Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 15:21 DI MARTEDì 11 DICEMBRE 2018

ALLE 01:17 DI MERCOLEDì 12 DICEMBRE 2018

SOMMARIO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Iniesta in visita al Barça, Messi n.1
“5/o posto Pallone d’Oro non è però insulto,Giappone che pace..”

Barcellona multa Dembelè di 100mila euroRecidivo, giocatore si è presentato in ritardo ad allenamento

Derby Torino, manifesti ‘granata fogne’Sabato la stracittadina, si accende rivalità tifosi

Giudice B: sette fermati per un turnoAmmonizione con diffida per tecnico Brescia Corini

Sala, alternativa stadio area San SiroSindaco “Aspetto che Inter e Milan vengano da me ufficialmente”

Yaya Tourè rescinde, lascia Olympiacos”Separazione consensuale” tra club e 35enne ivoriano

Champions: Allegri, Ronaldo giocaTecnico Juve: “E’ una partita decisiva”

Allegri, la Champions più competitivaDai quarti sarà torneo difficilissimo, spero en plein italiane

Szczesny, su sintetico palla più velocePortiere Juventus, “ma io giocherei anche sulla sabbia”

Governo-Figc ‘5% diritti tv per i vivai’Giorgetti incontra Gravina e Miccichè, linea comune sui giovani

Di Francesco,la Roma deve cambiare rottaTecnico: “Se sono qui vuol dire che c’è la voglia di continuare”

Percassi, primo obiettivo salvezzaPresidente Atalanta: ‘Priorità settore giovanile e stadio’

Champions: Young Boys per l’onore, siamo migliorati moltoAll’andata Juve vinse 3-0, gara importante e prendiamo un punto

Champions League: Liverpool Napoli 1-0, Inter Psv 1-1. Italiane scivolano in Europa LeagueSalah interrompe il sogno degli azzurri. Milik nel finale spreca occasione per pareggiare. A San Siro non basta Icardi, solo pari con PSV. Nerazzurri e partenopei scivolano in Europa League

Derby Mole: Belotti, possiamo fare beneE sfida CR7, ‘è il più forte del mondo ma decide il campo’

Champions: Barcellona, Messi in panchinaFuori dai titolari anche Piquè, Jordi Alba, Rakitic e Busquets

Champions: Napoli eliminatoLiverpool vince 1-0, decide una rete di Salah

Champions:Inter eliminata, 1-1 con PsvPari del Camp Nou condanna i nerazzurri che non battono olandesi

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Visita a sorpresa di Andres Iniesta alla ‘Ciutat Esportiva Joan Gamper’ di Barcellona che è stata la sua casa per 22 anni. Il fuoriclasse spagnolo, che gioca oggi con i giapponesi del Vissel Kobe, ha salutato i suoi ex compagni, accompagnando il suo ritorno via twitter con un nostalgico e romantico: “Tornare è sempre speciale”.
Intervenuto poi a un evento pubblicitario ‘Don Andres’ ha parlato un pò di tutto, dal caso Dembelè (“E’ un giocatore molto valido per il Barça, deve correggere alcuni errori ma non uccidetelo”), al Pallone d’Oro appena assegnato: “Messi al 5/o posto non è un insulto, ma resta il miglior giocatore della storia, è un giocatore che ha tutto: testa, dribbling, destro, sinistro, non ho visto mai nessuno fare quello che fa lui e ogni anno migliora. Arrivare una volta 5/o non è un insulto e comunque sarebbe brutto dire che è ingiusto che abbia vinto Modric, perchè ha avuto una grande stagione”.
Costa caro a Ousmane Dembelé l’insubordinazione di domenica scorsa, quando il talentuoso attaccante francese si è presentato con due ore di ritardo all’allenamento, in programma alle 11. Secondo quanto riporta oggi ‘AS’, l’ala blaugrana dovrà pagare una multa che supererà i 100.000 euro “ma potrebbe anche raddoppiare o triplicare”, in caso di recidiva.
Dembelé, arrivato nell’estate 2017 dal Borussia Dortmund per la cifra record di 105 milioni più 40 di bonus, non è nuovo a questi episodi e già in passato si era presentato in ritardo ad alcuni allenamento, mandando su tutte le furie il tecnico Ernesto Valverde definito “arrabbiato, molto, molto arrabbiato”.
Ma, naturalmente, nell’entità si considera che “il livello che ha questo momento è eccellente” e insistono nel dire che “rimuoverlo dal gruppo o punirlo senza giocare con le prestazioni che ha dimostrato da quando alcune partite avrebbero danneggiato la squadra”. Secondo ‘AS’ il club ha già contattato il giocatore che ha accettato la maxi-multa.
– TORINO

– Si avvicina il derby della Mole, sabato sera allo stadio Grande Torino, e come da tradizione incominciano i pesanti sfottò tra le tifoserie avversarie. La prima ‘mossa’ è dei sostenitori bianconeri: “Questa settimana i topi escono a cercare rogne. Granata tornate nelle fogne”, si legge su alcuni manifesti comparsi in città. Inequivocabile il disegno che accompagna l’insulto, un topo in maglia granata che viene ricacciato in un tombino da un braccio bianconero.
– Sono sette i giocatori squalificati dal giudice sportivo dopo gli incontri della 15/a giornata della Serie B di calcio. Si tratta di Balkovec (Verona), Costa e Volta (Benevento), Rosseti (Ascoli), Bentivoglio e Domizzi (Venezia), Cappelletti (Padova).
L’ammonizione con diffida ha raggiunto l’allenatore del Brescia, Eugenio Corini, “per essere entrato sul terreno di gioco di circa tre metri per contestare una decisione arbitrale.
Il medico della stessa squadra, Maurizio De Gasperi, è stato squalificato fino all’11 febbraio 2019 per aver messo una mano sul braccio del quarto ufficiale, spingendolo, mentre quest’ultimo lo richiamava per impedirgli di entrare in campo senza autorizzazione per soccorrere un giocatore.
– Per il Comune di Milano “sarebbe una buona alternativa” se le due squadre della città, Inter e Milan, decidessero di realizzare un nuovo stadio “nell’area di San Siro”. Lo ha chiarito il sindaco, Giuseppe Sala, a margine di una conferenza stampa, rispondendo ai cronisti che gli hanno chiesto un commento sul nuovo ad del Milan, Ivan Gazidis, che penserebbe a uno stadio di proprietà, insieme all’Inter. “Io aspetto che le squadre vengano da me ufficialmente e ho chiesto che lo facciano entro fine anno. Se l’idea è quella di costruire un nuovo stadio vorrei capire se sarebbe sempre nell’ area di San Siro – ha detto -, che sarebbe una buona alternativa per noi. Un’area limitrofa a noi non andrebbe male”.
– E’ durata solo tre mesi l’avventura di Yaya Tourè all’Olympiacos. L’ex stella di Barcellona e City ha infatti rescisso il contratto col club greco dove era arrivato lo scorso settembre. Da allora però, il 35enne Tourè ha giocato solo cinque volte. La notizia è stata ufficializzata sul sito del club ellenico che parla di “separazione consensuale”.
“Yaya è e rimane un membro importante della famiglia Olympiacos – ricorda l’Olympiacos in una nota – che ha segnato una parte centrale della storia del club (ci aveva giocato anche nella stagione 2005-2006, ndr). Yaya va via come un amico e le porte dell’Olympiacos saranno sempre aperte per lui”. L’ex Pallone d’Oro africano ha avuto una brillantissima carriera, vincendo la Champions con il Barcellona e tre di Premier League con il Manchester City. Ha anche vinto la Coppa d’Africa con la Costa d’Avorio, è stato nominato quattro volte miglior calciatore africano dell’anno, partecipando a tre Coppe del Mondo con la sua nazionale.
– TORINO

“Ronaldo gioca, se non fosse stata decisiva avrebbe riposato. Al posto di Rugani giocherà Chiellini”. Queste alcune anticipazioni di Allegri alla vigilia della sfida con lo Young Boys, decisiva per il primo posto che consentirebbe alla Juventus di evitare agli ottavi le grandi d’Europa: “Ci giochiamo il primo posto contro una squadra che in casa gioca bene – osserva Allegri -. Ci sarà Rugani al fianco di Bonucci, a centrocampo Bentancur giocherà dato che è squalificato per sabato, mentre Alex Sandro è a disposizione ma difficilmente giocherà. In avanti Ronaldo, gli altri li devo decidere”.
– TORINO

– “Quest’anno ci sono tante squadre che possono arrivare in fondo: la Juve, ma anche Barcellona, PSG, Manchester Cuty, Bayern Monaco, lo stesso Liverpool”.
Massimiliano Allegri fa la radiografia alla Champions, che considera “senz’altro più competitiva”. “Quest’anno l’unico turno che può essere più morbido è l’ottavo, se arriviamo primi, altrimenti diventa un ottavo contro una di queste grandi. Ma dai quarti in poi sarà una Champions difficilissima e sarà impossibile trovare un quarto o una semifinale morbida”.
“Evitare le prime è importante”, dunque, per Allegri, che spera nell’en plein delle italiane: “Speriamo passino tutte il turno stasera; questo non vuol dire che affronteremo un ottavo facile, ma sicuramente più morbido…”.
– TORINO

– “Terreno sintetico? Cambia, ma io la Champions la giocherei anche sulla sabbia”. Szczesny scherza sul terreno dello Stade de Suisse di Berna, teatro della sfida di domani tra Juventus e Young Boys. “La palla va più veloce – ha aggiunto -, ma domani dobbiamo conquistare il primo posto, fondamentale. L’abbiamo meritato e dobbiamo confermarlo domani, così aspetteremo sorteggio con più tranquillità”.
– Governo e Federcalcio uniti per adottare misure a favore di vivai e settori giovanili. Incontro a Palazzo Chigi tra i sottosegretari Giorgetti e Valente ed i presidenti di Figc e Lega di A, Gravina e Miccichè. La Figc porterà in discussione al prossimo CF una norma che prevede di destinare il 5% sui trasferimenti a titolo definitivo dei calciatori in favore delle Società che li hanno valorizzati; inoltre il Governo ha deciso una modifica alle quote di ripartizione delle risorse da commercializzazione dei diritti audiovisivi sportivi oggetto della ‘legge Melandri’, prevedendo che una percentuale del 5% sia attribuita in base ai minuti giocati nel massimo campionato da giovani calciatori cresciuti nei settori giovanili italiani, secondo parametri che verranno decisi con successivo Decreto del Presidente del Consiglio e con l’entrata in vigore a partire dalla stagione 2021-2022.
– “Come sto vivendo questo momento? Fa parte del nostro lavoro, è il calcio. Il fatto che io sia qui è perché c’è dall’altra parte la consapevolezza che c’è un allenatore che ha le sue idee anche se magari in questo momento vengono meno, però c’è la voglia di continuare. E io credo nel mio lavoro e in quello che stiamo facendo. Ma è ovvio che bisogna cambiare rotta”. Così il tecnico della Roma, Eusebio Di Francesco, alla vigilia della sfida di Champions League sul campo del Viktoria Plzen. I giallorossi dopo il pari di Cagliari sono andati in ritiro a Trigoria per la seconda volta in stagione. “È stato fatto per capire il motivo” di questo momento difficile attraversato dalla squadra, aggiunge Di Francesco: “Il mio primo pensiero da uomo di calcio è quello di continuare a combattere e trovare le soluzioni”.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

BERGAMO

– ” Per noi è fondamentale la permanenza nella categoria”. Antonio Percassi, intervenuto al tradizionale pranzo prenatalizio con la stampa, fissa l’obiettivo minimo dell’Atalanta: “Secondariamente, a gennaio inaugureremo a Zingonia la nuova struttura del settore giovanile. Terzo, lo stadio – prosegue il presidente nerazzurro – A fine campionato dovremmo essere in grado di iniziare i lavori: valuteremo se finire la stagione a Bergamo oppure giocare altrove le ultime due-tre partite casalinghe”. Percassi ha sottolineato la continuità del progetto affidato alle mani dell’allenatore Gian Piero Gasperini: “È la terza volta che ci troviamo qui prima delle feste e l’Atalanta sta facendo ancora un gran bel campionato – chiude -. Con l’Inter abbiamo toccato il massimo dal punto di vista della qualità e dell’entusiasmo.
La società ha ragazzi, dirigenti e collaboratori in gambissima.
Abbiamo i conti in ordine, il club è gestito da mio figlio Luca a cui noi in famiglia abbiamo addossato la responsabilità della gestione”.
– TORINO

