Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

CALCIO

TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 09:05 ALLE 16:56 DI GIOVEDì 21 FEBBRAIO 2019

Ronaldo “serata difficile,ma crediamoci”
Il portoghese sprona la Juventus dopo il ko con l’Atletico

TORINO21 febbraio 201909:05

– Un ritorno a Madrid così amaro non se l’aspettava nemmeno lui. Ma Cristiano Ronaldo sprona la Juventus, battuta dall’Atletico con due gol segnati dai difensori Gimenez e Godin, a programmare la rimonta. “È stata una serata difficile – scrive su Instagram- ora crediamoci #fino alla fine”.
Juve, Szczesny “diamo tutto nel ritorno”Portiere: “la nostra squadra non si arrende mai”

TORINO21 febbraio 201909:08

– “Abbiamo bisogno di dare tutto nella seconda partita. Questa squadra non molla mai”. Szczesny, decisivo due volte contro il campione del mondo Griezmann ieri al Wanda Metropolitano di Madrid, ma poi costretto ad arrendersi ai colpi di Gimenez e Godin, cerca di ricaricare la Juventus dopo il ko contro l’Atletico.
‘L’Atletico Madrid divora la Juventus’, esulta la SpagnaStampa iberica scatenata dopo vittoria madrileni sui bianconeri

21 febbraio 201911:52

“Il migliore Atletico di quest’anno mette alle corde Cristiano Ronaldo”: titola così il quotidiano As dopo la netta vittoria dei madrileni per 2-0 sulla Juventus nella partita di andata degli ottavi di Champions. Anche l’altro quotidiano sportivo spagnolo ‘Marca’ titola a tutta pagina sul successo della formazione guidata da Diego Simeone: “Un superbo Atletico divora la Juventus” e aggiunge che la squadra “presenta la sua candidatura alla Champoions con una partita indimenticabile” e a tutta pagina sulla foto dei giocatori esultanti dopo la seconda rete scrive “que fieras”. Il ‘Mundo Deportivo’ definisce quella di ieri sera “una notte epica”, nella quale un Atletico “feroce manda al tappeto la Juventus”. “Sport” scrive che l’Atletico Madrid “manda quasi ko Cristiano Ronaldo”.

CALCIO

Champions, Allegri “sfida da vivere”
Tecnico Juve dà appuntamento al ritorno dopo 0-2 con Atletico

TORINO21 febbraio 201910:02

– “Una sfida da vivere, e vincere, tutti assieme. Fino alla fine”. Massimiliano Allegri crede nella rimonta e, dopo il 2-0 subito ieri sera dall’Atletico Madrid, dà appuntamento a tutti per il ritorno. “Venti giorni – scrive il tecnico della Juventus su Twitter – Venti giorni per essere pronti”.
Wanda Nara si sfoga in un postMessaggio su Instagram, “ignora quando ti criticano”

MILANO21 febbraio 201911:45

”Ignora quando ti criticano, ascolta quando ti consigliano e allontanati quando non ti danno valore”: è il messaggio che Wanda Nara ha pubblicato in tarda serata in una delle stories di Instagram. Parole che sembrerebbero destinate al club nerazzurro. Wanda Nara ieri ha accompagnato Mauro Icardi ai controlli medici voluti dall’Inter, visite che non hanno riscontrato nuovi problemi fisici.
‘Io 5 Champions a 0’ CR7 in zona mistaPer media Spagna ‘Ronaldo è nell’abisso’

21 febbraio 201912:19

– “Ho vinto cinque Champions, l’Atletico zero. Io cinque, l’Atletico zero”. Dopo il 2-0 subito in casa dall’Atletico Cristiano Ronaldo si sfoga così in zona mista di fronte ai giornalisti mimando il cinque e lo zero con le mani e il giorno dopo la stampa spagnola lo attacca pesantemente. Marca in particolare titola ‘Ronaldo e nell’abisso’ ricordando i numeri non entusiasmanti della sua stagione in Champions League. As ricorda poi come la reazione di Ronaldo sia arrivata dopo gli insulti piovutigli addosso dagli spalti del Wanda Metropolitano che hanno fatto riferimento anche ai guai fiscali che hanno interessato l’asso portoghese della Juventus.
Gattuso: Milan al bivio,serve continuitàNon è squadra mia o di Piatek ma di tutti, non bisogna mollare

MILANO21 febbraio 201913:48

– “Questo non è il Milan mio o di Piatek, ma di tutti: dei dirigenti, dei giocatori, dei tifosi”.
Lo ha messo in chiaro l’allenatore rossonero Rino Gattuso, sottolineando che l’attaccante polacco acquistato a gennaio “sta valorizzando ogni pallone che gli arriva, ma i meriti sono veramente di tutti”. “E’ una squadra giovane, che ancora può crescere tantissimo. L’importante – ha aggiunto alla vigilia della sfida con l’Empoli – è che ci sia la voglia. Non bisogna mollare di una virgola. Siamo a un bivio: bisogna dare continuità a quello che stiamo facendo, io sono qua da un anno e mezzo e spesso finora non ci siamo riusciti. In questo campionato non esistono partite facili e spero che non commetteremo l’errore di sottovalutare questa. Iachini ha rigirato la sua squadra come un calzino. Da parte mia c’è grande preoccupazione, non sarà per nulla facile”.
Gattuso: “Mia moglie mi fa la formazione’Tante ne capiscono, parlo tre volte a settimana con la Morace’

MILANO21 febbraio 201913:57

– “Con mia moglie parlo di tattica? Mia moglie mi fa la formazione…”. Rino Gattuso risponde con un sorriso sul tema che ha sollevato polemiche dopo le frasi sessiste dell’opinionista Rai ed ex rossonero, Fulvio Collovati.
“Al di là delle battute – ha continuato l’allenatore del Milan, alla vigilia della partita con l’Empoli -, tre volte alla settimana parlo con un allenatore molto preparato che è Carolina Morace”, allenatore della squadra femminile rossonera. “Penso che nel mondo in cui viviamo ci sono tantissime donne che ne capiscono – ha aggiunto Gattuso -. Quando parlo con Carolina mi confronto ed è un confronto sempre molto aperto e interessante”.
‘Mio padre contento vittoria e rinnovo’Giovanni Simeone interviene dopo il 2-0 dell’Atletico alla Juve

FIRENZE21 febbraio 201914:06

– “Ho sentito mio padre, è contento non solo per la partita di ieri ma anche per il rinnovo con l’Atletico Madrid, e per quello che sta facendo in generale con la squadra”. Lo ha detto Giovanni Simeone, attaccante della Fiorentina, a proposito della vittoria di ieri in Champions League dell’Atletico Madrid allenato dal padre Diego contro la Juventus.
“Mi sono appassionato al calcio vedendo giocare mio padre, ma lui non mi ha mai detto cosa fare o cosa non fare”, ha ricordato Simeone ai ragazzi in platea al Teatro della Compagnia di Firenze, parlando a una iniziativa contro la violenza nello sport nell’ambito del progetto europeo Novis. “Non fu facile – ha aggiunto – anche all’inizio della mia carriera calcistica: alcuni si avvicinarono a me perché ero il figlio di Simeone, e alcuni miei compagni mi dissero che io giocavo perché ero il figlio di Simeone”.
Europa League: Inter Rapid Vienna, Spalletti senza IcardiKuhbauer: “Non c’è Icardi? Lautaro è un grande”

21 febbraio 201914:54

In campo alle 21 Inter-Rapid Vienna DIRETTA ritorno dei sedicesimi di Europa League.Ancora senza Mauro Icardi, l’Inter si aggrappa a Lautaro Martinez per strappare la qualificazione agli ottavi di Europa League e centrare il quarto successo consecutivo. “Fino a poco tempo fa, quando non c’era Icardi dicevamo che era un’assenza pesante per noi. Ora che non c’è, che non può giocare, è lo stesso”: Luciano Spalletti lo ammette alla vigilia della partita contro il Rapid Vienna. Keita Balde non è ancora al meglio e per la terza sfida sarà Lautaro a guidare l’attacco. Il gioco dell’Inter cambia poco, spiega il tecnico, perché i due argentini “sono molto simili, sono due punte centrali e come tutti i calciatori forti possono coesistere” ma le caratteristiche dei due giocatori sono diverse perché “uno è bravo in area, l’altro è disinvolto a venire fuori”.”Non mi interessa se non c’è Icardi. Abbiamo visto a Vienna che Lautaro Martinez è un grande giocatore. Non sappiamo cosa farà Icardi, conta solo questa partita”. Dietmar Kuhbauer, tecnico del Rapid Vienna, mette in guardia i suoi giocatori su Lautaro Martinez autore del gol che ha deciso la partita d’andata. A San Siro, dove sono attesi più di 30 mila spettatori, gli austriaci cercheranno una difficile impresa: ”Siamo professionisti. Questo stadio trasuda storia. Ma serve coraggio da parte nostra. Ci sono due squadre in campo ed entrambe possono giocare bene”

Lega B: Balata visita azienda LardiniMarchio moda è partner della Serie cadetta

21 febbraio 201916:24

– Il presidente Balata nei giorni scorsi ha fatto visita alla prestigiosa azienda di abbigliamento made in Italy Lardini, partner della Lega B, per conoscere più da vicino e promuovere un brand che continua a esportare la qualità dell’Italia in tutto il mondo con grandi risultati e riconoscimenti. La sinergia tra la Lega B e l’azienda con sede a Filottrano, in provincia di Ancona, è certificata da una serie di ideali alla base della filosofia con cui le due forze si muovono nei loro panorami di riferimento: il coraggio, la qualità, la voglia di migliorarsi. “Il design più raffinato e più evoluto, coniugato con la tecnologia più avanzata, con il rispetto del fattore umano, e con un rapporto tra la proprietà e i dipendenti che assomiglia a quello di una vera famiglia – ha detto Balata – valorizza ancora di più un brand che si è affermato a livello mondiale e che certifica la supremazia della moda italiana nel mondo”. –

Arbitri: Bologna-Juve dirigerà Calvarese
Frosinone-Roma è stata affidata a Manganiello. Abisso a Firenze

21 febbraio 201916:51

– E’ Calvarese di Teramo l’arbitro designato a dirigere Bologna-Juventus, partita della sesta giornata della serie A in programma domenica alle 15. Il posticipo Fiorentina-Inter sarà invece arbitrato da Abisso di Palermo. Per Frosinone-Roma scelto Manganiello, con Pairetto alla Var. Lo rende noto l’Aia.

STAMPA
Annunci
Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

JUVENTUS TUTTI I VIDEO

JUVENTUS TUTTI I VIDEO

JUVENTUS TUTTI I VIDEO SEMPRE AGGIORNATI

DALLE 23:00 DI MERCOLEDì 20 FEBBRAIO 2019

ALLE 12:58 DI GIOVEDì 21 FEBBRAIO 2019

JUVENTUS TUTTI I VIDEO

Highlights Atletico Madrid vs Juventus 2-0 Gimenez Godin

Conferenza Stampa Allegri post Atletico Madrid vs Juventus

Allegri «Non sarà semplice, ma bisogna pensare di poterla ribaltare»

Chiellini «Stiamo calmi e resettiamo»

#JUVENTUSTV Puntata 68, Sivori e Charles, che coppia!

