Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 19 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 07:06 ALLE 15:33 DI MERCOLEDì 13 NOVEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Corruzione, 17 misure cautelari
Eseguite dai Carabinieri. Anche illecita gestione Comune Venosa

POTENZA13 novembre 2019 07:06

– Diciassette misure cautelari, emesse nei confronti di ex amministratori e funzionari pubblici, sono in corso di esecuzione da parte dei Carabinieri nell’ambito di un’operazione coordinata dalla Procura della Repubblica di Potenza “su un consolidato sistema di corruzione” per “la gestione e la successiva autorizzazione di pratiche edilizie da parte dell’Ufficio difesa del suolo della Regione Basilicata” e per “l’illecita gestione politico-amministrativa del Comune di Venosa (Potenza)”. Coinvolto – secondo quanto si è appreso – anche l’ex sindaco del Comune oraziano.
I particolari dell’operazione saranno illustrati stamani, alle ore 11, in una conferenza stampa che si terrà negli uffici della Procura della Repubblica di Potenza.

Caos e disagi per neve sulle DolomitiStrade bloccate per alberi caduti, interrotta ferrovia Pusteria

BOLZANO13 novembre 201908:15

– Sulle Dolomiti si registrano forti problemi alla viabilità. In alcune zone dell’Alto Adige nel corso della notte sono caduti fino a 40 centimetri di neve.
Numerose strade sono bloccate per alberi caduti, così anche la linea ferroviaria della val Pusteria. Oltre 200 gli interventi dei vigili del fuoco per liberare le strade, mentre a Bolzano si registrano cantine allagate. I maggiori problemi si registrano in val d’Ega, val Gardena e val Pusteria. Nel pomeriggio è previsto un miglioramento della situazione.

Maltrattamenti a bimbi,arrestate maestreDocumentate da Cc violenze fisiche e psicologiche verso piccoli

CARIATI (COSENZA)13 novembre 201909:24

– Due insegnanti di scuola materna di un asilo privato di Cariati, in provincia di Cosenza, sono state arrestate e poste ai domiciliari dai carabinieri del Comando provinciale di Cosenza supportati da militari del Nas e del Nil con l’accusa di maltrattamenti.
Le indagini hanno documentato una serie di maltrattamenti di natura fisica e psicologica compiuti dalle due donne nei confronti dei bambini, tutti di età compresa tra i due e i cinque anni.

Venezia: acqua alta da record 2 vittimeDanni ingenti, Sindaco verso stato crisi e marea sale ancora

VENEZIA13 novembre 201909:28

– Acqua alta da record a Venezia, nella notte, con 187 cm sul medio mare che ha invaso città ed isole, la seconda per violenza dopo quella del 1966. Due persone sono morte a Pellestrina, una fulminata mentre azionava una pompa idraulica la seconda per un probabile malore. Il Sindaco Luigi Brugnaro è pronto per chiedere lo stato di crisi mentre i danni – chiede ai cittadini di quantificarli – sono ingenti. La furia del vento che ha superato i 100 km orari e la contemporanea marea hanno spinto addirittura vaporetti e imbarcazioni più leggeri sopra le rive invase dall’acqua. Gli approdi per il trasporto pubblico in gran parte sono inagibili.
Scuole chiuse mentre la marea torna a salire anche oggi: prevista in mattinata una massima di 160 cm. Ben 170 gli interventi dei vigili del fuoco nel capoluogo lagunare.

Operazione antidroga Gdf, 19 arrestiOtto percepivano il Reddito di cittadinanza

LAMEZIA TERME (CATANZARO)13 novembre 201909:52

– Operazione antidroga del Comando provinciale di Catanzaro della Guardia di finanza, in collaborazione con altri reparti calabresi delle fiamme gialle, a Lamezia Terme. Sono 19 le ordinanze di custodia cautelare, emesse, per le rispettive competenze, dai gip di Lamezia Terme e dei minorenni di Catanzaro, a carico di altrettante persone di etnia rom, tre delle quali minorenni.
Otto delle persone coinvolte nell’operazione, secondo quanto é emerso dalle indagini, percepivano il Reddito di cittadinanza.
I minorenni destinatari di provvedimenti restrittivi sono tre.
L’attività di spaccio di droga aveva luogo nel quartiere “Ciampa di cavallo” di Lamezia Terme. I reati contestati agli arrestati sono traffico e spaccio di sostanze stupefacenti.

Violenta tromba d’aria a P.Cesareo,danniBarche sollevate per centinaia metri. Sindaco,siamo in ginocchio

PORTO CESAREO (LECCE)13 novembre 201909:52

– Una violenta tromba d’aria si è abbattuta su Porto Cesareo, in Salento, provocando danni gravi al porto turistico di Ponente e crolli della parte alta di un pontile in muratura e di muretti di recinzione. Un pontile della darsena, lungo 60 metri, è stato sollevato e trascinato via dal vento e dal mare in burrasca e ha portato con sé tutte le barche ormeggiate. Attualmente vi sono centinaia di barche ammassate: alcune sul molo, otto sono finite nell’area giochi, a circa 300 metri di distanza. I danni più gravi li hanno subiti le barche dei pescatori, molte delle quali erano ormeggiate al pontile sradicato. La frazione di Torre Lapillo è isolata perché allagata. Qui vi sono stati numerosi cedimenti di strutture murarie ed è crollata la parte alta del pontile in muratura che collega Porto Cesareo all’hotel Lo Scoglio che si trova su un isolotto collegato da un pontile alla terraferma.
Per il sindaco, Salvatore Albano, la città “in ginocchio” e “la situazione è tragica”. I danni sono ingenti.

Sindaco S. Lorenzo, restate a casaAmpie zone della valle senza corrente elettrica

BOLZANO13 novembre 201909:55

– “Le strade di montagna non sono percorribili. Restate a casa, anche se manca la corrente elettrica. La sicurezza va prima di tutto”. Lo scrive su Facebook Martin Ausserdorfer, sindaco di San Lorenzo di Sebato in val Pusteria.
Secondo Ausserdorfer, ampie zone della valle attualmente sono senza corrente elettrica. “I tecnici dell’Edyna stanno lavorando già tutta la notte per ripristinare la connessione. Sono stati richiesti rinforzi, la situazione è molto pericolosa. Serve pazienza e sangue freddo”, scrive il sindaco.

Venezia: sott’acqua anche opera BanksyOpera rivendicata su Istagram da artista fantasma

VENEZIA13 novembre 201909:55

– L’acqua alta non risparmia neppure l’opera stencil da muro a spray che a maggio scorso Banksy aveva realizzato a Venezia, nei pressi di Campo Santa Margherita.
Stamane il disegno di street art, che raffigura un bambino nel vento impetuoso di uno sbarco con il giubbotto di salvataggio e con in mano un razzo fluorescente, è finito per buona parte sott’acqua. Il writer aveva rivendicato su Instagram la paternità dell’opera, facendo schizzare alle stelle in valore del’edificio, in parte fatiscente, su cui era stata apposta.

Petizione, monumento per vvf QuargnentoAppello vedova vigile fuoco, ricordatelo facendo del bene

ALESSANDRIA13 novembre 201910:05

– Un monumento per rendere omaggio ai tre vigili del fuoco morti nell’esplosione di una cascina a Quargnento, nell’Alessandrino. Lo chiede una petizione online, su change.org, che ha già raccolto qualche centinaia di firme. La richiesta è rivolta alla sindaca di Quargnento, Paola Porzio, che nei giorni scorsi ha annunciato l’intenzione dell’amministrazione di costituirsi parte civile nel processo per la tragedia.
“Non vogliamo, come Comune, che vengano a visitarci per la cascina maledetta, ma perché paese natale del pittore Carlo Carrà, per il quale organizzeremo una grande mostra nel 2021, e per molte altre iniziative – spiega la prima cittadina -. La tragedia purtroppo c’è stata, ma i proprietari della cascina e gli eventuali responsabili non c’entrano nulla col paese”.
Intanto su Fb la vedova di Antonino Candido, Elena Barreca, chiede di ricordare il marito aiutato le persone che hanno bisogno. “Ogni gesto buono – dice – farà felice mio marito i suoi fratelli”.

Scontri tra ultras in A14, 22 denunceDieci del Padova e 12 del Vicenza, il 22/9 nel Riminese

RIMINI13 novembre 201910:14

– Ventidue ultras, 10 del Padova e 12 del Vicenza denunciati e colpiti da Daspo del Questore di Rimini, per i disordini scoppiati il 22 settembre in un’area di servizio dell’A14, all’altezza di Riccione. I reati contestati sono rissa, possesso e utilizzo di oggetti atti ad offendere, travisamento, danneggiamento, lesioni personali, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni aggravate e finalizzate alla resistenza. Dei 22 Daspo, dieci prevedono la prescrizione della firma in occasione delle partite. L’indagine della Digos di Rimini, in collaborazione con quelle di Pesaro, Padova, Vicenza e Perugia, coordinata dal pm Paolo Gengarelli, ha ricostruito i fatti: intorno alle 13 nell’area di servizio Montefeltro Ovest si scontrarono le tifoserie del Vicenza e del Padova in transito per andare ad assistere gli incontri di calcio di serie C Vis Pesaro-Padova e Gubbio-L.R.Vicenza.

Maltempo: abbattuti ulivi secolariDanni gravi a produzione di ortaggi invernali, a canali e serre

BARI13 novembre 201910:30

– Trombe d’aria e bombe d’acqua hanno colpito duramente la Puglia, con un piogge incessanti e raffiche di vento che hanno provocato gravi danni alla produzione di ortaggi invernali, spazzato via le olive e abbattuto alberi, serre e tendoni. “Sono decine gli alberi, anche ulivi secolari strappati dal vento, sradicati o spaccati in due, strutture e muretti ridotti in pezzi, canali esondati e distrutti dalla violenza dell’acqua e del vento, serre e impianti fotovoltaici abbattuti, tendoni demoliti, ortaggi in asfissia”, spiega il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia. In provincia di Lecce danni alle piantine di ulivo resistenti alle xylella, appena piantumate.
“Il vento fortissimo – lamenta Gianni Cantele, presidente di Coldiretti Lecce – ha sferzato le piantine di FS17 appena impiantate ad Ugento. Ingenti i danni perché molti ulivi sono stati piegati dalla forza del vento, mentre altri risultano addirittura sradicati”.

Arrestati 13 ultras della Lazio per gli scontri durante la finale di Coppa ItaliaI fatti risalgono al 15 maggio scorso, in manette anche i responsabili del rogo dell’auto dei vigili

13 novembre 201911:02

La Digos di Roma sta eseguendo 13 ordinanze di misure cautelari nei confronti di appartenenti al gruppo degli ultras laziali “Irriducibili” per gli scontri avvenuti il 15 maggio scorso durante la finale di Coppa Italia.Tra questi ci sono anche i responsabili dell’incendio dell’auto della polizia di Roma Capitale.

Vigili Torino, Bezzon ritira dimissioniSoddisfatta Appendino, contenta abbia deciso di rimanere

TORINO13 novembre 201911:02

– Emiliano Bezzon resta al comando della polizia municipale di Torino. Il comandante ha chiesto alla sindaca Chiara Appendino di respingere le dimissioni, presentate la scorsa settimana in polemica per le multe ai monopattini. “Non me la sento di lasciare il comando”, ha annunciato Bezzon durante la cerimonia per il 228esimo anniversario di fondazione della polizia municipale subalpina.
“La Città ha bisogno di lei, il suo Corpo ha bisogno di lei – è stata la pronta replica della prima cittadina -. Sono contenta che abbia deciso di rimanere. Sarebbe stato ingiusto. Questa vicenda ci deve insegnare qualcosa: quando si sperimenta qualcosa di nuovo può capitare che ci siamo incomprensioni, bisogna creare coordinamento”.
Proprio oggi a Torino prende il via la sperimentazione di monopattini e segway.

Impiccò un cane, condannato a sei mesiPena patteggiata da un 70enne di Bojano

CAMPOBASSO13 novembre 201911:11

– Nel maggio 2017 uccise un cane impiccandolo. Il Tribunale penale di Campobasso, in composizione monocratica, ha condannato un 70enne di Bojano, con il rito del patteggiamento, a sei mesi e sei giorni di reclusione, pena sospesa, e al pagamento delle spese legali per il reato di uccisione di animali. La vicenda era stata denunciata da alcune associazioni, tra cui l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa), le quali, mediante segnalazione di alcuni video, hanno permesso agli inquirenti di raccogliere elementi di prova e formulare l’imputazione a carico dell’uomo. Accertamenti condotti dal Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Forestale dei Carabinieri di Campobasso, su delega della locale Procura, così puntuali e incontrovertibili da indurre l’imputato a presentare istanza di patteggiamento. Nel processo il Giudice ha ammesso la costituzione di parte civile delle associazioni, tra cui l’Oipa, rappresentata e difesa dagli avvocati del foro di Campobasso Massimo Romano e Luca Di Carlo.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Messina Denaro forse in stazione Trapani
Intercettazione nell’inchiesta su tre arresti per droga

PALERMO13 novembre 201911:19

– Il boss latitante Matteo Messina Denaro potrebbe essersi fatto accompagnare nella stazione di Trapani a bordo di una Mercedes da uno dei suoi favoreggiatori.
Il particolare emerge dall’inchiesta della Dda di Palermo che ha portato all’arresto di tre presunti narcotrafficanti. Gli investigatori hanno intercettato l’avvocato Antonio Messina, anziano massone radiato dall’albo per i suoi precedenti, mentre parlava con Giuseppe Fidanzati. Si tratta di uno dei figli del boss dell’Acquasanta, Gaetano Fidanzati, oggi deceduto. I due facevano riferimento ad un “ragazzo” di Castelvetrano, identificato in Francesco Guttadauro, nipote del cuore di Matteo Messina Denaro, che era stato arrestato. In particolare Fidanzati ricordava di un incontro avvenuto alla stazione di Trapani con “Iddu” (lui ndr) che si era fatto accompagnare a bordo di una Mercedes da un certo “Mimmu”. Non è chiaro se “Iddu” sia riferito a Guttadauro o, come invece sospettano gli investigatori, al superlatitante Messina Denaro.

Droga:arrestato con reddito cittadinanzaE’ uno dei tre in cella nell’inchiesta attorno a Messina Denaro

PALERMO13 novembre 201911:19

– Nicolò Mistretta, 64 anni, di Campobello di Mazara, arrestato nell’operazione Eden 3 e accusato di traffico di droga nell’ambito dell’inchiesta che ruota attorno al boss Matteo Messina Denaro, percepiva dallo scorso aprile il reddito di cittadinanza. Il sussidio era di 500 euro al mese. L’uomo non aveva un’occupazione ufficiale. Le vecchie sentenze di condanna del 1998 e del 2001 non precludono la concessione del reddito. Adesso i finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria stanno indagando anche su quest’aspetto e verificare se alla luce della sua condizione patrimoniale avrebbe potuto fare richiesta del sussidio.

Picchia la fidanzata incintaArrestato a Bologna dalla Polizia, avvisata da una passante

BOLOGNA13 novembre 201911:29

Ha colpito con calci e pugni, anche sulla pancia, la fidanzata al terzo mese di gravidanza. Per l’aggressione, avvenuta ieri sera in via Quadri a Bologna, la Polizia ha arrestato un ventenne nato in Tunisia, irregolare, accusato di maltrattamenti in famiglia. La ragazza, una 22enne di origine marocchina residente a Bologna, è stata portata all’ospedale Sant’Orsola. A dare l’allarme al 118, che ha poi avvisato la Polizia, è stata una passante che ha visto la giovane a terra, in lacrime e ferita.
Dai primi accertamenti, le percosse non avrebbero causato danni al feto, a differenza di quanto era successo un paio di anni fa.
All’inizio della relazione, secondo il racconto della vittima ai poliziotti, la ragazza era stata costretta ad abortire per le botte ricevute dal compagno.

Venezia: Alajmo ‘Caffè Quadri devastato”Siamo senza corrente, con eventi così capisci impotenza uomo”

VENEZIA13 novembre 201911:29

– Il Gran Caffè Quadri, l’anima veneziana della tristellata famiglia Alajmo delle Calandre di Rubano, è stamane un guscio vuoto affacciato sul silenzio surreale di Piazza San Marco. L’ondata di marea ha invaso le cucine del retro, nonostante la vasca che avrebbe dovuto proteggere dall’acqua, con danni ingentissimi, mentre i locali di piano terra del ristorante firmato da Philippe Starck, affacciati sulla Piazza, sono stati sommersi da 102 centimetri d’acqua. Lo racconta Raffaele Alajmo, spiegando che la traccia dei 187 centimetri che hanno affondato Venezia ieri notte è ancora presente sugli arredi in ottone e sugli stucchi recentemente restaurati e ora danneggiati. “Quando arrivano 50-60 centimetri possiamo farcela – spiega Alajmo – ma con una marea così, con un’onda che sbatteva impazzita contro le nostre vetrine, non c’è stato nulla da fare. Le cucine sono fuori uso, siamo al momento senza corrente”.

Cuoco trovato morto, è omicidioAutopsia conferma delitto avvenuto per asfissia

RAGUSA13 novembre 201911:48

– I carabinieri di Modica, dopo l’autopsia eseguita ieri sul cadavere del cuoco Giuseppe Lucifora, di 58 anni, ritrovato morto nella sua abitazione di Modica, hanno confermato che si tratta di un omicidio. “Il decesso è avvenuto per asfissia indotta da azione violenta altrui”, scrivono i militari. A questo punto la pista privilegiata è quella degli ambienti vicini al cuoco, personaggio noto in città, molto eclettico e istrionico. Non è esclusa la pista del delitto a sfondo sessuale.

Truffe assicurative, arrestato un medicoIndagine Gdf su ospedale Reggio Calabria,c’è anche un paramedico

REGGIO CALABRIA13 novembre 201912:07

– Avrebbero orchestrato delle truffe assicurative incassando rimborsi. Quattro persone, tra cui un medico e un paramedico dell’ospedale di Reggio Calabria, sono stati arrestati e posti ai domiciliari dalla Guardia di finanza. Gli arrestati, B.V., di 54 anni, C.F. (49), F.B. (53) e G.N. (60), sono accusati di falsità in atti pubblici, accesso abusivo a sistemi informatici, violenza privata, danneggiamento fraudolento di beni assicurati e mutilazione fraudolenta della propria persona.

Molesta turista a Milano, arrestatoRagazza reagisce e l’uomo con un pugno le rompe il sotto nasale

MILANO13 novembre 201912:10

– Un 37enne, inserviente di un McDonald’s di Milano, è stato arrestato dalla polizia per violenza sessuale nei confronti di una turista russa di 26 anni, secondo l’accusa molestata la notte tra il 3 e il 4 novembre scorsi all’interno del fast food in via Paolo Sarpi dopo essere entrata per chiedere aiuto per la connessione wi-fi. La ragazza era in visita in città, aveva preso alloggio in un appartamento in zona e aveva bisogno di Internet per mettersi in contatto col proprietario. Così, attorno alle 2 è passata davanti al McDonald’s dove ha incrociato l’inserviente, un egiziano, al quale ha chiesto a gesti di poter usare la rete. L’uomo l’ha fatta entrare dal retro e le ha offerto cibo, subito dopo ha tentato un approccio sessuale. La giovane ha reagito e nella colluttazione è stata colpita con un pugno al volto che le ha rotto il setto nasale.

Ai domiciliari l’ex sindaco di VenosaStessa misura cautelare anche per due ex assessori

POTENZA13 novembre 201912:11

– L’ex sindaco e due ex assessori del Comune di Venosa (Potenza) – Tommaso Gammone (Pd), Rosa Centrone e Francesco Rosati, che hanno amministrato fino al maggio scorso – sono stati posti agli arresti domiciliari stamani dai Carabinieri, misura che ha interessato altre quattro persone (il gip di Potenza ha deciso il divieto di dimora per altre otto persone), dopo la scoperta di un “consolidato sistema di corruzione”. I particolari dell’operazione sono stati illustrati in una conferenza stampa negli uffici della Procura della Repubblica del capoluogo lucano.

Omicidio-suicidio,grave pure altra donnaAutore delitto 69enne, che si è tolto la vita.Ferita vicina casa

CERIGNOLA (FOGGIA)13 novembre 201912:36

– Omicidio-suicidio poco fa nelle campagne di Cerignola, nel Foggiano, in località Posta Aucello. Un uomo di 69 anni avrebbe ucciso una donna rumena e poi si sarebbe tolto la vita con una pistola. Un’altra donna, pare vicina dei casa dei due, sarebbe rimasta ferita: è stata portata d’urgenza all’ospedale Tatarella di Cerignola. Le sue condizioni sarebbero critiche. Sul posto i carabinieri.

Troupe aggredita da Spada,Pg, modi mafiaConfermare condanna a sei anni

13 novembre 201912:46

– E’ da confermare la condanna a sei anni di reclusione per Roberto Spada, accusato di lesioni aggravate dal metodo mafioso, per aver aggredito, nel 2017, una troupe della trasmissione Nemo ad Ostia (il giornalista Daniele Piervincenzi venne colpito con una testata). Lo ha chiesto il Pg della Cassazione Pasquale Fimiani rilevando che si è trattato di metodo mafioso con gli “indicatori” della intimidazione, tanto che nessuno dei presenti è intervenuto in soccorso delle vittime.