– Stade de Suisse esaurito per l’arrivo della Juventus, che chiede allo Young Boys il lasciapassare per il primo posto del girone. Serve una vittoria, a meno che lo United non riesca ad avere ragione del Valencia, ma la squadra di Gerardo Soane non ci sta a fare da vittima sacrificale. “Rispetto all’andata siamo migliorati molto e, contro Manchester e Valencia abbiamo dimostrato di essere in crescita”, osserva il tecnico alla vigilia della partita.
All’Allianz Stadium finì 3-0 per i bianconeri con una tripletta di Dybala, che fece passare in secondo piano l’assenza per squalifica di Ronaldo. “Limitare grandi campioni come lui è molto difficile – osserva Soane – a volte impossibile. Se marchiamo Ronaldo, gli altri restano liberi…”. Un bel grattacapo per la formazione elvetica, che deve fare a meno di Suleumani: “mancherà alla squadra – ammette l’allenatore – ma abbiamo bravi giocatori che lo possono rimpiazzare”.
L’obiettivo dello Young Boys è quello di onorare la Champions sino in fondo, ma “con una partita importante, e magari con l’avversario non in giornata, si può portare a casa un punto…”. E chissà che la Juve, sette giocatori a vedere la Libertadores, in Spagna, non arrivi distratta alla partita: “Credo che la Juve affronterà questa partita al massimo del suo potenziale e non mi aspetto regali”, taglia corto Soane.

lah interrompe il sogno del Napoli. Milik nel finale spreca occasione per pareggiare. A San Siro non basta Icardi, solo pari con PSV. Nerazzurri e partenopei scivolano in Europa LeagueSvanisce il sogno Champions per l’Inter che si risveglia in Europa League. Non basta il gol di Icardi in rimonta e non basta nemmeno il favore del Barcellona, che ferma il Tottenham: i nerazzurri fanno tutto da soli, fallendo l’unico obiettivo possibile cioè la vittoria contro il PSV Eindhoven. L’Inter va sotto di un gol, perde lucidità ma non il cuore. Ci pensa Icardi a rimettere momentaneamente le cose a posto e gli uomini di Spalletti sono qualificati per un quarto d’ora soltanto. Il gol del Tottenham gela San Siro e l’Inter non trova il raddoppio. L’allenatore tenta la carta di Keita e Lautaro Martinez ma il risultato resta inchiodato sull’1-1. Ed è questa la grande colpa dei nerazzurri, incapaci nel finale di assestare il colpo del ko. Per Spalletti era la partita più importante da quando è a Milano. Aspettative infrante in una serata decisamente amara.Salah interrompe sogno Napoli, azzurri fuori  – Il Napoli esce dalla Champions e lo fa nel modo peggiore, penalizzato dalla differenza reti che qualifica il Liverpool a condanna gli azzurri. E’ un finale incredibile per i partenopei, costretti a uscire con una sola sconfitta nel girone e assistere alla qualificazione dei Reds, battuti per ben tre volte nell’arco della prima fase della competizione. Il Napoli paga incredibilmente l’inutile gol del 3-1 messo a segno al San Paolo da Ben Nabhouane, nella gara vinta con la Stella Rossa. E’ proprio quel gol che nel gioco della differenza reti dà la possibilità agli inglesi di qualificarsi grazie a una vittoria con il minimo scarto. Agli azzurri sarebbe bastato un solo gol per ottenere la qualificazione che sarebbe arrivata anche in caso di sconfitta con un solo gol di scarto, ma non con l’1-0 a favore del Liverpool. E all’ultimo istante di una gara intensissima e combattuta la palla del pareggio capita sui piedi di Milik la cui conclusione viene miracolosamente deviata da Alisson. E’ l’ultimo atto, con gli azzurri costretti a ‘retrocedere’ in Europa League e con il Liverpool che si qualifica assieme al Psg vittorioso a Belgrado.Il quadro della sesta giornata

Monaco-Borussia Dortmund 0-2 (Guerreiro al 15′, 88′)
Club Brugge-Atlético Madrid 0-0
Red Star-PSG 1-4 (Cavani 9′, Neymar 40′, Gobeljic 56′, Marquinos 74′, Mbappe 92′ )
Liverpool-Napoli 1-0 (Salah al 34′)
Inter-PSV 1-1 (Lozano 12′, Icardi)
Barcellona-Tottenham 1-1 (Dembele 7′, Lucas 85′)
Schalke-Lokomotiv 1-0 (Schopf al 91′)
Galatasaray-Porto 2-3 (Felipe 17′, rigore di Marega 42′, rigore Feghouli 46′, Oliveira 57′, Derdiyok 65′)

– Inter eliminata dalla Champions league. I nerazzurri nella sesta e ultima partita del gruppo B di Champions league hanno pareggiato 1-1 con il Psv, ma non è bastato visto il pareggio del Tottenham in casa del Barcellona.
Queste le reti del match di S.Siro: nel pt 13′ Lozano; nel st 28′ Icardi.
– Il Napoli è fuori dalla Champions League. Ha infatti perso 1-0 sul campo del Liverpool, piazzandosi al terzo posto nel girone C a causa del minor numero di gol complessivi segnati rispetto ai Reds. Ora la squadra di Ancelotti farà l’Europa League.
– TORINO

– E’ il gruppo l’arma su cui il Torino vuole puntare per fermare la Juventus dei fuoriclasse.
“Ci si aiuta tutti e undici, se giochiamo da gruppo vero possiamo fare bene”, sostiene capitan Belotti, intervistato da Torino Channel a margine della Cena di Natale al Castello di Montaldo. Un momento “magico, per scambiarsi gli auguri – spiega l’attaccante – ma anche per ricaricare le energie per finire il 2018”.
“La settimana del derby? Lo spirito è carico – le parole di Belotti – Ogni giocatore è concentrato, pronto per questa partita. Sappiamo tutti quanto è importante, sia noi che i tifosi. Anche io sono carico, concentrato”. Torino-Juventus quest’anno è anche la sfida tra Belotti e CR7. “E’ un campione, il giocatore più forte al mondo, sarà un onore giocare contro di lui, ma si decide sul campo…”, dice Belotti.
– Già qualificato per gli ottavi della Champions, nella sfida contro il Tottenham il Barcellona si presenta con sette novità rispetto al trionfo nel derby di sabato scorso contro l’Espanyol. E’ quindi in grande stile il turn over deciso dal tecnico blaugrana Ernesto Valverde che rinuncia a Messi, destinato alla panchina assieme a Ter Stegen, Piquè, Rakitic, Busquets e Jordi Alba. Barcellona, che in casa in Europa non perde da cinque anni, e Tottenham, che al Camp Nou cerca la qualificazione, fanno parte dello stesso girone dell’Inter.
Questa la formazione di questa sera del Barcellona: Cillessen, Semedo, Lenglet, Vermaelen, Miranda; Rakitic, Aleñá, Arthur; Dembele, Munir, Coutinho.     

STAMPA

Annunci
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

CONFERENZA JUVE PRE YOUNG BOYS-JUVENTUS

CONFERENZA JUVE PRE YOUNG BOYS-JUVENTUS

La conferenza stampa integrale della Juventus

rappresentata da Szczesny ed Allegri

DELLE 18:00 DI MARTEDì 11 DICEMBRE 2018

CONFERENZA JUVE PRE YOUNG BOYS-JUVENTUS

Siamo giunti all’ultima partita della prima fase a gironi di questa Champions e la Juventus intende prendersi il primo posto e la vittoria è necessaria per ottenere tale certezza, a meno di passi falsi dello United. Ma questo non interessa ai Bianconeri che intendono fregiarsi del primo posto ampiamente meritato. Il match è in programma alle 21:00 di mercoledì 12 Dicembre 2018 a Berna, in Svizzera.

IL VIDEO: ALLEGRI e SZCZESNY pre YOUNG BOYS vs JUVENTUS Conferenza Stampa

GUARDA SU YOUTUBE:

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 10:04 ALLE 15:21

DI MARTEDì 11 DICEMBRE 2018

SOMMARIO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Neymar sarà ambasciatore Qatar Bank
Accordo firmato a Parigi, brasiliano su tutte pubblicità marchio

Pioli, col Sassuolo si è visto carattereTecnico Fiorentina “Tifosi si aspettano molto”

Champions, Juve recupera Alex SandroOut Khedira e Benatia, oggi la partenza per Berna

Astori: Pioli “sofferenza ulteriore””Dell’indagine ancora si sa poco, difficile dare giudizi”

Stirpe ‘troppo squilibrio risorse in A’N.1 Frosinone “con equa ripartizione avremmo altri obiettivi”

Astori: Nardella “tutta la giustizia””Famiglia e città la meritano”

Ghirelli, solidarietà a Preziosi”Delinquenti e non tifosi, lo stadio non è una zona franca”

Champions, Marotta “ho fiducia in Barça”L’ex ad della Juventus in procinto di passare all’Inter

Cairo, 6/i non a caso, pronti per derbyN.1 Torino “Squadra bene a S.Siro, attraversiamo buon momento”

Tifosa Genoa scrive a figlia Preziosi’Da genoana mi sono sentita uno schifo’. Indagine della polizia

Catania, intimidazione a ad Lo MonacoLa procura ha aperto un’inchiesta

Solari a CR7 “Umiltà virtù dei grandi”Tecnico Real “Cristiano resterà storia vivente di Madrid”

Udinese, Pradè ‘scriverò a Babbo Natale’La squadra è buona, abbiamo potenziale per stare davanti a altri

Collavino: andiamo avanti ma serve tempoDg Udinese: “Convinti che Nicola porterà prestazioni positive”

Young Boys per l’onore, siamo miglioratiAll’andata Juve vinse 3-0, gara importante e prendiamo un punto

Astori:medici indagati convocati 13/12Interrogatorio giovedì 13 in Procura a Firenze

Qual. Euro U21: Italia ‘pesca’ la SveziaPer azzurrini anche Islanda, Rep.Irlanda, Armenia e Lussemburgo – 2 turni stop a Ceppitelli, Srna, Duricic
Giudice, ammenda a Cagliari per comportamento presidente Giulini

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Il Psg ‘blinda’ Neymar. La stella brasiliana, arrivata a Parigi due estati fa, diventerà infatti l’ ‘ambasciatore’ della Qatar National Bank, la più importante istituzione finanziaria del Medio Oriente e dell’Africa, con sede a Doha. L’accordo garantisce a QNB tutti i diritti di marketing di Neymar che apparirà su tutte le piattaforme pubblicitarie del marchio, gli annunci di marketing e attraverso le principali attività commerciali. L’accordo è stato firmato dal padre del giocatore e Yousef Darwish, direttore generale del gruppo di comunicazione QNB, nella sede della filiale della banca di Parigi. La Qatar National Bank è di proprietà della Qatar Investment Authority, che a sua volta fa capo alla Qatar Sports Investment che controlla il Psg e di cui è uno dei principali sponsor.
– “Diversamente dalle prestazioni precedenti l’ultima partita ci ha visti recuperare mostrando carattere pur non giocando bene”. Stefano Pioli torna sul pari della sua Fiorentina col Sassuolo e mostra ottimismo sul prosieguo del campionato. “La tifoseria è normale che si aspetti molto da noi – ha aggiunto il tecnico viola a Roma per il Premio Fortunato -, neanche noi siamo contenti dei risultati e dobbiamo cercare di ribaltare questa situazione. Da domenica gli attaccanti sono tornati a fare gol dopo sette partite senza segnare e questo ci deve far ben sperare. Siamo la squadra più giovane d’Europa ma l’obiettivo resta quello di migliorare la scorsa stagione”.
– TORINO

– La Juventus recupera Alex Sandro per la trasferta di Champions League contro lo Young Boys. Il laterale sembra avere smaltito la contusione alla caviglia rimediata contro il Valencia, lo scorso 27 novembre, e si sta allenando col gruppo. La rifinitura alla Continassa, prima della partenza per Berna.
Ancora out, invece, Khedira, ancora alle prese con il trauma distrattivo alla caviglia, e Benatia, fermato negli ultimi allenamenti da una infiammazione al ginocchio destro.
La conferenza stampa della vigilia è in programma alle 18 di oggi, allo Stade de Suisse, dopo il walk around.

