Aggiornamenti, Notizie, Tecnologia

FB: DATI DI PORTAL UTILIZZABILI PER SPOT

AGGIORNAMENTO

DELLE 23:15

DI MERCOLEDì 17 OTTOBRE 2018

SOMMARIO

FB: DATI DI PORTAL UTILIZZABILI PER SPOT

FB: dati di Portal utilizzabili per spot
Indiscrezioni, social lavora a dispositivo da collegare alla tv

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

TUTTE LE NOTIZIE DI TECNOLOGIA SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

FB: DATI DI PORTAL UTILIZZABILI PER SPOT

Facebook può usare a fini pubblicitari i dati raccolti da “Portal”, lo schermo smart appena lanciato con cui gli utenti del social possono fare videochiamate, ascoltare musica e usare varie app. Il dispositivo non ospita spot, ma i dati sulle chiamate e sulle app fruite possono essere sfruttati dall’azienda per profilare gli utenti così da mostrare loro inserzioni mirate.
“Le chiamate su Portal sono costruite sull’infrastruttura della chat Messenger, per questo quando l’utente fa una chiamata raccogliamo le stesse informazioni prese dagli altri dispositivi su cui si usa Messenger, come la lunghezza e la frequenza delle chiamate”, ha detto un portavoce di Facebook al sito Recode.
“Possiamo usare questi dati per gli annunci che mostriamo sulle nostre piattaforme”.
E Portal non è l’unico dispositivo smart che Facebook intende portare sul mercato. Secondo il sito statunitense Cheddar, il social starebbe lavorando su “Ripley”: un gadget dotato di telecamera da collegare alla tv. Anch’esso dotato di assistente vocsale, servirà a fare videochiamate ma anche a guardare i contenuti di Facebook Watch.   

STAMPA

Annunci
Aggiornamenti, Notizie, Tecnologia

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE: UBER

DELLE 16:59

DI MERCOLEDì 17 OTTOBRE 2018

SOMMARIO

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE: UBER

Uber: su app icona sicurezza passeggeri
Funzione di comunicazione anonima tra autista e cliente

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

TUTTE LE NOTIZIE DI TECNOLOGIA SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE: UBER

TORINO

– Uber vara nuove misure per la sicurezza dei passeggeri. Sarà possibile monitorare la corsa tramite Gps, in modo da poter condividere il tragitto con amici e familiari. Si potrà anche contattare, in caso di emergenza, l’assistenza 112 disponibile a tutte le ore. Tutto questo tramite una piccola icona a forma di scudo che nei prossimi giorni apparirà sulla app degli utenti. E’ prevista anche una soluzione per ricordare sia agli autisti sia ai corrieri partner (il servizio sarà disponibile anche per i corrieri di Uber Eats) di mantenere i limiti di velocità previsti lungo l’itinerario. “Nell’ultimo anno – spiega Sachin Kansal, responsabile della sicurezza dei prodotti dell’azienda – abbiamo lavorato allo sviluppo di funzionalità innovative per incrementare la trasparenza, il livello di efficienza e dare maggiore tranquillità a tutti gli utenti. E’ l’ultimo passo fatto nel tentativo di garantire a chiunque di spostarsi in modo sicuro, rimanendo in contatto ovunque ci si trovi”. Tutte le funzionalità verranno attivate nelle 7 città italiane dove Uber opera con il servizio di trasporto (Milano e Roma) e con Uber Eats (Milano, Roma, Napoli, Bologna, Rimini, Reggio Emilia, Trieste).   

STAMPA

Aggiornamenti, Notizie, Tecnologia

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 09:10 ALLE 12:52

DI MERCOLEDì 17 OTTOBRE 2018

SOMMARIO

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

Netflix sopra le attese, +15% a Wall Street
Nelle contrattazioni after hours, spinge balzo abbonati

Elezioni Ue, piattaforme contro bufaleCommissario Ue Gabriel, ‘vogliamo risultati’ entro dicembre

Nasce il primo polo europeo per la certificazione digitalePrimo passo fra l’italiana Infocert e la spagnola Camerfirma

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

TUTTE LE NOTIZIE DI TECNOLOGIA SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

Netflix chiude il terzo trimestre con ricavi per 4 miliardi di dollari, in linea con le attese degli analisti. L’utile per azione si e’ attestato a 89 centesimi, sopra le previsioni del mercato che scommetteva su 68 centesimi. Il numero degli abbonati e’ salito di 6,96 milioni, ben oltre i 5,09 milioni attesi da Wall Street. I risultati sopra le attese spingono il titolo Netflix nelle contrattazioni after hours, dove arriva a guadagnare il 15%.
BRUXELLES – Una “serie di azioni” per contrastare le fake news in vista delle elezioni europee: è quanto contengono i “piani individuali” presentati a Bruxelles dalle piattaforme digitali che hanno aderito al codice di condotta per la trasparenza su web, tra cui Google, Facebook, Mozilla e Twitter. Ad annunciarlo il commissario Ue all’Economia digitale, Mariya Gabriel: “Non è che l’inizio, ora parte la fase di attuazione del codice”, ha avvertito Gabriel, che “dovrà contribuire a una riduzione rapida e misurabile alla disinformazione online”.

Le piattaforme si impegnano anche a intensificare la cooperazione con i fact-checkers. La Commissione farà il punto sull’efficacia delle misure intraprese entro la fine dell’anno. “Faremo una valutazione a dicembre.

Vogliamo vedere dei risultati tangibili e misurabili – ha spiegato il commissario Ue – che aiutino a ridurre l’impatto negativo della disinformazione online sulla nostra democrazia, sui nostri valori, sulla fiducia dei cittadini”. La Commissione non esclude di mettere sul tavolo altre proposte in futuro, “anche di natura regolamentare” e cioè non su base volontaria.

Ad aderire all’iniziativa anche diverse associazioni del settore della comunicazione e della pubblicità, tra cui l’Associazione europea delle agenzie di comunicazione (Eaca).

Grazie a Italia e Spagna nasce il primo polo europeo per la certificazione digitale, indispensabile a garantire la sicurezza delle transazioni commerciali che avvengono in rete. A metterne le basi sono state l’italiana InfoCert (Gruppo Tecnoinvestimenti), la più grande Certification Authority in Europa, e Camerfirma, una delle principali autorità di certificazione spagnole. Se ne è parlato oggi a Madrid, durante il convegno ‘Costruendo il futuro digitale’.La necessità di certificare ‘chi è chi’ online, è emerso dal convegno, è la principale sfida che le aziende impegnate nel processo di trasformazione digitale stanno affrontando oggigiorno. Quando si arriva al momento di stipulare accordi col cliente contratti e transazioni bisogna garantire la certezza delle identità delle parti che interagiscono online e il valore legale degli documenti sottoscritti, occorre conciliare sicurezza e aderenza alle normative con l’immediatezza e la praticità del mondo digitale. L’ambizione dichiarata di InfoCert è quella di diventare il campione europeo del digital trust e la sua crescita sta avvenendo anche attraverso una strategia di acquisizioni che ha portato nel 2018 all’acquisizione della certification authority spagnola Camerfirma e del 50% di Luxtrust, certification Autority del Lussemburgo.”Grazie all’ingresso in InfoCert Gruppo Tecnoinvestimenti, le sinergie in infrastrutture, innovazione e sviluppo di nuovi prodotti e soluzioni si traducono in benefici tangibili per i nostri clienti attuali e potenziali – spiega Alfonso Carcasona, Managing Director di Camerfirma – A iniziare dalla sempre più ampia e garantita sicurezza delle transazioni e comunicazioni, fondamentale nell’era digitale per chi opera a livello locale e internazionale.L’evento di Madrid è un’occasione per analizzare con i partecipanti proprio le sfide e le opportunità che sorgono nel quadro del Mercato Unico Digitale”. L’acquisizione di Camerfirma è stata la prima pietra miliare del menzionato percorso di sviluppo internazionale di InfoCert cui ha fatto seguito, recentemente, l’annuncio della sua joint venture paritetica con LuxTrust, il principale fornitore di Trust Services in Lussemburgo nonché rampa di lancio per l’espansione nei mercati di Francia, Belgio e Olanda.”Questo evento consente a Camerfirma e InfoCert di presentarsi a una platea autorevole nel loro comune ruolo di fornitore europeo di servizi fiduciari ma con solide radici istituzionali nel mercato nazionale spagnolo – dichiara Danilo Cattaneo, Amministratore Delegato di InfoCert Gruppo Tecnoinvestimenti – L’integrazione delle nostre rispettive offerte ci permette una copertura di mercato più efficace, con servizi più ricchi e capaci di aiutare concretamente le organizzazioni pubbliche e private a rispondere al meglio alle sfide che le attendono”.   

STAMPA

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Tecnologia, Ultim'ora

ULTIM’ORA: YouTube down per un’ora nel mondo

MONDO/ULTIM’ORA

AGGIORNAMENTO DELLE 06:18

DI MERCOLEDì 17 OTTOBRE 2018

SOMMARIO

ULTIM’ORA: YouTube down per un’ora nel mondo

YouTube down per un’ora nel mondo
Il servizio sembra essere ripreso, mistero sulle cause

ULTIM’ORA/MONDO

TUTTE LE ULTIMISSIME SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

ULTIM’ORA: YouTube down per un’ora nel mondo

Il servizio di video streaming YouTube è stato irraggiungibile per oltre un’ora in numerose località di tutto il mondo. YouTube ha confermato il disservizio in un tweet sul suo profilo ufficiale, avvisando che i tecnici sono al lavoro per il ripristino di tutte le funzionalità e rilevando che il problema influiva su YouTube, YouTube Music e YouTube TV. Nello scusarsi per l’inconveniente, YouTube ha per ora preferito non rivelare quali siano stati i motivi dell’interruzione del servizio che, al momento, sembra essere ripreso.   