Prof trans licenziata, farò causa scuolaSu Change.org petizione raggiunge 13 mila firme. “Aiutatemi”

13 novembre 201913:02

– “Insegnare è stata la mia più grande passione sin da quando ero piccola: questo sogno è stato spezzato qualche settimana fa, quando sono stata licenziata per discriminazione dalla scuola Kennedy di Roma”, dice Giovanna Vivinetto, insegnante transessuale licenziata lo scorso 14 ottobre dall’Istituto Kennedy di Roma dopo soli 9 giorni di lezioni in un video pubblicato su Facebook da Change.org.
“Ma io – annuncia – non intendo rinunciare al mio sogno: qualche giorno fa ho mandato alla scuola Kennedy una raccomandata in cui contesto le ragioni del mio licenziamento, che ritengo assolutamente improprio ed illegale. E’ il primo passo per fare causa alla scuola” e aggiunge “lotto per tutti coloro che non hanno la forza e il coraggio per esporsi. La transessualità è ancora oggi un tabù, ma insieme possiamo dimostrare che un docente transessuale può, anzi deve essere la normalità. Mi auguro che possiate unirvi a me”. Fino ad ora la sua petizione su Change.org ha superato le 13mila firme.

Allerta per vento su montagna emilianaSui settori appenninici, in arrivo anche altre piogge intense

BOLOGNA13 novembre 201913:03

– Allerta arancione per vento sulle montagne dell’Emilia, attivata da protezione civile e Arpae regionale, dalle 12 del 13 novembre alla mezzanotte del 15.
Nella giornata di domani, 14 novembre, si prevede un intenso flusso di correnti sud occidentali sulla regione, con precipitazioni intense ad iniziare dalla tarda serata sulla fascia appenninica del settore centro-occidentale. Le precipitazioni sono previste persistenti e assumeranno carattere di rovescio o temporale. Dalla tarda sera si intensificherà anche il vento da sud-ovest sui settori appenninici con intensità intorno ai 62-74 km/h e temporaneamente superiore sui crinali centro-occidentali.

Maltempo: Matera tornata alla normalitàGravi problemi all’agricoltura del Metapontino

MATERA13 novembre 201913:14

– Dopo il nubifragio di ieri mattina, con i rioni Sassi trasformati in un fiume in piena, oggi la città di Matera (Capitale europea della Cultura 2019) è tornata alla normalità. I tecnici comunali sono al lavoro per quantificare i danni, che riguardano in particolare la pavimentazione in basolato di via Bruno Buozzi, chiusa solo alle automobili ma non ai pedoni. In Basilicata si contano i danni anche nel Metapontino, dove una tromba d’aria, ieri, ha creato gravi problemi all’agricoltura soprattutto a Policoro (Matera).

Condannata per omicidio è semiliberaCatia Caliti, era in carcere dal 2010, accolta istanza difesa

BOLOGNA13 novembre 201913:31

– Il tribunale di Sorveglianza di Bologna ha concesso la semilibertà a Catia Caliti, condannata in via definitiva a 16 anni per l’omicidio del padre. La donna, 57 anni, era in carcere dal 22 febbraio 2010, quando fu arrestata per aver ucciso il genitore 88enne, a Carpi, in provincia di Modena. Dal 2014 era stata trasferita a Bologna. I giudici hanno accolto l’istanza del difensore, l’avvocato Savino Lupo. Caliti era già stata ammessa al lavoro esterno. Nel 2010 fu bloccata una decina di giorni dopo l’omicidio, incastrata dalle macchie di sangue del padre Guido, trovate su una sua giacca. Secondo gli inquirenti, la donna colpì ripetutamente alla testa il pensionato con un oggetto, che però non è mai stato ritrovato. Il movente individuato fu economico, legato al denaro che la donna aveva sottratto dal conto in banca del padre, approfittando della delega che le era stata data dal genitore.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ergastolano Milano, gip, pianificò tutto
Giudice, ‘con freddezza si cimenta nei crimini e li ostenta’

MILANO13 novembre 201913:40

– Ha approfittato con “freddezza” del permesso premio che gli è stato concesso, ha “ordito l’aggressione”, mascherandosi da operatore del San Raffaele e sapendo che al piano ‘meno 1′ non c’erano telecamere e alla fine, se non fosse stato bloccato dalla polizia, non sarebbe tornato in carcere. E’ questo Antonio Cianci, l’ergastolano 60enne che sabato ha tentato di uccidere un anziano, come scrive il gip Ilaria De Magistris: ha “bisogno” di “cimentarsi” nei crimini e di mostrare, “ostentare” la sua “dominanza criminale”.

Pedofilia, Alta Corte australiana ammette appello del cardinale PellSanta Sede: fiducia nei giudici e vicinanza alle vittime degli abusi

13 novembre 201913:55

Si riapre la battaglia legale sui presunti abusi sessuali su minori contestati al cardinale australiano George Pell, condannato nel suo Paese a sei anni di carcere per pedofilia, con un minimo di tre anni e otto mesi da scontare in carcere, dove attualmente si trova. L’Alta Corte di Australia ha infatti ammesso l’appello del porporato, oggi 78enne, che risponde di abusi sessuali ai danni di due coristi-chierichetti nella cattedrale di Melbourne nel 1996, ma che si è sempre dichiarato innocente. Dopo il ricorso presentato dai legali di Pell, in seguito alla conferma della condanna, lo scorso agosto, da parte della Corte d’Appello di tre giudici dello Stato di Victoria con un voto di due a uno, l’Alta Corte, massima giurisdizione in Australia, ha annunciato di aver deciso di ammettere un ultimo appello, in seduta plenaria di sette giudici.La Santa Sede conferma “la propria fiducia nella giustizia australiana”, ricorda che “il cardinale ha sempre affermato la propria innocenza” e ribadisce “la propria vicinanza a quanti hanno sofferto a causa degli abusi da parte dei membri del clero”.

Rogo libreria, la solidarietà di BolognaLunedì 18 iniziative, letture e dibattiti per ‘Pecora elettrica’

BOLOGNA13 novembre 201914:10

– Undici librerie di Bologna e provincia organizzano ‘Bologna elettrica’ una giornata, per lunedì 18 novembre, di solidarietà e riflessione dopo il rogo della libreria ‘Pecora elettrica’ di Roma, con incontri, dibattiti e letture.
“Mettiamoci insieme – dicono i promotori – senza smettere mai di credere che la cultura sia la soluzione, che le librerie sono e devono essere presidio di questa battaglia. Che le piazze, le città, i paesi, le vie abitate dalle librerie sono luoghi dove nessuno è mai solo e dove tutti sono accolti. Contro i nuovi fascisti, i vecchi razzisti, i perenni criminali vogliamo promuovere una giornata di solidarietà agli amici e lavoratori della libreria La Pecora Elettrica”.
Partecipano le librerie Trame, Ubik Irnerio, La Confraternita dell’Uva (Bologna), Carta Bianca e Arcobaleno, (Bazzano), Biblion (Granarolo dell’Emilia), Lèggere Leggére (Castelmaggiore) Il Mosaico (Imola), SQuiLibrai (San Lazzaro di Savena), Kodama (Budrio) e La Casina delle Storie (Castiglione dei Pepoli).

La neve coglie di sorpresa anche i lamaPieno inverno al maso Kaser a Soprabolzano

OLZANO13 novembre 201914:31

– Originari del Sud America, i lama allevati in provincia di Bolzano non sono nuovi alle temperature invernali. Ma la neve delle ultime ore ha sorpreso anche le decine di esemplari allevati a poca distanza dal capoluogo altoatesino. Pieno inverno al maso Kaser a Soprabolzano, dove Walter Mair gestisce un allevamento con circa 200 lama e alpaca.

Conte, a Venezia situazione drammaticaPremier a Camerino, non mi tratterrò sto andando a Venezia

CAMERINO (MACERATA)13 novembre 201914:48

– “Non mi tratterrò, sto viaggiano per Venezia dove c’è una situazione drammatica, una situazione maltempo che ci preoccupa e fa soffrire le comunità”.
Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte intervenendo all’apertura del 684/o anno accademico dell’Università di Camerino.

Unicam dedica inaugurazione a SegreRettore, ammirazione, vicinanza, solidarietà. Conte a cerimonia

ANCONA13 novembre 201914:29

– L’Università di Camerino dedica l’inaugurazione del suo 684/o anno accademico alla senatrice a vita Liliana Segre, “esprimendole la propria ammirazione, vicinanza e solidarietà”. Lo ha detto il rettore Claudio Pettinari, nel suo intervento alla cerimonia a cui partecipa anche il premier Giuseppe Conte. L’annuncio di Pettinari è stato accolto da un lunghissimo applauso. “Rifiutiamo la violenza di ogni genere – ha aggiunto il rettore – e le chiediamo 75.190 volte scusa per quello che ha dovuto subire, e che purtroppo continua a subire”. Nel suo intervento Pettinari ha definito “un’opportunità” quella di avere tra i senatori a vita “una straordinaria immensa donna, sopravvissuta testimone di uno tra i più efferati crimini commessi dall’umanità contro l’umanità”.

Mibact, situazione Venezia “complessa e preoccupante”Segretario generale Nastasi, allerta anche a Matera

13 novembre 201913:18

– “Impossibile al momento quantificare i danni al patrimonio artistico di Venezia e in particolare a San Marco, ma la situazione è estremamente complessa e preoccupante”. Lo conferma il segretario generale Mibact Salvo Nastasi che ricorda di aver attivato l’unità di crisi. “Il Ministro Franceschini segue da ieri la situazione passo passo, i soprintendenti sono al lavoro e hanno messo a disposizione tutti i loro restauratori. In attesa delle valutazione stiamo verificando ogni capitolo di spesa del Mibact per fare il punto sui fondi da destinare al patrimonio artistico veneziano”. Nastasi parla da Matera dove oggi si sta inaugurando la nuova stazione ferroviaria progettata da Stefano Boeri.
“Anche qui – spiega- c’è una situazione di allarme che tocca i beni culturali , in particolare i templi ipogei. E anche qui i nostri soprintendenti e tutti i tecnici sono al lavoro per verificare e poi eventualmente quantificare i danni”. Quanto a Venezia, precisa, la situazione è preoccupante, “non solo per il livello raggiunto dall’acqua alta, che al momento è di soli 7 centimetri inferiore a quello raggiunto nell’alluvione del 1966, ma per la quantità di ore in cui i beni artistici, dai preziosissimi pavimenti in marmo della Basilica di San Marco ai rivestimenti lignei, sono rimasti sommersi”. A differenza dell’ultimo allarme di un anno fa, precisa, “L’acqua ha invaso tutta la Basilica e non solo la prima parte”.
Per di più, sottolinea il segretario generale del Mibact, “il maltempo purtroppo è ancora in corso. A Venezia, perché si possa fare una quantificazione reale dei danni al patrimonio bisogna aspettare che l’acqua scenda”.
L’attenzione, intanto, è alta per tutto il territorio italiano: “Ho chiesto ai nostri soprintendenti di tutto il territorio italiano di farci un quadro delle loro situazioni.- conclude Nastasi – Al momento comunque non sono state segnalati altri siti in allarme”.

Venezia:Costa,su clima scelte coraggioseMinistro dell’Ambiente esprime ‘dolore e solidarietà’

13 novembre 201913:17

– Occorrono “scelte di politica economica coraggiosa che questo Governo sta già mettendo in campo con il decreto clima”. Così il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, in merito all’emergenza acqua alta a Venezia esprimendo “dolore per la morte di due persone a Pellestrina” vicinanza al sindaco Brugnaro e al Comune di Venezia, “solidarietà ai veneziani che stanno subendo danni ingenti e forti disagi, e la mia preoccupazione per lo straordinario patrimonio culturale della città”.
Quando si capirà che l’unica grande sfida che tutti insieme dobbiamo affrontare è quella contro i cambiamenti climatici? Quando si riuscirà a fare fronte comune per combattere l’unica grande emergenza che mette in pericolo le nostre vite e quelle delle generazioni future?”, chiede il ministro Costa. E aggiunge: “Dopo Matera, patrimonio mondiale dell’Unesco sommersa dall’acqua, un altro sito Unesco, Venezia e la sua laguna, ne è devastata. Già nel prossimo Cdm valuteremo gli interventi necessari e urgenti.

Venezia:Di Maio, al lavoro per moratoriaVeneti saranno supportati con ogni mezzo

13 novembre 201913:11

– “Venezia è sommersa come mai prima d’ora. Qui è a rischio la vita delle persone – e due purtroppo sono già morte – sono a rischio beni culturali dal valore inestimabile. Gli imprenditori e le associazioni che fanno grande questa regione ci chiedono che si blocchino mutui e contributi. A questa richiesta dobbiamo rispondere subito. Ci metteremo al lavoro immediatamente per una moratoria verso imprese, artigiani, commercianti, famiglie. Venezia e i veneti vanno supportati con ogni mezzo”. Così Luigi Di Maio su facebook.

Mattarella sente sindaci Venezia-MateraCapo Dello Stato chiede informazioni su condizioni delle città

13 novembre 201912:49

– Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha telefonato al sindaco di Venezia Luigi Brugnaro per informarsi delle condizioni della città. Il Capo dello Stato ha chiamato anche il sindaco di Matera Raffaello De Ruggieri per capire la situazione della città.

Pg, condannare a oltre 6 anni ScaroniAnche Eni, confermare il resto delle pene

MILANO13 novembre 201912:11

– Il sostituto Pg di Milano Massimo Gaballo ha chiesto una condanna in appello a 6 anni e 4 mesi per Paolo Scaroni, ex ad di Eni e ora presidente del Milan, che era stato assolto in primo grado nel processo con al centro il caso Saipem-Algeria per presunta corruzione internazionale. Chiesta anche la condanna di Eni (assolta in primo grado) come persona giuridica ad una sanzione pecuniaria di 900mila euro e alla confisca del prezzo del reato, circa 197 milioni di dollari. Per il pg vanno confermate le 7 condanne del primo grado.

Primi indizi ossigeno in atmosfera Marte’Annusato’ dal laboratorio Nasa Curiosity sopra il cratere Gale

13 novembre 201912:01

– La Nasa ha individuato per la prima volta indizi della presenza di ossigeno su Marte nella sua tenue atmosfera. La scoperta è stata fatta al di sopra del cratere Gale dal laboratorio marziano Curiosity, attivo dall’agosto 2012. Gli strumenti di Curiosity hanno misurato negli ultimi tre anni marziani, pari a circa sei anni terrestri, i cambiamenti stagionali dei gas nel cielo sopra il cratere Gale. E hanno, così, ‘annusato’, a sorpresa, variazioni stagionali di molecole di ossigeno, considerato sulla Terra sinonimo di vita.

Conte a Venezia nel primo pomeriggioPremier andrà a vedere situazione emergenza

13 novembre 201912:01

– Il presidente del Consiglio si recherà a Venezia, che è in emergenza per l’acqua alta, nel primo pomeriggio, dopo aver inaugurato l’anno accademico a Camerino. Lo si apprende da fonti di Palazzo Chigi.

Venezia: Salvini, 1 miliardo a emergenzaUsare 1 dei 3 mld che governo vuole regalare a utenti bancomat

13 novembre 201910:49

– “Un patrimonio dell’umanità che il governo non può ignorare: per i danni provocati dal maltempo a Venezia si utilizzi subito uno dei tre miliardi che il governo vorrebbe regalare a chi paga con bancomat o carta di credito” Così il segretario della Lega Matteo Salvini annuncia un altro emendamento alla manovra insieme alla proposta di stanziare 100 milioni per la manutenzione del Mose.

Venezia: emergenza in cdmSottosegretari, la situazione più grave dal ’66

13 novembre 201910:39

– “La situazione di emergenza che si è creata a Venezia in queste ore, la più grave dal 1966, è seguita direttamente dal Governo, che la affronterà nel prossimo Cdm, per valutare gli interventi necessari e urgenti che tutelino la città, la sua laguna e le Comunità che vi vivono”. Così i sottosegretari veneziani, Pier Paolo Baretta e Andrea Martella, che stanno seguendo per il Governo l’evolversi della situazione emergenziale nella laguna veneta.

Uil, senza contratto sciopero della p.a.Barbagallo, su rinnovo siamo già in ritardo

13 novembre 201915:02

– “Senza risposte incroceremo le braccia”. Così il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, parlando di pubblico impiego, nel corso dell’attivo dei quadri e delegati del sindacato. Sul rinnovo del contratto, spiega, “siamo già in ritardo”. Per Barbagallo “non può passare un altro anno inutilmente”. Soprattutto, dice, “servono risorse adeguate”. La Uil, sottolinea il segretario confederale Antonio Foccillo, “è pronta anche allo sciopero generale del settore pubblico se non si ridà dignità al personale”.

Annunci
Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 2 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 23:25 DI MARTEDì 12 NOVEMBRE 2019

ALLE 07:06 DIMERCOLEDì 13 NOVEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Venezia, anziano fulminato a Pellestrina
Corto circuito innescato dalla marea che gli era entrata in casa 12 Novembre 2019 23:25

– Un anziano di 78 anni è morto fulminato nell’isola di Pellestrina, una delle lingue di terra che dividono Venezia dal mare.
L’episodio è avvenuto mentre sulla laguna si è scaricata la tempesta di vento e pioggia che ha causato l’acqua alta eccezionale nella città lagunare.
A provocare la morte dell’anziano, secondo le prime informazioni, un corto circuito elettrico innescato dalla marea che gli era entrata in casa. I Carabinieri si trovano sul posto, per svolgere accertamenti sull’esatta dinamica dell’incidente.

Venezia, danni a Basilica di San MarcoMarea sommerge edificio per 110 cm, allagata la cripta

VENEZIA13 novembre 201901:17

– Potrebbero essere gravi i danni provocati dall’acqua alta eccezionale alla Basilica di San Marco, gioiello di Venezia.
Dal comando della Polizia municipale si apprende che tutta la cripta è stata sommersa e dentro la basilica, nel momento di picco di marea (187 cm), si misurava dalla pavimentazione quasi un metro e 10 di acqua.

Droga: 41 kg marijuana in congelatoreSequestrata da Gdf Catania, vale oltre 1 mln. Corriere arrestato

CATANIA13 novembre 201906:23

– Un carico di 41 chilogrammi di marijuana del tipo ‘skunk’ che si coltiva in Olanda, per un valore di oltre un milione di euro, è stato sequestrato da militari della Guardia di finanza del Gico di Catania in collaborazione con i Baschi verdi.
La droga era nascosta in un congelatore, appena acquistato in un negozio di elettrodomestici, trasportato su un piccolo furgone guidato da Agatino Bonaccorsi, 62 anni, ritenuto il ‘corriere’, che è stato arrestato. L’uomo era in possesso di una patente di guida falsificata, intestata a una persona realmente esistente, e questo ha fatto scattare i controlli, all’intero di un’area di servizio, che hanno portato al sequestro della droga e all’arresto dell’uomo.
Bonaccorsi è indicato dalle Fiamme gialle come appartenente al clan Pulivirenti: nel maggio 2004, infatti, sottolinea la Gdf, era tra i 19 destinatari di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere assieme ai boss Aldo Ercolano, Antonino e Salvatore Pulvirenti e Francesco Stimoli. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Droga: 3 arresti,legati a Messina Denaro
Traffico internazionale stupefacenti, operazione Ros e Gdf

PALERMO13 novembre 201906:39

– Tre persone sono state arrestate nell’ambito di un’inchiesta della Procura distrettuale di Palermo su una associazione finalizzata al traffico internazionale di sostanze stupefacenti che ha operato sotto l’egida di Cosa nostra siciliana e all’ombra del latitante Matteo Messina Denaro.
L’ordinanza di custodia cautelare in carcere emesso dal Gip è stata eseguita da carabinieri del Ros e del comando provinciale di Trapani e da militari del Gico del nucleo di Polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Palermo. Sono in corso in tutto il territorio nazionale decine di perquisizioni, che vedono impiegati oltre 100 militari dell’Arma e delle Fiamme gialle, supportati da unità cinofile, e riguardano abitazioni e luoghi nella disponibilità degli indagati.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 10 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 13:30 ALLE 23:25 DI MARTEDì 12 NOVEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Al via master su spiritualità nelle cure
Dedicato a religiosi e laici, con patrocinio della Cei

12 novembre 2019 13:30

– Un master universitario dedicato a cappellani ospedalieri, religiose, ma anche a laici e volontari, che operano negli ospedali e nel mondo della sanità per meglio affiancare e assistere i malati. Si chiama ‘La spiritualità nella cura’, è promosso dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose e dalla Facoltà teologica con il patrocinio della Cei. “Credo che sia necessario un dialogo sempre maggiore con la Curia e con le diverse comunità religiose del territorio sul tema dell’accompagnamento del malato – ha detto il presidente della regione Attilio Fontana -. La malattia non deve essere affrontata solo dall’aspetto scientifico e medico, ma anche con la spiritualità che diventa sempre più importante, perché è cambiata la nostra società e anche i tempi delle malattie, ad esempio con le malattie croniche che costringono tante persone a convivere con la malattia per tanti anni.

Sospesi collegamento in golfo NapoliFermi i mezzi veloci, navigano a singhiozzo navi traghetto

NAPOLI12 novembre 201914:39

– Il forte scirocco che spira in queste ore nel Tirreno Meridionale sta provocando la sospensione di numerose corse di aliscafi e navi per Ischia e Procida, in provincia di Napoli; da metà mattinata infatti i mezzi veloci per le due isole sono rimasti fermi nei porti mentre navigano a singhiozzo le navi.
Il vento da sud est, che soffia a quasi 30 nodi di velocità (e che si prevede in aumento per le prossime ore), rende problematici anche i collegamenti marittimi effettuati con navi traghetto; le compagnie di navigazione confermano le corse fino a metà pomeriggio mentre resta in sospeso l’effettuazione delle ultime della serata, per entrambe le isole.