– “L’indagine sulla morte di Astori? Ancora non ne sappiamo molto, quindi è difficile dare dei giudizi ed entrare dentro certe situazioni. Sicuramente è una sofferenza ulteriore per l’ambiente viola e in particolare per la famiglia di Davide”. Così il tecnico della Fiorentina, Stefano Pioli, sulle notizie che vedono indagati per omicidio colposo due medici per la morte di Davide Astori. Il tecnico dei viola, affiancato da Federico Chiesa, ha parlato a margine della consegna del Premio ‘Andrea Fortunato’ al Coni: “Un premio – spiega Pioli – che condivido con tutti i giocatori che ho avuto la scorsa stagione, con tutta la gente viola con cui abbiamo condiviso questa immensa tragedia ma con grande unione e grande sostegno”.
– “Quanto detto da De Laurentiis non mi trova assolutamente d’accordo. Il campionato mostra lo squilibrio e la sproporzione della una distribuzione delle risorse. Se le risorse fossero distribuite in maniera più equilibrata, anche il Frosinone potrebbe competere anche per obiettivi più importanti”. Il presidente del Frosinone, Maurizio Stirpe, risponde così, a margine del Premio ‘Andrea Fortunato’ al Coni, al patron del Napoli, Aurelio De Laurentiis, secondo il quale in Serie A “è tutto così squilibrato senza investimenti, con squadre già retrocesse”.
– FIRENZE

– “Io credo che la famiglia di Davide Astori e la città di Firenze meritino tutta la giustizia possibile, e meritino di conoscere la verità su questa scomparsa così tragica che ancora oggi noi piangiamo”. Lo ha detto Dario Nardella, sindaco di Firenze, a proposito dell’iscrizione di due medici iscritti nel registro degli indagati per la morte del capitano della Fiorentina. Nardella ha parlato a margine del Meeting dei diritti umani della Ragione Toscana al Mandela Forum.
– Il presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, esprime ”solidarietà” ad Enrico Preziosi contro i volgari striscioni esposti in curva domenica pomeriggio a Genova, con bersaglio il presidente del Genoa e la figlia Paola. ”Siamo schierati nettamente – spiega Ghirelli, durante un evento congiunto con la Fip sullo sport femminile – contro quella cosa lì. Recentemente abbiamo incontrato il capo della Polizia, Franco Gabrielli, per ribadire una scelta di campo.
Serve una lotta implacabile contro questi delinquenti che offendono: vanno assicurati alle patrie galere. Vanno chiamati delinquenti, non sono certo tifosi. Lo stadio non è una zona franca, chi sbaglia va arrestato”.
– “Faccio il tifo per tutte le squadre italiane, da tanti anni ci manca l’en plein” agli ottavi di finale di Champions League. Lo ha dichiarato Giuseppe Marotta lasciando il Coni dove ha partecipato al premio Andrea Fortunato. “Fiducia nel Barcellona? Assolutamente sì – ha aggiunto il dirigente che, dopo l’addio alla Juventus, è in procinto di passare all’Inter – ma soprattutto sta alle squadre italiane cercare di vincere”. La squadra nerazzurra, oltre a dover battere il Psv, deve sperare in un risultato negativo del Tottenham al Camp Nou.
– “Siamo sesti non a caso, nonostante qualche punto buttato per strada. Per colpa nostra e qualche volta anche per qualche decisione che ci ha penalizzati. Direi che l’importante è mantenere la massima concentrazione e voglia di far bene”. Così il presidente del Torino, Urbano Cairo, in vista del derby con la Juventus in programma sabato sera. “Come si approccia un derby contro una corazzata come la Juventus? Preparandosi benissimo – ha precisato Cairo a margine della consegna del premio ‘Andrea Fortunato’ al Coni – preparando bene la partita, lavorando bene tutta la settimana e andando in campo con la voglia di far vedere che il Toro è una squadra di qualità, compatta, che deve dimostrare e ha già dimostrato.
Stiamo attraversando un buon momento, adesso abbiamo una partita molto impegnativa sabato con la Juve che le ha vinte tutte tranne un pareggio. Ma il Toro l’ho visto bene a San Siro, direi che la squadra è molto compatta”.
– GENOVA

– Ci sono tifosi del Genoa che prendono le distanze dallo striscione offensivo verso il presidente Enrico Preziosi e in particolare verso sua figlia Paola esposto domenica sera allo stadio. Tra questi c’è una tifosa, Ilaria Capurro, da 33 anni sostenitrice del Genoa, che ha scritto una lettera a Paola Preziosi affidata ai media. “Mi sono sempre sentita orgogliosa di fare parte di questa famiglia genoana, sempre, anche nei momenti più brutti, tristi, tesi o vergognosi – scrive – ma quando dalla sud ho visto quello striscione no, lì no. Non mi sono sentita orgogliosa. Da Donna, da Mamma, da Tifosa, da Genoana mi sono sentita uno schifo. Mi sono vergognata. la contestazione ci sta ma non certi striscioni. E io ci tenevo, da Donna e da Genoana, a dirtelo pubblicamente”. Il gesto dei tifosi è ora nel mirino della questura che sta visionando i filmati delle telecamere dello stadio.
– CATANIA

– Una testa mozzata di maiale travisata con una parrucca bionda e un paio di occhiali è stata trovata questa mattina al centro del campo dello stadio Angelo Massimino con un biglietto di insulti all’amministratore delegato della società Pietro Lo Monaco. La scoperta è stata fatta dai giardinieri comunali che dovevano curare il fondo dell’impianto. Sul posto è intervenuta la Digos della Questura che ha sequestrato la testa mozzata di maiale e avviato le indagini. La polizia non si potrà avvalere delle del sistema di videosorveglianza dell’impianto che viene attivato soltanto prima, durante e dopo le gare. Sull’accaduto ha aperto un inchiesta la procura di Catania.
Il bastone e la carota. Il tecnico del Real Madrid, Santiago Solari, le usa entrambe per rispondere al grande ex Cristiano Ronaldo che in un’intervista ieri sulla ‘Gazzetta’ aveva fatto riferimento alla diversa ‘umiltà’ tra lo spogliatoio madridista e quello bianconero (“qui sono tutti umili e vogliono vincere… Anche a Madrid sono umili, ma qui…
sento che lo sono di più. È molto diverso, questa è più una famiglia”). “L’umiltà è la virtù dei grandi e lo spogliatoio del Real è grande e umile”, ha risposto Solari che ha poi comunque speso parole al miele per CR7: “Cristiano è nostro per sempre, ma i suoi sentimenti non può giudicarli nessuno”. Il tecnico delle merengue spiega poi che il Real punta ancora a tutti gli obiettivi stagionali: “Non ho preferenze, preferirei vincerle entrambe. Ogni torneo che giochiamo, così come anche il Mondiale per club, dobbiamo giocarlo per vincerlo. Siamo ancora in gioco in tutte le competizioni, spero che sarà così fino alla fine”.
– UDINE

“Mai mi sarei aspettato di trovarmi a questo punto; la squadra è buonissima, ha l’unica pecca di essere molto giovane”. Lo ha detto oggi il direttore dell’area tecnica dell’Udinese Calcio, Daniele Pradè all’incontro per gli auguri di Natale con la stampa. “La nostra crescita deve essere costante per tornare quell’Udinese contro cui avevo paura di perdere quando la incontravo. Sono convinto che passerà questo momento perché abbiamo le potenzialità per stare davanti a squadre che ora sono davanti a noi – ha aggiunto svelando che scriverà una “letterina a Babbo Natale” per chiedere “un pizzico di fortuna in più, in campo e fuori; abbiamo avuto talmente tanti infortuni che ci hanno tolto sicurezze che chiedo solo che gli episodi non favorevoli diventino favorevoli, poi tutto andrà per il verso giusto”.
– UDINE

– “Siamo all’indomani di una partita che non è facile commentare ma siamo determinati ad andare avanti perché il cambiamento richiede tempo. Siamo convinti che Nicola saprà rendere le prestazioni positive”. Lo ha detto il Dg dell’Udinese Franco Collavino in occasione dell’incontro per gli auguri di Natale. “Alla fine della stagione scorsa abbiamo fatto una riflessione e investito 52,5 milioni per l’acquisto di giocatori. Per Velazquez i tempi non erano ancora maturi ma avrà un futuro; a novembre abbiamo scelto di affidare la guida tecnica a Nicola che sta lavorando anche sul senso di essere squadra”. Collavino ha ricordato anche gli investimenti effettuati sulla Dacia Arena che “garantisce al territorio possibilità di ospitare e vedere eventi sportivi di grande livello: a marzo 2019 ritornerà la nazionale; a giugno ospiterà il girone con Germania, Austria e Danimarca e la finale di euro Under 21”.
– TORINO

– Stade de Suisse esaurito per l’arrivo della Juventus, che chiede allo Young Boys il lasciapassare per il primo posto del girone. Serve una vittoria, a meno che lo United non riesca ad avere ragione del Valencia, ma la squadra di Gerardo Soane non ci sta a fare da vittima sacrificale.
“Rispetto all’andata siamo migliorati molto e, contro Manchester e Valencia abbiamo dimostrato di essere in crescita”, osserva il tecnico alla vigilia della partita. L’obiettivo è quello di onorare la Champions sino in fondo, ma “con una partita importante, e magari con l’avversario non in giornata, si può portare a casa un punto…”. E chissà che la Juve, sette giocatori a vedere la Libertadores, in Spagna, non arrivi distratta alla partita: “Credo che la Juve affronterà questa partita al massimo del suo potenziale e non mi aspetto regali”, taglia corto Soane.
– FIRENZE

– Sono stati convocati per giovedì 13 dicembre in procura a Firenze i due medici, Giorgio Galanti di Firenze e Francesco Stagno di Cagliari, indagati per omicidio colposo nell’inchiesta per la morte del capitano della Fiorentina Davide Astori. Gli inviti a comparire sono stati notificati la scorsa settimana. A interrogarli saranno il procuratore capo di Firenze Giuseppe Creazzo e il pm Antonio Nastasi, titolari delle indagini.
Giorgio Galanti, all’epoca dei fatti direttore del Centro di medicina dello sport di Careggi, e Francesco Stagno, direttore sanitario dell’Istituto di medicina dello sport di Cagliari, sono accusati di aver firmato, in tempi diversi, l’idoneità sportiva di Astori, nonostante gli esami cardiologici effettuati sul calciatore indicassero, secondo la perizia disposta dalla procura fiorentina, la necessità di eseguire ulteriori approfondimenti.
– L’Italia Under 21 si giocherà la qualificazione all’Europeo 2021 nel girone 1 che comprende Svezia, Islanda, Repubblica d’Irlanda, Armenia e Lussemburgo. Lo ha stabilito il sorteggio effettuato oggi a Nyon e che ha visto le 53 nazionali ai nastri di partenza suddivise in otto gruppi da sei squadre e in uno da cinque. Gli azzurrini erano in prima fascia.
“E’ un girone nella norma con un’avversaria temibile come la Svezia, ma ci faremo trovare sicuramente pronti”, il commento del tecnico Luigi Di Biagio. Le nove vincitrici dei gironi si qualificheranno alla fase finale, che si terrà nel giugno 2021 in Ungheria e Slovenia, mentre le due migliori seconde classificate si contenderanno l’ultimo posto utile nei play off in programma nel novembre 2020.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Dovranno scontare due giornate di squalifica i giocatori del Cagliari Luca Ceppitelli e Darijo Srna, così come Filip Duricic, del Sassuolo. Tutti e tre sono stati espulsi durante la gare della 15/a giornata del campionato di calcio, Serie A. I due cagliaritani hanno ricevuto anche ammende rispettivamente di 6.500,00 e 5.000,00 euro, oltre all’ammonizione. Il giudice sportivo ha inoltre fermato per un turno Bereszynski (Sampdoria), Criscito (Genoa), De Paoli (Chievo), Milenkovic, Fernandes Ribeiro e Veretout (Fiorentina), Bentancur (Juventus). L’Inter dovrà pagare un’ammenda di 15mila euro per intemperanze dei tifosi, il Cagliari 5mila euro per il comportamento tenuto durante la gara dal presidente della società”, Tommaso Giulini, reo di essersi avvicinato al campo aggredendo verbalmente l’arbitro Mazzoleni in occasione della partita con la Roma di sabato scorso.     

