stessa giornata, ma non è lo “stesso” 5 maggio. Quello del 2002 rimane inarrivabile perché sono le imprese più insperate quelle che più regalano brividi e rimangono nella memoria.
A rendere mitico il titolo numero 26, non c’è solo il sorpasso conclusivo o la tradizionale rivalità con l’Inter. Quel che rende speciale la rincorsa della Juve di Lippi è la sua lunghezza. A 5 giornate dal termine, i bianconeri accusano un distacco di 6 punti dai nerazzurri e di 3 dalla Roma. In un collegamento alla Domenica Sportiva, Marcello Lippi invita a rinviare l’atto di resa. Nelle successive 4 gare, la squadra fa bottino pieno, conquistandosi il “diritto” al 5 maggio. Ecco tappa per tappa cosa succede, con l’aiuto del racconto di Hurrà Juventus dell’epoca, che registrava anche le pagelle dei quotidiani.
30 GIORNATA PERUGIA-JUVENTUS 0-4
David Trezeguet dopo appena 8 minuti porta in vantaggio i bianconeri. Che al Curi dimostrano di essere assolutamente sul pezzo con un poker di reti (doppietta di Del Piero e gol di Zenoni) proprio mentre l’Inter perde in casa con l’Atalanta. “Prestazione di altissimo livello corale per la Juventus”, scrive il mensile bianconero, e occhio a Pavel Nedved, che non mette il suo nome sul tabellino dei marcatori ma riceve voti altissimi, pronto a ritagliarsi una parte decisiva nel finale di stagione.
31 GIORNATA JUVENTUS-MILAN 1-0
A 12 minuti dal termine, il risultato al Delle Alpi è ancora inchiodato sullo 0-0. La Juve preme, ma non è brillante. Non esistono i grandi film senza i colpi di scena. E quello che garantisce i 3 punti ai bianconeri si materializza con l’autogol di Chamot, una deviazione al volo imparabile per Abbiati. Il distacco dalla vetta rimane inalterato: -3.
32 GIORNATA PIACENZA-JUVENTUS 0-1
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Se la gara precedente è stata una dura prova per i tifosi bianconeri, quella successiva è persino qualcosa di più. Succede tutto negli ultimi istanti di gara: dal possibile addio al sogno tricolore alla concreta apertura di una speranza. A Piacenza ci pensa Pavel Nedved, con una conclusione dal limite dell’area, a trovare la rete della vittoria quando mancano 120 secondi al novantesimo. Contemporaneamente, da Verona arriva la notizia del pareggio in extremis del Chievo con l’Inter (del resto, la zona Cesarini prende il nome da un giocatore della Juve, no?). La Signora è al secondo posto, un solo punto in meno la divide dai nerazzurri e uno in più dalla Roma campione d’Italia in carica.
33 GIORNATA JUVENTUS-BRESCIA 5-0
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Novanta minuti dove non cambia nulla in classifica, preparando così la griglia di partenza per la domenica conclusiva. Ma dentro la cronaca, c’è già la Storia. Perché la Juve travolge il Brescia con un 5-0 sonante, tripletta di David Trezeguet e doppietta di Alessandro Del Piero. Per entrambi, il voto più basso è 7, ma anche molti altri componenti della squadra viaggiano su livelli di eccellenza. E’ il presupposto per la vittoria di Udine, mentre l’Inter offre un segnale di quel crollo che si verificherà a Roma anche in questa giornata, chiudendo il primo tempo col Piacenza sull’1-1, per poi vincere nella ripresa. Nelle 4 partite che precedono il 5 maggio 2002, la formazione di Cuper ha sempre incassato gol e non è mai andata all’intervallo in una situazione di vantaggio.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Under 19, dove siamo rimasti
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
In attesa di ricominciare, riviviamo insieme la stagione dei ragazzi di Mister Zauli fin qui.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Ora in pausa necessaria. I sei mesi dell’Under 19 bianconera prima dello stop sono stati, però, densi di eventi: tra sorprese e grandi rimonte, difficoltà e crescita costante. Riviviamo tutto questo insieme.
