Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 17 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE, LEGGILE, CONDIVIDILE, INFORMATI!

DALLE 09:15 ALLE 20:48 DI VENERDì 20 SETTEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Incidenti corteo anarchici,provvedimenti
Raffica misure cautelari per incidenti dello scorso febbraio

TORINO20 settembre 201909:15

– La Polizia sta notificando numerose misure cautelari nei confronti degli anarchici che lo scorso 9 febbraio a Torino, durante un corteo, misero a ferro e fuoco la città. I provvedimenti in Piemonte, Lombardia e Sardegna, nell’ambito di un’indagine della Digos di Torino. I reati contestati sono, a vario titolo, lesioni aggravate, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e imbrattamento. La manifestazione, organizzata in seguito allo sgombero dello storico centro sociale ‘Asilo’, parteciparono militanti anarchici proveniente da tutta Italia.

Riciclaggio soldi,7 arresti in 3 regioniBlitz dei carabinieri, truffe per milioni di euro

SASSARI20 settembre 201909:31

– Blitz dei carabinieri di Sassari nei confronti di presunti appartenenti ad un’associazione a delinquere finalizzata al riciclaggio e alle truffe per diversi milioni di euro. I militari hanno eseguito complessivamente sette arresti e decine di perquisizioni nelle province di Sassari, Nuoro, Reggio Emilia, Modena, Parma e Milano. Le misure cautelari sono state emesse dal Tribunale di Sassari su richiesta della Procura nell’ambito dell’operazione “Cabriolet”. I dettagli dell’operazione saranno resi noti nel corso di un incontro con la stampa che si terrà alle ore 10.30 nella sede del Comando Provinciale Carabinieri di Sassari.

Shopping invece di lavorare, tre sospesiIndagine Polizia. 6 gli indagati, anche un dipendente Regione

BOVALINO (REGGIO CALABRIA)20 settembre 201909:51

– Invece di controllare le strade, lavoro per il quale venivano regolarmente pagati, andavano a fare shopping in centri commerciali e aziende agricole. Oppure se ne andavano a prendere i figli a scuola o se ne tornavano direttamente a casa. E’ l’accusa nei confronti di 3 dipendenti della Città metropolitana di Reggio Calabria, sospesi su decisione del gip di Locri, su richiesta della Procura, al termine delle indagini condotte dalla Polizia di Bovalino. Sei complessivamente gli indagati: oltre ai tre sospesi, altri due cantonieri e un dipendente della Regione in servizio nella sede di Bovalino del centro per l’impiego di Locri. Le accuse nei loro confronti, a vario titolo, sono truffa, falsa attestazione della presenza in servizio e peculato d’uso continuato. Gli investigatori, con l’ausilio di videoriprese e del monitoraggio satellitare dei veicoli, hanno accertato l’abitudine dei 3 di allontanarsi dal luogo di lavoro con l’auto di servizio per dedicarsi ad attività personali.

Un doodle di Google per l’avvio del mondiale di rugbySi parte oggi in Giappone con il match tra i padroni di casa e la Russia

20 settembre 201909:55

Tutto pronto in Giappone per la Coppa del Mondo di rugby, che scatta oggi con il match inaugurale all’Aijinomoto Stadium di Chofu tra i padroni di casa e la Russia, per concludersi il 2 novembre con la finale di Yokohama.Anche google dedica un doodle all’avvio del mondiale.Ben 48 match in 12 diverse città per incoronare la nuova regina della palla ovale mondiale che nelle ultime due edizioni e da otto anni è sempre la stessa: la Nuova Zelanda. Ma quest’anno, per la verità, gli All Blacks – che arrivano dai successi del 2011 e 2015 – sono apparsi un po’ meno ‘invincibili’, come dimostra l’incredibile ko in casa contro il Sudafrica nel Rugby Championship e le altre due sconfitte patite nell’ultimo anno solare contro l’Irlanda e l’Australia.Da quando c’è la Coppa del mondo (1987) l’unica europea a sollevare la Coppa è stata l’Inghilterra nel 2003, mentre nelle otto edizioni finora disputate l’emisfero australe l’ha sempre fatta da padrone: 3 vittorie per la Nuova Zelanda e due a testa per l’Australia e il Sudafrica. Alla Rugby World Cup partecipa anche l’Italia di Conor O’Shea, che è stata inserita nella Pool B (insieme alle corazzate Nuova Zelanda e Sudafrica, che se la vedranno tra loro nel sabato mattina italiano) ed esordirà con la Namibia domenica 22, per poi affrontare il Canada il 26, il Sudafrica il 4 ottobre e la Nuova Zelanda il 12.Rispetto al passato, però, l’edizione numero nove del Mondiale della palla ovale che viene ospitato per la prima volta in Asia (mentre nel 2023 si torna nel Vecchio Continente, in Francia) presenta il parterre più equilibrato di sempre, con diverse squadre sulla carta in grado di vincere. Su tutti ovviamente, la Nuova Zelanda, ma dietro gli All Blacks, ecco il fortissimo Sudafrica, reduce dalla vittoria nel Quattro Nazioni australe, l’Irlanda, il Galles (fresco vincitore del Sei Nazioni) e l’Inghilterra. Solo un gradino più sotto Australia e Francia, con Argentina e Scozia nel ruolo di guastafeste. Venti le nazionali al via, divise in 4 gironi da 5: le prime 2 classificate vanno ai playoff. Il Gruppo C è quello sulla carta più ‘tosto’, con Inghilterra, Francia ed Argentina (oltre a Tonga e Usa), mentre nel Pool A Irlanda e Scozia partono con i favori del pronostico, così come All Blacks e Sudafrica (avversarie sabato) nel Pool B dell’Italia, e Australia e Galles nel Gruppo D.

Tentano blocco Galleria Napoli, tensioniManifestanti della American Laundry spostati di peso

NAPOLI20 settembre 201911:03

– Momenti di forte tensione per la protesta a Napoli dei lavoratori dell’American Laundry, la ditta che si occupa della fornitura di biancheria agli ospedali della città da tempo in lotta per la loro vertenza. Un gruppo di manifestanti ha cercato di bloccare l’ingresso della Galleria. I lavoratori si sono stesi a terra. E’ intervenuta la Polizia che li ha rimossi spostandoli di peso. Ne sono seguiti attimi di tensione, tra proteste dei manifestanti e blocco della circolazione stradale. Sul posto è arrivata un’ambulanza. Anche ieri i lavoratori della American Laundry avevano portato in piazza le loro ragioni, con un presidio all’esterno del Duomo dove erano in corso le celebrazioni per la festività di San Gennaro.

Sit in ad Anacapri contro abbattimentoSul posto la Polizia, manifestazione solidarietà cittadini

ANACAPRI (NAPOLI)20 settembre 201911:57

– Decine di persone si sono riunite questa mattina a Capri per tentare di impedire l’abbattimento di un’abitazione abusiva e portare la propria solidarietà alla famiglia proprietaria dell’immobile, che altrimenti “sarebbe privata della sua unica casa”.
Il sit in di solidarietà e protesta si è svolto in via Lofunno, ad Anacapri, in una zona agricola lontana dal centro abitato. Le ruspe sono arrivate per abbattere un immobile, edificato negli anni scorsi da una famiglia su un terreno di sua proprietà, che da diverso tempo è oggetto di provvedimento di demolizione da parte della Procura. L’operazione era stata programmata per questa mattina e insieme all’impresa incaricata del lavoro è arrivato da Napoli anche un nucleo di agenti di polizia per scongiurare problemi di ordine pubblico.

Cucchi:teste disse ‘divertiti a menarlo'”E’ stato celebrato un processo kafkiani, impossibile ignorare”

20 settembre 201911:58

– “Si sono divertiti a picchiarlo”. Sono le parole del detenuto Luigi Lainà ricordate dal pm Giovanni Musarò nella sua requisitoria al processo per la morte di Stefano Cucchi, che vede imputati tre carabinieri per omicidio preterintenzionale. Luigi Lainà la notte tra il 16 e il 17 ottobre del 2009 incontrò Cucchi nel centro clinico di Regina Coeli. Nel corso del processo riferì che Cucchi gli aveva detto di “essere stato picchiato da due carabinieri” ma aggiunse che disse di riferire che le ferite erano “causa di una caduta”.
“Cucchi lascia una sorta di testamento a Lainà dicendogli che a picchiarlo sono stati due carabinieri in borghese della prima stazione da cui è passato”, ha aggiunto il pm. “È già stato celebrato un processo kafkiano per l’individuazione dei responsabili del pestaggio – ha ricordato Musarò – Non possiamo fare finta che non sia successo niente, di non sapere e di non capire che quel processo kafkiano è stato frutto di un depistaggio”.

Ilaria Alpi:sit in “no ad archiviazione”Oggi udienza davanti al gip

20 settembre 201912:07

– Un sit in per chiedere di non archiviare l’indagine sulla morte della giornalista del Tg3 Ilaria Alpi e dell’operatore tv Miran Hrovatin, uccisi in un agguato il 20 marzo del 1994 a Mogadiscio. Lo hanno organizzato alcune sigle di associazioni e sindacati questa mattina davanti al tribunale di Roma dove è fissata l’udienza del gip che dovrà decidere in merito alla richiesta di archiviazione presentata dalla Procura.
Al presidio sono presenti la Fnsi, l’Usigrai, il Comitato di redazione del Tg3, Articolo 21, Libera, Libera Informazione, Amnesty International Italia, Ordine dei giornalisti del Lazio, la Rete NoBavaglio. “Per me è straordinario essere qui dopo 25 anni – ha Beppe Giulietti – i genitori di Ilaria non ci sono più ma noi siamo qui con una rete di associazioni per dire no alla archiviazione. Bisogna almeno accertare la catena di omissioni e depistaggi su questa drammatica vicenda”. Dal canto suo il presidente di Articolo 21, Paolo Borrometi chiede “verità e giustizia per Ilaria e Miran”.

Obbligo di dimora per il sindaco di BibbianoSi attenua la misura cautelare per il primo cittadino indagato

BOLOGNA20 settembre 201912:14

Il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti passa dagli arresti domiciliari all’obbligo di dimora nel Comune di residenza, Albinea. È questa la decisione del tribunale della Libertà di Bologna sul ricorso della difesa del primo cittadino, attualmente sospeso dopo il coinvolgimento nell’inchiesta ‘Angeli e Demoni’ della Procura di Reggio Emilia in cui risponde di abuso di ufficio e falso.Il sindaco Pd di Bibbiano Andrea Carletti, sospeso e attualmente ai domiciliari nell’ambito dell’inchiesta sugli affidi della Procura di Reggio Emilia, ha presentato una querela segnalando 147 fra post e mail dal contenuto ritenuto offensivo o minatorio nei suoi confronti. Tra i denunciati c’è anche Luigi Di Maio, per un post pubblicato il giorno delle ordinanze di custodia cautelare, con l’immagine di Carletti con la fascia tricolore e la scritta ‘il sindaco del Pd che faceva affari coi bambini'”.Intanto il tribunale della Libertà di Bologna ha rigettato l’appello del pm di Reggio Emilia, Valentina Salvi, che aveva chiesto misure cautelari per il sindaco di Bibbiano e per altri quattro indagati nell’inchiesta ‘Angeli e Demoni’. I giudici hanno confermato la decisione del gip di Reggio Emilia, ritenendo priva di gravità indiziaria una delle ipotesi di abuso d’ufficio contestate a Carletti relativa all’affidamento di incarichi legali.Il ricorso della Procura sul punto si era discusso in udienza il 6 settembre, mentre deve ancora arrivare la decisione, sempre dei giudici della Libertà, sull’appello della difesa di Carletti contro gli arresti domiciliari a cui è sottoposto da fine giugno, sempre per reati che non riguardano i presunti abusi terapeutici sui minori al centro dell’inchiesta
Racket della prostituzione, 7 fermatiCarabinieri Bergamo sequestrano beni immobili per 350mila euro

BERGAMO20 settembre 201912:20

– I carabinieri di Bergamo hanno sottoposto a fermo 7 persone e sequestrato immobili a Bonate Sopra e Seriate per un valore di 350 mila euro nell’ambito di un’operazione che ha stroncato un presunto racket della prostituzione: almeno dieci ragazze sarebbero state costrette a prostituirsi sulla provinciale 122 Francesca, tra Mornico e Calcinate.
I malviventi avrebbero portato dalla Romania all’Italia le giovani donne per poi farle prostituire e farsi consegnare i loro guadagni, che in parte servivano a pagare le piazzole, gestite invece da alcuni albanesi. Con i carabinieri di Bergamo ha collaborato anche la polizia romena. Fermate sette persone in tutto, in Italia, Romania e Austria. La banda aveva anche acquistato immobili e terreni in Romania.
Cinque romeni sono indagati anche perché ritenuti responsabili di reati quali usura, trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio e impiego di denaro e beni di provenienza illecita.

Marco Carta: difesa, per lui è incuboCantante non in aula. Legali, ‘vicenda gli ha creato problemi’

MILANO20 settembre 201912:57

– Ha deciso di non presentarsi in aula per la prima udienza del processo milanese, che lo vede accusato di un furto di magliette alla Rinascente per il quale fu arrestato il 31 maggio, il cantante Marco Carta. “Non è venuto perché questa vicenda gli ha causato molti problemi, per lui è stato un incubo, uno tsunami, come per tutti quelli che vengono coinvolti in vicende giudiziarie”, hanno spiegato i suoi legali, gli avvocati Simone Ciro Giordano e Massimiliano Annetta, convinti, poi, che le “immagini” delle telecamere dello storico grande magazzino del lusso provino “la sua innocenza”.
“E’ presumibile che la sentenza arrivi oggi”, hanno detto i difensori. La difesa di Carta, il cui arresto non fu convalidato, ha chiesto il processo abbreviato condizionato all’acquisizione dei filmati delle telecamere ed è anche convinta che pure le nuove testimonianze raccolte dalla Procura dimostrino l’estraneità al furto del cantante, imputato con una sua amica.

Scontro tra barchini a Venezia,un feritoConducente accusa, altra imbarcazione era a fari spenti di notte

VENEZIA20 settembre 201913:00

– Ennesimo incidente nautico notturno nella laguna di Venezia: nello scontro tra due barchini è rimasto ferito un uomo di 72 anni. L’impatto è avvenuto la notte scorsa in Fondamente Nove, davanti all’ospedale della città lagunare. Secondo il conducente della seconda imbarcazione, un 35 enne rimasto illeso, l’altra barca stava procedendo a fari spenti.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Se figli non pregano no cibo,pena 2 anni
Uomo cattolico osservante obbligava i figli ai precetti

PISA20 settembre 201913:24

– Ha patteggiato due anni, pena sospesa, un padre di 47 anni, di Pisa, che imponeva ai figli di pregare sotto il castigo di far saltare loro la cena. Per questo l’uomo, di religione cristiana, è stato condannato per maltrattamenti in famiglia. I figli hanno 12 e 13 anni e avrebbero subito la sua punizione se non avessero pregato abbastanza. Secondo quanto ricostruito dalla procura l’uomo obbligava i figli a pregare ogni giorno e in modo sempre più ferreo fino a degenerare in urla di rimprovero e in qualche caso anche in condotte violente verso i figli. L’indagine è scattata in seguito alla querela della madre e agli atti del processo è stata considerata come forma di maltrattamento anche la pratica imposta in casa dall’ormai ex marito di far alimentare solo con il latte i due figli il venerdì santo, giorno in cui il padre osservava il digiuno del periodo di Quaresima. Inoltre, la moglie ha chiesto nel frattempo la separazione e l’iter è in corso, mentre i figli non vogliono più vedere il padre.

L’autunno bussa alla porta, da domenica piogge e temporali Non esclusi nubifragi sul versante tirrenico.

Da martedì migliora

20 settembre 201917:42

È in arrivo con l’autunno una nuova perturbazione, che porterà piogge e temporali da domenica. “Dopo l’impulso instabile delle ultime ore – spiega il meteorologo di 3bmeteo.com, Edoardo Ferrara – avremo una breve parentesi anticiclonica con tempo più soleggiato fino a sabato compreso e temperature diurne gradevoli e in linea con le medie o lievemente al di sopra. Tuttavia – avverte – già da Ovest la nuvolosità tenderà gradualmente ad aumentare, per l’avanguardia di una nuova perturbazione atlantica che raggiungerà l’Italia domenica”. Il tempo sarà in peggioramento “con piogge e temporali in arrivo dapprima sulle regioni di Nordovest e centrali tirreniche, in estensione verso fine giornata anche a Nordest e in misura più marginale al medio versante Adriatico. Non sono esclusi – prosegue Ferrara – fenomeni anche intensi e locali nubifragi in particolare tra Liguria di levante, Toscana e Lazio, in particolare lungo la fascia costiera; poco o nulla invece al Sud con al più un aumento della nuvolosità e qualche sporadico piovasco tra Campania e Molise”.Lunedì il maltempo si concentrerà sul Nordest liberando invece il Nordovest; “acquazzoni e temporali sparsi – aggiunge il meteorologo di 3bmete.com – interesseranno anche il Centro-Sud ma in particolare il versante tirrenico, mentre risulteranno più occasionali su quello adriatico dove ci sarà spazio per maggiori aperture; poco o nulla su Sardegna e area ionica”. La perturbazione, afferma ancora Ferrara, “martedì abbandonerà l’Italia con miglioramento salvo ultime note instabili al Sud. Nei giorni a seguire l’Italia dovrebbe rimanere contesa tra l’alta pressione e i fronti atlantici, con tempo piuttosto dinamico associato a momenti soleggiati intervallati da qualche passaggio piovoso, più probabile al Nord”. PER RESTARE SEMPRE AGGIORNATO SUL METEO CLICCA QUI

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tentato stupro a Nuoro, c’è un indagato
Identificato grazie a racconto vittima e telecamere sorveglianza

NUORO20 settembre 201913:56

– E’ stato individuato e ora è indagato per violenza sessuale l’uomo che ha tentato di abusare di una giovane donna, all’alba di domenica scorsa in piazza su Connottu a Nuoro, dopo la Notte bianca con negozi aperti sino a tardi. L’aggressore – sulla cui identità viene mantenuto al momento il più stretto riserbo – è stato identificato dalla Squadra Mobile con l’aiuto determinate della vittima e delle videocamere di sorveglianza presenti in zona. Il sostituto procuratore Giorgio Bocciarelli, titolare dell’inchiesta, sta raccogliendo tutti gli elementi utili per dare una svolta definitiva al caso.
Il fatto risale all’alba del 13 dicembre, quando l’uomo si è introdotto nell’auto dove la ragazza dormiva dopo la nottata di festa in città. Secondo la denuncia della vittima, l’aggressore le avrebbe messo una mano sul collo e con l’altra avrebbe cercato di strapparle i vestiti provocandole ferite ed ematomi.

Donne in vetrina per il turismo,polemicaProposta agita Consiglio Regione. Lega sospende Roberto Salvini

FIRENZE20 settembre 201914:19

– “Donne in vetrina per favorire il turismo”. Questa la proposta-choc del consigliere regionale della Lega in Toscana, Roberto Salvini, avanzata parlando di prostituzione nella commissione regionale sviluppo economico, che ha suscitato reazioni e polemiche tanto che il commissario Daniele Belotti lo ha sospeso. “Se mezza Europa ci investe in quell’indirizzo… – aveva detto Salvini – Io sono stato alle fiere in Germania, in Olanda è uguale, in Austria è uguale, in Francia è uguale: troviamo le donne in vetrina. E’ un turismo anche quello”. La consigliera regionale Monia Monni, presente in commissione, ha pubblicato su Fb il video con le affermazioni di Roberto Salvini, per le quali si è detta indignata e disgustata.
Critiche anche da numerosi parlamentari e dal presidente Enrico Rossi che ha parlato di “pensiero aberrante”. La Lega ha preso stamani distanze dalle parole del suo consigliere, quindi il commissario per la Toscana ha deciso la sua sospensione.

Autobus troppo vecchi,Polizia ferma gitaMezzi bloccati e multe ai conducenti per 2 mila euro ciascuno

VENEZIA20 settembre 201914:21

– La Polizia stradale di Treviso ha fermato due autobus, a bordo dei quali un centinaio di studenti e insegnanti di un istituto della provincia stavano per partire verso la destinazione di una gita scolastica nel vicentino, per le gravi irregolarità riscontrate sugli automezzi. Entrambi, in particolare, risultavano essere stati immatricolati più di 15 anni fa, limite massimo di anzianità previsto dalla legge per il trasporto collettivo, e uno di essi evidenziava anomalie nel funzionamento delle uscite di sicurezza. I mezzi sono stati sottoposti a fermo amministrativo e nei confronti dei conducenti sono state elevate sanzioni per oltre 2 mila euro ciascuno.

Accolto ricorso Ilva, Afo2 non si spegneDato termine 3 mesi per progettazione e lavori adeguamento

TARANTO20 settembre 201914:56

– Il tribunale del Riesame di Taranto ha accolto il ricorso presentato dall’Ilva in amministrazione straordinaria contro il provvedimento con il quale il giudice Francesco Maccagnano – il 31 luglio scorso – aveva respinto la richiesta di facoltà d’uso dell’Altoforno 2 dello stabilimento siderurgico ArcelorMittal finalizzata all’esecuzione dei lavori chiesti dal custode giudiziario. La decisione scongiura lo spegnimento che era programmato entro il 10 ottobre e che avrebbe provocato una riduzione dei livelli produttivi con conseguenze sul piano occupazionale. Con l’accoglimento dell’appello cautelare, il Riesame ha disposto un termine di 3 mesi per la progettazione di dettaglio e l’esecuzione dei lavori. I legali dell’Ilva in As nei giorni scorsi avevano presentato anche una istanza di facoltà d’uso allo stesso giudice Maccagnano, dinanzi al quale il prossimo 1 ottobre inizierà il processo sull’incidente che nel giugno del 2015 costò la vita all’operaio Alessandro Morricella.

Cucchi:pm,morì per caduta dopo pestaggioSi fratturò due vertebre, gli è costato la vita

20 settembre 201915:33

– “Le lesioni più gravi sono state prodotte dalla caduta di Cucchi, dopo un violentissimo pestaggio”. Lo ha detto nella sua requisitoria il pm Giovanni Musarò, al processo sulla morte di Stefano Cucchi, che vede imputati tre carabinieri per omicidio preterintenzionale.
“Quella caduta – spiega Musarò – è costata la vita a Stefano Cucchi, si è fratturato due vertebre. Lui stesso, a chi gli chiese cosa fosse successo, disse: ‘Sono caduto'”.

Sfregio cippi partigiani nel modeneseA San Prospero, lapidi dedicate ai giovani Artioli e Bruni

MODENA20 settembre 201915:38

– La scorsa notte, a San Prospero, nel Modenese, ignoti vandali hanno danneggiato i cippi dedicati al ricordo dei giovani partigiani Odino Artioli e Dino Bruni. Lo fa sapere la sezione locale del Pd che “condanna lo sfregio alla memoria di coloro che hanno lottato per la democrazia e la libertà di tutti”. Condanna che arriva anche da parte dell’Anpi provinciale di Modena. “Quelle lapidi danneggiate e divelte sono un colpo ai valori che animano il nostro agire quotidiano e caratterizzano da sempre la nostra comunità – ha spiegato il Pd in una nota – quelli della libertà, della democrazia e dell’antifascismo. E’ un attacco alle nostre radici: i vandali hanno tentato di distruggere l’omaggio a due giovani eroi impegnati nella Resistenza e che hanno permesso la liberazione di tutti dal giogo nazifascista”. Per i democratici, così come per l’Anpi, si tratta di “un atto vile”.

Papa: no a eutanasia,diritto inesistente”Respingere uso medicina per assecondare volontà di morte”

20 settembre 201915:54

– “Si può e si deve respingere la tentazione – indotta anche da mutamenti legislativi – di usare la medicina per assecondare una possibile volontà di morte del malato, fornendo assistenza al suicidio o causandone direttamente la morte con l’eutanasia”. Così il Papa. “Si tratta di strade sbrigative di fronte a scelte che non sono, come potrebbero sembrare, espressione di libertà della persona, quando includono lo scarto del malato come possibilità, o falsa compassione di fronte alla richiesta di essere aiutati ad anticipare la morte”, ha detto Francesco durante l’udienza nella Sala Clementina alla Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri. Il Pontefice ha ricordato che “come afferma la Nuova Carta per gli Operatori Sanitari: ‘Non esiste un diritto a disporre arbitrariamente della propria vita, per cui nessun medico può farsi tutore esecutivo di un diritto inesistente'”.

Denunciati 5 lavoratori American LaundryA Napoli. Nel tunnel bloccati mezzi di soccorso e bus

NAPOLI20 settembre 201915:54

– Cinque lavoratori dell’American Laundry che hanno partecipato al blocco stradale davanti alla Galleria IV Giornate di Napoli sono stati portati in Questura e denunciati per interruzione di pubblico servizio. Secondo quanto ricostruito dalla polizia, i lavoratori avevano avuto l’autorizzazione a svolgere un presidio davanti la sede della Regione ma poi hanno deciso di muoversi in corteo e poi di effettuare un blocco della circolazione in via Chiatamone. La Polizia ha cercato di dissuadere i manifestanti che hanno tentato una resistenza passiva. Nel frattempo nel tunnel erano bloccati sia mezzi di soccorso che autobus. I lavoratori sono stati spostati di peso per consentire la ripresa della circolazione. Ieri i lavoratori della American Laundry avevano effettuato un presidio all’esterno del Duomo di Napoli in occasione delle celebrazioni per la festività del patrono, San Gennaro.

Cede lucernario, muore operaioA Lugo nel Ravennate, è precipitato da un’altezza di 9 metri

RAVENNA20 settembre 201915:55

– Un 38enne è morto in seguito alle ferite riportate in una caduta sul lavoro, attorno alle 9.30 a Lugo, nel Ravennate. Secondo quanto finora ricostruito, l’uomo, per conto di una ditta del Riminese, stava lavorando alla manutenzione del tetto di un’azienda della zona industriale lughese. All’origine della improvvisa caduta, il possibile cedimento di un lucernario: il 38enne é quindi precipitato da un’altezza di circa nove metri. Inutili i successivi soccorsi del 118. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri e gli ispettori della Medicina del Lavoro dell’Ausl.

Il neonato è morto per soffocamentoEseguita l’autopsia sul piccolo trovato senza vita nei campi

BOLZANO20 settembre 201916:48

– E’ morto per soffocamento: è quanto ha stabilito l’autopsia sul corpicino del neonato abbandonato senza vita sotto un cespuglio lungo una strada sopra Lana. Lo riferisce la procura della Repubblica di Bolzano.
“All’esito dell’esame autoptico – sottolinea la procura – è emerso che esso è nato vivo, avendo esalato alcuni respiri”. Il corpo presentava anche altre lesioni che, “tuttavia – riferisce ancora la procura – non hanno avuto alcun esito mortale e sono compatibili con la caduta presumibilmente avvenuta dopo la morte”.
Nel frattempo, il giudice indagini preliminari del Tribunale di Bolzano ha convalidato il fermo disposto dal pubblico ministero nei confronti della giovane rumena accusata di aver abbandonato il bambino, che attualmente è rinchiusa nella casa circondariale di Trento.

Rogo in azienda di cannabis, 3 feritiNel milanese, l’incendio scoppiato per motivi accidentali

MILANO20 settembre 201917:22

– Tre persone sono rimaste ferite in un incendio divampato all’interno di una ditta che commercializza cannabis legale a Trezzano sul Naviglio (Milano).
Secondo quanto ricostruito dai carabinieri e dai vigili del fuoco, l’incendio sarebbe scoppiato per motivi accidentali. Un dipendente è stato trasportato in ospedale con l’elisoccorso in condizioni gravi. Altre due persone non sarebbero in pericolo di vita. L’azienda che si occupa di commercializzare infiorescenze di canapa con principi attivi entro i limiti di legge.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Fioramonti a prof,dedicate tempo a clima
Creata pagina web e indirizzo posta per iniziative e progetti

20 settembre 201918:33

– Una lettera ai presidi e ai docenti chiedendo loro di trovare del tempo, nella settimana che va da oggi a venerdì prossimo, per realizzare sessioni di discussione e riflessione sui cambiamenti climatici insieme ai ragazzi. L’ha inviata il ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, alle scuole, per sollecitare momenti condivisi con gli studenti su ciò che accadrà questa settimana ed il suo significato.
“Nella mia storia di lotte civili e politiche, lo sviluppo sostenibile è sempre stato un punto centrale. Non mi tirerò certo indietro ora che sono ministro. Il Miur sosterrà ogni iniziativa volta a questo cambiamento, alcune in prima persona, come vedrete in questi giorni”, scrive il ministro.
Una pagina web dedicata e un indirizzo di posta sono stati costituiti per raccogliere iniziative e progetti.

Berlusconi ‘pignora’ propri contiContinua la battaglia tra i due, in ballo 14 mln di euro

MILANO20 settembre 201918:51

– Silvio Berlusconi pignora se stesso, ovvero i suoi 19 conti correnti, gli stessi pignorati e quindi congelati poco più di due anni fa da Veronica Lario. E lo fa per evitare che la ex moglie possa riscuotere, al netto dei conteggi, circa 14 milioni di euro, pretesi come conguaglio dell’appannaggio mensile disposto dai giudici nella causa di separazione, nonostante la sentenza, da poco confermata dalla Cassazione, con cui la Corte d’Appello di Milano le ha revocato l’assegno di divorzio invitandola a ridare indietro all’ex marito 46.345.600 euro.

