Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

INCENDI AUSTRALIA: 24 MORTI AL MOMENTO

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

INCENDI AUSTRALIA: 24 MORTI

INCENDI BOSCHIVI SENZA PRECEDENTI HANNO DEVASTATO L’AUSTRALIA PROVOCANDO ATTUALMENTE 24 MORTI E DANNI SENZA PRECEDENTI

AGGIORNAMENTO IN “MONDO” DELLE 05:18 DI DOMENICA 05 GENNAIO 2020

INCENDI AUSTRALIA: 24 MORTI

BATEMANS BAY (Australia)
Incendi boschivi di dimensioni senza precedenti hanno devastato intere regioni dell’Australia provocando la morte di 24 persone e danni considerati ingenti dalle autorità. E le implacabili condizioni meteorologiche fanno temere una vera catastrofe. Centinaia di proprietà sono state distrutte e un uomo è morto nel tentativo di salvare la casa di un amico, mentre il paese ha vissuto uno dei giorni peggiori da quando sono iniziati gli incendi a settembre. Nel sud-est del Paese il cielo è ormai nero e piovono le ceneri del rogo. “Siamo in un territorio sconosciuto”, ha ammesso Gladys Berejiklian, Premier del Nuovo Galles del Sud.
“Diversi villaggi rischiano di essere completamente annientati”.
È stato dichiarato uno stato di emergenza nel sud-est del continente, e venerdì oltre 100mila persone di tre Stati sono state evacuate. CRONACA POLITICA

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

INCENDIO DISTRUGGE CASTELLO OKINAWA

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

INCENDIO DISTRUGGE CASTELLO OKINAWA

INCENDIO DISTRUGGE COMPLETAMENTE L’EDIFICIO PRINCIPALE DEL CASTELLO DI OKINAWA, PATRIMONIO DELL’UMANITà UNESCO

AGGIORNAMENTO IN “MONDO” DELLE 05:18 DI GIOVEDì 31 OTTOBRE 2019

INCENDIO DISTRUGGE CASTELLO OKINAWA

TOKYO
E’ andato completamente distrutto in un incendio l’edificio principale del castello di Okinawa, Patrimonio dell’umanità Unesco. Le fiamme sono divampate nelle prime ore del mattino di giovedì e poco hanno potuto fare le oltre 10 autobotti dei vigili del fuoco. La polizia ha comunicato che non si conoscono al momento le cause del rogo e si esclude la presenza di feriti.
L’antico castello Shuri è una delle principali attrazioni turistiche nell’isola a sud ovest dell’arcipelago e risale al regno Ryukyu, che governò sul territorio per 450 anni, prima dell’integrazione di Okinawa da parte giapponese, nel 1879.
Sebbene il castello venne seriamente danneggiato durante i bombardamenti statunitensi, nel corso della Seconda guerra mondiale, il complesso fu parzialmente restaurato e aperto al pubblico all’interno di un parco nazionale nel 1992. Nel dicembre del 2000 il sito è diventato l’undicesimo Patrimonio dell’umanità in Giappone.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

INCENDI CALIFORNIA: ALLARME ROSSO ESTREMO

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

INCENDI CALIFORNIA: ALLARME ROSSO ESTREMO

INCENDI CALIFORNIA: DIRAMATO L’ALLARME ROSSO ESTREMO, CAUSA GLI INCENDI BOSCHIVI CHE NEL SUD DEL PAESE MINACCIANO VARIE ZONE DELLO STATO

AGGIORNAMENTO IN “MONDO” DELLE 04:03 DI MERCOLEDì 30 OTTOBRE 2019

INCENDI CALIFORNIA: ALLARME ROSSO ESTREMO

WASHINGTON
– Un allarme rosso estremo e’ stato diramato nel sud della California a causa degli incendi boschivi che da giorni minacciano varie zone dello Stato, causando l’evacuazione di centinaia di migliaia di persone, blackout, distruzioni di case ed altri edifici. è la prima volta che viene diramato questo tipo di allerta.
Le contee interessate sono quelle di Los Angeles, Ventura e San Bernardino. Si prevede che i venti raggiungano i 128 km orari rafforzando il fronte dei roghi.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