Da bordocampo Atletico Madrid vs Juventus 21 Feb 2019

Juventus Women vs Tavagnacco Rewind 21 Feb 2019

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, Ultim'ora

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 17:09 DI MERCOLEDì 20 FEBBRAIO 2019

ALLE 12:00 DI GIOVEDì 21 FEBBRAIO 2019

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Juventus Tv è pronta per la Champions
20.02.2019 17:09 – in: UCL
Juventus Tv è pronta per la Champions

Alle 20 si accende la diretta di J Champions Time, commenti, opinioni, news e collegamenti dal Wanda Metropolitano. In studio, la leggenda bianconera Roberto Bettega.
«È il primo di due match con l’Atletico Madrid e dobbiamo porre le basi per passare il turno», Massimiliano Allegri, come tutta squadra, è pronto per la sfida del Wanda Metropolitano.
Anche Juventus Tv è pronta e già alle 20 si accenderà per l’attesissima diretta di J Champions Time. Il programma che introduce e segue tutte le partite di UEFA Champions League con commenti, opinioni, news e continui collegamenti dal teatro della sfida.
Per l’occasione, stasera il parterre della nostra piattaforma ufficiale s’arricchisce della competenza della leggenda bianconera, Roberto Bettega, dell’arbitro internazionale di volley, Marco Braico.
Juventus Tv è live anche nell’immediato post-partita con commenti, approfondimenti e continui collegamenti dalla mix-zone del Wanda Metropolitano per le interviste esclusivee le conferenze stampa dei due mister.
E per chi si fosse perso la diretta, Atletico-Juve sarà disponibile in versione integrale già da mezzanotte, ottimizzata per tutti i dispositivi e quindi fruibile ovunque.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Gimenez e Godin decidono l’andata
20.02.2019 23:00 – in: Match Report
Gimenez e Godin decidono l’andata

Al Wanda Metropolitano l’Atletico vince 2-0, firmando il doppio vantaggio in cinque minuti nella ripresa
Che al Wanda Metropolitano sarebbe stata dura si sapeva, ma era forse lecito sperare in un esito diverso della gara di andata contro l’Atletico, specie dopo un primo tempo chiuso a reti bianche ne quale la Juve, nei primi minuti, era anche stata più pericolosa dei padroni di casa. E invece nella ripresa, in cinque minuti, la strada per la qualificazione ai quarti d Champions si fa improvvisamente in salita per i bianconeri che subiscono un micidiale uno-due firmato Gimenez e Godin e non riescono, nonostante il forcing finale, a lasciare il segno.
JUVE SUBITO PERICOLOSA
Il copione della gara è subito evidente: l’Atletico punta sulle ripartenze di Griezmann e lascia il palleggio alla Juve, che nei primi minuti studia gli avversari e prova a colpire con Ronaldo. CR7 si procura una punizione e spara un siluro da oltre venticinque metri che Oblak riesce a intercettare. Va vicino al gol anche Bonucci, che incorna alto un cross dalla bandierina di Pjanic, mentre i colchoneros si fanno vedere con il rasoterra dalla distanza di Thomas, bloccato da Szczesny.
DIFESE BLOCCATE
La gara vive di fiammate improvvise, ma l’impressione è che entrambe le squadre badino soprattutto a non scoprirsi, anche perché ogni disattenzione potrebbe essere letale. L’esempio più lampante arriva al 27′, quando Diego Costa se ne va sulla sinistra e De Sciglio, inciampando, lo tocca e commette fallo. Il signor Zwayer indica subito il dischetto, ma il VAR segnala che il contatto è avvenuto fuori area e la punizione che ne consegue, battuta da Griezmann viene messa in angolo da Szczesny. Dybala risponde impegnando Oblak con un sinistro dal limite, ma non è per nulla facile trovare un varco quando le difese sono schierate.
ATLETICO A TESTA BASSA
Il possesso palla bianconero fatica a superare la diga eretta dagli spagnoli, che invece, al 5′ della ripresa, sono pericolosissimi: Diego Costa riceve da Griezzmann e punta l’area inseguito dal solo Bonucci, ma al momento del tiro colpisce male e mette a lato, graziando Szczesny. Il portiere è salvifico poco dopo, quando riesce a deviare sulla traversa il tocco all’indietro di De Sciglio che, per anticipare Griezmann, rischia un clamoroso autogol. Ora che l’Atletico produce il massimo sforzo, è la Juve a doversi chiudere e Simeone per avere ancora più rapidità in avanti inserisce Morata e Lemar per Diego Costa e Thomas, quindi Correa al posto di Koke. La legge dell’ex colpisce al 25′, quando Morata  incorna il traversone di Felipe Luis alle spalle di Szczesny, ma per liberarsi spinge in modo vistoso Chiellini e dopo aver consultato il VAR il signor Zwayer, che inizialmente aveva concesso il gol, annulla.
GIMENEZ E GODIN, DUE GOL IN CINQUE MINUTI
Allegri opera il primo cambio richiamando Pjanic e mandando in campo Emre Can, che si sistema davanti alla difesa, ma a forza di insistere i colchoneros passano. La difesa bianconera non riesce a liberare su un angolo di Griezmann e Gimenez si ritrova il pallone sui piedi a due passi dall’area piccola e può comodamente infilare il vantaggio. Allegri inserisce Bernardeschi per Dybala, ma ora la Juve è in difficoltà, perché l’Atletico, spinto dai 67.000 del Wanda Metropolitano insiste e passa ancora, sfruttando nuovamente una palla inattiva: anche la punizione di Griezmann non viene liberata a dovere e Godin, dopo un primo tentativo ribattuto, piazza il tap in che complica, non poco, il discorso qualificazione per i bianconeri. Tutti i tentativi di riaprire la partita, come il sinistro di Bernardeschi alzato sopra la traversa da Oblak, vengono rispediti al mittente e anche l’ingresso di Cancelo per Matuidi non dà i frutti sperati. A Torino, il 12 marzo, servirà la miglior Juve.
ATLETICO MADRID-JUVENTUS 2-0

RETI:  Gimenez 33′ st, Godin 38′ st
ATLETICO MADRID
Oblak; Juanfran, Giménez, Godin, Filipe Luis; Saul, Thomas (16′ st Lemar), Rodri, Koke (22′ sta Correa); Diego Costa (13′ st Morata), Griezmann
A disposizione: Adan, Savic, Arias, Kalinic
Allenatore: Simeone

JUVENTUS
Szczesny; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic (28′ st Emre Can), Matuidi (39′ st Cancelo); Dybala (35′ st Bernardeschi), Mandzukic, Ronaldo
A disposizione: Perin, Caceres, Rugani, Spinazzola
Allenatore: Allegri

ARBITRO: Zwayer (GER)
ASSISTENTI: Schiffner (GER), Achmüller (GER)
QUARTO UFFICIALE: Welz (GER)
VAR: Dankert (GER), Stegemann (GER)

AMMONITI: 8′ pt Diego Costa, 48′ pt Thomas, 10′ st Alex Sandro, 44′ st Griezmann. GUARDA IN ESCLUSIVA Highlights Atletico Madrid vs Juventus 2-0 Gimenez Godin

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Atletico-Juve, le interviste
20.02.2019 23:15 – in: UCL
Atletico-Juve, le interviste

Le dichiarazioni dei bianconeri al termine della sfida del Wanda Metropolitano
Due gol subiti in cinque minuti e qualificazione che si fa complicata, ma non impossibile. A Torino, il 12 marzo, la Juve proverà a ribaltare il 2-0 subito in Spagna e i bianconeri, al temine della gara di andata contro l’Atletico, sono già proiettati al ritorno. Di seguito le dichiarazioni rilasciate dopo la gara.
CHIELLINI
«Gli episodi cambiano le partite e siamo stati puniti sui calci piazzati. Dovremo stare più attenti, ma stiamo calmi e resettiamo, perché Torino possiamo farcela. Mancano tre settimane, vinceremo al ritorno» GUARDA IN ESCLUSIVA Chiellini «Stiamo calmi e resettiamo»

BERNARDESCHI
«Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile e non è andata come speravamo, ma fortunatamente c’è il ritorno. Sicuramente bisognerà far meglio il ritorno, non commettendo gli errori di oggi. Abbiamo preso due gol uguali su rimpalli ripresi e in questi casi qualche disattenzione c’è, anche se loro sono molto forti sulle palle inattive. Il 2-0 è un risultato importante per l’Atletico, ma in casa nostra possiamo giocarcela e ribaltarlo. Abbiamo 90 minuti per restare in Champions».

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Il commento di Mister Allegri
20.02.2019 23:45 – in: UCL
Il commento di Mister Allegri

«Abbiamo sbagliato il secondo tempo: a Torino ci vorrà una grande partita, non perdiamo la fiducia»
Questa la disamina di Mister Massimiliano Allegri a termine della partita: «Abbiamo giocato un brutto secondo tempo, commettendo l’errore di andare dietro a loro – Spiega – Già avevamo rischiato su un contropiede e su una palla persa, ma il dato è che nel secondo tempo non abbiamo fatto un tiro in porta».
Sui meriti dell’Atletico: «Sono più abituati di noi a giocare partite di questo tipo: sono rimasti dentro la gara anche se non c’erano grandi sussulti, mentre noi abbiamo sbagliato. Comunque, peggio del secondo tempo non potevamo fare, quindi dobbiamo avere fiducia per il ritorno. Sapevamo che l’Atletico ti fa giocare “male”, e per batterli occorre stare sopra ritmo».
Sul ritorno: «Adesso c’è delusione, ma bisogna pensare di poterla ribaltare. Non sarà semplice, occorrerà una grande partita, in cui dovremo essere bravi a muovere di più ilgioco. Restando ordinati, cosa che questa sera non abbiamo fatto, anche dopo aver subito il secondo gol, e infatti abbiamo ancora rischiato. Comunque il 2-0 si può ribaltare, è inutile piangersi addosso». GUARDA IN ESCLUSIVA Conferenza Stampa Allegri post Atletico Madrid vs Juventus

Allegri «Non sarà semplice, ma bisogna pensare di poterla ribaltare»

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Atletico-Juve, Talking Points
21.02.2019 10:00 – in: UCL
Atletico-Juve, Talking Points
Alcune statistiche sulla gara di Champions League a Madrid
Arriva uno stop europeo per la Juve.
A Madrid vince l’Atletico, nella prima delle due sfide valide per gli ottavi di finale.
Ecco i dati del match.
Generale
Possesso
36,9%
36,9%
63,1%
63,1%
% Duelli vinti
53,3%
53,3%
46,7%
46,7%
Duelli aerei vinti
54,8%
54,8%
45,2%
45,2%
Intercetti
13
13
10
10
Fuorigioco
1
1
0
0
Corner
8
8
7
7
Distribuzione
Passaggi
312
312
543
543
Passaggi lunghi
57
57
53
53
Precisione passaggi (%)
73,1%
73,1%
86,9%
86,9%
Precisione passaggi metà avv. (%)
64,9%
64,9%
78,6%

78,6%
Cross
19
19
16

16
Precisione cross
26,3%
26,3%
18,8%

18,8%
Attacco
Gol
2
2
0
0
Tiri
13
13
14
14
Tiri nello specchio
5
5
3
3
Tiri ribattuti
3
3
3
3
Tiri da fuori area
5
5
8
8
Tiri da dentro l’area
8
8
6
6
Precisione al tiro (%)
38,5%
38,5%
21,4%

21,4%
Difesa
Contrasti
14
14
6
6
% di contrasti vinti
64,3%
64,3%
83,3%
83,3%
Respinte difensive
19
19
24
24
Disciplina
Falli fatti
12
12
16
16
Cartellini gialli
3
3
1
1
Cartellini rossi
0
0
0

0
L’ANALISI DEI NUMERI
La Juventus ha giocato molti più palloni dell’Atletico, come testimonia lo schema sopra. Ha prevalso anche nella percentuale di palle utili e nel numero di passaggi. Non a caso, i primi sei giocatori di questa partita per numero di palloni giocati sono della Juventus.
Ma l’Atletico è stato più incisivo. Come testimoniano i dati che seguono.
LE GIOCATE UTILI IN AREA AVVERSARIA
L’analisi della fase offensiva mostra un dato su tutti, che può essere una delle chiavi di lettura del match: le giocate utili in area avversaria. L’Atletico ha prevalso, così come per quanto riguarda i tiri da dentro l’area.
I NUMERI DI LEO E GIORGIO
Leonardo Bonucci ha giocato la sua 500ª partita in carriera con i club.
Giorgio Chiellini è diventato il quarto giocatore più presente in Champions League/Coppa dei Campioni con la Juventus (69 partite).
ATTENZIONE AI CALCI PIAZZATI…
Sei degli ultimi sette gol subiti dalla Juventus in Champions League sono arrivati sugli sviluppi di calcio piazzato.
UNA STATISTICA DA SFATARE AL RITORNO
L’Atletico Madrid è l’unica squadra affrontata più di una volta in Champions League contro cui la Juventus non è riuscita a trovare il gol. Finora.         

