Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 4 minuti

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 15:17 DI LUNEDì 11 NOVEMBRE 2019

ALLE 09:13 DI MARTEDì 12 NOVEMBRE 2019

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Sport: accordo Credito sportivo-Fipt
Per favorire lo sviluppo delle discipline sportive associate

11 novembre 2019 15:17

– Firmata la convenzione tra l’Istituto per il Credito Sportivo e la Federazione Italiana Palla Tamburello. Si tratta del primo protocollo d’intesa che la banca pubblica dello Sport sigla con una Disciplina Sportiva Associata. A firmare l’accordo il Presidente dell’ICS, Andrea Abodi, e il Presidente della FIPT, Edoardo Facchetti. Quella delle Discipline Sportive Associate rappresenta una componente fondamentale del mondo dello sport, formata da migliaia di tecnici e dirigenti che garantiscono la diffusione dell’attività sportiva su tutto il territorio nazionale e all’interno delle scuole. L’accordo avrà durata triennale e consentirà di favorire la più ampia diffusione e il migliore sviluppo dello sport tamburellistico attraverso prodotti dedicati alle Società affiliate alla Federazione.

Tortu “sogno Olimpiadi, già al lavoro”‘Proverò 200 metri, ma ora mi sento più portato per i 100′

PADOVA11 novembre 201917:21

– “L’anno prossimo è un anno molto importante. Le Olimpiadi sono il sogno di ogni sportivo e sono il mio da quando ero bambino. Ci arrivo dopo un 2019 molto complicato ma anche ricco di soddisfazioni, ho già iniziato la preparazione e quindi sono molto determinato”. Lo ha detto Filippo Tortu, a Padova per un’iniziativa benefica legata all’associazione Team for Children. Sul record italiano dei 100 in 9′ 99”, Tortu ha detto che “è stata una bella soddisfazione, ma già l’anno scorso volevo migliorarmi e tuttora desidero tornare sotto i 10” con un margine più alto”. “A me però piace vivere la mia vita e l’atletica da ragazzo normale quale sono – ha spiegato – un buon modo per ottenere risultati è anche vivere lo sport come fonte di divertimento e gioia”. Tortu poi ha parlato dei suoi obiettivi: “L’anno prossimo sicuramente farò qualche 200 metri, poi capiremo meglio su cosa concentrarci. Io ora mi sento più portato per i 100 metri, anche perché per i 200 ci vuole un po’ più di esperienza, però mai dire mai”.

Atp Finals: Tsitsipas batte MedvedevSuccesso del greco nel primo incontro del gruppo ‘Agassi’

11 novembre 201917:29

– Il greco Stefanos Tsitsipas ha sconfitto il russo Daniil Medvedev in due set, col punteggio 7-6, 6-4, nella prima partita del gruppo ‘Agassi’ alle Atp Finals di Londra. La seconda sfida del raggruppamento vedrà stasera di fronte il n.1 al mondo, Rafa Nadal, e il tedesco Alexander Zverev.

Nuoto:Quadarella lascia Vigili del fuoco”Scelta personale legata a futuro sportivo e professionale”

11 novembre 201917:35

– La campionessa di nuoto Simona Quadarella ha deciso di lasciare il Corpo dei Vigili del fuoco, a tre anni dall’assunzione, e non ha rinnovato il tesseramento per il Gruppo sportivo delle Fiamme Rosse. “Una scelta consapevole – fa sapere l’ufficio attività sportive dei Vigili del fuoco – per motivi strettamente personali legati al suo futuro sportivo e professionale, maturata a partire dai recenti Mondiali di Gwangiu in cui ha vinto l’oro nella 1500 sl e l’argento negli 800 sl”, All’origine della scelta della nuotatrice vi sarebbe l’esigenza di gestire autonomamente gli impegni e le sponsorizzazioni. Il Corpo dei Vigili del fuoco ed il gruppo sportivo hanno espresso il loro ringraziamento “a Simona per il prestigio dato e per l’attaccamento ai colori rossi della maglia dimostrati sino allo scorso fine settimana a Genova, quando ha gareggiato con il lutto al braccio, in occasione del trofeo ‘Nico Sapio’, per ricordare i colleghi recentemente scomparsi”, augurandole un futuro sempre più prestigioso. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Gp Brasile: Mercedes senza Wolff
Team principal resta in Europa per lavorare su prossime stagioni

11 novembre 201918:23

– Il team principal della Mercedes, Toto Wolff, ha deciso di rinunciare alla trasferta in Brasile, dove domenica si svolgerà il penultimo appuntamento del Mondiale di Formula 1. “Sarà la prima gara dal 2013 alla quale non sarò presente”, ha fatto sapere il manager del team che si è già aggiudicato il titolo piloti e quello costruttori e che ha preferito concentrarsi sul lavoro in vista delle prossime stagioni. “E’ una gran cosa potermi permettere di farlo e sapere che comunque il team rappresenterà la stella a tre punte al meglio sia in pista sia fuori”.

F1: Schumi Jr rimanda sbarco nel Circus’2020 non realistico. Ho avuto una stagione non facile’

11 novembre 201920:48

– Mick Schumacher in Formula 1, c’e’ ancora da attendere. A svelarlo è lo stesso figlio del sette volte campione del mondo che al quotidiano tedesco Kolner Express ha fatto il punto sulla stagione passata in Formula 2 e sulle prospettive future: “Se avessi avuto la chance di debuttare in Formula 1 nel 2020 – ha ammesso il 20enne pilota tedesco – l’avrei presa al volo. Ma sfortunatamente appare un evento non realistico. Quest’anno non ho avuto una stagione facile; ma come pilota ho raccolto nuove esperienze e sono cresciuto anche attraverso le delusioni. Ho imparato a non mollare mai”.

Tennis: ATP Finals, Zverev supera Nadal in due set Campione in carica vince in due set 6-2, 6-4

11 novembre 201923:19

Rafa Nadal è stato battuto da Sascha Zverev nel 2° match di giornata che ha chiuso il 1° turno del gruppo Agassi alle ATP Finals di Londra. Dopo Federer, cade anche l’altro mito del tennis, sconfitto piuttosto nettamente dal campione in carica con i parziali di 6-2,6-4 in un’ora e 24′. Rafa, che ora ha appena 435 punti di vantaggio su Novak Djokovic per provare a difendere la prima posizione del ranking ATP, ha probabilmente pagato la lunga inattività post US Open, che lo ha visto in campo solo in Laver Cup (ritiratosi per un problema al polso) e a Bercy (forfait per il guaio muscolare addominale risolto solo nelle ultime ore). Il numero 1 del mondo prosegue il suo digiuno in un torneo finora mai vinto in carriera, che dura ormai dal 2015, quando vinse il suo ultimo match a Londra (vs Wawrinka). Zverev sfiderà così giovedì Tsitsipas, mentre per Nadal sarà già un match da dentro o fuori contro l’altro deluso di giornata, Medvedev, già battuto nelle due finali estive in Canada e US Open.

Basket: Serie A, Milano-Pistoia 83-63L’Olimpia vince la sua terza gara di fila in campionato

11 novembre 201923:19

– L’Olimpia Milano vince la sua terza in fila in campionato e lo fa nel modo giusto, ovvero senza soffrire e senza spremere nessuno contro Pistoia, anzi si può permettere anche di non usare Michael Roll nel secondo tempo, lui che era stato uno dei più pronti in avvio di gara. 83-63 il finale. L’Olimpia non aveva disponibili Arturas Gudaitis e Amedeo Della Valle. Sergio Rodriguez e Luis Scola hanno osservato un turno di riposo… Paul Biligha ha superato quota 1.000 punti segnati in Serie A. Ne aveva 996 prima di affrontare Pistoia.

Annunci
Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 6 minuti

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 00:51 DI DOMENICA 10 NOVEMBRE 2019

ALLE 15:17 DI LUNEDì 11 NOVEMBRE 2019

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Nba, vincono Gallinari e Melli, perde Belinelli
Houston passa a Chicago, pesante ko di San Antonio contro Boston

10 novembre 2019 00:51

Tanti italiani in campo nella notte Nba, con Gallinari e Melli che portano a casa la vittoria. L’ala di Oklahoma con una prova superba (21 punti e 5 rimbalzi) vince contro Golden State 114-108. Meno protagonista Melli (5 minuti e zero punti a referto) che comunque contribuisce al successo dei Pelicans (115-110) a Charlotte. Per Marco Belinelli invece 19 minuti e 9 punti, ma non bastano contro i Boston Celtics che espugnano il parquet di San Antonio 135-115 e che ha visto anche l’infortunio alla mano di Gordon Hayward. Il miglior realizzatore del match è Jaylen Brown (30 punti), a Popovich non bastano i 22 di DeMar DeRozan. Vittorie esterne, infine, per Dallas (a Memphis) e Houston (a Chicago) guidate da Luka Doncic e James Harden.

3-2 all’Australia, Francia vince Fed CupDecisivo il doppio, dopo vittoria Mladenovic sulla n.1 del mondo

10 novembre 201912:13

– La Francia ha vinto la quarta Fed Cup della sua storia, la prima dopo 16 anni, battendo nella finale di Perth per 3-2 l’Australia della numero uno del mondo Ashleigh Barty. Il punto decisivo è arrivato dal doppio Mladenovic-Garcia che ha superato Barty-Stosur 6-4 6-3. In precedenza Alja Tomljanovic aveva riscattato la prova opaca di sabato, superando per 6-4 7-5 Pauline Parmentier e rinviando tutto al doppio dopo che la giornata si era aperta con la più grande delle sorprese, ovvero la sconfitta (2-6 6-4 7-6) della Barty, n.1 Wta, per mano della Mladenovic, n.40 del ranking mondiale. Per l’Australia continua dunque la serie negativa: giocava una sfida per il titolo dopo 26 anni di digiuno e ha perso la sua nona finale consecutiva.

Corinna: ‘Grazie Michael per quello che ho’La moglie di Schumacher rompe silenzio: ‘Lui è nelle migliori mani’

10 novembre 201912:22

A quasi sei anni dal terribile incidente sulle nevi di Meribel del marito Michael Schumacher, la moglie Corinna rompe il silenzio e in un’intervista concessa a ‘She’s Magazine’ della Mercedes, ripresa da alcuni giornali tedeschi e tabloid britannici, racconta della passione della figlia Gina Maria per gli sport equestri ma soprattutto per la prima volta parla anche dell’amato marito. “Oggi mi rende felice vedere mia figlia poter fare ciò che ama e aver già raggiunto il successo.Ma non dimentico chi devo ringraziare di tutto questo, ovvero mio marito”, aggiunge Corinna rivelando che Michael aveva previsto il successo della figlia: “Mi disse che un giorno Gina Maria sarebbe stata più brava di me e la cosa allora non mi piacque molto”. Inevitabile anche la domanda sulle condizioni di salute di Michael: “Potete stare certi che è nelle migliori mani possibili e che stiamo facendo di tutto per aiutarlo. E seguiamo le volontà di Michael nel mantenere riservato un argomento così delicato come la sua salute”.

Golf: Turkish Open, vince HattonBritannico vince ad Antalya dopo spareggio a 6 giocatori

10 novembre 201916:50

– Il Turkish Airlines Open parla ancora britannico: dopo i successi 2017 e 2018 di Justin Rose è arrivato l’exploit di Tyrrell Hatton che, ad Antalya, festeggia il quarto titolo sull’European Tour, il secondo in un torneo Rolex Series. Due anni dopo l’ultimo exploit nel 74/o Open d’Italia il 28enne di High Wycombe ha superato alla quarta buca play-off Matthias Schwab. Che beffa per l’austriaco, dominatore della prima parte della kermesse, costretto a rinviare il primo appuntamento con la vittoria. Hatton esulta in un torneo-maratona che ha visto ben sei giocatori contendersi il titolo allo spareggio. A spuntarla è il player inglese che ha superato non solo Schwab, ma anche il sudafricano Erik Van Rooyen, l’americano Kurt Kitayama e i francesi Victor Perez e Benjamin Hebert. In Turchia bel finale anche per Guido Migliozzi, 10/o con 272 (-16) e miglior azzurro in gara. Da dimenticare, invece, quello di Francesco Molinari, solo 44/o (281, -7).

Tennis: Djokovic incorona Sinner: ‘Prossima stella mondiale’Campione serbo su azzurrino: “Vittoria Next Gen impressionante”

LONDRA10 novembre 201919:28

Più che un giudizio è un’investitura quella che Novak Djokovic riserva a Jannik Sinner: “E’ sicuramente la prossima stella” del tennis mondiale.
Il campione serbo rivela di aver guardato in tv la finale della Next Gen vinta dal giovane azzurro. “Aver vinto, in quella maniera, contro de Minaur è davvero impressionante – le parole di Djokovic -. Ho visto la finale della Next Gen. Jannik è sicuramente la prossima stella che i tifosi seguiranno. Io lo conoscevo già prima”. Merito dell’attuale coach di Sinner, Riccardo Piatti, già allenatore dello stesso serbo. “Mi sono allenato diverse volte all’Accademia Piatti nel corso degli ultimi anni – racconta Djokovic -. Jannik si è sempre dimostrato un ragazzo molto molto volenteroso ed educato. E’ in buone mani perché Riccardo è un’ottimo coach. Sono sicuro che sanno quello che stanno facendo, e i risultati sono lì a dimostrarlo”.