Maltempo, stop collegamenti per TremitiFerma in porto motonave merci e passeggeri ‘Isola di Capraia’

TERMOLI (CAMPOBASSO)12 novembre 201914:44

– Interrotti i collegamenti via mare tra il porto di Termoli e le Isole Tremiti (Foggia) a causa del maltempo. La motonave merci e passeggeri “Isola di Capraia” oggi non ha effettuato il viaggio verso le Diomedee rimanendo in porto dove sono stati rinforzati gli ormeggi. La Capitaneria ha emesso un avviso di burrasca, inviato a tutti gli operatori marittimi e portuali, valido fino alla serata che prevede mare mosso e vento di sud-est forza 8.

76 incidenti su 100 sulle strade urbaneAci, più pericolose tratto urbano A24 e raccordo Reggio Calabria

12 novembre 201915:18

– Settantasei incidenti su 100 avvengono nei centri abitati, 6 in autostrada e 18 su strade extraurbane; nel 2018 in autostrada è stabile il numero di incidenti, sulle strade extraurbane aumentano gli incidenti ma rimane sostanzialmente stabile il numero di morti (+4% e -0,7%), nei centri abitati diminuiscono sia incidenti che morti (-2,7% e -4,2%), soprattutto nei piccoli centri attraversati da strade extraurbane. Sono i dati che emergono da “Localizzazione degli incidenti stradali 2018” realizzato dall’Aci, che analizza i 37.228 incidenti (1.166 mortali), 1.344 decessi e 59.853 feriti, avvenuti su circa 55.000 chilometri di strade della rete viaria principale italiana. Le autostrade urbane risultano quelle con la maggiore densità di incidenti. La Penetrazione urbana della A24, il Raccordo di Reggio Calabria e la Tangenziale Nord di Milano sono le strade sulle quali si verificano più incidenti.
Tra le strade con un numero elevato di investimenti: Aurelia, Adriatica, Casilina.

Segre, a Genova cittadinanza onorariaVerso commissione su intolleranza, razzismo, antisemitismo, odio

GENOVA12 novembre 201916:26

– Il consiglio comunale di Genova ha votato per l’istituzione di una commissione contro odio e intolleranza come quella creata al Senato su proposta dalla senatrice a vita Liliana Segre. Con l’ordine del giorno approvato all’unanimità e accolto da un applauso, si pongono le basi per il conferimento a Segre della cittadinanza onoraria della città di Genova. Dopo una lunga discussione ieri in commissione, maggioranza e opposizione hanno trovato l’accordo sul documento, presentato stamani in capigruppo dal centrodestra, accettato anche dalla minoranza e che ricalca quello della scorsa settimana del consiglio regionale. Il testo esprime solidarietà alla senatrice per gli attacchi, le riconosce “un ruolo fondamentale di preservazione della memoria e il ruolo civico attivo” e impegna il consiglio “a istituire una commissione speciale per il contrasto dei fenomeni di intolleranza e razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza al fine di studiare il proliferare di tali fenomeni nella nostra città”.

Traghetto per Albania fermato a BariProblemi sicurezza e antincendio, a terra 1.730 passeggeri

BARI12 novembre 201916:32

– La Guardia Costiera di Bari ha fermato in porto, emanando un provvedimento, il traghetto passeggeri Aurelia, ex Tirrenia battente oggi bandiera cipriota, con la compagnia Msc Shipmanagement Ltd che aveva informato le autorità di volerlo usare per il servizio Bari-Durazzo verso l’Albania.
Le ispezioni a bordo di ieri – in vista della partenza oggi da Bari con 1.730 passeggeri, rimasti a terra – hanno evidenziato gravi carenze nella sala macchine della nave, riguardanti in particolare le dotazioni antincendio e una non adeguata preparazione dell’equipaggio nella gestione delle emergenze. La Guardia costiera evidenzia così il mancato rispetto della normativa internazionale in materia di sicurezza della navigazione. L’Aurelia potrà salpare solo quando saranno ripristinati gli standard minimi necessari a ricevere il nulla osta alla partenza da parte dell’Autorità Marittima.

Ritrovate monete rubate museo AretinoNascoste sottoterra, denunciati due giovani

CASTIGLION FIORENTINO (AREZZO)12 novembre 201916:53

– Ritrovate le monete e le medaglie antiche, per un totale di 61 pezzi, rubate al museo di Castiglion Fiorentino (Arezzo) il 9 novembre scorso: erano state nascoste sottoterra, in un campo vicino alla chiesa dei Cappuccini sempre a Castiglion Fiorentino. Due i denunciati per il furto, un 19enne e un 23enne, già conosciuti per reati legati agli stupefacenti, individuati dopo indagini di polizia municipale e carabinieri che hanno recuperato il bottino. Uno dei giovani aveva lavorato anni fa al museo dove è avvenuto il furto.
I ladri erano entrati nel museo riuscendo, nonostante l’entrata in funzione del sistema di allarme, a portare via prima di fuggire circa trenta medaglie papali e altrettante monete di una collezione, di ingente valore, donata anni fa da un cittadino di Castiglion Fiorentino.

Maltempo: albero si abbatte su busTragedia sfiorata nel Napoletano,autista in ospedale per lo choc

NAPOLI12 novembre 201916:54

– Tragedia sfiorata poco fa nello stazionamento dei bus CTP di via Fasano, a Pozzuoli (Napoli), dove il forte vento ha abbattuto un albero che è rovinato su un bus fermo. Tanta paura per l’autista che è stato portato in ospedale per essere sottoposto ai controlli dei sanitari.
Secondo quanto rende noto Adolfo Vallini, dell’Usb, al momento dell’incidente l’autista era seduto al posto guida. Sul mezzo, invece, c’erano quattro passeggeri in attesa della partenza. Sul posto è intervenuto il 118 che, successivamente, ha trasportato l’autista in ospedale. Intervenuti anche i vigili del fuoco e la polizia municipale. VAI ALLE PREVISIONI METEO INTERATTIVE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Frode ‘carosello’ da 200 mln, 17 arresti
Inchiesta Gdf Prato, Iva evasa e omessi tributi per 60 milioni

PRATO12 novembre 201918:05

– “Secondo quanto ricostruito abbiamo verificato circa 40 milioni di euro di Iva evasa e omessi tributi di imposta per 20 milioni di euro”, per un volume d’affari fittizi ricostruito di circa 200 milioni di euro: “Ma dagli accertamenti che stiamo continuando a fare si vedrà salire di molto questa cifra”. E’ quanto spiegato dal procuratore di Prato Giuseppe Nicolosi e dal colonnello Massimo Ricciardello, comandante della guardia di finanza pratese in merito a un’inchiesta su una presunto sodalizio illecito operante a Prato, Livorno, Pistoia ed in altre località, dedito da circa sei anni a reiterate ‘frodi carosello’ nel settore del commercio di materie plastiche.
L’operazione ha portato oggi all’esecuzione di 17 misure di custodia cautelare, una in carcere, il resto ai domiciliari, tra Prato, Livorno, Pistoia, Milano e Alessandria, e a 57 perquisizioni eseguite da 160 finanzieri che hanno provveduto anche al sequestro preventivo di beni per oltre 26 milioni di euro. In totale sono 39 gli indagati.

Mollicone, domani udienza preliminareDomani udienza preliminare anche per moglie-figlio ex comandante

ROMA12 novembre 201919:51

– A 18 anni dalla morte di Serena Mollicone, la studentessa di Arce scomparsa e poi trovata morta in un boschetto, forse si riuscirà domani a fare un piccolo passo verso una verità da tempo attesa. Il padre Guglielmo si dice fiducioso e sereno. “Credo nel lavoro svolto in questi anni dalla magistratura inquirente e credo nella giustizia”, dice l’uomo alla vigilia dell’udienza preliminare che dovrà decidere la sorte processuale del maresciallo Franco Mottola, ex comandante della stazione dei carabinieri di Arce, della moglie Anna Maria, del figlio Marco, del maresciallo Vincenzo Quatrale e dell’appuntato Francesco Suprano. Mottola, i suoi familiari e Quatrale sono accusati di concorso in omicidio. Per Quatrale inoltre si ipotizza anche l’istigazione al suicidio del brigadiere Santino Tuzi, mentre l’appuntato Francesco Suprano deve rispondere di favoreggiamento.

Le vietano salire in bus con passeggino, aggredisce l’autistaLui si riserva di denunciarla per interruzione di pubblico servizio

VICENZA12 novembre 201919:17

L’autista di un autobus di linea a Vicenza è stato aggredito da una donna di 30 anni alla quale aveva vietato di salire a bordo perchè aveva il figlio di 18 mesi nel passeggino. Rifiuto motivato con il fatto che sul mezzo era già presente una persona con un passeggino e per ragioni assicurative non sarebbe stato possibile accoglierne a bordo un secondo. La donna è andata in escandescenze, e nel parapiglia avrebbe graffiato al volto il dipendente della Stv. Il fatto è avvenuto su un autobus della linea 5. L’uomo ha chiesto l’intervento dei carabinieri che, giunti sul posto, hanno cercato di riappacificare gli animi, consentendo al mezzo di riprendere la corsa. L’autista si è riservato di denunciare l’accaduto. Ulteriori approfondimenti sono in corso per verificare se nel comportamento della giovane mamma possa essere ravvisata l’eventuale interruzione di pubblico servizio.

Ucciso martellate, il figlio confessaA scoprire il cadavere la figlia dell’uomo,era nella sua azienda

12 novembre 201920:01

– ROMA

– Ucciso a martellate nella sua azienda dal figlio che poi ha confessato. La vittima, un uomo di 76 anni, è stato trovato per terra in un lago di sangue. A scoprire il delitto la figlia che non sentiva il padre dalla mattina. Il figlio, un 38enne con precedenti, ha poi confessato. Indaga la polizia.

Anziano morto nel Barese colpito da ramoIl forte vento ha spezzato un albero del suo giardino

BARI12 novembre 201920:03

– Un anziano di 80 anni, Pasquale Cutecchia, è morto mentre era a piedi vicino al cancello di casa in contrada Malerba ad Altamura (Bari), colpito dal ramo di un albero del proprio giardino spezzato dal forte vento. Sono intervenuti i soccorsi del personale del 118 e dei Carabinieri, giunti sul posto, ma l’anziano è morto sul colpo.
Raffiche e forte pioggia hanno colpito oggi molti comuni del Nord Barese, il Salento e altre località della Puglia, con danni ad alcune strutture e scuole chiuse in diversi comuni, a Taranto anche domani.

Ecco il pasticciotto leccese dedicato a SuperMarioDopo i fatti di Verona. E’ al cacao decorato con il Tricolore

BARI12 novembre 201920:06

Il pasticciotto leccese contro ogni forma di discriminazione. Dopo aver realizzato nel 2008 il ‘pasticciotto Obama’, il pasticciere salentino Angelo Bisconti ha deciso di dedicare a Mario Balotelli un pasticciotto al cacao contro il razzismo, decorato con il Tricolore, per esprimere la sua solidarietà al calciatore dopo i fatti di Verona. E’ stato presentato in un incontro alla Regione Puglia dall’assessore allo Sviluppo economico Mino Borraccino che ha ricordato di aver sollecitato il Consiglio regionale a discutere la proposta di legge contro l’omotransfobia.Nel giugno 2019 l’artigiano ideò il ‘pasticciotto arcobaleno Rainbow’ per celebrare i 50 anni dei moti di Stonewall, che diedero inizio ai movimenti di liberazione del mondo omosessuale. Questa sua creazione ha raggiunto New York, protetta in una teca di resina: sarà il primo oggetto italiano esposto nello Stonewall Inn, il bar in cui cominciarono le rivolte del movimento Lgbt del ’69.

Il pasticciotto leccese dedicato a Ballotelli contro il razzismo

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Iraq: Guerini, italiani feriti portati a Ramstein
“In condizioni stabili. In base aerea per cure specialistiche”

12 novembre 201921:23

“In condizioni stabili e dimessi dal Role3 di Baghdad i cinque militari italiani vittime del grave attentato dello scorso 10 novembre stanno rientrando in Europa.Arriveranno nel pomeriggio a Ramstein, in Germania, presso l’ospedale militare della base aerea degli Stati Uniti, dove riceveranno le migliori cure specialistiche prima del loro rientro in Italia”. Lo comunica in una nota il ministro della Difesa Lorenzo Guerini.Il ministro Guerini “nel confermare la stretta vicinanza alle famiglie dei nostri militari feriti” comunica che è stato messo a disposizione delle famiglie “un C130 dell’Aeronautica Militare per raggiungere i loro cari.”

A dicembre riapre metro Barberini a metàStazione chiusa da scorsa primavera per nodo scale mobili

ROMA12 novembre 201914:34

– La stazione metro di Roma Barberini dovrebbe riaprire ‘a metà’, ovvero solo in uscita, nella prima metà di dicembre. E’ quanto emerso dalla commissione Trasparenza di Roma, presieduta da Marco Palumbo (Pd) che oggi ha audito sul tema rappresentanti di Atac. La centralissima stazione è chiusa dalla scorsa primavera per problemi alle scale mobili a causa dei quali la magistratura aveva disposto il sequestro. Nella riunione della commissione sono emersi i dettagli dell’operazione: a fine ottobre sono stati conclusi i lavori su tre scale mobili. Su una quarta si registra un ritardo di una settimana. E l’Atac ha già inviato lettere al ministero per chiedere i collaudi necessari alla riapertura. La stazione aprirà solo in uscita con quattro scale mobili. A richiederlo, secondo quanto spiegato, sono le caratteristiche della stazione per garantire la sicurezza in caso di evacuazione. Per quanto riguarda le altre due scale mobili sono in corso le pratiche per l’affidamento dei lavori.

Nuove accuse a Polanski fermano promozione francese di J’accuseDisagio in Francia a pochi giorni da uscita film

PARIGI12 novembre 201915:37

– Disagio in Francia dopo le accuse di stupro mosse da Valentine Monnier contro il regista ottantaseienne Roman Polanski, a due giorni dall’uscita del film ‘J’accuse’ a Parigi e nei cinema d’Oltralpe. L’attore protagonista del film premiato al Festival di Venezia, Jean Dujardin, ha annullato l’intervista prevista ieri sera al telegiornale delle 20 su TF1. Mentre radio France Inter ha fatto sapere che Emmanuelle Seigner, la moglie del regista anch’essa nel cast del film sull’affaire Dreyfus, ha annullato la sua presenza alla trasmissione ‘Boomerang’ prevista oggi.
Cancellati, tra l’altro, i programmi ‘Pop pop pop’ e ‘C à vous’ registrati rispettivamente per radio France Inter e la tv France 5. In entrambi, un altro attore di ‘J’accuse’, Louis Garrel, era stato invitato a promuovere la pellicola ma visti i recenti sviluppi si è preferito soprassedere. Il caso Polanski sembra imbarazzare il cinema francese, rimasto in questi ultimi giorni piuttosto silenzioso. Un atteggiamento in contrasto con i numerosi messaggi di sostegno rivolti invece, la settimana scorsa, all’attrice Adèle Haenel che ha accusato di violenze sessuali un altro regista, Christophe Ruggia, ai tempi in cui era minorenne. Dopo le accuse di Haenel, Ruggia è stato rapidamente escluso dalla Societé des Réalisateurs (ARP).Sul caso di Polanski, l’ARP ha fatto sapere che se dovessero esprimersi “lo farebbero in accordo con i cineasti” membri dell’organizzazione. Anche se “per il momento” non sono previsti consigli di amministrazione. Accusato dalla francese Valentine Monnier di averla violentata 44 anni fa, il regista ha respinto ogni accusa, “con la massima fermezza”. Ma ora la promozione del suo film diventa piu’ difficile.

Venezia,marea eccezionale, mobilitazionePiazza san Marco sommersa, marea arrivata a 1,87 cm

12 novembre 201923:06

– “Stiamo affrontando una marea più che eccezionale”, ha detto il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro sull’emergenza acqua alta a Venezia. Brugnaro, in un tweet dice “tutti mobilitati per gestire l’emergenza”. Piazza San Marco è sommersa da un metro d’acqua ed è percorsa solo dalle imbarcazioni delle strutture di protezione civile. Il livello della marea ha toccato quota 183 cm a Punta della Salute alle 22,40. E’ il livello più alto dopo l’alluvione del 1966, quanto si arrivò a un metro e 94 cm sul medio mare.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 12 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 06:53 ALLE 13:30 DI MARTEDì 12 NOVEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Blitz anticamorra della Gdf, 20 arresti
Operazione coordinata da Dda contro clan Cesarano

NAPOLI12 novembre 201906:53

– Vasta operazione anticamorra del gruppo della Guardia di finanza di Torre Annunziata (Napoli), che coordinato dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea ha eseguito venti misure cautelari nei confronti di 20 persone ritenute dagli investigatori appartenenti al clan Cesarano di Castellammare di Stabia (Napoli). Gli inquirenti contestano agli indagati i reati di associazione per delinquere di stampo camorristico, estorsione e traffico di sostanze stupefacenti.

Una tromba d’aria nel MetapontinoIl maltempo sta causando disagi nella zona jonica lucana

MATERA12 novembre 201908:48

– Una tromba d’aria ha colpito la notte scorsa il Metapontino, la zona jonica lucana, in provincia di Matera: sono una cinquantina gli interventi dei Vigili del fuoco che si sono resi necessari a causa della caduta di alberi e pali della pubblica illuminazione. Già ieri l’allerta maltempo aveva portato alla chiusura delle scuole disposta dai sindaci in diversi Comuni, tra i quali Matera, dove sta piovendo da diverse ore.

Desirée: cartelli con insulti al padreDopo richiesta di apertura inchiesta bis. A febbraio un teschio

BRESCIA12 novembre 201908:49

– Due cartelli con insulti sono stati appesi in strada a Leno, paese in provincia di Brescia, all’indirizzo del padre di Desiree Piovanelli, la 14enne uccisa nel 2002 da tre minorenni e un maggiorenne. Lo scrive il Giornale di Brescia. “Piovanelli Maurizio sei un miserabile burattino appeso ai fili dei burattinai di Leno”, è stato scritto. Piovanelli un anno fa aveva fatto aprire un’inchiesta bis sulla morte della figlia sostenendo che dietro all’omicidio ci fosse in giro di pedofilia è un mandante ancora libero. Maurizio Piovanelli, che ha sporto denuncia ai carabinieri, a febbraio scorso aveva trovato sul cancello di casa un fantoccio con un teschio.

Felice Maniero in aula per scarcerazioneL’ex Boss del Brenta arrestato per maltrattamenti alla compagna

BRESCIA12 novembre 201908:55

– Questa mattina alle 11.30 a Brescia è prevista l’udienza davanti al Tribunale del Riesame nella quale Felice Maniero chiederà la scarcerazione e l’annullamento dell’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip bresciano Luca Tringali. L’ex Boss del Brenta sarà presente in aula. Maniero è stato arrestato lo scorso 18 ottobre a Brescia, dove vive da tempo con una nuova identità, con l’accusa di maltrattamenti sulla compagna che dal 30 luglio aveva ottenuto il trasferimento in una struttura protetta.

Temporali e vento su Calabria, danniAllagamenti di strade ed alberi caduti sulla fascia ionica

CATANZARO12 novembre 201909:19

– La costa ionica della Calabria – dove per tutto il giorno è prevista l’allerta rossa della Protezione civile regionale – è stata investita all’alba da violenti temporali accompagnati da forti raffiche di vento che hanno provocato allagamenti di strade e scantinati, cadute di alberi, cartelloni pubblicitari e tegole. Al momento, tuttavia, ai vigili del fuoco non risultano né danni a persone né situazioni di particolari criticità. Numerosi sono comunque gli interventi. A Catanzaro un ramo è caduto vicino ad una macchina ma senza fare danni. Nella frazione marina, il lungomare è allagato, così come lo sono le strade in diverse località della costa. A Roccelletta di Borgia un’auto della polizia municipale è rimasta impantanata mentre gli agenti stavano effettuando verifiche ed è stata rimossa dai vigili del fuoco. Violente raffiche di vento – tanto che gli abitanti parlano di tromba d’aria – hanno colpito la zona di Simeri e di Zagarise. Colpito anche il reggino, tra Bianco e Siderno, ed il crotonese.

Pensionato disabile vessato, 18 arrestiNel tarantino, 8 sono minori. Analogie col caso Stano a Manduria

SAVA (TARANTO)12 novembre 201909:20

– Avrebbero vessato un pensionato disabile: con l’accusa di estorsione, furto, rapina e atti persecutori contro un 61enne di Sava affetto da disagi psichici, i carabinieri hanno arrestato 18 giovani, 8 dei quali minorenni, e notificato 2 ordinanze di divieto di avvicinamento.
L’operazione presenta analogie col caso di Antonio Cosimo Stano, il 66enne di Manduria affetto da disagi psichici morto il 23 aprile dopo aver subito aggressioni e angherie da più gruppi di giovani che poi condividevano le loro scorribande su Whatsapp.