STAMPA

Aggiornamenti, Notizie, Tecnologia

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

AGGIORNAMENTO

DELLE 22:28

DI MARTEDì 16 OTTOBRE 2018

SOMMARIO

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

Furcas (Huawei) Italia è mercato di riferimento, siamo primi
‘Nuovo smartphone oltre i mille euro? Possiamo permettercelo’

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

TUTTE LE NOTIZIE DI TECNOLOGIA SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

Quello italiano è il mercato di riferimento per Huawei fuori dalla Cina, un mercato dove l’azienda si piazza al primo posto per volumi di vendita e dove ora punta a crescere nella fascia alta, presidiata da Apple e dai top di gamma di Huawei. A dirlo è Pier Giorgio Furcas, deputy general manager di Huawei, che in un’intervista

snocciola i numeri della società nel Belpaese.”Il mercato italiano è un faro che guida gli altri Paesi per la crescita”, dice Furcas a Londra, a margine della presentazione dello smartphone Mate 20 Pro. “L’Italia è il primo mercato per Huawei, a eccezione della Cina, sia per fatturato che per quote di mercato. Inoltre in Italia Huawei e il suo marchio Honor sono primi per volumi di vendita”, davanti anche a Samsung, mentre a livello globale il brand ha il secondo posto e precede Apple.Oltre uno smartphone su tre venduto in Italia (35-37%) è prodotto dalla compagnia di Shenzhen, con Honor che incide per un 5-6%. Diversa, spiega Furcas, è la situazione nella fascia alta del mercato, dove Huawei ha raggiunto una quota del 15%, che ora punta a incrementare grazie al Mate 20 Pro e in generale all’innovazione guidata dai cospicui investimenti in ricerca e sviluppo (15% del fatturato).”Stiamo mettendo a terra tutta la potenza di fuoco tecnologica di cui un’azienda grande come la nostra è capace”, evidenzia Furcas. “Grazie a questa continua innovazione possiamo permetterci – unici insieme a Apple – di portare sul mercato uno smartphone che costa oltre mille euro (1.099 euro in Italia, ndr) con una doppia intelligenza artificiale capace, ad esempio, di riconoscere 1.500 scenari in un minuto”.
In merito alle altre aziende cinesi che si stanno affacciando in Italia, da Xiaomi a Oppo, “noi abbiamo paura dei cinesi”, chiosa Furcas. “Con i nostri investimenti in ricerca e l’innovazione che produciamo, non temiamo nessuno”.   

STAMPA

Aggiornamenti, Notizie, Tecnologia, Ultim'ora

ULTIM’ORA

DALLE 17:08 ALLE 22:19

DI MARTEDì 16 OTTOBRE 2018

SOMMARIO

ULTIM’ORA

Maltempo Sardegna: riaperta statale 195
Interventi iniziati già giovedì 11 dopo i tre crolli

Medicina: Salvini, no a numero chiusoVicepremier, c’è bisogno di ingegneri e medici

Borsa: Milano accelera, +2,1%Bene Prysmian e Ferrari, banche e assicurazioni caute

Vitalizi: Di Maio, promessa mantenutaQuesto privilegio non esisterà più per nessuno

Borsa: Milano chiude in rialzo, +2,2%Indice principali titoli di Piazza Affari a 19.717 punti

Malta: ong chiedono inchiesta su CaruanaUn anno fa l’omicidio della cronista,’mancano ancora i mandanti’

Salvini, Francia ci dia nomi migranti’Altri episodi inquietanti, no a ridicole giustificazioni’

Toninelli, governo controllore antimafiaMassima trasparenza contro criminalità e corruzione

Zaia, per ora ok autocertificazioneMa se muro contro muro allora niente buono libri

Vitalizi: Conte, taglio è equità socialeSegno attenzione che buona politica offre per essere credibile

Morto scrittore finlandese PaasilinnaAveva 76 anni, inventore del genere umoristico-ecologico

Bolsonaro, se eletto estraderò BattistiCandidato estrema destra conferma impegno su caso ex terrorista

Roma, via 2 strade firmatari Leggi RazzaNomi sostitutivi scelti con abitanti zona e Comunità ebraica

Raid in bar: Casamonica contro testeProprietario: ‘mi dissero qui comandiamo noi e mi picchiarono’

Spread Btp/Bund chiude a 296Rendimento del decennale al 3,45%

Francia, strumentalizzato caso Claviere’E’ stato un errore, la Prefettura lo ha riconosciuto’

Colloquio telefonico tra Conte e JunckerAl centro della conversazione la manovra economica

Cina: ex capo stato maggiore a processoPer corruzione con ex generale indagato e suicida a novembre

Femminicidio: ok Senato a commissioneApprovato all’unanimità ddl per istituirla

Ungheria, polizia caccia senzatettoPer applicare legge in vigore che li sanziona

Migranti in marcia da Honduras agli UsaMa Trump tuona, ‘fermateli o vi blocchiamo tutti gli aiuti’

ULTIM’ORA

TUTTE LE ULTIMISSIME SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

ULTIM’ORA

CAGLIARI

– Riaperta al traffico in entrambe le direzioni la strada statale 195 “Sulcitana” danneggiata in tre punti a seguito delle intense piogge di mercoledì 10 ottobre, che hanno causato forti esondazioni della laguna nei pressi di Capoterra (Cagliari). Lo annuncia l’Anas, che aveva avviato, sin dalla mattina di giovedì 11 ottobre, i lavori di ripristino.
E’ stato ricostruita la parte asportata dalle acque, mediante il riempimento e il ripristino della sovrastruttura stradale di avvicinamento a tre ponti (opere idrauliche) al km 8,900, km 9,300 e km 10,100. Successivamente si è provveduto all’installazione delle barriere delle sicurezza, al ripasso della segnaletica orizzontale e alla pulizia del piano viabile lungo tutta la tratta. Gli interventi sono stati eseguiti dall’impresa Achenza di Ozieri che, insieme ai tecnici Anas, ha svolto le attività con turni h24 e ha completato le opere nei tempi previsti.
– “Io sono da sempre contrario al numero chiuso nelle facoltà scientifiche. C’è bisogno di ingegneri e medici”. Lo afferma il leader della Lega e vicepremier Matteo Salvini.
– L’allentarsi della tensione sui titoli di Stato italiani continua a spingere Piazza Affari: con il Btp a dieci anni che sui mercati telematici vede scendere il suo rendimento di oltre otto punti base, l’indice Ftse Mib della Borsa di Milano sale verso la chiusura del 2,1%.
Bene Prysmian (+8% sulla soluzione della questione Western Link), Carige (7%) e Ferrari (+6%). Più caute banche e assicurazioni, frenate dalla stretta in manovra delle deducibilità delle svalutazioni e un aumento delle tasse per i premi assicurativi.
– Detto, fatto. Promessa mantenuta.
Bye bye vitalizi anche per gli ex senatori. Questo privilegio non esistera’ piu’ per nessuno. Evviva!”. Cosi’ il vicepremier Luigi Di Maio commenta su Instagram il via libera del Consiglio Di Presidenza Di Palazzo Madama sul taglio dei Vitalizi per gli ex senatori.
– Seduta ampiamente positiva per la Borsa di Milano: l’indice Ftse Mib ha chiuso in aumento del 2,23% a 19.717 punti.
– Un anno dopo l’omicidio della giornalista Daphne Caruana Galizia, uccisa con un’autobomba a Malta, Reporter senza frontiere e altre quattro organizzazioni per la tutela della libertà di stampa chiedono un'”inchiesta pubblica indipendente” alle autorità maltesi.
Le ong, si legge sul sito di Rsf, hanno incontrato ieri il primo ministro di La Valletta Joseph Muscat e “hanno espresso preoccupazione per l’assenza di progressi significativi” nell’indagine sull’assassinio. “Mentre tre sospetti, il cui processo non è ancora iniziato, sono stati arrestati e incarcerati a dicembre 2017, i nomi dei potenziali mandanti restano ancora un enigma”, lamenta Rsf.
Muscat, secondo le ong, avrebbe assicurato che l’apertura di un’inchiesta pubblica sarebbe soltanto una questione di tempo.
– “Dopo il furgone della gendarmeria avvistato a Claviere stanno emergendo altri episodi inquietanti.
Non ci interessano le giustificazioni, peraltro ridicole, né le indagini interne avviate dai francesi. Parigi deve comunicarci immediatamente le identità degli immigrati lasciati nei boschi.
Nomi, cognomi, nazionalità, date di nascita”. Lo chiede il ministro dell’Interno, Matteo Salvini. “La gendarmeria – chiede – è abituata a scaricare delle persone in mezzo al nulla? L’ha fatto anche con dei minori? Ci sorprende la timidezza dell’Europa e degli organismi internazionali, solitamente solerti a bacchettare l’Italia”.
“Faccio gli auguri di buon lavoro – prosegue – al nuovo ministro dell’Interno francese, Castaner, con l’auspicio possa controllare i suoi uomini meglio di quanto abbiano fatto i suoi predecessori”.
– GENOVA

