Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 4 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE!

DALLE 11:04 ALLE 14:34 DI SABATO 17 AGOSTO 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Hong Kong: nastri bianchi pro-democrazia
Annodati alle inferriate della residenza della governatrice Lam

PECHINO17 agosto 2019 11:04

– Le diverse migliaia di professori, che oggi hanno marciato indossando abiti neri, il colore scelto da attivisti e studenti per le proteste pro-democrazia, hanno annodato nastri bianchi alle inferriate di metallo intorno alla Government House, la residenza della governatrice Carrie Lam, a riaffermare la solidarietà al movimento partito a inizio giugno.
In base ai media locali e alle immagini diffuse sui social, il corteo ha ribadito anche la convinzione che Lam debba ascoltare e dare risposte alle domande dei dimostranti, smettendo di fare ricorso alla violenza della polizia per disperdere coloro che partecipano alle manifestazioni.

Sudan: oggi firma accordo su costituzioneTra giunta militare e opposizione, verso governo transizione

IL CAIRO17 agosto 201912:50

E’ prevista per oggi la firma formale della dichiarazione costituzionale tra la giunta militare e l’opposizione civile in Sudan che traghetterà il Paese verso un processo di democratizzazione e libertà elettorale. L’intesa è stata raggiunta il 3 agosto scorso, dopo mesi di trattative fra il Consiglio militare di transizione e le Forze per la libertà e il cambiamento, a seguito delle proteste popolari che hanno portato alla destituzione ad aprile del presidente Omar al-Bashir, al potere da 30 anni, e degli scontri tra le forze di sicurezza e i manifestanti.
L’accordo prevede un periodo di transizione di tre anni guidato da un consiglio sovrano, la cui nomina è prevista per domani, formato da 5 militari e 6 civili che sostituirà la giunta militare attualmente al potere e dovrà riportare la pace tra i vari gruppi armati presenti nel Paese.

Hong Kong: in corso marcia pro-CinaVicino al parlamentino locale, presenti le bandiere cinesi

PECHINO17 agosto 201912:34

– Nel weekend di Hong Kong ad alta tensione c’è anche la manifestazione pro-Pechino, convocata per esprimere contrarietà alla violenza e per tutelare l’ex colonia.
Diverse centinaia di persone si sono ritrovate, sventolando sia le bandiere della città autonoma sia quella rossa con le cinque stelle di Pechino, vicino al complesso del Consiglio legislativo, il parlamentino locale, allo scopo di esprimere il sostegno al governo e alla polizia locali.
Il fronte pro-establishment, ricordano i media locali, difende l’operato degli agenti per tenere sotto controllo le proteste pro-democrazia, accusando i manifestanti avversari di aver minato la stabilità e l’ordine di Hong Kong.

Russia: medici, feriti erano radioattiviDopo lo scoppio del misterioso missile a Severodvinsk

MOSCA17 agosto 201913:40

I medici che hanno soccorso i feriti causati dallo scoppio del misterioso missile nel poligono di tiro di Severodvinsk non sono stati avvisati dalle autorità che avevano a che fare con pazienti esposti alle radiazioni. Lo rivela il Moscow Times. Il quotidiano in lingua inglese ha parlato con cinque membri dello staff dell’ospedale regionale di Arkhangelsk (compreso due medici) che hanno raccontato che i feriti sono arrivati “nudi e avvolto in sacchetti di plastica traslucidi”.

Siria: 7 attivisti morti in raid governoTra le vittime ci sarebbero anche bambini

BEIRUT17 agosto 201913:52

– Attivisti siriani e un osservatorio sui conflitti hanno denunciato che alcuni attacchi aerei nella zona a sud della roccaforte ribelle di Idlib, nel nord-ovest della Siria, hanno ucciso sette persone, tra cui alcuni bambini.
L’Osservatorio siriano per i diritti umani, con sede in Gran Bretagna, ha affermato che tre bambini sono stati uccisi oggi nel villaggio di Deir al-Sharqi, nell’area meridionale di Idlib.
Anche l’agenzia di stampa Thiqa, una piattaforma di media gestita da attivisti, ha riportato le vittime. Nei giorni scorsi, sempre più frequenti attacchi aerei e bombardamenti hanno aumentato il numero di vittime civili, mentre il governo siriano, sostenuto dalla Russia, porta avanti un’offensiva di mesi sull’enclave di Idlib. Attacchi aerei ieri hanno ucciso almeno 13 persone, compresi bambini. La roccaforte di Idlib, abitata da 3 milioni di civili e controllata dai ribelli islamici, si trova al confine con la Turchia ed è circondata da aree controllate dalla Turchia e dal governo siriano.

Berlino, ultramaratona per vittime MuroCento miglia lungo il tracciato della barriera tra est e ovest

BERLINO17 agosto 201914:11

– E’ in corso a Berlino l’edizione di quest’anno di un’ultra-maratona di 161 chilometri che commemora le vittime della passata divisione della città seguendo l’intero tracciato del Muro a 30 anni dalla sua caduta.
La “Mauerweglauf” o “100 meilen Berlin” è lunga appunto 100 miglia e si corre fino a domani, precisa il sito della manifestazione che si svolge dal 2011. Gli atleti, se ne contano circa 650 tra cui più di 25 italiani nella lista dei partecipanti, corrono lungo il tracciato del muro che tra il 1961 e il 1989 circondava l’allora Berlino ovest per impedire le fughe di tedesco-orientali nell’enclave dell’Occidente. Le vittime delle guardie di frontiera furono almeno 138, tra cui cento cittadini della Ddr che cercavano di fuggire, ricorda il sito citando la “Fondazione Muro di Berlino” (lungo tutto il confine fra le due Germanie i morti furono più di 600).
La medaglia-ricordo conferita a chi completa l’impresa ogni anno porta il ritratto di una vittima del Muro.