STAMPA

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS

TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS

SEMPRE AGGIORNATI

NON PERDETEVELI

IN ESCLUSIVA SU https://tecnologiamauriziobarraaccessibilita.com/

TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS

STAMPA

J Selfie Juventus vs Inter

History 90 minuti per arrivare primi

Highlights Primavera Juventus vs Fiorentina

Highlights Castelvecchio vs Juventus Women

#JUVENTUSTV Puntata 13, la vittoria più larga in Champions League

Documentario Alla scoperta di Berna

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, Ultim'ora

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 02:30 DI LUNEDì 10 DICEMBRE 2018

ALLE 02:20 DI MARTEDì 11 DICEMBRE 2018

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Pjanic: «Vogliamo il primo posto nel girone»
10.12.2018 08:00 – in: La squadra
Pjanic: «Vogliamo il primo posto nel girone»

«Quella di mercoledì è una partita importantissima. Il primo posto nel girone è un obiettivo che abbiamo dimostrato di meritare».
Miralem Pjanic a tutto campo. Il centrocampista bosniaco si è raccontato ai microfoni della Rai, tra presente, obiettivi futuri, e ricordi di un 2018 di grandi successi.
Un presente che vede la Juve in prima fila in campionato e in Champions, dove mercoledì sera avrà l’opportunità, con lo Young Boys, di giocarsi il primo posto nel girone: «Quella di mercoledì è una partita importantissima. Il primo posto del girone è un obiettivofissato da inizio stagione che vogliamo fortemente, e che questa squadra ha dimostrato di meritare».
«In campionato – aggiunge Pjanic – per ora abbiamo un bel vantaggio, che proveremo ad allungare, ma il Napoli e l’Inter hanno dimostrato di essere ottime squadre, e ci sarà da lottare con loro fino alla fine».
Parole al miele per i propri compagni di squadra: «Questa la Juve più forte dopo sette scudetti? Penso di sì – afferma Miralem – Abbiamo una rosa molto ampia e la società sta lavorando ogni anno per migliorarla e vincere lo scudetto. Allegri è un ottimo gestore di rosa ed è molto bravo tatticamente; ci trasmette tantissime qualità».
«In più – aggiunge il centrocampista – sicuramente Cristiano ci sta dando un grande beneficio con la sua esperienza, qualità, e il suo modo di lavorare per migliorarsi in continuazione. Tutti aspetti che mi hanno colpito molto».
Il numero 5 bianconero ha fatto anche il punto sul 2018, che ha visto la Juve entrare nella storia, con il settimo scudetto consecutivo: «Quando firmai con la Juve, il Presidente mi fece vedere una foto della Juve che aveva vinto cinque scudetti di fila, e mi aveva detto che avremmo dovuto superarla. Ci siamo riusciti, arrivando addirittura a sette, ma adesso dobbiamo portare nuovi trofei».
Un anno in cui la vittoria scudetto è coincisa anche con l’addio di Gigi Buffon: «Gigi è una leggenda, probabilmente il portiere più forte di tutti i tempi. E’ stato un uomo importante nello spogliatoio, un esempio che ha trasmesso tutta la sua juventinità. Dopo il suo addio – aggiunge Pjanic -, il punto di riferimento è diventato ancora di più “Chiello”(Giorgio Chiellini ndr). Lui e Gigi sanno farti capire cos’è la Juve: sono modelli da seguire per la loro serietà e professionalità e grandi campioni che è meglio avere sempre come compagni che come avversari».
Infine, il centrocampista bosniaco traccia un quadro degli obiettivi futuri: «Il mio sogno è vincere la Champions League con la Juve, e faremo di tutto per riportarla a casa. Il triplete dev’essere per noi un sogno e un obiettivo».

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Il teatro della sfida di mercoledì: lo Stade de Suisse
10.12.2018 11:49 – in: Champions League
Il teatro della sfida di mercoledì: lo Stade de Suisse

Curiosità e informazioni sull’impianto che ospiterà Young Boys-Juve
E’ nel 1902 che lo Young Boys gioca per la prima volta in un campo sportivo “suo”. Si tratta del campo “Spitalacker”, comunemente detto “Spitteler”, che dopo la Prima Guerra Mondiale, nel 1920, viene riparato con l’aggiunta di una nuova tribuna. Qui lo YB vince il primo Campionato svizzero, nel 1903, e poi compie la “tripletta” 1909-1911.
Dal 1925, la squadra di Berna si trasferisce in una nuova struttura, il “Wankdorfstadion I”: uno stadio moderno, con 22 mila spettatori di capienza, che nel 1937 salirà a 40 mila: lo Young Boys qui vincerà il Campionato nel 1929 e due volte Coppa di Svizzera, ma vivrà anche una retrocessione, nel 1947.
UNA NUOVA STRUTTURA PER I MONDIALI
Ma è di nuovo tempo di cambiare: nel 1954, in Svizzera si tengono i Mondiali di calcio, e per l’occasione è inaugurato il nuovo impianto, il Wankdorfstadion II. Lo Stadio vede il suo record di capienza nel 1959, quando lo Young Boys gioca la semifinale di Coppa dei Campioni contro lo Stade de Reims, di fronte a 63 mila spettatori.
Qui la squadra giallonera gioca fino al 2001, vincendo per cinque volte il campionato (arrivando così a 11 titoli), tre volte la Coppa di Svizzera, una volta la Supercoppa e la Coppa di Lega. L’ultima sfida in questo impianto si tiene il 7 giugno del 2001, un 1-1 contro il Lugano.
Durante i lavori per lo Stade de Suisse, lo Young Boys gioca nella struttura messa a disposizione dal Neufeld.
2005: IL NUOVO IMPIANTO
Lo Stade de Suisse è costruito per ospitare gli Europei del 2006. Viene inaugurato nel 2005, il 16 luglio, con un turno di qualificazione europea fra YB e Marsiglia.
Pochi giorni dopo, il 31 luglio, ospita un triangolare con Stoccarda e Udinese: in questo stadio lo Young Boys torna a vincere, dopo due retrocessioni e altrettante promozioni, il Campionato nel 2018, qualificandosi così per la sua prima Champions League.
La capienza è di 31’120 spettatori, per una struttura polifunzionale progettata Architetti Luscher Architectes SA, Losanna, e Schwaar & Partner AG, Berna e costata 350 milioni di franchi.
(dati e foto storica: www.bscyb.ch)

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Al lavoro per la Champions
10.12.2018 14:30 – in: Champions League
Al lavoro per la Champions

Squadra in campo questa mattina al JTC per preparare la sfida contro lo Young Boys che vale il primato nel girone
La qualificazione agli ottavi di Champions è già in cassaforte, ma c’è ancora il primo posto nel girone da conquistare e per essere sicura di centrarlo la Juventus dovrà andare a vincere a Berna, contro lo Young Boys. I bianconeri hanno già iniziato ieri a preparare la gara e questa mattina hanno lavorato sugli aspetti tecnico-tattici del match. Durante la seduta si è fermato Medhi Benatia, a causa di un’infiammazione al ginocchio destro.

Domani la squadra si ritroverà ancora al JTC, alle 11:45 e l’allenamento sarà aperto ai media per i primi 15 minuti. La partenza per la Svizzera è prevista nel pomeriggio e una volta atterrati i bianconeri si trasferiranno allo Stade de Suisse, dove alle 17:40 prenderanno un primo contatto con il terreno di gioco. Alle 18.00 infine, nella sala stampa dell’impianto è in programma la conferenza di vigilia che, come l’allenamento, sarà trasmessa in diretta su Juventus TV.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Quattro bianconeri candidati per la Squadra dell’anno
10.12.2018 15:13 – in: Champions League
Quattro bianconeri candidati per la Squadra dell’anno

Chiellini, Pjanic, Dybala e Ronaldo sono fra i 50 giocatori candidati per un posto nel Team of the Year 2018
Ci sono quattro bianconeri tra i 50 giocatori candidati a comporre il Team of the Year 2018 dell’Uefa: Chiellini, unico italiano, Pjanic, Dybala e Cristiano Ronaldo.
I totale sono 14 i club e 20 le nazioni rappresentate e la Juventus è la squadra italiana con più candidati, davanti a Roma e Napoli. Ora saranno i tifosi a scegliere l’undici ideale, direttamente dal SITO DELL’UEFA.

Le votazioni si chiuderanno l’11 Gennaio 2019.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

La cena di Natale della Juve
10.12.2018 22:00 – in: Eventi
La cena di Natale della Juve

La dirigenza, lo staff tecnico e la squadra si sono ritrovati al Royal Park I Roveri per il tradizionale scambio di auguri
Una serata insieme, per brindare ai successi ottenuti e per godersi qualche ora di relax prima di inseguire i prossimi obiettivi, a cominciare dal primo posto del girone di Champions, da guadagnare vincendo mercoledì contro lo Young Boys. I dirigenti, lo staff tecnico e i giocatori della Juventus si sono ritrovati questa sera al Royal Park I Roveri per scambiarsi gli auguri, con qualche giorno di anticipo, durante la tradizionale cena di Natale.     

STAMPA

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 17:58 ALLE 23:33

DI LUNEDì 10 DICEMBRE 2018

SOMMARIO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Inter: Nainggolan convocato per il Psv
Il centrocampista belga verso la panchina. Out invece Vecino

Coppa Italia: il tabellone degli ottaviSpiccano Bologna-Juventus, Napoli-Sassuolo e Sampdoria-Milan

Valverde,faccio turn over ma per vincereTecnico Barcellona:”Inter stia tranquilla,noi nome da difendere”

Champions: Van Bommel, vogliamo vincereTecnico Psv: Dobbiamo trovare motivazioni in noi

Bologna: su Inzaghi nessuna decisioneL’allenatore della squadra emiliana resta in bilico

Ancelotti, Liverpool non è spartiacqueSo già quanto è forte Napoli, fatte cose straordinarie finora

Ancelotti: “Ora ciliegina sulla torta”‘A giocatori dirò di avere orgoglio e godersi sfida a Liverpool’

Robben: Nel 2019 potrei anche ritirarmiL’olandese ha già comunicato l’addio al Bayern a fine stagione

Champions: Roma in crisi, ma a Plzen e’ turn overOttavi già in tasca, ma trasferta delicata per destino tecnico

Bologna: Saputo, Inzaghi restaNota del patron del club emiliano: “A gennaio sul mercato”

Champions: Klopp, Napoli meriterebbe superare prima fase’Liverpool sfrutterà sue chance. De Laurentiis? Mi piace molto’

Malagò: Inammissibili offese ai PreziosiPresidente Coni: “Messaggi da condannare in modo inequivocabile”

#Juventusxmas:cena di Natale per la JuveI bianconeri festeggiano nel golf club della famiglia Agnelli

Serie B: Salernitana-Brescia 1-3Decide il posticipo dell’Arechi una tripletta dell’ex Donnarumma – Serie B: la classifica
In testa c’è sempre il Palermo, chiudono Foggia e Livorno

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

MILANO

– Torna tra i convocati dell’Inter, Radja Nainggolan, inserito dall’allenatore dei nerazzurri Luciano Spalletti nell’elenco dei giocatori per la decisiva sfida di Champions League contro il Psv Eindhoven, in programma domani. Il belga, non al meglio dopo il problema alla caviglia, potrebbe così andare almeno in panchina, vista l’emergenza a centrocampo: contro gli olandesi, Spalletti avrà a disposizione i soli Brozovic e Borja Valero in mediana, anche in relazione all’infortunio di Vecino (fuori dalla lista dei convocati) e all’assenza obbligata di Gagliardini e Joao Mario (non inseriti nella lista Uefa).
La Lega di Serie A ha comunicato gli accoppiamenti e le date delle partite valide per gli ottavi di finale della Coppa Italia, determinati dal tabellone della competizione e dal sorteggio odierno, sulla base dei criteri e delle modalità individuati dal regolamento del torneo.Sabato 12 gennaio 2019:Bologna-Juventus, Lazio-Novara, Sampdoria-Milan.
Domenica 13 gennaio 2019:Inter-Benevento, Napoli-Sassuolo, Torino-Fiorentina.Lunedì 14 gennaio 2019:Cagliari-Atalanta, Roma-Virtus Entella.
– “Rispetto l’Inter, e anche il Tottenham, però andremo avanti con il nostro lavoro. Questa competizione ci piace, anche questa volta giocheremo per vincere”. In conferenza stampa, alla vigilia della sfida contro gli Spurs, l’allenatore del Barcellona Ernesto Valverde sottolinea che la ‘sua’ squadra, pur essendo già qualificata, si impegnerà al massimo “per difendere il nostro prestigio”. Secondo Valverde, l’Inter, la cui qualificazione dipende anche dal risultato del Camp Nou, “deve stare tranquilla, non si deve preoccupare per noi, perché è nostra intenzione vincere. Però se loro avessero battuto il Tottenham, non sarebbero in questa situazione”. Il tecnico del Barça ammette, però, che domani darà spazio a qualche giocatore solitamente non titolare. “Ci saranno dei cambiamenti – spiega -. Qualche giocatore, come Luis Suarez, ha problemi fisici e non rientra nei miei piani fargli fare due partite di seguito.
Messi? Quando vi daranno la formazione vedrete se giocherà, l’importante è che i miei siano motivati”.
– “Contro l’Inter per me è un derby perché ho giocato al Milan, ma noi siamo il PSV e domani vogliamo vincere. La nostra mentalità non deve cambiare”. Lo ha detto il tecnico del PSV Eindhoven Mark Van Bommel, nella conferenza stampa alla vigilia della gara di Champions contro l’Inter. “Non abbiamo obiettivi di classifica ma motivazioni le dobbiamo trovare dentro noi stessi – ha proseguito -. Queste sono partite bellissime, si può imparare molto. Per l’Inter sarà una gara importante, tutto dipende dal risultato di Barcellona ma guarderanno a loro stessi”.
– BOLOGNA