STAMPA

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

SINTESI ATLETICO-JUVENTUS 2 A 0 IL VIDEO AMPIA SINTESI DI ATLETICO MADRID-JUVENTUS 2-0

SINTESI ATLETICO-JUVENTUS 2 A 0

SINTESI ATLETICO MADRID-JUVENTUS 2 A 0 IL VIDEO CON AMPIA SINTESI DEL MATCH E LA CRONACA TESTUALE DELLA PARTITA

ANDATA OTTAVI CHAMPIONS LEAGUE WANDA METROPOLITANO ORE 21:00 DI MERCOLEDì 20 FEBBRAIO 2019

SI AFFRONTANO ATLETICO MADRID-JUVENTUS

SINTESI ATLETICO-JUVENTUS 2 A 0

LA CRONACA:

Gimenez e Godin decidono l’andata

tropolitano l’Atletico vince 2-0, firmando il doppio vantaggio in cinque minuti nella ripresaChe al Wanda Metropolitano sarebbe stata dura si sapeva, ma era forse lecito sperare in un esito diverso della gara di andata contro l’Atletico, specie dopo un primo tempo chiuso a reti bianche ne quale la Juve, nei primi minuti, era anche stata più pericolosa dei padroni di casa. E invece nella ripresa, in cinque minuti, la strada per la qualificazione ai quarti d Champions si fa improvvisamente in salita per i bianconeri che subiscono un micidiale uno-due firmato Gimenez e Godin e non riescono, nonostante il forcing finale, a lasciare il segno.JUVE SUBITO PERICOLOSAIl copione della gara è subito evidente: l’Atletico punta sulle ripartenze di Griezmann e lascia il palleggio alla Juve, che nei primi minuti studia gli avversari e prova a colpire con Ronaldo. CR7 si procura una punizione e spara un siluro da oltre venticinque metri che Oblak riesce a intercettare. Va vicino al gol anche Bonucci, che incorna alto un cross dalla bandierina di Pjanic, mentre i colchoneros si fanno vedere con il rasoterra dalla distanza di Thomas, bloccato da Szczesny.

SINTESI ATLETICO-JUVENTUS 2 A 0

DIFESE BLOCCATELa gara vive di fiammate improvvise, ma l’impressione è che entrambe le squadre badino soprattutto a non scoprirsi, anche perché ogni disattenzione potrebbe essere letale. L’esempio più lampante arriva al 27′, quando Diego Costa se ne va sulla sinistra e De Sciglio, inciampando, lo tocca e commette fallo. Il signor Zwayer indica subito il dischetto, ma il VAR segnala che il contatto è avvenuto fuori area e la punizione che ne consegue, battuta da Griezmann viene messa in angolo da Szczesny.

SINTESI ATLETICO-JUVENTUS 2 A 0

Dybala risponde impegnando Oblak con un sinistro dal limite, ma non è per nulla facile trovare un varco quando le difese sono schierate.ATLETICO A TESTA BASSAIl possesso palla bianconero fatica a superare la diga eretta dagli spagnoli, che invece, al 5′ della ripresa, sono pericolosissimi: Diego Costa riceve da Griezzmann e punta l’area inseguito dal solo Bonucci, ma al momento del tiro colpisce male e mette a lato, graziando Szczesny. Il portiere è salvifico poco dopo, quando riesce a deviare sulla traversa il tocco all’indietro di De Sciglio che, per anticipare Griezmann, rischia un clamoroso autogol. Ora che l’Atletico produce il massimo sforzo, è la Juve a doversi chiudere e Simeone per avere ancora più rapidità in avanti inserisce Morata e Lemar per Diego Costa e Thomas, quindi Correa al posto di Koke.

SINTESI ATLETICO-JUVENTUS 2 A 0

La legge dell’ex colpisce al 25′, quando Morata  incorna il traversone di Felipe Luis alle spalle di Szczesny, ma per liberarsi spinge in modo vistoso Chiellini e dopo aver consultato il VAR il signor Zwayer, che inizialmente aveva concesso il gol, annulla.GIMENEZ E GODIN, DUE GOL IN CINQUE MINUTIAllegri opera il primo cambio richiamando Pjanic e mandando in campo Emre Can, che si sistema davanti alla difesa, ma a forza di insistere i colchoneros passano. La difesa bianconera non riesce a liberare su un angolo di Griezmann e Gimenez si ritrova il pallone sui piedi a due passi dall’area piccola e può comodamente infilare il vantaggio. Allegri inserisce Bernardeschi per Dybala, ma ora la Juve è in difficoltà, perché l’Atletico, spinto dai 67.000 del Wanda Metropolitano insiste e passa ancora, sfruttando nuovamente una palla inattiva: anche la punizione di Griezmann non viene liberata a dovere e Godin, dopo un primo tentativo ribattuto, piazza il tap in che complica, non poco, il discorso qualificazione per i bianconeri. Tutti i tentativi di riaprire la partita, come il sinistro di Bernardeschi alzato sopra la traversa da Oblak, vengono rispediti al mittente e anche l’ingresso di Cancelo per Matuidi non dà i frutti sperati. A Torino, il 12 marzo, servirà la miglior Juve.

SINTESI ATLETICO-JUVENTUS 2 A 0

ATLETICO MADRID-JUVENTUS 2-0

RETI:  Gimenez 33′ st, Godin 38′ st
ATLETICO MADRIDOblak; Juanfran, Giménez, Godin, Filipe Luis; Saul, Thomas (16′ st Lemar), Rodri, Koke (22′ sta Correa); Diego Costa (13′ st Morata), Griezmann
A disposizione: Adan, Savic, Arias, Kalinic
Allenatore: Simeone

JUVENTUSSzczesny; De Sciglio, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic (28′ st Emre Can), Matuidi (39′ st Cancelo); Dybala (35′ st Bernardeschi), Mandzukic, Ronaldo
A disposizione: Perin, Caceres, Rugani, Spinazzola
Allenatore: Allegri

ARBITRO: Zwayer (GER)
ASSISTENTI: Schiffner (GER), Achmüller (GER)
QUARTO UFFICIALE: Welz (GER)
VAR: Dankert (GER), Stegemann (GER)
AMMONITI: 8′ pt Diego Costa, 48′ pt Thomas, 10′ st Alex Sandro, 44′ st Griezmann

SINTESI ATLETICO-JUVENTUS 2 A 0 IL VIDEO DELL’AMPIA SINTESI DELLA PARTITA IN ESCLUSIVAHighlights Atletico Madrid vs Juventus 2-0 Gimenez Godin

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE: Simeone,gol Morata? speravo Var aiutasse ‘Davvero credete che uno alto 187 cm cada così durante gioco?’ Allegri,ripresa male ma credo in rimonta’Sapevamo che Atletico è forte, ma sono sfide che puoi ribaltare

CALCIO

TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DELLE 00:23 DI GIOVEDì 21 FEBBRAIO 2019

CALCIO

“Il gol di Morata? Speravo che il Var aiutasse.. Ma non Non credo nella giustizia nel calcio, è la forza che determina i risultati. Io confido nel Var, ma se qualcuno crede che una persona di 187 centimetri (come Chiellini n.d.r.) possa cadere così in un’azione di gioco, contento lui…”.
Nel dopo partita di Atletico Madrid-Juventus, Diego Simeone dice la sua anche sulla rete annullata tramite Var all’ex bianconero Morata, per una spinta a Chiellini.
Poi ancora una battuta sull’esultanza dopo il primo gol dei suoi. “Non è un gesto bellissimo – ammette Simeone -, però me lo sentivo, era una partita sofferta con episodi difficili. Diego Costa ha fatto una grande partita, ho mostrato semplicemente quello che ho sentito, comunque chiedo scusa. Ma serviva coraggio per mettere Costa e Koke che non giocavano da un mese”.

– “Il secondo tempo è stato brutto, perché abbiamo commesso l’errore di andare dietro a loro, che sono bravi a far scivolare le partite senza subire tiri. In quel momento diventano pericolosi, avevamo già rischiato su un contropiede in cui Diego Costa si è presentato a tu per tu con Szczesny, nella ripresa non abbiamo fatto un tiro in porta”.
Non è certo soddisfatto della prova dei suoi Massimiliano Allegri quando commenta la sconfitta della Juventus contro l’Atletico Madrid. “Sono entrati con cattiveria sulle palle inattive perché loro riescono a stare dentro la partita anche quando non ci sono sussulti – spiega Allegri -. Abbiamo possibilità di ribaltarla, bisogna avere fiducia, non bisogna piangersi addosso. Sapevamo che sarebbe stata difficile: l’Atlético è forte”. Secondo l’allenatore della Juve, “hanno inciso tante cose, nella ripresa abbiamo sbagliato. C’è delusione, ma capita che le squadre perdano la prima. Non sarà semplice, ma ci vorrà una grande gara al ritorno, io sono comunque fiducioso”.         