Pestato a morte:chiesta messa alla provaProcesso al 21 novembre, altri 11 minori in abbreviato il 24/9

TARANTO20 settembre 201919:02

– I difensori di due minori coinvolti nell’inchiesta sulla morte di Antonio Cosimo Stano, il pensionato di 66 anni di Manduria deceduto il 23 aprile dopo una serie di aggressioni (poi rilanciate su whatsapp) da parte di più gruppi di giovani, hanno chiesto per i propri assistiti, di 16 e 17 anni, la messa alla prova. Se concessa, il processo è sospeso per un periodo fino a 3 anni e il giudice li affida ai servizi minorili dell’amministrazione della giustizia. Trascorso il periodo di sospensione, il giudice fissa una nuova udienza nella quale dichiara, con sentenza, estinto il reato, se ritiene che la prova abbia esito positivo. In caso contrario il processo si riaprirà. I due, in concorso con altri 14, sono accusati anche di tortura aggravata dalla morte del pensionato. L’istanza è stata presentata alla prima udienza del giudizio immediato chiesto dal capo della Procura per minori e il processo è aggiornato al 21/11. Altri 11 minori saranno giudicati con abbreviato dal 24/9 come i tre maggiorenni il 16/10.

Strage bus ungherese, udienza processoSchianto mezzo ungherese nel 2017, morirono 16 studenti

VERONA20 settembre 201919:41

– L’associazione italiana familiari e vittime della strada onlus si è costituita parte civile nel processo per la strage del pullman ungherese che la sera del 20 gennaio 2017 si schiantò contro un cavalcavia dell’autostrada Milano-Venezia, vicino a Verona Est, causando la morte di 16 studenti e di uno dei due autisti. “Siamo pronti a dare battaglia in aula – ha detto il presidente Alberto Pallotti – contro questa ipotesi trapelata nelle ultime ore, con l’autista ungherese, Janos Varga, che potrebbe a sorpresa dichiarare di non essere stati lui alla guida, ma il collega morto nel rogo”. Oggi in una conferenza stampa con i legali dell’associazione e alcuni familiari delle vittime è stato spiegato che il processo non è ancora entrato nel vivo e anche l’udienza di oggi è stata interlocutoria e rinviata al prossimo 24 gennaio. “Abbiamo prove schiaccianti contro l’autista e contro la società che gestisce quel tratto di autostrada” ha aggiunto Pallotti.

Indagato Bianchi: al vaglio documentiPm e Gdf Firenze su materiale sequestrato in suo studio legale

FIRENZE20 settembre 201920:00

– Al vaglio degli inquirenti di Firenze e della guardia di finanza i documenti sequestrati nello studio dell’avvocato fiorentino Alberto Bianchi, ex presidente della fondazione Open nata per sostenere le iniziative di Matteo Renzi, tra cui la Leopolda. Il legale è indagato con l’accusa di traffico di influenze e in queste ore gli investigatori stanno esaminando il materiale acquisito nella perquisizione avvenuta il 16 settembre.
Tra la documentazione finita sotto la lente degli investigatori ci sarebbero anche i bilanci della fondazione Open e pure la lista dei finanziatori. Sull’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Luca Turco, la procura di Firenze mantiene al momento il più stretto riserbo.

Genovese, condanna ridotta in appelloSei anni e 8 mesi a ex deputato. 3 anni e 2 mesi a cognato

MESSINA20 settembre 201920:30

– La Corte d’appello di Messina ha condannato a 6 anni e 8 mesi l’ex deputato del Pd e di Fi Francantonio Genovese, che in primo grado aveva avuto 11 anni, nel processo cosiddetto “Corsi d’oro 2” sulla formazione professionale. Il cognato Franco Rinaldi, ex deputato regionale del Pd e poi di Fi, ha subito una condanna più grave: 3 anni e 2 mesi (2 anni e mezzo in primo grado). L’appello riguarda 21 persone – anche le mogli dei due condannati – e sette società. i reati sono truffa, riciclaggio, falso in bilancio e altro.

Annunci
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 18 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE, LEGGILE, INFORMATI, CONDIVIDILE!

DALLE 09:05 DI GIOVEDì 19 SETTEMBRE 2019

ALLE 00:44 DI VENERDì 20 SETTEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

A piedi su Sopraelevata, clochard ucciso
Poco dopo l’alba. L’uomo è morto sul colpo

GENOVA19 settembre 201909:05

– Un clochard di circa 70 anni di origini svizzere che camminava a piedi sulla rampa della Sopraelevata che porta al casello di Genova Ovest, rampa interdetta ai pedoni, è stato travolto e ucciso poco dopo l’alba da un’auto. Il clochard è morto sul colpo nonostante il tempestivo intervento del 118. Per consentire i rilievi della sezione infortunistica della polizia locale, la strada è stata chiusa e poi riaperta poco prima delle 9.

Bus in fiamme a Potenza:auto danneggiateSul posto anche il sindaco del capoluogo lucano, Mario Guarente

POTENZA19 settembre 201909:24

– L’incendio che stamani, nel centro storico di Potenza, ha distrutto un autobus del servizio pubblico urbano, ha danneggiato anche alcune auto in sosta, un’agenzia finanziaria e un palazzo di corso Garibaldi. Sul posto – dove hanno operato due squadre e due autobotti dei Vigili del fuoco, Polizia di Stato e Polizia locale – è arrivato poco fa pure il sindaco del capoluogo lucano, Mario Guarente.

Igor a processo in Spagna a primaveraL’accusa chiederà il massimo della pena per tre omicidi e altro

BOLOGNA19 settembre 201909:32

– Doveva cominciare entro la fine di quest’anno, ma si terrà invece nella primavera del 2020 il processo spagnolo per Norbert Feher, meglio noto come Igor ‘il russo’, già condannato all’ergastolo dal Tribunale di Bologna per gli omicidi del barista Davide Fabbri e della guardia volontaria Valerio Verri, commessi tra il marzo e l’aprile del 2017. In Spagna, dove è detenuto nel carcere di Zuera (Saragozza), il killer serbo è accusato di aver ucciso l’allevatore José Luis Iranzo e due agenti della guardia civil, Víctor Romero Pérez e Víctor Jesús Caballero Espinosa, prima di essere catturato. Martedì scorso, come riporta la stampa spagnola, sono state convocate tutte le parti per determinare l’imputazione dei fatti, per i quali Igor sarà giudicato da una giuria popolare, a Teruel. L’accusa ha già fatto sapere che chiederà il massimo della pena per gli omicidi e gli altri reati.

‘Ndrangheta,sequestrati beni per 1,1 MlnSigilli a azienda agricola, bar e terreni con sovvenzioni Ue

ROSARNO (REGGIO CALABRIA)19 settembre 201909:47

– Beni mobili e immobili per un valore complessivo di circa un milione e 100 mila euro sono stati confiscati dai Carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria a Giovanni Battista Cacciola, di 55 anni, di Rosarno, attualmente detenuto.
Cacciola, ritenuto affiliato all’omonima cosca di Rosarno, è stato condannato per porto e detenzione di armi, ricettazione, associazione a delinquere, associazione a delinquere di tipo mafioso finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, sequestro di persona e riduzione in schiavitù. La confisca trae origine dalle indagini che hanno portato alla luce l’esistenza di un gruppo criminale dedito alla commercializzazione di droga con ramificazioni anche nel nord Europa. I beni confiscati sono un’azienda agricola, un bar, 4 immobili, alcuni terreni risultati oggetto di sovvenzione comunitaria Pac, rapporti bancari e prodotti finanziari.

Terrorismo, 5 antimilitaristi indagatiIn inchiesta su scontri in cortei davanti basi altre 40 persone

CAGLIARI19 settembre 201910:00

– Cinque cagliaritani, due dei quali ritenuti gli organizzatori di violente contestazioni, sono accusati di associazione con finalità di terrorismo o eversione all’ordine democratico, nell’ambito dell’inchiesta sulle manifestazioni contro le basi militari in Sardegna organizzate tra il 2014 e 2017, alcune delle quali sfociate in scontri tra antimilitaristi e forze dell’ordine. Come anticipato dall’Unione Sarda, nell’ipotesi di reato il sostituto procuratore Guido Pani contesta anche contatti con gruppi No Tav. Gli avvisi di chiusura delle indagini preliminari compiute dalla Digos della Questura di Cagliari su delega della Direzione distrettuale antiterrorismo del capoluogo sardo, sono stati notificati ieri complessivamente a 45 persone, tra i quali appunto i cinque antimilitaristi. Gli altri 40 sono accusati di reati minori che vanno – a vario titolo – dai danneggiamenti alla resistenza, lesioni, partecipazione a manifestazione non autorizzata e imbrattamento.

Evasione da 30 ml, sequestrate 11 aziendeEmesse 17 misure cautelari, sotto sequestro beni per 20 mln

PESCIA (PISTOIA)19 settembre 201910:00

– Una maxi evasione fiscale da 30 milioni di euro è stata scoperta dalla guardia di finanza di Pistoia e dall’Agenzia delle dogane nel settore della importazione e commercializzazione di carburanti, nell’ambito di un’operazione denominata ‘Gasoline free’. Diciassette soggetti, indagati per associazione per delinquere finalizzata alla commissione di frodi fiscali, e residenti in Toscana, Campania e Piemonte, hanno ricevuto provvedimenti di misura cautelare: 3 sono in carcere, 3 agli arresti domiciliari e 11 sono sottoposti all’obbligo di dimora. Sequestrati anche beni per un valore di 20 milioni e 11 società, 8 delle quali risultate fittizie, tutte operanti nel settore dell’importazione e della commercializzazione degli idrocarburi con sede in Toscana, Campania, Lazio ed Emilia Romagna. Le indagini sono partite da una società di Pescia (Pistoia) considerata “terminale privilegiato” di altre aziende fittizie per evadere l’Iva.

Migranti, fermati due presunti scafistiSono accusati di avere condotto natante con 74 persone a bordo

SIDERNO (REGGIO CALABRIA)19 settembre 201910:29

– Due uomini di nazionalità ucraina, C.V., di 39 anni, e S.O., di 31, sono stati fermati dalla Polizia di Stato a Siderno perché ritenuti i presunti scafisti dello sbarco di 74 migranti avvenuto sabato scorso a Roccella Jonica. L’accusa formulata nei loro confronti è favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.
Gli agenti della Squadra Mobile e del Commissariato di Siderno, con il coordinamento della Procura di Locri, hanno individuato i due cittadini ucraini dopo l’approdo dei 74 profughi a bordo di un’imbarcazione della Guardia costiera nel porto di Roccella Jonica dove si sono svolte le operazioni successive allo sbarco in stretta collaborazione con i carabinieri e la Guardia di finanza.
I due presunti scafisti avevano tentato di confondersi con i migranti, tutti iracheni ed iraniani, soccorsi al largo a bordo di una barca a vela che si presume sia partita alcuni giorni prima dalla Grecia.

‘Sposati o farai la fine di Sana Cheema’Padre evoca vicenda della 25enne uccisa per no a nozze combinate

BRESCIA19 settembre 201910:34

– La Polizia di Stato, coordinata dalla Procura di Brescia, ha eseguito una misura cautelare nei confronti dei genitori e il fratello maggiore di quattro ragazze – due ancora minorenni – di origini pachistane, vittime di maltrattamenti. La maggiore avrebbe ricevuto forti pressioni dalla famiglia per tornare in patria e sposarsi secondo un matrimonio combinato. Al rifiuto della figlia, il padre, in più occasioni, avrebbe evocato la vicenda di Sana Cheema, la 25enne uccisa proprio perché aveva rifiutato un matrimonio combinato.
A carico di tutti gli indagati, che sono accusati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e induzione al matrimonio è stata applicata la misura cautelare del divieto di avvicinamento alle vittime e per i genitori anche quella della sospensione della responsabilità genitoriale.

Turista soccorsa su nave crocieraIn arresto cardio-circolatorio, trasportata in ospedale Cagliari

CAGLIARI19 settembre 201910:42

– Una turista in arresto cardio-circolatorio che si trovava a bordo della nave da crociera MSC Fantasia, in navigazione a circa 50 miglia est delle coste della Sardegna, è stata trasportata d’urgenza in elicottero all’ospedale Brotzu di Cagliari. Il trasbordo è stato effettuato dal’equipaggio Rescue India Mike Alfa Nemo 15 della 4/a Sezione Volo Elicotteri allertato dalla Sala Operativa della Capitaneria di porto di Cagliari.
Le condizioni della donna, prelevata già in stato di incoscienza, si sono aggravate durante il volo tanto che i medici presenti a bordo del velivolo hanno dovuto praticarle alcune manovre salvavita. La paziente è arrivata poi in ospedale dove è stata presa in carico dai medici della struttura.

Mafia: 4 arresti a Gela, anche avvocatoOperazione contro clan Rinzivillo già decimato da arresti

GELA (CALTANISSETTA)19 settembre 201911:15

– Quattro persone, tra cui un avvocato del foro di Gela, sono stati arrestati dalla squadra mobile di Caltanissetta in esecuzione di altrettante ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal gip del tribunale nisseno su richiesta della Dda per “associazione mafiosa, aggravata dall’essere armata, per avere fatto parte del clan gelese dei Rinzivillo di “cosa nostra”. Le manette sono scattate per l’avvocato Grazio Ferrara, di 39 anni; Benedetto Rinzivillo, 55 anni, inteso “Peppe u curtu”, imprenditore nel settore commerciale delle carni; Giuseppe Incorvaia, di 73 anni, di Licata, imprenditore in pensione; Emanuele Zuppardo, di 62 anni, gelese domiciliato a Parma, in atto sottoposto alla libertà vigilata. L’inchiesta che li vede indagati, denominata “Exitus”, costituisce una costola dell’operazione “Extra fines” che il 4 di ottobre del 2017 portò all’arresto di 37 affiliati al clan Rinzivillo.

Causò morte poliziotto, 32enne arrestatoA Pisticci, il 25 luglio scorso, guidava sotto effetto di droghe

MATERA19 settembre 201911:24

– Stava guidando sotto l’effetto di sostanze stupefacenti: è stato arrestato dai Carabinieri e posto ai domiciliari il 32enne che il 25 luglio scorso, a Pisticci (Matera), provocò la morte di Corrado Settembre, un poliziotto di 52 anni che era a bordo di un ciclomotore. Il provvedimento di custodia cautelare in carcere è stato emesso dal gip di Matera Angelo Onorati su richiesta del Procuratore della Repubblica, Pietro Argentino, e del sostituto Annunziata Cazzetta.

Azienda Smaltiva rifiuti metalliciIn tre anni quasi 10mila tonnellate, 79 indagati nel Salento

LECCE19 settembre 201911:32

– La guardia di finanza ha sottoposto a sequestro preventivo un’azienda di Surano (Lecce) che per quasi tre anni avrebbe operato illecitamente e senza autorizzazioni nella raccolta, trasporto e commercializzazione di quasi 10 mila tonnellate di materiale metallico per un valore complessivo di oltre 2,4 milioni di euro. Il sequestro è stato disposto dal gip di Lecce Edoardo D’Ambrosio, nell’ambito di una inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Lecce che vede indagate 79 persone tra amministratori, dipendenti e collaboratori del complesso aziendale.
Gli indagati sono accusati di avere, in concorso tra loro, attraverso l’allestimento di mezzi e attività continuative organizzate, acquistato e gestito abitualmente ed abusivamente ingenti quantitativi di rifiuti speciali provenienti da numerosi conferitori della zona dediti all’attività di raccolta, trasporto e commercializzazione di materiale metallico.

Lo deride, minaccia 18enne con coltelloSu un autobus a Roma, protagonista un 65enne egiziano

ROMA19 settembre 201911:40

– Preso in giro da alcuni giovani a bordo di un autobus di linea, un 65enne egiziano a un certo punto ha spintonato un 18enne e gli mostrato un piccolo coltellino che aveva in tasca. E’ accaduto ieri pomeriggio su un bus a circonvallazione Gianicolense. L’autista ha fermato la corsa. Sul posto i carabinieri del Nucleo radiomobile di Roma che hanno denunciato il 65enne per minaccia aggravata, interruzione di pubblico servizio e porto di oggetti atti ad offendere. A quanto ricostruito dai carabinieri, alla base delle prese in giro dei ragazzi non ci sarebbero motivi razziali.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Olimpiadi Informatica, primo un friulano
Si sono svolte a Matera, Capitale europea della Cultura

MATERA19 settembre 201911:55

– Alessandro Bortolin dell’It Kennedy di Pordenone è risultato essere il “primo assoluto” della XIX edizione delle Olimpiadi italiane di Informatica, riservate alle scuole secondarie superiori e che si sono svolte all’Iis Pentasuglia della città di Matera, Capitale europea della cultura 2019. Con la finale di Matera “è stato individuato – è specificato in un comunicato – il gruppo di 20 studenti (probabili olimpici) da cui, dopo un percorso formativo dedicato, emergeranno i quattro atleti chiamati a rappresentare l’Italia alle Olimpiadi internazionali di Informatica, che si svolgeranno dal 19 al 26 luglio 2020 a Singapore”.

Negato nuovo arresto sindaco BibbianoIl tribunale della Libertà respinge il ricorso della Procura

BOLOGNA19 settembre 201912:31

– Il tribunale della Libertà di Bologna ha rigettato l’appello del pm di Reggio Emilia, Valentina Salvi, che aveva chiesto ulteriori misure cautelari per il sindaco di Bibbiano Andrea Carletti e per altri quattro indagati nell’inchiesta ‘Angeli e Demoni’, sugli affidi nella Val d’Enza reggiana.
I giudici hanno confermato la decisione del gip di Reggio Emilia, ritenendo priva di gravità indiziaria una delle ipotesi di abuso d’ufficio contestate a Carletti, difeso dal professor Vittorio Manes e dall’avvocato Giovanni Tarquini, relativa all’affidamento di incarichi legali.
Il ricorso della Procura sul punto si era discusso in udienza il 6 settembre, mentre deve ancora arrivare la decisione, sempre dei giudici della Libertà, sull’appello della difesa di Carletti contro gli arresti domiciliari a cui è sottoposto da fine giugno, sempre per reati che non riguardano i presunti abusi terapeutici sui minori, al centro dell’inchiesta.

Un doodle di Google per ricordare Tin TanNato a Città del Messico il 19 settembre 1915, rese popolare la cultura dei pachuco

19 settembre 201912:44

A Tin Tan, attore cantante e comico google dedica oggi il proprio Google. Ecco chi era. Nato a Città del Messico il 19 settembre 1915, Germán Genaro Cipriano Gómez Valdés de Castillo, Tin Tan, contribuì a rendere popolare la cultura dei pachuco. I pachuco, diffusi negli anni ’30  erano persone ben vestite dai tratti tipicamente centro/sudamericani, con i cosiddetti zoot suits, abiti con pantaloni larghi sulle cosce e stretti alla caviglia, a vita molto alta, e con l’aggiunta di giacche lunghe e dalle spalle molto larghe e scolpite. Erano soliti indossare dei cappelli con lunghe piume e avevano atteggiamenti molto appariscenti. Nelle pellicole venivano quasi sempre rappresentati come dei gangster, dei mafiosi, ma grazie a Tin Tan le cose cambiarono, dando loro una nuova immagine più bonaria e simpatica, come del resto era lo stesso German Valdes.Tin Tan divenne popolare al punto da essere invitato a comparire sulla copertina dell’album Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band dei Beatles. Una proposta che però rifiutò.
Fu premiato dall’Associazione degli Attori messicani. Gli fu tributata una statua a Città del Messico simbolo dell’orgoglio della cultura messicana.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Università: top Politecnico Milano
Questi il podio secondo informazioni fornite dagli stessi atenei

19 settembre 201913:03

– Primo il Politecnico di Milano, seguito dall’Università di Bologna e da La Sapienza-Università di Roma: questo il podio dei migliori atenei italiani secondo uno studio di QS Quacquarelli Symonds, che ha eletto con il QS Graduate Employability Rankings 2020 le 500 migliori università del mondo, soprattutto sotto il profilo della ‘occupabilità’ dei propri laureati. La graduatoria tiene conto delle informazioni che le stesse università hanno fornito che è quanto hanno fatto per l’Italia 17 che sono tutte riuscite a figurare tra le top 500 al mondo. Il primo posto del Politecnico di Milano nella classifica 2020 sconta in realtà la perdita di cinque posizioni rispetto a quest’anno (da 36 a 41) ma rimane il “numero 1 incontrastato in Italia”. L’Università di Bologna ottiene il 18/mo posto nello stesso indicatore e sale all’84/mo nella classifica. Guadagna invece cinque posizioni la Sapienza-Università di Roma che si classifica 93/ma.

Ref.Venezia-Mestre:Zaia, applicare leggeUfficio legale non ha ancora letto la sentenza

TREVISO19 settembre 201913:11

– “Leggeremo la sentenza e poi daremo ad essa adempimento”. Così il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, in merito alla sentenza del Consiglio di Stato che ha dichiarato legittima la richiesta di referendum per la separazione di Venezia da Mestre. “Per ora – ha aggiunto – posso solo dire questo, l’ufficio legale non ha ancora letto la sentenza. La legge va applicata, è una sentenza, che ha avvalorato il fatto che la legge regionale è corretta”.

Autonomia:Zaia,asse no Lezzi-Provenzano’Rivelata appieno la nuova alleanza Pd-M5s’

VENEZIA19 settembre 201913:12

– Per il governatore veneto Luca Zaia “c’è un asse Lezzi-Provenzano contro l’autonomia”. “Oggi – spiega – ci viene rivelata appieno non solo la sostanza della nuova alleanza consolidata tra Pd e 5Stelle, ma anche la continuità tra Barbara Lezzi e Giuseppe Provenzano a scapito delle legittime richieste di autonomia”.

Ponte Genova: infopoint su ricostruzioneBucci,’confermo inaugurazione nuovo viadotto a fine aprile 2020′

GENOVA19 settembre 201913:38

– “L’1 ottobre, nell’ambito della cerimonia in cui salirà il primo impalcato del nuovo ponte, inaugureremo l’infopoint che abbiamo realizzato per consentire ai genovesi di seguire tutte le fasi di ricostruzione del ponte”. Lo ha detto il sindaco di Genova Marco Bucci a margine dell’inaugurazione del Salone Nautico di Genova. Il punto informativo “è stato realizzato a porta Siberia dalle imprese di costruzione”. Bucci ha confermato che la “best option” resta l’inaugurazione del nuovo ponte entro la fine di aprile 2020.
“Abbiamo avuto tante sorprese e tanti imprevisti che non ci aspettavamo in questi mesi e li abbiamo tutti risolti – ha detto Bucci – faremo così anche nei prossimi mesi”.

Niente scuola per 15 bimbi non vaccinatiComune tenta di mediare. Si valutano ricorsi

FABRIANO (ANCONA)19 settembre 201914:03

– Non potranno andare a scuola i 15 bambini che non risultano in regola con le vaccinazioni previste dalla Legge Lorenzin tra le sedi di Fabriano e Sassoferrato (Ancona). Questa la decisione dei dirigenti scolastici interessati che hanno inviato la relativa comunicazione ai genitori. Questi ultimi avevano, comunque, già deciso in autonomia di non accompagnare i figli alla materna per l’intera prima settimana di scuola. Hanno chiesto e ottenuto un incontro con l’assessore ai Servizi sociali del Comune di Fabriano Simona Lupini. “Pur non avendone competenze – spiega l’assessore -, ho intenzione di convocare a breve una riunione con genitori e dirigenti scolastici e vedere quali possano essere gli spazi di manovra esistenti”. I genitori dei bimbi non vaccinati stanno valutando anche l’ipotesi di ricorrere in sede giudiziaria, in modo singolo o associato. “È singolare che la comunicazione ci sia arrivata a ridosso dell’inizio della scuola – fanno notare – e non a luglio, come prevede la norma”.

Relitto nave, annullata interdizionePer un vizio procedurale, a breve gli interrogatori

RAVENNA19 settembre 201914:51

– Per un vizio procedurale, il Gip Janos Barlotti ha annullato l’ordinanza di sospensione dei vertici dell’Autorità Portuale di Ravenna per un anno emessa il 9 settembre nell’ambito dell’inchiesta sull’affondamento in piallassa, una sorta di laguna, del relitto della motonave Berkan B con fuoriuscita di idrocarburi. La decisione e’ stata presa in seguito a una istanza presentata dalle difese in vista dell’udienza, che si sarebbe dovuta tenere stamattina, dell’interrogatorio di garanzia dei tre indagati in concorso per inquinamento ambientale, abuso e omissione di atti d’ufficio: il presidente, il segretario generale e il dirigente tecnico. In buona sostanza, secondo il lamentato vizio di procedura, i tre avrebbero dovuto essere interrogati prima dell’applicazione della misura interdittiva.
In ogni modo, il Gip ha fissato l’interrogatorio per inizio settimana: in seguito a quello, con nuova ordinanza, deciderà se dare nuovamente corso o meno alla richiesta della Procura di sospendere i tre.

Bartolomeo I,Achiropita unisce a OrientePatriarca Costantinopoli a Rossano città del Codex Purpureus

19 settembre 201914:56

– “Con commozione ci troviamo in questa città. Il nostro motivo è doppio. Da una parte per vedere le vostre bellezze e dall’altra per venerare il vostro tesoro che è l’Achiropita. Un’icona della Achiropita si trova anche a Costantinopoli ed a Salonicco. La presenza dell’Achiropita vi unisce, anche solo per questo, all’Oriente.
Ora attendiamo anche voi a Costantinopoli”. Lo ha detto il patriarca ecumenico Bartolomeo I a Corigliano Rossano dove si è soffermato davanti all’effigie della Madonna pronunciando in lingua greca con i fedeli le Odi della Paraklisis.
Il momento di preghiera e condivisione in Cattedrale si è concluso con la Benedizione dei fedeli da parte del Patriarca.
L’arcivescovo di Rossano Cariati mons. Giuseppe Satriano ha donato a Bartolomeo I un’icona dell’Achiropita con ai lati i santi protettori di Rossano, Nilo e Bartolomeo. La visita del Patriarca si è conclusa nel Museo Diocesano dove è custodito il Codex Purpureus, prezioso evangeliario greco, patrimonio Unesco.

Procuratore Roma, Csm riparte da zeroRevocata la proposta precedente dopo ombre caso Palamara

19 settembre 201915:31

– Il Csm riparte da zero sulla nomina del procuratore di Roma. La V Commissione del Csm nella seduta di oggi ha revocato le tre proposte per l’incarico di Procuratore della Repubblica di Roma, formulate dalla Commissione lo scorso 23 maggio. Proposte su cui si erano addensate ombre, dopo che era esploso il caso dell’ex consigliere del Csm Luca Palamara, finito sotto inchiesta a Perugia per corruzione. L’istruttoria della pratica riprenderà la prossima settimana, come comunica in una nota il presidente della Commissione Mario Suriano. Agli inizi della prossima settimana la Commissione comincerà la trattazione della pratica. E per prima cosa deciderà se procedere all’audizione di tutti i candidati. Una possibilità che sembra molto concreta, considerato che già prima della precedente delibera, oggi annullata, il vice presidente David Ermini, aveva sollecitato le audizioni, facendosi portavoce di un auspicio espresso dal capo dello Stato, che presiede il Csm.

Dopo minacce nomadi rinunciano a casaL’episodio a Tor Bella Monaca, alla periferia di Roma

ROMA19 settembre 201915:44

– Sarebbe stata anche minacciata la famiglia di nomadi che stamattina si era recata a Tor Bella Monaca, alla periferia di Roma, perché assegnataria di una casa popolare. La famiglia ha presentato poco fa denuncia ai carabinieri che ora indagano sulla vicenda. La famiglia ha riferito di essere stata minacciata da un gruppetto di cinque o sei abitanti che volevano farli desistere dall’entrare nell’ abitazione. Sul posto i carabinieri della stazione Tor Bella Monaca. Secondo quanto si è appreso, quando un addetto dell’Ater è arrivato in via Santa Rita da Cascia per dare l’alloggio alla famiglia, alcuni abitanti si sono riuniti in strada e hanno manifestato contro l’assegnazione della casa popolare. Poco dopo la famiglia è andata via.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Acquedotto Claudio su nuovo francobollo
Per celebrare i 100 anni del Tribunale delle Acque

19 settembre 201915:58

– Uno degli scorci piu’ famosi della campagna romana, quello dove corrono le solenni arcate dell’ Acquedotto Claudio realizzato tra il 38 ed il 52 d.C., compare su un nuovo francobollo italiano, valido per la posta ordinaria.
La scelta dell’illustrazione e’ giustificata dai motivi dell’ emissione: celebrare il centenario dell’istituzione del Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche, che ha sede a Roma.
La giurisdizione delle acque pubbliche, articolata in un Tribunale Superiore e in Tribunali Regionali, trova appunto le sue radici in un provvedimento legislativo del 1919. Come scrive il presidente del Tribunale Stefano Schiro’ nel bollettino illustrativo dell’emissione filatelica, ”per quanto poco conosciuto nelle sue funzioni e nella sua giurisprudenza, il Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche presidia un ambito di particolare rilievo, quello dell’acqua, al tempo stesso risorsa ambientale, investimento infrastrutturale, bene comune e diritto umano fondamentale”.

Morto clochard bruciato dopo pestaggioMagistrato dispone autopsia, possibile aggravamento accuse

VERONA19 settembre 201917:15

– E’ morto dopo oltre due mesi di agonia Vasile Todirean, il senzatetto romeno di 42 anni che era stato picchiato e poi bruciato alla stazione di Villafranca di Verona. L’uomo, trovato in fin di vita la mattina dell’8 luglio scorso, non si era mai ripreso al Centro Ustioni dell’ospedale di Borgo Trento. Le indagini della Squadra mobile della Questura di Verona avevano portato a individuare e arrestare tre uomini che vivevano nella zona della stazione, due in carcere mentre il terzo, residente a Villafranca, è finito agli arresti domiciliari.
Adesso per tutti l’ipotesi d’accusa diventerà più pesante, omicidio con l’aggravante dei futili motivi, ma – come riferisce il quotidiano L’Arena – il magistrato prima di riformulare il capo d’accusa ha disposto l’autopsia sul corpo del clochard, per accertare se la morte sia stata effettivamente causata dall’aggressione.