Cucchi: giudice si astiene sui depistaggi: ‘Sono un ex carabiniere’ Alla prima udienza del procedimento contro 8 militari Arma. Il ministero della Giustizia si costituisce parte civile

12 novembre 201912:24

Comincia con un colpo di scena il processo che riguarda i depistaggi sul caso Cucchi, il giovane detenuto morto nel 2009 all’ospedale Pertini di Roma. In apertura dell’udienza il giudice, Federico Bonagalvagno, si è astenuto dal processo, che vede imputati otto carabinieri.
Bonagalvagno ha giustificato la sua astensione spiegando di essere un ex carabiniere attualmente in congedo. La decisione di Bonagalvagno è legata all’iniziativa dei legali dei familiari di Stefano Cucchi che avevano chiesto al giudice monocratico di astenersi dopo aver appreso da fonti aperte che Bonagalvagno aveva organizzato convegni a cui avevano partecipato alti ufficiali dell’Arma.Il nuovo giudice monocratico nominato è Giulia Cavallone. Gli 8 imputati sono tutti carabinieri, tra cui alti ufficiali, accusati a vario titolo e a seconda delle posizioni di falso, favoreggiamento, omessa denuncia e calunnia. Si tratta del generale Alessandro Casarsa, all’epoca dei fatti comandante del Gruppo Roma, e altre sette carabinieri, tra cui Lorenzo Sabatino, allora comandante del reparto operativo dei carabinieri di Roma, Francesco Cavallo, all’epoca dei fatti tenente colonnello e capo ufficio del comando del Gruppo Roma; Luciano Soligo, all’epoca dei fatti maggiore dell’Arma e comandante della compagnia Roma Montesacro; Massimiliano Colombo Labriola, all’epoca dei fatti comandante della stazione di Tor Sapienza; Francesco Di Sano, all’epoca in servizio alla stazione di Tor Sapienza; Tiziano Testarmata, comandante della quarta sezione del nucleo investigativo dei Carabinieri e il carabiniere Luca De Cianni, accusato di falso e di calunnia. Al processo non erano presenti Ilaria Cucchi e l’avvocato Fabio Anselmo. In queste ore si sta svolgendo l’ultima udienza al processo che riguarda la morte di Stefano Cucchi, che vede imputati cinque carabinieri, tra cui tre per omicidio preterintenzionale, la cui sentenza è prevista giovedì 14 novembre.Il ministero della Giustizia ha presentato istanza di costituzione di parte civile al processo sui depistaggi nel caso Cucchi, che vede imputati otto carabinieri, tra cui alti ufficiali. Tra le parti civili già costituite, la presidenza del Consiglio dei ministri e l’Arma.

Inchiesta estremismo destra,12 indagatiPerquisizioni della polizia nel Senese

FIRENZE12 novembre 201910:11

– Operazione della polizia di Firenze e Siena, coordinata dalla Dda, nei confronti di 12 persone appartenenti agli ambienti dell’estremismo di destra indagati per detenzione abusiva di armi correlata alla costituzione di un’associazione con finalità eversiva. Gli uomini delle Digos, coordinati dalla Polizia di prevenzione, stanno eseguendo numerose perquisizioni a abitazioni e uffici in provincia di Siena.

Eï già pieno inverno sulle DolomitiAttesa neve fino al fondovalle in Alto Adige

BOLZANO12 novembre 201910:20

– E’ già pieno inverno sulle Dolomiti e sulle altre montagne dell’Alto Adige. Alla neve caduta la scorsa settimana, stanotte se ne è aggiunta altra: 5 cm ad Obergeggen, 15 cm a Pennes e 20 cm a Ladurns sopra Fleres.
La prossima notte la neve potrebbe scendere fino al fondovalle.
Questa settimana – annuncia il meteorologo provinciale Dieter Peterlin – “arriverà molta altra neve”.
In vista dell’avvio ufficiale della stagione sciistica del consorzio Dolomiti Superski, in programma il 30 novembre, alcuni singoli impianti anticipano l’apertura, soprattutto per consentire gli allenamenti degli sci club. A Cortina si scia già sulla pista Col Gallina, entro il fine settimana seguiranno gli impianti di Monte Croce e la seggiovia Alloch a Pozza di Fassa.

Bomba vicino ristorante Foggia,un feritoDonna colpita ad occhio da schegge vetro. Titolare,’mai minacce’

FOGGIA12 novembre 201910:32

– Un ordigno è stato piazzato e fatto esplodere la scorsa notte davanti la saracinesca del ristorante “Poseidon Sea Food”, nel cuore del centro storico di Foggia. Il boato è stato così violento da esser sentito in tutta la città.
Una donna è rimasta ferita all’occhio dalle schegge dei vetri della sua abitazione mandati in frantumi dall’esplosione anche in altre dieci case. La deflagrazione ha sventrato la saracinesca e causato danni agli arredi interni per un totale di “100mila euro”, stima il titolare del locale che afferma di “non avere mai ricevuto minacce”. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e la polizia scientifica per i rilievi e per l’acquisizione delle immagini registrate dalle telecamere di sicurezza del locale.

Corruzione: sei poliziotti indagatiPorto d’armi in cambio di denaro, denunce aggiustate e altro

PALERMO12 novembre 201911:03

– Dodici persone, e tra loro sei poliziotti del commissariato di Partinico (Pa), sono indagate per corruzione, peculato, concussione, falso, favoreggiamento e accesso abusivo ai sistemi informatici. Porto d’armi sarebbero stati concessi in cambio di denaro, refurtiva trafugata, denunce fatte ritirare e aggiustate, irregolarità in un arresto (l’indagato affidato a tre guardie giurate).
Uno dei poliziotti, Pietro Tocco, ha l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. La moglie, Giuseppina Grillo, assistente capo, aveva subito un divieto di dimora, ora revocato. Alle denunce anonime sono seguite indagini – coordinate dal pm Francesco Gualtieri – dei poliziotti dello stesso commissariato. Gli altri agenti indagati sono Giovanni Vitale, Fulvio Silvestri, Antonio Gaspare Di Giorgi, Vincenzo Manzella. Le persone che avrebbero chiesto favori sono Carmelo Fratello, Vincenzo Manta e Salvatore Scianna. Sotto inchiesta pure le guardie giurate Salvatore Davì, Daniele Di Maggio, e Marcello De Luca.

Venezia, l’alta marea si ferma a 127 cmGrazie a ritardo della perturbazione

VENEZIA12 novembre 201911:09

– Si è fermato a 127 centimetri alle ore 10.20, alla stazione di rilevamento di Punta della Salute, il picco di marea registrato stamani sulla laguna di Venezia.
La circostanza, riferisce il Centro maree del Comune, è stata causata dal ritardo della perturbazione, che ha mitigato l’effetto dei venti di scirocco e dell’onda di ‘Sessa’ nel mare Adriatico. Il massimo registrato in mare è stato di 137 centimetri. VAI ALLE PREVISIONI METEO INTERATTIVE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tassi usurai al 121%, arrestato
Guardia finanza Lamezia sequestra anche beni per 65 mila euro

LAMEZIA TERME (CATANZARO)12 novembre 201911:14

– Ha prestato denaro con interessi del 121,66%: un 48enne, Carmelo Furci, è stato arrestato per usura ed estorsione dai finanzieri del Gruppo di Lamezia Terme che hanno anche sequestrato beni per 65 mila euro nell’ambito di una inchiesta della Procura lametina.
L’indagato è anche imputato in un’altra inchiesta per associazione mafiosa perché ritenuto affiliato al clan “Greco”.
Furci era stato arrestato la prima volta nel 1997 per usura in concorso con Sergio Ugo Roberto Greco, oggi ritenuto il suo capo clan. Per quei fatti è stato condannato in via definitiva. Con la nuova inchiesta, i finanzieri hanno ricostruito i rapporti tra l’indagato e due commercianti ai quali Furci avrebbe erogato due distinti prestiti: il primo da 10.000 euro a fronte di mille euro mensili di interessi fino alla restituzione del capitale; il secondo di 90 mila euro con 9.000 euro di interessi mensili.
Avendo riavuto 32 mila euro, l’uomo avrebbe poi minacciato i commercianti di cedergli le loro attività.

Ponte, entro week end varo 3^ impalcatoObbiettivo Costruttori averli tutti per il 31 dicembre 2019

GENOVA12 novembre 201911:46

– Entro la fine di questa settimana, salvo intoppi legati al meteo o ad altre cause, anche il terzo impalcato del nuovo ponte per Genova sarà varato in quota. Dopo il varo del 1 ottobre e quello dell’8 novembre, la terza trave a salire a 40 metri d’altezza, grazie all’ausilio di due maxigru cingolate, sarà quella tra le pile 6 e 7. La realizzazione di ‘tre impalcati visibili’ avverrà quindi dentro la scadenza del 20 novembre imposta dal sindaco e commissario per la ricostruzione Marco Bucci. A salire sarà un cassone centrale in acciaio lungo 50 metri corredato di sei carter laterali, sempre in acciaio. Nel frattempo al cantiere levante si prosegue con l’assemblaggio a terra di altri impalcati, quello tra le pile 3 e 4 e quello, da 100 metri, tra le pile 8 e 9. L’obbiettivo dei costruttori è di avere tutti gli impalcati montati entro il 31 dicembre 2019.

A.Mittal:sindacati,caldaia bucata,fiamme’Raggiunti tubi gas, solo intervento Vvf ha evitato il peggio’

TARANTO12 novembre 201911:48

– Nel reparto Acciaieria 2 dello stabilimento siderurgico Arcelor Mittal di Taranto una ‘siviera’ (una caldaia di colata che contiene metallo fuso) appena uscita dal ‘Convertitore 1’ si sarebbe bucata “sversando acciaio in fossa e procurando fiamme altissime che hanno raggiunto alcune tubazioni di gas”. È quanto denunciano Fim, Fiom e Uilm, precisando che “solo l’intervento tempestivo dei vigili del fuoco che hanno gestito l’emergenza in maniera professionale ha evitato il peggio”.

Maltempo sull’Italia, scuole chiuse a Matera Alta marea eccezionale a Venezia, Eolie isolate. Piogge eccezionali in Calabria. Criticità a Taranto

12 novembre 201913:03

Una tromba d’aria ha colpito la notte scorsa il Metapontino, la zona jonica lucana, in provincia di Matera: una cinquantina gli interventi dei Vigili del fuoco per la caduta di alberi e pali della pubblica illuminazione. Il maltempo già ieri aveva portato alla chiusura delle scuole disposta dai sindaci in diversi comuni, tra i quali Matera. L’alta marea ha già raggiunto alle ore 8 il livello di un metro sopra il medio mare a Venezia. Eolie isolate, un ‘fiume’ di pomice in strada a Lipari. Oggi allerta rossa maltempo per Calabria, Basilicata e Sicilia. Arancione in Puglia, gialla in altre dieci regioni.

Una tromba d’aria ha colpito la notte scorsa il Metapontino, la zona jonica lucana, in provincia di Matera: sono una cinquantina gli interventi dei Vigili del fuoco che si sono resi necessari a causa della caduta di alberi e pali della pubblica illuminazione. Inoltre, il maltempo – che già ieri aveva portato alla chiusura delle scuole disposta dai sindaci in diversi Comuni, tra i quali Matera, dove sta piovendo da diverse ore – ha provocato danni ad alcuni tetti. I problemi maggiori sono segnalati tra Policoro, Scanzano Jonico e Montalbano (Matera). Secondo quanto si è appreso dai Vigili del fuoco, la pioggia intensa ha causato uno smottamento sulla strada provinciale 3, nei pressi di Ferrandina (Matera). Finora è comunque sotto controllo la situazione dei fiumi e dei torrenti.

Da ieri pomeriggio le Eolie sono isolate per il forte vento di scirocco. Aliscafi e traghetti sono fermi. Nel porto di Milazzo sono bloccati i tanti pendolari che si recano nell’arcipelago per lavoro, come insegnanti, medici, impiegati, e anche camion carichi di derrate alimentari e autocisterne di carburanti. La pioggia torrenziale caduta sull’isola ha di fatto realizzato un ‘fiume’ di pomice arrivato a valle fino a Canneto, in località Calandra, sull’isola di Lipari L’amministrazione comunale ha inviato una ruspa per ripristinare la circolazione nella zona.Alta marea eccezionale a Venezia, il picco si è fermato a 127 centimetri alle ore 10.20, alla stazione di rilevamento di Punta della Salute. Restano comunque confermate le previsioni di acqua alta molto sostenuta, con il prossimo massimo previsto alle ore 23.00 con 140 centimetri. Un altro picco di 145 centimetri è invece previsto per le ore 10:25 di domani. La situazione meteorologica viene definita “altamente dinamica” e quindi suscettibile di variazioni. A Chioggia invece, l’altro importante centro del veneziano affacciato sulla laguna, la massima del momento è ferma sui 127 centimetri, valore che salirà nella prossima ora. Per ritrovare una misura simile di marea, secondo gli esperti del centro comunale, bisogna risalire al primo febbraio del 1986 quando l’acqua arrivo’ a 156 centimetri, ma il dato non è comunque paragonabile a quella che sconvolse Venezia il 4 novembre 1966 raggiungendo un metro e 94 centimetri. Sia a Venezia che a Chioggia, intorno alle 5.30, sono state fatte suonare le sirene d’allarme che hanno avvisato la popolazione dell’incipiente acqua alta. Il maltempo interessa comunque tutto il Veneto con piogge sia in pianura che in montagna.Pioggia forte e vento a Taranto stanno provocando danni e disagi. Al quartiere Paolo VI è caduta per strada un’antenna per la telefonia. Alberi sradicati in diverse zone della città, uno dei quali è caduto nei pressi dell’ingresso dell’istituto comprensivo Viola-Battisti in via Acton. Tutti gli istituti scolastici sono chiusi per ordinanza sindacale. Precipitazioni abbondanti anche in provincia. I livelli degli argini e dei canali sono al momento sotto controllo. Le amministrazioni raccomandano l’utilizzo dell’auto solo in caso di estrema necessità, e di non attraversare i sottopassaggi. In alcuni comuni, tra cui Ginosa, sono già in funzione le idrovore per smaltire la grande quantità d’acqua che si è accumulata. Interventi di messa in sicurezza anche sulle strade provinciali.La costa ionica della Calabria – dove per tutto il giorno è prevista l’allerta rossa della Protezione civile regionale – è stata investita all’alba da violenti temporali accompagnati da forti raffiche di vento che hanno provocato allagamenti di strade e scantinati, cadute di alberi, cartelloni pubblicitari e tegole. Al momento, tuttavia, ai vigili del fuoco non risultano né danni a persone né situazioni di particolari criticità. Numerosi sono comunque gli interventi. A Catanzaro un ramo è caduto vicino ad una macchina ma senza fare danni. Nella frazione marina, il lungomare è allagato, così come lo sono le strade in diverse località della costa. A Roccelletta di Borgia un’auto della polizia municipale è rimasta impantanata mentre gli agenti stavano effettuando verifiche ed è stata rimossa dai vigili del fuoco. Violente raffiche di vento – tanto che gli abitanti parlano di tromba d’aria – hanno colpito la zona di Simeri e di Zagarise. Colpito anche il reggino, tra Bianco e Siderno, ed il crotonese.E’ già pieno inverno sulle Dolomiti e sulle altre montagne dell’Alto Adige. Alla neve caduta la scorsa settimana, stanotte se ne è aggiunta altra: 5 cm ad Obergeggen, 15 cm a Pennes e 20 cm a Ladurns sopra Fleres. La prossima notte la neve potrebbe scendere fino al fondovalle. Questa settimana – annuncia il meteorologo provinciale Dieter Peterlin – “arriverà molta altra neve”. In vista dell’avvio ufficiale della stagione sciistica del consorzio Dolomiti Superski, in programma il 30 novembre, alcuni singoli impianti anticipano l’apertura, soprattutto per consentire gli allenamenti degli sci club. A Cortina si scia già sulla pista Col Gallina, entro il fine settimana seguiranno gli impianti di Monte Croce e la seggiovia Alloch a Pozza di Fassa.

Giudici, Corona in carcere altri 9 mesi’Annullato un periodo di affidamento’. Difesa, impugneremo

MILANO12 novembre 201912:41

– Il Tribunale di Sorveglianza di Milano ha annullato 9 mesi che Fabrizio Corona aveva scontato in affidamento, tra febbraio e novembre 2018, stabilendo che dovrà di nuovo scontarli e stavolta in carcere, dove l’ex re dei paparazzi è detenuto di nuovo da marzo. “Sono basito, senza parole – ha spiegato l’avvocato Ivano Chiesa, che assiste Corona assieme al legale Antonella Calcaterra -. Impugneremo la decisione in palese contrasto”, tra le altre cose, “con una sentenza di assoluzione” sul caso dei contanti nel controsoffitto.

Maltempo: scuole chiuse a nord di BariTir fuori strada a Barletta, auto si ribalta a Molfetta

BARLETTA (BAT)12 novembre 201912:49

– Forti piogge stanno causando disagi nei comuni della fascia costiera a nord di Bari. Già ieri sera i sindaci di Barletta, Trani, Bisceglie e Margherita di Savoia hanno disposto la chiusura delle scuole. Stamani si sono registrati allagamenti e incidenti stradali.
A Barletta, sulla strada statale 16 bis nei pressi dello svincolo Patalini, un autoarticolato è finito contro il guardrail: nell’impatto la motrice del mezzo si è staccata. A Molfetta, invece, un’auto si è ribaltata.

Clan imponeva pizzo, posti e mozzarelle17 arresti di carabinieri e DDA nel Parco Verde di Caivano

NAPOLI12 novembre 201913:01

– Estorceva denaro agli imprenditori di Caivano (Napoli), attraverso il pagamento del “pizzo” ma anche pretendendo assunzioni, il clan Sautto-Ciccarelli, che era riuscito anche a monopolizzare la vendita dei prodotti caseari penalizzando un produttore a vantaggio di un altro colluso. È quanto emerge dall’indagine dei carabinieri di Castello di Cisterna, coordinata dalla DDA, culminata oggi con la notifica di 17 arresti nei confronti di presunti appartenenti all’organizzazione camorristica che aveva la sua roccaforte nel famigerato Parco Verde.
Gli inquirenti contestano agli indagati, a vario titolo, i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, estorsioni e tentate estorsioni aggravate dal metodo mafioso, illecita concorrenza, minacce, violenza aggravata e porto e detenzione illeciti di armi clandestine. I carabinieri hanno documentato, tra l’altro, numerosi episodi estorsivi, tentati e consumati.

A San Marco 70 cm d’acqua nel narteceProcuratore, bagnati anche marmi appena sostituiti

VENEZIA12 novembre 201913:06

– L’acqua alta a 127 centimetri di stamani a Venezia ha nuovamente invaso il nartece della Basilica di San Marco, con 70 centimetri d’acqua, che sicuramente produrranno danni ai mattoni e alle colonne dell’edificio. Ma ad essere sommersi sono stati anche i marmi recentemente sostituiti.
Lo ha riferito l’ing. Pierpaolo Campostrini, Procuratore della Basilica. “Noi cerchiamo di limitare il danno – ha precisato Campostrini – nel senso che non abbiamo sistemi di difesa quando l’acqua è così alta, se non parziali in alcune zone, ad esempio nella cappella Zen con paratie mobili; abbiamo altri strumenti di difesa passiva con paratoie che sono state spostate e adeguate, e con pompe in funzione. Però questo è largamente insufficiente – ha ribadito quando l’acqua è a quell’altezza”.

Segre,cittadinanza onoraria Pescara 27/1’Da tempo al lavoro con comunità ebraica. Polemiche vergognose’

PESCARA12 novembre 201912:58

– “Il 27 gennaio, Giorno della Memoria, daremo la cittadinanza onoraria a Liliana Segre, all’Unione delle Comunità Ebraiche (Ucei), a tutti i sopravvissuti dei campi di concentramento e alla Brigata Ebraica”. Lo ha annunciato il sindaco di Pescara Carlo Masci illustrando un ordine del giorno predisposto dalla maggioranza.
Nel corso di una conferenza stampa il sindaco ha parlato di un percorso già avviato da tempo, di “rapporto fortissimo” con la comunità ebraica e si è definito “risentito” per le “vergognose e strumentali” polemiche dei giorni scorsi.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

BIMBO COLTO DA MALORE IN STRADA: MUORE AL GASLINI DI GENOVA

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

BIMBO COLTO DA MALORE

UN BIMBO DI TRE ANNI è STATO COLTO DA MALORE IN STRADA. GIUNTO AL GASLINI IN CONDIZIONI DISPERATE, è DECEDUTO

DELLE 20:45 DI LUNEDì 11 NOVEMBRE 2019. ULTIMO AGGIORNAMENTO: 12.11.2019 02:42. IN “CRONACA”/”ULTIM’ORA”

BIMBO COLTO DA MALORE IN STRADA: MUORE AL GASLINI DI GENOVA

GENOVA
– Un bambino di tre anni è morto nel primo pomeriggio all’ospedale pediatrico Gaslini di Genova. Il piccolo, secondo quanto raccontato dalla mamma, aveva avuto nei giorni scorsi febbre alta. Questa mattina la temperatura era scesa e la donna e il bimbo erano usciti per accompagnare il fratello più grande a scuola, a Sampierdarena. Mentre erano in strada il piccolo si è sentito male ed è stato trasportato al pronto soccorso pediatrico dove è arrivato in condizioni disperate. Il pubblico ministero Paola Calleri ha aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti e verrà eseguito un esame medico per chiarire le cause del decesso. I medici escludono che possa essere stato colpito da meningite. Il piccolo era in regola con i vaccini. Non si esclude che una malformazione congenita possa averne aggravato le condizioni. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 23 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 11:50 ALLE 20:44 DI LUNEDì 11 NOVEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Frode e evasione 12 mln in gare rally
Da Gdf sequestrati conti e beni per oltre 5 milioni di euro

11 novembre 2019 11:50

– Una frode fiscale di oltre 12 milioni di euro realizzata con l’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti da parte di 15 società, molte delle quali “cartiere” in quanto prive di struttura imprenditoriale e commerciale, è stata scoperta dai Finanzieri della Compagnia di Erba, coordinati dal Sostituto Procuratore di Como, Giuseppe Rose, a conclusione di verifiche fiscali nei confronti di due società con sede nell’erbese e operanti nel campo delle sponsorizzazioni sportive. Protagonisti del meccanismo fraudolento, scuderie automobilistiche, sponsor e società di promozione pubblicitaria, organizzazione di manifestazioni sportive, attraverso la vendita e l’acquisto di spazi pubblicitari da cui le scuderie ricavano il denaro necessario per competere.Diciannove le persone segnalate all’autorità giudiziaria operanti nel campo delle sponsorizzazioni e del noleggio auto, sequestrati conti correnti e beni sino a 5,2 milioni di euro, somma corrispondente con l’imposta complessivamente evasa.