– “C’è bisogno di ricostruire un ponte a Genova in tempi stretti. Bisogna fare rapidamente, ma sciogliere i lacci e lacciuoli procedurali non significa sacrificare la legalità, tutt’altro”. Così il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, che in una nota annuncia l’intenzione di “far approvare un odg al decreto emergenze che impegna il governo a essere il primo controllore del commissario di governo, affinché siano garantiti in pieno gli effetti della normativa antimafia”.
“Daremo massima trasparenza ai cittadini contro criminalità e corruzione – assicura ancora Toninelli -. Genova è una città che sa essere operosa, in modo concreto, senza cedere nulla al malaffare”.
– MIANE (TREVISO)

– La Regione Veneto “si accontenterà per ora dell’autocertificazione” sui redditi all’estero di cittadini extracomunitari per i ‘buoni libro’ esigendo la documentazione dai consolati sul reddito degli interessati in un secondo tempo. Lo ha annunciato il presidente del Veneto Luca Zaia, a margine di una cerimonia a Miane.
“Se il cittadino vuole il muro contro muro, in quanto ritiene di non dover presentare nulla – ha aggiunto – non avrà diritto al contributo”.

– “Il Senato ha appena dato il via libera al taglio dei vitalizi. La riduzione di sprechi e costi della politica è anch’essa una misura di equità sociale, un segno di attenzione che la ‘buona’ politica deve offrire per poter parlare con credibilità ai cittadini!”. Così il premier Giuseppe Conte in un tweet seguito dall’hashtag #ByeByeVitalizi.
– E’ morto a 76 anni lo scrittore finlandese Arto Paasilinna, conosciuto e amato in tutto il mondo per il suo romanzo ‘L’anno della lepre’ che in Italia ha venduto finora oltre 120.000 copie. Malato da tempo, Paasilinna è morto il 15 ottobre in una casa di riposo vicino a Helsinki.
Tra le sue opere più importanti, uscite in Italia per Iperborea, che dal 1994 a oggi ha pubblicato 17 titoli, anche ‘Piccoli suicidi tra amici’ e ‘Il migliore amico dell’orso’.
Definito da critici e lettori l’inventore del genere “umoristico-ecologico”, vista la sua vicinanza ai temi ambientali e naturalistici, Paasilinna ha ironizzato con sottile umorismo su qualunque tema, anche e soprattutto su quelli più complessi e drammatici. Le sue storie tragicomiche sulla vita nel Grande Nord, insieme alla sua acuta visione della società finlandese, allo stesso tempo amara e divertente, sono diventate un cult per diverse generazioni di lettori.
– SAN PAOLO

– Jair Bolsonaro, il candidato di estrema destra favorito per il ballottaggio nelle elezioni presidenziali in Brasile, ha assicurato che se verrà eletto ordinerà “immediatamente” l’estradizione di Cesare Battisti, l’ex membro del Proletari Armati per il Comunismo (Pac), condannato a diversi ergastoli in Italia. “Riaffermo qui il mio impegno – ha scritto Bolsonaro su twitter in italiano – di estradare il terrorista Cesare Battisti, amato dalla sinistra brasiliana, immediatamente in caso di vittoria alle elezioni.
Mostreremo al mondo il nostro totale ripudio e impegno nella lotta al terrorismo. Il Brasile merita rispetto!”.
– Via le prime due strade a Roma di chi firmò il manifesto delle Leggi Razziali. Si tratta di via Arturo Donaggio e via Edoardo Zavattari che verranno di fatto cancellate dalla toponomastica capitolina. Le due vie saranno intitolate a due vittime della Shoah da scegliere con un percorso partecipato con la Comunità ebraica di Roma. La sindaca di Roma Virginia Raggi sta in tal modo portando avanti l’annuncio di voler togliere dalle strade di Roma i nomi di chi preparò le leggi che portarono alla Shoah. – Arturo Donaggio era uno psichiatra e fu il più anziano dei 10 scienziati che sottoscrisse il Manifesto della Razza mentre Edoardo Zavattari, biologo e anche lui firmatario del documento propedeutico alle Leggi razziali, fu tra i principali teorici, in Italia, del razzismo biologico. Il 15 di novembre si terrà un incontro in una scuola romana con gli abitanti delle vie interessate e gli studenti della zona che parteciperanno anche loro al percorso di scelta dei nuovi nomi a cui intitolare le strade.
– “Dì che ti ho aiutato”. Così ha urlato dalla gabbia dei detenuti Antonio Casamonica alla teste che aveva appena detto “di avere paura del clan”. Testimonianze cariche di tensione e di paura nel processo a carico di Antonio Casamonica, accusato di lesioni e violenza privata aggravate dal metodo mafioso per il raid in un bar di Roma avvenuto il primo aprile scorso. Il proprietario del “Roxy Bar”, la moglie e la giovane disabile che venne presa a calci e pugni da due appartenenti al clan Di Silvio, ieri sono stati condannati al termine di un processo svolto con il rito abbreviato.
“Avevo paura. I Di Silvio mi dissero ‘non ti scordare che questa è zona nostra’, poi mi hanno preso a calci e pugni”, ha raccontato Marian Roman. Una testimonianza la sua caratterizzata dalla paura: nel corso dell’audizione il teste è apparso tremante e in alcuni casi non ha avuto la forza di rispondere alle domande che vertevano sul ruolo dei Casamonica e sulla loro influenza nella zona della Romanina.
– Chiusura a 296 punti base per lo spread fra Btp e Bund tedesco, in lieve calo da 304 di ieri. Il rendimento del decennale italiano è al 3,45%.
– PARIGI

– L’Eliseo ribadisce che lo sconfinamento dei gendarmi francesi a Clavière, in territorio italiano, è stato un “errore” ma denuncia una “strumentalizzazione politica individuale” da parte del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, che ha rifiutato le scuse della Francia. “Bisogna relativizzare le cose”, ha aggiunto l’Eliseo, citata sul sito di Le Figaro, spiegando: “E’ un errore, la prefettura lo ha riconosciuto. C’è stata un’incursione, non prevista ne conforme agli ordini, in territorio italiano, dove sono stati depositati due individui”. “Gestiamo insieme una frontiera comune e puntualmente, dalle due parti, ci sono piccoli incidenti deplorevoli, di cui abbiamo dato atto”.
– Colloquio telefonico, questo pomeriggio, tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker. Al centro della conversazione, secondo quanto confermano fonti di governo italiane, la manovra varata dal governo.
– PECHINO

– L’anticorruzione cinese fa un’altra vittima illustre: Fang Fenghui, ex componente di punta della Commissione centrale militare e fino allo scorso anno capo di Stato maggiore, è stato espulso dal Partito comunista cinese per corruzione ed è attualmente sotto processo.
Nel darne notizia, i media statali hanno riferito un simile procedimento simile e postumo contro Zhang Yang, ex capo del Dipartimento politico della stessa Commissione, impiccatosi a novembre dopo l’avvio di indagini per i sospetti di corruzione e accumulo di asset di origine dubbia. Nei suoi confronti è stata disposta la “damnatio memoriae”: ritiro dello status di membro di Partito e dei militari (con l’annullamento del grado di generale), oltre alla confisca dei beni illeciti.
– L’Aula del Senato ha detto sì praticamente all’unanimità al disegno di legge che istituisce la commissione d’inchiesta monocamerale contro il femminicidio. I voti a favore sono stati 257.
– BUDAPEST

– La polizia della capitale ungherese, da due giorni, sta mandando via i senzatetto dai sottopassaggi e dai parchi, per applicare la legge che sanziona chi vive senza fissa dimora nei luoghi pubblici. Per evitare che la Corte costituzionale o i tribunali possano eventualmente ostacolare l’esecuzione della legge, il governo Orban l’ha fatto iscrivere anche nella Costituzione con gli ultimi emendamenti in giugno scorso. I poliziotti intimano ai barboni – circa 30 mila a Budapest – di allontanarsi da dove sono. Il terzo avvertimento può essere seguito dall’incarcerazione. I beni – coperte, sacchi a pelo, borse – sono messi sotto sequestro, anche bruciati.
Tutto questo nei termini della legge. Secondo il governo ci sono posti a sufficienza nei punti di accoglienza istituiti per accogliere i senzatetto, ma le organizzazioni di carità contestano questa circostanza: a disposizione ci sono non più di 11 mila posti, dice Gabor Ivanyi, pastore protestante che dirige una grande organizzazione di aiuto umanitario.

– TEGUCIGALPA

– Una ‘Carovana della speranza’ partita sabato dall’Honduras e composta da migliaia di migranti pronti a tutto pur di raggiungere gli Stati Uniti, è in viaggio attraverso il Guatemala e il Messico. Una folla in fuga da povertà e miseria, “quasi un fiume in piena” commentano i media locali, composto da uomini, donne, anziani e bambini che si spostano a piedi e a bordo di mezzi di fortuna. E che, nonostante gli avvertimenti delle autorità di tutti i Paesi della regione, nessuno sembra in grado per il momento di poter fermare. L’ultimo monito è stato pronunciato dal presidente Donald Trump in persona che ha chiesto al collega dell’Honduras di bloccare la Carovana e farla ritornare indietro, altrimenti “non sarà più concesso, immediatamente e concretamente, denaro o altro tipo di aiuto”. Inutile ogni tentativo da parte dei governi di Honduras, Guatemala e Messico di ostacolarne il cammino: “Dobbiamo arrivare negli Usa”, spiegano, perchè in Honduras “c’è la corruzione e stiamo morendo senza cibo né lavoro”.   