Diffuse foto turista francese dispersoSindaco di Santa Marina, speriamo possano essere utili a ricerca

SANTA MARINA (SALERNO)17 agosto 201913:57

– Ancora nessuna notizia sulla scomparsa di Simon Gautier, escursionista francese 27enne disperso dal 9 agosto scorso nel Salernitano su un sentiero montano del Golfo di Policastro. Il comune di Santa Marina ha diffuso questa mattina le ultime foto dell’escursionista al suo arrivo alla stazione ferroviaria di Policastro Bussentino l’8 agosto poco dopo le ore 16. Dalle foto, il 27enne indossava un bermuda di jeans, una maglietta e sulle spalle uno zaino.
Lasciata la stazione ferroviaria, ha camminato lungo le strade di Policastro acquistando una bottiglietta d’acqua in un negozio. Poi di lui nessuna traccia dalle ore 16,45 di giovedì 8 agosto. “”Ho fatto visionare le telecamere della video sorveglianza del Comune ieri dopo aver parlato con la madre di Simon, la signora Delfine, che mi ha dato alcune informazioni che non conoscevo – spiega Giovanni Fortunato, sindaco di Santa Marina – Come amministrazione comunale speriamo che queste immagini possano essere utili per le ricerche”.

Papa: tanti via da guerre, sono personeIl messaggio del pontefice al Meeting di Rimini

CITTA’ DEL VATICANO17 agosto 201914:16

– “Tanti nostri contemporanei cadono sotto i colpi delle prove della vita, e si trovano soli e abbandonati. E spesso sono trattati come numeri di una statistica. Pensiamo alle migliaia di individui che ogni giorno fuggono da guerre e povertà: prima che numeri, sono volti, persone, nomi e storie. Mai dobbiamo dimenticarlo, specialmente quando la cultura dello scarto emargina, discrimina e sfrutta, minacciando la dignità della persona”. Lo dice il Papa nel messaggio al Meeting di Rimini.

Annunci
Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 2 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: LEGGI!

DALLE 04:14 ALLE 11:04 DI SABATO 17 AGOSTO 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Mandato Usa per confisca petroliera Iran
Dopo decisione autorità locali di rilasciare la Grace-1

NEW YORK17 agosto 2019 04:14

– Il Dipartimento di Giustizia Usa ha emesso un mandato per la confisca della petroliera iraniana Grace 1, appena rilasciata dalle autorità di Gibilterra, sulla base di violazioni legali che includono la frode bancaria e il riciclaggio di denaro.
Le autorità americane spiegano che la confisca riguarda il petrolio e i 995.000 dollari a bordo della petroliera che, affermano, ha cercato di accedere illegalmente al sistema finanziario americano per sostenere le consegne illegali alla Siria da parte del Corpo delle guardie della rivoluzione islamica.

Hong Kong: nuovo weekend di protesteIn migliaia sotto la pioggia al primo dei 3 eventi autorizzati

PECHINO17 agosto 201909:09

– Migliaia di professori, sfidando la pioggia battente, hanno aperto a Hong Kong le manifestazioni di un nuovo weekend ad altissima tensione, viste le centinaia di mezzi e blindati, e le migliaia di unità paramilitari cinesi convenuti a Shenzhen, a pochi chilometri dall’ex colonia. Hanno espresso solidarietà agli studenti e agli attivisti che 11 settimane fa hanno cominciato a dichiarare il pieno dissenso contro la legge sulle estradizioni in Cina, accusata di ridurre l’autonomia dell’ex colonia britannica a favore di una maggiore interferenza di Pechino. I sindacati dell’Hong Kong Professional Teachers’, promotori dell’evento (dedicato alla “tutela della prossima generazione, lasciamo che le nostre coscienze parlino”), hanno cominciato il raduno a Chater Garden, nel cuore della città, prima di avviare la marcia verso la Government House, la residenza della contestatissima governatrice Carrie Lam. Si tratta di primo dei tre appuntamenti che oggi sono ufficialmente in programma

Maduro, ‘Trump con noi come Hitler”Sta facendo al Venezuela quello che lui ha fatto agli ebrei’

CARACAS17 agosto 201910:10

– Il presidente Nicolás Maduro ha sostenuto che il governo degli Stati Uniti fa al Venezuela quello che “Hitler ha fatto al popolo ebraico durante la II Guerra mondiale”. In un discorso pronunciato a Caracas nel quadro dei ‘Consigli produttivi dei lavoratori’ Maduro ha insistito: “Donald Trump sta facendo al Venezuela quello che Hitler ha fatto al popolo ebraico, perseguitarlo, perquisirlo, bloccarlo”.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

KIM: COREA NORD SARà INVINCIBILE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 1 minuto

KIM: COREA NORD SARà INVINCIBILE

KIM JONG UN AFFERMA CHE LA COREA DEL NORD SARà INVINCIBILE, COMMENTANDO IL LANCIO DI ALTRI 2 MISSILI

AGGIORNAMENTO IN “MONDO” DELLE 04:14 DI SABATO 17 AGOSTO 2019

KIM: COREA NORD SARà INVINCIBILE

SEUL

– La Corea del Nord si doterà di “capacità militari invincibili che nessuno oserà provocare”: lo ha detto il leader di Pyongyang, Kim Jong Un, commentando il lancio di altri due missili ieri.
Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa del Paese KCNA, Kim ha espresso inoltre “grande soddisfazione” per i lanci avvenuti sotto la sua supervisione e per i “tassi di successo misteriosi e sorprendenti” dei suoi test militari.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 1 minuto

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: LEGGILE!

DALLE 01:22 ALLE 01:44 DI SABATO 17 AGOSTO 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Trump, a cena con Tim Cook Cook
‘Apple spenderà molto negli Usa’

NEW YORK17 agosto 2019 01:22

– Donald Trump a cena con l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook. “Cenerò con Cook”: Apple “spenderà molti soldi negli Stati Uniti”, twitta il presidente americano.

Trump dona suo salario da presidente’Restituito al Paese, mi sento molto bene al riguardo’

NEW YORK17 agosto 2019 01:22

– Donald Trump ha donato “il 100%” del suo salario da presidente, ovvero 400.000 dollari, all’Office of the Surgeon General, il dipartimento responsabile per i temi di sanità pubblica. “Li ho restituiti al Paese e mi sento molto bene al riguardo”, twitta Trump.

