Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 3 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 03:27 ALLE 10:34 DI DOMENICA 17 NOVEMBRE 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Morrison, aiuti Ucraina legati a a Biden
Ex Casa Bianca alla Camera per indagine per impeachment

NEW YORK17 novembre 2019 03:27

– L’Ucraina era stata informata lo scorso 1 settembre che gli aiuti militari americani erano sospesi fino a quando Kiev non avrebbe annunciato l’avvio di un’indagine sulla società che aveva assunto il figlio dell’ex vice presidente Joe Biden. Lo ha detto l’ex funzionario del Consiglio della Sicurezza Nazionale della Casa Bianca Tim Morrison, nel corso della sua deposizione alla Camera nell’ambito dell’indagine per un possibile impeachment di Donald Trump. Morrison ha riferito che l’ambasciatore americano in Ue, Gordon Sondland, gli aveva detto di aver informato un alto funzionario ucraino sul fatto che i 400 milioni di dollari di aiuti erano legati all’indagine su Biden. E Gordon Sondland – ha aggiunto Morrison – diceva di agire su ordine di Donald Trump.

Louisiana sceglie un dem governatore, schiaffo a TrumpAl ballottaggio perde candidato destra, voto test su impeachment

NEW YORK17 novembre 201909:18

La Louisiana conferma il democratico John Edwards alla guida dello Stato come governatore. Edwards batte il candidato repubblicano Eddie Rispone e resta l’unico democratico governatore di uno Stato del profondo sud americano. Lo riportano i media americani. Per Donald Trump, che negli ultimi dieci giorni ha tenuto due comizi in Louisiana per Rispone, si tratta di un duro schiaffo: il voto è infatti considerato un test sulla reazione degli elettori americani all’impeachment.Edwards batte Rispone di misura, ma riesce in ogni caso ad affermarsi contro il candidato repubblicano appoggiato da Trump. Molti ritenevano che Edwards non ce l’avrebbe fatta a ottenere un secondo mandato: il democratico conservatore si è invece battuto con forza contro Rispone. E la battaglia è stata accesa fin dalle primarie fino ad arrivare al ballottaggio, deciso da alcune migliaia di voti. Rispone ha giocato la sua campagna elettorale tutta su Trump, affidando al presidente la sua fortuna. La sconfitta è pesante per Trump e il partito repubblicano in vista delle elezioni del 2020.

Usa: sondaggio, Buttigieg primo in IowaStacca altri dem.Biden,Sanders e Warren si giocano secondo posto

NEW YORK17 novembre 201905:16

– Il sindaco di South Bend, Pete Buttigieg, allunga il passo in Iowa e stacca gli avversari.
Secondo un sondaggio Cnn-Des Moines Register-Mediacom, Buttigieg è primo fra i candidati democratici con il 25% dei consensi, guadagnando 16 punti rispetto alle rilevazioni di settembre. Per il secondo posto è una battaglia a tre fra Elizabeth Warren con il 16% e Joe Biden e Bernie Sanders con il 15%.

Bolivia, Commissione diritti umani: 23 morti da inizio protesteCidh conferma, nove manifestanti uccisi venerdì a Cochabamba

LA PAZ17 novembre 201908:56

La Commissione interamericana per i diritti umani (Cidh) ha confermato che nove persone sono morte e 122 sono rimaste ferite venerdì scorso negli incidenti in Bolivia fra manifestanti e forze di sicurezza vicino a Cochabamba. Sale dunque a 23 il numero delle persone uccise e a 715 il numero dei feriti dall’inizio delle proteste dopo lo svolgimento delle elezioni presidenziali il 20 ottobre scorso.La stessa Commissione ha condannato il governo di Añez per aver emesso un decreto che esenta da ogni responsabilità penale i soldati che prendano parte alla repressione delle proteste La norma è stata approvata alla vigilia del giorno più violento dall’inizio della crisi, quando almeno otto coltivatori di coca pro-Morales sono stati uccisi dalle forze di sicurezza durante una manifestazione. “Non è una licenza di uccidere per le forze armate”, ha detto il ministro della Presidenza Jerjes Justiniano in una conferenza stampa.Svolgere nuove elezioni e riallacciare il dialogo: sono queste le raccomandazioni fatte dall’ inviato dell’Onu Jean Arnault alla presidente boliviana ad interim, Jeanine Anez. Lo riferisce l’agenzia di stampa statale Abi. Secondo fonti del Palazzo di Vetro il compito di Arnault sarà quello di appoggiare gli sforzi del governo della presidente ad interime Jeanine Anez per reperire un accordo politico fra le parti in conflitto e rendere viabili “elezioni trasparenti, inclusive e credibili”. “A partire da domani (oggi, ndr.) – ha dichiarato Arnault – cominceremo ad incontrare una molteplicità di attori politici e sociali per conversare sui principi della nonviolenza, della pacificazione, e della necessità di un dialogo urgente, ed anche di come contribuire nel modo migliore possibile per l’obiettivo desiderato di celebrare elezioni libere e trasparenti”. Da parte sua l’ambasciatore dell’Unione europea (Ue) in Bolivia, León de la Torres, che farà parte del team incaricato della mediazione, ha dichiarato: “Crediamo che sia fondamentale stabilizzare il Paese, recuperare la calma, superare la violenza, produrre l’inizio di una riconciliazione nazionale, e soprattutto che si facciano i primi passi certi per la convocazione delle elezioni”. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

Annunci
Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 3 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 17:39 DI SABATO 16 NOVEMBRE 2019

ALLE 03:27 DI DOMENICA 17 NOVEMBRE 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Nyt, Xi disse:’Nessuna pietà con uiguri’
400 pagine documenti su stretta Cina contro minoranza musulmana

NEW YORK16 novembre 2019 17:39

– Più di 400 pagine di documenti interni che descrivono il giro di vite della Cina contro le minoranze etniche musulmane nella regione di Xinjiang, prendendo di mira gli uiguri ma anche i kazaki rinchiusi in campi di prigionia o nelle carceri. A pubblicarli il New York Times, che ha ottenuto anche discorsi del presidente Xi Jinping, il quale nel 2014 parlò di “nessuna pietà” nei confronti degli uiguri.
Dai documenti trapela anche la volontà di Pechino di allargare le restrizioni all’islam ad altre parti della Cina.

Praga, 300mila in piazza contro Babis’Molla la tua holding entro l’anno o dimettiti’, gridano a Praga

PRAGA16 novembre 201920:54

– Quasi 300 mila persone hanno manifestato pacificamente a Praga, nella zona di Letna, esigendo dal premier Andrej Babis, che considerano un “oligarca” in conflitto d’interessi, di sbarazzarsi della sua holding agro-alimentare Agrofert o di dimettersi.
I manifestanti hanno dato al premier conservatore tempo fino alla fine dell’anno per fare la sua scelta. In caso contrario, i giovani organizzatori dell’associazione ‘Un milione di momenti per la democrazia’ sono pronti a convocare nuove manifestazioni di massa.
La prima protesta di questo genere si era tenuta lo scorso giugno e fu considerata la più grande degli ultimi 30 anni, cioè dalle proteste del novembre 1989, la ‘rivoluzione di velluto’ che provocò la caduta del regime comunista.
Gran parte dei cechi considera il miliardario Babis un oligarca che abusa del denaro europeo e un ex agente dell’Stb, la famigerata polizia comunista.

Hong Kong:militari Cina puliscono stradeDopo gli scontri. Primo intervento dall’inizio delle proteste

PECHINO16 novembre 201920:59

– Soldati cinesi sono intervenuti a Hong Kong per la prima volta dall’inizio a giugno delle proteste pro-democrazia. Sono entrati in azione indossando “abiti civili”, hanno precisato i media di Pechino, per aiutare a ripulire le strade dai detriti, testimonianza dei violenti scontri studenti-polizia. La missione è stata completata vicino alla Baptist University di Kowloon, uno dei centri della guerriglia urbana dei giorni scorsi, dove l’Esercito di liberazione popolare (Pla) ha una caserma. In maglietta verde e calzoncini alcune decine di giovani reclute hanno dato manforte ai cittadini che, un po’ ovunque in città, hanno approfittando della calma per ripulire. “E’ la prima volta che il Pla è direttamente coinvolto negli eventi politici di Hong Kong”, ha scritto su Twitter Demosisto, partito co-fondato da Joshua Wong, ex leader del ‘movimento degli ombrelli’ del 2014, segnalando sospetto. “Dobbiamo essere cauti perché potrebbe essere la tattica con cui la Cina comincia a intervenire più direttamente”. CCONTINUA A MONITORARE TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Serbia: Vucic, lunedì torno al lavoro
Messaggio del presidente dall’ospedale

16 novembre 201921:00

– BELGRADO

– Il presidente serbo Aleksandar Vucic, in ospedale da ieri sera per problemi cardiovascolari, ha ringraziato i medici e il personale sanitario per le cure e le premure nei suoi confronti, affermando che da lunedì tornerà regolarmente al lavoro.
“Grazie ai medici e a tutto il personale sanitario dell’Accademia medica militare. Grazie a tutti quelli che si sono presi cura di me. Già da lunedì tornerò alla normale attività”, ha scritto il presidente su Instagram e Twitter.

Gilet gialli: 28.000 in tutta la FranciaMinistero dell’Interno, 4.700 a Parigi

PARIGI16 novembre 201921:03

– Erano oggi 28.000 i manifestanti in Francia per l’anniversario di un anno dall’inizio della protesta dei gilet gialli. Lo ha comunicato in serata il ministero dell’Interno, aggiungendo che su questi 28.000, 4.700 hanno manifestato a Parigi.

Msf, bimbo morto in campo Moria a Lesbo’In 15 mila intrappolati in quell’inferno, 5.000 i minori’

16 novembre 201923:57

– “L’ospedale di Lesbo ci ha confermato che un bambino di 9 mesi è morto alcuni giorni fa per una grave disidratazione nel campo di Moria, in Grecia. Siamo devastati da questa nuova tragedia”. Lo scrive su Twitter l’ong Medici senza Frontiere (Msf) che in un altro tweet denuncia “le terribili condizioni di vita e la mancanza di cure adeguate” nel centro per migranti sull’isola greca.
“Oggi ci sono oltre 15.000 persone intrappolate nel campo di Moria, tra cui 5.000 minori. Dovrebbero essere allontanati da questo inferno ORA”, conclude Msf.

Usa: uccide moglie, 3 figli poi si sparaA San Dieg, in California. Un quarto figlio è stato operato

NEW YORK17 novembre 201902:35

– Uccide la moglie e spara ai loro quattro figli, uccidendone tre, poi si toglie la vita. E’ accaduto a San Diego. L’uomo era separato dalla moglie che, solo 24 ore prima della strage, aveva ottenuto un’ingiunzione restrittiva nei confronti del marito. Un’ingiunzione che però non lo ha fermato: l’uomo si è recato a casa della donna sabato e ha fatto una strage. La moglie e il figlio di tre anni sono morti sul posto. Gli altri due figli sono deceduti in ospedale. Un quarto figlio è stato sottoposto a un intervento chirurgico e non se ne conoscono al momento le condizioni.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 7 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 07:44 ALLE 17:39 DI SABATO 16 NOVEMBRE 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Serbia, ricoverato il presidente Vucic
Problemi cardiovascolari. E’ in ospedale a Belgrado

BELGRADO16 novembre 2019 07:44

– Il presidente serbo Aleksandar Vucic è stato ricoverato ieri sera nell’ospedale dell’Accademia militare di Belgrado a causa di ‘problemi cardiovascolari’. Ne ha dato notizia stamane la presidenza con un breve comunicato, senza aggiungere altri particolari.

Iran, ancora proteste in diverse cittàContro il razionamento e l’aumento del prezzo della benzina

TEHERAN16 novembre 201910:23

– Le proteste iniziate venerdì sera dopo il razionamento e l’aumento dei prezzi della benzina sono proseguite oggi in diverse città iraniane, tra cui Shiraz, Sirjan, Mashhad, Ahvaz, Gachsaran e Bandar Abbas. Lo segnala l’agenzia Irna. Molte persone hanno continuato a bloccare le strade spegnendo il motore delle loro automobili e suonando il clacson. L’accesso a internet è stato ridotto dalla scorsa notte.
Continuano a circolare anche notizie dell’uccisione di un manifestante a Sirjan venerdì sera. Nella stessa città nella provincia di Kerman è stata incendiata una stazione di servizio.
La polizia antisommossa si è scontrata con i manifestanti in molte città, tra cui Mashhad, dove gli agenti hanno lanciato anche gas lacrimogeni.

Iran, ai poveri i soldi aumento benzinaI proventi stimati in circa 2,5 miliardi di dollari all’anno

TEHERAN16 novembre 201911:21

– I proventi degli aumenti dei prezzi della benzina in Iran sono stati stimati tra i 300 e i 310 mila miliardi di rial, pari a 2,55 miliardi di dollari all’anno. Lo ha detto il ministro del petrolio Bijan Zanganeh, citato dall’Irna, ribadendo che le maggiori entrate saranno indirizzate a 18 milioni di famiglie bisognose, circa 60 milioni di persone, nel giro di dieci giorni.
Zanganeh ha parlato dopo le proteste esplose in tutto il paese venerdì sera in seguito all’annuncio del razionamento e dell’aumento dei prezzi del carburante Il consumo medio di benzina ha registrato un aumento annuo del 10-11% in Iran, ha aggiunto il ministro. “Attraverso un nuovo razionamento – ha affermato -, il governo controllerà il consumo annuale di 94 milioni di litri, di cui 64 milioni saranno venduti tramite carte di razionamento”. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Serbia: Vucic stabile, resta in ospedale
Per motivi precauzionali. E’ presidente dal 2017

16 novembre 201911:41

– BELGRADO

– Le condizioni di salute del presidente serbo Aleksandar Vucic, in ospedale da ieri sera per problemi cardiovascolari, sono stabili ma resta ricoverato e sotto osservazione per motivi precauzionali. Lo ha detto alla Tanjug Suzana Vasiljevic, consigliere del presidente per i rapporti con la stampa. Vucic, che ha 49 anni e che è stato eletto presidente nel 2017, si trova nell’ospedale dell’Accademia militare (Vma) di Belgrado, ritenuto la migliore struttura sanitaria del Paese. E’ la prima volta che si parla ufficialmente di problemi cardiovascolari per il presidente serbo, che è leader del Partito del progresso serbo (Sns, conservatore), forza di maggioranza nel governo di Belgrado.

Siria: autobomba nel nord-est, 14 mortiIn una città controllata dalle milizie filo-turche

BEIRUT16 novembre 201912:26

– Almeno 14 persone, tra cui 9 civili, sarebbero rimaste uccise per l’esplosione di un’autobomba nel nord-est della Siria, vicino al confine con la Turchia, in una città controllata dai miliziani filo-Ankara. Lo ha reso noto l’Osservatorio nazionale per i diritti umani, ong di attivisti basata a Londra. L’attacco si è verificato a al-Bab. Al momento non ci sono rivendicazioni. Un altro gruppo di attivisti parla di 12 morti. La bomba è esplosa in una stazione di autobus e taxi. Attentati di questo tipo hanno provocato molte vittime negli ultimi mesi nelle aree di confine controllate dalla Turchia, che le ha strappate ai curdo-siriani.

Iran, una persona uccisa nelle protesteMolti feriti. Le autorità: “danneggiati beni pubblici”

16 novembre 201912:51

– Una persona è stata uccisa e molte altre ferite in Iran durante le proteste in corso da ieri sera contro l’aumento dei prezzi e il razionamento della benzina.
L’uccisione è avvenuta ieri nella città di Sirjan, nella provincia centrale di Kerman. Secondo il governatore locale ad interim Mohammad Mahmoudabadi non è ancora chiara la dinamica dell’accaduto. Parlando con l’agenzia Isna, ha aggiunto che alcune proprietà pubbliche e alcune stazioni di servizio sono state parzialmente danneggiate.