STAMPA

Aggiornamenti, Notizie, Tecnologia

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 11:06 ALLE 17:34

DI MARTEDì 16 OTTOBRE 2018

SOMMARIO

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

Da pagine Facebook si può predire depressione
Un programma calcola rischio ‘leggendo’ contenuti

Facebook vieta informazioni ingannevoli su votoAmplia politiche trasparenza in vista elezioni Usa

Huawei raddoppia, svela a Londra il Mate 20 ProPunta su sicurezza e tripla fotocamera. Il Ceo Yu, senza rivali

Arriva il nuovo Kindle Paperwhite di AmazonSpazio archiviazione raddoppiato e resistente all’acqua

Spesa alimentare online per 28% famiglieIl dato di consumo emerge da una ricerca Nielsen – Vedova Jobs ospite Osservatorio Giovani-Editori
Laurene Powell inaugura nuova edizione ‘Quotidiano in classe’

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

TUTTE LE NOTIZIE DI TECNOLOGIA SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

Facebook può svelare se una persona soffrirà di depressione: rivelatrici messaggi e parole che si scrivono sul social, ad esempio è a rischio di andare incontro a disturbi depressivi chi fa uso di parole come ‘lacrime’, ‘sentimenti’, e della prima persona, o più in generale parole che esprimano ostilità, solitudine, pensieri eccessivamente ricorrenti. Lo rivela uno studio di esperti delle University of Pennsylvania e Stony Brook University apparso sui Proceedings of the National Academy of Sciences, che ha portato allo sviluppo di un ‘software’ atto proprio a predire le future diagnosi di depressione in base ai contenuti apparsi sulla pagina facebook di un campione di individui.
Gli esperti sono arrivati a un algoritmo in grado di predire il rischio depressione su Facebook partendo dall’analisi di dati estratti dalle pagine Fb di quasi 1200 persone, col consenso dei rispettivi interessati e confrontati con i dati medici elettronici del campione (114 partecipanti avevano diagnosi di depressione). Dopo questa fase l’algoritmo è stato testato con successo su un’enorme mole di dati estratti dalle pagine Facebook di un gruppo di individui cui successivamente è stata diagnosticata la depressione e un gruppo di controllo.
“Ciò che le persone scrivono sui social cattura aspetti della vita molto difficili da individuare in ambito clinico e di ricerca” – spiega l’autore principale del lavoro Andrew Schwartz. “Si possono trovare numerosi segnali di condizioni come depressione, ansia, disturbo da stress post-traumatico in ciò che le persone esprimono nella loro vita digitale”.
“I social contengono ‘marcatori’ di malattia in modo simile al genoma”, riferisce Johannes Eichstaedt, un altro autore. “Con metodi sorprendentemente simili a quelli usati in genomica, possiamo studiare i dati raccolti dai social per identificare questi marcatori. La depressione sembra essere particolarmente ravvisabile in questo modo perché muta realmente il modo in cui le persone usano i social”.
Facebook vieterà informazioni ingannevoli sulle modalità di voto: in vista delle elezioni di medio termine, il social network di impegna a vietare informazioni false e sbagliate che puntano a impedire e prevenire il voto. Lo afferma Facebook.”Gia’ vietiamo l’acquisto o la vendita di voti, ma anche le informazioni sbagliate sulle date e l’orario per votare. Lo scorso mese abbiamo ampliato ulteriormente la nostra politica e ora vietiamo informazioni non corrette su come votare, quali ad esempio il voto via messaggio, e quelle sul conteggio dei voti (‘ad esempio ‘se hai votato alle primarie, il tuo voto nelle elezioni generali non sara’ contato’)” mette in evidenza Facebook, precisando di aver ”introdotto di recente una nuova opzione che consente di riportare a Facebook informazioni non corrette e creato canali dedicati per le autorita’ degli stati in modo che possano fare lo stesso”.
Dopo il P20 Pro della scorsa primavera, Huawei raddoppia nel segmento degli smartphone top di gamma. A Londra il colosso cinese svela il Mate 20 Pro, un dispositivo che guarda a chi lavora in mobilità. Sicurezza, potenza e durata della batteria sono le caratteristiche di spicco, in cui – dice dal palco il Ceo Richard Yu – il nuovo smartphone è “ineguagliabile”. Così come senza rivali, spiega l’azienda, è la fotocamera. Obiettivo è tenersi alle spalle Apple, superata per volumi di vendita globali, e andare all’inseguimento di Samsung, leader del settore ‘mobile’.Sul fronte della sicurezza, come l’iPhone X il Mate 20 Pro integra un sistema di riconoscimento tridimensionale del volto, ma aggiunge un lettore di impronte digitali inserito sotto lo schermo, un display Oled in vetro curvo da 6,39 pollici.Lo smartphone – che ha anche un fratello minore, il Mate 20 – integra il processore Kirin 980, primo chip a 7 nanometri al mondo (presentato ad agosto, un mese prima dell’omologo di Apple) che migliora le performance e riduce i consumi. Su questo fronte il Mate ha una batteria che promette di durare ben oltre una giornata, e che può persino ricaricare un altro smartphone in modalità wireless.Il processore ha a bordo l’intelligenza artificiale, che si vede nella tripla fotocamera posteriore sviluppata con la tedesca Leica. Nei ritratti, ad esempio, all’effetto bokeh si aggiunge la possibilità di avere il soggetto a colori e lo sfondo in bianco e nero.Nel dettaglio, il Mate 20 pro monta sul retro una grandangolare da 40 megapixel, un’ultra-grandangolare da 20 mp e un teleobiettivo da 8 mp, che con il flash formano un nuovo design quadrato. I sensori consentono di scattare da distanza molto ravvicinata, fino a 2,5 centimetri. Migliora il riconoscimento di oggetti e scenari, e la messa a fuoco delle foto multilayer. Nel notch frontale, insieme ai sensori del 3D Face Unlock con cui accedere anche alle app, c’è invece una fotocamera da 24 megapixel.Tra le curiosità, la possibilità di scannerizzare con la fotocamera l’immagine 3D di un oggetto, ad esempio un orsacchiotto di peluche, e farne una emoji tridimensionale animata. La fotocamera usa il 3D anche per calcolare le calorie nel piatto, con il riconoscimento sia del tipo di cibo, sia della quantità.La batteria è da 4.200 mAh, si ricarica al 70% in mezz’ora (“è più veloce del 440% rispetto ad iPhone Xs Max”) e ha il wireless reverse charging con cui caricare un altro smartphone a mo’ di power bank. Diventa wireless anche il Pc projection, cioè la possibilità di trasferire lo schermo da telefono a tv.Il Mate 20 Pro arriva con 6 GB di Ram e 128 GB di memoria interna, espandibile con le nuove e più piccole schede nano SD. Il sistema operativo è Emui 9, basato su Android 9 Pie. Resistente ad acqua e polvere (IP68, può scattare foto sott’acqua), è disponibile in sei colori, tra cui il verde smeraldo e il blu mezzanotte con un nuovo pattern rigato nella scocca posteriore, cui si aggiungono nero, oro rosa, argento e twilight.
Il Mate 20 si presenta invece con uno schermo Lcd da 6,53 pollici.Le fotocamere posteriori sono da 12, 16 e 8 megapixel, mentre la frontale resta da 24 mp. Processore e sistema operativo sono gli stessi del fratello maggiore, così come la memoria interna, mentre la Ram è da 4 GB. Non mancano lo sbocco con il riconoscimento del volto e l’impronta digitale, ma con tecnologie diverse dal modello di punta. Il notch, di conseguenza, è più piccolo.Huawei Mate 20 e Mate 20 Pro sono disponibili nei mercati europei da oggi. Il Mate 20 ha un prezzo di 799 euro per la versione con Ram da 4GB, 849 euro per 6 GB. Il Mate 20 Pro ha un listino di 1.049 euro.
Il Mate 20 X sarà disponibile dal 26 ottobre a 899 euro; il Mate 20 RS Porsche Design dal 16 novembre a 1.695 euro (256 GB di memoria interna) e 2.095 euro (512 GB).
Il Huawei Watch GT è venduto a 199 euro nella versione sport e a 249 euro nella versione Classic, mentre la Band 3 Pro ha un prezzo di 99 euro.Huawei a sorpresa a Londra svela anche il Mate 20 X, con schermo da 7,2 pollici (praticamente un tablet), batteria da 5mila mAh che garantisce 23 ore di riproduzione video. E’ compatibile con un pennino, dedicato a chi con il dispositivo studia o lavora. Strizza poi l’occhio ai videogiocatori, con un joypad attaccabile che trasforma lo smartphone in una console portatile. Nel corso della presentazione Huawei ha poi svelato il Mate in versione Porsche, con scocca posteriore in pelle, 8 GB di Ram e fino a 512 GB di memoria interna. In conclusione, il Huawei Watch GT: non un vero smartwatch, ma uno sportwatch pensato prevalentemente per l’attività fisica, così come la nuova smart band dell’azienda cinese, la Band 3 Pro.