Afghanistan:Trump fa punto su ritiro Usa’Incontro molto buono’

NEW YORK17 agosto 201901:22

– “Appena terminato un incontro molto buono sull’Afghanistan”. Lo twitta Donald Trump sottolineando che molti vogliono un accordo, se possibile, per la fine di questa guerra che va avanti da 19 anni. Trump ha incontrato i suoi consiglieri per discutere del possibile ritiro delle truppe americane nell’ambito di un accordo in via di definizione con i talebani.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

SISTEMA CONTROLLI AEROPORTI USA IN TILT

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 1 minuto

SISTEMA CONTROLLI AEROPORTI USA IN TILT

IL SISTEMA DI CONTROLLI ELETTRONICO DEGLI AEROPORTI USA PER GLI INGRESSI è IN TILT

AGGIORNAMENTO IN “MONDO” DELLE 01:05 DI SABATO 17 AGOSTO 2019

SISTEMA CONTROLLI AEROPORTI USA IN TILT

NEW YORK

– Problemi alla dogana in tutti gli aeroporti americani. Il sistema elettronico per i controlli degli ingressi negli Stati Uniti è in tilt con file nella maggior parte degli scali. Lo riportano i media americani, parlando di forti ritardi. Non è chiaro a cosa i problemi elettronici siano legati.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

AUTOPSIA CONFERMA SUICIDIO EPSTEIN

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 1 minuto

AUTOPSIA CONFERMA SUICIDIO EPSTEIN

L’AUTOPSIA CONFERMA IL SUICIDIO DELL’EX MILIARDARIO JEFFREY EPSTEIN

AGGIORNAMENTO IN “MONDO” DELLE 00:13 DI SABATO 17 AGOSTO 2019

AUTOPSIA CONFERMA SUICIDIO EPSTEIN

NEW YORK

– Jeffrey Epstein si è suicidato impiccandosi. E’ il responso dell’autopsia condotta sul corpo dell’ex miliardario travolto dalle accuse di traffico sessuale di minori.
I risultati ufficiali dell’autopsia condotta dal medico legale sembrano così mettere a tacere le teorie sulla possibile uccisione di Epstein. Il responso arriva a una settimana dalla morte di Epstein al Metropolitan Correctional Center di New York, dove era in attesa del processo per le accuse di traffico sessuale di minori. Epstein si è suicidato con il lenzuolo della sua brandina legato alla parte alta del letto a castello che c’era nella sua cella.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 5 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE!

DALLE 14:03 ALLE 22:45 DI VENERDì 16 AGOSTO 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Hong Kong: si dimette il Ceo di Cathay
Per l’appoggio dei dipendenti alla manifestazioni pro-democrazia

PECHINO16 agosto 2019 14:03

– Cathay Pacific ha annunciato le dimissioni del Ceo Rupert Hogg a distanza di pochi giorni dalle aspre critiche della Cina verso la compagnia aerea basata a Hong Kong per l’appoggio del suo personale, tra cui i piloti, alle proteste pro-democrazia dell’ex colonia. In una comunicazione all’Hong Kong stock exchange, Cathay ha detto che Hogg “si è fatto carico delle responsabilità come leader del vettore alla luce dei fatti recenti accaduti”. Il manager è stato sostituito da Augustus Tang, veterano di Swire Group, principale azionista della società.

Epstein: trovata a LA complice GhislaineNew York Post la scova all’esterno di un fast food

WASHINGTON16 agosto 201914:31

– Ghislaine Maxwell, la donna accusata di essere la complice di Jeffrey Epstein nel gestire un traffico di minorenni e di sfruttamento della prostituzione minorile, e’ stata scoperta a Los Angeles. A scovarla il New York Post, che ha pubblicato alcune fotografie della 57enne britannica seduta da sola all’esterno di un fast food mentre mangia hamburger e patatine e legge un libro.

Danimarca, Groenlandia non è in venditaCopenhagen risponde a Trump su interesse a comprare isola

WASHINGTON16 agosto 201915:05

– “La Groenlandia non è in vendita”: così con una dichiarazione ufficiale riportata dai media americani il governo danese commenta quanto scritto dal Wall Street Journal, secondo cui il presidente americano Donald Trump sarebbe interessato a comprare l’isola.

– “Siamo comunque aperti al business”, aggiunge però il governo danese con un tweet del ministero degli esteri di Copenaghen, in quella che alcuni leggono come un’apertura verso eventuali investimenti dagli Stati Uniti in Groenlandia, soprattutto sul fronte del turismo. Sull’isola gli Usa sono stati presenti nel tempo con alcune stazioni meteo ed alcune postazioni militari risalenti alla seconda guerra mondiale. Attualmente c’è una grande base militare, la Thule Air Base, che rappresenta l’installazione militare americana più a nord, non lontano dal Circolo Polare Artico.

Birmania: ribelli uccidono 15 militariIn stato di Shan, nel nord, assaltata scuola ingegneri esercito

BANGKOK16 agosto 201914:13

Un attacco di una coalizione di gruppi ribelli contro un collegio militare nel nord della Birmania e altri obiettivi ha causato almeno 15 morti, la maggior parte membri delle forze di sicurezza. Lo ha riferito un portavoce militare. La rivendicazione è del sedicente Alleanza del Nord, una coalizione di gruppi ribelli nello stato Shan.
L’istituto finito nel mirino dei ribelli è l’Accademia dei servizi tecnologici di difesa a Pyin Oo Lwin, nell’ovest dello stato Shan. Si tratta di una scuola che forma ingegneri militari. Altri attacchi contro strutture governative sono stati registrati in quattro diversi punti nella regione, tra cui un ponte e un posto di blocco stradale per il controllo del narcotraffico. I decennali conflitti etnici in diverse aree di confine della Birmania, abitate perlopiù da minoranze che rivendicano maggiore autonomia, restano irrisolti, nonostante il tentativo del governo di fatto guidato dalla Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, di portare avanti negoziati di pace. (Notizia, questa, peraltro, già data nella precedente edizione).