Figlio Salvini su moto acqua, 3 indagatiInterrogati alla presenza avvocati per episodio con giornalista

RAVENNA19 settembre 201917:35

– Sono stati interrogati ieri in Procura a Ravenna alle presenza dei loro avvocati, da indagati, tre poliziotti della scorta dell’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini, sull’episodio verificatosi a Milano Marittima, il 30 luglio quando il figlio del leader del Carroccio fece un giro in mare su una moto d’acqua della Polizia pilotata da un agente. I tre sono stati formalmente identificati, dopo richiesta al Viminale, per ciò che segui l’episodio, quando un giornalista di Repubblica cercò di riprendere la scena.
I tre hanno risposto fornendo la loro versione dell’accaduto.
Sulla vicenda, la Questura di Ravenna nelle settimane scorse aveva concluso l’accertamento interno scattato sin da subito, inviando per competenza gli atti alle Questure di Roma e di Livorno alle quali appartengono rispettivamente i tre agenti della scorta e i due poliziotti incaricati della moto d’acqua.

Bimbo dimenticato in auto da padre muoreOltre cinque ore nella vettura invece di lasciarlo all’asilo

CATANIA19 settembre 201917:38

– Un bambino di due anni è morto stamattina a Catania dopo essere stato per oltre cinque ore nell’auto del padre che si era dimenticato di lasciarlo all’asilo. L’uomo, 43 anni, è un dipendente amministrativo dell’università. E’ stata la moglie a chiamarlo, dopo essere andata all’asilo per prelevare il figlioletto. Il padre del bimbo si è precipitato trovando il piccolo esanime, lo ha portato al Policlinico dove i medici ne hanno constatato la morte. Sulla tragedia sono in corso indagini della Polizia.

Tulissi: Calligaris condannato a 16 anniCold case. Dopo 11 anni sentenza primo grado

UDINE19 settembre 201917:51

– Paolo Calligaris è stato condannato a 16 anni di reclusione per l’omicidio dell’allora compagna Tatiana Tulissi, 37 anni di Villanova dello Judrio (Udine), uccisa a colpi di pistola sull’uscio della loro villa a Manzano nel tardo pomeriggio dell’11 novembre 2008. Lo ha deciso il gup del tribunale di Udine Andrea Odoardo Comez dopo alcune ore di camera di consiglio.

Venezia-Mestre: Brugnaro,invito non-votoSindaco, non farò campagna, conseguenze sarebbero gravissime

VENEZIA19 settembre 201918:44

– “Chiedo alla Regione di indicare la data quanto prima e invito i cittadini a esercitare il diritto di non andare a votare per l’ennesimo referendum sulla separazione. Per questo motivo, non farò campagna elettorale”.
Lo afferma in una nota il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, dopo l’ammissione da parte del Consiglio di Stato, del referendum per la separazione tra Venezia e Mestre. Per Brugnaro “le conseguenze sarebbero drammatiche se dovesse vincere la tesi separatista”.

Neonato trovato morto, madre in carcereHa lasciato l’ospedale, domani udienza di garanzia

BOLZANO19 settembre 201919:56

– La giovane donna rumena accusata di avere ucciso e abbandonato il figlio neonato è stata dimessa oggi dall’ospedale Tappeiner di Merano e trasferita nella sezione femminile del carcere di Trento. Si tratta di una donna di 25 anni, accusata di omicidio aggravato e di occultamento di cadavere. Il corpo senza vita del neonato era stato casualmente rinvenuto, lunedì, da una turista tedesca sotto un cespuglio lungo una strada secondario sopra a Lana. Domani si terrà l’ udienza di garanzia nei confronti della donna. Per domani sono anche attesi gli esiti dell’autopsia sul corpo del neonato.

Autostrade liguri tra le più pericoloseDossier, tasso incidentalità 4 punti sopra media nazionale

GENOVA19 settembre 201920:11

– La Liguria maglia nera degli incidenti autostradali nel 2018, soprattutto per le automobili: il tasso di incidentalità sui 341,2 chilometri di rete regionale è stato superiore di 4 punti a quello nazionale e quasi il doppio se si prendono in considerazione solo i veicoli leggeri.
Lo rileva un dossier, elaborato da Uniontrasporti su richiesta della Camera di Commercio di Genova a partire dai dati forniti dalle società concessionarie, che l’ente camerale ha consegnato al ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli in occasione della sua visita a Genova per il Salone Nautico.
Nella classifica delle 10 autostrade più pericolose d’Italia supera la rete ligure solo la Messina-Palermo, seguita dalla Genova-Savona, la Genova-Sestri Levante e la Genova-Serravalle.

Indagato l’ex presidente della Fondazione OpenInchiesta dei pm di Firenze. Il reato ipotizzato è traffico di influenze

FIRENZE19 settembre 201921:51

Traffico di influenze. E’ questa l’ipotesi di reato per la quale risulta indagato a Firenze l’avvocato Alberto Bianchi, ex presidente di Open, la fondazione-cassaforte per le iniziative di Matteo Renzi, tra cui la Leopolda. Lo studio di Bianchi a Firenze, da quanto si è appreso, è stato anche perquisito ieri alla presenza del procuratore aggiunto del capoluogo toscano Luca Turco, il magistrato titolare dell’inchiesta condotta dalla guardia di finanza. Massimo riserbo sulle indagini da parte degli inquirenti. Ha invece confermato che c’è un’inchiesta in corso il legale di Bianchi, l’avvocato Nino D’Avirro. “L’avvocato Alberto Bianchi è indagato per una ipotesi di reato fumosa qual è il traffico di influenze per prestazioni professionali a mio avviso perfettamente legittime”, ha spiegato. D’Avirro ha anche detto che Bianchi “ha messo a disposizione degli inquirenti la documentazione richiesta nella convinzione di poter chiarire al più presto questa vicenda che – precisa il legale – lo sta profondamente amareggiando”.

A luglio ingenti acquisti btp da esteroA luglio portafoglio investitori stranieri sale di 19 miliardi

19 settembre 201917:06

– Gli investitori esteri a luglio “hanno effettuato ingenti acquisti di titoli italiani di portafoglio (30,1 miliardi, di cui 19,1 hanno riguardato titoli pubblici)”. Lo rende noto Banca d’Italia nei dati sulla bilancia dei pagamenti. “Tali afflussi di capitali esteri – rileva l’istituto centrale – sono stati più che compensati dalla riduzione delle passività per “altri investimenti” (39,7 miliardi), dovuta soprattutto al calo della raccolta delle banche residenti sul mercato interbancario”.

Privacy:nuove regole per credito consumoVia libera Garante a nuovo codice condotta su banche dati

19 settembre 201914:35

– Arrivano novità sul fronte della privacy con maggiori tutele per i consumatori censiti nelle banche dati del credito, trasparenza sul funzionamento degli algoritmi che analizzano il rischio nei finanziamenti, apertura alle nuove tecnologie e ai servizi del Fintech.
Il Garante della Privacy ha infatti dato il via libera al nuovo “Codice di condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti” (i cosiddetti “Sic”).
Per adeguarsi alle sfide poste dalla digital economy, spiega una nota dell’Autorità, le nuove regole per l’analisi del rischio creditizio non riguardano solo i dati su prestiti e mutui, ma anche quelli relativi alle diverse forme di leasing, al noleggio a lungo termine e alle più innovative forme di prestito tra privati gestite tramite piattaforme tecnologiche Fintech.

Autonomia:Zaia,asse no Lezzi-Provenzano’Rivelata appieno la nuova alleanza Pd-M5s’

VENEZIA19 settembre 201913:12

– Per il governatore veneto Luca Zaia “c’è un asse Lezzi-Provenzano contro l’autonomia”. “Oggi – spiega – ci viene rivelata appieno non solo la sostanza della nuova alleanza consolidata tra Pd e 5Stelle, ma anche la continuità tra Barbara Lezzi e Giuseppe Provenzano a scapito delle legittime richieste di autonomia”.

Indagine su rider, trovati clandestiniProcura di Milano accende ‘faro’ anche su sfruttamento

MILANO19 settembre 201912:03

– L’indagine della Procura di Milano sul fenomeno dei rider, i ciclofattorini che consegnano il cibo a domicilio, oltre alla violazione delle norme antinfortunistiche e di sicurezza stradale, intende far luce anche sull’aspetto di sfruttamento dei lavoratori e tra i lavoratori, come il caporalato, e sulla presenza di clandestini.
Infatti, ad agosto, dai controlli di 30 rider sono stati trovati 3 lavoratori clandestini, senza documenti in regola.

Gemitaiz & Madman,era momento di tornareEsce Scatola nera, terzo album a quattro mani. A marzo palasport

19 settembre 201911:38

– “Cinque anni senza Gemitaiz & Madman sono tanti, era il momento giusto di tornare”. Il power duo del rap italiano, forti dei successi dei loro ultimi lavori da solisti ma allo stesso tempo capaci di completarsi come pochi in coppia (“insieme ci prendiamo una pausa da noi stessi”), è pronto a sbancare con il nuovo album in uscita il 20 settembre, dal titolo Scatola nera (Tanta Roba Label/Island/Universal Music). Il terzo lavoro in studio del progetto a due dopo Detto, Fatto. del 2012 e Kepler del 2014. “Il terzo ufficiale – raccontano i due artisti, legati da un’amicizia che dura da 15 anni -, ma tra featuring e collaborazioni, sono molti di più”.
Un disco che ha coinvolto anche molti amici e colleghi: da Salmo a Marracash e Guè Pequeno, passando per Tha Supreme e Priestess.
“Ma i veri pezzi forti sono quelli che non ti aspetti, quelli con Giorgia e con Mahmood, in un confronto che va al di là di generi e generazioni”. E a marzo ad attenderli ci sono i palasport di Roma e Milano: “un traguardo fondamentale”.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 6 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE, LEGGILE, INFORMATI, CONDIVIDILE!

DALLE 17:43 DI MERCOLEDì 18 SETTEMBRE 2019

ALLE 01:21 DI GIOVEDì 19 SETTEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Acquascooter in grotte Polignano, multe
‘Centauri’ mare in zona rischio crolli,sanzione sino a 688 euro

POLIGNANO A MARE (BARI)18 settembre 2019 17:43

– I conducenti di due acquascooter che uscivano da una delle suggestive grotte di Polignano a Mare sono stati sanzionati dalla Guardia costiera per aver navigato troppo vicini alla costa e per non aver osservato le distanze di minime dalle aree interdette alla navigazione perché connesse al rischio idrogeologico.
Ai ‘centauri’ del mare è stata contestata una sanzione amministrativa che prevede il pagamento di una somma fino a 688 euro. Il litorale del Comune di Polignano a Mare è infatti interessato dalla presenza di grotte e scogliere sensibili sotto il profilo idrogeologico per fenomeni connessi al distacco di materiale lapideo su cui vigono specifici divieti di avvicinamento ed ingresso nelle grotte, provvedimenti necessari per la sicurezza di bagnanti e diportisti.

A Roma tra cinema e cibo italo franceseMaratona di film e degustazioni tra chef e registi il 20/9

ROMA18 settembre 201917:49

– Arriva a Roma la ‘Notte del cinema e della gastronomia italo-francese’, maratona di film e degustazioni in programma venerdì 20 settembre dalle 19.30 alle prime ore del mattino. Per la prima volta Roma e Parigi si uniranno in una festa per celebrare il patrimonio cinematografico, artistico e culinario dei due Paesi, dove le parole d’ordine saranno ‘buon cibo’ e ‘buon cinema’. Promotori dell’iniziativa, organizzata alla Casa del Cinema di Villa Borghese, sono il Centro Agroalimentare Roma (Car) in partnership con il Centro Agroalimentare di Parigi – il Marche’ International de Rungis – e l’Ambasciata di Francia in Italia.
Registi, attori, produttori e chef italiani e francesi si confronteranno su come proteggere e valorizzare le eccellenze dei propri territori. Tra i film in programma l’ anteprima assoluta di ‘Le Myste’re Henry Pick’ alla presenza del regista Re’mi Bezançon e la proiezione inedita di ‘Le Jeu’, remake francese del blockbuster italiano ‘Perfetti Sconosciuti’.

Lamorgese ‘apre porti’,via lo striscioneEra esposto al Viminale: “tolto per ringraziare il ministro”

18 settembre 201918:09

– Esposto dal 2 luglio scorso sul parapetto di una terrazza privata proprio di fronte al palazzo del Viminale, è stato rimosso oggi lo striscione “Con Carola per la democrazia”. Ad annunciarlo, gli stessi autori del gesto, i coniugi Adachiara Zevi e Matteo Amati, che spiegano di aver preso la loro decisione per ringraziare il nuovo ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, per aver aperto i porti e aver permesso lo sbarco dei profughi soccorsi dalla Viking. “Lo abbiamo deciso per esprimere la nostra soddisfazione e solidarietà con il ministro Lamorgese”, spiegano.
Lo striscione era comparso nei giorni più caldi della vicenda che aveva coinvolto la Sea Watch3 e la capitana tedesca Carola Rackete. I due coniugi romani da tempo impegnati nel sociale avevano voluto esprimere così il loro sdegno “nei confronti di chi non ha rispetto dei diritti umani” e ricordare al leader leghista e allora ministro dell’Interno Matteo Salvini “che alla base della Costituzione ci sono i diritti per i più deboli”.

Tenta furto, arrestato grazie urla bimbeRagazzine in sedile posteriore mentre nonno faceva commissione

AREZZO18 settembre 201918:29

– Ruba in un’auto ma a bordo ci sono due bambine che urlano e lo fanno arrestare. È accaduto in pieno giorno ad Arezzo dove un pregiudicato agli arresti domiciliari nell’abitazione della compagna, è uscito di casa e ha compiuto un furto in un’auto in sosta coi finestrini aperti. Però, una volta dentro l’auto è stato travolto dalle grida impaurite di due bambine sui sedili posteriori. Le ragazzine hanno iniziato a urlare mettendo in fuga l’uomo, per poi contattare telefonicamente il nonno di una delle due, che si trovava a pochi metri di distanza. L’anziano, andato a prendere la nipote e una sua amichetta all’uscita dalla scuola, aveva lasciato per breve tempo sole le due ragazzine sedute nel veicolo mentre sbrigava una commissione nelle vicinanze. La polizia con le indicazioni delle ragazzine, che avevano visto il ladro in fuga entrare in un portone poco distante, ha rintracciato l’uomo.
L’arrestato deve rispondere di furto e evasione.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Stangata a smercio falsi orologi,arresti
Import da Austria, vendita su web e strade. Anche 32 denunciati

FIRENZE18 settembre 201918:52

– La GdF di Pisa e Viareggio sta eseguendo sei misure di custodia cautelare – tre in carcere e tre ai domiciliari – per soggetti accusati di far parte di un’organizzazione criminale specializzata nella contraffazione di orologi di lusso. Le misure sono state disposte dal gip di Firenze su richiesta della Dda. Ci sono inoltre 32 denunciati.
In tutto nelle indagini sono stati sequestrati 12.000 pezzi tra orologi contraffatti ed etichette. Gli articoli venivano dall’Austria. I sequestri sono stati a Viareggio, Tarvisio (Udine) e Pisa. Tra i marchi contraffatti Rolex, Panerai, Bulova, Chanel, Locman, Omega, Tag Heur, Patek Philip, Audemars Piguet, Cartier e Vacheron Constantin. Gli indagati, con base in Campania, grazie a grossisti e clienti finali smerciavano su San Marino, Tarvisio, Rimini, Olbia, Napoli, Viareggio e Lombardia.
Due i canali: uno online con falsi di qualità e prezzo fino a 300 euro, e uno ‘low cost’ (30 euro l’uno) su mercati rionali e piazze turistiche gestito da senegalesi.

Frati, Assisi porta aperta per chi bussaAl via nella città umbra “Il cortile di Francesco”

ASSISI (PERUGIA)18 settembre 201919:11

– “Assisi è una porta aperta per tutte le persone che bussano”: a dirlo

è il direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi, padre Enzo Fortunato, a poche ore dall’inizio del “Cortile di Francesco”. Il tema di quest’anno è l’ “Incontro” ricorda padre Fortunato e della “capacità di incontrarsi, distare insieme, al di là delle appartenenze, delle ideologie, delle culture e delle differenze – ha sottolineato – c’è tanto bisogno anche alla luce di un clima di odio e aggressività dovuto a molteplici fattori”.
“L’incontro in una città come Assisi significa per i cristiani viverlo in un luogo ad alta densità spirituale e per il laico in una zona franca che permette di essere vissuta disarmati”, ha aggiunto il direttore. “Oltrepassare la porta aperta che è Assisi- ha concluso – significa incontrare Francesco che ha abbracciato Gesù Cristo e sarà lui a indicare la strada con pensieri, gesti e azioni”.

Precipita ultraleggero a Lecce, 2 feritiIl velivolo era in fase di decollo

LECCE18 settembre 201920:01

– Un velivolo ultraleggero con due persone a bordo è precipitato ed è finito contro un muretto a secco mentre era in fase di decollo presso l’avio superficie di torre San Andrea, marina di Melendugno, in Salento. Il pilota (72 anni) e il passeggero (65 anni) sono rimasti leggermente feriti. Le cause dell’incidente sono da accertare.

Donna morta dopo parto,chieste verificheNel bergamasco, deceduta anche la figlia

18 settembre 201920:03

– La Giunta regionale della Lombardia esprime “cordoglio e vicinanza” alla famiglia della donna deceduta dopo aver partorito ieri una bambina senza vita all’ospedale Pesenti Fenaroli di Alzano Lombardo (Bergamo).
L’assessore al Welfare, Giulio Gallera, ha spiegato “di aver gia’ chiesto all’Ats di Bergamo di attivare una commissione di verifica, che sara’ affiancata da specialisti del ‘Percorso nascite’ della direzione generale Welfare, per far luce su quanto accaduto”.

Venduta casa omicidio Isabella NoventaAbitazione di Freddy Sorgato acquistata per quasi 262 mila euro

PADOVA18 settembre 201920:36

– E’ stata venduta la villa di Freddy Sorgato, l’omicida reo confesso di Isabella Noventa. La casa di via Sabbioni, posta all’asta oggi e dove sarebbe avvenuto l’assassinio, è stata aggiudicata ad una giovane donna padovana per la cifra di 261.750 euro, la base d’asta era 255.750 euro.
Ha partecipato all’incanto anche un’altra persona, che ha proposto un solo rialzo: alla fine ha vinto la 33enne che ha dichiarato di essere molto emozionata, anche se ha confessato di non sapere ancora se andrà ad abitare in quell’abitazione o se verrà messa a reddito. Il denaro della vendita andrà alla famiglia Noventa, come stabilito dai giudici del primo e secondo grado di giudizio che hanno condannato i due fratelli Sorgato, Debora e Freddy, a trent’anni di pena, e a 16 anni la complice tabaccaia veneziana Manuela Cacco.

Bartolomeo I in Calabria,amore fraternoPatriarca di Costantinopoli in cattedrale Eparchia Lungro

LUNGRO (COSENZA)18 settembre 201921:22

– “Con sua Santità il Papa di Roma, Francesco, che vive e si comporta in modo degno del nome che porta, ci unisce un amore fraterno stretto e universale dall’amicizia che entrambi desideriamo vedere estesa tra il clero e i fedeli delle nostre Chiese sorelle”. Lo ha detto Bartolomeo I, patriarca ecumenico delle Chiese Ortodosse, a Lungro, sede dell’Eparchia di rito bizantino-greco in Calabria istituita nel 1919, per una visita di due giorni, intervenendo durante la messa del vespro officiata nella cattedrale di San Nicola di Mira.
“Lo abbiamo incontrato appena ieri – ha aggiunto il patriarca – e abbiamo avuto un caloroso colloquio sempre con la piena unione della fede. Desideriamo inviargli anche da qui un caloroso abbraccio e il nostro saluto cordiale con tanto amore”.
Alla celebrazione religiosa hanno partecipato il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della congregazione delle Chiese Orientali e il presidente della Cei card. Gualtiero Bassetti.

Cds, ok a referendum Venezia-MestreSu proposta di legge regionale per rendere due comuni autonomi

18 settembre 201918:52

– Il Consiglio di Stato, riformando la decisione del Tar del Veneto del 14 agosto 2018 (n. 864), ha dichiarato “legittimo” il referendum consultivo sulla proposta di legge regionale di iniziativa popolare sulla “suddivisione del Comune di Venezia nei due Comuni autonomi di Venezia e Mestre”. E’ stata pubblicata oggi la sentenza n. 6236/2019 della Quinta Sezione. Il Consiglio ha accertato che “non sussistono illegittimità o inammissibilità del procedimento referendario”.
In particolare, dall’eventuale esito favorevole del referendum non discende automaticamente che il capoluogo della Città metropolitana divenga Mestre per il maggior numero di abitanti e che a causa di questo effetto il referendum sia inammissibile, spiega una nota. Negando il referendum, del resto, si avrebbe una discriminazione dei cittadini interessati, che verrebbero privati del diritto costituzionale di esprimersi sul cambiamento dei loro assetti comunali.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 21 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: INFORMATI, LEGGILE, CONDIVIDILE!

DALLE 05:05 ALLE 17:43 DI MERCOLEDì 18 SETTEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Spari a Napoli, a terra nove bossoli
Ieri mattina nella stessa zona scoperti altri 26 bossoli

NAPOLI18 settembre 2019 05:05

– Nove colpi di pistola sono stati esplosi la scorsa notte in piazzetta Concordia, nei quartieri Spagnoli di Napoli. I bossoli sono stati rinvenuti a terra dalla polizia intorno alle 5. Sul posto sono giunte diverse pattuglie e gli uomini della scientifica per accertare se i colpi siano stati esplosi da diverse pistole.
Anche ieri mattina, sempre nella stessa zona, sono stati trovati a terra ben 26 bossoli.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Neonato morto nel Meranese,fermata madre
Sospettata di omicidio aggravato e occultamento di cadavere

BOLZANO18 settembre 201909:39

– La Procura di Bolzano ha fermato nella serata di ieri una cittadina romena accusata di omicidio aggravato nei confronti del proprio figlio e di occultamento di cadavere. Lo comunica una nota della Procura in riferimento al ritrovamento di un neonato morto in un cespuglio nel Meranese.
Sono state sentite alcune persone informate sui fatti e sono stati sottoposti a sequestro alcuni oggetti ed indumenti nonché la stanza nella quale la donna soggiornava per motivi di lavoro.
Ulteriori elementi sono attesi dall’autopsia.

Si uccide ferendo badante che lo fermaLa donna è stata colpita ferite a stomaco e a una mano

SAVONA18 settembre 201910:08

– Una badante è rimasta ferita da due colpi di arma da fuoco nel tentativo di salvare la vita all’uomo che stava assistendo e che dopo una colluttazione ha puntato l’arma contro di sé uccidendosi. E’ accaduto in una abitazione in via XXV Aprile ad Albenga (Savona). Secondo la ricostruzione degli investigatori intervenuti, l’uomo, Salvatore Sorrentino, di 78 anni, ha impugnato l’arma per suicidarsi e la badante sarebbe intervenuta nel tentativo di fermarlo. Ne è seguita una colluttazione durante la quale sono partiti due colpi che hanno ferito la donna a una mano e allo stomaco. A quel punto l’anziano ha rivolto l’arma verso di sé. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e la polizia locale.

Nuovi sbarchi di migranti in SardegnaBloccati nel Sulcis e trasferiti al centro di accoglienza

CAGLIARI18 settembre 201910:28

– Ancora sbarchi di migranti nelle coste del sud Sardegna. Dopo i 15 algerini bloccati ieri a Sant’Antioco, in nottata e questa mattina si sono registrati altri due sbarchi, con i quali sono arrivati 43 migranti. In particolare un pattugliatore della Guardia di finanza ha individuato due barchini con a bordo complessivamente 22 algerini. I migranti sono stati fatti sbarcare al Porto di Sant’Antioco.
Altri 21 algerini sono invece arrivati questa mattina nei porti di Teulada e Sant’Antioco. I migranti dopo le operazioni di identificazione condotte dagli specialisti dell’ufficio Immigrazione della Questura e della squadra mobile e dopo le visite mediche sono stati trasferiti nel centro di accoglienza di Monastir.

Yemenita a pm, volevo farla finitaDa Germania una segnalazione generica di ‘simpatie islamiste’

MILANO18 settembre 201910:58

– “Ero stanco di questa vita, l’unico modo per farla finita era con questo gesto, volevo essere ucciso per raggiungere il paradiso di Allah”. Così Mahamad Fathe, il 23enne yemenita che ieri ha ferito alla gola e alla schiena con delle forbici un militare alla stazione Centrale di Milano, ha spiegato, sentito dal pm Alberto Nobili e dai carabinieri, l’aggressione seguita poi dal grido di ‘Allah akbar’.
La richiesta di convalida dell’arresto e di custodia cautelare in carcere per le accuse di tentato omicidio aggravato dalle finalità terroristiche (non attentato con finalità terroristiche, come comunicato ieri) e di violenza a pubblico ufficiale verrà inoltrata oggi all’ufficio gip. Da fonti inquirenti viene precisato che la segnalazione alle autorità italiane da parte di quelle tedesche (il 23enne fu espulso e rimandato in Italia a luglio) era generica, incompleta e parlava di “simpatie islamiste”, non di legami con l’Isis o di indagini.

Terrore bus:legale, danni da istituzioniAvvocato di Adam e Ramy, citeremo anche il ministero Istruzione

MILANO18 settembre 201911:31

– “Ci aspettiamo giustizia, secondo noi sono responsabili anche coloro che hanno messo il mezzo in mano a quest’uomo, per questo chiederemo la citazione come responsabili civili della società Autoguidovie e del Ministero della pubblica istruzione”. Lo ha detto l’avvocato Antonino Ennio Andronico, legale di parte civile delle famiglie di Adam El Hamami, di Ramy Shehata e di altri dei 50 ragazzini presi in ostaggio su un bus incendiato da Ousseynou Sy.

Capo Polfer Liguria indagato peculatoAvrebbe fatto viaggi privati da Genova ad aeroporti del Nord

GENOVA18 settembre 201911:38

– Il capo della polizia ferroviaria della Liguria, Pasquale Di Donato, 62 anni, è indagato a Genova per peculato e falso con l’accusa di avere fatto un centinaio di viaggi privati con l’auto di servizio. Secondo il pm Sabrina Monteverde, avrebbe anche costretto il suo autista a falsificare i report di servizio. I viaggi, secondo l’accusa, servivano per recarsi nei fine settimana da Genova in un aeroporto del Nord Italia da dove prendere l’aereo per andare in Sardegna e raggiungere casa a Sassari. Secondo l’accusa i trasferimenti erano giustificati come missioni per ispezioni in vari uffici regionali. Nelle scorse settimane Di Donato è stato rimosso dall’incarico operativo.

Incendi: 3 arresti in SardegnaBlitz Corpo Forestale nel Cagliaritano, decine di perquisizioni

CAGLIARI18 settembre 201911:49

– Tre persone arrestate, decine di perquisizioni alla ricerca di armi per la caccia di frodo e di materiale utilizzato per appiccare incendi nei boschi della Sardegna. Dalle prime ore di oggi è scattata una imponente operazione del Corpo forestale e di vigilanza ambientale nell’ambito di un’inchiesta della Procura di Cagliari su una serie di roghi dolosi che questa estate, ma che anche nelle precedenti annate, hanno devastato centinaia di ettari in gran parte dell’Isola.
Nel mirino della Forestale sono finiti alcuni personaggi legati al mondo del bracconaggio, tutti residenti nell’area compresa tra Sarroch, Villa San Pietro e Pula, nel sud Sardegna.
Secondo gli inquirenti sarebbero responsabili di diversi incendi appiccati in provincia di Cagliari. Notizie più dettagliate saranno fornite nel corso di una conferenza stampa che il comandante del Corpo forestale regionale, Antonio Casula, ha convocato per questo pomeriggio nella sede di via Biasi a Cagliari.

Migranti: -58% richieste asilo in ItaliaMaggioranza viene da Pakistan, Nigeria e Bangladesh

PARIGI18 settembre 201911:50

– Il numero di persone che hanno depositato una richiesta d’asilo in Italia nel 2018 è “calato del 57,8%, per stabilizzarsi a circa 53.400 persone”: è quanto afferma l’Ocse nella scheda dedicata all’Italia del Migration Outlook. “La maggioranza dei richiedenti asilo – precisa l’Ocse – vengono da Pakistan (7.400), Nigeria (5.100) e Bangladesh (4.200)”. Il più forte innalzamento dal 2017 “riguarda i cittadini del Salvador (+900) e il calo più pronunciato i cittadini della Nigeria (-19 400). Sulle 95.000 decisioni del 2018, 32.2 % sono state positive”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Unhcr premia i corridoi umanitari
Promossi in Italia da Sant’Egidio, Cei-Caritas e Fcei

18 settembre 201912:03

– I corridoi umanitari, voluti e realizzati dalla società civile in collaborazione con il governo italiano, sono il vincitore regionale per l’Europa dell’edizione 2019 del Premio Nansen per i Rifugiati dell’Unhcr. Promossi dalla Comunità di Sant’Egidio, Cei-Caritas Italiana, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia (Fcei) e Tavola Valdese, “i corridoi umanitari sono stati premiati per aver assicurato a migliaia di rifugiati e persone con esigenze specifiche un canale sicuro per ricevere protezione e la possibilità di ricostruirsi un futuro migliore in Italia”, spiega una nota. “I corridoi umanitari rappresentano una via sicura per le persone costrette a fuggire da guerre e persecuzioni, una delle poche alternative ai pericolosi viaggi in mare,” ha dichiarato Roland Schilling, Rappresentante Regionale Unhcr per il Sud Europa. Da febbraio 2016 a oggi sono arrivati oltre 2.000 rifugiati e persone vulnerabili in Italia in base a quattro accordi.

Licola, rapinati 25mila euro alle PosteBlitz due armati e con volto coperto, dipendenti chiusi in bagno

NAPOLI18 settembre 201912:17

– Rapina a mano armata stamattina in un ufficio postale di Licola, nell’hinterland a nord di Napoli dove due malviventi, con il volto coperto sono riusciti a rapinare circa 25mila euro.
Il blitz è scattato intorno alle otto, in piazza San Massimo.
I rapinatori hanno minacciato la direttrice costringendola ad aprire la cassaforte. Poi si sono fatti consegnare i telefoni dai dipendenti. Prima della fuga in auto, tutti i dipendenti sono stati chiusi nei bagni. Sull’accaduto sono in corso indagini da parte dei carabinieri della stazione di Licola e della compagnia di Pozzuoli (Napoli).