Gilet gialli: polizia, 41 arrestiIn provincia mobilitazione calma, tornano blocchi rotatorie

PARIGI16 novembre 201913:21

– A metà giornata, a Parigi, la polizia ha annunciato 41 arresti in occasione di tafferugli e controlli preventivi per le manifestazioni in occasione dell’anniversario di un anno di proteste dei gilet gialli. Un numero che è decisamente inferiore a quello delle persone fermate a metà giornata nei giorni di mobilitazione qualche mese fa. Calma per ora la situazione in provincia, dove sono state annunciate 270 manifestazioni. Numerosi i gilet gialli che sono tornati a bloccare le rotatorie stradali in tutto il Paese.
A Parigi continua la tensione attorno alla Place d’Italie, dove è appena partito un corteo, autorizzato, tra barricate e qualche transenna incendiata. Un altro corteo è partito dalla porte de Champerret, dove questa mattina la polizia è intervenuta con i lacrimogeni per sgomberare un blocco della peripherique, la tangenziale di Parigi. Gruppi di manifestanti si aggirano anche attorno alla zona vietata degli Champs-Elysees.

Gilet gialli a Parigi, blocchi e lacrimogeni Scontri a Bastille, vietato corteo che era stato autorizzato, roghi a Place d’Italie. Oggi anniversario di un anno dall’inizio della protesta

PARIGI16 novembre 201915:12

Scontri a place de la Bastille, nel centro di Parigi, dove un corteo di gilet gialli proveniente da Montmartre cerca di raggiungere la manifestazione che era stata autorizzata dalla prefettura, a place d’Italie. Quest’ultimo corteo, però, è stato vietato in extremis visti gli scontri e gli incendi sulla piazza che non accennano a diminuire. I manifestanti bersagliano con sassi e oggetti la polizia, cercando di impedire l’intervento dei pompieri. Gli agenti rispondono con un fitto lancio di lacrimogeni.Già in precedenza, qualche barricata e transenne in fiamme a place d’Italie e un tentativo di blocco, con sgombero della polizia, sul peripherique, la tangenziale. Per l’anniversario di un anno dall’inizio della protesta, i gilet gialli si sono presentati nella zona vietata di Champs-Elysees e alla partenza della manifestazione autorizzata, a place d’Italie, dove è scoppiato subito qualche tafferuglio con la polizia.A metà giornata, a Parigi, la polizia ha annunciato 41 arresti in occasione di tafferugli e controlli preventivi per le manifestazioni in occasione dell’anniversario di un anno di proteste dei gilet gialli. Un numero che è decisamente inferiore a quello delle persone fermate a metà giornata nei giorni di mobilitazione qualche mese fa. Calma per ora la situazione in provincia, dove sono state annunciate 270 manifestazioni. Numerosi i gilet gialli che sono tornati a bloccare le rotatorie stradali in tutto il Paese. A Parigi continua la tensione attorno alla Place d’Italie, dove è appena partito un corteo, autorizzato, tra barricate e qualche transenna incendiata. Un altro corteo è partito dalla porte de Champerret, dove questa mattina la polizia è intervenuta con i lacrimogeni per sgomberare un blocco della peripherique, la tangenziale di Parigi. Gruppi di manifestanti si aggirano anche attorno alla zona vietata degli Champs-Elysees.

Gates supera Bezos, è il più ricco del mondoL’indice dei miliardari di Bloomberg certifica il sorpasso

6 novembre 201915:17

Bill Gates si riprende il titolo di paperone mondiale, strappandolo a Jeff Bezos. Secondo l’indice dei miliardari di Bloomberg, il fondatore di Microsoft vale 110 miliardi di dollari contro i 108,7 miliardi di Bezos. Al terzo posto Bernard Arnault con 102,7 miliardi. Nelle scorse settimane Gates aveva superato per un breve lasso di tempo Bezos che, comunque, si era poi ripreso lo scettro.

Louisiana al voto, referendum per TrumpScelta del governatore e test per il presidente su impeachment

NEW YORK16 novembre 201915:18

– Louisiana al voto per scegliere il suo governatore. I seggi sono aperti nello stato per il ballottaggio fra il democratico Bel Edwards, che cerca la rielezione, e lo sfidante repubblicano Eddie Rispone. Un voto che Donald Trump vede come un ‘referendum’ sull’indagine per un suo possibile impeachment. Trump ha tenuto due comizi negli ultimi dieci giorni in Louisiana, dove si è recato anche il vice presidente Mike Pence.

Obama, dem non vadano troppo a sinistraMessaggio indiretto a candidati, visione affondi nella realtà

NEW YORK16 novembre 201914:34

– Barack Obama avverte i candidati democratici alla Casa Bianca e li mette in guardia a non spingersi troppo a sinistra con le loro proposte. “La nostra visione anche se coraggiosa deve affondare le radici nella realtà. L’americano medio non pensa che dobbiamo buttare giù l’intero sistema e rifarlo” dice Obama rivolgendosi a un pubblico di finanziatori democratici in un messaggio indirettamente rivolto ai candidati Elizabeth Warren e Bernie Sanders.

Oim, dimezzati i morti nel MediterraneoSono stati ad oggi 1.091 contro i 2.117 del 2018

16 novembre 201914:43

– Sono 1.091, da inizio anno, i migranti morti lungo i tre principali itinerari del Mediterraneo, a fronte dei 2.117 decessi registrati nello stesso periodo del 2018. La diminuzioni delle vittime è registrata dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), che rileva anche una decrescita degli arrivi in Europa via mare: 91.500 persone tra migranti e rifugiati, in calo dell’11% rispetto ai 103.347 dello stesso periodo dell’anno scorso.
Secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per la migrazione, la rotta del Mediterraneo centrale (Italia e Malta) rimane la più letale per i rifugiati con 695 morti, ma lontana dai 4.580 morti registrati nel 2016. Ci sono stati inoltre 71 morti nel Mediterraneo orientale (Grecia e Cipro).

Gilet gialli: scontri a BastilleVietato corteo che era stato autorizzato, roghi a place d’Italie

PARIGI16 novembre 201915:16

– Scontri a place de la Bastille, nel centro di Parigi, dove un corteo di gilet gialli proveniente da Montmartre cerca di raggiungere la manifestazione che era stata autorizzata dalla prefettura, a place d’Italie. Quest’ultimo corteo, però, è stato vietato in extremis visti gli scontri e gli incendi sulla piazza che non accennano a diminuire. I manifestanti bersagliano con sassi e oggetti la polizia, cercando di impedire l’intervento dei pompieri. Gli agenti rispondono con un fitto lancio di lacrimogeni.

Malore Matsumoto,è in prognosi riservataPadre ‘Capitan Harlock’ in Rianimazione, annullato il tour

TORINO16 novembre 201910:35

– Leiji Matsumoto é in prognosi riservata all’ospedale Molinette di Torino, dove si trovava per i 40 anni di Capitan Harlock, il suo più celebre personaggio. Il disegnatore giapponese, 82 anni, che si è sentito male ieri sera, è stato intubato e si trova nella Rianimazione diretta dal dottor Roberto Balagna.
Matsumoto si era sentito male ieri pomeriggio e, per questo motivo, aveva annullato la serata al Cinema Massimo.
Riaccompagnato in albergo, nel centro cittadino, un’ambulanza del 118 lo ha trasportato alle Molinette, dove è stato sottoposto ai primi accertamenti, tra cui una Tac. Per approfondire le cause del malore ci vorranno almeno altre 24 ore. Tutti gli eventi del tour italiano di Leiji Matsumoto, non solo quelli di Torino ma anche di Bologna e Reggio Emilia, sono annullati. “Ci scusiamo con tutti gli appassionati anche nome del maestro ed auguriamo a lui pronta guarigione”, dicono gli organizzatori dell’associazione che porta il suo nome.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

SRI LANKA: URNE APERTE. AL VIA PRESIDENZIALI

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: < 1 minuto

SRI LANKA: URNE APERTE

SRI LANKA: URNE APERTE PER ELEGGERE IL NUOVO PRESIDENTE, NEL MEZZO, PURTROPPO, DI CONTINUE TENSIONI E VIOLENZE

AGGIORNAMENTO IN “MONDO”/”ULTIM’ORA” DELLE 07:44 DI SABATO 16 NOVEMBRE 2019

SRI LANKA: URNE APERTE

Urne aperte nello Sri Lanka per eleggere un nuovo presidente, nel mezzo di tensioni e violenze mentre è ancora vivo il ricordo della strage di Pasqua in cui morirono oltre 250 persone. Al voto sono chiamati 16 milioni di cittadini. Lo scrutinio dovrebbe essere completato in serata. I candidati sono 35, ma tra loro non risulta l’attuale presidente, Maithripala Sirisena, al centro di polemiche proprio per l’attentato di aprile, accusato di avere sottovalutato informazioni dell’intelligence che avrebbero potuto evitarlo. La consultazione è la terza dal 2009, anno della fine della lunga guerra civile che ha insanguinato per decenni il Paese. Le tensioni sono però ancora evidenti: poco prima che aprissero le urne – riferisce la Bbc – è giunta notizia di violenze nel nord-ovest del Paese, mentre uomini armati hanno aperto il fuoco su un convoglio di autobus che trasportavano elettori musulmani; la polizia ha affermato che non ci sono state vittime. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 3 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 23:40 DI VENERDì 15 NOVEMBRE 2019

ALLE 06:23 DI SABATO 16 NOVEMBRE 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Principe Andrea vago su ricordi Epstein
Intervista alla Bbc del Duca di York

NEW YORK15 novembre 2019 23:40

– “Mi mangio le mani ogni giorno” per essere stato ospite a casa di Jeffrey Epstein, il miliardario morto in carcere travolto dalle accuse di sesso con minori, dopo la sua prima condanna. Lo afferma il principe Andrea, terzogenito della regina Elisabetta, in un’intervista alla Bbc.
Il Duca di York però precisa di non ricordare di aver mai incontrato Virginia Roberts Giuffre, la principale accusatrice di Epstein che ha dichiarato di essere stata costretta a 17 anni a compiere atti sessuali con il principe.

Trump grazia tre criminali di guerraCon decisione sfida opposizione Pentagono, Nixon fece lo stesso

NEW YORK16 novembre 201905:05

– Donald Trump concede la grazia a tre militari americani accusati di aver commesso crimini di guerra, nonostante l’opposizione del Pentagono. Con la decisione il presidente sceglie la stessa linea di Richard Nixon, che scese in campo per aiutare William Calley, uno dei criminali di guerra più noto d’America. Trump ordina la scarcerazione dell’ex luogotenente dell’esercito Clint Lorance, attualmente rinchiuso nel carcere militare di Fort Leavenworth per aver ucciso due civili. Il presidente ha poi ordinato di far cadere le accuse nei confronti del maggiore dei Berretti Verdi Mathew Golsteyn, che in Afghanistan uccise a freddo un uomo appena rilasciato, sembra per vendicarsi di un attentato contro i soldati americani. Trump ha anche capovolto la decisione di togliere i gradi a Edward Gallagher, ex comandante delle Operazioni Speciali dei Navy Seal, scagionato la scorsa estate dall’accusa di omicidio e condannato solo per aver posato in una foto accanto al cadavere di un prigioniero dell’Isis.

Scontri in Bolivia, almeno 8 mortiAlmeno 75 i feriti a Sacaba, vicino Cochabamba. Appello Morales

LA PAZ16 novembre 201905:18

– Otto persone sono state uccise e almeno 75 sono rimaste ferite in uno scontro tra manifestanti pro-Evo Morales e soldati e polizia nella città boliviana di Sacaba, vicino a Cochabamba, nel centro del Paese. La maggior parte delle vittime sono state raggiunte da colpi di arma da fuoco. Migliaia di manifestanti, in gran parte indigeni, si erano radunati a Sacaba fin dal mattino, manifestando pacificamente. Gli scontri sono scoppiati quando un folto gruppo ha tentato di attraversare un checkpoint militare vicino a Cochabamba, dove sostenitori e avversari di Morales si sono affrontati per settimane. Intanto vari media boliviani segnalano che manifestanti a El Alto centinaia di manifestanti hanno sequestrato due sottufficiali della polizia. Una delegazione è in viaggio per negoziare la loro liberazione. Dal Messico Evo Morales lancia un appello a forze armate e polizia affinchè “mettano fine al massacro”.

Gaza: Israele, raid dopo lancio razzi’Colpiti obiettivi di Hamas’, tregua sempre più fragile

16 novembre 201906:08

– Israele ha colpito obiettivi di Hamas nella Striscia di Gaza alle prime ore di oggi dopo un lancio di razzi dalla Striscia, mentre la tregua appare sempre più traballante. Hamas è finora rimasta fuori dal round di combattimenti di questa settimana tra Israele e la Jihad islamica. Nei raid aerei israeliani di questi giorni sono stati uccisi 32 palestinesi – ricorda Haaretz – mentre la Jihad islamica ha sparato centinaia di missili.

Usa: spari a una partita di footballNel campus di un liceo, due feriti gravi

PLEASANTVILLE (NEW JERSEY)16 novembre 201906:11

– Fuggi fuggi generale ieri sera a Pleasantville, New Jersey, dove un uomo armato ha aperto il fuoco durante una partita di football americano ferendo gravemente due persone. Un uomo e un bambino sono rimasti gravemente feriti dopo che l’uomo ha sparato a una folla di persone sedute nelle gradinate della Pleasantville High School. Spettatori e giocatori sono quindi corsi in cerca di un riparo. L’attacco è avvenuto verso le 20:30 durante una partita di playoff tra i Camden Panthers e i Pleasantville Greyhounds. Secondo quanto riferito, i due non sarebbero in pericolo di vita, ma il bambino è stato trasportato all’ospedale infantile di Philadelphia. Indagini sono in corso. Il distretto scolastico di Camden City ha precisato in una nota che nessuno studente della Camden High School è rimasto ferito.
Pleasantville si trova a circa 11 miglia a sud-est di Atlantic City.

Aggiornamenti, Cinema, Notizie, Spettacoli Musica e Cultura, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 12 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 09:39 ALLE 23:40 DI VENERDì 15 NOVEMBRE 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Hong Kong: ministro contestato a Londra
Teresa Cheng per terra, non chiaro se strattonata o per inciampo

PECHINO15 novembre 2019 09:39

– Il segretario alla Giustizia di Hong Kong, Teresa Cheng, è stata al centro della contestazione dei dimostranti pro-democrazia durante la visita ufficiale a Londra. L’episodio, avvenuto ieri, è fumoso nella dinamica: Cheng è finita per terra, ma non è chiaro se strattonata o dopo essere inciampata. La governatrice dell’ex colonia britannica, Carrie Lam, ha espresso oggi solidarietà, condannando un “atto feroce” che va oltre qualsiasi società civile, sollecitando che gli autori del gesto siano giudicati per il loro operato. Anche l’ambasciata cinese a Londra ha criticato duramente l’episodio.
Cheng ha chiesto alla polizia londinese, nella stesura del verbale di denuncia, di “prendere il caso molto seriamente e di assicurare i colpevoli alla giustizia”, secondo una nota diffusa dal suo ufficio.

Gilet: vietata protesta a Champs-ElyseesUn anno dopo l’inizio delle manifestazioni,appelli a mobilitarsi

PARIGI15 novembre 201911:05

Il prefetto di Parigi ha firmato questa mattina un’ordinanza per il divieto di manifestare nel fine settimana sugli Champs-Elysees, a un anno dalle prime dimostrazioni dei gilet gialli. Lo ha riferito alla tv BFM una fonte della polizia.
Un appello a tornare proprio nella zona dove più danni fecero le prime manifestazioni, l’avenue des Champs-Elysees, circola già da alcune ore su Facebook.