STAMPA

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

CALCIO

TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 20:30 ALLE 23:58 DI MERCOLEDì 20 FEBBRAIO 2019

CALCIO

Scrive arbitro su Fb, squalifica aumenta
Calciatore era stato espulso, società multata per madre in campo

PERUGIA20 febbraio 2019 20:30

– Squalificato per avere colpito “con una violenta testata un avversario” ma anche perché “nel dopo partita, contattava via Facebook il direttore di gara tentando di spiegare i motivi del suo gesto al fine di ottenere un alleggerimento della sua posizione”: è successo a un giocatore del San Luca, formazione umbra di prima categoria. Al quale il giudice sportivo, l’avvocato Marco Brusco, ha inflitto quattro giornate. Due per l’espulsione e altrettante per quanto scritto sul social network.
La decisione è stata presa dopo la partita Vis Foligno-San Luca disputata domenica e terminata 2-0 per i padroni di casa.
Il giudice sportivo ha anche comminato una multa da 120 euro al San Luca per l’ingresso in campo della madre del calciatore espulso che voleva parlare con il giocatore colpito dal figlio.
“Al 37/o del secondo tempo – si legge nella motivazione – un proprio sostenitore, verosimilmente la madre di un calciatore del San Luca espulso poco prima, scavalcava la recinzione ed entrava in campo”.
Supercoppa Primavera al TorinoInter battuta in finale ai rigori, decisive parate Gemello

TORINO20 febbraio 201921:56

– Il Torino Primavera si aggiudica la Supercoppa, la seconda dopo quella del 2015, battendo ai rigori i pari età dell’Inter al termine di una combattutissima partita.
I granata di mister Coppitelli passano per due volte in vantaggio: segna Onisa al 36′ del primo tempo, raddoppia Rauti al 4′ del primo tempo supplementare, dopo il pari nerazzurro di Salcedo al 35′ del secondo tempo. Al 15′ del primo tempo supplementare Esposito segna il 2-2 per i nerazzurri. Si va dunque ai calci di rigore. Decisive le parate di Gemello su Zappa e Pompetti, che neutralizzano la traversa del bomber granata Millico e fissano il punteggio finale sul 4-6 per gli ospiti. Una curiosità: la finale è stata interrotta nove minuti, nel secondo tempo, per il black out dell’illuminazione dello stadio.

Champions: Schalke-Manchester City 2-3Aguero-gol, poi sorpasso tedesco, Sanè e Sterling la ribaltano

20 febbraio 201922:59

– Manchester City batte Schalke 3-2 nell’andata degli ottavi di Champions, disputata a Gelsenkirchen. Le reti di Aguero (18′ pt), Beltaleb (38′ e 45′, entrambe su rigore), Sanè (33′ st) e Sterling (45′ st). La gara di ritorno all’ ‘Etihad Stadium’ il 12 marzo.
Champions: Atletico Madrid-Juventus 2-0Reti Gimenez e Godin negli ultimi 15′. Var interviene due volte

febbraio 201923:04

– Atletico Madrid-Juventus 2-0 nell’andata degli ottavi di Champions, disputata al ‘Wanda Metropolitano”. La gara di ritorno martedì 12 marzo a Torino. Per i colchoneros gol di Gimenez al 78′ e Godin all’83’.
Protagonista la Var con due interventi: un rigore prima coincesso e poi revocato all’Atletico per un fallo iniziato da fuori area e poi per un gol annullato a Morata, con la partita ferma sullo 0-0, per una spinta di Morata su Chiellini.
Griezmann nel primo tempo ha colpito la traversa.

Chiellini, ci giocheremo tutto a Torino’Sicuramente non siamo contenti,ma nulla compromesso,c’è ritorno

20 febbraio 201923:26

– “Sono episodi che decidono le partite, sapevamo che erano pericolosi sui calci piazzati, dovevamo stare più attenti. Ora resettiamo e a Torino avremo modo di ribaltare la partita”. Così Giorgio Chiellini ‘a caldo’ dopo la fine di Atletico Madrid-Juventus. “Ci vuole calma, sicuramente non siamo contenti – dice ancora Chiellini -, è un risultato pesante ma ci giocheremo tutto a Torino. Abbiamo anche gestito la partita in modo positivo, nella ripresa dovevamo stare più attenti su quelle situazioni che ti determinano il passaggio del turno. Nulla è compromesso, tra tre settimane ci sarà il ritorno a Torino”.

Simeone, esultanza?abbiamo gli attributi’Da giocatore l’avevo fatto in Lazio-Bologna.Ero rivolto ai miei

20 febbraio 201923:45

– “La mia esultanza dopo il primo gol? L’avevo fatto in un Lazio-Bologna da giocatore, e oggi da tecnico per far vedere ai nostri che abbiamo gli attributi”.
Così Diego Simeone, intervistato da Sky, spiega la propria esultanza dopo il gol di Gimenez, quando si è rivolto verso la tribuna facendo un gesto per evidenziare i genitali.
“Semplicemente – dice ancora Simeone -, ho mostrato ciò che sentivo in quel momento, e se qualcuno si è offeso chiedo scusa”.

CALCIO

Bernardeschi, queste sfide durano 180′
‘Oggi c’è amarezza,abbiamo preso due gol uguali,su dei rimpalli’

20 febbraio 201923:49

– “Conoscevamo le difficoltà che avremmo incontrato con una squadra forte come l’Atletico, purtroppo non è andata come speravamo, ma fortunatamente gli ottavi si giocano in centottanta minuti. Siamo una squadra forte, ci sarà da fare meglio al ritorno e ci sarà soprattutto da non commettere più gli errori commessi questa sera”. Nonostante la sconfitta per 2-0 sul campo dell’Atletico Madrid, Federico Bernardeschi non ha perso l’ottimismo e guarda ancora con fiducia al futuro europeo della Juventus. “È un risultato importante per loro – dice ancora – ma è ribaltabile, abbiamo ancora 90 minuti davanti ai nostri tifosi. Le palle inattive sono state preparate molto bene, ma sappiamo che la partita è diversa, sono dettagli e purtroppo qui sono andati a nostro sfavore. Abbiamo preso 2 gol uguali, su 2 rimpalli, la palla è rimasta lì e l’hanno buttata dentro”. “Quando si prende gol c’è sempre una disattenzione – continua -, qualcosa è andato storto per forza. Ma abbiamo il ritorno per rimanere dentro questa Champions”.
Champions, Simeone: “La mia esultanza? Abbiamo mostrato gli attributi”‘Da giocatore l’avevo fatto in Lazio-Bologna. Ero rivolto ai miei”

20 febbraio 201923:52

“La mia esultanza dopo il primo gol? L’avevo fatto in un Lazio-Bologna da giocatore, e oggi da tecnico per far vedere ai nostri che abbiamo gli attributi”. Così Diego Simeone, intervistato da Sky, spiega la propria esultanza dopo il gol di Gimenez, quando si è rivolto verso la tribuna facendo un gesto per evidenziare i genitali. “Semplicemente – dice ancora Simeone -, ho mostrato ciò che sentivo in quel momento, e se qualcuno si è offeso chiedo scusa”.Simeone a Sky fa anche un commento sulla partita: “oggi abbiamo recuperato giocatori importanti per noi, come Koke e Diego Costa, e siamo riusciti a fare una partita intelligente anche se di fronte c’era una grandissima squadra. Dovevamo cercare di approfittare di ogni situazione, e abbiamo portato a casa un buon risultato. Ora però sappiamo delle difficoltà che incontreremo a Torino”.         

STAMPA

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

JUVENTUS TUTTI I VIDEO

JUVENTUS TUTTI I VIDEO

JUVENTUS TUTTI I VIDEO SEMPRE COSTANTEMENTE AGGIORNATI ED ESCLUSIVI

DALLE 07:00 DI MARTEDì 19 FEBBRAIO 2019

ALLE 17:34 DI MERCOLEDì 20 FEBBRAIO 2019

JUVENTUS TUTTI I VIDEO SEMPRE AGGIORNATI, IN ESCLUSIVA

JUVENTUS TUTTI I VIDEO

La conferenza stampa di Pjanic ed Allegri vigilia di Atletico Madrid-Juventus

Allegri presenta la sfida di Madrid 19 Feb 2019

Pjanic «Dovremo giocare bene tecnicamente» 19 FEB 2019

J Champions Tour Atletico Madrid vs Juventus 19 Feb 2019

Highlights Siena vs Juventus U23 19 Feb 2019

Francesco Baldini «Mi aspetto un’ottima partita» 19 Feb 2019

#JUVENTUSTV Puntata 66, nasce un nuovo supereroe 19 Feb 2019

#JUVENTUSTV Puntata 67, a Marassi piovono gol 20 Feb 2019

L’allenamento dei Bianconeri live delle 11 e 45 di martedì 19 Febbraio 2019

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, Ultim'ora

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 06:41 DI MARTEDì 19 FEBBRAIO 2019

ALLE 17:09 DI MERCOLEDì 20 FEBBRAIO 2019

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Il Teatro Della Sfida: il Wanda Metropolitano
19.02.2019 06:41 – in: Serie A
Il teatro della sfida: il Wanda Metropolitano

Alla scoperta dello stadio dell’Atletico Madrid, teatro anche della prossima finale di Champions League.Alla scoperta del Wanda Metropolitano 18 Feb 2019

Forse non molti sanno che il modernissimo Wanda Metropolitano, stadio 5 stelle UEFA e recentemente nominato “Miglior Stadio al mondo” al World Football Summit 2018, è stato per tantissimi anni uno stadio abbandonato nella periferia di Madrid.
Inaugurato nel settembre del 2017 come nuova casa dell’Atletico Madrid, l’impianto risale in realtà al 1994, quando fu costruito, nella zona est della città, in preparazione ai Campionati del mondo di atletica leggera 1997, che alla fine si svolsero però ad Atene, e non a Madrid. Da quel momento, La Peineta, come veniva soprannominato per via della forma “a pettine” degli spalti, venne usato solo per qualche competizione sportiva di seconda fascia, diventando, di fatto, uno stadio abbandonato a partire dal 2004.
Nel 2011 l’Atletico Madrid lo individua come alternativa al Vicente Calderón, che, a causa della sua posizione (da un lato confina con il fiume Manzanares e da una parte è costeggiato da un’autostrada) non poteva essere ampliato. Dopo 6 anni di lavori, lo stadio ha acceso i riflettori il 16 settembre 2017, nella gara tra i Colchoneros e il Malaga, terminata 1 a 0, grazie a una rete di Antoine Griezmann, che passerà così alla storia come il primo marcatore di sempre al Wanda Metropolitano.
Il nome deriva da questioni di sponsorizzazione (“Wanda”) ed è anche un tributo al “Metropolitano”, ossia lo storico impianto che ospitava le gare dell’Atletico fino al trasloco al Vicente Calderón nel 1966. Con una capienza di circa 68.000 spettatori e una veste tecnologica, il “nuovo Peineta”, è uno dei gioielli del calcio europeo e mondiale, tanto da essere scelto come teatro della finale di Champions League 2019.
Quella di Champions non sarà però la prima finale per l’impianto, che nella scorsa stagione ha ospitato quella di Copa Del Rey tra Siviglia e Barcellona, terminata con il successo dei blaugrana e con l’applauso di tutti per Andres Iniesta, che, proprio in quell’occasione, ha timbrato la sua ultima presenza con il Barça.
La Juve non sarà la prima italiana a solcare il terreno del Wanda Metropolitano. Nella scorsa edizione della Champions League, i Colchoneros hanno affrontato la Roma, vincendo 2 a 0 nella gara casalinga (reti di Griezmann e Gameiro).
Una curiosità: prima del 2017, l’Atletico Madrid aveva già giocato in quello che sarebbe poi diventato il proprio fortino. Lo stadio aveva infatti ospitato ritorno di Supercopa de España del 1996 con il Barcellona, portando bene ai Colchoneros, che vinsero la sfida.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Q 10:23 JTC | LIVE: L’allenamento dei bianconeri ≣ 19. feb. 2019 – in: UCL JTC | LIVE: L’allenamento dei bianconeri La rifinitura della Juventus alla vigilia della partita contro l’Atletico GUARDA IL VIDEO IN ESCLUSIVA: L’allenamento dei Bianconeri live delle 11 e 45 di martedì 19 Febbraio 2019