Eugenio Melandri torna a dire messaEx deputato ed europarlamentare, fu ridotto a laicato 28 anni fa

BOLOGNA18 settembre 201912:22

– Torna sull’altare Eugenio Melandri, ex europarlamentare e deputato della sinistra radicale, esponente di spicco del mondo pacifista e non violento, nonché ex sacerdote. Il 70enne ravennate, scrive il Resto del Carlino, potrà di nuovo celebrare messa a 28 anni dalla riduzione allo stato laicale per le sue scelte politiche.
L’ex religioso saveriano lo ha annunciato anche sulla sua pagina Facebook: l’arcivescovo di Bologna, Matteo Zuppi, prossimo cardinale, ha deciso d’incardinarlo nel clero petroniano. Il via libera è arrivato dalla Congregazione per il clero, presieduta dal cardinale Beniamino Stella, che ha archiviato la misura punitiva nei confronti di Melandri. L’ex deputato di Rifondazione comunista diventa così a tutti gli effetti un prete bolognese. “È stata una cosa quasi improvvisa della quale sono contentissimo – scrive su Fb – Non so quando tornerò a celebrare l’Eucarestia. Voglio passare un po’ di tempo a pregare e a prepararmi per arrivare il più degnamente possibile a questo appuntamento”.

Sigilli cantiere ampliamento clinicaSequestro a Pineta Grande. Riscontrate presunte violazioni edili

CASERTA18 settembre 201912:28

– I carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta hanno sequestrato, nell’ambito di un’inchiesta della Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, il cantiere dove sono in corso i lavori di ampliamento della clinica Pineta Grande di Castel Volturno (Caserta). Le indagini, coordinate dal Procuratore Maria Antonietta Troncone, avrebbero riscontrato violazioni edilizie. Al blitz di stamani hanno preso parte oltre trenta carabinieri.

Test veterinaria, i più bravi a PadovaMiur pubblica punteggi in forma anonima. Il 27 le graduatorie

18 settembre 201912:34

– Sono di Padova e Milano gli studenti più bravi dei test di veterinaria: sono disponibili da oggi sul sito www.universitaly.it – nell’area riservata ai candidati e nel rispetto delle norme per la protezione dei dati personali – i risultati del test per l’accesso ai corsi di laurea a numero programmato di questa facoltà. I punteggi sono pubblicati in forma anonima.
I candidati che lo scorso 4 settembre hanno sostenuto la prova sono stati 6.290 (le domande pervenute erano state 7.780).
Gli idonei, quelli che hanno totalizzato i 20 punti minimi necessari per concorrere alla graduatoria nazionale e alla distribuzione dei posti disponibili, quest’anno sono 3.624, il 57,62% del totale. I candidati hanno dovuto rispondere a 60 quesiti in 100 minuti. Il punteggio medio nazionale registrato fra coloro che sono risultati idonei è di 34,88. Il punteggio medio più alto a livello di ateneo è di 37,08 a Padova. La percentuale di idonei più alta si registra presso l’Università Statale di Milano (67,69%).

Rapper arrestato per rapina a MilanoCon complice ha picchiato un 26enne procurandogli fratture

MILANO18 settembre 201912:42

– Il rapper 18enne Adamo Bara Luxury è stato arrestato dalla polizia per una violenta rapina commessa lo scorso 4 agosto in via Val Sabbia, a Milano, durante la quale ha picchiato insieme a un complice di 17 anni un cinese di 26 anni. “Avevo bisogno di soldi per comprare la base del mio nuovo singolo” avrebbe detto agli agenti del commissariato Comasina che ieri mattina lo hanno arrestato su ordinanza di custodia cautelare nell’appartamento dove vive con la madre.
Il giovane aggredito, colpito oltre 25 volte con un pesante gancio per auto, ha riportato una prognosi di 25 giorni per numerose fratture al volto e agli arti. I due gli hanno portato via il cellulare. Sono entrambi accusati di rapina aggravata in concorso e lesioni aggravate. Al suo complice, minorenne, sono state contestate altre due rapine commesse sul treno per Cesate il 28 luglio e il 24 agosto.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Pirateria: multe utenti fino 25mila euro
Sequestrata piattaforma tv Xtream Codes

18 settembre 201913:19

– Rischiano multe da 2.500 a 25mila gli utenti della piattaforma Xtream Codes, sequestrata dalla Guardia di Finanza nell’ambito dell’inchiesta della procura di Napoli sulla pirateria televisiva. Al momento dello “spegnimento” vi erano 700mila utenti collegati, e un potenziale di 5 milioni di utenti totali, che con un abbonamento da 12 euro al mese riuscivano a guardare i programmi trasmessi dalle principali pay tv e dalle piattaforme a pagamento. “Individueremo gli utenti italiani e verranno perseguiti”, ha spiegato il colonnello Giovanni Reccia, comandante del Nucleo speciale tutela della privacy e frode tecnologica. L’indagine, svolta in collaborazione con Eurojust, è a carico di 25 soggetti, tra cui due greci, ideatori della piattaforma. Base dell’organizzazione in Italia è Napoli, con collegamenti in 9 città italiane.

In Toscana codice giallo per temporaliDa mezzanotte del 18/9 alle ore 15 del 19/9 su zone centro sud

FIRENZE18 settembre 201913:15

– Un codice giallo per piogge e temporali sparsi sulle zone centro meridionali della Toscana a partire dalla mezzanotte di mercoledì 18 settembre e fino alle 15 di giovedì 19, è stato emesso dalla Sala operativa della protezione civile regionale.
Aria fredda proveniente dal nord Europa si sta avvicinando infatti alla penisola determinando un aumento dell’instabilità anche sulla nostra regione. Nella giornata di giovedì, il tempo sarà pertanto instabile con temporali sparsi sulle zone centro meridionali con possibilità di colpi di vento e grandinate.
Miglioramento a partire da nord con cessazione dei fenomeni nel pomeriggio.

Fadil morta per malattia causa ignotaGreco, fu preso in considerazione anche avvelenamento da cianuro

MILANO18 settembre 201913:21

– La consulenza medico-legale sulla morte di Imane Fadil “ha dato un esito piuttosto sicuro” su un decesso “per malattia”, anche se restano ancora ignote “le cause che hanno generato la patologia, possono essere molteplici, da un’infezione ad altre”. Lo ha spiegato il procuratore di Milano, Francesco Greco, chiarendo che mesi fa di fronte a vari allarmi sulla vicenda, tra cui la telefonata della giovane e gli esiti sulla presenza di metalli pesanti e radioattività, venne presa in considerazione anche l’ipotesi “dell’avvelenamento da cianuro”. “Sentivo che volevano avvelenarmi e farmi fuori”: sono queste le parole che Fadil, tra i testimoni chiave dei processi Ruby, pronunciò al telefono con il suo legale poco prima della sua morte avvenuta in ospedale lo scorso marzo. Il file audio della telefonata è stato fatto sentire ai giornalisti durante la conferenza stampa in cui la Procura di Milano sta dando conto dei risultati del lavoro dei periti sul decesso della 34enne.

Colf in nero, scoperti 72 evasori totaliIndagine ‘Domestic workers’ delle Fiamme Gialle di Imola

BOLOGNA18 settembre 201913:43

– Redditi non dichiarati per più di tre milioni e mezzo di euro, tutti nel settore del lavoro domestico. Li ha scoperti la Guardia di Finanza di Bologna che, con l’operazione ‘Domestic workers’, ha smascherato 72 evasori totali, in gran parte persone provenienti dall’Est Europa che lavorano come ‘colf’ e badanti. Le indagini di polizia economico-finanziaria sono state svolte nei primi nove mesi del 2019 dai finanzieri della Compagnia di Imola e hanno permesso, da un lato, di recuperare a tassazione ingenti redditi non dichiarati e, dall’altro, di contrastare indebite percezioni di prestazioni sociali agevolate, erogate a soggetti completamente sconosciuti al fisco. Gli evasori scoperti dalle Fiamme Gialle infatti, pur avendo percepito redditi per lavoro domestico, non avevano mai presentato le previste dichiarazioni dei redditi, alcuni addirittura fin dal 2013.

Maltempo, dall’Europa 277 mln all’ItaliaFondi per ricostruzione in regioni colpite da tempesta Vaia

STRASBURGO18 settembre 201913:52

– Il Parlamento europeo ha approvato uno stanziamento di oltre 293 milioni di euro in aiuti dal Fondo di solidarietà Ue, in seguito agli eventi meteorologici estremi del 2018 in Italia, Austria e Romania. La maggior parte dello stanziamento, 277 milioni, andrà proprio all’Italia e i fondi dovranno essere utilizzati per la ricostruzione nelle regioni colpite. I danni provocati dal maltempo sono stati gravi interruzioni delle reti stradali e fluviali, allagamenti di edifici pubblici e privati, interruzioni delle reti elettriche e del gas, oltre a perdite significative nei settori del legname e del turismo. I finanziamenti sono stati varati con 645 voti a favore, 18 contrari e 30 astenuti. I 293,5 milioni di euro del Fondo di solidarietà dell’Unione europea sono così ripartiti: 277,2 milioni di euro per l’Italia, 8,1 milioni di euro per l’Austria e 8,2 milioni di euro per la regione nordorientale della Romania.

Cede lucernaio, morto operaio a PratoE’ 53enne migrante, l’impatto al suolo dopo un volo di 5 metri

PRATO18 settembre 201914:04

– Il lucernario su cui stava camminando ha ceduto improvvisamente: così un operaio di 53 anni, romeno, è morto mentre faceva un sopralluogo per lavori da realizzare sul tetto di un capannone a Prato, in via Pieraccioli, nella zona di Galciana. A nulla sono serviti i tentativi di rianimazione del personale sanitario del 118. Il capannone è sede di una ditta di abbigliamento cinese ed è di proprietà di italiani. L’uomo avrebbe impattato il suolo dopo un volo di oltre cinque metri. Sul posto sono intervenuti anche carabinieri e tecnici del Dipartimento di igiene e sicurezza sui luoghi di lavoro dell’Ausl Toscana Centro, che adesso dovranno ricostruire l’esatta dinamica dell’infortunio mortale. Sul luogo è andato il magistrato di turno Laura Canovai della procura.

Superenalotto, ‘caccia’ al vincitorePensionati scherzano, ‘Speriamo sia sindaco, così fa rotatoria’

PARMA18 settembre 201914:19

– A Basilicagoiano, frazione di Montechiarugolo (Parma) di 1700 abitanti, non si parla d’altro che della vincita di 66 milioni al Superenalotto con una schedina precompilata da 5 euro. Sul vincitore “un sospetto ce l’ho”, confida Greta Mendogni, titolare del Tabacchi dove è stato centrato il jackpot. “Mi auguro che ci faccia anche del bene con quella montagna di euro” e “che si ricordi anche della ricevitoria che gli ha portato tanta fortuna”, aggiunge il marito di Greta, Marco Brindani. “Ieri sera – prosegue – mi hanno chiamato dalla Sisal per dirmi della vittoria. Non ci ho creduto, vi giuro pensavo fosse uno scherzo”.
“Chi ha vinto? Non lo so”, sorride un pensionato che esclude “il solito gruppetto di tre, quattro vecchiette appassionate di giochi. Loro non sono state di sicuro perché compilano da sole la schedina con i numeri”. Il vincitore? “Magari ci regala la rotatoria sulla strada provinciale – conclude un altro – Così i camion rallentano. Anzi a questo punto speriamo abbia vinto il sindaco”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Pensione senza diritto, 13 denunciati
Per Inps danno da 500mila euro. Indagine da 5mila ‘sospettati’

GENOVA18 settembre 201914:19

– Percepivano la pensione minima e l’assegno sociale pur non avendone diritto, causando un danno all’Inps di oltre 500 mila euro. Lo hanno scoperto i carabinieri di Genova che hanno denunciato 13 persone. L’indagine è partita dalla segnalazione da parte dell’Inps stessa di una lista di 5 mila ‘sospettati’. Nella provincia di Genova sono circa 7 mila le persone che percepiscono la pensione minima. I carabinieri hanno incrociato i dati forniti all’istituto previdenziale, con quelli bancari scoprendo i primi 13 irregolari.
Tra i casi più eclatanti, un ex imprenditore di Albaro, quartiere residenziale del capoluogo ligure, ogni mese otteneva il sostegno al reddito pur avendo numerose abitazioni, fondi azionari, investimenti e soldi in banca per diverse centinaia di migliaia di euro.

Ab Inbev,birre con messaggi responsabili”Progetto in fase di studio, vedrà la luce entro il 2020″

18 settembre 201914:44

– “Entro fine 2020 lanceremo un progetto che prevede l’inserimento sulle etichette dei nostri prodotti le avvertenze sul consumo responsabile dell’alcol”. Ad annunciarlo è Massimiliano Colognesi, responsabile Affari legali e istituzionali della Ab InBev Italia, oggi a Roma. “In questo momento si sta lavorando in collaborazione con l’università statunitense di Tufts che sta realizzando il progetto”, aggiunge il dirigente Ab, azienda leader nella produzione di birra con oltre 400 marchi nel mondo e 15 in Italia.

Chiede soldi a ex amante della fidanzataPer estorsione insieme alla donna a Reggio Emilia

REGGIO EMILIA18 settembre 201915:56

– Avrebbero estorto denaro a un uomo per non rivelare la sua relazione extraconiugale. A finire nei guai l’ex amante, una 32enne reggiana (indagata a piede libero), assieme al suo attuale fidanzato, un 28enne reggiano, accusati entrambi di estorsione in concorso e per il giovane, considerato l’esecutore materiale, sono scattati i domiciliari disposti dal gip sulla richiesta della Procura di Reggio Emilia. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Castelnovo Monti, in Appennino, l’uomo aveva avuto una relazione segreta con la donna, chiusa nell’agosto 2015. Ma alla fine dell’anno scorso l’ex amante lo ha contattato su Facebook per chiedergli il numero di telefono smarrito. Nella stessa giornata è arrivata una telefonata da parte del fidanzato dell’ex che lo ha minacciato di riferire alla moglie. A febbraio l’uomo ha consegnato loro duemila euro per ottenere il silenzio. Ma le richieste di denaro non sono finite e la coppia sarebbe arrivata a estorcere complessivamente 36mila euro in contanti.

Mazzette a necrofori per segnalare mortiDiede a un amico delle pompe funebri informazioni su rivale

GENOVA18 settembre 201916:29

– C’è anche un finanziere del nucleo di polizia tributaria di Genova indagato nell’inchiesta su un giro di mazzette ai necrofori dell’obitorio dell’ospedale San Martino di Genova da parte di titolari di pompe funebri per ‘accaparrarsi’ le salme. Tre necrofori e tre agenti di pompe funebri sono indagati per corruzione. Mentre il brigadiere capo è accusato di accesso abusivo a sistema informatico. Secondo l’accusa avrebbe preso, tramite accesso al sistema Serpico che custodisce dati delle persone indagate, informazioni su un titolare di agenzia funebre e le avrebbe girate a un suo amico anche lui del settore. Il particolare emerge dall’avviso di conclusione indagini inviato nelle scorse settimane dal pubblico ministero Massimo Terrile ai legali degli indagati (gli avvocati Paolo Costa, Pietro Bogliolo, Riccardo Savi, Paolo Scovazzi, Irene Russo, Francesco Saia, Marco Marino e Patrizia Cecconi).

Vigile si fa pagare da abusivi,arrestatoTrovato con soldi e generi alimentari dai carabinieri a Rosarno

ROSARNO (REGGIO CALABRIA)18 settembre 201916:38

– Un ispettore capo della polizia locale di Rosarno, C.A., di 63 anni, è stato arrestato e posto ai domiciliari dai carabinieri con l’accusa di induzione indebita a dare o promettere utilità. L’arresto è avvenuto nel corso di un servizio di controllo disposto dalla Compagnia carabinieri di Gioia Tauro. Una pattuglia ha notato un vigile urbano che, in uniforme e con l’auto di servizio, si aggirava per le vie del mercato riscuotendo denaro contante, generi alimentari e altre merci da alcuni commercianti.
I militari della Tenenza di Rosarno, in abiti civili, hanno osservato il vigile per verificarne il comportamento riuscendo a documentare come lo stesso, avvalendosi della sua qualità di pubblico ufficiale, stesse riscuotendo indebitamente da alcuni commercianti abusivi e non autorizzati il canone di occupazione di spazi pubblici destinati al mercato. I carabinieri lo hanno quindi fermato trovandolo in possesso di 40 euro e di diverse buste contenenti prodotti ortofrutticoli e cosmetici.

Anziano spara a badante e si uccideTemeva avvelenamento. Donna, ferita, non è in pericolo di vita

GENOVA18 settembre 201916:40

– Un uomo di 78 anni ha tentato di uccidere la badante ferendola con due colpi di pistola e poi si è ucciso. E’ accaduto nella abitazione dell’uomo ad Albenga (Savona). Secondo gli investigatori, l’uomo, Salvatore Sorrentino, in cura per un ictus, soffriva di una sindrome persecutoria al punto di temere che la badante, che gli somministrava le medicine, lo volesse avvelenare. In un primo momento i soccorritori e gli investigatori avevano pensato a una colluttazione tra i due nata perché la donna avrebbe tentato di impedire all’uomo di uccidersi. Le testimonianze successivamente raccolte hanno invece fatto scoprire che Sorrentino ha tentato di uccidere la donna, di 46 anni, una signora russa che i parenti dell’uomo avevano incaricato di accudirlo. La donna è salva per un soffio: un proiettile l’ha ferita ad una mano mentre il secondo l’ha raggiunta al torace ma è stato bloccato dal ferretto del corpetto che indossava. L’uomo, già titolare di una oreficeria, aveva due pistole regolarmente denunciate.

Ucciso per errore dai clan, 8 ergastoliVittima innocente colpita nel 2016 mentre giocava a biliardino

NAPOLI18 settembre 201916:41

– Otto ergastoli: questa la sentenza emessa poco fa dal gup di Napoli Luana Romano nei confronti degli otto imputati, tra cui il boss Ciro Rinaldi, ritenuti mandanti ed esecutori materiali del duplice omicidio della vittima innocente Ciro Colonna, 19 anni, e di Raffaele Cepparulo, elemento di vertice del gruppo camorristico dei cosiddetti “barbudos” del rione Sanità, inizialmente legato al boss Genidoni e poi confluito nel clan De Micco di Ponticelli. Una tragedia consumatasi nel pomeriggio del 7 giugno 2016, in un circolo ricreativo del quartiere Ponticelli di Napoli, dove il giovane Ciro Colonna stava aspettando un amico giocando a biliardino.

Arriva il maltempo su regioni adriaticheAllerta Protezione civile, rovesci intensi, grandine e vento

18 settembre 201916:56

– L’arrivo di una perturbazione determinerà maltempo sulle regioni adriatiche. Lo indica un’allerta meteo della Protezione civile.
Dalle prime ore di domani, prevede l’avviso, temporali su Abruzzo, Molise e Puglia centro-settentrionale. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.
Valutata per domani allerta arancione per rischio idrogeologico sull’area costiera del Molise e sull’area garganica della Puglia. Allerta gialla, inoltre, sul basso Veneto, su gran parte di Piemonte, Lombardia ed Emilia-Romagna, sulla Toscana sud-occidentale, sulle Marche, su Umbria, Lazio e Abruzzo, sul restante territorio del Molise, sulla Basilicata, sul versante ionico settentrionale della Calabria, sul resto della Puglia e sulla Sicilia occidentale.

Detenuti educano cani per riabilitarsiIniziativa associazioni ad Ancona Montacuto e Barcaglione

ANCONA18 settembre 201917:09

– Riabilitare i detenuti delle carceri di Ancona attraverso l’educazione cinofila e formare i cani per una successiva adozione. E’ la duplice finalità del progetto presentato dall’associazione no profit “Sguinzagliàti” di Senigallia e che ha vinto il bando emesso dal Comune di Ancona. Le 15 lezioni – iniziate a Montacuto mentre partiranno a ottobre a Barcaglione – prevedono una parte teorica per i detenuti con nozioni sull’addestramento dei cani; poi un focus sulla pet therapy e sulla preparazione dei cani per disabili, grazie alla collaborazione dell’associazione “Il mio Labrador” di Macerata. Infine una parte pratica: i dieci detenuti coinvolti nel progetto impareranno a educare i cani finalizzando le attività a una successiva adozione. Momenti importanti sia per il riscatto delle persone che al termine del percorso saranno in grado di gestire un cane, leggerne i segnali di benessere o stress; sia per gli animali che dopo le attività ludiche ed educative saranno pronti per essere accolti in una casa.

Morte in rogo camper:ergastolo per SerifNel maggio del 2017 vittime le sorelle di 20, 8 e 4 anni

18 settembre 201916:07

– Condanna all’ergastolo per Serif Seferovic accusato di omicidio per la morte delle sorelle Elisabeth, Francesca e Angelica Halilovic, di 20, 8 e 4 anni avvenuto il 10 maggio 2017. Le tre ragazze morirono in un rogo appiccato al camper dove dormivano con la famiglia in un parcheggio nella zona di Centocelle a Roma. La sentenza è stata emessa dalla III Corte d’Assise. Seferovic è accusato anche di detenzione, porto e utilizzo di armi da guerra e incendio doloso. Il rogo divampò dopo il lancio di bottiglie molotov. Per questa stessa vicenda nel 2018 è stata condannata a 20 anni, in abbreviato, Lisabeta Vicola, cognata di Seferovic. Una terza persona, Ranato Seferovic fratello di Serif, è tutt’ora ricercato. Seferovic era stato arrestato nel febbraio 2017 perchè coinvolto in una altra vicenda: il furto della borsa della studentessa cinese Zhang Yao morta dopo

essere stata investita da un treno mentre inseguiva i suoi scippatori lo scorso anno a Roma. Aveva patteggiato una condanna a 2 anni tornando libero.

Arresto De Vito, ok Gip a rito immediatoL’ex presidente dell’Assemblea capitolina resta ai domiciliari

18 settembre 201915:58

– Giudizio immediato per Marcello De Vito, presidente dell’assemblea capitolina, attualmente ai domiciliari per l’accusa di corruzione in uno dei filone dell’inchiesta sullo stadio della Roma. Il giudice Tomaselli ha accolto la richiesta della procura e ha fissato il processo al prossimo 4 dicembre. De Vito, quindi, resta ai domiciliari. La decisone del giudice arriva a 48 ore dalla scadenza dei termini della misura cautelare dopo l’arresto del 20 marzo scorso. Il 9 settembre la difesa di De Vito aveva rinunciato all’udienza davanti al Riesame dopo che la Cassazione aveva annullato con rinvio al tribunale della Libertà per valutare gli elementi alla base dell’ordinanza cautelare. Per la Suprema corte, infatti, le accuse si basano su “congetture” che non possono dimostrare un collegamento con “il metodo corruttivo”.

Al via a gennaio processo a madre RenziLa donna era assente all’udienza filtro di oggi

CUNEO18 settembre 201915:22

– Inizierà il 15 gennaio, a Cuneo, il processo nei confronti di Laura Bovoli. La madre dell’ex premier Matteo Renzi, assente all’udienza filtro di oggi, è accusata di bancarotta fraudolenta e emissione di fatture false per operazioni inesistenti per i rapporti che la società di famiglia, la Eventi 6 di Rignano sull’Arno, intratteneva con una società cuneese di volantinaggio, la Direkta, fallita nel 2014.
La donna, assistita dall’avvocato Federico Bagattini, sarà sentita nel corso del processo.
L’inchiesta, nata da alcuni accertamenti dell’Inps, che è parte lesa, è stata condotta dalla guardia di finanza di Cuneo.
Ci sono agli atti note di credito del valore di decine di migliaia di euro emesse dalla società cuneese che, prima di fallire, avrebbe operato come subappaltante della Eventi6, restituendo una percentuale al committente. Il processo deve stabilire se si trattò di bancarotta o di un normale fallimento.
Con la madre di Renzi ci sono altri cinque imputati.

Sicilia: buco 1 mld,ipotesi blocco spesaVa ripianato in un anno o nel triennio, attesa Corte conti

PALERMO18 settembre 201913:39

– Ammonta a circa 1 miliardo di euro il maggior disavanzo che la Regione siciliana deve gestire anche se la cifra è ancora al vaglio della Corte dei conti, che sta esaminando il rendiconto dell’anno scorso e su cui si dovrebbe esprimere entro la metà di ottobre. Stando a questi numeri, il governo potrebbe valutare il blocco della spesa da qui alla fine dell’anno. Il disavanzo, sulla base del decreto legislativo 118, va ripianato nell’esercizio corrente o nel triennio. Al momento, il disavanzo definitivo accertato della Regione siciliana è pari a 7,3 miliardi di euro, un miliardo in più rispetto a quello dell’anno scorso. Dei 7,3 mld, 6,286 miliardi sono già stati spalmati in gran parte nei bilanci dei prossimi trent’anni. Rimane un miliardo di euro, il governo Musumeci aspetta la pronuncia della Corte dei conti sulla parifica dell’ultimo rendiconto per stabilire come gestire questo ‘buco’.

Un giro a 200Km/h per battere il cancroOncologo-pilota porta in pista suoi pazienti sfidando il tumore

18 settembre 201909:10

– Un giro ad alta velocità in autodromo per aiutare a combattere i tumori e sostituire la terapia del dolore con una giornata da Formula 1. E’ l’idea, nata dall’immensa passione per le auto da corsa e le gare in montagna, messa in pratica con ottimi risultati da Amedeo Pancotti, primario di Oncologia all’ospedale Mazzini di Teramo e presidente di “Hozho”, un’associazione di volontariato di Ascoli Piceno che si occupa di donne operate al seno. “Non hanno guidato solo per motivi medico legali – corre veloce sul filo dell’entusiasmo il professor Pancotti raccontando

la sua avventura in pista con i suoi pazienti malati di tumore – L’esperienza in pista a Magione (Perugia) è stata meravigliosa.
E’ venuto anche un club Ferrari e Abarth, tutti si son seduti su una Rossa: li ho fatto girare con una Delta Integrale: hanno fatto tre giri ciascuno e non siamo andati piano, anche a 200 chilometri orari e la cosa bella è che quel giorno molte persone non hanno fatto la terapia del dolore ed è stato bellissimo”.

Blitz anti tv pirata, stop 5 mln utentiIndagini in tutta Europa, nel mirino le Iptv illegali

18 settembre 201913:12

– La polizia, coordinata dalla procura della Repubblica di Roma e dalle Agenzie europee Eurojust ed Europol, sta eseguendo la più vasta operazione antipirateria mai condotta nel settore delle Iptv (web tv) illegali, che consentono di usufruire gratuitamente di canali satellitari a pagamento. L’operazione interessa numerosi Paesi europei: in Italia sono coinvolti 5 milioni di utenti, che saranno ora oscurati. Si tratta di un volume d’affari di 2 milioni di euro al mese.

Avigdor Lieberman, il falco ago della bilanciaDa alleato a incubo di Netanyahu,a cui ha già detto no ad aprile

18 settembre 201917:18

Da 20 anni in politica, sempre nell’orbita di Benyamin Netanyahu, dallo scorso aprile Avigdor Lieberman si è improvvisamente trasformato nell’incubo del premier. In questi mesi, alla guida del partito russofono Israel Beitenu, ha saputo infatti collocarsi alla perfezione in uno spazio politico angusto, incuneato fra il Likud ed i centristi di Blu-Bianco. Da quella posizione, come confermano i primi exit poll di stasera in Israele, potrebbe essere in grado di decidere l’esito delle elezioni a seconda che i suoi seggi – tra gli 8 e i 10 – vadano a sostegno di Netanyahu oppure dello sfidante Benny Gantz, come appare più probabile.
Alle elezioni di aprile scorso ottenne cinque seggi e proprio la loro inopinata mancanza impedì a Netanyahu di varare un nuovo governo. Per quale motivo si tirò indietro? Lieberman, nazionalista laico, spiegò che non si sentiva più di appoggiare un governo basato sul sostegno di rabbini ultraortodossi e di coloni con venature “messianiche”. Inoltre, avendo già ricoperto incarichi di prestigio – fra cui ministro degli Esteri e ministro della Difesa – l’ingresso in un nuovo esecutivo di Netanyahu in un ruolo subalterno non lo interessava. Nato in Moldova 61 anni fa, Lieberman ha riscosso notevole popolarità fra gli ebrei immigrati dall’ex Urss per la sua viscerale avversione verso la sinistra socialista in quanto tale e, per esteso, verso i laburisti israeliani. Nei suoi messaggi ha calcato molto i toni nazionalistici (a tratti anche anti-arabi), combinandoli con un laicismo profondo. Attento a curare la propria immagine di falco ad oltranza, Lieberman – che da anni invoca la pena di morte per i terroristi palestinesi – motivò le proprie dimissioni dalla carica di ministro della Difesa accusando i vertici dell’esercito di aver intralciato i suoi progetti per un intervento militare in grande stile contro Hamas a Gaza. Poi biasimò Netanyahu per aver autorizzato l’afflusso verso Gaza di fondi del Qatar, malgrado insistenti lanci di razzi dalla Striscia. Negli ultimi mesi ha cercato di guadagnare sostegno fra i centristi israeliani e anche in parte a sinistra innestando un’aspra campagna contro gli ebrei ortodossi, da lui dipinti come una comunità che non contribuisce come dovrebbe né alla sicurezza né all’economia del Paese. Lieberman si presenta come l’artefice di un vasto governo “laico liberale” che includa, oltre al suo partito, anche Blu-Bianco ed il Likud. In pratica, sospettano vari analisti, sta gettando le basi per una candidatura alla carica di premier.