Iraq: attese nuove proteste nel paeseOggi, nel giorno della tradizionale preghiera islamica

BEIRUT15 novembre 201910:22

– Massicce proteste popolari anti-governative sono attese oggi a Baghdad e nelle città del sud dell’Iraq nel giorno della tradizionale preghiera islamica comunitaria del venerdì. Lo riferiscono media iracheni affermano che la mobilitazione popolare è prevista in maniera diffusa in tutte le città in rivolta dai primi di ottobre. Dallo scoppio delle proteste e della conseguente repressione poliziesca e di non meglio precisati uomini armati, sono più di 320 le persone uccise, per lo più manifestanti e attivisti. Ieri si è registrata la morte di 4 manifestanti a Baghdad e il ferimento di oltre 60 persone secondo fonti mediche locali.

Spagna: Pp tende la mano a Sanchez’Se rompe con Podemos’

15 novembre 201911:04

15 novembre 201911:04

Il Partito Popular di Pablo Casado tende la mano ai socialisti ad una condizione. “Se il Psoe romperà con Podemos e non verrà fuori nessun’alleanza allora ne potremo discutere”, ha rivelato un dirigenti dei popolari al quotidiano El Mundo. “Se i socialisti mettessero sul tavolo quest’opzione la prenderemmo in considerazione, ma ancora non ci siamo”, ha aggiunto un altro. Intanto continuano i tentativi di formare un governo del premier incaricato al quale non basta il pre-accordo firmato due giorni con Podemos. Ieri Sanchez ha chiesto il sostegno degli indipendentisti catalani dell’Erc che per il momento si rifiutano accusandolo di “non aver mostrato alcun segno di voler abbandonare la via repressiva” sulla questione della Catalogna”.

Gaza: scuole chiuse nel sud di IsraeleMa la situazione al momento è calma dopo i razzi di ieri

15 novembre 201911:16

Dopo i razzi di ieri dalla Striscia su Israele – a tregua già in atto – e la risposta dell’esercito che la notte scorsa ha centrato obiettivi vari della Jihad nell’enclave palestinese, da ore regna la calma al confine con Gaza. Tuttavia, per timore di nuove violenze, tutte le scuole sono rimaste chiuse nelle aree israeliane adiacenti la Striscia, e anche ad Ashkelon, Sderot e Netivot, bersagliate più volte dai razzi partiti da Gaza. Negli attacchi della scorsa notte, dopo i razzi, l’esercito israeliano ha spiegato di aver colpito vari siti della Jihad e tra questi un centro militare e un altro dove si producevano razzi. Oltre a questi, è stato attaccato il quartier generale della Jihad a Khan Younis.

Museo Egizio prosegue tour in America, tappa a Kansas CityDopo successo Washington, reperti al Nelson-Atkins Museum of Art

ORINO15 novembre 201912:24

– Prosegue il tour nordamericano dei reperti del Museo Egizio. Dopo il successo di Washington, la mostra itinerante ‘Regine del Nilo’ approda con un nuovo allestimento al Nelson-Atkins Museum of Art di Kansas City, dove resterà fino al 29 marzo del 2020. Il percorso espositivo si snoda tra circa 250 reperti, che comprendono, insieme a statue e oggetti di vita quotidiana, il corredo funerario e il coperchio del sarcofago di Nefertari, portati alla luce dalla Missione Archeologica Italiana guidata da Ernesto Schiaparelli e al lavoro nella Valle delle Regine tra il 1903 e il 1905.
Prima di approdare nelle sale espositive del Nelson-Atkins, alcuni di questi reperti hanno soggiornato in un altro edificio della cittadina del Missouri: il Saint Luke’s Hospital, dove alcune indagini diagnostiche ne hanno certificato lo stato di conservazione ottimale.
L’esposizione racconta ai visitatori anche la storia delle mogli dei faraoni durante il Nuovo Regno quando regine come Nefertari erano donne influenti.

Khamenei, vogliamo distruggere Israele’Cacciamo criminali come Netanyahu e difendiamo i palestinesi’

TEHERAN15 novembre 201912:30

– “La distruzione di Israele significa la distruzione di quel regime e di criminali come Netanyahu, non degli ebrei”. Lo ha detto incontrando alcuni funzionari la Guida suprema iraniana, l’ayatollah Ali Khamenei, respingendo le accuse di antisemitismo rivolte alla Repubblica islamica. “L’eliminazione di Israele significa che i palestinesi, musulmani, cristiani ed ebrei, che sono i veri proprietari della terra palestinese, devono poter decidere il loro destino”, ha aggiunto Khamenei.

India: ancora emergenza smog a New DelhiOggi risulta la città più inquinata al mondo

NEW DELHI15 novembre 201913:06

– Scuole ancora chiuse per il quarto giorno consecutivo di emergenza smog a New Delhi: la capitale indiana risulta oggi la città più inquinata del mondo, con una media di AQI, l’air quality index’ che misura le particelle velenose nell’atmosfera, pari a 560, secondo il monitoraggio del SAFAR, il sistema nazionale che controlla la qualità dell’aria e fornisce previsioni meteorologiche. Un avviso vocale nella app dello stesso Dipartimento ripete la frase “Attenzione: aria pericolosa per la salute; i bambini e le persone a rischio devono evitare ogni tipo di attività all’aria aperta”. Questa mattina, mentre l’amministrazione di Delhi annunciava che il provvedimento del traffico a targhe alterne verrà ridiscusso lunedì prossimo, e forse prorogato, la Corte Costituzionale, in una udienza sullo smog, ha definito le targhe alterne “una misura stracotta”, un palliativo. E ha ordinato al governo centrale di preparare in tempi rapidi un progetto per installare le torri antismog che si usano in Cina

La Francia libera l’ex black bloc VecchiCondannato per il G8 di Genova, l’Italia chiedeva l’estradizione

PARIGI15 novembre 201916:35

– La giustizia francese ha rimesso in libertà Vincenzo Vecchi, esponente dell’area anarco-autonoma milanese, l’ultimo black bloc condannato definitivamente a 11 anni e mezzo di carcere, di cui l’Italia aveva chiesto l’estradizione. Vecchi è ritenuto tra i protagonisti delle devastazioni al G8 di Genova del 2001 ed era stato arrestato lo scorso 8 agosto in Bretagna dopo una latitanza cominciata nel luglio del 2012.

Di Maio: chiedo iniziative per VeneziaLettera alle ambasciate. ‘Sicuro avremo solidarietà dal mondo’

15 novembre 201916:39

– “Come ministro degli Esteri, manderò una lettera alle ambasciate nel mondo e ai nostri ambasciatori perché promuovano iniziative per sostenere Venezia”. Sono certo che “vedremo un grande riscontro di solidarietà che verrà da tutto il mondo”. Lo ha detto Luigi Di Maio su Facebook.

Il Trump Hotel a Washington è semivuotoEmerge dal materiale illustrativo per papabili acquirenti

NEW YORK15 novembre 201916:42

– Il Trump Hotel di Washington è mezzo vuoto: ha una percentuale di stanze libere, quasi il 50%, ben al di sopra della media della città, registrando quest’anno una performance decisamente al di sotto delle attese della stessa società. E’ quanto emerge – riporta il Washington Post – dal materiale illustrativo che una società immobiliare assunta dalla Trump Organization sta distribuendo a potenziali acquirenti della struttura. Nella documentazione si afferma che se l’hotel fosse “libero” dal nome Trump gli utili potrebbero aumentare “significativamente”, grazie anche alla possibilità per i funzionari di governi stranieri di potervi soggiornare senza esporsi a potenziali critiche.

‘Politica Usa su Ucraina nel caos’Impeachment, parla l’ex ambasciatrice a Kiev silurata da Trump

WASHINGTON15 novembre 201920:03

“La strategia politica Usa sull’Ucraina è stata gettata nel caos”: è l’atto di accusa dell’ex ambasciatrice americana a Kiek, Marie Yovanovitch, che sta testimoniando al Congresso americano nell’ambito dell’indagine che potrebbe portare all’impeachment di Donald Trump. Yovanovitch fu silurata nell’aprile scorso perché ritenuta un ostacolo alla linea della Casa Bianca. “E’ difficile capire come sia stato possibile che interessi privati all’estero siano stati in grado di danneggiare gli interessi degli Stati Uniti”, ha affermato Yovanovitch, ribadendo come contro di lei fu messa in piedi una campagna diffamatoria da parte di Rudolph Giuliani, l’avvocato personale di Donald Trump.Donald Trump attacca su Twitter l’ex ambasciatrice Usa a Kiev Marie Yovanovitch mentre la diplomatica sta testimoniando in diretta al Congresso. “Ha fatto male ovunque e il nuovo presidente ucraino mi parlò male di lei. Un presidente ha tutto il diritto di nominare gli ambasciatori che vuole”, scrive il tycoon.E’ bufera sui tweet diffamatori postati da Trump mentre alla Camera testimoniava l’ex ambasciatrice Usa a Kiev. Lo sdegno per le intimidazioni è bipartisan, con il presidente della commissione Intelligence Adam Schiff, che coordina le indagini per l’impeachment, che ha detto a Yovanovitch: “Il presidente la sta attaccando in tempo reale e qui prendiamo molto sul serio le intimidazioni ai testimoni”. Su Fox si parla addirittura di “punto di svolta”, con l’intimidazione via Twitter di Trump che da sola potrà essere oggetto di uno degli articoli per l’impeachment. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Bloomberg lancia campagna contro Trump
Sarà online in stati chiave, ex sindaco Ny non vi comparirà

NEW YORK15 novembre 201917:01

– Michael Bloomberg non ha ancora sciolto le riserve su una sua possibile candidatura alle elezioni presidenziali del 2020. Ma si appresta in ogni caso a diventare colui che singolarmente spenderà di più. L’ex sindaco di New York lancia infatti una campagna pubblicitaria digitale da 100 milioni di dollari per attaccare Donald Trump negli stati chiave, quelli ritenuti in grado di decidere le elezioni. Secondo quanto riporta il New York Times, Bloomberg non comparirà negli spot che saranno online in Arizona, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin. I 100 milioni della campagna si andranno a sommare a qualsiasi cifra che Bloomberg potrebbe spendere nel caso in cui decidesse di scendere in campo e candidarsi.

Francia: 64% ha cattiva opinione MacronOltre la metà dei francesi approva sciopero del 5 dicembre

PARIGI15 novembre 201917:03

– Lieve calo dell’indice di apprezzamento di Emmanuel Macron a novembre, con il 36% di opinioni favorevoli (-1 punto), mentre il premier Edouard Philippe guadagna un punto, al 41%: è quanto emerge da un sondaggio realizzato dall’istituto BVA per Orange, RTL e La Tribune. Il 64% (+2 punti) delle persone intervistate ha tuttavia una cattiva opinione del capo dello Stato e il 58% del primo ministro (-1 punto). Per il 61%, Macron agisce “alla giornata”, mentre solo il 38% pensa che “sa dove sta andando”.
Il 57% ritiene che Macron e il governo “non otterranno risultati entro la fine del quinquennio”, nel 2022. Quanto alle proteste sociali e lo sciopero indetto per il 5 dicembre, 58% dice di approvarlo e il 71% è sicuro che verrà ricondotto, “iscrivendosi nella durata”.

Yovanovitch, sentita minacciata da TrumpEx ambasciatrice, shock dopo telefonata con presidente ucraino

WASHINGTON15 novembre 201917:05

– L’ex ambasciatrice americana a Kiev, Marie Yovanovitch, ha testimoniato di essersi sentita “minacciata” dalle parole di Donald Trump che, parlando con il presidente ucraino Voldymyr Zelensky, la descrisse come una “bad news”, una cattiva notizia, e assicurò che presto se ne sarebbe andata. “Nel leggere la trascrizione della telefonata ero scioccata e devastata”, ha spiegato.

‘Se Morales torna andrà processato’Monito della presidente boliviana ad interim Jeanine Anez

LA PAZ15 novembre 201917:46

– La presidente boliviana ad interim, Jeanine Anez, ha avvertito che se Evo Morales dovesse tornare nel Paese dovrà “rispondere alla giustizia” per irregolarità nel voto e per corruzione nel suo governo. “Sa che dovrà rispondere alla giustizia, è stato commesso un reato elettorale e ci sono molte accuse di corruzione nel suo governo”, ha detto Anez parlando con i giornalisti. L’ex presidente Morales si trova ora in Messico.

Hong Kong, arrestati 2 studenti tedeschi’Per avere aderito alla manifestazione e usato la maschera’

PECHINO15 novembre 201918:08

– Due studenti tedeschi sono stati arrestati a Hong Kong. Lo ha reso noto la polizia. Secondo i media locali, a entrambi è stata concessa l’assistenza consolare. La polizia ha detto che l’arresto è stato eseguito in una “operazione di dispersione” di un gruppo di manifestanti a Tuen Mun, città dei Nuovi Territori. Gli studenti hanno 22 e 23 anni: al primo sono contestate l’adesione a una manifestazione illegale e l’uso della maschera, al secondo la partecipazione a un evento pubblico non autorizzato. I due sono nell’ex colonia per uno scambio di studi con la Lingnan University.

Bolivia rompe le relazioni col VenezuelaEspulsi tutti i diplomatici di Caracas dal Paese

15 novembre 201919:42

– La ministra degli Esteri ad interim della Bolivia Karen Longaric ha annunciato la rottura delle relazioni diplomatiche con il Venezuela e l’espulsione di tutti i diplomatici venezuelani dal Paese “per violazioni delle norme diplomatiche”. “Per quanto riguarda l’Ambasciata del Venezuela, daremo il tempo corrispondente in modo che tutto il personale diplomatico possa lasciare il Paese”, ha dichiarato la ministra, secondo quanto riferito dai media boliviani.

India: ancora emergenza smog a New DelhiOggi risulta la città più inquinata al mondo (2)

NEW DELHI15 novembre 201920:32

Scuole ancora chiuse per il quarto giorno consecutivo di emergenza smog a New Delhi: la capitale indiana risulta oggi la città più inquinata del mondo, con una media di AQI, l’air quality index’ che misura le particelle velenose nell’atmosfera, pari a 560, secondo il monitoraggio del SAFAR, il sistema nazionale che controlla la qualità dell’aria e fornisce previsioni meteorologiche. Un avviso vocale nella app dello stesso Dipartimento ripete la frase “Attenzione: aria pericolosa per la salute; i bambini e le persone a rischio devono evitare ogni tipo di attività all’aria aperta”. Questa mattina, mentre l’amministrazione di Delhi annunciava che il provvedimento del traffico a targhe alterne verrà ridiscusso lunedì prossimo, e forse prorogato, la Corte Costituzionale, in una udienza sullo smog, ha definito le targhe alterne “una misura stracotta”, un palliativo. E ha ordinato al governo centrale di preparare in tempi rapidi un progetto per installare le torri antismog che si usano in Cina

‘Leonardo inventò anche il pelapatate’Lo ha ricordato astrofisico italiano in una conferenza a Praga

PRAGA15 novembre 201920:35

– Non solo l’elicottero, il paracadute e la tuta da immersione: fra le invenzioni o intuizioni di Leonardo da Vinci ce ne sono anche alcune che riguardano al cucina come lo sbuccia patate e consigli dietetici ancora attuali.
La curiosità è stata ricordata da un giovane astrofisico, Lorenzo Pizzuti, in una conferenza tenuta all’Istituto italiano di cultura (Iic) di Praga per introdurre gli eventi previsti in Repubblica Ceca per la Settimana della cucina italiana.
Guidando il pubblico alla scoperta di alcuni aspetti del genio a 500 anni dalla sua morte, Pizzuti ha parlato anche di cucina e cultura alimentare: “campi in cui Leonardo introduce nuovi strumenti pratici, quali rudimentali trita pepe e sbuccia patate, nonché prescrizioni dietetiche all’avanguardia”, sintetizza un comunicato dell’Iic.