– Filippo Inzaghi, per ora, resiste.
L’allenatore del Bologna ha lasciato Casteldebole nel primo pomeriggio, in macchina con la fidanzata, alzando il pollice e sorridendo davanti ai cronisti presenti, uscendo dai cancelli.
Il gesto fa pensare che abbia scampato il pericolo dell’esonero e possa avere un’ultima chance con il Milan. Contemporaneamente, però, il ds Bigon e Marco Di Vaio hanno lasciato insieme in macchina il centro tecnico, dove non hanno ancora fatto ritorno e il Bologna, che dopo il ko di Empoli aveva preannunciato la necessità di riflettere sul proprio allenatore, non ha ancora comunicato né la conferma nè l’esonero. La squadra, domani, avrà un giorno di riposo e si ritroverà a Casteldebole mercoledì. La dirigenza rossoblù potrebbe quindi rimandare l’ora delle scelte e potrebbe prendersi anche la giornata di domani prima di rompere gli indugi in un senso o nell’altro: conferma o esonero di Inzaghi.
– NAPOLI

– “La sfida al Liverpool non è uno spartiacque, non ho bisogno di questa gara per sapere quanto è forte il Napoli. Ci dirà solo se andiamo avanti in Champions, poi metteremo la stessa intensità in tutte le competizioni in cui saremo, dal campionato alla Coppa Italia alla competizione europea che ci sarà”. Lo ha detto il tecnico del Napoli Carlo Ancelotti alla vigilia dell’ultima gara del girone di Champions League a Liverpool. “Le cose straordinarie in questo girone – ha detto il tecnico emiliano – le abbiamo già fatte, e infatti arriviamo qui con un piccolo vantaggio rispetto al Liverpool. Ora dobbiamo fare un bel risultato che è nelle nostre corde. Finora abbiamo mostrato personalità e convinzione, ora manca l’ultimo ‘step’ e non lo affrontiamo con superficialità, ma sappiamo bene cosa ci giochiamo”.
“Domani dobbiamo avere la serenità e la consapevolezza che siamo arrivati all’ultima partita e ce la giochiamo con un piccolo vantaggio. La torta l’abbiamo preparata nelle scorse partite, ora ci manca la ciliegia e speriamo che uno di questi signori ce la metta”. Così l’allenatore del Napoli, Carlo Ancelotti, indicando Raul Albiol, seduto accanto a lui in conferenza, alla vigilia della sfida di Champions contro il Liverpool. “Ai giocatori – ha rivelato – dirò di avere l’orgoglio di giocare questa partita così bella e di godersela”.
“Sentire l’orgoglio di giocare una partita così importante”, ma anche “mettere la ciliegina sulla torta che abbiamo preparato”. Carlo Ancelotti detta la linea al suo Napoli che martedì scende in campo ad Anfield per giocarsi la qualificazione agli ottavi di Champions League: gli azzurri passano se vincono, pareggiano o anche perdono per un gol di scarto segnando almeno una rete, questo il “piccolo vantaggio che abbiamo costruito facendo cose straordinarie in un girone molto duro”, spiega il tecnico azzurro.Le cose straordinarie sono arrivate dall’undici Champions che il nuovo allenatore ha costruito, partendo dalla delusione del pari di Belgrado alla prima giornata, un gruppo a cui si affiderà anche domani, con l’ormai rodato Maksimovic a destra, Fabian Ruiz in mediana e il duo Mertens-Insigne davanti. Ancelotti si permette però un po’ di pretattica: “non chiedetemi la formazione perché non la so neanche io”, dice con un sorriso, prima di lanciare la sfida a Klopp: “la partita di andata ci ha dato sicurezza – spiega riferendosi al successo al San Paolo – anche se so che il Liverpool cambierà qualcosa, ma questo non inciderà sulla nostra strategia”. Una risposta al tecnico rivale Jurgen Klopp che aveva anticipato: “Gli azzurri hanno dimostrato una grande voglia di vincere all’andata, noi domani faremo dei cambiamenti tattici e cercheremo di creare un clima speciale. E’ un’impresa che possiamo fare ad Anfield”.Probabili formazioni di Liverpool-Napoli, partita della 6/a e ultima giornata del Girone C della Champions League, in programma domani (alle 21) ad Alfield Road. Liverpool (4-3-3): 13 Alisson, 66 Alexander-Arnold, 32 Matip, 4 Van Dijk, 26 Robertson, 5 Wijnaldum, 14 Henderson, 8 Keita, 11 Salah, 9 Firmino, 10 Mané. (22 Mignolet, 18 Alberto Moreno, 6 Lovren, 3 Fabinho, 7 Milner, 23 Shaqiri, 15 Sturridge). All.: Klopp. Napoli (4-4-2): 25 Ospina, 19 Maksimovic, 26 Koulibaly, 33 Albiol, 6 Mario Rui, 7 Callejon, 5 Allan, 17 Hamsik, 8 Fabian Ruiz, 14 Mertens, 24 Insigne. (1 Meret, 2 Hysaj, 31 Ghoulam, 30 Rog, 42 Diawara, 20 Zielinski, 99 Milik). All.: Ancelotti. Arbitro: Skomina (Polonia). Quite Snai: 1,63; 4,25; 5,00.

– Prima l’annuncio che avrebbe lasciato il Bayern Monaco, poi che a fine stagione potrebbe lasciare addirittura il calcio. Arjen Robben, in un’intervista a Kicker, ha svelato che nel 2019 si ritirerà. Il fantasista olandese afferma che andrà avanti solo in caso di offerta particolarmente vantaggiosa, di quelle “che possono convincermi al 100 per cento”. “Non ho ancora deciso il mio futuro ma, nel caso non dovesse arrivare quell’offerta – le parole del vicecampione del mondo nel 2010 in Sudafrica – allora mi fermerò”. Secondo voci provenienti dall’Olanda, Robben potrebbe tornare nell’Eredivisie per indossare la maglia del Groening, dove mosse i primi passi di una carriera formidabile, oppure nel Psv, la squadra di Eindhoven. “E’ il momento giusto per prendere certe decisioni – ha ammesso – potevo aspettare ancora, ma preferisco così”.
A Plzen con le seconde linee cercando di salvare la panchina. Dal ritiro di Trigoria, dove la squadra è stata spedita al rientro da Cagliari, Eusebio Di Francesco prepara l’ultima trasferta della fase a gironi di Champions League in Repubblica Ceca. La partita della Roma sul campo del Viktoria è ininfluente ai fini del passaggio agli ottavi – già conquistati da seconda del gruppo alla spalle del Real Madrid – ma vale eccome per il tecnico abruzzese che non può permettersi altri passi falsi dopo il pari in Sardegna.
Le serate europee in passato sono state spesso un toccasana per Di Francesco, e quindi i giallorossi sperano di raccogliere un convincente successo per non far precipitare la situazione e arrivare con un po’ di ossigeno al posticipo di campionato col Genoa in programma domenica all’Olimpico. E in vista della sfida con la squadra di Prandelli è probabile che Di Francesco attui un po’ di turnover, se non altro per cercare di preservare da altri infortuni gli uomini finora più utilizzati.
Ad esclusione di Cristante e Nzonzi, quasi sicuramente chiamati agli straordinari per mancanza di alternative (De Rossi e Lorenzo Pellegrini sono ancora out, così come Dzeko ed El Shaarawy), potrebbero riposare Manolas (non al meglio già col Cagliari), Fazio, Kolarov e Florenzi. Pastore poi dovrebbe riprendersi il ruolo di trequartista al posto di Zaniolo, anche lui spremuto parecchio nell’ultimo periodo. Una mano potrebbe arrivare infine da Coric e Karsdorp che domani si rivedranno in gruppo nel corso della rifinitura: il primo era fermo per un risentimento muscolare al polpaccio, l’ex Feyenoord per un’infiammazione ad una vecchia cicatrice.

– BOLOGNA

– Per ora Inzaghi resta. La partita contro il Milan rappresenterà per lui l’ultima chance. A confermarlo è il patron del Bologna, Joey Saputo, che ha fatto pubblicare una nota sul sito ufficiale del club, al termine di una giornata di riunioni e consultazioni, preannunciando di essere pronto a correre ai ripari a gennaio per scongiurare la retrocessione in Serie B. “Ho tenuto una lunga riunione con i dirigenti del club – ha detto – per fare il punto della situazione. Ho espresso la mia preoccupazione per il momento della squadra, che sta attraversando ormai da tempo un periodo negativo che si riflette in una posizione di classifica assolutamente deficitaria. Mi aspettavo di più da tutte le componenti: dirigenza, tecnico e squadra. Ora è necessario da parte di tutti il massimo sforzo per ottenere nelle quattro partite che ci separano dalla fine del girone d’andata i punti che ci consentano di abbandonare questa posizione di classifica”.
NAPOLI

– “Il Napoli meriterebbe il passaggio del turno, noi domani dovremo essere bravi a sfruttare le nostre occasioni”. Lo ha detto il tecnico del Liverpool, Jurgen Klopp, alla vigilia della sfida decisiva contro gli azzurri in Champions League. “Forse – ha spiegato Klopp – l’unica cosa positiva del sorteggio di questo girone era di poter giocare l’ultima partita in casa. Ora faremo di tutto per provare a passare il turno”. Il tecnico dei Reds è tornato anche sulla gara d’andata, vinta dal Napoli: “Gli azzurri hanno dimostrato una grande voglia di vincere quella gara – ha ricordato il tecnico – noi domani faremo dei cambiamenti tattici e cercheremo di creare un clima speciale. Conosciamo il Napoli, sappiamo che già con Sarri giocava bene ma ora con Ancelotti ha aggiunto la sua grande esperienza. Quando lo abbiamo incontrato in estate in amichevole Carlo mi aveva detto che stava cercando di apportare qualche cambiamento”. Klopp ha risposto anche a chi gli ricordava della stima espressa nei suoi confronti dal patron azzurro De Laurentiis, che gli aveva proposto di venire a Napoli: “De Laurentiis – ha detto – mi è simpatico perchè non ha peli sulla lingua. In panchina ha avuto prima Sarri e poi Ancelotti quindi deve essere contento. Per quanto mi riguarda l’Italia mi pace molto ma ho ancora tre anni e mezzo di contratto con il Liverpool. E poi magari fra tre anni non mi vorrà più nessuno”.
– “Credo che gli attacchi personali siano in assoluto sempre sbagliati, ma quello che trovo inammissibile è il coinvolgimento della famiglia. Certi messaggi vanno condannati in modo inequivocabile, per questo esprimo la mia solidarietà al presidente Preziosi”. Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, condanna in una nota il contenuto della protesta di una parte della tifoseria del Genoa contro la famiglia Preziosi, in particolare la figlia del patron rossoblu, presa di mira in uno striscione nell’ultima giornata di campionato.
– TORINO

E’ tempo di auguri per la Juventus.
Giocatori, staff tecnico e dirigenti bianconeri si sono ritrovati stasera ai Roveri, il golf club della famiglia Agnelli, per la tradizionale cena di Natale. ‘Merry #JUVENTUSXMAS a tutti!!!’, è l’hashtag del club che, su Twitter, ha pubblicato alcune immagini dei calciatori accompagnati da mogli e fidanzate, tutte elegantissime.
– SALERNO

– Il Brescia batte 3-1 la Salernitana e condanna la squadra campana al primo ko stagionale nell’Arechi. La squadra lombarda chiude la pratica già nel primo tempo, trascinata dal bomber Donnarumma, un ex, autore di una tripletta. Il capocannoniere del campionato, al 5′ approfitta di un assist di Morosini per superare Micai e regalare il vantaggio alle rondinelle. Dopo quattro giri di lancette l’attaccante raddoppia con una conclusione chirurgica che termina all’angolino. La Salernitana abbozza una reazione, ma è ancora il Brescia a colpire. Al 32′ Micai, nel tentativo di accelerare la ripresa del gioco, serve un involontario assist a Donnarumma che anticipa Akpa Akpro e beffa il portiere campano con un pallonetto dal limite. Nella ripresa la musica non cambia: la Salernitana prova in modo confuso a rimettersi in partita, trovando il gol della bandiera al 45′ con una conclusione dal limite di Di Tacchio.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Classifica del campionato di calcio di Serie B dopo il posticipo della 15/a giornata, Salernitana-Brescia: Palermo punti 29; Pescara e Lecce 26; Brescia e Cittadella 24; Verona 22; Benevento e Perugia 21; Spezia e Salernitana 20; Cremonese, Ascoli e Venezia 19; Cosenza 14; Crotone 12; Padova 11; Carpi 10; Foggia e Livorno 9. Foggia penalizzato di 8 punti.       