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Cremlino, riprendere dialogo con l’UeRistabilire ‘contatti appropriati’ con nuova leadership europea

MOSCA16 agosto 201916:22

– La Russia è interessata alla ripresa di “un dialogo politico con l’Unione Europea” e desidera ristabilire “contatti appropriati” con la nuova leadership della Commissione europea. Lo ha affermato il consigliere presidenziale russo Yury Ushakov. “Il presidente Putin intende affrontare questo problema, anche alla luce della nuova composizione degli organi di governo europei”, ha detto ai giornalisti in una riunione in vista dei colloqui tra Putin e il presidente francese Emmanuel Macron il 19 agosto.

Gibilterra: nave Iran pronta a salpareLa petroliera cambierà nome e riceverà la bandiera iraniana

16 agosto 201916:41

– La petroliera iraniana rilasciata dalle autorità di Gibilterra, dopo essere rimasta bloccata dal 4 luglio, è pronta a salpare nel Mediterraneo. A riferirlo è il vice capo dell’Organizzazione marittima e portuale dell’Iran, Jalil Eslami, parlando alla tv pubblica di Teheran.
“Su richiesta del proprietario, la Grace 1 partirà per il Mediterraneo dopo che riceverà la bandiera della Repubblica islamica dell’Iran e sarà ribattezzata ‘Adrian Darya’ per il viaggio”, ha dichiarato Eslami. “La nave era di origine russa e battente bandiera di Panama, e trasportava due milioni di barili di petrolio iraniano”, ha spiegato.
La Corte Suprema di Gibilterra ha approvato ieri il rilascio della petroliera iraniana che era stata sequestrata dalla marina britannica con l’accusa di trasportare greggio in Siria.
L’ordine di sequestro è stato revocato in quanto le autorità locali hanno riferito di aver ricevuto assicurazioni scritte da Teheran secondo cui la nave non si dirigerà in nessun Paese oggetto di sanzioni dell’Ue.

Sassoli,Italia consenta sbarco Open ArmsSituazione drammatica, al limite del sopportabile

BRUXELLES16 agosto 201916:49

– “Oggi la mia segreteria è entrata in contatto con il Comandante della Open Arms che ci ha descritto condizioni al limite del sopportabile. La situazione è diventata drammatica”: così in una nota il presidente del Parlamento Ue David Sassoli che chiede all’Italia di consentire lo sbarco immediato dei migranti a bordo. “Le condizioni igieniche a bordo sono ormai precarie ed è necessario consentire immediatamente lo sbarco. Auspico che le autorità italiane capiscano la gravità e l’urgenza umanitaria a bordo della nave consentendo loro di entrare in porto oggi stesso”, ha concluso.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Kashmir: scontri manifestanti-polizia
Consiglio sicurezza dell’Onu si riunisce sulla crisi

NUOVA DELHI16 agosto 201917:40

– Centinaia di persone sono scese in strada oggi a Srinagar, la città principale del Kashmir indiano, per protestare ancora una volta contro la situazione nella regione, al centro di una crisi con il Pakistan per via della decisione di Nuova Delhi di revocare lo status speciale del territorio. Alcuni manifestanti hanno lanciato pietre e si sono scontrati con le forze di sicurezza, che hanno risposto con il lancio di gas lacrimogeni. I partecipanti alla protesta hanno sventolato bandiere verdi islamiche e portato cartelli con scritto “Stop al genocidio in Kashmir, svegliati mondo”. Giovani e anziani sono scesi in piazza dopo la preghiera del venerdì.
Intanto, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si sta riunendo a porte chiuse per discutere la situazione in Kashmir per la prima volta dopo decenni, su richiesta della Cina e del Pakistan. Un alto funzionario indiano in Kashmir ha confermato che le restrizioni sui residenti della regione saranno revocate nei prossimi giorni.

Sopravvissuto a Malta, ‘eravamo in 15’Parla l’uomo soccorso al largo dell’isola, voglio andare in Gb

16 agosto 201918:06

– Erano 15 e non due i migranti a bordo di un barchino gonfiabile partito dalla Libia soccorso dalla Marina maltese lunedì. Lo ha rivelato l’unico superstite della tragedia, Mohammed Adam Oga, in un’intervista a Times of Malta.
“Non avevamo ne’ cibo, ne’ acqua, ne’ carburante. Siamo stati 11 giorni in mezzo al mare e a un certo punto abbiamo cominciato a bere l’acqua del mare. Dopo cinque giorni due di noi sono morti, ogni giorno ne morivano due”, è il drammatico racconto del sopravvissuto suo malgrado diventato famoso per la scioccante foto che lo ritrae in ginocchio sul gommoncino accasciato sul cadavere di un compagno. Originario dell’Etiopia, Mohammad ha pagato 700 dollari al trafficante libico per ottenere il posto su quell’imbarcazione di neanche due metri. “Se torno in Etiopia, mi uccidono. Sono l’unico sopravvissuto, Dio mi ha mandato i maltesi”, racconta Mohammed che spera un giorno di raggiungere la Gran Bretagna.

Gaza: razzo verso Israele, intercettatoSuonate sirene di allarme nelle zone israeliane attorno Striscia

TEL AVIV16 agosto 201920:31

– Un razzo lanciato da Gaza verso Israele è stato intercettato questa sera dal sistema antimissili Iron Dome. Lo ha fatto sapere il portavoce militare israeliano.
Nelle comunità ebraiche attorno alla Striscia, compresa la cittadina di Sderot, poco prima erano risuonate le sirene di allarme.