Texas, chiesto rinvio di un’esecuzioneRaccomandazione non vincolate, parola al governatore Abbott

NEW YORK15 novembre 201923:26

– Il comitato del Texas per la grazia e la libertà condizionale raccomanda il rinvio di 120 giorni per l’esecuzione a morte di Rodney Reed, l’afroamericano per il quale sono scese in campo diverse star.
L’esecuzione di Reed è in programma mercoledì e la raccomandazione del comitato non è vincolante, ovvero il governatore del Texas Greg Abbott può accettarla o meno. “Ci auguriamo che il governatori accetti la raccomandazione” afferma Bryce Benjet, il legale di Reed. L’uomo è stato condannato a morte per l’uccisione della diciannovenne Stacey Stites. Reed è stato accusato di averla stuprata e uccisa, strangolandola, nel 1996. Reed si è sempre detto estraneo all’accaduto e ha puntato il dito contro il fidanzato della giovane, l’ex agente di polizia Jimmy Fennel. Secondo Reed, Fennel era arrabbiato con Stises, una ragazza bianca, perché aveva una relazione con Reed, un afroamericano. Di recente diverse star hanno sostenuto la causa di Reed. Fra queste Rihanna, Kim Kardashian e Dr. Phil.

Trump trema, Giuliani indagato a New York per l’ucrainagate L’accusa è corruzione. Testimonia l’ex ambasciatrice a Kiev: ‘Mi sono sentita minacciata’

WASHINGTON15 novembre 201919:18

L’avvocato di Donald Trump, Rudolph Giuliani, figura centrale nella vicenda dell’Ucrainagate, è indagato dalla giustizia federale nell’ambito di un’inchiesta su alcune sue operazioni finanziarie. Mentre l’ex ambasciatrice americana a Kiev, Marie Yovanovitch, testimonia al Congresso di essersi sentita minacciata dalle parole di Trump che, parlando con il presidente ucraino Voldymyr Zelensky, la descrisse come una bad news, e assicurò che presto se ne sarebbe andata. ‘Nel leggere la trascrizione della telefonata ero scioccata e devastata’, ha spiegato la diplomatica. Mentre lei testimoniava, il presidente Usa l’ha attaccata su Twitter: ‘Ha fatta male ovunque e il nuovo presidente ucraino mi parlò male di lei. Un presidente ha tutto il diritto di nominare gli ambasciatori che vuole’.Ma è bufera sui tweet diffamatori postati da Trump mentre alla Camera testimoniava l’ex ambasciatrice Usa a Kiev. Lo sdegno per le intimidazioni è bipartisan, con il presidente della commissione Intelligence Adam Schiff, che coordina le indagini per l’impeachment, che ha detto a Yovanovitch: “Il presidente la sta attaccando in tempo reale e qui prendiamo molto sul serio le intimidazioni ai testimoni”. Su Fox si parla addirittura di “punto di svolta”, con l’intimidazione via Twitter di Trump che da sola potrà essere oggetto di uno degli articoli per l’impeachment.  “L’intimidazione è un reato”, accusa su Twitter la candidata dem alle presidenziali Kamala Harris. Mentre anche la deputata repubblicana Elise Stefanik, membro della commissione intelligence, ha espresso forte disaccordo con i tweet di Trump.E novità arrivano anche dal Russiagate. Roger Stone, ex responsabile della campagna di Donald Trump e amico di vecchia data del tycoon, e’ stato dichiarato colpevole di ostruzione della giustizia e false dichiarazioni al termine di un processo legato alle indagini del Russiagate. Stone viene accusato di aver mentito al Congresso sui suoi contatti con Wikileaks per tentare di avere materiale contro gli avversari del tycoon nel 2016

Amazon ricorre contro maxi contratto Pentagono a Microsoft “Motivi politici”. Dietro lo scontro tra Bezos e Trump

15 novembre 201916:40

Amazon farà ricorso contro la decisione del Pentagono di stipulare il maxi contratto di cloud-computing da 10 miliardi di dollari con Microsoft. Le accuse mosse al Dipartimento della Difesa americano sono quelle di aver preso una decisione faziosa e influenzata politicamente. Non è un segreto lo scontro tra il presidente americano Donald Trump e il numero uno di Amazon Jeff Bezos, che è anche proprietario del Washington Post, uno dei nemici giurati del tycoon.Il segretario alla Difesa americano, Mark Esper, respinge le critiche di Amazon sull’assegnazione del contratto da 10 miliardi di dollari sul cloud a Microsoft. “Ho fiducia” nel fatto che il processo di assegnazione “sia stato condotto in modo aperto e corretto, senza alcuna influenza esterna” dice Esper. Amazon lamenta invece che la decisione del Pentagono è stata faziosa e influenzata politicamente. Non è un segreto lo scontro tra il presidente americano Donald Trump e il numero uno di Amazon Jeff Bezos, che è anche proprietario del Washington Post, uno dei nemici giurati del tycoon

Maltempo:acqua alta a Grado, allagamentiAnche oggi le scuole sono rimaste chiuse

GRADO (GORIZIA)15 novembre 201913:49

– La punta massima della marea di questa mattina a Grado (Gorizia) ha raggiunto i 158 centimetri, soglia mezzo metro più alta di Riva dei Bersaglieri, da dove erano state spostate tutte le vetture. Si sono allagate molte strade del centro – anche in questo caso non c’erano veicoli in sosta – ed è stato necessario procedere con la chiusura precauzionale della strada regionale 352 translagunare: l’arteria resterà interdetta al traffico almeno ancora per un paio d’ore, fino a deflusso dell’acqua dalla carreggiata. Le scuole sono rimaste chiuse anche oggi per disposizione del sindaco.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 4 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 01:50 ALLE 09:39 DI VENERDì 15 NOVEMBRE 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Gaza: raid aerei Israele dopo razzi
Fallito cessate-il-fuoco dichiarato all’alba di ieri

15 novembre 2019 01:50

– Israele afferma di aver ripreso gli attacchi contro obiettivi collegati ai militanti della jihad islamica a Gaza dopo il lancio di alcuni razzi contro Israele.
L’annuncio dell’esercito israeliano segna la rottura, anche da parte israeliana, del cessate-il-fuoco dichiarato all’alba di ieri. La tregua era giunta dopo due giorni di combattimenti in cui sono rimasti uccisi 34 palestinesi, tra cui 16 civili, secondo associazioni per i diritti umani. La Jihad ha lanciato almeno 450 razzi su Israele martedì e mercoledì, senza fare vittime.

Usa: Giuliani indagato dai FederaliTra possibili accuse anche corruzione di funzionari stranieri

WASHINGTON15 novembre 201905:46

– L’avvocato personale di Donald Trump, Rudolph Giuliani, figura centrale nella vicenda dell’Ucrainagate, è indagato dalla giustizia federale nell’ambito di un’inchiesta su alcune sue operazioni finanziarie. Il sospetto è quello di possibili violazioni delle regole sui finanziamenti elettorali e di azioni illegali di lobby all’estero. Lo riporta l’agenzia Bloomberg citando alcuni funzionari dell’amministrazione Usa. Uno di loro ipotizza da parte della procura federale di Manhattan anche le accuse per corruzione di funzionari stranieri e cospirazione.

Iran raziona il petrolio e alza prezziGoverno, ‘con proventi aiuteremo 18 milioni di bisognosi’

TEHERAN15 novembre 201905:52

– Il governo iraniano ha iniziato il razionamento del petrolio e ha aumentato i prezzi a mezzanotte ora locale, annunciando che utilizzerà le entrate per aumentare i sussidi per i bisognosi, che il presidente Hassan Rohani ha recentemente stimato in 18 milioni di persone. Ogni auto potrà avere al massimo 60 litri al mese, riferisce l’agenzia Irna, aggiungendo che il prezzo della benzina è stato aumentato a 15.000 Rial (12,7 centesimi di dollaro USA) da 10.000 Rial, e per ogni acquisto aggiuntivo si dovrà pagare 30.000 Rial per litro.

Accordo Pentagono-Microsoft, ira Amazon’Motivi politici’. Dietro lo scontro tra Bezos e Trump

WASHINGTON15 novembre 201906:04

– Amazon farà ricorso contro la decisione del Pentagono di stipulare il maxi contratto di cloud-computing da 10 miliardi di dollari con Microsoft. Le accuse mosse al Dipartimento della Difesa americano sono quelle di aver preso una decisione faziosa e influenzata politicamente.
Non è un segreto lo scontro tra il presidente americano Donald Trump e il numero uno di Amazon Jeff Bezos, che è anche proprietario del Washington Post, uno dei nemici giurati del tycoon. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Bolivia, nominati altri 5 ministri
Dopo gli undici insediatisi mercoledì

LA PAZ15 novembre 201906:07

– La presidente ad interim boliviana Jeanine Anez ha designato ieri sera altri cinque ministri, oltre agli undici già nominati, che l’accompagneranno nella tappa di transizione, ricordando il loro profilo tecnico e la loro responsabilità a termine.
Si tratta, riferisce l’agenzia di stampa statale Abi, di Víctor Hugo Zamora (Idrocarburi), Wilfredo Rojo Parada, (Sviluppo produttivo ed Economia plurale), Aníbal Cruz (Salute), Martha Yujra Apaza (Cultura e Turismo) e Milton Navarro Mamani (Sport).

Venezuela, Guaidò chiama gente in piazzaInvito è per domani, in tutto il Paese

CARACAS15 novembre 201907:03

– Il leader dell’opposizione venezuelana Juan Guaidó, autoproclamato presidente ad interim, ha invitato tutti i venezuelani a “inondare le strade” domani, sabato 16 novembre, riprendendo le proteste promosse un anno fa allo scopo di spodestare Nicolas Maduro. Quest’ultimo ha visto l’alleato Morales spodestato e sommovimenti politici di vario genere in tutta l’America Latina nelle ultime settimane. Guaidò e i suoi metteranno di nuovo alla prova la risposta delle masse, nonostante lo scarso seguito ottenuto ultimamente da una popolazione sempre più delusa e sofferente.

Atterrato Sidney volo non-stop da LondraHa percorso 17.8000 km in 19 ore e 19 minuti, è un record

SYDNEY15 novembre 201907:38

– E’ atterrato oggi all’aeroporto di Sydney il Dreamliner della compagnia di bandiera australiana Qantas che ha completato il primo volo di prova non-stop di 19 ore e 19 minuti da Londra. Un viaggio record quello del Boeing 787-9 per la durata ma anche per la distanza percorsa, 17.800 km. Partito da Londra Heathrow giovedì alle 6 del mattino, il volo ha sorvolato Germania, Russia, Polonia, Bielorussia, Kazakistan e Cina prima di dirigersi a sud attraverso Filippine e Indonesia. Nonostante una capacità di passeggeri fino a 256, l’aereo trasportava solo circa 50 persone, tra cui scienziati, ricercatori, piloti e dipendenti Qantas, che hanno indossato per l’intero volo congegni di tecnologia per monitorare i modelli di sonno e il consumo di cibi e bevande, e per verificare l’effetto sullo stato di salute di fattori come l’illuminazione, il movimento e l’intrattenimento a bordo. Sono stati anche registrati i livelli di melatonina che determina il jet lag

Hong Kong: in migliaia a sit-inTanti gli impiegati che hanno sfruttato la pausa pranzo

PECHINO15 novembre 201907:52

– Sono migliaia le persone che, per il quinto giorno di fila, stanno riempiendo le strade di Hong Kong nel cuore finanziario di Central e nella vicina area di Tai Koo, approfittando della pausa pranzo. Molti dipendenti di uffici e varie attività si sono uniti ai manifestanti, in gran parte studenti vestiti di nero e con il volto coperto da una maschera, scandendo slogan come il più simbolico sulle “cinque richieste, non una di meno”, relativo alla piattaforma del movimento sottoposto alla governatrice Carrie Lam, in cui figura anche il suffragio universale Nell’arco di pochi minuti, Pedder Street, cuore di Central, si è riempita di colletti bianchi che hanno espresso solidarietà unendosi alle manifestazioni anti-governative e contribuendo a bloccare le strade nella pausa pranzo. Nei giorni scorsi, la polizia è intervenuta anche con i lacrimogeni per disperdere la folla. Quelle di Central e Tai Koo sono le iniziative principali all’interno di numerosi eventi che si stanno tenendo anche oggi in tutta la città.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 4 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 17:31 DI GIOVEDì 14 NOVEMBRE 2019

ALLE 01:50 DI VENERDì 15 NOVEMBRE 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Thyssen, Ue contro Italia e Germania
Perché manager tedeschi liberi nonostante condanna

14 novembre 2019 17:31

STRASBURGO

– La Corte europea dei diritti umani ha avviato un procedimento contro Italia e Germania sul caso del rogo dello stabilimento della Thyssen Krupp a Torino il 6 dicembre 2007. Sono stati i parenti delle vittime e uno dei sopravvissuti, Antonio Boccuzzi, a rivolgersi alla Corte di Strasburgo, accusando i due governi di aver violato i loro diritti, in particolare quello al rispetto della vita, perché nonostante una sentenza di condanna dei tribunali italiani nel 2016 di due manager tedeschi, questi restano in libertà.
Secondo i ricorrenti, in tutto 26, la violazione del loro diritto alla vita deriverebbe “dalle omissioni e i ritardi delle autorità italiane e tedesche nel dare esecuzione alla sentenza di condanna dei due manager”. I ricorrenti affermano anche di non aver altro modo, se non attraverso la Corte di Strasburgo, per far valere i loro diritti nei confronti di Roma e Berlino.
Il ricorso era arrivato a Strasburgo il 12 aprile dello scorso anno.

Ue: promosso il candidato della FranciaLo si apprende a Bruxelles

BRUXELLES14 novembre 201917:31

Il Commissario francese designato al Mercato interno Thierry Breton è stato promosso nell’audizione al Parlamento europeo. E’ quanto si apprende a Bruxelles. A favore il Ppe, Socialisti e democratici, Renew Europa e Conservatori Ecr. I Verdi volevano ulteriori chiarimenti, mentre i sovranisti Id volevano risposte a quesiti scritti.

Corte internazionale per foreign fighterNyt: ‘Parigi sta lavorando all’ipotesi con il Qatar’

WASHINGTON14 novembre 201917:37

Francia e Qatar stanno lavorando all’ipotesi di un tribunale internazionale per processare i foreign fighter invece di lasciarli ai rispetti Paesi. Lo scrive il New York Times citando fonti diplomatiche nel giorno del vertice della coalizione globale anti Isis a Washington.

Sisma 7.4 in Indonesia, allerta tsunamiA largo dell’isola di Ternate, ‘rischio onde fino a 300 km’

14 novembre 201917:44

– Un potente terremoto di magnitudo 7.4 è stato registrato nel Mar delle Molucche, al largo delle coste dell’Indonesia. Lo ha rilevato l’ente geofisico Usa (Usgs). Le autorità locali hanno lanciato un’allerta tsunami.
Il sisma è stato registrato al largo dell’isola di Ternate, a circa 45 km di profondità e 140km dal capoluogo.
L’Usgs avverte che il terremoto potrebbe causare onde tsunami fino a 300 km dall’epicentro sulle coste indonesiane. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Hong Kong: morto un uomo di 70 anni
Colpito da un mattone nei tafferugli durante le proteste

PECHINO14 novembre 201918:23

– Un uomo di 70 anni è morto per le ferite riportate oggi dopo essere stato colpito da un mattone nei tafferugli durante le proteste: la notizia, anticipata dal Ming Pao, è stata confermata dall’ospedale dove l’uomo era stato ricoverato d’urgenza.

Lettera di infrazione Ue contro GbNon ha nominato commissario. Deve spiegare perché entro il 22

BRUXELLES14 novembre 201918:42

– La Commissione Ue ha aperto una procedura d’infrazione contro il Regno Unito perché non ha indicato il proprio candidato commissario. Le autorità britanniche hanno fino al 22 novembre per fornire le loro motivazioni.
La Commissione spiega in un comunicato di aver inviato una lettera di messa in mora al Regno Unito perché è venuto meno agli obblighi dettati dal Trattato Ue non presentando nessun candidato per il posto di commissario Ue. Londra ha fino al 22 novembre per dare le sue motivazioni, e “questo stretto lasso di tempo è giustificato dal fatto che la Commissione deve entrare in funzione il prima possibile”, scrive Bruxelles.