STAMPA

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 11:20 ALLE 17:58

DI LUNEDì 10 DICEMBRE 2018

SOMMARIO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Pjanic ‘questa è la Juventus più forte’
“Abbiamo dimostrato di meritare il primo posto nel girone”

Champions, tedesco Stieler arbitra JuvePer la Roma a Plzen c’è il fischietto inglese Taylor

Uva, Var in Champions grazie a Italia”Esperienza maturata in Serie A ha accelerato il processo”

500 studenti a “Università dal calcio”Al via III Anno Accademico, tra i docenti mister Camolese

Champions, in 60mila per Inter-PsvClub prepara coreografia speciale per gara decisiva in Champions

Robben pensa a ritiro “Forse smetto”Olandese lascerà Bayern, ma futuro dipenderà da “offerta ideale”

Villareal esonera tecnico CallejaLuis Garcia il favorito per la sostituzione

Astori: due medici indagatiLavorano in strutture pubbliche di Firenze e Cagliari

Ex ct Islanda allenerà Al-Arabi in QatarHallgrimsson aveva lasciato nazionale dopo il Mondiale

Klopp, ad Anfield possiamo fare impresa’Responsabili del nostro destino, non vediamo l’ora di giocare’

Uefa: Chiellini candidato a top 11 2018Unico giocatore italiano, 4 calciatori Juve, 3 Roma e 1 Napoli

Spalletti, col PSV gara più importante’Non dobbiamo pensare a Barcellona, bisogna giocare e vincere’

Dopo Roma-Inter, Rocchi minaccia quereleIl suo legale, ‘distinguere critiche da aggressioni gratuite’

Spalletti, Icardi a Madrid? Nulla stranoNon vedo dove sia il problema, si comporta regolarmente’

D’Ambrosio, vincere senza pensare altroPolitano, avremmo firmato per giocarcela all’ultima giornata

Klopp, il Napoli meriterebbe di passare’Liverpool sfrutterà sue chance. De Laurentiis? Mi piace molto’

Iachini: Empoli giovane, può crescereToscani in ripresa,tecnico lancia Caputo “merita chance azzurra”

Zamparini fuori da gestione del PalermoProprietari società, finita avventura ex presidente e di Platt

Vertice sul futuro di Filippo InzaghiTecnico Bologna a rischio esonero dopo la sconfitta ad Empoli

C.Sala: “Con Radice addio anni migliori”Applausi per feretro, su bara sciarpa Monza e maglia del Torino

Chelsea: su Moses il Crystal e il FulhamL’attaccante nigeriano era stato lanciato da Conte

Radice: Cairo, grande uomo e innovatore’Tutti gli volevano bene, al Torino uno scudetto storico’

Auto con tre baby Juve contro volante PsLievi ferite per due agenti, nessuna conseguenza per calciatori – Villarreal: Garcia Plaza nuovo tecnico
Ha già guidato il ‘Sottomarino giallo’ nella stagione 2005/06

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

TORINO

– “Il primo posto nel girone è un obiettivo fissato a inizio anno: per questo la partita di mercoledì è importantissima”. Sale l’attesa in vista della trasferta di Berna con lo Young Boys, match che può valere il primo posto per la Juventus di Miralem Pjanic. “Lo vogliamo fortemente – dice il regista bosniaco ai microfoni di Raisport e rilanciato dal sito della società – posizione che abbiamo dimostrato di meritare”.
“Penso che questa sia la Juve più forte, abbiamo una rosa molto ampia e la società sta lavorando ogni anno per migliorarla e vincere lo scudetto – sostiene Pjanic -. Allegri è un ottimo gestore di rosa ed è molto bravo tatticamente, ci trasmette tantissime qualità”.
– Sarà il tedesco Tobias Stieler a dirigere mercoledì sera a Berna Young Boys-Juventus, match valido per l’ultima giornata del girone H di Champions League.
Nella stessa giornata, ma alle 18.55, giocherà anche la Roma, impegnata a Plzen contro il Viktoria per l’ultima gara del girone G: la direzione di gara è stata affidata all’inglese Anthony Taylor.
– Superate resistenze e perplessità, la Uefa ha aperto alla Var che sarà introdotta dagli ottavi di finale della Champions in corso. Una novità giunta anche “grazie all’esperienza maturata in Italia”, in Serie A, ha sottolineato Michele Uva, ex direttore generale della Figc ed attuale vicepresidente della Federcalcio europea, ospite di ‘Radio anch’io sport’. “Quello che ha fatto Collina prima e quello che sta facendo adesso Rosetti in Uefa – ha sottolineato Uva – con la buona esperienza sulla Var maturata in Italia, ha contribuito a questa accelerazione”. Il dirigente ha parlato anche della terza coppa europea. “Aumenterà il potenziale di partecipazione delle piccole federazioni che rimanevano escluse dalle 80 presenti nella fase finale di Champions ed Europa League”.
– Fischio d’inizio per il III Anno Accademico (2018-2019) del corso di studi in “Scienze Motorie curriculum Calcio”, istituito dall’Università Telematica San Raffaele Roma in collaborazione con l’AIC.
“L’esperienza accumulata in questi tre anni di lavoro e l’interesse dimostrato dagli studenti confermano che il lavoro svolto ha saputo coniugare le esigenze accademiche con le aspettative di chi vuole qualificarsi per l’ingresso nel mondo del lavoro” dichiara l’avv. Fabio Poli, Presidente del corso e direttore Organizzativo AIC. “Il patrocinio di Figc, Lega di Serie A, Serie B, Lega PRO, LND, AIA e dell’AIAC – prosegue Poli – conferma il valore formativo di questo percorso che non forma allenatori, ma manager qualificati, a tutti i livelli”.
– MILANO

– San Siro si prepara a un’altra serata di gala: sono attesi infatti oltre 60mila spettatori per la sfida di domani tra l’Inter e il Psv Eindhoven, decisiva per il passaggio del turno in Champions League per i nerazzurri. La società ha infatti informato di aver superato nuovamente il muro dei 60.000 tifosi, consigliando di arrivare allo stadio con larghissimo anticipo (almeno 2 ore prima dell’inizio) per evitare lunghe code e disguidi.
Per spingere la squadra di Spalletti verso la qualificazione agli ottavi, il club nerazzurro ha inoltre preparato una coreografia speciale: sulle note di ‘Pazza Inter’ il pubblico sarà invitato ad attivare la torcia del proprio smartphone per ”ricreare l’effetto di una volta stellata che brillerà nel cielo di Milano e dare la carica ai giocatori”, spiega la società sul proprio sito.
“Forse mi fermerò completamente”: ad annunciare il possibile ritiro dall’attività agonistica a fine stagione è Arjen Robben in un’intervista al tedesco ‘Kicker’ in cui ventila la separazione dal Bayern Monaco dopo dieci anni.
L’esterno olandese del Bayern Monaco, 35 anni a gennaio, spiega che “si tratta di un grande passo e certamente non lo decidi in un giorno”, ha detto Robben che comunque chiuderà con il calcio tedesco, lasciando però aperta la possibilità di giocare altrove, in un campionato meno duro e stressante. “Ci ho pensato a lungo e ora sono molto felice di aver preso questa decisione.
Era il momento giusto”, ha aggiunto Robben secondo cui il futuro dipenderà dalle offerte che gli arriveranno: “Se arriva un’offerta che mi convincerà al 100% allora va bene, giocherò ancora. Ma se questa offerta ideale (fatta non solo di soldi) non arriva, potrebbe anche essere la fine della carriera”. Un fatto è certo, però, “gli ultimi mesi saranno molto speciali”.
La sconfitta casalinga contro il Celta Vigo costa la panchina a Javi Calleja, esonerato oggi dal Villareal. Il ‘sottomarino giallo’ è attualmente al quartultimo posto in classifica nella Liga, con 14 punti dopo 15 giornate, a tre punti dalla zona retrocessione. Calleja era al Villareal da sette stagione, durante le quali aveva allenato la squadra B, prima di approdare nel 2017 alla prima squadra con cui ha disputato 65 partite ufficiali. Il club ha fatto sapere che annuncerà il nuovo allenatore nelle prossime ore. Luis García Plaza, di ritorno dall’esperienza in Cina, scrive la stampa spagnola, sembra essere il favorito per la sostituzione.
– FIRENZE

– La procura di Firenze ha emesso due avvisi di garanzia nell’ambito dell’inchiesta sulla morte del capitano della Fiorentina Davide Astori, nei riguardi di due medici che risultano indagati per il reato di omicidio colposo.
Secondo quanto appreso, si tratterebbe di due professionisti che lavorano in strutture pubbliche incaricate di certificare l’idoneità sportiva, una con sede a Firenze e l’altra con sede a Cagliari.
– DOHA

– L’ex ct dell’Islanda Heimir Hallgrimsson è il nuovo allenatore dell’ Al-Arab. Lo ha annunciato il club qatariota in un video sul proprio account Twitter, aggiungendo che il tecnico-dentista (era tornato a svolgere la professione dopo aver lasciato la panchina della nazionale subito dopo il Mondiale) sarà presentato domani in conferenza stampa. Per il 51enne Hallgrimsson sarà la prima esperienza calcistica al di fuori dell’Islanda, di cui è stato prima co-allenatore al fianco di Lars Lagerback all’Europeo in Francia, per poi prenderne la titolarità in occasione della Coppa del Mondo in Russia. L’Al-Arabi, che ha vinto l’ultimo titolo del campionato del Qatar nel 1997, è stato in passato allenato anche dagli ex del Chelsea Gianfranco Zola e Dan Petrescu.
– NAPOLI

– “Se c’è un posto dove noi possiamo fare l’impresa e qualificarci agli ottavi di Champions League, è sicuramente Anfield”. Lo ha detto l’allenatore del Liverpool Jurgen Klopp alla vigilia della sfida contro il Napoli. “Siamo responsabili del nostro destino – ha aggiunto Klopp – ci siamo trovati in un gruppo difficile ma ora dipende da noi. Dobbiamo creare con il nostro gioco e con il clima caloroso le situazioni giuste, non vediamo l’ora di giocare questa gara”.
– C’è solo un italiano, Giorgio Chiellini, nella rosa dei 50 giocatori candidati per un posto nella squadra dell’anno 2018 dell’Uefa, arrivata alla 17ma edizione. Il difensore della Juventus si trova insieme ai compagni di squadra della Juventus Pjanic, Dybala e C.Ronaldo (quest’ultimo in condominio col Real, con cui ha giocato la prima parte di tstagione). Tra le italiane, la Juventus è la squadra più rappresentata con 4 giocatori, poi c’è la Roma con 3 (Alisson, ora al Liverpool, Manolas e Dzeko) e il Napoli con uno (Koulibaly). La parte del leone la fanno

i club spagnoli (9 giocatori sono del Real, 7 del Barca, 6 dell’Atletico, come il Liverpool). I tifosi e gli appassionati di calcio di tutto il mondo possono iniziare a votare da oggi la squadra dell’anno fino al 9 gennaio. Gli utenti possono schierare la propria squadra col loro modulo preferito scegliendo tra cinque portieri, 15 difensori, 15 centrocampisti e 15 attaccanti. La formazione vincitrice verrà proclamata giovedì 11 gennaio.
– “È la partita più importante da quando sono all’Inter. Dovremo pensare a giocare e vincere la nostra gara, non a quello che deve fare il Barcellona”. Lo ha detto il tecnico dell’Inter Luciano Spalletti, nella conferenza stampa alla vigilia della gara con il PSV Eindhoven in Champions League. “Mi viene da pensare che al Barcellona si stiano offendendo perché stiamo mettendo in dubbio la loro etica professionale – ha proseguito -. Lì ci sono professionisti seri”.
– BOLOGNA

– Non si placano le polemiche sull’utilizzo o meno del Var scaturite dopo l’arbitraggio di Roma-Inter, posticipo della quattordicesima giornata di serie A disputato lo scorso 2 dicembre. Il direttore del match, l’arbitro Gianluca Rocchi, appartenente alla sezione Aia di Firenze e internazionale dal 2008, ha infatti deciso di denunciare chi, superando il limite di cronaca, una volta terminata la partita lo ha diffamato con frasi ritenute offensive. Dopo un confronto con i vertici arbitrali, Rocchi presenterà denuncia alla Procura di Bologna tramite il suo legale, l’avvocato Gabriele Bordoni. “Credo che questa presa di posizione sia corretta – ha spiegato Bordoni – perché bisogna distinguere le critiche, anche colorite che avvengono in occasione di una partita di calcio, dalle aggressioni verbali gratuite”.
– MILANO