Nba: Raptors da campioni, Lakers battutiSi ferma a 7 vittorie striscia californiana. Ko anche Gallinari

11 novembre 201909:52

– I Toronto Raptors battono i Lakers (113-104) e interrompono la loro striscia di sette successi consecutivi. Milwaukee riesce a imporsi sul parquet dell’Oklahoma City, sia pure di misura (121-119), con 35 punti di Antetokounmpo che, però, alla fine ha manifestato la propria frustazione per la sconfitta, strappando la maglietta e distruggendo un cartellone pubblicitario, salvo poi chiedere scusa. Danilo Gallinari, con 14 punti e 7 assist, non è bastato e ha chiuso con un 4/17 dal campo, tra cui la tripla del pareggio sul 114-114 a 32″ dal termine, poi vanificata da un canestro di Brook Lopez. Successi interni per Philadelphia su Charlotte (114-106), di Phoenix su Brooklyn (138-112), di Portland su Atlanta all’overtime (124-113). New York si è arresa in casa contro Cleveland (108-87), mentre Indiana si è garantita il terzo successo di fila a Orlando, imponendosi 109-102. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Atp Finals: Matteo Berrettini parte male, 2-0 da DjokovicEsordio con una sconfitta anche per Federer, battuto da Thiem 7-5 7-5

10 novembre 201923:36

Atp Finals in salita per Matteo Berrettini . A Londra il tennista romano, n.8 al mondo, è stato sconfitto dal n.2, Novak Djokovic, col netto punteggio di 6-2, 6-1 in poco più do un’ora di gioco.
Esordio con sconfitta per Roger Federer alle Atp Finals di Londra. Lo svizzero è stato battuto dall’austriaco Dominic Thiem con il risultato di 7-5 7-5. Lo svizzero tornerà in campo martedì quando affronterà l’azzurro Matteo Berrettini uscito sconfitto nel pomeriggio dalla sfida con Novak Djokovic. Troppo forte il campione serbo, che alla O2 Arena rincorre il sesto sigillo dei maestri, oltreché il primato nella classifica mondiale. Ne scaturisce un match a senso unico, con un inevitabile epilogo (6-2 6-1), che però Berrettini sembra avere già metabolizzato: “Non credo di aver giocato così male, sono deluso ma devo anche essere lucido nell’analisi – il commento di Berrettini -. Essere qui è già un motivo di gioia e orgoglio. Perché sto prendendo tanti spunti, sono sicuro che crescerò tantissimo”. Fin da subito Berrettini è costretto a rincorrere nel punteggio, dopo lo sprint iniziale di Djokovic che vince i primi sei punti del match. L’ultimo dei quali, grazie ad un comodo smash in rete dell’italiano, che paga dazio all’emozione del debutto. Un ace evita il tracollo iniziale, ma già al sesto game il 23enne romano cede il proprio turno di battuta. Sempre in difficoltà con il rovescio, quando anche il dritto lo tradisce, Berrettini va fuori giri, assistito poco anche dal servizio. Il primo set si risolve così in meno di mezz’ora, con 18 errori non forzati dell’azzurro. L’inerzia del match non cambia nella seconda frazione: Berrettini finalmente riesce ad interrompere una striscia di 12 punti di fila del serbo, ma cede comunque il primo turno di servizio, con un doppio fallo quanto mai intempestivo.Una volta avanti un set e un break, per Djokovic è fin troppo facile condurre in porto la vittoria, strappando altre tre volte il servizio all’italiano. Impietoso il computo statistico del match: Berrettini ha subito cinque break in sette turni di servizio, riuscendo a raccogliere, nei turni di battuta di Djokovic, la miseria di quattro punti nel primo set, due soli nel secondo (tolto il fortunoso break al sesto gioco). “Sapevo che mi aspettava un match durissimo, ed è stato proprio così perché Novak ha giocato benissimo – ha aggiunto Berrettini -. In certi momenti mi sembrava di essere dentro un flipper, con le palle che arrivavano da tutte le parti. Ho cercato di variare, ma era difficile perché ha giocato sempre ad un ritmo molto alto”. La pesante sconfitta contro il serbo ha ricordato quella, altrettanto chiara nel punteggio, rimediata lo scorso luglio a Wimbledon, contro Roger Federer. “Ma allora non ci avevo capito nulla, avevo giocato in stato confusionale. Oggi ho perso ma sono comunque riuscito ad esprimere il mio tennis, al di là dei punti vinti o persi. E certamente questa sconfitta non mi butterà giù perché il mio processo di crescita va avanti”. Ultima battuta, inevitabile, per il successo di Jannik Sinner alla Next Gen di Milano, che ha portato il tennis in prima pagina. “Sono orgoglioso delle nuove attenzioni per il tennis italiano perché in parte è merito anche mio. Avevo incontrato Jannik prima del torneo e gli avevo fatto gli auguri. I risultati che sta ottenendo sono formidabili, ma ancor più della qualità del suo gioco, è la velocità con cui sta migliorando che mi sta impressionando”.

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

JUVENTUS TUTTI I VIDEO

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

JUVENTUS TUTTI I VIDEO IN TEMPO REALE

JUVENTUS TUTTI I VIDEO IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATI ED ESCLUSIVI: DA NON PERDERE!

DALLE 12:36 DI GIOVEDì 07 NOVEMBRE 2019

ALLE 01:40 DI LUNEDì 11 NOVEMBRE 2019

JUVENTUS TUTTI I VIDEO

NEL FRATTEMPO LEGGI: JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 20 minuti

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 12:21 DI GIOVEDì 07 NOVEMBRE 2019

ALLE 01:25 DI LUNEDì 11 NOVEMBRE 2019

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

Juventus-Milan: 3 gol di testa
07.11.2019 12:21 – in: Serie A
Juventus-Milan: 3 gol di testa
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Gol speciali nelle vittorie contro il Diavolo rossonero
Da sempre Juventus-Milan è una sfida non solo affascinante e ricca di storia, ma anche di momenti unici. Per vincerla ci vogliono giocate speciali. Ci sono tre gol di testa che hanno indirizzato la sfida a favore dei bianconeri che si pongono al vertice della bellezza, oltre che dell’importanza ai fini del risultato. Tre capolavori, uno per decennio a partire dagli anni ’90.
1994-95 ROBERTO BAGGIO
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Non è una partita dagli alti contenuti spettacolari quella che si gioca al Delle Alpi il 30 ottobre del 1994. Ma il significato della vittoria della Juve di misura è decisamente superiore dei 3 punti guadagnati. Battere il Milan in casa, dopo un triennio di dominio in campionato, significa che i bianconeri sotto la nuova direzione di Marcello Lippi sanno andare oltre. E la rete di Roberto Baggio che decide l’incontro ne è una plastica rappresentazione perché non è certo il gioco aereo la specialità del numero 10. E riuscire a colpire in area piccola, nel ristretto spazio tra Billy Costacurta e Sebastiano Rossi, vale come una firma sullo scudetto che verrà.
2008-09 AMAURI
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Non ha lasciato il segno che avrebbe voluto il brasiliano Amauri nella sua esperienza in bianconero. Non quello che lasciava intravedere il girone d’andata del 2008-09, quando il neo-acquisto dal Palermo segna gol con grande continuità. Proprio Juventus-Milan del 14 dicembre 2008 rappresenta il momento perfetto di quel periodo. Nel 4-2 sui rossoneri lui ha gran parte, segnando le ultime due reti bianconere dopo quelle di Alessandro Del Piero e Giorgio Chiellini. In particolare, è il gol del momentaneo 3-1 a imporsi: cross di Paolo De Ceglie dalla sinistra e stacco imperioso con pallone schiacciato laddove Christian Abbiati non può arrivare.
2017-18 JUAN CUADRADO
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Juan Cuadrado è abituato a confezione gol che uniscono bellezza ed importanza in pari misura. Nello Juventus-Milan del 2017-18 il colombiano spezza il risultato in equilibrio a dieci minuti. Sul risultato di 1-1, Sami Khedira effettua un cross morbido, sul quale Cuadrado si avventa con grande decisione. Colpo di testa in tuffo e Donnarumma superato. Una prodezza che spiana la strada alla vittoria bianconera, rinforzata successivamente dal destro di Sami Khedira che chiude la partita col punteggio di 3-1.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Rientro a Torino e scarico al JTC07.11.2019 17:21 – in: UCLRientro a Torino e scarico al JTCLa Juve è tornata da Mosca e si è allenata nel pomeriggio in ContinassaDescrizione non disponibile.La Juventus ha trascorso in Russia la notte dopo la vittoria di ieri contro la Lokomotiv, ed è ripartita in mattinata alla volta di Torino. Rientrati nel primo pomeriggio a Caselle, i bianconeri hanno effettuato una seduta di scarico, per chi ieri è stato impegnato nella partita, e di lavoro in campo per il resto del gruppo.Domani si pensa solo al Milan: allenamento dell’antivigilia previsto al mattino.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Oggi in vendita il Quarto Kit, by Juventus, adidas e Palace08.11.2019 09:00 – in: SponsorsOggi in vendita il Quarto Kit, by Juventus, adidas e PalaceAppuntamento sul nostro Online Store e nei nostri store fisici L’attesa è finita. Oggi sarà in vendita il Quarto kit, prodotto dalla collaborazione fra adidas, Palace e Juventus. Appuntamento dalle 10 al Megastore di Torino e al Flagship Store di Milano. E dalle 12 online su store.juventus.com.Il brand londinese, Palace, nato dalla cultura skater, ha unito le forze con adidas per creare un kit innovativo e sorprendente, caratterizzato da un design urban, che non dimentica i colori della storia di Juventus, il bianco e il nero, ma lo combina con l’arancione e il verde fluo, che spiccano sulle maniche e soprattutto (il verde) nel logo di Jeep e nei nomi e nei numeri dei giocatori sul retro.Non solo: la collezione si completa con accessori e abbigliamento da calcio, come due diverse tipologie di maglie da allenamento a manica lunga, due differenti T-shirts a manica corta, due tute, due cappellini, un berretto, uno zaino, i guantoni da portiere. Tutto, rigorosamente in bianco e nero con bellissimi dettagli neon e i loghi Juventus, adidas e Palace.«E’ la grande fusione tra calcio e fashion – osserva Giorgio Ricci, Chief Revenue Officer di Juventus – Per un ulteriore allargamento dei nostri confini. Abbiamo voluto sorprendere, scendendo in campo con una maglia frutto della collaborazione con una realtà iconica del mondo skater a livello mondiale. Ringraziamo il nostro partner adidas che ha reso possibile questo progetto».Vi piace questa divisa speciale? E allora tutti sul nostro Online Store e negli Store fisici di Milano e Torino.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Chiellini e Aluko, bianconeri in “Common Goal”08.11.2019 12:00 – in: Charity / CSRChiellini e Aluko, bianconeri in “Common Goal”Il capitano della Prima Squadra Maschile e l’attaccante della Prima Squadra Femminile fanno parte dell’organizzazione che vede i calciatori impegnati in prima persona nelle grandi sfide sociali del nostro tempoSi Chiama “Common Goal”.E’ un progetto, nato nel 2017, che si pone l’obiettivo di affrontare le grandi sfide sociali attraverso l’aiuto concreto da parte del calcio.Ed è proprio un calciatore colui che ha pensato e fatto partire il progetto, lo spagnolo Juan Mata. L’idea è semplice: coloro che fanno parte del mondo del calcio, siano per esempio giocatori, manager o allenatori, devolvono l’1% del loro stipendio a Common Goal, che raccoglie i fondi e li destina ai progetti, appunto i “Goals”, che il Movimento ha scelto come ambiti di azione, ispirandosi ai 17 obiettivi di sviluppo sostenibile sanciti dalle Nazioni Unite. Il tutto avviene attraverso un elenco di Organizzazioni Non Governative legate al mondo dello sport e in particolare, appunto del calcio. Giorgio Chiellini, il nostro Capitano, ha aderito praticamente da subito, dal 2017, al progetto, e pochi giorni fa ha dato il “benvenuto” a un’altra bianconera, l’attaccante delle Juventus Women Eniola Aluko.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
ENI E CHIELLO, LE LORO PAROLE«Mi piace molto il motto che dice che una buona persona è un buon giocatore – spiega Aluko – Credo che si debba sempre lavorare duro e con umiltà. Tutte queste caratteristiche rendono una persona migliore, oltre che una buona compagna di squadra». E aggiunge: «Ho sempre voluto far parte di una squadra, di un team: per questo, l’idea della filantropia collettiva, e quindi di un movimento come Common Goal, mi piace molto. Se si è un grande team, insieme si possono fare grandi cose per il mondo. Gli obiettivi che mi appassionano? Quelli legati al tema dell’acqua, e l’uguaglianza di genere fra uomo e donna; credo che il potere del calcio sia incredibile: i calciatori sono personaggi famosi, con tanti followers, un grande seguito, e possono influenzare le persone. Non dobbiamo perdere le opportunità di cambiare davvero qualcosa»Anche Chiellini conferma le parole di Eniola: «Andando avanti con gli anni, ci accorgiamo che possiamo essere un modello per i giovani. Una sola parola da parte nostra può influenzare tante persone nelle loro vite: dobbiamo capire che siamo importanti, che siamo idoli, e che quello che facciamo impatta sulle nuove generazioni. Il nostro aiuto attraverso realtà come Common Goal è una piccola cosa, in rapporto ai grandi problemi, ma per esempio può aiutare a sensibilizzare le nuove generazioni su quello di cui il mondo ha bisogno, per creare un movimento sempre più grande in futuro. Ho visto da subito che in Common Goal c’era una bella possibilità di crescita, e infatti il movimento si sta ampliando: non è facile, ma dobbiamo aumentare i nostri obiettivi»
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Verso Juve-Milan08.11.2019 14:29 – in: Serie AVerso Juve-MilanSquadra al lavoro al mattino: domani la conferenza stampa di Mister SarriSi avvicina l’ultimo impegno prima della sosta per gli impegni delle Nazionali per la Juve, che domenica, alle 20.45, ospita il Milan all’Allianz Stadium.Questa mattina la squadra ha lavorato in campo, dedicandosi al possesso palla e concludendo la sessione con una partitella.Domani, vigilia di campionato e allenamento previsto al pomeriggio. Alle 14, invece, Mister Sarri incontra i media nella Sala Stampa dell’Allianz Stadium.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Douglas: «A Mosca il gol più bello della mia carriera»08.11.2019 17:00 – in: Serie ADouglas: «A Mosca il gol più bello della mia carriera»«Il Milan? Una buona squadra che merita rispetto»
Dal grande gol che ha regalato la qualificazione agli ottavi di Champions League, alla partita che ci aspetta contro il Milan. E’ un Douglas Costa a 360 gradi, quello che ha parlato oggi.VISTO DA LUI«Ero in posizione da trequartista – racconta – E facevo fatica a trovare spazio. Così, anche parlando con Bonucci e Dybala ho capito che potevo spostarmi a sinistra. Una volta saltati i due difensori, ho visto che c’era spazio per puntare alla porta, e grazie al colpo di tacco, molto intelligente, di Higuain, ne è uscita un’azione molto bella. Io sono riuscito a restare freddo e a segnare: è stato il gol più bello della mia carriera. Infatti, non sono abituato a togliermi la maglietta dopo aver segnato, ma è stato un momento di liberazione. Dedico il gol a Natalhia, una persona molto importante per me».DOUGLAS TREQUARTISTA?«Non è una novità, ma non giocavo da trequartista da molto tempo: l’ho fatto in passato, ma in una formazione schierata con il 4-2-3-1. Qui devo lasciare spazio per i centrocampisti, come Matuidi, o per chi crea gioco come Bentancur o Pjanic ed essere allo stesso tempo vicino a chi è davanti, ad esempio Dybala o Higuain. Poi devo cambiare passo in quella zona di campo e creare le condizioni per dare superiorità numerica e far fare gol ai compagni».SGUARDO AL MILAN«Il Milan del passato era una squadra fenomenale, che vinceva tutto, ma credo che anche oggi sia comunque una buona squadra, che merita grande rispetto. Paquetà? Lo conosco ed è un giocatore importante, l’ho apprezzato in Nazionale, ha ottime qualità. Il calcio in Europa è molto differente rispetto al Brasile, ma credo che saprà dimostrare il suo valore e fare emergere le sue qualità».«RAZZISMO? SIAMO TUTTI UGUALI»«Purtroppo, il razzismo esiste, e da molto tempo. Io mi batto totalmente contro questo problema, perché penso che siamo tutti uguali e con le nostre famiglie dobbiamo difendere i nostri principi. I razzisti non meritano di esultare per un gol, perché il calcio è uno spettacolo, porta gioia e non è compatibile con queste manifestazioni»
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Il Cda approva i principali risultati al 30 settembre 201908.11.2019 18:30 – in: Comunicati FinanziariIl Cda approva i principali risultati al 30 settembre 2019Il Consiglio di Amministrazione di Juventus Football Club S.p.A., presieduto da Andrea Agnelli, ha esaminato e approvato i principali risultati al 30 settembre 2019 e il regolamento per il voto maggiorato. LEGGI E SCARICA IL COMUNICATO