Usa, ‘guideremo ancora la lotta a Isis’Segretario Stato Usa Pompeo, ‘manterremo un presidio in Siria’

WASHINGTON14 novembre 201918:49

– “Gli Usa continueranno a guidare la coalizione anti-Isis e manterranno un presidio in Siria”: lo ha detto il segretario di stato Mike Pompeo aprendo il vertice della coalizione globale contro l’Isis a Washington, rivendicando il successo di aver eliminato il Califfato e di aver ucciso il leader dell’Isis Al-Baghdadi. Pompeo ha detto che ora il focus e’ evitare il ritorno dell’Isis, la stabilizzazione della regione, gli aiuti umanitari e il ritorno dei foreign fighter.

Di Maio, vertice anti Isis in ItaliaCon la coalizione globale. Si svolgerà nel 2020

14 novembre 201919:38

– Il prossimo vertice allargato della coalizione globale anti Isis si svolgerà in Italia nel 2020.
Lo ha annunciato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio da Washington.

Spari in un liceo in California, due studenti mortiUn altro ferito in condizioni gravi. Arrestato un ragazzo

LOS ANGELES14 novembre 201921:25

Si continua a sparare e a morire nelle scuole americane. Il teatro dell’ennesima tragedia che ha fatto piombare nella paura studenti, insegnanti e famiglie è la Saugus High School di Santa Clarita, in California. Un ragazzo ha sparato all’interno del liceo nella contea di Los Angeles, a circa 60 chilometri dalla metropoli, uccidendo due studenti, una ragazza e un ragazzo e ferendone altri quattro di cui uno in condizioni critiche.Il killer, dopo una caccia all’uomo durata alcune ore, è stato arrestato e portato in ospedale, dove versa in gravi condizioni. L’ufficio dello sceriffo della contea ha spiegato che si tratta di uno studente di 16 anni di origini asiatiche. Tutto è iniziato intorno alle 7 del mattino ora locale, le 16 in Italia, durante quello che viene chiamato ‘periodo zero’, ossia l’ora prima che comincino le lezioni, dedicata solitamente ad attività extra-scolastiche. Il sedicenne, con cappello e abiti neri, è entrato aprendo il fuoco non si sa ancora per quale motivo. Poi è fuggito cercando di trovare riparo nella macchia che si estende dietro la scuola. Le immagini mandate in onda sulle tv americane hanno mostrato scene tristemente note: gli studenti terrorizzati che si allontanano dal liceo in fila indiana, gli abbracci dei familiari accorsi sul luogo della sparatoria, la corsa in ospedale dei feriti.

Cc ucciso:chiesto immediato a americaniAccusati della morte del vicebrigadiere Mario Cerciello Brega

14 novembre 201914:47 AGGIORNAMENTO DELLE 17:31 DEL 14.11.2019

– La Procura di Roma ha chiesto il giudizio immediato per Finningan Lee Elder e Christian Gabriel Natale Hjort, accusati del concorso in omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello, avvenuto la notte del 26 luglio scorso. I magistrati di piazzale Clodio, coordinati dal procuratore Michele Prestipino e dall’aggiunto Nunzia D’Elia, hanno chiuso le indagini. I due studenti americani si trovano attualmente detenuti nel carcere di Regina Coeli. Sono accusati anche di tentata estorsione, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni. L’aggressione avvenne nel quartiere Prati. Cerciello, che si era recato assieme al collega Andrea Varriale in via Pietro Cossa per recuperare la borsa che i due americani avevano sottratto alcune ore prima all’intermediario dei pusher Sergio Brugiadelli, venne raggiunto da 11 coltellate inferte da Finningan nel corso di una colluttazione. Il giudizio immediato consente di portare il processo direttamente davanti alla corte d’Assise saltando la fase delle udienze preliminari.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 14 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 22:00 DI MERCOLEDì 13 NOVEMBRE 2019

ALLE 17:31 DI GIOVEDì 14 NOVEMBRE 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Gaza, raid di Israele fa altri 5 morti
Le vittime palestinesi salgono a 31 da martedì scorso

GAZA 13 Novembre 2019 22:00

– Fonti palestinesi affermano che un nuovo attacco aereo israeliano ha ucciso cinque componenti di una famiglia nel centro della Striscia di Gaza.
La radio al-Aqsa di Hamas riferisce che le vittime includono genitori e figli. Testimoni nella città di Deir al-Balah affermano di aver sentito due esplosioni, seguite dal suono delle sirene delle ambulanze.
Sale così a 31 il numero di palestinesi uccisi nell’escalation della violenza tra Israele e Gaza iniziata con l’uccisione di un comandante della Jihad islamica palestinese con un raid aereo martedì scorso. Tra i morti ci sono 16 miliziani e almeno una donna e tre minori.

Siria, Pentagono: manterremo 600 soldati’Ma numeri potrebbero cambiare con rinforzi da alleati europei’

WASHINGTON14 novembre 201904:25

– Gli Stati Uniti manterranno complessivamente circa 600 soldati in Siria. Lo ha annunciato il capo del Pentagono, Mark Esper, durante il suo viaggio a Seul, dove inizia un tour in Asia.
Esper ha tuttavia precisato che i numeri potrebbero cambiare, ad esempio se gli alleati europei rafforzeranno la loro presenza in Siria. Una risposta potrebbe arrivare oggi dal vertice a Washington dei ministri degli Esteri della coalizione globale anti Isis, a cui partecipa anche Luigi Di Maio.

Gaza, raggiunto accordo cessate fuocoTregua in vigore da stamani grazie alla mediazione dell’Egitto

TEL AVIV14 novembre 201905:14

– Un accordo fra Israele e le fazioni armate palestinesi per un cessate il fuoco immediato a Gaza è stato raggiunto nella notte, grazie alla mediazione dell’Egitto.
La Jihad islamica palestinese conferma che l’accordo è entrato in vigore stamane: “L’occupazione (Israele) ha accettato le condizioni dettate dalla resistenza”, ha affermato un portavoce dell’organizzazione.

La tregua fra Israele e palestinesi sembra reggere nonostante i cinque razzi lanciati questa mattina, a cessate-il-fuoco già in vigore, da Gaza verso le zone sud di Israele. Per questo, l’esercito ha tolto le restrizioni di sicurezza anche nelle aree israeliane attorno alla Striscia riportandole alle routine, così come sono stati riaperti il valico pedonale di Erez e quello commerciale di Kerem Shalm con Gaza.L’esercito israeliano, in precedenza, aveva confermato la fine dell’operazione ‘Cintura nera’ di questi giorni affermando di aver raggiunto gli obiettivi con un duro colpo alla Jihad e facendo sapere che ora il focus sarà rivolto verso nord per contrastare le minacce provenienti dagli alleati dell’Iran. La Jihad islamica palestinese, a sua volta, aveva dichiarato che gli occupanti israeliani hanno “accettato le condizioni dettate dalla resistenza”.Erano quindi pervenute alcune esternazioni da parte del governo israeliano, come quella del ministro degli Esteri Israel Katz: “Alla calma risponderemo con la calma. La Jihad islamica ha subìto un duro colpo. Israele non esiterà a colpire chiunque lo minacci. Il non coinvolgimento di Hamas nei combattimenti è stato comunque un successo di Israele”.Il neoministro della Difesa Naftali Bennett, da parte sua, aveva avvertito che d’ora in poi “l’esercito opererà a piena latitudine e senza restrizioni: le nuove regole del gioco sono chiare”. “Un terrorista che provi a colpire cittadini israeliani – aveva aggiunto – non potrà più dormire sonni tranquilli, ovunque si nasconda”.Il ministero della Sanità di Gaza, infine, ha aggiornato a 34 il numero delle vittime e a 113 quello dei feriti tra i palestinesi colpiti dagli attacchi israeliani di questi giorni.

Gaza: Onu, lavorato per evitare guerraMladenov, Medio Oriente non ha bisogno di nuovi conflitti

14 novembre 201907:20

– TEL AVIV

– “L’Egitto e l’Onu hanno lavorato duramente per prevenire che la più importante escalation dentro e fuori Gaza arrivasse ad una guerra”. Lo ha detto, commentando il cessate il fuoco, l’inviato del’Onu Nickolay Mladenov secondo cui “le prossime ore e giorni saranno critiche”. “Tutti – ha aggiunto su Twitter – devono mostrare massimo controllo e fare la loro parte per impedire un bagno di sangue. Il Medio Oriente non ha bisogno di nuove guerre”.

Bolivia: salgono a 8 i morti in scontriUltima vittima è ragazzo 20 anni colpito alla testa a Yapacani

14 novembre 201909:58

– Un ragazzo di 20 anni sarebbe rimasto ucciso in Bolivia durante gli scontri tra i sostenitori di Morales e la polizia. Lo riporta la stampa locale che cita fonti mediche. Il ragazzo sarebbe stato colpito alla testa da un proiettile a Yapacani, nel dipartimento di Santa Cruz, dove i sostenitori di Morales nel pomeriggio avevano occupato il municipio. Salgono così ad 8 i morti in 3 settimane di proteste.

Gaza: 5 razzi lanciati verso IsraeleNonostante cessate il fuoco. Esercito, 2 intercettati

14 novembre 201910:22

– Nonostante il cessate il fuoco annunciato, 5 razzi sono stati lanciati poco fa da Gaza verso le zone sud di Israele dove poco prima sono risuonate le sirene di allarme. Lo ha detto il portavoce militare secondo cui 2 dei razzi sono stati intercettati dall’Iron Dome.

Iraq: ancora scontri a Baghdad, 2 mortiVicino a Piazza Tahrir, i feriti sono 42

BAGHDAD14 novembre 201910:24

– Due persone sono morte e altre 42 sono rimaste ferite oggi in seguito a scontri tra manifestanti e forze di sicurezza nel centro di Baghdad: lo hanno reso noto funzionari iracheni che hanno voluto mantenere l’anonimato.
Gli scontri sono avvenuti nella zona di Khilani, vicino a Piazza Tahrir, teatro delle proteste che proseguono ormai da settimane.
Nel complesso almeno 320 persone hanno perso la vita e migliaia sono rimaste ferite da quando sono iniziate le manifestazioni lo scorso primo ottobre contro la corruzione, la carenza di lavoro e le condizioni disastrate dei servizi di prima necessità – come l’erogazione della corrente elettrica – nonostante le grandi risorse petrolifere del Paese. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

‘Trump consegni dichiarazione redditi’
Corte d’appello Usa ha respinto il ricorso del presidente

WASHINGTON14 novembre 201911:53

Nuova sconfitta legale per il presidente americano Donald Trump: la Corte d’appello di Washington ha respinto un suo ricorso perché fosse riesaminata la decisione di secondo grado che autorizza la commissione di sorveglianza della Camera a chiedere le sue dichiarazioni dei redditi degli ultimi otto anni. Il suo avvocato Jay Sekulow ha annunciato che impugnerà la decisione davanti alla Corte suprema. I democratici, che controllano la Camera, sospettano che il tycoon abbia gonfiato il valore dei suoi asset per ottenere prestiti.

Hong Kong, cancellato tweet su coprifuocoIl Global Times aveva scritto che era annunciato per il weekend

PECHINO14 novembre 201913:38

Il Global Times, il tabloid cinese che ha citato l’annuncio del governo di Hong Kong sul coprifuoco per il weekend, ha fatto retromarcia cancellando dopo oltre 30 minuti il tweet sul tema.”Il governo di Hong Kong è atteso che annunci il coprifuoco per il weekend”, aveva scritto il quotidiano citando una fonte anonima. L’ipotesi coprifuoco si era diffusa da diverse ore. NaoTv, network dell’ex colonia, l’aveva già menzionata, venendo smentita dal South China Morning Post, grazie alle rassicurazioni di una fonte del governo locale.La polizia di Hong Kong ha negato di aver sollecitato l’applicazione di un possibile coprifuoco nel weekend, in merito al tweet (poi cancellato) del tabloid cinese Global Times, secondo cui il governo locale era atteso che annunciasse a breve la misura straordinaria.

Russia: spara in scuola e si suicida2 morti e 3 feriti. In un college di Blagoveshchensk

MOSCA14 novembre 201910:12

– Uno studente ha sparato in un college di Blagoveshchensk, nell’estremo oriente russo, uccidendo una persona e ferendone altre tre. Poi si è suicidato puntando contro di sé l’arma, che stando alle prime ricostruzioni sarebbe un fucile da caccia. Lo riportano i media russi. Secondo la polizia il giovane potrebbe aver aperto il fuoco in seguito a un conflitto con altri studenti. “I corpi di due giovani, tra cui quello di colui che ha sparato, sono stati trovati sul luogo dell’incidente”, fa sapere il dipartimento locale del ministero dell’Interno, secondo cui “le informazioni preliminari suggeriscono” che il responsabile della sparatoria “si sia suicidato usando la sua arma”, che “è registrata come appartenente a questo cittadino”. Sempre stando al ministero, un giovane è arrivato correndo verso una squadra della polizia stradale che pattugliava la zona e ha dato notizia degli spari in un college lì vicino. Il giovane autore della sparatoria aveva 19 anni. I feriti avrebbero tra i 17 e i 20 anni.

All’arrivo della polizia, lo studente armato avrebbe aperto il fuoco contro gli agenti, che avrebbero quindi risposto al fuoco e poi bloccato l’assalitore in una sala di lettura della scuola.Secondo una fonte sanitaria sentita dalla Tass, “due adolescenti feriti sono stati portati all’ospedale pediatrico regionale: uno in condizioni critiche, l’altro in condizioni moderatamente gravi”. Un terzo ferito si trova all’ospedale civico di Blagoveshchensk.

La Qantas sperimenta altro volo nonstopAereo compagnia australiana partito da Londra verso Sydney

14 novembre 201912:01

La Qantas fa il bis. La compagnia aerea australiana ha lanciato oggi il secondo esperimento in meno di un mese per ‘collaudare’ un altro volo commerciale nonstop da record: dopo New York-Sydney il mese scorso, questa volta la tratta in questione è Londra-Sydney, con un tempo di percorrenza stimato in circa 19 ore. Un Boeing 787-9 Dreamliner denominato ‘Longreach’ è partito questa mattina alle 6:00 (le 7:00 in Italia) dall’aeroporto londinese di Heathrow con circa 50 persone a bordo (inclusi quattro piloti) e dovrebbe arrivare a Sydney poco prima di mezzogiorno (ora locale) di domani.
Durante il volo i passeggeri verranno sottoposti ad una serie di test per monitorare i loro ritmi del sonno, movimenti, consumo di cibo ed uso dei sistemi di intrattenimento. Sono previsti esami per i piloti. I dati raccolti faranno parte delle informazioni che la Qantas utilizzerà per chiedere alle autorità australiane il permesso di introdurre i collegamenti di andata e ritorno Londra-Sydney e New York-Sydney entro il 2022. Il volo di prova New York-Sydney era stato effettuato il 20 ottobre con 49 persone a bordo e aveva impiegato un record di 19 ore e 16 minuti per percorrere circa 16.000 chilometri. La compagnia prevede di effettuare un terzo ed ultimo esperimento di questo tipo.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Al via a Eurocamera audizioni commissari
Si inizia con l’ungherese, poi tocca al francese e alla romena

BRUXELLES14 novembre 201912:01

Al via oggi al Parlamento europeo le audizioni dei tre commissari designati da Ungheria, Francia e Romania. La prima è quella del candidato proposto da Budapest per l’Allargamento Olivér Várhelyi. Nelle ore successive toccherà invece al francese Thierry Breton per il mercato Interno, e poi alla romena Adina Valean, con il portafoglio ai Trasporti. Se i tre commissari saranno ‘promossi’ alle audizioni la plenaria di Strasburgo il 27 novembre si esprimerà con un voto sulla commissione in toto in modo che Ursula von der Leyen possa insediarsi a Palazzo Berlaymont a inizio dicembre.