Un dispositivo più sottile con spazio di archiviazione raddoppiato e resistente all’acqua: è il nuovo Kindle Paperwhite di Amazon. “Siamo felici di aggiungere al nostro Kindle più popolare caratteristiche premium – dice Eric Saarnio, Head of Amazon Devices, Europe – Con il nuovo Kindle Paperwhite non è mai stato così facile immergersi in una storia, ovunque ci si trovi”.Il dispositivo ha uno spessore di 8 millimetri e 182 grammi di peso, “meno della metà di molti libri tascabili” fa notare Amazon. Inoltre lo schermo da 6 pollici ad alta risoluzione da 300 ppi “presenta un testo nitido della stessa qualità tipografica della carta stampata”. Include cinque Led per una luce integrata regolabile che consente di non avere riflessi anche alla luce diretta del sole. E’ possibile conservare ancora più contenuti sul dispositivo grazie allo spazio di archiviazione raddoppiato. E si può portare in spiaggia o in piscina perché resistente all’acqua. Tra le altre caratteristiche anche la possibilità di una maggiore personalizzazione che comprende una pagina Home aggiornata o il salvataggio di diverse impostazioni di lettura.Il nuovo Kindle Paperwhite è disponibile al prezzo di 129.99 euro per il modello da 8 GB e 159.99 per quello da 32 GB. Il modello da 32 GB con connettività mobile gratuita è disponibile a 229.99 euro. Tutti i modelli sono disponibili da oggi 16 ottobre in pre-ordine. Le spedizioni inizieranno a partire dal 7 novembre.
E’ pari al 28% la quota delle famiglie italiane che hanno fatto almeno una spesa alimentare online (6,9 milioni, +23% con il 35% a Nord-Ovest del Paese). A rilevarlo è un’indagine Nielsen elaborata tra marzo e settembre e presentata a Milano dal responsabile Grande distribuzione organizzata (Gdo) Romolo de Camillis nel corso dell’incontro di Retail Plaza by Tuttofood sul tema “Cibo: territorio, servizi ed innovazione”, organizzato da Fiera Milano e Tuttofood. Dai dati di scenario presentati emerge in particolare che il maggiore tasso di crescita (+28%) è registrato per i baby boomers, dei quali, oltre la metà (53%), acquista oggi cibo online. Tra le le motivazioni di acquisto risultano invece vicinanza e velocità insieme con facilità ed efficienza. Infine i nuovi prodotti vengono scelti principalmente per comodità (22%) o perché “semplificano la vita” (19%). Da notare infine – segnala la ricerca Nielsen – che il negozio fisico rimane fondamentale: vengono infatti effettuate in-store il 63% delle scelte di prodotto e il 67% di quelle di brand.

Laurene Powell Jobs sarà ospite a Firenze dell’Osservatorio permanente Giovani-Editori. La vedova di Steve Jobs ha accettato l’invito di Andrea Ceccherini, presidente dell’Osservatorio, e inaugurerà il 9 novembre, nel capoluogo toscano, l’edizione 2018/2019 del progetto ‘Il Quotidiano in classe’, incontrando gli studenti coinvolti nell’iniziativa di media-literacy.Laurene Powell Jobs è fondatrice e presidente di Emerson Collective, tra le organizzazioni, spiega una nota, “più attive nel comparto sociale, incentrata sull’eliminazione delle barriere alla giustizia per le persone, le famiglie e le comunità negli Stati Uniti e nel resto del mondo”. ‘Il Quotidiano in classe’ è un progetto dedicato a sviluppare, si spiega, “il pensiero critico dei giovani, che nell’era dominata dalle fake news, dalle verosimiglianze e dalle post verità, ha conquistato un ruolo da protagonista, assolvendo ad un bisogno tra i più avvertiti e contemporanei: quello di allenare i giovani a distinguere le fonti credibili da quelle che non lo sono, insegnando loro a riconoscere l’attendibilità di una notizia”.L’incontro degli studenti con Laurene Powell Jobs si inserisce nell’ambito dei ‘Nuovi Incontri per il Futuro’, ciclo di appuntamenti pubblici dell’Osservatorio permanente Giovani- Editori, che da diversi anni riunisce i grandi leader del mondo dell’hi-tech della Silicon Valley e non solo: sono stati già ospiti il presidente di Google Eric Schmidt, il fondatore di WhatsApp Jan Koum, il Ceo della Twenty Century Fox James Murdoch e il Ceo di Apple Tim Cook.   

STAMPA

Aggiornamenti, Notizie, Tecnologia, Ultim'ora

ULTIM’ORA

AGGIORNAMENTO DALLE 11:56 ALLE 17:08

DI MARTEDì 16 OTTOBRE 2018

SOMMARIO

ULTIM’ORA

Bucci, Autostrade? Tutte le porte aperte
Sindaco su ricostruzione, alla fine faremo la scelta migliore

Proroga ‘Opzione donna’ per pensioneLavoratrici potranno uscire a 58-59 anni con 35 anni contributi

Istat, cresce l’export ad agosto, +2,9%Traino dalle vendite verso gli Stati Uniti, +13%, e la Germania

Per 9 anni abusa della figlia, arrestatoIndagini Carabinieri, è ai domiciliari

Bussetti-Grillo, auspicio numero chiusoChiesto l’aumento degli accessi e contratti per borse di studio

17enne ucciso, pena ridotta e sospesaDa 4 anni e 4 mesi a 2 anni. Tensioni in tribunale Napoli

Dottoressa 118 aggredita mentre soccorreCircondata da persone che sollecitavano arrivo ambulanza

Casamonica urla a teste, ti ho aiutatoDonna aggredita in aula, ho paura dei Casamonica

Spray urticante a scuola, 1500 evacuatiNello spezzino, Vigili del fuoco bonificano classi

Amori e miti, emozione Ovidio in mostraAlle Scuderie del Quirinale fino al 20 gennaio 2019

Papa: manca volontà sradicare fame mondoMessaggio alla Fao per Giornata Mondiale dell’Alimentazione

Scissione Chiesa preoccupa CremlinoCi auguriamo rispetto interessi Chiesa ortodossa russa

Cucchi:minacce morte ad avvocato TedescoTelefonata anonima, ‘mi ricorda Rosario Livatino, la seguirò’

Juncker: nessun pregiudizio sull’Italia’L’Ue non sopravviverebbe a una sua uscita’

Unindustria, Roma è fermaIndustriali del Lazio ‘preoccupati’, manca una visione

Raggi, da Unindustria attacco bizzarro”innovazione è un tema su cui stiamo molto lavorando”

Lucano, a Riace andremo avanti da soli’Vogliamo uscire da Sprar e fare accoglienza spontanea’

Povertà: Ue,Italia top persone a rischio28,9% della popolazione. +3,4% dal 2008, più alto dopo Grecia

Manovra: Martina, condono è vergognaIn una notte governo brucia 20 mld recuperati da evasione

Barnier: sulla Brexit serve più tempo’Per raggiungere un’intesa necessaria ancora qualche settimana’

Pompeo, re Salman vuole inchiesta seriaSegretario di Stato Usa a Riad per caso del giornalista saudita

Italiani controllati da francesi armatiSono gli episodi su cui indaga la Procura di Torino

Turchia,Riad non ha ancora ammesso nullaSul caso Khashoggi, ha detto il ministro degli Esteri Cavusoglu

Fedez, tour parte il 15 marzo da Firenze11 date nei palasport delle principali città italiane

All’Eliseo deputato che attaccò l’ItaliaGabriel Attal definì ‘vomitevole’ chiusura porti italiani

Dl Genova: Orlando, no a norme antimafiaIn commissione Trasporti-Ambiente Camera.Indebolite difese Stato

Uber si scalda per Borsa, vale 120 mldWsj, a tale cifra vale piu’ Fca, Gm e Ford insieme

‘Omicidio Khashoggi, prove in consolato’Fonte turca: ‘Le ha trovate la polizia durante le ispezioni’

Manovra: Upb nostre basi non obsoleteIn Dbp governo definisce le previsioni superate e parziali

Assange: sì al web ma niente politicaTra misure imposte da Ecuador pulizia del bagno e del gatto –

Manovra: riunione Conte, Tria e Di Maio
Anche Salvini a palazzo Chigi ma non partecipa all’ incontro

Vitalizi: ok Senato, Pd-FI non votanoDelibera approvata con 10 voti a favore, un astenuto

Console in Turchia richiamato a RiadMedia: ‘Già partito dall’aeroporto di Istanbul’