INCENDIO DEVASTA CASEIFICIO NEL BRESCIANO

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

INCENDIO DEVASTA CASEIFICIO NEL BRESCIANO

VASTI INCENDIO DEVASTA IL CASEIFICIO SOLAT, A LENO, NEL BRESCIANO

AGGIORNAMENTO IN “CRONACA” DELLE 23:58 DI GIOVEDì 24 OTTOBRE 2019

INCENDIO DEVASTA CASEIFICIO NEL BRESCIANO

BRESCIA
– Un vasto incendio è divampato nel pomeriggio nei capannoni del caseificio Solat, un’azienda casearia di Leno, in provincia di Brescia. Due persone sono state portate in ospedale in codice giallo, cinque invece quelle meno gravi che hanno accusato problemi respiratori. Il caso più critico è quello di un operaio ustionato al volto. Dalle prime informazioni pare che a scatenare l’emergenza sia stata un’esplosione di alcune tubature di metano.
Risultano andate in fumo più di 30mila forme di Grana Padano (l’azienda ne produce all’anno fino a 70mila). Una perdita, in euro, che potrebbe equivalere a 9 milioni di euro. Intanto Arpa Lombardia ha attivato il gruppo specialistico di contaminazione atmosferica che “installerà un campionatore ad alto volume per la rilevazione delle diossine e IPA (Idrocarburi Policiclici Aromatici)”. Al momento, i primi rilevi effettuati dai tecnici escludono presenza di inquinanti nell’aria.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

INCENDIO GRAN CANARIA: OLTRE 5000 EVACUATI

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

INCENDIO GRAN CANARIA: OLTRE 5000 EVACUATI

INCENDIO GRAN CANARIA: è SALITO AD OLTRE 5000 IL NUMERO DEGLI EVACUATI, BRUCIATI ALMENO 3400 ETTARI DI VEGETAZIONE

AGGIORNAMENTO IN “MONDO” DELLE 09:55 DI LUNEDì 19 AGOSTO 2019

INCENDIO GRAN CANARIA

E’ salito a oltre 5.000 il numero degli evacuati sull’isola di Gran Canaria a causa del violento incendio scoppiato sabato pomeriggio che ha già bruciato 3.400 ettari di vegetazione. Secondo quanto riporta il quotidiano spagnolo El Pais, il presidente delle Canarie Ángel Victor Torres ha reso noto la notte scorsa che le fiamme non potranno essere domate nelle prossime ore. Il fronte principale dell’incendio si trova nel parco naturale di Tamadaba, che si estende per 7.500 ettari all’interno di un’area dichiarata dall’Unesco Riserva della Biosfera.

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

ROGO IN GHETTO FOGGIA: UN MORTO

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

ROGO IN GHETTO FOGGIA: UN MORTO

PER ORA NON ANCORA IDENTIFICATO

AGGIORNAMENTO IN “CRONACA” DELLE 08:23 DI VENERDì 26 APRILE 2019

ROGO IN GHETTO FOGGIA

BORGO MEZZANONE (FOGGIA)

– Un cittadino straniero è morto in un incendio divampato la notte scorsa in una baracca del ghetto di Borgo Mezzanone, l’agglomerato abusivo sorto a pochi chilometri da Foggia. Le cause del rogo non sono ancora accertate. La baracca si trova nella zona interessata dagli abbattimenti delle scorse settimane. A quanto si è appreso, il corpo completamente carbonizzato della vittima, che non è stata ancora identificata, è stato scoperto solo dopo la conclusione delle operazioni di spegnimento dell’incendio.          [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTI GLI AGGIORNAMENTI: Rogo in palazzo Catania, residenti salvi Persone bloccate ai piani superiori soccorsi da pompieri Rissa tifosi a Roma, tre accoltellatiIl più grave è uno spagnolo, oggi c’è Lazio-Siviglia

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

CRONACA

TUTTE LE NOTIZIE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 20:42 DI MERCOLEDì 13 FEBBRAIO 2019

ALLE 05:02 DI GIOVEDì 14 FEBBRAIO 2019

CRONACA

CATANIA

– E’ stato domato dai vigili del fuoco UN incendio divampato in un palazzo di viale Moncada, nel popoloso rione di Librino a Catania. Le fiamme hanno interessato un appartamento al sesto piano e il fumo ha interessato quelli superiori, il settimo e l’ottavo. I pompieri, utilizzando l’autoscala, hanno salvato dieci persone, tra loro donne e bambini. Otto sono state visitate da medici delle cinque ambulanze intervenute sul posto. Due adulti, compresa una donna incinta, e due bambini sono stati portati in ospedale da personale del 118. Sul posto è intervenuta la polizia.

