Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 5 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE!

DALLE 11:35 ALLE 13:08 DI VENERDì 23 AGOSTO 2019

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Audio di Renzi agli allievi: Gentiloni vuol far saltare l’intesa Pd-M5s
‘Passa spin a giornali. Non è detto che partito unito al voto’

LUCCA23 agosto 201911:35

Paolo Gentiloni ha tentato di far deragliare la trattativa Pd-M5S, “passando a due giornali uno spin con una triplice richiesta di abiura ai cinquestelle”: è l’accusa al presidente dem di Matteo Renzi, durante una lezione a porte chiuse ieri agli allievi della sua scuola di politica in Garfagnana, in un audio online sulle due testate citate dal senatore, Repubblica e Huffington Post. Nella registrazione, avvenuta durante la sessione pomeridiana e prima della dichiarazione di Luigi Di Maio al Quirinale, Renzi dice anche “come uno spin fa saltare tutto, non è detto che il Pd arrivi tutto insieme alle elezioni”.

“Fino alle ore 13 hanno detto ‘se oggi Di Maio viene su e dice ‘va bene, ci stiamo a parlare’, lascerò 5-6 giorni per poter verificare se questo accordo sta in piedi o no’ – dice Renzi -. E qui si è inserito uno ‘spin’, un pezzo di narrazione: due testate online, la Repubblica e Huffington Post, interessante notare che appartengono allo stesso editore, riportavano uno spin, che hanno individuato proveniente dal Nazareno, in realtà hanno un nome e un cognome, Paolo Gentiloni, per gli addetti ai lavori, poi ovviamente all’esterno non sarà così, è Paolo che ha fatto passare questo messaggio, una triplice richiesta di abiura ai cinquestelle”.   “‘Ci mettiamo a sedere solo se voi ritirate subito il decreto sicurezza bis’ – così Renzi sintetizza per i ragazzi -, che peraltro era nell’aria nella trattativa tra di noi, la legge di bilancio – il che è assolutamente logico -, ma soprattutto il taglio dei parlamentari. M5S dicono ‘noi ci stiamo se ci garantite di andare almeno al referendum sul taglio dei parlamentari’. L’ala trattativista guidata da Dario Franceschini ha detto ‘a noi va bene se ci garantite dei contrappesi” riguardanti la legge elettorale. “Il modo con il quale lo spin è stato passato è un modo finalizzato a far saltare tutto – commenta Renzi -. E qui è una bellissima lezione di politica applicata: Gentiloni oggi era al Colle, ma non ha aperto bocca, non ha detto nella sede ufficiale quello che pensava o secondo lui andava fatto, ma lo ha detto tramite i giornali. A quel punto la parte del M5S che vuol far saltare la trattativa, guidata da Di Battista e Paragone, ha detto ‘Zingaretti è Giuda’. E in questo rilancio ovviamente il messaggio è ‘noi andremo alle 5 a Mattarella a dire mai con il Pd'”. “Io sto facendo la cronaca come fossi un passante”, afferma il senatore di fronte agli allievi. Poi aggiunge: “Come uno spin fa saltare tutto, non è detto che il Pd arrivi tutto insieme alle elezioni (qui ferma un accenno di applauso, ndr), Una vicenda piccolina, non come la lezione sul Macchiavelli che avete avuto oggi, ma insomma evitiamo di ‘ingaglioffirci’ anche noi”.

Governo: alle 14 incontro M5s-PdSegretario Dem riunito al Nazareno con i big del partito

23 agosto 201911:52

– È fissato alle 14 l’incontro tra i capigruppo di M5s e Pd, in un luogo ancora da fissare. Lo si apprende da fonti parlamentari Dem.
Il segretario del Pd Nicola Zingaretti e’ giunto intorno alle 8,40 nella sede del partito dove stanno giungendo gli altri dirigenti Dem, tra cui il presidente Paolo Gentiloni, la vicepresidente Anna Ascani, il vicesegretario Andrea Orlando e il tesoriere Luigi Zanda. Da parte loro nessun commento sull’incontro dei capigruppo di M5s e Pd previsto nel pomeriggio

Governo: Meloni, patto poltrone Pd-M5sDi Maio e Grillo trasmettano incontro in streaming

23 agosto 201912:17

– “Patto delle poltrone: oggi alle ore 14.00 le delegazioni del M5S e del PD si incontreranno. Per ‘onestà’ chiediamo a Beppe Grillo e a Luigi Di Maio di trasmettere il confronto in diretta streaming. Oppure i grillini hanno cambiato idea anche su questo?” E’ quanto scrive su Twitter il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Ocean Viking, i migranti saranno distribuiti in 6 Paesi Ue Garante dei Detenuti: appello a Malta-Norvegia. In Sicilia ancora sbarchi

23 agosto 201912:33

Trovato l’accordo sul destino dei 356 migranti a bordo della nave Ocean Viking. Lo annuncia il premier maltese Joseph Muscat su Twitter: “Malta trasferirà queste persone su navi militari maltesi in acque internazionali e le porterà a terra. Tutti i migranti saranno distribuiti in altri Paesi europei: Francia, Germania, Irlanda, Lussemburgo, Portogallo e Romania. Nessuno resterà a Malta”. L’accordo, aggiunge Muscat, è stato trovato in seguito a “discussioni con la Commissione europea e un certo numero di Stati membri, soprattutto Francia e Germania”.”La Ocean Non verrà in un porto italiano se vogliono vanno a Malta, se vogliono distribuiscono i 365 immigrati nel giro per il mondo ma senza permesso qui non si arriva”. A dirlo è il leader della Lega Matteo Salvini su fb. “Le fonti sono ufficiali questa nave non porterà in Italia il suo carico di esseri umani. Detto fatto come promesso”.   E’ l’unica nave delle ong con a bordo i naufraghi che vaga ancora nel Mediterraneo, dopo 14 giorni di navigazione: ora si trova a fare i conti con “il peggioramento dello stato di salute” e la “diminuzione delle razioni alimentari”. La Ocean Viking, l’imbarcazione umanitaria della ong francese Sos Mediterranée e di Medici senza Frontiere, resta sospesa tra Malta e Lampedusa in attesa di un porto sicuro. Dopo lo sbarco dei migranti della Open Arms a Lampedusa e il sequestro preventivo della stessa nave spagnola, prosegue ora l’odissea delle 356 persone recuperate dalla Viking al largo della Libia. E sono senza sosta gli sbarchi ‘fantasma’, in particolare sulle coste siciliane: venti tunisini sono giunti nelle ultime ore a Porto Empedocle, in provincia di Agrigento, e nel Trapanese un barcone utilizzato da migranti per la traversata dalle coste nordafricane è stato trovato abbandonato sulla spiaggia nel Parco archeologico di Selinunte.

Ma a destare preoccupazione sono le condizioni dei 356 naufraghi che si apprestano a trascorrere il quattordicesimo giorno sulla Viking, di cui 103 tra bimbi e minorenni. Per loro la Francia si era detta “pronta” nei giorni scorsi ad accogliere “un numero importante di migranti”, confermando il rifiuto di accogliere la nave, affinché attraccasse nel “porto più vicino”.

“A bordo rimangono solo cinque giorni di razioni alimentari standard. La nostra equipe medica è sempre più preoccupata per il rapido peggioramento dello stato di salute mentale delle persone”, hanno detto gli attivisti di ‘Medici senza Frontiere’.

A lanciare un appello è anche il Garante nazionale dei detenuti, che ha scritto ai suoi omologhi europei, in particolare quelli di Norvegia e Malta, affinché si risolva lo stallo. L’obiettivo è un’azione comune urgente per “rafforzare la tutela dei diritti delle persone a bordo”.

Resta aperta anche la partita sulla ridistribuzione nei vari Paesi europei degli oltre cento naufraghi scesi a Lampedusa dalla Open Arms, della ong spagnola: “Abbiamo ricevuto la richiesta di coordinamento da parte dell’Italia per il ricollocamento”, ha annunciato la portavoce della Commissione europea Natasha Bertaud. I migranti saranno ora ridistribuiti tra Germania, Francia, Portogallo, Spagna, e Lussemburgo. La stessa Open Arms si trova a Porto Empedocle, dove rimarrà sotto sequestro per qualche giorno come disposto dalla Procura di Agrigento. Il procuratore capo, Luigi Patronaggio, ha chiesto la convalida del sequestro preventivo della nave Ong, rimasta bloccata per 19 giorni.

Orlando, capire se si vuole fare accordoIl punto è se si vuole fare l’accordo, sennò è regalo a Salvini

23 agosto 201912:41

– “Io non credo che sarà sul taglio dei parlamentari che si incaglierà la trattativa, semmai sul dato politico: si vuole fare davvero questa interlocuzione? La si vuole portare in fondo? Si vuole aprire una pagina realmente nuova?”. Così Andrea Orlando, vicesegretario del Pd, ospite di Radio anch’io. “Poi, abbiamo di fronte una manovra economica che non sarà una passeggiata. Su questo punto bisogna parlare subito con grande chiarezza. Il problema non è quello che ci chiede l’Europa, il problema che mancano all’appello miliardi per far quadrare i conti e quindi questa cosa bisogna affrontarla subito, impedendo che l’Iva aumenti. Come farlo è una cosa che va vista subito.
Non ci possiamo permettere di far partire un governo e poi accorgersi che non siamo d’accordo. Sarebbe un regalo a Salvini e un danno per tutti gli italiani. Lo abbiamo detto subito con grande chiarezza: se è utile al Paese, verifichiamo le condizioni del governo, altrimenti la via del voto è una via che non consideriamo preclusa”

Annunci
Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 10 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE!

DALLE 10:30 ALLE 23:24 DI GIOVEDì 22 AGOSTO 2019

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Meloni: ‘Elezioni unico esito possibile’
‘Sarebbe rispettoso per l’Italia e per i suoi interessi’

22 agosto 2019 10:30

“Le elezioni sono oggi l’unico esito possibile, rispettoso dell’Italia, dei suoi interessi, del suo popolo e della Costituzione”, ha detto la presidente di Fdi, Giorgia Meloni.Consultazioni, Meloni: “Ho sentito Salvini, insieme vinciamo”

“Diciamo no ad un governo che ha la maggioranza in Parlamento ma non tra i cittadini: sarebbe irrispettoso della volontà popolare e della nostra democrazia”. “L’unico modo che abbiamo per un governo stabile è andare a votare: tutto il resto durerà solo qualche mese: gente che fino a ieri si insultava oggi non può andare d’accordo”. “Ho sentito Salvini e penso che se si andasse al voto ci sarebbe una compagine formata da Fdi e Lega sicuramente, vedremo cosa fa Fi, e sicuramente sarebbe già maggioritaria”.

Difesa Tatarella chiede di scarcerarlo’Non è stato corrotto da imprenditore’. Giudici si riservano

MILANO22 agosto 201911:20

– Pietro Tatarella, l’ex consigliere comunale milanese ed ex vicecoordinatore lombardo di FI, finito in carcere nel maxi blitz del 7 maggio della Dda di Milano su un giro di tangenti, appalti, nomine pilotate e finanziamenti illeciti, “non è stato corrotto” dall’imprenditore della Ecol-service Daniele D’Alfonso e, se i pm vogliono ipotizzare che abbia preso soldi per facilitarlo negli appalti Amsa (l’azienda milanese dei rifiuti), al massimo si può contestare un “traffico di influenze illecite” che non giustifica, da codice, la custodia cautelare in carcere.
E’ quanto ha sostenuto, in sostanza, la difesa del politico azzurro nell’udienza davanti al Riesame (a porte chiuse) a cui era presente lo stesso Tatarella. “Abbiamo chiesto la scarcerazione e in subordine gli arresti domiciliari”, ha spiegato l’avvocato Nadia Alecci che lo difende assieme al collega Luigi Giuliano. “Il carcere è durissimo per tutti, speriamo almeno nei domiciliari”, ha concluso il legale. I giudici decideranno nei prossimi giorni.

Zingaretti: ‘Governo di svolta o voto”Contrari ad un esecutivo a tutti i costi’

22 agosto 201913:17

“Abbiamo manifestato al presidente della Repubblica la disponibilità a verificare la formazione diversa maggioranza e l’avvio di una fase politica nuova e un governo nel segno della discontinuità politica e programmatica”, ha detto il segretario del Pd Nicola Zingaretti al termine dell’incontro con Mattarella. “Non un governo a qualsiasi costo: serve un governo di svolta, alternativo alle destre, con un programma nuovo, solido, una ampia base parlamentare e ridia una speranza agli italiani. Se non dovessero esistere queste condizioni, tutte da verificare, lo sbocco naturale della crisi sono nuove elezioni anticipate alle quali il Pd è pronto”. Il Pd ritiene “utile” provare a costituire un “governo di svolta” per il quale “abbiamo indicato i primi non negoziabili principi”: primo tra tutti la riconferma della “vocazione europeista” dell’Italia.