ULTIM’ORA

TUTTE LE ULTIMISSIME SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

ULTIM’ORA

GENOVA

– “Lascio sempre tutte le porte aperte, non ne chiudo mai una, alla fine cercheremo di fare la scelta migliore”. Così il sindaco di Genova e commissario per la ricostruzione, Marco Bucci, replica al presidente di Confindustria Genova, Giovanni Mondini, sull’esclusione di Autostrade dalla ricostruzione del ponte Morandi prevista dal Decreto Genova. Quando al rischio di ricorsi da parte della società, il sindaco e commissario per la ricostruzione sostiene che “trasparenza e onestà sono le migliori armi”.
Durante gli Stati generale dell’economia, organizzati dal Comune di Genova nel quartiere Certosa, la zona cosiddetta ‘arancione’ dopo il crollo del viadotto, Mondini ha ricordato che “Autostrade è il concessionario e aveva il dovere e le competenze per farlo”. Il suo coinvolgimento, ha sostenuto, “avrebbe evitato possibili ricorsi e avrebbe permesso di procedere senza gare, in collaborazione con il commissario.
“Lascio sempre tutte le porte aperte”, è stata la risposta di Bucci.
– Per le donne si proroga ‘Opzione donna’, che permette alle lavoratrici con 58 anni, se dipendenti, o 59 anni, se autonome, e 35 anni di contributi, di andare in pensione. Lo si legge nel comunicato di Palazzo Chigi.
La misura è prevista dalla legge di bilancio 2019, approvata dal governo.
– Ad agosto 2018 l’Istat stima una crescita per le esportazioni (+2,9% sul mese) e un più contenuto aumento per le importazioni (+0,4%). Su base annua c’è un incremento del 5,1% dell’export che coinvolge sia l’area Ue (+5,7%) sia i paesi extra Ue (+4,4%).
“La crescita dell’export su base annua rilevata ad agosto, più intensa per le vendite verso la Ue, è trainata dalle vendite verso Stati Uniti (+13%) e Germania (+6%)”, commenta l’Istat. Le vendite di macchinari e apparecchi e autoveicoli verso gli Stati Uniti e di articoli farmaceutici e autoveicoli verso la Germania contribuiscono, rispettivamente, per 0,6 e per 0,4 punti percentuali alla crescita tendenziale dell’export nazionale.
– LAGONEGRO (POTENZA)

– Per nove anni ha abusato della figlia: la ragazzina, ora adolescente, nello scorso mese di settembre ha trovato il coraggio e si è confidata con la madre che ha poi presentato denuncia ai Carabinieri. Per questo un uomo di 45 anni è stato arrestato dai militari dell’Arma, in provincia di Potenza, che hanno condotto le indagini coordinate dalla Procura. Il gip ha disposto gli arresti domiciliari per l’uomo che è separato da anni dalla moglie e che dovrà rispondere di atti sessuali aggravati ai danni della figlia minorenne.
– I ministri Bussetti e Grillo hanno chiesto, in sede di Consiglio dei ministri, di “aumentare sia gli accessi sia i contratti delle borse di studio per Medicina.
E’ un auspicio condiviso da tutte le forze di maggioranza che il governo intende onorare”. Ieri sera, al termine del Consiglio dei Ministri, nel comunicato stampa diffuso era stato scritto: “Si abolisce il numero chiuso nelle Facoltà di Medicina, permettendo così a tutti di poter accedere agli studi”. “Sarò franco con voi. Non mi risulta”. Così il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti aveva risposto poco dopo a Venezia ai giornalisti che gli chiedevano dell’abolizione del numero chiuso per la facoltà di Medicina.
– NAPOLI

– Sconto di pena – da 4 anni e 4 mesi a 2 anni – in Appello per il carabiniere Gianni Macchiarolo imputato per l’omicidio del 17enne del rione Traiano (Napoli) Davide Bifolco, ucciso da un colpo di pistola nelle concitate fasi di un inseguimento. I giudici della seconda sezione della Corte d’Appello di Napoli hanno ridotto la condanna disposta in primo grado: due anni con la pena sospesa, cancellati i precedenti 4 anni e 4 mesi.
I fatti risalgono alle due del mattino del 5 settembre del 2014: una pattuglia dei carabinieri si lanciò all’inseguimento di tre ragazzini, tutti in sella allo stesso scooter e senza casco, che non si fermarono all’alt. Macchiarolo riuscì a bloccare due ragazzi, tra cui Davide. Ma nelle fasi del ‘fermo’ dalla pistola d’ordinanza del carabiniere parti’ il proiettile che uccise Davide. Già in primo grado è stato stabilito che il colpo parti’ per errore: il carabiniere inciampo’ e nel perdere l’equilibrio parti’ il proiettile. Il militare non aveva inserito la sicura.
FOGGIA, 16 OTT – Una dottoressa del 118 della Asl di Foggia è stata aggredita mentre prestava soccorso ad una persona ferita in un incidente stradale avvenuto alla periferia della città. La professionista, in servizio su un’automedica, è stata aggredita verbalmente e fisicamente, strattonata e presa a schiaffi, da persone che si erano raggruppate attorno al ferito e sollecitavano l’arrivo di un’ambulanza. Secondo il racconto del medico aggredito, Giuseppina Gentile, che ha segnalato l’accaduto alla Asl e a breve presenterà denuncia formale, dopo essere intervenuta sul posto dell’incidente ha chiamato la centrale operativa chiedendo l’invio di un’ambulanza. Quando hanno sentito che non c’erano ambulanze disponibili i presenti hanno circondato la dottoressa, uno di loro le ha dato uno schiaffo rompendole gli occhiali e colpendola allo zigomo, mentre un altro l’ha strattonata strappandole di mano il telefono e buttandolo a terra. Poco dopo è arrivata l’ambulanza e il ferito è stato portato in ospedale in codice rosso.

ULTIM’ORA

TUTTI GLI AGGIORNAMENTI

ULTIM’ORA

ROMA:

L’ha interrotta mentre deponeva e subito dopo che aveva confessato di avere paura dei Casamonica. E davanti ai giudici le ha intimato urlando: ‘Di che ti ho aiutato’. Così Antonio Casamonica, imputato per l’aggressione al Roxy bar alla periferia di Roma, alla donna aggredita e presa a cinghiate da alcuni componenti del clan nel corso del raid.
Casamonica ha urlato dal gabbiotto degli arrestati mentre la donna stava testimoniando. “Ho paura di uscire da casa, i familiari dei Casamonica hanno preso informazioni sul mio indirizzo”, ha detto durante l’udienza a porte chiuse nel processo a carico di Antonio Casamonica, una delle quattro persone imputate per il raid al Roxy Bar, la donna aggredita a cinghiate all’interno del locale.
La vittima ha ricostruito con molta sofferenza quei momenti di paura durante la proiezione del video delle telecamere di sorveglianza del bar: “Nessuno si è opposto – ha detto – nessuno dei presenti ha fatto nulla mentre mi aggredivano”.
– GENOVA

– 1500 tra studenti e insegnanti della scuola superiore Parentucelli Arzelà di Sarzana sono stati fatti uscire dall’istituto stamani dopo che una decina di ragazzi hanno accusato irritazioni alle vie respiratorie.
Qualcuno avrebbe spruzzato spray urticante negli ambienti del 1^ piano dell’edificio. I ragazzi che hanno accusato difficoltà respiratorie sono stati soccorsi dal personale medico mentre i vigili del fuoco hanno bonificato le classi. Nell’istituto sono ospitati alcune classi delle elementari.

ULTIM’ORA

ROMA

– Una mostra ricca, complessa, colta e didascalica insieme, che vuole affascinare il lettore, anzi sedurlo come Ovidio ha saputo fare, nei secoli, con la sua opera. E’ ‘Amore, miti e e altre storie’, ospitata dal 17 ottobre al 20 gennaio alle Scuderie del Quirinale, che mette insieme 250 opere da circa 80 musei del mondo (dal Louvre agli Uffizi, dall’Archeologico di Napoli a quello di Eretria in Grecia, dalla National Gallery di Londra alla Royal Danish Library di Copenaghen), per il bimillenario del poeta. Ecco sculture, opere pittoriche, affreschi, rilievi funerari, volumi, vasi, gioielli ed altri oggetti di ogni tipo, tutti preziosi, tutti unici a partire da capolavori come la Venere pudica di Botticelli, o la Venere callipigia dell’Archeologico di Napoli, e ancora raffigurazioni dei miti ovidiani realizzate da Cellini, Tintoretto, Ribera, Poussin, Batoni. Ma basterebbe per la visita la meraviglia delle 100 minuscole api provenienti dal corredo funerario di una fanciulla prestate dal Museo di Aquileia.
– Esistono “gli strumenti adeguati” per “lo sradicamento della fame dal nostro mondo”: lo sottolinea il Papa nel Messaggio alla Fao per la Giornata Mondiale dell’Alimentazione. E tuttavia, denuncia, “come in altre grandi problematiche che colpiscono l’umanità, spesso ci imbattiamo in enormi ostacoli nella soluzione dei problemi, con barriere ineluttabili frutto di indecisioni o ritardi, con la mancanza di determinazione dei responsabili politici, tante volte immersi solo negli interessi elettorali o intrappolati da opinioni distorte, perentorie o riduttive. Manca realmente la volontà politica”.
– MOSCA

– “Stiamo osservando con molta attenzione e con grande preoccupazione lo sviluppo delle relazioni tra la Chiesa ortodossa russa e il Patriarcato ecumenico”. Lo ha detto il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov. “Speriamo che prevalga il buon senso ma allo stesso tempo ci auguriamo che tutti gli interessi della Chiesa ortodossa russa siano rispettati”, ha sottolineato Peskov, citato dalla Tass.
– Minacce di morte all’avvocato di Francesco Tedesco, il carabiniere che ha accusato i suoi due colleghi, coimputati con lui al processo sulla morte di Stefano Cucchi, di aver pestato il giovane geometra. Il legale, Eugenio Pini, ha presentato querela in Procura a Roma, per “tutelare me stesso”, ha detto. Nella telefonata, che potrebbe essere stata registrata, una voce dall’accento siciliano e non camuffata ha detto all’avvocato: “Lei sa chi mi ricorda? Rosario Livatino”, facendo riferimento al giudice ucciso dalla mafia e aggiungendo in seguito: “la seguirò, non solo spiritualmente”.
– BRUXELLES