Benny Gantz, il soldato che vuole scalzare BibiL’ex capo dell’esercito punta a ridare ‘democrazia’ a Israele

18 settembre 201917:19

‘Israele prima di tutto’: questo lo slogan programma che l’ex capo di stato maggiore dell’esercito Benny Gantz ha scelto, fin dalle passate elezioni di aprile, per dare l’assalto alla fortezza Netanyahu con la missione esplicita di battere il premier più longevo della storia israeliana. Un mantra che ha ripetuto in questa seconda campagna elettorale a detta di tutti con molta più efficacia rispetto al passato, abbandonando la scarsa loquacità che lo ha sempre contraddistinto. E che stanotte i primi dati sul voto sembrano premiare.
Nato nel giugno del 1959, ex attaché militare negli Usa, Gantz ha ricoperto la più alta carica dell’esercito israeliano dal 14 febbraio 2011 al 16 febbraio 2015 con in mezzo due guerre con Hamas a Gaza. E da quando ha lasciato la carica non sono stati pochi a tirarlo per la giacchetta nel tentativo di convincerlo a candidarsi. Dapprima ha resistito, infine ha scelto: nel dicembre del 2018 è sceso in campo. E per il suo partito – che nel tempo si è riempito di ex generali – ha scelto come nome ‘Resilienza per Israele’. Richiamo ad un’etica staccata dalla stretta pratica della politica ma diretta ad una rinascita dei valori fondanti di Israele. Da allora – in coppia con Yair Lapid, il telegenico giornalista leader del partito centrista ‘C’è futuro’ – ha guidato la formazione in grado di battere Netanyahu, la speranza di tutti quelli che non si sono rassegnati al dominio incontrastato della destra del Likud. Non solo per il fascino della divisa che ha sempre attratto gli israeliani, pronti più a fidarsi della serietà dell’esercito che delle promesse dei politici, ma anche per un tratto umano e politico lontano anni luce da quello di Netanyahu e della sua ingombrante famiglia. Capigliatura argentata e voce pacata, è stato “l’altro” rispetto al premier. Già ad aprile scorso ha sfiorato l’impresa raggiungendo gli stessi seggi, 35, di Netanyahu ma finendo sfavorito da una coalizione di centrosinistra meno dotata di voti rispetto a quella di destra. Situazione che portò il presidente Reuven Rivlin a ridare l’incarico al premier. Ma Gantz non ha gettato la spugna: in caso di governo di Netanyahu promise un’opposizione senza sconti. Perdere una battaglia, non significava aver perso la guerra, disse. La possibilità si è ripresentata subito e a dargliela è stato un uomo molto lontano da lui, Avigdor Lieberman, il falco di destra ma laico che ha detto di no a Netanyahu portando il paese a nuove elezioni. “Sotto il mio governo, Blu-Bianco – ha promesso ieri nell’appello elettorale finale – cambierà la direzione di Israele verso una maggiore democrazia. Stop alle divisioni che mirano a separare per governare”.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 10 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: LEGGILE, SEGUILE, CONDIVIDI,INFORMATI!

DALLE 14:43 DI MARTEDì 17 SETTEMBRE 2019

ALLE 04:55 DI MERCOLEDì 18 SETTEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

frode 500mln risparmio energia,7 arresti
Coinvolte 15 società servizi, sequestri per 100 milioni

17 settembre 2019 14:43

– TREVISO

– Usufruivano di rimborsi fiscali per impianti energetici mai fatti i 28 indagati di 15 società di servizi scoperti dalla Guardia di Finanza che ha arrestato 7 persone e sequestrato beni per 110mln di euro tra Treviso,Padova Cosenza e Frosinone.La frode è da 500 mln. Le società incaricate ad ‘evadere’ le pratiche erano evasori totali, oppure presentavano dichiarazioni annuali con valori irrisori; comunque incongrui rispetto a quelli indicati dai clienti.
Le 15 Energy Saving Company avevano attestato falsamente al Gestore dei Servizi Energetici di aver eseguito 3.900 interventi (mai fatti) per la sostituzione di vetri semplici con doppi vetri, isolamento di pareti e coperture per il riscaldamento. In tal modo maturavano il diritto al rilascio di Titoli di Efficienza Energetica, rappresentativi, in sostanza, di un contributo per il risparmio di energia. Artigiani e i loro clienti non sapevano nulla; erano stati ‘rubati’ i dati per fare fatture false.

Nudi a Venezia, maximulta tifosi SlaviaCarabinieri Venezia fermano due in rio vicino a San Marco

VENEZIA17 settembre 201915:06

– Due cittadini della Repubblica ceca sono stati fermati e multati dai Carabinieri del Nucleo Natanti di Venezia dopo essere stati scoperti la scorsa notte mentre facevano il bagno nudi in un rio nei pressi di Piazza San Marco. A segnalare i due, risultati tifosi dello Slavia Praga di passaggio a Venezia e diretti verso Milano dove stasera si gioca la partita tra la squadra ceca e l’Inter, sono stati alcuni passanti. I due uomini, completamente nudi stavano ridendo e scherzando tra di loro, come se nulla fosse, e cercando di attirare l’attenzione della gente, tuffandosi nel rio. Ai militari hanno addotto come giustificazione il fatto che la serata fosse particolarmente calda.
I Carabinieri, dopo averli fatti vestire, li hanno condotti in caserma per gli adempimenti del caso, comminando loro una multa di circa 3.000 euro a testa, in applicazione della sanzione amministrativa prevista per Atti contrari alla Pubblica Decenza.

Roma: Procura apre indagine su bucheControlli su utilizzo di denaro derivante dalle multe

17 settembre 201915:25

– La Procura di Roma ha disposto accertamenti su tutti i Municipi della Capitale per verificare come siano stati spesi i fondi destinati alla manutenzione stradale, per la riparazione delle buche, derivanti dalle multe.
L’istruttoria rientra nel procedimento avviato ad aprile scorso dopo un esposto presentato dal Codacons, secondo cui il denaro proveniente dalle contravvenzioni sarebbero state utilizzate per altre finalità. Al momento il procedimento è senza ipotesi di reato o indagati. Nell’esposto l’associazione di consumatori ipotizza il reato di falso. La procura ha delegato le indagini alla Guardia di Finanza che presto potrebbe trasmettere a piazzale Clodio una prima informativa. L’iniziativa del Codacons è nata dopo una richiesta di accesso agli atti per verificare le voci di spesa dei vari municipi. A quanto si apprende alcuni Municipi hanno messo a disposizione gli atti sulle operazioni di messa in sicurezza delle strade altri hanno negato l’accesso non fornendo all’associazione informazioni.

A Milano verifiche da pm antiterrorismoYemenita 23enne ha ferito un militare e ha urlato ‘Allah akbar’

MILANO17 settembre 201915:26

– Il pool antiterrorismo di Milano, guidato dal pm Alberto Nobili, sta facendo accertamenti su Mahamad Fathe, il 23enne yemenita, irregolare, che stamani ha ferito lievemente al collo (non distante dalla giugulare) un militare, il caporale scelto Matteo Toia, davanti alla Stazione Centrale di Milano con un tagliacarte e ha poi gridato ‘Allah akbar’ mentre veniva bloccato. L’uomo è stato arrestato su disposizione del pm di turno Luca Gaglio per lesioni e violenza a pubblico ufficiale.

Danneggiata auto assessore Comune Foggia’Mai ricevuto minacce’. Terza intimidazione ad amministratori

FOGGIA17 settembre 201915:38

– Sono stati infranti la notte scorsa i cristalli dell’auto, una Toyota Yaris, in uso alla moglie, imprenditrice agricola, dell’assessore alle Politiche abitative e Bilancio del Comune di Foggia, il forzista Antonio Bove. “Mi auguro che sia un atto vandalico, anche perché non ho mai ricevuto minacce”, ha commentato l’assessore, cadendo “dalle nuvole. Non saprei dare una spiegazione logica all’accaduto”. “A quanto ho saputo – ha aggiunto – alcuni testimoni avrebbero visto fuggire via tre giovani con felpe e cappucci armati di mazze. Per infrangere i finestrini hanno invece utilizzato un mattone in tufo”. La zona dov’era l’auto, in via Dante vicino all’abitazione dell’assessore, è controllata da telecamere e i filmati sono al vaglio degli investigatori della Digos. Verso le due del mattino, ignoti hanno infranto il lunotto posteriore, il parabrezza e i finestrini laterali. È la terza intimidazione ad amministratori comunali di Foggia, dopo Giuseppe Fatigato del M5S e Paolo Citro della lista Foggia Vince.

In 5 anni -40% feriti negli stadiDisputate 1.853 gare nel 2018/19, in calo denunce e arresti

17 settembre 201915:56

– Il numero dei feriti negli stadi, tra civili, forze dell’ordine e steward, è quasi dimezzato nelle ultime cinque stagioni calcistiche. A rivelarlo è il Report finale dei campionati professionistici 2018/19 (serie A, B e LegaPro) pubblicato oggi dall’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive del Ministero dell’Interno. Nella stagione 2014/15, infatti, si contavano 164 feriti, contro i 101 del 2018/19 con un calo pari a quasi il 40%. In calo anche il numero degli incontri con feriti: si è passati dai 72 di cinque anni fa ai 43 della stagione scorsa, di cui 18 in serie A, 15 in serie B e 10 in LegaPro. In totale sono state disputate 1.853 gare professionistiche, durante le quali sono state impiegate 8.000 unità in meno delle forze dell’ordine rispetto alla stagione 2017/18, con un calo del 4,5%. Le persone denunciate nella passata stagione sono state 757, 400 in meno rispetto all’anno precedente. In calo anche gli arresti, scesi dai 100 del 2017/18 ai 39 del 2018/19.

Finita vacanza rifugio senza smartphoneIn 10 tornati a casa. Psicologo, hanno recuperato consapevolezza

VENEZIA17 settembre 201916:09

– Sono tornati a casa oggi i 10 protagonisti di “Recharge in Nature in the Heart of Dolomites”, selezionati per cinque giorni di attività di rilassamento, equilibrio e concentrazione a 2.000 metri al Rifugio Falier in valle Ombretta, nell’Agordino, senza smartphone né collegamenti con l’esterno.
I dieci partecipanti, Lucas, Fulvio, Stefania, Jozef, Ivana, Valentina, Igor, Michel, Ionela e Ana Carolina, hanno fatto fatica a riprendersi i propri smartphone dati in consegna giovedì scorso. Molto contenti gli organizzatori, tra cui i sette amministratori di Rocca Pietore, Alleghe, Colle Santa Lucia, Livinnallongo, San Tomaso, Taibon e Cencenighe promotori del progetto di marketing. Soddisfatta l’ideatrice della campagna, Emma Taveri, che è ormai certa che “questo posto è davvero magico e i benefici offerti dalla Natura davvero sorprendenti”.

75 candeline per Reinhold MessnerIl Re degli Ottomila festeggia a Castel Firmiano

BOLZANO17 settembre 201916:21

– Il Re degli Ottomila, Reinhold Messner, compie oggi 75 anni e festeggia questa sera il suo compleanno con amici e fan a Castel Firmiano, il grande maniero alle porte di Bolzano che ospita uno dei suoi musei della montagna.
L’altoatesino, che è entrato nella storia dell’alpinismo per essere stato il primo ad aver scalato tutte le 14 vette del mondo oltre gli otto mila metri, ama scherzare di avere “sette vite”, non riferendosi però alla pericolosità delle sue imprese alpinistiche, ma alle numerose passioni che hanno caratterizzato la sua vita: scalatore sulle Dolomiti, alpinista di alta quota, avventuriero nei deserti di ghiaccio, eurodeputato dei Verdi, ideatore di musei della montagna, ma anche autore di libri e film. Recentemente ha reso pubblico la separazione da sua moglie Sabine, dalla quale ha avuto i figli Anna (18), Simon (29) e Magdalena (31 anni).

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Infermiera aggredita in ospedale Bologna
Ausl impegnata per aumentare sicurezza del personale

BOLOGNA17 settembre 201917:09

– Nuova aggressione a una infermiera in servizio al pronto soccorso dell’ospedale Maggiore di Bologna. L’episodio, che segue altri avvenuti negli ultimi mesi in strutture sanitarie della città, si è verificato verso le 19.30 di ieri. L’infermiera 27enne è stata strattonata con violenza

dal figlio di un paziente di 55 anni, al quale stava praticando una iniezione di antidolorifico. L’uomo era andato al pronto soccorso in seguito a un incidente stradale nel quale aveva riportato alcune fratture.
Il ragazzo, un 30enne di origine campana, sentendo il padre lamentarsi per il dolore si è avventato contro l’infermiera, che ha riportato lividi e abrasioni guaribili in 7 giorni. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e il 30enne è stato denunciato per interruzione di pubblico servizio. L’infermiera potrebbe a sua volta denunciarlo per le lesioni subite.

Giorno più caldo nel Torinese, 33 gradiDa domani break temporalesco, massime scendono di 8-10 gradi

TORINO17 settembre 201918:40

– In molte aree del Piemonte oggi è stato il giorno più caldo di settembre, con valori tipici di luglio-agosto: il picco delle temperature registrate dalla rete di stazioni meteo di Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) a Verolengo (Torino), nel Chivassese: 32.6. Appena tre decimi in meno, 32.3 a Villanova Solaro (Cuneo), nella pianura tra le province di Cuneo e Torino. Nel centro di Torino massima di 30.6 alla stazione meteo posizionata nei Giardini Reali.
Termometro sopra lo zero anche sul Monte Rosa: massima +1-1 alla Capanna Margherita (4560 metri di altitudine). Ma da domani pomeriggio è previsto un cambiamento, grazie allo spostamento verso l’arco alpino di una depressione dal Baltico. Il termometro scenderà rapidamente – le massime sono previste domani tra i 26 e i 29 gradi, giovedì 20-24, sono attesi temporali che in alcuni casi potranno anche essere di forte intensità.

Prete a processo per abusi in VaticanoPer la vicenda Preseminario S.Pio X.Un altro per favoreggiamento

17 settembre 201918:47

– Il Promotore di Giustizia del Tribunale dello Stato Vaticano, con provvedimenti del 16 e 17 settembre, ha chiesto il rinvio a giudizio rispettivamente di don Gabriele Martinelli, con l’accusa di abusi sessuali che sarebbero avvenuti nel Preseminario San Pio X in anni precedenti il 2012, e di don Enrico Radice, rettore del Preseminario all’epoca dei fatti, con l’accusa di favoreggiamento.
Le indagini, rende noto un comunicato della sala stampa della Santa Sede, “erano state avviate nel novembre del 2017 a seguito di notizie divulgate da organi di stampa. Nonostante i fatti denunciati risalgano ad anni in cui la legge all’epoca in vigore impediva il processo in assenza di querela della persona offesa da presentarsi entro un anno dai fatti contestati, il rinvio è stato possibile in virtù di un apposito provvedimento del Santo Padre del 29 luglio scorso, che ha rimosso la causa di improcedibilità”.

Aumentano matricole in Cattolica, +5%Nuovi spazi nei campus delle 5 sedi dell’ateneo

MILANO17 settembre 201919:00

– Crescono le immatricolazioni all’Università Cattolica del Sacro Cuore. E’ quanto si legge in una nota dell’Ateneo che complessivamente ha registrato un incremento nel numero degli iscritti, tra lauree triennali e a ciclo unico e quelle magistrali, del +5%, in confronto con il settembre 2018.
In particolare l’incremento è stato del +4% per i corsi di laurea triennale e a ciclo unico e del +7% per i corsi di laurea magistrale. L’incremento finale, dopo eventuali trasferimenti e rinunce, secondo stime prudenziali, si attesterà attorno al 3%.
Per fronteggiare il continuo aumento del numero degli immatricolati nelle cinque sedi, l’Università Cattolica sta ampliando la disponibilità per le attività didattiche e le funzioni universitarie, a partire dal campus di Milano che entro il 2021 potrà contare su 1.200 posti studente in più. Nuovi servizi on line sono stati inoltre pensati per gli studenti a partire dal nuovo sito “Studenti Cattolica” a una nuova versione della app iCatt.

Migranti: a Malta 90 presi da G.CostieraPattugliatore isola pronto per il trasbordo

17 settembre 201919:37

– Un pattugliatore maltese – a quanto si apprende – si è avvicinato alle due motovedette della Guardia costiera italiana che sono poco fuori dalle acque maltesi con 90 migranti soccorsi nella notte ed ha comunicato l’intenzione di prendere a bordo le persone salvate, ponendo così fine allo stallo.

Ferisce militare,arrestato per attentatoAccuse anche di tentato omicidio e violenza a pubblico ufficiale

MILANO17 settembre 201920:37

– Al momento l’accusa è di attentato per finalità terroristiche o di eversione, tentato omicidio e violenza a pubblico ufficiale ma il pool antiterrorismo di Milano, guidato dal pm Alberto Nobili, sta scavando nella sua vita per capire se ci siano davvero legami con cellule terroristiche. Mahamad Fathe, il 23enne yemenita che questa mattina ha ferito con un paio di forbici un militare in stazione Centrale, non avrebbe aggiunto nulla per spiegare il suo gesto.
E’ bastata la frase “Allah akbar” urlata dopo l’aggressione a trasformare il caso in un possibile attentato di matrice islamica. Gli investigatori restano molto cauti sul punto, il profilo di Fathe e la modalità sgangherata del suo attacco lasciano molti dubbi sulla natura dell’episodio.

Superenalotto, vinti 66 milioni nel ParmenseA Montechiarugolo, colpaccio con una schedina da 5 euro

BOLOGNA17 settembre 201922:16

Ad un mese dal jackpot dei record da oltre 200 milioni, viene centrato un nuovo 6 al Superenalotto. Questa volta la vincita, da 66 milioni, è stata realizzata a Montechiarugolo, piccolo comune in provincia di Parma. La combinazione vincente è 9, 18, 26, 43, 60, 79. Jolly 57. Superstar 35. E’ stato realizzato con una schedina da 5 euro, con 5 combinazioni.
Il 6 è arrivato nel punto vendita Sisal Tabacchi situato in via Parma, 61 di Montechiarugolo. Il jackpot di stasera è il 14/mo montepremi più alto nella storia del Superenalotto. Si tratta del secondo 6 realizzato nel 2019, a poco più di un mese dalla vittoria del record di Lodi dal valore di oltre 209 milioni di euro, che non è stata ancora riscossa.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Capo indigeno Amazzonia per Nobel PaceAmbientalisti e antropologi fanno nome del leader Kaiapò Raoni

SAN PAOLO17 settembre 201917:05

– Ambientalisti e antropologi hanno lanciato una campagna per nominare il capo indigeno Raoni per il Premio Nobel per la pace del 2020, in riconoscimento della sua lotta per preservare l’Amazzonia e le comunità locali brasiliane. Secondo la Fondazione Darcy Ribeiro, che sostiene la candidatura, “l’iniziativa riconosce i meriti di Raoni Metuktire come leader di fama mondiale, il quale, dall’alto dei suoi 90 anni, ha dedicato la sua vita alla lotta per i diritti degli indigeni e alla preservazione dell’Amazzonia”. Raoni, che appartiene alla tribù Kaiapò ed è un’icona delle popolazioni indigene dell’Amazzonia, divenne noto in tutto il mondo come difensore dell’ambiente negli anni ’80. All’età di 89 anni, Raoni è stato recentemente accolto dal presidente francese, Emmanuel Macron, durante il G7 di Biarritz, nonché da Papa Francesco a Roma. Il leader indigeno ha denunciato gli incendi in Amazzonia e accusato il governo di Jair Bolsonaro di esserne responsabile.

Indagini su furto water d’oro CattelanLa polizia britannica ancora alla ricerca dell’oggetto rubato

LONDRA17 settembre 201916:51

– Un secondo uomo è stato arrestato dalla polizia britannica nelle indagini sul furto del ‘water d’oro’ dell’artista italiano Maurizio Cattelan, rubato la settimana scorsa dalla dimora-museo di Blenheim Palace: storico edificio inglese nella Valle del Tamigi, noto fra l’altro come luogo di nascita di Winston Churchill, in cui era esposto.
Lo ha reso noto oggi la Thames Valley Police, precisando che il sospetto, del quale non è stato reso noto ufficialmente il nome, ha 36 anni, e che l’opera al momento non è stata ancora ritrovata. “Continuiamo a indagare, la nostra priorità è adesso recuperare la refurtiva”, ha detto il capo ispettore detective Steven Jones. Non senza lanciare un nuovo appello a “chiunque sia in possesso d’informazioni” utili a farsi vivo.
L’opera di Cattelan – realizzata in oro massiccio da 18 carati come altre copie identiche in giro per il mondo e ribattezzata provocatoriamente ‘America’ – ha un valore stimato di 5 milioni di euro. Ma era normalmente utilizzabile come toilette.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Barca si schianta a Venezia, 3 morti
Offshore partito da Montecarlo,tra vittime pilota Fabio Buzzi

VENEZIA17 settembre 201923:50

– Tre persone sono morte ed una quarta è rimasta ferita nell’incidente occorso stasera a Venezia ad una potente imbarcazione offshore, proveniente da Montecarlo.
Lo scafo, con il buio fitto, è finito contro la ‘lunata’ – una diga artificiale di massi creata per le opere del Mose – davanti alla diga di San Nicolò del Lido. Tra le vittime c’è il progettista e campione di motonautica Fabio Buzzi, 76 anni. Lo ha riferito

Giampaolo Montavoci, presidente della commissione nazionale offshore e endurance. Le altre vittime sono due piloti inglesi, mentre è rimasto ferito gravemente un altro pilota italiano, Massimo Invernizzi. Buzzi, secondo quanto si è appreso, già detentore del primato, stava tentando di battere il record sulla traversata Montecarlo-Venezia.

Terremoto di magnitudo 3.3 nel CataneseAlle 23:32 con epicentro vicino Bronte, nessun danno

18 settembre 201900:58

– Una scossa di terremoto di magnitudo 3.3 è stata registrata alle 23:32 di ieri in Sicilia, sulle pendici occidentali dell’Etna. Non si segnalano danni a persone o cose.
Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 7 chilometri di profondità ed epicentro ad altrettanti di distanza dal comune di Bronte.
Nella stessa zona erano già state registrate poche ore prima almeno altre due scosse, una di magnitudo 3.1 alle 20:40 e un’altra di magnitudo 2.5 alle 20:52.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 16 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: LEGGILE, SEGUILE, CONDIVIDILE!

DALLE 07:51 ALLE 14:43 DI MARTEDì 17 SETTEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Bimbo trovato morto scarpata Alto Adige
A Lana, vicino Merano, testa avvolta in un panno

BOLZANO17 settembre 2019 07:51

– Il corpo senza vita di un neonato è stato trovato da turisti nella scarpata di una stradina a Lana di Sopra, nei pressi di Merano. Come scrive il quotidiano Dolomiten, la testa del maschietto era avvolta in un panno, legato più volte intorno al collo. Il corpicino, ancora con il cordone ombelicale, si trovava sotto un cespuglio. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e la Croce bianca. La morte – prosegue il giornale – risalirebbe ad alcune ore prima del ritrovamento. La procura di Bolzano ha ordinato l’autopsia.

Esplosione raffineria Eni nel PaveseNuovi incendio a Sannazzaro de’ Burgondi, nessun ferito

MILANO17 settembre 201909:10

– Una esplosione si è verificata questa mattina alle 6.35 alla raffineria Eni di Sannazzaro de’ Burgondi in provincia di Pavia. Dal luogo si è alzata una alta colonna di fumo. Sul posto le squadre interne anti incendio vigili del fuoco, forze di polizia e tecnici dell’Ats per iniziare il monitoraggio dell’aria. Secondo quanto si è appreso l’esplosione, seguita dalle fiamme, è avvenuta in un impianto che era fermo per un intervento di manutenzione programmata. Il boato si è sentito anche a chilometri di distanza. Sul proprio sito il Comune afferma che “l’allarme sta rientrando, nessun ferito, tutto sotto controllo”. “Alle ore 6,35 circa – si legge -, sì è sentito un forte boato in Raffineria. Abbiamo attivato le procedure interne comunali (Pec). È stato attivato l’allarme interno Eni e ora sta rientrando. Nessun ferito, tutto sotto controllo. Vi terremo aggiornati”. E’ il terzo incidente in tre anni nella raffineria: altri due si sono verificati il primo dicembre 2016 e, meno grave, il 5 febbraio 2017.

Eni: in raffineria cessato allarme’Nessun incendio, in corso valutazione danni’

17 settembre 201909:43

– L’esplosione alla raffineria di Sannazzaro de’ Burgondi è stata “limitata solo a una parte di una linea dell’impianto di gassificazione. L’evento non ha avuto alcuna conseguenza per le persone impiegate negli impianti e ha generato una certa fumosità che si è esaurita nell’arco di dieci minuti. Non si è verificato alcun incendio”. E’ quanto precisa Eni, spiegando che “verificate le condizioni di sicurezza, l’allarme è cessato dopo circa un’ora. Sono in corso le valutazioni per quantificare i danni. La raffineria è in esercizio regolare”.

Mafia: sgominato clan nel SalentoOrdinanza di custodia per 22 appartenenti a un gruppo criminale

LECCE17 settembre 201909:49

– Ordinanza di custodia per 22 appartenenti a un gruppo criminale federato con il clan Tornese della Sacra corona unita, nell’ambito di indagini dei carabinieri del Ros coordinate dalla Procura distrettuale antimafia di Lecce. Si tratta di 22 persone accusate a vario titolo di associazione mafiosa, traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, danneggiamento e detenzione e porto abusivo di armi, aggravati dal metodo mafioso. L’operazione é denominata “Armonica”.

Sequestrate sigarette di contrabbandoIn tre interventi Gdf, arrestate sei persone italiane e ucraine

NAPOLI17 settembre 201909:54

– Sequestrati dalla Guardia di Finanza di Napoli 9 quintali di sigarette di contrabbando: tre diversi interventi nel corso dei quali sono state arrestate sei persone, tre cittadini italiani e tre ucraini.
In particolare, i finanzieri del Gruppo di Nola, nel corso di un controllo su strada, hanno individuato, nascosti in un doppiofondo ricavato nel vano posteriore della cabina guida di un autocarro, 13.800 pacchetti di “Marlboro” di produzione ucraina prive del contrassegno di Stato, per un peso pari a 276 Kg. Arrestati tre ucraini. Sorte analoga hanno avuto anche due napoletani, nei cui confronti la Compagnia di Ottaviano ha sequestrato, tra San Giuseppe Vesuviano e Palma Campania, 345 Kg di tabacchi all’interno di un deposito risultato nella loro disponibilità. Contestualmente la Compagnia di Casalnuovo, dopo aver seguito un furgone il cui conducente, alla vista dei militari, aveva mostrato segni di agitazione, ha sequestrato 25 casse di sigarette “Regina”: per l’uomo disposti i domiciliari.

In raffineria terzo incidente in 3 anniI precedenti a Sannazzaro de’ Burgondi nel 2016 e nel 2017

MILANO17 settembre 201910:02

– Altri due incidenti con incendi e colonne di fumo si sono verificati negli ultimi anni alla raffineria Eni di Sannazzaro de’ Burgondi. Il primo dicembre 2016 una esplosione causò “una palla di fuoco nel cielo” e devastò l’impianto Est. Come descrissero i testimoni, non vi fu nessun ferito, tranne un operaio leggermente intossicato e fu ordinato alla popolazione di tenere chiuse le finestre a causa dell’alta colonna di fumo provocata dalle fiamme. L’Eni dichiarò il giorno successivo che l’aria non era inquinata. Un altro incidente si verificò dopo poco più di due mesi, il 5 febbraio del 2017. L’incendio, meno grave del precedente, fu domato dai vigili del fuoco del servizio interno e anche in quella occasione non ci furono feriti. Anche in questo secondo incidente, come quello di oggi, avvenne di mattina, poco prima delle 8,40, e interessò l’isola 7 che si trova nella parte vecchia della raffineria, un impianto che lavora greggio.

Migranti: due sbarchi a LampedusaCi sono 210 persone a fronte di una capienza massima per 95

LAMPEDUSA (AGRIGENTO)17 settembre 201910:03

– Sono complessivamente 56 i migranti che sono arrivati, la notte scorsa, con due diverse imbarcazioni, direttamente al porto di Lampedusa (Agrigento). Prima ne sono arrivati una decina e poi altri 46. Tutti sono stati portati all’hotspot di contrada Imbriacola dove ci sono 210 persone a fronte di una capienza massima per 95. Appena ieri, 69 profughi erano stati trasferiti con il traghetto di linea per Porto Empedocle (Ag) dove sono giunti in serata.

Spari a Napoli, trovati 26 bossoliNella zona dei Quartieri Spagnoli, indagini della Polizia

NAPOLI17 settembre 201910:04

– Ventisei bossoli sono stati ritrovati dalla Polizia nei ‘Quartieri spagnoli’ di Napoli.
Gli agenti sono intervenuti alle ore 4.30 in via Colonna a Cariati – angolo Vico Concordia, nel tratto a monte della centralissima via Roma. Secondo quanto conferma la Polizia non ci sarebbero feriti; indagini sono in corso.
Lo scorso 12 settembre, sempre nei Quartieri spagnoli, furono sequestrati dai carabinieri 5 bossoli.

Mafia: 11 arresti per estorsioneOrganizzazione gestiva servizi vigilanza locali notturni

PALERMO17 settembre 201910:18

– Un’operazione antimafia è stata condotta a Palermo dai Carabinieri, che hanno eseguito un’ordinanza cautelare in carcere nei confronti di 11 persone accusate di estorsione aggravata dal metodo mafioso. Le indagini, coordinate dalla Dda, hanno fatto emergere gli interessi di Cosa nostra sul controllo e la gestione di locali notturni nel capoluogo e in provincia. L’organizzazione riusciva a controllare i servizi di sicurezza privata nel locali della movida imponendo gli addetti e le tariffe per ogni operatore impiegato.

