Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

PASDARAN TENTANO SEQUESTRO PETROLIERA BRITANNICA

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

PASDARAN TENTANO SEQUESTRO PETROLIERA BRITANNICA

PASDARAN TENTANO SENZA SUCCESSO SEQUESTRO PETROLIERA BRITANNICA, RESPINTE DA FREGATA DELLA ROYAL NAVY

AGGIORNAMENTO IN “MONDO” DELLE 08:07 DI GIOVEDì 11 LUGLIO 2019

PASDARAN TENTANO SEQUESTRO PETROLIERA BRITANNICA

Cinque imbarcazioni armate della Guardia rivoluzionaria islamica iraniana hanno tentato ieri di sequestrare una petroliera britannica nel Golfo Persico, ma sono state respinte da una fregata della Royal Navy. Lo rendono noto funzionari statunitensi, citati dalla Cnn.
La petroliera Heritage – scrive l’emittente Usa – stava navigando fuori dal Golfo e attraversando la zona dello Stretto di Hormuz quando è stata avvicinata dai pasdaran, che le hanno ordinato di cambiare rotta e fermarsi a ridosso delle acque territoriali iraniane.
La fregata Hms Montrose della marina britannica, che aveva scortato da dietro la petroliera, ha puntato i cannoni contro le imbarcazioni iraniane intimandogli verbalmente di farsi indietro. Cosa che i pasdaran hanno fatto. Un aereo statunitense che era in volo nella zona avrebbe registrato il video dell’accaduto.

Annunci
Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

ATTACCO AI BASIJ IN IRAN: UN MORTO E CINQUE FERITI

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

ATTACCO AI BASIJ IN IRAN: UN MORTO E CINQUE FERITI

AGGIORNAMENTO DELLE 10:53

DI SABATO 02 FEBBRAIO 2019

ATTACCO AI BASIJ IN IRAN: UN MORTO E CINQUE FERITI

TEHERAN

– È di un morto e cinque feriti il bilancio di un attacco terroristico in un quartier generale dei Basij (le forze volontarie che operano sotto il comando dei Pasdaran) a Nikshahr, nella provincia sudorientale del Sistan-Baluchestan. Lo riferisce l’Irna.
Due terroristi armati, hanno reso noto le Guardie rivoluzionarie, hanno attaccato la base durante la cerimonia dell’alzabandiera nel quartier generale dei Basij, uccidendone uno e ferendone altri cinque. Nessun gruppo ha ancora rivendicato la responsabilità dell’attacco.         [print-me title=”STAMPA”]