– La dinamica della finanza pubblica italiana “mi dà molte preoccupazioni” ma “non abbiamo pregiudizi: ne discuteremo con l’Italia come facciamo con tutti gli altri Paesi”. Lo ha detto oggi il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker incontrando la stampa audiovisiva italiana annunciando che oggi pomeriggio avrà un colloquio telefonico con il premier Giuseppe Conte.
Juncker ha anche chiesto di “non mettere l’Italia sotto accusa al vertice” e sottolineato che “l’Europa non sopravviverebbe a un’uscita dell’Italia”.
– ROMA

– “Vorremmo trovare, in chi governa, quell’alto senso di responsabilità che impone la guida di una grande Capitale”. Unindustria, l’associazione degli industriali delle 5 province del Lazio, una “città ferma”. All’assemblea annuale il presidente Filippo Tortoriello avverte: “Quel vento che doveva cambiare Roma non si percepisce”, “abbiamo riconosciuto alla Sindaca la difficoltà della situazione in cui iniziava il suo mandato”, ma “quest’attesa sembra essere vana e lo status quo ci preoccupa”. “Manca la visione”.
– ROMA

– “E’ un attacco un po’ bizzarro. Con alcuni di lavoro lavoriamo bene ad tempo o e stiamo sviluppando progetti insieme”. Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi replicando alle parole del presidente di Unindustria Filippo Tortoriello. “Ricordo, il Maker Faire, lo scorso fine settimana -ha aggiunto Raggi- perchè l’innovazione è un tema su cui stiamo lavorando molto. Oggi è stata varata dal governo una manovra che restituisce alle famiglie il potere d’acquisto e incentiva le piccole medie imprese. Mi sembra che molte cose si stiano muovendo”.

ULTIM’ORA

REGGIO CALABRIA

– “Riace rappresenta un’idea che va contro la civiltà della barbarie. Anche senza contributi pubblici andiamo avanti lo stesso, da soli, perché negli anni abbiamo costruito dei supporti all’integrazione che oggi fanno la differenza. Faremo non uno Sprar ma un’accoglienza spontanea così com’era cominciata, senza soldi pubblici”. A dirlo il sindaco di Riace Domenico Lucano al termine dell’udienza del Tribunale del riesame di Reggio Calabria che deve decidere sul suo ritorno in libertà. I giudici si sono riservati la decisione. “Lo voglio io come volontà politica. Dobbiamo uscire dallo Sprar – ha aggiunto -. Non voglio avere a che fare con chi non ha fiducia e con questo governo che spesso non rispetta i diritti umani. Sono fiducioso nella scarcerazione, se esiste il diritto. E’ talmente distante quello che ha detto l’avvocato, che ha sviluppato come si è svolta la vicenda Riace arrivando poi agli argomenti alla base di queste misure fatte a me, e quello che ha detto il pm. C’è un abisso”.
– BRUXELLES

– L’Italia è il Paese europeo con il numero più alto di persone a rischio di povertà ed esclusione sociale: lo rileva Eurostat da dati del 2017. In Italia a rischio sono 17,4 milioni di persone, ovvero il 28,9% della popolazione. Rispetto al 2008, dopo la Grecia è il Paese con l’aumento maggiore di rischio, salito del 3,4%. Se si guarda alla percentuale delle persone a rischio rispetto alla popolazione, l’Italia scende al quinto posto: prima ci sono Bulgaria (38,9%), Romania (35,7%), Grecia (34,8%) e Lituania (29,6%).
– ROMA

– Il condono fiscale inserito nella manovra dal Governo “è una vergogna”. Lo ha detto il segretario del Pd Maurizio Martina in una conferenza stampa con i capogruppo del Pd Andrea Marcucci e Graziano Delrio.
“Noi abbiamo recuperato 20 miliardi nella lotta all’evasione – ha proseguito – e il Governo in una notte brucia tutti gli sforzi fatti”. “Di Maio e Salvini sono due facce della stessa medaglia – ha aggiunto – sono entrati a Palazzo Chigi al grido ‘onestà, onestà’ ed escono con un codicillo con un condono per gli evasori”.
– LUSSEMBURGO

– Sull’accordo per la Brexit “non ci siamo ancora. Restano varie questioni aperte, quindi serve più tempo per trovare questo accordo globale. Dobbiamo prenderci questo tempo con calma, con serietà, per trovare questo accordo globale nelle prossime settimane”. Così Michel Barnier, capo negoziatore Ue per la Brexit arrivando al consiglio Affari generali a Lussemburgo.
– Il segretario di Stato Usa Mike Pompeo a Riad “ha ringraziato il re (Salman, ndr) per il suo impegno a sostenere un’inchiesta completa, trasparente e tempestiva” sul caso del giornalista saudita. Lo riferisce la portavoce del Dipartimento di Stato, Heather Nauert, citata dai media americani. “Siamo forti e antichi alleati. Affrontiamo le nostre sfide insieme” e così “in passato, oggi, domani”, detto il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, incontrando a Riad Pompeo per discutere della scomparsa del giornalista Jamal Khashoggi a Istanbul.
– TORINO

– Due cittadini italiani residenti a Claviere avvicinati e controllati da 4 uomini armati in tuta mimetica militare “verosimilmente francesi” in territorio italiano. Parla di questo una denuncia di cui si sta occupando la procura di Torino. Lo precisa il procuratore Armando Spataro.
L’episodio è del 2 agosto ed è stato segnalato a Palazzo di Giustizia dai carabinieri il 20 agosto. I due italiani hanno raccontato l’accaduto ai carabinieri separatamente. Il controllo sarebbe avvenuto in zona Gimont, nel territorio di Cesana Torinese, a 2 km dal confine con la Francia. Il primo, quando è stato avvicinato, stava passeggiando con il cane. Il secondo stava percorrendo una strada sterrata su un ciclomotore, e ha aggiunto che i 4 gli hanno intimato di non riferire a nessuno della loro presenza. La procura ha aperto un fascicolo senza indagati e senza ipotesi di reato. Indagini anche su un altro sospetto caso, oltre a quello di venerdì scorso, di ‘sconfinamento’ di forze di polizia francesi, denunciato ad agosto.
– ISTANBUL

– L’Arabia Saudita non ha finora fornito alla Turchia alcuna ammissione di responsabilità sulla scomparsa del giornalista dissidente Jamal Khashoggi dopo l’ingresso due settimane fa nel suo consolato a Istanbul. Lo ha detto il ministro degli Esteri di Ankara, Mevlut Cavugsoglu, rispondendo a una domanda sulle indiscrezioni mediatiche circa il rapporto che Riad starebbe preparando, in cui si ammetterebbe che il reporter è stato ucciso in un interrogatorio finito male.
– “Il 18 ottobre apro ufficialmente le date del mio nuovo tour. Mi sembra incredibile, dopo la vertigine di San Siro, emozionarmi all’idea di tornare a calpestare un palcoscenico. Eppure è così. Oggi le vertigini hanno lasciato il posto all’adrenalina. Quella di un nuovo viaggio nato per condividere con voi un nuovo progetto. Forse il più intimo e profondo di sempre”. Fedez annuncia così il tour 2019 nei palasport che prenderà il via il 15 marzo 2019 da Firenze (Nelson Mandela Forum). Il rapper è al lavoro su un nuovo progetto discografico e ha da poco annunciato la preparazione di un singolo dedicato al figlio.
Queste le altre date: 16 marzo – Torino (Pala Alpitour); 21 marzo – Bologna (Unipol Arena); 23 marzo – Montichiari (BS) (PalaGeorge); 28 marzo – Ancona (PalaRossini); 30 marzo – Eboli (PalaSele); 2 aprile – Acireale (Pal’Art Hotel); 5 aprile -Roma (PalaLottomatica); 8 aprile – Milano (Mediolanum Forum); 13 aprile – Padova (Kioene Arena); 14 aprile – Conegliano (Zoppas Arena).
– PARIGI

– Gabriel Attal, deputato della République En Marche nominato oggi segretario di Stato presso il ministero dell’Istruzione nel quadro del rimpasto annunciato dal presidente Emmanuel Macron, diventa il più giovane componente di un governo francese in tutta la storia della Quinta Repubblica, fondata nel 1958. Attal, appena 29 anni e 7 mesi, batte tutti i record, dopo il primato detenuto per anni dall’ex ministro Francois Baroin. Fu proprio Attal a scatenare la tempesta diplomatica tra Parigi e Roma quando lo scorso giugno disse che la politica italiana sulla nave Aquarius è “immonda” e la chiusura dei porti “fa vomitare”. Parole che molti italiani attribuirono invece al presidente Emmanuel Macron, aggravando ulteriormente la crisi diplomatica tra i due Paesi. Negli stessi giorni Macron non era certo stato tenero con la politica di Matteo Salvini. Pur non arrivando a definirla ”vomitevole”, denunciò pubblicamente “la quota di cinismo e irresponsabilità del governo italiano” sulla questione dei migranti.
– “Le commissioni Trasporti e Ambiente riunite sul dl Genova, su proposta del relatore e del governo, hanno bocciato gli emendamenti che prevedevano il ripristino della normativa di prevenzione antimafia. Un errore gravissimo che indebolisce le difese dello Stato”. Lo segnala su twitter l’ex ministro della Giustizia e componente della commissione Ambiente della Camera, Andrea Orlando (Pd). A richiamare l’attenzione sull’assenza di disposizioni sulle interdittive antimafia nel decreto era stato la scorsa settimana il presidente dell’Anac.
– NEW YORK