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE

MVP: il migliore di ottobre è il Pipa!08.11.2019 20:00 – in: Serie AMVP: il migliore di ottobre è il Pipa!Un fortunato Juventus Member lo premierà al termine del riscaldamento pre Juve-Milan, domenica 10 novembre Assist, goal, aperture, gioco a tutto campo. Il Pipa Higuain è realmente un giocatore decisivo (come ha confermato, per elencare due esempi recenti, con i due palloni offerti sabato scorso a de Ligt e due giorni fa a Douglas Costa a conclusione del suo slalom ubriacante).Sarà di certo anche per questo che i tifosi bianconeri lo hanno proclamato, per il mese di ottobre, “MVP of the Month Powered by eFootball PES2020”. L’ovazione dell’Allianz Stadium attende Gonzalo domenica, al termine del riscaldamento pre partita di Juve-Milan, quando uno Juventus Member sarà pronto ad attenderlo con il premio da migliore del mese.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Opposition Watch: il Milan09.11.2019 11:00 – in: Serie AOpposition Watch: il MilanAlla scoperta della squadra allenata da Stefano PioliReduce dalla sconfitta interna per 2-1 contro la Lazio, il Milan fino ad ora ha conquistato 13 punti in classifica: 4 vittorie, un pareggio e 6 ko il bilancio. Da quando c’è Stefano Pioli in panchina (al posto di Marco Giampaolo) i rossoneri hanno vinto una gara (Spal), pareggiata un’altra (Lecce) e perse due (Roma e appunto Lazio).Il miglior marcatore è il polacco Piatek con 3 reti (è anche il rigorista della squadra, in alternanza con Kessié), seguito a quota 2 da Chalanoglu e Theo Hernandez. Quest’ultimo è senza dubbio il nuovo volto del Milan che fino ad ora ha inciso di più nella squadra. Francese, classe 1997, è arrivato in estate dal Real Madrid dopo aver giocato nell’ultima stagione nella Real Sociedad. Un terzino sinistro di grande spinta e anche con il fiuto del gol, come dimostrano le due reti già siglate nei primi 11 turni della Serie A. In cabina di regia nelle ultime giornate ha giocato l’algerino Bennacer (che in estate con la sua nazionale ha vinto la Coppa d’Africa), arrivato dall’Empoli al pari di Krunic.La garanzia tra i pali è sempre Donnarumma: il portiere del Milan ha sempre giocato tranne nella trasferta di Marassi sul campo del Genoa, dove scese in campo Reina, parando tra l’altro un rigore a Shone a tempo scaduto. In difesa è Romagnoli la stella, nonché capitano: alla quinta stagione consecutiva all’ombra del Duomo, ha già totalizzato oltre 150 presenze in maglia rossonera.UN ATTACCO NON INCISIVOCon solo il 35% di tiri nello specchio della porta (dato più basso di tutta la serie A) il Milan, sia sotto la guida di Gianpaolo che sotto a quella di Pioli, sta lottando da inizio stagione con una sterilità sotto porta (11 i gol in totale segnati) che rappresenta il vero problema della squadra rossonera determinando l’attuale deludente undicesimo posto in classifica. La svolta voluta dalla società, prima della sfida contro il Lecce all’ottava giornata di campionato, con il cambio della guida tecnica, non ha sortito gli effetti desiderati. La difficoltà nel rendersi pericolosa nella metà campo avversaria è evidente se si prende in considerazione il dato del possesso palla (57% e quarta posizione) dei passaggi (5511 quarta posizione)  e della precisione nel fraseggio (85% quinta posizione): il Milan palleggia dalla propria trequarti con una certa disinvoltura, ma superata la linea mediana la costruzione del gioco non riesce a trovare gli sbocchi necessari per portare alla conclusione i propri attaccanti e soprattutto a metterli nelle condizioni di incidere in area avversaria. Un possesso quindi alquanto sterile che solo nella gara pareggiata in casa contro il Lecce, proprio alla prima panchina di Pioli, è riuscito a produrre in attacco una mole di gioco (19 conclusioni di cui 9 nello specchio) decisamente diverso dal resto della stagione. In quel caso alcune distrazioni difensive hanno impedito ai rossoneri di conquistare i 3 punti, anche se la difesa, in media, non subisce molto (129 in totale i tiri concessi quinta posizione in classifica).Un equilibrio di squadra, quindi, precario, che sembra poter garantire una maggior copertura solo a discapito di una fase offensiva spesso colpevole nell’isolare Çalhanoğlu, Piatek e Suso, che di certo in questo inizio di stagione non stanno attraversando un grande periodo di forma.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Under 23, i convocati per Juve-Pistoiese09.11.2019 13:30 – in: Juventus U23Under 23, i convocati per Juve-PistoieseI giocatori a disposizione di Pecchia per la partita di domaniDomani alle 15 al Moccagatta Under 23 in campo contro la Pistoiese.Questo l’elenco dei convocati a disposizione di mister Pecchia:1 Nocchi
2 Oliveira Rosa
3 Coccolo
5 Muratore
6 Peeters
7 Lanini
8 Portanova
9 Mota Carvalho
10 Beltrame
11 Olivieri
13 Mulè
15 Toure
17 Zanimacchia
18 Di Pardo
19 Rafia
20 Beruatto
22 Loria
27 Han
29 Frederiksen
30 Siano
31 Selasi
33 Delli Carri
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Sarri: «Il Milan è una buona squadra»09.11.2019 14:45 – in: Serie ASarri: «Il Milan è una buona squadra»Le parole del tecnico in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro i rossoneriUltima partita prima della sosta per le nazionali. Domani sera la Juventus affronta all’Allianz Stadium il Milan, match valido per il dodicesimo turno di Serie A. Oggi, in conferenza stampa, Maurizio Sarri ha presentato la sfida.