L’AVVIO
Un lancio perfetto di Leone, una traiettoria dolcissima, che si spegne, perfetta, sul piede di Leo: conclusione e Juventus in vantaggio. È cominciata così la stagione dei ragazzi di Mister Zauli, chiamato, alla prima ufficiale alla guida della nostra Under 19, a fronteggiare il suo recentissimo passato. I bianconeri battono 3-0 l’Empoli e in quel primo gol c’è la promessa della squadra che il Mister ha in testa: un gruppo con un’idea di calcio definita e da perseguire in ogni situazione e un mix di talenti cresciuti in casa, come Leone, e nuovi arrivati con addosso una voglia pazzesca di dimostrare di essere da Juve, come Leo. Poi ci sono i ragazzi con un percorso meno definito, rappresentati, in quell’esordio, da Kaly Sene: dalla Serie D al bianconero l’anno scorso e una doppietta per partire con il piede giusto.
Neanche il tempo di festeggiare la prima vittoria e il calendario mette subito una prova difficile sulla strada dei bianconeri: l’esordio contro l’Atletico Madrid in Youth League, territorio complesso da conquistare.
La gara contro i Colchoneros, in trasferta, è un trionfo: successo 4-0 e ancora una volta reti non banali. Apre il rigore di Fagioli, talento bianconero, raddoppia Ahamada, classe 2002 appena ‘promosso’ dall’Under 17 (la scelta quest’anno è stata di dare fiducia ai classe 2002) e chiude la doppietta di Pablo Moreno, 2002 anche lui, ma in U19 già l’anno scorso.
I primi due passi nel percorso lungo che sarà la stagione sono perfetti, ma per crescere è inevitabilmente necessario superare le difficoltà.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
RESISTERE
Resistere anche quando le cose si fanno difficili è indispensabile se si vuole costruire qualcosa di bello, e l’Under 19 resiste. Arrivano le sconfitte contro Atalanta, Cagliari e Inter, con la boccata d’ossigeno rappresentata dal successo sul Bayer Leverkusen in Youth League, poi il ko di Pescara e quello in casa contro la Lokomotiv Mosca, quando sarebbe potuto arrivare l’acuto per chiudere quasi del tutto ogni discorso sul primo posto del girone. La giovane età del gruppo costa qualche punto, ma la società ha fiducia nella pianificazione e nel lavoro. E la svolta arriva.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
14 DI FILA
Dal 26 ottobre 2019 al 25 gennaio 2020 la squadra non perde mai, inanellando, tra tutte le competizioni, 14 risultati utili consecutivi. Quanto seminato anche durante la tempesta attecchisce e i frutti sono dolcissimi. La squadra torna alla vittoria contro il Sassuolo e soprattutto espugna il campo della Lokomotiv Mosca grazie alla rete firmata da Elia Petrelli, tornando in corsa per il primo posto nel girone in Youth Leauge, che vorrebbe dire Ottavi di Finale per la prima volta.
Le vittorie contro Lazio e Chievo permettono di arrivare al faccia a faccia con l’Atletico Madrid con il morale alle stelle: vincendo, sarebbe qualificazione con una giornata di anticipo. Passano in vantaggio i Colchoneros, ma Moreno pareggia i conti e Gozzi, all’ultimo pallone della partita, scrive la storia. La Juve è agli Ottavi, e continua la sua corsa anche in campionato, dove si piazza in pinea zona Playoff.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
PAUSA
La sconfitta contro l’Empoli interrompe la striscia di imbattibilità, ma la squadra riparte infliggendo il primo ko in campionato all’Atalanta e provando a strappare il pass per la finale di Coppa Italia. La missione, purtroppo, non viene portata a termine: le semifinali con la Fiorentina finiscono entrambe in parità, 1-1 al Franchi, 2-2 a Vinovo. Passano i viola in virtù del maggior numero di reti segnate in trasferta, al termine di due bellissime sfide. Ora lo stop obbligato, per stare meglio tutti, ma, quando sarà il momento, pronti a ripartire. Ci sono una Youth League da giocare e un campionato tutto da vivere, e ci sono, soprattutto, i nostri ragazzi da veder crescere e diventare grandi.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Black&White Stories: Pietro Magni, il super jolly
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Il record del giocatore più versatile della storia
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Da un po’ di anni a questa parte il dibattito calcistico si orienta sul versante tattico scegliendo due direzioni, non necessariamente antitetiche: i seguaci dei numeri, che conoscono tutti i moduli, ne studiano i presupposti teorici e le applicazioni strategiche, ritenendoli principi fondanti dell’identità di una squadra; i conoscitori dei giocatori, che ragionano principalmente sulle caratteristiche dei protagonisti in campo, magari con un minimo di nostalgia per quella lontana epoca nella quale il numero di maglia dichiarava apertamente il ruolo: l’1 era il portiere, il 3 il terzino sinistro, il 7 l’ala destra, il 9 il centravanti e il 10 era tutta una storia particolare (sul 10 ci sono sempre stati un bel po’ di dibattiti, regista-fantasista-trequartista, in ogni caso il giocatore di classe, perché è evidente che Michel Platini e Roberto Baggio non occupavano la stessa posizione in campo, ma ognuno dei due era portatore di sano spettacolo, di qualità al massimo livello).