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

 

Youth League: Dinamo Kiev-Juve, Match Preview
19.02.2019 11:00 – in: Primavera
Youth League: Dinamo Kiev-Juve, Match Preview

Quello che c’è da sapere sulla sfida della nostra Primavera in Ucraina in UEFA Youth League
Sarà un appuntamento storico, quello della nostra Primavera, domani, 20 febbraio, alle 13 italiane (14 ucraine) contro la Dinamo Kiev. I bianconeri, esattamente come 2 anni fa, quando giocarono il playoff ad Amsterdam contro l’Ajax, avranno la possibilità di accedere per la prima volta agli ottavi di finale di UEFA Youth League.
Si gioca in gara secca, non è previsto match di ritorno.
COSI’ LE DUE SQUADRE IN UYL
Il meccanismo di questi playoff è il seguente: le otto seconde nella fase a gironi incontrano altrettante squadre provenienti dal percorso “Campioni Nazionali”. Le vincitrici di queste otto partite affronteranno, agli ottavi, le vincenti dei gironi.
La Juventus si è piazzata seconda nel suo raggruppamento, dietro il Manchester United, già qualificato quindi agli ottavi di finale.
La Dinamo, invece, accede al Playoff in virtù del percorso “Campioni Nazionali”, avendo vinto il campionato Ucraino. Infatti, a questo percorso hanno partecipato i vincitori dei campionati nazionali giovanili delle 32 federazioni più in alto nel ranking secondo il coefficiente UEFA per federazione del 2017. La squadra avversaria della Juve ha vinto 3 partite e ne ha pareggiata una, segnando nove reti e subendone 3.
Un precedente recente per la Dinamo contro una squadra italiana: si tratta dell’Inter, che nel 2017 ha vinto 3-0.
IL TEATRO DELLA SFIDA
Si gioca, come si diceva, alle 14 ucraine (le 13 italiane) allo stadio Dinamo, un impianto da quasi 17 mila posti, che spesso è stato sede delle partite della squadra locale, la Dinamo Kiev (la quale, però, è solita giocare anche allo Stadio Olimpico).
Nel 2002, l’impianto (costruito negli anni ’30) fu intitolato a Valerij Lobanovskyj, indimenticato calciatore e commissario tecnico, originario proprio di Kiev, scomparso il 13 maggio dello stesso anno all’età di 63 anni.
LE PAROLE DI GIANLUCA PESSOTTO E MISTER BALDINI

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

/
Juventus Women, le convocate per il ritorno di Coppa Italia
19.02.2019 16:00 – in: Women
Juventus Women, le convocate per il ritorno di Coppa Italia
Condividi con: 132
Le Bianconere chiamate da Rita Guarino per il ritorno dei quarti di finale di Coppa Italia con il Tavagnacco
Domani, mercoledì 20 febbraio, le Juventus Women affrontano il Tavagnacco nel ritorno dei quarti di finale di Coppa Italia a Vinovo (13:00 CET), con le Bianconere in vantaggio grazie al successo per 0-4 nella gara d’andata
Di seguito l’elenco completo:
9 Aluko
31 Bellucci
11 Bonansea
24 Bragonzi
17 Cantore
21 Caruso
19 Ekroth
6 Franco
3 Gama
33 Giordano
1 Giuliani
18 Glionna
16 Nick
15 Panzeri
14 Pedersen
30 Puglisi
12 Russo
25 Sikora.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Cerri al Cagliari a titolo definitivo
19.02.2019 16:40 – in: Comunicati Ufficiali
Cerri al Cagliari a titolo definitivo

Scattato l’obbligo di acquisizione a titolo definitivo da parte della società sarda
Alberto Cerri è un giocatore del Cagliari a titolo definitivo. L’attaccante si era infatti trasferito in prestito al club rossoblu a inizio stagione, e dopo il verificarsi delle condizioni contrattuali inserite nell’accordo, è ora scattato l’obbligo di acquisizione definitiva.
Il comunicato:
Page 1
CESSIONE DEFINITIVA DEL CALCIATORE ALBERTO CERRI
Torino, 19 febbraio 2019 – Juventus Football Club S.p.A. comunica che, a seguito del verificarsi delle prestabilite condizioni contrattuali, è scattato l’obbligo di acquisizione a titolo definitivo da parte della società Cagliari Calcio S.p.A. del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Alberto Cerri a fronte di un corrispettivo di € 9 milioni pagabile nei prossimi tre esercizi.
Tale operazione genera un effetto economico positivo di circa € 8,4 milioni. SCARICA IL COMUNICATO

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

La Juve è in Spagna
19.02.2019 18:19 – in: UCL
La Juve è in Spagna

I Bianconeri sono atterrati a Madrid, dove domani affronteranno l’Atletico negli ottavi di Champions League
La Juve è a Madrid e la missione Atletico Madrid si fa sempre più vicina. I Bianconeri, partiti dall’aeroporto di Torino Caselle dopo la rifinitura di questa mattina in Continassa, sono atterrati all’aeroporto “Barajas” di Madrid poco dopo le 18:00.
Dall’aeroporto della capitale, la Juventus si sposterà in direzione Wanda Metropolitano, dove i bianconeri potranno testare il terreno di gioco nel consueto walk around. Le conferenze stampa di entrambe le squadre, live su Juventus TV, concludono gli appuntamenti di giornata.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Allegri e Pjanic, l’Atletico nel mirino
19.02.2019 18:30 – in: UCL
Allegri e Pjanic, l’Atletico nel mirino

Il tecnico e il centrocampista presentano la sfida del Wanda Metropolitano
Massimiliano Allegri e Miralem Pjanic siedono in conferenza stampa al Wanda Metropolitano alla vigilia della sfida contro l’Atletico. Queste le loro dichiarazioni:
ALLEGRI
NON È UNA PARTITA COME LE ALTRE
«Non è una partita come le altre, è un ottavo di finale come lo è stato l’anno scorso, due anni fa, tre anni, fa, quattro anni fa e cinque anni fa. Perché per la Juventus la Champions è sempre stata un obiettivo Sarà una bella partita tra due squadre che hanno ottima organizzazione. L’Atletico ha fatto della fase difensiva la sua forza e sfrutta al massimo le palle inattive. È il primo di due match e dobbiamo porre le basi per passare il turno».
LA CONDIZIONE DELLA SQUADRA
«Abbiamo avuto delle difficoltà, ma la squadra ora è in crescita sotto tutti gli aspetti, MA dobbiamo migliorare ancora, perché ci giochiamo un ottavo di finale e parte del campionato nelle prossime partite».
L’IMPORTANZA DI RONALDO
«Per vincere bisogna lavorare bene e avere un po’ di fortuna, perché la Champions è così. Avere Ronaldo sicuramente è un vantaggio perché negli ultimi 10 anni i capocannonieri della Champions sono stati lui e Messi, ma la squadra deve fare una partita importante. Con Ronaldo, il migliore al mondo, hai più possibilità di vincere, ma non è automatico».

I COMPLIMENTI A SIMEONE
«Ha fatto un lavoro straordinario e soprattutto riesce a far lavorare la squadra sempre allo stesso modo, dando una mentalità giusta e facendo sia le partite importanti che contro le medio-piccole sempre allo stesso modo. Quindi hanno grande umiltà, grande rispetto dell’avversario e sanno che i risultati sono arrivati con quelle caratteristiche. Quindi complimenti a Simeone».
COME IMPOSTARE LA GARA
«Domani dovremo controllare la partita e stare attenti alle loro ripartenze in cui sono micidiali. Io non firmo per il pareggio, ma ho chiesto alla squadra e ribadisco che è molto importante fare un gol, meglio due».
DYBALA IN CAMPO
«Domani Paulo gioca e credo che possa darci una grossa mano. C’è bisogno di tecnica e di giocate e se ha una condizione importante è giusto che giochi».
SENZA KHEDIRA
«Sami è un giocatore importante, di livello internazionale e restiamo con quattro centrocampisti».
PJANIC
LE DIFFICOLTÀ DELLA GARA
«Penso che Atletico dimostrato ultimi anni che la squadra che fa la differenza, è una squadra contro la quale è difficile giocare, ci aspettiamo 2 partite complicate. Domani sarà una partita importante per noi e proveremo a fare subito un buon risultato all’andata. Da domani inizia un ciclo molto importante per noi, dovremo fare un passo alla volta, con la ferma volontà di tornare qui a giocare la finale».
CR7 L’ASSO NELLA MANICA
«È molto motivato, in questa competizione ha dimostrato di valere più di ogni altro giocatore, E’ un grande campione e lo sta dimostrando anche quest’anno. Ci sentiamo forti, ma ci sono tante squadre di alto livello. Noi siamo arrivati a questo punto per giocare questo ottavo di andata in buone condizioni e non vedo il motivo di sbagliare questa partita. Rispettiamo i nostri avversari ma per noi sarà importante prendere un vantaggio già domani». GUARDA IN ESCLUSIVA La conferenza stampa di Pjanic ed Allegri vigilia di Atletico Madrid-Juventus

GUARDA ANCHE Allegri presenta la sfida di Madrid 19 Feb 2019

Pjanic «Dovremo giocare bene tecnicamente» 19 FEB 2019

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Qui Atletico: «Juve, una grande rivale»
19.02.2019 18:30 – in: UCL
Qui Atletico: «Juve, una grande rivale»

Simeone e Koke in conferenza stampa: «Abbiamo voglia di giocare una partita così importante»
Sono Diego Pablo Simeone e Koke ad affrontare la conferenza stampa alla vigilia della sfida contro la Juventus. Queste le loro parole.
SIMEONE
Così il tecnico dell’Atleti: «Sentiamo una grande voglia: giocare una gara così bella, contro un avversario così forte, ancora una volta agli ottavi di Champions League: tutto questo ci permette di crescere». Simeone mette l’accento proprio sulla crescita dell’Atletico come uno dei suoi punti di forza, mentre parlando della Juve evidenzia «Una grande società, un allenatore molto capace, che ha saputo creare le gerarchie, una storia gloriosa».
«Per noi – continua – è motio di grande orgoglio continuare a essere su questi livelli, in modo stabile. Finale anticipata? No, è un ottavo, non si assegna nessun trofeo. Noi cercheremo di sfruttare le nostre armi, perché partiamo con il 50% di possibilità di passare il turno».
E ancora sulla Juve: «Hanno tante varianti, a volte Mandzukic ha giocato come quarto da destra. Cristiano? Ha fatto una grande scelta, è andato in una squadra forte e consolidata come la Juve. ma noi stiamo pensando a quello che dobbiamo fare, vogliamo soddisfare uno stadio che sarà pieno. È una partita importante, che merita uno spettacolo adeguato».
KOKE
«Non so se la Juve sia favorita e non ci interessa, noi giocheremo come sempre,
Sono gli ottavi di finale di Champions League, c’ è ancora tanto da fare, ma vogliamo andare avanti e domani sarà una grande partita. Noi abbiamo la nostra identità e giochiamo ogni partita come fosse una finale. Personalmente cercherò di dare alla squadra quello di cui ha bisogno, sia che giochi sia che non giochi sarò sempre pronto».