CRONACA

ROMA

– Maxi rissa in serata nel rione Monti, al centro di Roma. Tre al momento le persone soccorse e trasportate in ospedale con ferite d’arma da taglio. Si tratta di due spagnoli, presumibilmente tifosi del Siviglia, e di un americano. Il più grave è uno spagnolo trasportato in ospedale in codice rosso. Sul posto la polizia. Si ipotizza una rissa tra tifosi. Oggi allo stadio Olimpico è in programma la partita di Europa League Lazio-Siviglia.         [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 2 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 07:01 ALLE 11:20

DI SABATO 12 GENNAIO 2019

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Falso Cc a nonne, soldi e libero nipote
Arrestato chiedeva risarcimento per il familiare ‘fermato’

RAGUSA12 gennaio 201907:01

– La Squadra mobile della Questura di Ragusa ha arrestato un truffatore seriale napoletano che aveva come vittime anziane signore. Gli sono contestate quattro truffe per complessivi 25mila euro, ma la Polizia ritiene che siano molte di più ed inviato le vittime a presentare denunce.
Secondo l’accusa, l’uomo telefonicamente si spacciava per avvocato o maresciallo e chiedeva 5 mila euro per risarcire la vittima di un incidente stradale causato dal nipote privo di copertura assicurativa e che per questo era in stato di fermo in caserma e non poteva avere contatti telefonici.
Il bottino di ogni truffa superava i 5 mila euro, ma avanzava anche richieste fino a 30 mila euro. E quando le vittime non avevano tutto il denaro, il truffatore si faceva consegnare oggetti in oro. “Chiunque dovesse riconoscere l’autore del reato – è l’appello della Questura di Ragusa – è pregato di recarsi negli uffici della Polizia di Stato più vicini al luogo di residenza per denunciare i fatti”.

Roghi nel Varesotto, vdf in azioneAnche droni ed elicotteri per arginare le fiamme

MILANO12 gennaio 201909:20

– Proseguono le operazioni di spegnimento dei roghi attivi in provincia di Varese con le squadre dei Vigili del fuoco che hanno operato tutta la notte a protezione degli abitati. Lo hanno spiegato i Vigili del fuoco di Varese.
“Allo stato attuale – si legge in una nota – risultano attivi due fronti, il più esteso verso Bedero e l’altro sulla sommità del Monte Mondonico. Nelle ore notturne, i fronti delle fiamme sono stati monitorati dagli specialisti del nucleo Sapr (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto) dei vigili del fuoco, che fornivano costantemente le informazioni alle squadre di terra”. Stamani hanno iniziato le attività anche due elicotteri del servizio antincendio regionale.
Bimbi autistici maltrattati, 4 arrestiNel Barese. Circa 100 gli episodi, documentati da CC con video

BARI12 gennaio 201910:09

– I carabinieri della Compagnia di Triggiano hanno arrestato e messo ai domiciliari 4 educatrici di un centro di riabilitazione privato per ragazzi autistici e affetti da altre disabilità accusate di maltrattamenti nei confronti dei minori loro affidati. Le quattro donne hanno tra i 28 e i 42 anni. Sono dipendenti del centro di riabilitazione ‘Istituto Sant’Agostino’ di Noicattaro, un centro privato convenzionato con il Servizio sanitario nazionale. Sono circa 100 gli episodi di maltrattamenti e vessazioni documentati dai carabinieri con riprese audio e video nel centro di riabilitazione per minori autistici di Noicattaro. L’indagine, che ha portato all’arresto di quattro maestre, è stata avviata lo scorso ottobre in seguito alle rivelazioni di una dipendente del centro che ha riferito ai carabinieri di avere assistito a comportamenti violenti e vessatori da parte di alcune educatrici nei confronti dei piccoli pazienti. Secondo il suo racconto, questo tipo di comportamenti durava almeno dal 2016.        [print-me title=”STAMPA”]

Aggiornamenti, Cronaca, Notizie, Ultim'ora

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 3 minuti

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

DALLE 09:44 ALLE 10:33

DI LUNEDì 31 DICEMBRE 2018

CRONACA TUTTE LE NOTIZIE

Petardo causa rogo sterpaglie ad Ortisei
Causa siccità vietati fuochi artificiali in Alto Adige

BOLZANO31 dicembre 201809:44

– I vigili del fuoco di Ortisei e dintorni sono intervenuti la scorsa notte per l’incendio di sterpaglie nella frazione Pufles, sopra Roncadizza. Il rogo, tempestivamente spento, è stato causato da un petardo. Sul posto sono anche intervenuti i carabinieri e il corpo forestale.
A causa della siccità in tutto l’Alto Adige per la notte di Capodanno è vietato l’uso di fuochi d’artificio, tranne su autorizzazione.
A Bolzano è vietato anche il consumo di superalcolici e bibite a base di mix con superalcolici, nonché l’utilizzo di contenitori in vetro, dalle ore 12 del 31 dicembre fino alle 6 del primo gennaio, nell’area della festa di capodanno in piazza Tribunale e nelle vie limitrofe. Il sindaco Renzo Caramaschi, nell’esprimere i propri auguri alla cittadinanza, invita tutti a festeggiare il Capodanno “con gioia e sano divertimento”, nel rispetto delle regole che, ribadisce, “sono state fissate a tutela di tutti i partecipanti”.
Esplode bombola gas, muore anzianaAbitazione parzialmente crollata, donna sotto macerie