Greta fa sciopero del clima in AtlanticoPosta sui social una foto in barca con il suo cartello

16 agosto 201915:46

– Anche in mezzo all’Atlantico, Greta Thunberg non rinuncia al suo sciopero del venerdì per chiedere azioni contro la crisi climatica. L’attivista svedese sedicenne ha postato sui social una sua foto sulla barca Malizia II di Pierre Casiraghi con l’ormai famoso cartello “Skolstreik for Climatet” (“Sciopero per il clima” in svedese), che dall’anno scorso espone ogni venerdì. Alle spalle di Greta, un cielo grigio e il mare mosso, ma la giovane appare tranquilla e sorridente.
Malizia II è partita da Plymouth in Inghilterra il 14 agosto, e dovrebbe raggiungere New York in 12-13 giorni. A bordo del 18 metri a vela da competizione, oltre all’ispiratrice del movimento “Fridays For Future”, ci sono gli skipper Boris Herrmann e Pierre Casiraghi, il padre della giovane, Svante, e un regista che gira un documentario.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 8 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: LEGGI!

DALLE 09:07 ALLE 14:03 DI VENERDì 16 AGOSTO 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Pacifico, Australia isolata sul clima
Pressione Canberra, in dichiarazione salta riferimento a carbone

SYDNEY16 agosto 2019 09:07

Il Forum annuale delle Isole del Pacifico, fra le 16 nazioni-arcipelago del Pacifico meridionale insieme con Australia e Nuova Zelanda, che si è tenuto nella minuscola Tuvalu, si è chiuso nelle prime ore di oggi con l’Australia e gli altri membri nettamente in disaccordo su come affrontare il cambiamento climatico. I leader delle nazioni insulari, minacciate e già colpite dal sollevamento dei mari, hanno criticato duramente l’Australia per la mancanza di azione verso la “minaccia esistenziale” del riscaldamento globale. Dopo due giorni di acceso dibattito il comunicato finale è stato approvato con la precisazione che non tutti i paesi membri sostengono la precedente dichiarazione del gruppo degli otto piccoli stati insulari del Pacifico. Su pressione dell’Australia ogni riferimento al carbone è stato alla fine rimosso dal comunicato e il riferimento alla “crisi del cambiamento climatico” è stato sostituito con “realtà del cambiamento climatico”.

Rohingya, si discute loro rimpatrioUnhcr, Birmania e Balgladesh ne parlano, 3.500 autorizzati

BANGKOK16 agosto 201911:05

– Secondo l’Unhcr, la Birmania e il Bangladesh stanno discutendo un secondo tentativo per rimpatriare i Rohingya, di cui almeno 700.000 sono riparati nei campi profughi bengalesi dopo l’offensiva birmana di due anni fa, tacciata dall’Onu di “pulizia etnica”.
“Il governo della Birmania ha confermato che 3.450 Rohingya possono ritornare. Si tratta di un passo positivo”, scrive l’agenzia Onu per i rifugiati. Secondo la portavoce dell’Unhcr, si tratta di una lista di nomi per il rientro volontario stralciata dai 22.000 che il Bangladesh ha inviato alla controparte birmana per verifiche.

Amnesty, Sudan consegni Bashir all’AjaA Corte penale internazionale per massacri nel Darfur

IL CAIRO16 agosto 201911:56

Amnesty International ha fatto appello al governo militare del Sudan perché consegni Omar al Bashir alla Corte penale internazionale (Cpi) dell’Aja, dove è incriminato e ricercato dal 2009 per crimini di guerra e genocidio per i massacri nella provincia del Darfur nei primi anni 2000. L’ex dittatore deposto, secondo l’Ong umanitaria, “è scampato alla giustizia per troppo, troppo tempo”.
L’appello dell’organizzazione umanitaria arriva due giorni prima dell’apertura di un processo in Sudan a carico di Bashir, deposto dagli stessi militari e messo in carcere, per corruzione”.
Secondo Amnesty, il processo a Khartoum “è di per sé un passo positivo”, anche se i militari hanno già dichiarato che non intendono estradare Bashir all’Aja malgrado il mandato d’arresto internazionale, ricordando come egli “sia ricercato per crimini atroci compiuti contro il popolo sudanese”.

Libia: Onu condanna attacchi a aeroportiMissione Onu ‘deplora spregevoli attacchi a obiettivi civili’

TUNISI16 agosto 201911:51

– La Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia (Unsmil) “deplora i sempre maggiori e sistematici attacchi agli aeroporti della Libia occidentale, tra cui Zuara e Mitiga. Questi attacchi hanno messo in pericolo la vita di migliaia di viaggiatori civili, compreso il personale delle Nazioni Unite e gli operatori umanitari”. LO si legge in un comunicato dell’Unsimil.
“L’aeroporto di Mitiga è l’unico aeroporto funzionante nell’area metropolitana di Tripoli, a disposizione di centinaia di migliaia di civili e per la fornitura di assistenza umanitaria”.

Hong Kong:media Cina,forza resta opzioneGlobal Times: Pechino ‘non ha ancora deciso se intervenire’

PECHINO16 agosto 201911:41

– Pechino “non ha ancora deciso se intervenire con la forza per sedare la rivolta di Hong Kong, ma questa opzione è chiaramente a disposizione”: è quanto scrive il Global Times, tabloid dell’organo ufficiale del Partito comunista cinese, nel quale si assicura anche che non

si ripeterà la repressione di Piazza Tienanmen di 30 anni fa. Il raduno delle forze paramilitari a Shenzhen “è un chiaro monito ai rivoltosi di Hong Kong”.
In un editoriale dal titolo “Inutile per Washington giocare la carta Hong Kong”, il tabloid del Quotidiano del Popolo, ‘voce’ del Partito comunista cinese, assicura che gli Usa “non saranno in condizioni di intimidire la Cina usando i tumulti di 30 anni fa. La Cina è molto più forte e più matura e la sua capacità di gestire situazioni complesse è fortemente cresciuta”. “Se lo stato di diritto non potrà essere ripristinato e le rivolte si intensificheranno, allora sarà un imperativo per il governo centrale prendere azioni dirette nel rispetto della Costituzione di Hong Kong.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Pacifico, Australia isolata sul clima
Pressione Canberra, in dichiarazione salta riferimento a carbone

SYDNEY16 agosto 2019 09:07

Il Forum annuale delle Isole del Pacifico, fra le 16 nazioni-arcipelago del Pacifico meridionale insieme con Australia e Nuova Zelanda, che si è tenuto nella minuscola Tuvalu, si è chiuso nelle prime ore di oggi con l’Australia e gli altri membri nettamente in disaccordo su come affrontare il cambiamento climatico. I leader delle nazioni insulari, minacciate e già colpite dal sollevamento dei mari, hanno criticato duramente l’Australia per la mancanza di azione verso la “minaccia esistenziale” del riscaldamento globale. Dopo due giorni di acceso dibattito il comunicato finale è stato approvato con la precisazione che non tutti i paesi membri sostengono la precedente dichiarazione del gruppo degli otto piccoli stati insulari del Pacifico. Su pressione dell’Australia ogni riferimento al carbone è stato alla fine rimosso dal comunicato e il riferimento alla “crisi del cambiamento climatico” è stato sostituito con “realtà del cambiamento climatico”.