Stato-mafia: Berlusconi non rispondeEx premier citato come teste assistito

PALERMO11 novembre 201911:59

– L’ex premier Silvio Berlusconi, citato come teste assistito davanti alla Corte d’Assise d’Appello che celebra il processo di secondo grado sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia, si è avvalso della facoltà di non rispondere. L’ex presidente del Consiglio ha negato anche il permesso di farsi riprendere e fotografare in aula.

Arresti Ancona,geometra non risponde gipIn carcere per corruzione. In corso interrogatori imprenditori

ANCONA11 novembre 201912:09

– Si è avvalso della facoltà di non rispondere, durante l’interrogatorio di garanzia in carcere ad Ancona davanti al gip Sonia Piermartini, il geometra dell’ufficio Manutenzione del Comune di Ancona Simone Bonci, 46 anni, – difeso dagli avv. Riccardo Leonardi e Lorenza Marasca -, arrestato nell’inchiesta “Ghost jobs” con l’accusa di aver pilotato appalti comunali e favorito un cartello di aziende in cambio di varie utilità anche facendo liquidare lavori mai eseguiti o compiuti per un valore molto inferiore al contratto.
In corso al Palazzo di giustizia di Ancona gli interrogatori anche dei quattro imprenditori (Marco Duca, Tarcisio Molini, Carlo Palumbi e Francesco Tittarelli) finiti ai domiciliari dopo gli accertamenti di Squadra Mobile e sezione pg della Municipale coordinati dai pm Valentina d’Agostino e Ruggiero Dicuonzo.
Nell’inchiesta sono indagate 35 persone: 30, tra cui quattro assessori, devono rispondere, a vario titolo, di accuse diverse dalla corruzione tra cui abuso d’ufficio, falso e truffa.

Iraq: sindaco Porto Venere, feriti tuttiCozzani: “Alla base c’è tanto sconforto”

LA SPEZIA11 novembre 201912:13

– Bocche cucite al Comsubin, a Le Grazie (Porto Venere), sui tre incursori feriti in Iraq. La giornata scorre apparentemente come tutte le altre all’interno della storica base del Varignano, dove il raggruppamento subacquei e incursori Teseo Tesei è guidato dal contrammiraglio Massimiliano Rossi. Ma è facile pensare che tra i commilitoni ci sia apprensione e sgomento.
La comunità portovenerese esprime la “vicinanza alle famiglie degli incursori e a questa realtà importante sul nostro territorio, con la quale collaboriamo per diverse attività” spiega il sindaco Matteo Cozzani, che raggiunto si dice “molto colpito, l’intera comunità è ferita da questa triste notizia. Ci stringiamo in un abbraccio alle famiglie di questi ragazzi, molto giovani. Li aspettiamo presto a casa”. Il sindaco conferma di aver portato solidarietà al raggruppamento attraverso il responsabile delle relazioni esterne. “C’è tanto sconforto” conclude Cozzani.

Riesame, interdizione per 11 di SpeaAccolta richiesta Procura. Non avrebbero eseguito ispezioni

GENOVA11 novembre 201912:15

– Il tribunale del Riesame ha accolto la richiesta della procura di Genova che aveva chiesto l’ interdizione di 11 tra ex dirigenti e tecnici di Spea, la società che si occupava di manutenzione e monitoraggio per Autostrade. Il pubblico ministero Walter Cotugno, che coordina l’inchiesta bis sui falsi repert, aveva chiesto due volte arresti e interdizioni ma il gip aveva respinto. Due settimane fa il magistrato aveva fatto appello al riesame modificando le richieste e chiedendo l’interdizione per tutti.
La decisione non è immediatamente esecutiva e i legali possono ancora impugnarla in Cassazione. Secondo l’accusa, i tecnici non avrebbero eseguito le ispezioni nei cassoni (i tunnel sotto il manto stradale) di fatto dando una valutazione della salute dei viadotti senza avere valutato un elemento importante.

Teste, Ruby?50mila euro cash per vacanza’Alle Maldive, tutti comfort’. Ristoratrice,6mila euro per festa

MILANO11 novembre 201912:16

– “E’ stata sicuramente una situazione unica per me, ha pagato tutto in contanti, era un viaggio che costava molto, oltre 50mila euro, mi pare”. Così la titolare di un’agenzia viaggi, testimoniando nel processo milanese sul caso ‘Ruby ter’, ha parlato di una vacanza alle Maldive di Ruby “cinque anni fa”, in una delle deposizioni previste per oggi sulle spese ‘faraoniche’ di Karima El Mahroug che, secondo i pm, sarebbero state finanziate da Silvio Berlusconi, tra gli imputati per corruzione in atti giudiziari, per comprare il suo silenzio sulle serate ad Arcore.
Già a verbale nelle indagini nel 2015 la testimone aveva raccontato di quella vacanza organizzata per Ruby, sua figlia, la baby sitter e il compagno dell’epoca Luca Risso e pagata “tra i 55mila e i 60mila euro”. Oggi ha aggiunto anche: “Volevano avere tutti i comfort”. Un’altra teste, titolare di un ristorante a Milano, ha raccontato che la giovane marocchina pagò “6 mila euro in contanti” per la sua festa di compleanno nel locale.

Sardo ferito in Iraq, messaggi da IsolaPais, “la missione di Paolo Piseddu orgoglio per l’Isola intera”

CAGLIARI11 novembre 201912:43

– “La Sardegna lo aspetta per riabbracciarlo. È motivo di orgoglio per l’intera Isola l’alto valore della missione che Paolo Piseddu con coraggio, onore e sacrificio svolge al servizio della pace”. Così il presidente del Consiglio regionale della Sardegna, Michele Pais, in un telegramma inviato al sindaco di Orroli (sud Sardegna), Antonio Orgiana, paese d’origine di Piseddu, 46 anni, uno dei cinque militari italiani rimasti feriti ieri nell’attentato in Iraq.
A Orroli vivono ancora i genitori, entrambi pensionati, mentre la moglie e i due figli sono residenti a Siena, dove Paolo si è trasferito molti anni fa quando ha intrapreso la carriera militare. “Conosco il papà e la mamma – racconta il sindaco Orgiana – sono persone molto riservate.
Paolo ha lasciato il paese tanti anni fa”.
Nel suo telegramma, Pais ha espresso la piena vicinanza dell’intero Consiglio regionale al militare ferito e alla sua famiglia, formulando i migliori auguri per una rapida guarigione.

Tenta portare petardo in curva,arrestatoTifoso bloccato dalla Polizia prima della gara con la Fiorentina

CAGLIARI11 novembre 201912:56

– Ha tentato di portare dentro la Sardegna Arena, in occasione di Cagliari-Fiorentina un grosso petardo potenzialmente pericoloso, ma uno degli addetti alla sicurezza lo ha scoperto, segnalandolo alla Polizia. In manette è finito Patrizio Russo, 57 anni di Assemini. Sequestrato un petardo modello Black Thunder da 33 grammi.
La Polizia aveva predisposto una fitta rete di controlli prima della partita di ieri. Uno degli steward che si trovava ai tornelli di accesso in Curva Nord ha notato che dal marsupio del 57enne usciva fuori un involucro simile a un petardo e ha subito chiesto l’intervento della Polizia. Gli agenti hanno bloccato e perquisito il tifoso, recuperando il petardo. Gli artificieri hanno poi appurato che si trattava di un Black Thunder, classificato dal Testo unico di pubblica sicurezza come “fuoco d’artificio professionale a rischio potenziale elevato

Lamorgese: linguaggio dell’odio porta violenzaMinistra, è massima attenzione su antisemitismo

11 novembre 201914:59

“Il linguaggio urlato preoccupa perchè da parole violente possono venire azioni violente”. Lo ha detto la ministra dell’Interno Luciano Lamorgese alla Sinagoga di Roma nel corso della sua visita alla Comunità Ebraica.
“Questo è il momento delle scelte e dell’equilibrio – ha aggiunto -. E’ il momento della responsabilità da parte di tutti, non dobbiamo sottovalutare il problema, non è accettabile che ci siano parole d’odio”. La ministra ha assicurato “da parte delle forze dell’ordine la massima attenzione, monitoriamo costantemente le situazioni di criticità” e sottolineato che verranno “intensificate le attività poste in essere” per arginare l’antisemitismo. La presidente delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi di Segni ha sottolineato: “Dobbiamo agire insieme” perchè “non è sufficiente agire e reagire solo con le forze di polizia, occorre ripensare l’impianto normativo e il codice penale: capire che cosa è l’apologia del fascismo, l’aggravante razziale, l’antisemitismo”.

Uccise moglie, si impicca in carcereIl delitto lo scorso agosto a Torino, uomo era in cura

TORINO11 novembre 201913:04

– Si è impiccato in carcere Roberto Del Gaudio, il 65enne originario di Atripalda (Avellino) che il 18 agosto a Torino ha ucciso la moglie Brigida De Maio, 64 anni, colpendola una trentina di volte al petto con una “sgorbia da falegname”. L’uomo, detenuto alla casa circondariale Lorusso e Cutugno, si è suicidato ieri sera.
Del Gaudio aveva ucciso la moglie nel loro appartamento, in un palazzo di corso Orbassano. Dopo essersi scagliato contro la donna, aveva chiamato la polizia. “L’ho colpita con un oggetto lungo e appuntito…credo di aver ucciso mia moglie”, aveva detto. “Non ce la facevo più, assumo psico-farmaci”, aveva aggiunto agli agenti.
A quanto si apprende dalla documentazione sanitaria trovata nell’appartamento, l’uomo “era in cura presso il Dipartimento di salute mentale di Torino con diagnosi psicosi paranoide”. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Papa: economia non porti a ‘usa e getta’
Per un vero sviluppo non basta “far quadrare i bilanci”

CITTA’ DEL VATICANO11 novembre 201913:05

– Una economia che non si basa sull’etica porta ad una cultura “usa e getta”. Lo ha evidenziato Papa Francesco aggiungendo che per il vero sviluppo non basta “far quadrare i bilanci”. “Uno sguardo alla storia recente, in particolare alla crisi finanziaria del 2008, ci mostra – ha detto il Papa ricevendo in udienza i membri del ‘Consiglio per un capitalismo inclusivo’ – che un sistema economico sano non può essere basato su profitti a breve termine a spese di uno sviluppo e di investimenti produttivi, sostenibili e socialmente responsabili a lungo termine”. Per il Papa “il vero sviluppo non può limitarsi alla sola crescita economica, ma deve favorire la promozione di ogni uomo e di tutto l’uomo”. “Un sistema economico privo di preoccupazioni etiche non conduce a un ordine sociale più giusto, ma porta invece a una cultura ‘usa e getta’ dei consumi e dei rifiuti. Al contrario, quando riconosciamo la dimensione morale della vita economica” “siamo in grado di agire con carità fraterna”.

Rogo libreria:Raggi,parco ora illuminatoSindaca, abbiamo voluto dare una risposta immediata a cittadini

ROMA11 novembre 201913:06

– “Il parco davanti la libreria Pecora elettrica nel quartiere Centocelle da ieri è completamente illuminato. Abbiamo voluto dare una risposta immediata ai cittadini: più luce significa meno possibilità che possano accadere episodi inquietanti come quelli che si sono registrati negli ultimi giorni”. Lo annuncia la sindaca di Roma Virginia Raggi su Fb.
“Durante il weekend, nel parco Don Cadmo Biviati, Acea ha installato – scrive – nuovi pali della luce che illuminano tutto il perimetro e la parte centrale del parco: dall’ingresso del Forte Prenestino a tutta l’area adiacente via delle Palme, compresa l’area giochi del parco. Si tratta di una soluzione temporanea che sarà in essere fin quando non verrà installato un impianto definitivo – pensate il vecchio impianto che non funzionava era di ben 15 anni fa! L’importante per noi, lo ribadisco, era dare una risposta veloce e concreta dal punto di vista dell’illuminazione. Noi ci siamo”, ha aggiunto Raggi.

Carabiniere, quando Sy diede fuoco a bus’Spaccato vetri e bimbi uscivano mentre fiamme divampavano’

MILANO11 novembre 201913:18

– “Aveva un accendino in mano e gridava ‘spostatevi o do fuoco a tutto il pullman'”. Così un carabiniere, testimoniando nel processo a carico di Ousseynou Sy, l’autista che il 20 marzo scorso ha tenuto in ostaggio 50 ragazzini, due insegnanti e una bidella e ha dato fuoco al bus, a San Donato Milanese, ha raccontato quelle fasi concitate in cui con altri colleghi salvò i ragazzini.
“Abbiamo iniziato a spaccare i vetri per far uscire i bambini, i bambini uscivano e iniziavano anche a divampare le fiamme”, ha aggiunto il teste.

Fondi Marche, 4 condanne, 55 a giudizioGip Ancona, peculato. Ma gran parte capi imputazione caduti

ANCONA11 novembre 201913:40

– Quattro condanne di ex consiglieri regionali Marche in abbreviato per peculato a pene (sospese) comprese tra uno e due anni di reclusione, un’assoluzione e 55 rinviati a giudizio. Lo ha deciso il gup di Ancona Francesca De Palma nel procedimento per le cosiddette “spese facili” in Consiglio regionale tra 2008 e 2012. Anche per quanto riguarda le persone condannate, che preannunciano ricorso in appello, è caduta la maggior parte delle imputazioni contestate dal pm Ruggiero Dicuonzo. La pena più alta a Lidio Rocchi (due anni e responsabilità per circa 29.500 euro di spese). Un anno e otto mesi a Giovanni Zinni (9.110 euro), un anno a Stefania Benatti (2.325 euro), un anno ad Adriana Mollaroli (856 euro). A queste ultime due attenuante per la particolare tenuità del fatto oltre alle generiche concesse a tutti. Assolto Francesco Acquaroli, ora deputato Fdi, perché il fatto non sussiste, stessa formula usata dal giudice per altre accuse escluse. Il processo per i 55 imputati inizierà il 3 giugno ad Ancona.

Spagna, Rivera: ‘Lascio la politica’L’annuncio dopo le dimissioni dalla guida del partito dei Ciudadanos

MADRID11 novembre 201918:12

Albert Rivera si dimette dalla presidenza del partito spagnolo Ciudadanos dopo la sconfitta elettorale nel voto. Lo annuncia ufficialmente lo stesso Rivera che dice che si tratta di una “decisione personale” in “coerenza” con la sua storia. I socialisti di Sanchez vincono, ma senza maggioranza, col boom dell’ultradestra di Vox. Rivera ha ribadito che si assume “tutta la responsabilità personale” della sconfitta nel voto di ieri. Ciudadanos esce dalle urne ridimensionato a soltanto 10 seggi, rispetto ai 57 della precedente legislatura. “Voglio essere felice, lo sono stato però adesso lo sarò fuori dalla politica”, ha detto. Albert Rivera  si è imposto negli ultimi anni come una delle principali figure politiche in Spagna. Da avvocato, a Barcellona, nel 2006 fu coinvolto in una piattaforma politica “sconosciuta e in cui nessuno credeva” ha raccontato lui stesso. Un’iniziativa che è diventata poi un movimento ed un partito, alla ricerca di uno spazio di centro nel panorama politico spagnolo, liberale, e nato con una spiccata connotazione catalana, proponendo un approccio intransigente alla questione indipendentista. Ciudadanos entrò così in parlamento nel 2015, e con un certo clamore per le sue caratteristiche di novità e freschezza proprio mentre diventava evidente una crisi profonda nella politica spagnola, che ha portato al lungo periodo di instabilità e anche all’attuale stallo.

Toscana, ancora piogge e temporaliCodice giallo fino il 12 novembre dalle 9 a mezzanotte

FIRENZE11 novembre 201914:23

– Ancora tempo instabile e perturbato sulla Toscana. La Sala operativa unificata, confermando il codice giallo odierno per piogge sul basso Tirreno, ne emette un altro per domani, martedì 12 novembre, dalle 9 alla mezzanotte, per deboli precipitazioni sparse al mattino sulle zone appenniniche e meridionali, in estensione a gran parte della regione dal pomeriggio quando potranno assumere anche carattere di rovescio e localmente temporalesche soprattutto sulle zone meridionali e l’Arcipelago.
Per domani è anche previsto un rinforzo graduale dei venti settentrionali con raffiche fino a 70 km/h sui crinali appenninici, attorno al Monte Amiata, sulla costa meridionale e Arcipelago a sud dell’Elba. VAI ALLE PREVISIONI METEO INTERATTIVE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Amianto alla Pirelli, una condanna
Un anno reclusione ex direttore stabilimento oggi 91enne

TORINO11 novembre 201914:28

– Una condanna e sette assoluzioni: si è concluso così, oggi in Tribunale a Torino, il processo per le morti per esposizioni da amianto negli stabilimenti Pirelli di Settimo Torinese. Sul banco degli imputati otto ex manager dell’azienda. Luigi Penna, 91 anni, direttore dello stabilimento dal 1970 al 1985, è stato condannato a un anno di reclusione per omicidio colposo in seguito al decesso di un operaio. Gli altri sette, accusati a vario titolo di omicidio e lesioni, sono stati assolti: alcuni per non aver commesso il fatto, altri ancora per intervenuta prescrizione.
Il pm Vincenzo Pacileo aveva chiesto condanne dai due ai tre anni di reclusione. Trentotto i casi contestati: 23 decessi avvenuti tra il 2011 e il 2014 e 15 lesioni. Gli operai affetti da mesotelioma e linfoma avevano lavorato nello stabilimento tra la fine degli anni ’60 e la fine degli anni ’90.

Calabria, da oggi allerta rossa maltempoAggravate previsioni per temporali diffusi e mareggiate

CATANZARO11 novembre 201914:56

– La Protezione civile regionale della Calabria ha diffuso un messaggio in cui aggrava l’allerta meteo già diramato ieri, trasformandolo da arancione a rosso su gran parte della regione a partire da oggi pomeriggio e per tutta la giornata di domani. In particolare, la Protezione civile regionale prevede piogge e temporali diffusi, con venti forti e mareggiate lungo le coste esposte.
In base alle previsioni meteo, quindi, è stato emessa l’allerta rossa su tutta la provincia di Reggio Calabria e sulla costa ionica catanzarese, crotonese e cosentina per criticità idrogeologiche e/o idrauliche e costiere, e arancione sulla fascia tirrenica cosentina ed il vibonese.
Già oggi in numerose città, tra cui Catanzaro e Crotone, le scuole sono rimaste chiuse.

Pasticciotto dedicato a BalotelliDopo i fatti di Verona. E’ al cacao decorato col tricolore

BARI11 novembre 201915:11

– Il pasticciotto leccese contro ogni forma di discriminazione. Dopo aver realizzato nel 2008 il ‘pasticciotto Obama’, il pasticciere salentino Angelo Bisconti, ha deciso di dedicare a Mario Balotelli un pasticciotto al cacao contro il razzismo, decorato con il tricolore per esprimere la sua solidarietà al calciatore dopo i fatti di Verona. Nel giugno 2019 l’artigiano ha ideato il ‘pasticciotto arcobaleno Rainbow’ per celebrare i 50 anni dei moti di Stonewall, che diedero inizio ai movimenti di liberazione del mondo omosessuale. Questa sua creazione ha raggiunto New York, protetta in una teca di resina: sarà il primo oggetto italiano esposto nello Stonewall inn, il bar in cui cominciarono le rivolte del movimento Lgbt del ’69. Il pasticciotto in onore di Balotelli è stato presentato in un incontro alla Regione Puglia dall’assessore allo Sviluppo economico Mino Borraccino che ha ricordato di aver sollecitato il Consiglio regionale a discutere la proposta di legge contro l’omotransfobia.

Maltempo: allerta arancione in PugliaDa questa sera alle 20 e per 24 ore

BARI11 novembre 201915:27

– Allerta arancione per rischio idrogeologico per temporali e vento localizzato su tutta la Puglia da questa sera alle 20 e per le successive 24 ore.
Rischio idraulico su bacini del Lato e del Lenne, del Candelaro, Cervaro e Carapelle e del Basso Ofanto.
Le precipitazioni, informa la Protezione civile regionale, saranno diffuse e persistenti, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sul settore Tarantino della Puglia, con quantitativi cumulati da elevati a molto elevati; diffuse e persistenti, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sul resto della Puglia centromeridionale, con quantitativi cumulati da moderati a elevati; da sparse a diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, sui restanti settori della regione, con quantitativi cumulati generalmente moderati. I fenomeni saranno accompagnati da frequente attività elettrica.
Venti di burrasca sud-orientali, con rinforzi da burrasca forte a tempesta. Forti mareggiate lungo le coste esposte.

Spray peperoncino in corridoio scuolaDisturbi non gravi per cinque studenti istituto superiore Perugia

PERUGIA11 novembre 201915:31

– Alcuni studenti di un istituto superiore di Perugia hanno accusato disturbi comunque non gravi dopo essere stati investiti da dello spray al peperoncino spruzzato in aria in uno dei corridoi all’interno della scuola.
Su quanto successo hanno svolto accertamenti i carabinieri.
All’istituto sono intervenute tre ambulanze inviate dalla centrale operativa del 118. Cinque studenti che lamentavano disturbi respiratori e bruciore agli occhi sono stati portati al pronto soccorso in codice verde. Le loro condizione – riferisce il Santa Maria della Misericordia – non sono risultate gravi.