«Il Milan è una buona squadra che ha ha avuto delle difficoltà nella fase iniziale della stagione. Si sta ricostruendo, ha dei giovani dal futuro importante. Le basi le sta gettando. Noi dovremo giocare con una intensità difensiva diversa. Non riusciamo ancora a chiudere le partite, ma questa squadra ha la forza di cercare la vittoria fino alla fine e spesso è riuscita a trovarla».IL REPARTO OFFENSIVO«Non so ancora se Ronaldo sarà a disposizione. Ieri ha lavorato con i fisioterapisti, vedrò tra oggi e domani mattina come sta. So per certo che non ha niente di grave, solo un piccolo dolore al ginocchio. Higuain ha bisogno di forti motivazioni per rendere al meglio, lo dice la sua storia. Gonzalo sta bene sia fisicamente che mentalmente. Secondo me può fare meglio nell’attacco dell’area di rigore e quindi dal punto di vista realizzativo. Douglas Costa l’altra sera ha fatto bene a decentrarsi, il compito del trequartista è anche quello del sapersi muovere per vie esterne. In questo momento però abbiamo bisogno di un giocatore in quel ruolo che ci dia equilibrio. Sono state sottovalutate dal punto di vista tattico le prestazioni di Bernardeschi».DIFESA E CENTROCAMPO«L’impiego di de Ligt? Valuterò tra oggi e domani. Per quanto riguarda Bonucci, in questo momento la squadra ha bisogno di lui per esperienza, solidità e organizzazione difensiva. Spero di poterlo far riposare in futuro: in questa prima parte della stagione è stato un giocatore determinante. Ramsey è un ragazzo con qualità tecniche importanti, il trequartista moderno ormai è un centrocampista. In un centrocampo solido può fare anche l’interno. Rabiot lo vedo in futuro come vertice basso davanti alla difesa. Adesso è in una fase di ambientamento».
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
La vigilia del Milan09.11.2019 18:47 – in: Serie ALa vigilia del MilanLe parole di Pioli e i convocati rossoneriAlla vigilia di Juve-Milan, conferenza stampa per Stefano Pioli. «Siamo una squadra giovane ma non immatura e inesperta – ha detto – All’interno dello spogliatoio ci sono giocatori importanti come Biglia, Reina, Suso e Romagnoli, Donnarumma è molto maturo e molto dentro il Milan. Ci manca solo un po’ di convinzione, ma questa arriva solo con i risultati».E ha aggiunto: «La partita con la Juve è una grande sfida, sappiamo che dobbiamo essere concentrati per novanta minuti. Come si ferma un giocatore come Cristiano? Difficile dirlo, ha tante possibilità di farti male, perché è un fenomeno: dovremo cercare di concedergli poco spazio, perché è tra i migliori al mondo»I CONVOCATIPORTIERI Donnarumma A., Donnarumma G., Reina.DIFENSORI Calabria, Caldara, Conti, Duarte, Gabbia, Hernández, Rodríguez, Romagnoli.CENTROCAMPISTI Bennacer, Biglia, Bonaventura, Çalhanoğlu, Krunić, Paquetá.ATTACCANTI Leão, Piątek, Rebić, Suso.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Buon compleanno, Mattia!10.11.2019 00:05 – in: EventiBuon compleanno, Mattia!Perin spegne oggi 27 candeline Giornata speciale per Mattia Perin: oggi è il suo compleanno. Il portiere di Latina spegne infatti 27 candeline.Prima del suo problema alla spalla, sopraggiunto nella scorsa stagione, quando ad aprile si è dovuto fermare per una lussazione, Mattia ha disputato nove presenze in maglia bianconera, nelle quali ha saputo comunque lasciare il segno, mantenendo in cinque occasioni la porta inviolata.Inoltre, con lui in campo, i bianconeri hanno vinto sei partite, grazie anche alle sue parate, arrivate nel 70,4 dei tiri subiti, cifra che sale a 89% se si considerano i tiri da fuori area. Tutti noi gli auguriamo di cuore, oggi, buon compleanno!
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
In Numbers | Juve-Milan10.11.2019 10:00 – in: Serie AIn Numbers | Juve-MilanLe statistiche in avvicinamento alla gara di questa sera all’Allianz Stadium
# JUVEMILAN36 SU 39 La Juventus ha raccolto 36 punti sugli ultimi 39 disponibili in Serie A nelle sfide con il Milan: unica eccezione lo 0-1 in casa dei rossoneri nell’ottobre 2016 (rete di Manuel Locatelli).QUANTI GOL! Nelle partite tra Juventus e Milan in Serie A si sono segnati 451 gol: in nessuna partita con protagonisti i bianconeri si sono realizzate altrettante reti.IL PUNTEGGIO PIU’ FREQUENTE Il punteggio più frequente tra Juventus e Milan in Serie A è l’1-1, finale di 28 incontri; tuttavia, il più recente risale al febbraio 2012.IMBATTIBILITA’ ALL’ALLIANZ STADIUM Da quando gioca all’Allianz Stadium, la Juventus ha sempre vinto in casa contro il Milan in Serie A: otto successi su otto, con 17 gol all’attivo (2.1 di media a incontro).VITTORIE DI MISURA Nei maggiori cinque campionati europei la Juventus è la squadra ad aver vinto più partite con un solo gol di scarto: otto, sui nove successi totali.LA PARTENZA DEL MILAN 11ª posizione per il Milan, che non è mai partito peggio nell’era dei tre punti a vittoria dopo 11 giornate di Serie A – inoltre i rossoneri hanno perso sei gare, peggior risultato a questo punto della stagione dal 1941/42 (sette in quel caso).SETTE IN OTTO PARTITE Il Milan ha ottenuto sette punti nelle ultime otto partite di campionato: in una serie di otto gare i rossoneri non facevano peggio (sei punti) dall’aprile 2016.LA JUVE NEGLI ULTIMI 30 MINUTI La Juventus è, insieme all’Atalanta, la squadra che ha guadagnato più punti (otto) con gol segnati negli ultimi 30 minuti di gioco in questa Serie A – dall’altra parte il Milan è quella che ne ha persi di più (sette) nello stesso periodo.IN GOL CON I DIFENSORI Solo la Roma (cinque) ha segnato più gol della Juventus (quattro) con i propri difensori in questo campionato.PAULO E IL DIAVOLO Paulo Dybala ha realizzato sei reti contro il Milan in Serie A; solo contro Lazio e Udinese ha fatto meglio (sette): cinque di questi gol sono arrivati in altrettante sfide casalinghe contro i rossoneri (una per gara).
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Andrea Agnelli è “Torinese dell’Anno 2018”!10.11.2019 11:10 – in: EventiAndrea Agnelli è “Torinese dell’Anno 2018”!Il Presidente della Juventus ha ricevuto oggi il riconoscimento alla Camera di Commercio di TorinoLa giornata di Juve-Milan è iniziata, per il nostro Presidente, in modo speciale.Andrea Agnelli ha infatti ricevuto questa mattina, alla Camera di Commercio di Torino, nell’ambito dei premi “Fedeltà al Lavoro e per il Progresso Economico”, l’onorificenza come “Torinese dell’anno 2018”.Un riconoscimento speciale, giunto alla sua 42’ edizione e attribuito ad Agnelli dalla Giunta e dal Presidente della Camera di commercio torinese, Vincenzo Ilotte.«Per la sua visione e la sua capacità imprenditoriale, che gli hanno permesso di sviluppare la Juventus, portandola ad essere una delle prime squadre di calcio al mondo e trasformandola dall’essere una società sportiva tradizionale ad un colosso anche commerciale, con un marchio sapientemente valorizzato, con un Museo in grado di creare un’esperienza emotiva unica e facendola diventare a tutti gli effetti uno dei principali motori dell’economia turistica della nostra Città». Questo il passaggio principale delle motivazioni dell’assegnazione al Presidente del premio, che ogni anno incorona il torinese che maggiormente si è distinto «Offrendo un contributo speciale nel proprio settore di attività: l’economia, l’arte, la scienza o il sociale», e che negli anni è stato assegnato a persone come Gian Luigi Gabetti, Sergio Marchionne (nel 2006), Evelina Christillin.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
LE PAROLE DEL PRESIDENTE«Voglio ringraziare tutti voi per avermi onorato di questo riconoscimento – le parole di Andrea Agnelli al momento della premiazione – Sono fermamente convinto che non sia il singolo, ma il gruppo a fare la differenza.Senza la passione, i piani strategici e gli investimenti, partiti nel 2010, la Juventus sarebbe ora una delle tante eccellenze torinesi. Oggi è invece una società leader a livello europeo, che è passata in questi anni da 250 persone occupate, fra tesserati e non tesserati, a quasi 800, con un impatto sociale/occupazionale rilevante sul nostro territorio. Siamo una realtà industriale, nell’accezione moderna del termine, che ha saputo attrarre a Torino oltre 350 milioni di investimenti, per riqualificare e cambiare il volto a una parte del territorio torinese, e siamo un marchio riconosciuto e riconoscibile in tutto il mondo.E, così come è accaduto a tante altre eccellenze nel territorio, come Artissima o la Reggia di Venaria, questo è stato possibile individuando e perseguendo delle priorità, il che significa decidere e non accontentare immediatamente tutti gli stakeholders; ma se a guidare sono le priorità individuate, spesso chi manifesta malcontento oggi, dovrà ricredersi domani, perché la crescita e lo sviluppo saranno garantiti e andranno a beneficio di tutti.Torino e i torinesi sanno procedere per priorità, devono solamente ricordarsene. E oggi questo premio non va ad una persona singola, ma ad un gruppo che ha saputo decidere in base alle priorità».
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
I convocati per Juve-Milan10.11.2019 13:00 – in: Serie AI convocati per Juve-MilanL’elenco dei giocatori a disposizione di Mister Sarri per la sfida di questa sera all’Allianz StadiumOre 20:45: la Juve scende in campo contro il Milan all’Allianz Stadium. Ecco i convocati per la sfida di questa sera.1. Szczesny
2. De Sciglio
4. De Ligt
5. Pjanic
6. Khedira
7. Ronaldo
8. Ramsey
10. Dybala
11. Douglas Costa
12. Alex Sandro
13. Danilo
14. Matuidi
16. Cuadrado
19. Bonucci
21. Higuain
23. Emre Can
24. Rugani
25. Rabiot
28. Demiral
30. Bentancur
31. Pinsoglio
33. Bernardeschi
77. Buffon
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Under 19, tris alla Lazio10.11.2019 16:14 – in: PrimaveraUnder 19, tris alla LazioSene, Fagioli e Petrelli stendono i biancocelesti.La Juve centra il terzo successo consecutivo, secondo in campionato. 3-1 alla Lazio a Vinovo, con una prova che conferma la crescita del gruppo. LA PARTITA

I bianconeri impiegano 5 minuti a passare il vantaggio. La fame e la voglia di sacrificarsi di Sene si trasformano subito in gol: pressione sul difensore avversario, recupero palla e rete dell’1-0. La Lazio cerca di riorganizzarsi nell’immediato, la Juve resiste con ordine e prima dell’intervallo trova il 2-0. Sene si guadagna il rigore e Fagioli, dal dischetto, non sbaglia.La ripresa comincia subito con un brivido: rigore per la Lazio. Se lo procura Cerbara, che, però, non riesce a concretizzare e spreca mettendo a lato. Lo scampato pericolo spinge la Juve a salire a caccia del 3-0. Sene lo sfiora, Petrelli lo realizza al 54′, scappando via in contropiede e depositando in porta per il suo terzo gol consecutivo.La gara sembra chiusa, ma gli ospiti non si arrendono e provano ad accorciare le distanze. L’occasione per farlo arriva al 75′, quando Bertini ha un altro rigore a disposizione, ma trova sulla sua strada un super intervento di Israel, che intuisce ed evita il 3-1.Il gol degli ospiti arriva un minuto dopo con il colpo di testa di Franco, bravo, su un corner, a girare il pallone alle spalle di Israel, decisivo poco dopo, nel negare a Bertini il gol che avrebbe potuto riaprire davvero la partita. Da lì in poi, i bianconeri gestiscono bene, portando a casa i tre punti.Prossimo impegno in campionato il 22 novembre contro il Chievo.I COMMENTI«Stiamo avendo un andamento un po’ altalenante. Siamo partiti bene, poi abbiamo avuto un blackout e adesso sono arrivate le tre vittorie consecutive – il commento di miste Zauli – Mi auguro che la squadra si stia conoscendo sempre di più e abbia capito i valori e la lotta necessari per migliorarsi sia singolarmente che come squadra. Queste vittorie ci aiutano a trovare l’autostima e la volontà di continuare a migliorarci negli allenamenti. La strada è ancora lunga. Oggi nel primo tempo abbiamo rischiato poco, poi sul 3-0 abbiamo un po’ abbassato la concentrazione e gli episodi ci sono andati bene. Questo è un aspetto da migliorare ed è un monito che faccio a me stesso, alla squadra e ai ragazzi. Questo è l’unico aspetto da migliorare di una giornata in cui abbiamo fatto tante cose belle».
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
≮≯Campionato Nazionale Primavera 1 – 8° Giornata di andata
Campo Ale & Ricky – Vinovo (TO)
Juventus-Lazio 3-1
Marcatori: 5′ pt. Sene (J), 45’+1′ pt. Fagioli (rig.)(J), 9′ st. Petrelli (J), 32′ st. Franco (L)Juventus: Israel, Leo, Anzolin (cap.)(33′ st Verduci), Leone (33′ st Francofonte), Dragusin, Gozzi, Sene (20′ st Penner), Ranocchia (13′ st De Winter), Petrelli (20′ st Gerbi), Fagioli, Stoppa. A disposizione: Garofani, Raina, Bandeira, Vlasenko, Abou,  Sekulov, Da Graca. Allenatore: Lamberto ZauliLazio: Alia (cap.), Kalaj, Ndrecka, Minala, Franco, Petricca, Kaziewicz, Czyz (10′ st Bertini), Zilli, Cerbara (24′ st Russo), Shehu (37′ st Cesaroni). A disposizione: Furlanetto, Marocco, Francucci, Cipriano, Bianchi, Shoti, Moschini. Allenatore: Leonardo Menichini Ammoniti: 34′ pt Ranocchia (J), 5′ st Franco (L), 40′ st Israel (J), 41′ st Bertini (L)Prossimo impegno
Campionato Primavera 1 TIM
Juventus vs. Chievo Verona
Campo Ale&Ricky – Vinovo (To)
Venerdì 22 novembre, ore 16.30
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Under 23 – Juventus-pistoiese match report10.11.2019 17:16 – in: Juventus U23Under 23, al Moccagatta passa la PistoieseIl doppio vantaggio degli ospiti nel primo tempo decide la sfida contro i bianconeri.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Dopo la vittoria contro l’Alessandria in Coppa Italia Serie C, la Juventus U23 ospita la Pistoiese allo stadio Giuseppe Moccagatta.LA GARALa partenza dei bianconeri è di personalità ma sono gli avversari al 5’ ad avere la prima chance con Gucci, il cui destro secco viene però neutralizzato dal portiere bianconero Loria. La Juve risponde prima, al 14’, con una punizione a giro di Beltrame, deviata sopra la traversa da Pisseri e poi, al 18’, con Han, che si rende pericoloso dalla destra con un diagonale velenoso sul palo più lontano.Sono però gli avversari a passare in vantaggio al 28’ con Llamas, che dal limite, libera un sinistro violento diretto sotto la traversa. E prima dell’intervallo, al 46’, la Pistoiese raddoppia su calcio di rigore con Stijepovic.Nel secondo tempo la Juve cerca il passo giusto per accorciare le distanze. Le occasioni più importanti capitano a Beruatto (65′), il cui sinistro basso sfiora di poco il palo e a Mota Carvalho (84′), che non trova di poco lo specchio della porta in torsione. La porta della Pistoiese rimane però chiusa fino al triplice fischio del direttore di gara.LE PAROLE NEL POST-PARTITA«Potevamo essere più lucidi – commenta Pecchia nel post-gara -, ma faccio comunque i complimenti ai miei perchè in 20 giorni hanno tenuto dei ritmi altissimi e la prestazione di oggi probabilmente è figlia di questo percorso che ci ha tolto energie fisiche e mentali. Adesso c’è la sosta e poi ripartiremo al meglio.»«Il primo tempo è stato segnato da due episodi – le parole di Beltrame a fine gara – ma nel secondo tempo serviva una reazione e c’è stata. Sicuramente è mancata un po’ di precisione, forse dovuta al tour da force dal quale arrivavamo. Questo periodo però ci ha lasciato consapevolezza e fiducia nei nostri mezzi».
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Ci pensa Dybala
10.11.2019 22:51 – in: Match Report
Ci pensa Dybala
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Il guizzo della Joya nella ripresa piega il Milan e permette alla Juve di mantenere la vetta della classifica
Non si sarà forse vista la miglior Juventus della stagione, ma nonostante la prestazione non particolarmente brillante, i bianconeri superano il Milan con naturalezza: nella ripresa, specie dopo gli ingressi di Dybala e Douglas Costa, la sensazione che la giocata decisiva sarebbe arrivata era più forte del disappunto per i troppi errori in fase di manovra e di conclusione. Ed è arrivata in effetti, grazie al guizzo della Joya, che rende vana la generosa prova dei rossoneri.

JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
RITMI BASSI, POCHE EMOZIONI
Per quanto non viva una serata brillante, la Juve prende comunque subito possesso della metà campo rossonera, anche se non riesce a trovare il ritmo, un po’ per propria imprecisione, un po’ perché il Milan cerca sempre l’anticipo, trovandolo spesso. Così Donnarumma ha poco da fare e al massimo deve respingere un diagonale di Higuain, imbeccato in area da Ronaldo.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Rischiando poco, con il passare dei minuti gli ospiti prendono coraggio e iniziativa e sul colpo di testa di Piatek, lasciato libere a centro area, termina a lato, Szczensy deve volare per togliere da sotto l’incrocio quello di Paquetà.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Dalla parte opposta cercano di rispondere Bernardeschi, con un’azione personale conclusa da un sinistro a giro fuori di poco, e Ronaldo, con un tentativo da fuori troppo centrale, ma sono ancora i rossoneri a impegnare maggiormente Szczesny con due sventole di Hernandez e Piatek.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
DECIDE DYBALA
La Juve inizia la ripresa con un atteggiamento più propositivo e Matuidi sfiora il palo con una conclusione dal limite. Sarri richiama Ronaldo e Bernardeschi, inserendo Dybala e Douglas Costa e proprio il brasiliano serve ancora a Matuidi un pallone invitante, calciato sopra la traversa. Il francese lascia poi il posto a Rabiot, ma i bianconeri faticano ancora a trovare precisione e rapidità nella manovra.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Serve un guizzo, una giocata da campione e di quelli, fortunatamente, la Juve ne ha in abbondanza. Uno è senz’altro Dybala che, poco dopo la mezz’ora, sveglia dal torpore l’Allianz Stadium: la Joya scambia con Higuain al limite, lascia sul posto Bennacer con un dribbling secco e, una volta in area, fulmina Donnarumma con un destro rasoterra.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Il Milan non si arrende e reagisce con due sventole di Calhanoglu, entrambe intercettate da Szczesny e con un forcing che crea qualche apprensione, ma che la Juve respinge alzando nuovamente il baricentro, sfiorando anche il raddoppio con Higuain e Dybala e legittimando così un successo prezioso, che permette di superare nuovamente l’Inter in classifica e di arrivare alla pausa per le Nazionali da capolista.
JUVENTUS-MILAN 1-0
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
RETI: Dybala 32′ st
JUVENTUS
Szczesny; Cuadrado, Bonucci, De Ligt, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic, Matuidi (25′ st Rabiot); Bernardeschi (16′ st Douglas Costa); Ronaldo (10′ pt Dybala), Higuain
A disposizione: Buffon, Pinsoglio, De Sciglio, Danilo, Rugani, Demiral, Ramsey, Emre Can, Khedira
Allenatore: Sarri

MILAN
G. Donnarumma; Conti, Duarte, Romagnoli, Hernandez; Paquetà (40′ st Rebic), Bennacer, Krunic (16′ st Bonaventura); Suso, Piatek (21′ st Leao), Calhanoglu
A disposizione: Reina, A. Donnarumma, Calabria, Gabbia, Caldara, Rodriguez, Biglia
Allenatore: Pioli

ARBITRO: Maresca
ASSISTENTI: Preti, Carbone
QUARTO UFFICIALE: Mariani
VAR: Mazzoleni, Ranghetti

AMMONITI: 40′ pt Krunic, 45′ pt Bennacer, 11′ st Cuadrado, 44′ st Hernandez, 46′ st Calhanoglu, 46′ st Suso.
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Sala stampa | I commenti dopo #JuveMilan
10.11.2019 23:49 – in: Serie A
Sala stampa | I commenti dopo #JuveMilan
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
Le parole di Sarri, Dybala e Szczesny al termine della sfida contro i rossoneri

Sono Maurizio Sarri, Paulo Dybala e Wojciech Szczesny a prendere la parola al termine della sfida contro il Milan. Queste le loro dichiarazioni
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
MAURIZIO SARRI
«Siamo stati disposti a soffrire, lo spirito era quello giusto. Dovevamo giocare con più qualità perché abbiamo sbagliato molto e regalato palla in diverse situazioni, ma alla fine ha prevalso la voglia di vincere. Quando si giocano sette partite in venti giorni si rischia di arrivare un po’ scarichi a livello nervoso più che fisico. Il Milan ha tirato in porta, ma quasi sempre da fuori area, in difesa abbiamo fatto una buona gara. Higuain? Per noi sta diventando un giocatore fondamentale, che sa dialogare con i compagni di reparto, che si sacrifica ed è sempre disposto all’assist. Ronaldo? Va ringraziato perché si è messo a disposizione pur non essendo in condizioni ottimali. Nell’ultimo mese ha avuto questo fastidio al ginocchio e questo “acciacchino” lo sta un po’ condizionando».
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
PAULO DYBALA
«Forse non abbiamo fatto vedere il nostro gioco migliore, ma oggi era importante vincere, perché questi sono punti fondamentali per il campionato. Il Milan è sempre una grande squadra e ha giocatori che possono creare pericoli in qualsiasi momento. È stato bravo Tek (Szczesny NdR) e anche la difesa ha fatto una grande partita. Ho segnato di destro? Nessuno se lo aspetta… Potevo fare solo quello e per fortuna il tiro è uscito bene. La sfida con l’Inter? Ora sembra che il campionato sarà un duello tra noi e loro, ma manca ancora molto».
JUVENTUS TUTTE LE NOTIZIE
WOJCIECH SZCZESNY
«È stata una partita apertissima, il Milan ha giocato molto bene, ma noi abbiamo trovato lucidità davanti alla porta nel finale e abbiamo portato a casa il risultato. Questa sera sono stato impegnato e non capita spesso, ma sono contento di aver aiutato la squadra. La parata più difficile è stata quella su Paquetà, le altre erano si tiri da fuori area. Sono contento di non aver subito gol, preferisco sempre vincere 1-0 piuttosto che 4-3… Per quanto riguarda il campionato non so se sarà un duello con l’Inter. Ci sono tante squadre forti come Atalanta, Roma, Lazio e bisogna farsi sempre trovare pronti per prendere i tre punti».

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

SINTESI JUVENTUS VS MILAN 1-0 VIDEO E RACCONTO DEL MATCH

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 3 minuti

SINTESI JUVENTUS VS MILAN 1-0 VIDEO E RACCONTO DEL MATCH

LA SINTESI DI JUVENTUS VS MILAN GLI HIGHLIGHTS ED IL RACCONTO DELLA PARTITA

SINTESI JUVENTUS VS MILAN

Il guizzo della Joya nella ripresa piega il Milan e permette alla Juve di mantenere la vetta della classifica
Non si sarà forse vista la miglior Juventus della stagione, ma nonostante la prestazione non particolarmente brillante, i bianconeri superano il Milan con naturalezza: nella ripresa, specie dopo gli ingressi di Dybala e Douglas Costa, la sensazione che la giocata decisiva sarebbe arrivata era più forte del disappunto per i troppi errori in fase di manovra e di conclusione.

Ed è arrivata in effetti, grazie al guizzo della Joya, che rende vana la generosa prova dei rossoneri.

SINTESI JUVENTUS VS MILAN

SINTESI JUVENTUS VS MILAN

RITMI BASSI, POCHE EMOZIONI
Per quanto non viva una serata brillante, la Juve prende comunque subito possesso della metà campo rossonera, anche se non riesce a trovare il ritmo, un po’ per propria imprecisione, un po’ perché il Milan cerca sempre l’anticipo, trovandolo spesso. Così Donnarumma ha poco da fare e al massimo deve respingere un diagonale di Higuain, imbeccato in area da Ronaldo.

Rischiando poco, con il passare dei minuti gli ospiti prendono coraggio e iniziativa e sul colpo di testa di Piatek, lasciato libere a centro area, termina a lato, Szczensy deve volare per togliere da sotto l’incrocio quello di Paquetà.

Dalla parte opposta cercano di rispondere Bernardeschi, con un’azione personale conclusa da un sinistro a giro fuori di poco, e Ronaldo, con un tentativo da fuori troppo centrale, ma sono ancora i rossoneri a impegnare maggiormente Szczesny con due sventole di Hernandez e Piatek.

DECIDE DYBALA
La Juve inizia la ripresa con un atteggiamento più propositivo e Matuidi sfiora il palo con una conclusione dal limite. Sarri richiama Ronaldo e Bernardeschi, inserendo Dybala e Douglas Costa e proprio il brasiliano serve ancora a Matuidi un pallone invitante, calciato sopra la traversa. Il francese lascia poi il posto a Rabiot, ma i bianconeri faticano ancora a trovare precisione e rapidità nella manovra.

Serve un guizzo, una giocata da campione e di quelli, fortunatamente, la Juve ne ha in abbondanza. Uno è senz’altro Dybala che, poco dopo la mezz’ora, sveglia dal torpore l’Allianz Stadium: la Joya scambia con Higuain al limite, lascia sul posto Bennacer con un dribbling secco e, una volta in area, fulmina Donnarumma con un destro rasoterra.

SINTESI JUVENTUS VS MILAN

Il Milan non si arrende e reagisce con due sventole di Calhanoglu, entrambe intercettate da Szczesny e con un forcing che crea qualche apprensione, ma che la Juve respinge alzando nuovamente il baricentro, sfiorando anche il raddoppio con Higuain e Dybala e legittimando così un successo prezioso, che permette di superare nuovamente l’Inter in classifica e di arrivare alla pausa per le Nazionali da capolista.

SINTESI JUVENTUS VS MILAN 1-0

RETI: Dybala 32′ st
JUVENTUS
Szczesny; Cuadrado, Bonucci, De Ligt, Alex Sandro; Bentancur, Pjanic, Matuidi (25′ st Rabiot); Bernardeschi (16′ st Douglas Costa); Ronaldo (10′ pt Dybala), Higuain
A disposizione: Buffon, Pinsoglio, De Sciglio, Danilo, Rugani, Demiral, Ramsey, Emre Can, Khedira
Allenatore: Sarri

sintesi juventus vs milan

MILAN
G. Donnarumma; Conti, Duarte, Romagnoli, Hernandez; Paquetà (40′ st Rebic), Bennacer, Krunic (16′ st Bonaventura); Suso, Piatek (21′ st Leao), Calhanoglu
A disposizione: Reina, A. Donnarumma, Calabria, Gabbia, Caldara, Rodriguez, Biglia
Allenatore: Pioli

ARBITRO: Maresca
ASSISTENTI: Preti, Carbone
QUARTO UFFICIALE: Mariani
VAR: Mazzoleni, Ranghetti

AMMONITI: 40′ pt Krunic, 45′ pt Bennacer, 11′ st Cuadrado, 44′ st Hernandez, 46′ st Calhanoglu, 46′ st Suso. CALCIO: RISULTATI E CLASSIFICHE IN TEMPO REALE: DALLA SERIE A, B, C A TUTTI I CAMPIONATI DEL MONDO E MOLTO ALTRO

Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 3 minuti

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 11:58 DI SABATO 09 NOVEMBRE 2019

ALLE 00:51 DI DOMENICA 10 NOVEMBRE 2019

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Atletica: Schwazer torna ad allenarsi
Squalificato per doping, vuole le gare. Donati “Alex innocente”

09 novembre 2019 11:58

Alex Schwazer torna ad allenarsi.  L’olimpionico della marcia di Pechino 2008, che si era ritirato dopo la squalifica a 8 anni inflitta nel 2016 per il coinvolgimento nella vicenda doping che ha ancora strascichi giudiziari, ha deciso di riprendere la preparazione per il concretizzarsi di “gravi indizi sulla manipolazione della positività” fa sapere il suo tecnico, Sandro Donati.
“Alex è innocente – ribadisce – e si riallena per comunicare a tutti che è naturalmente forte, per tenere accesa una speranza di tornare alle gare, non intende provocare nessuno”.