– ”Icardi a Madrid? Non vedo dove sia il problema. C’era la delegazione della Juventus, c’erano i dirigenti e un calciatore dell’Inter. Non vedo dove stia il problema, è come andare a cena da un’altra parte”. Il tecnico dell’Inter Luciano Spalletti ha commentato così la presenza di Mauro Icardi al Santiago Bernabeu di Madrid per assistere alla finale di Copa Libertadores tra River Plate e Boca Juniors. ”È una cosa che si gestisce normalmente, con la possibilità di avere una autorizzazione per vedere una partita – ha proseguito Spalletti, nella conferenza alla vigilia di Inter-Psv -. Non ha fatto nulla di strano, si è comportato regolarmente”.
– “Non penso al Barcellona, dobbiamo pensare a noi e fidarci delle nostre qualità. Se domani non dovessimo fare risultato sarebbe colpa nostra non andare agli ottavi, se dovessimo vincere non avremmo nessun tipo di rammarico”. Lo ha detto il difensore dell’Inter Danilo D’Ambrosio, nella conferenza stampa alla vigilia della decisiva sfida con il Psv Eindhoven in Champions League. “Siamo l’Inter, siamo obbligati a vincere sempre e ce la metteremo tutta. Con un pizzico di fortuna potremo raggiungere gli ottavi, quello che sarà l’altro risultato lo accetteremo – ha proseguito -. Va dato il 110% per i tre punti, dobbiamo dare tutto per vincere e sperare magari in un pareggio a Barcellona. Non siamo in un periodo di crisi, la partita di domani con un pizzico di fortuna potrà permetterci di raggiungere gli ottavi”.
“Il Napoli meriterebbe il passaggio del turno, noi domani dovremo essere bravi a sfruttare le nostre occasioni”. Lo ha detto il tecnico del Liverpool, Jurgen Klopp, alla vigilia della sfida decisiva contro gli azzurri in Champions. “Forse – ha spiegato – l’unica cosa positiva del sorteggio di questo girone era di poter giocare l’ultima partita in casa. Ora faremo di tutto per passare il turno”. Poi sulla gara d’andata, vinta dal Napoli: “Gli azzurri hanno dimostrato una grande voglia di vincere quella gara – ha ricordato -.
Domani faremo dei cambiamenti tattici e cercheremo di creare un clima speciale. Conosciamo il Napoli, sappiamo che già con Sarri giocava bene ma ora con Ancelotti ha aggiunto la sua grande esperienza. In estate Carlo mi aveva detto che stava cercando di apportare qualche cambiamento”. Klopp ha risposto a chi gli ricordava della stima espressa nei suoi confronti dal patron De Laurentiis, che gli aveva proposto di venire a Napoli: “Mi è simpatico perchè non ha peli sulla lingua”.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Dieci punti nelle ultime 4 partite e, con Beppe Iachini in panchina, l’Empoli ha raggiunto una zona di classifica più tranquilla. Riconosciuto il lavoro di Aurelio Andreazzoli, suo predecessore, il tecnico ascolano assicura di aver trovato “ragazzi con una grande disponibilità. Settimana dopo settimana la squadra è cresciuta e – assicura parlando a ‘Radio anch’io sport’ – ha ancora margini perché ci sono tanti giovani. E’ vero che abbiamo migliorato la classifica, però ancora non abbiamo fatto nulla”.
Nell’Empoli, sottolinea Iachini “ci sono tanti esordienti della categoria”. Nel gruppo sta emergendo “Lagumina, convocato dall’Under 21. E’ un ragazzo di buona prospettiva”. Una parola in più la spende per Ciccio Caputo, arrivato ad otto reti.
Secondo Iachini meriterebbe una chance in Azzurro: “Sta vivendo un momento d’oro. E’ un attaccante completo. Tecnico, veloce, bravo a sfruttare la profondità. Ha grandi possibilità di arrivare a 20 reti. L’attenzione della Nazionale se la meriterebbe”.
– PALERMO

– È già finita l’avventura di David Platt nel Palermo e non ci sarà spazio per Maurizio Zamparini nel nuovo assetto del club. A comunicarlo è la Global futures sports&entertainment limited (Gfse Ltd).
“Zamparini – si legge sulla nota in inglese – non sarà a nessun titolo coinvolto nella gestione del club e i commenti sulla squadra rilasciati da altre persone dovrebbero essere ignorati, perché rilasciati a nostra insaputa o senza il nostro espresso consenso. La nostra valutazione sulla società e sulle infrastrutture proseguirà durante le prossime settimane, per poterci pronunciare sulle nomine chiave per lo staff amministrativo. Il compito affidato a David Platt – conclude la nota – è stato portato a compimento e David non sarà coinvolto nella fase successiva. Desideriamo pertanto ringraziarlo per il suo contributo”.
E’ in corso un vertice societario a Casteldebole, quartier generale del Bologna. Dopo il ko di Empoli, la dirigenza del club al completo è riunita al centro tecnico. Presenti l’ad Claudio Fenucci, il direttore sportivo Riccardo Bigon, Marco Di Vaio e il tecnico Filippo Inzaghi. Il confronto stabilirà il futuro dell’allenatore, a rischio dopo l’ottava sconfitta in campionato.
– MONZA

– “Ciao, Mister. Siamo qui per salutarti un’ultima volta. Con te se ne vanno i migliori anni della nostra vita. Ci siamo divertiti insieme, in un’ambiente unico, una vera famiglia. Ci hai trasmesso fiducia e un insegnamento importante: per raggiungere un obiettivo servono sudore e fatica. Grazie di tutto, Mister”. Così, durante la cerimonia funebre, l’ex capitano del Torino, Claudio Sala, ricorda Gigi Radice, scomparso venerdì. “Gigi – dice don Luca Parolari, nell’omelia – ha combattuto tanto: nello sport, nella vita e nella malattia.
Una lunga battaglia, con alleati diversi: prima con i compagni di squadra, poi con i ‘suoi’ giocatori e infine tra gli affetti della famiglia. La malattia se l’è portato via un po’ alla volta, ma anche contro la morte Gigi non ha combattuto da solo”.
Il figlio Ruggero ha chiuso la cerimonia “come avrebbe fatto il padre”: “Poche chiacchiere e pedalare”. Il feretro, coperto da fiori, da una maglietta del Torino e da una sciarpa granata, ma anche da una del Monza, è stato applaudito.
– Victor Moses è a un passo dall’addio al Chelsea, visto che non rientra nei piani di Maurizio Sarri.
L’attaccante nigeriano, che è stato fra i protagonisti della vittoria in Premier League durante la gestione di Antonio Conte, secondo quanto riporta il Sun, dovrebbe lasciare Stamford Bridge già nel mercato di gennaio. Sulle orme di Moses ci sono altre due squadre di Londra, il Crystal Palace e il Fulham allenato da Claudio Ranieri. Moses era considerato uno dei calciatori più importanti dello schieramento ‘Blues’, Sarri invece lo snobba.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

MONZA

– “Gigi Radice era un uomo sobrio, ma concreto e determinato, votato all’obiettivo. Un grandissimo uomo e lo dimostrano tutte le persone che c’erano oggi ai suoi funerali, i giocatori che ha allenato. Se tutti quanti gli volevano così bene è perché si è fatto apprezzare”. Il presidente del Torino, Urbano Cairo, ricorda così Gigi Radice, allenatore dell’ultimo scudetto granata (1976). “Gigi – aggiunge Cairo, al termine della funzione funebre – è stato importantissimo per il calcio italiano: ha introdotto il pressing e il calcio totale. Con il Torino ha vinto uno scudetto storico, che non vincevamo da anni e che sfortunatamente non vinciamo da anni. Io sono venuto, perché ci tenevo a omaggiarlo, ma purtroppo non l’ho nemmeno conosciuto. Lo abbiamo invitato alla festa del Torino, ma era già debilitato dalla malattia.
Però è come se lo conoscessi, Antonio Comi ha giocato per lui e mi ha raccontato un sacco di cose. Era proprio una grandissima persona”.
– TORINO

– Tre giovani calciatori della primavera della Juventus sono stati coinvolti, oggi a Torino, in un incidente stradale. L’auto su cui viaggiavano si è scontrata in corso Potenza, per cause ancora in corso di accertamento, con una volante della polizia, che si è ribaltata. Due agenti sono rimasti lievemente feriti, uno dei quali trasportato in ospedale dai sanitari del 118 in codice giallo. I tre calciatori non hanno riportato conseguenze.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Il Villarreal ha raggiunto un accordo con Luis Garcia Plaza, che da stasera è il nuovo allenatore del ‘Sottomarino giallo’: guiderà la squadra fino alla fine della stagione, in sostituzione di Javier Calleja. Lo riferisce il Mundo deportivo. Luis Garcia Plaza, 46 anni, ha già allenato il Villarreal nella stagione 2005/06; nella Liga ha già guidato dalla panchina il Levante, seconda squadra di Valencia, e il Getafe. Garcia Plaza ha allenato la squadra per la prima volta oggi pomeriggio, poi la presentazione.       

STAMPA

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, Ultim'ora

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 10:00 DI DOMENICA 09 DICEMBRE 2018

ALLE 02:30 DI LUNEDì 10 DICEMBRE 2018

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Juve-Roma, via alla vendita riservata Member!
09.12.2018 10:00 – in: Serie A
Juve-Roma, via alla vendita riservata Member!

Da lunedì alle 10 tagliandi a disposizione dei J1897 Member, martedì vendita estesa anche ai Black&White Member
Ancora un big match all’Allianz Stadium!
Sabato 22 dicembre la Juve ospita in casa la Roma (calcio d’inizio alle 20.30). Se siete Juventus Member, e volete vivere insieme l’ultima gara casalinga prima di Natale, o magari fare e farvi un regalo natalizio anticipato,  tenete d’occhio le date della vendita riservata.
• Dalle 10:00 alle 23:59 di lunedì 10 dicembre biglietteria aperta per i  J1897 Member
• Dalle 10:00 alle 23:59 di martedì 11 dicembre estesa anche ai Black&White Member
Come sempre, tutte le info utili nella nostra sezione BIGLIETTERIA!

ALLIANZ STADIUM: UNA GIORNATA UNICA!
Per rendere ancora più piacevole la vostra esperienza all’Allianz Stadium, vi invitiamo a visitare le pagine di Juventus.com dedicate alle indicazioni per raggiungere l’impianto; ai parcheggi (con la possibilità di acquisto online) ed alle imperdibili attività di intrattenimento all’interno della struttura, per grandi e piccini, oltre ai punti di ristoro con le offerte speciali a voi dedicate.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

EuroWatch, vince allo scadere lo Young Boys
09.12.2018 10:22 – in: Champions League
EuroWatch, vince allo scadere lo Young Boys

Battuto il Thun 3-2, vince anche lo United. Pari per il Valencia
Vittoria in rimonta dello Young Boys, che sabato ha battuto in casa 3-2 il Thun. I nostri prossimi (e ultimi) avversari di Champions League hanno rimontato un doppio svantaggio, maturato con i gol di Spielmann al 39′ e Bigler al 69′. Le reti dei gialloneri: Sulejmani al 56′, autorete di Rodrigues all’84’ e gol partita al 92′ di Hoarau.
Molto più netta la vittoria del Manchester United, in casa contro il Fulham. Young, Mata e Lukaku indirizzano il match nel primo tempo, gli ospiti tentano una reazione con un rigore di Kamara al 67′, ma al minuto 82 arriva il 4-1 finale di Rashford.
Uno a uno al Mestalla per il Valencia, che riagguanta in extremis una gara che il Siviglia stava vincendo grazie al gol di Sarabia al 55′. Rete del pareggio al 92′ di Diakhaby.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Inizia la preparazione allo Young Boys
09.12.2018 14:00 – in: La squadra
Inizia la preparazione allo Young Boys

Squadra di nuovo al lavoro dopo la vittoria con l’Inter per preparare la gara di Champions League con gli svizzeri.
Massimiliano Allegri l’ha definita una partita ancora più importante del Derby D’Italia. Con lo Young Boys infatti, la Juve si gioca il primato nel girone, che rappresenterebbe un grande vantaggio in ottica sorteggi degli ottavi di Champions League.
Così i bianconeri, dopo il giorno di riposo concesso da Massimiliano Allegri in seguito al successo con l’Inter di venerdì sera, sono tornati oggi in campo al JTC per preparare la trasferta di Berna in programma mercoledì sera (ore 21:00 CET). La seduta si è concentrata su esercitazioni in fase difensiva e su esercizi di tecnica e possesso palla, con Alex Sandro che ha lavorato parzialmente con la squadra.
La marcia di avvicinamento all’impegno di Champions League continua domani, con una seduta in programma al mattino.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Douglas Costa: «Nei momenti chiave facciamo la differenza»
09.12.2018 16:32 – in: La squadra
Douglas Costa: «Nei momenti chiave facciamo la differenza»

«Siamo cresciuti molto da quando sono arrivato. Non abbiamo bisogno di tante occasioni per riuscire a fare gol»
E’ una Juve da record, con 14 vittorie e un pareggio su 15 gare di campionato, e con la forza tecnica e mentale per portare a casa anche le partite più complicate.
Lo sa bene Douglas Costa, spesso decisivo nelle vittorie bianconere, che in un’intervista a Sky ha parlato del processo di maturazione degli uomini di Allegri: «Da quando sono qui siamo cresciuti molto. – spiega il brasiliano – Siamo una squadra speciale e molto forte: spesso anche quando non giochiamo bene, riusciamo a fare la differenza nei momenti chiave e non abbiamo bisogno di tante occasioni per fare gol».
Un campionato che però rimane molto complicato: «In Italia ci sono tante squadre forti– spiega Douglas -. L’Inter ha giocato alla pari con noi, e il Napoli gioca molto bene, così come Milan e Roma. In più, vincere in trasferta in Serie A è sempre molto difficile».
“Flash” ha ovviamente parlato anche della sfida di mercoledì in Champions League con lo Young Boys: «Noi dobbiamo sempre cercare di ottenere i tre punti. Ci ha dato molto fastidio perdere con il Manchester United. Perciò, a maggior ragione, mercoledì dobbiamo assolutamente vincere, perché il primo posto nel girone per noi è fondamentale nel proseguo del nostro lavoro».