ARADEO (LECCE)31 dicembre 201809:54

– Un’esplosione causata da una fuga di gas ha provocato ad Aradeo il crollo di un’abitazione provocando la morte dell’anziana che vi abitava. É accaduto poco prima delle 8 in via Silvio Pellico al civico 54.
Sul posto stanno operando i vigili del fuoco impegnati ad estrarre dalle macerie il corpo della vittima che si trova sotto un cumulo di detriti. Sul posto stanno operando anche i carabinieri e i sanitari del 118.
Festa Capodanno in cella a base drogaPreso detenuto-corriere tornato in carcere dopo Natale a casa

NAPOLI31 dicembre 201810:02

– Maxi sequestro di sostanze stupefacenti nel carcere napoletano di Secondigliano dove i cani antidroga della polizia penitenziaria hanno verosimilmente sventato un festino di Capodanno in cella a base di droga: il finissimo fiuto di Igor e Cesare ha consentito di scoprire un detenuto, a cui era stato concesso di trascorrere il Natale in famiglia, tornato nell’istituto penitenziario dopo un permesso premio con nell’intestino numerosi ovuli contenenti hashish.
L’uomo e’ stato denunciato. “Nonostante lo Stato investa milioni di euro per i detenuti – ha commentato Ciro Auricchio, segretario regionale dell’Uspp – con programmi di trattamento, corsi di studio, lavoro e attività socio/ricreative, molti tradiscono la mano tesa della collettività”. Il blitz del comandante della polizia penitenziaria di Secondigliano e’ stato coadiuvato dal nucleo regionale cinofili Campania del distaccamento di Benevento e Avellino.

Indagato Ciccarelli,fondatore dei VikingE’ stato sentito a lungo ieri dalla Digos milanese

MILANO31 dicembre 201810:17

– Tra gli indagati per gli scontri del 26 dicembre prima della partita Inter-Napoli, a Milano, in cui ha trovato la morte un ultrà del Varese, Daniele Belardinelli, c’è anche uno storico esponente del tifo nerazzurro, Nino Ciccarelli. Ciccarelli è stato convocato ieri dalla Digos ed è uscito in tarda serata dalla Questura del capoluogo lombardo. Ciccarelli, 49 anni, fondatore della tifoseria dei ‘Viking’ nel 1984, ha alle spalle una serie di guai giudiziari già 12 anni di carcere e 5 anni di ‘Daspo’ , misura ancora in corso. Venne coinvolto anche negli scontri ad Ascoli nei quali morì il tifoso Nazareno Filippini, omicidio per il quale venne prima arrestato ma poi prosciolto.-

Capodanno con la neve in Calabria
Precipitazioni sui principali rilievi della regione,no criticità

CATANZARO31 dicembre 201810:29

– Capodanno con la neve in Calabria. Dopo un Natale avaro di precipitazioni per le zone montane della regione, dalla serata di ieri, con l’abbassamento delle temperature, prossime allo zero, nevicate hanno interessato le principali località turistiche di Sila, Pollino e Aspromonte dove gli operatori sperano che il manto consenta l’apertura degli impianti sciistici.
Nevica a Camigliatello e Lorica sul versante cosentino dell’altopiano. Interessati anche il versante crotonese dell’altopiano, a Villaggio Palumbo, e quello catanzarese dove qualche fiocco ha imbiancato i villaggi catanzaresi Mancuso e Racise e la località Pantane di Taverna. Neve anche a Gambarie d’Aspromonte e sulle cime del Pollino. Le previsioni per le prossime ore confermano ulteriori precipitazioni.
Non si segnalano criticità particolari per la circolazione stradale sulla A2. Rallentamenti per neve e ghiaccio si registrano sulle arterie interne come la statale 107 Silana – Crotonese.

[print-me title=”STAMPA”]
Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

INCENDIO PERIFERIA PARIGI: TRE MORTI

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

INCENDIO PERIFERIA PARIGI: TRE MORTI

AGGIORNAMENTO DELLE 02:51

DI VENERDì 28 DICEMBRE 2018

INCENDIO PERIFERIA PARIGI: TRE MORTI

Un incendio si è sviluppato stasera in un appartamento a Bobigny, capoluogo del dipartimento della Senna-Saint-Denis, periferia nord di Parigi, causando la morte di tre persone, due bambine di 3 e 7 anni ed una ragazza di 20.
Lo riporta Le Parisien. Nell’incendio, sviluppatosi nel quartiere Paul Eluard, altre tre persone sono rimaste gravemente ferite, mentre altre due hanno riportato feriti lievi. I locali del liceo di zona sono stati messi a disposizione per ospitare gli inquilini del palazzo andato in fiamme.      [print-me title=”STAMPA”]