Vela: GC32, Alinghi firma il ‘triplete’Il team svizzero aveva già vinto a Lagos ed a Ginevra nel D35

MUSCAT (OMAN)09 novembre 201918:29

– Alinghi ha conquistato un successo per nulla scontato in Oman, a coronamento di una stagione da incorniciare nel GC32 Racing Tour di vela. Alla vigilia dell’evento erano solo due i team in grado di aggiudicarsi il titolo stagionale: Alinghi e i padroni di casa di Oman Air. Era dunque prevista una battaglia senza esclusione di colpi tra i due contendenti, che partivano a pari punti in classifica. Al termine della competizione, il team svizzero presieduto da Ernesto Bertarelli ha prevalso grazie a una prima giornata suggellata da tre primi e un terzo posto parziali, ma anche una da una successiva continuità di risultati tutti da podio. Alinghi ha così lasciato a Oman Air il secondo posto nella generale del circuito e a Red Bull Sailing Team il terzo gradino del podio. Alinghi aveva conquistato il titolo di campione del mondo GC32 a Lagos in Portogallo a giugno e il D35 Trophy per l’ottava volta in 16 stagioni a settembre, sul lago di Ginevra. Oggi ha vinto anche nel GC32 Racing Tour 2019. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Trofeo Sapio: Quadarella vince 800 sl
Bene la Carraro nei 100 rana, ok anche Scozzoli

GENOVA09 novembre 201920:08

– Al Trofeo Nico Sapio di nuoto, la protagonista assoluta nella seconda giornata di gare è Simona Quadarella che vince gli 800 sl con il tempo di 8’12″19, primato della manifestazione. “Sono un po’ stanca ma è normalissimo in questa fase della stagione”, ha detto. Una conferma per la romana che ieri aveva vinto nei 400 sl. Alle sue spalle Martina Caramignoli (8’15″73), che ha sfiorato il limite fissato dalla Fin (8’15″4) per la qualificazione agli Europei 2019 di Glasgow in vasca corta. Prestazione di livello nei 100 rana per la genovese Martina Carraro vittoriosa col tempo di 1’05″02, non troppo lontana dal proprio primato italiano di 1’04″68, che ha battuto la giovanissima Benedetta Pilato. Da segnalare anche il successo di Fabio Scozzoli (26″14) nei 100 rana davanti a Nicolò Martinenghi.

Tennis:De Minaur ko,a Sinner le Next Gen3-0 al rivale australiano nella finale disputata a Milano

09 novembre 201922:21

– Jannik Sinner ha vinto la 3/a edizione delle Next Gen Atp Finals 2019, battendo nell’Allianz Cloud di Milano l’australiano Alex De Minaur in 3 set, con il punteggio di 4-2, 4-1, 4-2. Il 18enne tennista azzurro, n.95 del mondo, ha dominato il rivale n.18, aggiudicandosi un match praticamente a senso unico.

Tennis: Next Gen,Malagò “Immenso Sinner”Presidente del Coni: “E’ l’ipoteca su un futuro da numero 1”

09 novembre 201923:32

– “Tutti in piedi ad applaudire un superlativo @janniksin! É lui il campione della terza edizione @nextgenfinals di #tennis. Milano in delirio, dominato in finale De Minaur: è l’ipoteca su un futuro da numero 1. Grande Jannik, non fermarti piu! #Sinner #NextGenATP @federtennis”. E’ il tweet che appare sull’account ufficiale del presidente del Coni, Giovanni Malagò, che esalta il successo di Jannik Sinner nel Next Gen di tennis, a Milano. L’azzurro ha battuto in 3 set il n.18 del mondo Alex De Minaur, aggiudicandosi il torneo.

Tennis: Sinner, mai giocato così beneDopo il trionfo ai Next Gen: “E’ stata una settimana perfetta”

10 novembre 201900:06

– “De Minaur è un giocatore straordinario, veloce, è dura fargli il punto. Ma io ho pensato soltanto al mio gioco, a fare meno errori possibile. La mia settimana è stata perfetta, e probabilmente sì, non ho mai giocato così bene. Sapevo che era importante partire forte e, dopo qualche problema in avvio, ho provato a utilizzare al meglio il servizio e i colpi di inizio gioco”. Questo il commento a caldo di Jannik Sinner dopo il successo su Alex De Minaur nelle Nex Gen Finals a Milano ieri sera. “Non ho mai avuto questa attenzione e questo seguito, in tribuna e dai giornalisti. A me piace, mi diverto. Non so se gente come Federer o Nadal si divertano ancora, dopo tanti anni nel Tour, ma io sono all’inizio e mi trovo a mio agio”, aggiunge l’altoatesino. La vittoria su De Minaur significa che il livello è già da Top 20? “Beh, è presto per dirlo. Perché in realtà serve continuità, servirebbe una stagione intera a questo livello, cosa che io non ho ancora fatto”, conclude.

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

CONFERENZA PIOLI VIGILIA JUVENTUS-MILAN IL VIDEO INTEGRALE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

CONFERENZA PIOLI VIGILIA JUVENTUS-MILAN IL VIDEO INTEGRALE

LA CONFERENZA STAMPA DI PIOLI ALLA VIGILIA DI JUVENTUS-MILAN IL VIDEO INTEGRALE

CONFERENZA PIOLI VIGILIA JUVENTUS-MILAN IL VIDEO INTEGRALE

VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

Aggiornamenti, Calcio, Juventus, Notizie, Piemonte, Sport, TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS, Ultim'ora, VIDEO NOTIZIE

CONFERENZA SARRI VIGILIA JUVENTUS-MILAN IL VIDEO INTEGRALE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

CONFERENZA SARRI VIGILIA JUVENTUS-MILAN IL VIDEO INTEGRALE

LA CONFERENZA STAMPA DI MAURIZIO SARRI ALLA VIGILIA DI JUVENTUS-MILAN, DELLE 14:00 DI SABATO 09 NOVEMBRE 2019

MATCH IN PROGRAMMA ALLE 20:45 DI DOMENICA10 NOVEMBRE 2019

CONFERENZA SARRI VIGILIA JUVENTUS-MILAN IL VIDEO INTEGRALE

VAI A TUTTI I VIDEO DELLA JUVENTUS

Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 11 minuti

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 07:44 DI VENERDì 08 NOVEMBRE 2019

ALLE 11:58 DI SABATO 09 NOVEMBRE 2019

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Le scelte di Woods per la Presidents Cup
Usa, altre wild card a Woodland, Reed e Finau. Koepka in campo

08 novembre 2019 07:44

– Doppio ruolo per Tiger Woods alla Presidents Cup: a Melbourne (12-15 dicembre) il californiano sarà capitano-giocatore del Team Usa nel confronto col Resto del mondo (Europa esclusa) guidato da Ernie Els. “The Big Cat” ha rotto gli indugi, in Australia sarà in campo da protagonista. Il 43enne di Cypress si appresta così a diventare il primo capitano-giocatore, dal 1994, a esercitare la doppia funzione.
L’ultimo fu Hale Irwin. Gary Woodland, Patrick Reed, Tony Finau e… Woods. Queste le quattro wild card assegnate da Woods per completare la compagine a stelle e strisce. Con l’ex numero 1 al mondo che dopo l’exploit in Giappone allo Zozo Championship, dove ha realizzato l’82/a impresa sul PGA Tour eguagliando il record di Sam Snead, s’è auto-scelto. “I miei compagni di squadra – le dichiarazioni di Woods – volevano che giocassi e non potevo tirarmi indietro.
Ho tre fantastici assistenti come Fred Couples, Steve Stricker e Zach Johnson, sono certo che mi aiuteranno in tutto e per tutto”.

Basket: Nba, non basta Gallinari, Oklahoma ko con Spurs Dal derby ‘italiano’ esce vittorioso Belinelli

08 novembre 201914:23

E’ andato ai San Antonio Spurs di Marco Belinelli il derby ‘italiano’ in Nba. Agli Oklahoma City Thunder non è infatti bastata una super partita di Danilo Gallinari, autore di 27 punti, per avere ragione dei texani.Questi ultimi reduci da tre pesanti sconfitte consecutive sono tornati a giocare a grandi livelli, guidati anche da LaMarcus Aldridge che con i suoi 39 punti ha spinto i suoi al risultato finale di 121-112. Nelle altre tre partite disputate questa notte, i Los Angeles Clippers hanno battuto in rimonta 107-101 i Portland Trail Blazers, mattatore Kawhi Leonard con 27 punti. A sorpresa i Miami Heat sono andati a vincere in casa dei Phoenix Suns per 124-108, grazie anche ai 34 punti firmati da Jimmy Butler.Infine, largo successo dei Boston Celtics per 108-87 ai danni degli Hornets.

Prodigio Lucy Li, professionista 17enneLa più giovane giocatrice di sempre a qualificarsi, nel 2014

08 novembre 201910:10

– Ha giocato lo US Open all’età di 11 anni, diventando la prima giocatrice di sempre a qualificarsi, nel 2014, al torneo Major a stelle e strisce. Ora ne ha 17 e Lucy Li può festeggiare un nuovo traguardo, quello di golfista professionista. Nata a Redwood City (California), alla scuola e ai giochi ha sempre preferito il “green”. Nel 2020 giocherà da protagonista sul Symetra Tour, dopo aver strappato il pass per il circuito superando la seconda fase della LPGA Q-School. “Sono davvero entusiasta – la gioia dell’americana – per aver raggiunto un traguardo così importante”.
Dal grande debutto a Pinehurst, nel North Carolina, al passaggio tra le big. Lucy Li continua a stupire e ora punta a nuovi record da professionista.

Atletica: torna l’Atleticom We Run RomeL’anno scorso oltre 9 mila al via. Si impose l’azzurro Meucci

ROMA08 novembre 201912:28

– Mancano una cinquantina di giorni all’appuntamento con l’Atleticom We Run Rome, la gara podistica che chiude e apre l’anno solare. Il percorso come sempre regalerà forti suggestioni, passando dalle Terme di Caracalla dal Circo Massimo, piazza Venezia, via del Corso, piazza di Spagna, piazza del Popolo, il Pincio, Villa Borghese, via Veneto, via dei Fori Imperiali e il Colosseo, per arrivare sulla linea del traguardo ancora una volta alle Terme di Caracalla.
L’anno scorso 9.300 atleti si sono presentati alla partenza: s’impose Daniele Meucci, che quest’anno è chiamato dunque a difendere il titolo. In campo femminile il successo andò a Lonah Chemtai Salpeter. Giunta alla 9/a edizione, la corsa su strada competitiva sulla distanza di 10 km e non competitiva sui 10 e 5 km, è il fiore all’occhiello di Atleticom, gode dei patrocini del Comune di Roma, della Regione Lazio, del Coni e si disputa sotto l’egida della Fidal. La partenza verrà data alle 14 di martedì 31 dicembre.

Ciclismo: Froome di nuovo operatoL’inglese della Ineos l’anno prossimo punta a Tour e Olimpiadi

08 novembre 201913:53

– Il calvario di Chris Froome prosegue, dopo la caduta con conseguenti fratture multiple sulle strade del Delfinato, durante la preparazione al Tour 2019. L’inglese, quattro volte vincitore della Grande Blouche, come egli stesso comunica su Instagram – con tanto di foto nel letto d’ospedale – ha subito una nuova operazione chirurgica per rimuovere le placche di metallo che gli erano state fissate all’anca e nel gomito. “Meno ferro nel mio fianco e nel mio gomito, sono un po’ intontito, ma tutto è andato perfettamente”, il commento del corridore del Team Ineos. Indicativo uno degli hashtag sotto il post: Tour de France a parte, appare anche un ‘roadtotokyo’ che farebbe pensare alle Olimpiadi come obiettivo del ‘keniano bianco’. Froome è tornato in bici nel Criterium di Saitama, partecipando alla breve crono.

Ippica: Schiavolin, S.Siro è un modelloAd Snaitech soddisfatto per stagione chiusa con +30% presenze

MILANO08 novembre 201914:48

– “L’Ippodromo Snai San Siro è ormai un modello virtuoso a livello nazionale per il rilancio delle strutture ippiche”. Fabio Schiavolin, ad di Snaitech, è soddisfatto per il bilancio della 132ma stagione del galoppo milanese, quella “della consacrazione”, che si chiude domenica con una festa a tema rinascimentale e ha registrato 120.600 presenze (+10% di crescita) nelle 67 giornate di corse, e 270mila (+30%) contando anche gli ingressi registrati per il Leonardo Horse Project, le giornate Fai, i concerti e le iniziative collaterali (dal 22 novembre al 6 gennaio si trasformerà nel “più grande villaggio di Babbo Natale mai realizzato in Italia”).

Berrettini: ‘Felice di essere alle Finals'”A inizio stagione non ci speravo, dopo Us Open cambiato tutto”

LONDRA08 novembre 201916:31

Matteo Berrettini è il primo giocatore delle ultime 13 edizioni a partecipare alle ATP Finals dopo aver chiuso la stagione precedente fuori dai migliori 50 al mondo. Una ascesa che ha portato il 23enne romano sull’ottavo gradino del ranking mondiale: una crescita improvvisa quanto prepotente, che ha sorpreso lo stesso Berrettini. “Non mi aspettavo di arrivare fin qui all’inizio della stagione, per la verità non ci speravo neppure, fino pochi mesi fa – la confessione dell’italiano alla vigilia del debutto, domenica pomeriggio, contro Novak Djokovic -. Dopo gli US Open (dove è arrivato in semifinale, ndr) è cambiato tutto. Sono un ragazzo che cerca sempre di migliorare, come persona e come giocatore.
Non mi aspettavo di essere qui all’inizio della mia carriera, ma ora sono felice”.