Cav, maggioranza di centrodestra o votoFi ripone massima fiducia nelle scelte che farà Mattarella

22 agosto 201913:22

– “Occorre costituire in Parlamento una maggioranza di centrodestra che corrisponda al sentire degli italiani. Qualora non fosse possibile, la strada maestra è una sola: elezioni anticipate. Questo è il suggerimento formulato al capo stato in cui Forza Italia ripone massima fiducia per le scelte che riterrà di fare”. L’ha detto il presidente di Forza Italia ed ex premier Silvio Berlusconi, al termine delle consultazioni con Sergio Mattarella.

“L’esperienza appena conclusa dimostra che i progetti di governo si fanno con i tempi e con le idee compatibili, non dopo il voto ma prima. Quindi un governo non può nascere in laboratorio, se basato solo su un contratto”, ha detto Silvio Berlusconi, leader di Fi, al termine delle consultazioni. “Forza Italia ha condotto un’opposizione seria e coerente in parlamento cercando di correggere molti errori e migliorare provvedimenti del governo con lo stesso senso di responsabilità dimostrato finora, e che è stato molto oneroso in termini politici per il nostro partito. Ma oggi mettiamo in guardia da un governo frutto di una maggioranza tra diversi e improvvisata”.”Una maggioranza che non rispecchia la maggioranza degli elettori è una mera coincidenza di forze che si sono contrastate, non può essere la base per un esecutivo stabile e credibile ma solo una presa in giro degli elettori ed un tradimento delle loro volontà”, ha detto Berlusconi. “Un governo sbilanciato a sinistra sarebbe pericoloso per le imprese, lo sviluppo, la sicurezza”, conclude. “In nessun caso Fi è disponibile ad alleanze con chi abbiamo contrastato in campagna elettorale e che esprimono una visione del paese diversa e opposta”. “Un governo fortemente sbilanciato a sinistra – ha detto Berlusconi – sarebbe pericoloso per le imprese e per le garanzie di libertà dei cittadini” con il rischio che “messo di fronte alle difficoltà ricorra ad una patrimoniale che comprometterebbe definitivamente le prospettive di crescita”.”Vi dico di fare attenzione perche’ ci sono programmi in giro anche contro l’editoria e le tv. Il male puo’ venirci addosso, ed e’ un male grande che riguarda tutti noi”, ha detto Berlusconi, rivolto ai cronisti, dopo aver letto una nota al termine delle consultazioni con il Capo dello Stato.Poco prima l’ex premier aveva messo in guardia dai rischi di un governo ‘giallorosso’: “Un governo fortemente sbilanciato a sinistra sarebbe pericoloso per le imprese e per le garanzie di liberta’ dei cittadini” con il rischio che “messo di fronte alle difficoltà ricorra ad una patrimoniale che comprometterebbe definitivamente le prospettive di crescita”.

Orlando: ‘Via dl sicurezza, è imprescindibile Serve cambio radicale su questi temi

22 agosto 201915:21

Il passo indietro sui decreti sicurezza e’ imprescindibile per un accordo con il M5S? “Sicuramente sì, quello è un cambio radicale di politica su questi temi”. Lo ha detto Andrea Orlando, parlando con i giornalisti davanti al Nazareno.”Non abbiamo detto di non andare avanti col taglio dei parlamentari, abbiamo detto che va fatto con un quadro di bilanciamento, a partire anche dall’aggiustamento della legge elettorale”, ha detto ancora Orlando. Quindi, riguardo l’approvazione definitiva della legge, “quantomeno non farlo subito – ha aggiunto – ma vedere quali sono gli altri interventi di accompagnamento”.

Tatarella scarcerato, va ai domiciliariEx consigliere comunale milanese esce dal carcere dopo 4 mesi

MILANO22 agosto 201916:46

– L’ex consigliere comunale milanese Pietro Tatarella, arrestato lo scorso 7 maggio nella maxi inchiesta della Dda milanese su un giro di tangenti e appalti pilotati, è stato scarcerato ed ha ottenuto gli arresti domiciliari. Lo ha deciso il Tribunale del Riesame di Milano, come comunicato dai suoi difensori.
Il politico azzurro, difeso dai legali Nadia Alecci e Luigi Giuliano, esce dunque dal carcere dopo quasi 4 mesi. Accusato di associazione per delinquere, corruzione e finanziamento illecito, era stato arrestato nel blitz della Dda che ha portato a 43 misure cautelari, tra cui quelle per l’ex consigliere lombardo di FI Fabio Altitonante (ai domiciliari e di recente tornato libero) e Nino Caianiello, ex esponente di FI a Varese e presunto ‘burattinaio’ del sistema di mazzette, appalti e nomine pilotate e finanziamenti illeciti alla politica. Tatarella, che era anche candidato alle Europee (non eletto), si era subito dimesso, dopo l’arresto, dalla carica di consigliere comunale.

Salvini, Italia non perda tempoLeader Lega parla dopo consultazioni al Quirinale

22 agosto 201916:51

– “Bella discussione, sono contento di essere a capo di una forza compatta. Abbiamo scelto di portare nelle case degli italiani le cose che non vanno, qualche anno fa sarebbero rimaste nelle stanze segrete. L’Italia non può permettersi di perdere tempo, con un governo che litiga”. Lo afferma il leader della Lega, Matteo Salvini, al Quirinale dopo le consultazioni con il Presidente della Repubblica.

Salvini, dico no ad accordo contro LegaGuardo avanti, se qualcuno mi dice “miglioriamo squadra governo”

22 agosto 201916:57

– “Un ‘accordo contro’, tra Pd e M5S, è la vecchia politica. Io non penso che l’Italia abbia bisogno di un “governo contro”. Se poi qualcuno mi dice “ragioniamo perché i “no” diventano “si”, miglioriamo la squadra, diamoci un obiettivo, facciamo qualcosa “non contro” ma “per”, io l’ho sempre detto, sono una persona concreta, non porto rancore guardo avanti, non indietro”. Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini al termine delle consultazioni con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Salvini jr su moto d’acqua, fascicolo PmContro ignoti. L’episodio il 30 luglio a Milano Marittima

22 agosto 201917:03

– La Procura di Ravenna ha aperto un fascicolo contro ignoti sull’episodio del 30 luglio a Milano Marittima: il figlio 16enne di Matteo Salvini fece un breve giro in mare su una moto d’acqua della Polizia di Stato guidata da un agente in servizio. E’ quanto si deduce dalla richiesta pervenuta nei giorni scorsi al Viminale su delega della magistratura in merito all’identificazione dei due appartenenti alle forze dell’ordine che cercarono di impedire a un giornalista di Repubblica di filmare la scena.
“Mio figlio sulla moto d’acqua della polizia? Errore mio da papà”, aveva spiegato qualche ora dopo l’accaduto il vicepremier Salvini, prima di aggiungere che “nessuna responsabilità va data ai poliziotti, che anzi ringrazio perché ogni giorno rischiano la vita per il nostro Paese”. Su quanto successo, erano da subito scattate le verifiche della Questura di Ravenna per accertare un eventuale uso improprio della moto d’acqua: nell’ambito di queste, era stato sentito anche il giornalista autore del video.

Di Maio,ecco decalogo per nuovo governoTra i 10 punti,c’è il taglio dei parlamentari.’Priorità in Aula’

22 agosto 201918:05

– “Abbiamo informato il capo dello Stato di quelli che, secondo noi, sono obiettivi prioritari per gli italiani, 10 impegni che secondo noi devono essere portati a compimento”. L’ha detto il leader del M5S Luigi Di Maio, al termine delle consultazioni con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Di Maio ha quindi elencato il decalogo dei temi considerati prioritari, dal Movimento, in un nuovo governo: si va dal taglio dei parlamentari alla tutela dell’ambiente, passando per la riforma della giustizia, del sistema bancario, del conflitto di interessi. Sul taglio del numero dei parlamentari il capo politico ha evidenziato “deve essere priorità in Aula”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Di Maio, non lasciamo nave affondare
L’Italia siamo tutti, a dispetto degli interessi di parte

22 agosto 201918:09

– “Non lasciamo la nave affondare, perché l’Italia siamo tutti, a dispetto degli interessi di parte”. Lo afferma il leader del M5S Luigi Di Maio, al termine delle consultazioni con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
E ha aggiunto: “I cittadini che ci hanno votato il 4 marzo, l’hanno fatto per cambiare l’Italia non il Movimento e penso anche che il coraggio non è di chi scappa, ma chi prova fino in fondo a cambiare le cose, anche sbagliando con sacrificio e provando a fare le cose”.

Di Maio,contatti per maggioranza solidaGoverno gialloverde era su lealtà, minata da rottura unilaterale

22 agosto 201918:22

– “Sono state avviate tutte le interlocuzioni per avere una maggioranza solida che voglia convergere sui punti indicati. Noi non lasciamo affondare la nave, che a pagare siano gli italiani”. Lo ha detto Luigi Di Maio, al termine delle consultazioni con il presidente Mattarella. Rispetto alla precedente maggioranza, Di Maio ha aggiunto: “L’esperienza di governo ha segnato il Movimento. Si basava sulla sottoscrizione di un contratto, sulla lealtà tra forze politiche, che è stata minata da una rottura unilaterale”.

5s:Di Stefano,chi sposa 10 punti con noiMa Salvini si è dimostrato inaffidabile e non credibile

22 agosto 201919:21

– “Salvini si e’ dimostrato inaffidabile e non credibile. Ci sono 10 punti di programma, chi li sposa può fare un accordo con noi”. Lo ha detto il sottosegretario M5S Manlio Di Stefano entrando alla riunione dei gruppi. “Sono aperte un po’ di interlocuzioni, che devono essere sui punti che abbiamo indicato. L’apertura l’abbiamo fatta dal primo giorno a tutti i partiti che non voglio l’aumento dell’iva che potrebbe esserci per colpa di Salvini. Chiunque pensi che le nostre proposte siano di interesse pubblico può aderire, anche la Lega, ma ora e’ un problema loro”.

Arcivescovo Parigi in visita ad AscoliMons. Michel Aupeti accolto da vescovo Giovanni D’Ercole

ASCOLI PICENO22 agosto 201919:34

– Il vescovo di Ascoli Piceno Giovanni D’Ercole ha accolto mons. Michel Aupetit, arcivescovo di Parigi, in visita non annunciata nella città turrita.
Arrivato alle 11, accompagnato dal suo segretario, mons. Aupetit ha celebrato la santa messa nella cappella privata dell’Episcopio e si è trattenuto poi per il pranzo presso il palazzo vescovile. L’arcivescovo di Parigi ha visitato il primo piano dell’Episcopio, attualmente in restauro, ove sono custodite moltissime opere d’arte appartenenti ai vescovi di Ascoli. Accompagnato successivamente dal vice sindaco ha fatto visita alla Pinacoteca civica. Mons. Aupetit ha concluso la sua visita ascolana in Cattedrale ove si è trattenuto in preghiera nella cappella del Ss.mo Sacramento, congedandosi, infine, dinanzi all’altare di Sant’Emidio, patrono della città.

Mattarella, martedì nuove consultazioniLa crisi va risolta in tempi brevi. Governi con fiducia o voto

22 agosto 201920:37

– “Svolgerò nuove consultazioni che inizieranno nella giornata di martedì prossimo per trarre le conclusioni e assumere le decisioni necessarie”. Lo afferma il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al termine delle consultazioni al Quirinale. “La crisi va risolta in tempi brevi come richiede un grande Paese come il nostro”, ha aggiunto, spiegando che “sono possibili solo governi che ottengono la fiducia del Parlamento con accordi dei gruppi su un programma per governare il Paese, in mancanza di queste condizioni la strada è quella delle elezioni”.

Mattarella, chiesto tempo per governoMa servono decisioni chiare e tempi brevi

22 agosto 201920:39

– “Nel corso delle consultazioni mi è stato comunicato da parte di alcuni partiti che sono state avviate iniziative per un’intesa in Parlamento per un nuovo governo e mi è stata avanzata la richiesta di avere il tempo di sviluppare questo confronto”. Lo afferma il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. “Anche da parte di altre forze politiche, del resto, è stata rappresentata la possibilità di ulteriori verifiche”, ha aggiunto. “La crisi – ha però precisato – va risolta all’insegna di decisioni chiare e in tempi brevi”.