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

I convocati per Madrid
19.02.2019 19:16 – in: UCL
I convocati per Madrid

L’elenco degli uomini a disposizione di Allegri per la sfida contro l’Atletico. Assente Khedira, rimasto a Torino per accertamenti
Al termine dell’allenamento di rifinitura sostenuto questa mattina al JTC, Massimiliano Allegri ha diramato l’elenco dei convocati per la gara contro l’Atletico Madrid, in programma mercoledì alle 21:00 al Wanda Metropolitano e valida per l’andata degli ottavi di finale di UEFA Champions League.
Nella lista non figurano Douglas Costa, che prosegue nel suo programma di recupero, e Sami Khedira che è rimasto a Torino per degli accertamenti medici, dai quali è emersa l’opportunità di effettuare uno studio elettrofisiologico e eventuale trattamento di un’aritmia atriale comparsa nella giornata odierna.

Questo l’elenco dei giocatori a disposizione:
1 Szczesny
2 De Sciglio
3 Chiellini
4 Caceres
5 Pjanic
7 Ronaldo
10 Dybala
12 Alex Sandro
14 Matuidi
15 Barzagli
17 Mandzukic
18 Kean
19 Bonucci
20 Cancelo
21 Pinsoglio
22 Perin
23 Emre Can
24 Rugani
30 Bentancur
33 Bernardeschi
37 Spinazzola.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Atletico-Juve, la vigilia
19.02.2019 23:00 – in: UCL
Atletico-Juve, la vigilia

Ecco come la Juve ha trascorso le ore che precedono il catch di Champions League contro i Colchoneros
L’allenamento al JTC, quindi la partenza per Madrid, il sopralluogo al Wanda Metropolitano… E poi le parole di Allegri e Pjanic in conferenza stampa e quelle dei colchoneros. Ecco come è trascorsa la vigilia di Atletico-Juve.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Atletico-Juve, Matchday stats!
20.02.2019 10:00 – in: UCL
Atletico-Juve, Matchday stats!

Tutto quello che c’è da sapere sulla sfida dello stadio Wanda Metropolitano
SETTE VOLTE CONTRO L’ATLETICO L’Atletico Madrid ha affrontato sette volte la Juventus in competizioni europee, cinque delle quali nella Coppa delle Fiere negli anni ’60. Infatti, l’ultimo successo bianconero contro l’Atletico è arrivato nel giugno 1965 nel ritorno della semifinale di Coppa delle Fiere (3-1).
UNA SOLA VOLTA IN CHAMPIONS… L’unico precedente in Champions League tra Atletico Madrid e Juventus è stato nella fase a gironi del 2014/15. Solo un gol segnato in due sfide, quello di Arda Turan al Vicente Calderón.
IMBATTUTI CON EL CHOLO L’Atletico è imbattuto in Champions League contro squadre italiane sotto Diego Simeone (4V, 2N). In queste sei sfide ha subito un solo gol, realizzato da Kaká nel successo per 4-1 contro il Milan nel marzo 2014.
CINQUE SU SEI PER L’ATLETI L’Atletico ha raggiunto la fase a eliminazione diretta in cinque delle sei edizioni con Simeone allenatore. Unica eccezione nella scorsa stagione, quando arrivò terzo nel gruppo e vinse l’Europa League.
LE ULTIME DODICI DEI COLCHONEROS L’Atletico è imbattuto da 12 partite casalinghe nella fase a eliminazione diretta in Champions League (7V, 5N). Un solo gol subito nelle ultime 10 sfide in casa nella fase a eliminazione diretta, rete di Isco del Real Madrid nel maggio 2017.
DUE GRANDI DIFESE Solo l’Atletico Madrid (sei) ha subito meno tiri nello specchio da dentro l’area di rigore della Juventus (nove) in questa Champions League.
ATTENZIONE A GRIEZMANN Antoine Griezmann ha segnato o servito un assist in tutte le sue ultime sei partite di Champions League al Wanda Metropolitano (sei reti, tre assist). In questa stagione ha preso parte attiva a sei dei nove gol dell’Atletico in Champions (67%), con quattro centri e due passaggi vincenti – è la percentuale più alta tra le 16 squadre ancora in corsa nella competizione.
SEI PER LA JOYA Paulo Dybala ha realizzato sei gol nelle ultime sette presenze in Champions League, più di qualli messi a segno nelle precedenti 24 gare giocate nella competizione con la Juventus (cinque). Tutte le sue 11 reti in Champions League sono arrivati con il piede sinistro.
LA NONA DI ALLEGRI Massimiliano Allegri ha raggiunto la fase a eliminazione diretta in tutte le nove partecipazioni da allenatore alla Champions League. Ha perso la finale in due delle ultime quattro stagioni alla guida della Juventus.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Sciarpa e Patch Champions in omaggio! #GETREADY
20.02.2019 11:00 – in: UCL
Sciarpa e Patch Champions in omaggio! #GETREADY

Acquista la maglia Gara e aggiungi gratuitamente le patch UEFA Champions League.
Acquista la maglia Gara e aggiungi gratuitamente le patch UEFA Champions League.
In più, per ogni ordine contenente almeno una maglia Gara riceverai in regalo una sciarpa.
La promozione è valida online fino a giovedì 21/02/2019 alle 23:59 CET. VAI ALLO STORE

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Khedira, il bollettino medico
20.02.2019 12:43 – in: La squadra
Khedira, il bollettino medico

Il centrocampista è stato sottoposto in mattina a a studio elettrofisiologico e ad ablazione del focus aritmogeno atriale. L’intervento è perfettamente riuscito
Nella mattinata odierna il calciatore Sami Khedira è stato sottoposto, ad opera del Professor Fiorenzo Gaita, consulente di J|Medical e di Juventus, a studio elettrofisiologico e ad ablazione del focus aritmogeno atriale.
L’intervento è perfettamente riuscito e dopo una breve convalescenza il giocatore potrà riprendere la propria attività.
La ripresa dell’attività agonistica è prevista in circa un mese.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Coppa Italia femminile: la Juve è in semifinale!
20.02.2019 15:30 – in: Women
Coppa Italia femminile: la Juve è in semifinale!

Dopo la vittoria dell’andata, battuto il Tavagnacco anche oggi a Vinovo. Reti di Bragonzi e Cantore
La Juventus femminile vince, convince, continua la sua corsa in Coppa Italia e si regala qualche bellissima notizia. Se infatti la qualificazione alla semifinale era quasi in cassaforte, dopo l’altisonante 0-4 dell’andata, oggi le bianconere hanno messo in campo una bella prestazione, e sono arrivati due gol speciali, a firma di un giovane talento, Asia Bragonzi, e di Sofia Cantore, che proprio oggi rientrava dopo un lungo infortunio.
La Juve, si diceva, non sottovaluta il match, e nella prima mezz’ora va vicina al gol in acune occasioni, con Sikora, Bragonzi e Bonansea, prima che proprio la giovane Asiafirmi la prima rete di giornata, al minuto 35.
Le bianconere controllano un risultato ormai più che in ghiaccio, ma nella ripresa c’è tempo per le emozioni legate al ritorno di Cantore. Sofia entra in campo al 59′, va vicina al gol dopo soli 2 minuti e, al minuto 71, con un perfetto inserimento, rende completa la festa segnando un gol quando mai speciale.
Le ragazze di Coach Guarino passano il turno e in semifinale attendono le vincitrici fra Milan e Sassuolo.
I COMMENTI DEL POST GARA
«Per noi era importante consolidare la buona prestazione dell’andata – così a fine partita Coach Guarino – Sono soddisfatta per aver dato l’opportunità di giocare ad alcune ragazze, e davvero felice per il ritorno con gol di Sofia Cantore. Siamo state brave, pronte e concentrate, giocando una partita attenta anche difensivamente; anche oggi c’era tanto pubblico, ormai non ho più parole per loro, va fatto un grande applauso, per la passione e l’educazione che ci mettono».
Le emozioni di Sofia Cantore: «Sono felicissima, per il ritorno, per il gol e per la semifinale. Era importante vincere anche oggi»

Coppa Italia Calcio Femminile. Gara di ritorno Quarti di Finale
Juventus Training Center di Vinovo (To)
Juventus-Tavagnacco 2-0
Marcatori: 34’ pt Bragonzi (J), 27’ st Cantore (J) Juventus: Russo, Franco, Panzeri, Ekroth, Sikora (23’ st Giordano), Nick, Caruso (29’ st Puglisi), Bellucci, Bonansea (Cap) (14’ st Cantore), Glionna, Bragonzi. A disposizione: Giuliani, Gama, Pedersen, Aluko. Allenatrice: Rita Guarino Tavagnacco: Buhigas, Molinaro (25’ st Gallo), Donda, Errico (Cap), Erzen, Milan (10’ st Fracaros), Iacuzzi, Pasqualini (33’ st Zhou), Cavicchia, Grosso, Kollanen. A disposizione: Bonassi, Pozzecco, Ferin, Sevsek. Allenatore: Marco RossiProssimo impegno di Coppa Italia:
Semifinale contro la vincente tra Sassuolo e Milan
GARA DI ANDATA: Mercoledì 13 Marzo 2019
GARA DI RITORNO: Mercoledì 17 Aprile 2019
Campi e orari da definire.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

UEFA Youth League | Dinamo Kiev-Juventus Match Report
20.02.2019 15:30 – in: UEFA Youth League
Youth League, la Primavera si ferma a Kiev

Termina ai play off contro la Dinamo Kiev l’avventura in UEFA Youth League dei Bianconeri; gli ucraini passano agli ottavi con un 3 a 0.
Appuntamento con la storia rimandato per la Primavera, che non riesce a strappare il pass per gli ottavi di UEFA Youth League. Come con l’Ajax nel 2017, l’avventura europea della Juve si ferma alla fase play-off. Al Valerij Lobanovskiy di Kiev, sono infatti i padroni di casa della Dinamo a guadagnarsi l’accesso agli ottavi con un 3 a 0, nato a inizio gara e ultimato nei minuti finali. Giornata no per i ragazzi di Francesco Baldini, che faticano a rendersi pericolosi e a contenere gli attacchi degli ucraini per quasi tutto l’arco del match. Dopo un buon percorso nella fase a gironi con Manchester United, Valencia e Young Boys, si spegne quindi ai play off il cammino in UEFA Youth League dei bianconeri.
Nel freddo di Kiev, la Juve viene colpita subito a freddo. Al 6’ Vashchyshyn ribadisce in rete una respinta di Loria dopo un’azione manovrata dalla sinistra e porta in vantaggio gli ucraini, che partono incisivi, dando l’impressione di poter essere sempre pericolosi, e non concedono spazi alla Juve. I ragazzi di Baldini si rianimano verso il finale di frazione: prima, al 34’, una velenosissima punizione di Nicolussi Caviglia sfiora l’incrocio, e poi, allo scadere, si accende Moreno, che fa venire i brividi a Neshcheret con un destro improvviso.
Nella seconda frazione, è però ancora la Dinamo Kiev a dettare i ritmi. Al 56’ Loria è semplicemente strepitoso con un doppio intervento sulle conclusioni ravvicinate di Shulianskyi. L’estremo difensore bianconero non puo’ nulla al 70’, quando il destro a giro di Buletsa s’insacca per il raddoppio degli ucraini. La Juve crolla, e nel finale la Dinamo trova il tris con Popov, che condanna così i bianconeri all’eliminazione dalla UEFA Youth League.
LE PAROLE DI BALDINI
«Il nostro approccio alla partita è stato sbagliato, – commenta a fine gara mister Baldini-  perchè ci stavamo giocando qualcosa di importante. Non l’avevamo preparata così, soprattutto dal punto di vista mentale, e dobbiamo capire in fretta che c’è ancora tanto da pedalare. Ora dobbiamo essere bravi a resettare e concentrarci sul campionato, dove ci aspetta una partita importante»

UEFA Youth League – Play-Off (gara unica ad eliminazione diretta)

Stadio Valeriy Lobanovskiy di Kiev.