Record italiano della Pilato nei 50 ranaFerma il cronometro sul 29″41, -18 centesimi dalla Carraro

GENOVA08 novembre 201917:00

– Record italiano nei 50 rana per la vicecampionessa mondiale Benedetta Pilato che, durante le gare della mattina al Trofeo Sapio a Genova, ha fissato il cronometro a 29″41, abbassando di 18 centesimi il precedente primato di Martina Carraro, stabilito agli scorsi Mondiali di Hangzhou.
Da segnalare anche il nuovo primato del Sapio nei 50 dorso stabilito dal brasiliano Guillherme Guido con 23″21.

Pugilato: Cammarelle,in marcia per TokyoTeam manager Italia:”Obiettivo Giochi,pronti per qualificazioni”

08 novembre 201919:46

-Il 18 ottobre a Roma c’è stato il ‘gong’ di apertura nella marcia di avvicinamento a Tokyo 2020 per il pugilato azzurro, ma è nella prossima primavera, a Londra prima e a Parigi poi, che l’Italia si giocherà le sue chance a cinque cerchi. Il team manager delle nazionali, Roberto Cammarelle fissa gli obiettivi per il prossimo anno. Partendo proprio dalla serata di boxe organizzata nella Capitale contro il team argentino (con un preludio davanti a Papa Francesco).
“Dopo il mondiale, il dual match con l’Argentina ha rappresentato il primo appuntamento del percorso di qualificazione ai Giochi – spiega Cammarelle -, che inizierà a marzo a Londra con il Torneo continentale per poi concludersi a maggio con quello mondiale di Parigi. L’obiettivo è portare il maggior numero di nostri pugili in una condizione tale da giocarsi le carte per Tokyo e successivamente una medaglia in Giappone. Non ci sono segreti per affrontare questo tour de force. L’Olimpiade è la competizione più importante nella carriera di uno sportivo”.

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Mondiali paralimpici, Legnante oro peso
Poker iridato della campionessa e pass diretto per Tokyo 2020

08 novembre 201919:53

– Partenza-show per l’Italia ai mondiali paralimpici di atletica leggera di Dubai. Nella prima giornata di gare è arrivato subito l’oro di Assunta Legnante nel peso: la campionessa azzurra ha firmato il quarto sigillo iridato nella sua carriera da lanciatrice F11, e la prima slot diretta guadagnata per le Paralimpiadi di Tokyo 2020. Non c’è stata storia in gara per le 12 avversarie non vedenti e ipovedenti: Legnante si è imposta con 15,83, migliore prestazione stagionale. “Era d’obbligo riconfermare il titolo mondiale per la quarta volta, ed è importante aver portato a casa una slot – le parole dell’azzurra -. Sono sette anni che non perdo, il presente è qui”. Per i Mondiali l’atleta napoletana ha indossato la nuova mascherina portafortuna con l’immagine degli occhi dell’Uomo Tigre: “Ora la posso portare a Tokyo da campionessa mondiale, è un omaggio al Giappone. Lì voglio vincere il mio terzo titolo paralimpico”.

Quadarella vince con lutto al braccioDedica campionessa mondiale ai pompieri morti ad Alessandria

08 novembre 201919:54

– Lutto al braccio e dedica per i colleghi Vigili del Fuoco morti ad Alessandria: Simona Quadarella – atleta delle Fiamme rosse – vince i 400 metri stile libero al trofeo Nico Sapio in corso a Genova, e nuota ricordando i colleghi scomparsi.
“La prima gara dell’anno ha sempre un sapore particolare – sottolinea l’azzurra – E’ andata molto bene comunque. Dedico questo successo ai Vigili del Fuoco scomparsi nei giorni scorsi ad Alessandria”.
Ha nuotato con il lutto al braccio anche Lorenzo Mora, protagonista dei 200 dorso con pass per gli Europei di Glasgow, anche lui tesserato per le Fiamme Rosse: “Dedico questa serata ad Antonino, Marco e Matteo i colleghi vigili del fuoco morti nell’esplosione in Piemonte”.

Equitazione: a Milano Jumping Cup 2020Ad Snaitech Schiavolin su evento: “Progetto sportivo ambizioso”

08 novembre 201920:57

– La grande equitazione arriva a Milano con la ‘San Siro Jumping Cup 2020’, in programma all’ippodromo Snai La Mura, dal 2 al 5 luglio prossimi. L’ad di Snaitech, Fabio Schiavolin, presentando l’evento, ha spiegato come è nata l’idea del progetto: “In questo percorso, che da un lato ha visto San Siro aprirsi verso la città e dall’altro ne ha delineato la duttilità dal punto di vista dell’hospitality, – le parole dell’ad – l’idea di impegnarci in un progetto sportivo ambizioso ha rappresentato la naturale evoluzione delle cose, accompagnando la direzione intrapresa da Milano verso l’impegno olimpico. È nata così l’idea di dare vita ad una ‘Grande Avventura Equestre’, una novità per Milano. Il ‘titolo’ che abbiamo scelto per questa avventura, ‘Milano San Siro Jumping Cup 2020′ è un richiamo alla centralità della città nell’affresco sportivo internazionale, ma anche un omaggio ai cinque cerchi olimpici, in vista dei Giochi Invernali del 2026.
Per ospitare l’evento abbiamo scelto il giovane Ippodromo di La Maura”.

Tennis: Sinner non si ferma più, è in finale Next Gen 18enne azzurro batte anche Kecmanovic, ora De Minaur per il titolo

08 novembre 201923:52

Momento magico, favola, sogno: Jannik Sinner non si ferma più. Il 18enne tennista di San Candido si prende con forza la finale delle Atp Next Gen: l’azzurro, n.93 del ranking mondiale, ha battuto in rimonta il serbo Miomir Kecmanovic per 2-4 4-1 4-2 4-2, in un’ora e un quarto di gioco. Dopo aver scalato la classifica internazionale, l’azzurrino continua a lasciare il segno e domani sul veloce indoor dell’Allianz Cloud di Milano contenderà il trofeo ad Alex De Minaur. L’australiano, n.18 del ranking e con tre titoli Atp vinti nel 2019, è il favorito (è stato già finalista delle Next Gen lo scorso anno): in semifinale ha eliminato lo statunitense Frances Tiafoe con il punteggio di 4-2 4-1 0-4 4-2.L’azzurro, in tabellone con una wild card, dopo aver vinto il Gruppo B grazie ai successi su Tiafoe e Ymer (è stato invece battuto da Humbert nel match, ininfluente che ha chiuso i round robin), con la vittoria su Kecmanovic è diventato con i suoi 18 anni e tre mesi il più giovane giocatore nella storia del torneo ad aver raggiunto l’atto conclusivo e il primo tennista italiano. Dopo aver perso il primo set, Sinner ha dominato il secondo e vinto senza problemi il terzo: nel quarto l’altoatesino sul 3-2 Jannik ha mancato tre match point prima di portare a casa un risultato risultato. Ha lanciato la palla in tribuna e stretto la mano all’avversario prima di dedicare il successo al suo tecnico, Riccardo Piatti: “E’ il compleanno di Riccardo, ho provato a fargli un regalo e ci sono riuscito. Grazie anche al pubblico, è stato fantastico” ha detto Sinner al termine del match. L’ostacolo che separa il tennista italiano dal trionfo alle Finals dedicate ai giovani si chiama De Minaur, tra i più titolati nel ‘campo’ gara della manifestazione in corso a Milano. “Lui arriva da una grande stagione, perciò non sarà semplice. Io comunque cercherò di fare del mio meglio” la promessa di Sinner. A caccia dell’ennesimo colpo di una stagione già da favola.

Equitazione: vittoria di Gina SchumacherElementa Masters: figlia Michael vince la gara reining non pro

08 novembre 201922:45

– Gina Schumacher grande protagonista a Fieracavalli. A Verona, Elementa Masters Premiere ha visto concludersi la gara di reining non pro e la figlia del campione di formula 1 si conferma campionessa nella categoria in sella a Shine N Whiz, con il punteggio di 223, dopo essersi già piazzata nella giornata precedente alla testa della categoria riservata ai Quarter Horse. Seconda l’austriaca Anna Lisec, su This Wimps So Fly, con un 222. La gara riservata agli atleti non professionisti ha visto in arena 107 concorrenti. Gina Schumacher, 22 anni, pluridecorata amazzone tedesca, prenderà parte anche al Freestyle di domani sera, una gara-spettacolo dove gli atleti competono ‘in costume’ e a tempo di musica.
Oltre alla figlia di Michael, con una coreografia a tema Ferrari, si esibiranno Gennaro Lendi, che ha affiancato Sylvester Stallone come Horse Master sul set di “Rambo, Last Blood” e la campionessa belga “da un Milione di Dollari” Cira Baeck, nei panni di Wonder Woma.

Spadafora “Legnante esempio vincente”Ministro Sport si congratula con azzurra dopo 4 oro iridato

09 novembre 201909:13

– Assunta Legnante, che ha colto ieri l’ennesimo oro iridato, “ora è tra gli atleti paralimpici più vincenti. Esempio vivente che non bisogna mai arrendersi, mai”.
Così il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, all’indomani della vittoria della pesista ai mondiali paralimpici di atletica in corso a Doha. “Mentre mi trovavo ad un convegno a Frattamaggiore, Assunta Legnante, che è originaria proprio di questa città – ricorda il ministro – vinceva ai mondiali di atletica a Dubai il suo quarto oro consecutivo dopo quelli di Lione, Doha e Londra. Di lei ho sempre apprezzato la forza d’animo e l’aver continuato a gareggiare, senza essersi mai arresa, anche dopo che il glaucoma congenito ha aggravato i problemi visivi. Assunta non si è arresa e da vera campionessa è tornata a gareggiare”. E a vincere.

Nba: per Lakers settima vittoria di filaMelli titolare ma New Orleans va ko, rimonta show di Denver

09 novembre 201909:32

– Settima vittoria consecutiva per i Los Angeles Lakers che hanno battuto Miami 95-80, confermandosi al primo posto nella Western Conference. Sugli scudi LeBron James e Anthony Davis autori rispettivamente di 25 e 26 punti, mentre per gli Heat ci sono 22 punti di Jimmy Butler e 19 di Goran Dragic. Nelle altre partite della notte italiana, nuova sconfitta dei New Orleans Pelicans, con Nicolò Melli che parte titolare, contro Toronto (104-122) con un Pascal Siakam devastante: 44 punti e 10 rimbalzi. Denver compie invece una vera impresa superando Philadelphia dopo essere stata a -21: decide il canestro di Jokic a 2′ dalla sirena. Utah ha battuto Milwaukee 103-100; dopo due sconfitte consecutive torna al successo Minnesota che supera Golden State 125-119 al supplementare, grazie soprattutto ad Andrew Wiggins che ha chiuso con 40 punti. Match incredibile invece per Damian Lillard che nonostante i suoi 60 punti (massimo stagionale) ha visto la sua Portland Trail Blazers uscire battuta 115-199 da Brooklyn Nets.

F1: Alonso primo podio nel rallyA Ula Neom la vittoria va al saudita Yazeed Al-Rajhi

09 novembre 201910:49

– Fernando Alonso conquista il primo podio in una gara di rally. Il due volte iridato di F1 ha concluso al terzo posto nel raduno Ula Neom, nel deserto saudita, test probante in vista della Dakar 2020 che lo vedrà per la prima volta al via il prossimo il 5 gennaio a bordo di una Toyota Hilux con il copilota Marc Coma. Il terzo posto di tappa è il miglior risultato raggiunto dall’equipaggio spagnolo da quando ad agosto hanno iniziato la loro preparazione per la Dakar.
Il tandem Toyota è arrivato terzo nella quarta e ultima tappa di 175 km su terreni sassosi e sabbiosi, a 5’31” dal vincitore della giornata e del rally, Yazeed Al-Rajhi, anch’esso su Toyota. Il ritardo del pilota asturiano in classifica generale è stato alla fine di 16 minuti e 20 secondi. Al secondo posto il saudita Yasir Bin Seaidan (Mini), distaccati di 2’09”.