Pa:attesa 3mila vincitori, scadono listeA fine settembre stop alle graduatorie per gli idonei 2010-14

22 agosto 201918:27

– Sono ancora più di 3 mila i vincitori di concorsi pubblici che aspettano di essere assunti. E’ quanto emerge dal portale del ministero dedicato al monitoraggio delle graduatorie. E’ una questione di tempi, ma le amministrazioni prima o poi devono prenderli. Diverso il discorso per gli idonei. In questi casi la presa in servizio non è un diritto ma solo una possibilità. In lizza ce ne sono 86 mila. Ma il sogno di un posto fisso potrebbe avere i giorni contanti. A fine settembre scadono le graduatorie 2010-2014.

Governo: Orlando, togliere dl sicurezzaServe cambio radicale su questi temi

22 agosto 201914:16

– – Il passo indietro sui decreti sicurezza e’ imprescindibile per un accordo con il M5S? “Sicuramente si’, quello e’ un cambio radicale di politica su questi temi”. Lo ha detto Andrea Orlando, parlando con i giornalisti davanti al Nazareno

Gronda: Toninelli, si farà e sarà utileLega taccia dopo harakiri, ora sarà M5s condurre da solo riforme

22 agosto 201911:41

– “La Gronda si farà e grazie al lavoro istruttorio del Mit sarà realizzata nei termini in cui è davvero utile a Genova e a tutti i cittadini italiani. La Lega taccia e badi a recriminare contro se stessa, perché mandando all’aria il Governo del cambiamento, ha fatto harakiri e si è messa da sola fuori dai giochi. Ora sarà il M5S a condurre avanti da solo le tante riforme e gli interventi che servono a beneficio di tutto il Paese”. Lo dice in una nota il ministro delle infrastrutture e trasporti Danilo Toninelli.

Governo: ecco il “decalogo” del programma M5sDal taglio dei parlamentari alla tutela dell’ambiente passando per la riforma della giustizia, del sistema bancario, del conflitto di interessi.

22 agosto 201919:28

Dal taglio dei parlamentari alla tutela dell’ambiente passando per la riforma della giustizia, del sistema bancario, del conflitto di interessi. Sono alcuni dei punti contenuti nei “10 impegni” annunciati dal Quirinale da Luigi Di Maio sui temi che il M5s vuole siano portati avanti in un nuovo governo.1) TAGLIO PARLAMENTARI. E’ il punto che il capo politico del M5s ha messo in primo piano al termine delle consultazioni: “deve essere un obiettivo di legislatura” precisa2) MANOVRA. “deve essere equa” e contenere la sterilizzazione dell’aumento dell’Iva, il salario minimo, il taglio del cuneo fiscale e misure a sostegno delle famiglie, della natalità, dei disabili e per l’emergenza abitativa. “Avevamo promesso di abbassare le tasse alle imprese che assumono e va fatto. E va dichiarato illegale uno stipendio di 2 o 3 euro l’ora” dice.3)AMBIENTE. “Serve un cambio di paradigma” precisa Di Maio che annuncia gli obiettivi di un’Italia al 100% Rinnovabile, di un Green New deal per l’utilizzo di fonti rinnovabili di energia. “I piani di investimento pubblici dovranno avere al centro la tutela dell’ambiente” e affrontare “il nodo dei cambiamenti climatici”. E basta inceneritori, No alle trivelle , Sì all’economia circolare. “serve poi una legge sui rifiuti zero e sugli investimenti alla mobilità sostenibile”.4) INFORMAZIONE. Il M5s punta ad una legge sul conflitto di interessi e alla riforma della RAI, ispirata al modello della Bbc inglese. “Se i cittadini pagano il canone hanno diritto ad una tv di qualità” dice5) GIUSTIZIA E CSM. “Dobbiamo dimezzare i tempi della giustizia e riformare i modi di elezione del Csm. I cittadini e le imprese hanno bisogno di una giustizia efficace e veloce” dice Di Maio.6) AUTONOMIA. differenziata e riforma enti locali. Va completato il processo e avviato un piano di cancellazione degli enti inutili7) LEGALITA’. Carcere per i grandi evasori, inasprimento delle pene per i reati finanziari e per chi organizza i traffici illeciti e serio contrasto a chi organizza l’immigrazione clandestina8) SUD. Serve un piano straordinario di investimenti per il Sud che contempli anche la creazione di una banca pubblica per gli investimenti9) BANCHE. Per il M5s occorre una riforma sistema bancario che separi le banche di investimento dalle banche commerciali .10)TUTELA DEI BENI COMUNI. Dalla scuola all’acqua pubblica fino alla sanità e passando per le infrastrutture che “appartengono ai cittadini” e revisionando le concessioni autostradali.

Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 8 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE!

DALLE 05:58 ALLE 20:24 DI MERCOLEDì 21 AGOSTO 2019

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

M5s, siamo compatti attorno a Di Maio
Ci affidiamo alla volontà del presidente della Repubblica

21 agosto 2019 05:58

– “Sono ore molto importanti per il futuro del nostro Paese. Il MoVimento 5 Stelle si affiderà alla volontà del presidente Sergio Mattarella che segnerà la strada da seguire dopo che Matteo Salvini ha aperto un’assurda crisi di governo in pieno agosto. Il MoVimento è unito e compatto intorno al capo politico Luigi Di Maio. Siamo un monolite. E adesso siamo concentrati sulle consultazioni”. Così in una nota Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli, capigruppo M5S di Camera e Senato.

Governo: Orlando, serve discontinuitàImpossibile costruire altra maggioranza con lo stesso premier

21 agosto 201910:28

– “Penso che la discontinuità debba essere ricercata rispetto anche alle esperienze che hanno riguardato il partito democratico, se apriamo una fase nuova è giusto che sia una fase nuova per tutti”. Lo afferma il vicesegretario pd Andrea Orlando a Radio24 in Ma cos’è quest’estate. “Partiamo dalle cose da fare e poi ci possono essere esigenze delle forze politiche di avere esponenti che in qualche modo svolgano una funzione di raccordo e di continuità, però sarebbe un po’ un Frankenstein, un governo che sia la somma delle compagine del governo Conte più dei governi Renzi e Gentiloni”. Per Orlando, non è possibile “costruire oggi una maggioranza diversa con lo stesso presidente del consiglio. Conte ha dato ieri segno di un sussulto apprezzabile, ma francamente mi pare che ci sia un tratto di trasformismo nel cambiare maggioranza e mantenere parte dello stesso esecutivo. Credo che sarebbe più logico pensare a un esecutivo nel quale si introduca una netta discontinuità”.

Governo: Lega, andiamo alle elezioniSiamo già al lavoro per costruire l’Italia del sì

21 agosto 201910:44

– La Lega è già tutta al lavoro per costruire l’Italia dei SÌ, fondata su un taglio di tasse per 10 milioni di cittadini, investimenti pubblici, infrastrutture, processi giusti e veloci, certezza della pena e bambini che tornano a nascere. Altri stanno pensando al governo dei NO e delle poltrone? Andiamo a elezioni e facciamo scegliere gli Italiani! Chi scappa dalle urne ha la coscienza sporca.” Così i capigruppo della Lega Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari.

Zingaretti: “Pd unito, al Colle per la verifica di governo. Io premier? Ho già due impegni gravosi” L’eventuale nuovo governo deve ‘essere in discontinuità’ con il precedente, non basato su un contratto, ma che abbia alla base una ‘forte condivisione degli obiettivi’

21 agosto 201917:26

Nicola Zingaretti ha ricevuto dalla direzione del Pd il mandato a aprire una trattativa per verificare la possibilità di “un governo di svolta per la legislatura”, in “discontinuità” col precedente. Il documento è stato approvato per acclamazione all’unanimità. “Io faccio il presidente della Regione Lazio e il segretario del Pd e credo siano già due impegni molto gravosi e intendo continuare a fare questo. Rispetto a un governo che è entrato in crisi, bisogna dare vita a nuovo governo cioè una nuova squadra, però unito intorno al programma”, dice il leader del Pd, intervistato dal Tg2.Il governo giallo verde caduto ieri “è stato uno dei peggiori della storia della Repubblica, dopo 14 mesi è fallito”. “Per il Paese l’eredità di questo governo è drammatica”, ha detto Zingaretti nella relazione alla Direzione del Pd.

“Il problema non è l’esercizio provvisorio, ma la manovra mostruosa che abbiamo davanti” e che ammonta ad almeno 23 miliardi. “Togliamoci dalla testa che trovare 23 miliardi sia facile – ha spiegato Zingaretti -, per questo la manovra è il primo punto del confronto”. “Non credo in un governo di transizione che porti al voto. Sarebbe rischioso per i Democratici e anche per il Paese. Ora tocca a noi muoverci e indicare una strada. Dentro il percorso di consultazione dobbiamo dare la disponibilità se c’è la possibilità di una nuova maggioranza parlamentare in grado di dare risposte serie ai problemi del Paese”.Un eventuale nuovo governo deve essere “di svolta, di legislatura” altrimenti “è meglio andare alle urne”, ha detto Zingaretti. “Appartenenza leale all’Unione europea; pieno riconoscimento della democrazia rappresentativa, a partire dalla centralità del parlamento; sviluppo basto sulla sostenibilità ambientale; cambio nella gestione di flussi migratori,con pieno protagonismo dell’Europa; svolta delle ricette economiche e sociale, in chiave redistributiva, che apra una stagione di investimenti”: sono i cinque punti indicati da Zingaretti nella relazione alla Direzione del Pd per trattare sulla nascita di un nuovo governo.”Sono molto contento e molto soddisfatto per il livello di unità e compattezza che abbiamo trovato nella direzione del partito che per la prima volta dopo moltissimi anni ha votato dandomi un mandato all’unanimità. Noi siamo pronti per riferire al presidente Mattarella la nostra piena disponibilità a verificare le condizioni di un governo di svolta utile al paese”, ha detto il segretario del Pd al termine della direzione del partito.”Nessun accordicchio sottobanco ma alla luce del sole, la verifica per costruire un programma possibile, condiviso da un’ampia maggioranza parlamentare. Verificheremo alla luce del sole queste condizioni che, se non si realizzeranno, porteranno il Paese a elezioni anticipate”, ha detto il leader del Pd Nicola Zingaretti a fine direzione. E con l’aria soddisfatta, ha concluso: “Oggi si è fatto un importante passo in avanti, perché tutto il Pd unito si è ritrovato in questa posizione”.”Non sarò al governo con il Movimento 5 Stelle. Posso votare la fiducia se ci sarà un’ipotesi di governo, posso dare una mano sui contenuti ma al governo con i Stelle anche no, grazie”. Parola di Maria Elena Boschi, deputata del Pd ed ex sottosegretario nel governo Renzi entrando al Nazareno per la direzione del partito. “Garantiamo un appoggio a un esecutivo se ha un programma chiaro, forte, che possiamo condividere per quello che ha detto anche il segretario Zingaretti – ha continuato – Ci vuole un impegno forte su contenuti. Certo, noi preferiamo un governo istituzionale. Se sarà di legislatura, vedremo”.  Boschi: “Io al governo con M5s? No grazie”

Zingaretti,governo di legislatura o votoServe esecutivo di svolta

21 agosto 201911:45

– Un eventuale nuovo governo deve essere “di svolta, di legislatura” altrimenti “è meglio andare alle urne”. Lo ha detto Nicola Zingaretti nella relazione alla DIrezione del Pd.

Governo: Zingaretti, no di transizioneTocca al Pd muoversi ed indicare la strada

21 agosto 201911:37

– “Non credo in un governo di transizione che porti al voto. Sarebbe rischioso per i Democratici e anche per il Paese. Ora tocca a noi muoverci e indicare una strada. Dentro il percorso di consultazione dobbiamo dare la disponibilità se c’è la possibilità di una nuova maggioranza parlamentare in grado di dare risposte serie ai problemi del Paese”. Lo ha detto Nicola Zingaretti nella relazione alla Direzione del Pd.

Zingaretti, 5 punti per trattare con M5sAppartenenza leale a Ue, cambio gestione flussi migratori

21 agosto 201911:50

– “Appartenenza leale all’Unione europea; pieno riconoscimento della democrazia rappresentativa, a partire dalla centralità del parlamento; sviluppo basto sulla sostenibilità ambientale; cambio nella gestione di flussi migratori,con pieno protagonismo dell’Europa; svolta delle ricette economiche e sociale, in chiave redistributiva, che apra una stagione di investimenti”: Sono i cinque punti indicati da Nicola Zingaretti nella relazione alla Direzione del Pd per trattare sulla nascita di un nuovo governo.

Governo:da Pd ok mandato a ZingarettiMandato ad aprire una trattativa per governo di svolta

21 agosto 201912:01

– La Direzione del Pd ha approvato un ordine del giorno che ripercorre la relazione di Nicola Zingaretti dando il mandato a aprire una trattativa per verificare la possibilità di “un governo di svolta per la legislatura”, in “discontinuità” col precedente. Il documento è stato approvato per acclamazione all’unanimità.