Rohingya, si discute loro rimpatrioUnhcr, Birmania e Balgladesh ne parlano, 3.500 autorizzati

BANGKOK16 agosto 201911:05

– Secondo l’Unhcr, la Birmania e il Bangladesh stanno discutendo un secondo tentativo per rimpatriare i Rohingya, di cui almeno 700.000 sono riparati nei campi profughi bengalesi dopo l’offensiva birmana di due anni fa, tacciata dall’Onu di “pulizia etnica”.
“Il governo della Birmania ha confermato che 3.450 Rohingya possono ritornare. Si tratta di un passo positivo”, scrive l’agenzia Onu per i rifugiati. Secondo la portavoce dell’Unhcr, si tratta di una lista di nomi per il rientro volontario stralciata dai 22.000 che il Bangladesh ha inviato alla controparte birmana per verifiche.

Amnesty, Sudan consegni Bashir all’AjaA Corte penale internazionale per massacri nel Darfur

IL CAIRO16 agosto 201911:56

Amnesty International ha fatto appello al governo militare del Sudan perché consegni Omar al Bashir alla Corte penale internazionale (Cpi) dell’Aja, dove è incriminato e ricercato dal 2009 per crimini di guerra e genocidio per i massacri nella provincia del Darfur nei primi anni 2000. L’ex dittatore deposto, secondo l’Ong umanitaria, “è scampato alla giustizia per troppo, troppo tempo”.
L’appello dell’organizzazione umanitaria arriva due giorni prima dell’apertura di un processo in Sudan a carico di Bashir, deposto dagli stessi militari e messo in carcere, per corruzione”.
Secondo Amnesty, il processo a Khartoum “è di per sé un passo positivo”, anche se i militari hanno già dichiarato che non intendono estradare Bashir all’Aja malgrado il mandato d’arresto internazionale, ricordando come egli “sia ricercato per crimini atroci compiuti contro il popolo sudanese”.

Libia: Onu condanna attacchi a aeroportiMissione Onu ‘deplora spregevoli attacchi a obiettivi civili’

TUNISI16 agosto 201911:51

– La Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia (Unsmil) “deplora i sempre maggiori e sistematici attacchi agli aeroporti della Libia occidentale, tra cui Zuara e Mitiga. Questi attacchi hanno messo in pericolo la vita di migliaia di viaggiatori civili, compreso il personale delle Nazioni Unite e gli operatori umanitari”. LO si legge in un comunicato dell’Unsimil.
“L’aeroporto di Mitiga è l’unico aeroporto funzionante nell’area metropolitana di Tripoli, a disposizione di centinaia di migliaia di civili e per la fornitura di assistenza umanitaria”.

Hong Kong:media Cina,forza resta opzioneGlobal Times: Pechino ‘non ha ancora deciso se intervenire’

PECHINO16 agosto 201911:41

– Pechino “non ha ancora deciso se intervenire con la forza per sedare la rivolta di Hong Kong, ma questa opzione è chiaramente a disposizione”: è quanto scrive il Global Times, tabloid dell’organo ufficiale del Partito comunista cinese, nel quale si assicura anche che non

si ripeterà la repressione di Piazza Tienanmen di 30 anni fa. Il raduno delle forze paramilitari a Shenzhen “è un chiaro monito ai rivoltosi di Hong Kong”.
In un editoriale dal titolo “Inutile per Washington giocare la carta Hong Kong”, il tabloid del Quotidiano del Popolo, ‘voce’ del Partito comunista cinese, assicura che gli Usa “non saranno in condizioni di intimidire la Cina usando i tumulti di 30 anni fa. La Cina è molto più forte e più matura e la sua capacità di gestire situazioni complesse è fortemente cresciuta”. “Se lo stato di diritto non potrà essere ripristinato e le rivolte si intensificheranno, allora sarà un imperativo per il governo centrale prendere azioni dirette nel rispetto della Costituzione di Hong Kong.

Corea Nord chiude a dialogo con SeulPyongyang: ‘Senza senso’ dopo le manovre congiunte Usa-Corea Sud

PECHINO16 agosto 201912:10

La Corea del Nord non vuole tenere colloqui con la Corea del Sud, definendo “senza senso” l’ipotesi di riavviare un dialogo diretto alla fine delle esercitazioni militari congiunte di Seul con gli Usa.
Pyongyang, a poche ore dalle aperture ribadite dal presidente Moon Jae-in in occasione della cerimonia del 15 agosto, giorno che nel 1945 mise fine all’occupazione nipponica sulla penisola, chiude la porta a ogni contatto.
“Non abbiamo altro di cui parlare con le autorità del Sud e non abbiamo intenzione di sederci ancora a un tavolo”, ha detto un portavoce del Comitato per la riunificazione pacifica della Corea in una dichiarazione rilanciata dall’agenzia ufficiale Kcna. Lo stesso Moon è stato definito un “ragazzo impudente difficile da trovare” che è anche “sopraffatto dalla paura”. Le provocazioni del Nord sono ripartite circa tre settimane e oggi hanno visto il sesto lancio di missili proiettili di vario tipo, motivate come risposta alle manovre militari congiunte di Corea del Sud e Usa.