Turchia: no all’espatrio della moglie delle 007 GbInterrogata già 2 volte su morte del marito per trauma da caduta

ISTANBUL14 novembre 201912:06

La magistratura turca ha imposto un divieto di espatrio a Emma Winberg, moglie di James Le Mesurier, l’ex 007 britannico tra i fondatori del gruppo di soccorritori Caschi Bianchi siriani trovato morto lunedì vicino alla sua abitazione a Istanbul.
La donna è stata interrogata ieri per la seconda volta per circa tre ore dagli. Il provvedimento è stato deciso fino alla chiusura dell’inchiesta. Al momento, Winberg non risulta comunque indagata. I magistrati hanno sentito nelle scorse ore anche la cameriera turca della coppia, che abitava in una sezione indipendente della casa al piano inferiore. Secondo i risultati preliminari dell’autopsia, la morte di Le Mesurier è stata causata da un “trauma legato alla caduta” dal balcone della sua casa al terzo piano e non risultavano segni di violenza sul corpo. La procura della metropoli sul Bosforo prosegue le indagini per chiarire la dinamica dell’accaduto, senza escludere ipotesi. Le piste privilegiate restano quelle del suicidio o di una caduta accidentale.

Francia: rivolta dei camici bianchi’Settore sull’orlo dell’implosione. Macron agisca’

PARIGI14 novembre 201913:50

La crisi degli ospedali pubblici diventa un nuovo rompicapo per il presidente francese Emmanuel Macron, già indebolito dalle proteste contro la prevista riforma delle pensioni. Oggi, in Francia, è stata indetta una mobilitazione del personale sanitario, logorati da anni di assunzioni difficili, bilanci contriti e sovraccarico professionale. Mentre il governo prepara un piano di rilancio del sistema sanitario nazionale che verrà presentato la settimana prossima.
Dal 2009, secondo la Fédération Hospitalière de France, sono stati imposti al settore tagli per circa 9 miliardi di euro.
Intanto, l’opposizione di sinistra accusa il governo di lasciare “deperire” gli ospedali pubblici, mentre la leader del Rassemblement National, Marine Le Pen, invita la ministra della Salute, Agnès Buzyn a “esigere un bilancio” più importante oppure “dimettersi”. Il tema domina le prime pagine dei grandi quotidiani.

Gb: sanità pubblica in affannoAllarme Inghilterra. Promesse elettorali nuovi fondi da partiti

LONDRA14 novembre 201912:24

– Lista d’attese record per i pazienti negli ospedali pubblici dell’Inghilterra. Lo rivelano nuovi dati ufficiali ripresi oggi dai media che certificano una volta di più le gravi difficoltà dello storico sistema sanitario britannico (Nhs), alle prese con le conseguenze dei tagli di risorse e di organico degli ultimi anni e decenni, resi ancor più pesanti da recenti politiche di austerity. I dati, riferiti alle statistiche degli ultimi tre anni disponibili mese su mese, indicano fra l’altro come sia stato mancato l’obiettivo di garantire l’inizio del trattamento alla quasi totalità dei malati con diagnosi di cancro almeno entro 62 giorni; mentre alcuni dirigenti e medici avvertono sul rischio “d’implosione” del sistema. Obiettivi falliti pure sulla riduzione delle liste d’attese generali a 18 settimane (avrebbe dovuto riguardare il 92% dei pazienti, ma si è fermato sotto l’85) e sull’ammissione nei pronto soccorso entro 4 ore. Intanto i maggiori partiti fanno a gara nel promettere più fondi all’Nhs

India: a Delhi di nuovo emergenza smogEsperti, Troppe misure a spot, necessario approccio integrato’

NEW DELHI14 novembre 201913:54

Scuole chiuse oggi e domani e traffico a targhe alterne, molto probabilmente prolungato oltre il 15 novembre: sono le ultime, poco promettenti misure, decise dall’amministrazione di Delhi dopo il nuovo aumento dell’inquinamento, tornato da ieri a livelli che sfiorano l’emergenza, intorno ai 460 AQI di media. Tra le varie altre misure suggerite ieri dalla Corte Suprema ai responsabili del governo centrale, l’installazione di gigantesche torri anti-smog, per inumidire l’atmosfera e tenere al suolo le polveri, sull’esempio di quelle già in uso in Cina, nella provincia di Shaanxi; e l’introduzione di mezzi pubblici alimentati ad idrogeno. Ma gli esperti, che continuano a discutere dell’emergenza su tutti i media, sottolineano che si tratterebbe comunque di misure di emergenza e futuristiche, che non affronterebbero il problema, con il necessario approccio integrato, e a lungo termine, che tenga conto della molteplicità di fattori che causano l’inquinamento dell’aria.

Bolivia: salgono a 10 le vittimeDall’inizio delle proteste

14 novembre 201913:09

– Gli scontri a Montero e Yapacaní, nel dipartimento di Santa Cruz, in Bolivia, hanno provocato ieri due morti per colpi d’arma da fuoco. Con queste vittime, uccise durante gli scontri tra manifestanti e polizia, è salito a dieci il bilancio dei morti durante oltre tre settimane di proteste nel Paese. Lo ha riferito il direttore dell’Istituto di indagini forensi (Idif), Andres Flores, citato dal quotidiano La Razon.
Il direttore ha riferito che otto delle dieci persone morte negli scontri sono state uccise da proiettili.

Bolivia: Mosca, Anez leader ad interim’Ma non c’era quorum quando è stata eletta’

MOSCA14 novembre 201913:49

La Russia riconosce Jeanine Anez come presidente ad interim della Bolivia ma tiene conto del fatto che “nel momento in cui è stata eletta per questo incarico non c’era il quorum necessario in parlamento”: lo ha dichiarato il vice ministro degli Esteri Serghiei Riabkov, citato dall’agenzia Ria Novosti. “Chiaramente – afferma Riabkov – sarà considerata leader della Bolivia finché la questione di un nuovo presidente non sarà risolta con le elezioni”.

Assad, gli Usa rubano il nostro petrolioIl presidente siriano parla alla tv di stato russa

MOSCA14 novembre 201913:52

Il presidente siriano Bashar al Assad, in un’intervista alla tv di Stato russa, ha accusato gli Usa di “rubare il petrolio” siriano e di essere “un Paese il cui sistema politico si basa sulle bande criminali”. Lo riporta l’agenzia Interfax. Il presidente siriano inoltre sostiene, senza presentare alcuna prova, che James Le Mesurier, l’ex 007 britannico tra i fondatori del gruppo di soccorritori Caschi Bianchi siriani trovato morto lunedì vicino alla sua abitazione a Istanbul, sia stato ucciso su ordine della Cia.

MH17:da telefonate legami Russia-ribelliL’aereo fu abbattuto da un missile russo nell’estate del 2014

MOSCA14 novembre 201916:40

Stretti legami tra la Russia e i ribelli del Donbass sono testimoniati da nuove intercettazioni telefoniche tra funzionari russi e alcuni leader separatisti. Le conversazioni sono state pubblicate oggi dal Team investigativo internazionale a guida olandese (Jit) sulla tragedia del Boeing malese abbattuto nei cieli del Donbass in guerra nell’estate del 2014. Le telefonate risalgono alle settimane precedenti alla sciagura in cui morirono 298 persone. L’aereo fu abbattuto da un missile di fabbricazione russa.

Ue: bocciato commissario UngheriaEurodeputati chiedono poter formulare nuove domande a Várhelyi

BRUXELLES14 novembre 201915:26

– Il commissario designato dall’Ungheria per l’allargamento, Olivér Várhelyi, non ha superato l’esame odierno nell’audizione al Parlamento europeo.
E’ quanto si apprende a Bruxelles. E’ mancata la maggioranza a favore dell’esponente del Ppe nella riunione dei coordinatori della commissione. Al commissario designato verranno posti ulteriori quesiti o domande.

Erdogan, non rinunceremo a missili russi’Possiamo comprare Patriot Usa, ma non accettiamo intromissioni’

ISTANBUL14 novembre 201915:54

– “Abbiamo detto che possiamo comprare i (missili) Patriot” americani, ma “riteniamo inaccettabile eliminare totalmente” i missili russi “S-400, perché è una richiesta che viola la nostra sovranità”. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando con i giornalisti negli Usa all’indomani del suo incontro con Donald Trump.

Hong Kong: Xi, restaurare ordinePresidente cinese a Brasilia per vertice Brics

BRASILIA14 novembre 201915:57

– Il compito più urgente per Hong Kong al momento è quello di “porre fine alla violenza e al caos e restaurare l’ordine”. Lo ha detto il presidente cinese Xi Jinping a margine dell’undicesimo summit Brics in corso a Brasilia. Lo riferisce Xinhua.

Di Maio a Washington, vertice anti-IsisIl summit chiesto da Parigi dopo ritiro truppe Usa dalla Siria

WASHINGTON14 novembre 201916:26

– Vertice oggi a Washington con i ministri degli Esteri di oltre trenta paesi della coalizione anti Isis, tra cui Luigi Di Maio. Il summit era stato richiesto dalla Francia dopo l’improvvisa decisione di Donald Trump di ritirare le truppe americane dalla Siria nordorientale e la successiva offensiva turca che ha messo a rischio i curdi, alleati degli Stati Uniti e della coalizione nella lotta al Califfato. Successivamente l’amministrazione Usa ha lanciato messaggi contrastanti: ieri il presidente ha ribadito che resta un piccolo numero di soldati solo per difendere i campi petroliferi, mentre il capo del Pentagono ha annunciato che stazioneranno circa 600 uomini anche per continuare a combattere l’Isis, auspicando un rafforzamento della presenza europea. Uno dei temi da affrontare oggi è il ritorno dei foreign fighter.

Hong Kong: stop lezioni fino a lunedìDirettiva per tutti gli istituti, comprese le università

PECHINO14 novembre 201916:36

– La sospensione delle lezioni scolastiche a Hong Kong è stata prorogata fino a lunedì, in considerazione delle condizioni ancora precarie sulla sicurezza.
Lo ha comunicato l’Ufficio per l’Educazione dell’ex colonia, secondo cui lo stop riguarda i diversi gradi, dagli asili alle superiori e alle università, che tuttavia si sono mosse in tal senso in modo autonomo. L’Ufficio, recita una nota, ha ordinato agli istituti di restare aperti per poter gestire i bambini i cui genitori necessitano di mandarli comunque a scuola.

Harry-Meghan, Natale con la mamma di leiNuova bufera dei tabloid, ma ‘la regina ha dato il suo placet’

LONDRA14 novembre 201916:41

I tabloid della destra populista britannica tornano all’attacco di Harry e Meghan. Stavolta a suscitare maretta è la decisione attribuita ai duchi di Sussex di disertare la tradizionale celebrazione del prossimo Natale col resto della famiglia reale a Sandringham, nella residenza di campagna della regina nel Norfolk, per trascorrere la festività con la mamma afroamericana dell’ex attrice, Doria Ragland. Una scelta presa di mira in prima pagina dal Sun e dal Mail, che peraltro con i Sussex hanno il dente avvelenato essendone stati querelati di recente per violazione della privacy. Ma giustificata da un altro tabloid, il Daily Express, secondo il quale la 93enne Elisabetta II non solo non si sarebbe offesa, ma avrebbe dato il suo placet alla coppia a passare il Natale con la consuocera. Intanto i duchi hanno pubblicato stamane una delle rare foto ufficiali del piccolo Archie, per onorare il padre di Harry (e nonno del bambino), l’erede al trono Carlo, che proprio oggi compie 71 anni.

Bimbo tornato dalla Siria: ‘Mamma morta in bombardamento”Ero vicino a lei’. Bambino sotto choc sarà operato a una gamba

14 novembre 201911:45

“Mia mamma è morta in un bombardamento, io ero vicino a lei”. E’ quanto ha detto, in sostanza, in un’audizione protetta con un psicologo, davanti agli investigatori del Ros, delegati dal capo del pool antiterrorismo milanese Alberto Nobili e dal pm Alessandro Gobbis, l’11enne tornato in Italia l’8 novembre dopo che la madre jihadista lo portò in Siria nel 2014. Il piccolo, si è saputo, è ancora sotto choc e la settimana prossima sarà ricoverato e operato per la ferita alla gamba subita nell’esplosione.

Le propone di sposarlo su una tavola da surf sulle onde alle HawaiiL’anello cade in acqua ma quello vero era sulla spiaggia dove si erano visti per la prima volta

4 novembre 201900:01

Originale proposta di matrimonio alle Hawaii. Un uomo stava surfando con la sua ragazza quando si è inginocchiato su una gamba sulla sua tavola e le ha chiesto di sposarlo. Hawaii News Now riporta che  Lauren Oiye ha detto sì appena prima che Chris Garth facesse cadere l’anello nell’Oceano. Diversi fotografi hanno catturato il momento. Fortunatamente ne aveva uno di riserva. Garth ha detto che sapeva che sarebbe potuto succedere per cui aveva lasciato il vero anello a terra sulla spiaggia a Queen’s Beach a Waikiki dove i due si erano incontrati due anni prima.

Papa: più responsabilità società digitali verso i minori “Atti concreti e urgenti verso abusi minori su web”

14 novembre 201915:34

“E’ ormai evidente” che le grandi compagnie del mondo digitale “non possono considerarsi completamente estranee all’uso degli strumenti che mettono nelle mani dei loro clienti. È ad esse quindi che rivolgo oggi il più impellente appello alla responsabilità nei confronti dei minori, della loro integrità e del loro futuro”. Lo ha detto il Papa al convegno “Promoting digital child dignity”. “Senza il pieno coinvolgimento delle società del settore, senza una piena consapevolezza delle ricadute morali e sociali della loro gestione e del loro funzionamento, non sarà possibile garantire la sicurezza dei minori nel contesto digitale”, ha aggiuntoIl pontefice ha poi puntato il dito sugli abusi ai minori: “La condanna morale dei danni inflitti ai minori per il cattivo uso delle nuove tecnologie digitali deve tradursi in iniziative concrete e urgenti. Più il tempo passa, più il male è radicato e difficilmente contrastabile. Bisogna quindi trovare un bilancio adeguato fra l’esercizio legittimo della libertà di espressione e l’interesse sociale ad assicurare che i mezzi digitali non siano utilizzati per commettere attività criminose a danno dei minori”.”L’identificazione e l’eliminazione dalla circolazione in rete delle immagini illegali e nocive ricorrendo ad algoritmi sempre più elaborati è un campo di ricerca molto importante, in cui scienziati e operatori del mondo digitale devono continuare ad impegnarsi in una nobile competizione per contrastare l’uso perverso dei nuovi strumenti a disposizione”, ha detto papa Francesco ai partecipanti al convegno. “Faccio quindi appello – ha concluso – agli ingegneri informatici, perché si sentano anch’essi responsabili in prima persona della costruzione del futuro. Tocca a loro, con il nostro appoggio, impegnarsi in uno sviluppo etico degli algoritmi, farsi promotori di un nuovo campo dell’etica per il nostro tempo: la ‘algor-etica’”.

Aggiornamenti, Mondo, Notizie, Ultim'ora

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ultimo aggiornamento

Tempo di lettura: 16 minuti

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE IN TEMPO REALE SEMPRE AGGIORNATE

DALLE 06:46 ALLE 22:00 DI MERCOLEDì 13 NOVEMBRE 2019

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Bolivia, gli Usa innalzano l’allerta
La senatrice Anez nominata presidente ad interim. Per Morales, è un golpe

13 novembre 2019 06:46

Il Dipartimento di Stato americano alza l’allerta per i viaggi in Bolivia a ‘livello 4’, ovvero non viaggiare nel Paese sudamericano. E ordina alle famiglie dei dipendenti governativi di lasciare la Bolivia in seguito alle tensioni.Nominata intanto presidente ad interim la senatrice di opposizione Jeanine Anez, del partito Unidad Democratica, finora seconda vicepresidente del Senato.Il presidente dimissionario Evo Morales, dall’esilio in Messico, definisce la nomina “una autoproclamazione” e parla di “golpe subdolo e nefasto”. Anez è stata nominata presidente ad interim dai parlamentari della sua formazione politica e di alcuni altri gruppi. Lo riferisce il quotidiano El Deber, sottolineando che questo è avvenuto nonostante le sedute di Camera e Senato non abbiano raggiunto il quorum per l’assenza dei parlamentari del governativo Movimento al socialismo (Mas) che controllava i 2/3 delle due Camere.