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Under23, al Moccagatta passa il Pisa
09.12.2018 16:45 – in: Juventus U23
Under23, al Moccagatta passa il Pisa

Gli uomini di Zironelli non riescono a bissare la vittoria con la Pistoiese e cedono per 1-3 al Pisa.
Dopo il colpo esterno in casa della Pistoiese la scorsa settimana, la Juventus Under 23non riesce a ripetersi.
Al “Moccagatta” di Alessandria la spunta il Pisa, che passa in vantaggio nella prima frazione con Lisi, nonostante un ottimo primo tempo da parte degli uomini di Zironelli, che avevano sfiorato il vantaggio in più occasioni: con un paio di tentativi di Mavididi e con il colpo di testa di Toure, bloccato dall’incrocio dei pali.
A campi invertiti, il Pisa raddoppia con una splendida punizione dal limite di Di Quinzio, ma la Juve reagisce subito e accorcia le distanze con Bunino, bravo a sfruttare il cross rasoterra di Beruatto.
A 2′ dalla fine dei tempi regolamentari il Pisa chiude i conti con il rigore trasformato da Marconi, che blocca il tentativo di rimonta bianconero.
«E’ un risultato bugiardo – commenta fine partita Zironelli – Abbiamo fatto un gran primo tempo dove il Pisa non aveva creato nessuna palla pericolosa. La difesa si è comportata benissimo, e abbiamo avuto anche parecchie occasioni. Abbiamo tenuto testa ad una squadra costurita per la B, giocando anche un ottimo calcio»
Campionato Serie C – Girone A – 15° giornata
Stadio “Giuseppe Moccagatta”, Alessandria
Juventus-Pisa 1-3
Marcatore: 28’ pt. Lisi (P), 17’ st. Di Quinzio (P), 20’ st. Bunino (J), 44’ st. rig. Marconi (P)
Pisa: Gori, Zammarini (23’ st. Birindelli), Masi, Moscardelli (Cap.) (23’ st. Marconi), Di Quinzio, Meroni, Liotti, Lisi, Masucci (30’st. Cuppone), Gucher, De Vitis (33’ st. Izzillo). A disposizione: D’Egidio, Cardelli, Brignani, Maffei. Allenatore: Luca D’Angelo.
Juventus U23: Nocchi, Andersson, Zanandrea, Muratore, Toure, Mavididi (19’ st. Bunino), Olivieri (19’ st. Pereira Da Silva), Zanimacchia (38’ st. Pozzebon), Di Pardo (33’ st. Zappa), Beruatto (33’ st. Morelli), Del Prete (Cap.). A disposizione: Del Favero, Busti, Emmanuello, Coccolo, Cappellini, Morrone. Allenatore: Mauro Zironelli.
Arbitro: Davide Moriconi di Roma 2 (Cavallina di Parma, Pappalardo di Parma).
Ammoniti: 16’ st. Del Prete (J), 32’ st. De Vitis (P), 48’ st. Zanandrea (J), 48’ st. Izzillo (P)
Prossimo impegno:
Campionato – 16° Giornata Girone di Andata
Olbia – Juventus U23
Mercoledì 12 Dicembre ore 18:30.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Under 17, pari contro la Sampdoria
09.12.2018 20:30 – in: Settore Giovanile
Under 17, pari contro la Sampdoria

Avanti con Verduci e Sekulov, bianconeri raggiunti nella ripresa
Un tempo per parte nella sfida Under 17 fra Juve e Sampdoria, questo pomeriggio a Vinovo. I ragazzi di Pedone pareggiano 2-2 contro la Samp, subendo la rimonta nella ripresa.
La fiammata Juve arriva, dopo un primo tempo combattuto, proprio a fine frazione: Verduci al 40′ e Sekulov 3 minuti dopo sembrano indirizzare la gara a favore dei bianconeri, ma nella ripresa arriva la reazione sampdoriana: Yepes accorcia al 26′ e proprio verso la fine, al 40′, arriva il 2-2 di Donato.
Sempre a Vinovo, oggi, doppia amichevole contro la Spal per Under 15 e 16.
2-2 il match della 15 (in rete Galante e Doratiotto), mentre i più grandi passano per 2-0, grazie ai gol di Giorgi e Petronelli.     

STAMPA

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 10:08 ALLE 15:30

DI DOMENICA 09 DICEMBRE 2018

SOMMARIO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Serie A, le partite del prossimo turno
Le partite del 16mo turno del girone di andata

Champions,gli arbitri per Napoli e InterLe designazioni Uefa per le partite di martedì sera

Milan: Paquetà sbarcato a MilanoNuovo acquisto questa sera a San Siro,in settimana test atletici

Serie A: Sassuolo-Fiorentina 3-3I viola sotto di due gol pareggiano nel recupero

Loew, mio tempo da ct sta per finireTecnico pensa a un club all’estero, “Real? Sarebbe interessante”

Champions, Allegri vuole vincere gironeMercoledì la sfida agli svizzeri dello Young Boys – Calcio, Pozzo “è ora delle 2/e squadre”
A Udine si ripercorrono tappe arrivo tecnologia in campo

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

le partite del prossimo turno, il 16mo del girone di andata, del campionato di calcio di Serie A: Inter-Udinese (sab. 15, h 18) Torino-Juventus (sab. 15, h 20.30) Spal-Chievo (dom. 16, h 12.30) Fiorentina-Empoli (dom. 16, h 15) Sampdoria-Parma (dom 16, h 15) Frosinone-Sassuolo (dom 16, h 15) Cagliari-Napoli (dom 16, h 18) Roma-Genoa (dom 16, h 20.30) Atalanta-Lazio (lun 17, h 20.30) Bologna-Milan (mar 18, h 20.30)

– Sarà il 42enne sloveno Damir Skomina l’arbitro di Liverpool-Napoli, partita del gruppo C di Champions in programma martedì ad Anfield. I guardalinee saranno Jure Praprotnik e Robert Vukan, quarto uomo Tomaz Klancnik, mentre gli addizionali saranno Slavko Vincic e Matej Jug.
Per Inter-Psv, gara valida per la sesta e ultima giornata del girone B di Champions League in programma martedì sera a San Siro, l’arbitro sarà il tedesco Felix Zwayer, coadiuvato dagli assistenti Thorsten Schiffner e Marco Achmüller, quarto uomo Eduard Beitinger, Daniel Siebert e Sascha Stegemann gli addizionali.
– È sbarcato a Malpensa Lucas Paquetà, il nuovo acquisto del Milan che sarà tesserato a partire da gennaio. Sorridente, accompagnato dalla moglie, il talento brasiliano proveniente dal Flamengo, appena atterrato con un volo da Rio de Janeiro, davanti alle telecamere si è limitato a un saluto, spiegando di aver scelto il Milan “per la sua storia”. Paquetà sarà in tribuna questa sera a San Siro per assistere alla partita contro il Torino, poi per qualche giorno a Milanello sosterrà i test atletici e sarà a disposizione della sua nuova squadra dai primi giorni del 2019.
– REGGIO EMILIA

– Sassuolo e Fiorentina hanno pareggiato 3-3 (0-0) nell’anticipo dell’ora di pranzo della 15/a giornata di Serie A. Dopo i 2-2 di Cagliari-Roma e Lazio-Sampdoria di ieri, a Reggio Emilia si è vista un’altra partita dal finale choc. In vantaggio 2-0 per le reti di Duncan e Babacar al 18′ e al 23′, il Sassuolo ha subito al 25′ il gol di Simeone ma al 35′ si è riportato avanti di due lunghezze grazie a Sensi. L’espulsione del da poco entrato Djuricic a 3′ dal 90′ ha dato coraggio ai viola, in gol al 44′ con Benassi e al 98′ con Mirallas, a completare un’insperata rimonta. Il Sassuolo sale a quota 21 in classifica, insieme con Roma e Torino – che gioca stasera in casa del Milan -, mentre la Fiorentina va a 19.

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

Joachim Loew comincia a guardarsi intorno. Nel mirino per i deludenti risultati ottenuti di recente sulla panchina della Germania, il ct 58enne appare pronto per una nuova avventura e nel suo futuro lui vede una squadra di club. Intervistato dall’emittente tedesca Zdf, il tecnico ha sottolineato che “gran parte della mio tempo come allenatore della nazionale è passato. Arriva un momento in cui devi pensare a cosa fare dopo e io continuo ad essere interessato a dirigere un club e penso che sarebbe all’estero, non in Germania”. Prima del Mondiale, era stato contattato dal Real Madrid come possibile sostituto di Zinedine Zidane, ma l’allenatore non aveva voluto lasciare la guida della nazionale.
Ora le cose sono cambiate: “Il Real Madrid? E’ un club interessante per ogni allenatore”, si è limitato a commentare.
– TORINO

– Domenica di lavoro per la Juventus che, archiviato il riposo concesso da Allegri dopo la vittoria sull’Inter, ha iniziato a preparare la trasferta di Champions League contro lo Young Boys. Sulla carta un impegno alla portata dei bianconeri, ma da non sottovalutare: in ballo c’è infatti il primato nel girone, un bel vantaggio in vista del sorteggio degli ottavi.
La seduta -informa la Juventus sul proprio sito internet – si è concentrata su esercitazioni in fase difensiva e su esercizi di tecnica e possesso palla, con Alex Sandro che ha lavorato parzialmente con la squadra. Il brasiliano è fermo per un problema muscolare dalla partita casalinga di Champions contro il Valencia.
I bianconeri torneranno in campo domani, alla Continassa, dove si alleneranno anche martedì mattina prima della partenza per Berna. La conferenza stampa della vigilia è in programma allo Stade de Suisse alle 18.

– UDINE

– “Ho sempre fatto fatica a accettare i verdetti, sono sempre stato un pò polemico con gli arbitri ma devo riconoscere che è un mestiere molto difficile. Oggi che abbiamo la Var vediamo episodi che solo la moviola riesce a rilevare; senza l’aiuto della tecnologia è molto difficile fare l’arbitro”. Così il patron dell’Udinese Gianpaolo Pozzo, nell’incontro organizzato nell’auditorium dello Stadio Friuli prima di Udinese-Atalanta per ripercorrere le tappe della genesi del Var. Fu proprio Pozzo nel 2001 a lanciare l’idea di un sistema tecnologico per eliminare i torti subiti nei casi di gol fantasma e fuorigioco e a farsi carico direttamente di sviluppare un brevetto e un prototipo con il Cnr di Bari e la Figc. La prima applicazione avvenne in un test “cieco”, senza comunicazione con l’arbitro, in un Udinese-Reggina nel 2006. “Il Var è una vittoria della nostra federazione a livello mondiale, ora c’è l’esigenza di una seconda squadra in Lega Pro”. NOTA: ricordo al Sig. Pozzo che in Italia c’è già la prima squadra che ha la formazione per la Lega Pro e si chiama Juventus U23, per cui la realtà già esiste, dovrebbero anche incominciare gli altri, pure con gli stadi di proprietà.     

STAMPA

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS

TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS

SEMPRE IN COSTANTE AGGIORNAMENTO

TUTTI I VIDEO DEL MONDO BIANCONERO

TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS

Le curiosità di Juventus vs Inter

Highlights Juventus vs Inter 1-0 Mandzukic al 65

Conferenza Stampa Allegri post Juventus vs Inter

Bonucci «Nel secondo tempo abbiamo preso in mano al partita»

Allegri «Siamo stati efficaci e concreti»

Da bordocampo Juventus vs Inter

Gamereview Juventus vs Inter

Juventus Youth U19 Vittoria in rimonta contro la Fiorentina