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
11 RUOLI PER UN SOLO UOMO
A mettere insieme e d’accordo i due fronti ci potrebbero essere i giocatori cosiddetti “jolly”, una definizione oggi in disuso ma in gran voga nel passato. Sostanzialmente sono quegli elementi che possono adattarsi a ogni soluzione tattica perché capaci di interpretare più funzioni. La versatilità è la loro caratteristica principale e la conseguenza è che li si vede agire un po’ ovunque, per la felicità dei mister che sanno di poter contare su una specie di carta di riserva buona per tutte le occasioni.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Il “super jolly” (attenzione, non è una definizione retorica, ma il titolo di un numero di Hurrà Juventus che lo racconta) è Pietro Magni. Ed è impossibile che qualcuno riesca a intaccare il suo primato (forse in qualche squadra di calcio amatoriale sì, ma anche in quei contesti un minimo di specializzazione esiste…). Perché nella sua carriera, che in bianconero si è sviluppata dal 1942 al 1948, ha ricoperto tutti gli 11 ruoli, compreso in una circostanza quello del portiere dal primo minuto (ed anche bene, la Juve pareggiò a Trieste 1-1 e sulla rete incassata non ebbe particolari responsabilità).
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
I NUMERI DI MAGNI
Le statistiche dicono che nella sua esperienza in Serie A – che lo ha visto militare in altri 3 club (Liguria, Lucchese e Genoa) – per un totale di 192 presenze, Magni ha giocato 45 volte da ala sinistra, 42 da numero 10, 34 da mezzala destra, 19 da mediano, 15 da terzino destro e via via tutti gli altri ruoli.
In un filmato della Settimana Incom del 1948 lo si vede sfidare a bocce il compagno di squadra Ermes Muccinelli: non è dato sapere se anche in quel campo se la cavasse bene…
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
L’impegno educativo di Juventus non si ferma.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
In occasione della “Giornata Internazionale per l’eliminazione delle Discriminazioni Razziali”, Juventus conferma il suo impegno grazie alle attività didattiche a distanza.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Il 21 marzo si celebra la Giornata Internazionale per l’eliminazione delle Discriminazioni Razziali e Juventus ribadisce il proprio impegno a favore di temi come l’integrazione, la lotta al razzismo e alla discriminazione.
in questo momento di emergenza straordinaria e critica per l’intero Paese, Juventus ha rimodulato i propri progetti educativi per far sì che scuole, studenti e famiglie possano continuare il percorso iniziato in aula negli scorsi mesi.