Salvini, noi parliamo di manovraA noi interessa come tagliare le tasse e aiutare gli italiani

21 agosto 201913:15

– “Gli altri in queste ore parlano di posti, di poltrone. Noi di manovra, di come tagliare le tasse e aiutare gli italiani”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, arrivando alla Camera dove sta iniziando l’assemblea dei deputati leghisti.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Incontro Salvini-Tesei, avviato percorso
Ancora nessuna decisione definitiva su candidatura

PERUGIA21 agosto 201916:42

– Il leader della Lega Matteo Salvini ha incontrato oggi a Roma la senatrice Donatella Tesei per affrontare il tema della candidatura della presidente della Commissione Difesa di palazzo Madama alla presidenza della Regione Umbria. Secondo quanto si apprende da fonti parlamentari del Carroccio, non è stata presa alcuna decisione definitiva ma è stato avviato un ragionamento sulla possibile candidatura.
Salvini e Tesei, che appare comunque orientata ad accettare la candidatura, si rivedranno nei prossimi giorni. E’ possibile che entro questa settimana venga annunciata una decisione definitiva.
In Umbria la Lega si presenterà alle regionali con il centro destra. Il candidato presidente unitario sarà scelto, salvo sorprese dell’ultimo momento, tra la senatrice Tesei, Marco Squarta, indicato da Fratelli d’Italia, e Roberto Morroni, di FI.

Borghi, lasciare Euro un bene per ItaliaIl magazine tedesco Capital cita intervista al deputato leghista

BERLINO21 agosto 201916:51

– BERLINO

– “L’euro è la valuta sbagliata per l’Italia, uscire dalla moneta unica farebbe bene al nostro Paese”: lo afferma il presidente leghista della Commissione Bilancio della Camera Claudio Borghi in un’intervista al magazine tedesco Capital, secondo quanto riferisce un comunicato della rivista ripreso anche dall’agenzia tedesca Dpa.
Certo, spiega Borghi, “un’uscita si potrebbe compiere solo se avessi la legittimità democratica per farlo, ad esempio vincendo un’elezione con più del 50 per cento o se fossi costretto a farlo per motivi di sicurezza nazionale”.

Salvini, rottura perchè no erano troppi’Poi gli italiani decideranno’

21 agosto 201916:53

– “Rottura? Erano troppi i no. Poi gli italiani decideranno. Un Governo che nasce contro è destinato solo a salvare qualche poltrona”. Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini.

Con Casellati al via le ConsultazioniGruppo Leu Camera chiude giornata di oggi

21 agosto 201916:54

– Con l’arrivo della presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati è iniziata la prima giornata delle consultazioni del presidente Sergio Mattarella. Questo è il calendario di oggi. IL PRESIDENTE EMERITO DELLA REPUBBLICA, Senatore Giorgio Napolitano, non trovandosi a Roma, verrà sentito telefonicamente. ORE 16.00, PRESIDENTE DEL SENATO DELLA REPUBBLICA: Sen. Avv.
Maria Elisabetta Alberti Casellati; ORE 16.45, PRESIDENTE DELLA CAMERA DEI DEPUTATI: On. Dott.
Roberto Fico; ORE 17.30, GRUPPO PARLAMENTARE “PER LE AUTONOMIE (SVP-PATT,UV)” DEL SENATO DELLA REPUBBLICA; ORE 18.00, GRUPPO PARLAMENTARE MISTO DEL SENATO DELLA REPUBBLICA; ORE 18.30, GRUPPO PARLAMENTARE MISTO DELLA CAMERA DEI DEPUTATI; ORE 19.00, GRUPPO PARLAMENTARE “LIBERI E UGUALI” DELLA CAMERA DEI DEPUTATI.

Governo: Zingaretti, no a Conte bisDiscontinuità è non stare in proseguimento di governo combattuto

21 agosto 201917:01

– “Discontinuità vuol dire che ovviamente non vogliamo e non possiamo entrare in un governo che propone il Conte bis, il proseguimento di un governo che abbiamo combattuto. Tutti si facciano carico della necessita’ di avviare un nuovo governo”. Lo ha detto il segretario del Pd Nicola Zingaretti a La7.

Scontro sui migranti, il Viminale: ‘La Difesa indebolisce la lotta’. Trenta a Salvini: “Inqualificabile tentativo di screditare”La ministra: “Impara a rispettare istituzioni e a non appropriartene”

21 agosto 201918:43

“Caro Matteo, il tuo tentativo di screditare non solo me ma l’intera Difesa è inqualificabile”. Comincia così il duro post del ministro Elisabetta Trenta nei confronti del vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini, nel quale gli ricorda “che le istituzioni non sono le nostre e che noi diamo solo l’indirizzo”. “Impara a rispettare il ruolo delle istituzioni e a non appropriartene”, la conclusione.In una lettera – datata 19 luglio

del capo di Gabinetto del Viminale al suo omologo della Difesa si legge: “Mi corre l’obbligo di trasmetterti la preoccupazione, condivisa anche dalle Forze di polizia competenti, che l’ipotizzato incremento del pattugliamento aeromarittimo in acque internazionali possa fungere da fattore di attrazione, piuttosto che di deterrenza, per le partenze dalle coste libiche, qualora non risulti consolidata la possibilità di sbarchi in quel Paese”. “Un conto è contestare l’utilizzo delle navi militari come veri e propri taxi del mare al servizio delle Ong (da qui l’esigenza di un approccio diverso, sollecitato dal ministero dell’Interno), un altro modificare il tipo di attività delle navi della Marina”, sottolineano fonti del Viminale, spiegando che “il cambiamento voluto dalla Difesa non c’entra con le indicazioni del ministero dell’Interno. La Trenta ha addirittura fatto accompagnare la Open Arms verso l’Italia”.   Fonti dello Stato Maggiore della Difesa “rassicurano” sul fatto che “nulla cambia per quanto riguarda compiti e struttura dell’operazione Mare Sicuro rispetto a quanto disposto in sede di Comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica “. Così le fonti dello Stato Maggiore – che coordina Mare Sicuro – replica a quanto sostenuto dal ministro dell’interno Matteo Salvini.

Bassetti, si governi per bene comunePer presidente Cei “non si può governare su contratti”

PERUGIA21 agosto 201919:21

– “Non si può governare su dei contratti, ma lo si deve fare sui progetti e aspetto che qualcuno sia in grado di poterne fare concordati e attuabili per il bene comune”: lo ha detto il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei e arcivescovo di Perugia, rispondendo a una domanda sulla crisi di Governo. L’ha fatto a margine dell’inaugurazione dell’oratorio dedicato a Giampiero Morettini a San Martino in Campo, nel capoluogo umbro. “Ogni crisi preoccupa – ha aggiunto -, speriamo che sia di crescita”.
“Ho una visione più laica della politica che per noi è fatta di contenuti evangelici” ha sottolineato ancora il card.
Bassetti, che ha richiamato Giorgio La Pira, rispondendo sui ripetuti riferimenti ai simboli religiosi in Senato durante il dibattito seguito all’intervento del premier Giuseppe Conte.
“La religiosità – ha aggiunto l’arcivescovo di Perugia – si esprime in chiesa è nei luoghi della fede”.

Quota 100 e Pa. Via da e.locali e sanitàI dati dell’Inps nel primo mese di decorrenza per i ‘pubblici’

21 agosto 201911:17

– Sono 10.336 le domande presentate da dipendenti pubblici per andare in pensione con il meccanismo Quota 100, dalle quali emerge che otto dipendenti su 10 in uscita ad agosto provengono dagli enti pubblici e dalla sanità.
E’ quanto emerge dai dati Inps nel primo mese di decorrenza del meccanismo di anticipazione della pensione nel settore delle pubbliche amministrazioni. Da Regioni, Comuni e Province arriva infatti il 55,1% delle domande di pensionamento, con 5.694 domande. Segue la sanità con 2.344 (il 22,7%), soprattutto nel settore dei paramedici, amministrativi e tecnici.

Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 1 minuto

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE!

DALLE 21:00 DI MARTEDì 20 AGOSTO 2019

ALLE 05:58 DI MERCOLEDì 21 AGOSTO 2019

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Salvini, dal premier solo insulti
Se a me preferiva il Pd poteva dirlo

20 agosto 2019 21:00

– “In Aula del Senato oggi non abbiamo ascoltato idee. Dopo un anno di governo insieme, dunque, solo insulti dal presidente del consiglio. Che delusione, se mal sopportava la Lega e me e preferiva il Pd poteva dirlo subito”.
Lo scrive su twitter il vicepremier Matteo Salvini.

Consultazioni in due giorni, ecco il calendarioM5S chiudono giovedì alle 17

20 agosto 201922:21

Ecco il calendario delle consultazioniMercoledì 21 agosto 2019 Il presidente emerito della Repubblica, Senatore Giorgio Napolitano, non trovandosi a Roma, verrà sentito telefonicamente.ore 16.00 presidente del Senato: Sen. Avv. Maria Elisabetta Alberti Casellatiore 16.45 presidente della Camera dei deputati: On. Dott. Roberto Ficoore 17.30 Gruppo parlamentare “per le autonomie (Svp-Patt,Uv)” del Senato ore 18.00 Gruppo parlamentare Misto del Senatoore 18.30 Gruppo parlamentare Misto della Camera dei deputatiore 19.00 gruppo parlamentare “Liberi e uguali” della cameraGiovedì 22 agosto 2019 ore 10.00 gruppi parlamentari “Fratelli d’italia” del Senato e della Camera dei deputatiore 11.00 gruppi parlamentari “Partito democratico” del Senato e della Cameraore 12.00 gruppi parlamentari “Forza italia – Berlusconi presidente” del Senato e della Cameraore 16.00 gruppi parlamentari “Lega-Salvini premier” del Senato e della Camera dei deputatiore 17.00 gruppi parlamentari “Movimento 5 stelle” del Senato e della Camera

Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 3 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE!

DALLE 13:52 ALLE 21:00 DI MARTEDì 20 AGOSTO 2019

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Governo: Zaia: io andrei subito al voto
Dossier alla fine su tavolo Mattarella

VENEZIA20 agosto 2019 13:52

– “Personalmente, come Luca Zaia, tifo perché si vada al voto. Le urne sono un elemento di sanificazione che rispetta al massimo il popolo. Poi ognuno farà quello che meglio ritiene. E immagino che alla fine il dossier finirà sul tavolo del Presidente della Repubblica, che dovrà esprimersi”. Lo ha detto da cittadino il Governatore del Veneto Luca Zaia, pur senza sbilanciarsi (“la storia la valuteremo quando sarà stata scritta” ha aggiunto). “Mattarella lo incontrerò il 28 alla Mostra del Cinema e gli parlerò direttamente – ha concluso -, anche riguardo ai temi dell’autonomia, perché prima o poi, questo Governo o un altro, ce la daranno”. Non giudicando nemmeno l’operato di Salvini, leghista come lui, Zaia ha però ammesso: “Credo che ha fatto bene a porre la questione, perché era necessario e fondamentale farlo. L’esperienza che ho avuto in Veneto con questi signori dei Cinquestelle è stata disastrosa, visto che hanno sempre creato problemi: dalla tav alla Pedemontana, dal Prosecco alle Olimpiadi”.

Salvini bacia il rosario in aula mentre Conte parlaIl ministro era seduto proprio accanto al presidente del Consiglio che lo ha accusato di “incoscienza religiosa” per aver accostato “slogan politici a simboli religiosi”

20 agosto 201918:48

In uno dei passaggi più duri del discorso del premier Giuseppe Conte al Senato, Matteo Salvini ha baciato ripetutamente un rosario bianco. Il ministro degli Interni era seduto proprio accanto al presidente del Consiglio che lo ha accusato di “incoscienza religiosa” per aver accostato “slogan politici a simboli religiosi” durante la seduta che ha confermato le dimissioni del premier.

Conte: al Colle per le dimissioniPremier, l’azione di questo governo qui si arresta

20 agosto 201919:49

– “Alla fine di questo dibattito mi recherò dal presidente della Repubblica per dimettermi”. Lo ha detto il premier, Giuseppe Conte, intervenendo nell’Aula del Senato. “La crisi in atto compromette l’azione di questo governo che qui si arresta”, ha sottolineato durante il suo discorso.
“Ora il presidente della Repubblica – ha aggiunto – guiderà il Paese in questo passaggio delicato. Colgo l’occasione per ringraziarlo per il sostegno che mi ha dato”.

Salvini in Senato: rifarei tuttoIl vicepremier, non ho paura del giudizio degli italiani

20 agosto 201919:50

– “Grazie e finalmente: rifarei tutto quello che ho fatto”. Lo ha detto il vicepremier, Matteo Salvini, intervenendo nell’Aula del Senato. “Non ho paura del giudizio degli italiani”, ha sottolineato. Sono qua “con la grande forza di essere un uomo libero, quindi vuol dire che non ho paura del giudizio degli italiani, in questa aula ci sono donne e uomini liberi e donne e uomini un po’ meno liberi. Chi ha paura del giudizio del popolo italiano non è una donna o un uomo libero”.