– Uber scalda i motori per lo sbarco in Borsa. L’app per auto con conducente ha ricevuto proposte da Goldman Sachs e Morgan Stanley per un’initial public offering con la quale Uber sarebbe valutata 120 miliardi di dollari. La quotazioni in Borsa potrebbe avvenire all’inizio del prossimo anno. Lo riporta il Wall Street Journal, secondo il quale a tale cifra Uber vale piu’ Fca, General Motors e Ford insieme.
– ANKARA

– La polizia ha trovato nel consolato saudita a Istanbul le prove che il giornalista Jamal Khashoggi è stato ucciso lì. Lo ha detto all’Ap un funzionario turco. Un funzionario turco di alto livello ha reso noto che la polizia, durante le sue ricerche al consolato saudita di Istanbul, ha trovato “prova certa” che il giornalista dissidente Jamal Khashoggi sia stato ucciso lì. Il funzionario, parlando in condizione di anonimato, non ha fornito dettagli di tali prove, ritrovate al termine di lunga ricerca al consolato, che si è conclusa stamane.
Finora Riad ha definito tale accuse “senza basi”, ma secondo i media americani i sauditi potrebbero presto riconoscere che Khashoggi sia stato ucciso nel loro consolato di Istanbul, forse al culmine di interrogatorio sfuggito di mano.
– La validazione delle stime programmatiche “riguarda il quadro nella sua interezza” e la decisione dell’Upb di non validare i numeri della Nota al Def è stata presa “sulla base esclusivamente delle variabili esogene e delle informazioni sulla struttura della manovra fornite dal Mef, informazioni che non si devono ritenere né parziali né obsolete”. E’ quanto puntualizza lo stesso Upb dopo aver notato come nel Draft budgetary plan si affermi “sorprendentemente” che le previsioni sono state “pubblicate in tempi diversi e sulla base di informazioni parziali o obsolete”.
– QUITO

– Il governo dell’Ecuador ha diffuso un regolamento riguardante regime di visite, comunicazioni verso l’esterno via cellulare ed Internet, e cure mediche per l’attivista australiano Julian Assange, fondatore di WikiLeaks, da sei anni esule politico nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra. Tra le altre misure disposte anche l’invito a tenere pulire il proprio bagno e ad accudire il gatto. Il documento, denominato ‘Protocollo speciale di visite, comunicazioni e cure mediche per il signor Julian Paul Assange’, è stato reso pubblico ieri dal portale ecuadoriano Código Vidrio. WikiLeaks – via Twitter – ha sostenuto che nonostante l’annuncio di una eliminazione parziale dell’isolamento di cui soffre l’attivista, le misure specificate non sono state ancora attivate. Secondo le nuove norme Assange potrà utilizzare Internet a sue spese attraverso il wifi dell’ambasciata e dovrà astenersi da qualsiasi attività che abbia un contenuto politico.

ULTIM’ORA

Si è svolta questa mattina a Palazzo Chigi, a quanto si apprende, una riunione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte con il vicepremier Luigi Di Maio e il ministro dell’Economia Giovanni Tria. Anche il vicepremier Matteo Salvini è stato in mattinata nella sede della presidenza del Consiglio ma non ha preso parte all’incontro

– Via libera del Senato alla delibera sui Vitalizi. Il provvedimento approvato dal Consiglio di presidenza di Palazzo Madama passa senza i voti dei senatori di Forza Italia e del Partito Democratico che al momento del voto sono usciti. La delibera è stata approvata con 10 voti favorevoli e un astenuto: Meinhard Durnwalder del gruppo Autonomie.
– ISTANBUL

– Il console saudita a Istanbul è stato richiamato in patria, a due settimane dalla scomparsa di Jamal Khashoggi dopo l’ingresso nel consolato Il console saudita Mohammed Uteybi ha lasciato la Turchia con un volo partito circa mezz’ora fa, secondo quanto riferisce la Cnn turca. Nelle scorse ore, Ankara non aveva escluso di chiedere a Riad l’autorizzazione a interrogare i suoi diplomatici in Turchia, precisando però che non era prevista alcuna limitazione ai loro movimenti.   

STAMPA

Aggiornamenti, Notizie, Tecnologia

TECNOLOGIA: Snapchat mette la maschera anche a Micio

DELLE 11:06

DI MARTEDì 16 OTTOBRE 2018

SOMMARIO

TECNOLOGIA: Snapchat mette la maschera anche a Micio

Snapchat mette la maschera anche a Micio
Nuovi filtri trasformano gatti e proprietari

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

TECNOLOGIA: Snapchat mette la maschera anche a Micio

Dopo averci trasformato in dalmata e zucche di Halloween, mostri e fatine, Snapchat passa a decorare i gatti. La app ha lanciato le “Cat Lenses”, maschere pensate per imbellettare Micio con corone di fiori, occhioni, labbra siliconate o una fetta di pane tostato intorno al muso.

Le nuove lenti poggiano su un aggiornamento del sistema di riconoscimento degli oggetti che Snapchat ha introdotto nel novembre scorso, e che oltre a sport e pietanze consente di identificare gli animali domestici.  I filtri funzionano anche per le foto che ritraggono insieme gatto e proprietario: a entrambi può spuntare un unicorno arcobaleno, o il primo può diventare un diavolo in braccio a un angelo umano.   

STAMPA

Aggiornamenti, Notizie, Tecnologia, Ultim'ora

TECNOLOGIA: Morto Paul Allen, co-fondatore di Microsoft

DELLE 00:32

DI MARTEDì 16 OTTOBRE 2018

SOMMARIO

TECNOLOGIA: Morto Paul Allen, co-fondatore di Microsoft

Morto Paul Allen, co-fondatore di Microsoft
Aveva 65 anni, complicazioni per un linfoma non Hodgkin, lo stesso tipo di cancro che aveva sconfitto nove anni fa

TECNOLOGIA TUTTE LE NOTIZIE

TUTTE LE NOTIZIE DI TECNOLOGIA SEMPRE AGGIORNATE

L’ARTICOLO

TECNOLOGIA: Morto Paul Allen, co-fondatore di Microsoft

Paul Allen, il co-fondatore di Microsoft insieme a Bill Gates, e’ morto all’eta’ di 65 anni. Lo comunica Vulcan, la societa’ che gestisce le sue varie attivita’, anche quelle filantropiche.

Allen e’ morto a Seattle in seguito a complicazioni per un linfoma non Hodgkin, lo stesso tipo di cancro che aveva sconfitto nove anni fa. ”Anche se per molti Paul Allen era un uomo della tecnologia e un filantropo, per noi era il nostro amato fratello e un amico eccezionale. Aveva sempre tempo per la sua famiglia e i suoi amici. In questo momento di dolore, siamo profondamente grati per le attenzioni che ci ha dimostrato ogni giorno” afferma la sorella Jody. Timido figlio di bibliotecari e genio dei computer, nel 1975 insieme a Bill Gates fondò il colosso di Redmond con il ‘sogno’ di portare un computer in ogni casa. Dopo soli otto anni però Allen lascio Microsoft per problemi di salute e per il deteriorarsi della sua amicizia con Gates. Nonostante la sua uscita Allen rimase una vera e propria forza nel mondo della tecnologia e della filantropia, investendo miliardi di dollari nelle avventure imprenditoriali più disparate, dallo scoperta di relitti della Seconda Guerra Mondiale a scommesse in società spaziali. Senza perdere di vista lo sport: Allen era infatti proprietario della squadra di basket NBA Portland Trail Blazers, e di quella di football dei Seattle Seahawks, oltre ad avere una quota di quella di calcio dei Seattle Sounders.
Allen ha dato un “indispensabile”contributo a Microsoft e all’industria tecnologica, afferma Satya Nadella, amministratore delegato di Microsoft, sottolineando di aver imparato molto da Allen, che continua ancora a ispirarlo. “Come co-fondatore di Microsoft ha creato prodotti magici ed esperienze nuove, e nel farlo ha cambiato il mondo” aggiunge Nadella. Con la sua morte, “il mondo ha perso un grande pioniere tecnologico” twitta l’amministratore delegato di Google, Sundar Pichai. “E’ stato un grande leader tecnologico” dice Marc Benioff, numero uno di Salesforce. La scomparsa di Allen è stata annunciata dalla famiglia.
“Anche se per molti Paul era un uomo della tecnologia e un filantropo – afferma la sorella Jody – per noi era il nostro amato fratello e un amico eccezionale. Aveva sempre tempo per la sua famiglia e i suoi amici. In questo momento di dolore, siamo profondamente grati per le attenzioni che ci ha dimostrato ogni giorno”.  

STAMPA