Corte Conti: da Formigoni e altri 47 mlnSentenza di condanna. Convertiti in pignoramento i sequestri

MILANO17 settembre 201910:23

– La Corte dei Conti della Lombardia ha condannato in solido l’ex presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni, gli ex vertici della Fondazione Maugeri, Umberto Maugeri e Costantino Passerino, la Fondazione stessa, il presunto faccendiere Pierangelo Daccò e l’ex assessore Antonio Simone, al risarcimento di un danno erariale di quasi 47,5 milioni per il caso Maugeri a favore della Regione Lombardia. I sequestri già effettuati, tra cui vitalizi e pensione dell’ex Governatore, sono stati convertiti in pignoramento.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Sindaco: per stavolta è andata bene
‘Vigili del fuoco hanno spento le fiamme in un quarto d’ora’

SANNAZZARO DE’ BURGONDI (PAVIA17 settembre 201910:34

– Il sindaco di Sannazzaro de’ Burgondi, Roberto Zucca, è uno dei tanti, nella cittadina pavese di circa 5.500 abitanti, ad essere stato svegliato di soprassalto questa mattina all’alba dallo scoppio che si è verificato all’interno della raffineria Eni, in un impianto di gassificazione all’isola 7. “E’ stata un’esplosione molto forte – dice – sentita anche nei paesi vicini. Erano le 6,23. Anche se non è scattato l’allarme esterno, abbiamo attivato subito la protezione civile e alle 6,45 ero già in municipio insieme a diversi assessori. Le fiamme sono state domate nel giro di un quarto d’ora dalle squadre interne di vigili del fuoco e la colonna di fumo è rientrata. Abbiamo comunque chiesto l’intervento dell’Arpa per i controlli ambientali. Per stavolta è andata bene”. A Sannazzaro è ancora vivo il ricordo dell’incendio che il primo dicembre 2016 distrusse l’impianto Est: allora il cessato allarme fu dichiarato dopo 16 ore e ci furono danni per centinaia di milioni di euro.

Operaio cade da tre metri, graveTrasportato in eliambulanza nell’ospedale di Catanzaro

SIMBARIO (VIBO VALENTIA)17 settembre 201910:50

– Un operaio è rimasto gravemente ferito e si trova ricoverato in prognosi riservata nell’ospedale di Catanzaro in seguito alle ferite riportate in un incidente sul lavoro avvenuto a Simbario, nel vibonese. L’uomo stava lavorando su un solaio quando, per cause in via di accertamento, è caduto da un’altezza di circa 3 metri.
L’uomo ha sbattuto la testa a terra. Soccorso dai medici del 118 è stato poi trasportato con l’eliambulanza nell’ospedale catanzarese. L’operaio è tenuto sotto osservazione e al momento la prognosi non è stata ancora sciolta. Sul posto sono intervenuti anche i Vigili del fuoco di Serra San Bruno.

Torna alla Consulta il caso CappatoPreviste due udienze pubbliche, poi la Camera di Consiglio

17 settembre 201911:26

– Punibilità dell’aiuto al suicidio: dopo un anno torna alla Consulta il caso Cappato. E’ questa una delle questioni di maggior rilievo all’esame della Corte costituzionale nella udienza pubblica del 24 settembre prossimo. Seguirà un’altra udienza pubblica il 25 e, nello stesso giorno, una Camera di consiglio.

Violenze baby gang, 5 arresti a VeneziaRagazzi tra 16 e 19 anni,ad agenti avevano reagito con bottiglie

VENEZIA17 settembre 201911:40

– La Squadra mobile di Venezia ha eseguito 5 provvedimenti restrittivi nei confronti di altrettanti ragazzi, due dei quali minorenni, ritenuti responsabili, in concorso, di aggressioni a due coppie di fidanzati nel centro cittadino. Dovranno rispondere, a vario titolo, di minacce, lesioni gravi aggravate, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Del gruppo, una giovane 19enne e due diciottenni sono stati posti agli arresti domiciliari, mentre un diciottenne – era minore all’epoca dei fatti – e un sedicenne sono stati collocati in comunità. A carico di altri 5 indagati sono state eseguite perquisizioni disposte dall’autorità giudiziaria. Le vittime erano state colpite con calci, pugni e bottiglie di vetro. Solo l’intervento di 4 poliziotti, due dei quali fuori servizio, minacciati, insultati e fatti oggetto a loro volta di lanci di bottiglie di vetro, aveva messo fine all’aggressione.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Frode olio, arresti in Toscana e Puglia
14 indagati in operazione Nas Firenze, numerosi prestanome

FIRENZE17 settembre 201911:54

– Olio di semi reso simile all’olio extravergine di oliva con l’aggiunta sostanze come clorofilla e betacarotene ottenendo un alto profitto illecito. Così una frode scoperta dal Nas di Firenze tra Toscana e Puglia che ha portato all’arresto ai domiciliari di due persone a Cerignola (Foggia) e a Montespertoli (Firenze) per riciclaggio e ricettazione di ingenti quantità di olio di semi etichettato fraudolentemente come olio extravergine di oliva. Ad altri due soggetti di Impruneta e Castelfiorentino è stato notificato il divieto di esercitare l’attività imprenditoriale del commercio di prodotti alimentari per 6 mesi. Nell’inchiesta, coordinata dalla procura di Firenze, ci sono altri 10 indagati (totale 14) tra cui sette prestanome. Le indagini sono state nelle province di Barletta-Andria-Trani, Firenze, Foggia, Pescara, Pisa e Prato.
L’olio di semi veniva modificato con sostanze non dannose per la salute in Puglia e immesso nei circuiti commerciali toscani del settore alimentare.

Picchia moglie, figlio chiama Cc,arrestoPrende a botte moglie 38 davanti a lui e ai due fratelli

GRAVINA DI CATANIA (CATANIA)17 settembre 201912:17

– Un ragazzo di 17 anni ha fatto arrestare il padre che per l’ennesima volta stava malmenando la madre davanti a lui e ai suoi due fratelli di 16 e 4 anni. Il ragazzo ha chiamato il 112 ed ha così permesso ai militari di bloccare l’uomo, di 42 anni. E’ accaduto a Gravina di Catania (Catania), in un’abitazione di Via Fratelli Bandiera. Sul posto è intervenuto anche il 118. L’arrestato, accusato di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e minacce, dopo la convalida del Gip è stato posto ai domiciliari in un’abitazione diversa da quella familiare.

Contadino:”Neonato volutamente nascosto””Ho chiamato il 112. Una vera tragedia”

BOLZANO17 settembre 201912:25

– “E’ una vera tragedia. Che dolore.
Io amo troppo i bambini”. Lo ha detto con la voce rotta dal pianto Oswald Verdorfer, il contadino di Lana che ha trovato il cadavere del neonato sotto un cespuglio a due passi dal suo maso. “Di certo è stato volutamente nascosto”, ha aggiunto.
“Due turisti, dopo essersi fermati nel nostro locale, hanno proseguito per la loro strada. Dopo pochi metri – ha raccontato l’uomo – la donna ha notato qualcosa in un cespuglio e ha chiamato il marito che si è avvicinato e ha capito che si trattava di un bambino. A questo punto mi hanno chiamato e non mi è rimasto altro che chiamare il 112”. “Il corpicino – ha aggiunto con la voce rotta dal pianto – era nascosto sotto il cespuglio, era nudo, ma pulito, un maschietto piuttosto grande.
Io non me la sono sentita di guardare, ero sotto shock. L’uomo invece ha controllato il polso e ha detto che il corpicino era freddo”. “Qui passano tanti turisti, ma proprio non so chi possa avere fatto questo”, ha detto.

Anziana violentata, indagati 2 minorenniI due ragazzi condotti in un centro di prima accoglienza

MESSINA17 settembre 201912:26

– Erano partiti per compiere una rapina e alla fine hanno anche abusato di una donna di 90 anni che aveva tentato di resistere all’aggressione di due minorenni.
Ridotta in gravi condizioni, la donna è stata salvata dalla polizia avvertita dalla figlia e ora è in ospedale per ferite, escoriazioni e fratture multiple. I due ragazzi, uno di 17 anni e l’altro di 14, sono stati individuati e condotti in un centro di prima accoglienza presso il Tribunale per i minorenni di Messina.

Milano, estate più calda ultimo decennioGiornata record il 27 giugno con 37,7 gradi

MILANO17 settembre 201912:33

– A Milano l’estate 2019 è stata la più calda dell’ultimo decennio, a pari merito con il 2017, e la seconda più calda degli ultimi 122 anni dopo quella del 2003.
Sono i dati forniti dall’Osservatorio Meteorologico Milano Duomo.
La temperatura media della stagione compresa tra il primo giugno e il 31 agosto 2019 è stata infatti di 26.5 gradi, superiore di 2.4 gradi alla media di riferimento; il 27 giugno il giorno più caldo (37.7 gradi).
Tutti e tre i mesi sono stati più caldi della norma, ma particolarmente significativo è stato il contributo di giugno, che con 26.2 gradi di media (+3.6 rispetto al dato tipico del periodo) risulta il secondo giugno più caldo dal 1897 a oggi.

Bambina chiusa in auto, Polizia la salvaMadre lasciato chiavi e piccola aveva chiuso portiere da interno

CROTONE17 settembre 201912:39

– Una bambina di 18 mesi chiusa accidentalmente in un’auto parcheggiata sotto il sole è stata salvata dall’intervento del agenti della Questura di Crotone.
L’episodio si è verificato nel pomeriggio di ieri, quando al 113 è giunta la chiamata di una madre disperata per la figlia intrappolata nel veicolo. La mamma ha spiegato ai poliziotti di essere scesa dall’auto lasciando accidentalmente le chiavi all’interno e la piccola, sul seggiolone del sedile anteriore, aveva premuto il tasto di chiusura delle portiere. La presenza di passanti e curiosi ha anche agitato la bambina, che per questo si è messa a piangere. Gli agenti hanno prima allontanato i curiosi cercando di calmare la piccola e poi hanno deciso di rompere il lunotto dell’auto per evitare che i vetri ferissero la bambina. La donna, dopo avere riabbracciato la figlia, visto che stava bene, ha rifiutato l’intervento del 118 cui è dovuto ricorrere, invece, l’agente che ha salvato la piccola ferendosi ad una mano.

Sede Ingv all’Università di CamerinoIstituzionalizzata collaborazione per didattica e ricerca

CAMERINO (MACERATA)17 settembre 201912:57

– L’Istituto di Geofisica e Vulcanologia-Ingv apre una nuova sede presso l’Università degli Studi di Camerino. Approvata dai Consigli di Amministrazione dei due Enti, la sede sarà situata presso la Sezione di Geologia della Scuola di Scienze e Tecnologie di Unicam. Grande soddisfazione del rettore Unicam prof. Claudio Pettinari e del presidente Ingv prof. Carlo Doglioni, che hanno fortemente voluto rafforzare e istituzionalizzare la collaborazione in essere tra i due Enti. “Una grande opportunità per la Geologia e le Scienze dell’Università di Camerino”, afferma il prof.
Emanuele Tondi, docente Unicam, direttore della nuova Sede Ingv.
La collaborazione sarà rivolta all’offerta didattica e all’attività di ricerca su temi specifici d’interesse anche del territorio”. Per l’Ingv, osserva Doglioni, “la collaborazione con enti di ricerca che condividono stessi interessi scientifici è fondamentale per un progresso costante delle ricerche che necessitano della interazione di più discipline”.

Guardia costiera salva 90 migrantiMotovedette italiane verso La Valletta con i soccorsi

17 settembre 201913:03

– Su richiesta delle autorità maltesi, le motovedette della Guardia costiera italiana hanno soccorso la scorsa notte un barchino con a bordo 90 migranti in acque Sar di Malta ma quando la Guardia Costiera ha chiesto a La Valletta di inviare un pattugliatore per il trasbordo delle persone recuperate, Malta ha risposto negativamente. Le navi italiane stanno comunque dirigendosi verso l’isola. Il Centro di coordinamento del soccorso marittimo maltese, informa la Guardia costiera, “dopo aver formalmente dichiarato l’assunzione del coordinamento dell’evento Sar, richiedeva alla autorità italiana la disponibilità e l’impiego di assetti navali a supporto di un proprio pattugliatore che dichiaravano aver dirottato in zona”. Ma una volta terminato il soccorso e aver chiesto un punto d’incontro con il pattugliatore, Malta non ha risposto. Al momento dunque le unità della Guardia Costiera con a bordo i migranti salvati stanno facendo rotta verso Malta in attesa di definizione del luogo di sbarco”.

Facebook deve risarcire azienda italianaGiudici Milano, 350mila euro per aver copiato un’applicazione

17 settembre 201913:11

– Facebook è stata condannata a risarcire con 350mila euro una società dell’hinterland milanese di sviluppo software, la Business Competence, dalla quale il colosso statunitense ha copiato, secondo i giudici, un’applicazione che propone agli utenti bar e ristoranti di loro interesse e vicini. Lo ha deciso la sezione specializzata imprese del Tribunale nel procedimento sulla quantificazione del danno. In primo grado e in appello nel merito la società, con l’avvocato e professore Marco Spolidori, ha già vinto.

Fuggì da Questura, arrestato in SpagnaSquadra Mobile Torino rintraccia gabonese vicino Valencia

TORINO17 settembre 201913:14

– E’ stato rintracciato in Spagna, vicino Valencia, l’uomo che lo scorso 4 giugno a Torino, al termine di un interrogatorio in Questura per una violenza sessuale, era fuggito lanciandosi dal primo piano con un salto di 7 metri.
“E’ stato individuato dopo una ventina di giorni – spiega il dirigente della Squadra Mobile, Marco Martino – Si è atteso che le procedure internazionali ne consentissero la cattura e si è dato carta bianca ai poliziotti spagnoli per l’arresto”.
Gli agenti l’hanno trovato a Torreveja, in una casa vicina a quella della sorella. Per fermarlo la polizia è stata costretta a ammanettargli anche i piedi.
Il 35enne, origini gabonesi, ha detto di chiamarsi Lay Moussa. In Spagna aveva un permesso di soggiorno come Diallo Pape. Calciatore in una squadra dilettantistica del Senegal che si allena a Torino, in una figurina compare col nome Fall Pape Bilal. Era stato fermato con l’accusa di aver violentato una marocchina, ‘merce di scambio per pagare dosi di crack’.

Caduto da terrazzo, riaperta inchiestaFascicolo con ipotesi di morte conseguente ad altri reati

CAGLIARI17 settembre 201913:17

– La Procura di Cagliari ha riaperto il fascicolo sulla morte di Mattia Ennas, il ventenne di Quartu Sant’Elena trovato senza vita all’alba di domenica 25 agosto dopo essere precipitato da un palazzo di via Binaghi, nel quartiere di Mulinu Becciu. Inizialmente l’indagine era stata chiusa indicando il suicidio come causa del decesso, ma ora il pubblico ministero Enrico Lussu ha in mano nuovi elementi per la riapertura del caso.
Tutto è partito dalla denuncia dei genitori del 20enne sulla scomparsa del telefonino e dei documenti del figlio, a cui si sono poi aggiunte una serie di testimonianze raccolte dal padre e dalla madre del ragazzo, che si sono affidati all’avvocato Gianfranco Piscitelli. Al momento non ci sono indagati: la Procura procedere con l’ipotesi di morte in conseguenza di altri reati e di furto.

Aspirante notaio e pusher, nuovo arrestoCondannato a 3 anni e mezzo, continuava a spacciare a Torino

TORINO17 settembre 201913:31

– Nuovi guai per Francesco Maccarone, di giorno aspirante notaio e pusher di notte. Arrestato nel 2017 per spaccio di droga, nelle scorse ore è di nuovo finito in manette. Gli agenti della squadra mobile l’hanno fermato in corso Sebastopoli, a Torino, mentre vendeva 20 grammi di cocaina a un cliente.
Durante la perquisizione nella sua abitazione, i poliziotti hanno trovato altri 20 grammi di droga e un bilancino di precisione. Il 37enne di Grugliasco, che di giorno studiava come notaio e la sera si trasformava in pusher della movida, il 5 marzo 2018 era stato condannato in primo grado a tre anni e sei mesi. Nonostante la decisione del giudice, Maccarone ha continuato a spacciare lasciando però il centro cittadino per spostarsi nel quartiere Santa Rita.
“Mi rincorrono e baciano i piedi come Padre Pio per la qualità di stupefacente che ho”, era solito dire l’aspirante notaio, che è stato arrestato insieme al suo cliente.

Ragazzo eroe ricevuto in Prefettura LodiCardona, ‘gli diciamo grazie per l’esempio che ha dato’

LODI17 settembre 201913:32

– Angel Micael Vargas Fernandez, il 20enne che sabato scorso ha salvato la vita a un bimbo precipitato dal balcone di casa a Casalmaiocco (Lodi), è stato ricevuto dal prefetto di Lodi Marcello Cardona, assieme a diversi sindaci della zona. “Noi diciamo a questo giovane ‘grazie” – ha detto il prefetto – Questa parola racchiude il sentimento di tutti noi, per quello che ha fatto, per l’esempio che ha dato. Tutto parte dalla sua generosità intellettuale, dal suo altruismo. Ma il più importante grazie lo riceverà tra qualche anno, quando il piccolo Kevin capirà cosa gli sia successo. E’ chiaro che a Angel dirà grazie anche lui e sarà il grazie più importante”. Il prefetto ha anche ringraziato la famiglia di Angel per aver scelto l’Italia come posto dove vivere e ha voluto raccontare anche che Angel appena accaduti i fatti, sentendolo non si è vantato ma ha voluto sottolineare come sia stato aiutato da un bambino, che il prefetto ha spiegato di voler incontrare, e da alcuni operai che si trovavano lì vicino.

Procura, segni violenza su neonatoIndagini in corso per ricostruire i fatti

BOLZANO17 settembre 201913:40

– “Il corpo del bambino mostrava segni di violenza”. Lo afferma la procura di Bolzano in una nota dopo aver disposto l’autopsia sul piccolo trovato morto in una scarpata nei pressi di Merano. A scoprire il corpicino “nascosto in un cespuglio”, sottolinea ancora la procura, è stata ieri “una turista tedesca, mentre passeggiava con il cane”. La donna ha avvisato i Carabinieri e sono state avviate immediatamente le indagini. “Sono in corso ulteriori accertamenti per una più approfondita ricostruzione dei fatti” concludono i pm.

Molestie alla ex, arrestato 20enneNonostante denuncia tenta aggressione, fermato dalla Polizia

PARMA17 settembre 201913:47

– Un ragazzo di venti anni di Parma è finito in manette per stalking e resistenza a pubblico ufficiale. Non si era rassegnato alla fine di un flirt, durato solo un paio di mesi, con una ragazza di 19 anni e ad inizio agosto aveva iniziato a molestarla, seguirla per strada arrivando anche ad entrare nel giardino del suo condominio lanciando pietre verso le finestre.
La giovane aveva così presentato una denuncia alla Polizia ma ugualmente sabato, mentre la diciannovenne stava per raggiungere un gruppo di amici in un parco nel centro storico di Parma, il ragazzo si è presentato ed ha tentato di aggredirla. Il ventenne si è data alla fuga ed ha chiamato il 113. All’arrivo di una pattuglia delle Volanti il giovane, che ancora stava molestando la ragazza, ha aggredito anche gli agenti tanto che è stato necessario immobilizzarlo e caricarlo sulla vettura di servizio.

Migranti: Ocean Viking ne soccorre 48, anche un neonatoA 53 miglia da coste libiche su barca in difficoltà

17 settembre 201914:11

La Ocean Viking, nave di Sos Mediterranee e Medici senza frontiere, ha soccorso 48 migranti su una barca in difficoltà a 53 miglia dalle coste libiche. Ci sono donne, bambini molto piccoli ed un neonato: ora sono tutti a bordo della Ocean Viking che è diretta a verificare un altro possibile intervento di soccorso in mare, informa Msf.Intanto la scorsa notte, su richiesta delle autorità maltesi, unità della Guardia costiera italiana hanno soccorso un barchino con a bordo 90 migranti in acque di responsabilità di Malta. Successivamente, la Guardia Costiera ha chiesto a La Valletta di inviare un pattugliatore per il trasbordo delle persone recuperate, ma Malta per ora ha risposto negativamente. Le navi italiane stanno comunque dirigendosi verso l’isola.Dieci migranti tunisini sono arrivati autonomamente nel porto di Lampedusa alle 2 circa di questa notte, a bordo di un piccolo barchino. Sono scesi dall’imbarcazione seguendo le direttive degli uomini della Capitaneria di porto e successivamente sono stati accompagnati all’interno del centro di accoglienza hot spot dell’isola. Ieri mattina sono stati trasferiti 70 migranti che erano ospitati nel centro di accoglienza con la nave di linea che collega giornalmente Lampedusa con il resto della Sicilia. Anche per oggi sono previsti trasferimenti per cercare di riportare il numero dei migranti a quanti ne possono essere ospitati in sicurezza.

Segrega ex e bimba, poi violenta donnaNel Napoletano uomo aveva già divieto di avvicinamento

NAPOLI17 settembre 201914:11

– Ha tenuto ‘prigioniere’ per 12 ore in auto la sua ex compagna, picchiandola ripetutamente, e la figlia di due anni. Poi, dopo aver girato per la città senza meta, è tornato a casa e lì ha violentato la sua ex. E’ accaduto a Varcaturo, nel Napoletano. Nei confronti dell’uomo c’era già un divieto di avvicinamento alla donna disposto dal Tribunale dopo che per mesi l’aveva perseguitata. Ora il 27enne è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale, sequestro di persona e stalking.

Ultrà Juve, niente Madrid per protestaDopo arresto capi Curva Sud stop alla trasferta in Spagna

TORINO17 settembre 201914:16

– Gli ultrà della Juventus diserteranno gli spalti del Wanda Metropolitano di Madrid, dove domani sera i bianconeri affronteranno l’Atletico Madrid nella prima gara dei gironi della Champions League. Secondo quanto si apprende in ambienti giudiziari, i pochi che, nonostante i costi elevati della trasferta, avevano deciso di seguire la squadra, resteranno a casa in segno di protesta per gli arresti che ieri hanno azzerato i vertici della Curva Sud.

Droga,arrestato uomo vicino a PiscitelliSi tratta di David Barberis

17 settembre 201914:26

– C’è anche un personaggio legato all’ex capo ultras della Lazio, Fabrizio Piscitelli, ucciso in un agguato il 7 agosto scorso a Roma, tra i 21 arrestati nella operazione antidroga di questa mattina. Si tratta di David Barberis, di professione personal trainer, ma secondo gli inquirenti legato a Arben Zogu e Piscitelli con i quali gestiva le piazze di spaccio nella zona di Ponte Milvio e nel centro di Roma. L’operazione della squadra mobile, coordinata dal procuratore facente funzione Michele Prestipino e dal sostituto Nadia Plastina, ha riguardato le zone di spaccio della Maranella, Torpignattara, Fonte Nuova e Pietralata.

Bus fuori strada nel Pescarese, feritiSul posto 118 e Vigili del Fuoco per estrarre persona da lamiere

SPOLTORE (PESCARA)17 settembre 201914:35

– Un autobus di linea della Tua, l’azienda unica del trasporto abruzzese, è rimasto coinvolto in un incidente avvenuto sulla strada provinciale che da Spoltore (Pescara) porta in località Caprara. Il mezzo, carico di passeggeri, sarebbe uscito di strada. Secondo le prime informazioni dei soccorritori ci sono alcune persone ferite. Una ragazzina, in particolare, sarebbe rimasta incastrata tra le lamiere. Sul posto ci sono le ambulanze del 118 e i Vigili del fuoco, intervenuti anche con l’elicottero su cui è stata caricata la persona estratta dalle lamiere. Sul posto anche la Polizia locale di Spoltore. La strada è stata chiusa al traffico.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

LAMPEDUSA: SBARCATI 10 MIGRANTI

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 1 minuto

LAMPEDUSA: SBARCATI 10 MIGRANTI

SONO SBARCATI A LAMPEDUSA IN AUTONOMIA 10 MIGRANTI TUNISINI QUESTA NOTTE, CIRCA ALLE 02:00, A BORDO DI UN PICCOLOBARCHINO

AGGIORNAMENTO IN “CRONACA” DELLE 07:51 DI MARTEDì 17 SETTEMBRE 2019

LAMPEDUSA: SBARCATI 10 MIGRANTI

LAMPEDUSA (AGRIGENTO)

– Dieci migranti tunisini sono arrivati autonomamente nel porto di Lampedusa alle 2 circa di questa notte, a bordo di un piccolo barchino.
Sono scesi dall’imbarcazione seguendo le direttive degli uomini della Capitaneria di porto e successivamente sono stati accompagnati all’interno del centro di accoglienza hot spot dell’isola.
Ieri mattina sono stati trasferiti 70 migranti che erano ospitati nel centro di accoglienza con la nave di linea che collega giornalmente Lampedusa con il resto della Sicilia. Anche per oggi sono previsti trasferimenti per cercare di riportare il numero dei migranti a quanti ne possono essere ospitati in sicurezza.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE: Giù da ponteggio, muore operaio Terremoto di magnitudo 3.2 nel Cosentino

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 1 minuto

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: LEGGILE, SEGUILE, CONDIVIDILE!

DALLE 20:16 DI LUNEDì 16 SETTEMBRE 2019

ALLE 02:12 DI MARTEDì 17 SETTEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Giù da ponteggio, muore operaio
Lavorava fuori da abitazione, è caduto da 15 metri altezza

BRESCIA16 settembre 2019 20:16

– Un operaio è morto precipitando da un ponteggio. È accaduto a Mura, in Vallesabbia nel Bresciano.
La vittima, 53enne di origini rumene ma residente nel Bresciano mentre la famiglia vive in Romania, stava lavorando all’esterno di un’abitazione quando è caduto da un’altezza di circa 15 metri.

Terremoto di magnitudo 3.2 nel CosentinoDopo la mezzanotte vicino Diamante, nessun danno segnalato

17 settembre 201901:08

– Una scossa di terremoto di magnitudo 3.2 è stata registrata a 00:39 sulla costa ovest della Calabria, in provincia di Cosenza.
Secondo i rilevamenti dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), il sisma ha avuto ipocentro a 273 km di profondità ed epicentro 3 km a sudest di Diamante.
Non si segnalano danni a persone o cose.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 29 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: LEGGILE, SEGUILE, INFORMATI, CONDIVIDILE!

DALLE 08:14 ALLE 20:16 DI LUNEDì 16 SETTEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Frode fiscale, arrestati 3 imprenditori
Operazione della Gdf di Parma, sequestri per 10 milioni

PARMA16 settembre 2019 08:14

– Una frode fiscale nel settore metalmeccanico e dell’impiantistica industriale è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Parma, che sta eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari nei confronti di tre imprenditori della zona. Sono accusati di associazione per delinquere finalizzata alla frode fiscale ed alle false fatturazioni. Nell’operazione chiamata ‘Efesto’ sono in corso anche sequestri per equivalente, fino a concorrenza delle imposte evase, per oltre 10 milioni, su conti correnti, depositi e immobili riconducibili agli indagati. Le indagini, dirette e coordinate dalla Procura di Parma, hanno consentito individuare un articolato meccanismo di frode con cui il gruppo forniva, a grandi aziende operanti nel territorio emiliano, servizi e manodopera a prezzi concorrenziali.

Drone tra Fori Imperiali e ColosseoDenunciato un turista di 23 anni, sequestrato il velivolo

ROMA16 settembre 201909:47

– Ad una settimana dall’ultimo episodio, un altro drone ha sorvolato l’area monumentale tra Fori Imperiali e Colosseo. A pilotarlo un turista cinese di 23 anni che, ieri pomeriggio, è stato denunciato dai carabinieri del Comando Roma Piazza Venezia.
Sorpreso dagli addetti alla vigilanza privata in servizio nel sito archeologico, il giovane è stato poi fermato dai carabinieri e denunciato. L’accusa è di violazione di divieto di sorvolo. Sequestrati sia il velivolo, munito di telecamera, che il telecomando con il quale il 23enne lo manovrava da remoto.

B.B. King, è per il re del Blues il doodle di GoogleOggi la leggenda della musica avrebbe compiuto 94 anni

16 settembre 201912:21

B. B. King oggi avrebbe compiuto 94 anni. Era nato il 16 settembre del 1925 in Mississippi ed è diventato il Re del Blues.Per omaggiare una leggenda della musica, in occasione dell’anniversario della sua nascita, Google gli dedica un doodle animato.L’addio al grande artista il 15 maggio del 2015 a Las Vegas.
B.B. King, la leggenda del blues che ha ispirato decine di musicisti, ha avuto 60 anni di una carriera che lo ha portato dalle piantagioni di cotone alla leggenda.
Apparteneva a quella straordinaria generazione di musicisti che aveva elettrificato il Blues e lo aveva trasformato in musica urbana ponendo di fatto le basi per quello che oggi è il rock’n’roll: l’influenza esercitata è immensa, a cominciare dai grandi padri del rock inglese che si sono formati studiando nota per nota il repertorio di questi musicisti. Secondo me, di seguito, uno dei suoi brani più significativi:Invece, qui, uno dei suoi Live più emozionanti, sempre secondo me:

Riley B. King (il suo vero nome) è stato uno dei chitarristi più celebri e importanti di sempre: con la sua Lucille (la leggendaria Gibson 335 ribattezzata così, pare, con il nome di una ragazza per la quale due uomini avevano litigato provocando un incendio in cui aveva rischiato di morire) aveva creato uno stile più morbido e chiaramente ispirato al jazz e al rhythm and blues rispetto a quello, decisamente più “rootsie” di gente come Muddy Waters e Howlin’ Wolf. Uno stile fatto di glissati e note lunghe, creato con un inconfondibile tecnica della mano sinistra sul manico.

A questo modo di suonare puramente solistico faceva da contrasto il suo modo di cantare da “shouter”, forgiato sul modello dei cantanti da big band. Musicalmente parlando, si era formato a Memphis. B.B., il suo nome d’arte, era l’abbreviazione di Blue Boy ma in principio era l’abbreviazione di Beale Street Blues Boy: Beale Street a Memphis è la strada dei club di blues e ancora oggi è uno dei luoghi principali del culto di B.B. King. Di questo culto uno degli adepti più devoti è stato Eric Clapton che nel 2000 ha registrato un album con lui e nel 2005 ha partecipato, insieme a Van Morrison, Billy Gibbons, Sheryl Crow, Darryl Hall & John Oates, John Mayer, Mark Knopfler, Glenn Frey, Gloria Estefan, Roger Daltrey, Bobby Bland ed Elton John al disco celebrativo per l’80mo compleanno.