Conte: incosciente uso simboli religiosiSalvini bacia il rosario in Senato mentre il premier parla

20 agosto 201919:50

– “Chi ha compiti di responsabilità dovrebbe evitare di accostare agli slogan politici i simboli religiosi. Sono episodi di incoscienza religiosa che rischiano di offendere il sentimento dei credenti e di oscurare il principio di laicità alla base dello Stato moderno”. Lo afferma il premier Giuseppe Conte nel corso delle comunicazioni al Senato. Durante il discorso del premier in Aula, il vicepremier ha baciato ripetutamente un rosario bianco. Il ministro degli Interni era seduto proprio accanto al presidente del Consiglio.

Lega ritira mozione sfiducia al SenatoEra stata presentata nei confronti del governo Conte

20 agosto 201920:20

– La Lega ha ritirato la mozione di sfiducia al Senato presentata a suo tempo nei confronti del governo Conte.

La decisione è stata motivata per due ragioni: la prima è che non avrebbe senso dopo aver ascoltato il premier annunciare le dimissioni. La seconda, perché avendo aperto uno spiraglio a lavorare assieme per completare le riforme, sarebbe stato incoerente presentarla, prima di aspettare la replica del premier.

Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 7 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE!

DALLE 10:37 ALLE 13:52 DI MARTEDì 20 AGOSTO 2019

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Renzi: ‘Nessuno di noi chiede una poltrona nel governo’
‘Salvini aggrappato alla poltrona, è un rischio per Italia’

20 agosto 201910:37

“Mi sembra saggio che nessuno di noi stia dentro il governo, io non ci sarò. Nessuno di noi chiede la benché minima poltrona, anche quella di commissario”, ha riferito Matteo Renzi parlando con Radio 24. “Questo dibattito è politichese: il governo populista ha fallito. Per 14 mesi ci hanno detto – ha aggiunto il senatore dem – che loro erano la speranza e avrebbero rivoluzionato l’Italia, dicevano che avrebbero governato per 30 anni con questa opposizione, invece non sono arrivati neanche a 30 mesi”.”Le tecniche partitiche e le formule coalizionali non sono il mio forte. Ma penso che se si ha a cuore l’Italia non si apre una crisi al buio. Salvini a forza di stare sulle spiagge è tornato e ha detto che vuole pieni poteri. E stiamo parlando di un ministro dell’Interno. Il punto è che lui ha perso – e anche io ci sono passato – e ora è aggrappato alla poltrona e sta mettendo a rischio i risparmi degli italiani con il possibile aumento dell’Iva al 25% se si va al voto a ottobre”.”Si sistemi l’Iva poi vinca il migliore. Faccio un appello a Salvini. Scegli tu il collegio, a me va bene Firenze o Milano, Senato o Camera. Io non ho paura di scontrarmi con lui”, ha detto ancora Renzi. “Se il Pd va al 25% alle elezioni è un grande successo – ha aggiunto – invece se l’Iva va al 25% per colpa delle clausole che scattano per colpa di Salvini, allora questi sono problemi per tutti”.”L’Italia non tocca più palla in Europa, e dico purtroppo – ha sottolineato Renzi intervistato da Radio 24 -. E aggiungo che è un pessimo campanello d’allarme anche la crisi della Germania. Ma sia Conte che Salvini sono incapaci di gestire alcun dossier a livello europeo”.

Salvini: ‘Ritirare i ministri? Dipende da cosa dice Conte”Distribuzione dicasteri Pd-5S è problema per Italia’

20 agosto 201913:24

In attesa delle parole del premier Conte al Senato, il dibattito cresce. Il leader della Lega Matteo Salvini, parlando alla trasmissione di Radio 24 ‘E la chiamano estate’, che detto: “Ritirare i ministri? Dipende da quello che dice Conte” oggi al Senato. “Il futuro del Paese nasce da un discorso contro Matteo Salvini? Non credo, spero si parli di Europa, di giustizia, di tasse e di altro ancora. O almeno di questo parlerò io”. “Un governo con pieni poteri è un governo che fa, che non discute, che non polemizza. Poi quello che deve fare un governo è ben regolato dalla Costituzione”. In questo momento, ha aggiunto Salvini, “stiamo facendo i conti con la disperazione di persone che non vogliono mollare la poltrona. Chi ha la coscienza a posto e ha lavorato bene non ha mai paura delle elezioni. Io a votare andrei anche domani mattina se si potesse”.In questi giorni “non ho sentito né di Di Maio né Conte. Io so quello che farà la Lega. Se qualcuno ha già scelto una maggioranza alternativa e si stanno distribuendo ministeri tra Pd e 5 Stelle, allora il problema non è mio ma del Paese”.Governo, Bongiorno: Lega stracompatta, non facciamo capricci

Governo, oggi è il giorno di Conte. Attesa per il discorso in SenatoAttesa per le comunicazioni del premier dopo l’apertura della crisi da parte di Salvini

20 agosto 201913:36

Oggi sarà la giornata chiave per la crisi di Governo. Alle 14:30 è in programma la conferenza dei capigruppo, poi alle 15 le comunicazioni di Giuseppe Conte al Senato. Dopo l’intervento del premier comincerà il dibattito e si potrebbe arrivare al voto sulle risoluzioni.Conte potrebbe però giocare d’anticipo e annunciare direttamente la sua intenzione di dimettersi. Di Maio si affida a Mattarella, affermando che Salvini ha “combinato un disastro” e che un governo con Renzi, Lotti e Boschi è solo una “bufala della Lega”.L’ex segretario del Pd chiarisce: “Mi sembra saggio che nessuno di noi stia dentro il governo, io non ci sarò. Nessuno di noi chiede la benché minima poltrona”. E Salvini chiarisce: “Ritirare i ministri? Dipende da quello che dice Conte”.”Caro Giuseppe oggi è un giorno importante – ha scritto su Facebook il vicepremier Luigi Di Maio -. Il giorno in cui la Lega dovrà rispondere delle proprie colpe per aver deciso di far crollare tutto, aprendo una crisi in pieno agosto, in spiaggia, solo per ricorrere i sondaggi. Oggi al Senato, i ministri M5S saranno al tuo fianco. Ci presenteremo a testa alta. Qualunque cosa accada volevo dirti che è stato un onore lavorare insieme in questo governo. Se una perla rara, un servitore della Nazione che l’Italia non può perdere”.

GLI APPUNTAMENTI DI OGGIComunicazioni di Giuseppe Conte nell’aula del Senato, al via alle 15.Alle 14.30 si riuniranno i capigruppo dei vari partiti di Palazzo Madama. Obiettivo, definire le modalità e i tempi del dibattito, se ci sarà, dopo l’intervento del premier. Si saprà inoltre se al termine dell’informativa, verranno presentate eventuali risoluzioni da parte dei parlamentari. Nel palazzo dei gruppi di palazzo Madama, la riunione dei senatori leghisti prima delle comunicazioni del premier Giuseppe Conte sulla crisi. Presenti Matteo Salvini e il sottosegretario alla Presidenza Giancarlo Giorgetti, insieme a ministri e senatori della Lega.

Di Maio, Conte perla rara da non perdereOggi la Lega risponderà delle proprie colpe, M5S a testa alta

20 agosto 201911:50

– “Caro Giuseppe, oggi è un giorno importante. Il giorno in cui la Lega dovrà rispondere delle proprie colpe per aver deciso di far crollare tutto, aprendo una crisi in pieno agosto, in spiaggia, solo per ricorrere i sondaggi. Oggi al Senato, i ministri M5S saranno al tuo fianco.
Ci presenteremo a testa alta. Qualunque cosa accada, volevo dirti che è stato un onore lavorare insieme in questo governo.
Sei una delle scelte di cui vado più fiero nella mia vita. Sei una perla rara, un servitore della Nazione che l’Italia non può perdere. Forza amico mio!”. Lo scrive su Facebook il vicepremier Luigi Di Maio, nel giorno in cui il premier andrà a riferire al Senato.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Trapianti: Sistema informativo ha regole
Dopo 20 anni passaggio per applicare legge sul silenzio-assenso

20 agosto 201911:05

– E’ stato firmato il decreto del ministero della Salute che contiene le norme del regolamento sul Sistema Informativo Trapianti (Sit), previsto dalla legge n. 91 del primo aprile 1999, che regola il principio del silenzio-assenso sulla donazione di organi. Lo rende noto lo stesso ministero. “Dopo 20 anni è un passaggio fondamentale”, ha rilevato il ministro Giulia Grillo, annunciando una nuova campagna di informazione. Il ministero rende noto inoltre che “nei prossimi mesi saranno attuate le altre prescrizione della legge 91/1999, cioè l’adeguamento dell’Anagrafe nazionale degli assistiti (Ana) in tutte le aziende sanitarie”. “Abbiamo finalmente sbloccato dopo 20 anni un passaggio fondamentale per l’applicazione del silenzio-assenso previsto dalla legge sulla donazione degli organi approvata nel 1999, ma rimasto lettera morta, ha osservato Giulia Grillo.

Striscione pro Conte a MontecitorioIn piazza anche alcuni manifestanti con magliette del M5s

20 agosto 201912:00

– Un lungo striscione con scritto ‘Presidente Giuseppe Conte Italia ti ama’ è stato affisso nella piazza davanti Montecitorio. A fianco, è stata appesa una bandiera del Movimento Cinque Stelle. Nel giorno in cui il premier si presenterà al Senato per comunicazioni sulla crisi di governo, davanti alla Camera alcuni manifestanti gli stanno esprimendo solidarietà, indossando magliette del Movimento e scandendo slogan da un altoparlante.
Oltre allo striscione, c’è un cartellone con la scritta ‘Siamo tutti Conte’ incorniciata da cinque stelle gialle.

Governo: Giorgetti, siamo compattissimiBongiorno,ci interessa arrivare prima possibile a una soluzione

20 agosto 201912:37

– “Siamo compattissimi”. Lo assicura Giancarlo Giorgetti, smentendo i rumors che lo vorrebbero in freddo con Matteo Salvini, entrando alla riunione dei senatori leghisti al Senato prima delle comunicazioni del premier Giuseppe Conte. “La Lega e’ stracompatta non ci sono stati capricci o volontà di rottura. Se c’è stata una frattura è solo per la consapevolezza che bisogna fare le cose per bene A noi interessa arrivare prima possibile a una soluzione senza perdere tempo. La Lega e’ stracompatta”, ribadisce entrando anche il ministro Giulia Bongiorno.

Governo: Prodi,patto Orsola senza destraEvasione fiscale,welfare,istruzione non sono temi cari a destra

20 agosto 201913:10

– La proposta di un cosiddetto “patto Orsola e non Ursula”, ossia un’alleanza tra il Pd e il Movimento 5 stelle basato sui temi, non prevede l’adesione della destra. A chiarirlo è l’ex premier e padre nobile del Pd Romano Prodi in una nota del suo ufficio stampa.
“Trattandosi in questo caso di un patto per il governo italiano, nondimeno prevede la riorganizzazione degli strumenti necessari per la ripresa economica e la messa in atto di una politica socialmente avanzata”, è la premessa della nota. Si tratta quindi di “riprendere una seria lotta all’evasione fiscale, attivare politiche capaci di contrastare le disuguaglianze a partire dalla ridistribuzione del redditi, di rimettere al centro la difesa del welfare con particolare attenzione all’indebolimento dei diritti nel campo della sanità e dell’istruzione pubblica. Temi che non risulta siano stati finora cari alla destra”.

Pd, forfait Fico a Ravenna. Renzi c’èInvitati presidenti Camere e due ministri 5 Stelle ma declinato

BOLOGNA20 agosto 201913:13

– Alla Festa nazionale dell’Unità i presidenti di Camera e Senato, Roberto Fico e Maria Elisabetta Casellati, “sono stati invitati ben prima dello scoppiare della crisi e ben prima avevano già declinato l’invito”, mentre ci saranno Matteo Renzi e Romano Prodi, il Professore dopo 11 anni di assenza. Così Stefano Vaccari, responsabile nazionale dell’organizzazione del Pd, rispondendo ai cronisti alla presentazione della kermesse dem che si aprirà venerdì a Ravenna.
‘Riaccendiamo l’Italia: verde, giusta e competitiva’, la manifestazione si chiuderà il 9 settembre nell’area del Pala De André. La data dell’intervento di Renzi è da definire, ma l’ex segretario “ha dato la sua disponibilità”. Oltre a Fico e Casellati, ha spiegato Vaccari, “impossibilitati a partecipare”, anche “un paio di ministri del Movimento 5 Stelle, invitati a dibattiti tematici, hanno declinato l’invito. Questo è successo prima dell’8 agosto”.