Procura, ergastolano resti in carcereDomani interrogatorio davanti gip per tentato omicidio e rapina

MILANO11 novembre 201915:49

– Antonio Cianci, l’ergastolano 60enne che tra il ’74 e il ’79 uccise un metronotte e 3 carabinieri e poi venerdì scorso, in permesso premio, ha tentato di uccidere un anziano per rapinarlo all’ospedale San Raffaele, deve restare in carcere, oltre che per l’ergastolo da scontare, anche con le nuove accuse di tentato omicidio e rapina. Lo chiede la Procura di Milano che stamani, col pm Nicola Rossato, ha inoltrato all’ufficio gip la richiesta di convalida del fermo e di custodia cautelare.
Cianci sarà interrogato domani nel carcere di San Vittore dove ora è detenuto dopo il nuovo arresto. Un’equipe di psicologi, criminologi, educatori in una relazione favorevole del carcere aveva dato atto del percorso positivo di Cianci e del suo cambiamento, tanto che il Tribunale di Sorveglianza a fine luglio diede l’ok ai permessi premio. Nel frattempo, il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede ha dato mandato all’Ispettorato di compiere accertamenti preliminari sulla vicenda.

Ferrovie: gusto a Livorno, ritardiInconveniente tecnico riparato in circa un’ora

LIVORNO11 novembre 201915:58

– Un inconveniente tecnico agli impianti di circolazione tra Livorno e Quercianella (Livorno) ha determinato alcuni ritardi e cancellazioni sulla linea Firenze-Pisa-Livorno. I convogli in viaggio hanno registrato, fa sapere Ferrovie, fino a 80 minuti di ritardo mentre sei treni regionali sono stati limitati nel percorso e altri sei sono stati cancellati.
Il guasto è stato riparato in circa un’ora.

Diffamò Salvini, sacerdote condannatoA don Giorgio De Capitani inflitta una pena pecuniaria

LECCO11 novembre 201916:06

– Don Giorgio De Capitani, 81 anni, sacerdote delle Brianza Lecchese, è stato condannato dal giudice di Lecco, Nora Lisa Passoni, per aver diffamato il leader della Lega, Matteo Salvini. La vicenda risale al 2015, quando il sacerdote pubblicò sul suo blog e sui social post ritenuti diffamatori nei confronti di Matteo Salvini che lo querelò. Lo scorso 23 ottobre Salvini, assistito dall’avvocatessa Chiara Eccher, si era presentato in tribunale a Lecco e aveva risposto alle domande del Pm Paolo Del Grosso e degli avvocati Emiliano Tamburini e Marco Rigamonti, legali del sacerdote. Oggi nuova udienza in cui è stato sentito il teste chiave, Luca Morisi, responsabile della comunicazione del leader della Lega, e la deposizione di don De Capitani. Il pm ha chiesto la condanna a una pena pecuniaria di 10mila euro, mentre la difesa ha invocato l’assoluzione “perché il fatto non costituisce reato”. Il giudice ha condannato il sacerdote al pagamento di 7.500 euro, oltre al risarcimento del danno per 7mila.

Atteso un metro di neve in Alto AdigeIn vista forti precipitazioni domani e venerdì

BOLZANO11 novembre 201916:15

– Dopo l’estate di San Martino l’inverno: sono le due facce di questo autunno in Alto Adige.
Alla neve caduta nei giorni scorsi in quota nei prossimi giorni si aggiungerà altra. Attualmente sta leggermente nevicando al Brennero.
Come spiega il meteorologo provinciale Dieter Peterlin, soprattutto domani sera e venerdì sono attese forti precipitazioni con neve in quota, in alcune zone della provincia addirittura fino ad un metro. Il servizio meteorologico austriaco Zamg annuncia al Brennero 40 centimetri di neve entro mercoledì. L’attrezzatura invernale è indispensabile.

Maltempo:Roma,bloccati in auto per acquaSu via Ardeatina,anche due bambini.Chiusa stazione metro Manzoni

ROMA11 novembre 201916:46

– Allagamenti di cantine, garage e abitazioni piano terra, alberi abbattuti e strade allagate a Roma e Provincia a causa delle forti piogge delle ultime ore. I vigili del fuoco hanno soccorso quattro persone con due bambini rimaste bloccate in due auto dall’acqua alta in via Ardeatina.
Sono oltre 50 gli interventi effettuati dai vigili del fuoco di Roma per il maltempo. A quanto riferito dai pompieri, sono intervenuti anche per un incendio di una centrale elettrica che ha bloccato le forniture di energia, in via Giuseppe Parini nei pressi del comune di Padiglione. Al momento non si segnalano feriti. Chiusa la stazione della metro Manzoni a Roma a causa di un allagamento legato alle forti piogge delle ultime ore. E’ la seconda chiusura in pochi giorni per il maltempo. Disagi in giornata anche nelle stazioni San Giovanni e Furio Camillo che sono state momentaneamente chiuse in entrata e poi riaperte.

Autonomia, Fontana: non la vogliono fare’Proposte per buttare palla avanti ma senza prospettiva’

MILANO11 novembre 201916:51

– “Credo che queste proposte che vengono portate avanti siano semplicemente dei tentativi di buttare la palla avanti, senza una prospettiva”. Lo ha detto il governatore della Lombardia, Attilio Fontana, durante il convegno ‘Metamorfosi’ di Huffpost, parlando della riforma sull’Autonomia. Pensa, gli è stato domandato, che non la vogliano fare? “Io penso che in fondo non la vogliano fare”, ha replicato Fontana.

Maltempo: piogge e venti sull’ItaliaProtezione civile, continua il tempo perturbato, specie al sud

11 novembre 201917:00

– Una vasta e profonda saccatura insiste sulla nostra penisola, accentuando il tempo perturbato, specie al sud con contributo di correnti nord-africane. Da domani, il centro di questa importante depressione si porterà sul tirreno centro-meridionale ed estenderà i fenomeni su gran parte del territorio, intensificando ulteriormente la ventilazione ed in generale incrementando le precipitazioni che potranno risultare diffusamente temporalesche e con quantitativi cumulati anche rilevanti. La Protezione civile prevede dalle prime ore di domani, venti di burrasca, con raffiche di burrasca forte, dai quadranti meridionali su Puglia e Campania e da nord-ovest sulla Sardegna. Forti mareggiate lungo le coste esposte. Prevede, inoltre, precipitazioni diffuse, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Puglia, Campania e Sardegna.

Uccise maialino, arrestato per crudeltàGli ha sparato in testa e ha ripreso la scena con lo smartphone

VENTIMIGLIA (IMPERIA)11 novembre 201917:03

– Un pregiudicato di 32 anni di Ventimiglia, accusato di aver ucciso un maialino con un colpo di pistola alla testa e di aver ripreso la scena con uno smartphone, è stato arrestato dalla polizia in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere firmata dal gip di Imperia. I fatti sono avvenuti nel febbraio scorso a Camporosso, ma l’episodio – dettato da semplice crudeltà – è trapelato oggi. La polizia di Ventimiglia è riuscita a acquisire il video con il quale il pregiudicato aveva voluto documentare il crudele gesto. L’arma non è stata trovata ma la buona qualità delle riprese ha documentato l’accaduto in tutta la sua brutalità consentendo agli investigatori di individuare con certezza il tipo di pistola usata: una pistola calibro 8 modificata in grado di sparare proiettili calibro 7.65 browning.
L’uomo è accusato di uccisione di animali, detenzione illegale di arma comune da sparo e clandestina e ricettazione dell’arma.
le indagini sono ancora in corso.

Sigilli discarica rifiuti tossici OttanaBlitz forestale in terreni ex Enichem, caso sollevato da M5s

NUORO11 novembre 201917:07

– Blitz del Corpo Forestale e di Vigilanza ambientale della Sardegna nell’area industriale di Ottana, dove è stata sequestrata una discarica di rifiuti tossici interrati. E’ stata scoperta mentre erano in corso dei test sul terreno da parte della Syndial in una zona adiacente all’ex stabilimento Enichem. Da qui era sparite 9mila tonnellate di ceneri pesanti, frutto della combustione di rifiuti chimici industriali e ospedalieri. Il caso è esploso nel febbraio scorso con una interrogazione del parlamentare nuorese del M5s Alberto Manca, nella quale chiedeva l’intervento della magistratura per accertare la presenza a Ottana di una discarica abusiva di ceneri derivanti dalla combustione di rifiuti speciali, depositati sul terreno limitrofo al depuratore consortile nella zona industriale.

Si ripara da pioggia in galleria, denunciato Inciampa, cade e blocca traffico ferrovia per 30 minuti

RECCO (GENOVA)11 novembre 201917:29

– Un anziano uomo, a causa della forte pioggia ha trovato riparo all’interno della galleria ferroviaria nello scalo ferroviario di Molinetti, vicino a Recco ma dentro il tunnel è caduto sui binari resi scivolosi dalla pioggia: non si è fatto male ma ha bloccato il transito ferroviario per oltre 30 minuti. Così, al termine dei dovuti accertamenti effettuati dalla pattuglia della Stazione Carabinieri di Recco intervenuta sul posto, l’anziano è stato deferito in stato di libertà per ostacolo alla circolazione ferroviaria.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Procura apre fascicolo su manifesti choc
Dopo gli esposti di ordine medici e M5s Alto Adige

BOLZANO11 novembre 201917:29

– La procura di Bolzano ha aperto un fascicolo sul caso dei manifesti, affissi dal partito secessionista Sued-Tiroler Freiheit in tutto l’Alto Adige, che ritraggono un cadavere e la scritta “Il medico non conosceva il tedesco”, per rivendicare in questo modo l’obbligo di bilinguismo nella sanità pubblica in Alto Adige.
A presentare due esposti erano stati il consigliere provinciale del Movimento 5 Stelle, Diego Nicolini, e il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli.
La procura ha aperto i due fascicoli come atto dovuto, ma per ora sono contro ignoti e non prevedono ipotesi di reato. Si tratta quindi di una fase preliminare degli accertamenti che saranno eseguiti dalla magistratura sulla vicenda.

Truffa a poker con marchingegno, arrestiScoperta bisca clandestina a Gela, vincite assicurate con ‘Pina’

GELA (CALTANISSETTA)11 novembre 201917:30

– Lo chiamavano “Pina” il marchingegno elettronico inventato per leggere le carte da poker, truccate da impercettibili codici a barre, in una bisca clandestina aperta nel centro storico di Gela dove venivano truffati facoltosi giocatori di “Texas Hold’em”, a rilancio libero, senza limiti. Sette gli “uomini d’oro” che avevano messo in piedi questa associazione a delinquere disarticolata dai carabinieri che hanno proceduto all’arresto di tre di loro, ritenuti promotori e organizzatori della grande truffa del valore di centinaia di migliaia di euro. L’operazione denominata “Showdown” è stata portata a termine nelle province di Caltanissetta e Agrigento, in esecuzione di provvedimenti cautelari emessi dal gip del tribunale di Gela, su richiesta della Procura di Gela.

Allerta gialla per vulcano StromboliDivieto escursioni sopra 290 metri e navigazione entro un miglio

11 novembre 201918:08

– Il Dipartimento della Protezione Civile ha disposto il passaggio di livello di allerta per il vulcano Stromboli dal livello arancione al livello giallo mantenendo la fase operativa nazionale di “attenzione” secondo quanto previsto dal Piano Nazionale di emergenza per l’isola di Stromboli. Il livello di allerta giallo, che indica uno stato di potenziale disequilibrio del vulcano, prevede attività di tipo stromboliana elevata o molto elevata, prolungata nel tempo e accompagnata da possibili colate laviche di bassa o media intensità lungo la Sciara del Fuoco e da piccole emissioni di lava confinate in area craterica. “Pertanto – informa la Protezione Civile -, al fine di garantire la sicurezza di tutti i cittadini, rimane in vigore sia l’interdizione alla navigazione di un miglio marino nel tratto di mare antistante la Sciara del Fuoco e sia il divieto di escursioni sopra i 290 metri”.

Maltempo dal nordafrica sferza il sud e risale la penisolaAttesa acqua alta eccezionale a Venezia, allagamenti a Roma

11 novembre 201919:44

Con la nuova perturbazione proveniente dall’Africa la morsa del maltempo ha agganciato le regioni meridionali dell’Italia portando piogge, venti forti e mareggiate, e si appresta a risalire lo stivale. E’ allerta arancione in Sicilia, Calabria e Basilicata. Scuole chiuse a Crotone, Catanzaro e in molti comuni calabri, e lo stesso è avvenuto in Sicilia con scuole chiuse a Ispica e Pozzallo, e in diversi altri centri. Domani l’allerta rossa arriva a Catania dove le scuole saranno chiuse. Danni ingenti ci sono stati nel Salento per la grandine che si è abbattuta sulle coltivazioni.La Protezione civile ha lanciato l’allerta arancione per il rischio di allagamenti e smottamenti in Sicilia, Calabria e Basilicata. Forti disagi anche a Roma, dove allagamenti, chiusure di strade e gallerie, incidenti, hanno mandato ancora una volta in tilt il traffico della capitale. Con il passare delle ore l’allerta investirà la Campania con venti forti di scirocco, raffiche, temporali sparsi, mari mossi. Allerta gialla per due giorni in Toscana e Venezia sorvegliata speciale in vista dell’alta marea che si prevede di notevole entità per effetto di questa nuova depressione nordafricana. La situazione meteorologica a Venezia, infatti, con forte calo barico, venti di scirocco molto sostenuti nell’Adriatico centro-meridionale e di bora nel Golfo di Trieste, indica la possibilità di maree eccezionali per domani e mercoledì.Domani in particolare, i modelli previsionali del Centro maree del Comune dicono che l’acqua alta raggiungerà i 140 centimetri. In serata, alle 23, nuovo possibile picco di 145 centimetri e mercoledì mattina si tornerà a toccare il livello di 145. Vista la situazione meteorologica, ritenuta “altamente dinamica”, questi due ultimi valori potrebbero essere rivisti in aumento, anche con il superamento della soglia di 155 centimetri. Il Centro Funzionale Decentrato dell’Arpav prevede domani e dopodomani precipitazioni diffuse con quantitativi abbondanti di pioggia.A fronte di queste previsioni, verrà attivato il Centro di Comando previsto per il ‘Piano acqua alta’ per coordinare tutti i servizi della città e monitorare l’evolversi della situazione. In Alto Adige, finita l’estate di San Martino, arriva la neve con 40 centimetri al Brennero che rendono indispensabile l’attrezzatura invernale. Altra neve si aggiungerà a quella già caduta in quota in questi giorni. Allagamenti di cantine, garage, negozi e abitazioni al piano terra, alberi crollati e strade allagate a Roma e provincia a causa delle forti piogge si sono verificati nelle ultime ore. I vigili del fuoco hanno soccorso quattro persone con due bambini rimaste bloccate in due auto dall’acqua alta in via Ardeatina, nel quadrante sud della capitale. Sono oltre 50 gli interventi effettuati per il maltempo nel perimetro delle mura aureliane. Per allagamento è stata chiusa la stazione della metro Manzoni, Disagi anche nelle stazioni San Giovanni e Furio Camillo che sono state momentaneamente chiuse in entrata e poi riaperte. Giornata di superlavoro per i pompieri che sono intervenuti anche per l’incendio di una centrale elettrica che ha bloccato le forniture di energia, in località Padiglione, ad Anzio sul litorale romano.

Scuola: oggi sit in docenti precariIndetto da maggiori sindacati, chiedono rispetto accordi Governo

11 novembre 201918:42

– Un presidio dei docenti precari è stato organizzato dai maggiori sindacati della scuola oggi pomeriggio a Montecitorio, sotto una pioggia incessante, per chiedere il rispetto pieno degli impegni assunti dal Governo prima a Palazzo Chigi nell’aprile scorso, poi nell’accordo del 1° ottobre con il Ministro dell’Istruzione, “e disattesi nel Decreto Legge 126/2019 con misure urgenti per la scuola”. Salvaguardare la continuità di servizio dei diplomati magistrali garantendo cosi anche la continuità didattica, completare l’attuazione del decreto precari e istituire un sistema strutturale di abilitazioni all’insegnamento sono i tre punti al centro del sit-in che ha animato piazza Montecitorio. “La scuola esige qualità e la stabilità del lavoro ne è condizione imprescindibile; le misure adottate finora non vanno in questa direzione. Occorrono, dunque, una serie di emendamenti al decreto che, in sede di conversione, ne modifichino il testo mantenendo fede ai patti sottoscritti”, dicono i sindacalisti.

Revocato divieto dimora sindaco CrotoneDecisione del Gip. Ha espresso ugualmente volontà di dimettersi

CROTONE11 novembre 201919:05

– Il Gip di Crotone, Michele Ciociola, ha revocato la misura del divieto di dimora che aveva emesso, su richiesta della Procura della Repubblica, a carico del sindaco, Ugo Pugliese, nell’ambito di un’inchiesta sull’affidamento diretto al consorzio sportivo “Daippo” della gestione della piscina comunale. La decisione é stata presa a conclusione dell’interrogatorio di garanzia cui Pugliese é stato sottoposto con l’assistenza del suo difensore di fiducia, l’avvocato Francesco Laratta.
Pugliese ha comunque espresso la sua volontà di dimettersi da sindaco, carica dalla quale era stato sospeso in base alla Legge Severino, “indipendentemente – ha detto – dalla misura adottata e dall’esito dell’interrogatorio di garanzia”, nel momento in cui il prefetto lo reintegrerà, “per potere essere libero di difendersi nel processo e potere dimostrare a tutti, in maniera inequivocabile, di essere estraneo a tutti i fatti contestati e di non essere assolutamente ancorato ad alcun incarico o poltrona”.

Indagato sindaco leghista di GallarateCassani in maxi inchiesta Milano per nomina pilotata avvocati

VARESE11 novembre 201919:21

– Il sindaco leghista di Gallarate (Varese) Andrea Cassani è indagato per turbativa d’asta in uno dei filoni dell’inchiesta milanese su un sistema di tangenti, finanziamenti illeciti, appalti e nomine pilotate con al centro l’ex responsabile FI a Varese Nino Caianiello. L’accusa riguarda una presunta nomina pilotata di 2 avvocati per un parere legale su un’azione di responsabilità intentata dall’ex Giunta di centrosinistra contro gli ex amministratori di una municipalizzata, tra cui Caianiello.

Della Vedova,certezze per cannabis lightSegretario +Europa, emendamento in Senato per sativa legale

ANCONA11 novembre 201919:21

– “Vogliamo ridare certezze, dicendo che tutto quello che riguarda la cannabis sativa, che non è la indica da cui si ricavano hascisc o marijuana, è legale ovviamente nell’esercizio imprenditoriale rispettoso di tutte le altre normative”. Così il segretario di +Europa Benedetto Della Vedova a margine di un evento ad Ancona organizzato dal Gruppo +Europa Marche, coordinato da Mattia Morbidoni, in difesa del settore della cannabis light. Della Vedova ha parlato della presentazione di un “emendamento in Senato che ci auguriamo possa essere discusso nella prima occasione utile per modificare la normativa laddove, introducendo limiti o ancora, dopo alcune sentenze che si sono riferite all’effetto drogante, ha determinato un’incertezza che sta penalizzando fortemente centinaia di imprenditori”. “Nelle Marche come in tante regioni italiane – ha ricordato – ci sono decine, centinaia di imprenditori che hanno investito nella filiera agroindustriale della cannabis sativa”.

Affidi illeciti: ministero,ora inchiestaAl tribunale minori di Bologna. Bonafede,tutela bimbi è priorità

11 novembre 201917:09

– In seguito all’ispezione eseguita immediatamente dopo l’emergere dell’inchiesta “Angeli e demoni” a Bibbiano, tenuto conto degli esiti dell’istruttoria degli uffici, il Guardasigilli Alfonso Bonafede, ha disposto un’indagine amministrativa da parte dell’ispettorato del Ministero della Giustizia al tribunale per i Minorenni di Bologna per accertare eventuali anomalie.
“La protezione dei bambini è una priorità”, ha detto il ministro Alfonso Bonafede.

Riace:sì a ricorso, sindaco ineleggibileSentenza Tribunale Locri, sarà esecutiva dopo tre gradi giudizio

RIACE (REGGIO CALABRIA)11 novembre 201917:02

– Il Tribunale di Locri ha accolto il ricorso che era stato presentato dalla candidata a sindaco di Riace Maria Caterina Spanò, dichiarando l’ineleggibilità di Antonio Trifoli, eletto primo cittadino in occasione delle amministrative svoltesi il 27 maggio scorso.
Maria Caterina Spanò, assistita dall’avvocato Francesco Rotundo, aveva sostenuto l’ineleggibilità di Trifoli in quanto dipendente del Comune, con mansioni di vigile urbano con contratto a tempo determinato. E in quanto tale non poteva beneficiare dell’aspettativa per motivi politici. Spanò capeggiava la lista in cui era candidato a consigliere l’ex sindaco Mimmo Lucano, decaduto dopo il suo arresto nell’ottobre dello scorso anno per i presunti illeciti nella gestione dei migranti. Lucano, comunque, non era stato eletto.
La sentenza con cui é stato accolto il ricorso di Maria Caterina Spanò sarà esecutiva soltanto dopo i tre gradi giudizio. Fino ad allora Trifoli resterà in carica come sindaco.

Condannata foreign fighter italianaLara Bombonati era stata arrestata nel giugno 2017

ALESSANDRIA11 novembre 201914:55

– E’ stata condannata a 2 anni e 8 mesi Lara Bombonati, la foreign fighter italiana accusata di associazione con finalità di terrorismo. La donna è stata ritenuta colpevole di aver fiancheggiato associazioni terroristiche di matrice islamica mentre era in Siria. Arrestata nel giugno 2017, aveva abbracciato la fede islamica e sposato Francesco Cascio, un combattente italiano che risulterebbe morto in ‘battaglia’.