La lista dei personaggi che hanno suonato con lui va da Luciano Pavarotti a Bruce Willis, da Zucchero a David Gilmour, da Slash a Phil Collins passando per il Gotha della musica nera, compresi Ray Charles, Aretha Franklin, Chaka Khan, Bobby Bland ed Etta James con cui ha dato vita a una versione memorabile di “Thrill Is Gone”, il suo più grande successo insieme a “Sweet Little Angel” e alla trascinante versione di “Everyday I Have The Blues”. Certamente uno dei picchi di celebrità lo ha toccato nel 1988 grazie agli U2 che insieme a lui registrarono “When Love Comes To Town”, ai tempi di “Rattle And Hum”. Come molti musicisti neri della sua generazione, a parte le collaborazioni, B.B. King è sempre rimasto fedele a un modo classico di fare musica. Che vuol dire: concerti, concerti, concerti. Era sempre in tournée, si era rassegnato solo da poco a non viaggiare in pullman con i suoi orchestrali e solo perché lo aveva costretto la figlia preoccupata dal suo stato di salute. Un suo concerto era come un appuntamento con un vecchio amico: l’orchestra cominciava a swingare un brano, l’annuncio, l’ingresso in scena sparando note dalla sua Lucille mentre i trombettisti suonavano ballando. Lui sempre sorridente e sudatissimo, con le sue giacche damascate e le manone a dispensare prelibatezze swing, cantava i suoi classici con le tasche piene di quelle spillette a forma di Lucille che per anni sono state uno degli oggetti più concupiti dai fan. Era davvero una leggenda ma non concepiva una vita lontano dal palco: è andato avanti fino all’ultimo, sfidando il diabete e gli acciacchi dell’età e di una carriera lunghissima, vissuta senza gli agi delle star. Lucille non suona più e il mondo ha perso uno degli ultimi grandi di una generazione che ha cambiato la storia della musica.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Neonato morto,forse da madre in scarpata
Nel Beneventano, secondo i Cc lo avrebbe colpito a bastonate

BENEVENTO16 settembre 201910:38

– Un neonato di 4 mesi è stato trovato morto in un fossato lungo al statale Telesina, all’altezza di Solopaca, nel Beneventano. Secondo i carabinieri, una donna di 34 anni – probabilmente la madre – dopo aver urtato con l’auto il guardrail si sarebbe fermata e avrebbe lanciato il neonato nella scarpata. Poi sarebbe scesa nel dirupo e lo avrebbe colpito a bastonate. L’allontanamento della donna, insieme con il piccolo, era stato denunciato qualche ora prima dal convivente nell’Avellinese. La donna è piantonata in ospedale.

Permesso a killer, anche provino calcioCinque in tutto quelli concessi dopo condanna per omicidio

NAPOLI16 settembre 201910:39

– Sono cinque i permessi di uscita dall’istituto penale dov’è ristretto, concessi al giovane neo 18enne condannato per l’omicidio del vigilante Francesco Della Corte. Uno l’ha utilizzato per sostenere un provino per una società calcistica del Beneventano. In un altro ha pranzato con la famiglia in un ristorante dello stesso comune dove si trova il carcere minorile in cui sta scontando la pena e dove ha iniziato un percorso di riabilitazione che, secondo la famiglia del vigilante, non avrebbe ancora prodotto frutti.

Cc ucciso: Natale rinuncia al RiesameResta in carcere. Legale, nuovi atti dalla Procura

ROMA16 settembre 201911:31

– Rinuncia all’udienza del Riesame Gabriel Natale Hjorth, il giovane americano accusato di concorso in omicidio assieme a Finningan Lee Elder del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, ucciso a Roma il 26 luglio scorso. Natale resta, quindi, in carcere. “Una decisione – spiega l’avvocato Francesco Petrelli – perché la Procura ha depositato nuovi atti al ridosso dell’udienza e il nostro assistito ne ha avuto conoscenza dalla tv. La Procura inoltre ci ha comunicato che c’è ancora attività istruttoria in corso e noi a serve tempo per analizzare con i nostri consulenti i documenti agli atti”. La difesa fa riferimento anche ai risultati preliminari dell’attività del Ris che ha individuato impronte di Natale sul pannello del controsoffitto della stanza dell’albergo dove alloggiava con Elder e dove è stato nascosto il coltello utilizzato per colpire il carabiniere.

Genitori, “via le maestre indagate”Scoppia il caso in istituto infanzia a Budoni, in Sardegna

NUORO16 settembre 201911:41

– Inizia l’anno scolastico oggi in Sardegna e i genitori di 15 bambini della scuola dell’infanzia di Budoni, sulla costa nord orientale dell’Isola, dichiarano ‘guerra’ alle due maestre accusate di presunti maltrattamenti sugli alunni, reintegrate in servizio dal tribunale del Riesame di Sassari dopo una misura interdittiva decisa dal Gip di Nuoro.
Attraverso un legale, i genitori – riferiscono i quotidiani L’Unione Sarda e La Nuova Sardegna – si sono rivolti al ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti con una “richiesta di verifica e adozione di provvedimenti urgenti”.
La stessa missiva è stata inviata al Provveditorato, all’assessore regionale alla Pubblica Istruzione, Andrea Biancareddu, e al sindaco di Budoni, Giuseppe Porcheddu.
L’obiettivo delle famiglie è quello di ottenere il trasferimento delle due maestre. In caso contrario, sono pronte a portar via i loro figli dalla scuola.

Marco Carta chiede processo abbreviatoIstanza in prima udienza del 20 settembre per furto magliette

MILANO16 settembre 201912:01

– Ha scelto di essere processato con rito abbreviato il cantante Marco Carta, imputato a Milano, assieme ad un’amica, per un furto di magliette avvenuto il 31 maggio alla Rinascente. Furto per il quale era stato arrestato, arresto poi non convalidato dal giudice. L’istanza di abbreviato (processo a porte chiuse sulla base degli atti raccolti e con sconto in caso di condanna) condizionata all’acquisizione delle immagini delle telecamere sarà depositata dal legale Simone Ciro Giordano nella prima udienza del 20 settembre.

Papa: fa cenno a recente crisi, pregatePolitici e vescovi talvolta insultati, ‘qualcuno se lo merita’

CITTA’ DEL VATICANO16 settembre 201912:08

– Chi è al governo “ha la responsabilità di condurre il Paese”: e noi “lo lasciamo solo, senza chiedere che Dio lo benedica?”. Lo ha detto Papa Francesco nell’omelia della messa a Santa Marta ricordando come gli italiani abbiano vissuto da poco “una crisi di governo”.
“Sono sicuro” – ha proseguito – che non si preghi per i governanti, anzi: sembrerebbe che la preghiera ai governanti sia “insultarli”. Ci sono politici ma anche preti e vescovi, ha notato il Papa, che sono insultati, “qualcuno se lo merita”, ha aggiunto, ma ormai è “come un’abitudine”, richiamando quello che definisce un “rosario di insulti e di parolacce, di squalificazioni”. Per il Papa “si deve discutere e questa è la funzione di un Parlamento, si deve discutere ma non annientare l’altro; anzi si deve pregare per l’altro, per quello che ha un’opinione diversa dalla mia”. C’è chi afferma che la “politica è sporca” ma Paolo VI riteneva che fosse “la forma più alta della carità”.

Studenti con boccaglio in 50 cittàFlash mob per dire che “abbiamo l’acqua alla gola”

16 settembre 201912:10

– In 50 città da Padova a Palermo, da Firenze a Roma, Rete degli Studenti Medi e Unione degli Universitari hanno attuato un flash mob davanti alle scuole e alle università con maschera e boccaglio per dire che “Abbiamo l’acqua alla gola”. “Questo per colpa del surriscaldamento globale, ma anche perché annaspiamo in un sistema scolastico sottofinanziato, vecchio e inadatto a rispondere alle nostre esigenze”, dice Enrico Gulluni, Coordinatore dell’Unione degli Universitari. “Il “governo del cambiamento” nell’ultimo anno – prosegue – non ci ha trascinati nell’abisso, riducendo ancora di più gli investimenti in istruzione pubblica e ignorando le grandi mobilitazioni giovanili che chiedevano giustizia climatica. È ora di invertire la rotta”. Per Federico Allegretti, Coordinatore della Rete degli Studenti Medi, questo è il motivo del “perché, oggi siamo davanti alle scuole e alle università di 50 città con maschera e boccaglio. Aderiamo con entusiasmo al al terzo Global Strike for Future del 27 settembre”.

Fioramonti, studenti sappiano innovare’Generazioni future dovranno immaginare un mondo diverso’

SIENA16 settembre 201912:18

– “Abbiamo bisogno di una generazione di studenti che sia capace di innovare, ritengo che le generazioni future dovranno davvero immaginare un mondo ed un’economia diversi, un modello ed un paese diversi”. Così il ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti nel giorno della prima campanella in Toscana e in altre regioni d’Italia intervenendo a margine della Siena Summer school on sustainable development organizzata dall’Università di Siena al Santa Chiara Lab. “Conto molto sulla loro capacità creativa e sul loro impegno per poter dare anche a noi che oggi siamo al governo del paese delle idee innovative per come risolvere i problemi” ha aggiunto Fioramonti prima di tenere una lectio magistralis.
“Oggi inizia un percorso formativo che è il momento migliore della vostra vita, investire nella scuola significa investire nei legami sociali, nella capacità di partecipare”, ha concluso il ministro.

Cassazione: no a sorveglianza PapaliaRespinto ricorso Pg Milano per cosiddetto ‘padrino’ Buccinasco

MILANO16 settembre 201912:27

– Nessuna sorveglianza speciale per Rocco Papalia, definito il ‘padrino’ di Buccinasco (Milano), considerato uno dei più importanti capi della ‘ndrangheta al nord e scarcerato nel maggio 2017 dopo 26 anni di detenzione. Lo ha confermato la Cassazione dichiarando “inammissibile” un ricorso della Procura generale di Milano contro una sentenza della Corte d’appello milanese che aveva revocato la misura di prevenzione di pubblica sicurezza, per assenza di pericolosità sociale. Nel frattempo nel luglio 2018 il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha disposto, comunque, per il boss la misura di sicurezza detentiva della “casa di lavoro”, assimilabile al carcere, per due anni. Nel respingere il ricorso della Procura generale la Suprema Corte spiega che i giudici di secondo grado hanno correttamente motivato il no alla sorveglianza speciale chiarendo che “gli elementi significativi della caratura criminale” di Papalia “risalgano agli inizi degli anni duemila” e che ha scontato una “detenzione più che ventennale”.

Maltrattata in famiglia, due denunciatiNel Senese, per la donna è scattato il codice rosso

SINALUNGA (SIENA)16 settembre 201912:30

– I carabinieri di Sinalunga (Siena) hanno denunciato per maltrattamenti in famiglia un 54enne italiano e il figlio 18enne, già con precedenti denunce a carico nonostante la giovane età. La denuncia è scattata a seguito delle dichiarazioni rilasciate dalla moglie 57enne dell’uomo al personale sanitario dell’ospedale Nottola di Montepulciano (Siena), dove la donna si era recata il 3 settembre scorso per una visita a causa delle lesioni subite. Dalle indagini dei carabinieri, anche attraverso l’ascolto di vicini di casa, sono emersi elementi di prova in merito alle condizioni di vita familiare che la donna era costretta a subire. Per la 57enne è stata attivata la procedura del codice rosso, secondo le recenti previsioni di legge.

Dj suicida: periti, si è impiccatoIndagine ter dopo due archiviazioni, per famiglia è stato ucciso

LECCE16 settembre 201913:22

– “Morte asfittica per impiccamento, del tutto attendibilmente di natura suicidaria”. E’ la conclusione che compare sul referto dell’autopsia compiuta a maggio sul corpo riesumato di Ivan Ciullo, in arte Navi, depositata dai periti nominati dalla Procura di Lecce, i medici legali Francesco Introna e Alberto Tortorella. Il corpo del dj salentino fu trovato impiccato ad un albero di ulivo il 22 giugno 2015 nelle campagne di Acquarica del Capo.
Il risultato dell’autopsia è di segno opposto rispetto alle conclusioni a cui erano giunti nei mesi scorsi i consulenti della famiglia del dj, per i quali il giovane sarebbe stato ucciso per strangolamento. I legali della famiglia hanno annunciato il deposito di una memoria tecnica con relative osservazioni per contestare l’esito delle conclusioni dei periti. Sulla base degli accertamenti prodotti dalla famiglia della vittima, l’indagine sulla morte di Ciullo è stata riaperta nei mesi scorsi dopo che per due volte era stata archiviata come suicidio.

Vaccini, primi alunni sardi respintiDivieto di ingresso in istituti d’infanzia a Cagliari

CAGLIARI16 settembre 201912:37

– Primo giorno di scuola in Sardegna. E primi alunni respinti all’ingresso – almeno qualche decina – perché non in regola con i vaccini. Lo conferma il responsabile delle vaccinazioni dell’Ats Gabriele Mereu. “Sono stati giorni caldissimi con gli ambulatori affollati – spiega – Molto spesso si trattava di casi di vaccini non effettuati per distrazione. Ma ci sono stati anche diversi casi di inadempienza. E già da oggi per loro è scattato il divieto di ingresso a scuola”.
Divieto che vale solo per la scuola dell’infanzia, sino ai cinque anni: per i più grandi le porte degli istituti rimarranno aperte. Ma le famiglie saranno inevitabilmente multate. “Bisogna dire però che la Sardegna – sottolinea Mereu – ha numeri molto elevato di vaccinazioni, in alcuni casi eccellenti”. Gli ambulatori dell’ospedale Binaghi di Cagliari sono stati presi d’assalto: in alcuni giorni si è toccato quota 180 persone con oltre trecento vaccinazioni effettuate.

Naufragio bambini,2 ufficiali a giudizioSono i responsabili sale operative Guardia Costiera e Marina

16 settembre 201913:26

– Il gup di Roma ha rinviato a giudizio l’ufficiale responsabile della sala operativa della Guardia Costiera, Leopoldo Manna, e il comandante della sala operativa della Squadra navale della Marina, Luca Licciardi, in relazione al processo sul naufragio dell’ottobre del 2013, dove morirono 268 persone tra cui 60 bambini. Si trattava di migranti siriani che scappavano dalla guerra civile. Ai due imputati il pm Sergio Colaiocco contesta i reati di rifiuto d’atti d’ufficio e omicidio colposo. Il processo è stato fissato al prossimo 3 dicembre davanti alla seconda sezione penale del Tribunale di Roma.

Morta per errata trasfusione di sanguePlasma sarebbe stato scambiato con quello di un altro paziente

VIMERCATE (MONZA)16 settembre 201913:29

– Una donna di 84 anni è morta a seguito di una presunta errata trasfusione di sangue, venerdì scorso all’ospedale di Vimercate, in provincia di Monza.
Il plasma potrebbe essere stato scambiato con quello di un altro paziente. L’ospedale ha confermato il decesso della donna e di aver immediatamente allertato la Procura di Monza, parallelamente all’avvio di un’indagine interna.

L’Aquila, Raduno Alpini a 10 anni sismaEventi ringraziamento a volontari che arrivarono da tutta Italia

L’AQUILA16 settembre 201913:37

– “Tutti insieme 10 anni dopo”, è il motto del IV Raduno “Ricordando il Battaglione Alpini L’Aquila” che, conclusosi ieri nel capoluogo abruzzese, ha visto oltre settemila partecipanti alla sfilata fino alla Basilica di Collemaggio. Il Comitato organizzatore ha aderito alle Celebrazioni nel decennale dal sisma 2009, con il ringraziamento ai volontari della Protezione Civile dell’Associazione Nazionale Alpini (Ana) che, arrivati da tutta Italia, circa 8.500 fino a dicembre 2009, prestarono servizio all’Aquila e nel cratere.
Quest’anno ricorre anche il centenario della fondazione dell’Associazione Nazionale Alpini (Ana) e il 90/o della Sezione Abruzzi. Agli eventi, nella sede del Consiglio regionale d’Abruzzo, hanno partecipato tra gli altri il presidente nazionale Ana Sebastiano Favero, il comandante delle Truppe Alpine gen. Claudio Berto, il capo della Protezione Civile Angelo Borrelli, il comandante del 9/o Reggimento Alpini Paolo Sandri.

Accerchiato da baby gang e picchiatoVittima un 14enne, l’intervento di un adulto evita la rapina

REGGIO EMILIA16 settembre 201913:44

– Accerchiato e assalito da una ‘baby gang’ che voleva rubargli il telefonino. E’ successo ieri sera Reggio Emilia, nel quartiere Buco del Signore, nella prima periferia: vittima dell’aggressione un ragazzo di 14 anni che stava passeggiando in compagnia di alcuni amici quando hanno incrociato un gruppetto di sei sconosciuti. Questi hanno cominciato a importunarli, chiedendo loro perché li stessero guardando. E poco dopo si sono avvicinati. Il 14enne, scappando, ha imboccato da solo una strada laterale dove è stato raggiunto e messo alle strette dai bulli che pretendevano il suo smartphone. E’ stato bloccato per il collo e ha ricevuto un pugno in faccia. E’ sopraggiunto un adulto, un 49enne, che ha messo in fuga la banda. Il ragazzino poi ha chiamato il padre che ha avvertito la questura, formalizzando una denuncia per tentata rapina.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Fototrappole scoprono coltivatori canapa
Cc individuano piantagione nel Bolognese, due arrestati

BOLOGNA16 settembre 201914:02

– Grazie ad alcune fototrappole, usate dai carabinieri forestali per monitorare gli spostamenti degli animali selvatici, sono stati individuati tre uomini che coltivavano, in un’area boschiva lungo le sponde del torrente Sillaro a Monterenzio, sulle colline di Bologna, una piantagione di canapa indiana. Ieri mattina i carabinieri hanno arrestato un 35enne e un 28enne e hanno denunciato a piede libero un 32enne per coltivazione di sostanze stupefacenti. I tre, tutti bolognesi e con precedenti, andavano nel bosco per annaffiare le piante, una dozzina, mimetizzate tra la vegetazione. Ad accorgersi di loro sono stati alcuni residenti che hanno fatto una segnalazione al 112. Gli accertamenti, iniziati i primi giorni di settembre, si sono conclusi con la scoperta dei coltivatori di canapa indiana riconoscibili nelle immagini scattate dalle fototrappole. I carabinieri hanno sequestrato anche strumenti per la coltivazione, semi e le piante.

Bimbo di 18 mesi positivo alla cannabisNon è in pericolo, accertamenti della polizia in corso

MILANO16 settembre 201914:05

– Un bimbo di un anno e mezzo si trova ricoverato all’ospedale, a Milano, perché trovato positivo alla cannabis. Sul piccolo, che non è in pericolo, sono in corso accertamenti da parte dei medici – e sulla vicenda da parte della Polizia di Stato – per capire come abbia fatto ad assumere una sostanza di quel tipo. ieri sera i genitori, vedendo che il bambino non si risvegliava da un sonno profondo che lo aveva colto nel pomeriggio, hanno chiamato il 118 facendolo trasportare all’Ospedale dei Bambini. Lì, dopo i primi esami, è arrivata la diagnosi, con gli esami del sangue positivi ai cannabinoidi. Sia il padre sia la madre hanno escluso di fare uso di droghe. Hanno però detto di avere nei giorni scorsi ospitato un parente noto per essere un consumatore di spinelli.
L’ipotesi è che il piccolo abbia ingerito involontariamente qualche pezzetto di droga, e al momento non ci sono indagati.

Insulti e lancio liquidi a addetto FsNessuna conseguenza per operatore, che sporgerà denuncia

ANCONA16 settembre 201914:22

– Insulti, grida di “Salvini, Salvini”, una benda sugli occhi a mimare la foto del giovane americano arrestato per l’omicidio del carabiniere a Roma e infine il lancio di liquido, vino o birra, contro un operatore di protezione aziendale di Trenitalia a bordo di un treno regionale Ancona-Rimini. In questo modo l’addetto è stato aggredito e insultato da un gruppo di giovani, probabilmente ubriachi, in possesso di biglietto, che sono poi scesi alla stazione di Senigallia, città dove era in programma un evento legato ad un locale. L’episodio, riferiscono oggi i media locali, è avvenuto sabato sera, intorno alle 23 e la notizia si è diffusa tramite un passaparola via Facebook, dal post di una mamma la cui figlia era sul treno. A rendere noti alcuni particolari sono oggi fonti di Trenitalia, sottolineando che l’addetto alla protezione aziendale aveva effettuato operazioni di filtraggio e non stava facendo multe. L’uomo ha già segnalato il caso all’azienda e alla Polfer e sporgerà denuncia.

Offese Mattarella, esposto a leghistaPresentato a Verona da Mao Valpiana del Movimento non violento

VERONA16 settembre 201914:23

– Un esposto contro il deputato della Lega Vito Comencini per le offese rivolte al Presidente della Repubblica durante il raduno di Pontida è stata presentata a Verona da Mao Valpiana, esponente del Movimento non violento.
“Mattarella mi fa schifo” aveva detto il parlamentare leghista.
“Ho depositato alla Procura della Repubblica di Verona, sezione di Polizia Giudiziaria, un ‘Esposto – Notizia di reato’ nei confronti del deputato Vito Comencini, per vilipendio al Capo dello Stato” ha dichiarato Valpiana.

Toscana, tornano a scuola in 500milaAssessore Grieco apre anno inaugurando istituto nell’Aretino

FIRENZE16 settembre 201914:54

– Sono oltre 500mila gli studenti toscani che oggi sono tornati sui banchi di scuola dopo la pausa estiva. La campanella è suonata per 475.898 studenti della scuola dell’infanzia e di quella di secondo grado a cui si aggiungono gli studenti degli istituti paritari, superando così quota 500mila. Secondo i dati della Regione Toscana, gli alunni della scuola per l’infanzia sono 62.144, quelli della primaria 146.684, mentre sono 99.854 gli studenti della secondaria di primo grado e 167.236 di quella di secondo grado. L’assessore toscano all’istruzione Cristina Grieco ha aperto il nuovo anno scolastico inaugurando la nuova sede dell’istituto comprensivo Dante Alighieri di Castelnuovo dei Sabbioni-Cavriglia, in provincia di Arezzo. Inaugurato oggi a Firenze, alla presenza del sindaco Dario Nardella, il complesso della scuola ‘Dino Compagni’, secondaria di primo grado, oggetto di un importante intervento che ha richiesto un investimento di 12 milioni di euro e 540 giorni di lavori.

Si accascia a terra, grave bimbo 6 anniE’ stato rianimato e trasportato in ospedale a Bergamo

BRESCIA16 settembre 201914:56

– Un bambino di sei anni è ricoverato in condizioni disperate all’ospedale di Bergamo dopo che si è accasciato fuori da scuola. È accaduto al termine della mattinata, fuori dalla scuola elementare di Roncadelle (Brescia). Al momento del malore il bambino era con la madre. È stato rianimato e poi trasportato in elicottero in ospedale.

55enne indagato per morti auto in fiammeHa tamponato Mini d’epoca, accusa è omicidio stradale

TORINO16 settembre 201914:59

– E’ stato denunciato per omicidio stradale il 55enne che, ieri sulla Torino-Pinerolo, ha tamponato una Mini Cooper provocandone l’incendio. Nel rogo sono morti il proprietario, Giuseppe Pennacchio di 42 anni, e la figlia di 6 anni appena, Nicole. Salva la moglie e madre delle due vittime, che viaggiava su una seconda Mini con l’altra figlia, di appena 4 mesi. La famiglia si stava dirigendo ad un raduno d’auto d’epoca al castello di Macello, nel Pinerolese.

A Bagnaia scritta contro donneA Viterbo, ‘Se ti ha messo le corna rompi le ossa a tua moglie’

ROMA16 settembre 201915:15

– Un cartello anonimo che incita alla violenza sulle donne è apparso in un parcheggio a Bagnaia, in provincia di Viterbo, nei pressi di un cantiere. C’è scritto, in bianco su sfondo azzurro: ‘Parcheggio riservato agli imbecilli ed ai cornuti”. Poi in piccolo: ‘Ps Ricordati che la madre degli imbecilli è sempre incinta. Ah! Dimenticavo. Se hai problemi di corna (che appaiono disegnate ma non citate, ndr) non prendertela con questo cartello ma torna a casa e rompi le ossa a quella z… di tua moglie”. La foto del cartello si è rapidamente diffusa sui social e sta creando indignazione.
Immediata la reazione dell’assessora regionale alle Politiche sociali ed Enti locai Alessandra Troncanelli: “Mi auguro che le autorità preposte intervengano per una tempestiva rimozione dell’avviso che offende l’intera comunità di Bagnaia e la città di Viterbo.

Salvini,eleggere sindaco in gamba a Roma”Va bene chiunque estratto a sorte da rubrica telefonica”

16 settembre 201915:42

– “Spero che i romani possano eleggere un sindaco in gamba al più presto perché una città bella come Roma è conciata male”. Lo ha detto il segretario della Lega Matteo Salvini ad Aria pulita su 7gold rivendicando da ministro dell’Interno di aver fatto “l’impossibile”. Come candidato andrebbe bene “chiunque estratto a sorte dalla rubrica telefonica”.

Taxi: a Milano Orsa in stato agitazioneContro la decisione del Comune di concedere 450 nuove licenze

MILANO16 settembre 201916:08

– Il sindacato dei tassisti Orsa ha proclamato lo stato di agitazione a Milano contro la decisione del Comune di concedere 450 nuove licenze per le auto bianche.
Secondo l’Orsa “le proposte avanzate dal Comune di Milano arrecherebbero un danno a tutte le microaziende artigiane e alle cooperative operanti nel settore”.
E così per “ridare dignità alla concertazione e salvaguardare i diritti e la sostenibilità economica” si è decisa l’agitazione. Di conseguenza, “verranno messe in campo tutte le azioni indispensabili a raggiungere gli obbiettivi sopracitati” ha sottolineato il delegato Gianfranco Acquaviva, assicurando che questo verrà fatto “in ossequio alle normative vigenti”.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Incidenti lavoro: un morto nel Comasco
Muro ha ceduto in un cantiere edile e l’ha schiacciato

COMO16 settembre 201916:08

– Un operaio di 57 anni è morto oggi in un infortunio sul lavoro in un cantiere a San Bartolomeo Val Cavargna (Como). Secondo i primi rilievi l’uomo, residente a Porlezza, è stato schiacciato dal cedimento di un muro in un cantiere edile per la realizzazione di una pista ciclabile. Per i soccorsi è stato mobilitato l’elicottero del 118 di Sondrio, ma per l’operaio non c’era più nulla da fare. Sull’accaduto è stata aperta un’inchiesta.

No scuola con treccine, 13enne le tagliaDopo polemiche in istituto Napoli, ragazzino cambia look

NAPOLI16 settembre 201916:09

– Le treccine blu elettrico, da domani, saranno solo un ricordo. Il ragazzino di 13 anni a cui la preside ha vietato, lo scorso venerdì di entrare a scuola, la Ilaria Alpi-Carlo Levi di Scampia, periferia nord di Napoli, per la sua acconciatura, ha deciso di tagliare le treccine per mettere tutto e tutti a tacere. “E’ una decisione di mio figlio che dimostra di essere una persona matura”, dice Carla la mamma.
E sulla maturità del ragazzo la madre e la preside dell’Istituto, Rosalba Rotondo, sono d’accordo. “Dopo le lezioni ha chiesto di incontrarmi – racconta la preside – la mia porta è sempre aperta e mi ha detto di avere intenzione di tagliare le treccine, mi ha chiesto scusa per tutto quello che è successo”.
Parole, quelle pronunciate dal ragazzino che, per la preside “sono state di sollievo dopo questi giorni turbolenti. E’ un ragazzino molto intelligente a dicembre si esibirà, con altri alunni, al San Carlo di Napoli. A scuola vogliamo che continui a coltivare la passione per il pianoforte, la musica”.

Papa: sabato 21 settembre ad AlbanoUn ‘murale’ ricorderà la sua visita

CITTA’ DEL VATICANO16 settembre 201916:10

– Papa Francesco sarà sabato 21 settembre ad Albano, comune dei Castelli Romani.
L’arrivo alla Cattedrale è previsto per le 17.15, dove sarà accolto da mons. Marcello Semeraro, vescovo di Albano e dal sindaco Nicola Marini che mostrerà al pontefice il “murale” a ricordo della visita.
Poi in Cattedrale ci sarà un momento di preghiera con i sacerdoti. Alle 18.00 la messa a Piazza Pia. Il rientro in Vaticano è previsto per le 20.00.

Frequenta italiano, padre la picchiaArrestato nel Modenese per maltrattamenti e abusi sessuali

MODENA16 settembre 201916:18

– Maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale nei confronti della figlia appena maggiorenne: sono queste le ipotesi di reato a carico di un 51enne originario di un paese africano e residente a Sassuolo, in provincia di Modena, arrestato dai carabinieri della compagnia di Sassuolo in esecuzione di un provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso dal gip, su richiesta del pm Monica Bombana, dopo la denuncia fatta dalla giovane ai carabinieri. Secondo quanto riferito ai militari dell’Arma dalla ragazza, il padre non approvava la frequentazione di sua figlia con un ragazzo italiano e per questo, lo scorso agosto l’avrebbe picchiata con un tubo in gomma, provocandole lesioni tali da dover andare in ospedale. Nella descrizione di quanto accaduto la ragazza ha fatto riferimento ad altri più gravi episodi di maltrattamenti e violenze, anche sessuali, che sarebbe stata costretta a subire dal padre, già dall’età di tredici anni.