Pd: Rosato, 75mila firme contro SalviniRaccolta lanciata da Renzi tramite i Comitati di azione civile

20 agosto 201913:20

– “Sono arrivate a 75 mila le firme per sostenere la mozione di sfiducia a Salvini. La raccolta, lanciata da Matteo Renzi tramite i Comitati di azione civile, ha mobilitato migliaia di cittadini per chiedere che il ministro dell’odio, dei 49 milioni di euro sottratti allo Stato e dei traffici illeciti con la Russia di Putin, lasci la poltrona. Le firme verranno consegnate al Senato, dove si discute della mozione di sfiducia che Salvini ha fatto al suo governo. Le firme non sono solo un gesto simbolico ma anche un atto concreto di tutti coloro che non vogliono tacere e hanno a cuore le sorti del Paese”. Lo riferisce il coordinatore nazionale dei Comitati civici Ettore Rosato, che è anche vicepresidente della Camera.

Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 7 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE!

DALLE 11:42 ALLE 19:49 DI LUNEDì 19 AGOSTO 2019

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Bassetti, pensare a economia e a lavoro
Su politica non parlo, aspettiamo discorso di Conte

RIMINI19 agosto 201911:42

– “La crisi” del Paese “c’è e va affrontata con tutte le forze: ho detto che bisogna incentivare l’industria, incentivare i posti di lavoro”. Lo afferma il presidente della Cei, cardinal Gualtiero Bassetti. “Ci vuole un po’ di coraggio a partire, se non si mette in moto la macchina tra tre anni siamo ancora qui a dire ‘la crisi'”, dice a margine del Meeting di Rimini. E sulla situazione politica aggiunge: “non dico una parola, aspetto che domani il presidente (Conte, Ndr.) parli e poi si starà a vedere”.

Ministri M5s, mai al tavolo con RenziPer il Guardasigilli cambiamento incompatibile con certi nomi

19 agosto 201911:55

– “C’è una forza politica in Italia che ha sempre mantenuto la sua coerenza e ferma la bussola sull’interesse dei cittadini, non delle banche né dei comitati d’affare. Il M5S non si siederà mai al tavolo con Renzi e/o Boschi”. Lo afferma il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede su Facebook e parole analoghe le usa il ministro Riccardo Fraccaro.. “La questione non è personale – scrive Bonafede – il Paese ha ancora bisogno di un cambiamento che è totalmente incompatibile con certi nomi. È un momento delicato per il Paese. Ora basta con le bufale, siamo seri per piacere. Grazie”, conclude.
“Voglio dirlo chiaramente – scrive Fraccaro sempre su Facebook – noi non faremo accordi con Renzi e Boschi, è la bufala dell’estate che la Lega sta diffondendo dopo aver fatto cadere il Governo. Il nostro obiettivo è tagliare 345 parlamentari, chi il 20 agosto voterà contro il presidente Conte lo farà solo per impedire la riforma. Questa è la verità”.

Il vicepremier M5s e capo politico del M5s è a Montecitorio per l’assemblea congiunta dei gruppi parlamentari del Movimento.”Ho visto che alcuni stanno già facendo proposte a mezzo stampa su aperture ad altre forze politiche – avrebbe detto Luigi Di Maio in assemblea M5s -. Secondo me è profondamente sbagliato. Noi dobbiamo affidarci al Presidente della Repubblica e al percorso istituzionale che vorrà delineare”. “La Lega ha ancora depositata la mozione di sfiducia al Governo e Salvini ha aumentato il livello di attacco nei nostri confronti, ha bisogno di parlare di noi per fare notizia, è disperato. Spero che nella Lega si apra un dibattito sul disastro che ha compiuto in pochi giorni e in totale autonomia Salvini”: così il capo politico M5s Luigi Di Maio in assemblea congiunta M5s.”Quello che vi chiedo di condividere oggi è prima di tutto la piena fiducia nel discorso che farà Giuseppe Conte – così Luigi Di Maio -. Giuseppe non merita di essere trattato come in questi giorni. E neanche di essere accusato di trame segrete. È un uomo di una rettitudine che non ho mai visto in nessuno”. E il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, ha incontrato il vicepremier Di Maio. Secondo quanto riferiscono fonti del Mef, il titolare del Tesoro sta portando avanti, al rientro dalle vacanze e alla vigilia di giorni fondamentali per la politica, una serie di interlocuzioni per fare il punto sulla situazione economica italiana ed internazionale, dal rallentamento della Germania ai rischi legati alla Brexit e ai dazi Usa-Cina.”Voglio dirlo chiaramente: noi non faremo accordi con Renzi e Boschi, è la bufala dell’estate – scrive su Facebook Riccardo Fraccaro (M5S), ministro per i Rapporti con il Parlamento – che la Lega sta diffondendo dopo aver fatto cadere il Governo. Il nostro obiettivo è tagliare 345 parlamentari, chi il 20 agosto voterà contro il presidente Conte lo farà solo per impedire la riforma. Questa è la verità”. Sempre via social anche le parole di un altro ministro pentastellato, Alfonso Bonafede: “C’è una forza politica in Italia che ha sempre mantenuto la sua coerenza e ferma la bussola sull’interesse dei cittadini, non delle banche né dei comitati d’affare. Il M5S – spiega il ministro della Giustizia – non si siederà mai al tavolo con Renzi e/o Boschi”. “La questione non è personale: il Paese ha ancora bisogno di un cambiamento che è totalmente incompatibile con certi nomi. È un momento delicato per il Paese. Ora basta con le bufale, siamo seri per piacere. Grazie”, conclude.

Lega sceglie candidato Regione UmbriaSalvini incontra senatrice Tesei già indicata come governatrice

PERUGIA19 agosto 201913:30

– Potrebbe arrivare domani l’indicazione del nome che la Lega proporrà al centro destra come candidato unitario come presidente della Regione Umbria. Il segretario Matteo Salvini incontrerà infatti a Roma la senatrice Donatella Tesei da lui già indicata come possibile futura governatrice.
La presidente della Commissione Difesa di Palazzo Madama sembra avviata ad accettare la candidatura. L’indicazione della Lega sarà comunque poi vagliata insieme agli alleati, Fratelli d’Italia e Forza Italia. Secondo indiscrezioni potrebbe concretizzarsi un ticket formato da Tesei e Marco Squarta, candidato presidente di FdI.

Grasso, possibile intesa M5s-Pd-LeuSu tempi crisi ricordare che Lega e M5s hanno impiegato 3 mesi

19 agosto 201915:59

– “Penso che tutte le ipotesi siano possibili. Il problema è che attraverso le consultazioni il presidente Mattarella deve avere il tempo di verificare se c’è la possibilità di una nuova coalizione di governo”. Così l’ex presidente del senato e senatore di Leu Pietro Grasso non esclude la possibilità di un governo giallorosso. Per Grasso, “il problema sono i tempi: è stata intempestiva l’apertura della crisi da parte di Salvini. Un governo che possa evitare l’aumento dell’IVA è la priorità che deve essere presente. Se ci fosse bisogno di tempo non dimentichiamo che Lega e 5 Stelle hanno avuto bisogno di quasi 3 mesi per trovare un accordo. Capisco che anche le condizioni per un nuovo governo sono difficili da raggiungere, ma sedendosi attorno a un tavolo ci sono tanti temi comuni tra 5 Stelle, PD e Liberi e Uguali. Ci sarei certamente per un governo”.

Di Maio, la parola al QuirinaleCi affidiamo al percorso istituzionale che vorrà delineare

19 agosto 201915:59

– “Ho visto che alcuni stanno già facendo proposte a mezzo stampa su aperture ad altre forze politiche. Secondo me è profondamente sbagliato. Noi dobbiamo affidarci al Presidente della Repubblica e al percorso istituzionale che vorrà delineare”. Lo ha detto, a quanto si apprende, Luigi Di Maio nell’assemblea del M5S.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Buffagni, Salvini ha un telefono, lo usi
“Gestire questioni come Mps col Pd mi terrorizza”

19 agosto 201916:00

– “Salvini piuttosto che tenere il telefono acceso chiamasse lui visto che gli paghiamo pure la bolletta”. Lo dice il sottosegretario agli affari regionali Stefano Buffagni arrivando all ‘assemblea dei gruppi M5s. Quanto alle diverse ipotesi di governo a chi gli chiede se includerà renziani in caso di un’intesa col Pd Buffagni taglia corto:” “certo che gestire questioni come Mps col Pd mi terrorizza”.

FI, no ticket Lega-FdI presidenza UmbriaPer ambienti nazionali partito coalizione “troppo a destra”

PERUGIA19 agosto 201917:06

– Forza Italia è contraria a un ticket Lega-FdI come candidatura del centro destra per la presidenza della Regione Umbria. E’ quanto si apprende

da ambienti nazionali del partito.
Secondo Forza Italia una candidatura espressa dalla Lega per la guida dell’Umbria, Donatella Tesei, con un vice di Fratelli d’Italia, Marco Squarta, sposterebbe “troppo a destra” la coalizione. Finendo per “non intercettare” i voti del centro.
Per FI gli accordi all’interno del raggruppamento “escludono” anche la presenza di esponenti del nuovo movimento di Giovanni Toti.

Zingaretti, governo forte o è meglio il voto Attendiamo il discorso di Conte e l’apertura della crisi

19 agosto 201918:48

“Come abbiamo sempre detto : attendiamo le dichiarazioni di Conte e l’apertura della crisi. A quel punto alla Direzione del 21 riaffermeremo una posizione chiara: o nel corso delle consultazioni si verificano le condizioni per un governo forte e di rinnovamento anche nei contenuti o è meglio il voto.” Lo dichiara in una nota il Segretario del Pd Nicola Zingaretti.

Salvini, scelgono Renzi? AuguriLo spieghino alle vittime di Bibbiano e ai truffati di Etruria

19 agosto 201919:25

– “Chiunque abbia timore del voto ha solo paura di perdere la poltrona. Hanno scelto Renzi? Auguri.
Lo spieghino alle vittime di Bibbiano e ai truffati di Banca Etruria”. Lo scrive su Facebook il ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

Fi. Toti incontra CarfagnaNon ci confrontavamo da 20 giorni

19 agosto 201919:28

– Il neo leader di Cambiamo! e fino a pochi giorni fa coordinatore nazionale di Fi, Giovanni Toti, é arrivato a Montecitorio dove era da poco giunta anche la vicepresidente azzurra della Camera Mara Carfagna. “Ci vediamo, ci confrontiamo, sono 20 giorni che non lo facciamo”, dice il governatore della Liguria entrando nel palazzo.

Renzi, pronto a sfidare SalviniSarebbe il benvenuto se si candidasse contro di me

19 agosto 201919:29

– Matteo Renzi è disponibile a sfidare l’altro Matteo, il vicepremier e leader della Lega Salvini, se si andasse al voto. “Se si candidasse a Firenze, o Milano scelga lui, contro di me, sarebbe il benvenuto”, ha detto il senatore del Pd ai microfoni di ‘Studio aperto’ su Italia 1. L’ex premier ha aggiunto: “In attesa di fare un confronto elettorale, magari (Salvini, ndr) potrebbe accettare di fare un confronto in tv. Se la vostra testata è disponibile, io sono pronto a fare intanto un confronto tv con Salvini e poi un confronto elettorale. Firenze l’aspetta”, ha concluso.

Tria vede Di Maio, focus su economiaAl centro rallentamento Germania, rischi Brexit e dazi

19 agosto 201918:15

– Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, ha incontrato oggi il vicepremier, Luigi Di Maio. Secondo quanto riferiscono fonti del Mef, il titolare del Tesoro sta portando avanti, al rientro dalle vacanze e alla vigilia di giorni fondamentali per la politica, una serie di interlocuzioni per fare il punto sulla situazione economica italiana ed internazionale, dal rallentamento della Germania ai rischi legati alla Brexit e ai dazi Usa-Cina.

Carige: convocata assemblea su aumentoParola ad azionisti su ricapitalizzazione 700 mln e warrant

GENOVA19 agosto 201918:11

– E’ stata convocata per il 20 settembre l’assemblea straordinaria di Banca Carige con la proposta di aumentare il capitale per 700 milioni di euro con azioni da offrire in sottoscrizione allo Schema Volontario del Fitd per compensazione delle obbligazioni subordinate della banca detenute, a Cassa Centrale Banca, agli azionisti e allo stesso Fitd. L’assemblea dovrà deliberare anche sull’emissione dei warrant gratuiti previsti dal piano e su modifiche statutarie. Lo annuncia una nota.