Trump, stragisti pazzi,riaprire manicomi’Non sono le armi a premere il grilletto, ma le persone’

16 agosto 201912:19

“Vorrei che la gente ricordasse le parole ‘malato mentale’, queste persone sono malati di mente e nessuno ne parla, dovremmo ricominciare a costruire istituti” psichiatrici. Lo ha detto il presidente Usa Donald Trump, rispondendo, dal New Jersey, a una domanda sulle recenti stragi.
“Negli anni 60 e 70 – ha proseguito – molti di questi istituti sono stati chiusi e a questa gente è permesso di andare in giro per strada ed è una cosa terribile per il nostro Paese. Bisogna riaprire questi istituti, non possiamo lasciare che questa gente giri per le strade”.
“Noi stiamo lavorando tantissimo per fare in modo di togliere le armi dalle mani di gente pazza, malata mentale, che non dovrebbe avere le armi. Però bisogna ricordare che c’è un problema di malattia mentale che deve essere affrontato: non sono pistole a premere il grilletto, sono le persone che hanno le pistole a premere il grilletto”. Lo ha detto il presidente americano Donald Trump durante un comizio a Manchester, nel New Hampshire.

Germania:Scholz si offre per guidare SpdSpiegel, ministro Finanze si candida a leader partito

BERLINO16 agosto 201912:54

– Il ministro delle Finanze e vicecancelliere tedesco, Olaf Scholz, ha dichiarato la propria disponibilità a candidarsi alla guida del suo partito socialdemocratico, la Spd. Lo riferisce il sito del settimanale Der Spiegel ricordando che Scholz è “uno dei più decisi fautori” della Grande coalizione con i cristiano-democratici (Cdu/Csu) della cancelliera Angela Merkel. Finora “nessuno di prima fila” si era fatto avanti per la guida del partito, ricorda inoltre lo Spiegel riferendosi ai dieci candidati attuali.

Luglio 2019 è stato il mese più caldo in 140 anniLa conferma dagli Usa, ghiacci polari ai minimi storici

16 agosto 201911:09

Luglio 2019 è stato il mese più caldo mai registrato nel mondo negli ultimi 140 anni: con una temperatura media globale di 0,95 gradi sopra la media del 20esimo secolo, ha battuto perfino il record del luglio 2016. A soffrirne sono stati i ghiacci polari, ridotti ai minimi storici: in Artico sono scesi del 19,8% sotto la media, mentre in Antartide del 4,3%. A indicarlo è l’ente americano per le ricerche sull’atmosfera e gli oceani (Noaa), confermando quanto già anticipato dal programma europeo Copernicus.

Birmania: ribelli uccidono 15 militariIn stato di Shan, nel nord, assaltata scuola ingegneri esercito

BANGKOK16 agosto 201913:44

– Un attacco di una coalizione di gruppi ribelli contro un collegio militare nel nord della Birmania e altri obiettivi ha causato almeno 15 morti, la maggior parte membri delle forze di sicurezza. Lo ha riferito un portavoce militare. La rivendicazione è del sedicente Alleanza del Nord, una coalizione di gruppi ribelli nello stato Shan.
L’istituto finito nel mirino dei ribelli è l’Accademia dei servizi tecnologici di difesa a Pyin Oo Lwin, nell’ovest dello stato Shan. Si tratta di una scuola che forma ingegneri militari. Altri attacchi contro strutture governative sono stati registrati in quattro diversi punti nella regione, tra cui un ponte e un posto di blocco stradale per il controllo del narcotraffico. I decennali conflitti etnici in diverse aree di confine della Birmania, abitate perlopiù da minoranze che rivendicano maggiore autonomia, restano irrisolti, nonostante il tentativo del governo di fatto guidato dalla Nobel per la Pace Aung San Suu Kyi, di portare avanti negoziati di pace.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 3 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE!

DALLE 23:51 DI GIOVEDì 15 AGOSTO 2019

ALLE 09:07 DI VENERDì 16 AGOSTO 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Corea Sud: il Nord ha effettuato 2 lanci
Missili partiti da zona sulla costa occidentale del Paese

SEUL 15 Agosto 2019 23:51

– La Corea del Nord ha effettuato altri due lanci di missili in mare: lo hanno reso noto i Capi di stato maggiore congiunti della Corea del Sud. Secondo Seul, i missili sono stati lanciati da una zona sulla costa occidentale del Paese.

Trump:’con me l’America non si piegherà”Ad un’altra nazione, come abbiamo fatto per molti anni’

16 agosto 201902:58

– “Finche’ sarò presidente, l’America non si piegherà mai ad un’altra nazione, come abbiamo fatto per molti anni”: lo ha detto il presidente americano Donald Trump durante un comizio in corso a Manchester, nel New Hampshire.

Trump: l’Iran vuole accordo sul nucleare’Le sanzioni non gli fanno bene’

16 agosto 201903:52

– L’Iran vuole fare un nuovo accordo sul nucleare perche’ le sanzioni stanno pesando sull’economia del Paese: lo ha detto il presidente americano Donald Trump durante un comizio a Manchester, nel New Hampshire.
“L’Iran vuole fare un accordo perche’ le sanzioni non gli fanno bene – ha commentato il presidente -. Vedremo come va a finire”. Trump ha inoltre sottolineato che “finche’ sarò presidente, l’America non si piegherà mai ad un’altra nazione, come abbiamo fatto per molti anni”, affermado che anche la Cina vuole fare un accordo con gli Stati Uniti sul commercio perche’ le sanzioni costano al Paese milioni di posti di lavoro. Ma gli Stati Uniti, ha aggiunto, non hanno bisogno di avere fretta.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE
Trump: stragi dovute a malati mente’Riaprire gli istituti’ psichiatrici

16 agosto 201903:59

– “Vorrei che la gente ricordasse le parole ‘malato mentale’, queste persone sono malate di mente e nessuno ne parla, dovremmo ricominciare a costruire istituti” psichiatrici. Lo ha detto il presidente Usa Donald Trump, rispondendo, dal New Jersey, ad una domanda sulle recenti stragi.
“Negli anni ’60 e ’70 – ha proseguito – molti di questi istituti sono stati chiusi e a questa gente è permesso di andare in giro per strada ed è una cosa terribile per il nostro Paese.
Bisogna riaprire questi istituti, non possiamo lasciare che questa gente giri per le strade”.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Tennessee,esecuzione con sedia elettrica
E’ la terza dallo scorso novembre, metodo chiesto dal condannato

NASHVILLE16 agosto 201904:05

– Lo Stato americano del Tennessee ha eseguito ieri la terza esecuzione con la sedia elettrica dal novembre scorso.
A chiedere questo metodo, questa settimana, era stato lo stesso condannato a morte – il 56enne Stephen West – il quale in precedenza non aveva espresso alcuna preferenza e in quel caso sarebbe stato giustiziato con una iniezione letale.
West era stato condannato per l’uccisione di una donna e della sua figlia 15enne nel 1986, reati di cui si era sempre dichiarato innocente.