Segre: solidarietà dall’associazione La Nuova EuropaRenata Colorni e Anna Foa entrano nel Comitato scientifico

11 novembre 201916:04

“Cara Liliana, la nostra associazione, riunita oggi in assemblea, vuole esprimerti tutta la solidarietà per l’importante impegno contro ogni discriminazione”. E’ quanto scrivono il direttivo de La Nuova Europa e il suo presidente Roberto Sommella, in un messaggio alla senatrice a vita Liliana Segre. “Martin Luther King – si legge tra l’altro nel messaggio – diceva che occorre piantare il melo anche sotto le bombe. Noi, grazie al tuo insegnamento, non smetteremo di farlo”.L’assemblea dei soci della Nuova Europa, si legge in una nota, oltre a rinnovare le cariche direttive, ha votato all’unanimità i membri del nuovo Comitato Scientifico composto da Renata Colorni, Anna Foa, Sergio Fabbrini, Raffaele Torino e Angelo Bolaffi.Confermati gli altri organi di vertice, tra cui Roberto Sommella presidente, vicepresidente Raffaella Rizzo, entrano come nuovi probiviri Stefano Polli e Guido Stazi.L’assemblea all’unanimità ha votato la predisposizione di un documento di solidarietà a Segre e annunciato le prossime iniziative: la Scuola d’Europa al Balzac di Parigi (febbraio 2020), la consegna del Premio Chiave d’Europa a David Sassoli, la quarta edizione del Ventotene Europa Festival 2020. La Nuova Europa è un’associazione non profit per la diffusione dei valori solidali in Europa che ha fondato una Scuola d’Europa a Ventotene, cui hanno partecipato oltre 300 studenti provenienti da tutta l’Unione.

Agguato nel Gargano, ucciso capoclanPasquale Ricucci assassinato sotto casa a fucilate

MONTE SANT’ANGELO (FOGGIA)11 novembre 201920:37

– Un presunto elemento di spicco di un clan mafioso del Gargano, Pasquale Ricucci, di 45 anni, è stato ucciso poco fa in un agguato compiuto con colpi di fucile sotto la sua abitazione in via San Pietro, nella frazione ‘Macchia’ di Monte Sant’Angelo. L’uomo è ritenuto dagli investigatori al vertice del clan Lombardi-Ricucci-La Torre, erede dei Romito, da sempre in lotta con il clan dei ‘montanari’ Li Bergolis-Miucci. Sul posto i carabinieri del Reparto investigatovi di Foggia.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 3 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 06:57 ALLE 11:50 DI LUNEDì 11 NOVEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Sgominata banda passeur, sei arresti
Operazione Squadra mobile Aosta e Sco, coordinata da Dda Torino

AOSTA11 novembre 2019 06:57

– La polizia di Stato ha arrestato i presunti vertici di un’articolata organizzazione criminale, dedita al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina – anche attraverso la Valle d’Aosta – con proiezioni internazionali. Si tratta di sei iracheni che sono stati sottoposti a custodia cautelare in carcere.
L’operazione, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Torino e denominata ‘Connecting Europe’, è stata condotta dalla Squadra mobile della questura di Aosta e dal Servizio centrale operativo. L’ipotesi di reato è di associazione a delinquere finalizzata al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Al traforo del Monte Bianco si contano decine di arresti ogni anno di passeur che trasportano in Francia migranti irregolari. I dettagli saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 11 nella questura di Aosta.

Spari a portavalori, ferito vigilanteNel Milanese. Due i banditi che sono fuggiti senza bottino

MILANO11 novembre 201909:46

– Un vigilante di 44 anni è stato ferito con un colpo di pistola alla gamba esploso da due rapinatori che hanno assaltato il portavalori su cui stava viaggiando all’altezza di Segrate (Milano). E’ accaduto alle 7.40, all’esterno del negozio Bricoman, dove i banditi hanno sorpreso le guardie di sicurezza puntandogli una pistola per farsi consegnare il denaro trasportato nel mezzo.
Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della Compagnia di San Donato Milanese, al rifiuto i rapinatori hanno esploso alcuni colpi di pistola, ferendo uno di loro alla gamba. Gli aggressori sono poi scappati a mani vuote mentre il il vigilante è stato trasportato dai colleghi all’ospedale San Raffaele.
Secondo le prime informazioni non si trova in pericolo di vita.

Corruzione nel Varesotto, tre arrestiPerquisizioni della Gdf di Varese

MILANO11 novembre 201909:48

– Tre persone sono state arrestate dalla Gdf di Varese che ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare (2 in carcere ed 1 agli arresti domiciliari) per corruzione, peculato, riciclaggio, reati in materia di appalti, fatture false e truffa ai danni del bilancio di un Comune della provincia varesina. Sono in corso una trentina di perquisizioni da parte di un centinaio di finanzieri, e maggiori informazioni verranno fornite alle 11 nel corso di un incontro con la stampa al Comando provinciale della Gdf di Varese.

50kg fuochi artificio in casa,denunciatoNel Torinese. Primo sequestro in vista della festa di fine anno

TORINO11 novembre 201909:59

– In camera da letto custodiva oltre 50 chili di fuochi d’artificio. Un ventenne è stato denunciato dalla guardia di finanza che ha scoperto nella sua abitazione, nei pressi di Beinasco (Torino), un’improvvisata quanto pericolosa santabarbara.
Il tutto era accatastato in modo improvvisato nella sua camera da letto, come un normale arredo. Il materiale esplodente era stoccato senza alcuna autorizzazione, in violazione di tutte le minime norme di sicurezza. In caso di esplosione, le conseguenze sarebbero state devastanti non solo per il giovane e per la sua famiglia, ma per tutti i condomini della palazzina.
Le indagini proseguono per stabilire la provenienza degli artifici pirotecnici e soprattutto se dietro questo primo sequestro dell’anno, ci sia una compravendita illegale di fuochi in vista dei festeggiamenti di fine 2019. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Tre alpinisti salvati sull’Ortles
Recuperati all’imbrunire dall’elisoccorso dalla parete Nord

BOLZANO11 novembre 201910:15

– Tre alpinisti tedeschi sono stati tratti in salvo dalla parete Nord dell’Ortles. Ieri sera, all’imbrunire, hanno lanciato l’allarme perché a 100 metri dalla vetta non riuscivano ad andare avanti. Il soccorso alpino di Solda li ha accompagnati all’anticima, dove sono stati recuperati e portati a valle dall’elisoccorso Pelikan. I tedeschi erano stremati, con lievi sintomi di ipotermia, ma comunque in buone condizioni.

Stato-mafia:Berlusconi in aula a PalermoCitato dai legali dell’imputato Marcello Dell’Utri

PALERMO11 novembre 201911:02

– L’ex premier Silvio Berlusconi è arrivato nell’aula bunker dell’Ucciardone di Palermo dove dovrebbe deporre davanti alla Corte d’Assise d’Appello che celebra il processo di secondo grado sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia. Citato dai legali dell’imputato Marcello Dell’Utri, verrà sentito come testimone assistito.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 4 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 15:27 DI DOMENICA 10 NOVEMBRE 2019

ALLE 06:57 DI LUNEDì 11 NOVEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ambulante ucciso, vandalizzata targa
Coperta con vernice nera, ma messaggio viene riscritto

FIRENZE10 novembre 2019 15:27

– Coperta da ignoti con della vernice nera la targa in ricordo di Idy Diene, il venditore senegalese ucciso a Firenze dall’ex tipografo Roberto Pirrone il 5 marzo 2018, che era affissa sul ponte Vespucci, nel punto esatto dove l’uomo fu ammazzato a colpi di pistola. Lo rende noto Daniela Chironi, ex candidata al consiglio comunale con Firenze Città Aperta, su facebook scrivendo: “L’avete vandalizzata? Noi la rimetteremo”. “Qualcuno era così infastidito dalla targa in memoria di Idy Diene da averla coperta con la vernice – sottolinea Chironi postando una foto della targa interamente coperta da vernice nera -. La targa gli era stata dedicata dalle cittadine e dai cittadini antirazzisti e affissa sul Ponte vespucci, nel punto in cui Idy aveva trovato la morte, e diceva così: ‘a Idy Diene assassinato da mano razzista’”. Sopra la vernice nera che copre la targa in ricordo dell’ambulante senegalese è stato poi riscritto, utilizzando della vernice bianca, il messaggio originario.

Cade in motocross, ferito bimbo 8 anniCrossodromo di Siniscola, incidente anche per un 48enne

NUORO10 novembre 201918:15

– Due incidenti si sono verificati durante alcune gare al crossodromo di Berchida, nel territorio comunale di Siniscola (Nuoro). Un bambino di 8 anni è stato trasportato con l’elisoccorso all’ospedale San Francesco di Nuoro per un trauma addominale. In pronto soccorso è arrivato anche un motociclista di 48 anni per una frattura al piede. I due incidenti, secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Siniscola intervenuti sul posto, sono avvenuti in due gare separate. Il bambino e il 48enne sono caduti durante le competizioni e sono stati subito soccorsi. Le loro condizioni non sono gravi.

Ergastolano: figlia vittima, è ignobileDaniela Lia,con permesso creato altro dolore e oltraggio memoria

MILANO10 novembre 201918:34

– “Sono sconvolta dal fatto che si sia permesso a questo essere ignobile, che massacrava senza pietà, di mettere un’altra famiglia in condizioni di dolore, calpestando e oltraggiando, tra l’altro, ancora la memoria di mio padre e dei suoi colleghi”. Così Daniela Lia, figlia di Pietro Lia, carabiniere ucciso assieme ad altri due militari nel ’79 da Antonio Cianci, ha commentato il tentato omicidio compiuto da Cianci dopo aver ottenuto un permesso premio.
Sua madre “non si riprese mai dalla morte di mio padre, fu lacerata per sempre dal dolore, ebbe un ictus e morì tre anni fa”. La notte scorsa, spiega Lia, “l’ho passata senza dormire e il dolore si è risvegliato ancora stamattina”. Domenica scorsa, poi, “c’era stata una cerimonia a Melzo” per onorare quei tre militari morti in servizio nel ’79, ai quali è stato “dedicato anche un cippo in un parco”. Poi la notizia che a quell’uomo “senza scrupoli, né pietà, che uccideva per uccidere non per rapina”, è stato permesso di tornare a colpire.

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Attentato a militari italiani in Iraq
Cinque feriti. Mattarella, solidarietà. Conte segue vicenda

10 novembre 201918:36

– Attentato esplosivo contro militari italiani in Iraq: cinque i feriti, di cui tre in gravi condizioni. L’attentato, riferisce lo Stato maggiore della Difesa, è avvenuto in mattina quando un Ied, un ordigno esplosivo rudimentale, è detonato al passaggio di un team misto di Forze speciali italiane in Iraq. Il team stava svolgendo attività di addestramento (“mentoring and training”) in favore delle forze di sicurezza irachene impegnate nella lotta all’Isis. Tre dei cinque militari sono in condizioni gravi, ma non sarebbero in pericolo di vita. Il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini, “segue con attenzione l’evolversi della situazione”. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha espresso “solidarietà”, mentre il premier Giuseppe Conte “continua a seguire costantemente e con attenzione la situazione”.

Iraq:’è rischio per chi opera sul campo’Ex capo forze speciali, preparati ma non c’è sicurezza assoluta

10 novembre 201918:38

– L’attentato in Iraq ai militari italiani è “il rischio” che corre chi “opera sul campo”: perché l’addestramento “non si fa in una caserma ma sul terreno”. Lo dice il generale Marco Bertolini, ex comandante della Folgore e del contingente italiano in Afghanistan ma soprattutto ex capo delle forze speciali italiane. “I militari che operano sul campo sono persone preparate, che sanno quello che fanno e lo fanno con passione – dice il generale – Ma in quelle situazioni, e soprattutto contro gli Ied, non esiste una contromisura che garantisca la sicurezza assoluta”.

Carcere su ergastolano, ‘era cambiato’Permesso premio per 12 ore, ‘non più pericoloso ma era maturato’

MILANO10 novembre 201919:31

– Dava atto del suo cambiamento, del suo percorso positivo, della sua consapevolezza, maturità, affidabilità, la relazione del carcere di Bollate favorevole alla concessione del permesso premio, disposto dal Tribunale di Sorveglianza di Milano, per Antonio Cianci, l’ergastolano 60enne che ieri ha tentato di uccidere un anziano e che quarant’anni fa aveva ucciso tre carabinieri. Il permesso “di 12 ore” era stato concesso sulla base di una norma che prevede la valutazione di buona condotta e assenza di pericolosità sociale.
Da quanto si è saputo, il Tribunale di Sorveglianza, con un provvedimento dello scorso 26 luglio, ha disposto la concessione dei permessi premio per Cianci (dall’estate in poi era già uscito 3-4 volte) sulla base di una relazione favorevole del carcere di Bollate che attestava il cambiamento reale del detenuto. Un carcere-modello dove il 60enne era arrivato nel 2017 (prima era sempre stato detenuto ad Opera) dopo un’altra valutazione positiva.

Maltempo, domani scuole chiuse a CrotoneDecisione dopo comunicazione Protezione civile per meteo avverso

CATANZARO10 novembre 201920:46

– Scuole chiuse domani a Crotone e in altri comuni della Calabria per l’allerta arancione diramata dalla Protezione civile regionale per condizioni meteorologiche avverse con precipitazioni diffuse e intense e forti venti valida dalle 12 alle 22 dell’11 novembre. A disporre la chiusura degli istituti di ogni ordine e grado è stato il vice sindaco della città Benedetto Proto.
Analoga decisione è stata adottata dal sindaco di Borgia (Catanzaro), Elisabeth Sacco, che ha firmato un’ordinanza di chiusura per la giornata di domani di tutte le scuole sul territorio cittadino così come i primi cittadini di altri centri della provincia di Catanzaro.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 5 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 11:02 ALLE 15:27 DI DOMENICA 10 NOVEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ridà 1000 euro a Stato in centesimi
Ritardo in consegna 5×1000, ‘ora ministero venga a prenderseli’

BRESCIA10 novembre 201911:02

– Protesta del sindaco di Malegno (Brescia), piccolo Comune dell’Alta Vallecamonica, che deve restituire allo Stato il cinque per mille che gli abitanti, duemila in totale, hanno devoluto al municipio nel 2014. Una cifra poco superiore ai mille euro. Il primo cittadino Paolo Erba ha preparato 168 chili di monetine da un centesimo, raccolti in sei sacchi.
L’Amministrazione comunale di Malegno non aveva rendicontato in tempo la somma del cinque per mille, ma con venti giorni di ritardo e per questo il ministero ha chiesto di restituire la somma. “Ora il ministero venga a ritirare i soldi” dice Erba.
“Vivo la sensazione di essere considerato come la Banda Bassotti che cerca di rapinare Paperon de Paperoni dei suoi sacchi pieni di monete” aggiunge il sindaco spiegando la sua protesta.

Latte: 150 pastori sardi indagatiTra loro c’è anche uno dei portavoce al tavolo ministeriale

ORISTANO10 novembre 201911:31

– Sono circa 150 gli avvisi di garanzia arrivati ad altrettanti pastori sardi per il blocco della strada statale 131 “Carlo Felice” all’altezza di Abbasanta (Oristano) a febbraio scorso, nei primi giorni della protesta.
Lo rileva la Nuova Sardegna e lo conferma Gianuario Falchi, uno degli allevatori che è stato delegato al tavolo ministeriale delle trattative e che ora è finito nel registro degli indagati della Procura di Oristano per manifestazione non autorizzata, violenza privata aggravata in concorso e danneggiamento aggravato in concorso.
“Dopo otto mesi arrivano le denuncie e non le soluzioni e questo non aiuta di certo – spiega amareggiato lo stesso Falchi – nel frattempo si deve convivere con un annata che è un disastro e con queste nuove spese legali per difenderci da un accusa che, secondo me, è infondata”.

Incendiò casa e uccise sorelle, presoDonne morte nel 2015 in abitazione nel milanese

MILANO10 novembre 201912:22

– Un uomo di 68 anni è stato arrestato dai carabinieri perché ritenuto responsabile dell’omicidio volontario aggravato delle sue due sorelle, il 13 aprile 2015, commesso incendiando l’abitazione in cui dormivano a Cerro Maggiore (Milano). Le indagini, svolte su delega della Procura Generale della Repubblica di Milano, hanno preso avvio a seguito dell’avocazione del fascicolo processuale precedentemente in carico alla Procura di Busto Arsizio.

Danni ingenti dopo grandinata in Salento’Azzerati alcuni campi di verdure invernali’

PARABITA (LECCE)10 novembre 201912:37

– Una grandinata di straordinaria intensità si è abbattuta nelle ultime ore in provincia di Lecce, soprattutto nella zona di Parabita, e ha prodotto danni ai campi di verdure invernali. A darne notizia è Coldiretti Puglia che ha accertato l’azzeramento delle colture di cavoli, broccoli, cime di rapa e delle piantine di fragole appena messe a dimora.
“Gli eventi climatici estremi – denuncia Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia – aggravano il rischio di desertificazione in Puglia, dove in soli 2 mesi sono stati registrati 25 episodi meteorologici straordinari tra tornado, trombe d’aria e grandinate improvvise, che si alternano a persistenti periodi di siccità. Vaste aree del foggiano, del leccese e del tarantino sono ad alto rischio desertificazione, a rischio medio alcune zone della provincia di Bari. Servono intervertenti infrastrutturali per non disperdere l’acqua piovana e manutenzione ordinaria e straordinaria di canali di scolo, invasi e reti irrigue, abbandonati da decenni”.

Chiuso tratto A11, 16 caprioli catturatiSaranno liberati nell’area protetta dell’Acquerino

PISTOIA10 novembre 201912:40

– E’ di 16 caprioli catturati il bilancio dell’intervento di ‘bonifica’ di animali selvatici, in particolare ungulati, che ha comportato la chiusura di un tratto di circa 25 km sull’autostrada A11 Firenze-Pisa Nord, tra Prato Ovest e Montecatini Terme (Pistoia). Gli animali sono stati catturati nell’area a fianco del casello autostradale di Pistoia e saranno liberati sulle colline pistoiesi. L’operazione è durata circa un’ora e 20 minuti, l’autostrada A11 è rimasta chiusa dalle 6 fino a poco dopo le 9, in largo anticipo rispetto al previsto perché la riapertura del tratto autostradale era inizialmente fissata per le 12. Gli animali sono stati catturati con delle reti, quindi sono stati bendati e collocati in appositi contenitori chiusi. Le operazioni si sono svolte alla presenza di personale dell’Asl e di veterinari. Ai caprioli catturati sono stati apposti dei bollini identificativi, poi sono stati caricati su due camion e trasportati nell’area protetta dell’Acquerino, nel Pistoiese, per essere liberati.

Viola divieto avvicinarsi ex, arrestatoMisura cautelare per 35enne di Sinalunga

SINALUNGA (SIENA)10 novembre 201913:35

– Ha violato il divieto di avvicinarsi alla ex compagna, una 28enne residente a Orvieto, e all’obbligo di allontanarsi dalla casa familiare: per questo un 35enne di Sinalunga (Siena) è stato posto agli arresti domiciliari. L’ordinanza della custodia cautelare, emessa dal tribunale di Firenze per impedire all’uomo di avvicinarsi nuovamente all’ex, è stata eseguita ieri dai carabinieri che ora verificheranno quotidianamente la presenza dell’uomo all’interno della propria abitazione.

Inseguimento rapinatori a Roma, sparato un colpoE’ avvenuto su Corso Francia: malviventi a bordo di uno scooter fuggono e finiscono contro volante. I due arrestati

ROMA10 novembre 201914:08

Un colpo d’arma da fuoco in aria è stato esploso durante un’operazione di polizia a Roma. Secondo quanto si è appreso, i Falchi della Squadra Mobile hanno intercettato due rapinatori di Rolex, a bordo di un ciclomotore, su Corso Francia e durante l’inseguimento sarebbe stato esploso un colpo a scopo intimidatorio. A quel punto i rapinatori hanno fatto inversione e sono poi scappati contromano, terminando la loro fuga contro una volante della Polizia. I due sono stati arrestati. Due poliziotti sono rimasti feriti.

Spara a genero per punirlo, arrestatoIn manette 63enne. Mancata vittima fermata per maltrattamenti

ISOLA CAPO RIZZUTO (CROTONE)10 novembre 201914:40

– Avrebbe deciso di punire il genero sparandogli alcuni colpi di pistola contro, ma mancando il bersaglio, a causa dei maltrattamenti continui di quest’ultimo nei confronti della propria consorte e dei figli. Un uomo di 63 anni è stato arrestato dai carabinieri a Isola Capo Rizzuto con l’accusa di tentato omicidio.
L’uomo avrebbe sparato contro il genero di 39 anni mentre questi si apprestava a salire sulla propria auto senza però riuscire a colpirlo e danneggiando solo la carrozzeria della vettura.
L’arma utilizzata, legalmente detenuta dallo sparatore, è stata sequestrata assieme ai bossoli e al rimanente munizionamento. Il trentanovenne è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto per maltrattamenti in famiglia.

Papa: si rispetti dignità lavoratoriFrancesco durante l’Angelus, si prevengano rischi corruzione

CITTA’ DEL VATICANO10 novembre 201913:00

– “Oggi in Italia si celebra la Giornata Nazionale del Ringraziamento per i frutti della terra e del lavoro. Mi associo ai Vescovi nel richiamare il forte legame tra il pane e il lavoro, auspicando coraggiose politiche occupazionali che tengano conto della dignità e della solidarietà e prevenendo i rischi di corruzione. Che ci sia lavoro per tutti, ma lavoro vero non di schiavi”. Lo ha detto papa Francesco durante l’Angelus di oggi.