Hong Kong nel caos, città semi-paralizzata e scuole chiuseTerzo giorno di fila di proteste e scontri, bagarre in Parlamento

13 novembre 201919:24

Le proteste pro-democrazia a Hong Kong, giunte al terzo giorno di fila, hanno semiparalizzato la città creando pesanti problemi ai trasporti. La Mtr, il gestore della metro, ha sospeso le linee East Rail e Kwun Tong lines, e i servizi sono a singhiozzo in altre zone.La polizia è tornata alla Chinese University per evacuare 80 studenti cinesi, trovando molte molotov. Il parlamento ha sospeso i lavori per la bagarre scoppiata tra i fronti pan-democratico e pro-Pechino. Scuole chiuse per motivi di sicurezza.Il liaison office, l’Ufficio di collegamento della Cina di base a Hong Kong, ha denunciato che l’ex colonia “sta scivolando verso l’abisso del terrorismo”.La Borsa di Hong Kong sconta il terzo giorno di fila di proteste e di scontri tra manifestanti pro-democrazia e polizia: l’Hang Seng cede 493,82 punti, scivolando a quota 26.571,46 (-1,82%).

Bolivia, Anez presidente ad interimMorales, golpe subdolo e nefasto

LA PAZ13 novembre 201911:25

– La senatrice di opposizione Jeanine Anez del partito Unidad democratica (Ud), finora seconda vicepresidente del Senato, è stata nominata presidente ad interim della Bolivia dai parlamentari della sua formazione politica e di alcuni altri gruppi. Lo riferisce il quotidiano El Deber, sottolineando che questo è avvenuto nonostante le sedute di Camera e Senato non abbiano raggiunto il quorum per l’assenza dei parlamentari del governativo Movimento al socialismo (Mas) che controllava i 2/3 delle due Camere. Il presidente dimissionario della Bolivia Evo Morales ha definito la nomina della senatrice Jeanine Anez “una autoproclamazione” che costituisce “il golpe più subdolo e nefasto della storia”.

Maltempo: blackout in AustriaFino a un metro di neve caduta nelle scorse ore

BOLZANO13 novembre 201911:42

– Il caos neve ha colpito anche la zona meridionale dell’Austria. Si registrano 60 cm di neve, a Heiligenblut addirittura quasi un metro. Sono migliaia le case senza corrente elettrica nel Tirolo orientale, in Carinzia e in Stiria. A Heiligenblut, come negli altri comuni della Mölltal, sono chiuse le scuole e gli asili. Gli scuolabus non riescono a circolare sulle strade innevate. Si registrano frane e smottamenti. Sull’autostrada dei Tauri problemi a causa di auto e tir senza attrezzatura invernale.

Francia: 4 anni fa la strage al BataclanMattinata di commemorazioni. Macron, ‘Restiamo uniti’

PARIGI13 novembre 201911:47

– Il presidente francese, Emmanuel Macron, invita i connazionali a “restare uniti per non lasciare mai vincere” il terrorismo, a quattro anni dagli attentati jihadisti del 13 novembre 2015 che causarono 130 morti e 350 feriti tra lo Stade de France, il Bataclan e i locali del centro di Parigi. “Ricordiamoci della promessa che ci eravamo fatti: retare uniti per non lasciare mai vincere coloro che avevano perpetrato tutto ciò. Ricordiamoci del 13 novembre e delle sue vittime”, ha scritto il presidente in un tweet, mentre sono cominciate le commemorazioni nei luoghi della strage, in presenza, tra l’altro, del ministro dell’Interno, Christophe Castaner, della collega responsabile per la Giustizia, Nicole Belloubet e della sindaca di Parigi Anne Hidalgo. Cerimonie che si concluderanno a fine mattinata, con l’intervento delle associazioni vicine alle vittime, dopo un ultimo omaggio, con minuto di silenzio e corone di fiori dinanzi al Bataclan.

Incendi in Australia, ‘è catastrofe’Oltre un milione di ettari in fiamme in South Wales e Queensland

SYDNEY13 novembre 201911:50

– Un fronte di incendi senza precedenti nella storia d’Australia ha bruciato finora un milione di ettari di terreno negli stati orientali del New South Wales e del Queensland, raggiungendo i margini dei sobborghi di Sydney e di altre città maggiori, mentre le autorità avvertono che la lotta contro il fuoco potrà continuare per mesi. Ieri in New South Wales le condizioni del fuoco avevano raggiunto il livello “catastrofico”, con alte temperature, zero umidità e venti con forti raffiche. Migliaia di vigili del fuoco, accorsi anche da altri stati e dalla Nuova Zelanda, supportati da 150 aerei cisterna e da unità militari con elicotteri, hanno combattuto circa 130 incendi, che ancora minacciano decine di centri popolati nei due stati.
Le condizioni di forte vento e alte temperature hanno portato alla dichiarazione di stato di emergenza in New South Wales, dove ieri sono rimaste chiuse quasi 600 scuole.

Netanhyahu, Jihad sta capendo messaggioIntanto dall’ Iran, ‘attacchi terroristici da Israele’

13 novembre 201912:07

– TEL AVIV

– “Sarebbe meglio per la Jihad capire ora, credo che il messaggio stia cominciando a passare.
Devono comprendere che noi continueremo a colpire senza pietà.
Siamo determinati a combattere e a proteggere noi stessi”. Lo ha detto il premier Benyamin Netanyahu all’inizio di una riunione straordinaria del governo. Dopo aver ribadito che Israele non è interessato ad una escalation, Netanyahu ha aggiunto: se la Jihad “pensa che le salve di razzi o i colpi ci indeboliscano, sbaglia”. Intanto, dall’Iran giunge una “forte condanna” degli “attacchi terroristici del regime sionista sulla Striscia di Gaza” e per “l’assassino del comandante del Jihad islamico Baha Abu al-Ata”. Il portavoce del ministero degli Esteri di Teheran Abbas Mousavi, accusa Israele di crimini di guerra per cui dovrebbe essere processato da un tribunale internazionale.

Brasile riconosce Anez in BoliviaGoverno Bolsonaro auspica nuove elezioni nei tempi più brevi

SAN PAOLO13 novembre 201912:10

– Il governo brasiliano di Jair Bolsonaro ha riconosciuto la senatrice Jeanine Anez come presidente ad interim della Bolivia, in sostituzione del dimissionario Evo Morales, e auspica che questo contribuisca a una transizione politica nel paese andino che porti alla convocazione di elezioni nei tempi più brevi.
Lo ha detto il ministro brasiliano degli Esteri, Ernesto Araujo, secondo il quale l’assunzione dei poteri dell’esecutivo da parte di Anez -dopo le dimissioni di Morales, del suo vice Alvaro García Linera e della presidente del Senato, Adriana Salvatierra- rispetta l’ordinamente costituzionale boliviano, malgrado sia avvenuta in assenza di quorum nel Parlamento.
Il capo della diplomazia brasiliana ha sottolineato che è “molto importante” l’impegno preso dalla presidente ad interim di convocare al più presto nuove elezioni in Bolivia.

Gb: Farage aiuta Johnson, Tory a +14%Elezioni, YouGov dà ora partito del premier al 42%, Labour al 28

LONDRA13 novembre 201912:15

– La decisione del Brexit Party di Nigel Farage di non fare concorrenza a destra ai conservatori di Boris Johnson in nessuno dei 317 collegi occupati da deputati uscenti del partito del premier, mostra subito effetti positivi per le speranze di Downing Street in vista delle elezioni britanniche del 12 dicembre. Almeno secondo un nuovo sondaggio dell’istituto YouGov che accredita ora ai Tory un 42% di voti, con 14 punti di margine sul Labour di Jeremy Corbyn (28%).
La rilevazione dà entrambi i maggiori partiti in crescita: ma i conservatori del 3%, i laburisti del 2. Mentre calano le terze forze, a partire dai libdem filo-Ue di Jo Swinson, al 15%. VAI ALLE NOTIZIE IN TEMPO REALE

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Gaza: medici, 22 morti negli attacchi
Ancora razzi nel sud dello stato ebraico attorno Striscia

13 novembre 201912:16

– TEL AVIV

– E’ salito a 22 il bilancio dei palestinesi uccisi a Gaza per gli attacchi di Israele a seguito del lancio di razzi sullo stato ebraico. Lo fa sapere il ministero della sanità della Striscia, riferito da fonti locali, secondo i feriti sono circa 70 Gaza. Intanto continua il lancio di razzi sul sud di Israele nelle comunità attorno alla Striscia, tra queste: Tzohar, Ohad, Sde Nitzan, Mivtahim, Amioz, Yesha, Kissufim e Ein Hashlosha.

Iran, a Fordo possiamo arrivare al 20%Direttore dell’impianto, ‘prosegue cooperazione con la Russia’

TEHERAN13 novembre 201912:12

– La centrale nucleare di Fordo è pronta per un arricchimento dell’uranio al 20%, se verrà ritenuto necessario. Lo ha detto il direttore del sito, spiegando che nuovi macchinari saranno prossimamente operativi a questo scopo nell’impianto vicino alla città santa sciita di Qom, dove l’arricchimento dell’uranio è ripreso nei giorni scorsi come quarto passo della riduzione degli impegni di Teheran rispetto all’accordo sul nucleare del 2015, in risposta al ritiro unilaterale Usa e alle mancate iniziative dei partner europei per compensare le sanzioni americane. “Tutte le attività a Fordo sono condotte da esperti iraniani.
L’unica eccezione è la nostra cooperazione con i russi sugli isotopi stabili”, ha aggiunto il direttore.

Maltempo sferza Europa centro-orientaleEmergenza in Istria e Dalmazia, scuole chiuse in Austria

13 novembre 201912:01

– ZAGABRIA

– Le piogge incessanti e il vento forte di scirocco che imperversano da alcuni giorni hanno creato una situazione di emergenza lungo l’intera costa adriatica della Croazia, dove si registrano inondazioni e interruzioni nella circolazione stradale e nel trasporto marittimo. L’allarme rosso per le condizioni meteo estreme riguarda l’Istria e la Dalmazia, con la situazione particolarmente critica a Split (Spalato), dove – secondo i media locali – il famoso Palazzo di Diocleziano, la principale attrazione turistica della città, è in parte allagato. E’ stata invece la neve a provocare gravi disagi nel sud dell’Austria.
Sono migliaia le case senza corrente elettrica nel Tirolo orientale, in Carinzia e in Stiria. A Heiligenblut, come negli altri comuni della Mölltal, sono chiuse le scuole e gli asili.
Gli scuolabus non riescono a circolare sulle strade innevate. Si registrano frane e smottamenti. Sull’autostrada dei Tauri problemi a causa di auto e tir senza attrezzatura invernale.

Hong Kong: caos trasporti, scuole chiuseCina, ‘ex colonia verso l’abisso del terrorismo’

13 novembre 201911:45

– Le proteste pro-democrazia a Hong Kong hanno oggi semiparalizzato la città creando pesanti problemi ai trasporti. La Mtr, il gestore della metro, ha sospeso le linee East Rail e Kwun Tong lines, e i servizi sono a singhiozzo in altre zone. La polizia è tornata alla Chinese University per evacuare 80 studenti cinesi trovando molte molotov; il parlamento ha sospeso i lavori per la bagarre scoppiata tra i fronti pan-democratico e pro-Pechino. Il Jockey Club, istituzione ippica locale, ha annullato il concorso serale per timori alla sicurezza. Molte scuole sono chiuse e da domani lo saranno tutte “per motivi di sicurezza”, su decisione dell’Ufficio per l’Educazione postata sul sito del governo. Il liaison office, l’Ufficio di collegamento della Cina di base a Hong Kong, ha intanto affermato in una nota che l’ex colonia “sta scivolando verso l’abisso del terrorismo”.

India: peggiora lo smog a New DelhiLa capitale soffoca, tutti cercano cause, ma soluzioni lontane

NEW DELHI13 novembre 201911:44

– Ulteriore aggravamento dello smog oggi a New Delhi, che vede punte di inquinamento considerate “pericolose per la salute”. Secondo le previsioni la sitazione è destinata a peggiorare ancora nei prossimi due giorni, per la presenza di forti venti da nord ovest e le basse temperature. Uno studio del Safar, l’agenzia nazionale delle previsioni metereologiche, reso noto oggi, attribuisce agli incendi delle stoppie negli stati a nord della capitale il 25 per cento dell’inquinamento.
Questa mattina la Corte Suprema è tornata sul tema e, nel tentativo di individuare le cause dell’emergenza, ha ingiunto al governo di Delhi e al Central Pollution Control Board (CPCB), l’Istituto di controllo dell’inquinamento di fornire tutti i dati AQI registrati giorno per giorno dal 1 ottobre a domani, 14 novembre.

Attentati di Parigi, quattro anni dopo. Fiori al BataclanAppello del presidente Macron: “Restiamo uniti”

PARIGI13 novembre 201917:05

Il presidente francese, Emmanuel Macron, invita i connazionali a “restare uniti per non lasciare mai vincere” il terrorismo, a quattro anni dagli attentati jihadisti del 13 novembre 2015 che causarono 130 morti e 350 feriti tra lo Stade de France, il Bataclan e i locali del centro di Parigi.”Ricordiamoci della promessa che ci eravamo fatti: restare uniti per non lasciare mai vincere coloro che avevano perpetrato tutto ciò. Ricordiamoci del 13 novembre e delle sue vittime”, ha scritto il presidente in un tweet.In Francia la minaccia terroristica è ancora “sempre elevata”: lo ha detto il segretario di Stato francese all’Interno, Laurent Nunez. “Bisogna restare sempre vigili”, ha aggiunto ai microfoni di France Inter, evocando, tra l’altro, il “disseminarsi ovunque nel mondo dei jihadisti” che hanno perso i territori in Siria e Iraq.Varie le commemorazioni nei luoghi della strage, in presenza, tra l’altro, del ministro dell’Interno, Christophe Castaner, della collega responsabile per la Giustizia, Nicole Belloubet e della sindaca di Parigi Anne Hidalgo.Il mese scorso, è giunta a compimento la tentacolare inchiesta dei giudici antiterrorismo sui devastanti attacchi rivendicati dall’Isis che sconvolsero Parigi e l’Europa. Sono in totale 14, di cui 11 in detenzione provvisoria, le persone indagate nell’inchiesta, in attesa di giudizio. Tra questi, Salah Abdeslam, l’unico superstite ancora in vita dei tre commando jihadisti, attualmente incarcerato nel penitenziario di Fleury-Merogis. Altri cinque sospetti, di cui alcuni dati per morti in Siria o in Iraq, come i fratelli Clain, sono oggetto di mandato d’arresto. Il processo potrebbe tenersi nel 2021.

Incendi in Australia, ‘è catastrofe’Oltre un milione di ettari in fiamme in South Wales e Queensland

SYDNEY13 novembre 201912:46

Un fronte di incendi senza precedenti nella storia d’Australia ha bruciato finora un milione di ettari di terreno negli stati orientali del New South Wales e del Queensland, raggiungendo i margini dei sobborghi di Sydney e di altre città maggiori, mentre le autorità avvertono che la lotta contro il fuoco potrà continuare per mesi. Ieri in New South Wales le condizioni del fuoco avevano raggiunto il livello “catastrofico”, con alte temperature, zero umidità e venti con forti raffiche. Migliaia di vigili del fuoco, accorsi anche da altri stati e dalla Nuova Zelanda, supportati da 150 aerei cisterna e da unità militari con elicotteri, hanno combattuto circa 130 incendi, che ancora minacciano decine di centri popolati nei due stati.
Le condizioni di forte vento e alte temperature hanno portato alla dichiarazione di stato di emergenza in New South Wales, dove ieri sono rimaste chiuse quasi 600 scuole.

Bolivia, 7 morti in due settimaneDue persone uccise a La Paz, due a Santa Cruz e tre a Cochabamba

13 novembre 201914:10

– La Procura Generale della Bolivia ha riferito che sette persone sono morte nel Paese durante le proteste scoppiate dopo le elezioni del 20 ottobre. In una nota, la procura ha dichiarato che l’Istituto di indagini forensi (Idif) ha registrato due persone uccise a La Paz, due a Santa Cruz e tre a Cochabamba.
“Tutti questi casi saranno indagati fino a quando non verrà stabilita la verità e gli autori saranno puniti a norma di legge. Lanciamo un appello alla popolazione a tornare alla calma e tranquillità. Speriamo che questi eventi, che sono un lutto per la nostra società, non si ripetano più”, ha dichiarato Juan Lanchipa, procuratore generale dello Stato, nella nota.
Secondo quanto riferito dalla procura, la maggior parte di queste vittime sono decedute a causa dell’impatto dei proiettili di armi da fuoco e di colpi con oggetti contundenti.

Usa: :parte lo show per l’impeachment, Usa incollati alla tvIl presidente accusato di abuso di potere

WASHINGTON13 novembre 201919:36

America incollata allo schermo per il calcio di inizio in Congresso della fase pubblica dell’indagine che potrebbe portare all’impeachment di Donald Trump.Il presidente è accusato di abuso di potere per aver fatto pressioni sull’Ucraina affinchè indagasse sui suoi rivali politici.I primi due testimoni ad essere ascoltati in diretta tv alla Camera, davanti a una vera e propria giungla di telecamere, sono William Taylor, ambasciatore Usa a Kiev, e George Kent, sottosegretario al dipartimento di stato con delega all’Europa. Entrambi a porte chiuse hanno raccontato come Trump cerco’ di condizionare gli aiuti militari a Kiev e la visita del neo presidente Voldymyr Zelensky alla Casa Bianca all’avvio da parte della autorita’ ucraine di indagini contro i Biden e i democratici.

Di Maio, fedeli ai legami euroatlanticiMa non rinunciamo ai rapporti con Cina e Russia

13 novembre 201916:18

– “Sin dal mio insediamento c’è stato l’impegno per riportare l’Italia al centro della formazione delle decisioni europee”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Di Maio in audizione alle Commissioni di Camera e Senato sulle linee programmatiche della Farnesina. L’Italia “riafferma la sua scelta europeista, transatlantica, con un’economia aperta ai mercati esteri”, ha aggiunto. C’è la consapevolezza degli “sviluppi preoccupanti nel Mediterraneo allargato”, ma anche delle “opportunità” in altri contesti più lontani, spiega Di Maio.
Non mettiamo in discussione la nostra collocazione euroatlantica ma non vogliamo rinunciare a legami positivi con altri attori, ciò vale per la Russia, attore fondamentale per le crisi globali” e la Cina, “il motore economico dell’Asia, nostro partner chiave in materia economica, nel rispetto dei principi di trasparenza, inclusività e sostenibilità”, ha aggiunto.

Regeni: Di Maio, procure si incontrino’Egitto ha ruolo chiave ma vogliamo avere giustizia per Giulio’

13 novembre 201916:20

– “Riconosciamo che l’Egitto ha un ruolo chiave nella regione ma non intendiamo deflettere dalla ferma richiesta di giustizia per Regeni. Abbiamo preso atto della lettera della procura del Cairo, non possiamo accettare che non ci sia la massima collaborazione. Auspichiamo un incontro al più presto tra le due procure che non si vedono da un anno”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Luigi Di Maio alle Commissioni riunite di Camera e Senato delineando le linee guida del suo dicastero.

Corte Conti Ue preme sui ricollocamentiAlleviata solo in parte pressione su Italia e Grecia,fare di più

BRUXELLES13 novembre 201916:24

– “I programmi di ricollocamento” dei migranti “non hanno raggiunto i target e solo in parte l’obiettivo principale di alleviare la pressione su Grecia e Italia”. Così la Corte dei Conti europea in un rapporto in cui evidenzia: “Nonostante le maggiori capacità di trattamento dell’asilo in Italia e Grecia, persistono lunghi tempi di gestione e strozzature, e i rimpatri sono bassi e problematici in tutta l’Ue”. Per questo si invita l’Unione a intensificare le azioni in materia di asilo, ricollocamenti e rimpatri.

Gaza: un bambino di 7 anni tra vittime’Uccisi anche due minori di 16 e 17 anni’

13 novembre 201916:33

– TEL AVIV

– Tra i 23 palestinesi uccisi negli attacchi israeliani, seguiti al lancio dei razzi da Gaza verso lo Stato ebraico, ci sono anche un ragazzino di 7 anni e due minori di 16 e 17 anni. Lo ha fatto sapere il ministero della Sanità di Gaza, secondo quanto riferiscono fonti locali.
Intanto l’inviato dell’Onu in Medio Oriente Nickolay Mladenov ha condannato il lancio indiscriminato di razzi e mortai contro i centri abitati. “Non c’è giustificazione per qualsiasi attacco contro civili”, ha detto l’inviato secondo il quale le Nazioni Unite stanno lavorando “per de-scalare urgentemente la situazione”. “Sono molto preoccupato sulla attuale e seria escalation tra Jihad e Israele, seguita all’uccisione mirata di uno dei leader del gruppo a Gaza”, ha aggiunto.

Venezia sott’acqua nei media stranieriOvunque allarme per il destino della città e suoi tesori d’arte

13 novembre 201917:35

– La notizia dell’acqua alta da record a Venezia è rimbalzata in fretta sui media di tutto il mondo.
“Inondazioni a Venezia, il cambiamento climatico dietro alla marea più alta degli ultimi 50 anni” titola in apertura il sito della Bbc, citando le parole del sindaco Luigi Brugnaro che parla di un evento destinato a lasciare “segni indelebili” sulla città. Anche la Cnn dà risalto alla “peggiore acqua alta degli ultimi 50 anni”, registrando le vittime e la richiesta dello stato di emergenza per la città, mentre un gran numero di media internazionali esprime preoccupazione per il destino dell’immenso patrimonio storico e artistico che la città custodisce. “Venezia colpita da una storica acqua alta, preoccupazione per mosaici e opere d’arte”, scrive Fox news.
L’inglese Sun, parla di situazione “apocalittica”, e si chiede se Venezia non stia progressivamente affondando.
Moltissime le foto e i video che documentano queste ore sui mezzi di comunicazione di tutto il mondo, e i commenti sui social.

Clima:Greta in barca da Usa verso SpagnaPer il summit di dicembre. Viaggia con coppia australiana

NEW YORK13 novembre 201917:44

– Greta Thunberg lascia gli Usa e salpa verso l’Europa, dove spera di arrivare in tempo per partecipare al summit sul clima in programma a dicembre a Madrid.
La 16enne attivista svedese e’ ripartita oggi da Salt Ponds a Hampton, in Virginia. Ad annunciarlo e’ stata lei stessa su Twitter. “Sono molto felice di dire che spero di farcela ad essere al Cop25 di Madrid”, ha scritto Greta, spiegando che le e’ stato offerto un passaggio dalla coppia australiana di YouTuber Riley Whitelum e Alayna Carausu a bordo di un catamarano di 48 piedi, chiamato Le Vagabonde, una imbarcazione a emissioni zero.
Greta ha postato una foto della barca nell’Oceano Atlantico affermando “navighiamo verso casa”. La 16enne, che rifiuta di viaggiare in aereo a causa delle emissioni di gas serra dei velivoli, secondo il New York Times dovrebbe impiegare circa tre settimane per raggiungere la Spagna.

Gatto oversize in aereo con stratagemmaL’Aeroflot cancella a truffatore le miglia accumulate in 14 anni

MOSCA13 novembre 201917:51

– Il giovane Mikhail Galin ha beffato i controlli dell’Aeroflot con grande furbizia. Si è presentato al check-in con un gatto non suo, più piccolo, poi lo ha restituito ai legittimi proprietari ed è volato da Mosca a Vladivostok con il suo micio Viktor: troppo pesante per viaggiare in cabina e quindi destinato alla stiva dalle regole della compagnia di bandiera russa. Una mossa vincente, che lo stesso Mikhail ha raccontato sui social in un post diventato subito virale.
L’Aeroflot però non l’ha presa bene, e dopo aver accertato quel che era successo, ha tolto al 34enne tutte le miglia accumulate in 14 anni di viaggi.

Arrestato fondatore Cirque du Soleil’Coltivava marijuana nella Polinesia francese’. Lui nega spaccio

13 novembre 201918:44

– Il co-fondatore della compagnia di spettacoli circensi Cirque du Soleil, Guy Laliberte, è stato arrestato nella Polinesia francese con l’accusa di coltivare marijuana. Lo riferisce Bbc. Il miliardario canadese, in una nota, ha precisato che le piante coltivate sulla sua isola privata di Nukutepipi erano solo a scopo “medico e strettamente personale”, e non a fini di spaccio.
Secondo le tv locali, l’arresto è scattato dopo il fermo – alcune settimane fa – di un associato di Laliberte sul cui cellulare sono state trovate diverse foto della piantagione.

Trump riceve Erdogan alla Casa Bianca’Un buon amico. Discuterò con lui un accordo commerciale’

WASHINGTON 13 NOV13 novembre 201918:45

– Donald Trump riceve alla casa Bianca il presidente turco Recep Tayyipp Erdogan e lo definisce “un buon amico”. “Discuterò con lui – ha detto – un accordo commerciale che amplierà significativamente gli scambi tra i due Paesi”.

MONDO TUTTE LE NOTIZIE

Ue: modificato nome dossier SchinasDopo polemiche diventa ‘promuovendo nostro modo di vita europeo’

BRUXELLES13 novembre 201913:21

– La presidente eletta Ursula von der Leyen “ha concordato” di cambiare il nome del dossier destinato al commissario designato Maragaritis Schinas, già al centro di forti polemiche nelle passate settimane. Lo ha annunciato il portavoce dell’Esecutivo entrante.
Secondo un comunicato fatto circolare dal gruppo dei Socialisti e democratici (S&D) al Parlamento europeo, il portafogli di Schinas sarà modificato “come proposto” dalla leader del gruppo Iraxte Garcia, diventando così: “Promuovendo il nostro modo di vita europeo”. Quella sul dossier Schinas era stata la prima vera polemica ad investire la futura commissione a guida von der Leyen, nel settembre scorso.
Domani all’Eurocamera sono previste le audizioni dei tre commissari designati ancora mancanti nell’esecutivo von der Leyen, il francese Thierry Breton, la romena Adina Valean e l’ungherese Oliver Varhelyi.

Germania-Olanda riprenderanno jihadistiMinistro turco, ‘rimpatrieremo anche i loro familiari’

ISTANBUL13 novembre 201912:02

– Germania e Olanda hanno promesso di riprendersi i terroristi dell’Isis e le loro famiglie attualmente detenuti in Turchia. Lo ha detto il ministro dell’Interno di Ankara, Suleyman Soylu. Due giorni fa, il governo di Recep Tayyip Erdogan ha avviato le nuove espulsioni dei foreign fighter, che riguarderanno in questa prima fase almeno una ventina di miliziani tra francesi e tedeschi. Nelle sue carceri ci sono 1.201 jihadisti del Califfato, ha precisato Erdogan, oltre a 287 – in gran parte stranieri – catturati durante l’offensiva lanciata il mese scorso contro le milizie curde in Siria.

Tesla: Musk, Gigafactory a Berlino operativa dal 2021Il primo modello prodotto sarà il SUV compatto Y

BERLINO13 novembre 201911:53

– Il patron di Tesla, Elon Musk, sceglie a sorpresa Berlino per la sua nuova “Gigafactory” che potrebbe entrare in funzione già dal 2021: lo ha annunciato lo stesso Musk ieri ricevendo il premio “Volante d’oro 2019” a Berlino conferito da Bild am Sonntag e Auto Bild, come scrive oggi il tabloid. Il nuovo sito, che produrrà auto e batterie per auto elettriche, potrebbe essere costruito nei dintorni del nuovo aeroporto cittadino BER, non ancora inaugurato. La fabbrica costruirà inizialmente il futuro SUV compatto modello Y. Ma non è ancora chiaro quando inizieranno i lavori di costruzione dell’impianto. Musk ha detto di aver scelto la Germania perché “in Germania si costruiscono auto fantastiche”.
Molti Land della Repubblica federale avevano avanzato la loro disponibilità ad ospitare Tesla, tra cui il Saarland e la Bassa Sassonia. La decisione di Berlino è stata accolta con sorpresa anche in Germania.

Razzi e raid a Gaza, da ieri 18 mortiSirene di allarme risuonano in tutto il sud di Israele

GAZA13 novembre 201912:24

– Da ieri gli attacchi israeliani a Gaza hanno provocato la morte di 18 palestinesi ed il ferimento di oltre 50, mentre non si arresta il lancio di razzi dalla Striscia. Lo riferisce il ministero della sanità locale. Fra gli uccisi Baha Abu al-Ata, un comandante militare della Jihad islamica, e la moglie Asma. Secondo fonti di stampa le vittime sono in buona parte miliziani della Jihad islamica. Tre erano invece miliziani di al-Fatah. Fra le vittime figurano poi anche alcuni civili, secondo queste fonti. Le sirene di allarme anti missili stanno risuonando in tutto il sud di Israele nelle zone attorno a Gaza, soprattutto ad Ashkelon lungo la costa e a Sderot. Nel secondo giorno di aperto confronto fra la Jihad islamica ed Israele, le strade di Gaza appaiono deserte. Le scuole restano chiuse e così pure gran parte dei negozi, fatta eccezione per fornai, farmacie e pochi empori.

Di Maio accoglie nostri soldati da IraqCon il ministro della Difesa Guerini a Ciampino

13 novembre 201918:48

– Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, insieme con il collega della Difesa Lorenzo Guerini, oggi ha accolto all’aeroporto di Ciampino i militari italiani rimasti feriti nell’attentato in Iraq.
“Ci stringiamo a loro e alle loro famiglie, felici di poterli riabbracciare. Siamo orgogliosi del lavoro che le nostre donne e i nostri uomini in uniforme svolgono con grande professionalità e coraggio ogni giorno nel mondo. Il loro impegno nelle aree di crisi rappresenta un contributo essenziale per difendere quei diritti, libertà e valori che stanno alla base della nostra costituzione e del diritto internazionale”, ha scritto Di Maio sulla pagina Facebook della Farnesina.

Gb: niente sciopero delle poste a NataleAccolto ricorso Royal Mail su consultazione sindacale ‘viziata’

LONDRA13 novembre 201918:51

– Niente sciopero di Natale per i lavoratori della Royal Mail, le poste britanniche. Lo ha deciso l’Alta Corte di Londra, accogliendo il ricorso presentato dall’azienda contro lo modalità di un’astensione dal lavoro annunciata dai sindacati di categoria per fine dicembre.
Il mese scorso oltre 100.000 dipendenti postali avevano votato a favore della protesta, proclamata a causa di una vertenza irrisolta. Ma il vertice di Royal Mail aveva denunciato la consultazione come “potenzialmente irregolare” e quindi nulla: sospetto di cui la corte ha oggi accolto la fondatezza.
La Communications Workers Union (CWU), un sindacato di settore, ha risposto a stretto giro preannunciando appello e bollando il verdetto odierno come “un assoluto oltraggio” e una sfida “dell’establishment contro 110.000 lavoratori”.Storica istituzione pubblica del Regno, la Royal Mail fu a suo tempo privatizzata ed è stata al centro di ripetuti conflitti sindacali negli ultimi anni, fra tagli e radicali progetti di ristrutturazione.