Apre la prima farmacia di strada a RomaMedicina Solidale, dotazione di 9mila medicinali

ROMA16 settembre 201916:21

– Apre presso la sede dell’Associazione Vo.Re.Co. Onlus a Roma in Via della Lungara, la prima “Farmacia di strada” per indigenti. Si tratta del progetto nato dalla collaborazione di Medicina Solidale con Assogenerici, Banco Farmaceutico e Fofi, Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani. I medicinali verranno distribuiti all’interno di un percorso terapeutico avviato presso l’ambulatorio in Via della Lungara di Medicina Solidale. Medicina solidale stima in quasi 9mila confezioni di medicinali – valore complessivo oltre 88mila euro – la dotazione farmaceutica necessaria che andrà a rifornire un un armadio farmaceutico solidale con analgesici, antipiretici, antiipertensivi e gastrointestinali. Il progetto sperimentale “Farmacia di strada” è stato avviato nel settembre dello scorso anno a Roma dopo la firma di un protocollo d’intesa tra Assogenerici, Fofi, Fondazione Banco Farmaceutico e Medicina Solidale con il supporto dell’Elemosineria Apostolica e in collaborazione con l’Ateneo di Roma Tor Vergata.

Lombardia, bisogna capire cosa successoGallera, subito attivato il centro nazionale sangue

MILANO16 settembre 201916:38

– L’assessore al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera, considera “urgente e doveroso capire e individuare cosa non ha funzionato” nel caso della paziente di 84 anni morta all’ospedale di Vimercate (Monza) dopo una trasfusione sbagliata.
“Per questo – ha spiegato l’assessore in una nota – Regione Lombardia ha attivato immediatamente (venerdì stesso) il Centro Nazionale Sangue, un organismo specifico al quale sono delegate le ispezioni che riguardano l’aspetto trasfusionale. Due specialisti di Regione Lombardia affiancheranno il lavoro degli ispettori in ogni sua fase”.
“Le verifiche – ha aggiunto – prevedono anche l’attivazione immediata di una procedura di ‘Audit’ aziendale, coordinata dal Risk Manager, che dovrà ricostruire tutte le azioni compiute in ospedale, dal ricovero della paziente fino al tragico epilogo”.

Minoli starter Corri la vita FirenzeDomenica 29 settembre. Due percorsi: da 11 km e 5,5 km

FIRENZE16 settembre 201916:48

– Sarà il giornalista Giovanni Minoli a dare il via alla 17/a edizione di ‘Corri la vita’, in programma a Firenze domenica 29 settembre. L’evento, presentato oggi a Palazzo Vecchio, è come sempre all’insegna della solidarietà, con la possibilità di raccogliere fondi per progetti dedicati alla prevenzione e cura del tumore al seno. Come ha spiegato il presidente dell’associazione ‘Corri la vita onlus’ Bona Frescobaldi “anche quest’anno grazie all’impegno di tanti amici abbiamo organizzato un evento ricco di novità, animato come sempre da persone generose e attente, che vogliono testimoniare la propria solidarietà nei fatti e con entusiasmo”. Sono due i percorsi, diversificati per gradi di difficoltà: il primo è di circa 11 chilometri, il secondo di 5,5. Gli iscritti, come da tradizione, potranno visitare gratuitamente mostre e musei durante tutta la giornata semplicemente indossando la maglia di ‘Corri la vita’ o esibendo il certificato di iscrizione.

M5S ‘congela’ la selezione dei candidati per l’UmbriaNomi raccolti tramite la piattaforma Rousseau e ora in attesa di essere valutati.

16 settembre 201916:54

E’ di fatto congelata la selezione delle candidature del Movimento 5 stelle in Umbria per formare la lista per le prossime elezioni regionali e per eventualmente scegliere il candidato presidente. Nomi raccolti tramite la piattaforma Rousseau e ora in attesa di essere valutati.La scelta è legata alla proposta del capo politico del M5s Luigi Di Maio di dar vita a un grande patto civico. Il Movimento è quindi ora in attesa di vedere se ci sarà un candidato presidente per l’Umbria comune e condiviso. In quel caso i nomi proposti per quel ruolo sulla piattaforma saranno accantonati. Se l’intesa non verrà trovata il M5s procederà invece con un suo candidato, Andrea Liberati, ora non ricandidabile, nella scorsa consultazione raggiunse il 14,3% e nell’ Assemblea legislativa vennero eletti due consiglieri.Anche le candidature per la lista verranno esaminate alla luce di quanto scaturirà dal confronto con il Pd e le altre forze.”Non c’è davvero alcuna possibilità che io sia candidato alle elezioni regionali in Umbria”: Brunello Cucinelli ribadisce la sua indisponibilità a guidare un eventuale patto civico al quale potrebbero dare vita M5s e Pd. “Io faccio unicamente il mio mestiere di imprenditore” ha affermato Cucinelli dopo le nuove voci che lo avrebbero voluto candidato.

‘Negoziarono titolo Soekarno’, assoltiIl processo a Bologna, cade anche l’imputazione di riciclaggio

BOLOGNA16 settembre 201917:00

– Cade anche l’ultimo reato rimasto, quello di riciclaggio, nel processo che vedeva 17 persone processate a Bologna con l’accusa di aver cercato di monetizzare con varie banche italiane ed estere un titolo di credito datato 14 agosto 1961 ed emesso dal Credit Suisse a favore dell’ex dittatore indonesiano Soekarno, morto nel 1971, per un importo nominale di 870 milioni di dollari. Gli imputati, uno dei quali difeso dall’avvocato Fausto Bruzzese, sono stati tutti assolti in abbreviato dal Gup Sandro Pecorella. Il pm Morena Plazzi aveva invece chiesto condanne a quattro anni. E’ l’ultimo esito di una vicenda iniziata nel 2011, quando la Guardia di Finanza di Locri a arrestò 20 persone: fu valutato che il titolo avrebbe fruttato quasi 40 miliardi di dollari, all’incasso.
A gennaio 2018 c’era già stata l’assoluzione da parte del tribunale per il reato di associazione a delinquere, mentre truffa e falso erano stati dichiarati prescritti.

Cade da sentiero, morto sulle Tre CimeEscursionista precipita per 15 metri

VENEZIA16 settembre 201917:03

– Un escursionista danese di 70 anni è morto cadendo da un sentiero sulle Tre Cime di Lavaredo, nel territorio comunale di Auronzo (Belluno).
Secondo le prime informazioni, l’uomo è caduto precipitando per circa 15 metri. Sul posto è intervenuto l’elicottero del 118 di Pieve di Cadore (Belluno), che non ha potuto che constatarne la morte. Sull’episodio indaga la Guardia di Finanza.

Mattarella all’AquilaPresidente Repubblica assisterà cerimonie per avvio anno scuola

L’AQUILA16 settembre 201917:05

– Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella è arrivato all’Aquila per assistere alle cerimonie che daranno, nel decennale del sisma che ha sconvolto il capoluogo abruzzese, il via all’anno scolastico davanti alla scuola primaria Mariele Ventre dell’Aquila.

Cassazione: moglie bigama,niente assegnoAndava spesso in Egitto e lì aveva sposato il marito ‘n.2’

16 settembre 201917:16

– Confermata dalla Cassazione la “colpa” di una moglie romana nella fine del suo matrimonio dopo che il marito, romano anche lui, aveva scoperto che la ‘sua’ Roberta si era sposata, quanto era già la sua legittima consorte, con un egiziano e in Egitto la signora ci andava spesso. Senza successo, la donna ha sostenuto di avere diritto alla casa coniugale e all’assegno di mantenimento. Gli ‘ermellini’, come già i giudici di merito, hanno stabilito che il suo comportamento è stato di “gravità tale da fondare da solo” il giudizio di addebito.

Neonato ucciso, la mamma in carcereDonna è rimasta in silenzio davanti al magistrato

BENEVENTO16 settembre 201917:25

– La giovane mamma che durante la notte avrebbe ucciso il suo neonato lungo la SS 372, nel Beneventano, è stata chiusa nel carcere di Capodimonte di Benevento, dopo essere stata ascoltata dal sostituto procuratore che coordina le indagini sulla morte del bambino. Il neonato era nato circa quattro mesi fa dal rapporto con un uomo con il quale la donna, originaria di Campolattaro (Benevento) convive a Quadrelle, in provincia di Avellino. La donna, affetta da disabilità, non ha fornito spiegazioni sul gesto.

Riapre duomo Mirandola ferito dal sismaSabato la Messa inaugurale dopo i lavori di restauro

MODENA16 settembre 201918:01

– Riapre il duomo di Mirandola, in provincia di Modena, dopo il restaurato eseguito a seguito delle ‘ferite’ del sisma del 2012. Sabato, il 21 settembre, alle 18 sarà celebrata la Messa solenne in occasione della riapertura al culto. Presiederà la liturgia il vescovo emerito di Carpi, monsignor Francesco Cavina.
Un intervento di recupero il cui inizio era stato annunciato da monsignor Cavina, alla presenza di Papa Francesco a Mirandola il 2 aprile 2017, proprio sul sagrato del Duomo. “La messa solenne del 21 settembre – spiega il parroco di Santa Maria Maggiore, don Flavio Segalina – sarà il momento più istituzionale per vivere nella fede la riapertura del Duomo come luogo di culto della comunità mirandolese e, nel contempo, sarà espressione del ringraziamento agli organi competenti e a quanti si sono adoperati, a vario titolo, per la ricostruzione della chiesa”.
Per motivi di spazio ma anche di sicurezza, l’ingresso sarà possibile ad un numero prestabilito di persone, 400 in totale, munite di pass.

Nasconde Hiv e contagia donne, una muoreArrestato per omicidio e lesioni gravissime

PALERMO16 settembre 201918:19

– Ha nascosto per anni di essere malato di Hiv, ha continuato, nonostante la patologia, ad avere rapporti non protetti e ha contagiato almeno quattro donne. Una di loro, l’ex compagna da cui aveva avuto un figlio, è morta.
Una vicenda scoperta dalla procura di Messina che ha chiesto e ottenuto l’arresto dell’uomo, un messinese di 55 anni, ora accusato di omicidio e lesioni gravissime.

Cassonetti a fuoco, vicino volantini MgpEpisodio in Toscana, sigla rivendicò incendio auto Cc a Orgosolo

FIRENZE16 settembre 201918:41

– Due cassonetti sono stati incendiati a Pontassieve (Firenze) e nei pressi sono stati trovati alcuni volantini, firmati con la sigla Mgp, il ‘Movimento giustizia proletaria’, contenenti frasi contro le forze dell’ordine. Sull’episodio nel Fiorentino, che è avvenuto nella notte tra sabato e domenica e che viene reso noto oggi, sono in corso indagini coordinate dal pm Ester Nocera. La stessa sigla era comparsa nel maggio scorso in un comunicato stampa su Internet in cui si rivendicava un attentato incendiario contro l’auto di un carabiniere avvenuto il 20 maggio scorso in Sardegna, a Orgosolo (Nuoro). Nell’incendio è rimasto parzialmente danneggiato anche un furgone, raggiunto dalle fiamme propagatesi dai cassonetti. La sigla Mgp, Movimento giustizia proletaria, compare nel comunicato di rivendicazione dell’attentato incendiario contro l’auto di un carabiniere avvenuto il 20 maggio scorso a Orgosolo (Nuoro), nel giorno dell’inaugurazione della nuova caserma del paese.

Ultrà Juve, ‘La curva Sud è morta’Scritta in corso Grosseto poco lontano dall’Allianz Stadium

TORINO16 settembre 201918:55

– Uno striscione con la scritta “La curva Sud è morta” è stato appeso a Torino, in corso Grosseto, poco lontano dall’Allianz Stadium. Il riferimento è alle misure cautelari disposte dalla Procura di Torino ed eseguite dalla Digos nei confronti dei principali leader ed esponenti di alcuni gruppi ultrà bianconeri. Secondo alcune ipotesi, a srotolare lo striscione potrebbero essere stati alcuni esponenti del gruppo “Drughi giovinezza”.

Questore, Juve-Verona a rischioTifoserie hanno ideologie differenti, prevedibili reazioni

TORINO16 settembre 201919:01

– “Quella di sabato era una partita già attenzionata. Sono due tifoserie con ideologie differenti.
Ora aumentano i rischi perché sono prevedibili reazioni”. Così il questore di Torino Giuseppe De Matteis in vista di Juventus-Verona, che si disputerà sabato prossimo all’Allianz Stadium, prima gara di campionato dopo l’azzeramento dei vertici dei gruppi ultrà juventini finiti nell’inchiesta ‘Last banner’ coordinata dalla Procura di Torino.

Sindaco Bibbiano assediato da troupeUdienza davanti al tribunale della Libertà di Bologna

BOLOGNA16 settembre 201919:03

– E’ rimasto in silenzio davanti ai giornalisti che lo hanno assediato all’uscita del Tribunale di Bologna, il sindaco, sospeso, di Bibbiano (Reggio Emilia), Andrea Carletti, agli arresti domiciliari dal 27 giugno, nell’ambito dell’inchiesta ‘Angeli e demoni’ sui presunti affidi illeciti, per i reati di abuso d’ufficio e falso ideologico. Un silenzio dovuto, hanno spiegato i suoi legali, non alla volontà di sottrarsi alle domande, ma al divieto di comunicare con l’esterno, una prescrizione della misura di custodia a cui è sottoposto. In mattinata per Carletti si è tenuta l’udienza davanti al Tribunale della Libertà, in cui è stata discussa la richiesta di revoca dei domiciliari avanzata dai legali di Carletti, il professor Vittorio Manes e l’avvocato Giovanni Tarquini. Il collegio si è riservato sulla decisione.
Alcune troupe televisive hanno circondato Carletti e i suoi avvocati, seguendoli per qualche centinaio di metri fino a quando non sono saliti a bordo di un taxi.

Ex gip Nardi rinviato a giudizioAccusato essere capo del ‘sistema Trani’ per pilotare processi

LECCE16 settembre 201919:30

– Il gup di Lecce ha disposto il rinvio a giudizio per Michele Nardi, l’ex gip di Trani accusato di essere a capo di un’associazione per delinquere con altri magistrati che truccava i processi al Tribunale di Trani.
Contrariamente a quanto era stato annunciato, Nardi non ha rilasciato alcuna dichiarazione spontanea ritenendo sufficiente quanto dichiarato nella scorsa udienza dall’avvocatessa barese Simona Cuomo che ha detto di non aver mai avuto rapporti diretti con lui ma solo con l’ex pm Antonio Savasta. Insieme a Nardi sono stati rinviati a giudizio l’ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro, Gianluigi Patruno, titolare di una palestra, e Savino Zagaria.
Nardi, l’ex pm Savasta (che si è dimesso dalla magistratura e ha collaborato con gli inquirenti) e Di Chiaro sono accusati di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione in atti giudiziari e falso per aver pilotato, in cambio di mazzette, indagini della dalla Procura.

Salvini attacca Lerner e Repubblica, non sono giornalisti ma calunniatoriSolidarietà ai cronisti da Fnsi e M5S. Businarolo: ‘Salvini continua il gioco perverso di legittimare pulsioni razziste e xenofobe’

16 settembre 201919:38

“Questi non sono giornalisti ma spesso e volentieri sono calunniatori”. Quello che il segretario della Lega Matteo Salvini sferra, nella sua intervista ad “Aria pulita” su 7gold, a Gad Lerner e ai giornalisti di Repubblica è un attacco duro che scatena la protesta della Fnsi e della maggioranza giallo-rossa. Commentando gli insulti ricevuti ieri a Pontida da Gad Lerner e l’aggressione al videomaker di Repubblica Antonio Nasso, il leader del Carroccio osserva: “Non si tratta mai male nessuno. A casa mia l’ospite è sacro, ma se uno sputa veleno su una persona per vent’anni…” aggiunge, ricordando poi che “Gad Lerner una volta augurò la mia morte”.  “Non si tocca mai nessuno neanche con un dito – insiste – e chiunque a casa mia è rispettato e riverito”, ma “che Repubblica ogni giorno mi insulti, che Gad Lerner passi la vita a insultarmi, e Saviano, e Tizio e Caio… secondo me il giornalista dovrebbe essere superiore a certe cose…”. Salvini insomma non solo non prende le distanze dai militanti che se la sono presa con i cronisti, ma rincara la dose.E Lerner e il quotidiano Repubblica rispondono. Il primo, ntervistato ai microfoni di “Circo Massimo” su Radio Capital racconta la sua versione dei fatti: “Prima di questi cori, tanti militanti della Lega mi chiedevano i selfie, mi salutavano cordialmente, frequento i loro raduni da una trentina d’anni, poi si forma il coro, e nel coro emergono gli umori, le pulsioni, che individualmente magari nessuno ha il coraggio di esprimerti. Non è successo niente di grave, sono andato lì a fare il mio lavoro, ma rilevo qualche differenza rispetto al passato”. In passato, ricorda il giornalista riferendosi all’ex deputato Cesare Rizzi, “quando anche un parlamentare della Lega diceva nei comizi ‘vedo Lerner e capisco Hitler’ arrivava la mattina dopo la telefonata di Umberto Bossi che diceva ‘quello è un pirla, scusalo, noi non la pensiamo certo così’. Mi è successo più di recente con Giorgetti, che mi ha detto ‘non pensare che questa pulsione razzista e antisemita sia l’espressione della Lega’. Ho l’impressione che invece Salvini ci gongoli e ci marci un po’. Di certo non telefona. Non mi ha chiamato, e diciamo che non mi manca”. Quindi osserva che, secondo lui, il leader della Lega si starebbe preparando “per una traversata del deserto, anche se dichiara di voler tornare al governo fra pochi mesi. Si immagina di nuovo una fase lunga di movimentismo nel quale raccogliere anche l’estrema destra. E già a Roma, davanti a Montecitorio, Casapound e Forza Nuova erano tornati al fianco della Lega e di Fratelli d’Italia”.”Mai insultato, mai minacciato, mai diffamato (e infatti non abbiamo ricevuto querele da parte sua). In realtà abbiamo fatto di peggio: lo abbiamo raccontato”. E’, invece, la risposta della direzione di Repubblica a Salvini pubblicata sul sito. Ed interviene anche il Cdr de ‘L’Espresso’ che esprime solidarietà ai colleghi esprimendo preoccupazione per il fatto che “tutto questo sia avvenuto nella manifestazione ufficiale di un partito che fino a poche settimane fa esprimeva il ministro dell’Interno”.  “La critica non è una calunnia, ma l’espressione di un diritto politico garantito a tutti i cittadini – commenta il Cdr de Il Manifesto – e per i giornalisti è anche un diritto regolato dalla deontologia professionale. I politici che confondono questi piani, lasciano campo libero alle fake news e istigano all’odio per i giornalisti”. “L’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini –  affermano, in una nota, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della FNSI – non solo non ha chiesto scusa al presidente Mattarella per le ingiurie scagliate da un suo parlamentare, ma ha anche trovato il modo di insultare di nuovo la redazione di Repubblica e Gad Lerner, affermando di essere stato diffamato e provocato dai cronisti. Può dirci quante denunce ha presentato e contro chi? Può farci sapere dove e quando ha vinto una causa per diffamazione? In questi anni ha adempiuto, in qualità di giornalista professionista, ai suoi obblighi in materia di deontologia e di rispetto delle differenze e delle diversità, come previsto dalla Carta costituzionale e dalla legge istituiva dell’Ordine professionale?”.Più soft rispetto all’attacco riservato dal Carroccio ai giornalisti di Repubblica, ma comunque critico, è il tono usato dall’ex ministro Gian Marco Centinaio”: “Condanno, come il 99,9% dei leghisti, apertamente l’insulto a Gad Lerner per la sua fede religiosa. Ritengo però che le contestazioni per quanto affermato in passato su Salvini ci stanno eccome! Se i leghisti la disturbano perché venire a Pontida a provocare?”. Solidarietà arriva invece dal centrosinistra e dal M5S. “Salvini continua il gioco perverso di legittimare pulsioni razziste e xenofobe”, commenta Francesca Businarolo, presidente della Commissione Giustizia della Camera. “Frasi vergognose, insulti vomitati da chi, da settimane, dopo aver interrotto l’esperienza di governo, invoca la Democrazia per tornare al voto” è invece il giudizio del capogruppo del M5S in commissione Politiche Ue della Camera, Sergio Battelli. “Le aggressioni, fisiche e verbali, avvenute ieri a Pontida nei confronti dei giornalisti Antonio Nasso e di Gad Lerner gettano questo Paese nel buio e vanno condannate senza se e senza ma”, afferma Angelo Bonelli, coordinatore dell’Esecutivo Nazionale dei Verdi ed esponente di Europa Verde. “Bisogna distinguere tra i maleducati e un intero movimento politico” è invece l’appello del Governatore della Liguria Giovanni Toti.

Salvini,bimba su palco? Chi se ne fregaDelinquente è chi toglie bimbi a genitori per soldi, altri casi

16 settembre 201916:15

– “Chi se ne frega”: così il segretario della Lega Matteo Salvini ha risposto a una domanda sulle critiche che ha ricevuto per aver portato sul palco di Pontida, una delle bambine di Bibbiano, ospite del programma “Aria pulita” su 7gold. “Non una ma cinquanta bambini – ha aggiunto – Se qualcuno ruba i bambini ai genitori” per un ritorno economico “è lui il delinquente”. Di storie come Bibbiano “ne verranno fuori altre – ha concluso – non solo in Emilia”.

Imma Tataranni, sostituto procuratoreVanessa Scalera protagonista della fiction, su Rai1 dal 22/9

16 settembre 201913:48

– C’è un nuovo sostituto procuratore donna, preparatissima, dal fiuto fine e assai fuori dagli schemi che sta per sbarcare su Rai1: si chiama Imma Tataranni. Chi non ha letto i libri di Mariolina Venezia (editi da Einaudi) da cui è liberamente tratta la fiction – ovvero “Come piante tra i sassi”, “Maltempo” e “Rione Serra Venerdì” – deve sapere che Imma è un sostituto procuratore di Matera, la cui personalità non permette di identificarla con la classica figura della donna di legge, spiega la protagonista Vanessa Scalera a Viale Mazzini (alla presenza del direttore di Rai Fiction, Eleonora Andreatta e di tutto il cast).
A prestare il volto a Imma Tataranni è una delle attrici più amate da registi come Marco Bellocchio (Vincere, La bella addormentata), Marco Tullio Giordana (Lea, Nome di Donna) e Nanni Moretti (Mia Madre). Co-prodotta da Rai Fiction ed Itv Movie, con la regia di Francesco Amato, andrà in onda da domenica 22 settembre in sei prime serate.

Spaccio e corruzione,24 arresti,2 agentiDroga e persino pranzi a base di astice nel carcere di Latina

ROMA16 settembre 201913:40

– Oltre a gestire un traffico di sostanze stupefacenti sul territorio pontino una organizzazione criminale aveva costituito un sistema per assicurare le comunicazioni dei detenuti all’esterno e la fornitura di stupefacenti in carcere, grazie alla complicità di due operatori della polizia penitenziaria. Il gip del Tribunale di Latina ha emesso 34 misure cautelari nei confronti di altrettante persone. Due le indagini, denominate “Astice” e “Petrus”, condotte dal Nucleo investigativo del comando provinciale di Latina, iniziate nel 2017 e poi portate avanti grazie alla stretta sinergia con i vertici della polizia penitenziaria di Latina. E’ stato accertato che un ispettore e un agente ricevevano denaro (il primo) e stupefacente (il secondo) per facilitare le comunicazioni tra i detenuti e con persone esterne, per agevolare le richieste di spostamento di cella e per far entrare droga e perfino cibi di un certo tipo nella casa circondariale, tra cui astici che erano stati alla base di un pranzo tra detenuti.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 4 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: LEGGILE, SEGUILE, INFORMATI, CONDIVIDILE!

DALLE 19:27 DI DOMENICA 15 SETTEMBRE 2019

ALLE 08:14 DI LUNEDì 16 SETTEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Salvini, Roma così per Raggi-Zingaretti
Il leader della Lega a Pontida

PONTIDA (BERGAMO)15 settembre 2019 19:27

– “Roma è conciata così grazie al duo Raggi e Zingaretti”, così Matteo Salvini, incontrando i cronisti, a fianco del palco del pratone di Pontida.

Scontro auto-moto, due mortiSul Gra, a Settebagni. Chiuso un tratto del Raccordo

15 settembre 201919:28

– Due ragazzi, un ventenne alla guida di un’auto e un 27enne su una moto, sono morti stamani sul Grande raccordo anulare. L’incidente è avvenuto in carreggiata interna in corrispondenza del km 22, a Settebagni. Sul posto per i rilievi la polizia stradale. Ancora da chiarire l’esatta dinamica dell’incidente. Un tratto del Grande raccordo anulare è stato chiuso.

Picchia moglie e il figlio lo accoltellaL’uomo aveva tentato di soffocare la donna e di colpirla

15 settembre 201919:44

– Arrestato dai carabinieri di Frascati un 48enne filippino per lesioni personali aggravate, e denunciato per lo stesso reato il figlio 20enne. I Carabinieri, su segnalazione dei sanitari dell’ospedale San Sebastiano Martire di Frascati, sono intervenuti al pronto soccorso dove era stato ricoverato un uomo con alcune ferite d’arma da taglio alla spalla sinistra e al dito della mano, guaribili in 10 giorni. Le indagini hanno permesso di accertare che l’aggressione all’uomo era avvenuta ieri sera in casa. L’uomo è stato ferito dal figlio 20enne intervenuto per difendere la madre. Il 48enne infatti stava picchiando la moglie, connazionale di 43 anni, dopo l’ennesima lite, cercando di soffocarla e colpirla con una doccetta per l’irrigazione, scaraventandola a terra. Il figlio, sentite le urla della madre, è intervenuto per difenderla ma non riuscendo a far desistere il padre dall’aggressione lo ha ferito con un coltello preso in cucina.
La donna è stata medicata e dimessa con una prognosi di 7 giorni.

Uomo accoltellato a Monza, graveSoccorsi chiamati da passanti davanti a un supermercato

MONZA15 settembre 201921:13

– Un uomo di 27 anni è stato ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Niguarda di Milano, dopo essere stato aggredito e ferito a coltellate in un giardinetto a Monza, questo pomeriggio. Ferito, il giovane si è trascinato nel parcheggio di un supermercato, dove è stato soccorso da alcuni passanti che hanno chiesto l’intervento del 118 e dei carabinieri. Lo hanno aggredito in due, colpendolo con due coltelli più volte alla testa e al torace, probabilmente al culmine di una lite la cui motivazione è ancora ignota. L’aggredito, con precedenti per droga, sarà sentito una volta ristabilito. I militari monzesi hanno già acquisito le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona, nella speranza di riuscire a identificare i due aggressori.

‘Iso Isetta’ vince Street Show a MilanoKermesse con 180 veicoli organizzata da Comune e Quattroruote

MILANO15 settembre 201921:14

– E’ stata una piccola ma accattivante Iso Isetta del 1954 ad aggiudicarsi il Premio “Best in Show – Heritage Zone” dello Street Show 2019, la manifestazione automobilistica che si è tenuta oggi a Milano. E’ lei l’auto preferita dai visitatori della kermesse, che fin dal primo mattino hanno affollato corso Buenos Aires per la “grande festa dei motori e della mobilità”. Una giuria tecnica, presieduta da Corrado Lopresto, ha invece proclamato le regine delle cinque categorie in gara: per la categoria “Le Regine della Vernasca Silver Flag”: la Fiat 8V (1954); per la categoria “Le Belle di Stresa”: la Fiat X19 (1971); per la categoria “Dalla N alla R – Un arcobaleno di colori”: la Fiat 500 R (1975); per la categoria “Grandi Raid”: Alfa Romeo Spider 2000 (1975); per la categoria “Marche Milanesi”: la Isotta Fraschini Tipo 8 Sort Torpedo Castagna (1966).

Migranti, 3 fermi a Messina per tortureGestivano campo prigionia in Libia, identificati da vittime

PALERMO16 settembre 201906:50

– La Dda di Palermo ha disposto il fermo a Messina di tre persone accusate di sequestro di persona, tratta di esseri umani e tortura. Avrebbero trattenuto in un campo di prigionia libico decine di profughi pronti a partire per l’Italia. Testimoni che li hanno identificati hanno raccontato di essere stati torturati, picchiati e di aver visto morire compagni di prigionia.
I tre gestivano per conto di una organizzazione criminale un campo di prigionia a Zawyia, in Libia, dove i profughi pronti a partire per l’Italia venivano tenuti sotto sequestro e rilasciati solo dopo il pagamento di un riscatto. I fermati sono accusati a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata alla tratta di persone, alla violenza sessuale, alla tortura, all’omicidio e al sequestro di persona a scopo di estorsione. Al momento del fermo si trovavano nell’hot-spot di Messina. Si tratta di Mohammed Condè, detto Suarez, originario della Guinea, 27 anni, Hameda Ahmed, egiziano, 26 anni e Mahmoud Ashuia, egiziano, 24 anni.

Latina:34 arresti,2 agenti penitenziariaCoinvolti personaggi di spicco della criminalità pontina

16 settembre 201907:42

– Dalle prime ore della mattina è in corso un’operazione, condotta dal comando provinciale dei carabinieri di Latina in collaborazione con la polizia penitenziaria della Casa Circondariale. Sono 34 le misure cautelari emesse dal gip del Tribunale di Latina nei confronti di altrettante persone ritenute responsabili, a vario titolo, di spaccio di sostanze stupefacenti, corruzione, falso ideologico. Nell’indagine sono coinvolti anche due operatori della locale casa circondariale di Latina (un agente e un ispettore) e personaggi di spicco della criminalità pontina.

Arrestati 12 capi ultras della JuventusAccusati di associazione a delinquere, estorsioni e violenze

16 settembre 201907:00

– Blitz della Polizia nella curva della Juventus: i capi e i principali referenti dei gruppi ultrà bianconeri sono stati arrestati nell’ambito di un’indagine coordinata dalla procura di Torino, che ha portato all’emissione da parte del gip di 12 misure cautelari.
Le accuse nei confronti degli ultras sono, a vario titolo, associazione a delinquere, estorsione aggravata, autoriciclaggio e violenza privata. In corso anche decine di perquisizioni in diverse città italiane. L’indagine, condotta dalla Digos e dal gruppo criminalità organizzata della procura, coinvolge tutti i principali gruppi del tifo organizzato: ‘Drughi’, ‘Tradizione-Antichi valori’, ‘Viking’, ‘Nucleo 1985’ e ‘Quelli… di via Filadelfia’.