Scomparsi, si riparte da caso Mirella GregoriCon P. Orlandi da 12/11. Sorella Gregori, 36 anni e ancora buio

10 novembre 201913:43

– È il 7 maggio 1983, un sabato pomeriggio di primavera. In via Nomentana 91, a Roma, suona un citofono. “Mamma, scendo cinque minuti”, dice Mirella Gregori, 15 anni. Sotto ci sarebbe Alessandro, un compagno delle medie per il quale ha avuto un debole. Mirella scende, sorridente, con la chioma di riccioli scuri e, forse, anche un po’ di batticuore. È l’ultima volta che la mamma la vedrà, perché quel pomeriggio Mirella svanisce nel nulla. Solo 44 giorni dopo, un’altra ragazza incontra lo stesso destino. Sempre a Roma, sempre a 15 anni. È Emanuela Orlandi e da allora le due storie si legano in una fitta rete di misteri. Mai risolti.
È con lo speciale sul “caso” di Mirella Gregori che parte la terza stagione di “Scomparsi”, la docu-serie in onda da martedì 12 novembre alle 22 su Crime Investigation (Sky, 119), nuovamente con Pietro Orlandi, fratello di Emanuela, su e giù per la penisola a incontrare familiari e amici di persone ancora oggi sparite nel nulla. “Quando sentimmo alla tv di Mirella – racconta lui – sembrava una situazione molto lontana da noi. Mio padre disse ‘a noi queste cose non succederanno mai perché non abbiamo una lira’. E invece poche settimane dopo scomparve Emanuela”.
“A che punto siamo? Che dopo 36 anni sto ancora cercando mia sorella”, aggiunge Maria Antonietta Gregori.
Pochissime le certezze, per un mistero che qualcuno custodisce da allora, continuando a proteggere i colpevoli. Ma chi sono? Mirella ed Emanuela sono davvero, come si pensò presto, vittime dello stesso intrigo di terrorismo, servizi e segreti e politica? “I dubbi e le domande sono tanti”, prosegue Maria Antonietta. “Spero davvero che questo speciale sia uno spunto di riflessione per chi vuole e chi può. Per chi c’era, per gli inquirenti, per chi oggi è adulto e potrebbe finalmente liberarsi e parlare”.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 10 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 11:09 ALLE 23:00 DI SABATO 09 NOVEMBRE 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Rigopiano: asta vini, famiglie sconvolte
Fallimento azienda resort, aggiudicate bottiglie a 1.800 euro

PESCARA09 novembre 2019 11:26

– “Un annuncio ha sconvolto le famiglie delle vittime dopo che il 30 ottobre, a Pescara, si è tenuta un’asta delle bottiglie di vino pregiato che si trovavano nell’hotel e che si sono salvate dalla valanga”. A renderlo noto è l’avvocato Romolo Reboa che, insieme ai legali Gabriele Germano, Massimo Reboa, Silvia Rodaro, Maurizio Sangermano e Roberta Verginelli assiste le famiglie di quattro vittime della tragedia dell’Hotel Rigopiano di Farindola (Pescara).
“Le ha messe in vendita – prosegue Reboa – il curatore del Fallimento 70/2010, Del Rosso srl, mentre non è conosciuto chi farà il macabro brindisi al prezzo di aggiudicazione di 1.800 euro e ha partecipato per rilanciare, dato che il prezzo base era di 700 euro. L’annuncio è apparso sul sito Aste Giudiziarie”. Reboa sottolinea che “ciò che ha sconvolto i miei assistiti è che vi è stata una macabra asta che ha visto più persone competere per assicurarsi le bottiglie della cantina della morte”.

Venezia: acqua alta, 104 cm alle 9.20Persistono condizioni favorevoli, domani previsti 110 cm

VENEZIA09 novembre 201911:27

– Nuovo picco dell’acqua alta oltre un metro a Venezia, anche se in misura inferiore rispetto al livello raggiunto ieri. Alle ore 9.20 sono stati infatti registrati 104 centimetri alla stazione di rilevamento di Punta della Salute.
Con questo livello viene allagato circa il 10% del centro storico lagunare. Persistono sulla Laguna di Venezia le condizioni per il ripetersi dell’alta marea: il Centro Previsioni e Segnalazioni Maree comunale prevede per domani alle ore 9:10 la possibilità di un picco di 110 centimetri.

Pedone ucciso, pirata strada si consegnaAveva investito un uomo di 87 anni a Reggio Emilia

REGGIO EMILIA09 novembre 201911:44

– Si è costituito ai carabinieri il pirata della strada che nel tardo pomeriggio di domenica scorsa a Reggio Emilia ha investito un 87enne, morto poco dopo in ospedale. Lo riporta la stampa locale. Il presunto responsabile è un 50enne italiano, incensurato, ora indagato per omicidio stradale e che verrà sottoposto agli esami tossicologici per accertare le sue condizioni di guida. L’uomo era al volante di un Suv, quando avrebbe travolto l’anziano nel quartiere Canalina, a ridosso del centro storico, per poi fuggire.
Con gli inquirenti si sarebbe giustificato dicendo di “non averlo visto” e che si ricorda solo “un tonfo”, ma che “mai avrebbe pensato si trattasse di un uomo”. I militari hanno trovato riscontri coi frammenti ritrovati sul luogo dell’incidente, compatibili con il veicolo dell’uomo che si è consegnato in caserma.

Jicky, spia britannica sul ConeroFu uno degli ‘angeli di Churchill’. La sua storia in un libro

SIROLO (ANCONA)09 novembre 201911:55

– Dalla vita avventurosa come agente segreto al servizio di Sua Maestà durante la Seconda Guerra Mondiale a quella tranquilla come antiquaria nella Riviera del Conero, dove ha vissuto indisturbata per quasi 50 anni e dove è sepolta nel cimitero di Sirolo. E’ la storia di Hazel Juvenal-Smith, nome in codice Jicky, nata 106 anni fa, il 7 novembre 1913, da una famiglia aristocratica inglese.
Intelligente e colta (parlava 4 lingue ed era esperta in perizia calligrafica) entrò a fare parte dei cosiddetti ‘angeli di Churchill’, agenti donne nell’Europa occupata dai nazisti. Jicky operava a Parigi in contatto con la Resistenza francese.
Arrestata e torturata nonostante fosse incinta, riuscì a scamparla. Dopo la guerra e la fine del matrimonio con un imprenditore francese, conosce un giovane italiano e lo segue a Sirolo, dove comincia una nuova vita senza rivelare nulla del suo passato. Muore a 97 anni nel 2011. La sua storia è raccontata nel libro “L’angelo di Churchill” di Nicoletta Maggi.

A Udine Adunata nazionale Alpini 2021Sindaco Fontanini, ‘orgogliosi’

UDINE09 novembre 201912:38

– Sarà Udine a ospitare l’Adunata nazionale degli Alpini nel 2021. Lo ha deciso il Consiglio direttivo nazionale dell’Ana. Una notizia, ha commentato in una nota il primo cittadino del capoluogo friulano, Pietro Fontanini, che “mi riempie di profondo orgoglio sia come friulano che come sindaco della Capitale del Friuli”. “Tra l’altro – sottolinea – il raduno cadrà a quarantacinque anni dal terremoto che vide le Penne Nere in prima linea nei soccorsi e nelle fasi successive della ricostruzione. Anche per questo il nostro popolo è così legato al Corpo degli Alpini, che è diventato per ogni friulano sinonimo di onestà, laboriosità, spirito di sacrificio e solidarietà”. “Questa è una partita alla quale abbiamo sempre creduto come Amministratore e oggi possiamo finalmente brindare a quella che è una meritatissima vittoria per la nostra città e per tutta la Regione”, conclude Fontanini.
E’ la quinta volta che Udine ospita l’Adunata.

Travolte a fermata bus a Roma,tre feritiUna donna e due bambine. Auto perde il controllo

ROMA09 novembre 201914:02

– Una donna e due bambine sono state travolte mentre erano alla fermata dell’autobus in via Oderisi Da Gubbio, in zona Portuense a Roma. Diverse le segnalazioni giunte al Nue 112 che ha attivato 118, vigili del fuoco e forze dell’ordine. La donna è stata trasportata in ospedale in codice rosso mentre le bambine in codice giallo. Ancora da chiarire l’esatta dinamica dell’incidente. Dalle primissime segnalazioni, sembra che un’auto abbia perso il controllo e sia finita contro un cassonetto che avrebbe poi travolto alcune persone alla fermata.

Abusi edilizi lido vip, chiesto giudizioA giudizio anche sindaco di Otranto, allora direttore lavori

OTRANTO (LECCE)09 novembre 201915:11

– Finirà in un’aula di tribunale il caso del Twiga Beach Club di Otranto, il lido destinato ai vip che però non è mai stato aperto, finito sotto sequestro nel maggio 2017 per presunti abusi edilizi. Il gup di Lecce Edoardo D’Ambrosio ha disposto il rinvio a giudizio per Raffaele De Santis, legale rappresentante della società committente dei lavori; Pierpaolo Cariddi, sindaco di Otranto e all’epoca dei fatti progettista e direttore dei lavori, e il dirigente comunale di area tecnica Emanuele Maggiulli.
Esce di scena, patteggiando una condanna a 12 mesi, Giuseppe Tondo, dirigente dell’area ambiente del Comune di Otranto.
Ammessa la costituzione parte civile dell’associazione ambientalista Italia Nostra.
Inizialmente nel progetto era coinvolto anche Flavio Briatore, che ha poi ritirato il proprio marchio alla luce dell’inchiesta penale. Le accuse mosse dalla Procura di Lecce sono abusivismo edilizio, occupazione abusiva di demanio, abuso d’ufficio, falso e deturpamento di bellezze naturali.

Droga: arrestato, ‘ho perso il lavoro’45enne Aretino si difende così

AREZZO09 novembre 201915:12

– “Sono malato, ho perso il lavoro, l’ho fatto per vivere”. Si è difeso così un 45enne aretino, affetto da distrofia muscolare dalla nascita e arrestato dalla squadra mobile di Arezzo, nell’ambito di servizi antidroga svolti nel centro della città. L’uomo, incensurato, è stato trovato in possesso di quasi 40 grammi di cocaina. Il 45enne è stato sorpreso a bordo della propria autovettura in zona Saione dai poliziotti ai quali ha raccontato di aver perso il lavoro a causa della sua malattia e di aver deciso di spacciare droga per vivere. Per l’uomo convalida dell’arresto e domiciliari. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Sub muore durante immersione a Stintino
Colto da malore in acqua, inutili i soccorsi del 118

SASSARI09 novembre 201915:24

– Un pescatore subacqueo di 49 anni, Carlo Ponti, originario di Torino ma residente ad Alghero, è morto durante un’immersione nelle acque di Stintino, nel nord Sardegna.
L’uomo si era immerso in mare dalla spiaggia della Pelosa per una battuta di pesca quando è stato colto da un malore. In suo soccorso sono arrivati sul posto una motovedetta della Guardia costiera salpata da Porto Torres, i sommozzatori dei vigili del fuoco di Sassari e un’equipe medica del 118. Purtroppo i soccorsi sono stati inutili.
Su disposizione della Procura di Sassari la salma è stata trasportata nell’istituto di Patologia forense dove sarà sottoposta ad autopsia per stabilire le cause esatte della morte.

Carceri Foggia-Taranto,cellulari e drogaA Taranto usato un drone per tentare di introdurre stupefacenti

FOGGIA09 novembre 201916:15

– Due cellulari e alcune dosi di stupefacenti sono stati trovati nei giorni scorsi nella Casa circondariale di Foggia, denuncia il segretario del Sindacato polizia penitenziaria-Spp, Aldo Di Giacomo, per il quale “i detenuti continuano a gestire i loro traffici illeciti”. Per Di Giacomo, la struttura “è fuori controllo, complice una grave carenza di organico di polizia e un numero di detenuti oltre il limite massimo tollerabile”. A Taranto, un drone venne usato nel tentativo di consegnare droga e telefonini e per questo sono indagati un 32enne di Bari, ora detenuto a Terni, e la sua convivente. La Mobile di Taranto, con la Penitenziaria, ha notificato ai due la conclusione indagini, partite un anno fa.
Il drone trasportava 280 grammi di hashish, 2,5 di cocaina e due mini cellulari, destinati a lui, allora detenuto a Taranto. Per renderlo meno visibile, la donna aveva disattivati i sensori ottici lampeggianti e così non si accorse di un filo per la biancheria che ne provocò la caduta nel cortile del carcere.

Reggio C.,Applausi funerali Nino CandidoVescovo:dolore incolmabile provocato da chi fuori regole civili

REGGIO CALABRIA09 novembre 201916:25

– Un lungo applauso ha accompagnato l’uscita della bara, avvolta nel Tricolore e con sopra il suo casco di lavoro, di Antonino Candido, dalla Basilica Cattedrale di Reggio Calabria, gremita di autorità e cittadini, dove sono svolti i funerali solenni del giovane vigile del fuoco deceduto, assieme ai due colleghi Marco Triches e Matteo Gastaldo nell’esplosione avvenuta a Quargnento, (Alessandria). Tantissimi i vigili del fuoco in divisa.
“Il dolore per questa morte – ha detto nell’omelia l’arcivescovo metropolita di Reggio Calabria, mons. Giuseppe Fiorini Morosini – è incolmabile, come il dolore per ogni morte; ma tanto più incolmabile questo perché assurdo, provocato dall’odio cieco di chi si pone al di fuori dalle regole del vivere umano e civile e, ahimè, forse anche religioso”.
In prima fila, i familiari, il padre Angelo, la mamma, la giovane moglie di Antonino, Elena, le massime autorità cittadini, il prefetto di Reggio Calabria, Massimo Mariani.

Giochi: a Verona arriva il MonopolyIn piazza 40 caselle dedicate alla città

ERONA09 novembre 201916:55

– Dadi, imprevisti, case e alberghi da acquistare. Verona passa ufficialmente dal “Via” nel più classico e noto gioco in scatola. Oggi il sindaco Federico Sboarina ha svelato l’edizione speciale di Monopoly Verona e il tabellone gigante, allestito davanti al municipio, in piazza Bra, con le tradizionali 40 caselle dedicate alla città. Ad alzare il grande telo c’erano anche la mascotte ufficiale Mister Monopoly, il presidente di Amt Francesco Barini e molte famiglie con bambini, curiosi di iniziare a giocare. Verona è la prima città del nord Italia, la terza dopo Roma e Napoli, ad avere l’edizione personalizzata del Monopoly. “E’ un grande motivo d’orgoglio – ha detto il sindaco Sboarina – che Verona possa vantare un’edizione speciale di Monopoly e che sia stata scelta tra tante città italiane. Questo indica quanto importante sia la percezione di cui gode a livello internazionale, per la sua bellezza e per il valore del patrimonio storico e architettonico di cui è simbolo”.

Tifoso ucciso, scarcerato ultrà NapoliAi domiciliari. Quadro investimento chiaro, nuove testimonianze

MILANO09 novembre 201918:38

– Esce dal carcere e va ai domiciliari Fabio Manduca, l’ultrà napoletano arrestato il 18 ottobre per omicidio volontario per aver travolto e ucciso col suo suv Daniele Belardinelli negli scontri del 26 dicembre 2018 in via Novara, a Milano, prima di Inter-Napoli. Lo ha deciso d’ufficio il gip di Milano Guido Salvini, con l’ok dei pm Michela Bordieri e Rosaria Stagnaro, anche perché gli stessi pm, come precisa il gip, hanno ascoltato di nuovo “tutte le persone, facenti parte della colonna napoletana, che si trovavano sulla autovettura di Manduca” e anche “altri testimoni cosicché tale segmento dell’indagine risulta sostanzialmente completato”. Viene meno, dunque, una delle esigenze cautelari che si basava “essenzialmente sul rischio di condizionamento” da parte dell’arrestato dei testi. I domiciliari ha specificato il gip, vanno eseguiti “in modo rigido” col “divieto” per Manduca “di avere contatti con persone diverse dai suoi familiari”.

Arresti Ancona,interrogatori 11 novembreFaccia a faccia con gip in carcere per il geometra del Comune

ANCONA09 novembre 201919:03

– Si svolgeranno lunedì 11 novembre gli interrogatori di garanzia dei cinque arrestati per corruzione nell’ambito dell’inchiesta ‘Ghost Jobs’ della Procura di Ancona, eseguita da Squadra Mobile e sezione di pg della Municipale, che contesta l’ipotesi di corruzione aggravata legata a una serie di appalti comunali, affidati tra il 2018 e quest’anno, al geometra del Comune di Ancona Simone Bonci (in carcere) e a quattro imprenditori finiti ai domiciliari (Marco Duca, Tarcisio Molini, Carlo Palumbi e Francesco Tittarelli).
Per sentire Bonci, il gip Sonia Piermartini si recherà nel carcere anconetano di Montacuto (9.30) dove il dipendente comunale si trova ora. Per gli imprenditori l’interrogatorio di garanzia dovrebbe svolgersi in mattinata in tribunale ad Ancona.
Gli interessati potrebbero rispondere alle domande del gip o avvalersi della facoltà di non rispondere. Nell’inchiesta sono indagate a vario titolo altre 30 persone, tra le quali quattro assessori, per ipotesi diverse dalla corruzione.

Furto in casa di Serena Grandi a RiminiIeri pomeriggio sarebbero stati rubati alcuni oggetti d’oro

RIMINI09 novembre 201919:21

– Furto ieri sera nella casa riminese dell’attrice Serena Grandi. Sull’accaduto indaga la polizia che vi ha fatto un sopralluogo, in zona Marina Centro. L’allarme è scattato verso le 20 quando la Grandi ha allertato la polizia per un’effrazione. Gli agenti della Questura di Rimini hanno riscontrato la manomissione della porta d’ingresso e secondo l’attrice, che si è riservata di fare un inventario e con calma per integrare la denuncia, sarebbero stati rubati alcuni oggetti d’oro. Il furto sarebbe avvenuto nel pomeriggio. Secondo gli investigatori ci sarebbero buoni spunti per una pista da seguire. L’attrice (che secondo quanto riportano alcuni media online si è detta pronta a parlarne con Matteo Salvini, che domani sarà nella zona di Rimini) già nel 2013 aveva subito un furto al ristorante che gestiva a Borgo San Giuliano di Rimini.

Writer veronese denuncia: bomba carta sotto la mia auto’Cibo’ ricopre con graffiti le svastiche che appaiono sui muri

09 novembre 201919:27

Una denuncia per una presunta ‘bomba carta’ posizionata sotto la propria automobile è stata presentata dall’artista di strada veronese Pier Paolo Spinazzè, noto come “Cibo”, specializzatosi nel ricoprire con i propri graffiti le svastiche che appaiono sui muri. La vicenda risale al 2 novembre scorso, ma la denuncia è stata presentata ieri ai carabinieri. Gli accertamenti sono svolti dalla Digos veronese. Cibo ha dichiarato alla Tgr del Veneto di essere stato svegliato da “un’esplosione” sotto la vettura, che però non ha riportato alcun danno. Solidarietà per il presunto atto intimidatorio è stata espressa nei suoi confronti dall’on Francesca Businarolo (M5S), presidente della commissione Giustizia della Camera.”Cibo, noto artista di strada veronese, è nel mirino di delinquenti estremisti perché cancella svastiche e croci celtiche in giro per le strade, coprendole con disegni legati al cibo. Nei giorni scorsi una bomba carta è stata fatta esplodere sotto la sua auto. Ormai abbiamo ampiamente superato il livello di guardia. Da Verona a Roma si moltiplicano le ritorsioni contro chi cerca di promuovere iniziative culturali contro il razzismo, l’antisemitismo e le discriminazioni”. Lo dichiara la vice capogruppo vicaria del Pd alla Camera Alessia Rotta che aggiunge: “Verona è una città accogliente, inclusiva, civile e democratica che non può essere ostaggio di frange estreme che pensano di poter agire impunite. L’amministrazione comunale e le istituzioni devono pronunciarsi in modo netto e inequivocabile contro ogni episodio criminale di violenza e odio, riaffermando i valori fondanti della nostra democrazia. Il silenzio potrebbe essere scambiato per connivenza. Esprimo tutta la mia solidarietà a Cibo. Grazie per il lavoro straordinario che fai per la nostra città”.
Accoltella uomo, era in permesso premioFermato ergastolano Antonio Cianci. Nel ’79 uccise 3 carabinieri

MILANO09 novembre 201922:14

– Un uomo di 79 anni è stato ferito con una coltellata alla gola mentre si trovava nel parcheggio sotterraneo dell’ospedale San Raffaele di Milano. Le sue condizioni sono gravi, ma non sarebbe in pericolo di vita. A ferirlo è stato Antonio Cianci, il pregiudicato di 60 anni che nell’ottobre del 1979 aveva ucciso tre carabinieri a Melzo (Milano). Detenuto nel carcere di Bollate, Cianci aveva ottenuto, da quanto si è saputo, un permesso premio. L’episodio è avvenuto attorno alle 18 e poco dopo la polizia ha fermato il presunto aggressore con un taglierino sporco di sangue ancora in tasca. Secondo la prima ricostruzione fornita dalla polizia, Cianci avrebbe ferito lo sconosciuto nel corso di una rapina.

Pronta moratoria multe seggiolini fino al 6 marzo Pd presenta emendamento al dl fisco, analoga iniziativa M5S

09 novembre 201915:46

E’ in arrivo una moratoria fino al 6 marzo 2020 per chi non installa nell’automobile il meccanismo antiabbandono sui seggiolini per i bambini fino a 4 anni. Il Pd, secondo quanto si apprende, ha preparato un emendamento al decreto fiscale collegato alla manovra che fa slittare di 4 mesi le sanzioni per chi non si adegua. Il ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli, aveva già dato disponibilità a una moratoria. Analoga iniziativa era stata annunciata nei giorni scorsi anche dal Movimento 5 Stelle.