Usa: sparatoria in Alabama, 2 mortiPolizia, ci sono 3 feriti, due in pericolo di vita

MONTGOMERY16 agosto 201907:43

– Due persone sono morte e altre tre sono rimaste ferite in seguito ad una sparatoria in Alabama avvenuta la notte scorsa vicino al campus della Alabama State University: lo ha reso noto Jarrett Williams, sergente della polizia di Montgomery. Un uomo è deceduto sul posto, mentre un altro è morto in ospedale, ha detto Williams. Altri due uomini sono stati ricoverati in ospedale e sono in pericolo di vita mentre un terzo è fuori pericolo. Per il momento non si hanno informazioni sul motivo della sparatoria.

Media Cina, Hong Kong non sarà TienanmenGlobal Times: ‘Raduno forze paramilitari è monito ai rivoltosi’

PECHINO16 agosto 201909:01

Hong Kong non sarà la “ripetizione dell’incidente politico del 4 giugno del 1989”, la repressione di Tiananmen, qualora Pechino decida contromisure che includano l’uso della forza. In un raro riferimento ai sanguinosi fatti di Pechino seguiti alle proteste pro-democrazia degli studenti di 30 anni fa, il Global Times accusa gli Usa di interferenze, assicurando che la Cina può far leva su metodi più sofisticati di quelli di 30 anni fa. Il raduno di forze paramilitari cinesi a Shenzhen “è un chiaro monito ai rivoltosi”.

Corea Sud a Nord, stop a lancio missiliSeul: ‘C’è il rischio di escalation delle tensioni militari’

PECHINO16 agosto 201908:54

– La Corea del Sud sollecita il Nord a sospendere il lancio di missili o di proiettili di vario tipo, esprimendo preoccupazione su mosse che potrebbero portare a una escalation delle tensioni militari sulla penisola.
E’ il messaggio ribadito al termine della riunione d’urgenza del Consiglio sulla sicurezza nazionale convocato dall’Ufficio della Presidenza sudcoreana poche ore dopo il lancio di una indefiniti vettori a corto raggio testati oggi da Pyongyang.
Il meeting, presieduto da Chung Eui-yong, a capo dell’Ufficio sulla sicurezza nazionale della Presidenza sudcoreana, ha permesso di effettuare una “revisione generale delle condizioni sulla sicurezza militare”, ha riferito l’agenzia Yonhap.
Le “provocazioni” del Nord, ripartite da luglio, sono state motivate come una risposta alle esercitazioni militari congiunte di agosto di Seul e Washington. Mentre, sulle mosse odierne, lo scopo è avere una verifica specifica di quanto effettivamente lanciato.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

ISRAELE NEGA INGRESSO A 2 DEPUTATE USA

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 2 minuti

eISRAELE NEGA INGRESSO A 2 DEPUTATE USA

ISRAELE NEGA L’INGRESSO A 2 DEPUTATE USA, 2 DELLE 4, PROGRESSISTE E DI COLORE, PRESE DI MIRA DA TRUMP

AGGIORNAMENTO IN “MONDO” DELLE 23:51 DI GIOVEDì 15 AGOSTO 2019

ISRAELE NEGA INGRESSO A 2 DEPUTATE USA

Il governo israeliano ha deciso di vietare l’ingresso nel Paese a due parlamentari democratiche americane che sostengono il movimento di boicottaggio internazionale di Israele. Lo ha reso noto il vice ministro degli esteri Tzipi Hotovely, affermando che “Israele ha deciso di non consentire” alle deputate Rashida Tlaib e Ilhan Omar di compiere la visita prevista per la settimana prossima. La decisione, ha detto Hotovely, è in linea con la politica di negare l’ingresso a chi sostiene il boicottaggio di Israele.
Le parole del vice ministro giungono dopo che il presidente Donald Trump aveva twittato che Israele avrebbe mostrato “una grande debolezza” se avesse consentito l’ingresso nel Paese alle due parlamentari. Omar e Tlaib fanno parte con Alexandria Ocasio-Cortez e Ayanna Pressley della cosiddetta “squad”, ovvero sono le quattro deputate democratiche, progressiste e di colore che Trump ha ripetutamente preso di mira sui social network, accusandole di essere contro Israele e gli Usa e pro terrorismo.
Israele “è aperto a tutti i visitatori e a tutte le critiche”, ma vieterà l’ingresso a chi punta a “rafforzare il boicottaggio e negare la legittimità di Israele”, ha detto il premier israeliano Benjamin Netanyahu, aggiungendo che Israele ha accolto 70 membri del Congresso repubblicani e democratici “a braccia aperte” e “non esiste uno stato al mondo che rispetti gli Stati Uniti più dello stato di Israele”. Duro il commento di Omar:  “E’ un affronto il fatto che il premier israeliano Benjamin Netanyahu, sotto la pressione di Donald Trump, neghi l’ingresso a due rappresentanti del governo americano”. Le fa eco la speaker della Camera Nancy Pelosi: La decisione di negare l’ingresso a due parlamentari americane “non è degna del grande Stato di Israele” e il fatto che il presidente Donald Trump abbia incoraggiato Israele a negare l’ingresso alle due parlamentari “è un segno di ignoranza e mancanza di rispetto”.