A.Mittal: slitta ancora Dl immunitàAtteso non prima del 21/8, dopo fiducia Governo. Rischi in Aula

19 agosto 201919:03

– Slitta la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del “decreto-imprese”, ribattezzato ‘Salva-Ilva’ perché ridisegna e limita il sistema di immunità penale per manager e proprietari dell’ex-Ilva ora passata ad ArcelorMittal.
Il testo prevede anche misure a sostegno delle imprese in crisi, la tutela di lavoratori precari e dei ‘rider’, la proroga degli ultimi Lavoratori socialmente utili (Lsu). Uscito dal Consiglio dei ministri del 6 agosto con la dicitura “salvo intese”, la sua pubblicazione in G.U. era prevista oggi, ma ora si ipotizza 21-22 agosto, dopo che il Parlamento deciderà il futuro del Governo Conte. C’e’ quindi il rischio che resti imbrigliata nella crisi di Governo come altre misure. Il “salva-Ilva” punta a evitare il rischio del recesso di ArcelorMittal dalla gestione del siderurgico, se non vengono rinnovate entro il 6 settembre le tutele penali: è previsto uno “scudo” attenuato per gli atti in ottemperanza del Piano Ambientale ma, perché scatti, il decreto deve essere pubblicato in Gazzetta.

Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 3 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: LEGGI!

DALLE 11:50 ALLE 23:31 DI SABATO 17 AGOSTO 2019

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Governo: M5s, anche oggi i ministri Lega si dimettono domani
Crisi surreale aperta da Lega solo per tutelare suoi interessi

17 agosto 201911:50

“Ma come, non dovevano mollare tutti la poltrona? Hanno aperto una crisi di governo in pieno agosto annunciando di essere pronti a dimettersi in blocco e invece ancora sono lì, incollati alla poltrona. Senza pudore!”. Così il MoVimento 5 Stelle sul Blog delle Stelle. “Si tratta di una crisi surreale aperta dalla Lega solo per tutelare gli interessi di partito, per portare a casa nuove poltrone. Storia da Prima Repubblica, logiche di palazzo, intrighi politici, solo per conquistare nuovo potere”.

Conte a Salvini, sbarcare subito minoriPremier conferma disponibilità diversi Paesi Ue per ospitalità

17 agosto 201915:15

– Il premier Giuseppe Conte ha inviato una nuova lettera a Matteo Salvini in cui ribadisce che è necessario che sia autorizzato lo sbarco immediato delle persone di età inferiore agli anni 18 presenti a bordo della nave Open Arms. Lo si apprende da fonti di Palazzo Shigi. E conferma che dalla Commissione europea ci è stata confermata la disponibilità di una pluralità di Paesi europei (Francia, Germania, Lussemburgo, Portogallo, Romania e Spagna) a condividere gli oneri dell’ospitalità per tutte le persone di cui ci stiamo occupando, anche indipendentemente dalla loro età.

Salvini, Renzi faccia di bronzoCon tutti i danni che ha fatto!

17 agosto 201915:15

– “Anche oggi al lavoro per difendere i confini e la sicurezza dell’Italia. Renzi che parla di “governo istituzionale” per salvare il Paese? Mamma mia che faccia di bronzo, con tutti i danni che ha fatto!”. Lo afferma il vicepremier e ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

Pd,Calenda: con M5S? Fondo altro partitoDirezione dem ha detto unica via elezioni, se cambia me ne vado

17 agosto 201915:16

– “Con i grillini il Pd è finito.
Elezioni subito o farò un altro partito”. Lo afferma Carlo Calenda in un’intervista al quotidiano Il Foglio. “La direzione nazionale ha preso una linea, “Se il Governo cade per noi ci sono solo le elezioni”. All’unanimità – scrive l’eurodeputato Pd-Siamo Europei su Twitter in risposta a una critica -. Fino a questo momento è la linea vigente. Se cambierà farò quello che ho sempre detto, al contrario di molti altri. Passi lunghi e ben distesi”. In un altro tweet l’ex ministro fa una proposta: “Fossi Gentiloni metterei su una squadra: Boeri, Carofiglio, Cottarelli, Minniti, Zanchini, Tinagli, Ricciardi, Rossi Doria, Spicola, Bentivogli, Bombassei, Parisi e direi al paese questa è la squadra di Governo. E poi pedalare ma non allearsi con i fascisti per battere i fascisti”, cioè con M5S contro la Lega, secondo Calenda.

Renzi, serve governo istituzionaleFolle voto a ottobre con l’effetto di aumentare l’IVA al 25%

17 agosto 201915:17

– “Andare a votare a ottobre con l’effetto di aumentare l’IVA al 25% è folle. Non possono essere le famiglie a pagare le ambizioni di qualche aspirante leader. E non possiamo condannare l’Italia alla recessione. Per questo serve un Governo Istituzionale che pensi al Paese e non ai destini dei singoli partiti”. Lo scrive l’ex premier Matteo Renzi su Facebook.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Fonti M5s, Salvini può solo dimettersi
Parla da ministri ma per conto di chi? e di cosa?

17 agosto 201916:15

-“Salvini parla da ministro di quale governo? Salvini ha fatto cadere il governo e pretende ancora di fare il ministro. Parla da ministro, ma per conto di chi e di cosa se ha detto che vuole sfiduciare il governo? Si dimetta se ha un briciolo di coerenza”. lo affermano fonti m5s.

Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 6 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: LEGGI!

DALLE 08:35 ALLE 21:50 DI VENERDì 16 AGOSTO 2019

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Delrio: con M5S serve patto alla tedesca
“Hanno difeso istituzioni, noi saremo compatti con Zingaretti”

16 agosto 2019 08:35

– “Ciò che serve è un accordo alla tedesca, come Cdu e Spd, una cosa scritta. Ci si mette a sedere, si tratta, si analizza ogni punto per il bene del Paese, convocando le menti migliori, per dare un’impronta diversa.
Questo Paese finora è stato ossessionato da argomenti che non hanno portato bene, come l’immigrazione. Mi fa piacere che Conte ne abbia preso atto”. Così il capogruppo Pd alla Camera Graziano Delrio su un’intesa con il M5s. “Mattarella detta i tempi, non Salvini. Il leghista è stato arrogante e ha sbattuto contro il muro mentre i M5S hanno difeso le istituzioni”, ancora Delrio, “noi a Mattarella parleremo di lavoro e svolta verde per l’emergenza ambientale. E’ un lavoro duro, serio, e non è detto che non permetta, questo percorso, di chiarire punti di convergenza con il M5S”. A Matteralla “verrà presentata la sintesi della direzione del 21 agosto. Il segretario farà questa sintesi e io sono fiducioso – prosegue Delrio – Dovremo convincere i nostri elettori che non stiamo facendo un gioco di palazzo”.

Renzi: M5S che fa? Può accadere di tuttoSalvini ha paura e offre tutto a Di Maio,peggio di calciomercato

16 agosto 201913:59

– “Tutto bellissimo. E tutto anche assurdo: mai vista una crisi gestita così. Se non fosse una cosa seria ci sarebbe da ridere! Salvini sente scivolarsi via la poltrona e sa che solo con il potere potrà avere ancora un (breve) futuro. Il capitano si è impaurito di brutto. E dunque offre tutto a Di Maio. Scene da far impallidire il calciomercato”. Così Matteo Renzi su Fb. “Adesso vedremo che cosa farà il M5S: può davvero accadere di tutto. Noi abbiamo una sola stella polare: il rispetto delle Istituzioni. Solo quello”.
“Prima l’Italia. Poi il Pd, le correnti, le esigenze personali: prima l’Italia – prosegue -. Prima le Istituzioni. Siamo pronti a un Governo Istituzionale per salvare le famiglie dall’aumento dell’IVA e per evitare che l’Italia sia isolata in Europa. E siamo ancora più pronti a fare un’opposizione ancora più dura se grillini e leghisti si rimetteranno insieme per una banale esigenza di poltrone. Per noi la difesa degli italiani viene prima di qualsiasi cosa, anche dei nostri risentimenti personali”.

Fonti Pd, Salvini pronto Di Maio premierTentativo per evitare nuova maggioranza e far rientrare crisi

16 agosto 201915:53

– Matteo Salvini sarebbe pronto a offrire perfino la presidenza del Consiglio a Luigi Di Maio pur di riappacificare gli alleati e far rientrare la crisi di governo, per evitare la formazione di una nuova maggioranza: è quanto sostengono fonti parlamentari Pd, secondo le quali nel frattempo i contatti dei Dem con il M5S sono sospesi in attesa degli sviluppi della crisi. “Ci sono voci insistenti che Salvini stia facendo un tentativo di ricucire con il Movimento – affermano le fonti – Il M5S tiene in piedi tutte le ipotesi, per quanto ci risulta. Ma noi nel frattempo siamo alla finestra, totalmente. Aspettiamo il 20 per vedere cosa farà Conte, se di dimette o meno. Potrebbe esserci un rimpasto o anche un nuovo incarico”.

M5s, Di Maio premier? Sono fake news5 Stelle smentiscono voci di una offerta di Salvini per P.Chigi

16 agosto 201916:05

– “Quanto riportato da alcuni organi di stampa è totalmente falso. Non solo, nessuno dei quotidiani ha contattato fonti ufficiali del M5s con l’intento di verificare questa clamorosa fake news. Sono cascati nel giochino di qualcuno, ma siamo abituati ormai. Non ci interessano poltrone, non ci interessano giochi di palazzo”. Così in una nota il M5S commenta le voci circolate in ambienti del Pd, e riprese dalla stampa, che Matteo Salvini abbia offerto al leader 5 stelle la poltrona di Palazzo Chigi per ricomporre la frattura.
E subito dopo in un post su Facebook Di Maio ribadisce che si tratta di “fake news su futuri ruoli, incarichi, strategie”, e taglia corto: “Tutte cose che non ci interessano”.

M5s, priorità è taglio parlamentariLa Lega ha fatto piombare l’Italia in crisi senza precedenti

16 agosto 201916:08

– “Per noi è importante il taglio dei 345 parlamentari per dare un grande segnale di cambiamento.
Punto. Abbiamo sempre lavorato per fare il meglio del Paese e soprattutto in questo momento, dopo che la Lega ha fatto piombare l’Italia in una crisi senza precedenti, nel pieno di agosto”. Lo scrive il M5s in una nota in cui smentisce le voci di una trattativa con il partito di Salvini, per dare la premiership a Luigi Di Maio. Concetto espresso poco prima sul profilo Facebook del Movimento, anche con l’immagine di una poltrona barrata e, accanto, la scritta -6 giorni. Sotto la scritta ‘Tagliamo i parlamentari’ con il simbolo del M5s.

Toti presenta simbolo di ‘Cambiamo’Governatore ligure su lancia il simbolo del suo nuovo movimento

16 agosto 201916:16

– “Ecco il simbolo di CAMBIAMO, realizzato grazie ai vostri suggerimenti, che potrete scegliere alle prossime elezioni per cambiare insieme a noi. Prima si vota meglio è!”. Lo scrive il governatore della Liguria Giovanni Toti presentando su Facebook il simbolo della sua nuova forza politica, un cerchio metà azzurro e metà arancione, con dentro un tricolore stilizzato e la scritta “Cambiamo con Toti”.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Il taglio dei parlamentari, sì di Salvini alla richiesta del M5s
Abbiamo già votato e voteremo ancora il taglio dei parlamentari’, afferma il leader della Lega. Di Maio però esclude trattative per le poltrone e dice: ‘Chi vota la sfiducia esclude il taglio’.

16 agosto 201918:39

“Da quel che leggiamo i partiti già pensano alle poltrone. È più forte di loro. Non ce la fanno a pensare ai contenuti e alle proposte. Noi pensiamo al taglio di 345 parlamentari. Parliamo di una proposta, manca un voto. E vedremo chi se la sentirà, perché finora abbiamo sentito solo parole”. Lo dicono fonti M5s.