Marcatori: 6’ pt. Vashchyshyn (D), 25’ st. Buletsa (D), 40’ st. Popov (D).

Dinamo Kiev: Neshcheret, Biloshevskyi, Vivcharenko, Isaienko, Buletsa, Tsitaishvili, Syrota, Shuliansky (41’ st. Vanat), Popov (Cap.), Vashchyshyn (41’ st. Mykhalienko), Skorko.
A disposizione: Morgun, Bilovar, Voloshin, Nadolskyi, Yarosh.
Allenatore: Igor Kostiuk.

Juventus: Loria (Cap.), Rosa (22’ st. Leone), Anzolin (39’ st. Francofonte), Makoun, Fagioli (1’ st. Pinelli), Morrone (15’ st. Markovic), Petrelli, Moreno, Nicolussi, Capellini (39’ st. Gozzi), Portanova.
A disposizione: Siano, Boloca.
Allenatore: Francesco Baldini.

Ammoniti: 36’ pt. Capellini (J), 16’ st. Vivcharenko (D).         

STAMPA

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

CONFERENZA JUVE PRE ATLETICO-JUVENTUS IL VIDEO INTEGRALE DELLA CONFERENZA STAMPA DELLA VIGILIA CON LE PAROLE DI MIRALEM PJANIC E MASSIMILIANO ALLEGRI

CONFERENZA JUVE PRE ATLETICO-JUVENTUS

IL VIDEO INTEGRALE

ANDATA OTTAVI CHAMPIONS LEAGUE: ATLETICO MADRID-JUVENTUS

CONFERENZA JUVE PRE ATLETICO-JUVENTUS

Ritorna la Champions League e dunque gli ottavi. L’appuntamento per i Bianconeri è alle 21:00 di questa sera; nel frattempo ecco le parole nella conferenza stampa della vigilia di Pjanic ed Allegri. L’incontro con i giornalisti in realtà, in programma alle 18:45 di ieri, è iniziato con quasi 30 minuti di ritardo. Grande rispetto per l’avversario, nessuna sottovalutazione, pazienza nel gioco, imposizione del proprio gioco, cercare di segnare magari 2 gol, le condizioni di Khedira, che poi come ho già scritto, si è saputo avere una aritmia atriale di cui conosceremo al momento oportuno gli sviluppi. Questo e molto altro in questa conferenza stampa congiunta.

CONFERENZA JUVE PRE ATLETICO-JUVENTUSLa conferenza stampa di Pjanic ed Allegri vigilia di Atletico Madrid-Juventus

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Ultim'ora

CALCIO TUTTE LE NOTIZIE

CALCIO

TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 15:06 ALLE23:18 DI MARTEDì 19 FEBBRAIO 2019

CALCIO

Serie B: 3 turni a Padella con prova tv
Giocatore Ascoli punito per una gomitata.12 fermati per un turno

19 febbraio 201915:06

– Il giudice sportivo ha squalificato 12 calciatori dopo la 5/a giornata di ritorno della B: tutti per un turno ad eccezione di Terranova (Cremonese), fermato per 2 gare. Stop di 3 turni, invece, per Padella (Ascoli), grazie alla prova tv, per una gomitata a Vuletich inizialmente non ravvisata dal direttore di gara.
Gli altri 10 squalificati sono: Baez (Cosenza), Diamanti (Livorno), Fazzi (Livorno), Ganz (Ascoli), Balzano (Pescara), Dragomir (Perugia), Sabbione (Carpi), Strizzolo (Cremonese), Torregrossa (Brescia), Verre (Perugia).
Champions:Snai,a Madrid non c’è favoritaAtletico e Juventus entrambe a 2,80, per City quota rasoterra

19 febbraio 201915:13

– Equilibrio assoluto a 24 ore dalla sfida di andata tra Atletico Madrid e Juventus, che si affrontano al Wanda Metropolitano nell’andata degli ottavi di Champions League. Tra colchoneros e bianconeri gli analisti Snai non eleggono una favorita: si punta a 2,80 sia sulla vittoria della squadra di Simeone, sia su quella di Allegri. Il pareggio ha la quota più alta, dato a 2,95. Un dato però cozza con le statistiche ed è il particolare feeling con il gol che Cristiano Ronaldo ha quando affronta l’Atletico Madrid: 22 reti in 31 partite. Un suo gol al Wanda Metropolitano è dato a 3,00. Tra le fila degli spagnoli, invece, il pericolo numero uno è Antoine Griezmann, a 3,50.
Nell’altro ottavo che si gioca mercoledì, a Gelsenkirchen un dimesso Schalke 04 (quintultimo in Bundesliga) affronta un City in forma super, che ha vinto 12 delle ultime 13 gare giocate. La quota sulla squadra di Guardiola è in lavagna a 1,28, la più bassa dell’intero turno Champions.
12 squalificati in Serie ATra gli altri, Emre Can, Suso, Insigne, De Roon

19 febbraio 201916:11

– Sono 12 i giocatori squalificati dal giudice sportivo di Serie A dopo la 24ma giornata di campionati.
Si tratta dell’espulso Joao Pedro (Cagliari) e dei diffidati Berardi (Sassuolo), Emre Can (Juventus), De Paoli (Chievo), De Roon (Atalanta), Suso (Milan), Fofana (Udinese), Giaccherini (Chievo), Insigne (Napoli), Linetty (Sampdoria), Rincon (Torino) e Schiattarella (Spal).
Samp: carica Quagliarella, non molliamoLiguri ko nelle ultime tre gare. Capitano, subito riscatto

GENOVA19 febbraio 201916:13

– “Dai ragazzi, non si molla niente.
Lavoro e spirito positivo per ritrovare subito la vittoria”.
Verso la sfida di domenica col Cagliari, tocca al capitano della Sampdoria Fabio Quagliarella suonare la carica attraverso il suo profilo Instagram. I blucerchiati sono reduci da tre sconfitte consecutive (Napoli, Frosinone e Inter). Fino ad ora è un febbraio molto amaro con zero punti conquistati, sei reti subite e appena una realizzata. E’ il mini digiuno da vittorie è coinciso con l’astinenza dal gol di Quagliarella in queste ultime tre partite dopo aver raggiunto quota sedici gol ma anche eguagliato il record di Gabriel Batitusta che resisteva dalla stagione 1994-95 andando a segno in 11 gare consecutive. E’ una Sampdoria che però punta sempre all’Europa League distante appena cinque punti.
Hall of Fame calcio con Totti e AllegriTra gli 11 nuovi ‘campioni’ anche Brera, Antognoni e J.Zanetti

19 febbraio 201918:24

Francesco Totti, Massimiliano Allegri, Giancarlo Antognoni e Gianni Brera: e ancora Antonio Matarrese, Javier Zanetti, Nicola Rizzoli, la ct delle azzurre Milena Bertolini, Igor Trocchia, Amedeo Amadei e Gipo Viani (alla memoria). La Hall of fame azzurra del calcio italiano si arricchisce di altri undici grandi personaggi del pallone italiano, una formazione di protagonisti di varie epoche. Due le novità dell’8/a edizione del premio, istituito nel 2011 dalla Figc e dalla Fondazione del Museo del calcio, per celebrare giocatori, allenatori, arbitri e dirigenti che hanno lasciato il segno in questo sport: un premio al fair play dedicato a Davide Astori, che è andato a Trocchia, e un riconoscimento speciale assegnato a Brera. La cerimonia di premiazione si terrà a maggio a Firenze e i vincitori doneranno un cimelio simbolico della loro carriera al Museo del Calcio.
Tifosi Roma contro ‘Iene’ e con ZanioloScritta a Testaccio:”Fate tanta moralità, ma rispetto dove sta?”

19 febbraio 201916:26

– “Fate tanta moralità, ma il rispetto dove sta? Più che ‘Iena’, sciacallo!”. Questo lo striscione polemico esposto nella notte a Campo Testaccio da parte di alcuni tifosi della Roma, evidentemente ancora irritati dalla doppia intervista de ‘Le Iene’ a Nicolò Zaniolo e Francesca Costa, madre del numero 22 della Roma. Il programma televisivo, e l’autore del servizio andato in onda, hanno ricevuto nei giorni scorsi una pioggia di critiche e insulti anche via social da parte della tifoseria giallorossa.
Atalanta: 8 gol nel test con l’InverunoBarrow segna la metà dei gol. Gomez lavora a parte

BERGAMO19 febbraio 201916:34

– L’Atalanta ha battuto 8-0 l’Inveruno (Girone A di Serie D) nella partita d’allenamento disputata sul campo principale del Centro sportivo Bortolotti a Zingonia. A segno nel primo tempo Mancini di testa (2′) su cross di Pessina, Kulusevski in diagonale (19′), Piccoli (31′) su passaggio proprio del 2000 svedese e Barrow (39′), con un sinistro sul primo palo; nella ripresa chiudono ancora il gambiano (7′ e 24′, asse Kulusevski-Peli, e 30′ ricevendo da Kulusevski) e Pessina (20′). Non hanno disputato il test i titolari della partita contro il Milan di sabato scorso, che si sono allenati al mattino con Gomez ancora a parte per problemi al flessore sinistro.
E.League: Siviglia,Machin “Lazio grande”Tecnico: “Non conta chi gioca, hanno il coraggio di rischiare”

19 febbraio 201917:12

– “Le assenze? Francamente mi preoccupano più quelle della ‘mia’ squadra”. Così Pablo Machin, alla vigilia della sfida contro la Lazio, in programma domani alle ore 18 nello stadio Ramon Sanchez Pizjuan e valida come ritorno dei sedicesimi di finale dell’Europa League (a Roma finì 1-0 per gli spagnoli). “Le assenze della Lazio? Non importa chi gioca, la Lazio è una grande squadra – aggiunge l’allenatore della formazione andalusa -. Domani ci aspetta una partita molto complicata e, se dovesse essere assente Luis Alberto, sicuramente Inzaghi troverà altre soluzioni per la propria compagine. La cosa che mi preoccupa di più dei nostri avversari è la loro voglia di rischiare sempre. Noi, invece, per segnare dobbiamo creare diverse occasioni”. “In partite come quella di domani, da dentro o fuori – sottolinea Machin – sarà molto importante non commettere errori”. Sul nuovo arrivato Marko Rog dal Napoli, il tecnico sivigliano invita ad avere “pazienza”, perché “tutti i giocatori hanno bisogno di ambientarsi”.
Biglietti per il Clasico fino a 265 euroPer Real-Barcellona di Coppa del Re che mette un posto in finale