Grimaldi: ecco Grande Torino,nuova ammiraglia trasporto autoCelebra i 50 anni di rapporti tra armatori ed Fca

08 novembre 201917:00

E’ la nuova ammiraglia per il trasporto di auto del Gruppo Grimaldi, la Grande Torino, battezzata stamani al porto di Civitavecchia. La nave, prima di sette unità gemelle di ultima generazione, è stata battezzata nel corso di una cerimonia nel cinquantesimo anniversario dall’ avvio delle relazioni tra il gruppo partenopeo e Fca, quando la prima nave car carrier con la livrea “Grimaldi Lines” fu battezzata Warrington in omaggio alla Fiat UK la cui sede era nell’omonima città inglese. La “Grande Torino” realizzata dal cantiere cinese Yangfan di Zhoushan è lunga 199,90 metri e larga 36,45 metri con una stazza lorda di 65.255 tonnellate e una velocità di crociera di 19 nodi. Può trasportare circa 7.700 CEU (Car Equivalent Unit) o in alternativa 5.400 metri lineari di merce rotabile e 2.737 CEU.
Alla cerimonia di battesimo, condotta dal presentatore Massimo Giletti -madrina della nave la showgirl e conduttrice televisiva Cristina Chiabotto- hanno partecipato le autorità locali, il vertice della Supply Chain di Fiat Chrysler Automobiles, il top management del Gruppo partenopeo e la comunità portuale di Civitavecchia. “Diamo oggi il benvenuto alla nuova ammiraglia del nostro Gruppo per il trasporto di auto, che rappresenta un ulteriore e significativo passo in avanti nella direzione di una flotta sempre più ecofriendly , che garantisca un trasporto marittimo realmente sostenibile: la Grande Torino è infatti un’unità altamente tecnologica, dotata di motore a controllo elettronico e di sistemi all’avanguardia in grado di abbattere le emissioni inquinanti”, ha detto Emanuele Grimaldi. “Il nome di questa unità richiama la città dove ha sede operativa Fiat Chrysler Automobiles, onorando così la lunga e fruttuosa partnership che ci lega da mezzo secolo a una delle più importanti case automobilistiche al mondo “, ha concluso l’AD del Gruppo.

Aggiornamenti, Notizie, Sport, Ultim'ora

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 6 minuti

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

SPORT TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 03:24 DI GIOVEDì 07 NOVEMBRE 2019

ALLE 07:44 DI VENERDì 08 NOVEMBRE 2019

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Nba, Harden show e Rockets volano
Antetokounmpo travolge i Clippers. Successo di Toronto sui Kings

07 novembre 2019 03:24

– Nove partite nel turno di questa notte in Nba. Sugli scudi il greco Giannis Antetokounmpo che con un personale di 38 punti, 16 rimbalzi e 9 assist ha guidato i Milwaukee Bucks al successo per 129-124 in casa dei Los Angeles Clippers, nei quali ha pesato l’assenza di Kawhy Leonard. I Rockets hanno portato a casa la sfida clou di questo turno, che li vedeva opposti a Golden State. E’ finita 129-112, mattatore il solito James Harden che ha firmato 36 punti e 13 assist.
Buon successo dei campioni in carica, i Toronto Raptors sui Sacramento Kings per 124-120, grazie anche ai 24 punti di Kyle Lowry e i 23 di Pascal Siakam. Memphis ha rialzato la testa dopo tre sconfitte consecutive, ed ha battuto Minnesota 137-121.
Nelle altre sfide Detroit ha vinto su New York Knicks per 122-102, gli Indiana Pacers hanno prevalso sui Wizards 121-106, e i Chicago Bulls hanno espugnato Atlanta per 113-109. Infine vittorie di misura per i Mavericks su Orlando 107-106 e di Utah Jazz sui 76ers per 106-104.

Milano-Cortina, Sala ‘Novari farà bene’Lo conosco da 20 anni, eravamo competitori nel mondo delle Tlc

MILANO07 novembre 201912:14

– “Vincenzo Novari ha esperienza, io personalmente lo conosco da 20 anni, eravamo competitori nel mondo delle Tlc a inizio 2000 e credo che potrà fare molto bene”. Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, commentando la nomina del manager a Ceo di Milano – Cortina 2026. “Erano tre buone candidature, forse Tom Mockridge è stato un po’ penalizzato da una non perfetta conoscenza della lingua italiana – ha concluso a margine della deposizione delle corone in memoria dei defunti della Polizia Locale al Cimitero monumentale -, Alberto Baldan a mio giudizio era un ottimo candidato”.

Mosca a Wada, dati doping sono correttiSecondo l’agenzia Mosca ha inviato dati contenenti revisioni

MOSCA07 novembre 201913:04

– Il ministro russo dello Sport, Pavel Kolobkov, sostiene che i dati forniti dalla Russia all’agenzia antidoping mondiale Wada non siano stati falsificati. “Gli esperti ritengono che non sia stato rimosso nulla”, ha affermato il ministro, aggiungendo che, “come ha detto il capo del laboratorio antidoping russo Yuri Ganus, non ci sono state manipolazioni”. La Wada accusa il laboratorio di Mosca per “incongruenze” nei dati e potrebbe essere a rischio la partecipazione della Russia alle prossime Olimpiadi.
La Russia a gennaio ha consegnato alla Wada un vasto archivio di dati del laboratorio antidoping di Mosca. Secondo la Wada però i dati, che avrebbero potuto fornire informazioni sullo scandalo del doping di Stato in Russia, mostravano segni di revisioni. La Russia assicura che non ci siano state “cancellature” o “manipolazioni”, ma le autorità sportive internazionali ritengono che le incongruenze non siano casuali e che ci siano stati dei cambiamenti nei risultati dei test di alcuni atleti specifici.

Sinner “felice di come sto giocando”Dopo semifinale Atp Next Gen Finals: “Altri più favoriti di me”

07 novembre 201913:27

– Già qualificato per le semifinali delle Next Gen Atp Finals 2019, Jannik Sinner non ha voglia di fermarsi e l’indomani la vittoria contro Mikael Ymer che gli vale il pass per i ‘top four’ avverte: “Voglio vincere anche la terza partita del girone senza guardare troppo in là. Sono in un momento della stagione in cui la fiducia non mi manca – spiega a ‘Supertennis.tv’ – Forse non mi aspettavo di essere già in semifinale dopo le prime due partite, soprattutto perché nel girone siamo quattro giocatori del tutto diversi quindi tutto si complica”. “Sono felice di come sto giocando – prosegue il classe 2001 – Adesso però c’è un altro match importante da giocare, senza guardare troppo avanti”, aggiunge prima di ricordare a tutti di non sentirsi il favorito: “No, io sono l’ottavo qui, non sono io il favorito. La pressione è addosso agli altri, soprattutto a De Minaur, che ha avuto una grande stagione”.

SPORT TUTTE LE NOTIZIE

Milano-Cortina: Fontana, urgente partire
“Non vogliamo che alla fine il tempo si debba rincorrere”

MILANO07 novembre 201913:51

– Sulle infrastrutture per le Olimpiadi di Milano-Cortina “non possiamo e non vogliamo che il tempo passi e alla fine si debba rincorrere la conclusione dei lavori con l’angoscia di non finirli in tempo. Vogliamo partire con la massima urgenza”.
Il presidente della Lombardia, Attilio Fontana, lo ha sottolineato alla trasmissione Aria pulita su 7gold raccontando dell’incontro avuto ieri con il ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli, e quello del comitato promotore che ha individuato Novari come amministratore delegato della fondazione che si occuperà di organizzare i Giochi.
“Il cammino delle Olimpiadi – ha concluso – è partito con il piede giusto”.

Genova capitale vela a’L’Uomo e il Mare’In avvio rubrica Rai Sport impresa 15enne miglior velista mondo

07 novembre 201916:59

– La Liguria con le sue coste, La Spezia sede della Marina Militare, Genova capitale della nautica e della vela internazionale. Così la puntata dell’ Uomo e il Mare, la Rubrica di Raisport, curata e condotta da Giulio Guazzini con il montaggio di Roberto Toti, in onda questa sera alle 22.40 su RaiSport+HD. In apertura l’impresa storica di Marco Gradoni il giovanissimo velista romano che a soli 15 anni ha conquistato il titolo di miglior velista del mondo. Poi il Salone internazionale di Genova dove abbiamo incontrato fra l’altro i rappresentanti del team Prada Pirelli: Martin Fischer e Francesco Mongelli supportati da Andrea D’Amato della Garmin oltre al campione, promessa Olimpica, Ruggero Tita classe Nacra 17 che in coppia con Caterina Banti tenteranno il podio olimpico di Tokyo 2020. Riflettori anche sul Campionato del Mondo classe 2.4 Open, per la prima volta aperto ad equipaggi Paralimpici e Normodotati. Infine a La Spezia, la base della Marina Militare con il Museo delle Polene.

Eurolega: Milano-Baskonia 81-74Per una notte almeno l’Ax è la regina d’Europa.

ASSAGO (MILANO)07 novembre 201923:11

– Per una notte almeno l’Ax Milano è la regina d’Europa. Aspettando i risultati di Cska Mosca e Barcellona, l’Olimpia è per la prima volta nella storia in testa solitaria all’Eurolega: la vittoria casalinga per 81-74 contro il Baskonia sancisce per la ciurma di coach Messina il sesto successo in fila e certifica l’esplosione – che era già nell’aria – di Amedeo Della Valle. Dopo un periodo già molto positivo, il figlio d’arte vive una serata da protagonista e firma il suo massimo di valutazione (19) in carriera in Eurolega: nel parziale di 17-0 che spazza via i baschi, Della Valle realizza in una manciata di possessi 11 punti con due triple, tre tiri liberi, un canestro da palla rubata e un rimbalzo (chiuderà con 15 complessivi), uscendo a 36” dalla fine con la standing ovation. “Non mi aspettavo di essere l’mvp della gara – ammette a caldo – ma dobbiamo solo preoccuparci di continuare a vincere partite. Stasera andrò a fare festa? No, vado dritto a casa perché lunedì si torna in campo contro Pistoia”.

Next Gen Finals: primo ko per SinnerAzzurro era già in semifinale, affronterà il serbo Kecmanovic

07 novembre 201923:48

– Già qualificato per le semifinali delle Next Gen Atp Finals 2019 in corso a Milano, Jannik Sinner ha fatto fronte alla prima sconfitta nell’ultimo incontro del gruppo B. Il francese Ugo Humert si è imposto col punteggio di 4-3, 3-4, 4-2, 4-2 in un’ora e 43 minuti. L’altoatesino, il più giovane degli otto in gara con i suoi 18 anni, affronterà domani il serbo Miomir Kecmanovic, che nel pomeriggio aveva staccato il pass come secondo classificato nel Gruppo A battendo lo spagnolo Davidovich Fokina. Nel Gruppo A è Alex De Minaur a passare in semifinale come primo del girone grazie al successo sul norvegese Casper Ruud. L’australiano si giocherà un posto in finale con lo statunitense Frances Tiafoe, secondo nel girone B per la vittoria in tre set sullo svedese Mikael Ymer.

Nasce Campionato Italiano Fmi ApriliaVia nel 2020. Rivola ‘riparte tradizione a scoperta campioni’ 07 Novembre 2019 03:24

– Nasce nel 2020 il Campionato Italiano FMI Aprilia Sport Production. Un vero campionato nazionale che riprende il filo di una storia unica, che ha visto le moto di Noale accompagnare in pista e avviare alla pratica del motociclismo sportivo intere generazioni di giovanissimi.
Con i suoi 54 titoli mondiali, Aprilia ha saputo diventare una vera scuola dei campioni. Con Aprilia hanno esordito e hanno imparato a vincere gare e titoli mondiali molti dei più grandi talenti del motociclismo moderno tra cui Max Biaggi, Loris Capirossi, Valentino Rossi e Casey Stoner. Il nuovo Campionato Italiano FMI Aprilia Sport Production nasce da una idea di Aprilia Racing e Federazione Motociclistica Italiana con l’obiettivo di avviare alle corse in pista ragazze e ragazzi a partire dagli undici anni. “Il nuovo Campionato – ha detto Massimo Rivola, AD Aprilia Racing – riprende una tradizione che rende unica Aprilia, un marchio che ha portato alle gare in pista generazioni di ragazzi e fatto crescere grandi campioni”.

Boni, io Enrico Piaggio e il mio sogno italianoSu Rai1 film tv il 12 novembre su papà Vespa

07 novembre 201915:02

– Alessio Boni si riconferma un volto di punta della fiction Rai. L’attore bergamasco presta il suo volto con intensità a Enrico Piaggio, il papà della Vespa lo scooter più venduto al mondo. “Era un autentico visionario, un pioniere – ha detto – Comprende che la gente, siamo nel 1945, ha bisogno di muoversi, si inventa la Vespa pensando per prima alle donne e ai preti che hanno l’abito talare. Poi si inventa le rate per il pagamento. Quindi convince i produttori e il regista di Vacanze Romane con protagonisti Gregory Peck e Audrey Hepburn, e che secondo i piani avrebbero dovuto spostarsi per Roma su un calessino, ad utilizzare la sua Vespa. E fu subito successo in America e nel mondo”. Prodotto da Rai Fiction e Movieheart, con la regia di Umberto Marino Enrico Piaggio Un Sogno Italiano è un film Tv in onda su Rai1 in prima serata il 12 novembre presentato a Viale Mazzini dal direttore di Rai Fiction alla presenza del protagonista del regista e del cast.
Con Enrica Pintone nei panni della moglie Paola Piaggio, Roberto Ciufoli nelle vesti del genio progettista Corradi o D’Ascanio, cui Enrico Piaggio si rivolge, Francesco Pannofino in quelle del banchiere senza scrupoli Rocchi Battaglia, e con la partecipazione straordinaria di Violante Placido nel ruolo di Lia Rivelli. Nel cast Beatrice Grano è Suso. Il film parte nel 1945 la fabbrica di Pontedera e’ in macerie, Piaggio avverte la responsabilita’ di creare nuovo lavoro.