Salvini, Lega ha già votato taglio parlamentari, Pd no – “A differenza del PD, la Lega ha già votato e voterà ancora per il taglio dei parlamentari. Bene il risparmio di mezzo miliardo di euro per gli Italiani. Ancora meglio il risparmio di due miliardi di euro grazie alla politica seria e coraggiosa dei PORTI CHIUSI, che qualcuno in queste ore vorrebbe cancellare tornando agli sbarchi di massa gestiti dalle ONG. Ma io non mollo, statene certi. Vi voglio bene”. Lo scrive il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini su twitter.Fonti segreteria Pd,no governicchi,solo alto profilo  – “Non si capisce più se c’è la crisi di governo o se Lega e 5Stelle hanno fatto la pace in nome delle poltrone. La posizione del Pd è chiara: no a governicchi per fare la manovra e basta. Prepariamoci al voto senza paura se Salvini e Di Maio ci portano alle urne”. E’ quanto si apprende da fonti della segreteria Pd. “Se ci sono condizioni per un’altra maggioranza le verificheremo insieme al Presidente Mattarella nelle consultazioni, ma devono essere condizioni vere e serie di alto profilo – proseguono -. Per dare una speranza all’Italia, non solo per non votare”.Matteo Salvini sarebbe pronto a offrire perfino la presidenza del Consiglio a Luigi Di Maio pur di riappacificare gli alleati e far rientrare la crisi di governo, per evitare la formazione di una nuova maggioranza: è quanto sostengono fonti parlamentari Pd, secondo le quali nel frattempo i contatti dei dem con il M5S sono sospesi in attesa degli sviluppi della crisi. “Ci sono voci insistenti che Salvini stia facendo un tentativo di ricucire con il Movimento – affermano le fonti -. Il M5S tiene in piedi tutte le ipotesi, per quanto ci risulta. Ma noi nel frattempo siamo alla finestra, totalmente. Aspettiamo il 20 per vedere cosa farà Conte, se di dimette o meno. Potrebbe esserci un rimpasto o anche un nuovo incarico”. Stamani in un post su Fb Matteo Renzi ha scritto: “Il capitano (Salvini) si è impaurito di brutto. E dunque offre tutto a Di Maio. Scene da far impallidire il calciomercato”. M5s, Di Maio premier? Fake news, non vogliamo poltrone – “Quanto riportato da alcuni organi di stampa è totalmente falso. Non solo, nessuno dei quotidiani ha contattato fonti ufficiali del M5s con l’intento di verificare questa clamorosa fake news. Sono cascati nel giochino di qualcuno, ma siamo abituati ormai. Non ci interessano poltrone, non ci interessano giochi di palazzo”. Così in una nota il M5S commentano le voci circolate in ambienti del Pd, e riprese dalla stampa, che Matteo Salvini abbia offerto al leader 5 stelle la poltrona di Palazzo Chigi per ricomporre la frattura.Di Maio, su ruoli e incarichi solo assurdità – In questa estate surreale, in cui la Lega ha fatto cadere il governo in pieno agosto fregandosene del Paese e degli italiani, leggo continue fake news su futuri ruoli, incarichi, strategie. Tutte cose che non ci interessano. Tutte assurdità veicolate ad arte da qualcuno sui giornali per nascondere la verità”. Lo scrive Luigi Di Maio in un post su Fb. “A noi interessa una sola cosa arrivati a questo punto: che il 22 agosto – quando è fissata la seduta della Camera – si voti il taglio dei parlamentari. Aspettiamo le forze politiche il 20 agosto in aula. Chi sfiducerà Conte lo farà per evitare che si voti il taglio dei parlamentari. Questa è la realtà. Possiamo far risparmiare mezzo miliardo di euro agli italiani” aggiunge Di Maio.

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Zingaretti, si discute solo con il Colle
“No a un governo di corto respiro che nasca da paura del voto”

16 agosto 201920:22

– “Diciamo no a qualsiasi ipotesi di Governo pasticciato e di corto respiro. Solo nello sviluppo dell’eventuale crisi di Governo sotto la guida autorevole del Presidente Mattarella si potranno verificare, se esistono, le condizioni numeriche e politiche di un Governo diverso con una larga base parlamentare che nasca non a tutti i costi per la paura delle urne, che non abbiamo, ma dalla reale possibilità di trasformare l’Italia, cambiare e rifondare l’Europa e ricostruire una speranza”. Così su Fb Nicola Zingaretti.

Aggiornamenti, Notizie, Politica, Ultim'ora

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 5 minuti

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE, APPROFONDITE, DETTAGLIATE, COMPLETE ED UFFICIALI: SEGUILE!

DALLE 13:30 DI GIOVEDì 15 AGOSTO 2019

ALLE 08:35 DI VENERDì 16 AGOSTO 2019

POLITICA TUTTE LE NOTIZIE

Conte a Salvini: “Porti chiusi non risolvono tema migranti”
Lettera aperta al ministro, ‘è l’ennesima, non l’accetto’

15 agosto 2019 13:30

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte duro con Matteo Salvini sul tema migranti:  c’è stato “un chiaro esempio di sleale collaborazione, l’ennesima a dire il vero, che non posso accettare”, scrive il premier  in una ‘lettera aperta’ su Facebook al ministro degli Interni.
“Siamo ormai agli sgoccioli di questa nostra esperienza di governo. Abbiamo lavorato fianco a fianco per molti mesi e ho sempre cercato di trasmetterti i valori della dignità del ruolo che ricopriamo e la sensibilità per le istituzioni che rappresentiamo. La tua foga politica e l’ansia di comunicare, tuttavia, ti hanno indotto spesso a operare ‘slabbrature istituzionali’, che a tratti sono diventati veri e propri ‘strappi istituzionali’, scrive Conte
“Questo è il momento di insistere in direzione di una soluzione sempre più europea, altrimenti l’Italia si ritroverà completamente isolata in una situazione che diventerà, nuovamente, via via sempre più ingestibile”, dice Conte  riferendosi in particolare al caso Open Arms. “In definitiva, se davvero vogliamo proteggere i nostri “interessi nazionali”, non possiamo limitarci a esibire posizioni di assoluta intransigenza”, scrive Conte. “Francia, Germania, ORomania, Portogallo, Spagna e Lussemburgo mi hanno appena comunicato di essere disponibili a redistribuire i migranti. Ancora una volta, i miei omologhi europei ci tendono la mano”.
“Il consenso politico a cui ogni leader politico aspira si nutre della fiducia degli elettori. Ma se non alimentiamo la fiducia dei cittadini nelle istituzioni pubbliche si crea un cortocircuito e alla fine prevalgono rabbia e disaffezione. Dobbiamo tutti operare per riconoscere piena dignità alle istituzioni che rappresentiamo, nel segno della leale collaborazione. Hai alle spalle e davanti una lunga carriera politica. Molti l’associano al potere. Io l’associo a una enorme responsabilità”.

“Comprendo la tua fedele e ossessiva concentrazione nell’affrontare il tema dell’immigrazione riducendolo alla formula ‘porti chiusi’ – conclude Conte -. Sei un leader politico e sei legittimamente proteso a incrementare costantemente i tuoi consensi” ma “il tema dell’immigrazione è un tema complesso. Va affrontato con una politica di ampio respiro, come ho provato a fare sin dal primo Consiglio Europeo al quale ho partecipato, a fine giugno 2018, evitando di lasciarci schiacciare dai singoli casi emergenziali”.

“Conte ha fatto uno sfogo umorale io devo rispondere con le leggi: per questo è partita dal Viminale una lettera in punta di diritto”. Lo ha detto il ministro Salvini al termine del Comitato per l’ordine pubblico a Castel Volturno. “Una nave straniera in acque internazionali non si capisce che attinenza abbia con l’Italia. A che titolo chiede l’intervento alle autorità italiane? Qual è la ratio della domanda e della risposta? in silenzio abbiamo fatto scendere chi aveva necessità, senza letterine”, ha aggiunto Salvini.

“Con me i porti sono e rimarranno CHIUSI ai trafficanti e ai loro complici stranieri. Ed è chiaro che, senza questa fermezza, l’Unione Europea non avrebbe mai mosso un dito, lasciando l’Italia e gli Italiani soli come ha fatto negli anni dei governi di Renzi e del Pd”. Così il ministro Matteo Salvini replica alla lettera aperta del presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Sulla questione dell’assistenza ai minori a bordo “la Spagna, stato costiero che ha giurisdizione sulla Open Arms, compreso per ciò che riguarda la tutela dei diritti delle persone a bordo, andrebbe investita della questione posta nella nota”. E’ quanto ha scritto il ministro Salvini in una lettera al premier Conte che ieri in una nota ha richiamato l’attenzione sulla presenza a bordo della nave “di alcune decine di presunti minorenni in condizioni di emergenza e in pericolo di vita”.

“Secondo me non c’è possibilità, poi se qualcuno vuole dialogare io sono qua, sono la persona più paziente del mondo e il mio telefono è sempre acceso e in questi giorni squilla parecchio”. Così il vicepremier e ministro dell’interno Matteo Salvini ha risposto a chi gli chiedeva se ci fosse ancora la possibilità di un’apertura ai 5S.

“Sono disposto a fare un patto con Di Maio, io gli consegno i miei computer e lui in cambio permette agli italiani di andare a votare subito. Così Armando Siri su Affaritaliani dopo che il vicepremier M5s ha accusato la Lega di far cadere il governo per evitare che il Senato votasse l’autorizzazione al sequestro del computer dell’ex sottosegretario della Lega. “I miei computer sono a disposizione anche domani mattina. Non ho niente da nascondere. Non ho niente a che fare con la mafia, con i rubli, con pseudo complotti sovranisti e altre scemenze di questo tipo. Siamo al ridicolo di chi non ha argomenti seri da utilizzare e cerca del becero gossip” afferma l’ex sottosegretario accusato di corruzione.

Di Maio, Salvini pentito, ma frittata è fattaSiri: ‘Il mio Pc ai 5s se andiamo a votare subito’

15 agosto 201917:30

Salvini “ora è pentito, ma ormai la frittata è fatta. Ognuno è artefice del proprio destino. Buona fortuna!”. Lo scrive il vicepremier Luigi Di Maio su Fb. “Il 20 agosto noi Ministri del Movimento 5 Stelle saremo al fianco di Giuseppe Conte in aula per sostenerlo contro la sfiducia della lega. Li aspettiamo al varco!” aggiunge Di Maio.  Salvini “adesso ha chiesto anche di sfiduciare il governo stesso di cui fa ancora parte, visto che non si e’ dimesso. Anche su questo, giorni fa aveva tuonato ‘siamo pronti a dimetterci tutti, vedrete…’. Sono passati 5 giorni ma stanno ancora tutti lì attaccati alla poltrona… Deve far comodo, evidentemente, avere l’auto blu e i voli di Stato mentre si fa campagna elettorale nelle spiagge!” scrive sempre il capo politico dei 5sSiri, mio Pc a Di Maio se andiamo a votare subito – “Sono disposto a fare un patto con Di Maio, io gli consegno i miei computer e lui in cambio permette agli italiani di andare a votare subito. Così Armando Siri su Affaritaliani dopo che il vicepremir M5s ha accusato la Lega di far cadere il governo per evitare che il Senato votasse l’autorizzazione al sequestro del computer dell’ex sottosegretario della Lega. “I miei computer sono a disposizione anche domani mattina. Non ho niente da nascondere. Non ho niente a che fare con la mafia, con i rubli, con pseudo complotti sovranisti e altre scemenze di questo tipo. Siamo al ridicolo di chi non ha argomenti seri da utilizzare e cerca del becero gossip” afferma l’ex sottosegretario accusato di corruzione. “Chi fa le indagini è giusto che abbia tutti gli strumenti per fare chiarezza su qualunque genere di sospetto, in tempi i più veloci possibili. Perché fino adesso tutta questa campagna diffamatoria, che purtroppo dura da mesi, si regge solo su congetture prive di ogni connessione con la realtà. Siamo in un Paese in cui si può inventare una storia, anche la più infamante, appiccicarla addosso all’avversario politico di turno e il gioco è fatto. Se poi non è vero nulla, tutti rimarranno impuniti. È questo un Paese civile?” si lamenta Siri che poi attacca: “quelli che calunniano e diffamano sia nella pubblica piazza sia a mezzo stampa, sono quelli che invocano il rispetto per la magistratura. Ma questo modo di agire non rispetta affatto la magistratura perché queste persone dovrebbero sapere che i processi si fanno in tribunale dinnanzi ai giudici, e non in piazza o sui giornali. Quella è solo gogna preventiva. Una volta funzionava. Tra quelli che sono stati presi di mira in passato qualcuno si è ucciso o si è ammalato. Vite distrutte di persone innocenti messe sulla graticola nel tentativo di invalidare l’avversario e con il solo gusto di provocare dolore e sofferenza”. “Io sono tranquillo, ho sempre agito nel rispetto della legge, delle istituzioni e del mio ruolo. L’unica colpa che ho per i miei detrattori è essere al fianco di Matteo Salvini in una battaglia giusta per la crescita, lo sviluppo e il progresso economico, sociale e civile del Paese. Una battaglia che ha tra le sue bandiere principali l’introduzione di una Flat Tax al 15% che darebbe una spinta ai consumi, alla produzione e al lavoro, facendo tornare l’Italia tra i protagonisti industriali del mondo” si difende l’ex sottosegretario che ripete: “Non ho nulla da temere da un processo giusto qualora si decidesse di farlo, ma trovo assolutamente ingiusta e disgustosa questa campagna strumentale di delegittimazione preventiva”.