19 febbraio 201918:23

Un ‘Clasico’ che vale oro. E’ proprio il caso di dirlo. Cresce l’attesa per la sfida più attesa di Spagna, il ritorno della semifinale di Coppa del Re fra il Real Madrid e il Barcellona che, dopo l’1-1 dell’andata, si ritroveranno di fronte il 27 febbraio alle 21 nello stadio Santiago Bernabeu. La corsa al biglietto ha fatto registrare spese folli da parte dei tifosi dei club rivali. Secondo il Mundo Deportivo il tagliando d’ingresso più economico costa 75 euro, mentre il più esoso vale 265 euro. I fan del Barca, che verranno organizzati nell’ultimo anello dello stadio più glorioso di Madrid, dunque, spenderanno 75 euro a testa.
‘Icardi non gioca senza fascia? Falso’Wanda, smentita al veleno “cazzat… verità è sempre solo una”

MILANO19 febbraio 201920:56

Tweet al veleno di Wanda Nara che smentisce le notizie circolate nelle ultime ore riguardo la decisione di Icardi di non giocare più con l’Inter fino quando non gli verrà ridata la fascia di capitano. ”Vergognoso! La Gazzetta è partner dell’Inter. Continuate a dire queste cazzat… è ancora più pericoloso. La verità è sempre e solo una!”, scrive la moglie e agente dell’argentino su Twitter.
Progetto match fixing incontra il GenoaPandev “Con orgoglio testimoni campagna di alto valore sportivo”

19 febbraio 201918:35

– Dopo gli incontri con Juventus, Inter, Frosinone, Sassuolo e Fiorentina, l’Integrity Tour 2019 – che vede impegnati Lega Serie A, Sportradar e Istituto per il Credito Sportivo per rafforzare la cultura della legalità nel mondo del calcio e diffondere i veri valori dello sport – oggi ha fatto tappa in Liguria per il workshop con il Genoa. “Lo sport è confronto, non scontro. Lo sport è lealtà e non deve conoscere alcun tipo di corruzione o corruttibilità – ha detto Goran Pandev, attaccante della squadra rossoblù – Per questo noi del Genoa Cfc sosteniamo i valori del calcio e ci impegniamo quotidianamente nel dare l’esempio: con il confronto e la lealtà. Siamo con orgoglio testimoni di una campagna di alti valori sportivi. Combattiamo la corruzione assieme alle Istituzioni sportive nel rispetto del calcio”. Obiettivo del progetto Sportradar è il contrasto al match fixing, per combattere le frodi sportive ed educare tutti gli atleti dai più giovani ai più esperti.
Atalanta: Freuler,dobbiamo stare in altoBerisha si rammarica per il ko contro Milan: “Perso per errori”

BERGAMO19 febbraio 201919:02

– “Contro il Torino vogliamo prepararci al meglio per vincere, abbiamo una rosa per stare in alto”. A parlare del prossimo scontro diretto dell’Atalanta in chiave Europa League è Remo Freuler, intervenuto nel tradizionale incontro del martedì sera a Oriocenter per autografi e foto ricordo con i tifosi. “Tutte le partite sono importanti, sappiamo qual è la classifica che ci compete e sappiamo quali sono le nostre prospettive”, ha aggiunto il centrocampista svizzero. Insieme a lui, il portiere Etrit Berisha: “Sabato scorso contro il Milan potevamo prendere qualcosa in più, è stata una sfida decisa da errori – chiude il nazionale albanese -. Abbiamo la forza di trascinare questa Atalanta dove si merita: sappiamo che possiamo giocarcela contro chiunque e fare cose importanti per noi, i tifosi ci seguono ovunque e se lo meritano”.
“Lazio arrabbiata, domani personalità”Tecnico, “Siamo in emergenza ma possiamo fare impresa”

19 febbraio 201919:17

– “Arriviamo a questa partita arrabbiati perché a mio parere con il Genoa avevamo fatto un’ottima partita e avremmo meritato molto di più ma le partite vanno chiuse prima. Il Genoa però è alle spalle e ci servirà da lezione”. Così il tecnico della Lazio, Simone Inzaghi, alla vigilia del sedicesimo di finale di ritorno di Europa League in programma domani sera a Siviglia. Si riparte dallo 0-1 dell’andata, con i biancocelesti in emergenza per i tanti infortuni: “Siamo qui per fare una grande partita e sono sicuro che le nostre possibilità ce le giocheremo al cento per cento – prosegue Inzaghi in conferenza stampa – Serviranno due gol per passare, servirà una partita molto coraggiosa e di personalità. Siamo in emergenza ma a volte dall’emergenza si tirano fuori cose interessanti, come a Genova.
Il Siviglia troverà una Lazio di personalità che dovrà essere brava ad indirizzare gli episodi”.
Champions: Allegri, domani gioca DybalaKhedira è out, non è stato convocato a causa di un infortunio

TORINO19 febbraio 201919:30

– Forfait dell’ultim’ora per la Juventus. Sami Khedira – ha annunciato Allegri a Madrid – non è stato convocato per un infortunio. Contro l’Atletico – ha detto sempre il tecnico bianconero – “giocherà Dybala”.
Juve: stop Khedira, ha aritmia cardiacaCentrocampista tedesco è rimasto a Torino per accertamenti

TORINO19 febbraio 201919:53

– E’ stata un’aritmia cardiaca a imporre lo stop precauzionale di Sami Khedira. Il centrocampista tedesco “è rimasto a Torino per accertamenti medici, – spiega la Juventus – dai quali è emersa l’opportunità di effettuare uno studio elettrofisiologico ed eventuale trattamento di un’aritmia atriale comparsa nella giornata odierna”.
Allegri:Atletico?Importantissimo segnareAllenatore Juventus: “Simeone sta facendo lavoro straordinario”

TORINO19 febbraio 201919:57

– L’Atletico Madrid “è un blocco granitico, una squadra di grande compattezza. E’ molto importante segnargli almeno un gol perché, per la prima volta, giochiamo l’andata degli ottavi in trasferta”. Così Massimiliano Allegri, alla vigilia del match di Champions. “Simeone ha fatto e sta facendo un lavoro straordinario – ha aggiunto l’allenatore dei bianconeri – è da 7-8 anni all’Atletico e riesce a far giocare la squadra sempre allo stesso modo”.
Juve: Pjanic, vogliamo tornare a Madrid’Noi favoriti? Ci sentiamo forti, ma in corsa grandi squadre’

TORINO19 febbraio 201919:59

– “La Juve favorita per vincere la Champions? Noi ci sentiamo forti, è diverso. Di favorite ce ne sono tante, perché in questa competizione sono in corsa grandi squadre e molti campioni. Ma noi vogliamo tornare a Madrid”.
Così Miralem Pjanic, alla vigilia di Atletico-Juventus, l’ottavo di Champions che si giocherà nello stesso stadio, il Wanda Metropolitano, scelto dall’Uefa per la finale del primo giugno.
Milan: Caldara, luce in fondo al tunnel’Piatek mi ricorda Inzaghi, questo è un Milan da Champions’

MILANO19 febbraio 201920:12

– Mattia Caldara vede la luce in fondo al tunnel. Ai box per infortunio da fine ottobre, il difensore del Milan è tornato ad allenarsi in gruppo: “Non voglio dare date per il rientro, ma sono alla fine del tunnel e manca poco”. Caldara sorride, ammette di avere “una voglia matta” di giocare al fianco di Romagnoli e di “fare le prove in allenamento per fermare Piatek”, un “attaccante completo” che gli “ricorda Pippo Inzaghi”, per “il desiderio di fare gol”. Ma Caldara vede un “Milan da Champions” e “maturo”. “Il gruppo è forte – evidenzia il difensore -, fa la differenza nei momenti di difficoltà e ci stiamo sempre aiutando. Sabato abbiamo dimostrato di essere una squadra matura, nessuno è passato così a Bergamo. La stessa Juventus ci ha perso 3-0, abbiamo dimostrato di valere il quarto posto. Le vittorie aiutano, inutile girarci intorno. Fanno allenare con serenità e nello spogliatoio tutti ci vogliamo bene. Si corre per il compagno e lavoriamo forte”.
Lautaro: Icardi?Decisione sua e di Wanda’Mi piace come Spalletti mi appoggia, felice di questo momento’

MILANO19 febbraio 201920:17

– “Icardi? Oggi è il suo compleanno, gli abbiamo fatto gli auguri. Lui è contento di essere con noi e noi continueremo ad appoggiarlo. Dipenderà dalla decisione che prenderà insieme a chi lo gestisce. Per noi è un giocatore importante, noi lo appoggeremo, perché possa tornare a giocare con noi”. E’ il pensiero dell’attaccante dell’Inter, Lautaro Martinez, a Sky Sport. Sarà ancora lui a guidare l’attacco dei nerazzurri giovedì contro il Rapid Vienna, visto il forfait di Icardi, che continua a fare fisioterapia. “Sono molto felice per quello che sto vivendo – dice – voglio andare avanti così. Non ho pensato al numero di gol che voglio fare, penso solo ad allenarmi e a dare il massimo, provando a sfruttare ogni partita in cui gioco per segnare”. E con Luciano Spalletti è nato un grande feeling visto i tanti complimenti che il tecnico gli dedica ad ogni conferenza: “Con lui mi trovo bene, mi piace come mi appoggia. E’ un allenatore che parla e che aiuta, sono molto contento del lavoro con lui”.
Champions: Liverpool-Bayern solo pariAd Anfield finisce 0-0, si decide tutto al ritorno

19 febbraio 201922:58

– A sorpresa Liverpool-Bayern finisce senza reti. Uno 0-0 quello ad Anfield che rimanda alla gara di ritorno degli ottavi il verdetto su chi delle due proseguirà il cammino in Champions. Diverse le occasioni da una parte e dall’altra, ma nessun gol: decisiva per i quarti la gara del 13 marzo a Monaco.-

Champions: Lione-Barcellona 0-0
Primo tempo ricco di occasioni, ma i blaugrana non sfondano

19 febbraio 201923:06

– Il Barcellona frena a Lione. Solo 0-0 nella gara di andata degli ottavi di Champions: un pari che rimanda ogni verdetto alla gara di ritorno al Camp Nou il prossimo 13 marzo. Tante le occasioni soprattutto nel primo tempo, e con i francesi di Genesio pericolosi dalle parti di Ter Stegen. Nella ripresa i catalani hanno pressato il Lione, bravi a chiudersi in difesa e respingere gli attacchi dei campioni blaugrana. Al 25′ della ripresa la palla-gol arriva sui piedi di Suarez che calcia a giro di sinistro, e manca di un soffio la porta.

Criscito: “Il Genoa merita l’Europa”‘Nella prossima stagione ci sono le condizioni per conquistarla’

GENOA19 febbraio 201923:11

– “L’Europa League? Quando si gioca in Europa si hanno sensazioni bellissime e il Genoa la merita.
Abbiamo le qualità per poterci tornare, ma io credo che, forse non in questa stagione, ma nella prossima stagione ci siano le condizioni per farcela”. Cosi Domenico Criscito, capitano del Genoa, ospite dell’emittente ligure Telenord, alza l’asticella e parla degli obiettivi futuri. Nell’immediato ci sono intanto un paio di appuntamenti che possono essere determinanti per archiviare la pratica salvezza: “Le prossime due partite sono fondamentali, contro squadre alla nostra portata e se dovessimo fare 6 punti, potremmo guardare avanti verso la parte sinistra della classifica”.

STAMPA