Tra questi, Un Calcio al Razzismo, il percorso didattico gratuito, modulare e interattivo, composto da tre lezioni autoconclusive non si ferma e punta sulla continuità scuola-casa coinvolgendo anche le famiglie sui temi principali che compongono tale percorso: razza, discriminazione, stereotipo e pregiudizio.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Il progetto Un Calcio al Razzismo si inserisce nel perimetro di azione di Juventus Goals con l’obiettivo di rendere le giovani generazioni più consapevoli e responsabili del linguaggio adottato, per mezzo di attività formative e momenti di gioco.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Sempre nell’ambito delle iniziative per il 21 marzo, la piattaforma scolastica dello Juventus College per la didattica a distanza, darà l’opportunità ad alunne e alunni del college bianconero di vivere un momento di lavoro e riflessione. “Razza Umana”, infatti, affronterà la tematica partendo dai concetti di discriminazione e razzismo per arrivare a riflettere sulle relazioni e dinamiche sociali che vivono nel quotidiano a scuola, in squadra o nel loro gruppo di amici.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Under 23, dove siamo rimasti
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
In attesa di ricominciare, riviviamo insieme la stagione dei ragazzi di Mister Pecchia fin qui.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Ora in pausa necessaria. L’Under 23 bianconera, al suo secondo anno in Serie C, si ferma con davanti un finale di stagione tutto da vivere, con all’orizzonte la finale di Coppa Italia di categoria e le ultime gare per guadagnarsi l’accesso ai playoff. La stagione, fino a questo punto, è stata ricca e impegnativa: riviviamola insieme.
NUOVO INIZIO
Seconda stagione per la Juventus U23 e per il secondo anno di fila unica società a portare avanti il progetto seconde squadre. Si riparte dalle certezze dell’anno prima, da quel gruppo con alle spalle già un’esperienza in C, con qualche novità in organico e una nuova guida in panchina: Fabio Pecchia.
Il calendario obbliga subito a giocarsi l’accesso al turno successivo in un trofeo: la Coppa Italia di Serie C. In piena estate, i bianconeri battono 2-0 la Pergolettese (il primo gol stagionale è una perla di Pietro Beruatto, il raddoppio è firmato Toure) e pareggiano 3-3 con la Reggio Audace (tripletta di Lanini): le combinazioni premiano i ragazzi di Pecchia e queste due partite inaugureranno un percorso che porterà molto lontano.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
IL CAMPIONATO
Messa in stand-by la coppa Italia, parte il campionato. Le prime gare sono difficili, poi alla terza giornata, contro l’Arezzo arriva la prima vittoria, cui fanno seguito tre pareggi. Il ko con il Monza potrebbe far vacillare le certezze, invece la squadre ne esce rafforzata: sei risultati utili consecutivi, con quattro vittorie e due pareggi. Un bottino prezioso, che consente di assorbire il piccolo calo di dicembre e affrontare il 2020 in piena corsa per un posto nei playoff.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
LA COPPA
Incastonati tra le sfida di campionato, gli impegni di coppa hanno permesso di togliersi soddisfazioni importanti, segnale tangibile della crescita della squadra. Il cammino è stato quasi perfetto: eliminate Alessandria ai sedicesimi di finale, Pro Vercelli agli ottavi e Piacenza ai quarti. In semifinale faccia a faccia con la Feralpisalò. All’andata la Juve U23 gioca bene, ma perde 2-0, rendendo necessaria, al ritorno, una partita quasi perfetta. La missione riesce e i ragazzi scrivono una delle più belle pagine della loro storia: 4-0 con le reti di Marchi, Zanimacchia (doppietta) e Rafia. Pass per la finale in tasca.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
PAUSA
La grande prova di coppa rilancia ulteriormente anche in campionato: vittorie per 2-1 in casa della capolista Monza e 1-0 sulla Pianese e decimo posto, che vuol dire playoff. Ora tutto in stand-by, per stare meglio tutti, ma quando sarà il momento tutti pronti a ricominciare. Per andare a giocarsi fino in fondo il campionato e provare a scrivere un’altra pagina storica in Coppa Italia.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
COVID-19, terzo giocatore positivo
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Il calciatore Paulo Dybala è risultato positivo. In isolamento volontario domiciliare, è asintomatico e sta bene.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Il calciatore Paulo Dybala è stato sottoposto ad esami medici che hanno rivelato la sua positività al Coronavirus-COVID-19. Il calciatore, da mercoledì 11 marzo, in isolamento volontario domiciliare, continuerà ad essere monitorato e a seguire lo stesso regime. Sta bene ed è asintomatico.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE